I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI"

Transcript

1 Le politiche di filiera-agroalimentari 315 I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Sono obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico: raccolta e trasporto di rifiuti (eccetto trasporto dei propri rifiuti); i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione; chi svolge le operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti; i consorzi istituiti con le finalità di recuperare particolari tipologie di rifiuto; produttori iniziali di rifiuti pericolosi e produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g); i consorzi istituiti con le finalità di recuperare particolari tipologie di rifiuto I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Sono obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico: i produttori di rifiuti non pericolosi: derivanti da lavorazioni industriali e artigianali; derivanti da attività di recupero e smaltimento di rifiuti; costituiti da fanghi prodotti da: potabilizzazione e altri trattamenti delle acque; depurazione delle acque reflue; abbattimento di fumi

2 316 Modulo 4B I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI L articolo 190, comma 7, del D.Lgs 152/06 prevede che la disciplina relativa ai registri di carico e scarico venga definita con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della parte quarta del decreto stesso. Nelle more della sua emanazione continuano ad applicarsi: il decreto del Ministro dell'ambiente 1 aprile 1998, n. 148, relativo all approvazione del modello dei registri in attuazione dell articolo 12, del previgente D.Lgs 22/97; la circolare del Ministro dell'ambiente e del Ministro dell industria del 4 agosto I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Con il DM n. 148/98 sono stati approvati i seguenti modelli di registro di carico e scarico: modello A destinato ai produttori, trasportatori di rifiuti, recuperatori e smaltitori; modello B destinato agli intermediari e commercianti non detentori di rifiuti

3 Le politiche di filiera-agroalimentari 317 I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Il registro di carico e scarico è composto da fogli numerati e può essere tenuto anche mediante strumenti informatici. Il D.Lgs 152/06 ha stabilito che gli obblighi connessi alla tenuta dei registri di carico e scarico si intendono correttamente adempiuti anche qualora sia utilizzata carta formato A4, regolarmente numerata I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI I registri sono tenuti presso: ogni impianto di produzione, di stoccaggio, di recupero e di smaltimento di rifiuti; la sede delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto; la sede dei commercianti e degli intermediari; il luogo di produzione dei rifiuti derivanti dalle attività di manutenzione delle infrastrutture effettuata direttamente dal gestore dell infrastruttura a rete e degli impianti per l erogazione di forniture e servizi di interesse pubblico o tramite terzi, come definito dall articolo 230, comma 1, del DLG n. 152/

4 318 Modulo 4B I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Conservazione dei registri: i registri, integrati con i formulari di trasporto dei rifiuti, devono essere conservati per cinque anni dalla data dell'ultima registrazione; i registri relativi alle operazioni di smaltimento dei rifiuti in discarica devono essere invece conservati a tempo indeterminato e, al termine dell attività, devono essere consegnati all'autorità che ha rilasciato l'autorizzazione; le informazioni contenute nei registri devono essere rese disponibili in qualunque momento all autorità di controllo che ne faccia richiesta IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI L articolo 193, del D.Lgs 152/06, prevede che i rifiuti durante i trasporti effettuati da enti e imprese siano accompagnati da un formulario di identificazione, individua i casi di esenzione e quelli nei quali il formulario può essere sostituito da altri documenti. Il modello uniforme del formulario di identificazione deve essere approvato con decreto del Ministro dell ambiente. Fino alla sua emanazione continuano ad applicarsi le disposizioni di cui al decreto del Ministro dell'ambiente 1 aprile 1998, n

5 Le politiche di filiera-agroalimentari 319 IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Non è previsto l obbligo di formulario per : i trasporti di rifiuti urbani effettuati dal soggetto che gestisce il servizio pubblico di raccolta; i trasporti di rifiuti non pericolosi che non eccedano la quantità di 30 Kg/giorno o 30 l/giorno effettuati dal produttore degli stessi, in modo occasionale e saltuario; la raccolta e il trasporto di rifiuti effettuati da soggetti abilitati allo svolgimento delle attività medesime in forma ambulante, limitatamente ai rifiuti che formano oggetto del loro commercio IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Il formulario è da ritenersi validamente sostituito dai documenti di accompagnamento previsti da specifiche normative: per gli operatori soggetti all'obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico dal documento commerciale di cui all'articolo 7, del regolamento (Ce) n. 1774/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano; per i rifiuti oggetto di spedizioni transfrontaliere, dai documenti previsti dal regolamento (CEE) n. 259/

6 320 Modulo 4B IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Il formulario si compone di quattro esemplari e deve essere: compilato, datato e firmato dal produttore/detentore e controfirmato dal trasportatore, prima dell inizio del trasporto; una copia del formulario rimane al produttore/detentore; le altre tre copie sono consegnate dal trasportatore al destinatario, il quale provvede alla controfirma e ad apporre la data in arrivo IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Successivamente: una copia viene trattenuta dal destinatario; una copia viene trattenuta dal trasportatore; una delle copie firmate e datate dal destinatario (la quarta) deve essere consegnata, a cura del trasportatore, al produttore/detentore entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti. A conclusione del trasporto, il produttore/detentore deve essere in possesso di due esemplari del formulario, di cui una firmata anche dal destinatario

7 Le politiche di filiera-agroalimentari 321 IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Nel caso in cui alla scadenza del termine di tre mesi il produttore/detentore non sia venuto in possesso della quarta copia del formulario, deve provvedere senza indugio a darne comunicazione alla Provincia ai fini dell esclusione della responsabilità per il corretto recupero o smaltimento dei rifiuti affidati a trasportatore autorizzato (Art. 188, D.Lgs 152/06) IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI - SANZIONI Articolo 258, comma 4, D.Lgs 152/06 dispone che in caso di: trasporto di rifiuti senza il formulario di identificazione, di dati incompleti o inesatti indicati nel formulario, è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da 1.600,00 a 9.300,00 Euro. Nel caso di trasporto di rifiuti pericolosi è prevista anche la pena di cui all articolo 483 del c.p. (arresto fino a 2 anni) che si applica anche a chi, nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti, fornisce false indicazioni sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti e a chi fa uso di un certificato falso durante il trasporto. Se le indicazioni contenute nel formulario sono incomplete o inesatte ma contengono tutti gli elementi per ricostruire le informazioni dovute per legge e nel caso di mancato invio alle autorità competenti e di mancata conservazione del formulario si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 260,00 a 1.550,00 Euro

8 322 Modulo 4B LA GESTIONE DEI RIFIUTI decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 modificato con decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 Parte IV Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati in attuazione di direttive comunitarie. La gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è disciplinata al fine di assicurare un'elevata protezione dell'ambiente e controlli efficaci, tenendo conto della specificità dei rifiuti pericolosi LOGISTICA URBANA (CITY LOGISTICS) Logistica urbana -detta anche Urban Logistics- ciò che si interessa delle distribuzione urbana delle merci e dei relativi problemi (congestione, inquinamento, ecc.) cercando soluzioni migliorative. Ad oggi sono ben pochi i casi di soluzioni valide sia sul piano funzionale che economico mentre sono infiniti i convegni sull argomento. Il trasporto urbano delle merci (rappresenta il 20% del totale del traffico mezzi che percorrono, quotidianamente le strade delle nostre città), rappresenta una delle fonti di inquinamento

9 Le politiche di filiera-agroalimentari 323 LOGISTICA URBANA (CITY LOGISTICS) Flussi di veicoli merci che percorrono, ogni giorno, le strade cittadine: il traffico che alimenta il commercio, per servizi ai negozi, ai centri commerciali, ai supermercati, agli ipermercati, ecc.; i trasporti per l industria, che, utilizzando mezzi di grande portata, contribuiscono non poco alla congestione del traffico; i trasporti generati dalle attività edili destinate alla costruzione e/o restauro di edifici, di strutture e di strade; gli spostamenti degli artigiani che, per trasportare gli strumenti di lavoro, utilizzano per lo più mezzi di piccole dimensioni, ma sono molto numerosi LOGISTICA URBANA (CITY LOGISTICS) I trasferimenti effettuati dalle aziende di servizio come le società di assistenza e manutenzione, di catering, le lavanderie o le imprese delle pulizie; la raccolta dei rifiuti solidi urbani che determina un traffico regolare, ma in costante crescita; i servizi postali e di trasporto valori che generano un traffico regolare e caratterizzato da trasporti frequenti, rapidi e ben organizzati; il traffico di attraversamento, costituito da tutto quel traffico che attraversa la città senza sostarvi

10 324 Modulo 4B CITYPORTO Il Cityporto di Padova è Operativo dal 21 aprile 2004; le parole d'ordine di questo progetto che rivolge una profonda attenzione alla qualità degli ambienti urbani sono: Trasporto Sostenibile, Intermodalità, Riduzione e Moderazione del Traffico CITYPORTO Si tratta di un servizio che si propone di ridurre il numero dei viaggi, raggiungere un livello più alto di riempimento dei veicoli e che prevede l'esclusivo utilizzo di mezzi ecologici (principalmente a metano). Il Comune di Padova ha posto in essere tutti quegli incentivi tali da favorire l'utilizzo del Cityporto da parte degli operatori (ingresso h24 in centro, utilizzo corsie preferenziali, predisposizione di eventuali piazzole di sosta specifiche). È un servizio per gli operatori del trasporto merci in città, destinato a migliorare costantemente i flussi di consegna e a rendere contemporaneamente la città più sana e più vivibile

11 Le politiche di filiera-agroalimentari 325 CITYPORTO Il modello su cui si basa il Cityporto di Padova è di estrema semplicità: gli operatori (tipicamente corrieri), consegnano le merci in una piattaforma logistica (Interporto) a ridosso della città; da qui partono i mezzi ecologici a basso impatto ambientale (metano) per la distribuzione in centro ( ultimo miglio ) e l area inizialmente interessata dal progetto è costituita dalla cosiddetta Z.T.L CITYPORTO 82 82

12 326 Modulo 4B EcoCity Ecocity è un nuovo servizio di consegna merci in centro, messo a disposizione dal Centro Agroalimentare e Logistica di Parma e dal Comune di Parma. Il servizio è basato sull utilizzo della piattaforma logistica del CAL in via dei Mercati per il consolidamento dei carichi diretti in centro, con servizi navetta effettuati tramite veicoli eco-compatibili (a metano ed elettrici). Obiettivo del progetto è quello di razionalizzare l attuale processo distributivo delle merci a Parma, contribuendo così alla riduzione dell inquinamento e della congestione stradale EcoCity Al Centro Agroalimentare e Logistica è stata sviluppata una piattaforma telematica per la gestione ottimizzata della logistica urbana. Questo consentirà di condividere e trasferire dati e informazioni in tempo reale tra i diversi soggetti coinvolti nella consegna delle merci. La piattaforma telematica sovrintenderà a tutte le operazioni e i processi di tracciamento e localizzazione delle merci, alla gestione degli ordini, alla pianificazione dei tragitti e ad altri servizi a valore aggiunto

13 Le politiche di filiera-agroalimentari 327 EcoCity Finalità principali del progetto 1. Riduzione delle emissioni inquinanti: il 55% dell inquinamento veicolare attualmente deriva da veicoli commerciali, il 40% delle consegne avviene in centro storico; 2. riduzione della congestione del traffico urbano, miglioramento della circolazione veicolare e pedonale e della sosta; 3. riduzione dell occupazione degli spazi urbani; 4. aumento dell efficienza del sistema distributivo delle merci (con maggior efficienza degli approvvigionamenti e minor necessità di spazi-magazzino) EcoCity Dopo quanto tempo le merci sono consegnate a destinazione? Tutta la merce che viene portata al terminal entro le 9.00 verrà consegnata nell arco della stessa giornata (salvo particolari disposizioni del mittente o esigenze del destinatario). La merce che viene portata dopo le 9.00 potrebbe andare in consegna lo stesso giorno. In caso contrario verrà consegnata tassativamente la mattina del giorno successivo (salvo particolari disposizioni del mittente o esigenze del destinatario)

14 328 Modulo 4B EcoCity Come vengono calcolate le tariffe? Le tariffe sono calcolate con un fisso a consegna, più un importo al chilogrammo a scalare. La tariffazione è comunque personalizzata in base al numero delle spedizioni, dei colli, al peso per spedizione, al volume

15 Modulo 5A Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte Coordinatore Scientifico: Prof. Rocco Giordano

16

17 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 331 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti tecnico-logistici Modulo 5A Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte Coordinatore Scientifico: Prof. Rocco Giordano 1 ARGOMENTO Amministrazione Magazzino Merci 2

18 332 Modulo 5A AMMINISTRAZIONE MAGAZZINO MERCI Agenda 3 Classificazione dei magazzini; unità di carico; scaffalature; mezzi di movimentazione; i sistemi di picking; criteri di progettazione dei magazzini; picking per ordine e picking per codice; sistemi informativi di supporto; monitoraggio delle prestazioni di magazzino; gestione delle scorte; indicazioni sui fabbricati. Approvvigionamenti Gestione dei materiali Gestione scorte LOGISTICA Programmazione produzione 4 Distribuzione fisica Magazzini Trasporti

19 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 333 Evoluzione del concetto di MAGAZZINO Anni Anni 60 Anni 70 Anni 80 Anni 90 Anni 2000 AREE A TERRA MALE NECESSARIO MERCE DIMENTICATA MGLIORIAMO LA PRODUZIONE MDO PIÙ COSTOSA DIMINUIAMO I MAGAZZINI LE CATTEDRALI NEL DESERTO W I ROBOT JIT O STOCK IL MAGAZZINO FLESSIBILE L INFORMATICA IN MAGAZZINO OUTSOURCING DIVENTIAMO COSÌ BRAVI CHE... 5 CLASSIFICAZIONE DEI MAGAZZINI Possibili classificazioni dei magazzini 6

20 334 Modulo 5A SISTEMI DI HANDLING Unità di carico Scaffalature Mezzi di movimentazione 7 DIMENSIONAMENTO DELL UNITÀ DI CARICO TIPO: IL PALLET IMBALLO PRIMARIO (CONFEZIONE DI VENDITA) IMBALLO SECONDARIO 8 IMBALLO TERZIARIO (PALLET)

21 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 335 CLASSIFICAZIONE DELLE UNITÀ DI CARICO Unità di carico primaria (confezione) Unità di carico secondaria (imballo o collo) Astucci; blister; fusti; scatole; sacchi; casse di legno Cartone; stecca; contenitore di plastica o acciaio; cassa di legno; termoretraibile 9 CLASSIFICAZIONE DELLE UNITÀ DI CARICO Unità di carico Terziaria (pallet) Livello 4 Container Livello 5 Mezzo Pallet; gabbie; culle; carton pallet; cassa di legno; roll container Container; casse mobili; vagoni ferroviari Camion; convoglio ferroviario; nave; aereo 10

22 336 Modulo 5A PROGETTAZIONE DEGLI IMBALLI (PRIMARIO) REQUISITI PROGETTO IMBALLO PRIMARIO (confezione di vendita) N pezzi dimensionamento e peso, tipo di confezione problemi ecologici normative MARKETING PRODUZIONE VERIFICA LOGISTICA 11 PROGETTAZIONE DEGLI IMBALLI (SECONDARIO) REQUISITI PROGETTO IMBALLO SECONDARIO (collo o master) Dimensioni; peso; manipolazione; pallettizzazione LOGISTICA PRODUZIONE 12 VERIFICA MARKETING

23 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 337 PROGETTAZIONE DEGLI IMBALLI (TERZIARIO) PROGETTO PALLET (unità di carico pallettizzata) REQUISITI Dimensioni in pianta; altezza; schema di pallettizz.; stabilità; saturazione superf.; saturaz. Volumetrica; standardizzazione dimens.; impilabilità; regolarità sbordi LOGISTICA 13 SCAFFALATURE TRADIZIONALI altezza uomo a ripiani con passerella a grande altezza cantilever a mensole testate per pallet per contenitori (traslo) media altezza porta pallet grande altezza autoportanti 14

24 338 Modulo 5A SCAFFALATURE SPECIALI a gravità per cartoni per pallet drive in profondità multipla slide in dis satellite 15 dinamiche compattabili caroselli rotanti (paternoster) per pallet a ripiani automatici verticali CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE DEI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE Mezzi senza vincoli di mobilità Carrelli Movimentazione orizzontale Movimentazione orizzontale e verticale Mezzi vincolati a specifici percorsi operativi Trasloelevatori; trasportatori a rulli, a catena, a nastro; trasportatori aerei; elevatori, ascensori, montacarichi; AGV; navette Mezzi ausiliari di handling localizzati presso stazioni operative Dispositivi di alimentazione; dispositivi di posizionamento; robot 16 Mezzi vincolati a specifiche aree operative Carroponti; gru a portale; paranchi; manipolatori bilanciati

25 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 339 MEZZI SENZA VINCOLI DI MOBILITÀ Mezzi di sollevamento senza via di corsa fissa (carrelli) uomo a terra movimentazione pallet transpallet per prelievi frazionati commissionatore a bassa elevazione ad alta elevazione a contrappeso con uomo a bordo per movimentazione pallet a razze a montante retrattile A grande elevazione per corridoi stretti a forche trilaterali a slitte telescopiche per movimentazione carichi lunghi per movimentazione pallet e prelievi frazionati 17 PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO I dati necessari per procedere alla progettazione del magazzino possono essere così schematizzati. 1. Caratteristiche generali Settore merceologico; collocazione nella rete logistica; tipologia del magazzino (deposito centrale, deposito periferico, transit point, ecc.) ; localizzazione; vincoli urbanistici; caratteristiche del fabbricato; espansione futura; turni lavorativi. 18

26 340 Modulo 5A PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO 2. Caratteristiche del prodotto Densità del prodotto; durabilità (shelf life); esigenze di climatizzazione-refrigerazione; infiammabilità; tossicità; aggressività Unità di carico Tipo e dimensioni del pallet; dimensioni e peso dell unità di carico; dimensioni e peso dei colli; numero di colli per pallet; ripartizione colli pallettizzati-colli sciolti; sovrapponibilità dei cartoni o dei pallet. PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO 4. Potenzialità ricettiva Numero di voci a magazzino; giacenza minima, media, massima (espressa in unità di carico) per voce; potenzialità ricettiva richiesta per le diverse classi di materiali; previsioni di inserimento-eliminazione di prodotti. 5. Entità dei flussi di materiali Flussi IN e OUT; ripartizione degli items per tipologia di materiali; incidenza di ciascuna classe sul flusso complessivo di materiali; dimensioni e frequenza dei lotti in arrivo; media e punte massime del flusso complessivo dei materiali. 20

27 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 341 PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO 6. Picking Caratteristiche degli ordini; ordini-giorno; incidenza dei prelievi frazionati; colli per ordine; incidenza percentuale di ordini urgenti. 7. Ricevimento merci Numero medio e massimo di unità di carico in arrivo per giorno; controlli, collaudi o trattamenti richiesti; incidenza delle operazioni di ripalletizzazione; tipologia imballi; eventuale controllo doganale; entità del flusso dei materiali utilizzati per l imballaggio. 21 PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO 8. Spedizione Tipo di unità di carico usate per la spedizione; numero medio e massimo di unità di carico spedite nell unità di tempo; dimensione e portata degli automezzi; ripartizione degli ordini per classi dimensionali (in termini di percentuale del carico completo) ; ripartizione carichi completi-carichi misti; incidenza operazioni di pallettizzazione e imballaggio; tipologia imballi; eventuale controllo doganale; entità del flusso dei materiali per l imballaggio. 9. Servizi ausiliari Uffici; officina di manutenzione; magazzino imballi e materiale pubblicitario; pesatura autocarri; area di carica per batterie carrelli. 22

28 342 Modulo 5A Parametri quantificabili Caratteristiche merceologiche Selettività Rotazione (movimentazione) Volumi Voci (referenze) Valutazioni economiche Flessibilità Affidabilità Qualità del servizio 23 INDICI COLLEGATI ALLA MOVIMENTAZIONE DI UN PRODOTTO (O CLASSE DI PRODOTTI) Indice di rotazione (IR) = Flusso in uscita Giacenza media (in un periodo determinato) Indice di movimentazione (IM) = Unità di carico movimentate in un periodo determinato 24 Selettività = n di movimenti utili n di movimenti necessari

29 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 343 ANALISI ABC DELLA GIACENZA Viene analizzata la quantità giacente per codice. Ci dice quali e quanti sono i codici che hanno maggiori scorte con riferimento all unità di misura adottata per la giacenza. L analisi ABC della giacenza ci fornisce indicazioni per progettare le strutture fisse del magazzino (che tipo di scaffali?). 25 ANALISI ABC DEI PRELIEVI Viene analizzato il numero di righe per codice. Ci dice quali e quanti sono i codici che hanno maggiori prelievi in termini di righe (in pratica è il numero di volte che si va a prendere quel codice). Permette di scegliere dove posizionare i codici all interno del magazzino e come effettuare i prelievi. 26

30 344 Modulo 5A CRITERI DI SCELTA PER LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI In funzione del n di pallet in stock per codice e della capacità di stoccaggio BASSO ALTO N pallet in stock per codice DRIVE IN o INTENSIVO con SATELLITE e RETRATTILE PORTA PALLET con RETRATTILE o FRONTALE INTENSIVO con TRILATERALE o TRASLOELEVATORE e SATELLITE PORTA PALLET con TRILATERALE o TRASLOELEVATORE 27 BASSA ALTA Capacità di stoccaggio (richiesta) CRITERI DI SCELTA PER LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI In funzione del n di pallet in stock per codice e del coefficiente di picco BASSO ALTO N pallet in stock per codice INTENSIVO con TRASLOELEVATORE e SATELLITE PORTA PALLET con TRASLOELEVATORE INTENSIVO con RETRATTILE e SATELLITE PORTA PALLET con TRILATERALE o RETRATTILE 28 BASSO Coefficiente di picco dei movimenti ALTO

31 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 345 I CRITERI DI ALLOCAZIONE DEI MATERIALI Le prestazioni di un un sistema di stoccaggio sono legate, tra l altro, alla scelta dei criteri di allocazione fisica delle unità di carico all interno del magazzino. Tra i diversi criteri disponibili, noi analizzeremo i seguenti: UBICAZIONE PER CLASSI DI PRODOTTO; UBICAZIONE RANDOM; UBICAZIONE FISSA. 29 UBICAZIONE FISSA Un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto Si assegna un determinato scaffale o una determinata collocazione a un determinato prodotto. La scelta di quali vani dedicare ad ogni articolo può essere effettuata in base: a criteri storici alle classi merceologiche VANTAGGI: facilità della ricerca manuale dei prodotti SVANTAGGI: basso sfruttamento dei volumi massimi di stoccaggio 30

32 346 Modulo 5A UBICAZIONE RANDOM Non mi importa che cosa, non mi importa dove Consiste nell utilizzare lo spazio libero al momento in cui si deve collocare il prodotto. VANTAGGI: massimo guadagno di spazio: si utilizza ogni spazio disponibile in funzione degli arrivi 31 SVANTAGGI: necessita di indirizzi precisi degli articoli, per facilitarne la ricerca (eventuale uso di supporti di tipo informatico) OTTIMIZZAZIONE DELLE ALLOCAZIONI Per tutte e tre le tipologie viste in precedenza si utilizzano, al fine di ottimizzare le allocazioni, i seguenti criteri: FIFO Primo entrato primo uscito Consiste nel prelevare gli articoli nell ordine della loro entrata in stoccaggio. Questo si rende necessario, ad esempio, per le derrate deperibili o prodotti soggetti ad una alterazione qualsiasi per invecchiamento. 32 INDICE DI ROTAZIONE L importanza dei movimenti in un magazzino può essere caratterizzata dal prodotto peso x distanza. Il peso è una quantità sulla quale non si può agire. È invece possibile diminuire la distanza, avvicinando i prodotti a forte rotazione ai magazzinieri.

33 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 347 OTTIMIZZAZIONE DELLE ALLOCAZIONI MAGAZZINO STOCCAGGIO MAGAZZINO PICKING Ubicazione fissa + Ubicazione per classe di prodotti Ubicazione random + 33 CLASSIFICAZIONI DEI SISTEMI DI PICKING SI MUOVE. Operatore Materiale.VERSO una stazione di picking n stazioni di picking OPERATORE A piedi A bordo di carrelli A bordo trasloelevatore con possibilità di sorpasso senza possibilità di sorpasso ALTEZZA DI PRELIEVO Picking a tutta altezza Picking ad altezza d uomo 34

34 348 Modulo 5A CLASSIFICAZIONI DEI SISTEMI DI PICKING PICKING con dispositivi automatici (dispenser, robot, ecc.) manuale con documenti cartacei senza documenti cartacei (Picking guidato) senza segnalazioni luminose con segnalazioni luminose 35 PRELIEVO PER. ordine codice.si SMISTA manualmente Con impianti automatici di smistamento CLASSIFICAZIONI DEI SISTEMI DI PICKING mag. di stoccaggio PICKING NEL mag. di picking inserito nel mag. stoccaggio mag. di picking separato dal mag. stoccaggio scaffali a ripiani pallets PICKING DA scaffali FIFO serbatoi automatici verticali scaffali rotanti orizzontalmente 36 L ORDINE È COMPLETATO DA da un solo operatore da n operatori in serie in parallelo

35 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 349 CRITERI DI SCELTA DEI SISTEMI DI PICKING Capacità di stoccaggio Alta Bassa Volume unità di prelievo Alto Basso N righe Alto Basso Mag. di picking separato da mag. stoccaggio Picking nel magazzino di stoccaggio Mag. di picking nel mag. stoccaggio (piani bassi) Picking nel magazzino di stoccaggio Indice di rotazione Alto Basso Pallet Pallet FIFO Da ripiani 37 PICKING PER ORDINE Fattori operativi favorevoli all'esecuzione del picking per ordine: basso numero di righe per referenza (indice di sovrapposizione) ; elevato numero di righe/ordine; quantità per riga elevate; ricezione ordini irregolare; numero elevato di codici a magazzino; presenza marcata di ordini voluminosi; presenza di articoli pesanti. 38

36 350 Modulo 5A PICKING PER RIEPILOGO/BATCH Il prelievo avviene per articolo (necessità di smistamento a valle del prelievo). Fattori operativi favorevoli all'esecuzione del picking per riepilogo:» elevato numero di righe per referenza (alto indice di sovrapposizione) ;» basso numero di righe/ordine;» ridotte quantità per linea d ordine/ per ordine;» bassa numerosità codici a magazzino;» tempi di consegna accettabilmente lunghi. Nel caso del batch (riepilogo parziale) la merce può essere eventualmente inserita direttamente nel contenitore cliente. 39 La dimensione del batch é in funzione dei vincoli fisici (caso uomo alla merce; caso merce all uomo). PRESTAZIONI DI MAGAZZINO INDICI DI UTILIZZO NELLO STOCCAGGIO (SATURAZIONE) Misurano il grado di utilizzo: delle superfici I US = superficie utilizzata superficie destinata allo stoccaggio dei volumi I UV = volume occupato da scaffali o da materiale volume disponibile dei posti disponibili I UPD = posti occupati posti disponibili 40 dei vani I UVA = volume occupato da U.D.C. volume del vano

37 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 351 INDICI DI PRODUTTIVITÀ PICKING Occorre innanzitutto valutare l incidenza del picking I PCOD = n codici oggetto di picking o I PF = n righe frazionate n codici totali n righe totali e la composizione degli ordini da prelevare I PRO = righe ordine I PPR = pezzi/cartoni riga Indici più significativi: I PR = righe prelevate ore totali lavorate I PC = pezzi/cartoni prelevati ore totali lavorate 41 INDICI DI QUALITÀ DEL SERVIZIO I parametri da misurare rientrano in due categorie: TEMPORALI ACCURATEZZA (errori) Preparazione ordini Tp = tempo di esecuzione del picking Imballo Ti = tempo esecuzione imballo Spedizione Tsp = tempo carico mezzi I SQPO = righe errate (di quantità/di codice) righe totali I SQIMB = operazioni errate (trascurabili) operazioni totali svolte I SQSP = operazioni errate (trascurabili) operazioni totali svolte 42

38 352 Modulo 5A IL SISTEMA INFORMATIVO Nel corso degli anni l'importanza del sistema informativo per la gestione fisica del magazzino è via via aumentata. Oggi il ruolo dell'informatica in magazzino è cruciale, e per certi versi ha superato come importanza l'automazione dei sistemi di handling. L'evoluzione è stata la seguente: anni 70 nessun sistema informativo contabile anni 80 sistemi informativi di tipo 43 anni 90 fine anni 90 inizio 2000 sistemi per la gestione fisica studio di nuove tecnologie OBIETTIVI RAGGIUNGIBILI CON L INTRODUZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO Eliminazione degli errori in termini di referenza grazie all utilizzo dei barcode; aumento della produttività nel ricevimento e stoccaggio merce; ottimizzazione delle strutture di magazzino e loro grado di riempimento grazie alla mappatura real time del magazzino; controllo delle evadibilità in considerazione della giacenza effettiva per prodotto (eliminazione dei disallineamenti fisico-contabili) ; diminuzione dei tempi di prelievo grazie al controllo radiofrequenza 44 degli operatori; tracciabilità lotti/prodotti.

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

SISTEMI DI MATERIAL HANDLING E STOCCAGGIO:

SISTEMI DI MATERIAL HANDLING E STOCCAGGIO: SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGENERIA AEROSPAZIALE E MECCANICA Cattedra di Impianti Industriali Prof. Ing. Roberto Macchiaroli SISTEMI DI MATERIAL HANDLING

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Edizione ottobre 2008 Processi più semplici grazie ad una perfetta pianificazione Una precisa pianificazione preventiva consente da un lato un

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Tutti i diritti riservati Copyright GS1 Italy Indicod-Ecr 2012 1

Tutti i diritti riservati Copyright GS1 Italy Indicod-Ecr 2012 1 a Documento Condiviso per la Tracciabilità e la Rintracciabilità: Regolamento UE n 931/2011 Giugno 2012 1 Indice Executive summary... 3 Introduzione... 4 I processi coinvolti dalla tracciabilità di filiera

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Contratto unico unico mandato.

Contratto unico unico mandato. CODICE DI CONDOTTA Codice di Condotta A.I.T.I. Il Codice di condotta A.I.T.I. integra il Codice etico per imprese operanti nei servizi di trasloco pubblicato da Unioncamere. Il Codice di condotta A.I.T.I.,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

LA GESTIONE DEI PALLET NEI MODERNI SISTEMI DISTRIBUTIVI

LA GESTIONE DEI PALLET NEI MODERNI SISTEMI DISTRIBUTIVI Liuc Papers n. 203, Serie Tecnologia 11, giugno 2007 LA GESTIONE DEI PALLET NEI MODERNI SISTEMI DISTRIBUTIVI Alessandro Creazza, Fabrizio Dallari Indice 1. Il pallet e la sua supply chain... 2 1.1. Le

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

CONDIZIONI TECNICHE ATTUATIVE DEL SERVIZIO DI POSTA MASSIVA

CONDIZIONI TECNICHE ATTUATIVE DEL SERVIZIO DI POSTA MASSIVA CONDIZIONI TECNICHE ATTUATIVE DEL SERVIZIO DI POSTA MASSIVA VALIDE DAL 26 MARZO 2015 INDICE INDICE... 2 1 GENERALITA... 3 2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO... 4 2.1 FORMATI... 4 2.2 STANDARD DI PRODOTTO...

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli