L intervento. Codice ambientale : oneri della prova e regimi di favore nella gestione dei rifiuti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L intervento. Codice ambientale : oneri della prova e regimi di favore nella gestione dei rifiuti"

Transcript

1 L intervento Codice ambientale : oneri della prova e regimi di favore nella gestione dei rifiuti di Pasquale Fimiani Giudice del Tribunale di Pescara Considerazioni generali Il T.u. ambientale ha accentuato una caratteristica tipica della disciplina dei rifiuti, già evidente nel Dlgs 22/1997. È infatti agevole individuare una sorta di doppio regime gestionale e procedimentale: quello di carattere generale che, partendo dalla definizione di rifiuto di matrice comunitaria, passa per l autorizzazione e l iscrizione all Albo in via ordinaria come regime amministrativo di riferimento, per arrivare agli obblighi consolidati in materia di Mud, registri e formulari; e quello di carattere speciale che, nei vari settori ora enunciati, deroga alle regole generali, introducendo eccezioni o esenzioni e, in senso lato, discipline di favore. E così: a fronte della nozione di rifiuto che riproduce quella comunitaria, è stato introdotto il concetto di sottoprodotto (articolo 183, lettera n) e sono state confermate e ampliate le esclusioni dalla disciplina sui rifiuti per alcuni, specifici, materiali (terre e rocce da scavo, combustibile da rifiuti di qualità elevata, coke da petrolio utilizzato come combustibile per uso produttivo); in alternativa al regime autorizzatorio quale regola di carattere generale, sono previste ipotesi in cui è sufficiente la comunicazione di inizio attività (per il recupero o l autosmaltimento) o ipotesi di vera e propria esclusione di qualsiasi obbligo procedimentale (deposito temporaneo, ordinanze contingibili e urgenti, impianti mobili di smaltimento); la stessa iscrizione all Albo prevede forme semplificate, in deroga al regime ordinario (articolo 212, commi 8 e 18 T.u.); in materia di formulario, l articolo 193 T.u. prevede delle eccezioni all obbligo di compilazione; la stessa norma disciplina le ipotesi in cui la sosta durante il trasporto non è considerata stoccaggio; l impossibilità tecnica ed economica di procedere alla separazione dei rifiuti pericolosi miscelati, nonostante il divieto di cui all articolo 187, comma 1, T.u. secondo il successivo comma 3, e- sclude le sanzioni penali di cui all articolo 265, comma 5; sono previste, infine, delle deroghe ai criteri di individuazione del luogo di produzione, come definito dall articolo 183, lettera i) T.u. per le attività di manutenzione e attività sanitaria (articolo 266, 4 comma) e per quelle di manutenzione delle infrastrutture (articolo 230), che consentono un diverso approccio al rispetto degli obblighi inerenti ai registri e formulari. La questione di fondo che si pone in tutte queste ipotesi è quella relativa al riparto dell onere della prova. Occorre in particolare chiedersi: gli organi di controllo e di accusa, prima di procedere alla contestazione di un illecito, devono necessariamente verificare in via preventiva la sussistenza delle condizioni di favore? 2 La risposta al quesito riveste estrema importanza, poiché da essa dipende non soltanto l impostazione investigativa e accusatoria, ma, di riflesso, quella difensiva del soggetto sottoposto a controllo e, conseguentemente, l intera organizzazione aziendale. È infatti evidente che dalla maggiore o minore ampiezza degli oneri probatori dipende anche l individuazione, in via preventiva, dei meccanismi di costruzione della prova da allegare in caso di intervento dell autorità di controllo (documenti, certificati di analisi, individuazione dei responsabili tecnici). In effetti l articolo 358 C.p.p. prevede che il pubblico ministero svolge accertamenti su fatti e circostanze a favore della persona sottoposta ad indagini. La Cassazione (Sez. II, sentenza 17 settembre 1997 n. 3415) ha però affermato che la previsione non si traduce in un obbligo processualmente sanzionato e non toglie il carattere eminen-

2 temente discrezionale delle scelte investigative, anche per quanto riguarda i tempi di svolgimento dell attività dell organo dell accusa. Non sussiste, quindi, per il pubblico ministero (e, quindi, per la polizia giudiziaria da lui diretta) alcun obbligo di ricerca delle prove relative alla sussistenza dei regimi di favore indicati. La stessa conclusione vale per quanto attiene al versante dei controlli amministrativi, atteso che l articolo 18 della legge 689/1981 in materia di accertamento degli illeciti non contiene una previsione omologa all articolo 358 C.p.p. Deve allora affermarsi il principio per cui chi invoca un regime differenziato e di favore ha l onere di allegare la sussistenza di tutte le condizioni per la sua applicazione. Onere che non può dirsi assolto con mere dichiarazioni soggettive dell interessato, il quale, invece, deve fornire la prova piena delle ragioni per cui opera il regime differenziato invocato (Cass. pen., Sez. III, sentenza 23 aprile 1994, n. 4706; si veda anche Cass. pen., Sez. III, sentenza 15 giugno 2005, n , che, in un ipotesi in cui il materiale di demolizione era stato scaricato sul suolo con accumulo di detriti di scavo, misti a lastroni di cemento che venivano sottoposti ad operazioni di trasformazione preliminare depezzamento e frantumazione dall addetto alla macchina operatrice, onde renderli utilizzabili per la realizzazione di un piano viabile destinato ai mezzi di cantiere, ha ritenuto che il materiale stesso fosse del tutto eterogeneo e non aveva caratteristiche tali da consentirne l immediata riutilizzazione senza preventivo trattamento, venendo così in evidenza un operazione idonea a creare un effettivo pericolo per l ambiente, insuscettibile di essere ricondotta alla previsione derogativa introdotta dall articolo 14 Dl 138/ 2002). Si pensi, per esempio, all ipotesi in cui in una determinata area sia rinvenuto un quantitativo di rifiuti accumulati. In assenza di specifiche e documentate deduzioni sulla natura di deposito temporaneo, legittima è la contestazione di discarica o comunque di smaltimento abusivi: il fatto, per come si presenta, integra tali illeciti e non è certamente onere di chi controlla (e contesta) di acquisire la cd. prova negativa e cioè verificare se, pur in presenza di una situazione che corrisponde perfettamente alla fattispecie di reato, siano assenti le condizioni che fondano la sussistenza del regime di favore. Rifiuti e sottoprodotti È noto che la questione dell inquadramento sistematico del riutilizzo all interno del binomio rifiuto-non rifiuto passa attraverso la verifica se si possa qualificare una sostanza come sottoprodotto, secondo la definizione dell articolo articolo 183, lettera n) T.u. Si è recentemente affermato (1) che, per provare la natura di sottoprodotto, l operatore deve fornire la prova di una serie di elementi e precisamente che il residuo produttivo: 1. proviene da attività di impresa (e dunque non di consumo); 2. scaturisce dall attività produttiva in via continuativa (cioè come un materiale tipico di quella produzione); 3. non viene abbandonato dall impresa (che dunque non se ne disfa); 4. lo reimpiega direttamente oppure lo commercializza a condizioni per lei economicamente favorevoli e 5. senza attività preliminare di trasformazione (che cioè faccia perdere al prodotto la sua identità ); 6. viene effettivamente e certamente riutilizzato in altro ciclo produttivo (circostanza che deve essere attestata con dichiarazioni scritte delle imprese di partenza e di arrivo); 7. il suo utilizzo non comporta per l ambiente o la salute condizioni peggiorative rispetto a quelle legate alle normali attività produttive. La mancanza di prova legittima la qualifica dei residui come rifiuti, con tutte le conseguenze sotto il profilo amministrativo e giudiziario. A tale proposito va ricordato che, valorizzando il principio dell interpretazione non restrittiva della nozione di rifiuto sancito più volte dalla Corte di Giustizia, in diverse occasioni la giurisprudenza aveva respinto le istanze difensive di applicazione dell articolo 14 Dl 138/2002, non già sotto il profilo della incompatibilità con la normativa comunitaria, ma sotto quello della concreta non applicabilità al caso di specie. In tale prospettiva Gip Udine, ord. 16 ottobre 2002, proc. n. 3075/02 R.G.N.R., inedita, affermava: La carenza di riscontri in ordine alla natura, composizione e, conseguentemente, alla classificazione dei materiali oggetto di trattamento e, soprattutto, l assenza di elementi dai quali inferire che gli stessi possano essere e siano effettivamente riutilizzati senza recare pregiudizio all ambiente impedisce di poter applicare l articolo 14, comma 2, lettere a) e b), Dl n. 138/ 2002, conv. in legge n. 178/2002, conformemente a quanto stabilito dalla giurisprudenza formatasi sulla decretazione d urgenza di modifica al Dpr 915/1982 in materia di rifiuti che, nel creare la categoria dei residui e dei materiali quotati in borsa presupponeva implicitamente la necessità di una garanzia non puramente nominalistica del riutilizzo dei materiali nel senso che doveva documentarsi la effettiva e inequivoca destinazione al riutilizzo il quale non poteva essere supposto e teorico, né ritenuto in re ipsa per il solo fatto del cenno al tipo di materiale nel sistema degli elenchi creati dalla decretazione d urgenza in questione (cfr. Cass. Sez. 3, ord. n del 16 giugno 1995, ud. 3 giugno 1995, Di Pampero e altro, nello stesso senso v. ex plurimis Cass. sez. III, 9 febbraio 1998, ud. 1 dicembre 1997 Pres. A. Giuliano Rel. A. Franco, P.M. in proc. Nardino, per cui In tema di smaltimento di rifiuti speciali, l applicazione della normativa di cui al Dl n. 66 del 9 marzo 1995, ed agli altri decreti legge reiterati in materia ed i cui effetti sono stati fatti salvi dalla legge n. 575 del 1996, è subordinata al previo accertamento, nel caso concreto, che i materiali oggetto di raccolta e stoccaggio siano destinati all effettivo ed oggettivo riutilizzo ). In carenza di prova certa in ordine a detta destinazione dei residui, devesi applicare il regime ordinario dell autorizzazione allo smaltimento dei rifiuti e, di conseguenza, le corrispondenti sanzioni. Per quanto in particolare riguarda l ipotesi di cui all articolo 14, comma 2, lettera b), legge n. 178, dell 8 agosto 2002, che sostanzialmente esclude dalla nozione di rifiuto i beni o sostanze e materiali residuali di produzione o di consumo se gli stessi possono essere e sono effettivamente e oggettivamente riutilizzati nel medesimo, in analogo o diverso ciclo produttivo o di consumo, dopo aver subito un trattamento preventivo senza che si renda necessaria alcuna operazione di recupero tra quelle individuate nell allegato C del decreto legislativo n. 22, devesi innanzitutto precisare che queste ultime operazioni, come si desume dal dato testuale del preambolo di detto allegato e come stabilito dalla giurisprudenza comunitaria, non hanno carattere tassativo ma semplicemente esemplificativo. Condizione essenziale affinché possa operare l esimente sopra L intervento Dlgs 152/2006 e onere della prova 3

3 L intervento Dlgs 152/2006 e onere della prova 4 indicata, oltre all effettivo ed oggettivo riutilizzo di cui si è già accennato, è che il rifiuto subisca un trattamento preventivo al quale non deve seguire una delle operazioni di recupero di cui all allegato C. Sul punto va rilevato che, secondo l id quod plerumque accidit e secondo un dato di comunissima esperienza, al trattamento preventivo del rifiuto segue un attività di recupero proprio perché il primo è finalizzato a trarre ulteriori utilità dal rifiuto ovvero ha per scopo la sua valorizzazione altrimenti il materiale viene, per intuibili quanto ovvie ragioni di natura economica, eliminato in altro modo senza trattamento. L elenco e la tipologia delle operazioni di recupero è, comunque, così ampio ed anche per taluni aspetti generico che ben può ricomprendere finanche il riutilizzo tal quale (per gli scopi originari) del materiale dismesso dopo il trattamento preventivo. Ne deriva, che le condizioni poste per l operatività del regime derogatorio in esame appare ben difficile che possano presentarsi nella realtà (o, per meglio dire, appare difficile addirittura ipotizzarle come esempi teorici) proprio perché viene imposto come conditio sine qua non che il materiale, per non essere qualificato rifiuto, abbia subito un intervento preventivo al quale, necessariamente, non deve seguire un operazione di recupero di quelle indicate nell allegato C. Nel caso de quo, va rilevato che dall esame degli atti non e- merge alcun riscontro idoneo a comprovare se c è stato e di che tipo sia stato il trattamento preventivo subito dai rifiuti in sequestro, né tanto meno è dato conoscere se si sia resa, o si renda necessaria o meno, alcuna operazione di recupero tra quelle individuate nell allegato C del decreto legislativo n. 22 per cui, in carenza di tali elementi, anche sotto questo profilo la disposizione di interpretazione autentica non può trovare plausibile applicazione nella specie oggetto del presente procedimento, con la conseguenza che devesi ritenere operativo il regime ordinario sui rifiuti, ivi compresa la definizione di cui all articolo 6 lettera a) Dlgs n. 22/1997, così come interpretata dalla giurisprudenza sopra richiamata.. La S.C., nella stessa prospettiva, ha affermato: Cass. pen., Sez. III, sentenza 9 febbraio 2005, n. 4702: I pneumatici usati dei quali il detentore si disfa o che vende a terzi perchè siano riutilizzati previa rigeneratura o ricopertura non rientrano nella deroga alla nozione di rifiuto di cui all articolo 14 del Dl 8 luglio 2002 n. 138, convertito con legge 8 agosto 2002 n. 178, atteso che i pneumatici sono in questo caso destinati ad una operazione di recupero quale individuata dalla lettera R5 dell Allegato C del decreto n. 22 del 1997, circostanza che esclude l applicabilità della citata normativa ; Cass. pen., Sez. III, sentenza 11 novembre 2004, n , Muz - zupappa (rv ): In tema di gestione dei rifiuti, la riutilizzazione come concime agricolo del cosiddetto pastazzo di agrumi, composto da buccia e polpa di agrumi residuati dalla loro lavorazione, non esclude lo stesso dal regime dei rifiuti, atteso che sotto il profilo oggettivo rientra tra i residui di produzione e sotto il profilo soggettivo la destinazione ad operazioni di smaltimento e di recupero rientra nell ipotesi nella quale il detentore del rifiuto abbia deciso di disfarsi dello stesso, in quanto tra le operazioni di recupero indicate nel - l Allegato C del Dlgs 5 febbraio 1997 n. 22 è compresa quella di spandimento sul suolo a beneficio dell agricoltura (R10).. Ed allora, a prescindere dalla questione se la nuova previsione normativa sia in contrasto con la nozione comunitaria di rifiuto (come affermato, in modo condivisibile, dalla prevalente dottrina), è certo che l operatore, per sostenere che oggetto della propria attività è un sottoprodotto e non un rifiuto, deve provare i seguenti elementi: 1. provenienza da un attività di impresa (con esclusione della fase del mero consumo. Considerata la specificazione di cui al punto 2, che parla di derivazione del sottoprodotto dall attività produttiva, nel termine impresa non devono ritenersi comprese le attività di servizio); 2. in via continuativa (questi primi due elementi richiedono, pertanto, la prova rigorosa della natura dell attività svolta, delle caratteristiche del ciclo produttivo, della qualità e quantità delle materie prime impiegate e del risultato dell attività produttiva. L organo di controllo deve cioè poter distinguere i prodotti dalle altre sostanze che residuano dalla produzione, in modo che il risultato complessivo sia congruo); 3. destinazione del sottoprodotto (il requisito dell omesso abbandono richiesto testualmente dalla norma, non potendosi ipotizzare una prova negativa diretta, va fornito in via indiziaria e deduttiva, attraverso al prova della gestione dei rifiuti aziendali se ve ne sono e del reimpiego del sottoprodotto, secondo le previsioni dei punti che seguono); 4. reimpiego diretto del sottoprodotto (la norma non precisa se il ciclo produttivo in cui avviene il reimpiego sia lo stesso, come con sentito dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia, od altro, ipotesi ammessa dalla Corte in casi specifici, (2) ma non in via generale. La prova deve, comunque, essere fornita non solo circa il reimpiego stesso, ma anche sul fatto che lo stesso sia diretto, cioè non avvenga per il tramite di altri cicli produttivi intermedi); 5. assenza di attività preliminare di trasformazione (la norma qualifica come attività di trasformazione quella che faccia perdere al prodotto la sua identità. Al fine di provare tale requisito, non potendosi ipotizzare una prova negativa diretta, occorre dare conto delle specifiche caratteristiche del sottoprodotto in u- scita dal ciclo in cui si produce ed in entrata in quello in cui si reimpiega); 6. effettività e certezza del riutilizzo in altro ciclo produttivo (3) mediante dichiarazioni scritte delle imprese di partenza e di arrivo. Queste dichiarazioni non sono in sé sufficienti a provare la correttezza della gestione del sottoprodotto. È vero che in base ad esse può presumersi l effettività e certezza del riutilizzo, ma trattasi di presunzione semplice, che può essere superata dagli organi di controllo. Proprio per queste ragioni le dichiarazioni scritte devono essere coerenti con i requisiti complessivi richiesti (punti 1-5 che precedono), di cui non sono un surrogato, ma un supporto, nel senso che si aggiungono ad essi nel fornire una prova articolata e piena. Ed infatti si è recentemente affermato (4) che va e- sclusa la natura di sottoprodotto di fanghi provenienti dalla lavorazione di materiali lapidei allorquando manchi la certezza del requisito del riutilizzo del materiale che non può essere dimostrata dalle sole dichiarazioni testimoniali di dipendenti della società se non suffragate da riscontri oggettivi, quali l annotazione nei registri di carico e scarico, la documentazione del trasporto presso i cantieri ove sarebbe avvenuto il riutilizzo ed in presenza di rilievi diretti della Pg che documentino, in relazione all altezza ed al grado di essiccazione dei cumuli una prolungata giacenza degli stessi sul luogo di deposito; (5) 7. non nocività dell utilizzo del sottoprodotto per l ambiente. Viene richiesto che detto utilizzo non comporti per l ambiente o la salute condizioni peggiorative rispetto a quelle legate alle normali attività produttive. Anche in questo caso, non potendosi ipotizzare una prova negativa diretta, la stessa va fornita in via indiziaria e deduttiva. Occorre, quindi provare quali sono gli effetti dell utilizzo del sottoprodotto sull ambiente e confrontarli con quelli che si

4 producono in situazione analoghe qualora, invece del sottoprodotto, sia utilizzata una materia prima equivalente. Altre situazioni problematiche 1. Il trasporto occasionale o saltuario L articolo 193, 4 comma, esclude l obbligo del formulario, tra l altro, per i trasporti di rifiuti non pericolosi effettuati dal produttore dei rifiuti stessi, in modo occasionale e saltuario, che non eccedano la quantità di trenta chilogrammi o di trenta litri. Se il dato qualitativo della non pericolosità e quello quantitativo, sono di immediata comprensione, dubbi sorgono per il presupposto dell esenzione e, cioè, per il requisito della natura occasionale e saltuaria del trasporto. Soccorre, al riguardo, la giurisprudenza della Corte di Giustizia. Con sentenza 9 giugno 2005, causa C-270/03, la Corte ha così statuito: la Repubblica italiana, permettendo alle imprese, in forza dell articolo 30, comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, che ha trasposto le direttive 91/156/Cee, relativa ai rifiuti, 91/689/Cee, relativa ai rifiuti pericolosi, e 94/62/Ce, sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio, come modificato dall articolo 1, comma 19, della legge 9 di cem - bre 1998, n. 426: di esercitare la raccolta e il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare senza obbligo di essere iscritte all Albo nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento rifiuti, e di trasportare i propri rifiuti pericolosi in quantità che non eccedano i 30 chilogrammi e i 30 litri al giorno, senza obbligo di essere iscritte al medesimo Albo, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti ai sensi dell articolo 12 della direttiva del Consiglio 15 luglio 1975, 75/442/Cee, relativa ai rifiuti, come modificata dalla direttiva del Consiglio 18 marzo 1991, 91/156/Cee. L articolo 12 della direttiva stabilisce: Gli stabilimenti o le imprese che provvedono alla raccolta o al trasporto di rifiuti a titolo professionale, o che provvedono allo smaltimento o al ricupero di rifiuti per conto di terzi (commercianti o intermediari), devono essere iscritti presso le competenti autorità qualora non siano soggetti ad autorizzazione. Nell interpretare la norma, la Corte ha statuito che: 26. La locuzione a titolo professionale, impiegata in tale articolo, non è sinonimo delle espressioni nell ambito delle loro attività professionali o nello svolgimento delle loro attività professionali, alle quali probabilmente il legislatore comunitario avrebbe fatto ricorso ove avesse inteso riferirsi a tutte le imprese che, nell ambito della loro attività professionale, trasportino i rifiuti da esse prodotti. 27. Risulta, poi, dal dodicesimo considerando della direttiva 91/156 che i nuovi obblighi di autorizzazione e d iscrizione previsti da tale direttiva si applicano alle imprese che si occupano di rifiuti, come gli operatori intermedi addetti alla raccolta, al trasporto e alla mediazione. L uso del verbo occuparsi nonché l elenco indicativo di professioni specializzate nel settore dei rifiuti indicano che l articolo 12 della direttiva si applica alle imprese che svolgono a titolo abituale la raccolta o il trasporto di rifiuti. 28. Infine, la previsione che il trasporto sia effettuato a titolo professionale significa che l attività di trasporto di rifiuti, sebbene l articolo 12 non disponga che essa deve costituire l attività e- sclusiva, e neppure principale, delle imprese di cui trattasi, deve rappresentare un attività ordinaria e regolare di tali imprese. 29. Dalle considerazioni che precedono risulta che l articolo 12 della direttiva assoggetta a un obbligo d iscrizione gli stabilimenti o le imprese che, nell ambito delle loro attività, provvedono in via ordinaria e regolare al trasporto di rifiuti, a prescindere dal fatto che tali rifiuti siano prodotti da terzi o da esse stesse. Non risulta, peraltro, da alcuna disposizione della direttiva che tale obbligo ammetta deroghe fondate sulla natura o sulla quantità dei rifiuti.. In sostanza, secondo il giudice comunitario, anche coloro che non esercitano l attività di trasportatori di rifiuti, ma che nell ambito della loro attività professionale trasportino quelli da essi prodotti, rientrano tra i soggetti obbligati alla tenuta del formulario. Facendo applicazione di tale principio, deve concludersi che il concetto di trasporto occasionale e saltuario abbia natura del tutto residuale e sia limitato a situazioni che abbiano il connotato della non prevedibilità ed episodicità. È onere di chi invoca l esenzione dall obbligo del formulario fornire la prova di tale situazione agli organi di controllo. A sua volta il titolare dell impianto che riceve i rifiuti non può limitarsi ad accettarli, in assenza di formulario, sulla base delle mere dichiarazioni del trasportatore che li conferisce, dovendo verificare almeno la natura dell attività svolta e la verosimiglianza della asserita occasionalità del trasporto. Al fine di evitare che il conferimento si ripeta (un soggetto potrebbe conferire più volte rifiuti in quantità complessivamente eccedenti i trenta lt/kg), il gestore dell impianto dovrebbe controllare se, in passato, lo stesso soggetto abbia già fatto ricorso alla speciale esenzione. 2. Quando la sosta non è stoccaggio Secondo l articolo 193, 12 comma, T.u. La sosta durante il trasporto dei rifiuti caricati per la spedizione all interno dei porti e degli scali ferroviari, delle stazioni di partenza, di smistamento e di arrivo, gli stazionamenti dei veicoli in configurazione di trasporto, nonché le soste tecniche per le operazioni di trasbordo non rientrano nelle attività di stoccaggio di cui all articolo 183, comma 1, lettera 1), purché le stesse siano dettate da e- sigenze di trasporto e non superino le quarantotto ore, escludendo dal computo i giorni interdetti alla circolazione. Le due condizioni delle esigenze di trasporto e del limite massimo temporale devono verificarsi entrambe e non sono alternative. Ciò significa che non ogni sosta inferiore alle 48 ore va qualificata quale stoccaggio, dovendosi comunque accertare che la stessa è dipesa da esigenze di trasporto. Queste ultime, in applicazione del principio per cui chi invoca un regime differenziato e di favore ha l onere di allegare la sussistenza di tutte le condizioni per la sua applicazione, vanno provate dal trasportatore che, quindi, deve provare le circostanze in base alle quali gli organi di controllo possano accertare che la sosta è effettivamente fondata sulle predette esigenze. Vanno peraltro fatte due precisazioni. La prima è che la sussistenza di entrambe le condizioni per escludere lo stoccaggio non copre le attività illecite eventualmente compiute (per esempio l illecito abbandono di rifiuti) durante la sosta tecnica. Inoltre, se è vero che a fronte del superamento del detto limite temporale deve presumersi la sussistenza di uno stoccaggio, è comunque possibile fornire la prova che la sosta ha avuto una durata maggiore del consentito per ragioni di caso fortuito e forza maggiore. L intervento Dlgs 152/2006 e onere della prova 5

5 L intervento Dlgs 152/2006 e onere della prova 3. La deroga alla definizione di luogo di produzione nelle attività di manutenzione L articolo 183, lettera i) T.u., così definisce il luogo di produzione dei rifiuti: uno o più edifici o stabilimenti o siti infrastrutturali collegati tra loro all interno di un area delimitata in cui si svolgono le attività di produzione dalle quali sono originati i rifiuti. L articolo 230 prevede, come è noto, una deroga per i rifiuti derivanti da attività di manutenzione delle infrastrutture, in cui detto luogo può coincidere: con la sede del cantiere che gestisce l attività manutentiva; o con la sede locale del gestore della infrastruttura nelle cui competenze rientra il tratto di infrastruttura interessata dai lavori di manutenzione; ovvero con il luogo di concentramento dove il materiale tolto d opera viene trasportato per la successiva valutazione tecnica, finalizzata all individuazione del materiale effettivamente, direttamente ed oggettivamente riutilizzabile, senza essere sottoposto ad alcun trattamento. Per quest ultima ipotesi il comma 2) prevede che la valutazione tecnica del gestore della infrastruttura è eseguita non oltre sessanta giorni dalla data di ultimazione dei lavori. La documentazione relativa alla valutazione tecnica è conservata, unitamente ai registri di carico e scarico, per cinque anni. Per usufruire di questa facoltà di scelta (da cui derivano differenti modulazioni degli obblighi gestionali, come quello di tenuta dei registri) l interessato deve provare che i rifiuti derivano dall attività di manutenzione dell infrastruttura a rete e/o degli impianti per l erogazione di forniture e servizi di interesse pubblico. Per i rifiuti diversi valgono i principi generali. Per l ipotesi di individuazione del luogo di produzione in quello di concentramento dove il materiale tolto d opera viene trasportato per la successiva valutazione tecnica, l onere della prova deve riguardare anche la necessità e/o opportunità di una valutazione tecnica finalizzata all individuazione del materiale effettivamente, direttamente ed oggettivamente riutilizzabile, senza essere sottoposto ad alcun trattamento. Laddove risulti che il materiale prodotto sia, all evidenza, fin da quando viene tolto d opera, non utilizzabile, la norma non è invocabile, in quanto, quale eccezione a regole generali è di stretta interpretazione e non può essere applicata in modo elusivo. Note (1) Tribunale di Venezia Sez. dist. Do lo Ord. 20 settembre 2006, causa n /05 R.G., Melinato ed altro con cui è stata sollevata la questione di legittimità costituzionale dell articolo 183 lettera n) quarto periodo Dlgs 152/2006 nella parte in cui prevede che le ceneri di pirite rientrano tra i sottoprodotti non soggetti alle disposizioni di cui alla parte quarta del citato decreto legislativo. (2) Aperture alla possibilità di individuare un sottoprodotto anche nel caso di commercializzazione presso terzi, si rinvengono: 1. nell ordinanza della Sez. III del 15 gennaio 2004, causa C-235/02, con cui la Corte ha affermato che il coke da petrolio prodotto volontariamente, o risultante dalla produzione simultanea di altre sostanze combustibili petrolifere, in una raffineria di petrolio ed utilizzato con certezza come combustibile per il fabbisogno di energia della raffineria e di altre industrie non costituisce un rifiuto ; 2. nelle due sentenze della Sez. III, sent. 8 settembre 2005, causa C-416/02 e causa C-121/03, relative al mancato recepimento da parte del Regno di Spa - gna di alcune direttive comunitarie, in cui si afferma che non occorre limitare quest analisi agli effluenti d allevamento utilizzati come fertilizzanti sui terreni che appartengono allo stesso stabilimento agricolo che li ha prodotti. Infatti, come la Corte ha già giudicato, una sostanza può non essere considerata un rifiuto ai sensi della direttiva 75/442 se viene utilizzata con certezza per il fabbisogno di operatori economici diversi da chi l ha prodotta. (3) Come ricordato in precedenza l esclusione della nozione di rifiuto quando il riutilizzo avvenga in altro ciclo produttivo è contestata dalla prevalente dottrina ed è stata ammessa dalla Corte di Giustizia solo con riferimento a situazioni particolari. In senso contrario si veda Cass. pen., Sez. III, sentenza 29 dicembre 2005, n (C.c. 4 novembre 2005), Zuffellato, in cui si precisa che i residui di consumo, non possono essere considerati sottoprodotti di un processo di fabbricazione o di e- strazione idonei ad essere riutilizzati nel corso del processo produttivo, nel caso in cui essi siano utilizzati in altro procedimento produttivo e devono considerarsi rifiuti finché non costituiscano prodotti finiti del processo di trasformazione cui sono destinati. (4) Cass. Sez. III, sentenza 20 ottobre 2006, n (c.c. 6 lug. 2006) Gian - nec chini. (5) A conferma di quanto affermato in relazione al punto n. 3, sul fatto che l organo di controllo deve poter distinguere i prodotti dalle altre sostanze che residuano dalla produzione, in modo che il risultato complessivo sia congruo, la stessa sentenza precisa che la produzione di fatture in numero modesto e rappresentante una movimentazione ridotta del materiale accumulato non assume rilevanza probatoria circa la effettiva utilizzazione del materiale medesimo. 6 RIFIUTI online: il mensile è disponibile anche nel sito internet

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI: UNA INQUIETANTE NOVITÀ NASCOSTA TRA LE PIEGHE DELL ALLEGATO C DEL NUOVO TESTO UNICO AMBIENTALE

DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI: UNA INQUIETANTE NOVITÀ NASCOSTA TRA LE PIEGHE DELL ALLEGATO C DEL NUOVO TESTO UNICO AMBIENTALE DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI: UNA INQUIETANTE NOVITÀ NASCOSTA TRA LE PIEGHE DELL ALLEGATO C DEL NUOVO TESTO UNICO AMBIENTALE A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani 1.

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Cass.Pen., sez.iii, 26.01.07, n. 2902 Rifiuti Sentenze - Materiali di risulta da lavori edili - Riutilizzo per pavimentazione - Verifica di pregiudizi per l'ambiente - Necessità di utilizzare il test di

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

Pubblicata sulla G.U.C.E. del 22 novembre 2008, la direttiva 2008/98/CE del 19 novembre

Pubblicata sulla G.U.C.E. del 22 novembre 2008, la direttiva 2008/98/CE del 19 novembre l Rifiuti. Il provvedimento potrà essere recepito con la Comunitaria 2008 La definizione di rifiuto secondo la nuova direttiva tra conferme e innovazioni Pubblicata sulla G.U.C.E. del 22 novembre 2008,

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-...

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-... Page 1 of 5 Sent. n. 16860 del 4 maggio 2010 (ud. del 17 marzo 2010) della Corte Cass. Sez. III pen. Pres. Altieri, Rel. Processo penale Iva Imposta mezzi importati - Pagamento all importazione Accordo

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

Studio Stefano Maglia

Studio Stefano Maglia Studio Stefano Maglia Consulenze Legali Ambientali OGGETTO: Quesito relativo alla microraccolta e alla sosta Un azienda effettua la microraccolta presso agricoltori solo nell'ambito della propria provincia.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Le responsabiltà del produttore di rifiuto - corretta gestione del rifiuto nel deposito temporaneo Legge 15/2015

Le responsabiltà del produttore di rifiuto - corretta gestione del rifiuto nel deposito temporaneo Legge 15/2015 Le responsabiltà del produttore di rifiuto - corretta gestione del rifiuto nel deposito temporaneo Legge 15/2015 a cura di Rosa Bertuzzi Nella GU n. 188 del 14 agosto 2015 è stata pubblicata la legge 6

Dettagli

Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito

Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito IVA Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito di Salvatore Servidio Con risoluzione n. 74/E del 19 aprile 2007, l Agenzia delle Entrate si è occupata di un istanza di interpello presentata

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI AL GESTORE DEL SERVIZIO PUBBLICO ALLA LUCE DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE N. 205/2008 A cura dell ing. Giovanni Maione DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA delle Comunità Europee, SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 18 dicembre 2007

CORTE DI GIUSTIZIA delle Comunità Europee, SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 18 dicembre 2007 CORTE DI GIUSTIZIA delle Comunità Europee, SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 18 dicembre 2007 «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttive 75/442/CEE e 91/156/CEE Nozione di «rifiuti» Sostanze o oggetti

Dettagli

Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi

Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi Domanda: Sono un agente di polizia giudiziaria, ho un po di difficoltà nel capire l articolo concernente

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11 La responsabilità da reato degli enti nel settore sanitario: i destinatari della normativa Stefano Crisci, Avvocato, Studio Legale Crisci - a cura di Lex24 14 aprile 2011 Tra i destinatari dell ormai celebre

Dettagli

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari SAURO SACCHETTI Servizio Rifiuti e Bonifica Siti Regione Emilia-Romagna pag. 1 di 20 NORMATIVA NAZIONALE: D.Lgs. 152/2006 (1 di 4) Definizioni

Dettagli

2.3.1 Redditi di capitale e crediti d imposta. Imposte sostitutive

2.3.1 Redditi di capitale e crediti d imposta. Imposte sostitutive 104 VOLUNTARY DISCLOSURE Non può dunque esservi dubbio sul fatto che la determinazione dei redditi che formano oggetto di dichiarazione debba avvenire con i criteri ordinari, pertanto non resta che applicare

Dettagli

Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377)

Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377) Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377) CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377 Esenzione dalla TARSU di Rifiuti

Dettagli

ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE

ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE TEORIA E PRATICA DEL DIRITTO SEZIONE III: DIRITTO E PROCEDURA PENALE 103 PASQUALE FIMIANI ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE GIUFFRE Ifami EDITORE MILANO 2000 INDICE SOMMARIO Presentazione. Parte prima: LE

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.lgvo 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE)

Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.lgvo 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE) Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.lgvo 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE) Roma, 23 marzo 2011 Hotel dei Congressi Sala dei Congressi (Viale Shakespeare n.

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva In tema di gestione dei rifiuti, quando il deposito di rifiuti non possiede i requisiti fissati

Dettagli

IL GUP. sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da:

IL GUP. sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da: IL GUP sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da: 1. difesa BELLEN, RANZINI, MAGURANO, BONI, GRATTAGLIANO, MARINELLI,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Procedure di infrazione per l interpretazione autentica della definizione di rifiuto di cui all art.14 del d. lgs. Bruxelles, 200/2213 C(2002)3868 Signor Ministro, S.E.

Dettagli

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004).

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Sono pervenute allo scrivente Servizio molteplici richieste

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI CORSO DI FORMAZIONE SU: LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI Firenze, 4-12-18-25 giugno 2013 (14,30-18,30) Auditorium C. Ridolfi c/o Banca CR Firenze Via Carlo Magno, 7 PRESENTAZIONE Il corso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Il D.Lgs. n. 205/2010 ridefinisce il sottoprodotto nel nuovo articolo 184 bis del Testo unico,

Il D.Lgs. n. 205/2010 ridefinisce il sottoprodotto nel nuovo articolo 184 bis del Testo unico, siglio 2008/98/CE, che, per la prima volta, definì il sottoprodotto a livello normativo comunitario; l con il D.Lgs. n. 205/2010, la nuova nozione prevista nella direttiva è stata recepita dal legislatore

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria 1 Ruolo e compiti della polizia giudiziaria SOMMARIO 1. Funzioni di polizia giudiziaria. 2. Attività di iniziativa. 3. Attività delegata. 3.1. Notificazioni. 1. Funzioni di polizia giudiziaria Il nuovo

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

L attività di polizia in materia di rifiuti

L attività di polizia in materia di rifiuti Seminario L attività di polizia in materia di rifiuti Relatore: dott. Fabio Napoleone Procuratore Capo Procura di Sondrio LA POLIZIA GIUDIZIARIA E ORGANO DI PRIMO INTERVENTO L ART. 55 DEL c.p.p. PRENDERE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 6 FEBBRAIO 2008, N. 5804: le attività di cernita e adeguamento volumetrico della carta da macero e sostanze simili, poste in essere dalle ditte fornitrici

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015 RISOLUZIONE N. 86/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15/10/2015 OGGETTO: Interpello ordinario Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - (Tassazione forfettaria del reddito derivante dalla produzione e

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

Aspetti ambientali della manutenzione

Aspetti ambientali della manutenzione Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011 Indice della presentazione Inquadramento

Dettagli

SUPERATA!!!! Definizione di RIFIUTO. INQUADRAMENTO NORMATIVO: rifiuti, sottoprodotti e prodotti

SUPERATA!!!! Definizione di RIFIUTO. INQUADRAMENTO NORMATIVO: rifiuti, sottoprodotti e prodotti INQUADRAMENTO NORMATIVO: rifiuti, sottoprodotti e prodotti Corso avanzato La produzione di compost e biogas da rifiuti organici Lorella Rossi, Oristano, 28 maggio 2012 Centro Ricerche Produzioni Animali

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Associazione Piccole e Medie industrie delle Provincie di Novara, VCO e Vercelli Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Alessandria, 08/07/15 Sportelli API SPORTELLO AMBIENTE

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti?

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? Di Avv. Rosa Bertuzzi Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? di Avv. Rosa Bertuzzi Circa i rottami ferrosi, in questa rivista, si è già trattato l argomento in passato. L ultimo articolo, risalente al

Dettagli

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione A cosa servono i registri, formulari TRACCIABILITA DEI RIFIUTI Il registro di carico e scarico integrato

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

25/11/2015. Art. 183, lett. qq) Art. 184 - bis

25/11/2015. Art. 183, lett. qq) Art. 184 - bis SOTTOPRODOTTO Art. 183, lett. qq) Art. 184 - bis 1 1 SOTTOPRODOTTO Introdotto nel Codice dell Ambiente, a seguito delle sentenze Arco, Niselli e Palin Granit Oy. Si è ammesso il principio, ma lo si circoscrive

Dettagli

INDICE SOMMARIO. 1. DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI (Artt. 1-3 sexies) di MARIO BUCELLO e LORENZO CARUCCIO... 21..

INDICE SOMMARIO. 1. DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI (Artt. 1-3 sexies) di MARIO BUCELLO e LORENZO CARUCCIO... 21.. Gli Autori.......................................... XIX I. MODIFICHE INTRODOTTE DAL D.LGS. 128/2010 ALLE PARTI I, II E V DEL D.LGS. N. 152/2006 Introduzione di MARIO BUCELLO e SIMONA LOMBARDO..................

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa RISOLUZIONE N. 55/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa La

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1

Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1 Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1 Franco Giampietro I. Premessa 1. Attività viticolo-enologica come attività industriale ovvero come impresa artigianale?... (700.000

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

I DOCUMENTI ACCESSORI PER IL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI

I DOCUMENTI ACCESSORI PER IL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI I DOCUMENTI ACCESSORI PER IL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI A cura dell ing. Giovanni Maione Come noto, il trasporto di rifiuti urbani effettuato dal soggetto che gestisce il servizio pubblico è esonerato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 RISOLUZIONE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Chiarimenti in merito alla prova dell avvenuta cessione intracomunitaria

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

Presentazione... PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE

Presentazione... PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE INDICE SOMMARIO Presentazione... VII CAPITOLO 1 PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE 1 I reati ambientali: profili sistematici... 1 2 Reati ambientali e speciale tenuità del

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013 LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali INDICE 1. LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA SULLA EFFETTIVA MOVIMENTAZIONE DI BENI

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Premessa Negli ultimi anni, l istituto del deposito Iva è stato oggetto di forti contrasti interpretativi in merito alla rilevanza dell

Dettagli

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari Trib. Avellino, Sez. GIP, ud. 18 maggio 2011 Proc. pen. n. 2146/2011 R. GIP Proc. pen. n. 2851/2011 RGNR TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari ORDINANZA DI NON CONVALIDA

Dettagli

ROVIDA CIDDA - GRONDONA

ROVIDA CIDDA - GRONDONA Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Dott. Silvia DI BRACCIO -------------------

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli