I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI"

Transcript

1 Le politiche di filiera-agroalimentari 315 I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Sono obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico: raccolta e trasporto di rifiuti (eccetto trasporto dei propri rifiuti); i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione; chi svolge le operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti; i consorzi istituiti con le finalità di recuperare particolari tipologie di rifiuto; produttori iniziali di rifiuti pericolosi e produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g); i consorzi istituiti con le finalità di recuperare particolari tipologie di rifiuto I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Sono obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico: i produttori di rifiuti non pericolosi: derivanti da lavorazioni industriali e artigianali; derivanti da attività di recupero e smaltimento di rifiuti; costituiti da fanghi prodotti da: potabilizzazione e altri trattamenti delle acque; depurazione delle acque reflue; abbattimento di fumi

2 316 Modulo 4B I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI L articolo 190, comma 7, del D.Lgs 152/06 prevede che la disciplina relativa ai registri di carico e scarico venga definita con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della parte quarta del decreto stesso. Nelle more della sua emanazione continuano ad applicarsi: il decreto del Ministro dell'ambiente 1 aprile 1998, n. 148, relativo all approvazione del modello dei registri in attuazione dell articolo 12, del previgente D.Lgs 22/97; la circolare del Ministro dell'ambiente e del Ministro dell industria del 4 agosto I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Con il DM n. 148/98 sono stati approvati i seguenti modelli di registro di carico e scarico: modello A destinato ai produttori, trasportatori di rifiuti, recuperatori e smaltitori; modello B destinato agli intermediari e commercianti non detentori di rifiuti

3 Le politiche di filiera-agroalimentari 317 I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Il registro di carico e scarico è composto da fogli numerati e può essere tenuto anche mediante strumenti informatici. Il D.Lgs 152/06 ha stabilito che gli obblighi connessi alla tenuta dei registri di carico e scarico si intendono correttamente adempiuti anche qualora sia utilizzata carta formato A4, regolarmente numerata I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI I registri sono tenuti presso: ogni impianto di produzione, di stoccaggio, di recupero e di smaltimento di rifiuti; la sede delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto; la sede dei commercianti e degli intermediari; il luogo di produzione dei rifiuti derivanti dalle attività di manutenzione delle infrastrutture effettuata direttamente dal gestore dell infrastruttura a rete e degli impianti per l erogazione di forniture e servizi di interesse pubblico o tramite terzi, come definito dall articolo 230, comma 1, del DLG n. 152/

4 318 Modulo 4B I REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI Conservazione dei registri: i registri, integrati con i formulari di trasporto dei rifiuti, devono essere conservati per cinque anni dalla data dell'ultima registrazione; i registri relativi alle operazioni di smaltimento dei rifiuti in discarica devono essere invece conservati a tempo indeterminato e, al termine dell attività, devono essere consegnati all'autorità che ha rilasciato l'autorizzazione; le informazioni contenute nei registri devono essere rese disponibili in qualunque momento all autorità di controllo che ne faccia richiesta IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI L articolo 193, del D.Lgs 152/06, prevede che i rifiuti durante i trasporti effettuati da enti e imprese siano accompagnati da un formulario di identificazione, individua i casi di esenzione e quelli nei quali il formulario può essere sostituito da altri documenti. Il modello uniforme del formulario di identificazione deve essere approvato con decreto del Ministro dell ambiente. Fino alla sua emanazione continuano ad applicarsi le disposizioni di cui al decreto del Ministro dell'ambiente 1 aprile 1998, n

5 Le politiche di filiera-agroalimentari 319 IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Non è previsto l obbligo di formulario per : i trasporti di rifiuti urbani effettuati dal soggetto che gestisce il servizio pubblico di raccolta; i trasporti di rifiuti non pericolosi che non eccedano la quantità di 30 Kg/giorno o 30 l/giorno effettuati dal produttore degli stessi, in modo occasionale e saltuario; la raccolta e il trasporto di rifiuti effettuati da soggetti abilitati allo svolgimento delle attività medesime in forma ambulante, limitatamente ai rifiuti che formano oggetto del loro commercio IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Il formulario è da ritenersi validamente sostituito dai documenti di accompagnamento previsti da specifiche normative: per gli operatori soggetti all'obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico dal documento commerciale di cui all'articolo 7, del regolamento (Ce) n. 1774/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano; per i rifiuti oggetto di spedizioni transfrontaliere, dai documenti previsti dal regolamento (CEE) n. 259/

6 320 Modulo 4B IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Il formulario si compone di quattro esemplari e deve essere: compilato, datato e firmato dal produttore/detentore e controfirmato dal trasportatore, prima dell inizio del trasporto; una copia del formulario rimane al produttore/detentore; le altre tre copie sono consegnate dal trasportatore al destinatario, il quale provvede alla controfirma e ad apporre la data in arrivo IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Successivamente: una copia viene trattenuta dal destinatario; una copia viene trattenuta dal trasportatore; una delle copie firmate e datate dal destinatario (la quarta) deve essere consegnata, a cura del trasportatore, al produttore/detentore entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti. A conclusione del trasporto, il produttore/detentore deve essere in possesso di due esemplari del formulario, di cui una firmata anche dal destinatario

7 Le politiche di filiera-agroalimentari 321 IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Nel caso in cui alla scadenza del termine di tre mesi il produttore/detentore non sia venuto in possesso della quarta copia del formulario, deve provvedere senza indugio a darne comunicazione alla Provincia ai fini dell esclusione della responsabilità per il corretto recupero o smaltimento dei rifiuti affidati a trasportatore autorizzato (Art. 188, D.Lgs 152/06) IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI - SANZIONI Articolo 258, comma 4, D.Lgs 152/06 dispone che in caso di: trasporto di rifiuti senza il formulario di identificazione, di dati incompleti o inesatti indicati nel formulario, è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da 1.600,00 a 9.300,00 Euro. Nel caso di trasporto di rifiuti pericolosi è prevista anche la pena di cui all articolo 483 del c.p. (arresto fino a 2 anni) che si applica anche a chi, nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti, fornisce false indicazioni sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti e a chi fa uso di un certificato falso durante il trasporto. Se le indicazioni contenute nel formulario sono incomplete o inesatte ma contengono tutti gli elementi per ricostruire le informazioni dovute per legge e nel caso di mancato invio alle autorità competenti e di mancata conservazione del formulario si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 260,00 a 1.550,00 Euro

8 322 Modulo 4B LA GESTIONE DEI RIFIUTI decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 modificato con decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 Parte IV Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati in attuazione di direttive comunitarie. La gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è disciplinata al fine di assicurare un'elevata protezione dell'ambiente e controlli efficaci, tenendo conto della specificità dei rifiuti pericolosi LOGISTICA URBANA (CITY LOGISTICS) Logistica urbana -detta anche Urban Logistics- ciò che si interessa delle distribuzione urbana delle merci e dei relativi problemi (congestione, inquinamento, ecc.) cercando soluzioni migliorative. Ad oggi sono ben pochi i casi di soluzioni valide sia sul piano funzionale che economico mentre sono infiniti i convegni sull argomento. Il trasporto urbano delle merci (rappresenta il 20% del totale del traffico mezzi che percorrono, quotidianamente le strade delle nostre città), rappresenta una delle fonti di inquinamento

9 Le politiche di filiera-agroalimentari 323 LOGISTICA URBANA (CITY LOGISTICS) Flussi di veicoli merci che percorrono, ogni giorno, le strade cittadine: il traffico che alimenta il commercio, per servizi ai negozi, ai centri commerciali, ai supermercati, agli ipermercati, ecc.; i trasporti per l industria, che, utilizzando mezzi di grande portata, contribuiscono non poco alla congestione del traffico; i trasporti generati dalle attività edili destinate alla costruzione e/o restauro di edifici, di strutture e di strade; gli spostamenti degli artigiani che, per trasportare gli strumenti di lavoro, utilizzano per lo più mezzi di piccole dimensioni, ma sono molto numerosi LOGISTICA URBANA (CITY LOGISTICS) I trasferimenti effettuati dalle aziende di servizio come le società di assistenza e manutenzione, di catering, le lavanderie o le imprese delle pulizie; la raccolta dei rifiuti solidi urbani che determina un traffico regolare, ma in costante crescita; i servizi postali e di trasporto valori che generano un traffico regolare e caratterizzato da trasporti frequenti, rapidi e ben organizzati; il traffico di attraversamento, costituito da tutto quel traffico che attraversa la città senza sostarvi

10 324 Modulo 4B CITYPORTO Il Cityporto di Padova è Operativo dal 21 aprile 2004; le parole d'ordine di questo progetto che rivolge una profonda attenzione alla qualità degli ambienti urbani sono: Trasporto Sostenibile, Intermodalità, Riduzione e Moderazione del Traffico CITYPORTO Si tratta di un servizio che si propone di ridurre il numero dei viaggi, raggiungere un livello più alto di riempimento dei veicoli e che prevede l'esclusivo utilizzo di mezzi ecologici (principalmente a metano). Il Comune di Padova ha posto in essere tutti quegli incentivi tali da favorire l'utilizzo del Cityporto da parte degli operatori (ingresso h24 in centro, utilizzo corsie preferenziali, predisposizione di eventuali piazzole di sosta specifiche). È un servizio per gli operatori del trasporto merci in città, destinato a migliorare costantemente i flussi di consegna e a rendere contemporaneamente la città più sana e più vivibile

11 Le politiche di filiera-agroalimentari 325 CITYPORTO Il modello su cui si basa il Cityporto di Padova è di estrema semplicità: gli operatori (tipicamente corrieri), consegnano le merci in una piattaforma logistica (Interporto) a ridosso della città; da qui partono i mezzi ecologici a basso impatto ambientale (metano) per la distribuzione in centro ( ultimo miglio ) e l area inizialmente interessata dal progetto è costituita dalla cosiddetta Z.T.L CITYPORTO 82 82

12 326 Modulo 4B EcoCity Ecocity è un nuovo servizio di consegna merci in centro, messo a disposizione dal Centro Agroalimentare e Logistica di Parma e dal Comune di Parma. Il servizio è basato sull utilizzo della piattaforma logistica del CAL in via dei Mercati per il consolidamento dei carichi diretti in centro, con servizi navetta effettuati tramite veicoli eco-compatibili (a metano ed elettrici). Obiettivo del progetto è quello di razionalizzare l attuale processo distributivo delle merci a Parma, contribuendo così alla riduzione dell inquinamento e della congestione stradale EcoCity Al Centro Agroalimentare e Logistica è stata sviluppata una piattaforma telematica per la gestione ottimizzata della logistica urbana. Questo consentirà di condividere e trasferire dati e informazioni in tempo reale tra i diversi soggetti coinvolti nella consegna delle merci. La piattaforma telematica sovrintenderà a tutte le operazioni e i processi di tracciamento e localizzazione delle merci, alla gestione degli ordini, alla pianificazione dei tragitti e ad altri servizi a valore aggiunto

13 Le politiche di filiera-agroalimentari 327 EcoCity Finalità principali del progetto 1. Riduzione delle emissioni inquinanti: il 55% dell inquinamento veicolare attualmente deriva da veicoli commerciali, il 40% delle consegne avviene in centro storico; 2. riduzione della congestione del traffico urbano, miglioramento della circolazione veicolare e pedonale e della sosta; 3. riduzione dell occupazione degli spazi urbani; 4. aumento dell efficienza del sistema distributivo delle merci (con maggior efficienza degli approvvigionamenti e minor necessità di spazi-magazzino) EcoCity Dopo quanto tempo le merci sono consegnate a destinazione? Tutta la merce che viene portata al terminal entro le 9.00 verrà consegnata nell arco della stessa giornata (salvo particolari disposizioni del mittente o esigenze del destinatario). La merce che viene portata dopo le 9.00 potrebbe andare in consegna lo stesso giorno. In caso contrario verrà consegnata tassativamente la mattina del giorno successivo (salvo particolari disposizioni del mittente o esigenze del destinatario)

14 328 Modulo 4B EcoCity Come vengono calcolate le tariffe? Le tariffe sono calcolate con un fisso a consegna, più un importo al chilogrammo a scalare. La tariffazione è comunque personalizzata in base al numero delle spedizioni, dei colli, al peso per spedizione, al volume

15 Modulo 5A Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte Coordinatore Scientifico: Prof. Rocco Giordano

16

17 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 331 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti tecnico-logistici Modulo 5A Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte Coordinatore Scientifico: Prof. Rocco Giordano 1 ARGOMENTO Amministrazione Magazzino Merci 2

18 332 Modulo 5A AMMINISTRAZIONE MAGAZZINO MERCI Agenda 3 Classificazione dei magazzini; unità di carico; scaffalature; mezzi di movimentazione; i sistemi di picking; criteri di progettazione dei magazzini; picking per ordine e picking per codice; sistemi informativi di supporto; monitoraggio delle prestazioni di magazzino; gestione delle scorte; indicazioni sui fabbricati. Approvvigionamenti Gestione dei materiali Gestione scorte LOGISTICA Programmazione produzione 4 Distribuzione fisica Magazzini Trasporti

19 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 333 Evoluzione del concetto di MAGAZZINO Anni Anni 60 Anni 70 Anni 80 Anni 90 Anni 2000 AREE A TERRA MALE NECESSARIO MERCE DIMENTICATA MGLIORIAMO LA PRODUZIONE MDO PIÙ COSTOSA DIMINUIAMO I MAGAZZINI LE CATTEDRALI NEL DESERTO W I ROBOT JIT O STOCK IL MAGAZZINO FLESSIBILE L INFORMATICA IN MAGAZZINO OUTSOURCING DIVENTIAMO COSÌ BRAVI CHE... 5 CLASSIFICAZIONE DEI MAGAZZINI Possibili classificazioni dei magazzini 6

20 334 Modulo 5A SISTEMI DI HANDLING Unità di carico Scaffalature Mezzi di movimentazione 7 DIMENSIONAMENTO DELL UNITÀ DI CARICO TIPO: IL PALLET IMBALLO PRIMARIO (CONFEZIONE DI VENDITA) IMBALLO SECONDARIO 8 IMBALLO TERZIARIO (PALLET)

21 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 335 CLASSIFICAZIONE DELLE UNITÀ DI CARICO Unità di carico primaria (confezione) Unità di carico secondaria (imballo o collo) Astucci; blister; fusti; scatole; sacchi; casse di legno Cartone; stecca; contenitore di plastica o acciaio; cassa di legno; termoretraibile 9 CLASSIFICAZIONE DELLE UNITÀ DI CARICO Unità di carico Terziaria (pallet) Livello 4 Container Livello 5 Mezzo Pallet; gabbie; culle; carton pallet; cassa di legno; roll container Container; casse mobili; vagoni ferroviari Camion; convoglio ferroviario; nave; aereo 10

22 336 Modulo 5A PROGETTAZIONE DEGLI IMBALLI (PRIMARIO) REQUISITI PROGETTO IMBALLO PRIMARIO (confezione di vendita) N pezzi dimensionamento e peso, tipo di confezione problemi ecologici normative MARKETING PRODUZIONE VERIFICA LOGISTICA 11 PROGETTAZIONE DEGLI IMBALLI (SECONDARIO) REQUISITI PROGETTO IMBALLO SECONDARIO (collo o master) Dimensioni; peso; manipolazione; pallettizzazione LOGISTICA PRODUZIONE 12 VERIFICA MARKETING

23 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 337 PROGETTAZIONE DEGLI IMBALLI (TERZIARIO) PROGETTO PALLET (unità di carico pallettizzata) REQUISITI Dimensioni in pianta; altezza; schema di pallettizz.; stabilità; saturazione superf.; saturaz. Volumetrica; standardizzazione dimens.; impilabilità; regolarità sbordi LOGISTICA 13 SCAFFALATURE TRADIZIONALI altezza uomo a ripiani con passerella a grande altezza cantilever a mensole testate per pallet per contenitori (traslo) media altezza porta pallet grande altezza autoportanti 14

24 338 Modulo 5A SCAFFALATURE SPECIALI a gravità per cartoni per pallet drive in profondità multipla slide in dis satellite 15 dinamiche compattabili caroselli rotanti (paternoster) per pallet a ripiani automatici verticali CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE DEI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE Mezzi senza vincoli di mobilità Carrelli Movimentazione orizzontale Movimentazione orizzontale e verticale Mezzi vincolati a specifici percorsi operativi Trasloelevatori; trasportatori a rulli, a catena, a nastro; trasportatori aerei; elevatori, ascensori, montacarichi; AGV; navette Mezzi ausiliari di handling localizzati presso stazioni operative Dispositivi di alimentazione; dispositivi di posizionamento; robot 16 Mezzi vincolati a specifiche aree operative Carroponti; gru a portale; paranchi; manipolatori bilanciati

25 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 339 MEZZI SENZA VINCOLI DI MOBILITÀ Mezzi di sollevamento senza via di corsa fissa (carrelli) uomo a terra movimentazione pallet transpallet per prelievi frazionati commissionatore a bassa elevazione ad alta elevazione a contrappeso con uomo a bordo per movimentazione pallet a razze a montante retrattile A grande elevazione per corridoi stretti a forche trilaterali a slitte telescopiche per movimentazione carichi lunghi per movimentazione pallet e prelievi frazionati 17 PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO I dati necessari per procedere alla progettazione del magazzino possono essere così schematizzati. 1. Caratteristiche generali Settore merceologico; collocazione nella rete logistica; tipologia del magazzino (deposito centrale, deposito periferico, transit point, ecc.) ; localizzazione; vincoli urbanistici; caratteristiche del fabbricato; espansione futura; turni lavorativi. 18

26 340 Modulo 5A PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO 2. Caratteristiche del prodotto Densità del prodotto; durabilità (shelf life); esigenze di climatizzazione-refrigerazione; infiammabilità; tossicità; aggressività Unità di carico Tipo e dimensioni del pallet; dimensioni e peso dell unità di carico; dimensioni e peso dei colli; numero di colli per pallet; ripartizione colli pallettizzati-colli sciolti; sovrapponibilità dei cartoni o dei pallet. PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO 4. Potenzialità ricettiva Numero di voci a magazzino; giacenza minima, media, massima (espressa in unità di carico) per voce; potenzialità ricettiva richiesta per le diverse classi di materiali; previsioni di inserimento-eliminazione di prodotti. 5. Entità dei flussi di materiali Flussi IN e OUT; ripartizione degli items per tipologia di materiali; incidenza di ciascuna classe sul flusso complessivo di materiali; dimensioni e frequenza dei lotti in arrivo; media e punte massime del flusso complessivo dei materiali. 20

27 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 341 PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO 6. Picking Caratteristiche degli ordini; ordini-giorno; incidenza dei prelievi frazionati; colli per ordine; incidenza percentuale di ordini urgenti. 7. Ricevimento merci Numero medio e massimo di unità di carico in arrivo per giorno; controlli, collaudi o trattamenti richiesti; incidenza delle operazioni di ripalletizzazione; tipologia imballi; eventuale controllo doganale; entità del flusso dei materiali utilizzati per l imballaggio. 21 PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO 8. Spedizione Tipo di unità di carico usate per la spedizione; numero medio e massimo di unità di carico spedite nell unità di tempo; dimensione e portata degli automezzi; ripartizione degli ordini per classi dimensionali (in termini di percentuale del carico completo) ; ripartizione carichi completi-carichi misti; incidenza operazioni di pallettizzazione e imballaggio; tipologia imballi; eventuale controllo doganale; entità del flusso dei materiali per l imballaggio. 9. Servizi ausiliari Uffici; officina di manutenzione; magazzino imballi e materiale pubblicitario; pesatura autocarri; area di carica per batterie carrelli. 22

28 342 Modulo 5A Parametri quantificabili Caratteristiche merceologiche Selettività Rotazione (movimentazione) Volumi Voci (referenze) Valutazioni economiche Flessibilità Affidabilità Qualità del servizio 23 INDICI COLLEGATI ALLA MOVIMENTAZIONE DI UN PRODOTTO (O CLASSE DI PRODOTTI) Indice di rotazione (IR) = Flusso in uscita Giacenza media (in un periodo determinato) Indice di movimentazione (IM) = Unità di carico movimentate in un periodo determinato 24 Selettività = n di movimenti utili n di movimenti necessari

29 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 343 ANALISI ABC DELLA GIACENZA Viene analizzata la quantità giacente per codice. Ci dice quali e quanti sono i codici che hanno maggiori scorte con riferimento all unità di misura adottata per la giacenza. L analisi ABC della giacenza ci fornisce indicazioni per progettare le strutture fisse del magazzino (che tipo di scaffali?). 25 ANALISI ABC DEI PRELIEVI Viene analizzato il numero di righe per codice. Ci dice quali e quanti sono i codici che hanno maggiori prelievi in termini di righe (in pratica è il numero di volte che si va a prendere quel codice). Permette di scegliere dove posizionare i codici all interno del magazzino e come effettuare i prelievi. 26

30 344 Modulo 5A CRITERI DI SCELTA PER LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI In funzione del n di pallet in stock per codice e della capacità di stoccaggio BASSO ALTO N pallet in stock per codice DRIVE IN o INTENSIVO con SATELLITE e RETRATTILE PORTA PALLET con RETRATTILE o FRONTALE INTENSIVO con TRILATERALE o TRASLOELEVATORE e SATELLITE PORTA PALLET con TRILATERALE o TRASLOELEVATORE 27 BASSA ALTA Capacità di stoccaggio (richiesta) CRITERI DI SCELTA PER LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI In funzione del n di pallet in stock per codice e del coefficiente di picco BASSO ALTO N pallet in stock per codice INTENSIVO con TRASLOELEVATORE e SATELLITE PORTA PALLET con TRASLOELEVATORE INTENSIVO con RETRATTILE e SATELLITE PORTA PALLET con TRILATERALE o RETRATTILE 28 BASSO Coefficiente di picco dei movimenti ALTO

31 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 345 I CRITERI DI ALLOCAZIONE DEI MATERIALI Le prestazioni di un un sistema di stoccaggio sono legate, tra l altro, alla scelta dei criteri di allocazione fisica delle unità di carico all interno del magazzino. Tra i diversi criteri disponibili, noi analizzeremo i seguenti: UBICAZIONE PER CLASSI DI PRODOTTO; UBICAZIONE RANDOM; UBICAZIONE FISSA. 29 UBICAZIONE FISSA Un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto Si assegna un determinato scaffale o una determinata collocazione a un determinato prodotto. La scelta di quali vani dedicare ad ogni articolo può essere effettuata in base: a criteri storici alle classi merceologiche VANTAGGI: facilità della ricerca manuale dei prodotti SVANTAGGI: basso sfruttamento dei volumi massimi di stoccaggio 30

32 346 Modulo 5A UBICAZIONE RANDOM Non mi importa che cosa, non mi importa dove Consiste nell utilizzare lo spazio libero al momento in cui si deve collocare il prodotto. VANTAGGI: massimo guadagno di spazio: si utilizza ogni spazio disponibile in funzione degli arrivi 31 SVANTAGGI: necessita di indirizzi precisi degli articoli, per facilitarne la ricerca (eventuale uso di supporti di tipo informatico) OTTIMIZZAZIONE DELLE ALLOCAZIONI Per tutte e tre le tipologie viste in precedenza si utilizzano, al fine di ottimizzare le allocazioni, i seguenti criteri: FIFO Primo entrato primo uscito Consiste nel prelevare gli articoli nell ordine della loro entrata in stoccaggio. Questo si rende necessario, ad esempio, per le derrate deperibili o prodotti soggetti ad una alterazione qualsiasi per invecchiamento. 32 INDICE DI ROTAZIONE L importanza dei movimenti in un magazzino può essere caratterizzata dal prodotto peso x distanza. Il peso è una quantità sulla quale non si può agire. È invece possibile diminuire la distanza, avvicinando i prodotti a forte rotazione ai magazzinieri.

33 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 347 OTTIMIZZAZIONE DELLE ALLOCAZIONI MAGAZZINO STOCCAGGIO MAGAZZINO PICKING Ubicazione fissa + Ubicazione per classe di prodotti Ubicazione random + 33 CLASSIFICAZIONI DEI SISTEMI DI PICKING SI MUOVE. Operatore Materiale.VERSO una stazione di picking n stazioni di picking OPERATORE A piedi A bordo di carrelli A bordo trasloelevatore con possibilità di sorpasso senza possibilità di sorpasso ALTEZZA DI PRELIEVO Picking a tutta altezza Picking ad altezza d uomo 34

34 348 Modulo 5A CLASSIFICAZIONI DEI SISTEMI DI PICKING PICKING con dispositivi automatici (dispenser, robot, ecc.) manuale con documenti cartacei senza documenti cartacei (Picking guidato) senza segnalazioni luminose con segnalazioni luminose 35 PRELIEVO PER. ordine codice.si SMISTA manualmente Con impianti automatici di smistamento CLASSIFICAZIONI DEI SISTEMI DI PICKING mag. di stoccaggio PICKING NEL mag. di picking inserito nel mag. stoccaggio mag. di picking separato dal mag. stoccaggio scaffali a ripiani pallets PICKING DA scaffali FIFO serbatoi automatici verticali scaffali rotanti orizzontalmente 36 L ORDINE È COMPLETATO DA da un solo operatore da n operatori in serie in parallelo

35 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 349 CRITERI DI SCELTA DEI SISTEMI DI PICKING Capacità di stoccaggio Alta Bassa Volume unità di prelievo Alto Basso N righe Alto Basso Mag. di picking separato da mag. stoccaggio Picking nel magazzino di stoccaggio Mag. di picking nel mag. stoccaggio (piani bassi) Picking nel magazzino di stoccaggio Indice di rotazione Alto Basso Pallet Pallet FIFO Da ripiani 37 PICKING PER ORDINE Fattori operativi favorevoli all'esecuzione del picking per ordine: basso numero di righe per referenza (indice di sovrapposizione) ; elevato numero di righe/ordine; quantità per riga elevate; ricezione ordini irregolare; numero elevato di codici a magazzino; presenza marcata di ordini voluminosi; presenza di articoli pesanti. 38

36 350 Modulo 5A PICKING PER RIEPILOGO/BATCH Il prelievo avviene per articolo (necessità di smistamento a valle del prelievo). Fattori operativi favorevoli all'esecuzione del picking per riepilogo:» elevato numero di righe per referenza (alto indice di sovrapposizione) ;» basso numero di righe/ordine;» ridotte quantità per linea d ordine/ per ordine;» bassa numerosità codici a magazzino;» tempi di consegna accettabilmente lunghi. Nel caso del batch (riepilogo parziale) la merce può essere eventualmente inserita direttamente nel contenitore cliente. 39 La dimensione del batch é in funzione dei vincoli fisici (caso uomo alla merce; caso merce all uomo). PRESTAZIONI DI MAGAZZINO INDICI DI UTILIZZO NELLO STOCCAGGIO (SATURAZIONE) Misurano il grado di utilizzo: delle superfici I US = superficie utilizzata superficie destinata allo stoccaggio dei volumi I UV = volume occupato da scaffali o da materiale volume disponibile dei posti disponibili I UPD = posti occupati posti disponibili 40 dei vani I UVA = volume occupato da U.D.C. volume del vano

37 Amministrazione del magazzino merci ed il controllo e la gestione delle scorte 351 INDICI DI PRODUTTIVITÀ PICKING Occorre innanzitutto valutare l incidenza del picking I PCOD = n codici oggetto di picking o I PF = n righe frazionate n codici totali n righe totali e la composizione degli ordini da prelevare I PRO = righe ordine I PPR = pezzi/cartoni riga Indici più significativi: I PR = righe prelevate ore totali lavorate I PC = pezzi/cartoni prelevati ore totali lavorate 41 INDICI DI QUALITÀ DEL SERVIZIO I parametri da misurare rientrano in due categorie: TEMPORALI ACCURATEZZA (errori) Preparazione ordini Tp = tempo di esecuzione del picking Imballo Ti = tempo esecuzione imballo Spedizione Tsp = tempo carico mezzi I SQPO = righe errate (di quantità/di codice) righe totali I SQIMB = operazioni errate (trascurabili) operazioni totali svolte I SQSP = operazioni errate (trascurabili) operazioni totali svolte 42

38 352 Modulo 5A IL SISTEMA INFORMATIVO Nel corso degli anni l'importanza del sistema informativo per la gestione fisica del magazzino è via via aumentata. Oggi il ruolo dell'informatica in magazzino è cruciale, e per certi versi ha superato come importanza l'automazione dei sistemi di handling. L'evoluzione è stata la seguente: anni 70 nessun sistema informativo contabile anni 80 sistemi informativi di tipo 43 anni 90 fine anni 90 inizio 2000 sistemi per la gestione fisica studio di nuove tecnologie OBIETTIVI RAGGIUNGIBILI CON L INTRODUZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO Eliminazione degli errori in termini di referenza grazie all utilizzo dei barcode; aumento della produttività nel ricevimento e stoccaggio merce; ottimizzazione delle strutture di magazzino e loro grado di riempimento grazie alla mappatura real time del magazzino; controllo delle evadibilità in considerazione della giacenza effettiva per prodotto (eliminazione dei disallineamenti fisico-contabili) ; diminuzione dei tempi di prelievo grazie al controllo radiofrequenza 44 degli operatori; tracciabilità lotti/prodotti.

Introduzione alla logistica industriale

Introduzione alla logistica industriale Introduzione alla logistica industriale Definizione di logistica La logistica nasce in ambito militare, con l obiettivo principale di ottimizzare il trasporto e il dislocamento delle truppe e dei materiali.

Dettagli

Unità 3. Magazzini industriali

Unità 3. Magazzini industriali Impianti industriali Unità 3 Magazzini Gestione scorte Picking 2 2005 Politecnico di Torino 1 Conoscere le principali tipologie di magazzini industriali e le relative applicazioni Obiettivi Definire le

Dettagli

COME GARANTIRE CHE UNA INFRASTRUTTURA LOGISTICA RISPONDA ALLE NORMATIVE DI SICUREZZA

COME GARANTIRE CHE UNA INFRASTRUTTURA LOGISTICA RISPONDA ALLE NORMATIVE DI SICUREZZA COME GARANTIRE CHE UNA INFRASTRUTTURA LOGISTICA RISPONDA ALLE NORMATIVE DI SICUREZZA Stefano Bianchi Alfa Coplan s.r.l. 1 CONTENUTI Le normative di riferimento Layout e Antincendio Il fabbricato I Sistemi

Dettagli

Logistica Industriale

Logistica Industriale AGENDA Mezzi di movimentazione e materials handling Sistemi di trasporto continuo e di smistamento Aree funzionali dei magazzini Parametri di prestazione dei sistemi di stoccaggio Panoramica dei sistemi

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA.

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. 1. Studio di caso Strategie di Distribuzione La Modern Book Distribution, Inc. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. Serve le principali catene di vendita

Dettagli

I MAGAZZINI INDUSTRIALI - Tipologie. I magazzini industriali si differenziano in:

I MAGAZZINI INDUSTRIALI - Tipologie. I magazzini industriali si differenziano in: I MAGAZZINI INDUSTRIALI - Tipologie I magazzini industriali si differenziano in: Magazzini materie prime: Assicurano una riserva di materiali grezzi necessari alla attivi tà produttiva Magazzini semilavorati:

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Criteri di Progettazione Del Magazzino Nozioni di base CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Impiegare le unità di carico più adatte Utilizzare lo spazio nel modo migliore (soppalchi, larghezza e numero

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino dell Università degli Studi di Parma Il magazzino Gestione del magazzino La gestione operativa di un magazzino è strettamente legata al tipo di impianto ed alla sua organizzazione. Le principali attività

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Le scaffalature di magazzino

Le scaffalature di magazzino Le scaffalature di magazzino Marzo 2005 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche sono

Dettagli

Gestione dei Processi Logistico-Produttivi SISTEMI DI PICKING. Prof. Fabrizio Dallari. Ricercatore C-log Università C.

Gestione dei Processi Logistico-Produttivi SISTEMI DI PICKING. Prof. Fabrizio Dallari. Ricercatore C-log Università C. Gestione dei Processi Logistico-Produttivi SISTEMI DI PICKING Prof. Fabrizio Dallari Ricercatore C-log Università C. Cattaneo LIUC Centro di Ricerca sulla Logistica AGENDA Panoramica delle soluzioni di

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

Prestazioni di un magazzino. Magazzini. 4. - Magazzini Schema a blocchi. per semilavorati interoperazionale. per materie prime terminale

Prestazioni di un magazzino. Magazzini. 4. - Magazzini Schema a blocchi. per semilavorati interoperazionale. per materie prime terminale LOGISTICA INDUSTRIALE 1 a.a. 2002/03 4. - Magazzini Schema a blocchi Un magazzino (grande/piccolo) può essere rappresentato da un sistema a blocchi 3 Magazzini per materie prime terminale per semilavorati

Dettagli

CASEhistory. 8.000 m 2. Una struttura autoportante di

CASEhistory. 8.000 m 2. Una struttura autoportante di Denso Thermal Systems CASEhistory Una struttura autoportante di 8.000 m 2 ad elevata automazione In Denso Thermal Systems un progetto logistico ex novo fortemente automatizzato ha consentito al Gruppo

Dettagli

In Pallet Carrier / Under Pallet Carrier.

In Pallet Carrier / Under Pallet Carrier. In Pallet Carrier / Under Pallet Carrier. Sistemi Shuttle per lo stoccaggio di merce in multiprofondità. Compattezza. Efficienza. Produttività. La soluzione completa. Sistemi di stoccaggio compatto per

Dettagli

Soluzioni per la Logistica WHS 400 WareHouse Solution per Iseries

Soluzioni per la Logistica WHS 400 WareHouse Solution per Iseries Soluzioni per la Logistica WHS 400 WareHouse Solution per Iseries S3 Store System Solutions Soluzioni per la Logistica Via Manin, 14 20059 Vimercate (MI) Telefono 039/629081 logistica1@essetre.it Copyright

Dettagli

Warehouse Solution per AS/400. Soluzione in Radio Frequenza per la gestione di centri di distribuzione all interno del sistema logistico aziendale

Warehouse Solution per AS/400. Soluzione in Radio Frequenza per la gestione di centri di distribuzione all interno del sistema logistico aziendale Warehouse Solution per AS/400 Soluzione in Radio Frequenza per la gestione di centri di distribuzione all interno del sistema logistico aziendale 1 Agenda Introduzione Caratteristiche dell applicativo

Dettagli

Utilizzazione superficiale

Utilizzazione superficiale Utilizzazione superficiale Si definisce modulo unitario il più piccolo elemento che, replicato, consente di ottenere l intera area di stoccaggio del magazzino. Per ciascuno dei tipi di magazzino visti

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

MUOVE SEMPLIFICA RISOLVE

MUOVE SEMPLIFICA RISOLVE MUOVE SEMPLIFICA RISOLVE LA COMPETENZA È UTILE Trent anni di esperienza nella vendita, noleggio e gestione di carrelli elevatori ci ha portato a sviluppare una profonda conoscenza delle esigenze specifiche

Dettagli

LOGISTICA INTEGRATA E TECNOLOGIE PER LA LOGISTICA. 29/11/2011 Roma

LOGISTICA INTEGRATA E TECNOLOGIE PER LA LOGISTICA. 29/11/2011 Roma LOGISTICA INTEGRATA E TECNOLOGIE PER LA LOGISTICA 1 INDICE Cosa è la LOGISTICA Logistica d impresa Logistica interna : lo stoccaggio Lo stoccaggio e la movimentazione A cosa servono i magazzini : funzioni

Dettagli

La logistica nella gestione d impresa

La logistica nella gestione d impresa La logistica nella gestione d impresa Introduzione alla logistica Definizioni e obiettivi Sistema logistico e suoi sottosistemi Costi logistici Livello di servizio Evoluzione della logistica Prof. Luigi

Dettagli

LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI

LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI DAL 2000, IMPORTANTE SNODO PRODUTTIVO DEL TERRITORIO RAVENNATE CONSAR LOGISTICI CONSAR servizi logistici è un operatore logistico attivo in tutti i segmenti della movimentazione

Dettagli

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE 1 AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

Dettagli

Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale

Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale Material Handling FEAII - Material Handling (I) SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO INDICE

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Jungheinrich WMS. Warehouse Management System. Semplifichiamo il vostro lavoro.

Jungheinrich WMS. Warehouse Management System. Semplifichiamo il vostro lavoro. Jungheinrich WMS. Warehouse Management System. Semplifichiamo il vostro lavoro. Ottimizzare il flusso dei materiali è un compito complesso. Molte sono le esigenze che quotidianamente dovete gestire e soddisfare:

Dettagli

SISTEMI DI STOCCAGGIO

SISTEMI DI STOCCAGGIO SISTEMI DI STOCCAGGIO una sola apertura di accesso alle corsie dimensionata in relazione al mezzo di movimentazione elevata saturazione superficiale e volumetrica prodotti a bassa movimentazione elevati

Dettagli

I SISTEMI DI MATERIALS HANDLING PER LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO

I SISTEMI DI MATERIALS HANDLING PER LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO Corso di Logistica Industriale Facoltà di Ingegneria I SISTEMI DI MATERIALS HANDLING PER LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO Prof. Fabrizio Dallari Direttore C-log Università C. Cattaneo LIUC Centro di Ricerca

Dettagli

Ing. Diana Rossi 1. 2. INTRODUZIONE alla LOGISTICA ESECUTIVA LOGISTICA INDUSTRIALE. Dichiarazione di copyright. Gli ambiti applicativi della logistica

Ing. Diana Rossi 1. 2. INTRODUZIONE alla LOGISTICA ESECUTIVA LOGISTICA INDUSTRIALE. Dichiarazione di copyright. Gli ambiti applicativi della logistica LOGISTICA INDUSTRIALE 2. INTRODUZIONE alla LOGISTICA ESECUTIVA Ing. Diana Rossi Università i degli Studi di Brescia D. Rossi - 1 Dichiarazione di copyright Il presente documento è stato steso a cura di

Dettagli

Sistemi di stoccaggio

Sistemi di stoccaggio Sistemi di stoccaggio I sistemi di stoccaggio possono richiedere o meno l impiego di attrezzature, con riflessi diretti sui costi per postazione. D altra parte al variare del sistema si ottengono risultati

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area logistica Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Funzioni base dei sistemi per la logistica

Dettagli

LOGISTICA SU PALMARE GESTIONE DINAMICA DEL MAGAZZINO

LOGISTICA SU PALMARE GESTIONE DINAMICA DEL MAGAZZINO LOGISTICA SU PALMARE GESTIONE DINAMICA DEL MAGAZZINO > > Dall antichità fino al 20 secolo, la logistica costituiva una prerogativa esclusivamente militare; essa rappresentava quel particolare ramo dell'arte

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area logistica Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per la logistica Definire le caratteristiche gestionali degli

Dettagli

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema)

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Logistica Giovanni Righini Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Anno accademico 2010-11 Definizione La logistica è la disciplina che studia come organizzare

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

STOCCAGGIO AUTOMATICO AUTOSTORE

STOCCAGGIO AUTOMATICO AUTOSTORE STOCCAGGIO AUTOMATICO I magazzini consentono lo stoccaggio automatico di unità di carico di ogni dimensione e peso. Le macchine sono progettate in diverse soluzioni per il massimo sfruttamento della volumetria

Dettagli

Picking. Contenuto della lezione

Picking. Contenuto della lezione Picking Contenuto della lezione Introduzione Picking manuale Picking automatizzato Conclusioni Politecnico di Torino Pagina 1 di 14 Obiettivi della lezione Panoramica sulle soluzioni impiantistiche di

Dettagli

Funzioni logis5che del magazzino

Funzioni logis5che del magazzino Scuola di Formazione per tecnici della logistica del distretto ceramica Modulo E4 Funzioni logis5che del magazzino Relatore Nicolò Pascale Guido0 Magnani Introduzione In passato il magazzino è stato spesso

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

Magazzini industriali

Magazzini industriali Magazzini industriali Magazzini industriali 1 Funzioni Proteggere le merci a scorta Si devono conservare i materiali e componenti impiegati in produzione, quelli realizzati durante i cicli di produzione

Dettagli

Lo stoccaggio dei materiali può avvenire sia a terra si su apposite attrezzature: gli scaffali.

Lo stoccaggio dei materiali può avvenire sia a terra si su apposite attrezzature: gli scaffali. Mezzi di warehousing Le attrezzature per lo stoccaggio comprendono tutti i mezzi che non possono seguire il materiale durante i suoi movimenti. Si tratta quindi di "mezzi fissi", cioè di attrezzature facenti

Dettagli

Elementi di sviluppo di un software WEB BASED per la gestione di un magazzino deposito conto terzi

Elementi di sviluppo di un software WEB BASED per la gestione di un magazzino deposito conto terzi Elementi di sviluppo di un software WEB BASED per la gestione di un magazzino deposito conto terzi Descrizione Il gestionale dovrà gestire tutti gli aspetti più comuni di un magazzino con la variante che

Dettagli

MASTER L EVOLUZIONE DEL MAGAZZINO VERTICALE AUTOMATICO

MASTER L EVOLUZIONE DEL MAGAZZINO VERTICALE AUTOMATICO MASTER L EVOLUZIONE DEL MAGAZZINO VERTICALE AUTOMATICO MASTER L EVOLUZIONE MASTER è l'evoluzione del magazzino automatico verticale a cassetti per la sua totale flessibilità di espansione con la aggiunta

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

Indice. Chi siamo. Pag.1. I Prodotti. Pag.2. Gulliver per la Distribuzione. Pag.3. Gulliver per la Produzione. Pag.5

Indice. Chi siamo. Pag.1. I Prodotti. Pag.2. Gulliver per la Distribuzione. Pag.3. Gulliver per la Produzione. Pag.5 w w w. k u b e s i s t e m i. i t Indice Chi siamo Pag.1 I Prodotti Pag.2 Gulliver per la Distribuzione Pag.3 Gulliver per la Produzione Pag.5 Gulliver per le Aziende di Logistica e Trasporti Pag.7 L Analisi

Dettagli

- 1 - Funzionalità del sistema. Funzionalità di base :

- 1 - Funzionalità del sistema. Funzionalità di base : Funzionalità del sistema Funzionalità di base : 1. Definizione delle mappe, ubicazioni e percorsi 2. Gestione del ricevimento merce 3. Trasferimenti interni 4. Assegnazioni e picking 5. Delivery - Packing

Dettagli

Il settore farmaceutico è caratterizzato

Il settore farmaceutico è caratterizzato Marco Melacini e Manolo Mizzi Distribuzione farmaceutica Largo all automazione e alla sostenibilità La distribuzione di farmaci, per l elevata complessità distributiva (più spedizioni al giorno, elevate

Dettagli

Esse vengono definite "mezzi mobili" e possono essere raggruppate in due grandi categorie: trasportatori continui e trasportatori discontinui.

Esse vengono definite mezzi mobili e possono essere raggruppate in due grandi categorie: trasportatori continui e trasportatori discontinui. Mezzi di handling Tra le attrezzature che operano nel magazzino sono particolarmente importanti i mezzi che seguono il materiale (per lo meno con una parte) durante i suoi movimenti. Esse vengono definite

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA MAGAZZINIERE

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA MAGAZZINIERE MACROSETTORE LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA MAGAZZINIERE 1 MAGAZZINIERE TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 Accettazione e ricevimento merci (affiancamento del tutor nella esecuzione di interventi

Dettagli

Teseo. Noi. enterprise. per Innovare. con Voi TECNOLOGIE INFORMATICHE

Teseo. Noi. enterprise. per Innovare. con Voi TECNOLOGIE INFORMATICHE TECNOLOGIE INFORMATICHE Il gestionale per la distribuzione Il progetto nasce dalla presa d atto che le problematiche del settore idrotermosanitario hanno una forte specificità derivante dalle caratteristiche

Dettagli

UNIBO - Bologna, 7 Dicembre 2010

UNIBO - Bologna, 7 Dicembre 2010 UNIBO - Bologna, 7 Dicembre 2010 Jungheinrich Italiana S.r.l. Warehouse Management Trattazione di tematiche tecniche sulla gestione dei magazzini. Il punto di vista operativo. 1 Ing. Gianfranco Falco World

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007 LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola Roma, Gennaio 2007 1 Indice Definizioni La logistica La logistica integrata Il trasporto intermodale L interporto La

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO

LA PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Corso di Gestione dei Processi Logistico Produttivi Facoltà di Ingegneria LA PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Ing. Alessandro Creazza Ricercatore C-log Università C. Cattaneo LIUC Centro di Ricerca sulla Logistica

Dettagli

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione A cosa servono i registri, formulari TRACCIABILITA DEI RIFIUTI Il registro di carico e scarico integrato

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali Chi rifornisce i punti vendita? Commercio tradizionale Commercio moderno Concentrazione commercio moderno FORNITORI FORNITORI

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

MAG-Net è il pacchetto di gestione del magazzino pensato, progettato e realizzato interamente da ARSINFORM.

MAG-Net è il pacchetto di gestione del magazzino pensato, progettato e realizzato interamente da ARSINFORM. MAG-Net è il pacchetto di gestione del magazzino pensato, progettato e realizzato interamente da ARSINFORM. MAG-Net è l applicativo che si occupa della gestione di magazzini automatizzati o informatizzati.

Dettagli

LOGISTICA SANITARIA. Magazzino Farmaceutico Centralizzato Area Vasta Emilia Nord AVEN

LOGISTICA SANITARIA. Magazzino Farmaceutico Centralizzato Area Vasta Emilia Nord AVEN LOGISTICA SANITARIA Magazzino Farmaceutico Centralizzato Area Vasta Emilia Nord AVEN coopservice logistica sanitaria http://www.coopservice.it/web/guest/logistica-sanitaria Struttura e investimento Il

Dettagli

Gli efficienti. Carrelli elevatori. per picking. Portata da 0,5 a 12 t. Carrello elevatore multidirezionale elettrico per picking

Gli efficienti. Carrelli elevatori. per picking. Portata da 0,5 a 12 t. Carrello elevatore multidirezionale elettrico per picking Gli efficienti Portata da 0,5 a 12 t Carrello elevatore multidirezionale elettrico per picking Carrello elevatore multidirezionale con piattaforma rimovibile per picking Carrello elevatore multidirezionale

Dettagli

INFOMAG Warehouse Solution per AS/400

INFOMAG Warehouse Solution per AS/400 INFOMAG Warehouse Solution per AS/400 Soluzione in Radio Frequenza per la gestione di magazzini di Produzione/distribuzione all interno del sistema logistico aziendale 1 Introduzione Soluzione software

Dettagli

oltre trenta anni specializzata nello sviluppo di prodotti per la gestione e il controllo della logistica di magazzino e dei trasporti soluzioni ERP

oltre trenta anni specializzata nello sviluppo di prodotti per la gestione e il controllo della logistica di magazzino e dei trasporti soluzioni ERP Replica Sistemi Da oltre trenta anni Replica Sistemi è specializzata nello sviluppo di prodotti per la gestione e il controllo della logistica di magazzino e dei trasporti e nell implementazioni di soluzioni

Dettagli

Presentazione della nuova filiale. e del nuovo magazzino di Padova

Presentazione della nuova filiale. e del nuovo magazzino di Padova Presentazione della nuova filiale e del nuovo magazzino di Padova 2006 Böhler Uddeholm Italia Spa 2 La nuova filiale di Padova, l idea, la realizzazione La nuova filiale Böhler di Padova è stata ubicata

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA ak TRACK GESTIONE MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA IL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ DEI MATERIALI NELLA PRODUZIONE La norma ISO 8402 definisce la tracciabilità

Dettagli

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it LF Logistica del Farmaco IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO Il Sistema BUSTER, è una soluzione completa per la gestione del farmaco nelle strutture sanitarie che utilizza sia componenti

Dettagli

FALCO S.p.A: logistica High Tech per la banda stagnata. L impianto, i flussi di merce interni

FALCO S.p.A: logistica High Tech per la banda stagnata. L impianto, i flussi di merce interni FALCO S.p.A: logistica High Tech per la banda stagnata La Falco S.p.A. di Miradolo Terme (Pavia) produce contenitori in banda stagnata per l industria alimentare e chimica. Attiva nel ramo degli imballaggi

Dettagli

LA LOGISTICA DISTRIBUTIVA DEL GRUPPO AZ

LA LOGISTICA DISTRIBUTIVA DEL GRUPPO AZ LA LOGISTICA DISTRIBUTIVA DEL GRUPPO AZ Roma 8 novembre 2012 SOMMARIO Storia del Gruppo AZ SpA I Punti Vendita AZ SpA I Ce.dis. AZ SpA Attività gestite in RF Il controllo dei KPI logistici Rilevazione

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

LA LOGISTICA DELLE AUTO

LA LOGISTICA DELLE AUTO CORRIERI ZÜST AMBROSETTI LA LOGISTICA DELLE AUTO Il trasporto degli autoveicoli, analizzato attraverso il caso della Züst Ambrosetti, rappresenta uno dei primi esempi di specializzazione, nei mezzi e nelle

Dettagli

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016 CIRCOLARE N. 010 15.01.2016 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Modello Unico di Dichiarazione ambientale scadenza del 30 aprile 2016. Servizio di ANCE Bergamo per la compilazione e presentazione

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - MAGAZZINIERE MULETTISTA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Provincia di Udine. Comune di Pradamano. Domanda di autorizzazione integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. n.

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Provincia di Udine. Comune di Pradamano. Domanda di autorizzazione integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. n. ECO-ENERGY S.p.A. RIFIUTI INDUSTRIALI TRASPORTO, RECUPERO, SMALTIMENTO, BONIFICHE www.ecoenergy.it REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Provincia di Udine Sede legale: Via Pier Paolo Pasolini, 35 int. 11 33040

Dettagli

Logistica e Magazzino

Logistica e Magazzino Logistica e Magazzino Docente: Luigi Gaibani Il magazzino Contenitore delle merci Contenitore organizzato I costi del magazzino IL Magazzino Strumento per il miglioramento del servizio al cliente Attenti

Dettagli

soluzione per la gestione della movimentazione delle merci, stoccaggio, picking e spedizioni.

soluzione per la gestione della movimentazione delle merci, stoccaggio, picking e spedizioni. tel. : 0 0 fax : 0 e mail : info@akinnovation.it akmagazzino & LOGISTICA INTEGRATA soluzione per la gestione della movimentazione delle merci, stoccaggio, picking e spedizioni. Premessa al sistema akmag

Dettagli

INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO

INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO Una logistica di successo Esperienza e competenza nate per garantire l implementazione di una efficiente Supply Chain Execution in mercati competitivi,

Dettagli

linea d imballo pacchi lamiera

linea d imballo pacchi lamiera linea d imballo pacchi lamiera linea di imballo per pacchi di lamiera mediante filmatura completamente automatica Nuovo metodo d imballo Pesmel ad elevata capacità produttiva La linea d imballaggio è stata

Dettagli

OPTILOG. La soluzione Siemens per la gestione del magazzino in ambito farmaceutico. Pagina 1 Siemens IS IT MES Solutions

OPTILOG. La soluzione Siemens per la gestione del magazzino in ambito farmaceutico. Pagina 1 Siemens IS IT MES Solutions La soluzione Siemens per la gestione del magazzino in ambito farmaceutico Pagina 1 I requisiti di un WMS Certezza operativa Utilizzo pieno dell impianto Conoscenza dello stato impianto Riduzione dei costi

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

Il progetto per la gestione della tracciabilità e rintracciabilità delle aziende lattiero-casearie si pone come primo obiettivo quello di

Il progetto per la gestione della tracciabilità e rintracciabilità delle aziende lattiero-casearie si pone come primo obiettivo quello di tracciabilità e rintracciabilità prodotti lattiero caseari problema Le moderne aziende che operano nel settore lattiero caseario hanno da affrontare problemi connessi alla tracciabilità e rintracciabilità

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

AREA PROFESSIONALE TECNICO DELLA LOGISTICA INDUSTRIALE TECNICO DI SPEDIZIONE, TRASPORTO E LOGISTICA. pag. 1

AREA PROFESSIONALE TECNICO DELLA LOGISTICA INDUSTRIALE TECNICO DI SPEDIZIONE, TRASPORTO E LOGISTICA. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE,

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

Magazzini industriali

Magazzini industriali Magazzini industriali Contenuti della lezione Politecnico di Torino Pagina 1 di 14 Obiettivi della lezione Introduzione Politecnico di Torino Pagina 2 di 14 Scopi dei magazzini Riserva dei materiali Conservazione

Dettagli

CASEhistory. Fino a 2.000 pallet. in uscita ogni giorno DRINK INTERNATIONAL

CASEhistory. Fino a 2.000 pallet. in uscita ogni giorno DRINK INTERNATIONAL DRINK INTERNATIONAL CASEhistory Fino a 2.000 pallet in uscita ogni giorno Drink International: un magazzino per la gestione ed assemblaggio di cesti e scatole regalo per il canale GDO. Il sistema è interamente

Dettagli

Unico - La Farmacia. Automatizzare per evadere rapidamente gli ordini. Il magazzino del mese Farmaceutico

Unico - La Farmacia. Automatizzare per evadere rapidamente gli ordini. Il magazzino del mese Farmaceutico Automatizzare per evadere rapidamente gli ordini 64 Consegne frequenti, ordini frammentati da evadere più volte al giorno, necessità di effettuare prelievi a pezzi, alto valore della merce trattata, necessità

Dettagli

I fabbricati industriali

I fabbricati industriali I fabbricati industriali Fabbricati industriali 1 Generalità La scelta di un tipo di fabbricato è determinata dal plant layout, ossia dalla sistemazione dei macchinari, dei reparti dei servizi e quant

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Introduzione 1 IL PUNTO DI PARTENZA MICROLOGISTICA: tutto ciò che concettualmente è (o avviene o viene

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Automa 1 A&D$srl#GalleriaSpagna,35 35127PADOVA#Tel.+390498792400#404r.a.#Fax+390498792408 SedeLegale:GalleriaSpagna,35#35127Padova(PD) E#mail:commerciale@aedsrl.it#R.E.A.Padova242740#Iscr.Reg.ImpresePadovan.41922#Cod.Fisc./PartitaIVA01434710289

Dettagli