L AMBIENTE AMICO DELL IMPRESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L AMBIENTE AMICO DELL IMPRESA"

Transcript

1 IL NUOVO ARTIGIANO-DER NEUE HANDWERKER - Aprile/April Nr. 3, Anno 37 Reg. Tribunale di BZ N. 19/76 - Poste Italiane s.p.a. Spedizione in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Bolzano Taxe Percue - Iscr. ROC 9520/2004 L AMBIENTE AMICO DELL IMPRESA dall adempimento burocratico alla corretta gestione ambientale mit der Unterstützung con il contributo AUTONOME PROVINZ BOZEN-SÜDTIROL Abteilung 35 - Handwerk, Industrie und Handel PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE Ripartizione 35 - Artigianato, Industria e Commercio r r

2 I PROSSIMI CORSI IN PARTENZA SULLA GESTIONE AMBIENTALE CORSO PER RESPONSABILI TECNICI DI IMPRESE ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI MODULO A TRASPORTO RIFIUTI NON PERICOLOSI corso valido per l iscrizione alla cat. 4 dell Albo dei Gestori ambientali 16 ore di formazione + esame finale dal 28/04 al 09/ in via Righi 9, Bolzano CORSO PER RESPONSABILI TECNICI DI IMPRESE ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI INTERMEDIARIO DI RIFIUTI SENZA STOCCAGGIO corso valido per l iscrizione alla cat. 4 dell Albo dei Gestori ambientali 40 ore di formazione + esame finale maggio 2014 in via Righi 9, Bolzano CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTE DI BONIFICA AMIANTO corso valido per l iscrizione alla cat. 10 dell Albo dei Gestori ambientali 50 ore di formazione + esame finale giugno 2014 in via Righi 9, Bolzano per informazioni ed iscrizioni contattare Piero Cavallaro, TEL. 0471/ Ecipa s.r.l. - Ente Confederale Istruzione Professionale Artigianato - via Righi Bolzano -

3 CNA-SHV Unione Provinciale degli Artigiani e delle Piccole Imprese L Ufficio Ambiente di CNA-SHV di Bolzano offre agli associati una gamma di consulenze e servizi su misura per la piccola impresa: dalla gestione degli adempimenti all affiancamento nella ricerca della soluzione migliore per ogni specifica realtà aziendale. UFFICIO AMBIENTE CNA-SHV Via Righi Bolzano Tel. 0471/ Promuovere l attenzione al rispetto di regole che tutelino il nostro ambiente è una necessità assoluta da parte di CNA-SHV che continua -anche con la presente pubblicazione- nella politica a favore delle nostre imprenditrici ed imprenditori di Conoscere per Prevenire. Riteniamo infatti che solo conoscendo bene tutte le leggi, le norme ed i regolamenti sia oggi possibile prevenire ogni rischio non solo per il nostro ambiente, ma soprattutto anche per tutelare le nostre aziende dalla moltitudine di sanzioni legate a questo difficile e complesso tema. Se da un lato continueremo come associazione datoriale l attività verso le istituzioni pubbliche per una continua semplificazione in favore delle aziende medio piccole, che oggi faticano a convivere con regole troppo spesso sproporzionate rispetto al reale pericolo ambientale che costituiscono, dall altra riteniamo necessario fornire a tutti voi uno strumento che faciliti la gestione dei rifiuti in azienda e possa anche favorire l individuzione e la valutazione di nuove opportunità di business nel proprio settore. Claudio Corrarati, Presidente CNA-SHV IL NUOVO ARTIGIANO-DER NEUE HANDWERKER - Editore CNA-SHV service Coop. - Dir. Resp. Gianni Sarti Direzione, redazione, amministrazione, composizione c/o CNA, Bolzano via Righi 9 Stampa: Tipolitografia Alto Adige s.n.c. Bolzano 3

4 ADEMPIMENTI PER LA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI... facciamo il punto della situazione Fino al chiarimento definitivo delle sorti del SISTRI, le imprese produttrici di rifiuti speciali, con sede in Alto Adige, hanno i seguenti adempimenti da rispettare: Produttori di rifiuti pericolosi Tenuta del registro di carico e scarico dei rifiuti Formulari di trasporto dei rifiuti Dichiarazione annuale dei rifiuti (MUD) Produttori di rifiuti non pericolosi Formulari di trasporto dei rifiuti (da tenere 6 anni) IL DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI la corretta gestione degli stoccaggi nel luogo di produzione Importante! I rifiuti speciali possono essere affidati solo a imprese con la specifica autorizzazione. SISTRI: SANZIONI SOSPESE FINO AL verso la sua abolizione? Il Decreto Milleproroghe ha sospeso le sanzioni sul Sistri fino al , mentre restano in vigore fino al 31 dicembre 2014 per tutte le imprese gli obblighi cartacei (registri, MUD e formulari). Di fatto è stato introdotto una sorta di doppio regime in cui ciò che può comportare sanzioni sono solo gli errori o la mancata compilazione del registro di carico e scarico rifiuti, dei formulari di trasporto di rifiuti e del MUD. Non è ancora la soluzione auspicata: la CNA-SHV, infatti, si sta battendo per modificare l odiatissimo Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti che ha già dato pessima prova di sé in termini di inefficacia, inefficienza e complessità. 4

5 Registro di carico e scarico rifiuti Le imprese devono tenere un registro nel luogo di produzione dei rifiuti (se una ditta ha più sedi dove si producono rifiuti, deve tenere un registro per ogni sede). Il registro si acquista nei negozi di cancelleria e deve essere vidimato presso la Camera di commercio di Bolzano o le sue sedi distaccate. Si devono rivolgere allo sportello vidimazioni della Camera di commercio presentando il registro numerato su ciascuna pagina e il modulo L2 (disponibile anche presso lo sportello camerale); inoltre si devono versare dei diritti di segreteria per l importo di 30,00 euro. Il pagamento può essere effettuato in contanti o tramite bancomat presso lo sportello vidimazioni. SCADENZE IMPORTANTI 31 marzo Comunicazione annuale pile e accumulatori, relativa alle pile ed agli accumulatori immessi sul mercato nazionale nell'anno precedente 30 aprile Dichiarazione annuale rifiuti MUD, per imprese ed enti che producono rifiuti pericolosi; imprese che effettuano a titolo professionale attività di raccolta e di trasporto di rifiuti; imprese che gestiscono rifiuti speciali; intermediari e commercianti di rifiuti anche senza detenzione. Comunicazione annuale AEE relativa alle apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul mercato nazionale nell'anno precedente Albo Gestori Ambientali: pagamento dei diritti annuali Formulario per il trasporto dei rifiuti In genere viene fornito dal trasportatore dei rifiuti. In alternativa i formulari si acquistano nei negozi di cancelleria e devono essere vidimati alla Camera di Commercio (gratis). 5

6 IL TRASPORTO IN PROPRIO DI PROPRI RIFIUTI... finalmente una vera semplificazione È operativa dal 3 giugno 2011 la convenzione che CNA-SHV e le altre associazioni datoriali hanno firmato con Provincia Autonoma di Bolzano ed il Consorzio dei Comuni per esonerare le imprese locali dall'iscrizione all'albo dei gestori ambientali presso la Camera di Commercio. IL DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI la corretta gestione degli stoccaggi nel luogo di produzione Il requisito essenziale per ottenere l esenzione è di essere iscritti a una delle associazioni firmatarie, e può essere comprovata semplicemente con la certificazione della propria associazione. Nel caso della CNA-SHV con la tessera o con una dichiarazione della stessa CNA-SHV. Null altro è richiesto dalla convenzione. Attenzione, perchè l'agevolazione vale solo per il territorio dell'alto Adige! È rimasto in vigore l'obbligo del Formulario di identificazione per il trasporto dei rifiuti, che si acquista nei negozi di cancelleria e deve poi essere vidimato alla Camera di Commercio. Sul formulario, nel campo "N. autorizzazione del trasportatore" o nelle "Annotazioni", deve essere esplicitamente riportato che l'impresa trasporta i rifiuti in base alla convenzione, con il seguente testo: "Accordo di programma - socio della CNA-SHV. Solamente in due casi il formulario non è richiesto: trasporto di propri rifiuti assimilati ai rifiuti urbani ai centri pubblici di trattamento (art. 19, comma 3, lettera a, Legge Provinciale n. 4/2006) trasporto di propri rifiuti non pericolosi quattro volte l anno per quantitativi non eccedenti i 30 chilogrammi o 30 litri al giorno e comunque 100 chilogrammi o 100 litri l anno (art. 193, comma 5, D. Lgs. n. 152/2006). Per le imprese che non sono associate ad una delle organizzazioni firmatarie permane l'obbligo di iscriversi all'albo gestori ambientali presso la CCIAA per ottenere l'autorizzazione. Attenzione a non prendere la questione sottogamba! Per il trasporto dei propri rifiuti speciali non pericolosi senza autorizzazione, la legge statale prevede sanzioni draconiane, da a euro, ma anche l'assenza del formulario comporta sanzioni, nel caso di trasporto dei propri rifiuti non pericolosi da minimo 500 a massimo euro. 6

7 L IMPORTANZA DEI MATERIALI NELL EDILIZIA ECOSOSTENIBILE Nell edilizia in genere, ma in special modo nella edilizia in chiave sostenibile, la scelta dei materiali gioca un ruolo strategico. Accanto ad un approfondita conoscenza di tecniche e materiali in grado di garantire l affidabilità del progetto stesso è indispensabile che gli operatori tengano conto di un complesso e coesistente insieme di fattori tra i quali l inquinamento degli ambienti da progettare, la sicurezza, il rispetto del contesto ambientale, l impatto costruttivo, ecc. Purtroppo però le figure coinvolte (progettisti, costruttori, committenti) molto spesso basano le proprie scelte più sull aspetto economico che altro. E di fondamentale importanza al giorno d oggi però che i due concetti di costo sociale e costo ambientale entrino nel linguaggio comune delle figure protagoniste del mercato edile affinché si possa veramente compiere quel passo in avanti decisivo in chiave ecosostenibile. Va innanzitutto detto che non si può di certo mai parlare del miglior materiale, o del materiale più ecologico ; è piuttosto plausibile parlare di un materiale più adatto in una certa situazione o ad una specifica esigenza in base alla ponderazione di molteplici aspetti come il bilancio ecologico che considera la quantità di energia consumata dalla produzione allo smaltimento del prodotto, per arrivare alle caratteristiche chimico-fisiche, tecniche ed economiche. Un altro concetto da chiarire è che naturale non significa di certo ecologico o ecosostenibile. Un chiaro esempio ne è l amianto: un insieme di minerali naturali appartenenti al gruppo dei silicati le cui polveri sono altamente cancerogene. Esistono di certo un insieme di requisiti da soddisfare affinché si possa parlare di materiale ecosostenibile: - Uso parsimonioso delle materie prime rinnovabili e abbondanti a discapito di quelle rare e non rinnovabili; - Predilezione per l uso di materie riciclabili; - Attuazione di processi produttivi con bassi consumi di energia ed acqua (bene sempre più prezioso); - Attenzione a non utilizzare sostanze nocive, scarti o scorie inquinanti che comportino poi il rilascio di sostanze organiche inquinanti (SOV) o di natura microbiologica (funghi, batteri, muffe, ecc); - Utilizzo di materiali che garantiscano durabilità e riparabilità; - Attenzione a processi di produzione, installazione e di uso innocui per l utente finale. - Utilizzo di imballaggi minimi con un elevata riciclabilità; - Riciclabilità e smaltibilità delle materie prime impiegate - In generale, attenzione al costo sociale ed ambientale, ma necessariamente anche a quello economico, dei materiali impiegati. Purtroppo quasi mai questi parametri vengono tenuti in debita considerazione e non sempre viene data la giusta importanza alla preoccupazione per l impatto che la scelta dei materiali ha nel processo costruttivo e nel ciclo di vita dell edificio. A fronte di ciò occorre che gli addetti attraverso una critica responsabile ed una scelta adeguata si approprino delle conoscenze necessarie al fine di promuovere un iter progettuale e costruttivo a regola d arte e non condizionato unicamente dalle tendenze di un mercato visto nel presente e che non tiene conto, invece, di eventuali costi futuri sia ambientali, ma anche economici, che una costruzione creata per durare negli anni può portare. Emilio Corea, Presidente Unione Costruzioni CNA-SHV 7

8 L AMBIENTE AMICO DELL IMPRESA dall adempimento burocratico alla corretta gestione ambientale IL DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI la corretta gestione degli stoccaggi nel luogo di produzione L attenzione ai temi ambientali è e sarà sempre più importante nella vita quotidiana delle famiglie e delle imprese. Questa consapevolezza, oggi, si scontra con una normativa confusa ed in perenne divenire che moltiplica gli adempimenti e viene per questo spesso percepita come un pesante vincolo negativo a carattere meramente burocratico: un cumulo di divieti e di documenti da predisporre ed aggiornare, anziché come un insieme di opportunità per una vita migliore, più salubre, e dunque più prospera, grazie ai grandi margini di innovazione che consente una gestione ambientale integrata del proprio business. L iniziativa che CNA-SHV propone con la collaborazione della Cooperativa Ecoopera di Trento e sotto la direzione didattica-scientifica dello Studio Zortea Sandri, è un percorso pensato proprio per le esigenze di piccoli, piccolissimi e medi imprenditori e professionisti: tanta concretezza per affrontare la quotidianità del diritto ambientale, con tutte le sue prescrizioni puntuali, i divieti, le sanzioni, ma anche consigli sul metodo e sull impostazione strategica, utili sia migliorare il modo di lavorare valorizzando l ambiente, che a risparmiare tempo e denaro e ad evitare i rischi di incidenti, di sanzioni, di controversie legali ed altri guai. Cinque appuntamenti da non perdere, legati da unico filo conduttore ed accessibili a tutti. Una seria introduzione alla gestione ambientale d impresa, verso prossime occasioni di approfondimento. 8

9 COSA IMPARO? A conoscere bene i rifiuti e le regole per depositarli temporaneamente presso la mia realtà produttiva, secondo categorie omogenee e nel rispetto delle relative norme tecniche PERCHE MI SERVE? Per evitare errori ed omissioni Per risparmiare costi e perdite di tempo giovedì h IL DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI la corretta gestione degli stoccaggi nel luogo di produzione relatore: Avv. Massimo Zortea, esperto in diritto e gestione ambientale PROGRAMMA: QUADRO NORMATIVO Dove trovare le regole. Concetti, definizioni e distinzioni generali. TEMPI E QUANTITÀ, COMUNICAZIONI ED ADEMPIMENTI Conoscere i requisiti di legge. Impostare un metodo: raccolta separata, contenitori, stoccaggio, monitoraggio, controllo operato dei lavoratori ed incaricati esterni. SANZIONI Quali sanzioni in caso di violazione. Come rimediare. Come prevenire. DIBATTITO Ogni giorno le aziende e realtà produttive di beni e servizi producono una grande quantità di rifiuti, diversi per provenienza e tipologia, che vengono lasciati spesso in ordine sparso e senza una reale programmazione nello stesso luogo di produzione. La legge ammette il deposito temporaneo ma detta precisi limiti di tempo, di luogo e di modalità, da rispettare con attenzione. Anche solo questa operazione comporta il rischio di commettere errori e incorrere in sanzioni. Conosci queste regole? Impara con noi e imposta un metodo adeguato alla tua azienda o realtà professionale. CNA-SHV via Righi 9 BOLZANO A CHI E RIVOLTO? imprenditori liberi professionisti funzionari pubblica amministrazione PARTECIPAZIONE GRATUITA PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL vedi scheda di prenotazione al centro della pubblicazione 9

10 giovedì h COSA IMPARO? A conoscere la responsabilità degli enti per illeciti ambientali ed i modelli di organizzazione, controllo e gestione necessari per prevenire la responsabilità, cominciando ad impostare un sistema adeguato alla mia azienda PERCHE MI SERVE? Per evitare errori e sanzioni pecuniarie L ordinamento italiano individua per alcune tipologie di reati una doppia responsabilità: delle persone fisiche autrici del reato e degli enti a cui appartengono. Fra questi reati vi sono anche i principali reati ambientali. Fra gli enti sanzionabili vi sono anche le piccole e medie imprese e secondo la Cassazione persino le imprese individuali, in determinate condizioni. E le sanzioni sono molto pesanti. La responsabilità dell ente può però essere evitata, adottando le misure organizzative prescritte dalla legge, idonee a prevenire la commissione dei reati. Capire quando opera questa responsabilità e come evitarla, impostando un sistema gestionale adeguato può quindi essere molto importante, nei casi estremi anche per la stessa sopravvivenza dell impresa. Questa serata introduttiva rappresenta un pratico strumento per iniziare a capire l utilità e l applicabilità del sistema nella propria realtà aziendale, così da tutelarsi dalle possibili conseguenze previste dalla legge. IL DECRETO 231/2001 AMBIENTALE la responsabilità degli enti per gli illeciti ambientali relatori: Avv. Massimo Zortea, esperto in diritto e gestione ambientale Avv. Elisa Lagni, Studio Santosuosso PROGRAMMA: INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Decreto Legislativo 231/2001. Concetti, definizioni, distinzioni (responsabilità delle persone fisiche e degli enti). LE CONSEGUENZE DELLA VIOLAZIONE Sanzioni pecuniarie e sanzioni interdittive. PREVENIRE LA RESPONSABILITA Codice etico. Modello di organizzazione, controllo e gestione. Organismo di vigilanza. DIBATTITO 10 PARTECIPAZIONE GRATUITA PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL vedi scheda di prenotazione al centro della pubblicazione A CHI E RIVOLTO? imprenditori liberi professionisti funzionari pubblica amministrazione CNA-SHV via Righi 9 BOLZANO

11 COSA IMPARO? A conoscere tutti gli aspetti ambientali importanti per la mia azienda, i rischi e le opportunità, ad impostare un metodo di gestione ambientale integrata, a ripensare il business e l immagine aziendale PERCHE MI SERVE? Per evitare errori, risparmiare costi, aumentare la qualità della mia attività giovedì h GESTIONE AMBIENTALE IN OFFICINA, CARROZZERIA, ELETTRAUTO l efficace coordinamento di tutti i profili ambientali relatore: Dott. Luca Laffi, Ecoopera PROGRAMMA: INTRODUZIONE: PROTEZIONE AMBIENTALE, DISPERSIONE BUROCRATICA E CAOS IMPRENDITORIALE Concetti generali. Cosa vuol dire gestione ambientale integrata. Problemi e opportunità IL GRANDE PUZZLE: PANORAMICA SU ASPETTI AMBIENTALI E RISCHI Rifiuti e sostanze pericolose: stoccaggio, trasporto, cessione ecc.; norme ADR; categorie speciali di rifiuti: RAAE, pneumatici, batterie ecc.; scarichi; emissioni in atmosfera; rumore; risparmio energetico; inquinamento elettromagnetico; bonifiche vecchi depositi; emissioni ai fini civilistici eccetera. RICOMPORRE IL PUZZLE: LA GESTIONE AMBIENTALE INTEGRATA Impostare un buon metodo: la programmazione preventiva. Risparmi, guadagni, qualità. Integrazione fra salute, sicurezza sul lavoro, ambiente OLTRE GLI ADEMPIMENTI: BUSINESS INNOVATIVO E GREEN ECONOMY Ripensare in meglio tutto il proprio business: gestione sostenibile di impresa; filiere verdi; qualità ambientale per la clientela. Migliorare l immagine, i costi, le prestazioni. Officine, carrozzerie ed elettrauto sono fra le imprese artigiane più esposte a rischi in materia di inquinamento e danni ambientali, oltre che di salute e sicurezza nel lavoro. Per questo sono anche fra le imprese artigiane più soggette ad adempimenti e oneri burocratici. Ma la protezione ambientale può rappresentare anche una grande opportunità, anche per le piccole imprese artigiane. L imprenditore ed i suoi collaboratori possono trarre grande vantaggio dal diventare consapevoli di tutti gli aspetti ambientali presenti nel proprio lavoro e dei fattori di rischio derivanti da una cattiva gestione ambientale. Questa serata propone come sempre una panoramica introduttiva per acquisire una conoscenza di base ed impostare un buon metodo di gestione ambientale, utile anche a prevenire comportamenti illeciti e conseguenti sanzioni. CNA-SHV via Righi 9 BOLZANO A CHI E RIVOLTO? Imprenditori, lavoratori del settore officine, carrozzerie, elettrauto, consulenti, dirigenti pubblici, docenti della formazione professionale PARTECIPAZIONE GRATUITA PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL vedi scheda di prenotazione al centro della pubblicazione 11

12 giovedì h COSA IMPARO? Ad avere una panoramica su tutti i profili ambientali di cantiere e ad impostare un metodo di gestione ambientale del cantiere per prevenire incidenti e illeciti ambientali PERCHE MI SERVE? Per gestire al meglio la complessità del cantiere e coordinarmi con tutti gli attori coinvolti, per risparmiare tempo e denaro, per evitare disagi e sanzioni La gestione dei cantieri edili o infrastrutturali è sempre più complessa e soggetta a rischi non solo economici ed imprenditoriali, ma anche ambientali e giuridici, specie in termini di sanzioni. Le normative tecniche e sanzionatorie entrano sempre più nel dettaglio delle problematiche ambientali che tipicamente si incontrano nella quotidianità del cantiere, ed evolvono rapidamente. Occorre prepararsi al meglio perché prevenire è meglio che rimediare. Ma una corretta gestione delle problematiche ambientali di cantiere serve anche ad ottimizzare le risorse e garantire benefici all impresa. L incontro si propone di fornire un quadro introduttivo della materia in esame per far acquisire ai partecipanti una solida informazione di base. LA GESTIONE AMBIENTALE DEI CANTIERI L efficace coordinamento di tutti i profili ambientali nel cantiere relatori: Avv. Massimo Zortea, esperto in diritto e gestione ambientale Ing. Loris Dallago, ISER SRL PROGRAMMA: PERCHE UNA GESTIONE AMBIENTALE INTEGRATA NEI CANTIERI? Il vuoto normativo e le esigenze pratiche. I rischi e la prevenzione PANORAMICA DEI PROFILI AMBIENTALI Materiali di scavo, bonifiche, rifiuti di cantiere, inquinamento idrico, acque intercettate/ meteoriche/reflue/derivate, inquinamento atmosferico, inquinamento acustico, inquinamento elettromagnetico, inquinamento luminoso, sicurezza sul lavoro in cantiere, amianto, green procurement, prescrizioni d appalto IMPOSTARE UN METODO DI GESTIONE: Il Piano di gestione ambientale del cantiere: prevenire incidenti ed illeciti ambientali programmando gli adempimenti DIBATTITO 12 PARTECIPAZIONE GRATUITA PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL vedi scheda di prenotazione al centro della pubblicazione A CHI E RIVOLTO? imprenditori liberi professionisti funzionari pubblica amministrazione CNA-SHV via Righi 9 BOLZANO

13 COSA IMPARO? Gli scopi, la struttura e le modalità di realizzazione concreta del check-up ambientale, la sua valorizzazione a beneficio dell impresa PERCHE MI SERVE? Per conoscere i vantaggi del check-up ambientale e valorizzare la programmazione strategica e operativa dell azienda giovedì h CHECK-UP AMBIENTALE DI IMPRESA misurare la sostenibilità ambientale e la capacità di business verde dell impresa PROGRAMMA: PERCHÉ UN CHECK-UP AMBIENTALE? Principi e funzioni della sostenibilità di impresa, in particolare ambientale. Panorama mondiale STRUTTURA, SCOPI, MODALITÀ DEL CHECK-UP Contenuti, tempi, soggetti responsabili, raccolta dati, sintesi dati, profili comunicativi. Sondare bene tutti i rischi ma anche le opportunità ambientali della propria impresa PASSARE ALL AZIONE Suggerimenti per realizzare in concreto un check-up ambientale e valorizzarlo nella programmazione strategica e operativa dell azienda. DIBATTITO relatori: Avv. Massimo Zortea, esperto in diritto e gestione ambientale Arch. Roberto Colombo, Ecoopera Ogni azienda dovrebbe essere consapevole delle proprie prestazioni ambientali, in termini sia di impatto che di qualità dei beni e servizi offerti. Uno strumento molto efficace per questo è il checkup ambientale: un percorso di analisi business oriented, articolato in una serie di approfondimenti guidati da esperti, per attivare una riflessione dell azienda sul grado di inserimento nella green economy, sulla capacità di creare business verde e sull efficienza ambientale, anche alla luce dell evoluzione normativa. Questa serata introduttiva aiuta a comprendere la struttura, gli scopi e le modalità operative del checkup ambientale. Fornisce alle imprese input concreti per passare all azione e realizzare in concreto un proprio check-up ambientale, utile sia per risparmiare costi che per generare nuovi potenziali di ricavi. CNA-SHV via Righi 9 BOLZANO A CHI E RIVOLTO? imprenditori liberi professionisti funzionari pubblica amministrazione PARTECIPAZIONE GRATUITA PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL vedi scheda di prenotazione al centro della pubblicazione 13

14 SCHEDA DI PRENOTAZIONE Selezionare le serate di proprio interesse e segnalare il numero di posti che si vuole prenotare: Il deposito temporaneo dei rifiuti Il Decreto Legislativo 231/2001 ambientale La gestione ambientale nelle carrozzerie, officine ed elettrauto La gestione ambientale del cantiere Il check-up ambientale d impresa RIFIUTI... persone... persone... persone... persone... persone RAGIONE SOCIALE... VIA, PIAZZA... la corretta gesne degli stoccaggi nel luogo di produzione CAP e COMUNE... REFERENTE...TEL L impresa è iscritta all albo imprese artigiane? SI NO inviare al fax 0471/ o a 14

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

SOCIETÀ DI SERVIZI AMBIENTE SICUREZZA MEDICINA DEL LAVORO

SOCIETÀ DI SERVIZI AMBIENTE SICUREZZA MEDICINA DEL LAVORO SOCIETÀ DI SERVIZI AMBIENTE SICUREZZA MEDICINA DEL LAVORO Artambiente s.c.r.l. è una società di servizi in grado di fornire consulenza specializzata alle aziende in materia di sicurezza e prevenzione negli

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI Spett.le AZIENDA Loro Sede Trento, 01/02/2016 Oggetto: MUD 2016 - modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2016. Termine per aderire al servizio: 11/03/2016. È stato pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI CORSO DI FORMAZIONE SU: LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI Firenze, 4-12-18-25 giugno 2013 (14,30-18,30) Auditorium C. Ridolfi c/o Banca CR Firenze Via Carlo Magno, 7 PRESENTAZIONE Il corso

Dettagli

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti NORMATIVE La legge nr. 22 del 05/02/1997, nota come "Decreto Ronchi" è un decreto attuativo alle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/9262/CEE relativa agli imballaggi

Dettagli

CONSULENTE AMBIENTALE

CONSULENTE AMBIENTALE CON IL PATROCINIO DI: ENTE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTE AMBIENTALE PERCORSO FORMATIVO SASSARI, via Prunizzedda 49/g 16 luglio 2014 13 dicembre 2014 Il corso ha una durata

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA Lezione 1 - giovedì 3 aprile 2014 - h. 15.00 19.00 Gestione dei Rifiuti - Quadro generale della normativa; - Definizioni, la nozione di rifiuto; l esclusione dei sottoprodotti e delle materie prima secondarie;

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena TIPOLOGIE DI RIFIUTI PRINCIPALMENTE GESTITE - RAEE, RIFIUTI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Un valore chiamato futuro

Un valore chiamato futuro Un valore chiamato futuro Ecopadana nasce nel 1985, si sviluppa e si propone nel settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti industriali, a volte soverchiando quanto previsto dalle normative in materia,

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti Ancona, 10/12/2014 Dott.ssa Federica Angeloni Dott.ssa Tamara Giacometti Dott.Ing. Alessio Stabile SISTRI: facciamo il punto Il quadro di riferimento

Dettagli

Ciclo del recupero :

Ciclo del recupero : AZIENZA PRODUTTRICE, luogo di produzione rifiuti Destinati al recupero Ciclo del recupero : Deve essere applicata la disciplina del deposito temporaneo o stoccaggio dei rifiuti REGISTRI - SISTRI Deve essere

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Attività formative 2008-2009

Attività formative 2008-2009 Attività formative 2008-2009 L attività formativa di UPI Emilia-Romagna, in essere da un paio di anni, si svolge in collaborazione con Unioncamere e Confservizi Emilia-Romagna. E stata siglata una convenzione

Dettagli

SEMINARI DI AGGIORNAMENTO E SPECIALIZZAZIONE IN CAMPO AMBIENTALE

SEMINARI DI AGGIORNAMENTO E SPECIALIZZAZIONE IN CAMPO AMBIENTALE SEMINARI DI AGGIORNAMENTO E SPECIALIZZAZIONE IN CAMPO AMBIENTALE Patrocinato dal COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MODENA NOTE INTRODUTTIVE AL CICLO SEMINARI Il GEOMETRA grazie a questo ciclo

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO Gestione e smaltimento terre e rocce da scavo alla luce del DM 161 del 10.08.12 (G.U. 21.09.

TERRE E ROCCE DA SCAVO NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO Gestione e smaltimento terre e rocce da scavo alla luce del DM 161 del 10.08.12 (G.U. 21.09. SOCI SOSTENITORI Organizzatore CORSO 1 (8 ore) CORSI AMBIENTALI (sede Milano) per GEOLOGI Regione Lombardia TERRE E ROCCE DA SCAVO Gestione e smaltimento terre e rocce da scavo alla luce del DM 161 del

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Elementi di impianti e macchine elettriche (prof. Mario Montagna)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Elementi di impianti e macchine elettriche (prof. Mario Montagna) Pavia, 6 maggio 2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Elementi di impianti e macchine elettriche (prof. Mario Montagna) Insieme a: Ordine degli ingegneri della Provincia di

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE 1 INTRODUZIONE Il sistema registro di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO

CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO Sistema di raccolta e riciclo accreditato presso i Centri di Coordinamento Pile e Accumulatori e RAEE PRODOTTI PILE ACCUMULATORI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011 D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011 I nuovi reati presupposto introdotti nel 2011 Reati ambientali (art. 25-undecies, D.Lgs. n. 231/01) Reati previsti dal Codice penale Uccisione,

Dettagli

Aspetti ambientali della manutenzione

Aspetti ambientali della manutenzione Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011 Indice della presentazione Inquadramento

Dettagli

Trasporto dei propri rifiuti solo con l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali

Trasporto dei propri rifiuti solo con l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali CIRCOLARE A.F. N. 50 del 3 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Trasporto dei propri rifiuti solo con l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE PER I DISTRIBUTORI E GLI INSTALLATORI O I GESTORI DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA Applicazione del Decreto 8 marzo 2010, n. 65. Regolamento recante modalità semplificate

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari SAURO SACCHETTI Servizio Rifiuti e Bonifica Siti Regione Emilia-Romagna pag. 1 di 20 NORMATIVA NAZIONALE: D.Lgs. 152/2006 (1 di 4) Definizioni

Dettagli

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ;

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 81/2015 il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 Disposizioni di attuazione della direttiva

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

Il servizio zerozerotoner : cos è e come funziona. Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti di Stampa LOGO E CONTATTI

Il servizio zerozerotoner : cos è e come funziona. Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti di Stampa LOGO E CONTATTI LOGO E CONTATTI RIVENDITORE AUTORIZZATO Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti di Stampa Il servizio zerozerotoner : cos è e come funziona. Versione EU_1.4 Sommario 1) OBIETTIVI DI QUESTO

Dettagli

ATTIVITÀ PER LE QUALI È RICHIESTA L ISCRIZIONEALL ALBO GESTORI AMBIENTALI RELATIVO DIRITTO ANNUALE E IMPORTO GARANZIA FINANZIARIA DA PRESTARE

ATTIVITÀ PER LE QUALI È RICHIESTA L ISCRIZIONEALL ALBO GESTORI AMBIENTALI RELATIVO DIRITTO ANNUALE E IMPORTO GARANZIA FINANZIARIA DA PRESTARE ATTIVITÀ PER LE QUALI È RICHIESTA L ISCRIZIONEALL ALBO GESTORI AMBIENTALI Categoria 1 raccolta e trasporto di rifiuti urbani; attività di gestione dei centri di raccolta; diritto annuale* Quantità annua

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI IN BASILICATA

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI IN BASILICATA in collaborazione con 1 Giuseppe Mele Divulgatore Agricolo Polivalente Responsabile AGRICOLTURA BIOLOGICA E BIODINAMICA giuseppe.mele@alsia.it biologicomele@gmail.com LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI IN

Dettagli

profilo e professionalità

profilo e professionalità 1 profilo e professionalità Besant Srl nasce dall idea di un gruppo di professionisti qualificati nel settore del lavoro, con l intento di operare nel campo dei servizi alle imprese. Besant Srl orienta

Dettagli

- per la violazione dei commi 3, 5, primo periodo, e 13, la sanzione pecuniaria da centocinquanta (150) a duecentocinquanta (250) quote.

- per la violazione dei commi 3, 5, primo periodo, e 13, la sanzione pecuniaria da centocinquanta (150) a duecentocinquanta (250) quote. Sanzioni ex D. Lgs. 231/2001 e succ.modd. in relazione alla commissione di reati previsti dal Codice dell Ambiente (D. Lgs. 152/2006 e succ.modd.) (cfr. art. 2 co. 2,6,7,8 D. Lgs. 7 luglio 2011 n. 121)

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO E SPECIALIZZAZIONE IN CAMPO AMBIENTALE

CORSO DI AGGIORNAMENTO E SPECIALIZZAZIONE IN CAMPO AMBIENTALE Per Ingegneri di MODENA CORSO DI AGGIORNAMENTO E SPECIALIZZAZIONE IN CAMPO AMBIENTALE Patrocinato da Associazione tra Ingegneri Piazzale Boschetti n.8-41121 MODENA Tel.059/223831 - Fax 059/237166 Codice

Dettagli

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED.

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto

Dettagli

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr Torino, 02/04/2014 Andrea Nardinocchi L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali

Dettagli

Studio Mastracci. P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci.

Studio Mastracci. P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci. Studio Mastracci P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci.it indice RIFIUTI BONIFICHE INQUINAMENTO DA AGENTI FISICI

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

GREEN ECONOMY ED EFFICIENZA AMBIENTALE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI

GREEN ECONOMY ED EFFICIENZA AMBIENTALE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI GREEN ECONOMY ED EFFICIENZA AMBIENTALE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI Obiettivi, attività e risultati del progetto VEco-Porto Marco Botteri, Ecocerved Venezia, 15 ottobre 2012 Obiettivi e risultati attesi

Dettagli

AMBIENTE, SICUREZZA, QUALITÀ IL SISTEMA DI SOLUZIONI PER IMPRESE ED ENTI PUBBLICI

AMBIENTE, SICUREZZA, QUALITÀ IL SISTEMA DI SOLUZIONI PER IMPRESE ED ENTI PUBBLICI AMBIENTE, SICUREZZA, QUALITÀ IL SISTEMA DI SOLUZIONI PER IMPRESE ED ENTI PUBBLICI NON SOLO TANTI PROFESSIONISTI, MA UNA SQUADRA CHE COOPERA SU OGNI PROGETTO Oikos è nata nel 1989 quando offrire consulenze

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

I MATERIALI DA COSTRUZIONE NEL SETTORE DELL EDILIZIA: EDILIZIA: RISORSA O RIFIUTO?

I MATERIALI DA COSTRUZIONE NEL SETTORE DELL EDILIZIA: EDILIZIA: RISORSA O RIFIUTO? Corso nazionale di Bioarchitettura CARRARA Venerdì 14 LUGLIO 2006 I MATERIALI DA COSTRUZIONE NEL SETTORE DELL EDILIZIA: EDILIZIA: RISORSA O RIFIUTO? Arch. Stefano Tonelli Istituto Nazionale di Bioarchitettura

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

WWW.STUDIOGREENLINE.IT

WWW.STUDIOGREENLINE.IT WWW.STUDIOGREENLINE.IT STUDIO GREENLINE Greenline nasce nel 1996 con la riunione al suo interno di professionisti multidisciplinari per le diverse esperienze professionali espletate. Obiettivo: la creazione

Dettagli

INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI

INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI Dott. Alessandro Lucchesini, Responsabile Tecnico CECAM srl, Firenze Direttiva europea 2004/35/CE sulla responsabilità

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti di Alberto Pesenato (*) e Paolo Cozzi (**) Il sistema SISTRI, rinviato al 2013, è un punto fermo anche nell applicazione del

Dettagli

Il servizio zerozerotoner : cos è e come funziona. Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti di Stampa GLOCAL VALUE SRL

Il servizio zerozerotoner : cos è e come funziona. Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti di Stampa GLOCAL VALUE SRL GLOCAL VALUE SRL Centro Congressi, Str. per Olcenengo 10/11 13130 Caresanablot (VC) Tel. 0161 392110 contatta@glocalvalue.it www.glocalvalue.it Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Il registro di carico e scarico è un documento di tipo formale che deve contenere tutte le informazioni relative alle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti

Dettagli

Circolare N.50 del 03 Aprile 2014

Circolare N.50 del 03 Aprile 2014 Circolare N.50 del 03 Aprile 2014 Trasporto dei propri rifiuti solo con l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che per l attività di raccolta

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale ISB in Europe 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/a 36-38, Rue Joseph II B 1000 Bruxelles Tel. (06) 441881 44188 221

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

Sommario. Sommario VII CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE

Sommario. Sommario VII CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE VII Sommario CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE (Alessio Scarcella) 1.1. Concetto di ambiente... 1 1.2. Le fonti in generale... 3 1.3. La Costituzione e l ambiente... 5 1.4. Le norme di principio del diritto

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

ESPERIENZA E PROFESSIONALITÀ IN CAMPO AMBIENTALE

ESPERIENZA E PROFESSIONALITÀ IN CAMPO AMBIENTALE ESPERIENZA E PROFESSIONALITÀ IN CAMPO AMBIENTALE ESPERIENZA E PROFESSIONALITÀ Leonardo Ambiente nasce dall unione di professionisti di comprovata e pluriennale esperienza che hanno messo in comune le proprie

Dettagli

Ab Agricoltura e ambiente

Ab Agricoltura e ambiente 03 Ab Agricoltura e ambiente 1 01 Agricoltura La denuncia delle uve docg (Denominazione d Origine Controllata e Garantita), doc (Denominazione d Origine Controllata), e igt (Indicazione Geografica Tipica)

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

PRIMA PARTE Legislazione e responsabilità per impianti e materiali elettrici

PRIMA PARTE Legislazione e responsabilità per impianti e materiali elettrici Pavia, 23 aprile 2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Elementi di impianti e macchine elettriche (prof. Mario Montagna) Insieme a: Ordine degli ingegneri della Provincia

Dettagli

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza ROMA 12 APRILE 2013 Avv. Giulia Adotti Studio Legale ADOTTI & Associati Roma, Viale B. Buozzi n. 68 Frascati, via F. Cecconi n. 37-39 www.adottiassociati.it

Dettagli

Spett. li. CLIENTI Loro sedi. Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI

Spett. li. CLIENTI Loro sedi. Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI Spett. li CLIENTI Loro sedi Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI A seguito delle numerose richieste di chiarimento pervenute ai nostri uffici in merito alle novità normative

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

L intervento. Finalità del Sistri e della tracciabilità dei rifiuti in genere: chi fa cosa

L intervento. Finalità del Sistri e della tracciabilità dei rifiuti in genere: chi fa cosa L intervento Secondo l articolo 177, comma 4, Dlgs 152/2006 (come modificato dal Dlgs 205/2010) i rifiuti sono gestiti senza pericolo per la salute dell uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero

Dettagli

II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di

II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di Il CANTIERE SOSTENIBILE è il nuovo modo di concepire l edilizia low impact, un reale modello volano di sviluppo, i cui vantaggi si concilierebbero con le esigenze dell uomo

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU SISTRI Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU 14 gennaio 2010 definizioni SISTRI: il sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

AMBIENTE ITALIA S.r.l. V.le Berengario 9/11 20149 MILANO C.F. E P.I. 04956210969 Tel. 02/9968089 Fax 02/99693350 E-mail: info@ambienteitalia.

AMBIENTE ITALIA S.r.l. V.le Berengario 9/11 20149 MILANO C.F. E P.I. 04956210969 Tel. 02/9968089 Fax 02/99693350 E-mail: info@ambienteitalia. AMBIENTE ITALIA S.r.l. V.le Berengario 9/11 20149 MILANO C.F. E P.I. 04956210969 Tel. 02/9968089 Fax 02/99693350 E-mail: info@ambienteitalia.biz AMBIENTE ITALIA ha la finalità di organizzare e coordinare

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato Cisq Cert n. 99.212 del 28.10.2009 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VERONA

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato Cisq Cert n. 99.212 del 28.10.2009 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VERONA N. prot.: 17400/22.2 Uff. Registro delle Imprese Sigla: Rif: Data 22.06.2010 Spett.li ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO A tutti gli iscritti Loro

Dettagli

ALLEGATO 1 DOMANDA DI AIUTO

ALLEGATO 1 DOMANDA DI AIUTO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE, RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE REALIZZATI CONGIUNTAMENTE DA IMPRESE E ORGANISMI DI RICERCA IN MATERIA DI NUOVE TECNOLOGIE DEL

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

A SERVIZIO DELL UOMO E DELL IMPRESA Faccia il cielo che ognuno eserciti il mestiere che conosce! (Aristofane) La nostra missione aziendale......superare i vincoli per farli diventare opportunità di miglioramento.

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008

Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008 Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008 Audizione XIII Commissione Territorio, ambiente e beni ambientali Senato della Repubblica Il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e

Dettagli

Corte di Cassazione - Sentenza 2 marzo 2015, n. 8979

Corte di Cassazione - Sentenza 2 marzo 2015, n. 8979 Corte di Cassazione - Sentenza 2 marzo 2015, n. 8979 Rifiuti trasporto conto proprio In nome del popolo italiano - La Corte Suprema di Cassazione - Sezione terza penale Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

AMBIENTE E AGRICOLTURA

AMBIENTE E AGRICOLTURA Comunicazione Energia Ambiente Il Tuo spazio dedicato all Ambiente Incontro formativo AMBIENTE E AGRICOLTURA Proposte per una corretta gestione San Ginesio - 12 febbraio 2005 La corretta gestione dei rifiuti

Dettagli

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016 CIRCOLARE N. 010 15.01.2016 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Modello Unico di Dichiarazione ambientale scadenza del 30 aprile 2016. Servizio di ANCE Bergamo per la compilazione e presentazione

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE?

SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE? Via Cesare Battisti n. 19 TERRALBA (OR) C.F./P.IVA 01042940955 CORSI AREA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE? CORSO DI FORMAZIONE GENERALE DEI LAVORATORI OBBLIGHI E ADEMPIMENTI

Dettagli