Procedura Gestionale GESTIONE RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura Gestionale GESTIONE RIFIUTI"

Transcript

1

2 Premessa Nel corso del 2006 è stato emanato il D.Lgs. n.152/2006 in materia ambientale. La parte IV di tale Decreto riguarda le Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati. Tale normativa va a sostituire integralmente quella previgente ed in particolare il D.Lgs. n.22/1997 e s.m. 1. Scopo e campo di applicazione Campo di applicazione Bassa Val di Isola Livorno (Nord Val di Cornia Alta Val di Cecina Cecina d Elba Est) X X X X X La presente procedura ha come oggetto la gestione dei rifiuti speciali prodotti, trasportati o smaltiti da ASA per conto proprio o per conto terzi negli impianti, sui cantieri stradali e nelle sedi aziendali di ASA Spa. In Alta Val di Cecina si applica la presente procedura ma con l eccezione delle modalità di registrazione che vengono effettuate a mano su registro cartaceo presso l impianto di depurazione di Volterra Nord. 2. Terminologia e definizioni Rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate in allegato A alla parte quarta al DLgs 152/06 (identificata con un codice CER) e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi; i rifiuti si distinguono in rifiuti urbani e rifiuti speciali. codice CER: Codice Europeo del Rifiuto (D.Lgs 152/06). Ogni rifiuto viene classificato con un codice univoco che lo contraddistingue riportato in allegato A alla parte quarta al D. Lgs 152/06. Un materiale figurante nel CER non è in tutte le circostanze un rifiuto, ma solo quando esso soddisfa la definizione di rifiuto. Ogni rifiuto fin dalla sua produzione ed in ogni successiva fase di gestione, incluso il trasporto, deve essere correttamente identificato con i codici del nuovo elenco dei rifiuti. Il codice CER è composto da 3 coppie di cifre xx yy zz. xx Le prime due cifre individuano una provenienza (ad esempio 09 rifiuti dell industria fotografica oppure 10 rifiuti prodotti da processi termici oppure 20 rifiuti urbani) yy Le seconde cifre individuano più nello specifico la lavorazione (ad esempio industria del ferro e dell acciaio oppure metallurgia termica dell alluminio, industria del vetro oppure industria della ceramica) zz Le ultime due cifre individuano il rifiuto (ad esempio ceneri pesanti e ceneri leggere di carbone ) Rifiuti contrassegnati nell'elenco con un asterisco «*» sono rifiuti pericolosi. Oltre ai rifiuti pericolosi che sono tali solo in base alla provenienza, sono state aggiunti i cosiddetti codici specchio che sono pericolosi in base alla presenza di sostanze e contaminanti. (ad esempio * rifiuti provenienti dalla depurazione dei fumi contenenti sostanze pericolose e rifiuti prodotti della depurazione dei fumi diversi da quelli di cui alla voce *) 2

3 Produttore: la persona che ha prodotto direttamente il rifiuto o lo ha modificato; la responsabilità del produttore di rifiuti ha un termine finale che coincide con la consegna al sistema pubblico di raccolta oppure con il ricevimento della quarta copia del formulario (vedi più avanti) controfirmata dall impianto cui il rifiuto è stato conferito. Nel caso di mancato ricevimento della quarta copia del formulario, entro 3 mesi dalla data di conferimento (6 per transfrontaliere) il produttore deve fare comunicazione alla Provincia competente per territorio. Nel caso di conferimento di rifiuti a soggetti autorizzati alle operazioni di raggruppamento, ricondizionamento e deposito preliminare di rifiuti (D13, D14 e D15) la responsabilità dei produttori è esclusa a condizione che questi ultimi ricevano, oltre al formulario di trasporto, il certificato di avvenuto smaltimento rilasciato dal titolare dell impianto che effettua le operazioni da D1 a D12. Le relative modalità di attuazione sono definite con D. ministero Ambiente e Tutela del Territorio (D.L. 308/04). Il produttore che invia propri rifiuti a impianto non autorizzato o privato cittadino che smaltisce fanghi da fosse settiche o amianto con ditte non autorizzate allo scopo incorre nelle sanzioni previste per abbandono di rifiuti. Luogo di produzione dei rifiuti: uno o più edifici o stabilimenti o siti infrastrutturali collegati tra loro all'interno di un'area delimitata in cui si svolgono le attività di produzione dalle quali sono originati i rifiuti. Ai sensi dell art. 230 D.Lgs 152/06 il luogo di produzione dei rifiuti derivanti da attività di manutenzione alle infrastrutture, effettuata direttamente dal gestore dell'infrastruttura a rete e degli impianti per l'erogazione di forniture e servizi di interesse pubblico o tramite terzi, può coincidere con la sede del cantiere che gestisce l'attività manutentiva o con la sede locale del gestore della infrastruttura nelle cui competenze rientra il tratto di infrastruttura interessata dai lavori di manutenzione. Trasportatore: colui che raccoglie e trasporta il rifiuto dal luogo di produzione o stoccaggio per conferirlo al luogo di stoccaggio o di smaltimento o di recupero; Durante il trasporto i rifiuti devono essere sempre accompagnati dal formulario di identificazione. L obbligo di formulario non si applica al trasporto di rifiuti urbani effettuato dal gestore del servizio pubblico né per i trasporti di rifiuti non pericolosi effettuati dal produttore, in modo occasionale e saltuario, che non eccedano la quantità di trenta Kg al giorno. Smaltitore: colui che svolge le operazioni che sono elencate nell allegato B alla parte quarta del DLgs.152/06 e che sottrae definitivamente una sostanza, un materiale o un oggetto dal circuito economico e/o di raccolta; Recupero: le operazioni che utilizzano rifiuti per generare materie prime secondarie, combustibili o prodotti, attraverso trattamenti o selezioni previste nell'allegato C alla parte quarta del D.Lgs 152/06 Stoccaggio: le attività di smaltimento consistenti nelle operazioni di deposito preliminare di rifiuti di cui al punto D15 dell'allegato B alla parte quarta nonché le attività di recupero consistenti nelle operazioni di messa in riserva di materiali di cui al punto R13 dell'allegato C sottoposte ad autorizzazione. Deposito temporaneo: il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui gli stessi sono prodotti e non sottoposto ad autorizzazione purchè vengano rispettate le seguenti condizioni: i rifiuti depositati non devono contenere policlorodibenzodiossine, policlorodibenzofurani, policlorodibenzofenoli in quantità superiore a 2,5 ppm, né policlorobifenile e policlorotrifenili in quantità superiore a 25 ppm; 3

4 il deposito temporaneo deve essere effettuato per categorie omogenee di rifiuti e nel rispetto delle relative norme tecniche, nonché, per i rifiuti pericolosi, nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute; devono essere rispettate le norme che disciplinano l'imballaggio e l'etichettatura dei rifiuti pericolosi; i rifiuti pericolosi devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo le seguenti modalità alternative, a scelta del produttore; con cadenza almeno bimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito; quando il quantitativo di rifiuti pericolosi in deposito raggiunga i 10 metri cubi. se il quantitativo di rifiuti non supera i 10 metri cubi l'anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno; limitatamente al deposito temporaneo effettuato in stabilimenti localizzati nelle isole minori, entro il termine di durata massima di un anno, indipendentemente dalle quantità; i rifiuti non pericolosi devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo le seguenti modalità alternative, a scelta del produttore; con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito; quando il quantitativo di rifiuti non pericolosi in deposito raggiunga i 20 metri cubi. allorché il quantitativo di rifiuti non superi i 20 metri cubi l'anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno; limitatamente al deposito temporaneo effettuato in stabilimenti localizzati nelle isole minori, entro il termine di durata massima di un anno, indipendentemente dalle quantità; Registri di carico e scarico: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti, compreso commercianti ed intermediari od operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti, nonché le Imprese ed Enti che producono rifiuti, ha l obbligo di tenere un registro di carico e scarico in cui annotare le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti. I registri contengono le informazioni per risalire al percorso dei rifiuti (origine, quantità, data carico e scarico, metodo di trattamento utilizzato). I registri sono tenuti presso ogni impianto di produzione, stoccaggio e smaltimento, nonché presso le sedi delle imprese che effettuano la raccolta ed il trasporto. Ai sensi dell art. 230 D.Lgs 152/06 i registri di carico e scarico relativi ai rifiuti prodotti dall attività manutentiva del Servizio Idrico Integrato possono essere tenuti nel luogo di produzione che può coincidere con la sede del Gestore del SII. I Registri devono essere vidimati con le stesse modalità fissate dalla normativa sui registri IVA e possono essere tenuti anche mediante carta in formato A4, regolarmente numerata. I registri, sempre integrati con i formulari, sono conservati per cinque anni dalla data dell'ultima registrazione. Le informazioni contenute nel registro sono rese disponibili in qualunque momento all'autorità di controllo che ne faccia richiesta. Formulario del rifiuto: ogni rifiuto prodotto deve essere accompagnato, durante il trasporto, da un apposito documento contenente tutti i dati identificativi del rifiuto stesso, che si chiama formulario di identificazione del rifiuto. Questo modello deve essere redatto in quattro copie di cui una resta al trasportatore, una allo smaltitore/stoccaggio e due al produttore/detentore 4

5 Il formulario deve essere conforme al modello previsto dal D.M. 145/98, vidimato dall Ufficio del registro o Camera di commercio e deve contenere dati riguardanti: 1. Produttore 2. Trasportatore 3. Destinatario e eventuale intermediario 4. Tipo di rifiuto trasportato 5. Data e instradamento Gli obblighi non si applicano ai fanghi destinati allo spandimento in agricoltura per cui ci si deve attenere alla disciplina del D.Lgs. 99/1992; MUD: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti, compreso commercianti ed intermediari od operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti, nonché le Imprese ed Enti che producono rifiuti, è tenuto a comunicare annualmente le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti oggetto della propria attività. Ciò avviene entro il 31 marzo di ogni anno mediante il documento denominato MUD. Sono esclusi dal MUD i produttori di rifiuto non pericolosi e i produttori di rifiuti che conferiscano i medesimi al Servizio pubblico di raccolta. Il MUD è obbligatorio su tutti i registri di impianti che effettuano smaltimento per conto terzi e per i registri di movimentazione di rifiuti speciali pericolosi. Autorizzazioni: Obbligo di iscrizione all Albo Nazionale gestori ambientali Devono essere iscritte all ALBO Nazionale dei gestori ambientali le imprese che: svolgono attività di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi; le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti pericolosi; che effettuano bonifica di commercio ed intermediazione di rifiuti, di gestione di impianti di smaltimento e recupero di titolarità di terzi; di gestione di impianti mobili di smaltimento o recupero rifiuti Le imprese che esercitano raccolta e trasporto dei propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare ovvero quelle che trasportano i propri rifiuti pericolosi in quantità che non eccedano le quantità di 30 Kg al giorno non sono sottoposte alle garanzie finanziarie e sono iscritte a seguito di semplice richiesta scritta alla sezione dell albo (senza obbligo di valutazione della capacità finanziaria e tecnica né necessità di nomina di responsabile tecnico) Tali imprese sono tenute alla corresponsione di un diritto annuale pari a 50 euro. Per il trasporto, esistono due tipologie di autorizzazione: una ordinaria che ha durata di 5 anni e viene rilasciata previo versamento di apposita fideiussione; l efficacia dell autorizzazione è legata al pagamento del diritto annuale di iscrizione; una forma semplificata valida per le imprese che sono iscritte al registro provinciale (art. 214 e 216 del D.Lgs. 152/2006) da rinnovarsi ogni due anni. In questi casi l interessato presenta una comunicazione di inizio attività e l albo lo iscrive nei 10 giorni successivi L albo è organizzato in 10 categorie di attività (5 per la raccolta e trasporto, 2 per la gestione d impianti, 1 per intermediazione e commercio e 2 per la bonifica); ASA ha presentato iscrizione per: 5

6 Categoria 4D, 5-F, 10-A/D: raccolta e trasporto per rifiuti speciali non pericolosi conto terzi, trasporto rifiuti pericolosi conto proprio, interventi di bonifica dell amianto. Trasporto rifiuti conto proprio L ente competente all iscrizione è la Sezione Regionale dell albo gestori ambientali; Qualora però la sezione rilevi il mancato rispetto della normativa tecnica, quest ultima propone alla Provincia di disporre il divieto di inizio ovvero di prosecuzione dell attività Il diritto annuale è versato all albo. Esenzioni dall iscrizione all Albo Nazionale gestori ambientali Ai sensi dell art. 110 del D.Lgs 152/06 il Gestore del SII, la Provincia, d'intesa con l'autorità d'ambito, in relazione a particolari esigenze e nei limiti della capacità residua di trattamento, autorizza il gestore del servizio idrico integrato a smaltire nell'impianto di trattamento di acque reflue urbane rifiuti liquidi, limitatamente alle tipologie compatibili con il processo di depurazione. Il Gestore del SII è comunque autorizzato ad accettare in impianti con caratteristiche e capacità depurative adeguate, che rispettino i valori limite di cui all'articolo 101, commi 1 e 2, i seguenti rifiuti e materiali, purché provenienti dal proprio Ambito territoriale ottimale oppure da altro Ambito territoriale ottimale sprovvisto di impianti adeguati: rifiuti costituiti da acque reflue che rispettino i valori limite stabiliti per lo scarico in fognatura; rifiuti costituiti dal materiale proveniente dalla manutenzione ordinaria di sistemi di trattamento di acque reflue domestiche previsti ai sensi dell'articolo 100, comma 3; materiali derivanti dalla manutenzione ordinaria della rete fognaria nonché quelli derivanti da altri impianti di trattamento delle acque reflue urbane, nei quali l'ulteriore trattamento dei medesimi non risulti realizzabile tecnicamente e/o economicamente, L'attività può essere consentita purché non sia compromesso il possibile riutilizzo delle acque reflue e dei fanghi. Allo smaltimento dei rifiuti qui indicati si applica l'apposita tariffa determinata dall'autorità d'ambito. ASA gestisce un impianto per lo smaltimento di rifiuti liquidi Impianti sottoposto ad AIA Autorizzazione Integrata Ambientale (D.Lgs. 59/2005) identificato nell impianto di Paduletta nel comune di Livorno. L AIA sostituisce ad ogni effetto visti, pareri e concessioni di organi regionali, provinciali e comunali e deve contenere il quadro di compatibilità ambientale. In particolare: Descrizione delle componenti ambientali potenzialmente soggette a subire gli effetti del progetto, sia in fase di realizzazione che di esercizio Analisi dei vincoli territoriali presenti, anche in riferimento a quanto previsto dai piani regionali, analisi delle previsioni degli strumenti urbanistici Verifica del rischio idraulico Previsti sistemi di gestione e monitoraggio ambientale Descrizione dei cicli di lavorazione e dei rifiuti prodotti Analisi della viabilità e delle varie emissioni prodotte (sonore, in atmosfera ecc..) Sistemi di intervento in caso di emergenze ambientali 6

7 3. Riferimenti normativi Norme in materia di gestione dei rifiuti D.Lgs. n.152/2006 parte IV Eliminazione degli oli usati D. Lgs n.95/92 Utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura D. Lgs n. 99/92 Rifiuti elettrici ed elettronici: art. 44 del D.Lgs 5 febbraio 1997, n. 22; batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi: L. 9 novembre 1988, n Rifiuti sanitari: DPR 15 luglio 2003, n. 254; Veicoli fuori uso: direttiva 2000/53/CE e D.Lgs 24 giugno 2003, n. 209, ferma restando quanto previsto dall'articolo 5, comma 4, della citata direttiva 2000/53/CE; Recupero dei rifiuti dei beni e prodotti contenenti amianto: DM 29 luglio 2004, n Responsabilità per quanto riguarda la procedura gestionale 4.1. Verifica Responsabile Ufficio Ambiente Responsabile Impianti Acque Potabili e Acque Reflue Responsabile Esercizio/Manutenzione Reti Responsabile Coord. Territoriale Impianti Acque Reflue 4.2. Approvazione Dirigente Servizio Tecnico e Studi Dirigente Gestione Impianti Dirigente Gestione Reti Dirigente Servizi Gas 5. Modalità gestionali 5.1. Tipologia dei rifiuti prodotti da ASA Riportiamo di seguito la tabella n.1 contenente l elenco dei rifiuti principali che vengono prodotti presso gli impianti acquedottistici, di depurazione e di decompressione del gas, presso i cantieri stradali relativi ad interventi su canalizzazioni di acqua, fognatura e gas metano e presso le sedi aziendali presenti su tutto il territorio dove ASA spa gestisce il servizio idrico integrato ed il servizio di distribuzione del gas metano. ASA gestisce i rifiuti ai sensi dell art. 110 e 230 del D.Lgs 152/06. Di seguito si riporta l elenco dei rifiuti movimentati e registrati nello svolgimento dell attività di Gestore del servizio Idrico Integrato e Gestore dell impianto Industriale di Paduletta. Tabella n soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da SOLVENTI ORGANICI ALOGENATI, SOLUZIONI DI LAVAGGIO ED ACQUE MADRI sospensioni acquose contenenti pitture e vernici, diverse da TONER PER STAMPA ESAURITI rifiuti liquidi acquosi prod. dal recup. in loco dell'argento, div. da acidi non specificati altrimenti soluzioni acquose di lavaggio, diverse da quelle di cui alla voce

8 LIMATURA E TRUCIOLI DI MATERIALI PLASTICI emulsioni e soluzioni per macchinari, non contenenti alogeni soluzioni acquose di lavaggio ALTRI OLII PER MOTORI, INGRANAGGI E LUBRIFICAZIONI acque oleose prodotte dalla separazione olio/acqua altre emulsioni ALTRI SOLVENTI E MISCELE DI SOLVENTI Imballaggi in plastica IMBALLAGGI IN MATERIALI MISTI ASSORBENTI, MATERIALI FILTRANTI, STRACCI E INDUMENTI PROTETTIVI DIV (Filtri Gas) VEICOLI FUORI USO FILTRI OLIO TRASFORMATORI E CONDENSATORI CONTENENTI PCB APPARECCHIATURE FUORI USO CONTENENTI PCB O DA ESSI CONTAMINATE DIV. DA QUELLE DI CUI ALLA VOCE APPARECCHIATURE FUORI USO CONTENENTI COMPON. PERICOLOSI DIV DA APPARECCHIATURE FUORI USO DIVERSE DA QUELLE DI CUI ALLA VOCE E soluzioni acquose di scarto, contenenti sostanze pericolose soluzioni acquose di scarto, diverse da quelle di cui alla voce SOST. CHIMICHE DI LABORATORIO CONT. SOST. PERICOLOSE COMPR. MISCELE DI SOSTANZE CHIMICHE DI LABORATORIO BATTERIE AL PIOMBO BATTERIE ALCALINE (TRANNE ) Legno Plastica Miscele bituminose FERRO E ACCIAIO rifiuti misti dell'attività di costruz. e demoliz., div. da , e materiali da costruzione contenenti amianto rifiuti misti dell'attività di costruz. e demoliz., div. da , e Sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze pericolose miscugli di rifiuti contenenti almeno un rifiuto pericoloso percolato di discarica, diverso da quello di cui alla voce VAGLIO rifiuti dell'eliminazione della sabbia fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane fanghi prodotti da altri trattamenti delle acque reflue industriali, div. da RIFIUTI SOLIDI PRODOTTI DAI PROCESSI DI FILTRAZIONE E VAGLIO PRIMARIO fanghi prodotti dai processi di chiarificazione dell'acqua CARBONE ATTIVO ESAUSTO SOLUZIONI E FANGHI DI RIGENERAZIONE DELLE RESINE TUBI FLUORESCENTI ED ALTRI RIFIUTI CONTENENTI MERCURIO fanghi delle fosse settiche rifiuti della pulizia delle fognature 5.2. Modalità di tenuta della documentazione 8

9 Formulari di identificazione dei rifiuti Ai sensi dell art. 193 del DLgs.152/06, durante il trasporto il rifiuto, ad eccezione del rifiuto solido urbano (RSU), deve essere accompagnato dall apposito formulario di identificazione. Il formulario deve essere redatto in 4 copie, compilato, datato e firmato dal detentore del rifiuto e/o produttore del rifiuto e controfirmato dal trasportatore. Una copia deve rimanere presso il detentore, le altre tre devono essere controfirmate e datate dal destinatario del rifiuto. Una di esse verrà acquisita dal destinatario stesso (luogo di smaltimento o stoccaggio), le altre due vanno al trasportatore che ne tratterà una per sé ed una verrà da lui restituita al detentore (quarta copia) e produttore del rifiuto entro 3 mesi. I formulari devono essere numerati e vidimati presso l Ufficio del registro o le CCIAA. Il personale ASA che chiamato a redigere i formulari deve essere opportunamente formato. L avvenuta formazione viene effettuata secondo le procedure aziendali di registrazione. L inesatta compilazione determina sanzioni amministrative pecuniarie ai sensi dell art.258 del D. Lgs.152/06. Il trasportatore deve essere iscritto all Albo Nazionale delle Imprese che gestiscono i rifiuti nella opportuna categoria. Talvolta il trasportatore può essere iscritto all Albo degli smaltitori e quindi essere smaltitore finale. In assenza dell evidenza di autorizzazioni da parte del trasportatore, il rifiuto non potrà essere dato in carico allo stesso trasportatore. Tutti i movimenti di produzione o smaltimento rifiuti (senza formulario nel caso di produzioni in situ), ad eccezione dei conferimenti all impianto di trattamento rifiuti liquidi di Paduletta per cui si fa riferimento alla Procedura specifica di accettazione rifiuti liquidi presso l impianto di Paduletta devono essere approvati dal responsabile del settore attraverso il modulo fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri. Ad eccezione del caso di conferimento ai depositi temporanei (la cui registrazione di carico puo essere comunicata entro una settimana dalla produzione), i fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri compilati opportunamente devono essere consegnati entro 24 ore dall avvenuta movimentazione all Uff. Gestione Documentazione Rifiuti (GDR). Il documento ha valore di approvazione e sarà sufficiente per attivare l inserimento nel registro e la successiva consuntivazione a fini amministrativi. Registri di carico e scarico e Modelli Unici di Denuncia (MUD) La registrazione deve essere effettuata per ogni rifiuto entro una precisa tempistica che si differenzia secondo l attività svolta nei confronti del rifiuto: -entro 10 giorni lavorativi dalla produzione per il produttore del rifiuto; -entro 10 giorni lavorativi dall effettuazione del trasporto per il trasportatore; -entro 2 giorni lavorativi dalla presa in carico del rifiuto da parte dello smaltitore. I registri devono essere tenuti presso ogni impianto dove avviene la produzione di un rifiuto o il suo smaltimento o presso la sede aziendale ai sensi dell art 230. Nel caso di ASA, dove esistono innumerevoli luoghi di produzione dei rifiuti (depuratori) in genere non presidiati da personale, è ammesso detenere i registri presso la sede centrale o sedi centrali 9

10 periferiche. Di tale circostanza è stata data formale comunicazione agli Uffici competenti della Provincia. I registri vengono compilati in sede centrale dall Ufficio Gestione Documentazione Rifiuti (Uff. GDR) da personale formato ed aggiornato adeguatamente sotto il coordinamento del Responsabile Ufficio Ambiente di ASA. La registrazione viene effettuata su supporto informatico (software ECOS) dal personale dell Uff. GDR. La registrazione avviene a seguito della consegna all Uff. GDR dei formulari o a seguito della consegna del modulo appositamente compilato fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri. La compilazione del modulo fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri corrisponde alla conferma da parte del responsabile del settore che ha prodotto/trasportato/smaltito il rifiuto che il movimento è stato autorizzato. La responsabilità della consegna dei formulari nella tempistica adeguata al rispetto della Vigente Normativa di registrazione è a cura del responsabile del settore che ha prodotto/trasportato/smaltito il rifiuto. In assenza di corretta compilazione del fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri l Uff. GDR non potrà procedere alla corretta rendicontazione dei movimenti di rifiuti per ditta, tipologia di rifiuto e per centro di costo, al Controllo di Gestione ASA per la successiva fatturazione. E a cura dell UGDR la verifica di corrispondenza dei pesi indicati nei formulari con i pesi a destino e l invio dei resoconti per la verifica di fatturazione all uff. Controllo di Gestione ASA. I formulari fanno parte integrante dei registri ed una volta stampati devono essere archiviati insieme per 5 anni. A fine mese, indicativamente entro il 10 di ogni mese, viene effettuata per ciascun registro informatico dall Uff. GDR: stampa in definitivo (informatica o cartacea) del registro del mese precedente con allegati i relativi formulari stampa dei dati di reports dei movimenti mensili di rifiuti per ditta, tipologia di rifiuto e per centro di costo inviato al Controllo di Gestione ASA per la successiva fatturazione, Tale materiale viene inviato dall Uff. GDR ai Coordinatori di Zona nelle sedi Aziendali di competenza e rimane sotto la responsabilità di archiviazione per 5 anni di ciascun coordinatore. Gli archivi devono essere chiaramente identificati nelle Sedi Aziendali. Le sedi Aziendali sono: Sede Livorno Comuni di: Livorno Collesalvetti Capraia Orciano Sede Bassa Val di Cecina Comuni di: Rosignano, Cecina, Santa Luce, Castellina Marittima, Riparbella, Guardistallo, Montescudaio, Bibbona, Casale Marittimo Sede Val di Cornia Comuni di: Castagneto Carducci, Piombino, Campiglia Uff. GDR ASA Sede San Pietro in Palazzi ASA Sede Venturina SedeASA 10

11 Marittima, Suvereto, Sassetta, Monteverdi, San Vincenzo Sede Alta Val di Cecina: Comuni di: Volterra Sede Elba: Comuni di: Portoferraio, Capoliveri, Rio Marina, Rio Elba, Porto Azzurro, Marciana, Marciana Marina, Campo nell Elba Impianto Volterra ASA Sede Portoferraio ASA Il registro di carico/scarico deve essere messo prontamente a disposizione dell Autorità di controllo presso ogni impianto di produzione/smaltimento pertanto, in occasione della visita di tali Autorità, sul luogo dell ispezione viene inviato, a mano, via fax o , copia di tale registro. La redazione dei registri di carico e scarico e la predisposizione del MUD vengono svolte da personale qualificato ed adeguatamente formato dell Uff.GDR. La inesatta, ritardata o mancata annotazione sui registri o l inesattezza nella compilazione del MUD è sanzionata con sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell art.258 del DLgs.152/06. Tempi e modalità di registrazione degli depositi temporanei La corretta tenuta (identificazione e separazione) dei depositi temporanei, viene fatta a cura del Coordinatore di Zona della sede dove avviene il deposito. La verifica del rispetto di quanto prescritto dalla Normativa Vigente per la tenuta dei depositi temporanei viene effettuata con l ausilio dell Uff. GDR relativamente alle quantità stoccate ed programmazione di movimentazione. La comunicazione delle quantità prodotte o stoccate avviene attraverso il modulo fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri, nella seconda parte. La produzione deve essere registrata entro 10 gg lavorativi. A tal fine, per quanto riguarda gli impianti e le sedi, l avvenuta produzione di rifiuto (ivi compresi i fanghi di depurazione biologica ed il vaglio prodotti dagli impianti di depurazione e ) deve essere inviata per la registrazione con scadenza almeno settimanale all Uff. GDR. La mancata applicazione della presente procedura puo causare la sanzionabilità per abbandono di rifiuti. 11

12 FASI OPERATIVE E FLUSSO FORMULARI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI Registrazione movimento rifiuto 10 gg lavorativi Produttore diverso da ASA Condomini Enti pubblici(ex art. 110 D.Lgs 152/06) Ditte private che conferiscono all impianto trattamento reflui industriali di Paduletta ASA Produttore (imp. Depurazione/ rifiuti speciali da attività di manutenzione gestore SII) Copia n.1 formulario (trattenuta) Copia n.4 controfirmata formulario (ricevuta) Ttrasporto da parte di trasportatore terzi(*) Ttrasporto da parte di ASA Copie n.2,3,4 Formulario Copia n.2, controfirmata formulario (trattenuta) Compostaggio o spandimento in agricoltura Depuratori ASA (art. 110) Paduletta (Impianto trattamento rifiuti liquidi autorizzato) Destinatario autorizzato a recupero o smaltimento finale (discarica,/ impianti specializzati) Copia n.,3 controfirmata Formulario (trattenuta) Registrazione movimento rifiuto 2 gg lavorativi 5.4. Compilazione e verifica della documentazione di Legge. Responsabilità. La compilazione dei formulari di identificazione dei rifiuti è affidata al personale operativo che lavora sull impianto /cantiere dove si ha la produzione o lo smaltimento dei rifiuti stessi. La verifica della corretta e completa redazione dei formulari è affidata ai Responsabili operativi di Zona che gestiscono il personale di cui sopra e che hanno la responsabilità di redigere il modulo fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri. La corretta redazione dei Registri e dei MUD, l ottenimento delle necessarie autorizzazioni e la verifica della corretta tenuta della documentazione nonché dell avvenuta formazione del personale inerente alla presente procedura, è affidata all Uff. GDR sotto la responsabilità dell Uff. Ambiente. 12

13 Allegato: FAC SIMILE (con esempi di compilazione) DELFOGLIO DI RIEPILOGO MOVIMENTAZIONE RIFIUTI GIORNALIERI Responsabile movimentazione rifiuti Settore ASA Scheda obbligatoria per ogni movimentazione di rifiuti sottoposti ad obbligo di registrazione da compilare giornalmente (fa eccezione Paduletta per la fase di accettazione carichi). I formulari relativi a ciascuna movimentazione possono essere trasmessi all' Uff.GDR anche a mezzo posta ordinaria. campi obbligatori formulario/giorno x n. formulario XRB775618/06 RFK069973/06 RFK189194/06 RIF14213/99 RIF23292/04 RIF21320/03 x produttore (1) ASA ASA DITTE E PRIVATI ASA ASA ASA x luogo di produzione (1) IMP BOLGHERI SEDE LIVORNO DITTE E PRIVATI TERR C.LE COLLESALVETTI TERR C.LE DI CECINA ASA IMP I.T.F. ASA IMP PADULETTA x trasportatore (1) TOSCANA ECO FANGHI LUNIROT TECNOSPURGHI ASA RARI TOSCANA ECO FANGHI x destinatario(1) ASA IMP BIBBONA LUNIROT ASA IMP PADULETTA ASA IMP CECINA M. FINAGRI AZ.AG.STURMA PAOLO REA - DISCARICA LO SCAPIGLIATO x intermediari (1) / / / / RARI denominazione rifiuto FANGHI PRODOTTI DA TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE APPARECCHIATURA FUORI USO CONTENENTE PBC FANGHI DELLE FOSSE SETTICHE RIFIUTI DELLE PULIZZIE DELLE FOGNATURE FANGHI PRODOTTI DA TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE FANGHI PRODOTTI DA ALTRI TRAT. ACQUE INDUSRIALI DIV DA x codice CER (2) * H6 H7 H stato fisico 4 - LIQUIDO 2 - SOLIDO 4 - LIQUIDO 4 - LIQUIDO 3 - PALABILE 3 - PALABILE n.colli 1 x quantità (kg) x destinazione (recupero/smaltimento)( 3) D08 (Trattamento biologico) R13 (Messa in riserva prima delle operazioni da R1 a R12) D09 (Trattamento fisico/chimico) D08 (Trattamento biologico) (da chiedere x telefono all'intermediario) R10 (Spandimento in agricoltura) (da chiedere x telefono al destinatario) D01 (Deposito sul o nel suolo) targa automezzo CG799JZ CH420FP CN031WR BF758BY CN001WR CG823JZ x x Responsabile produzione rifiuti campi obbligatori x data emissione formulario inviato a U.GDR data di scarico in caso di Ricevitore ASA denominazione rifiuto 22/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2007 Settore ASA OLIO PER MOTORI ED INGRANAGGI Scheda obbligatoria per produzione rifiuti sottoposti ad obbligo di registrazione (fanno eccezione: terre e rocce da scavo - apparecchiature obsolete) x codice CER (2) x n. pezzi x quantità (kg) 10 volume precedentemente stoccato x data di produzione x luogo di stoccaggio OFFICINA (1) Indicare sempre il comune. (2) Se pericoloso mettere un asterisco accanto al codice. (3) indicare: R13/R3 /R10/D8/D9/D1 13

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Procedura Gestionale GESTIONE RIFIUTI

Procedura Gestionale GESTIONE RIFIUTI 2 21.09.12 Aggiornamenti generali e normativi B. La Comba G. Grapsa M. Failli B. Abrate M. Ruggiero T. Biasotto F. Pacini F. Federighi A. Postorino F. Quattrocchi M. Brilli M. Mori C. Calastri G. Colasanto

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI LIQUIDI MEDIANTE AUTOSPURGO SCRITTURA PRIVATA AUTORIZZATIVA DEL CONFERIMENTO

CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI LIQUIDI MEDIANTE AUTOSPURGO SCRITTURA PRIVATA AUTORIZZATIVA DEL CONFERIMENTO CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI LIQUIDI MEDIANTE AUTOSPURGO SCRITTURA PRIVATA AUTORIZZATIVA DEL CONFERIMENTO L anno 20, il giorno del mese di, nella sede del Consorzio Industriale Provinciale

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari GESTIONE DEI RIFIUTI Parte IV del D.lgs 152/2006 Norme in materia di gestione dei rifiuti RIFIUTO: qualsiasi

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE l.r. 3 dicembre 2007 n. 31 (NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI) Allegato obbligatorio

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119 CER Nome comune Nome ufficiale 120109* Acqua e olio Emulsioni e soluzioni per macchinari non contenenti alogeni 80120 Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura

Dettagli

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti NORMATIVE La legge nr. 22 del 05/02/1997, nota come "Decreto Ronchi" è un decreto attuativo alle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/9262/CEE relativa agli imballaggi

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI SPECIALI Pag. 1/12 PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTA VERIFICATA APPROVATA 0/0 16.02.04 File: PR 09_RIFIUTI_SPECIALI definitivo 1 RIFIUTI SPECIALI Pag. 2/12 Indice

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia.

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. Al fine di ridurre l'impatto ambientale,si occupa del riciclaggio dei materiali

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE DOTAZIONI DI SICUREZZA PER I LOCALI DESTINATI ALLA VENDITA E AL DEPOSITO - D.G.R. 7-10295 del 5/8/2003 PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016 CIRCOLARE N. 010 15.01.2016 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Modello Unico di Dichiarazione ambientale scadenza del 30 aprile 2016. Servizio di ANCE Bergamo per la compilazione e presentazione

Dettagli

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 Imprese, enti, soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ed assimilati Premessa

Dettagli

Ciclo del recupero :

Ciclo del recupero : AZIENZA PRODUTTRICE, luogo di produzione rifiuti Destinati al recupero Ciclo del recupero : Deve essere applicata la disciplina del deposito temporaneo o stoccaggio dei rifiuti REGISTRI - SISTRI Deve essere

Dettagli

La gestione dei rifiuti La teoria

La gestione dei rifiuti La teoria La gestione dei rifiuti La teoria Destinatario Formulario Registro C/S Sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. I rifiuti vengono classificati in relazione

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

Gestione rifiuti prodotti Rev. 03

Gestione rifiuti prodotti Rev. 03 ACCAM S.P.A. Strada Comunale di Arconate 21052 Busto Arsizio Tel 0331-351560 Fax 0331-351780 COD FISC PIVA 00234060127 Rev. 03 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. ABBREVIAZIONI... 2 4. MODALITÀ

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

Argomento Istruzioni Scheda

Argomento Istruzioni Scheda Comunicazione / Scheda / modello 0) Scheda Anagrafica autorizzazioni 1) Comunicazione rifiuti semplificata 1) Comunicazione rifiuti semplificata Scheda SRS 1/2/3/4 1) Comunicazione rifiuti semplificata

Dettagli

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti Gestione e consulenza rifiuti elettronici e da ufficio v.2.0 del 06/09/2011 Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO 2 Le presenti linee

Dettagli

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Elena Anselmetti Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio Le nuove norme nell ambito degli Agrofarmaci Biella, 2 febbraio 2016

Dettagli

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.:

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: APPENDICE I Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: CER DESCRIZIONE 01 04 07* rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi

Dettagli

ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA. L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n.

ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA. L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n. ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n. 495 OGGETTO: Pr ovvedi ment i appl i cat i vi del Dl gs 22/ 1997 sui

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

COMUNE DI VILLENEUVE

COMUNE DI VILLENEUVE COMUNE DI VILLENEUVE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. CHAMPLONG DESSUS NEL COMUNE DI VILLENEUVE DI 2^ CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI. Approvato

Dettagli

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA Dipartimento Attività Tecnico-Patrimoniali e Tecnologiche U.O.Edile Impiantistica Azienda USL di Ferrara Comacchio, 23 ottobre 2009 COMPITI DEL SERVIZIO

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 N 3 /Reg. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 OGGETTO: Integrazione e rinnovo autorizzazione alla soc. Nicola Veronico

Dettagli

ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto

ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto C.E.R. 02 Rifiuti non pericolosi DESCRIZIONE QUANTITA (TONN/ANNO) 3.000 OPERAZIONE DI GESTIONE

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

Tariffario rifiuti speciali 2015

Tariffario rifiuti speciali 2015 Tariffario rifiuti speciali 2015 Servizi offerti L ACR accetta tutti i rifiuti speciali elencati nella nuova Ordinanza sul traffico dei rifiuti (). L ACR accetta anche gli apparecchi elettrici ed elettronici

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione A cosa servono i registri, formulari TRACCIABILITA DEI RIFIUTI Il registro di carico e scarico integrato

Dettagli

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti CIRCOLARE n. 01/11 Prot. GN/19/11 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4-40131 Bologna Tel. 051

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale - Regio Decreto 19.10.1930, n. 1398 (art. 674) Approvazione del testo definitivo del Codice Penale (Suppl. Ord. alla G.U. n. 253 del 28.10.1930 - Legge 08.07.1986, n. 349 Istituzione del Ministero dell'ambiente

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, pulizia, sbucciatura,

fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, pulizia, sbucciatura, REFECTA s.r.l. - ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto sito in Via Grotte di Nottola 21 Cisterna di Latina (LT) C.E.R. DESCRIZIONE

Dettagli

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI Le formalità da seguire per procedere alle distruzioni di beni, analoghe sia per le rimanenze di magazzino che per i beni strumentali, sono attualmente previste dal D.P.R.

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI Spett.le AZIENDA Loro Sede Trento, 01/02/2016 Oggetto: MUD 2016 - modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2016. Termine per aderire al servizio: 11/03/2016. È stato pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE 1 INTRODUZIONE Il sistema registro di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti

Dettagli

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002)

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002) Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18,

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 Comunicazione Rifiuti speciali ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 I soggetti obbligati a presentare il MUD 2014 sono: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti; commercianti

Dettagli