Norme in materia ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Norme in materia ambientale"

Transcript

1 Prontuario illeciti ambientali Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 G.U. n. 88 del , Suppl. Ord. N. 96/L Norme in materia ambientale Confronti tra le vecchie e le nuove normative A cura di: Avv. Rosa Bertuzzi, Aprile

2 NORME IN MATERIA AMBIENTALE NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E BONIFICA DEI SITI.pag. 3 PREVENZIONE E RIDUZIONE INTEGRATE DALL INQUINAMENTO...pag.32 NORME IN MATERIA DI TUTELA DELL ARIA E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA..pag.34 NORME IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO E LOTTA ALLA DESERTIFICAZIONE, DI TUTELA DELLE ACQUE DALL INQUINAMENTO E DI GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE..pag.36 2

3 DECRETO LEGISLATIVO recante NORME IN MATERIA AMBIENTALE PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI 3

4 ILLECITO Art.violato Art.sanzione Art.violato Art.sanzione Sanzione 1 Abbandono o deposito incontrollato di rifiuti sul Art. 14 c.1 Art. 50 c Art. 192 c.1 Art. 255 c.1 suolo o nel suolo (ad esclusione del punto 2) 2 Abbandono di rifiuti Art. 50 c.1 Art. 255 c.1 e ingombranti Art. 14 c.1 ultimo 50 Art. 192 c.1 ultimo sul suolo 3 Immissione di rifiuti in acque superficiali o sotterranee Art. 14 c.2 Art. 50 c Art. 192 c.2 Art. 255 c.1 Amministrativa Da 105 a ,67 Amministrativa Da 25 a ,00 Amministrativa Da 105 a ,67 4 Immissione nel normale circuito di raccolta dei rifiuti urbani imballaggi terziari di qualsiasi natura 5 Mancata consegna di beni durevoli per uso domestico dismessi al rivenditore, alle imprese pubbliche o private di raccolta RSU o agli appositi centri di raccolta (per frigoriferi, surgelatori e congelatori) 6 Mancata consegna di beni durevoli per uso domestico dismessi al rivenditore, alle imprese pubbliche o private di raccolta RSU o agli appositi centri di raccolta (per televisori) Art. 43 c.2 Art. 50 c Art. 226 c.2 Art. 255 c.1 Art. 44 c.1 e art. 44 c.5 lett.a) Art. 44 c.1 e art. 44 c.5 lett.b) Art. 50 c Art. 50 c Amministrativa Da 105 a ,67 Continuano ad applicarsi le sanzioni previste dal D.Lvo n.22/97 in attesa dell entrata in vigore delle disposizioni attuative Continuano ad applicarsi le sanzioni previste dal D.Lvo n.22/97 in attesa dell entrata in vigore delle disposizioni attuative 4

5 ILLECITO Art.violato Art.sanzione 7 Mancata consegna di beni durevoli per uso domestico Art. 44 c.1 dismessi al rivenditore, alle e art. 44 imprese pubbliche o private di c.5 lett.c) raccolta RSU o agli appositi centri di raccolta (per computer) 8 Mancata consegna di beni durevoli in uso domestico dismessi al rivenditore, alle imprese pubbliche o private di raccolta RSU o agli appositi centri di raccolta (per lavatrici e lavastoviglie) 9 Mancata consegna di beni durevoli per uso domestico dismessi al rivenditore, alle imprese pubbliche o private di raccolta RSU o agli appositi centri di raccolta (per condizionatori d aria) 10 Mancata consegna del veicolo o del rimorchio destinati alla demolizione ad un demolitore autorizzato ad eccezione dei veicoli cat. M1 e N1 (es. autovetture, trasporti leggeri inf.a 35 q.li) Art. 44 c.1 e art. 44 c.5 lett.d) Art. 44 c.1 e art. 44 c.5 lett.e) Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 50 c Continuano ad applicarsi le sanzioni previste dal D.Lvo n. 22/97 in attesa dell entrata in vigore delle disposizioni attuative Art. 50 c Continuano ad applicarsi le sanzioni previste dal D.Lvo n. 22/97 in attesa dell entrata in vigore delle disposizioni attuative Art. 50 c Continuano ad applicarsi le sanzioni previste dal D.Lvo n. 22/97 in attesa dell entrata in vigore delle disposizioni attuative Art.46 c.1 Art. 50 c Art. 231 c.1 Art. 255 c.1 Amministrativa Da 105 a ,67 5

6 ILLECITO Art.violato Art.sanzione 11 Mancata consegna del veicolo o del rimorchio destinati alla demolizione ad un concessionario o ad una succursale di casa costruttrice autorizzato ad eccezione dei veicoli cat. M1 e N1 12 Mancata cancellazione dal PRA dei veicoli (ad eccezione dei veicoli cat.m1 e N1) da parte del gestore del centro di raccolta o del concessionario 13 Alienazione, smontaggio o distruzione e successiva rottamazione dei veicoli a motore o dei rimorchi da parte del titolare del centro di raccolta o concessionaria o succursale senza aver prima trasmesso le targhe e i documenti al PRA 14 Mancata annotazione dei veicoli e dei rimorchi dell avvenuta denuncia e consegna delle targhe e dei documenti sull apposito registro di cui al D.lgs 285/92 Art.violato Art.sanzione Sanzione Art.46 c.2 Art. 50 c Art. 231 c.2 Art. 255 c.1 Amministrativa Da 105 a ,67 Art. 46 c.5 Art.50 c. 1 bis Art. 46 c.6 bis Art. 46 c.6 ter Art.50 c. 1 bis Art.50 c. 1 bis 206 Art. 231 c.5 Art. 255 c.2 Amministrativa Da 260 a Art. 231 c.7 c. 7 Amministrativa Da 260 a Art. 231 c. 8 c.7 Amministrativa Da 260 a ,67 516,67 516,67 6

7 ILLECITO Art.viol. Art.sanz. 15 Alienazione, smontaggio, distruzione o demolizione di veicoli o rimorchi senza aver prima Art. 46 Art.50 c. 1 riconsegnato le targhe ed i c.6 bis documenti al PRA o mancata quater registrazione della riconsegna sull apposito registro di cui al dlgs 285/92 da parte dei responsabili dei centri di raccolta o altri luoghi di custodia di veicoli rimossi ai sensi dell art. 159 D.lgs 285/92, nei casi di loro demolizione ai sensi dell art. 215 stesso dlgs 16 Omessa o incompleta comunicazione del M.U.D. (l.70/94) Art. 11 c.3 Art.violato Art.sanzione Sanzione 206 Art. 231 c. 9 Art. 255 c.2 Art. 52 c Art. 189 c.3 Art. 258 c.1 Amministrativa Da 105 a ,67 Amministrativa Da a ,67 17 Incompleta o inesatta comunicazione del M.U.D. per errori solo formali comunque dimostrabili con denunce o formulari o fatture Art. 11 c.3 18 Tardato invio della comunicaz. del M.U.D. (l.70/94) entro il 29/06 di ogni anno Art. 11 c.3 Art. 52 c Art. 189 c.3 Art. 258 c.5 Art. 52 c. 1 ultimo 50 Art. 189 c.3 Art. 258 c. 1 ultimo Amministrativa Da 260 a ,67 Amministrativa Da 26 a ,00 7

8 ILLECITO Art.violato Art.sanzione 19 Omessa o incompleta tenuta Art. 52 c.2 del registro di carico e Art. 12 c. 1/3 primo scarico dei rifiuti 20 Omessa o incompleta tenuta del registro di carico e scarico di rifiuti Art. 12 c. 1/3 Art. 52 c.2 secondo Art. 190 c.1/ Art. 190 c.1/3 Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 258 c. 2 primo Art.258 c.2 ultimo Amministrativa da a Amministrativa da a , ,00 21 Omessa o incompleta tenuta del registro di C/S di rifiuti nel caso di imprese con meno di 15 dipendenti 22 Omessa o incompleta tenuta del registro di C/S di rifiuti nel caso di imprese con meno di 15 dipendenti 23 Incompleta tenuta del registro di C/S dei rifiuti per errori solo formali che consentono comunque di ricostruire le informazioni dovute Art. 12 c.1/3 Art. 12 c.1/3 Art. 52 c. 2 ultimo Art. 52 c.2 ultimo Art. 12 c.1/3 Art. 52 c Art. 190 c.1/ Art. 190 c.1/3 516,00 Art. 190 c.1/3 24 Mancata conservazione dei registri di carico e scarico Art. 12 c. 3/4 Art. 52 c ,00 Art. 190 c.1/3 25 Trasporto rifiuti con formulario incompleto o inesatto ma contenente tutte le informazioni per ricostruire gli elementi mancanti (tutti i rifiuti) Art. 15 c.1/2 Art. 52 c.4 516,00 Art. 193 c.1/2 Art. 258 c. 3 Art. 258 c. 3 Art. 258 c. 5 Art. 258 c. 5 ultimo Art. 258 c. 5 Amministrativa da a Amministrativa da a , ,33 Amministrativa da 260 a ,67 Amministrativa da 260 a Amministrativa da 260 a ,67 516,67 8

9 ILLECITO Art.violato Art.sanzione 26 Trasporto rifiuti Art. 52 c.3 con formulario Art. 15 c.1/2 primo incompleto o inesatto o senza il formulario 27 Mancata conservazione del formulario Art. 15 c.2 28 Trasporto rifiuti con formulario vidimato dall Agenzia delle Entrate o dalle Camere del commercio, industria artigianato e agricoltura (per i rifiuti ) Art. 15 c.5 bis Art. 52 c.4 terzo Art. 193 c.1/2 516,00 Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 193 c.1/2 Art. 54 c ,00 Art. 193 c.6 lett.b) Art. 258 c. 4 Art. 258 c. 5 ultimo Art. 258 c.5 Amministrativa da a Amministrativa da 260 a Amministrativa da 260 a ,00 516,67 516,67 29 Immissione sul mercato di imballaggi privi delle caratteristiche previste 30 Violazione all obbligo di riciclaggio e recupero del produttore degli imballaggi 31 Mancata adozione di un sistema di restituzione dei propri imballaggi 32 Mancata adesione al Consorzio per il recupero imballaggi usati 33 Smaltimento in discarica di imballaggi e di contenitori recuperati Art. 36 c.5 Art. 54 c.2 ultimo Art. 219 c.5 Art. 261 c.3 Amministrativa da a Art. 38 c.3 Art. 54 c Art. 221 c.3 Art. 261 c.2 Amministrativa da a Art. 38 c.3 lett.c) Art. 54 c Art. 221 c.3 lett.a) e c) Art. 261 c.2 Amministrativa da a Art. 40 c.1 Art. 54 c Art. 223 c.1 Art. 261 c.2 Amministrativa da a Art. 43 c.1 Art. 54 c Art.226 c.1 Art.261 c.3 Amministrativa da a , , , , ,00 9

10 ILLECITO Art.violato Art.sanzi one 34 Messa in commercio di imballaggi conformi 35 Commercio imballaggi con concentrazioni di piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente, superiore ai limiti 36 Deposito temporaneo corrispondente alle prescrizioni di rifiuti 37 Deposito temporaneo corrispondente alle prescrizioni di rifiuti 38 Miscelazione dei rifiuti di cui all allegato G e tra i medesimi ed i rifiuti Art. 43 c.1 Art. 54 c.3 Art. 43 c.4 Art.54 c.2 Art. 6 c.1 lett.m) Art. 6 c.1 lett.m) Art. 6 c.1 lett. m) c.2 e 51 c.2 e 51 c. 2 e 51 c. 1 lett.b) Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 226 c.3 Art. 261 c.4 Amministrativa da a Art. 226 c.4 Art. 261 c.3 Amministrativa da a mesi ad un anno o a mesi a due anni e a mesi a due anni e a Art. 183 c.1 lett.m) Art. 183 c.1 lett.m) c.1 lett.a ) e c.2 c.1 lett.b) e c.2 Art.187 c.1 c.5 e c.1 lett. b) o e e 5.166, ,00 ex art.162 bis C.P. 10

11 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 39 Abbandono di rifiuti per il produttore che può giustificare la mancanza dal deposito o lo smaltimento dei rifiuti 40 Abbandono di rifiuti per il produttore che può giustificare la mancanza dal deposito o lo smaltimento dei rifiuti 41 Abbandono o deposito incontrollato di rifiuti, sul suolo o nel suolo, per titolari di impresa o responsabili di enti 42 Abbandono o deposito incontrollato di rifiuti, sul suolo o nel suolo, per titolari di impresa o responsabili di enti 43 Immissione in acque superficiali o sotterranee di rifiuti da parte di titolari di impresa o responsabili di enti Artt. 10 c.3 e 14 c.1 Artt. 10 c.3 e 14 c.1 c.2 e c. 2 e c. 1 lett.b) Art. 14 c.1 c.2 e Art. 14 c.1 c.2 e Art. 14 c.2 c.2 e mesi ad un anno o a mesi a due anni e a mesi ad un anno o a mesi a due anni e a mesi ad un anno o a Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 188 c.3 e art. 192 c.1 Art. 188 c.3 e art. 192 c.1 c.1 lett.a) e c.2 c.1 lett.b) e c.2 Art. 192 c.1 c.1 lett.a) e c.2 Art. 192 c.1 c.1 lett.b) e c.2 Art. 192 c.2 c.1 lett.a) e c.2 o mesi a due anni e o mesi a due anni e o ex art.162 bis C.P. ex art.162 bis C.P. ex art.162 bis C.P. 11

12 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 44 Immissione in acque superficiali o sotterranee di rifiuti da parte di titolari di impresa o responsabili di enti 45 Inottemperanza all Ordinanza Sindacale di recupero smaltimento, bonifica 46 Trasporto di rifiuti effettuato da enti o imprese senza formulario o con formulario inesatto o incompleto 47 Mancata messa in sicurezza o mancato intervento su incidenti che possono provocare superamenti dei limiti di accettabilità o mancata bonifica nei termini per rifiuti Art. 14 c.2 c.2 e c.1 lett b) Art. 14 c.3 Art. 50 c.2 Art. 15 c.1 e art. 52 c.3 secondo Art. 483 C.P. Art. 17 c. 2 bis primo capover. mesi a due anni e Arresto fino ad un anno Reclusione fino a due anni e Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 192 c.2 c.1 lett.b) e c.2 mesi a due anni e Art. 192 c.3 Art. 255 c.3 Arresto fino ad un anno Art. 193 c.1 e art.258 c.4 Art. 483 C.P. Reclusione fino a due anni Art.242 c.1 Art. 257 c.1 o ex art.162 bis C.P. 48 Mancata messa in sicurezza o mancato intervento su incidenti che possono provocare superamenti dei limiti di accettabilità o mancata bonifica nei termini per rifiuti Art. 17 c. 2 bis secondo capover. Arresto da uno a due anni e a Art.242 c.1 Art. 257 c.2 Arresto da un anno a due anni e a

13 49 ILLECITO Art.violato Art.sanz. Mancata comunicazione entro le 48 ore (oggi 24 ore) dall evento al Comune, alla Provincia, alla Regione di superamento dei limiti di accettabilità (anche accidentale) o di pericolo concreto e attuale di superamento, per rifiuti 50 Mancata comunicazione entro le 48 ore (oggi 24 ore) dall evento al Comune, alla Provincia, alla Regionel di superamento dei limiti di accettabilità (anche accidentale) o di pericolo concreto e attuale di superamento, per rifiuti 51 Mancata comunicazione entro le 48 ore successive alla comunicazione di cui sopra,, al Comune, alla Provincia, alla Regione, sugli interventi effettuati per la messa in sicurezza, per rifiuti Art. 17 c. 2 let t. a) Art. 17 c. 2 lett.a) Art. 17 c. 2 lett. b) bis primo bis secondo bis primo Arresto da sei mesi ad un anno e ammenda da a Arresto da uno a due anni e ammenda da a Arresto da sei mesi ad un anno e ammenda da a Art.violato Art.sanzione Sanzione Art.242 c.1 Art. 257 c.1 Obbligo di comunicaz. entro 24 ore ex art. 304 Art.242 c.1 Art. 257 c.2 Obbligo di cominicazion entro 24 ore ex art. 304 o Arresto da un anno a due anni e a Art.242 c.2 Art. 257 c.1 o 13

14 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 52 Mancata comunicazione entro le 48 ore successive alla comunicazione di cui sopra al Comune, alla Provincia, alla Regione, sugli interventi effettuati per la messa in sicurezza, per rifiuti 53 Mancata presentazione al Comune e alla Regione, entro 30 gg successivi all evento (oggi all indagine preliminare ex art. 242 c.3) del progetto di bonifica (oggi piano di caratterizzazione).rifiuti 54 Mancata presentazione al Comune e alla Regione, entro 30 gg successivi all evento (oggi all indagine preliminare ex art. 242 c.3) del progetto di bonifica (oggi piano di caratterizzazione).rifiuti Art. 17 c. 2 lett.b) Art. 17 c. 2 lett. c) Art. 17 c. 2 lett.c) bis secondo bis primo bis secondo Arresto da uno a due anni e ammenda da a Arresto da sei mesi ad un anno e ammenda da a Arresto da uno a due anni e ammenda da a Art.violato Art.sanzione Sanzione Art.242 c.2 Art. 257 c.2 Arresto da un anno a due anni e a Art.242 c.3 Art. 257 c.1 o Art.242 c.3 Art. 257 c.2 Arresto da un anno a due anni e a

15 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 55 Realizzazione e gestione di discarica rifiuti senza autorizzazione regionale 56 Realizzazione e gestione di discarica rifiuti senza autorizzazione regionale 57 Realizzazione di modifiche sostanziali al progetto di impianto di smaltimento e recupero autorizzati per rifiuti 58 Realizzazione di modifiche sostanziali al progetto di impianto di smaltimento e recupero autorizzati per rifiuti 59 Operazioni di smaltimento e recupero rifiuti NON PERICOLOSI senza autorizzazione Art. 27 c. 1 c.3 primo Art. 27 c. 1 c.3 secondo Art. 27 c.8 c.1 lett a) Art. 27 c.8 c.1 lett b) Art. 28 c.1 c.1 lett a) Arresto da sei mesi ad due anni e ammenda da a Arresto da uno a tre anni e ammenda da a Arresto da tre mesi ad un anno o ammenda da a Arresto da sei mesi ad due anni e ammenda da a Arresto da tre mesi ad un anno o ammenda da a Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 208 c.1 c.3 e Art. 208 c.1 c.3 2 Art. 208 c.20 c.1 lett.a) Art. 208 c.20 c.1 lett.b) Art. 208 c. 1 e 11 c.1 lett.a) Arresto da uno a tre anni e a o mesi a due anni e o ex art.162 bis C.P. ex art.162 bis C.P. 15

16 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 60 Operazioni di smaltimento e recupero rifiuti PERICOLOSI senza autorizzazione 61 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti ovvero uso di tipologie diverse da quelle autorizzate o superamento delle quantità di rifiuti da trattare.rifiuti 62 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti ovvero uso di tipologie diverse da quelle autorizzate o superamento delle quantità di rifiuti da trattare.rifiuti Art. 28 c.1 c.1 lett b) Art. 28 c.1 lett.a) Art. 28 c.1 lett. A) c.1 lett a) c.1 lett b) Arresto da sei mesi ad due anni e ammenda da a Arresto da 45 giorni a sei mesi o ammenda da a Arresto da 3 mesi ad un anno e ammenda da a Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 208 c.1 e 11 Art. 208 c.1 e 11 lett.a) Art. 208 c. 1 e 11 lett.a) c.1 lett.b) Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Art.256 c.1 lett.b) mesi a due anni e Arresto da 45gg a sei mesi o a e a ex art.162 bis C.P. 16

17 ILLECITO Art.viol. Art.sanz. 63 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero sui requisiti tecnici delle attrezzature o sulle caratteristiche del sito o superamento del quantitativo massimo autorizzato di rifiuti da smaltire, per rifiuti 64 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero sui requisiti tecnici delle attrezzature o sulle caratteristiche del sito o superamento del quantitativo massimo autorizzato di rifiuti da smaltire, per rifiuti 65 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero inosservanza delle precauzioni da prendere in materia di sicurezza ed igiene ambientale nel smaltire rifiuti Art. 28 Art. 28 c.1 lett. b) Art. 28 c.1 lett.c) c.1 lett a) c.1 lett b) c.1 lett a) Arresto da 45 giorni a sei mesi o ammenda da a Arresto da 3 mesi ad un anno e ammenda da a Arresto da 45 giorni a sei mesi o ammenda da a Art.violato Art.sanzione Sanzione Art. 208 c.1 e 11 lett.b) Art. 208 c. 1 e 11 lett.b) Art. 208 c.1 e 11 lett.c) Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Art.256 c.1 lett.b) Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Arresto da 45gg a sei mesi o a e a Arresto da 45gg a sei mesi o a ex art.162 bis C.P. ex art.162 bis C.P. 17

18 ILLECITO Art.viol. Art.sanz. 66 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero sui requisiti tecnici delle attrezzature o sulle caratteristiche del sito o superamento del quantitativo massimo autorizzato di rifiuti da smaltire, per rifiuti 67 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero inosservanza nella destinazione o luogo di smaltimento per rifiuti 68 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero inosservanza nella destinazione o luogo di smaltimento per rifiuti 69 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero inosservanza sul metodo di trattamento o di recupero per rifiuti Art. 28 c.1 lett. c) Art. 28 c.1 lett.d) Art. 28 c.1 lett. d) Art. 28 c.1 lett.e) Arresto da 3 e Arresto da 45 giorni a sei mesi o Arresto da 3 e Arresto da 45 giorni a sei mesi o Art.violato Art.sanz. Art. 208 c. 1 e 11 lett.c) Art. 208 c.1 e 11 lett.d) Art. 208 c. 1 e 11 lett. d) Art. 208 c.1 e 11 lett.e) Art.256 c.1 lett.b) Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Art.256 c.1 lett.b) Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Sanzione e a Arresto da 45gg a sei mesi o a e a Arresto da 45gg a sei mesi o a

19 ILLECITO Art.viol. Art.sanz. 70 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero inosservanza sul metodo di trattamento o di recupero per rifiuti 71 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero inosservanza alle prescrizioni di messa in sicurezza, chiusura degli impianti e ripristino del sito. Rifiuti 72 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero rifiuti, ovvero inosservanza alle prescrizioni di messa in sicurezza, chiusura degli impianti e ripristino del sito. Rifiuti 73 Inosservanza delle prescrizioni sulle garanzie finanziarie per l attività di recupero e smaltimento di rifiuti Art. 28 c.1 lett. E) Art. 28 c.1 lett.g) Art. 28 c.1 lett. g) Art. 28 c.1 lett.h) Arresto da 3 e Arresto da 45 giorni a sei mesi o Arresto da 3 e Arresto da 45 giorni a sei mesi o Art.violato Art.sanz. Art. 208 c. 1 e 11 lett. e) Art. 208 c.1 e 11 lett.f) Art. 208 c. 1 e 11 lett. F) Art. 208 c.1 e 11 lett.g) Art.256 c.1 lett.b) Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Art.256 c.1 lett.b) Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Sanzione e a Arresto da 45gg a sei mesi o a e a Arresto da 45gg a sei mesi o a

20 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 74 Inosservanza delle prescrizioni sulle garanzie finanziarie per l attività di recupero e smaltimento di rifiuti 75 Operazioni di smaltimento e recupero di rifiuti con autorizzazione scaduta 76 Operazioni di smaltimento e recupero di rifiuti con autorizzazione scaduta 77 Gestione di impianto mobile di smaltimento o di recupero rifiuti senza autorizzazione regionale 78 Gestione di impianto mobile di smaltimento o di recupero rifiuti senza autorizzazione regionale Art. 28 c.1 lett. h) Art. 28 c.3 Art. 28 c.3 Art. 28 c.7 primo Art. 28 c.7 primo Arresto da 3 e o e o e Art.violato Art.sanz. Art. 208 c. 1 e 11 lett. g) Art. 208 c. 11 lett. h) e 12 Art. 208 c. 11 lett. h) e 12 Art. 208 c. 15 primo Art. 208 c. 15 primo Art.256 c.1 lett.b) Sanzione e a o mesi a due anni e o mesi a due anni e 79 Inosservanza delle prescrizioni integrative effettuate dalla Regione ospitante l impianto mobile per l attività di recupero e smaltimento di rifiuti Art. 28 c.7 terzo Arresto da 45 giorni a sei mesi o Art. 208 c. 15 terzo Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Arresto da 45 gg a sei mesi o a

21 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 80 Inosservanza delle prescrizioni integrative effettuate dalla Regione ospitante l impianto mobile per l attività di recupero e smaltimento di rifiuti 81 Mancata comunicazione alla Regione interessata entro 60 giorni dall inizio dell attività di smaltimento o recupero di rifiuti con impianto mobile 82 Mancata comunicazione alla Regione interessata entro 60 giorni dall inizio dell attività di smaltimento o recupero di rifiuti con impianto mobile 83 Attivazione di impianto di ricerca e sperimentazione per rifiuti, senza l autorizzazione regionale 84 Attivazione di impianto di ricerca e sperimentazione per rifiuti, senza l autorizzazione regionale 85 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio di impianti di ricerca e sperimentazione per il recupero e smaltimento di rifiuti Art. 28 c.7 terzo Art. 28 c.7 secondo Art. 28 c.7 secondo Art. 29 c1 Art. 29 c.1 Art. 29 c1 Arresto da 3 e o e o e Arresto da 45 giorni a sei mesi o Art.violato Art.sanz. Art. 208 c. 15 terzo Art. 208 c. 15 secondo Art. 208 c. 15 secondo Art. 211 c.1 Art. 211 c.1 Art. 211 c.1 Art.256 c.1 lett.b) Art.256 c.1 lett.a) Art.256 c.1 lett.b) Art.256 c.1 lett.a) e c. 4 Sanzione e a o e a o mesi a due anni e Arresto da 45 gg a sei mesi o a

22 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 86 Inosservanza delle prescrizioni contenute nell autorizzazione all esercizio di impianti di ricerca e sperimentazione per il recupero e smaltimento di rifiuti 87 Gestione di impianto di ricerca e sperimentazione di rifiuti con autorizzazione scaduta 88 Gestione di impianto di ricerca e sperimentazione di rifiuti con autorizzazione scaduta 89 Gestione di impianto di ricerca e sperimentazione di rifiuti che comporti rischio di agenti patogeni o di sostanze sconosciute senza l autorizzazione del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio 90 Mancata iscrizione all Albo Nazionale gestori ambientali da parte delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto rifiuti prodotti da terzi Art. 29 c.1 Art. 29 c.2 Art. 29 c.2 Art. 29 c.4 Art. 30 c.4 Arresto da 3 e o e e o Art.violato Art.sanz. Art. 211 c.1 Art. 211 c.2 Art. 211 c.2 Art. 211 c.4 Art. 212 c.5 Art.256 Sanzione mesi ad un anno e a mesi ad un anno o mesi a due anni e mesi a due anni e mesi ad un anno o 22

23 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 91 Mancata iscrizione all Albo Nazionale gestori ambientali da parte delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto rifiuti 92 Attività di bonifica di siti contaminati da rifiuti, senza iscrizione all Albo 93 Attività di bonifica di siti contaminati da rifiuti, senza iscrizione all Albo 94 Attività di bonifica di beni contenenti amianto senza iscrizione all Albo 95 Attività di commercio e intermediazione di rifiuti senza l iscrizione all Albo 96 Attività di commercio e intermediazione di rifiuti senza l iscrizione all Albo 97 Gestione di impianto di smaltimento e di recupero di rifiuti per conto terzi, senza l iscrizione all Albo Art. 30 c.4 c.1 lett b) Art. 30 c.4 c.1 lett a) Art. 30 c.4 c.1 lett b) Art. 30 c.4 c.1 lett b) Art. 30 c.4 c.1 lett a) Art. 30 c.4 c.1 lett b) Art. 30 c.4 c.1 lett a) e o e e o e o Art.violato Art.sanz. Art. 212 c.5 Art. 212 c.5 Art. 212 c.5 Art. 212 c.5 Art. 212 c.5 Art. 212 c.5 Art. 212 c.5 Sanzione mesi a due anni e mesi ad un anno o mesi a due anni e mesi a due anni e mesi ad un anno o mesi a due anni e mesi ad un anno o 23

24 ILLECITO 98 Gestione di impianto di smaltimento e di recupero di rifiuti per conto terzi, senza l iscrizione all Albo 99 Attività di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero rifiuti senza iscrizione all Albo 100 Attività di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero rifiuti senza iscrizione all Albo 101 Esercizio delle attività di raccolta, di trasporto, di commercio e di intermediazione dei rifiuti con iscrizione scaduta e rinnovata 102 Esercizio delle attività di raccolta, di trasporto, di commercio e di intermediazione dei rifiuti con iscrizione scaduta e rinnovata 103 Inosservanza dei requisiti e delle condizioni per l iscrizione all Albo per la raccolta, trasporto, per l attività di bonifica, di commercio, di intermediazione e gestione di impianti di recupero e smaltimento di rifiuti Art.viola to Art. 30 c.4 Art. 30 c.4 Art. 30 c.4 Art. 30 c.5 Art. 30 c.5 Art. 30 c. 6 Art.sanz. c.1 lett b) c.1 lett a) c.1 lett b) c.1 lett a) c.1 lett b) c.1 lett a) e o e o e Arresto da 45 giorni a sei mesi o Art.violato Art.sanz. Art. 212 c.5 Art. 212 c.5 Art. 212 c.5 Art. 212 c.6 Art. 212 c.6 Art. 212 c.10 Art.256 e c. 4 Sanzione mesi a due anni e mesi ad un anno o mesi a due anni e mesi ad un anno o mesi a due anni e Arresto da 45 gg a sei mesi o a

25 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 104 Inosservanza dei requisiti e delle condizioni per l iscrizione all Albo per la raccolta, trasporto, per l attività di bonifica, di commercio, di intermediazione e gestione di impianti di recupero e smaltimento di rifiuti 105 Omessa comunicazione di inizio attività all Albo o mancato rinnovo della comunicazione da parte delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto dei rifiuti sottoposti alle procedure semplificate, in quanto effettivamente avviati al riciclaggio ed al recupero 106 Omessa comunicazione di inizio attività all Albo o mancato rinnovo della comunicazione da parte delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto dei rifiuti sottoposti alle procedure semplificate, in quanto effettivamente avviati al riciclaggio ed al recupero 107 Mancanza dei requisiti e delle condizioni per la procedura semplificata per rifiuti Art.30 c.6 Art. 30 c. 16 Art.30 c.16 Art. 31 c. 2 Arresto da 3 e o e Arresto da 45 giorni a sei mesi o Art.violato Art.sanz. Art. 212 c.10 Art. 212 c.18 Art. 212 c.18 Art. 214 c.2 Art.256 Art.256 e c. 4 Sanzione mesi ad un anno e a mesi ad un anno o mesi a due anni e Arresto da 45 gg a sei mesi o a

26 ILLECITO Art.violato Art.sanz. 108 Mancanza dei requisiti e delle condizioni per la procedura semplificata per rifiuti 109 Mancanza dei requisiti per il trattamento termico dei rifiuti 110 Mancanza dei requisiti per il trattamento termico dei rifiuti 111 Attività di autosmaltimento senza comunicazione di inizio attività alla Provincia (oggi alla competente Sezione Regionale dell Abo) o prima che siano decorsi 90 giorni dalla comunicazione medesima 112 Mancanza dei requisiti e delle condizioni per la procedura di autosmaltimento 113 Attività di autosmaltimento con provvedimento motivato della provincia di divieto di inizio o di prosecuzione dell attività 114 Attività di autosmaltimento con comunicazione rinnovata Art.31 c.2 Art. 31 c. 3 Art.31 c.3 Art. 32 c. 1 Art. 32 c. 1 Art. 32 c. 4 Art. 32 c. 5 Arresto da 3 e Arresto da 45 giorni a sei mesi o Arresto da 3 e o Arresto da 45 giorni a sei mesi o o o Art.violato Art.sanz. Art. 214 c.2 Art. 214 c.4 Art. 214 c.4 Art. 215 c.1 Art. 215 c.1 Art. 215 c.4 Art. 215 c.5 e c.1 Art.256 Art.256 e c. 4 Art.256 Art.256 e c. 4 Sanzione mesi ad un anno e a Arresto da 45 gg a sei mesi o a mesi ad un anno e a mesi ad un anno o Arresto da 45 gg a sei mesi o a mesi ad un anno o mesi ad un anno o 26

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141)

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (1) (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) Titolo I FINALITÀ DELLA LEGGE E COMPITI DELLO STATO Art. 1. La presente legge ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CITTÀ DI PALERMO AREA SERVIZI ALLE IMPRESE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE - SPORTELLO UNICO REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 1 SOMMARIO Parte I. le forme del commercio su aree pubbliche e relative

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE. Riferimento normativo

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE. Riferimento normativo Piazza del Comune n. 2-59100 Prato Telefono (+39) 0574 18361 - www.comune.prato.it Codice Fiscale 84006890481 Partita IVA 00337360978 CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli