LA PASSIONE nella tradizione culturale di Grottaglie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PASSIONE nella tradizione culturale di Grottaglie"

Transcript

1 Comune di Grottaglie CITTA D ARTE Assessorati cultura turismo e musei Associazione culturale Piccolo Teatro di Grottaglie PRESENTANO LA PASSIONE nella tradizione culturale di Grottaglie Grottaglie

2 De Giorgio Domenico, La Passione, Atto I: Pria che il sol sorga all occaso ; Pria che il sol sorga all occaso scorra il rio per la sorgente, fian in pria le stelle spente e poi Pier si cangerà, si cangerà! Son con Te ovunque vada, ai trionfi nella morte, stretto sono alla tua sorte come Pier, ti negherà? Non negherà! Non negherà! Non negherà! No, no, no, no, no. Pria che il sol volga all occaso scorra il rio per la sorgente, fian in pria le stelle spente e poi Pier si cangerà, Si cangerà! No, Pier non cangerà No, Pier non cangerà Pier non cangerà, Pier non negherà. 2

3 Dal Funerale di Cristo di Padre Serafino delle Grottaglie, Atto I, Scena V: Il tormento di Pietro. Travagliosi pensieri, Importune fantasme, infausti sogni Partitevi da me; sparite omai, Non più mi tormentate, Lasciatemi posar in mezzo al pianto, E voi meste pupille Mai aperte, al lacrimar mai stanche. In breve, e languidissima quiete Chiudetevi, chiudete. già s appanano gli occhi, e viene il sonno. si sogna Pietro, Pietro infelice, Per timor d una Fante, D una Turba mal nata, e d un vil servo Negasti; ahi troppo audace, il tuo Maestro; Sì, sì negasti infido, Non una, ma trè volte, chi confessar dovevi a petto ignudo Tra lancie, e spade infrà perigli, e morti; E per colpa maggior, per più tormento, Vi s aggiunse al negar il giuramento: Si sveglia Lingua infame e spergiura, Queste eran le maniere Di render lodi, e gratie al tuo Fattore; Per quanto la sua mano a tè concesse? Ti formò, ti creò, trasse dal nulla, Ti mantien, ti conserva, T hà redento col sangue a un tronco affisso. Apostolo t elesse, Anzi padre, e pastor, capo de gli altri, 3

4 Acciò da gesti tuoi, da tue parole Norma, regola, esempio apprenda il Mondo; Et ora il Mondo istesso Scandalizzato al tuo misfatto iniquo, che dirà? Che dirà? Lasso, che speri? Pietà, forse perdono al tuo delitto? Ah che peccato enorme Merta per ogni via pena conforme, Sconoscesti il tuo Dio, l havrai per sempre Giudice rigoroso, empio nemico; Ahimè mi son svegliato, torbide fantasie, cure malvagie, Che volete da mè? Datemi tregua, Datemi posa, se non pace, alquanto Lumi posate un poco in mezzo al pianto. In breve, e languidissima quiete, Chiudetevi, chiudete. E grave l error tuo, Pietro dolente, Se d ogni parte il miri, Te ne diede l aviso il buon Maestro, gonfio d aura superba Ti vantasti incontrar seco la morte, Sparger la vita e l sangue Per lui, che sangue, e vita à tè pur diede, Ahi dove, dove andaro i tuoi gran vanti? Veramente villano, che parola non hai stabile, e ferma, Guerrier senza coraggio, Se su l principio al tuo pugnar cadesti, Fatto di serva vil favola, e gioco Con agghiacciar di fede innanzi al foco. E pur mi travagliate 4

5 (Si sveglia )Disperati pensieri? Ed è pur vero, che dopo rea tempesta Sbassa le vele, e fa posar i remi Nocchier vegliante, accorto, e per sedato mar ricovra in porto; e voi lumi piange. Pace alcuna ottener già non potete, Per breve, e languidissima quiete. De Giorgio Domenico, La Passione, Atto II: Direm che il popol muove. Direm che il popol muove con l arte e con l intrigo. Gli apporterem le prove che a Cesare è nemico. Direm che è un sedizioso, Direm che è un sedizioso, direm che è un infedel (bis) che è un infedel (quater) Direm che il popol muove con l arte e con l intrigo. Gli apporterem le prove che a Cesare è nemico. Direm che è un sedizioso, (bis) direm che è un infedel (bis) Direm, direm, direm che è un infedel 5

6 De Giorgio Domenico, La Passione, Atto II: Romanza d Arimatea Se presso un popolo Spenta è giustizia Ei crede lecita Ogni nequizia. Se presso un popolo Spenta è giustizia Ei crede lecita Ogni nequizia Le leggi e l ordine, (ter) sono e non son. (ter) Ma invan non turbasi L ordin morale; pena infallibile vien dietro al male; Ma invan non turbasi L ordin morale; pena infallibile vien dietro al male; e allor dei gemiti, (ter) chi ascolta il suon? (ter) 6

7 De Giorgio Domenico, La Passione, Atto III: Padre dal ciel Gesù: Angelo: Gesù: Padre dal ciel, Tu, il figlio dall alto soglio mira: sul capo mio il turbine già furioso spira; dell uom le colpe in numeri a sostener non regge. Padre son io che chiedo che abbi di me pietà. Signor mio, deh! ti conforta! E volere dell eterno che l uomo salvi dall inferno tra i cui lacci nasce e muor. Padre eterno! Al tuo volere Pronto ogn or mi sottometto; al Calvario. Or io mi affretto, vieni, o Croce, al tuo Signor. 7

8 Dal Funerale di Cristo di Padre Serafino delle Grottaglie, Atto I, Scena III: Soliloquio dell anima di Giuda E Pur m astringe il fato, Per mio dispetto, veder le stelle? Senza l Inferno no, che in ogni loco Porto meco le Furie, hò in seno il foco; Ma forse non è questa L empia Gerusalemme, ampio teatro Del mio grave delitto? Ah la conosco A i superbi edifici, a i tetti alteri, Ma la ravviso più, ch è loco infame, Ove sopra una forca, in una Croce È morto un traditore, è morto un Redentore, L un di morir, l altro di vita indegno, L un colmo di pietà, l altro di sdegno; Né per altra cagion forse mi spinge Il rio destin a riguardar il Sole, che per mirar que lochi, che rinfacciano a me quel gran misfatto, che non hebbe maggior, né pari al mondo. Ahi folle, ahi cieco, ahi temerario Giuda; Tanto tu dunque osasti, Tradir, chi? Forse un huomo? Un huomo iniquo? Ah no, puro, innocente, e senza fallo. Morto per colpa tua tra ladri in Croce; Un huomo? Ah no, sotto mortal sembiante Un Nume, un dio possente, ch apostolo t elesse, e suo seguace, Fido compagno, e confidente amico, che nell ul(t)ima Cena 8

9 La sua carne ti diede, il proprio sangue, è prezzo al tradimento Non fu ricco tesor, ma vile argento; Ma quel, che rese il mio fallir più atroce Fu quel bacio crudele, Con che m infinsi amico, E vomitai con empie labra il fiele; Non al baciar colombo, Ma corvo disperato, Aspe fallace, ch apprestai guerra in un segnal di pace; Tanto operasti iniquo, e pur ti lagni? E la mano divina, che fulmina vendette, ognor non piove Novi flagelli à castigar tuo fallo? Non crea novelli Abissi, Già che l uno non basta, Per giunger sempre pene alle tue pene? Ma dove sei? Che parli anima insana? Mostri tù pentimento D haver tradito un Dio, tradito un Cristo? Che m hà dannato à sempiterno duolo. Sì; l hò fatto, lo fei, E se fatto non fusse, io lo farei; Lo tradii con la bocca, Lo piagai con un bacio, e ben dovea Trargli con fiera man dal petto il cuore, Il sangue dalle vene, questo allor non fei, E se farlo potesse, or lo farei; con dispettosa lingua Ognor lo maledico, e l odio intenso Quanto si sfoga più, tanto più cresce; 9

10 Annientarlo vorrei, e se possibil fusse, anco il farei. De Giorgio Domenico, La Passione, Atto III, Legate ben forte Legate ben forte Stringete, stringete Il collo e le mani A doppio avvincete. Legate ben forte Stringete, stringete Che il demone suo Nol faccia fuggir (ter) Vedremo se l arti O il regio desiro Verran tra i tormenti Del crudo martiro Legate ben forte Stringete, stringete la nostra vendetta l ugual non avrà ( bis) L ugual non avrà (bis) No, no, no, non, no, no N avrà. 10

11 De Giorgio Domenico, La Passione, Atto IV : No roman non difender quel Tristo No, roman, non difender quel tristo, se di Cesare l ira tu temi, No, roman, non difender quel tristo, se di Cesare l ira tu temi, se la colpa in quel reo tu scemi, ti farem da quel seggio balzar. No, roman, non difender quel tristo, se di Cesare l ira tu temi, No, roman, non difender quel tristo, se di Cesare l ira tu temi, se la colpa in quel reo tu scemi, ti farem da quel seggio balzar. Sì, sì, sì, ti farem da quel seggio balzar. Sì, sì, sì, ti farem balzar. Sì, sì, sì, ti farem da quel seggio balzar. Sì, sì, sì, ti farem balzar. 11

12 AGUNIA 1 Štraziatu sobbra maru legnu culli chjuevi mpriessu iu ti vecu, omu ndegnu, o Gesù, in agunia. L'anima mea ti piccatori, pi me tu sueffri l'angoscia ria, ti lu cielu lu Signori mori pi li piccati mia. Comu notti si štenni nu velu pi la virgogna si copri lu soli, spira lu giuštu, lu Diu tlu cielu, e di la terra lu criatori, e alli sua pieti si senti la sua matri tulenti. Qua sacrificiu pi me piccatori, pi me facišti lu signuria, sobb'alla croci, o amatu Signori, tu li spiašti li rei mia e ti li tua piachi, li tua tilori cunsulazioni pi me saria. O omu, ca passi tra feri e cantini, ti gioia furaci lu munnu è pasciutu. Mira e trimienti, tu, Gesù mia, ca sobb'alla croci pi te šte ppinnutu. Nè t'oru o t'argientu t'è štatu ccattatu lu paratisu, o omu ntricusu, ma cullu sangu t'agnellu sacratu ca sobb'alla croci pi te l'ha virsatu. 1 Poesia della tradizione popolare grottagliese. 12

13 De Giorgio Domenico, La Passione, Atto IV: Sotto i colpi dei duri flagelli Sotto i colpi dei duri flagelli scricchian le ossa, si squarcian le vene; sangue già stillano i rossi capelli sulle braccia, le mani, ed i pie. Ei vergogna, rossor non ebbe proclamarsi figliolo di Dio; ei cercava sedurre la plebe. Sia la morte sua degna mercé. Sia la morte sua degna mercé. Sia la morte sua degna mercé. 13

14 L'INCONTRU CU MARIA 2 Nfacciati Maria cu lu tua figghju passa strascinatu ta genti storta, ti croci caricatu nterra ncatatascia comu nu lazzaroni mannatu a morti. Ca ti la porta si nfacciò Maria vitennu lu sua figghju allu passai, l'uecchj mpitriti pi lu tilori avia lu peti no tinia allu caminai. Comu na spata ti fuecu ardenti li trapassò lu cori sua tulenti. La santa Monica n'era cummari e cu nu spraniu ti ncufanatu ardoru a quera facci ca tanta lu munnu ama li sci ssucò lu sangu e sutori: e qua miraclu cu no sapia la facci santa mpressa rimaniu. Sobb'a monti Carvariu sona la tromma, lu chjantu ca si faci la Matonna! Ca lu Giuanni cunsulari no putia lu straziu ca si faci quera tia. A ogni corpu ca batti lu martieddu na spata si rificca int'allu cori, štinnutu sobb'alla croci com'a nn'agnellu trafittu mani e pieti lu mia Signori. L'uecchj allu Patri ha lliatu e tuttu lu munnu ha pirdutu. 2 Poesia tramandata oralmente da Vincenzo Chiloiro, soprannominato "lu Uardiu" 14

15 De Giorgio Domenico, La Passione, Atto IV: Madre, madre infelice Madre, Madre infelice! In sì crudel dolore Ahi! Mi si spezza il core! Popol che avesti un giorno fama d ospitaliero mostrati ch è veritiero. E un nome tal per te. Passi la madre e parli insieme col caro figlio. Popolo il mio consiglio segui e n avrai mercé. 15

16 De Giorgio Domenico, La Passione, Atto IV: Ahi figlio, alfin m è dato. Maria: Gesù: Maria: Ahi figlio alfin m è dato di rivederti ancora. Oh! Come t han conciato la barbara tribù! In questo breve, breve istante; quanto vorrei più dirti. Baciarti quel sembiante, tenerti stretto al sen! Così tenerti stretto stretto al sen! Ah Madre! Sai ch è scritto che tu riveda esangue? Su duro legno inflitto il caro tuo Gesù. Il duol le ambascia ambasce i pianti retaggio son io o Madre tu non avrai più innanzi il bacio del tuo ben. Tu non avrai il bacio del tuo ben. Tu non avrai il bacio del tuo ben. Ahi figlio, ti stacchi Ma il duol che io sento È tale un tormento Che par non n ha. 16

17 A CRISTU CRUCIFISSU 3 Crucifissu, o Gesù mia, sobb'alla croci, marvaggia cosa, la genti riti pi buffaria, alla tua matri l'uecchj tua posa, Edda šte chjanci, tu la te' ffita' a lu Giuanni e lu tua pinsari alli peni amari lu tua cori comu lu mari. Siertu ti spini, ciritatu, capu e capiddi, cràgnuli e sangu, la lancia lu cori ti sfacedda, la mamma toa tremla e chjanci, e lu tua mantu, culori ti gigliu, la virminosa genti si l'ha sciucatu. Ti li tua piachi, o Gesù mia, ti n'essi sangu pi li piccati mia. Lu tua patiri ni scura lu cielu, chjanci la terra pi lu tilori, tinanzi allu Santu si štrazza lu velu, pi quera tia no essi lu soli. Trema la terra, o sgumientu sinceru, ti l'universu è muertu lu signori. Tì, lu sua patri qua štraziu ha pajatu pi li tua piccati, o cori mia ngratu. 3 Poesia della tradizione popolare grottagliese, tramandata da Pasqua Fedele, detta di Pensieri. 17

18 Piccè no chjanci, o cori mia? Pi la tua fullia Crištu patiu, iddu curpanza cetu no avia; nt'alli sua piachi li tua piachi et ogni pisu ca tuccava a tia iddu pi te l'ha purtatu. E comu pecra allu circinaturu, e comu piecuru allu scannaturu ti la sua vocca no assiu voci ma sulu pirdonu pi l'omu riu. Piccè no chjanci, mo', cori mia? Sobbra ti tutti iddu era Diu ma si liò ogni vitura ti 'manu servu si vištiu e d'umirtati la sua timura, e at ogni omu ti cori riviellu tissi ca era nostru fratellu. Diu t'amori, piecuru nucenti, pi me è patutu sulu tia. Culla tua morti tu è cancillatu a tuttu lu munnu li piccati. 18

19 LAMIENTU T'LA DDULIRATA Stava la mamma soa sott'alla croce, e Gesù trimintèa fìssu fìssu; cchjù llàcrime no avèa, no avèa cchjù voce, pi cchjànciri lu fìgghju crucifìssu. Quanna pò ti lu legnu fóe calatu, scinnèa la sera. Ccé pietate! 'N pìéttu, comu fosse piccinnu, l'ha ppuggiàtu la mamma sòa lu fìgghju sua dìlettu. Sintiti, gente, amaru comu spata, lu lamiéntu t'la matre ddulirata; lu lamiéntu t'la Vergine ferita, ca strènce mòrta marammè! la Vita. Ièni, piccinnu mia, e dduérmi, core mia, 'n bràzzu alla mamma tòa. Ccé ffìgghiu ca tinea! Ci lu vitea ticea: «Jàta alla mamma soa!» Bbéddu ièri, ièri gintile: t'li fìuri ti l'abbrile tu ièri asse cchjù bbéddu. Tu ièri sole e lluce ca fìuri e priésciu nnuce, ddònca la rascia ppoggia. 19

20 E mmó mi l'ònu misu 'n croce! mi l'onu ccisu, lu fiore e bbéne mia. C'hé fattu, fìgghju bbéddu, ca t'ònu misu 'n cuéddu legnu ccussì pisante? C'hé fattu, fìgghju tòce, ca t' ònu ppisu 'n croce cu ghjuevi ntussicati? C'hé fattu, fìgghju caru, e' acitu e fféle amaru la vócca t'ònu ašcuatu? F'igghju, còri ti mamma, quann' hè tittu: «Eli, lamma, lamma sabactanì?», lu sangu m'è ghjazzatu, ca nò tt'è mai scappatu nnu lùcculu ccussì Hè priticatu amore: pi cquistu t' lu tilòre sé ll' ómu, marammèi? Cce nò hè tatu alla gente, o fìgghju mia nnucénte? Pi cquistu t'ònu ccisu? Quanta passi ònu tatu 20

21 sti piéti! e l'hè sciù cchjatu la pec'ra ch'era persa. sti tienniri manodde onu saziatu fódde, migghiàri ti ffamati; surdi, zzuéppi, malati; muérti risuscitati: a ttutti he fattu bbéne: e, pròpria pi llu bbéne ch' hè fattu, tanta pene he vutu, fìgghju bbuénu? E mmó ccé straziu sentu! ca sbantu, ci triméntu stu piettu trapassatu; sti mani ccussì ffriddi e st'oro ti capiddi strazzati ti li spini; e cquesta fronte chjara ca ti nna c'rona amara porta li puncitòre: tuttu stu cuérpu santu ca chjance ancora chjantu ti sangu, sangu mia! Li piàche tua so' spate, fìgghju, ca so' cchjantate 21

22 'n piettu alla mamma tòa. O vui ca pi lla via passate, com' lu mia nei ste nn'otru tilòre? No! Granne abburisinnu, o Matre santa, éte la pena tòa comu lu mare. Ci la pò cunfurtà? Ognunu sbanta a vvitè quiri sette spate amare. Maria, pi cquiru còre nsangunatu, pi lli piàche ti Cristu vive e vvere àgghj pietate ti stu munnu ngratu! O Matre ddulirata, miserere! 22

23 STAVA MARIA DOLENTE Stava Maria Dolente senza respiro e voce mentre pendeva in croce del mondo il Redentor. e nel fatale istante crudo, materno affetto Le lacerava il petto, le trafiggeva il cor. (bis) O dolce madre, o pura, fonte di santo amore, parte del tuo dolore fa che mi scenda in cuor. Fa che ogni ardor profano, sdegnosamente sprezzi, che a sospirar m avvezzi sol di celeste ardor. (bis) Gesú che nulla neghi a chi tua madre implora, del mio morir nell ora non mi negar mercé. E quando fia disciolto dal suo corporeo velo, fa che il mio spirto in cielo voli a regnar con te. (bis) 23

24 Dal Funerale di Cristo. Atto II, Scena VI: Lamento della Maddalena. Lumi, lumi dogliosi, affannate pupille, occhi languenti, se già per consolar la madre afflitta, Con simular assai Temprasti il duolo, e mitigaste il pianto; Or che sete voi soli aprite il varco all ingorgati rivi, E qual rapido fiume, Che prima trattenuto, e poi disciolto, Con impeto maggior sbocca, & inonda, Tal prorompete voi senza ritegno Con acque vehementi, e copiose, E qual stemprato gelo Corra già liquefatto il gran dolore, Perché non scoppi il core, O dell amato, e singolar mio Bene Bellezze isquallidite; ò del mio sole Tramontati splendori; ò del mio petto Venerate dolcezze; ò mio tesoro, E come t hò perduro, e pur non moro? Caro pegno dell alma, Anima mia, Come ti porto al core, e non ti veggio? E dove mai s affisseran quest occhi, S appagarsi non sanno in altro oggetto? Che più sperar al tuo sparir, ò desiar già resta Al misero mio core, essendo morto, Se sparve al tuo sparir ogni conforto? Se partendo da me, da me partita Fè dolce Vita mia, pur la mia vita? 24

25 Sì. Sì morir ti piacque, Mia carissima gioia, E solo per pietà; se già m amasti, Se t amai, Amor mio, Perché morendo tu, non morsi anch io? Bastava Maddalena Tolerar ogni pena, Una croce, tre chiodi, una lanciata Erano troppo poco All ardor mie brame, al mio gran foco, Anima innamorata, Ch abbruggia, e vive in un continuo duolo, Non stima tormenti, non cura martiri, Perché avezza à patir d ogni dolore Soffre più fier, l amore; Ma volesti, ch io viva Non curasti, ch io mora, Acciò penasse sconsolata ognora, O pur moristi solo, che benché, sposa amata Teco unirmi in un letto, ah non fui degna, E sol fusse di tè la gloria, e l vanto, Dalle fauci del tartaro profondo Haver Redento il Mondo. 25

26 Domenico De Giorgio, La Passione, Canto finale del V ed ultimo atto. Maddalena: Coro: Piangi, o madre, il tuo diletto, e non fai che lacrimare, Ah! Che il duolo Che chiude in petto È profondo, profondo come il mare. Ah! Quel duolo che chiude in petto, ah! Quel duolo che chiude in petto. E profondo, come il mare. Non fia mai, che da quest urna i miei passi volga il piè. (ter) 26

27 Le origini del "Piccolo Teatro Di Grottaglie" risalgono alla seconda metà degli anni Sessanta quando, presso la parrocchia della SS. Annunziata di Grottaglie, un gruppo di giovani forma la "Compagnia dei Simpatici". Nel 1972, il gruppo si trasferisce presso il Centro di Lettura della scuola elementare Sant'Elia. Tra le attività del Centro, quella teatrale prende il sopravvento e nasce così il "Piccolo Teatro di Grottaglie"; questo si consolida dandosi un regolamento, i cui punti principali sono l'amore per Grottaglie e per il teatro, la riscoperta delle tradizioni, la storia del proprio paese, ma la finalità più importante del gruppo è l'amicizia e la crescita culturale ed umana dei soci. Fermo restando l'importanza della conoscenza delle proprie origini e conscia che il dialetto è una lingua, ha voluto e vuole allargare i propri orizzonti culturali, aggiungere un tassello di cultura a quella già esistente, per cui ha partorito lavori che hanno qualificato maggiormente il gruppo ed aumentato il bagaglio delle tradizioni culturali del paese. Collabora con altri gruppi presenti sul territorio. L associazione è iscritta alla FITP. L'attività comprende anche spettacoli in beneficenza a favore di Enti regolarmente riconosciuti e di cittadini bisognosi. De Giorgio Domenico è nato a Grottaglie il da Vito Vincenzo e da Maria Farina. Morì a Grottaglie il Fu Sacerdote, musicista, maestro ed anche amministratore, in quanto segretario della prima giunta del sindaco Alfonso Pignatelli. Compose molti canti popolari, ma il suo capolavoro è la Passione e morte di Nostro Signore Gesú Cristo, tragedia lirica in 5 atti. L'opera fu, probabilmente, scritta tra il 1845 ed il 48, dato che l'arciprete Vincenzo Maranò, che scrisse tutto il 27

28 recitativo, morì nel Questa tragedia si divide in cinque atti: Atto I: la Cena. - Atto II: Il Sinedrio. -Atto III: L'Orto. Atto IV: Condanna e viaggio al Calvario. Atto V: La Morte. L opera è stata rappresentata fino agli anni 50 del secolo scorso. D Alessandro Donato Antonio è nato il 17 settembre 1623 da Cataldo e da Isabella Quaranta. Nel 1641 entrò nell'ordine dei frati Minori Osservanti Riformati. Cambiò il nome di battesimo in quello di Serafino, al quale aggiunse, sempre, il paese di provenienza. Fu un dotto lettore di teologia ed valentissimo predicatore. Scrisse molte opere, fra cui Il mondo redento, La piaga del Costato, Il funerale di Cristo. Nella sua opera prevale l aspetto moralistico, per cui la poetica dei temi è esclusivamente religiosa e morale, unita ad un esasperato secentismo, la corrente letteraria del tempo in cui è vissuto. Il suo nome, ancora nel 1800, era noto in Terra d Otranto, per il Funerale di Cristo, che veniva rappresentato nel periodo di Passione e di Quaresima. Muore a Lecce il 28 agosto Padre Michele Ignazio D'Amuri, scrittore e poeta gesuita, nato Grottaglie il 24 luglio L'attività poetica di Michele Ignazio D'Amuri, è caratterizzata dal rimpianto dell'infanzia come età felice, dal legame viscerale con la sfera affettiva: famiglia - casa - paese patria. D'Amuri raggiunge il massimo dei valori poetici, nella poesia dialettale, con tre raccolte Pi strate e tiempi antici (1973), Quanna la sera scenne (1975), Po' la notte è vvinuta. Si spegne il 21 gennaio

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

20c. La Sofonisba di Vittorio Alfieri

20c. La Sofonisba di Vittorio Alfieri 20c. La Sofonisba di Vittorio Alfieri SCENA QUINTA Sofonisba, Massinissa Perfida! ed anco all inumano orgoglio Il tradimento aggiungi? 1 Il tradimento? Il tradimento, sì: mentr io mi appresto A voi salvare,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor!

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor! 1-PADRE, PERDONA Signore, ascolta: Padre, perdona! Fa che vediamo il tuo amore. 1 A te guardiamo, Redentore nostro, da te speriamo gioia di salvezza: fa che troviamo grazia di perdono. 2 Ti confessiamo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

Otello. ossia Il moro di Venezia. Dramma per musica in tre atti. Libretto di Francesco Berio di Salsa. Musica di Gioachino Rossini PERSONAGGI

Otello. ossia Il moro di Venezia. Dramma per musica in tre atti. Libretto di Francesco Berio di Salsa. Musica di Gioachino Rossini PERSONAGGI ossia Il moro di Venezia Dramma per musica in tre atti Libretto di Francesco Berio di Salsa Musica di Gioachino Rossini PERSONAGGI, africano al servizio di Venezia tenore, sposa occulta d soprano Barberigo,

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore I Vangeli non includono la Madonna nel gruppo di donne che la domenica si è recata a lavare il corpo del Signore. La sua assenza apre alla speranza

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CANTI DI INGRESSO. Tu ci hai chiamato qui nella tua casa Signore, per lodare il tuo nome. RIT. 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini

CANTI DI INGRESSO. Tu ci hai chiamato qui nella tua casa Signore, per lodare il tuo nome. RIT. 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini CANTI DI INGRESSO 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini Arriviamo da ogni parte, da ogni angolo della terra, invitati per la festa più bella. Arriviamo da ogni dove, con la gioia dentro al cuore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT Adorazione Eucaristica A Gesù... per Maria Guida: In occasione della Peregrinatio della Statua della Madonna di Lourdes, lasciamoci illuminare

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

E come questo occaso è pien di voli, com'è allegro de' passeri il garrire! A notte canteranno i rusignoli: rimanti, e i rei fantasmi oh non seguire;

E come questo occaso è pien di voli, com'è allegro de' passeri il garrire! A notte canteranno i rusignoli: rimanti, e i rei fantasmi oh non seguire; Davanti a San Guido I cipressi che a Bólgheri alti e schietti van da San Guido in duplice filar, quasi in corsa giganti giovinetti mi balzarono incontro e mi guardar. Mi riconobbero, e Ben torni omai Bisbigliaron

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Scopo di questo primo incontro è assumere l ipotesi interpretativa

Dettagli

PRIMO GIORNO (Venerdì Santo)

PRIMO GIORNO (Venerdì Santo) NOVENA ALLA DIVINA MISERICORDIA "Desidero ha detto Gesù Cristo a Santa Faustina - che durante questi nove giorni tu conduca le anime alla fonte della Mia Misericordia, affinché attingano forza, refrigerio

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

CANTI TEMPO ORDINARIO LODATE IL SIGNORE VOI TUTTI DELLA TERRA SANTA CHIESA DI DIO SE M ACCOGLI

CANTI TEMPO ORDINARIO LODATE IL SIGNORE VOI TUTTI DELLA TERRA SANTA CHIESA DI DIO SE M ACCOGLI CANTI TEMPO ORDINARIO LODATE IL SIGNORE VOI TUTTI DELLA TERRA Rit. Lodate il Signore voi tutti della terra servite il Signore nella gioia presentatevi a lui con esultanza. Riconoscete che il Signore è

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Cantata. Dorindo, dormi ancor? Musica di. Nicola Porpora

Cantata. Dorindo, dormi ancor? Musica di. Nicola Porpora Cantata Dorindo, dormi ancor? Musica di Nicola Porpora Parte Prima Sinfonia Montano, Dorindo, Angelo Coro d Angeli Dorindo, dormi ancor? Padre, che brami? Non vedi che d'intorno chiaro risplende il giorno?

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ

...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ ...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ Una riflessione attenta sul comportamento di Pietro dopo la cattura di Gesù e sulla facilità con cui passò da una conclamata fedeltà al rinnegamento del suo Maestro ci

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10).

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Vita Abbondante Corrado Salmé Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Nessuno uomo ha mai potuto dire queste parole, perché nessun uomo

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli