RACCOLTA E SMALTIMENTO DI ALCUNI TIPI DI RIFIUTI PRODOTTI DALL AZIENDA AGRICOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RACCOLTA E SMALTIMENTO DI ALCUNI TIPI DI RIFIUTI PRODOTTI DALL AZIENDA AGRICOLA"

Transcript

1 RACCOLTA E SMALTIMENTO DI ALCUNI TIPI DI RIFIUTI PRODOTTI DALL AZIENDA AGRICOLA

2 A cura del Settore Sperimentazione, Informazione, Ricerca e Consulenza in Agricoltura - Assessorato all Agricoltura e alle Attività Produttive Hanno collaborato: STAPA CePICA di Salerno Settore Tutela dell Ambiente - Assessorato all Ambiente

3 Sommario Presentazione Pag. 5 Classificazione dei rifiuti prodotti dall azienda agricola 7 Adempimenti per smaltire i rifiuti dell azienda agricola 11 I rifiuti maggiormente presenti nell azienda agricola 15 Le principali sanzioni in cui si incorre per il mancato rispetto della normativa 21 Elenco delle ditte autorizzate in Campania allo smaltimento e al recupero dei rifiuti 27 Legenda del codice di attività delle ditte autorizzate 46 3

4

5 Presentazione Lo sviluppo del sistema produttivo agricolo negli ultimi anni ha determinato notevoli cambiamenti nel settore sia per quanto riguarda le scelte produttive che per i mezzi impiegati nella produzione. Mentre in passato l azienda agricola chiudeva al suo interno i propri cicli produttivi oggi, allo scopo di intensificare le produzioni e rendere più rapide ed efficienti le pratiche agricole, è diventato sempre maggiore il ricorso a prodotti esterni all azienda, come fitofarmaci, concimi, attrezzature, macchine agricole. Ciò ha provocato come dato negativo l aumento della quantità e delle tipologie di rifiuti prodotti nello svolgimento dell attività agricola. È anche vero che gli agricoltori sono sempre più consapevoli che la tutela del territorio e la qualità dell ambiente nel quale operano non può prescindere anche dalla gestione dei rifiuti prodotti nella loro attività nel rispetto delle normative vigenti. Pensiamo quindi che questo opuscolo possa costituire un utile riferimento su cosa è necessario fare per gestire correttamente i rifiuti provenienti dall attività agricola, attraverso informazioni sulle tipologie di rifiuti prodotti in azienda, sulle loro caratteristiche e sugli adempimenti previsti dalla legge per lo smaltimento. Andrea Cozzolino Assessore Regionale all Agricoltura e alle Attività Produttive 5

6

7 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALL AZIENDA AGRICOLA La gestione dei rifiuti costituisce un attività di pubblico interesse disciplinata dalla legge (decreto legislativo 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni), al fine di assicurare un elevata protezione dell ambiente e preservare le risorse naturali. Pertanto i rifiuti devono essere recuperati e smaltiti senza pericolo per la salute dell uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all ambiente, ed in particolare: - senza determinare rischi per l acqua, l aria, il suolo, nonché per la fauna e la flora; - senza causare inconvenienti da rumori e odori; - senza danneggiare il paesaggio ed i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente. In questo opuscolo si forniscono esclusivamente alcune indicazioni sui rifiuti derivanti da strutture e dispositivi impiegati nella produzione agricola, dall utilizzo di mezzi tecnici e di macchine agricole, da imballaggi utilizzati nella preparazione e conservazione dei prodotti agricoli. Pertanto non sono fornite indicazioni sui rifiuti urbani e sui rifiuti speciali prodotti in azienda non funzionalmente correlati all attività agricola. I rifiuti derivanti dall attività agricola ed agroindustriale sono classificati, in base alla normativa vigente, come rifiuti speciali e suddivisi in rifiuti non pericolosi e rifiuti pericolosi. RIFIUTI NON PERICOLOSI Si riporta di seguito un elenco dei rifiuti speciali non pericolosi che più frequentemente sono prodotti dall attività agricola: - Rifiuti in polietilene: - teli di copertura di serre e tunnel; - lastre rigide per serre; - film per pacciamatura; - geomembrane per impermeabilizzazione; 7

8 - corde, nastri, cordini agricoli per legature imballaggi; - reti per la raccolta delle olive o per sostegno; - reti antigrandine, ombreggianti, frangivento; - film per insilaggio; - tubi per irrigazione e manichette (a condizione che non siano venuti in contatto con sostanze inquinanti). - CONTENITORI IN POLISTIROLO E IMBALLAGGI COSTITUITI DA MATERIALI MISTI - IMBALLAGGI IN LEGNO - cassette per frutta e verdura; - palletts. - IMBALLAGGI IN PLASTICA - cassette per frutta e verdura; - flaconi e taniche; vasetteria; - film plastici per imballaggi; - sacchi per sementi, mangimi e concimi. - IMBALLAGGI IN CARTA E CARTONE - cassette per frutta e verdura; - scatole in cartone; - sacchi per sementi, mangimi e concimi. - PNEUMATICI USATI - ROTTAMI FERROSI DERIVANTI DALLA MANUTENZIONE - APPARECCHIATURE OBSOLETE O LORO PARTI 8

9 RIFIUTI PERICOLOSI Si riporta di seguito un elenco delle tipologie di rifiuti pericolosi che più frequentemente sono prodotti dall attività agricola: - RIFIUTI VETERINARI (infetti o potenzialmente tali) - FARMACI VETERINARI INUTILIZZATI E/O SCADUTI - PRODOTTI FITOSANITARI (inutilizzati; scaduti; con residui o contenenti sostanze pericolose) - CONTENITORI E IMBALLAGGI CONTENENTI RESIDUI O SOSTANZE PERICOLOSE - FILTRI PER ATOMIZZATORI - BATTERIE ESAUSTE DEI VEICOLI - FILTRI DELL OLIO DEI MOTORI - TUBI FLUORESNTI E LAMPADE CONTENENTI MERCURIO - CONTENITORI DI OLI E LUBRIFICANTI - OLIO DA MOTORE E TRASMISSIONE ESAURITI ATTENZIONE!! Non rientrano nel campo di applicazione della normativa sui rifiuti, in quanto regolati da altre disposizioni normative che assicurano tutela ambientale e sanitaria: - le carogne nonché le materie fecali ed altre sostanze naturali non pericolose utilizzate nell attività agricola; - i materiali vegetali, le terre e il pietrame, non contaminati in misura superiore ai limiti stabiliti dalle norme vigenti, provenienti dalle attività di manutenzione di alvei di scolo ed irrigui; 9

10 - i sottoprodotti dell attività agricola, che derivano dal processo produttivo e che, pur non costituendo l oggetto dell attività principale, scaturiscono in via continuativa dal processo industriale dell impresa stessa e sono destinati ad un ulteriore impiego o consumo, che deve essere certo. I sottoprodotti devono soddisfare requisiti merceologici e di qualità ambientale idonei a garantire che il loro impiego non dia luogo ad emissioni ed impatti ambientali qualitativamente e quantitativamente diversi da quelli autorizzati per l impianto dove sono destinati ad essere utilizzati; non devono essere sottoposti a trattamenti preventivi o a trasformazioni preliminari per soddisfare il requisito precedente, ma li devono possedere sin dalla fase della produzione. Possono essere considerati sottoprodotti le materie fecali e vegetali utilizzate nell attività agricola o in impianti aziendali ed interaziendali per produrre energia o calore o biogas. 10

11 ADEMPIMENTI PER SMALTIRE I RIFIUTI DELL AZIENDA AGRICOLA Predisporre il DEPOSITO TEMPORANEO dei rifiuti Si riportano di seguito gli adempimenti cui attenersi per gestire correttamente i rifiuti provenienti dall attività aziendale. I rifiuti speciali provenienti dall attività agricola, siano essi pericolosi o non pericolosi, dovranno essere raccolti temporaneamente, per gruppi omogenei, in appositi ambienti che posseggano caratteristiche tali da impedire inconvenienti igienico sanitari e, in generale, danni a cose o a persone. Per i rifiuti pericolosi deve essere assicurato il rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute. I rifiuti devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore: - con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalla quantità in deposito; - quando il quantitativo di rifiuti in deposito raggiunga complessivamente i 10 metri cubi nel caso di rifiuti pericolosi o i 20 metri cubi nel caso di rifiuti non pericolosi. In ogni caso, anche quando il quantitativo di rifiuti prodotti in un anno non superi i 10 metri cubi per i rifiuti pericolosi e i 20 metri cubi per i rifiuti non pericolosi, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno. Provvedere allo SMALTIMENTO I rifiuti speciali dell attività agricola potranno poi essere smaltiti secondo le seguenti modalità: - attraverso il servizio pubblico, se esiste una specifica convenzione; oppure - attraverso il conferimento a ditte autorizzate allo smaltimento. Gli oneri relativi allo smaltimento sono a carico del detentore dei rifiuti, siano essi pericolosi o non pericolosi. 11

12 Adempiere agli obblighi previsti per il TRASPORTO Il trasporto dei rifiuti deve essere accompagnato da un formulario di identificazione, in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal detentore dei rifiuti e controfirmato dal trasportatore. Una copia del formulario deve rimanere presso il detentore mentre le altre tre, controfirmate e datate in arrivo dal destinatario, sono acquisite una dal destinatario e due dal trasportatore. Quest ultimo provvede a trasmetterne una copia al detentore. Le copie del formulario devono essere conservate per 5 anni. Il formulario di identificazione viene numerato e vidimato dalle Camere di Commercio territorialmente competenti. Attenzione! Con legge n. 205 del 30 dicembre 2008 sono state introdotte le seguenti semplificazioni: 1) Esonero dalla tenuta del formulario di identificazione Le imprese agricole che effettuano la raccolta e il trasporto dei propri rifiuti speciali (pericolosi e non pericolosi), di origine agricola e agroindustriale, sono esonerate dall obbligo di tenuta del formulario di identificazione per il trasporto purché si verifichino le seguenti condizioni: a) la quantità di tali rifiuti non ecceda i 30 chilogrammi o i 30 litri; b) il trasporto venga effettuato dal produttore dei rifiuti stessi in modo occasionale e saltuario; c) il trasporto sia finalizzato al conferimento al gestore del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani con il quale sia stata stipulata una convenzione. 2) Esonero dall iscrizione all Albo dei gestori ambientali Le imprese agricole che effettuano la raccolta e il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi nonchè le imprese che trasportano i propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedenti trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno, sono esonerate dall iscrizione all Albo gestori ambientali. Il trasporto deve essere esclusivamente finalizzato al conferimento al gestore del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani con il quale sia stata stipulata una convenzione. 12

13 Presentare la DICHIARAZIONE ANNUALE AMBIENTALE Tutte le imprese, comprese quelle agricole, sono tenute a comunicare entro il 30 aprile di ogni anno alle Camere di Commercio territorialmente competenti, le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti, secondo la Dichiarazione Annuale Ambientale (MUD). Sono esonerati da tale obbligo gli imprenditori agricoli con un volume di affari annuo non superiore a 8.000,00. Predisporre il REGISTRO DI CARICO E SCARICO Tutti gli imprenditori agricoli con un volume di affari annuo superiore a 8.000,00, sono obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali pericolosi su cui annotare le quantità e le caratteristiche qualitative degli stessi. I registri, integrati con i formulari relativi al trasporto dei rifiuti, sono conservati per cinque anni dalla data dell ultima registrazione. I soggetti la cui produzione annua di rifiuti non eccede le dieci tonnellate di rifiuti non pericolosi e le due tonnellate di rifiuti pericolosi possono adempiere all obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti anche tramite le organizzazioni di categoria interessate o loro società di servizi, che provvedono ad annotare i dati previsti con cadenza mensile, mantenendo presso la sede dell'impresa copia dei dati trasmessi. 13

14

15 I RIFIUTI MAGGIORMENTE PRESENTI NELL AZIENDA AGRICOLA Sono di seguito riportati i rifiuti che più frequentemente si possono riscontrare nell azienda agricola, distinti in pericolosi e non pericolosi, nonché alcune informazioni per il loro corretto recupero e smaltimento. Ogni rifiuto è identificato da un numero di Codice Catalogo Europeo dei Rifiuti (R). RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI Tipo di rifiuto Cosa deve fare Come recuperare Consorzi pericoloso l agricoltore o smaltire il Nazionali rifiuto DA UTILIZZO DI MACCHINE AGRICOLE Batterie al piombo (R ) Filtri olio e motore (R ) Conservare le batterie esauste in modo da evitare sversamenti o dispersioni nell ambiente di liquidi. Stoccaggio in contenitori a tenuta, per eliminare rischi di rottura e versamenti, provvisti di: - chiusure atte ad impedire la fuoriuscita del contenuto; - apposita etichettatura in base alle norme vigenti in materia di imballaggio e rifiuti pericolosi. Avvio al recupero tramite il Consorzio Obbligatorio Batterie al Piombo e Rifiuti Piombosi (COBAT). Bonifica e successivo smaltimento in impianti autorizzati dove verrà recuperata la frazione metallica. Consorzio Obbligatorio Batterie al Piombo (COBAT) Consorzio Obbligatorio Oli Usati (COOU) Tubi fluorescenti e lampade contenenti mercurio (R ) Provvedere al loro imballaggio, depositandoli in appositi scatoloni in modo da evitarne la rottura durante il trasporto. Avvio al recupero secondo le modalità indicate dalla Ditta fornitrice. 15

16 RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI Olio da motore e trasmissione esauriti (R ) Stoccarli, prima del conferimento, in contenitori a tenuta, adatti ad eliminare rischi di rottura e sversamenti. I contenitori devono essere provvisti di: - chiusure atte ad impedire la fuoriuscita del contenuto; - accessori e dispositivi atti ad effettuare il riempimento e lo svuotamento in condizioni di sicurezza; - apposita etichettatura in base alle norme vigenti in materia di imballaggio e rifiuti pericolosi. Il contenitore utilizzato per lo stoccaggio deve a sua volta essere depositato all interno di altro contenitore di pari capacità. Avvio al recupero tramite il COOU per la produzione di oli rigenerati. COOU Contenitori oli e lubrificanti (R ) Rifiuti veterinari infetti (R ) Stoccarli, prima del conferimento, in contenitori a tenuta, adatti ad eliminare rischi di rottura e sversamenti o in locali con requisiti tali da impedire la dispersione. Prendere preventivamente contatto con il Centro di raccolta. Confezionarli in contenitori appositi messi a disposizione dal Centro di Raccolta. Avviati al recupero e allo smaltimento previo stoccaggio in adeguati depositi temporanei. Termodistruzione mediante incenerimento. Devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni. COOU 16

17 RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI Farmaci veterinari inutilizzati e/o scaduti (R ) Confezionarli in contenitori apposti messi a disposizione dal Centro di Raccolta. Termodistruzione mediante incenerimento. Devono essere raccolti e smaltiti. Prodotti fitosanitari inutilizzati, scaduti; con residui o contenenti sostanze pericolose (R ) Contenitori e imballaggi contenenti residui o sostanze pericolose (R ) Prendere preventivamente contatto con il Centro di Raccolta per concordare le modalità di confezionamento e conferimento. Prendere preventivamente contatto con il Centro di Raccolta per concordare le modalità di confezionamento e conferimento. Filtri per atomizzatori (R ) Prendere preventivamente contatto con il Centro di Raccolta per concordare le modalità di confezionamento e conferimento. 17

18 RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Tipo di rifiuto Cosa deve fare Come recuperare Consorzi non pericoloso l agricoltore o smaltire il Nazionali rifiuto DERIVANTI DA UTILIZZO DI STRUTTURE E DISPOSITIVI IMPIEGATI NELLA PRODUZIONE AGRICOLA Rifiuti plastici (esclusi imballaggi): - teli di copertura per serre e tunnel; - lastre rigide per serre; - film per pacciamatura; - geomembrane per impermeabilizzazione; - corde, nastri, cordino agricolo per legature imballaggi; - reti per raccolta olive o per sostegno; - reti antigrandine, ombreggianti o frangivento; - film per insilaggio; - tubi per irrigazione e manichette. (R ) Effettuare una sommaria pulizia del materiale plastico per eliminare eventuali residui fangosi e consegnare il materiale piegato e possibilmente legato. Avvio al recupero per la produzione di manufatti in plastica riciclata. Consorzio per il riciclaggio dei beni in polietilene (POLIECO) RIFIUTI DERIVANTI DA UTILIZZO DI MEZZI TECNICI, PREPARAZIONE E CONSERVAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI Contenitori di polistirolo e imballaggi in materiali misti (R ) Effettuare una sommaria pulizia per eliminare la terra e il materiale fangoso. Accertarsi che il centro di conferimento sia autorizzato a ricevere i contenitori di polistirolo in quanto dotato di apposito compattatore. 18 Avvio al recupero per la produzione di materiali isolanti da utilizzare in edilizia. Consorzio nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi a base cellolosica (COMIECO) Consorzio recupero imballaggi (CONAI)

19 RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Imballaggi in legno - Cassette per frutta e verdura/palletts. (R ) Effettuare una sommaria pulizia per eliminare la terra e il materiale fangoso. Accertarsi che il centro di conferimento sia autorizzato a ricevere i contenitori di legno, considerati idonei al riciclaggio. Avvio al recupero. Consorzio per la raccolta, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi di legno (RILEGNO) Imballaggi in plastica - Cassette per frutta e verdura/flaconi e taniche/vasetteria/fi lm plastici per imballaggi/sacchi per sementi,mangimi e concimi. (R ) Eliminare la terra e il materiale fangoso. Accertarsi che il centro di conferimento sia autorizzato a ricevere i contenitori in plastica, considerati idonei al riciclaggio. Avvio al recupero. Consorzio per la raccolta, il recupero ed il riciclo dei rifiuti di imballaggi in plastica (COREPLA) CONAI Imballaggi di carta e cartoni - Cassette per frutta e verdura/scatole in cartone/sacchi per sementi, mangimi e concimi. (R ) Eliminare la terra e il materiale fangoso. Pressare il materiale, legarlo e depositarlo in locale idoneo per il riciclaggio e riutilizzo. Avvio al recupero. RIFIUTI DERIVANTI DA UTILIZZO DI MACCHINE AGRICOLE Pneumatici usati (R ) Eliminare la terra e il materiale fangoso. Messa in deposito e consegna alle ditte specializzate. Avvio al recupero presso industrie di riutilizzo. Consorzio recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica (COMIECO) Rottami ferrosi derivanti dalla manutenzione (R ) Messa in deposito e consegna alle ditte specializzate. Avvio al recupero presso industrie di riutilizzo. Apparecchiature obsolete o loro parti (R ) Messa in deposito e consegna alle ditte specializzate. Avvio al recupero presso industrie di riutilizzo. 19

20 ATTENZIONE!!!! Chiunque ometta di adempiere a tutti gli obblighi previsti in materia di rifiuti è soggetto alle sanzioni amministrative e penali previsti dalla legge (Dlgvo 152/2006 e ss.mm. ii e legge n. 210 del 30 dicembre 2008). Per ulteriori informazioni sulle corrette modalità di raccolta, trasporto, trattamento e smaltimento dei rifiuti speciali agricoli è possibile rivolgersi alla Provincia, al Comune in cui ha sede l azienda agricola e/o all Assessorato all Ambiente della Regione Campania Settori Provinciali Tutela dell Ambiente, di seguito indicati: Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Avellino Tel Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Benevento Tel Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Caserta Tel Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Napoli Tel Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Salerno Tel Normativa di riferimento - Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 recante Norme in materia ambientale (Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14/04/06) - Decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante Norme in materia ambientale - Legge 30 dicembre 2008, n. 205 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 3 novembre 2008, n. 171, recante misure urgenti per il rilancio competitivo del settore agroalimentare. - Legge 30 dicembre 2008, n. 210 Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 6 novembre 2008, n. 172, recante misure straordinarie per fronteggiare l emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione Campania, nonché misure urgenti di tutela ambientale. 20

21 LE PRINCIPALI SANZIONI IN CUI SI INCORRE PER IL MANCATO RISPETTO DELLA NORMATIVA Si riportano di seguito le principali sanzioni in cui si incorre nel caso di mancato rispetto del Dlgvo 152/2006, ai sensi del Titolo I (Gestione dei rifiuti) e del Titolo VI (Sistema sanzionatorio e disposizioni transitorie e finali). Ulteriori sanzioni amministrative e penali sono previste dalla legge n. 210 del 30 dicembre (PMR si riferisce al pagamento in misura ridotta) CONDOTTA Comunicazione omessa, incompleta o inesatta alla Camera di Commercio (MUD) Comunicazione Camera di Commercio (MUD) effettuata entro i 60 giorni dalla scadenza stabilita Comunicazione MUD formalmente incompleta o inesatta ma ricostruibile da altre scritture contabili Omessa od incompleta tenuta dei registri di carico/scarico per rifiuti non pericolosi in imprese con 15 o più dipendenti Omessa od incompleta tenuta dei registri di carico/scarico per rifiuti pericolosi in imprese con 15 o più dipendenti ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art. 189, comma 3 Art. 189, comma 3 Art. 189, comma 3 Art. 190, comma 1 Art. 190, comma 1 Art. 258 comma 1 Art. 258 comma 1 Art. 258 comma 5 Art. 258 comma 2 Art. 258 comma 2 Amministrativa da a (PMR 5.166) Amministrativa da. 26 a. 160 (PMR 52) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) Amministrativa da a (PMR 5.166) Amministrativa da a (PMR ) Sospensione da 1 mese a 1 anno dalla carica rivestita dal responsabile e dalla carica di amministratore PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA 21

22 CONDOTTA Omessa od incompleta tenuta dei registri di carico/scarico per rifiuti non pericolosi in imprese con meno di 15 dipendenti Omessa od incompleta tenuta dei registri di carico/scarico per rifiuti pericolosi in imprese con meno di 15 dipendenti Tenuta dei registri di carico/scarico con dati formalmente incompleti o inesatti ma comunque ricostruibili da altre scritture contabili Registri di carico e scarico non presenti e/o conservati presso la sede dell impianto di produzione/ge stione Formulari non conservati e allegati ai registri di carico/scarico presso la sede dell impianto di produzione/ge stione ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art. 190, comma 1 Art. 190, comma 1 Art. 190, comma 1 Art. 190, comma 3 Art. 193, comma 2 Art. 258 comma 3 Art. 258 comma 3 Art. 258 comma 5 Art. 258 comma 5 Art. 258 comma 5 Amministrativa da a (PMR 2.066) Amministrativa da a (PMR 4.133) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA 22

23 CONDOTTA Trasporto di rifiuti non pericolosi senza formulario di identificazione dei rifiuti previsto da art.193 Trasporto di rifiuti pericolosi senza formulario di identificazione dei rifiuti FIR Trasporto di rifiuti non pericolosi con formulario incompleto o inesatto Trasporto di rifiuti non pericolosi con FIR incompleto o inesatto ma contenente tutte le informazioni per ricostruire gli elementi mancanti Trasporto di rifiuti pericolosi con indicazioni di dati incompleti o inesatti nel formulario (Non si applica l ipotesi minore prevista dall art. 258 c. 5) ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art. 193, comma 1 e comma 2 Art. 193, comma 1 Art. 258 comma 4 secondo capoverso Art. 193 comma 1 e comma 2 Art. 193 comma 1 e comma 2 Art. 193 comma 1, Art. 258 comma 4 secondo capoverso Art. 258 comma 4 prima parte prima ipotesi Art. 483 Codice Penale. (richiamo quoad poenam) Art 258 comma 4 prima parte, seconda ipotesi Art 258 comma 5 secondo capoverso Art. 483 Codice Penale (richiamo quoad poenam) Amministrativa da a (PMR 3.100) Penale con reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall art.483 CP) Oblazione non ammessa Amministrativa da a (PMR 3.100) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) Penale con reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall art.483 Codice Penale) Oblazione non ammessa Art. 259 comma 2 Con la sentenza di condanna o di patteggiament o, il giudice dispone obbligatoriamen te la confisca. Art. 259 comma 2 Con la sentenza di condanna o di patteggiamento, il giudice dispone obbligatoriamente la confisca. PROVINCIA Autorità Giudiziaria PROVINCIA PROVINCIA Autorità Giudiziaria 23

24 CONDOTTA False indicazioni nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti (natura e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti) o uso di certificato falso durante il trasporto Abbandono o deposito in modo incontrollato dei propri rifiuti (non pericolosi/ pericolosi) sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque, da parte di privato ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art 258 comma 4 terzo capoverso parte prima Art 258 comma 4 terzo capoverso parte seconda Art. 192 comma 1 o 2 Art. 483 Codice Penale (richiamo quoad poenam) Art 255 comma 1 in rel. all art. 192 comma 1 Penale con Reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall art.483 CP) Oblazione non ammessa Amministrativa da. 105 a.620 (PMR 206) Ipotesi minore per abbandono di rifiuti non pericolosi e non ingombranti sul suolo da. 25 a. 155 (PMR 50) Art. 35 C.P. Art. 259 c. 2 Con la sentenza di condanna o di patteggiamento, il giudice dispone obbligatoriamente la confisca. Art. 192 comma 3 Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa Autorità Giudiziaria PROVINCIA/CO MUNE Il Sindaco dispone con Ordinanza le operazioni a tal fine necessarie e il termine entro cui provvedere, decorso il quale procede all esecuzione in danno dei soggetti obbligati e al recupero delle somme anticipate. Per omessa ottemperanza all ordinanza è prevista la sanzione penale di cui all art. 255, comma 3 (arresto fino ad un anno). 24

25 CONDOTTA Abbandono o deposito incontrollato sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque di rifiuti non pericolosi da parte del titolare di impresa o responsabile di ente Abbandono o deposito incontrollato sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque di rifiuti pericolosi da parte di titolare di impresa o responsabile di ente ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art. 192 comma 1 o 2 Art. 192 comma 1 o 2 Art. 256 comma 2 in relazione alla pena di cui all art. 256 comma 1 lett. a) Art. 256 comma 2 in relazione alla pena di cui all art. 256 comma 1 lett. b) Penale (con arresto da 3 mesi ad un anno) oppure ammenda da a Oblazione ammessa (1/ ) Penale con arresto da 6 mesi a due anni e ammenda da a Oblazione ammessa Art. 192 comma 3 Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa Art. 192 comma 3 Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa Autorità Giudiziaria Autorità Giudiziaria 25

26

27 ELENCO DELLE DITTE AUTORIZZATE IN CAMPANIA ALLO SMALTIMENTO E AL RECUPERO DEI RIFIUTI (al 2 aprile 2009) Ditte autorizzate*, con procedura ordinaria, ai sensi dell art. 208 del D.lgvo 152/2006 allo smaltimento e al recupero di rifiuti. Per ciascuna ditta nella tabella è indicato il recapito e le operazioni di smaltimento e/o di recupero che effettua (per le descrizioni vedi legenda). Ditta Provincia Indirizzo Operazioni di smaltimento/recupero Codice Imballaggi in plastica ECOSUMMA srl NA Via Angrisani 10 Somma Vesuviana R13 EDIL CAVA S.M. La Bruna NA Via Campanariello Torre Del Greco R13 D13 D14 D15 F.lli BALSAMO srl NA Viale Europa Torre del Greco R13 D15 LA CAMPANIA MARO srl NA Trav. Russo ss.87 Casoria D15 R3 R13 MASTELLONE ALDO & C. NA Via Volpicella 100 Napoli R13 D15 SMALTECO srl NA Via Graziano, 19 Arzano R13 D15 T.ECO srl NA Via Montebarbaro 1/bis Pozzuoli D15 TR. IN. CO. N.E. srl NA Via Montebarbaro 1/bis Pozzuoli D15 AMBIENTE srl NA Via Ponte delle Tavole S. Vitaliano AN. CA. PLASTICA srl NA Via Cannola al Trivio, 24 Napoli R3 R13 D15 DE VITA MARIA & FIGLI snc NA Via Circumvallaz. Esterna 124 Qualiano R13 D15 DELTA CHIMICA srl NA SS. Sannitica 87 km 17,6 Caivano R3 R13 D15 DI GENNARO spa NA Loc. Pascarola Zona ASI Caivano ECO AMBIENTE srl NA Area ASI - Via 4 Novembre Casoria R13 D15 ECOCART srl NA Via Masseria dell Agnolo, 19 Arzano R13 ECOLOGIA BRUSCINO srl NA Via 40 Moggi S. Vitaliano ECOLOGIA ITALIANA srl NA Loc. Pantano zona ASI Acerra R13 D15 ECOLOGICA SUD srl NA Viale della Resistenza, 122 Calvizzano R13 D15 CITTÀ DI LEONIA Soc. Coop NA Via Vicinale Rondinelle Napoli ECOPLASTICA ABATESE NA Via Casoni Marna, 8 S. Antonio Abate R13 R5 RAMOIL spa NA Via Filichito 16 Casalnuovo R3 D10 D15 LANGELLA MARIO srl NA Via Palazziello, 70 Volla R3 R13 ENERTRADE srl Area ASI Agglomerato S. Marco E.-Marcianise R13 R3 D13 D14 D15 ERREPLAST srl Zona ASI Gricignano d Aversa R3 R13 Il SIDE srl Via Superstrada 264 Triflisco Km Bellona R13 D15 IPCO SUD srl Zona ASI Marcianise R3 R13 PROGEST spa Via della Stazione Zona ASI Gricignano d Aversa R 3 R13 D13 D14 D15 SRI srl Zona ASI Gricignano d Aversa R 13 DES srl Fraz. S. Clemente Caserta R13 DOLER FER sas Via A. Volta, 63 S. Arpino di Caserta R13 D15 ECOPARTENOPE srl Zona ASI Marcianise R13 ECOSUMMA srl Via Appia Zona PIP Francolise R13 * N.B.: elenco in via di aggiornamento. 27

MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Normativa di Riferimento

MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Normativa di Riferimento MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Normativa di Riferimento La normativa di riferimento in materia di gestione di rifiuti è il Codice dell ambiente, DLgs 152/2006 e successive

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

La gestione dei rifiuti agricoli

La gestione dei rifiuti agricoli La gestione dei rifiuti agricoli Note operative «Attività di informazione anno 2008 che è stata oggetto di richiesta di finanziamento sulla misura 111 del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI INTRODUZIONE Per accedere al servizio di raccolta rifiuti agricoli è necessario stipulare una convenzione con Alisea Spa. Tale convenzione

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 Agg. n 1/11 CHE art. 192 commi 1-2 art. 192 commi 1-2 art. 226 art. 231 commi 1-2 art. 231 art. 255 art. 255 art. 231 art. 255 Abbandono o deposito incontrollato

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

RIFIUTI SPECIALI AGRICOLI

RIFIUTI SPECIALI AGRICOLI LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGRICOLI Potenza 10 Maggio 2012 1 Giuseppe Mele AMBASCIATOR NON PORTA PENE! Responsabile "AGRICOLTURA BIOLOGICA E AREE PROTETTE Giuseppe.mele@alsia.it 2 3 4 LA CORRETTA

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ AGRICOLE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ AGRICOLE PROVINCIA DI VICENZA ENTE DI BACINO VI 1 ENTE DI BACINO VI 2 ENTE DI BACINO VI 3 ENTE DI BACINO VI 4 ENTE DI BACINO VI 5 ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA: FEDERAZIONE PROVINCIALE COLDIRETTI DI VICENZA CONFEDERAZIONE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna

L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna Giuseppe Liuzzi Servizio Pianificazione, Ambiente e Politiche Culturali Convegno 4/4/214 Sede Reggio Emilia Rifiuti agricoli: dall esperienza

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI RIFIUTI SPECIALI NON ASSIMILATI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI RIFIUTI SPECIALI NON ASSIMILATI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI RIFIUTI SPECIALI NON ASSIMILATI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE Tra: L Associazione di Categoria Unione Provinciale Agricoltori di Ancona con sede legale in Ancona, Corso

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI PROVINCIA DI BARI Servizio Rifiuti Via Positano n. 4 Bari 70121 Tel. 080/5412182 Fax 080/5412184 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Dirigente: Incaricata di P.O.: Ing. Vincenzo GUERRA

Dettagli

Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale

Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale Come ogni attività umana l agricoltura crea un impatto sull ambiente derivante da tutte le attività svolte in

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Precauzioni per l ambiente

Precauzioni per l ambiente Precauzioni per l amiente DOMANDE &RISPOSTE 86 L impiego dei prodotti fitosanitari può causare danni all amiente? a no, se il prodotto non è molto tossico sì, possono contaminare il s u o l o, l aria,

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

RIFIUTI AGRICOLI Esclusioni Il Deposito temporaneo dei rifiuti Evo v l o u l z u ion o e n Am m ie i nt n e t Con o s n ul u en e za z a e e Fo F rm

RIFIUTI AGRICOLI Esclusioni Il Deposito temporaneo dei rifiuti Evo v l o u l z u ion o e n Am m ie i nt n e t Con o s n ul u en e za z a e e Fo F rm RIFIUTI AGRICOLI I rifiuti derivanti da attività agricole e agro-industriali sono normati, come tutti i rifiuti, dal Dlgs 152/2006. Detti rifiuti sono classificati come rifiuti speciali (art. 184, comma

Dettagli

LE GUIDE LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE AZIENDE AGRICOLE INSERTO AL N. 14 DEL 10-16 APRILE 2014. 2014 Copyright Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l.

LE GUIDE LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE AZIENDE AGRICOLE INSERTO AL N. 14 DEL 10-16 APRILE 2014. 2014 Copyright Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l. LE GUIDE de INSERTO AL N. 14 DEL 10-16 APRILE 2014 LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE AZIENDE AGRICOLE GESTIONE DEI RIFIUTI IN AGRICOLTURA La classificazione dei rifiuti è condizione necessaria per una corretta

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ORDINANZA N. ^% del 29 -U,iL Oggetto: Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi depositati in modo incontrollato -

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

03Supplemento. al numero 31. di Agrifoglio. appunti. Agrifoglio. La gestione dei rifiuti in agricoltura

03Supplemento. al numero 31. di Agrifoglio. appunti. Agrifoglio. La gestione dei rifiuti in agricoltura al numero 31 03Supplemento di Agrifoglio Agrifoglio appunti La gestione dei rifiuti in agricoltura Perché un opuscolo sulla gestione dei rifiuti in agricoltura? L a normativa vigente in materia di rifiuti

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

Norme in materia ambientale

Norme in materia ambientale Prontuario illeciti ambientali Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 G.U. n. 88 del 14.04.2006, Suppl. Ord. N. 96/L Norme in materia ambientale Confronti tra le vecchie e le nuove normative A cura

Dettagli

6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo

6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo 6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI e gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo NORMA DI RIFERIMENTO D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale Parte quarta Norme in materia

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE. REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE. REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014 Il D.lgs 22/97 (c.d. Decreto Ronchi) introduce novità significative nella gestione dei rifiuti, rispetto a un passato

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 31/I-II del 30/07/2013 / Amtsblatt Nr. 31/I-II vom 30/07/2013 77 85394 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Le problematiche ambientali nell attività agricola

Le problematiche ambientali nell attività agricola Le problematiche ambientali nell attività agricola controlli; verifiche ispettive; apparato sanzionatorio; appunti e riferimenti normativi a cura di: Ten. Alberto Casoni San Ginesio li 12/02/2005 1 RIFIUTI

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

Coldiretti rappresentata dal Presidente Ennio Fazio; Confagricoltura rappresentata dal Direttore della FederLiguria Antonio Michelucci; PREMESSO CHE

Coldiretti rappresentata dal Presidente Ennio Fazio; Confagricoltura rappresentata dal Direttore della FederLiguria Antonio Michelucci; PREMESSO CHE ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI La Regione Liguria, in persona dell Assessore all Ambiente Roberto Levaggi, a ciò delegato con deliberazione della Giunta regionale n. 1383 in

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO I RIFIUTI Sommario: 1. Quadro normativo di riferimento. - 2. La definizione di rifiuto. - 3. Classificazione dei rifiuti. - 4. Limiti al campo di applicazione della disciplina del D.Lgs.

Dettagli

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n.

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n. DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 NORME IN MATERIA AMBIENTALE PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO Comune di Toscolano-Maderno CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO CHE COS È Il CENTRO DI RACCOLTA comunale o intercomunale (o isola ecologica ) è un area presidiata ed allestita ove si svolge

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas)

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas) Le criticità della normativa per la raccolta e la gestione dei rifiuti in agricoltura:dal deposito temporaneo alla combustione controllata dei residui agricoli a cura MATTEO MILANESI peragrinsieme Reggio

Dettagli

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale 21^ Giornata di Studio della Polizia Locale Veneto 55^ Edizione Nazionale Jesolo (VE) - 10, 11 aprile 2014 Pala Arrex - Sala Palladio

Dettagli

Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi

Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi La normativa di riferimento a livello nazionale in materia di rifiuti è rappresentata dal Decreto legislativo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER UNA MIGLIORE GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI AI SENSI DELL ART. 206 DEL D.LGS 152/06 E S.M.I.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER UNA MIGLIORE GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI AI SENSI DELL ART. 206 DEL D.LGS 152/06 E S.M.I. ACCORDO DI PROGRAMMA PER UNA MIGLIORE GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI AI SENSI DELL ART. 206 DEL D.LGS 152/06 E S.M.I. Visto: il D.Lgs n. 152 del 3 aprile 2006, e sue successive modifiche la vigente definizione

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

-PROVINCIA DI FOGGIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE. tra

-PROVINCIA DI FOGGIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE. tra -PROVINCIA DI FOGGIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE tra PROVINCIA DI FOGGIA (di seguito Provincia) CONSORZIO GESTIONE RIFIUTI AGRICOLI di Foggia (di seguito

Dettagli

Capitolato speciale d appalto per il servizio di gestione integrata rifiuti agricoli

Capitolato speciale d appalto per il servizio di gestione integrata rifiuti agricoli Capitolato speciale d appalto per il servizio di gestione integrata rifiuti agricoli Art. 1 Finalità e oggetto dell appalto Il presente appalto ha ad oggetto l effettuazione del servizio di raccolta, trasporto

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Approvato con Delib. C.C. n. 37 del 27.3.2012 Testo coordinato approvato con Delib. C.C. n. _ del _] Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 1 COMUNE D'EUROPA CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO SETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ecologia e Ambiente REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA

NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA Art. 1 - Organi preposti al controllo In attuazione di quanto disposto dal Decreto Legislativo 05/02/1997 n 22

Dettagli

COMUNE DI DECOLLATURA

COMUNE DI DECOLLATURA COMUNE DI DECOLLATURA ORDINANZA N.29 DELL 8.11.2010 ( PROVINCIA DI CATANZARO) Tel. 0968/61169 fax. 0968/61247 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO per le UTENZE DOMESTICHE RITENUTO necessario adottare apposito

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014 C I T T A D I U G E N T O PROVINCIA DI LECCE Ordinanza n. 08 /2014 Oggetto. Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi e rifiuti urbani in modo incontrollato-

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente Città di Benevento Ufficio Ambiente REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente INDICE ARTICOLO 1 Campo di applicazione ARTICOLO 2 Finalità ARTICOLO 3 informazioni e comunicazioni all utente ARTICOLO

Dettagli

Aspetti ambientali della manutenzione

Aspetti ambientali della manutenzione Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011 Indice della presentazione Inquadramento

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it Per informazioni Servizio Clienti 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00 alle.00, dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata apagamento, costi variabili in base all operatore e al profilo

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014 Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio, Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Pietro in Casale, San

Dettagli

Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche)

Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche) Calendario Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio,Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche)

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it Per informazioni Servizio Clienti 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00 alle.00, dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata apagamento, costi variabili in base all operatore e al profilo

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Allegato A) Delibera Giunta Comunale n. 79 del 03.07.2009 Comune di Castelvetro Piacentino Provincia di Piacenza Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Approvato

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO per la gestione del centro comunale di raccolta rifiuti urbani e assimilati * * * * * (Approvato con deliberazione consiliare n 36 del 30/05/2014)

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli