UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DISPENSE Servizi Integrati di prevenzione e protezione D /201 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

2 Laurea Magistrale in Scienze Agrarie e Ambientali Corso di Metodologie di analisi chimico agrarie e sicurezza nei laboratori Modulo «Sicurezza in Laboratorio» Deborah Gori Servizi Integrati di Prevenzione e Protezione Servizio di Tutela Ambientale 13 gennaio 2015 SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ATENEO Il programma di oggi GESTIONE RIFIUTI 2 Obiettivi Garantire che nessun rifiuto venga disperso nell ambiente Garantire il corretto recupero/smaltimento di ogni rifiuto TRACCIABILITÀ Attività (PRODUTTORE) Raccogliere in modo differenziato tutte le tipologie di rifiuti Ove necessario effettuare il «deposito temporaneo» dei rifiuti Conferire i rifiuti solo a smaltitori autorizzati ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI Organizzazione e modalità operative Sistema di gestione UNIUD Le procedure interne di gestione Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 1

3 Normativa di riferimento 3 D.Lgs 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. NORME IN MATERIA AMBIENTALE il c.d. Codice ambientale o Testo Unico, che ha riscritto le norme su valutazione ambientale, difesa suolo, acque, rifiuti, bonifiche, emissioni in atmosfera, danno ambientale. PARTE QUARTA: Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati (artt ) DPR 15 luglio 2003, n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari in cui si definiscono le differenti tipologie di rifiuto sanitario e le modalità di gestione, con un esplicito raccordo con la normativa rifiuti. Decreto Legislativo n. 49 del 14 marzo 2014 (RAEE) D.M. 145/98 modello del formulario di identificazione dei rifiuti trasportati D.M. 148/98 modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98 (compilazione registri e formulari) Normativa di riferimento 4 Accordo ADR 2013 accordo europeo relativo al trasporto di merci pericolose su strada, che si applica anche ai rifiuti pericolosi: ci sono obblighi specifici per il produttore-speditore: classificare i rifiuti ai fini ADR (numero UN, classe, G.I.) imballare ed etichettare i rifiuti secondo le prescrizioni ADR redigere il documento di trasporto (ddt) nominare un consulente ADR (in determinati casi) Le norme ADR vengono aggiornate ogni due anni con Direttive comunitarie specifiche, che vengono recepite nell ordinamento italiano con appositi decreti ministeriali. Il regime sanzionatorio è disciplinato dal Codice della strada all art. 168 Disciplina del trasporto su strada dei materiali pericolosi. Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 2

4 Normativa di riferimento 5 NORME SPECIFICHE per il nostro Ateneo Disposizione n. 1/2009 del 07/12/2009 Disposizioni per la gestione dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi prodotti nell Università di Udine Si definiscono le attribuzioni, le competenze e le responsabilità relative alla gestione rifiuti nel nostro Ateneo. Per le sedi di Udine Regolamento per la disciplina del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani ed assimilati Ambiente e territorio Ecologia e igiene urbana Gestione rifiuti Norme e procedure di conferimento del gestore del servizio pubblico di raccolta Normativa di riferimento 6 IL SISTRI Decreto Ministeriale 18 febbraio 2011 n. 52 Istituzione del SIStema di controllo della Tracciabilità dei RIfiuti (SISTRI) Per i produttori: accesso al portale SISTRI previa autenticazione inserimento dati a cura di un «addetto SISTRI» (firma elettronica su dispositivo USB). Finalità: sostituire tutti gli adempimenti (registri di carico e scarico, formulari e MUD). Trasportatori: sistema di controllo GPS ( black box ) sui mezzi adibiti al trasporto dei rifiuti speciali. Situazione attuale: il c.d. «doppio binario» SISTRI è operativo da ottobre 2013 rimangono obbligatori registri, formulari e MUD le sanzioni sono sospese fino al 31 dicembre 2015 Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 3

5 Definizione di rifiuto 7 Articolo comma 1 Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 «RIFIUTO» qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi N.B. la norma specifica le esclusioni dal campo di applicazione (rifiuti radioattivi, scarichi, sottoprodotti animali ) e individua le condizioni che determinano l esclusione di alcuni materiali dal novero dei «rifiuti» (sottoprodotti, terre e rocce da scavo ). Classificazione dei rifiuti 8 Articolo comma 1 Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 I rifiuti sono classificati: Secondo l ORIGINE RIFIUTI URBANI RIFIUTI SPECIALI Secondo le CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITÀ RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI NON PERICOLOSI Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 4

6 Classificazione dei rifiuti 9 Articolo 184 commi 2 e 3 Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 RIFIUTI URBANI comma 2 Regolamento Comunale gestione dei rifiuti urbani rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da abitazioni civili; rifiuti speciali non pericolosi assimilati agli urbani, per quantità/qualità; rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade; rifiuti giacenti su strade o aree pubbliche; rifiuti vegetali da aree verdi; rifiuti da attività cimiteriale, esumazioni, estumulazioni. RIFIUTI SPECIALI comma 3 rifiuti da attività agricole e agro-industriali, di demolizione e costruzione, industriali, artigianali, commerciali, di servizio, sanitarie, di recupero e smaltimento rifiuti, di trattamento acque reflue, di abbattimento fumi; I rifiuti di laboratorio 10 RIFIUTI RECUPERABILI Raccolta Differenziata: carta, cartone, plastica, alluminio, vetro, ferrosi, umido assimilati ai rifiuti urbani RIFIUTI INGOMBRANTI non recuperabili (arredi fuori uso ecc.) RIFIUTI SPECIALI ATTIVITÀ DI LABORATORIO RIFIUTI PERICOLOSI a rischio chimico speciali pericolosi RIFIUTI PERICOLOSI a rischio biologico speciali pericolosi RAEE Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche speciali non pericolosi (se non contaminati da sostanze pericolose) RIFIUTI INERTI (campioni calcestruzzo) REAGENTI CHIMICI DI SCARTO Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 5

7 I rifiuti di laboratorio 11 Per legge, tutti i rifiuti di laboratorio contaminati o costituiti da sostanze pericolose NON devono essere dispersi nell ambiente: gettati nel normale cestino della spazzatura versati nel lavandino ma devono essere raccolti e gestiti correttamente Inadempienze: possibili danni alla salute possibili danni ambientali pesanti sanzioni (anche penali) Una corretta gestione dei rifiuti: Rispetta un obbligo di legge Tutela la sicurezza Tutela la salute collettiva Tutela l ambiente Il produttore del rifiuto 12 Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Il PRODUTTORE è il soggetto la cui attività ha generato il rifiuto. Sul produttore ricadono gli oneri e la responsabilità del corretto smaltimento dei propri rifiuti. Università: ai fini degli adempimenti di legge il produttore è il legale rappresentante dell Ente, cioè il Rettore. Disposizione Rettorale 1/2009: compiti e responsabilità dei vari soggetti coinvolti nelle fasi di produzione e gestione dei rifiuti UNIUD. Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 6

8 Il produttore del rifiuto Finalità degli adempimenti: garantire la TRACCIABILITÀ DEL RIFIUTO OBBLIGHI DI LEGGE Classificazione e codifica CER Etichettatura contenitori Deposito temporaneo - limiti di legge: tempo/quantità - norme sicurezza sostanze pericolose Tenuta Registro di Carico e Scarico e Iscrizione SISTRI per ogni unità locale Conferimento esclusivo a soggetti autorizzati al trasporto/smaltimento Formulario di Identificazione Rifiuto gestione 1 a e 4 a copia Documento di Trasporto ADR Dichiarazione annuale MUD Adempimenti SISTRI registro cronologico schede SISTRI area movimentazione 13 Sistema di Gestione UNIUD 14 strutture periferiche R Dipartimento AL Rapporti con autorità di controllo, enti gestori ecc. Presentazione MUD R Dipartimento AL R Dipartimento R AL AL Laboratorio didattico R = Responsabile AL = Addetto locale Servizio Tutela Ambientale (SPEP) Rapporti con Smaltitori autorizzati Servizio pubblico di raccolta Fornitori Attività di Formazione Aggiornamento Consulenza Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 7

9 Sistema di Gestione UNIUD 15 DISPOSIZIONE RETTORALE n. 01/2009 del 07/12/2009 RETTORE (art. 6) titolare degli obblighi (supporto SPEP Tutela Ambientale) compiti di vigilanza, informazione e formazione SERVIZIO DI GESTIONE AMBIENTALE (art. 7) emanazione procedure per la gestione dei rifiuti coordinamento operazioni deposito temporaneo, con addetti locali organizzazione smaltimenti, redazione documentazione di legge redazione documentazione tecnica contrattuale presentazione annuale MUD controlli interni (audit ambientale) formazione e aggiornamento addetti locali o altri soggetti gestione rapporti con smaltitori, enti gestori, enti di controllo Sistema di Gestione UNIUD 16 RESPONSABILE DI STRUTTURA (art. 8) direttiva sulla gestione rifiuti prodotti nella struttura vigilanza sulla gestione rifiuti della struttura ( Addetto) RESPONSABILE DELL ATTIVITÀ (art. 9) identificazione e codifica dei rifiuti prodotti ( Addetto, Servizio) attuazione della corretta «raccolta finalizzata» dei rifiuti confezionamento ed etichettatura dei rifiuti prodotti informazione collaboratori sulle corrette procedure ( Addetto) ADDETTO LOCALE per la gestione dei rifiuti (art. 10) informazione al personale sulle corrette procedure compiti operativi nelle fasi della gestione attività di controllo sull attuazione delle procedure compilazione registro carico/scarico e firma formulari e ddt controllo sito di deposito temporaneo Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 8

10 Fasi della gestione rifiuti RACCOLTA Disposizione 1/ art.5, c. 1, lett. c RACCOLTA FINALIZZATA: l'insieme delle operazioni volte a identificare, classificare e raccogliere i rifiuti speciali nel luogo di produzione, nonché a confezionarli correttamente per il successivo deposito temporaneo. DEPOSITO TEMPORANEO DEPOSITO RIFIUTI SMALTIMENTO Fasi della Raccolta Finalizzata ANALISI PRELIMINARE individuazione e codifica dei possibili rifiuti PREDISPOSIZIONE dei contenitori per ogni tipologia INFORMAZIONE al PERSONALE DI LABORATORIO RIEMPIMENTO dei contenitori A CURA DELL ADDETTO LOCALE ETICHETTATURA dei RIFIUTI Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 9

11 Analisi preliminare delle attività Individuare le FASI dell attività in cui si producono SOSTANZE e MATERIALI DI SCARTO 2. Individuare la COMPOSIZIONE del rifiuto: in una miscela si considerano i due o tre composti prevalenti per quantità, che caratterizzano meglio il rifiuto. Di ogni tipologia stimare le QUANTITÀ e rapportarle al tipo di produzione (continua/occasionale) 3. CLASSIFICAZIONE DEL RIFIUTO: assimilabile agli urbani, speciale non pericoloso o speciale pericoloso. UNIUD001 RIFIUTO AB CODIFICA DEL RIFIUTO: attribuzione del corretto codice CER che lo identificherà in tutte le successive fasi di gestione. Codifica dei rifiuti (CER) 20 Per la corretta gestione, il produttore deve assegnare ad ogni rifiuto un CODICE, che si ricava dal Catalogo Europeo dei Rifiuti (CER) pubblicato nell allegato D del D.lgs. 152/2006. Il codice CER è costituito da sei cifre, tre coppie di numeri: Classe: la prima coppia di numeri del codice individua l attività da cui deriva il rifiuto (da 01 a 20) Sottoclasse: la seconda coppia di numeri individua il processo produttivo di provenienza Categoria: la terza coppia di numeri individua il nome del rifiuto classe 07 Rifiuti dei processi chimici organici sottoclasse 07 Rifiuti da produzione, formulazione, fornitura e uso di prodotti della chimica fine e di prodotti chimici non specificati altrimenti categoria 04* Altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acque madri NB: i rifiuti contrassegnati con un asterisco * sono rifiuti pericolosi Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 10

12 Rifiuti liquidi pericolosi a rischio chimico 21 CER Descrizione Acido solforico Dettagli composizione Acido solforico concentrato Miscela solfocromica esaurita Soluzioni acquose basiche Soluzioni contenenti cianuri Soluzioni saline contenenti metalli Soluzioni acquose acide e di lavaggio Sodio idrossido in soluzione Potassio idrossido in soluzione Potassio ferricianuro in soluzione Soluzioni acquose tipicamente inorganiche, contenenti sali metallici Soluzioni acquose, a ph acido, costituite da acidi organici e inorganici (ad es. acetico, nitrico, solforico, cloridrico ) e sostanze chimiche di laboratorio Soluzioni acquose diluite, di lavaggio, costituite da reagenti vari di laboratorio Rifiuti liquidi pericolosi a rischio chimico 22 CER Descrizione Dettagli composizione Miscela di solventi e sostanze chimiche alogenate Miscela di solventi e composti chimici di laboratorio Miscele o soluzioni acquose contenenti prevalentemente solventi alogenati, ad es. cloroformio, cloruro di metilene Miscele o soluzioni acquose contenenti prevalentemente solventi organici non alogenati, ad esempio: acetone, acetonitrile, esano, DMSO, xilene, etere etilico, etere di petrolio, metanolo, etanolo, butanolo, isopropanolo, fenolo, DMF, glutaraldeide, formaldeide Soluzioni di sviluppo Soluzioni di fissaggio Soluzioni acquose di sviluppo esauste Soluzioni acquose di fissaggio esauste Oli minerali esausti Olio lubrificante per motore Olio per circuiti idraulici Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 11

13 Rifiuti solidi pericolosi a rischio chimico 23 CER Descrizione Rifiuti solidi contaminati da sostanze pericolose Imballaggi contaminati da sostanze pericolose Reagenti di scarto Dettagli composizione Materiale contaminato da sostanze pericolose (vetreria monouso, pasteur, cuvette, puntali, provette) Piccola vetreria non bonificabile Carta assorbente, guanti, mascherine, filtri di carta contaminati Stracci e cartoni sporchi di olio minerale o altre sostanze pericolose Contenitori vuoti, non bonificabili, che contenevano sostanze pericolose: reagenti chimici, olio minerale, vernici, fitofarmaci Reagenti chimici scaduti, deteriorati ecc Batterie al piombo Batterie Ni-Cd Filtri dell olio Tubi fluorescenti Batterie al piombo esaurite Batterie Ni-Cd esaurite Filtri dell olio esauriti Neon esauriti, lampade a basso consumo, lampade a vapori di mercurio ecc. Rifiuti pericolosi a rischio biologico 24 CER Descrizione Dettagli composizione Rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni Rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni rifiuti a rischio biologico provenienti da attività di ricerca medica e microbiologica rifiuti contaminati da fluidi o materiali biologici, di provenienza umana, potenzialmente infetti (sangue, urine, feci ecc.) colture cellulari, batteriche ecc. rifiuti a rischio biologico provenienti da attività di ricerca veterinaria rifiuti contaminati da fluidi o materiali biologici, di provenienza animale, potenzialmente infetti (latte, sangue, urine, feci...) parti anatomiche, carcasse animali da laboratorio Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 12

14 Rifiuti speciali non pericolosi e assimilabili 25 CER Descrizione Dettagli composizione vari codici Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) Rifiuti recuperabili Rifiuti inerti Frazione secca non recuperabile Tutte le apparecchiature ad alimentazione elettrica e i loro componenti: computer, (esclusi monitor=rif.pericolosi) stampanti ecc. Carta e cartoni Plastica - Vetro Cartucce toner e ink-jet Alluminio - Ferro e acciaio Legno - Sfalci e ramaglie Frazione organica ( umido ) Olio vegetale esausto Rifiuti da manutenzioni edili Provini calcestruzzo Campioni di sabbie, ghiaie, terreni Carta e plastica non recuperabili, tessuti, gomma, cuoio, lampadine a incandescenza/alogene, CD/DVD, floppy disk, ceramica, polistirolo. Fasi della Raccolta Finalizzata ANALISI PRELIMINARE individuazione e codifica dei possibili rifiuti PREDISPOSIZIONE dei contenitori per ogni tipologia INFORMAZIONE al PERSONALE DI LABORATORIO RIEMPIMENTO dei contenitori ADDETTO LOCALE ETICHETTATURA dei RIFIUTI Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 13

15 Contenitori per la raccolta dei rifiuti 27 Identificati i rifiuti prodotti, dobbiamo predisporre un contenitore per la raccolta di ciascuna tipologia (individuata dal CER). Devono avere queste caratteristiche generali: Omologazione ONU per il successivo trasporto ADR Resistenza alle sostanze chimiche da contenere Dimensioni adeguate ai volumi prodotti Chiusura ermetica, con tappo a tenuta munito di guarnizione (taniche per liquidi) Capacità e dimensioni adeguate alla movimentazione manuale (il contenitore pieno non dovrebbe pesare più di 15 kg) u n 3H1 / Y1,8 / 150 / -- F / BVT / Pi Esempio di omologazione ONU di un contenitore per la raccolta dei rifiuti liquidi (tanica da 11 litri): Contenitori per la raccolta dei rifiuti 28 Il Servizio fornisce agli utenti interessati: u n TANICHE e BOTTIGLIE per rifiuti LIQUIDI: Capacità: 1, 5, 11 litri Polietilene ad alta densità e alto peso molecolare (HDPE-HMW) Omologate ONU Tappo a tenuta con guarnizione SECCHIELLI per la raccolta di rifiuti SOLIDI: volume: 30 litri chiusura ermetica: il secchiello pieno si chiude premendo bene lungo il bordo, meglio se con dei lievi colpi di martello È comunque possibile utilizzare contenitori non forniti dal servizio: devono essere OMOLOGATI ONU se non omologati, il contenuto finale deve essere trasferito in un contenitore ONU Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 14

16 Contenitori per la raccolta dei rifiuti 29 Il Servizio fornisce agli utenti interessati anche i contenitori specifici per RIFIUTI SANITARI. Si tratta di: Scatole in cartone o polipropilene, con sacchetto interno, da 60 litri Secchielli neri in polietilene HDPE da 30 litri Secchielli gialli in polietilene da 5 litri (coperchio con doppia apertura, per taglienti) Contenitori per la raccolta dei rifiuti 30 Contenitori «da bancone»: sono i punti di raccolta allestiti presso la postazione di lavoro. Puntali, cuvette, pasteur Oggetti acuminati o taglienti Piccole aliquote di scarti liquidi Condizioni di utilizzo: Il contenuto deve essere chiaramente indicato e leggibile I contenitori devono resistere alle sostanze chimiche contenute A riempimento si deve travasare il contenuto in un contenitore omologato ONU Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 15

17 Contenitori per la raccolta dei rifiuti 31 Casi particolari: le sostanze costituenti il rifiuto sono chimicamente incompatibili con il contenitore in polietilene. Esempi: Miscela solfocromica esausta Acido nitrico >75% Solventi clorurati (cloroformio, tricloroetilene) molto concentrati In questi casi non è opportuno stoccare per lungo tempo i rifiuti nelle taniche in HDPE. Per la raccolta è possibile utilizzare le bottiglie in vetro con cui i reagenti vengono spediti dal fornitore. L imballo finale deve essere lo stesso dell arrivo: celle antiurto, confezione esterna in cartone omologata ONU con etichettatura ADR. Contenitori per la raccolta dei rifiuti 32 Preparazione dei contenitori per il riempimento: i contenitori di raccolta degli scarti di laboratorio devono essere facilmente identificabili, soprattutto per evitare miscelazioni, potenzialmente pericolose - e vietate - tra tipologie diverse. su ogni contenitore deve essere chiaramente indicato il rifiuto da raccogliere, scritto in modo leggibile, comprensibile e indelebile sistema di codifiche interne colori es: rosso=solventi verde=acidi+metalli legenda specifica in ogni laboratorio se il rifiuto presenta particolari rischi (es: infiammabile, tossico, corrosivo) è opportuno apporre il relativo simbolo di pericolo Facilmente infiammabile Estremamente infiammabile Tossico Molto tossico Corrosivo Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 16

18 Fasi della Raccolta Finalizzata ANALISI PRELIMINARE individuazione e codifica dei possibili rifiuti PREDISPOSIZIONE dei contenitori per ogni tipologia INFORMAZIONE al PERSONALE DI LABORATORIO RIEMPIMENTO dei contenitori ADDETTO LOCALE ETICHETTATURA dei RIFIUTI Riempimento dei contenitori 34 I contenitori di rifiuti chimici/biologici in riempimento NON DEVONO COSTITUIRE UN PERICOLO Dove posizionare i contenitori in riempimento: se necessario sotto cappa, o all interno di un armadio aspirato, avendo cura di tenere il tappo ben chiuso lontano da fonti di calore, irraggiamento solare, quadri elettrici, apparecchiature in funzione lontano da zone molto frequentate o di passaggio non in posizione di equilibrio precario scarti liquidi: possibilmente all interno di un recipiente più basso, di volume e resistenza adeguati, che funga da bacino di contenimento Buone pratiche: Tenere in laboratorio prodotti utili all assorbimento di liquidi pericolosi in caso di spandimento accidentale. Evitare di accumulare troppi contenitori pieni nei laboratori, procedendo con regolarità al deposito nel sito di stoccaggio della sede. Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 17

19 Riempimento dei contenitori 35 I contenitori di rifiuti chimici/biologici in riempimento NON DEVONO COSTITUIRE UN PERICOLO livello max LIQUIDI: non riempire troppo la tanica, potrebbe spandere durante la movimentazione! Richiudere sempre il tappo, ma non stringere troppo per non sigillare la tanica SOLIDI: se si tratta di materiale leggero e voluminoso (carta, guanti) pressare bene il materiale per sfruttare l intera capacità del secchiello. Cercare comunque di non superare i 10 kg di carico, per agevolarne la movimentazione. MISCELE di rifiuti liquidi: sono possibili (anche se non sempre consigliabili) solo tra soluzioni appartenenti alla stessa tipologia (CER) È opportuno verificare sempre la compatibilità chimica tra le specie miscelate Riempimento dei contenitori 36 I contenitori di rifiuti chimici/biologici in riempimento NON DEVONO COSTITUIRE UN PERICOLO MOVIMENTAZIONE: Nella manipolazione e movimentazione dei rifiuti pericolosi è necessario adottare tutte le misure di prevenzione e i dispositivi di protezione che si adottano per l utilizzo delle corrispondenti sostanze pericolose (cfr. SCHEDE DI SICUREZZA). Corrosivo Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 18

20 Riempimento dei contenitori 37 I contenitori di rifiuti chimici/biologici in riempimento NON DEVONO COSTITUIRE UN PERICOLO RIFIUTI A RISCHIO BIOLOGICO: Depositare il materiale direttamente nel secchiello o nel cartone, per strati successivi. Se necessario disinfettare ogni strato con una soluzione di sali di ammonio quaternari Liquidi di colture cellulari: concordare con il Servizio le opportune modalità operative per l eliminazione del rifiuto allo stato liquido. (diverse possibilità in base ai quantitativi) Aghi e taglienti: in un contenitore rigido Misure di sicurezza: Disinfezione con sali di ammonio quaternari Conservazione a 20 C fino al giorno dello smaltimento Sterilizzazione in autoclave Utilizzo dei DPI in ogni fase della gestione Riempimento dei contenitori 38 I contenitori di rifiuti chimici/biologici in riempimento NON DEVONO COSTITUIRE UN PERICOLO Materiale ACUMINATO / TAGLIENTE (anse, puntali, pipette, lame, frammenti di vetro contaminato ) per evitare la foratura del cartone durante la movimentazione, tutti i rifiuti taglienti, acuminati o appuntiti vanno raccolti in contenitori rigidi (anche non omologati) dotati di chiusura, da tenere accanto alla postazione di lavoro il contenitore, accuratamente chiuso dopo il riempimento, va quindi inserito nel cartone da 60 litri Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 19

21 Riempimento dei contenitori CARTONI per RIFIUTI SANITARI seguire scrupolosamente le indicazioni di montaggio stampate sul cartone; inserire il sacchetto giallo in polietilene, avvolgendo il bordo superiore dello scatolone (1); procedere alla raccolta dei rifiuti, evitando con cura qualsiasi fuoriuscita di liquidi. IMPORTANTE: non superare il carico massimo di 7 kg! Le maniglie potrebbero rompersi e il rifiuto verrebbe respinto dall impianto a riempimento avvenuto, chiudere bene il sacchetto giallo con il laccio in dotazione (2) 3 chiudere bene lo scatolone facendo attenzione ad estrarre le maniglie (3) Riempimento dei contenitori 40 Secchiello per RIFIUTI SANITARI da 30 litri: carico massimo: circa 10 kg inserire un sacchetto interno in polietilene (vanno bene anche quelli da immondizie) e depositarvi i rifiuti. Se non sterilizzati, ad ogni strato procedere alla disinfezione dei rifiuti con sali di ammonio quaternario a riempimento chiudere bene il sacchetto chiudere il coperchio del secchiello martellando lungo il bordo: se l operazione è corretta il coperchio si salda al contenitore. Verificare che la chiusura sia ermetica prima del conferimento. Secchiello in HDPE da 5 litri per taglienti: Per praticità, quando è pieno inserirlo in un cartone da 60 litri. Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 20

22 Casi particolari: REAGENTI CHIMICI 41 FUSTO 1 Lista dei reagenti 1 1) Redigere un elenco dei reagenti da eliminare: specie chimica e numero CAS; stato fisico; quantità; tipo di confezione (vetro/plastica). 2) Inviare la lista al Servizio per la verifica di conferibilità alla ditta autorizzata allo smaltimento. 3) CONFEZIONAMENTO: Utilizzare l imballo originale oppure i contenitori forniti dal Servizio Raggruppare nello stesso imballo reagenti con lo stesso stato fisico e adeguata compatibilità chimica Inserire le confezioni originali, avendo cura di circondarle di materiale antiurto (carta, paglia sintetica, chips in polistirolo ecc.) Siglare ciascun contenitore per renderlo identificabile e predisporre una lista dei reagenti contenuti in ciascun fusto (per lo smaltitore). Casi particolari: CONTENITORI di REAGENTI 42 I contenitori vuoti di reagenti e la vetreria di laboratorio in plastica, vetro, alluminio possono essere avviati alla RACCOLTA DIFFERENZIATA con la seguente procedura: Sostanze volatili: far evaporare sotto cappa o all aria (a seconda della natura e della pericolosità della sostanza) Sostanze non volatili: asportare i residui sciacquando con minime aliquote di acqua/etanolo/acetone (a seconda della miscibilità) fino a raggiungere un buon livello di bonifica del contenitore. NB: i residui del lavaggio vanno gestiti come il corrispondente rifiuto liquido pericoloso. N.B. È preferibile non procedere alla bonifica dei contenitori vuoti di sostanze particolarmente pericolose (molto tossiche, cancerogene, mutagene ecc.), che vanno gestiti come rifiuti solidi pericolosi (imballaggi contaminati - CER ). Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 21

23 Casi particolari: CONTENITORI di REAGENTI 43 Togliere l etichetta, o renderla illeggibile coprendo con cura nome della sostanza ed eventuali simboli di pericolo, frasi R ecc. Conferire il contenitore bonificato nel cassonetto dedicato (vetro o plastica) Fasi della Raccolta Finalizzata ANALISI PRELIMINARE individuazione e codifica dei possibili rifiuti PREDISPOSIZIONE dei contenitori per ogni tipologia INFORMAZIONE al PERSONALE DI LABORATORIO RIEMPIMENTO dei contenitori ADDETTO LOCALE ETICHETTATURA dei RIFIUTI Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 22

24 Etichettatura dei contenitori 45 Quando il contenitore è pieno lo scarto di laboratorio diventa RIFIUTO a tutti gli effetti di legge FASI SUCCESSIVE: Addetto Locale + Servizio Il rifiuto: viene ETICHETTATO viene portato al sito di DEPOSITO TEMPORANEO della sede viene REGISTRATO (compilando un operazione di carico sul registro rifiuti) viene SMALTITO mediante ditta autorizzata (adempimenti: formulariregistrazione-mud) Fasi della gestione rifiuti RACCOLTA DEPOSITO TEMPORANEO DEPOSITO RIFIUTI SMALTIMENTO Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 23

25 Deposito temporaneo dei rifiuti 47 TRASPORTO dei RIFIUTI al sito di DEPOSITO MOVIMENTAZIONE DEI CONTENITORI Quando le taniche e i secchielli sono giunti a riempimento devono essere allontanati dal laboratorio quanto prima possibile. Non riempire troppo il contenitore di rifiuti liquidi (consiglio: indicare con un pennarello sulle taniche vuote il livello massimo raggiungibile). Tutte le operazioni di movimentazione dei contenitori devono essere effettuate utilizzando gli idonei dispositivi di protezione individuale. Prima di spostarle, sigillare le taniche stringendo bene il tappo, avvitandolo fino a fine corsa. livello max Deposito temporaneo dei rifiuti 48 TRASPORTO dei RIFIUTI al sito di DEPOSITO MOVIMENTAZIONE DEI CONTENITORI Le taniche e i secchielli sono tutti dotati di maniglie; una volta riempiti non devono superare un peso totale compatibile con un agevole trasporto a mano (non oltre i kg). sollevare il carico a gambe divaricate e piegate e con la schiena eretta quando possibile bilanciare il carico trasportando un contenitore per lato evitare posizioni pericolose con la schiena piegata all indietro o torsioni pericolose della colonna vertebrale portare il carico per un tempo limitato, deponendolo di tanto in tanto deporre il carico a gambe piegate e a schiena diritta, così come per il sollevamento Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 24

26 Deposito temporaneo dei rifiuti 49 TRASPORTO DEI CONTENITORI Verificare la chiusura e la tenuta dei contenitori prima di iniziare il trasporto. Ove possibile eseguire il trasporto mediante un carrello adeguato: con buona stabilità lavabile resistente alle sostanze chimiche da trasportare Le operazioni di trasporto sono svolte dall addetto locale della struttura produttrice dei rifiuti, con l eventuale supervisione degli addetti del Servizio. Deposito temporaneo dei rifiuti 50 TRASPORTO DEI CONTENITORI: RISCHI DA INTERFERENZE Durante il trasporto dei rifiuti è necessario evitare il più possibile le interferenze con altri soggetti (studenti, personale ecc.). stabilire opportunamente il percorso, evitando il più possibile il transito in aree aperte al pubblico (corridoi, scale, ascensori) compatibilmente con i propri impegni, programmare il trasporto evitando le ore di massima affluenza nella sede utilizzare l ascensore come montacarichi, evitando la permanenza nella cabina insieme alle sostanze pericolose. se necessario segnalare al pubblico il divieto di utilizzo dell ascensore durante il trasporto dei rifiuti. non effettuare mai il trasporto da soli: è necessario che, mentre si spinge il carrello, qualcuno controlli la stabilità dei contenitori, sorvegli le zone di transito, apra le porte ecc. portarsi sempre un cellulare, per eventuali chiamate di emergenza o altre segnalazioni. Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 25

27 Deposito temporaneo dei rifiuti 51 CAPANNINA RIFIUTI del Polo Scientifico Rizzi Deposito temporaneo dei rifiuti 52 DEPOSITO TEMPORANEO dei rifiuti nel luogo di produzione ZZZ DEPOSITO RIFIUTI LIMITI QUANTITATIVI e TEMPORALI (D.Lgs 152/ art. 183, comma 1, lettera bb) I rifiuti pericolosi devono essere smaltiti: - con cadenza trimestrale, indipendentemente dalla quantità depositata - oppure al raggiungimento dei 10 mc (ma in ogni caso il deposito non può durare più di 1 anno). REGISTRAZIONE (CARICO) dei rifiuti prodotti D.Lgs. 152/ art. 190, comma 1: L operazione di carico deve essere compilata entro dieci giorni lavorativi dal movimento del rifiuto. Carico sul Registro Cronologico compilazione entro dieci giorni a cura del Delegato SISTRI Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 26

28 Fasi della gestione rifiuti RACCOLTA DEPOSITO TEMPORANEO DEPOSITO RIFIUTI SMALTIMENTO Smaltimento dei rifiuti 54 a cura del SERVIZIO di Tutela Ambientale DATABASE gestione rifiuti Situazione Giacenze FORMULARIO di Identificazione del Rifiuto elaborazione dati e predisposizione dei documenti per lo smaltimento Scheda SISTRI Area Movimentazione Documento di trasporto ADR Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 27

29 Corso di formazione Sicurezza in laboratorio - ed Smaltimento dei rifiuti a cura del SERVIZIO di Tutela Ambientale ricezione 4ª copia formulario 55 R impianto autorizzato Documento Scheda di trasporto SISTRI ADR Area Movimentazio ne trasportatore autorizzato Registro e Formulari completi 1e + 4e copie vanno conservati presso la sede per 5 anni denuncia annuale registrazione scarico da gennaio 2016: solo SISTRI? (entro il 30 aprile) Raccolta Differenziata di Ateneo 56 La Raccolta Differenziata di Ateneo Gestione dei rifiuti recuperabili Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 28

30 Raccolta Differenziata di Ateneo 57 In laboratorio si producono anche rifiuti assimilabili agli urbani. Si tratta di materiale non contaminato da sostanze pericolose, come carta cartoni e imballaggi, contenitori e vetreria opportunamente bonificati ecc. Questi rifiuti devono essere avviati al recupero. In tutte le sedi del nostro Ateneo è stata attivata la raccolta differenziata delle seguenti tipologie di rifiuti: Carta Cartone Plastica recuperabile Vetro Alluminio Cartucce toner e ink-jet Raccolta Differenziata di Ateneo 58 CARTA Modalità di conferimento scatola da scrivania direttamente nel cassonetto verde o nel cartonato arancione carta sfusa con indicazione recupero carta, carta da macero... CATALOGHI, RISME, VOLUMI QUI sì NO giornali, riviste, libri, quaderni, fotocopie e fogli vari (togliendo copertine plastificate, parti in plastica o metallo ecc.), poliaccoppiati ( Tetrapak ), tabulati, cartoncini, carta da pacco polistirolo, carta oleata, carta chimica, carta plastificata, carta cerata, carta unta o sporca, fazzoletti e tovaglioli usati (tutti questi rifiuti vanno gettati nel normale cestino della spazzatura). CARTA CONTAMINATA Rifiuti speciali pericolosi Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 29

31 Raccolta Differenziata di Ateneo 59 CARTONE Modalità di conferimento separare le parti dell imballaggio diverse dal cartone e conferirle opportunamente: plastica raccolta differenziata polistirolo secco non riciclabile appiattire bene il cartone per ridurne il volume depositarlo vicino (ma non dentro) i cassonetti verdi con ruote da 240 litri distribuiti all interno della sede. Il personale delle pulizie provvederà a portarlo nel cassonetto esterno. oppure conferirlo direttamente nei cassonetti esterni tipo «stradale» da 1100 litri posti nell area attrezzata varco nord della sede Rizzi. Raccolta Differenziata di Ateneo 60 IMBALLAGGI IN PLASTICA (non contaminati) contenitore cartonato NET cassonetto esterno, area attrezzata varco Nord di accesso alla sede Rizzi VETRO (non contaminato) cassonetti esterni, area attrezzata varco Nord sede Rizzi NO ceramica e porcellana NO lampade fluorescenti ( raccolta dedicata) ALLUMINIO (non contaminato) conferire assieme alla plastica Verificare la composizione del rifiuto: Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 30

32 Raccolta Differenziata di Ateneo 61 CARTUCCE TONER Conferimento: direttamente nell ECOBOX arancione presente in tutte le sedi dell Ateneo. Asporto: quando l EcoBox è pieno un incaricato avvisa il Servizio, che attiva la Ditta autorizzata IMPORTANTE: conferire le cartucce nel loro imballo originale compresa la scatola di cartone, per evitare di rovinarle chiudere le cartucce in un sacchetto di plastica (di solito in dotazione con la cartuccia) per evitare la dispersione dell'eventuale polvere residua materiali di consumo esauriti: cartucce di toner per fotocopiatrice cartucce di toner per stampanti laser tutte le cartucce a getto d'inchiostro nastri per stampanti ad aghi, macchine per scrivere e calcolatrici toner sfuso in polvere; cartucce fornite dall Economato con richiesta di restituzione Raccolta Differenziata di Ateneo 62 ALTRI RIFIUTI RECUPERABILI Il punto di raccolta per il Polo Rizzi è la capannina situata nei pressi del varco Nord di accesso alla sede (vani lato strada). Prima del conferimento è necessario contattare il Servizio per comunicare tipologia e quantitativi dei materiali da eliminare. Le chiavi sono disponibili in portineria. È preferibile farsi accompagnare dal personale di presidio. TIPOLOGIE DI RIFIUTI CONFERIBILI: Batterie al Piombo Batterie Nichel-Cadmio Altre batterie (alcaline, litio, ricaricabili ecc.) Olio minerale da pompe a vuoto Lampade fluorescenti esaurite Termometri a mercurio Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 31

33 Raccolta Differenziata di Ateneo 63 In Ateneo è attiva la raccolta per il recupero di altri rifiuti speciali: RIFIUTO Sfalci e ramaglie PUNTO DI RACCOLTA cassone scarrabile Area esterna Laboratori Chimica Rifiuti inerti Rottami ferrosi «Piazzola» Lab.Chimica cassone scarrabile Sede Rizzi - area attrezzata varco Nord «Piazzola» Lab.Chimica navetta scarrabile Azienda Agraria Servadei - cassone scarrabile Olio minerale esausto Azienda Agraria Servadei fusto metallico Olio vegetale esausto fusto HDPE stoccaggio sede di via Sondrio, 2/A Raccolta Differenziata di Ateneo 64 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) Tipologie : monitor, PC, stampanti, cellulari, strumentazione di laboratorio e tutte le altre apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso. La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) è oggi disciplinata a livello europeo dalla Direttiva 2012/19/EU, recepita in Italia dal D.Lgs 49 del 14/03/2014, e da alcuni decreti attuativi tra cui il D.M. 65 dell 8 marzo ACQUISTO AEE nuove RITIRO GRATUITO RAEE corrispondenti Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 32

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA

IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA DECRETO N. 11748 DEL 22.5.2001 Oggetto: Revisione delle Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie,

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Come imballare le vostre spedizioni

Come imballare le vostre spedizioni Come imballare le vostre spedizioni Se avete bisogno di una guida generale per l imballaggio delle vostre spedizioni o di una guida per alcuni articoli speciali, di seguito troverete tutte le informazioni

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli