Continueranno ad utilizzare SISTRI anche coloro che sono soggetti all'obbligo dallo scorso 1 ottobre 2013, ossia:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Continueranno ad utilizzare SISTRI anche coloro che sono soggetti all'obbligo dallo scorso 1 ottobre 2013, ossia:"

Transcript

1 SISTRI Indicazioni per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi in vista dell'avvio dell'operatività il 3 marzo 2014 Linee Guida del sistema Confindustria 1. Chi sono i soggetti obbligati dal 3 marzo 2014 e per quali rifiuti L'utilizzo obbligatorio di Sistri decorre dal 3 marzo 2014 ai sensi dell'articolo 11, comma 3, del Decreto Legge 31 agosto 2013, n. 10, (convertito nella Legge 30 ottobre 2013 n pubblicata sulla G.U. 30 ottobre 2013 n. 255 ed in vigore dal 30 ottobre 2013) per: i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi: cioè tutti gli enti e le imprese dalla cui attività derivano rifiuti speciali pericolosi; gli enti e le imprese che trasportano i rifiuti speciali pericolosi da loro stessi prodotti (circolare n. 1/2013); gli enti e le imprese che trasportano i rifiuti urbani del territorio della regione Campania. Continueranno ad utilizzare SISTRI anche coloro che sono soggetti all'obbligo dallo scorso 1 ottobre 2013, ossia: gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale e quindi prodotti da terzi (compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale); gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi anche per i rifiuti derivanti dalle attiività di trattamento, siano essi pericolosi o non pericolosi; in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali pericolosi in attesa della presa in carico degli stessi da parte della impresa ferroviaria o navale o dell'impresa che effettua il successivo trasporto (per questa tipologia di trasporto è prevista l'emanazione di un decreto che ne definisca modalità e procedure). Tutti i soggetti obbligati all'utilizzo di SISTRI rimangono comunque obbligati anche alla tenuta dei registri di carico e scarico ed alla compilazione dei formulari di trasporto, con le modalità già in uso, fino al 31 luglio Solo dal 1 agosto 2014 SISTRI sostituirà completamente le suddette scritture amministrative. Per i rifiuti non pericolosi prodotti e trasportati per l'avvio a recupero o a smaltimento rimangono vigenti gli obblighi di tenuta del registro di carico e scarico e di accompagnamento con formulario della fase di trasporto (a meno che gli utenti decidano di utilizzare SISTRI a titolo volontario, sebbene l'opportunità di questa scelta sia da valutare con grande attenzione).

2 2. Cosa fare prima della prima movimentazione ordinaria di SISTRI Prima del 3 marzo 2014 i produttori iniziali di rifiuti pericolosi devono: verificare se i dispositivi USB in dotazione dell'azienda sono aggiornati per quanto riguarda il software. Attualmente l'ultima versione rilasciata da SISTRI (v ) risale ad aprile 2011; verificare l'attualità dei dati anagrafici comunicati a SISTRI in fase di iscrizione; 2.1 Aggioramento del software Il dispositivo USB viene inserito in un computer collegato ad internet. Automaticamente si apre una maschera; si procede quindi all accesso al sistema, cliccando sul pul-sante accesso al sistema, vengono quindi richieste in successione la digitazione del PIN, della USER ID di un delegato e della password associata al delegato. A questo punto, se il dispositivo USB necessita di aggiornamento, la procedura viene avviata auto-maticamente. Vanno seguite le indicazioni che il programma fornisce nel corso dell aggiornamento del dispositivo USB. Se il computer in uso è collegato ad internet tramite un server proxy, un apposita maschera avvisa della necessità di impostare i parametri di rete. Al termine dell operazione di aggiornamento il programma invia un messaggio che indica che l installazione dell aggiornamento si è conclusa con successo. 2.2 Allineamento dei dati anagrafici Per verificare la necessità di aggiornamento dei dati anagrafici e, se del caso, provvedere, occorre entrare dal menu principale nella sezione "Gestione azienda". La maschera che si apre contiene tutti i dati relativi all'azienda iscritta e nella colonna "allineamento RI" viene evidenziato l'eventuale non conformità dei dati comunicati in sede di iscrizione rispetto a quelli presenti nel Registro delle Imprese (=RI) con il quale SISTRI è interconnesso. L'operazione di allineamento dei dati anagrafici si effettua per verificare la corrispondenza e l'attualità dei dati comunicati a SISTRI in fase di iscrizione rispetto a ragione sociale dell'impresa; sede legale (indirizzo); unità locali (numero delle unità soggette a SISTRI, indirizzo, n. addetti, categorie di iscrizione); legale rappresentante (dati anagrafici); delegati all'utilizzo dei dispositivi USB. Nella sezione "Modifica anagrafica", "dati generali" sono visibili (ma non modificabili) i dati relativi alla ragione sociale, codice fiscale, numero delle unità locali (quest'ultimo, infatti, viene calcolato automaticamente). Nella sezione "Modifica anagrafica", "unità locali" sono elencate le unità locali iscritte a SISTRI; cliccando su ciascuna unità locale è possibile modificare i dati relativi all'indirizzo dell'unità e il

3 numero degli addetti; cliccando sul pulsante "lista categorie" appare la schermata con l'elenco delle categorie per le quali l'unità locale è stata iscritta a SISTRI (per es. produttori di rifiuti speciali pericolosi), affiancata dall'elenco dei delegati associati al dispositivo afferente all'unità locale. Cliccando su "modifica delegati" è possibile: modificare (cancellare un delegato) aggiungere un delegato. Eventuali ulteriori comunicazioni o problemi legati alle modifiche si comunicano a SISTRI tramite: contact center (tel ) fax ( ) Per ovvvie ragioni di tracciabilità, le ultime due modalità sono preferibili alla prima. Nell'ipotesi di modifica o aggiunta di un delegato, dopo aver confermato e firmato elettronicamente la variazione, si deve procedere alla generazione dei nuovi certificati digitali. A tal fine occorre: accedere nuovamente al portale SISTRI tramite la voce "Accesso senza PIN"; cliccare sul link "Pers. remota token" che compare nel menù a sinistra; seguire le istruzioni a video che attiveranno la procedura di salvataggio sul dispositivo dei nuovi certificati; scaricare e salvare in locale le buste con le relative credenziali di accesso (un file in formato PDF per ciascun delegato). 3. Compilazione registro cronologico - movimento di carico Dal 3 marzo 2014, il produttore iniziale di rifiuti speciali pericolosi deve, entro 10 giorni dalla produzione del rifiuto registrarlo in carico nel registro di carico e scarico cartaceo (fino al 31 luglio 2014) registrarlo con un movimento di carico nel registro cronologico SISTRI 3.1 Procedura per registrazione di carico nel registro cronologico La procedura è la seguente: accedere al sistema con l'indicazione del PIN, USER ID di un delegato e password associata al delegato; nel menu principale scegliere "movimentazione" nella sezione "area registro cronologico", scegliere "nuova registrazione cronologica" selezionare il registro "produttore/detentore rifiuti speciali" selezionare "nuovo carico"

4 scegliere la causale che ha determinato la produzione del rifiuto tra le seguenti voci: - procedura ordinaria : da utilizzare quando il rifiuto è prodotto nell unità locale dopo il 3 marzo 2014; - registrazione giacenza per avvio utilizzo SISTRI : da utilizzare per prendere in carico i rifiuti prodotti prima del 3 marzo 2014 e non ancora avviati a recupero o a smaltimento (vedi paragrafo 4); - rifiuto fuori sito: abbancamento veicoli presso area proprietà di terzi : per prendere in carico veicoli fuori uso depositati presso terzi; - rifiuto fuori sito: cantieri sotto i 6 mesi : per prendere in carico rifiuti pericolosi prodotti presso un cantiere temporaneo di durata inferiore a 6 mesi; - rifiuto fuori sito: manutenzione : per prendere in carico i rifiuti pericolosi che sono prodotti da attività di manutenzione e che sono depositati presso la sede del committente. I rifiuti da manutenzione che vengono trasportati presso la sede dell impresa dove si considerano prodotti ai sensi dell art. 266, comma 4, del d.lgs., vengono presi in carico con la causale procedura ordinaria ; - rifiuto fuori sito: manutenzione delle reti : per prendere in carico i rifiuti che derivano da un attività di manutenzione delle infrastrutture, dopo la selezione dei materiali utilizzabili, quando la sede di concentrazione di questi materiali è diversa da quella del gestore dell infrastruttura, come previsto dall art. 230 del d,lgs. ; - rifiuti fuori sito: specificare attività nel campo annotazione se div : per prendere in carico i rifiuti pericolosi prodotti al di fuori dell unità locale in tutti gli altri casi, come, ad esempio, in magazzini di proprietà di terzi; - rettifica giacenza : per effettuare un carico in aumento della quantità già caricata al ricevimento della scheda movimentazione con peso verificato a destino superiore al peso stimato dal produttore; (vedi paragrafo 6.2) Per la causale nuovo carico per variazione da trasporto (da art. 212 comma 8 a art. 212 co.) : non è stata fornita alcuna indicazione applicativa. individuare il codice CER del rifiuto digitando le prime due cifre del cdice CER o le prime quattro cifre del codice separate dal punto (es ) nel campo "cerca per codice CER", cliccando sul pulsante "ricerca", il sistema proporrà nel campo "CER trovati" tutta la famiglia di codici CER della classe indicata, da cui si può selezionare il codice pertinente al rifiuto da caricare; il codice viene acquisito dal sistema completo di denominazione; indicare la quantità di rifiuto oggetto del movimento di carico in Kg lo stato fisico, scegliendo tra le voci: in polvere o polverulenti, solidi, vischiosi o sciropposi, fangosi, liquidi, gassosi o altro; caratteristiche di pericolo: il sistema propone una finestra con tutte le caratteristiche di pericolo codificate dall'allegato I alla parte IV del. Da questa devono essere selezionate le caratteristiche di pericolo pertinenti al rifiuto e, cliccando sul tasto centrale ">" produrre l'inserimento del dato nella finestra di destra; la posizione del rifiuto: il riquadro è già compilato con l'indirizzo dell'unità locale relativa al dispositivo USB in uso. Nel caso di rifiuto prodotti e depositati fuori sito (per esempio, presso un cantiere o presso un luogo di concentramento - rifiuto da manutenzione di infrastrutture a rete -, ovvero presso un altro luogo, come ad esempio un magazzino di

5 proprietà di terzi), va modificato l indirizzo con la funzione inserisci posizione, che consente di digitare l indirizzo (nazione, comune, via, numero civico) del luogo di deposito; la funzione ricerca prevede l individuazione dell impresa o dell ente iscritto a SISTRI presso il quale il rifiuto è depositato e, al fine della registrazione cronologica del produttore iniziale non è pertinente; nel campo "annotazioni" possono essere indicate eventuali precisazioni o note; dopo aver cliccato sul pulsante "salva", viene proposta una schermata di riepilogo con il pulsante "firma", che consente di procedere alla convalida definitiva dei dati (se sono stati commessi errori è possibile, prima della firma del movimento effettuare tutte le modifiche o eliminare del tutto la registrazione); cliccando sul pulsante "firma", il sistema, dopo un ulteriore conferma, richiede al delegato la digitazione del PIN se la chiave USB contiene certificati elettronici di più delegati, il sistema chiede anche la digitazione dello USERID del delegato cui è abbinato il PIN; l'operazione di carico regolarmente firmata viene contrassegnata con un codice univoco così composto: R + anno (2014) + numero di protocollo ( ). La registrazione firmata va scaricata e conservata in formato elettronico (pdf), come previsto all'art. 188-bis, comma 3, del D. Lgs. n. e dettagliato al paragrafo 3.1 del Manuale Oprativo del 7 agosto Cliccando sul pulsante "documento registrazione" si apre un documento con estensione pdf che è possibile salvare in locale. 4. Giacenze al 3 marzo 2014 I rifiuti prodotti prima del 3 marzo 2014, regolarmente presi in carico nel registro di carico e scarico cartaceo e non ancora avviati a recupero o a smaltimento (cioè i rifiuti in giacenza a quella data), per poter essere movimentati in uscita (ossia per avviarli a recupero o a smaltimento tramite SISTRI), devono essere presi in carico nel registro cronologico di SISTRI prima della predisposizione della scheda area movimentazione. Si riporta a tal proposito l'indicazione contenuta nel manuale operativo del 7 agosto 2013, paragrafo 4.1.2: "Preliminarmente alla prima movimentazione di rifiuti prodotti in data antecedente all'avvio dell'utilizzo del SISTRI il produttore carica sul registro cronologico le giacenze di rifuti esistenti". Non è necessario, anche se è comunque possibile, effettuare la presa in carico di tutte le giacenze entro il 3 marzo 2014; è sufficiente che ogni singola tipologia di rifiuto in giacenza venga registrata con un carico cumulativo della stessa prima dell'avvio a smaltimento o a recupero del singolo rifiuto, prima cioè della predisposizione della scheda movimentazione. La presa in carico di un rifiuto in giacenza viene effettuata seguendo la procedura di compilazione di cui al precedente par. 3.1, utilizzando la causale "Registrazione giacenza per avvio utilizzo SISTRI". Le imprese che hanno effettuato operazioni di carico sul Registro Cronologico nel periodo precedente al 3 marzo 2014, possono mantenere le registrazioni eseguite, sempre che rispecchino la reale situazione delle giacenze. In tutti gli altri casi, è consigliabile

6 procedere ad "annullare" le singole registrazioni non corrispondenti all'effettiva produzione/giacenza registrata nel registro di carico e scarico. L'annullamento del movimento di carico richiede l'individuazione di una casuale: si consiglia di indicare "errore materiale" e nelle annotazioni indicare "prove di utilizzo di SISTRI prima del 3 marzo 2014". 5. Compilazione della scheda area movimentazione La scheda area movimentazione (o scheda SISTRI) deve essere predisposta dal produttore almeno due ore prima della movimentazione del rifiuto, per i primi 12 mesi a decorrere dal 1 agosto 2014, successivamente la compilazione della scheda dovrà avvenire almeno 4 ore prima della movimentazione (art. 13, comma 2, del D.M. n. 52/2011). Fino al 31 luglio il rifiuto, durante il trasporto, deve essere accompagnato dal formulario, oltre che dalla copia cartacea della scheda movimentazione. A partire dal 1 agosto 2014 la scheda movimentazione sarà l'unico documento di trasporto del rifiuto. La scheda SISTRI è compilata in successione da: produttore; trasportatore; destinatario 5.1 Compilazione della scheda da parte del produttore Il produttore iniziale deve seguire la seguente procedura: accedere al sistema con l'indicazione del PIN, USER ID di un delegato e password associata al delegato; scegliere "movimentazione"; nella sezione "area movimentazione", selezionare "schede produttore compila nuova scheda"; la schermata propone due pulsanti: - "nuova scheda": va cliccato per l'impostazione di una movimentazion ordinaria e - "nuova scheda per" che a sua volta consente di compilare la scheda movimentazione per o cambio del destinatario durante il trasporto, o riconsegna del rifiuto respinto, o trasporto transfrontaliero per l'estero: questo pulsante va cliccato solo nei casi sopra citati; la schermata relativa all'anagrafica produttore è già compilata con la possibilità di variare la sezione relativa alla persona da contattare; cliccare sul pulsante "avanti"; la schermata relativa a "informazioni rifiuto" consente di selezionare dal menu i rifiuti in giacenza precedentemente presi in carico nel registro cronologico e non ancora scaricati

7 (il menù a tendina consente di scegliere tra i rifiuti caricati proponendo, per ogni CER, la quantità totale in giacenza, lo stato fisico e le caratteristiche di pericolo); "verifica peso a destino?": il campo non è obbligatorio, ma la casella deve essere selezionata ogniqualvolta si preveda che il peso verificato dal destinatario non sarà perfettamente coincidente con quello indicato dal produttore che ha stimato il peso già nelle registrazioni di carico; "quantità (kg)" o "volume (mc)": va indicata la quantità alternativamente in peso o volume; non è necessario indicare entrambi; l'opzione del volume è consentita solo se precedentemente si è scelta l'opzione "verifica a destino?"; "stato fisico e caratteristiche di pericolo": appaiono già compilati secondo quanto indicato nelle registrazioni di carico nel registro cronologico; Ia sezione "posizione del rifiuto" è già compilata con l'indirizzo dell'unità locale relativa al dispositivo USB in uso. Nel caso di rifiuto prodotto fuori sito va modificato l'indirizzo con la funzione "inserisci posizione", che consente di digitare va modificato l indirizzo con la funzione inserisci posizione, che consente di digitare l indirizzo (nazione, comune, via, numero civico) del luogo di deposito; la funzione ricerca prevede l individuazione dell impresa o dell ente iscritto a SISTRI presso il quale il rifiuto è depositato e non è pertinente; la schermata "altre informazioni sul rifiuto" prevede di indicare: "numero colli"; va sempre indicato un numero; se il rifiuto è alla rinfusa indicare 1; "tipo di imballaggio", scegliendo tra le tipologie proposte dal menu a tendina; "operazioni impianto": vengono proposte tutte le operazioni di recupero (R) e smaltimento (D) effettuabili presso gli impianti di destinazione; occorre scegliere quella cui è destinato il rifiuto in conformità all'autorizzazione dell'impianto di destinazione; "prescrizioni particolari": il campo non è obbligatorio; "trasporto sottoposto a norma ADR": se il rifiuto pericoloso è soggetto al trasporto secondo la normativa ADR spuntare il campo e poi selezionare la pertinente classe ADR tra le nove proposte dal menu a tendina; "cerca un numero ONU": digitando le prime due cifre del numero ONU relativo al rifiuto da trasportare, il programma propone tutti i numeri ONU di quella classe tra i quali va selezionato quello pertinente; nella sezione "informazioni certificato analitico", cliccando il pulsante "aggiungi un file" è possibile effettuare l'upload del certificato analitico del rifiuto in file pdf; cliccare sul pulsante "avanti", la schermata "trasportatore" prevede l'indicazione del soggetto che sarà incaricato del trasporto cliccando sul pulsante "aggiungi da anagrafica SISTRI"; è possibile ricercare l'impresa di trasporto attraverso la digitazione del codice fiscale o della ragione sociale; Il sistema propone le imprese iscritte a SISTRI con tutte le specifiche categorie di iscrizione (trasporto, recupero, smaltimento, ecc.): selezionare quella prescelta per il trasporto; il sistema non fa alcun controllo in tempo reale circa la correttezza della scelta (se il trasportatore è abilitato a trasportare il rifiuti oggetto della movimentazione), sebbene possa effettuare tale controllo in qualsiasi momento essendo interconnesso con la banca dati dell'albo Gestori Ambientali;

8 cliccare sul pulsante "avanti", la schermata "destinatario" prevede l'indicazione del soggetto che sarà incaricato del recupero o smaltimento cliccando sul pulsante "aggiungi da anagrafica SISTRI"; è possibile ricercare l'impresa attraverso la digitazione del codice fiscale o della ragione sociale; Il sistema propone le imprese iscritte a SISTRI con tutte le specifiche categorie di iscrizione (trasporto, recupero, smaltimento, ecc.): selezionare quella prescelta come destinazione; anche in questo caso il sistema non effettua alcun controllo in tempo reale circa l'idoneità dell'impianto di destinazine a ricevere il rifiuto oggetto della movimentazione; cliccare sul pulsante "avanti", la schermata "intermediario" ha caratteristiche analoghe alle due precedenti; va compilata solo se il rifiuto sia stato intermediato (senza alcuna detenzione) da un terzo che non sia né il trasportatore, né il destinatario; cliccare sul pulsante "riepilogo" per poter controllare tutti i dati inseriti; cliccare sul pulsante "salva"; cliccando sul pulsante "firma", il sistema, dopo un ulteriore conferma, richiede al delegato la digitazione del PIN; la scheda SISTRI è così firmata definitivamente e acquisisce un "numero identificativo"; cliccando il bottone "report PDF" è possibile salvare in locale la scheda SISTRI compilata o stamparla. 5.2 Compilazione della scheda da parte del trasportatore L'indicazione sulla scheda movimentazione: della targa del mezzo che verrà utilizzato, del nome del conducente, del percorso. compete all'impresa di trasporto che vi provvede prima dell'inizio del trasporto, almeno un'ora prima della movimentazione del rifiuto, per i primi 12 mesi a decorrere dal 1 agosto 2014; successivamente la compilazione della scheda da parte del trasportatore dovrà avvenire almeno 2 ore prima della movimentazione. 6. Compilazione registro cronologico - movimento di scarico La registrazione di scarico del rifiuto avviato a recupero o a smaltimento si effettua associando al registro cronologico la scheda movimentazione predisposta per il suo trasporto. La tempistica con la quale tale associazione va effettuata dipende dalla procedura di tracciamento scelta dal produttore prima dell'inizio del trasporto e comunicata al trasportatore, tra le due di seguito indicate: A. procedura con utilizzo non contestuale dei dispositivi, che non richiede l'inserimento della chiave USB del veicolo in un computer del produttore al momento del conferimento del rifiuto per il suo trasporto, poiché la chiave USB del veicolo è stata sincronizzata con SISTRI precedentemente;

9 B. procedura con utilizzo contestuale dei dispositivi, che richiede l'inserimento della chiave USB del veicolo in un computer del produttore immediatamente prima dell'inizio del trasporto. Qualora venga utilizzata la procedura con utilizzo non contestuale dei dispositivi, il movimento di scarico deve essere inserito nel registro cronologico del produttore, regolarmente firmato, entro 10 giorni lavorativi dalla data di consegna del rifiuto al trasportatore (par del Manuale del 7 agosto 2013); qualora invece venga utilizzata la procedura con utilizzo contestuale dei dispositivi, il movimento di scarico deve essere perfezionato prima dell'inserimento della chiave USB del veicolo nel computer del produttore (e quindi prima dell'inizio del trasporto - par del Manuale del 7 agosto 2013). 6.1 Associazione della scheda movimentazione al registro cronologico - Movimento di scarico La procedura è la seguente: accedere al sistema con l'indicazione del PIN, USER ID di un delegato e password associata al delegato; nel menu principale accedere alla sezione "webmail PEC" per verificare che il rifiuto sia stato accettato dal destinatario e per quale entità; ritornare al menu principale scegliere "movimentazione"; nella sezione "area movimentazione", scegliere "schede da collegare al registro"; selezionare la scheda movimentazione relativa allo scarico da registrare; compare una schermata contenente i dati della scheda; cliccare il pulsante "aggiungi" in corrispondenza del campo "registrazioni selezionate"; compare una schermata con le registrazioni di carico relative al rifiuto (CER, stato fisico, caratteristiche di pericolo) oggetto della movimentazione; scegliere il o i movimenti di carico che si vogliono azzerare in tutto o in parte: per ogni movimento di carico selezionato può essere indicata una quantità da scaricare uguale o inferiore a quella registrata in fase di carico; cliccando il pulsante "aggiungi" si accede nuovamente all'elenco dei carichi; selezionare ulteriori carichi da scaricare in tutto o in parte fino a raggiungere la quantità totale indicata nella scheda movimentazione e quindi da registrare in scarico; nel campo "operazione impianto" è possibile selezionare un'operazione di recupero o smaltimento diversa da quella indicata nella scheda movimentazione nel caso in cui il destinatario abbia segnalato questa diversità nel campo "annotazioni" della scheda; salvare i dati con l'apposito pulsante; viene proposta una schermata di riepilogo; il pulsante "firma" consente di procedere alla convalida definitiva (se sono stati commessi errori è possibile, prima della firma del movimento effettuare le modifiche o eliminare del tutto la registrazione); cliccando sul pulsante "firma", il sistema, dopo un ulteriore conferma, richiede al delegato la digitazione del PIN; se la chiave USB contiene certificati elettronici di più delegati, il sistema chiede anche la digitazione dello USER ID del delegato cui è abbinato il PIN. La registrazione firmata va scaricata e conservata in formato elettronico (pdf), come previsto all'art. 188-bis, comma 3 del D.Lgs. e dettagliato al paragrafo 3.1 del Manuale del 7

10 agosto Cliccando sul pulsante "documento registrazione" si apre un documento con estensione pdf che è possibile salvare in locale. 6.2 Peso verificato a destino Il diverso peso riscontrato dal destinatario, rispetto a quello indicato nella scheda movimentazione dal produttore e registrato in scarico, non ha alcuna incidenza sulle registrazioni eseguite dal produttore stesso, che rimangono invariate. Non è necessaria alcuna annotazione, né tantomeno alcuna variazione delle registrazioni eseguite, in ragione del fatto che il peso verificato a destino risulti diverso (in più o in meno) rispetto a quello indicato nella scheda movimentazione. Tuttavia di recente, senza alcuna esplicita indicazione da parte del Ministero, il SISTRI ha introdotto una nuova causale delle operazioni di carico e di scarico ("rettifica di giacenza") che parrebbe "legittimare" una pratica assai discutibile, ma altrettanto diffusa tra le imprese: il riallineamento delle quantità stimate in sede di produzione, carico e movimentazione del rifiuto con quelle verificate dal destinatario attraverso l'inserimento nel registro di carichi o scarichi "fittizi". Si ribadisce che, al momento, le modalità con cui effettuare queste operazioni sono state oggetto solo ed esclusivamente di una risposta del concessionario SISTRI ad utenti che avevano richiesto spiegazioni tramite , che non risulta alcun pronunciamento del Ministero sull'argomento e che il ricorso a questa prassi deve considerarsi del tutto facoltativo. Inoltre, proprio l'uso di un'apposita causale non elide affatto la discrepanza tra la stima e la verifica, ma anzi, se è possibile, la evidenzia ancor più chiaramente e, a nostro modo di vedere, non vale a sciogliere il dubbio se esista o meno un limite all'errore di valutazione ed eventualmente quale possa essere. Pertanto, per completezza di esposizione, si descrive la procedura che il produttore iniziale deve seguire, qualora voglia allineare le quantità prodotte (e di cui ha stimato il peso nei carichi effettuati nel registro cronologico) con le quantità effettivamente conferite all impianto di destinazione, anche se si suggerisce di valutare attentamente l'opportunità della sua adozione. Il procedimento consiste in un movimento di carico con causale rettifica giacenza, se il peso verificato a destino è maggiore della quantità stimata per quel carico di rifiuti, il movimento di carico di rettifica va effettuato prima dell associazione della scheda movimentazione al registro, al fine permettere la selezione anche di quest ultimo movimento tra i carichi da scaricare. Nel movimento di carico di rettifica va obbligatoriamente indicato in annotazione il numero della scheda movimentazione cui si collegherà il movimento stesso;

11 un movimento di scarico con causale rettifica giacenza, se il peso verificato a destino è inferiore alla quantità stimata per quel carico di rifiuti al momento della predisposizione della scheda movimentazione. Il movimento di scarico di rettifica può essere effettuato indifferentemente prima o dopo l associazione della scheda movimentazione al registro cronologico, in quanto, trattandosi di un valore negativo, la scheda non viene collegata ad esso (sebbene, anche in questo caso, vi sia la necessità di indicare nelle annotazioni il numero della scheda di movimentazione che ne ha determinato la genesi). 7. Cosa fare nel caso di malfunzionamento 7.1 Malfunzionamento scheda area movimentazione La normativa di riferimento (art. 12 D.M. n. 52/2011 e s.m.i.) prevede la procedura da seguire in caso di malfunzionamento per la compilazione della scheda "Area - movimentazione". Nulla dice per le difficoltà che si possono incontrare in altri passaggi delle procedure (per es. Registro cronologico). Viene previsto l'utilizzo di schede movimentazione in bianco scaricate preventivamente dal sistema. Ciò comporta la necessità che le imprese provvedano preventivamente a dotarsi di un adeguato numero copie di schede movimentazione in bianco per far fronte a queste evenienze. Qualora non sia possibile acquisire schede movimentazione in bianco, si consiglia di utilizzare come documento di trasporto il formulario di identificazione. 7.2 Evidenziazione dei malfunzionamenti Per dare evidenza dei malfunzionamenti del Sistema si consiglia alle imprese di: inviare una mail PEC indirizzata al Sistri, al Responsabile del procedimento presso il Ministero dell'ambiente (inserendo in copia conoscenza anche -, al fine di permetterci di venire a conoscenza delle problematiche riscontrate dalle Imprese); descrivere nella mail il malfunzionamento registrato, riportando anche gli eventuali messaggi di errore indicati dal sistema stesso; se possibile, allegare alla mail documenti che attestino la problematica riscontrata (es.: screenshot delle finestre, dei messaggi e delle schermate comparsa durante il malfunzionamento, etc.); inserire in chiusura la richiesta di ricevere segnalazione da SISTRI della risoluzione del malfunzionamento in questione. In ogni caso, fino al 31 luglio 2014, procedere alla registrazione delle operazioni relative ai rifiuti prodotti e/o gestiti tramite registri di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti. 8. Sanzioni Il sistema sanzionatorio relativo a SISTRI, previsto dall'articolo 260-bis del, entrerà in vigore il 1 agosto 2014; nel frattempo anche per i rifiuti pericolosi devono comunque continuare ad essere utilizzati gli ordinari registri e formulari, pena

12 l'applicazione delle sanzioni già previste dall'art. 258 del, nel testo vigente prima del 205/2010. Infatti l'art. 11, comma 3-bis, del D.L. n. 101/2013, convertito nella Legge n. 125/2013, recita: "Nei dieci mesi successivi alla data del 1 ottobre 2013 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni. Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis e 260-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano..." Fattispecie omessa iscrizione a Sitri omesso veramento del contributo di iscrizione a SISTRI Sanzione sanz. amministrativa da a per rifiuti pericolosi sanz. amministrativa da a per rifiuti pericolosi + sospensione del servizio sanz. amministrativa: Riferimento normativo comma 1, comma 2, Note Il contributo è da versare ogni anno entro il 30 aprile (nel 2012 e2013 l'obbligo di versare il contributo è stato sospeso con provvedimenti legislativi ad hoc) omessa o irregolare compilazione di SISTRI alterazione o danneggiamento dei dispositivi trasporto senza copia della scheda SISTRI o del certificato analitico, ove prescritto (in via ordinaria) da a per rifiuti pericolosi da a per imprese con meno di 15 dipendenti da 520 a se non è pregiudicata la tracciabilità reclusione fino a 2 anni per rifiuti pericolosi comma 4, con richiamo al comma 3, commi 7 e 9,

13 sanz. amministrativa da 260 a se non è pregiudicata la tracciabilità trasporto con copia della scheda SISTRI fraudolentemente alterata predisposizione o uso nell ambito di SISTRI di certificato di analisi falso altre violazioni relative a SISTRI se il contravventore adempie entro 30 giorni dalla commissione dell illecito se il contravventore adempie entro 60 giorni dalla contestazione violazione di diverse disposizioni con un unica azione od omissione più violazioni della stessa disposizione più violazioni, anche in tempi diversi, della stessa o di diverse disposizioni con più azioni od omissioni esecutive di un medesimo disegno reclusione da 5 mesi e 10 giorni a 2 anni e 8 mesi per rifiuti pericolosi reclusione fino a 2 anni sanz. amministrativa da a per rifiuti pericolosi la sanzione amministrativa non si applica la sanzione amministrativa è ridotta ad un quarto sanz. amministrativa prevista per la violazione più grave, aumentata sino al doppio comma 8, comma 6, comma 5, comma 9-ter, comma 9-bis, ravvedimento operoso "continuazione" omessa iscrizione e ritardo nel versamento del contributo fino a luglio 2015 agosto 2014-marzo 2015: sanzione pari 5% al mese dell importo annuale, per i primi otto mesi di operatività di SISTRI art. 39, comma 2, 205/2010 regime transitorio di prima applicazione

14 aprile-luglio 2015: sanzione pari 50% al mese dell importo annuale, dal nono al dodicesimo mese di operatività di SISTRI altri illeciti amministrativi fino a luglio 2015 agosto 2014-marzo 2015: sanzione ridotta ad un decimo, per i primi otto mesi di operatività di SISTRI agosto 2014-marzo 2015: sanzione ridotta ad un decimo, per i primi otto mesi di operatività di SISTRI art. 39, comma 2-quater, 205/2010 regime transitorio di prima applicazione prime tre violazioni commesse dai soggetti per i quali il SISTRI è obbligatorio dal 3 marzo 2014 relative a: incompletezza o inesattezza delle informazioni inserite in SISTRI omesso accompagnamento dei rifiuti con copia della scheda SISTRI o del certificato analitico, ove richiesto non punibilità fino al 30 settembre 2014 (punibilità dalla quarta violazione) inadempienza di altri obblighi relativi a SISTRI diversi ed ulteriori rispetto a quelli specificamente sanzionati art. 11, comma 11, D.L. n. 101/2013 regime transitorio di prima applicazione

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2 SISTRI 1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2. I NODI NORMATIVI E INTERPRETATIVI CHE ANCORA IMPEDISCONO IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI TRACCIAMENTO

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1. Dotazioni informatiche minime: Pc con accesso ad internet Contratto Telemaco

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP Vista la Legge N 228 del 24/12/2012 (entrata in vigore il 01/01/2013) e la circolare n 18/2013 Prot. N. 11054, nell ottica di procedere in modo uniforme all

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0 Sottotitolo Pagina 2 di 14 Un doppio clic sull icona per avviare il programma. DiKe Pagina 3 di 14 Questa è la pagina principale del programma DiKe,

Dettagli

Partecipazione alle Gare Smaterializzate

Partecipazione alle Gare Smaterializzate Modulo 2 Partecipazione alle Gare Smaterializzate Pagina 1 di 26 INDICE 1. PREMESSA... 3 1. DIAGRAMMA DI FLUSSO... 6 3. PROCEDURA - DESCRIZIONE DI DETTAGLIO... 7 Pagina 2 di 26 1. PREMESSA Se sei un utente

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA

Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA Modalità di iscrizione al TOLC Per iscriversi al TOLC è necessario compiere le seguenti operazioni: 1. Registrazione nella sezione TOLC del portale CISIA

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Prendere visione del regolamento della manifestazione. A) Selezionare il programma GESTIONE ISCRIZIONI.

Prendere visione del regolamento della manifestazione. A) Selezionare il programma GESTIONE ISCRIZIONI. Prendere visione del regolamento della manifestazione A) Selezionare il programma GESTIONE ISCRIZIONI. Se si conosce già la password di accesso inserire il codice FIN della società sportiva nella forma

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - BRESCIA Sportello Telematico CERC PROCEDURA AGGIORNATA 2012 Brescia, 11 dicembre 2012 1 SERVIZIO WEB PER IL DEPOSITO DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTI

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

GUIDA al SERVIZIO SIMOG

GUIDA al SERVIZIO SIMOG GUIDA al SERVIZIO SIMOG Manuale utente profilo RUP Ver. 3.03.3.0 Questa Guida ha l obiettivo di rendere il più agevole possibile la fruizione del SIMOG nel completamento delle funzionalità esposte. L AVCP

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it 1 Introduzione...3 2 Registrazione di un nuovo dominio gov.it...3 3 Cambia Dati di un dominio...9 3.1 Variazione record di zona o DNS Dominio con

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli