La gestione dei rifiuti in farmacia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione dei rifiuti in farmacia"

Transcript

1 La gestione dei rifiuti in farmacia Durata del corso 4 ore Nr. 4 Crediti ECM rilasciati

2 Finalità del corso Conoscenza dell intera filiera della gestione dei rifiuti, dalla produzione allo smaltimento Conoscenza dei compiti e degli oneri a carico del produttore farmacista Avere chiari riferimenti rispetto al quadro normativo vigente Conoscenza del regime sanzionatorio

3 Contenuti del corso Normativa Vigente Definizioni di base Classificazione dei Rifiuti Obblighi per il farmacista I rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico L imballaggio e la conservazione dei rifiuti Il Formulario di Identificazione Rifiuto Il Registro di Carico e Scarico Rifiuti Il MUD Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI I Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) Lo Smaltimento dei Farmaci Stupefacenti Scaduti Il Regime Sanzionatorio

4 Normativa Vigente di Riferimento Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 NUOVO TESTO UNICO AMBIENTALE D.P.R. 254/2003 Gestione Rifiuti Sanitari D.M n. 52 Sistema della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI D.Lgs. 3 Dicembre 2010 n. 205 Modifiche al D.lgs.152/06

5 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Rifiuto Codice CER (Codice Europeo Rifiuto) Produttore di Rifiuti Intermediario Gestione dei Rifiuti Deposito Temporaneo

6 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 RIFIUTO Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore ( ) abbia l intenzione o abbia l obbligo di disfarsi.

7 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CODICE CER Codice identificativo a sei cifre che identifica un rifiuto in base all attività che lo ha generato, elencati nell allegato D del D.Lgs. 152/06.

8 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti è suddiviso in 20 capitoli che indicano l attività lavorativa che ha originato il rifiuto. 01 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali 02 Rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura, selvicoltura, caccia e pesca, trattamento e preparazione di alimenti 03 Rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone 04 Rifiuti della lavorazione di pelli e pellicce e dell'industria tessile

9 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti 05 Rifiuti della raffinazione del petrolio, purificazione del gas naturale e trattamento pirolitico del carbone 06 Rifiuti dei processi chimici inorganici 07 Rifiuti dei processi chimici organici (laboratori galenici) 08 Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di rivestimenti, adesivi, sigillanti e inchiostri per stampa 09 Rifiuti dell'industria fotografica 10 Rifiuti provenienti da processi termici

10 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti 11 Rifiuti prodotti dal trattamento chimico superficiale e dal rivestimento di metalli ed altri materiali; idrometallurgia non ferrosa 12 Rifiuti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastica 13 Rifiuti Oli esauriti e residui di combustibili liquidi (tranne oli commestibili, 05 e 12) 14 Solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto (tranne le voci 07 e 08) 15 Rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti)

11 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti 16 Rifiuti non specificati altrimenti nell'elenco 17 Rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione (compreso il terreno proveniente da siti contaminati) 18 Rifiuti prodotti dal settore sanitario e veterinario o da attività di ricerca collegate 19 Rifiuti da impianti di tratt. dei rifiuti, trattamento delle acque reflue, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua e dalla sua prep. per uso industriale 20 Rifiuti urbani (rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni) inclusi i rifiuti della raccolta differenziata

12 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti 07 Rifiuti dei processi chimici organici (laboratori galenici) Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di prodotti chimici organici di base 07.02Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di plastiche, gomme sintetiche e fibre artificiali Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di prodotti farmaceutici * soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri * rifiuti solidi contenenti sostanze pericolose rifiuti solidi, diversi da quelli di cui alla voce

13 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti Un codice CER contrassegnato da un asterisco * indica che quel rifiuto è pericoloso

14 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 PRODUTTORE DI RIFIUTI Il soggetto la cui attività produce rifiuti (produttore iniziale) o chiunque effettui operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni che hanno modificato la natura o la composizione di detti rifiuti.

15 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 INTERMEDIARIO Qualsiasi impresa che dispone il recupero o lo smaltimento dei rifiuti per conto di terzi, compresi gli intermediari che non acquisiscono la materiale disponibilità dei rifiuti.

16 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 GESTIONE DEI RIFIUTI La raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di tali operazioni e gli interventi successivi alla chiusura dei siti di smaltimento, non ché le operazioni effettuate in qualità di commerciante o intermediario.

17 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 DEPOSITO TEMPORANEO Il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta,nel luogo in cui gli stessi sono prodotti.

18 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CONDIZIONI PER IL DEPOSITO TEMPORANEO I rifiuti devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore dei rifiuti. - Con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito. - Quando il quantitativo in deposito raggiunga complessivamente i 30 metri cubi di cui al massimo 10 di rifiuti pericolosi. IN OGNI CASO IL DEPOSITO TEMPORANEO NON PUO AVERE DURATA SUPERIORE AD UN ANNO

19 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CONDIZIONI PER IL DEPOSITO TEMPORANEO il deposito temporaneo deve essere effettuato per categorie omogenee di rifiuti e nel rispetto delle relative norme tecniche (es. sostanze incompatibili tra loro)

20 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CONDIZIONI PER IL DEPOSITO TEMPORANEO devono essere rispettate le norme che disciplinano l imballaggio e l etichettatura delle sostanze pericolose.

21 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CONDIZIONI PER IL DEPOSITO TEMPORANEO Il DEPOSITO TEMPORANEO di rifiuti, se effettuato nel pieno rispetto di queste condizioni, non è soggetto a rilascio di autorizzazione da parte della provincia di competenza.

22 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 I Rifiuti sono classificati secondo L Origine (Attività di Provenienza) La Pericolosità

23 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALL ORIGINE RIFIUTI URBANI Rifiuti Domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione. Rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade. Rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali. Rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale. RIFIUTI I CUI ONERI DI SMALTIMENTO SONO A CARICO DEL COMUNE DI COMPETENZA

24 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALL ORIGINE RIFIUTI SPECIALI Rifiuti da attività agricole e agro-industriali. Rifiuti da lavorazioni industriali. Rifiuti da lavorazioni artigianali. Rifiuti da attività commerciali. Rifiuti da attività di servizio. Rifiuti derivanti da attività sanitarie. RIFIUTI I CUI ONERI DI SMALTIMENTO SONO A CARICO DELL ATTIVITA CHE LI HA PRODOTTI

25 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALL ORIGINE RIFIUTI SPECIALI ASSIMILABILI AGLI URBANI Sono rifiuti speciali non pericolosi che, per qualità e quantità, possono essere assimilati ai rifiuti urbani, quindi affidati al servizio pubblico di raccolta. Ogni comune, con propria ordinanza, stabilisce quali tipologie di rifiuti assimilare (Codici CER), ed il limite quantitativo per ciascuna attività (generalmente in Kg./Mq. Annui). POSSONO ESSERE ASSIMILATI SOLO I RIFIUTI NON PERICOLOSI

26 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA PERICOLOSITA Rifiuti PERICOLOSI Rifiuti che recano le caratteristiche di cui all'allegato I della parte quarta del D.Lgs. 152/06. Le caratteristiche di pericolo sono identificate dalla lettera H e numerate da 1 a 15

27 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA PERICOLOSITA Allegato I Caratteristiche di Pericolo per i rifiuti (Esempi) H3-B Infiammabile Sostanze e preparati liquidi il cui punto di infiammabilità è pari o superiore a 21 C e inferiore o pari a 55. H4 Irritante Sostanze e preparati non corrosivi il cui contatto immediato, prolungato o ripetuto con la pelle o le mucose può provocare una reazione infiammatoria. H5 Nocivo Sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono comportare rischi per la salute di gravità limitata. H6 Tossico Sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono comportare rischi per la salute gravi, acuti o cronici o anche la morte.

28 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA PERICOLOSITA Allegato I Caratteristiche di Pericolo per i rifiuti (Esempi) H7 Cancerogeno Sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono produrre il cancro o aumentarne l incidenza. H8 Corrosivo Sostanze e preparati che, a contatto con tessuti vivi, possono esercitare su di essi un azione distruttiva. H9 Infettivo Sostanze contenenti microrganismi vitali o loro tossine, conosciute o ritenute per buoni motivi cause di malattie nell uomo o in altri organismi viventi. H10 Tossico per la riproduzione Sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono produrre malformazioni congenite non ereditarie o aumentarne la frequenza. H14 Ecotossico Rifiuti che presentano o possono presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali.

29 Obblighi per il Farmacista Art. 177 D.Lgs. 152/06 FINALITA DEL DECRETO Nell ambito della loro gestione, i rifiuti devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all ambiente ed in particolare: Senza determinare rischi per l acqua, l aria, il suolo nonché per la fauna e la flora; Senza causare inconvenienti da rumori o odori; Senza danneggiare il paesaggio ed i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente.

30 Obblighi per il Farmacista Art. 192 D.Lgs. 152/06 DIVIETO DI ABBANDONO L'abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati; É altresì vietata l'immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee;

31 Obblighi per il Farmacista (1/2) Predisporre adeguate strutture ed ambienti per la raccolta differenziata dei rifiuti e per il deposito temporaneo ; Conciliare la normativa ambientale con le altre normative vigenti (fiscale e tributaria, Norme di Buona Preparazione, Stupefacenti, HACCP, Sicurezza dei Luoghi di Lavoro); Utilizzare gli appositi contenitori a norma; Verificare la periodicità (e la necessità) degli smaltimenti da effettuare secondo i limiti imposti per il deposito temporaneo ; Tenere correttamente aggiornato il Registro di Carico / Scarico dei Rifiuti Pericolosi; (Fino alla piena operatività del SISTRI)

32 Obblighi per il Farmacista (2/2) Presentare entro il 30 aprile di ogni anno la dichiarazione MUD al Catasto dei Rifiuti presso la propria camera di commercio; (Fino alla piena operatività del SISTRI) Verificare la presenza e la validità dei titoli autorizzativi dei soggetti a cui si affidano i rifiuti (Trasportatore, Intermediario, Destinatario) e tenerne in Farmacia una copia stampata; Conservare correttamente i Formulari di Identificazione del Rifiuto Registro di Carico / Scarico (qualora terminato) per almeno 5 anni.

33 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico FARMACI SCADUTI Indennizzabili ASSINDE CER Medicinali diversi da CER * Medicinali Citotossici e Citostatici (H10)

34 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico IL SISTEMA ASSINDE ASSINDE SERVIZI è una società creata da FEDERFARMA (Federazione nazionale farmacisti) e FARMINDUSTRIA (Federazione aziende farmaceutiche) con lo scopo di ottimizzare la gestione dei farmaci scaduti, attraverso l identificazione di alcuni prodotti farmaceutici indennizzabili. I FARMACI INDENNIZZABILI SONO RIFIUTI A TUTTI GLI EFFETTI I farmaci indennizzabili (resi ASSINDE) vengono conferiti presso l impianto di stoccaggio temporaneo fiduciario di ASSINDE SERVIZI (attualmente è l impianto di Pomezia, Roma); Vengono successivamente contabilizzati. Il risultato dell elaborazione viene poi consegnato alle varie aziende farmaceutiche che provvedono a rimborsare la società ASSINDE FINANZIARIA; ASSINDE FINANZIARIA provvede quindi, sulla base dell elaborato, ad indennizzare le farmacie (50 / 60 % del prezzo di vendita al pubblico) dopo aver trattenuto la propria provvigione. I farmaci vengono quindi avviati a distruzione.

35 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico FARMACI SCADUTI da avviare a Distruzione CER Medicinali diversi da CER * Medicinali Citotossici e Citostatici (H10)

36 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico TRATTAMENTO FISCALE DEI PRODOTTI SCADUTI E NON VENDIBILI Particolare attenzione nella gestione dei prodotti scaduti deve essere posta anche dal punto di vista fiscale, secondo quanto disposto dal DPR 441/1997 art. 2 comma 2, punto a) e comma 4 puntoa) b) c); L abbattimento delle giacenze, anche per effetto dello smaltimento di prodotti scaduti o non più vendibili, determina una riduzione del risultato economico di esercizio di fine anno, da cui deriva un abbassamento del carico tributario e fiscale. Per i soli prodotti MEDICINALI scaduti, a prescindere dal loro importo, è sufficiente la redazione di un Documento di Trasporto analitico con indicati quantità e valore di acquisto (Risoluzione /E prot Ministero delle Finanze); Nel caso di distruzione di prodotti diversi dai medicinali scaduti, per poter usufruire di tale beneficio è necessario, oltre al Documento di Trasporto analitico di cui sopra: Per importi fino a ,00: una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà (art. 47 DPR 445/2000) attestante data, ora e luogo in cui avvengono le operazioni nonché natura, qualità, quantità e ammontare del costo dei beni distrutti Per importi superiori a ,00: che la distruzione sia supervisionata dagli organi preposti al controllo (Guardia di Finanza o Agenzia delle Entrate) convocati con almeno 15 giorni di anticipo rispetto alla data fissata per la consegna allo smaltitore.

37 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico RIFIUTI SANITARI DA AUTOANALISI CER * Rifiuti che devono essere smaltiti applicando particolari precauzioni in funzione della prevenzione di infezioni (H9) Sono costituiti da garze, cotone, guanti, cerotti, aghi, siringhe, e tutto ciò che può essere entrato in contatto con liquidi biologici umani, quindi caratterizzati da un POTENZIALE (e non necessariamente certo) Rischio di Infezione. Sono disciplinati anche dal DPR 254/03 sui Rifiuti Sanitari che prevede specifiche particolari per il confezionamento ed il deposito temporaneo. I Rifiuti sanitari a rischio infettivo TAGLIENTI E PUNGENTI, devono essere confezionati in contenitori di plastica rigida marcati UN atti ad evitare la fuoriuscita di parti appuntite che potrebbero ferire gli operatori. Per quantitativi fino a 200 Lt. possono essere smaltiti entro 30 giorni dalla chiusura del contenitore, quantitativi superiori entro 5 giorni.

38 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico Rifiuti di LABORATORIO GALENICO CER * Sostanze chimiche di laboratorio pericolose o contenenti sostanze pericolose (H3B - H6 - H14) Sono le MATERIE PRIME di laboratorio galenico non più utilizzabili o scadute, ma potenzialmente ancora pericolose. Data la varietà dei prodotti in questione, e quindi delle loro caratteristiche di pericolo, è necessaria un accurata classificazione analitica PRIMA dello smaltimento. Il trasportatore sarà così in grado di: Identificare sostanze incompatibili fra loro (es. Acidi e Basi) ed eventualmente disporne la separazione Identificare il tipo di imballaggio più idoneo alla merce da trasportare Redigere la necessaria documentazione accompagnatoria al trasporto e le relative etichette di identificazione dei pericoli secondo la normativa ADR (Accordo Europeo sul Trasporto di Merci Pericolose). In caso di mancato rispetto delle norme ADR, è responsabile, oltre al trasportatore, anche il committente del trasporto (D.Lgs. 40/2000) (in questo caso il produttore).

39 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico Rifiuti di LABORATORIO GALENICO CER * Imballaggi vuoti contenenti residui o contaminati da sostanze pericolose (H5 - H14) Sono costituiti dai contenitori vuoti delle materie prime di laboratorio. Devono essere conservati per sei mesi dalla data di termine del prodotto per chi si avvale delle NBP su scala ridotta. Possono essere smaltiti quando prodotti per chi utilizza le NBP integralmente. Sono considerati pericolosi in funzione delle caratteristiche di pericolo della sostanza che contenevano. Trattandosi di rifiuti pericolosi non è necessaria alcuna separazione tra plastica, vetro, metallo, cartone.

40 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico Rifiuti di LABORATORIO GALENICO CER * Assorbenti, stracci, indumenti, materiali filtranti contaminati da sostanze pericolose (H5 - H14) Sono costituiti da Filtri di cappe di aspirazione, guanti e mascherine usati per le preparazioni, prodotti monouso, panni, cartine per la pesa delle sostanze e tutto ciò che è rifiuto non liquido proveniente dal laboratorio. Sono considerati pericolosi in funzione delle caratteristiche di pericolo della sostanza dalla quale sono contaminati.

41 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico Rifiuti di LABORATORIO GALENICO CER * Acque reflue di primo lavaggio (H5 - H14) Sono costituite dalle acque utilizzate per la PRIMA PULIZIA / RISCIACQUO dei presidi di produzione dei preparati galenici. Devono essere raccolte tramite un apposito scarico differenziato in taniche omologate. Sono considerate pericolose in funzione delle caratteristiche di pericolo della sostanza dalla quale sono contaminate.

42 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico ALTRI RIFIUTI SPECIALI CER Toner e cartucce per stampa esauriti CER * Tubi al neon e lampade a risparmio energetico (H14) CER Batterie Alcaline (pile comuni) CER Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso (es.: Computer, Stampanti, Telefoni ) CER * Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso contenenti sostanze pericolose (es.: Monitor CRT, Televisioni a Tubo Catodico) (H14) CER * Rifiuti contenenti mercurio (compresi termometri e Sfigmomanometri al mercurio) (H5-H14)

43 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Tutti i Rifiuti, di qualsiasi genere ed origine, devono essere confezionati in contenitori in buono stato, ed idonei al tipo di materiale contenuto. I Contenitori di Rifiuti devono essere etichettati in modo che sia ben visibile il contenuto (Codice CER) e, soprattutto, le eventuali caratteristiche di pericolo. I Rifiuti PERICOLOSI devono essere confezionati in contenitori OMOLOGATI e recanti il marchio UN seguito da una sigla che identifica le caratteristiche del contenitore. Esempi di Marcatura Corretta di un Imballaggio 4G/Y/145/S/02 1A2/Y/100/01 NL/VL823 USA/MM5

44 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Contenitore per Farmaci Scaduti ASSINDE O DISTRUZIONE in cartone (CER ) Capacità: 60 Lt.

45 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Contenitori per Rifiuti Sanitari a Rischio Infettivo, in cartone o plastica (CER *) Capacità da 60 Lt. a 1 Lt.

46 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Fusti a tenuta stagna per sostanze scadute, in plastica (CER *) Capacità 30 Lt., 5 Lt.

47 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Scatola in cartone + sacco in plastica per rifiuti pericolosi vari (CER * *) Capacità 60 Lt.

48 r a f o r L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Tanica in Plastica per rifiuti pericolosi liquidi. (CER *) Capacità 10 Lt., 25 Lt. s a p i s

49 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Altri contenitori per Toner, Neon (CER *) Capacità 60 Lt.

50 Formulario di Identificazione Rifiuto (FIR) Art. 193 D.Lgs. 152/06 Il Formulario di Identificazione Rifiuto è un documento vidimato dalla Camera di Commercio che deve OBBLIGATORIAMENTE accompagnare qualsiasi trasporto di rifiuti. Riporta tutti i dati dei vari attori del ciclo dei rifiuti (Produttore, Trasportatore, Destinatario, Intermediario) compresi gli estremi dei propri titoli autorizzativi ed i dati relativi al rifiuto trasportato; E redatto a cura del PRODUTTORE di rifiuti in QUATTRO copie: Una per il produttore Una per il destinatario Una per il Trasportatore Una per il produttore timbrata dal destinatario, riconsegnata a cura del trasportatore Viene redatto un formulario per ciascuna tipologia di rifiuto (Codice CER) Deve essere conservato per almeno 5 anni. Sul Formulario deve essere annotato il Numero di registrazione dell operazione di scarico a cui fa riferimento sul Registro di Carico/Scarico. Verrà sostituito, per i soggetti iscritti al SISTRI, dalla Scheda Movimentazione a partire dall inizio operatività del SISTRI.

51 Formulario di Identificazione Rifiuto (FIR) Art. 193 D.Lgs. 152/06 (Parte Prima)

52 Formulario di Identificazione Rifiuto (FIR) Art. 193 D.Lgs. 152/06 (Parte Seconda)

53 Registro di Carico e Scarico Rifiuti Art. 190 D.Lgs. 152/06 E un registro, VIDIMATO dalla Camera di Commercio competente, in cui sono annotate le informazioni qualitative (Codice CER, Descrizione) e quantitative (Kg.) dei movimenti di Carico e Scarico dei rifiuti. Le Farmacie, in quanto attività commerciali/sanitarie sono soggette all annotazione sul registro dei soli movimenti di RIFIUTI PERICOLOSI. Le operazioni di Carico devono essere effettuate entro 10 giorni dalla data di produzione del rifiuto (5 giorni per i rifiuti sanitari a rischio infettivo) Le operazioni di Scarico devono essere effettuate entro 10 giorni dalla data di consegna del rifiuto al trasportatore autorizzato (5 giorni per i rifiuti sanitari a rischio infettivo) Deve essere conservato, qualora terminato, per 5 anni dalla data dell ultima registrazione. Verrà sostituito, per i soggetti iscritti al SISTRI, dal Registro Cronologico SISTRI a partire dall inizio operatività del SISTRI.

54 Registro di Carico e Scarico Rifiuti Art. 190 D.Lgs. 152/06

55 MUD Modello Unico Dichiarazione Art. 189 D.Lgs. 152/06 Entro il 30 aprile di ogni anno ciascun produttore di rifiuti speciali deve presentare presso la competente Camera di Commercio la dichiarazione MUD, contenente tutti i dati relativi ai rifiuti prodotti e smaltiti nell anno precedente. Le Farmacie, essendo attività commerciali/sanitarie, devono presentare la dichiarazione MUD per la sola parte relativa ai RIFIUTI PERICOLOSI. La dichiarazione può essere inviata a mezzo raccomandata oppure inviata telematicamente dai soggetti autorizzati. A partire dalla piena operatività del SISTRI, l obbligo decadrà in quanto tutte le informazioni sulle movimentazioni di rifiuti verranno inserite in via telematica al momento della loro movimentazione.

56 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 Con Decreto del 17 dicembre 2009, pubblicato nella G.U. del 13 gennaio 2010 il Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare ha definitivamente sancito l istituzione di un sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti. Tale sistema ha come scopo la prevenzione e la repressione dei gravi fenomeni di criminalità organizzata nell ambito dello smaltimento e del traffico illecito dei rifiuti.

57 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 L attuale Governo, primo in Europa, si è fatto carico di dare concreta attuazione all istituzione del sistema SISTRI, individuando le modalità organizzative per sostituire progressivamente il sistema cartaceo (Formulario di identificazione dei rifiuti, Registro di carico/scarico e MUD) con un sistema all avanguardia basato su tecnologie elettroniche.

58 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 Di fatto, ed in sintesi, il SISTRI consiste in un sistema informatico centralizzato obbligatorio gestito dal Ministero dell Ambiente, all interno del quale transiteranno e verranno archiviate tutte le movimentazioni di rifiuti speciali, pericolosi e non, dal momento in cui essi vengono generati dal produttore al momento in cui essi vengono smaltiti dall impianto di destinazione finale, passando per le fasi della raccolta e del trasporto affidati alle imprese che gestiscono rifiuti.

59 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 Il SISTRI è un sistema OBBLIGATORIO. Sono tenuti all iscrizione ed all adozione della tracciabilità dei rifiuti ALMENO tutti i produttori rifiuti speciali pericolosi. Il sistema SISTRI determinerà la scomparsa definitiva dei supporti di registrazione cartacei (Formulari, Registri, MUD). Il sistema SISTRI, integrato ufficialmente nel Testo Unico Ambientale con il D.Lgs. 205/2010 non determinerà, fino alla data ufficiale di inizio operatività completa (vedi scadenze sistri), alcuna modifica degli obblighi derivanti dalla normativa vigente né alcuna variazione del regime sanzionatorio vigente.

60 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 AVVIO OPERATIVITA DEL SISTEMA SISTRI L ultima proroga, ufficializzata lo scorso 23 febbraio, prevede la partenza del sistema SISTRI per tutte le categorie di iscritti al: 30 giugno 2012

61 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 CONTRIBUTO ANNUALE Anche la scadenza del contributo annuale per il 2012 è stata spostata (ma non annullata). La nuova scadenza è fissata per il 30 novembre 2012

62 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 ACCESSIBILITA AL SISTEMA Al sistema SISTRI accedono tutti i soggetti interessati (produttori di rifiuti, detentori, trasportatori e gestori, impianti di stoccaggio e di smaltimento) tramite proprie chiavi di autenticazione elettronica (chiavette token USB). Attraverso tali chiavi ciascun attore del ciclo dei rifiuti dovrà inserire i dati di propria competenza. Al termine del suo percorso, il rifiuto, con tutte le informazioni relative alle sue caratteristiche (codice CER, quantità, stato solido, pericolosità, ecc ) ed alle sue movimentazioni (produzione, trasporto, stoccaggio e distruzione) rimarrà archiviato nel sistema, affinché possano essere svolti controlli e verifiche dagli organi preposti (Carabinieri).

63 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 DELEGHE ESTERNE PROCEDURE SEMPLIFICATE Il produttore, qualora il quantitativo di rifiuti prodotti in un anno risulti essere inferiore a 20 tonnellate di rifiuti non pericolosi di cui al massimo 4 tonnellate di rifiuti pericolosi, può delegare un Associazione di categoria di RETE Impresa Italia (Confcommercio, Confartigianato, Casartigiani, Confesercenti e CNA), le sole accreditate per quanto riguarda la gestione per conto terzi del sistema SISTRI e del registro cronologico. Le Associazioni accreditate e le loro società di servizi hanno partecipato ai Tavoli di Concertazione del SISTRI. Il soggetto delegato provvede ad effettuare, in nome e per conto del produttore dei rifiuti e attraverso un dispositivo elettronico unico, tutte le operazioni di carico, scarico e movimentazione dei rifiuti all interno del sistema SISTRI una volta che il rifiuto viene prodotto. Per i soggetti che producono fino a 200 kg di rifiuti pericolosi le annotazioni devono essere effettuate trimestralmente, per tutti gli altri mensilmente.

64 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 La pubblicazione sulla G.U nr. 102 del 4 maggio 2010 del Decreto del Ministero dell Ambiente nr. 65 del 8 marzo 2010 obbliga i distributori e gli installatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche ad assicurare, al momento della fornitura di un apparecchio nuovo, il ritiro gratuito dell apparecchiatura usata. (Cosiddetto Ritiro Uno Contro Uno ) Tali soggetti sono obbligati quindi ad iscriversi all Albo Gestori Ambientali presso le CCIAA in qualità di Imprese che effettuano il Raggruppamento dei RAEE. Gli oneri relativi allo smaltimento delle apparecchiature obsolete ritirate, con il criterio dell Uno Contro Uno, sono a carico dei Comuni di competenza, che li smaltiscono attraverso le proprie Isole Ecologiche RAEE.

65 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 Tra i distributori rientrano quindi anche le farmacie, in quanto venditori, ad esempio, di misuratori per la pressione, scalda biberon e sterilizzatori per biberon, bilance elettroniche, reflettometri, giocattoli elettronici per l infanzia. Dopo essersi iscritte all Albo Gestori Ambientali, le Farmacie potranno consegnare i RAEE (anche tramite i loro trasportatori di rifiuti di fiducia) alle Isole Ecologiche altrimenti riservate ai soli rifiuti Urbani, senza riconoscere oneri di smaltimento ai comuni. Anche i trasportatori di RAEE devono essere iscritti all Albo Gestori Ambientali.

66 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 Le apparecchiature ritirate devono essere registrate su uno schedario tenuto in forma libera. Le apparecchiature devono essere conservate presso il punto di vendita o presso altro punto dichiarato al momento dell iscrizione, in locali consoni alla conservazione dei rifiuti, dividendo i medesimi tra pericolosi e non pericolosi. Successivamente alla raccolta, e con cadenza mensile (o al raggiungimento di un quantitativo pari a kg, caso assai improbabile per le farmacie), il farmacista deve provvedere al trasporto con mezzi propri o con mezzi di terzi, tutti preventivamente dichiarati al momento dell iscrizione, al trasporto dei rifiuti RAEE presso un apposito centro di raccolta comunale (così dette ISOLE ECOLOGICHE). Le movimentazioni di scarico devono essere, anche queste, annotate sul registro in forma libera sul quale vengono registrate le prese in carico delle medesime apparecchiature.

67 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 Considerato che chi vende e distribuisce tali apparecchi è obbligato a ritirare gratuitamente quelli dismessi, ne deriva che la predetta iscrizione presso l Albo è obbligatoria. Per le attività di ritiro, raggruppamento e trasporto ai centri di raccolta dei RAEE domestici di cui sopra, quindi è necessaria (e come già detto obbligatoria) la preventiva iscrizione dei distributori (ivi comprese le farmacie), in un apposita sezione dell Albo Nazionale dei Gestori Ambientali, tenuto presso le competenti sedi territoriali delle Camere di Commercio. L iscrizione, utilizzando la sezione 1 dell apposita modulistica a disposizione nelle locali Camere di Commercio, doveva avvenire entro e non oltre il 19 giugno 10, termine prorogato automaticamente al lunedì 22 giugno essendo il 19 un sabato, direttamente presso la competente CCIAA o a mezzo raccomandata A.R.

68 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 SANZIONI La mancata iscrizione del distributore che effettua attività di raccolta e trasporto dei RAEE nell apposita sezione dell Albo Nazionale Gestori Ambientali è punita con la sanzione di cui all art. 256 del D.Lgs. 152/2006, ovvero con l arresto da 3 mesi ad 1 anno (2 anni nel caso in cui i rifiuti trattati siano rifiuti pericolosi) ed un ammenda da 2.600,00 a ,00 euro). Ai sensi dell art. 16 comma 1 del D.Lgs. 151/2005, il distributore che non ritira o non ritira a titolo gratuito un RAEE, è punito con una sanzione amministrativa da 150,00 a 400,00 euro per ogni apparecchiatura non ritirata o ritirata a titolo oneroso.

69 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 I Distributori hanno inoltre l obbligo di pubblicizzare ai clienti il ritiro Uno Contro Uno Nota informativa sulla Gestione dei Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) In ottemperanza al D.Lgs. 151/2005 e al D.M. 65 dell 8 marzo 2010, questa farmacia, a fronte dell acquisto di una qualsiasi apparecchiatura elettrica od elettronica (AEE) nuova, effettua il ritiro GRATUITO di apparecchiature elettriche ed elettroniche usate. Le apparecchiature ritirate devono risultare integre, adibite alle stesse funzioni di quelle acquistate, e non devono contenere rifiuti diversi dai RAEE (Art. 6 del D.Lgs. 151/2005). Il ritiro avviene secondo il principio UNO CONTRO UNO : quindi, per ciascun apparecchio nuovo acquistato, ne verrà ritirato soltanto uno usato.

70 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA

IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA DECRETO N. 11748 DEL 22.5.2001 Oggetto: Revisione delle Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno Luca Spinelli Theolab spa Milano, 15 aprile 2015 Le novità dall Europa I 2 nuovi provvedimenti UE «Regolamento (UE) n. 1357/2014

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli