RACCOLTA E SMALTIMENTO DI ALCUNI TIPI DI RIFIUTI PRODOTTI DALL AZIENDA AGRICOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RACCOLTA E SMALTIMENTO DI ALCUNI TIPI DI RIFIUTI PRODOTTI DALL AZIENDA AGRICOLA"

Transcript

1 RACCOLTA E SMALTIMENTO DI ALCUNI TIPI DI RIFIUTI PRODOTTI DALL AZIENDA AGRICOLA

2 A cura del Settore Sperimentazione, Informazione, Ricerca e Consulenza in Agricoltura - Assessorato all Agricoltura e alle Attività Produttive Hanno collaborato: STAPA CePICA di Salerno Settore Tutela dell Ambiente - Assessorato all Ambiente

3 Sommario Presentazione Pag. 5 Classificazione dei rifiuti prodotti dall azienda agricola 7 Adempimenti per smaltire i rifiuti dell azienda agricola 11 I rifiuti maggiormente presenti nell azienda agricola 15 Le principali sanzioni in cui si incorre per il mancato rispetto della normativa 21 Elenco delle ditte autorizzate in Campania allo smaltimento e al recupero dei rifiuti 27 Legenda del codice di attività delle ditte autorizzate 46 3

4

5 Presentazione Lo sviluppo del sistema produttivo agricolo negli ultimi anni ha determinato notevoli cambiamenti nel settore sia per quanto riguarda le scelte produttive che per i mezzi impiegati nella produzione. Mentre in passato l azienda agricola chiudeva al suo interno i propri cicli produttivi oggi, allo scopo di intensificare le produzioni e rendere più rapide ed efficienti le pratiche agricole, è diventato sempre maggiore il ricorso a prodotti esterni all azienda, come fitofarmaci, concimi, attrezzature, macchine agricole. Ciò ha provocato come dato negativo l aumento della quantità e delle tipologie di rifiuti prodotti nello svolgimento dell attività agricola. È anche vero che gli agricoltori sono sempre più consapevoli che la tutela del territorio e la qualità dell ambiente nel quale operano non può prescindere anche dalla gestione dei rifiuti prodotti nella loro attività nel rispetto delle normative vigenti. Pensiamo quindi che questo opuscolo possa costituire un utile riferimento su cosa è necessario fare per gestire correttamente i rifiuti provenienti dall attività agricola, attraverso informazioni sulle tipologie di rifiuti prodotti in azienda, sulle loro caratteristiche e sugli adempimenti previsti dalla legge per lo smaltimento. Andrea Cozzolino Assessore Regionale all Agricoltura e alle Attività Produttive 5

6

7 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALL AZIENDA AGRICOLA La gestione dei rifiuti costituisce un attività di pubblico interesse disciplinata dalla legge (decreto legislativo 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni), al fine di assicurare un elevata protezione dell ambiente e preservare le risorse naturali. Pertanto i rifiuti devono essere recuperati e smaltiti senza pericolo per la salute dell uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all ambiente, ed in particolare: - senza determinare rischi per l acqua, l aria, il suolo, nonché per la fauna e la flora; - senza causare inconvenienti da rumori e odori; - senza danneggiare il paesaggio ed i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente. In questo opuscolo si forniscono esclusivamente alcune indicazioni sui rifiuti derivanti da strutture e dispositivi impiegati nella produzione agricola, dall utilizzo di mezzi tecnici e di macchine agricole, da imballaggi utilizzati nella preparazione e conservazione dei prodotti agricoli. Pertanto non sono fornite indicazioni sui rifiuti urbani e sui rifiuti speciali prodotti in azienda non funzionalmente correlati all attività agricola. I rifiuti derivanti dall attività agricola ed agroindustriale sono classificati, in base alla normativa vigente, come rifiuti speciali e suddivisi in rifiuti non pericolosi e rifiuti pericolosi. RIFIUTI NON PERICOLOSI Si riporta di seguito un elenco dei rifiuti speciali non pericolosi che più frequentemente sono prodotti dall attività agricola: - Rifiuti in polietilene: - teli di copertura di serre e tunnel; - lastre rigide per serre; - film per pacciamatura; - geomembrane per impermeabilizzazione; 7

8 - corde, nastri, cordini agricoli per legature imballaggi; - reti per la raccolta delle olive o per sostegno; - reti antigrandine, ombreggianti, frangivento; - film per insilaggio; - tubi per irrigazione e manichette (a condizione che non siano venuti in contatto con sostanze inquinanti). - CONTENITORI IN POLISTIROLO E IMBALLAGGI COSTITUITI DA MATERIALI MISTI - IMBALLAGGI IN LEGNO - cassette per frutta e verdura; - palletts. - IMBALLAGGI IN PLASTICA - cassette per frutta e verdura; - flaconi e taniche; vasetteria; - film plastici per imballaggi; - sacchi per sementi, mangimi e concimi. - IMBALLAGGI IN CARTA E CARTONE - cassette per frutta e verdura; - scatole in cartone; - sacchi per sementi, mangimi e concimi. - PNEUMATICI USATI - ROTTAMI FERROSI DERIVANTI DALLA MANUTENZIONE - APPARECCHIATURE OBSOLETE O LORO PARTI 8

9 RIFIUTI PERICOLOSI Si riporta di seguito un elenco delle tipologie di rifiuti pericolosi che più frequentemente sono prodotti dall attività agricola: - RIFIUTI VETERINARI (infetti o potenzialmente tali) - FARMACI VETERINARI INUTILIZZATI E/O SCADUTI - PRODOTTI FITOSANITARI (inutilizzati; scaduti; con residui o contenenti sostanze pericolose) - CONTENITORI E IMBALLAGGI CONTENENTI RESIDUI O SOSTANZE PERICOLOSE - FILTRI PER ATOMIZZATORI - BATTERIE ESAUSTE DEI VEICOLI - FILTRI DELL OLIO DEI MOTORI - TUBI FLUORESNTI E LAMPADE CONTENENTI MERCURIO - CONTENITORI DI OLI E LUBRIFICANTI - OLIO DA MOTORE E TRASMISSIONE ESAURITI ATTENZIONE!! Non rientrano nel campo di applicazione della normativa sui rifiuti, in quanto regolati da altre disposizioni normative che assicurano tutela ambientale e sanitaria: - le carogne nonché le materie fecali ed altre sostanze naturali non pericolose utilizzate nell attività agricola; - i materiali vegetali, le terre e il pietrame, non contaminati in misura superiore ai limiti stabiliti dalle norme vigenti, provenienti dalle attività di manutenzione di alvei di scolo ed irrigui; 9

10 - i sottoprodotti dell attività agricola, che derivano dal processo produttivo e che, pur non costituendo l oggetto dell attività principale, scaturiscono in via continuativa dal processo industriale dell impresa stessa e sono destinati ad un ulteriore impiego o consumo, che deve essere certo. I sottoprodotti devono soddisfare requisiti merceologici e di qualità ambientale idonei a garantire che il loro impiego non dia luogo ad emissioni ed impatti ambientali qualitativamente e quantitativamente diversi da quelli autorizzati per l impianto dove sono destinati ad essere utilizzati; non devono essere sottoposti a trattamenti preventivi o a trasformazioni preliminari per soddisfare il requisito precedente, ma li devono possedere sin dalla fase della produzione. Possono essere considerati sottoprodotti le materie fecali e vegetali utilizzate nell attività agricola o in impianti aziendali ed interaziendali per produrre energia o calore o biogas. 10

11 ADEMPIMENTI PER SMALTIRE I RIFIUTI DELL AZIENDA AGRICOLA Predisporre il DEPOSITO TEMPORANEO dei rifiuti Si riportano di seguito gli adempimenti cui attenersi per gestire correttamente i rifiuti provenienti dall attività aziendale. I rifiuti speciali provenienti dall attività agricola, siano essi pericolosi o non pericolosi, dovranno essere raccolti temporaneamente, per gruppi omogenei, in appositi ambienti che posseggano caratteristiche tali da impedire inconvenienti igienico sanitari e, in generale, danni a cose o a persone. Per i rifiuti pericolosi deve essere assicurato il rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute. I rifiuti devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore: - con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalla quantità in deposito; - quando il quantitativo di rifiuti in deposito raggiunga complessivamente i 10 metri cubi nel caso di rifiuti pericolosi o i 20 metri cubi nel caso di rifiuti non pericolosi. In ogni caso, anche quando il quantitativo di rifiuti prodotti in un anno non superi i 10 metri cubi per i rifiuti pericolosi e i 20 metri cubi per i rifiuti non pericolosi, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno. Provvedere allo SMALTIMENTO I rifiuti speciali dell attività agricola potranno poi essere smaltiti secondo le seguenti modalità: - attraverso il servizio pubblico, se esiste una specifica convenzione; oppure - attraverso il conferimento a ditte autorizzate allo smaltimento. Gli oneri relativi allo smaltimento sono a carico del detentore dei rifiuti, siano essi pericolosi o non pericolosi. 11

12 Adempiere agli obblighi previsti per il TRASPORTO Il trasporto dei rifiuti deve essere accompagnato da un formulario di identificazione, in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal detentore dei rifiuti e controfirmato dal trasportatore. Una copia del formulario deve rimanere presso il detentore mentre le altre tre, controfirmate e datate in arrivo dal destinatario, sono acquisite una dal destinatario e due dal trasportatore. Quest ultimo provvede a trasmetterne una copia al detentore. Le copie del formulario devono essere conservate per 5 anni. Il formulario di identificazione viene numerato e vidimato dalle Camere di Commercio territorialmente competenti. Attenzione! Con legge n. 205 del 30 dicembre 2008 sono state introdotte le seguenti semplificazioni: 1) Esonero dalla tenuta del formulario di identificazione Le imprese agricole che effettuano la raccolta e il trasporto dei propri rifiuti speciali (pericolosi e non pericolosi), di origine agricola e agroindustriale, sono esonerate dall obbligo di tenuta del formulario di identificazione per il trasporto purché si verifichino le seguenti condizioni: a) la quantità di tali rifiuti non ecceda i 30 chilogrammi o i 30 litri; b) il trasporto venga effettuato dal produttore dei rifiuti stessi in modo occasionale e saltuario; c) il trasporto sia finalizzato al conferimento al gestore del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani con il quale sia stata stipulata una convenzione. 2) Esonero dall iscrizione all Albo dei gestori ambientali Le imprese agricole che effettuano la raccolta e il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi nonchè le imprese che trasportano i propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedenti trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno, sono esonerate dall iscrizione all Albo gestori ambientali. Il trasporto deve essere esclusivamente finalizzato al conferimento al gestore del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani con il quale sia stata stipulata una convenzione. 12

13 Presentare la DICHIARAZIONE ANNUALE AMBIENTALE Tutte le imprese, comprese quelle agricole, sono tenute a comunicare entro il 30 aprile di ogni anno alle Camere di Commercio territorialmente competenti, le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti, secondo la Dichiarazione Annuale Ambientale (MUD). Sono esonerati da tale obbligo gli imprenditori agricoli con un volume di affari annuo non superiore a 8.000,00. Predisporre il REGISTRO DI CARICO E SCARICO Tutti gli imprenditori agricoli con un volume di affari annuo superiore a 8.000,00, sono obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali pericolosi su cui annotare le quantità e le caratteristiche qualitative degli stessi. I registri, integrati con i formulari relativi al trasporto dei rifiuti, sono conservati per cinque anni dalla data dell ultima registrazione. I soggetti la cui produzione annua di rifiuti non eccede le dieci tonnellate di rifiuti non pericolosi e le due tonnellate di rifiuti pericolosi possono adempiere all obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti anche tramite le organizzazioni di categoria interessate o loro società di servizi, che provvedono ad annotare i dati previsti con cadenza mensile, mantenendo presso la sede dell'impresa copia dei dati trasmessi. 13

14

15 I RIFIUTI MAGGIORMENTE PRESENTI NELL AZIENDA AGRICOLA Sono di seguito riportati i rifiuti che più frequentemente si possono riscontrare nell azienda agricola, distinti in pericolosi e non pericolosi, nonché alcune informazioni per il loro corretto recupero e smaltimento. Ogni rifiuto è identificato da un numero di Codice Catalogo Europeo dei Rifiuti (R). RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI Tipo di rifiuto Cosa deve fare Come recuperare Consorzi pericoloso l agricoltore o smaltire il Nazionali rifiuto DA UTILIZZO DI MACCHINE AGRICOLE Batterie al piombo (R ) Filtri olio e motore (R ) Conservare le batterie esauste in modo da evitare sversamenti o dispersioni nell ambiente di liquidi. Stoccaggio in contenitori a tenuta, per eliminare rischi di rottura e versamenti, provvisti di: - chiusure atte ad impedire la fuoriuscita del contenuto; - apposita etichettatura in base alle norme vigenti in materia di imballaggio e rifiuti pericolosi. Avvio al recupero tramite il Consorzio Obbligatorio Batterie al Piombo e Rifiuti Piombosi (COBAT). Bonifica e successivo smaltimento in impianti autorizzati dove verrà recuperata la frazione metallica. Consorzio Obbligatorio Batterie al Piombo (COBAT) Consorzio Obbligatorio Oli Usati (COOU) Tubi fluorescenti e lampade contenenti mercurio (R ) Provvedere al loro imballaggio, depositandoli in appositi scatoloni in modo da evitarne la rottura durante il trasporto. Avvio al recupero secondo le modalità indicate dalla Ditta fornitrice. 15

16 RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI Olio da motore e trasmissione esauriti (R ) Stoccarli, prima del conferimento, in contenitori a tenuta, adatti ad eliminare rischi di rottura e sversamenti. I contenitori devono essere provvisti di: - chiusure atte ad impedire la fuoriuscita del contenuto; - accessori e dispositivi atti ad effettuare il riempimento e lo svuotamento in condizioni di sicurezza; - apposita etichettatura in base alle norme vigenti in materia di imballaggio e rifiuti pericolosi. Il contenitore utilizzato per lo stoccaggio deve a sua volta essere depositato all interno di altro contenitore di pari capacità. Avvio al recupero tramite il COOU per la produzione di oli rigenerati. COOU Contenitori oli e lubrificanti (R ) Rifiuti veterinari infetti (R ) Stoccarli, prima del conferimento, in contenitori a tenuta, adatti ad eliminare rischi di rottura e sversamenti o in locali con requisiti tali da impedire la dispersione. Prendere preventivamente contatto con il Centro di raccolta. Confezionarli in contenitori appositi messi a disposizione dal Centro di Raccolta. Avviati al recupero e allo smaltimento previo stoccaggio in adeguati depositi temporanei. Termodistruzione mediante incenerimento. Devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni. COOU 16

17 RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI Farmaci veterinari inutilizzati e/o scaduti (R ) Confezionarli in contenitori apposti messi a disposizione dal Centro di Raccolta. Termodistruzione mediante incenerimento. Devono essere raccolti e smaltiti. Prodotti fitosanitari inutilizzati, scaduti; con residui o contenenti sostanze pericolose (R ) Contenitori e imballaggi contenenti residui o sostanze pericolose (R ) Prendere preventivamente contatto con il Centro di Raccolta per concordare le modalità di confezionamento e conferimento. Prendere preventivamente contatto con il Centro di Raccolta per concordare le modalità di confezionamento e conferimento. Filtri per atomizzatori (R ) Prendere preventivamente contatto con il Centro di Raccolta per concordare le modalità di confezionamento e conferimento. 17

18 RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Tipo di rifiuto Cosa deve fare Come recuperare Consorzi non pericoloso l agricoltore o smaltire il Nazionali rifiuto DERIVANTI DA UTILIZZO DI STRUTTURE E DISPOSITIVI IMPIEGATI NELLA PRODUZIONE AGRICOLA Rifiuti plastici (esclusi imballaggi): - teli di copertura per serre e tunnel; - lastre rigide per serre; - film per pacciamatura; - geomembrane per impermeabilizzazione; - corde, nastri, cordino agricolo per legature imballaggi; - reti per raccolta olive o per sostegno; - reti antigrandine, ombreggianti o frangivento; - film per insilaggio; - tubi per irrigazione e manichette. (R ) Effettuare una sommaria pulizia del materiale plastico per eliminare eventuali residui fangosi e consegnare il materiale piegato e possibilmente legato. Avvio al recupero per la produzione di manufatti in plastica riciclata. Consorzio per il riciclaggio dei beni in polietilene (POLIECO) RIFIUTI DERIVANTI DA UTILIZZO DI MEZZI TECNICI, PREPARAZIONE E CONSERVAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI Contenitori di polistirolo e imballaggi in materiali misti (R ) Effettuare una sommaria pulizia per eliminare la terra e il materiale fangoso. Accertarsi che il centro di conferimento sia autorizzato a ricevere i contenitori di polistirolo in quanto dotato di apposito compattatore. 18 Avvio al recupero per la produzione di materiali isolanti da utilizzare in edilizia. Consorzio nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi a base cellolosica (COMIECO) Consorzio recupero imballaggi (CONAI)

19 RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Imballaggi in legno - Cassette per frutta e verdura/palletts. (R ) Effettuare una sommaria pulizia per eliminare la terra e il materiale fangoso. Accertarsi che il centro di conferimento sia autorizzato a ricevere i contenitori di legno, considerati idonei al riciclaggio. Avvio al recupero. Consorzio per la raccolta, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi di legno (RILEGNO) Imballaggi in plastica - Cassette per frutta e verdura/flaconi e taniche/vasetteria/fi lm plastici per imballaggi/sacchi per sementi,mangimi e concimi. (R ) Eliminare la terra e il materiale fangoso. Accertarsi che il centro di conferimento sia autorizzato a ricevere i contenitori in plastica, considerati idonei al riciclaggio. Avvio al recupero. Consorzio per la raccolta, il recupero ed il riciclo dei rifiuti di imballaggi in plastica (COREPLA) CONAI Imballaggi di carta e cartoni - Cassette per frutta e verdura/scatole in cartone/sacchi per sementi, mangimi e concimi. (R ) Eliminare la terra e il materiale fangoso. Pressare il materiale, legarlo e depositarlo in locale idoneo per il riciclaggio e riutilizzo. Avvio al recupero. RIFIUTI DERIVANTI DA UTILIZZO DI MACCHINE AGRICOLE Pneumatici usati (R ) Eliminare la terra e il materiale fangoso. Messa in deposito e consegna alle ditte specializzate. Avvio al recupero presso industrie di riutilizzo. Consorzio recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica (COMIECO) Rottami ferrosi derivanti dalla manutenzione (R ) Messa in deposito e consegna alle ditte specializzate. Avvio al recupero presso industrie di riutilizzo. Apparecchiature obsolete o loro parti (R ) Messa in deposito e consegna alle ditte specializzate. Avvio al recupero presso industrie di riutilizzo. 19

20 ATTENZIONE!!!! Chiunque ometta di adempiere a tutti gli obblighi previsti in materia di rifiuti è soggetto alle sanzioni amministrative e penali previsti dalla legge (Dlgvo 152/2006 e ss.mm. ii e legge n. 210 del 30 dicembre 2008). Per ulteriori informazioni sulle corrette modalità di raccolta, trasporto, trattamento e smaltimento dei rifiuti speciali agricoli è possibile rivolgersi alla Provincia, al Comune in cui ha sede l azienda agricola e/o all Assessorato all Ambiente della Regione Campania Settori Provinciali Tutela dell Ambiente, di seguito indicati: Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Avellino Tel Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Benevento Tel Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Caserta Tel Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Napoli Tel Settore Provinciale Tutela dell Ambiente di Salerno Tel Normativa di riferimento - Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 recante Norme in materia ambientale (Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14/04/06) - Decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante Norme in materia ambientale - Legge 30 dicembre 2008, n. 205 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 3 novembre 2008, n. 171, recante misure urgenti per il rilancio competitivo del settore agroalimentare. - Legge 30 dicembre 2008, n. 210 Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 6 novembre 2008, n. 172, recante misure straordinarie per fronteggiare l emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione Campania, nonché misure urgenti di tutela ambientale. 20

21 LE PRINCIPALI SANZIONI IN CUI SI INCORRE PER IL MANCATO RISPETTO DELLA NORMATIVA Si riportano di seguito le principali sanzioni in cui si incorre nel caso di mancato rispetto del Dlgvo 152/2006, ai sensi del Titolo I (Gestione dei rifiuti) e del Titolo VI (Sistema sanzionatorio e disposizioni transitorie e finali). Ulteriori sanzioni amministrative e penali sono previste dalla legge n. 210 del 30 dicembre (PMR si riferisce al pagamento in misura ridotta) CONDOTTA Comunicazione omessa, incompleta o inesatta alla Camera di Commercio (MUD) Comunicazione Camera di Commercio (MUD) effettuata entro i 60 giorni dalla scadenza stabilita Comunicazione MUD formalmente incompleta o inesatta ma ricostruibile da altre scritture contabili Omessa od incompleta tenuta dei registri di carico/scarico per rifiuti non pericolosi in imprese con 15 o più dipendenti Omessa od incompleta tenuta dei registri di carico/scarico per rifiuti pericolosi in imprese con 15 o più dipendenti ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art. 189, comma 3 Art. 189, comma 3 Art. 189, comma 3 Art. 190, comma 1 Art. 190, comma 1 Art. 258 comma 1 Art. 258 comma 1 Art. 258 comma 5 Art. 258 comma 2 Art. 258 comma 2 Amministrativa da a (PMR 5.166) Amministrativa da. 26 a. 160 (PMR 52) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) Amministrativa da a (PMR 5.166) Amministrativa da a (PMR ) Sospensione da 1 mese a 1 anno dalla carica rivestita dal responsabile e dalla carica di amministratore PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA 21

22 CONDOTTA Omessa od incompleta tenuta dei registri di carico/scarico per rifiuti non pericolosi in imprese con meno di 15 dipendenti Omessa od incompleta tenuta dei registri di carico/scarico per rifiuti pericolosi in imprese con meno di 15 dipendenti Tenuta dei registri di carico/scarico con dati formalmente incompleti o inesatti ma comunque ricostruibili da altre scritture contabili Registri di carico e scarico non presenti e/o conservati presso la sede dell impianto di produzione/ge stione Formulari non conservati e allegati ai registri di carico/scarico presso la sede dell impianto di produzione/ge stione ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art. 190, comma 1 Art. 190, comma 1 Art. 190, comma 1 Art. 190, comma 3 Art. 193, comma 2 Art. 258 comma 3 Art. 258 comma 3 Art. 258 comma 5 Art. 258 comma 5 Art. 258 comma 5 Amministrativa da a (PMR 2.066) Amministrativa da a (PMR 4.133) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA 22

23 CONDOTTA Trasporto di rifiuti non pericolosi senza formulario di identificazione dei rifiuti previsto da art.193 Trasporto di rifiuti pericolosi senza formulario di identificazione dei rifiuti FIR Trasporto di rifiuti non pericolosi con formulario incompleto o inesatto Trasporto di rifiuti non pericolosi con FIR incompleto o inesatto ma contenente tutte le informazioni per ricostruire gli elementi mancanti Trasporto di rifiuti pericolosi con indicazioni di dati incompleti o inesatti nel formulario (Non si applica l ipotesi minore prevista dall art. 258 c. 5) ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art. 193, comma 1 e comma 2 Art. 193, comma 1 Art. 258 comma 4 secondo capoverso Art. 193 comma 1 e comma 2 Art. 193 comma 1 e comma 2 Art. 193 comma 1, Art. 258 comma 4 secondo capoverso Art. 258 comma 4 prima parte prima ipotesi Art. 483 Codice Penale. (richiamo quoad poenam) Art 258 comma 4 prima parte, seconda ipotesi Art 258 comma 5 secondo capoverso Art. 483 Codice Penale (richiamo quoad poenam) Amministrativa da a (PMR 3.100) Penale con reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall art.483 CP) Oblazione non ammessa Amministrativa da a (PMR 3.100) Amministrativa da. 260 a (PMR 516) Penale con reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall art.483 Codice Penale) Oblazione non ammessa Art. 259 comma 2 Con la sentenza di condanna o di patteggiament o, il giudice dispone obbligatoriamen te la confisca. Art. 259 comma 2 Con la sentenza di condanna o di patteggiamento, il giudice dispone obbligatoriamente la confisca. PROVINCIA Autorità Giudiziaria PROVINCIA PROVINCIA Autorità Giudiziaria 23

24 CONDOTTA False indicazioni nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti (natura e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti) o uso di certificato falso durante il trasporto Abbandono o deposito in modo incontrollato dei propri rifiuti (non pericolosi/ pericolosi) sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque, da parte di privato ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art 258 comma 4 terzo capoverso parte prima Art 258 comma 4 terzo capoverso parte seconda Art. 192 comma 1 o 2 Art. 483 Codice Penale (richiamo quoad poenam) Art 255 comma 1 in rel. all art. 192 comma 1 Penale con Reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall art.483 CP) Oblazione non ammessa Amministrativa da. 105 a.620 (PMR 206) Ipotesi minore per abbandono di rifiuti non pericolosi e non ingombranti sul suolo da. 25 a. 155 (PMR 50) Art. 35 C.P. Art. 259 c. 2 Con la sentenza di condanna o di patteggiamento, il giudice dispone obbligatoriamente la confisca. Art. 192 comma 3 Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa Autorità Giudiziaria PROVINCIA/CO MUNE Il Sindaco dispone con Ordinanza le operazioni a tal fine necessarie e il termine entro cui provvedere, decorso il quale procede all esecuzione in danno dei soggetti obbligati e al recupero delle somme anticipate. Per omessa ottemperanza all ordinanza è prevista la sanzione penale di cui all art. 255, comma 3 (arresto fino ad un anno). 24

25 CONDOTTA Abbandono o deposito incontrollato sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque di rifiuti non pericolosi da parte del titolare di impresa o responsabile di ente Abbandono o deposito incontrollato sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque di rifiuti pericolosi da parte di titolare di impresa o responsabile di ente ART. ART. SANZIONE SANZIONE COMPETENZA VIOLATO SANZIONE PRINCIPALE ACSSORIA Art. 192 comma 1 o 2 Art. 192 comma 1 o 2 Art. 256 comma 2 in relazione alla pena di cui all art. 256 comma 1 lett. a) Art. 256 comma 2 in relazione alla pena di cui all art. 256 comma 1 lett. b) Penale (con arresto da 3 mesi ad un anno) oppure ammenda da a Oblazione ammessa (1/ ) Penale con arresto da 6 mesi a due anni e ammenda da a Oblazione ammessa Art. 192 comma 3 Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa Art. 192 comma 3 Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa Autorità Giudiziaria Autorità Giudiziaria 25

26

27 ELENCO DELLE DITTE AUTORIZZATE IN CAMPANIA ALLO SMALTIMENTO E AL RECUPERO DEI RIFIUTI (al 2 aprile 2009) Ditte autorizzate*, con procedura ordinaria, ai sensi dell art. 208 del D.lgvo 152/2006 allo smaltimento e al recupero di rifiuti. Per ciascuna ditta nella tabella è indicato il recapito e le operazioni di smaltimento e/o di recupero che effettua (per le descrizioni vedi legenda). Ditta Provincia Indirizzo Operazioni di smaltimento/recupero Codice Imballaggi in plastica ECOSUMMA srl NA Via Angrisani 10 Somma Vesuviana R13 EDIL CAVA S.M. La Bruna NA Via Campanariello Torre Del Greco R13 D13 D14 D15 F.lli BALSAMO srl NA Viale Europa Torre del Greco R13 D15 LA CAMPANIA MARO srl NA Trav. Russo ss.87 Casoria D15 R3 R13 MASTELLONE ALDO & C. NA Via Volpicella 100 Napoli R13 D15 SMALTECO srl NA Via Graziano, 19 Arzano R13 D15 T.ECO srl NA Via Montebarbaro 1/bis Pozzuoli D15 TR. IN. CO. N.E. srl NA Via Montebarbaro 1/bis Pozzuoli D15 AMBIENTE srl NA Via Ponte delle Tavole S. Vitaliano AN. CA. PLASTICA srl NA Via Cannola al Trivio, 24 Napoli R3 R13 D15 DE VITA MARIA & FIGLI snc NA Via Circumvallaz. Esterna 124 Qualiano R13 D15 DELTA CHIMICA srl NA SS. Sannitica 87 km 17,6 Caivano R3 R13 D15 DI GENNARO spa NA Loc. Pascarola Zona ASI Caivano ECO AMBIENTE srl NA Area ASI - Via 4 Novembre Casoria R13 D15 ECOCART srl NA Via Masseria dell Agnolo, 19 Arzano R13 ECOLOGIA BRUSCINO srl NA Via 40 Moggi S. Vitaliano ECOLOGIA ITALIANA srl NA Loc. Pantano zona ASI Acerra R13 D15 ECOLOGICA SUD srl NA Viale della Resistenza, 122 Calvizzano R13 D15 CITTÀ DI LEONIA Soc. Coop NA Via Vicinale Rondinelle Napoli ECOPLASTICA ABATESE NA Via Casoni Marna, 8 S. Antonio Abate R13 R5 RAMOIL spa NA Via Filichito 16 Casalnuovo R3 D10 D15 LANGELLA MARIO srl NA Via Palazziello, 70 Volla R3 R13 ENERTRADE srl Area ASI Agglomerato S. Marco E.-Marcianise R13 R3 D13 D14 D15 ERREPLAST srl Zona ASI Gricignano d Aversa R3 R13 Il SIDE srl Via Superstrada 264 Triflisco Km Bellona R13 D15 IPCO SUD srl Zona ASI Marcianise R3 R13 PROGEST spa Via della Stazione Zona ASI Gricignano d Aversa R 3 R13 D13 D14 D15 SRI srl Zona ASI Gricignano d Aversa R 13 DES srl Fraz. S. Clemente Caserta R13 DOLER FER sas Via A. Volta, 63 S. Arpino di Caserta R13 D15 ECOPARTENOPE srl Zona ASI Marcianise R13 ECOSUMMA srl Via Appia Zona PIP Francolise R13 * N.B.: elenco in via di aggiornamento. 27

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera Ulteriora mirari, praesentia sequi. (Guardare al futuro, stare

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

CONSORZIO PER L'AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE PROVINCIA di CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO DIRETTIVO. Numero 58 del 06/03/2015

CONSORZIO PER L'AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE PROVINCIA di CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO DIRETTIVO. Numero 58 del 06/03/2015 CONSORZIO ER L'AREA DI SVILUO INDUSTRIALE ROVINCIA di CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO DIRETTIVO Numero 58 del 06/03/2015 OGGETTO RATIFICA ORDINANZA RESIDENZIALE N. 15 DEL GIORNO 05/03/2015

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CASERTA Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese 12/2012.

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CASERTA Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese 12/2012. Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese /0. Pag. di 8 assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge 04, avis, allattamento,

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli