La gestione dei rifiuti in farmacia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione dei rifiuti in farmacia"

Transcript

1 La gestione dei rifiuti in farmacia Durata del corso 4 ore Nr. 4 Crediti ECM rilasciati

2 Finalità del corso Conoscenza dell intera filiera della gestione dei rifiuti, dalla produzione allo smaltimento Conoscenza dei compiti e degli oneri a carico del produttore farmacista Avere chiari riferimenti rispetto al quadro normativo vigente Conoscenza del regime sanzionatorio

3 Contenuti del corso Normativa Vigente Definizioni di base Classificazione dei Rifiuti Obblighi per il farmacista I rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico L imballaggio e la conservazione dei rifiuti Il Formulario di Identificazione Rifiuto Il Registro di Carico e Scarico Rifiuti Il MUD Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI I Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) Lo Smaltimento dei Farmaci Stupefacenti Scaduti Il Regime Sanzionatorio

4 Normativa Vigente di Riferimento Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 NUOVO TESTO UNICO AMBIENTALE D.P.R. 254/2003 Gestione Rifiuti Sanitari D.M n. 52 Sistema della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI D.Lgs. 3 Dicembre 2010 n. 205 Modifiche al D.lgs.152/06

5 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Rifiuto Codice CER (Codice Europeo Rifiuto) Produttore di Rifiuti Intermediario Gestione dei Rifiuti Deposito Temporaneo

6 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 RIFIUTO Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore ( ) abbia l intenzione o abbia l obbligo di disfarsi.

7 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CODICE CER Codice identificativo a sei cifre che identifica un rifiuto in base all attività che lo ha generato, elencati nell allegato D del D.Lgs. 152/06.

8 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti è suddiviso in 20 capitoli che indicano l attività lavorativa che ha originato il rifiuto. 01 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali 02 Rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura, selvicoltura, caccia e pesca, trattamento e preparazione di alimenti 03 Rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone 04 Rifiuti della lavorazione di pelli e pellicce e dell'industria tessile

9 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti 05 Rifiuti della raffinazione del petrolio, purificazione del gas naturale e trattamento pirolitico del carbone 06 Rifiuti dei processi chimici inorganici 07 Rifiuti dei processi chimici organici (laboratori galenici) 08 Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di rivestimenti, adesivi, sigillanti e inchiostri per stampa 09 Rifiuti dell'industria fotografica 10 Rifiuti provenienti da processi termici

10 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti 11 Rifiuti prodotti dal trattamento chimico superficiale e dal rivestimento di metalli ed altri materiali; idrometallurgia non ferrosa 12 Rifiuti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastica 13 Rifiuti Oli esauriti e residui di combustibili liquidi (tranne oli commestibili, 05 e 12) 14 Solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto (tranne le voci 07 e 08) 15 Rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti)

11 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti 16 Rifiuti non specificati altrimenti nell'elenco 17 Rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione (compreso il terreno proveniente da siti contaminati) 18 Rifiuti prodotti dal settore sanitario e veterinario o da attività di ricerca collegate 19 Rifiuti da impianti di tratt. dei rifiuti, trattamento delle acque reflue, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua e dalla sua prep. per uso industriale 20 Rifiuti urbani (rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni) inclusi i rifiuti della raccolta differenziata

12 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti 07 Rifiuti dei processi chimici organici (laboratori galenici) Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di prodotti chimici organici di base 07.02Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di plastiche, gomme sintetiche e fibre artificiali Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di prodotti farmaceutici * soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri * rifiuti solidi contenenti sostanze pericolose rifiuti solidi, diversi da quelli di cui alla voce

13 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 Catalogo Europeo dei Rifiuti Un codice CER contrassegnato da un asterisco * indica che quel rifiuto è pericoloso

14 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 PRODUTTORE DI RIFIUTI Il soggetto la cui attività produce rifiuti (produttore iniziale) o chiunque effettui operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni che hanno modificato la natura o la composizione di detti rifiuti.

15 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 INTERMEDIARIO Qualsiasi impresa che dispone il recupero o lo smaltimento dei rifiuti per conto di terzi, compresi gli intermediari che non acquisiscono la materiale disponibilità dei rifiuti.

16 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 GESTIONE DEI RIFIUTI La raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di tali operazioni e gli interventi successivi alla chiusura dei siti di smaltimento, non ché le operazioni effettuate in qualità di commerciante o intermediario.

17 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 DEPOSITO TEMPORANEO Il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta,nel luogo in cui gli stessi sono prodotti.

18 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CONDIZIONI PER IL DEPOSITO TEMPORANEO I rifiuti devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore dei rifiuti. - Con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito. - Quando il quantitativo in deposito raggiunga complessivamente i 30 metri cubi di cui al massimo 10 di rifiuti pericolosi. IN OGNI CASO IL DEPOSITO TEMPORANEO NON PUO AVERE DURATA SUPERIORE AD UN ANNO

19 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CONDIZIONI PER IL DEPOSITO TEMPORANEO il deposito temporaneo deve essere effettuato per categorie omogenee di rifiuti e nel rispetto delle relative norme tecniche (es. sostanze incompatibili tra loro)

20 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CONDIZIONI PER IL DEPOSITO TEMPORANEO devono essere rispettate le norme che disciplinano l imballaggio e l etichettatura delle sostanze pericolose.

21 Definizioni di Base Art. 183 D.Lgs. 152/06 CONDIZIONI PER IL DEPOSITO TEMPORANEO Il DEPOSITO TEMPORANEO di rifiuti, se effettuato nel pieno rispetto di queste condizioni, non è soggetto a rilascio di autorizzazione da parte della provincia di competenza.

22 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 I Rifiuti sono classificati secondo L Origine (Attività di Provenienza) La Pericolosità

23 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALL ORIGINE RIFIUTI URBANI Rifiuti Domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione. Rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade. Rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali. Rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale. RIFIUTI I CUI ONERI DI SMALTIMENTO SONO A CARICO DEL COMUNE DI COMPETENZA

24 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALL ORIGINE RIFIUTI SPECIALI Rifiuti da attività agricole e agro-industriali. Rifiuti da lavorazioni industriali. Rifiuti da lavorazioni artigianali. Rifiuti da attività commerciali. Rifiuti da attività di servizio. Rifiuti derivanti da attività sanitarie. RIFIUTI I CUI ONERI DI SMALTIMENTO SONO A CARICO DELL ATTIVITA CHE LI HA PRODOTTI

25 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALL ORIGINE RIFIUTI SPECIALI ASSIMILABILI AGLI URBANI Sono rifiuti speciali non pericolosi che, per qualità e quantità, possono essere assimilati ai rifiuti urbani, quindi affidati al servizio pubblico di raccolta. Ogni comune, con propria ordinanza, stabilisce quali tipologie di rifiuti assimilare (Codici CER), ed il limite quantitativo per ciascuna attività (generalmente in Kg./Mq. Annui). POSSONO ESSERE ASSIMILATI SOLO I RIFIUTI NON PERICOLOSI

26 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA PERICOLOSITA Rifiuti PERICOLOSI Rifiuti che recano le caratteristiche di cui all'allegato I della parte quarta del D.Lgs. 152/06. Le caratteristiche di pericolo sono identificate dalla lettera H e numerate da 1 a 15

27 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA PERICOLOSITA Allegato I Caratteristiche di Pericolo per i rifiuti (Esempi) H3-B Infiammabile Sostanze e preparati liquidi il cui punto di infiammabilità è pari o superiore a 21 C e inferiore o pari a 55. H4 Irritante Sostanze e preparati non corrosivi il cui contatto immediato, prolungato o ripetuto con la pelle o le mucose può provocare una reazione infiammatoria. H5 Nocivo Sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono comportare rischi per la salute di gravità limitata. H6 Tossico Sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono comportare rischi per la salute gravi, acuti o cronici o anche la morte.

28 Classificazione dei Rifiuti Art. 184 D.Lgs. 152/06 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA PERICOLOSITA Allegato I Caratteristiche di Pericolo per i rifiuti (Esempi) H7 Cancerogeno Sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono produrre il cancro o aumentarne l incidenza. H8 Corrosivo Sostanze e preparati che, a contatto con tessuti vivi, possono esercitare su di essi un azione distruttiva. H9 Infettivo Sostanze contenenti microrganismi vitali o loro tossine, conosciute o ritenute per buoni motivi cause di malattie nell uomo o in altri organismi viventi. H10 Tossico per la riproduzione Sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono produrre malformazioni congenite non ereditarie o aumentarne la frequenza. H14 Ecotossico Rifiuti che presentano o possono presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali.

29 Obblighi per il Farmacista Art. 177 D.Lgs. 152/06 FINALITA DEL DECRETO Nell ambito della loro gestione, i rifiuti devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all ambiente ed in particolare: Senza determinare rischi per l acqua, l aria, il suolo nonché per la fauna e la flora; Senza causare inconvenienti da rumori o odori; Senza danneggiare il paesaggio ed i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente.

30 Obblighi per il Farmacista Art. 192 D.Lgs. 152/06 DIVIETO DI ABBANDONO L'abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati; É altresì vietata l'immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee;

31 Obblighi per il Farmacista (1/2) Predisporre adeguate strutture ed ambienti per la raccolta differenziata dei rifiuti e per il deposito temporaneo ; Conciliare la normativa ambientale con le altre normative vigenti (fiscale e tributaria, Norme di Buona Preparazione, Stupefacenti, HACCP, Sicurezza dei Luoghi di Lavoro); Utilizzare gli appositi contenitori a norma; Verificare la periodicità (e la necessità) degli smaltimenti da effettuare secondo i limiti imposti per il deposito temporaneo ; Tenere correttamente aggiornato il Registro di Carico / Scarico dei Rifiuti Pericolosi; (Fino alla piena operatività del SISTRI)

32 Obblighi per il Farmacista (2/2) Presentare entro il 30 aprile di ogni anno la dichiarazione MUD al Catasto dei Rifiuti presso la propria camera di commercio; (Fino alla piena operatività del SISTRI) Verificare la presenza e la validità dei titoli autorizzativi dei soggetti a cui si affidano i rifiuti (Trasportatore, Intermediario, Destinatario) e tenerne in Farmacia una copia stampata; Conservare correttamente i Formulari di Identificazione del Rifiuto Registro di Carico / Scarico (qualora terminato) per almeno 5 anni.

33 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico FARMACI SCADUTI Indennizzabili ASSINDE CER Medicinali diversi da CER * Medicinali Citotossici e Citostatici (H10)

34 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico IL SISTEMA ASSINDE ASSINDE SERVIZI è una società creata da FEDERFARMA (Federazione nazionale farmacisti) e FARMINDUSTRIA (Federazione aziende farmaceutiche) con lo scopo di ottimizzare la gestione dei farmaci scaduti, attraverso l identificazione di alcuni prodotti farmaceutici indennizzabili. I FARMACI INDENNIZZABILI SONO RIFIUTI A TUTTI GLI EFFETTI I farmaci indennizzabili (resi ASSINDE) vengono conferiti presso l impianto di stoccaggio temporaneo fiduciario di ASSINDE SERVIZI (attualmente è l impianto di Pomezia, Roma); Vengono successivamente contabilizzati. Il risultato dell elaborazione viene poi consegnato alle varie aziende farmaceutiche che provvedono a rimborsare la società ASSINDE FINANZIARIA; ASSINDE FINANZIARIA provvede quindi, sulla base dell elaborato, ad indennizzare le farmacie (50 / 60 % del prezzo di vendita al pubblico) dopo aver trattenuto la propria provvigione. I farmaci vengono quindi avviati a distruzione.

35 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico FARMACI SCADUTI da avviare a Distruzione CER Medicinali diversi da CER * Medicinali Citotossici e Citostatici (H10)

36 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico TRATTAMENTO FISCALE DEI PRODOTTI SCADUTI E NON VENDIBILI Particolare attenzione nella gestione dei prodotti scaduti deve essere posta anche dal punto di vista fiscale, secondo quanto disposto dal DPR 441/1997 art. 2 comma 2, punto a) e comma 4 puntoa) b) c); L abbattimento delle giacenze, anche per effetto dello smaltimento di prodotti scaduti o non più vendibili, determina una riduzione del risultato economico di esercizio di fine anno, da cui deriva un abbassamento del carico tributario e fiscale. Per i soli prodotti MEDICINALI scaduti, a prescindere dal loro importo, è sufficiente la redazione di un Documento di Trasporto analitico con indicati quantità e valore di acquisto (Risoluzione /E prot Ministero delle Finanze); Nel caso di distruzione di prodotti diversi dai medicinali scaduti, per poter usufruire di tale beneficio è necessario, oltre al Documento di Trasporto analitico di cui sopra: Per importi fino a ,00: una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà (art. 47 DPR 445/2000) attestante data, ora e luogo in cui avvengono le operazioni nonché natura, qualità, quantità e ammontare del costo dei beni distrutti Per importi superiori a ,00: che la distruzione sia supervisionata dagli organi preposti al controllo (Guardia di Finanza o Agenzia delle Entrate) convocati con almeno 15 giorni di anticipo rispetto alla data fissata per la consegna allo smaltitore.

37 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico RIFIUTI SANITARI DA AUTOANALISI CER * Rifiuti che devono essere smaltiti applicando particolari precauzioni in funzione della prevenzione di infezioni (H9) Sono costituiti da garze, cotone, guanti, cerotti, aghi, siringhe, e tutto ciò che può essere entrato in contatto con liquidi biologici umani, quindi caratterizzati da un POTENZIALE (e non necessariamente certo) Rischio di Infezione. Sono disciplinati anche dal DPR 254/03 sui Rifiuti Sanitari che prevede specifiche particolari per il confezionamento ed il deposito temporaneo. I Rifiuti sanitari a rischio infettivo TAGLIENTI E PUNGENTI, devono essere confezionati in contenitori di plastica rigida marcati UN atti ad evitare la fuoriuscita di parti appuntite che potrebbero ferire gli operatori. Per quantitativi fino a 200 Lt. possono essere smaltiti entro 30 giorni dalla chiusura del contenitore, quantitativi superiori entro 5 giorni.

38 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico Rifiuti di LABORATORIO GALENICO CER * Sostanze chimiche di laboratorio pericolose o contenenti sostanze pericolose (H3B - H6 - H14) Sono le MATERIE PRIME di laboratorio galenico non più utilizzabili o scadute, ma potenzialmente ancora pericolose. Data la varietà dei prodotti in questione, e quindi delle loro caratteristiche di pericolo, è necessaria un accurata classificazione analitica PRIMA dello smaltimento. Il trasportatore sarà così in grado di: Identificare sostanze incompatibili fra loro (es. Acidi e Basi) ed eventualmente disporne la separazione Identificare il tipo di imballaggio più idoneo alla merce da trasportare Redigere la necessaria documentazione accompagnatoria al trasporto e le relative etichette di identificazione dei pericoli secondo la normativa ADR (Accordo Europeo sul Trasporto di Merci Pericolose). In caso di mancato rispetto delle norme ADR, è responsabile, oltre al trasportatore, anche il committente del trasporto (D.Lgs. 40/2000) (in questo caso il produttore).

39 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico Rifiuti di LABORATORIO GALENICO CER * Imballaggi vuoti contenenti residui o contaminati da sostanze pericolose (H5 - H14) Sono costituiti dai contenitori vuoti delle materie prime di laboratorio. Devono essere conservati per sei mesi dalla data di termine del prodotto per chi si avvale delle NBP su scala ridotta. Possono essere smaltiti quando prodotti per chi utilizza le NBP integralmente. Sono considerati pericolosi in funzione delle caratteristiche di pericolo della sostanza che contenevano. Trattandosi di rifiuti pericolosi non è necessaria alcuna separazione tra plastica, vetro, metallo, cartone.

40 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico Rifiuti di LABORATORIO GALENICO CER * Assorbenti, stracci, indumenti, materiali filtranti contaminati da sostanze pericolose (H5 - H14) Sono costituiti da Filtri di cappe di aspirazione, guanti e mascherine usati per le preparazioni, prodotti monouso, panni, cartine per la pesa delle sostanze e tutto ciò che è rifiuto non liquido proveniente dal laboratorio. Sono considerati pericolosi in funzione delle caratteristiche di pericolo della sostanza dalla quale sono contaminati.

41 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico Rifiuti di LABORATORIO GALENICO CER * Acque reflue di primo lavaggio (H5 - H14) Sono costituite dalle acque utilizzate per la PRIMA PULIZIA / RISCIACQUO dei presidi di produzione dei preparati galenici. Devono essere raccolte tramite un apposito scarico differenziato in taniche omologate. Sono considerate pericolose in funzione delle caratteristiche di pericolo della sostanza dalla quale sono contaminate.

42 Rifiuti di produzione tipica del settore farmaceutico ALTRI RIFIUTI SPECIALI CER Toner e cartucce per stampa esauriti CER * Tubi al neon e lampade a risparmio energetico (H14) CER Batterie Alcaline (pile comuni) CER Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso (es.: Computer, Stampanti, Telefoni ) CER * Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso contenenti sostanze pericolose (es.: Monitor CRT, Televisioni a Tubo Catodico) (H14) CER * Rifiuti contenenti mercurio (compresi termometri e Sfigmomanometri al mercurio) (H5-H14)

43 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Tutti i Rifiuti, di qualsiasi genere ed origine, devono essere confezionati in contenitori in buono stato, ed idonei al tipo di materiale contenuto. I Contenitori di Rifiuti devono essere etichettati in modo che sia ben visibile il contenuto (Codice CER) e, soprattutto, le eventuali caratteristiche di pericolo. I Rifiuti PERICOLOSI devono essere confezionati in contenitori OMOLOGATI e recanti il marchio UN seguito da una sigla che identifica le caratteristiche del contenitore. Esempi di Marcatura Corretta di un Imballaggio 4G/Y/145/S/02 1A2/Y/100/01 NL/VL823 USA/MM5

44 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Contenitore per Farmaci Scaduti ASSINDE O DISTRUZIONE in cartone (CER ) Capacità: 60 Lt.

45 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Contenitori per Rifiuti Sanitari a Rischio Infettivo, in cartone o plastica (CER *) Capacità da 60 Lt. a 1 Lt.

46 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Fusti a tenuta stagna per sostanze scadute, in plastica (CER *) Capacità 30 Lt., 5 Lt.

47 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Scatola in cartone + sacco in plastica per rifiuti pericolosi vari (CER * *) Capacità 60 Lt.

48 r a f o r L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Tanica in Plastica per rifiuti pericolosi liquidi. (CER *) Capacità 10 Lt., 25 Lt. s a p i s

49 L Imballaggio e la conservazione dei Rifiuti Altri contenitori per Toner, Neon (CER *) Capacità 60 Lt.

50 Formulario di Identificazione Rifiuto (FIR) Art. 193 D.Lgs. 152/06 Il Formulario di Identificazione Rifiuto è un documento vidimato dalla Camera di Commercio che deve OBBLIGATORIAMENTE accompagnare qualsiasi trasporto di rifiuti. Riporta tutti i dati dei vari attori del ciclo dei rifiuti (Produttore, Trasportatore, Destinatario, Intermediario) compresi gli estremi dei propri titoli autorizzativi ed i dati relativi al rifiuto trasportato; E redatto a cura del PRODUTTORE di rifiuti in QUATTRO copie: Una per il produttore Una per il destinatario Una per il Trasportatore Una per il produttore timbrata dal destinatario, riconsegnata a cura del trasportatore Viene redatto un formulario per ciascuna tipologia di rifiuto (Codice CER) Deve essere conservato per almeno 5 anni. Sul Formulario deve essere annotato il Numero di registrazione dell operazione di scarico a cui fa riferimento sul Registro di Carico/Scarico. Verrà sostituito, per i soggetti iscritti al SISTRI, dalla Scheda Movimentazione a partire dall inizio operatività del SISTRI.

51 Formulario di Identificazione Rifiuto (FIR) Art. 193 D.Lgs. 152/06 (Parte Prima)

52 Formulario di Identificazione Rifiuto (FIR) Art. 193 D.Lgs. 152/06 (Parte Seconda)

53 Registro di Carico e Scarico Rifiuti Art. 190 D.Lgs. 152/06 E un registro, VIDIMATO dalla Camera di Commercio competente, in cui sono annotate le informazioni qualitative (Codice CER, Descrizione) e quantitative (Kg.) dei movimenti di Carico e Scarico dei rifiuti. Le Farmacie, in quanto attività commerciali/sanitarie sono soggette all annotazione sul registro dei soli movimenti di RIFIUTI PERICOLOSI. Le operazioni di Carico devono essere effettuate entro 10 giorni dalla data di produzione del rifiuto (5 giorni per i rifiuti sanitari a rischio infettivo) Le operazioni di Scarico devono essere effettuate entro 10 giorni dalla data di consegna del rifiuto al trasportatore autorizzato (5 giorni per i rifiuti sanitari a rischio infettivo) Deve essere conservato, qualora terminato, per 5 anni dalla data dell ultima registrazione. Verrà sostituito, per i soggetti iscritti al SISTRI, dal Registro Cronologico SISTRI a partire dall inizio operatività del SISTRI.

54 Registro di Carico e Scarico Rifiuti Art. 190 D.Lgs. 152/06

55 MUD Modello Unico Dichiarazione Art. 189 D.Lgs. 152/06 Entro il 30 aprile di ogni anno ciascun produttore di rifiuti speciali deve presentare presso la competente Camera di Commercio la dichiarazione MUD, contenente tutti i dati relativi ai rifiuti prodotti e smaltiti nell anno precedente. Le Farmacie, essendo attività commerciali/sanitarie, devono presentare la dichiarazione MUD per la sola parte relativa ai RIFIUTI PERICOLOSI. La dichiarazione può essere inviata a mezzo raccomandata oppure inviata telematicamente dai soggetti autorizzati. A partire dalla piena operatività del SISTRI, l obbligo decadrà in quanto tutte le informazioni sulle movimentazioni di rifiuti verranno inserite in via telematica al momento della loro movimentazione.

56 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 Con Decreto del 17 dicembre 2009, pubblicato nella G.U. del 13 gennaio 2010 il Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare ha definitivamente sancito l istituzione di un sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti. Tale sistema ha come scopo la prevenzione e la repressione dei gravi fenomeni di criminalità organizzata nell ambito dello smaltimento e del traffico illecito dei rifiuti.

57 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 L attuale Governo, primo in Europa, si è fatto carico di dare concreta attuazione all istituzione del sistema SISTRI, individuando le modalità organizzative per sostituire progressivamente il sistema cartaceo (Formulario di identificazione dei rifiuti, Registro di carico/scarico e MUD) con un sistema all avanguardia basato su tecnologie elettroniche.

58 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 Di fatto, ed in sintesi, il SISTRI consiste in un sistema informatico centralizzato obbligatorio gestito dal Ministero dell Ambiente, all interno del quale transiteranno e verranno archiviate tutte le movimentazioni di rifiuti speciali, pericolosi e non, dal momento in cui essi vengono generati dal produttore al momento in cui essi vengono smaltiti dall impianto di destinazione finale, passando per le fasi della raccolta e del trasporto affidati alle imprese che gestiscono rifiuti.

59 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 Il SISTRI è un sistema OBBLIGATORIO. Sono tenuti all iscrizione ed all adozione della tracciabilità dei rifiuti ALMENO tutti i produttori rifiuti speciali pericolosi. Il sistema SISTRI determinerà la scomparsa definitiva dei supporti di registrazione cartacei (Formulari, Registri, MUD). Il sistema SISTRI, integrato ufficialmente nel Testo Unico Ambientale con il D.Lgs. 205/2010 non determinerà, fino alla data ufficiale di inizio operatività completa (vedi scadenze sistri), alcuna modifica degli obblighi derivanti dalla normativa vigente né alcuna variazione del regime sanzionatorio vigente.

60 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 AVVIO OPERATIVITA DEL SISTEMA SISTRI L ultima proroga, ufficializzata lo scorso 23 febbraio, prevede la partenza del sistema SISTRI per tutte le categorie di iscritti al: 30 giugno 2012

61 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 CONTRIBUTO ANNUALE Anche la scadenza del contributo annuale per il 2012 è stata spostata (ma non annullata). La nuova scadenza è fissata per il 30 novembre 2012

62 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 ACCESSIBILITA AL SISTEMA Al sistema SISTRI accedono tutti i soggetti interessati (produttori di rifiuti, detentori, trasportatori e gestori, impianti di stoccaggio e di smaltimento) tramite proprie chiavi di autenticazione elettronica (chiavette token USB). Attraverso tali chiavi ciascun attore del ciclo dei rifiuti dovrà inserire i dati di propria competenza. Al termine del suo percorso, il rifiuto, con tutte le informazioni relative alle sue caratteristiche (codice CER, quantità, stato solido, pericolosità, ecc ) ed alle sue movimentazioni (produzione, trasporto, stoccaggio e distruzione) rimarrà archiviato nel sistema, affinché possano essere svolti controlli e verifiche dagli organi preposti (Carabinieri).

63 Il Sistema SISTRI D.M n. 52 DELEGHE ESTERNE PROCEDURE SEMPLIFICATE Il produttore, qualora il quantitativo di rifiuti prodotti in un anno risulti essere inferiore a 20 tonnellate di rifiuti non pericolosi di cui al massimo 4 tonnellate di rifiuti pericolosi, può delegare un Associazione di categoria di RETE Impresa Italia (Confcommercio, Confartigianato, Casartigiani, Confesercenti e CNA), le sole accreditate per quanto riguarda la gestione per conto terzi del sistema SISTRI e del registro cronologico. Le Associazioni accreditate e le loro società di servizi hanno partecipato ai Tavoli di Concertazione del SISTRI. Il soggetto delegato provvede ad effettuare, in nome e per conto del produttore dei rifiuti e attraverso un dispositivo elettronico unico, tutte le operazioni di carico, scarico e movimentazione dei rifiuti all interno del sistema SISTRI una volta che il rifiuto viene prodotto. Per i soggetti che producono fino a 200 kg di rifiuti pericolosi le annotazioni devono essere effettuate trimestralmente, per tutti gli altri mensilmente.

64 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 La pubblicazione sulla G.U nr. 102 del 4 maggio 2010 del Decreto del Ministero dell Ambiente nr. 65 del 8 marzo 2010 obbliga i distributori e gli installatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche ad assicurare, al momento della fornitura di un apparecchio nuovo, il ritiro gratuito dell apparecchiatura usata. (Cosiddetto Ritiro Uno Contro Uno ) Tali soggetti sono obbligati quindi ad iscriversi all Albo Gestori Ambientali presso le CCIAA in qualità di Imprese che effettuano il Raggruppamento dei RAEE. Gli oneri relativi allo smaltimento delle apparecchiature obsolete ritirate, con il criterio dell Uno Contro Uno, sono a carico dei Comuni di competenza, che li smaltiscono attraverso le proprie Isole Ecologiche RAEE.

65 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 Tra i distributori rientrano quindi anche le farmacie, in quanto venditori, ad esempio, di misuratori per la pressione, scalda biberon e sterilizzatori per biberon, bilance elettroniche, reflettometri, giocattoli elettronici per l infanzia. Dopo essersi iscritte all Albo Gestori Ambientali, le Farmacie potranno consegnare i RAEE (anche tramite i loro trasportatori di rifiuti di fiducia) alle Isole Ecologiche altrimenti riservate ai soli rifiuti Urbani, senza riconoscere oneri di smaltimento ai comuni. Anche i trasportatori di RAEE devono essere iscritti all Albo Gestori Ambientali.

66 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 Le apparecchiature ritirate devono essere registrate su uno schedario tenuto in forma libera. Le apparecchiature devono essere conservate presso il punto di vendita o presso altro punto dichiarato al momento dell iscrizione, in locali consoni alla conservazione dei rifiuti, dividendo i medesimi tra pericolosi e non pericolosi. Successivamente alla raccolta, e con cadenza mensile (o al raggiungimento di un quantitativo pari a kg, caso assai improbabile per le farmacie), il farmacista deve provvedere al trasporto con mezzi propri o con mezzi di terzi, tutti preventivamente dichiarati al momento dell iscrizione, al trasporto dei rifiuti RAEE presso un apposito centro di raccolta comunale (così dette ISOLE ECOLOGICHE). Le movimentazioni di scarico devono essere, anche queste, annotate sul registro in forma libera sul quale vengono registrate le prese in carico delle medesime apparecchiature.

67 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 Considerato che chi vende e distribuisce tali apparecchi è obbligato a ritirare gratuitamente quelli dismessi, ne deriva che la predetta iscrizione presso l Albo è obbligatoria. Per le attività di ritiro, raggruppamento e trasporto ai centri di raccolta dei RAEE domestici di cui sopra, quindi è necessaria (e come già detto obbligatoria) la preventiva iscrizione dei distributori (ivi comprese le farmacie), in un apposita sezione dell Albo Nazionale dei Gestori Ambientali, tenuto presso le competenti sedi territoriali delle Camere di Commercio. L iscrizione, utilizzando la sezione 1 dell apposita modulistica a disposizione nelle locali Camere di Commercio, doveva avvenire entro e non oltre il 19 giugno 10, termine prorogato automaticamente al lunedì 22 giugno essendo il 19 un sabato, direttamente presso la competente CCIAA o a mezzo raccomandata A.R.

68 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 SANZIONI La mancata iscrizione del distributore che effettua attività di raccolta e trasporto dei RAEE nell apposita sezione dell Albo Nazionale Gestori Ambientali è punita con la sanzione di cui all art. 256 del D.Lgs. 152/2006, ovvero con l arresto da 3 mesi ad 1 anno (2 anni nel caso in cui i rifiuti trattati siano rifiuti pericolosi) ed un ammenda da 2.600,00 a ,00 euro). Ai sensi dell art. 16 comma 1 del D.Lgs. 151/2005, il distributore che non ritira o non ritira a titolo gratuito un RAEE, è punito con una sanzione amministrativa da 150,00 a 400,00 euro per ogni apparecchiatura non ritirata o ritirata a titolo oneroso.

69 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65 I Distributori hanno inoltre l obbligo di pubblicizzare ai clienti il ritiro Uno Contro Uno Nota informativa sulla Gestione dei Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) In ottemperanza al D.Lgs. 151/2005 e al D.M. 65 dell 8 marzo 2010, questa farmacia, a fronte dell acquisto di una qualsiasi apparecchiatura elettrica od elettronica (AEE) nuova, effettua il ritiro GRATUITO di apparecchiature elettriche ed elettroniche usate. Le apparecchiature ritirate devono risultare integre, adibite alle stesse funzioni di quelle acquistate, e non devono contenere rifiuti diversi dai RAEE (Art. 6 del D.Lgs. 151/2005). Il ritiro avviene secondo il principio UNO CONTRO UNO : quindi, per ciascun apparecchio nuovo acquistato, ne verrà ritirato soltanto uno usato.

70 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) D.M. 8 marzo 2010 n. 65

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 1 Classificazione e codifica dei rifiuti 2 I criteri

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI L iter amministrativo e pratico per lo smaltimento dei rifiuti industriali Cosa deve fare un PRODUTTORE quando deve smaltire un RIFIUTO generato dalla sua attività?

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti

Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti N NUOVO Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti è in vigore dal 01.01.2002 e presenta sia caratteristiche comuni al Catalogo precedente sia tratti innovativi rispetto

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti Revisione 0 Pagina 1 di 7 3. 3.1 Aspetti generali Con il termine di rifiuti, in base al D.lgs del 05/02/1997 n 22 (Decreto Ronchi), si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore necessiti

Dettagli

"LA COMPILAZIONE DEI MODELLI UNICI DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (MUD)"

LA COMPILAZIONE DEI MODELLI UNICI DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (MUD) CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO "LA COMPILAZIONE DEI MODELLI UNICI DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (MUD)" Dott. Gianni Corvatta Responsabile Servizi Rifiuti/Suolo e Aria Dip. Prov. A.R.P.A.M. di Macerata

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

Gestione Rifiuti. Programma

Gestione Rifiuti. Programma Gestione Rifiuti Formazione ed Informazione ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 e s.m.i. 1 Programma Introduzione Normativa di riferimento Codici CER Tipologie rifiuti in istituto Articolazione

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative:

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative: Allegato CRITERI E PROCEDURE PER AMMISSIBILITA DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI IN DISCARICHE PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DAL 01/07/2009 AI SENSI DEL DM 3 AGOSTO 2005 Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Ciclo del recupero :

Ciclo del recupero : AZIENZA PRODUTTRICE, luogo di produzione rifiuti Destinati al recupero Ciclo del recupero : Deve essere applicata la disciplina del deposito temporaneo o stoccaggio dei rifiuti REGISTRI - SISTRI Deve essere

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato»

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato» SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato» Cagliari (Lazzaretto di Sant Elia), 17 novembre 2012 Il costo

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

Regolamento per la Classificazione e lo Smaltimento dei rifiuti speciali nei Laboratori di ATeN Center

Regolamento per la Classificazione e lo Smaltimento dei rifiuti speciali nei Laboratori di ATeN Center Regolamento per la Classificazione e lo Smaltimento dei rifiuti speciali nei Laboratori di ATeN Center L art. 182 del D.lgs. 152/06 chiarisce che lo smaltimento dei rifiuti è da considerarsi come soluzione

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

Introduzione... 2 Soggetti obbligati all iscrizione al SISTRI... 3

Introduzione... 2 Soggetti obbligati all iscrizione al SISTRI... 3 NOTA INFORMATIVA SUL SISTRI E LE DIFFERENTI CATEGORIE DI RIFIUTI Introduzione... 2 Soggetti obbligati all iscrizione al SISTRI... 3 Rifiuti urbani e assimilati...3 Rifiuti speciali...3 Rifiuti Speciali

Dettagli

Regolamento di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani

Regolamento di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani Premessa Il presente Regolamento è finalizzato a disciplinare l assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani, in ottemperanza a quanto previsto dall art. 198, comma 2., lettera g)

Dettagli

a.a. 09-10 ing. F.Parotti Adempimenti normativi Ambientali nell attività di cantiere I RIFIUTI

a.a. 09-10 ing. F.Parotti Adempimenti normativi Ambientali nell attività di cantiere I RIFIUTI I RIFIUTI DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore: si disfi Voglia disfarsi Abbia l'obbligo di disfarsi (CEE 751442; termine per l'attuazione luglio1977), qualsiasi sostanza

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148 Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

Rifiuti: classificazione

Rifiuti: classificazione Rifiuti: classificazione Con il termine rifiuto si definisce qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi. Tale definizione è contenuta

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE DOTAZIONI DI SICUREZZA PER I LOCALI DESTINATI ALLA VENDITA E AL DEPOSITO - D.G.R. 7-10295 del 5/8/2003 PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED.

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE PER I DISTRIBUTORI E GLI INSTALLATORI O I GESTORI DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA Applicazione del Decreto 8 marzo 2010, n. 65. Regolamento recante modalità semplificate

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti: criteri e modalità

Smaltimento dei rifiuti: criteri e modalità Smaltimento dei rifiuti: criteri e modalità SPP LNL Bari 8-9 ottobre 2003 SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Attuazione delle direttive CEE sui rifiuti pericolosi, non pericolosi, sugli imballaggi e sui rifiuti di

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs.

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs. RIFIUTI: ASSEGNAZIONE DEI CODICI C.E.R. E CORRETTE MODALITA DI STOCCAGGIO D.Lgs. 152/2006 Montebelluna, 14.05.2011 ASOLOMONTEBELLUNA 1 DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

rifiuto da catalogare

rifiuto da catalogare rifiuto da catalogare rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? (esclusi XX

Dettagli

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI RIFIUTI CON IL RELATIVO CODICE CER CHE POTREBBERO ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 21/10/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 26/10/2009 Approvato DG IN VIGORE

Dettagli

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 LA NORMATIVA SUI RIFIUTI Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 Il progetto: Un nuovo sistema normativo fondato sulla necessità di garantire: omogeneità dei criteri per le attività inerenti la gestione

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI [ D.lgs. 152/2006, art. 198; L.R. 24/2002, art. 4 ] Approvato con D.C. n. 26 del 07.08.2008

Dettagli

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (attuazione delle direttive 91/156/CEE sui

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, LIQUIDI E SOLIDI E DI NOLEGGIO E MANUTENZIONE DI CONTENITORI IGIENICI

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

PRODUZIONE DI RIFIUTI SPECIALI NELLA REGIONE MARCHE

PRODUZIONE DI RIFIUTI SPECIALI NELLA REGIONE MARCHE PRODUZIONE DI RIFIUTI SPECIALI NELLA REGIONE MARCHE RAPPORTO 2014 Foto di copertina Foto di archivio Sezione regionale catasto rifiuti 2 INDICE SISTRI... 4 RIFIUTI SPECIALI... 6 Produzione di rifiuti speciali...

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

Scheda descrittiva e caratterizzazione del rifiuto

Scheda descrittiva e caratterizzazione del rifiuto fonte RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI tipologia rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali metalliferi

Dettagli

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti CIRCOLARE n. 01/11 Prot. GN/19/11 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4-40131 Bologna Tel. 051

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE D.ssa Rossana Becarelli Direttore Sanitario Ospedale San Giovanni Antica Sede A.S.O. San Giovanni Battista. Torino LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE 22 September 2013 0 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Principali adempimenti tecnici connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti tecnici connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione di rifiuti speciali Principali adempimenti tecnici connessi alla gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Argomenti Criteri di classificazione dei rifiuti Deposito Temporaneo

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI CONFINDUSTRIA PADOVA, ROVIGO, TREVISO, VICENZA GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI FEBBRAIO 2014 Numero verde Le Associazioni di Padova, Rovigo, Treviso e Vicenza hanno sottoscritto un Accordo di collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Emanato con Decreto 9 marzo 2015, n. 166 Entrato in vigore il 27 marzo 2015 UFFICIO PREVENZIONE

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani CITTÀ DI BATTIPAGLIA Settore Tecnico e Politiche Comunitarie SERVIZIO AMBIENTE Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs.

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli