Procedura Gestionale GESTIONE RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura Gestionale GESTIONE RIFIUTI"

Transcript

1

2 Premessa Nel corso del 2006 è stato emanato il D.Lgs. n.152/2006 in materia ambientale. La parte IV di tale Decreto riguarda le Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati. Tale normativa va a sostituire integralmente quella previgente ed in particolare il D.Lgs. n.22/1997 e s.m. 1. Scopo e campo di applicazione Campo di applicazione Bassa Val di Isola Livorno (Nord Val di Cornia Alta Val di Cecina Cecina d Elba Est) X X X X X La presente procedura ha come oggetto la gestione dei rifiuti speciali prodotti, trasportati o smaltiti da ASA per conto proprio o per conto terzi negli impianti, sui cantieri stradali e nelle sedi aziendali di ASA Spa. In Alta Val di Cecina si applica la presente procedura ma con l eccezione delle modalità di registrazione che vengono effettuate a mano su registro cartaceo presso l impianto di depurazione di Volterra Nord. 2. Terminologia e definizioni Rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate in allegato A alla parte quarta al DLgs 152/06 (identificata con un codice CER) e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi; i rifiuti si distinguono in rifiuti urbani e rifiuti speciali. codice CER: Codice Europeo del Rifiuto (D.Lgs 152/06). Ogni rifiuto viene classificato con un codice univoco che lo contraddistingue riportato in allegato A alla parte quarta al D. Lgs 152/06. Un materiale figurante nel CER non è in tutte le circostanze un rifiuto, ma solo quando esso soddisfa la definizione di rifiuto. Ogni rifiuto fin dalla sua produzione ed in ogni successiva fase di gestione, incluso il trasporto, deve essere correttamente identificato con i codici del nuovo elenco dei rifiuti. Il codice CER è composto da 3 coppie di cifre xx yy zz. xx Le prime due cifre individuano una provenienza (ad esempio 09 rifiuti dell industria fotografica oppure 10 rifiuti prodotti da processi termici oppure 20 rifiuti urbani) yy Le seconde cifre individuano più nello specifico la lavorazione (ad esempio industria del ferro e dell acciaio oppure metallurgia termica dell alluminio, industria del vetro oppure industria della ceramica) zz Le ultime due cifre individuano il rifiuto (ad esempio ceneri pesanti e ceneri leggere di carbone ) Rifiuti contrassegnati nell'elenco con un asterisco «*» sono rifiuti pericolosi. Oltre ai rifiuti pericolosi che sono tali solo in base alla provenienza, sono state aggiunti i cosiddetti codici specchio che sono pericolosi in base alla presenza di sostanze e contaminanti. (ad esempio * rifiuti provenienti dalla depurazione dei fumi contenenti sostanze pericolose e rifiuti prodotti della depurazione dei fumi diversi da quelli di cui alla voce *) 2

3 Produttore: la persona che ha prodotto direttamente il rifiuto o lo ha modificato; la responsabilità del produttore di rifiuti ha un termine finale che coincide con la consegna al sistema pubblico di raccolta oppure con il ricevimento della quarta copia del formulario (vedi più avanti) controfirmata dall impianto cui il rifiuto è stato conferito. Nel caso di mancato ricevimento della quarta copia del formulario, entro 3 mesi dalla data di conferimento (6 per transfrontaliere) il produttore deve fare comunicazione alla Provincia competente per territorio. Nel caso di conferimento di rifiuti a soggetti autorizzati alle operazioni di raggruppamento, ricondizionamento e deposito preliminare di rifiuti (D13, D14 e D15) la responsabilità dei produttori è esclusa a condizione che questi ultimi ricevano, oltre al formulario di trasporto, il certificato di avvenuto smaltimento rilasciato dal titolare dell impianto che effettua le operazioni da D1 a D12. Le relative modalità di attuazione sono definite con D. ministero Ambiente e Tutela del Territorio (D.L. 308/04). Il produttore che invia propri rifiuti a impianto non autorizzato o privato cittadino che smaltisce fanghi da fosse settiche o amianto con ditte non autorizzate allo scopo incorre nelle sanzioni previste per abbandono di rifiuti. Luogo di produzione dei rifiuti: uno o più edifici o stabilimenti o siti infrastrutturali collegati tra loro all'interno di un'area delimitata in cui si svolgono le attività di produzione dalle quali sono originati i rifiuti. Ai sensi dell art. 230 D.Lgs 152/06 il luogo di produzione dei rifiuti derivanti da attività di manutenzione alle infrastrutture, effettuata direttamente dal gestore dell'infrastruttura a rete e degli impianti per l'erogazione di forniture e servizi di interesse pubblico o tramite terzi, può coincidere con la sede del cantiere che gestisce l'attività manutentiva o con la sede locale del gestore della infrastruttura nelle cui competenze rientra il tratto di infrastruttura interessata dai lavori di manutenzione. Trasportatore: colui che raccoglie e trasporta il rifiuto dal luogo di produzione o stoccaggio per conferirlo al luogo di stoccaggio o di smaltimento o di recupero; Durante il trasporto i rifiuti devono essere sempre accompagnati dal formulario di identificazione. L obbligo di formulario non si applica al trasporto di rifiuti urbani effettuato dal gestore del servizio pubblico né per i trasporti di rifiuti non pericolosi effettuati dal produttore, in modo occasionale e saltuario, che non eccedano la quantità di trenta Kg al giorno. Smaltitore: colui che svolge le operazioni che sono elencate nell allegato B alla parte quarta del DLgs.152/06 e che sottrae definitivamente una sostanza, un materiale o un oggetto dal circuito economico e/o di raccolta; Recupero: le operazioni che utilizzano rifiuti per generare materie prime secondarie, combustibili o prodotti, attraverso trattamenti o selezioni previste nell'allegato C alla parte quarta del D.Lgs 152/06 Stoccaggio: le attività di smaltimento consistenti nelle operazioni di deposito preliminare di rifiuti di cui al punto D15 dell'allegato B alla parte quarta nonché le attività di recupero consistenti nelle operazioni di messa in riserva di materiali di cui al punto R13 dell'allegato C sottoposte ad autorizzazione. Deposito temporaneo: il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui gli stessi sono prodotti e non sottoposto ad autorizzazione purchè vengano rispettate le seguenti condizioni: i rifiuti depositati non devono contenere policlorodibenzodiossine, policlorodibenzofurani, policlorodibenzofenoli in quantità superiore a 2,5 ppm, né policlorobifenile e policlorotrifenili in quantità superiore a 25 ppm; 3

4 il deposito temporaneo deve essere effettuato per categorie omogenee di rifiuti e nel rispetto delle relative norme tecniche, nonché, per i rifiuti pericolosi, nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute; devono essere rispettate le norme che disciplinano l'imballaggio e l'etichettatura dei rifiuti pericolosi; i rifiuti pericolosi devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo le seguenti modalità alternative, a scelta del produttore; con cadenza almeno bimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito; quando il quantitativo di rifiuti pericolosi in deposito raggiunga i 10 metri cubi. se il quantitativo di rifiuti non supera i 10 metri cubi l'anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno; limitatamente al deposito temporaneo effettuato in stabilimenti localizzati nelle isole minori, entro il termine di durata massima di un anno, indipendentemente dalle quantità; i rifiuti non pericolosi devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo le seguenti modalità alternative, a scelta del produttore; con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito; quando il quantitativo di rifiuti non pericolosi in deposito raggiunga i 20 metri cubi. allorché il quantitativo di rifiuti non superi i 20 metri cubi l'anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno; limitatamente al deposito temporaneo effettuato in stabilimenti localizzati nelle isole minori, entro il termine di durata massima di un anno, indipendentemente dalle quantità; Registri di carico e scarico: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti, compreso commercianti ed intermediari od operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti, nonché le Imprese ed Enti che producono rifiuti, ha l obbligo di tenere un registro di carico e scarico in cui annotare le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti. I registri contengono le informazioni per risalire al percorso dei rifiuti (origine, quantità, data carico e scarico, metodo di trattamento utilizzato). I registri sono tenuti presso ogni impianto di produzione, stoccaggio e smaltimento, nonché presso le sedi delle imprese che effettuano la raccolta ed il trasporto. Ai sensi dell art. 230 D.Lgs 152/06 i registri di carico e scarico relativi ai rifiuti prodotti dall attività manutentiva del Servizio Idrico Integrato possono essere tenuti nel luogo di produzione che può coincidere con la sede del Gestore del SII. I Registri devono essere vidimati con le stesse modalità fissate dalla normativa sui registri IVA e possono essere tenuti anche mediante carta in formato A4, regolarmente numerata. I registri, sempre integrati con i formulari, sono conservati per cinque anni dalla data dell'ultima registrazione. Le informazioni contenute nel registro sono rese disponibili in qualunque momento all'autorità di controllo che ne faccia richiesta. Formulario del rifiuto: ogni rifiuto prodotto deve essere accompagnato, durante il trasporto, da un apposito documento contenente tutti i dati identificativi del rifiuto stesso, che si chiama formulario di identificazione del rifiuto. Questo modello deve essere redatto in quattro copie di cui una resta al trasportatore, una allo smaltitore/stoccaggio e due al produttore/detentore 4

5 Il formulario deve essere conforme al modello previsto dal D.M. 145/98, vidimato dall Ufficio del registro o Camera di commercio e deve contenere dati riguardanti: 1. Produttore 2. Trasportatore 3. Destinatario e eventuale intermediario 4. Tipo di rifiuto trasportato 5. Data e instradamento Gli obblighi non si applicano ai fanghi destinati allo spandimento in agricoltura per cui ci si deve attenere alla disciplina del D.Lgs. 99/1992; MUD: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti, compreso commercianti ed intermediari od operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti, nonché le Imprese ed Enti che producono rifiuti, è tenuto a comunicare annualmente le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti oggetto della propria attività. Ciò avviene entro il 31 marzo di ogni anno mediante il documento denominato MUD. Sono esclusi dal MUD i produttori di rifiuto non pericolosi e i produttori di rifiuti che conferiscano i medesimi al Servizio pubblico di raccolta. Il MUD è obbligatorio su tutti i registri di impianti che effettuano smaltimento per conto terzi e per i registri di movimentazione di rifiuti speciali pericolosi. Autorizzazioni: Obbligo di iscrizione all Albo Nazionale gestori ambientali Devono essere iscritte all ALBO Nazionale dei gestori ambientali le imprese che: svolgono attività di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi; le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti pericolosi; che effettuano bonifica di commercio ed intermediazione di rifiuti, di gestione di impianti di smaltimento e recupero di titolarità di terzi; di gestione di impianti mobili di smaltimento o recupero rifiuti Le imprese che esercitano raccolta e trasporto dei propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare ovvero quelle che trasportano i propri rifiuti pericolosi in quantità che non eccedano le quantità di 30 Kg al giorno non sono sottoposte alle garanzie finanziarie e sono iscritte a seguito di semplice richiesta scritta alla sezione dell albo (senza obbligo di valutazione della capacità finanziaria e tecnica né necessità di nomina di responsabile tecnico) Tali imprese sono tenute alla corresponsione di un diritto annuale pari a 50 euro. Per il trasporto, esistono due tipologie di autorizzazione: una ordinaria che ha durata di 5 anni e viene rilasciata previo versamento di apposita fideiussione; l efficacia dell autorizzazione è legata al pagamento del diritto annuale di iscrizione; una forma semplificata valida per le imprese che sono iscritte al registro provinciale (art. 214 e 216 del D.Lgs. 152/2006) da rinnovarsi ogni due anni. In questi casi l interessato presenta una comunicazione di inizio attività e l albo lo iscrive nei 10 giorni successivi L albo è organizzato in 10 categorie di attività (5 per la raccolta e trasporto, 2 per la gestione d impianti, 1 per intermediazione e commercio e 2 per la bonifica); ASA ha presentato iscrizione per: 5

6 Categoria 4D, 5-F, 10-A/D: raccolta e trasporto per rifiuti speciali non pericolosi conto terzi, trasporto rifiuti pericolosi conto proprio, interventi di bonifica dell amianto. Trasporto rifiuti conto proprio L ente competente all iscrizione è la Sezione Regionale dell albo gestori ambientali; Qualora però la sezione rilevi il mancato rispetto della normativa tecnica, quest ultima propone alla Provincia di disporre il divieto di inizio ovvero di prosecuzione dell attività Il diritto annuale è versato all albo. Esenzioni dall iscrizione all Albo Nazionale gestori ambientali Ai sensi dell art. 110 del D.Lgs 152/06 il Gestore del SII, la Provincia, d'intesa con l'autorità d'ambito, in relazione a particolari esigenze e nei limiti della capacità residua di trattamento, autorizza il gestore del servizio idrico integrato a smaltire nell'impianto di trattamento di acque reflue urbane rifiuti liquidi, limitatamente alle tipologie compatibili con il processo di depurazione. Il Gestore del SII è comunque autorizzato ad accettare in impianti con caratteristiche e capacità depurative adeguate, che rispettino i valori limite di cui all'articolo 101, commi 1 e 2, i seguenti rifiuti e materiali, purché provenienti dal proprio Ambito territoriale ottimale oppure da altro Ambito territoriale ottimale sprovvisto di impianti adeguati: rifiuti costituiti da acque reflue che rispettino i valori limite stabiliti per lo scarico in fognatura; rifiuti costituiti dal materiale proveniente dalla manutenzione ordinaria di sistemi di trattamento di acque reflue domestiche previsti ai sensi dell'articolo 100, comma 3; materiali derivanti dalla manutenzione ordinaria della rete fognaria nonché quelli derivanti da altri impianti di trattamento delle acque reflue urbane, nei quali l'ulteriore trattamento dei medesimi non risulti realizzabile tecnicamente e/o economicamente, L'attività può essere consentita purché non sia compromesso il possibile riutilizzo delle acque reflue e dei fanghi. Allo smaltimento dei rifiuti qui indicati si applica l'apposita tariffa determinata dall'autorità d'ambito. ASA gestisce un impianto per lo smaltimento di rifiuti liquidi Impianti sottoposto ad AIA Autorizzazione Integrata Ambientale (D.Lgs. 59/2005) identificato nell impianto di Paduletta nel comune di Livorno. L AIA sostituisce ad ogni effetto visti, pareri e concessioni di organi regionali, provinciali e comunali e deve contenere il quadro di compatibilità ambientale. In particolare: Descrizione delle componenti ambientali potenzialmente soggette a subire gli effetti del progetto, sia in fase di realizzazione che di esercizio Analisi dei vincoli territoriali presenti, anche in riferimento a quanto previsto dai piani regionali, analisi delle previsioni degli strumenti urbanistici Verifica del rischio idraulico Previsti sistemi di gestione e monitoraggio ambientale Descrizione dei cicli di lavorazione e dei rifiuti prodotti Analisi della viabilità e delle varie emissioni prodotte (sonore, in atmosfera ecc..) Sistemi di intervento in caso di emergenze ambientali 6

7 3. Riferimenti normativi Norme in materia di gestione dei rifiuti D.Lgs. n.152/2006 parte IV Eliminazione degli oli usati D. Lgs n.95/92 Utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura D. Lgs n. 99/92 Rifiuti elettrici ed elettronici: art. 44 del D.Lgs 5 febbraio 1997, n. 22; batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi: L. 9 novembre 1988, n Rifiuti sanitari: DPR 15 luglio 2003, n. 254; Veicoli fuori uso: direttiva 2000/53/CE e D.Lgs 24 giugno 2003, n. 209, ferma restando quanto previsto dall'articolo 5, comma 4, della citata direttiva 2000/53/CE; Recupero dei rifiuti dei beni e prodotti contenenti amianto: DM 29 luglio 2004, n Responsabilità per quanto riguarda la procedura gestionale 4.1. Verifica Responsabile Ufficio Ambiente Responsabile Impianti Acque Potabili e Acque Reflue Responsabile Esercizio/Manutenzione Reti Responsabile Coord. Territoriale Impianti Acque Reflue 4.2. Approvazione Dirigente Servizio Tecnico e Studi Dirigente Gestione Impianti Dirigente Gestione Reti Dirigente Servizi Gas 5. Modalità gestionali 5.1. Tipologia dei rifiuti prodotti da ASA Riportiamo di seguito la tabella n.1 contenente l elenco dei rifiuti principali che vengono prodotti presso gli impianti acquedottistici, di depurazione e di decompressione del gas, presso i cantieri stradali relativi ad interventi su canalizzazioni di acqua, fognatura e gas metano e presso le sedi aziendali presenti su tutto il territorio dove ASA spa gestisce il servizio idrico integrato ed il servizio di distribuzione del gas metano. ASA gestisce i rifiuti ai sensi dell art. 110 e 230 del D.Lgs 152/06. Di seguito si riporta l elenco dei rifiuti movimentati e registrati nello svolgimento dell attività di Gestore del servizio Idrico Integrato e Gestore dell impianto Industriale di Paduletta. Tabella n soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da SOLVENTI ORGANICI ALOGENATI, SOLUZIONI DI LAVAGGIO ED ACQUE MADRI sospensioni acquose contenenti pitture e vernici, diverse da TONER PER STAMPA ESAURITI rifiuti liquidi acquosi prod. dal recup. in loco dell'argento, div. da acidi non specificati altrimenti soluzioni acquose di lavaggio, diverse da quelle di cui alla voce

8 LIMATURA E TRUCIOLI DI MATERIALI PLASTICI emulsioni e soluzioni per macchinari, non contenenti alogeni soluzioni acquose di lavaggio ALTRI OLII PER MOTORI, INGRANAGGI E LUBRIFICAZIONI acque oleose prodotte dalla separazione olio/acqua altre emulsioni ALTRI SOLVENTI E MISCELE DI SOLVENTI Imballaggi in plastica IMBALLAGGI IN MATERIALI MISTI ASSORBENTI, MATERIALI FILTRANTI, STRACCI E INDUMENTI PROTETTIVI DIV (Filtri Gas) VEICOLI FUORI USO FILTRI OLIO TRASFORMATORI E CONDENSATORI CONTENENTI PCB APPARECCHIATURE FUORI USO CONTENENTI PCB O DA ESSI CONTAMINATE DIV. DA QUELLE DI CUI ALLA VOCE APPARECCHIATURE FUORI USO CONTENENTI COMPON. PERICOLOSI DIV DA APPARECCHIATURE FUORI USO DIVERSE DA QUELLE DI CUI ALLA VOCE E soluzioni acquose di scarto, contenenti sostanze pericolose soluzioni acquose di scarto, diverse da quelle di cui alla voce SOST. CHIMICHE DI LABORATORIO CONT. SOST. PERICOLOSE COMPR. MISCELE DI SOSTANZE CHIMICHE DI LABORATORIO BATTERIE AL PIOMBO BATTERIE ALCALINE (TRANNE ) Legno Plastica Miscele bituminose FERRO E ACCIAIO rifiuti misti dell'attività di costruz. e demoliz., div. da , e materiali da costruzione contenenti amianto rifiuti misti dell'attività di costruz. e demoliz., div. da , e Sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze pericolose miscugli di rifiuti contenenti almeno un rifiuto pericoloso percolato di discarica, diverso da quello di cui alla voce VAGLIO rifiuti dell'eliminazione della sabbia fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane fanghi prodotti da altri trattamenti delle acque reflue industriali, div. da RIFIUTI SOLIDI PRODOTTI DAI PROCESSI DI FILTRAZIONE E VAGLIO PRIMARIO fanghi prodotti dai processi di chiarificazione dell'acqua CARBONE ATTIVO ESAUSTO SOLUZIONI E FANGHI DI RIGENERAZIONE DELLE RESINE TUBI FLUORESCENTI ED ALTRI RIFIUTI CONTENENTI MERCURIO fanghi delle fosse settiche rifiuti della pulizia delle fognature 5.2. Modalità di tenuta della documentazione 8

9 Formulari di identificazione dei rifiuti Ai sensi dell art. 193 del DLgs.152/06, durante il trasporto il rifiuto, ad eccezione del rifiuto solido urbano (RSU), deve essere accompagnato dall apposito formulario di identificazione. Il formulario deve essere redatto in 4 copie, compilato, datato e firmato dal detentore del rifiuto e/o produttore del rifiuto e controfirmato dal trasportatore. Una copia deve rimanere presso il detentore, le altre tre devono essere controfirmate e datate dal destinatario del rifiuto. Una di esse verrà acquisita dal destinatario stesso (luogo di smaltimento o stoccaggio), le altre due vanno al trasportatore che ne tratterà una per sé ed una verrà da lui restituita al detentore (quarta copia) e produttore del rifiuto entro 3 mesi. I formulari devono essere numerati e vidimati presso l Ufficio del registro o le CCIAA. Il personale ASA che chiamato a redigere i formulari deve essere opportunamente formato. L avvenuta formazione viene effettuata secondo le procedure aziendali di registrazione. L inesatta compilazione determina sanzioni amministrative pecuniarie ai sensi dell art.258 del D. Lgs.152/06. Il trasportatore deve essere iscritto all Albo Nazionale delle Imprese che gestiscono i rifiuti nella opportuna categoria. Talvolta il trasportatore può essere iscritto all Albo degli smaltitori e quindi essere smaltitore finale. In assenza dell evidenza di autorizzazioni da parte del trasportatore, il rifiuto non potrà essere dato in carico allo stesso trasportatore. Tutti i movimenti di produzione o smaltimento rifiuti (senza formulario nel caso di produzioni in situ), ad eccezione dei conferimenti all impianto di trattamento rifiuti liquidi di Paduletta per cui si fa riferimento alla Procedura specifica di accettazione rifiuti liquidi presso l impianto di Paduletta devono essere approvati dal responsabile del settore attraverso il modulo fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri. Ad eccezione del caso di conferimento ai depositi temporanei (la cui registrazione di carico puo essere comunicata entro una settimana dalla produzione), i fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri compilati opportunamente devono essere consegnati entro 24 ore dall avvenuta movimentazione all Uff. Gestione Documentazione Rifiuti (GDR). Il documento ha valore di approvazione e sarà sufficiente per attivare l inserimento nel registro e la successiva consuntivazione a fini amministrativi. Registri di carico e scarico e Modelli Unici di Denuncia (MUD) La registrazione deve essere effettuata per ogni rifiuto entro una precisa tempistica che si differenzia secondo l attività svolta nei confronti del rifiuto: -entro 10 giorni lavorativi dalla produzione per il produttore del rifiuto; -entro 10 giorni lavorativi dall effettuazione del trasporto per il trasportatore; -entro 2 giorni lavorativi dalla presa in carico del rifiuto da parte dello smaltitore. I registri devono essere tenuti presso ogni impianto dove avviene la produzione di un rifiuto o il suo smaltimento o presso la sede aziendale ai sensi dell art 230. Nel caso di ASA, dove esistono innumerevoli luoghi di produzione dei rifiuti (depuratori) in genere non presidiati da personale, è ammesso detenere i registri presso la sede centrale o sedi centrali 9

10 periferiche. Di tale circostanza è stata data formale comunicazione agli Uffici competenti della Provincia. I registri vengono compilati in sede centrale dall Ufficio Gestione Documentazione Rifiuti (Uff. GDR) da personale formato ed aggiornato adeguatamente sotto il coordinamento del Responsabile Ufficio Ambiente di ASA. La registrazione viene effettuata su supporto informatico (software ECOS) dal personale dell Uff. GDR. La registrazione avviene a seguito della consegna all Uff. GDR dei formulari o a seguito della consegna del modulo appositamente compilato fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri. La compilazione del modulo fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri corrisponde alla conferma da parte del responsabile del settore che ha prodotto/trasportato/smaltito il rifiuto che il movimento è stato autorizzato. La responsabilità della consegna dei formulari nella tempistica adeguata al rispetto della Vigente Normativa di registrazione è a cura del responsabile del settore che ha prodotto/trasportato/smaltito il rifiuto. In assenza di corretta compilazione del fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri l Uff. GDR non potrà procedere alla corretta rendicontazione dei movimenti di rifiuti per ditta, tipologia di rifiuto e per centro di costo, al Controllo di Gestione ASA per la successiva fatturazione. E a cura dell UGDR la verifica di corrispondenza dei pesi indicati nei formulari con i pesi a destino e l invio dei resoconti per la verifica di fatturazione all uff. Controllo di Gestione ASA. I formulari fanno parte integrante dei registri ed una volta stampati devono essere archiviati insieme per 5 anni. A fine mese, indicativamente entro il 10 di ogni mese, viene effettuata per ciascun registro informatico dall Uff. GDR: stampa in definitivo (informatica o cartacea) del registro del mese precedente con allegati i relativi formulari stampa dei dati di reports dei movimenti mensili di rifiuti per ditta, tipologia di rifiuto e per centro di costo inviato al Controllo di Gestione ASA per la successiva fatturazione, Tale materiale viene inviato dall Uff. GDR ai Coordinatori di Zona nelle sedi Aziendali di competenza e rimane sotto la responsabilità di archiviazione per 5 anni di ciascun coordinatore. Gli archivi devono essere chiaramente identificati nelle Sedi Aziendali. Le sedi Aziendali sono: Sede Livorno Comuni di: Livorno Collesalvetti Capraia Orciano Sede Bassa Val di Cecina Comuni di: Rosignano, Cecina, Santa Luce, Castellina Marittima, Riparbella, Guardistallo, Montescudaio, Bibbona, Casale Marittimo Sede Val di Cornia Comuni di: Castagneto Carducci, Piombino, Campiglia Uff. GDR ASA Sede San Pietro in Palazzi ASA Sede Venturina SedeASA 10

11 Marittima, Suvereto, Sassetta, Monteverdi, San Vincenzo Sede Alta Val di Cecina: Comuni di: Volterra Sede Elba: Comuni di: Portoferraio, Capoliveri, Rio Marina, Rio Elba, Porto Azzurro, Marciana, Marciana Marina, Campo nell Elba Impianto Volterra ASA Sede Portoferraio ASA Il registro di carico/scarico deve essere messo prontamente a disposizione dell Autorità di controllo presso ogni impianto di produzione/smaltimento pertanto, in occasione della visita di tali Autorità, sul luogo dell ispezione viene inviato, a mano, via fax o , copia di tale registro. La redazione dei registri di carico e scarico e la predisposizione del MUD vengono svolte da personale qualificato ed adeguatamente formato dell Uff.GDR. La inesatta, ritardata o mancata annotazione sui registri o l inesattezza nella compilazione del MUD è sanzionata con sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell art.258 del DLgs.152/06. Tempi e modalità di registrazione degli depositi temporanei La corretta tenuta (identificazione e separazione) dei depositi temporanei, viene fatta a cura del Coordinatore di Zona della sede dove avviene il deposito. La verifica del rispetto di quanto prescritto dalla Normativa Vigente per la tenuta dei depositi temporanei viene effettuata con l ausilio dell Uff. GDR relativamente alle quantità stoccate ed programmazione di movimentazione. La comunicazione delle quantità prodotte o stoccate avviene attraverso il modulo fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri, nella seconda parte. La produzione deve essere registrata entro 10 gg lavorativi. A tal fine, per quanto riguarda gli impianti e le sedi, l avvenuta produzione di rifiuto (ivi compresi i fanghi di depurazione biologica ed il vaglio prodotti dagli impianti di depurazione e ) deve essere inviata per la registrazione con scadenza almeno settimanale all Uff. GDR. La mancata applicazione della presente procedura puo causare la sanzionabilità per abbandono di rifiuti. 11

12 FASI OPERATIVE E FLUSSO FORMULARI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI Registrazione movimento rifiuto 10 gg lavorativi Produttore diverso da ASA Condomini Enti pubblici(ex art. 110 D.Lgs 152/06) Ditte private che conferiscono all impianto trattamento reflui industriali di Paduletta ASA Produttore (imp. Depurazione/ rifiuti speciali da attività di manutenzione gestore SII) Copia n.1 formulario (trattenuta) Copia n.4 controfirmata formulario (ricevuta) Ttrasporto da parte di trasportatore terzi(*) Ttrasporto da parte di ASA Copie n.2,3,4 Formulario Copia n.2, controfirmata formulario (trattenuta) Compostaggio o spandimento in agricoltura Depuratori ASA (art. 110) Paduletta (Impianto trattamento rifiuti liquidi autorizzato) Destinatario autorizzato a recupero o smaltimento finale (discarica,/ impianti specializzati) Copia n.,3 controfirmata Formulario (trattenuta) Registrazione movimento rifiuto 2 gg lavorativi 5.4. Compilazione e verifica della documentazione di Legge. Responsabilità. La compilazione dei formulari di identificazione dei rifiuti è affidata al personale operativo che lavora sull impianto /cantiere dove si ha la produzione o lo smaltimento dei rifiuti stessi. La verifica della corretta e completa redazione dei formulari è affidata ai Responsabili operativi di Zona che gestiscono il personale di cui sopra e che hanno la responsabilità di redigere il modulo fac simile foglio riepilogo movimentazione rifiuti giornalieri. La corretta redazione dei Registri e dei MUD, l ottenimento delle necessarie autorizzazioni e la verifica della corretta tenuta della documentazione nonché dell avvenuta formazione del personale inerente alla presente procedura, è affidata all Uff. GDR sotto la responsabilità dell Uff. Ambiente. 12

13 Allegato: FAC SIMILE (con esempi di compilazione) DELFOGLIO DI RIEPILOGO MOVIMENTAZIONE RIFIUTI GIORNALIERI Responsabile movimentazione rifiuti Settore ASA Scheda obbligatoria per ogni movimentazione di rifiuti sottoposti ad obbligo di registrazione da compilare giornalmente (fa eccezione Paduletta per la fase di accettazione carichi). I formulari relativi a ciascuna movimentazione possono essere trasmessi all' Uff.GDR anche a mezzo posta ordinaria. campi obbligatori formulario/giorno x n. formulario XRB775618/06 RFK069973/06 RFK189194/06 RIF14213/99 RIF23292/04 RIF21320/03 x produttore (1) ASA ASA DITTE E PRIVATI ASA ASA ASA x luogo di produzione (1) IMP BOLGHERI SEDE LIVORNO DITTE E PRIVATI TERR C.LE COLLESALVETTI TERR C.LE DI CECINA ASA IMP I.T.F. ASA IMP PADULETTA x trasportatore (1) TOSCANA ECO FANGHI LUNIROT TECNOSPURGHI ASA RARI TOSCANA ECO FANGHI x destinatario(1) ASA IMP BIBBONA LUNIROT ASA IMP PADULETTA ASA IMP CECINA M. FINAGRI AZ.AG.STURMA PAOLO REA - DISCARICA LO SCAPIGLIATO x intermediari (1) / / / / RARI denominazione rifiuto FANGHI PRODOTTI DA TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE APPARECCHIATURA FUORI USO CONTENENTE PBC FANGHI DELLE FOSSE SETTICHE RIFIUTI DELLE PULIZZIE DELLE FOGNATURE FANGHI PRODOTTI DA TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE FANGHI PRODOTTI DA ALTRI TRAT. ACQUE INDUSRIALI DIV DA x codice CER (2) * H6 H7 H stato fisico 4 - LIQUIDO 2 - SOLIDO 4 - LIQUIDO 4 - LIQUIDO 3 - PALABILE 3 - PALABILE n.colli 1 x quantità (kg) x destinazione (recupero/smaltimento)( 3) D08 (Trattamento biologico) R13 (Messa in riserva prima delle operazioni da R1 a R12) D09 (Trattamento fisico/chimico) D08 (Trattamento biologico) (da chiedere x telefono all'intermediario) R10 (Spandimento in agricoltura) (da chiedere x telefono al destinatario) D01 (Deposito sul o nel suolo) targa automezzo CG799JZ CH420FP CN031WR BF758BY CN001WR CG823JZ x x Responsabile produzione rifiuti campi obbligatori x data emissione formulario inviato a U.GDR data di scarico in caso di Ricevitore ASA denominazione rifiuto 22/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2007 Settore ASA OLIO PER MOTORI ED INGRANAGGI Scheda obbligatoria per produzione rifiuti sottoposti ad obbligo di registrazione (fanno eccezione: terre e rocce da scavo - apparecchiature obsolete) x codice CER (2) x n. pezzi x quantità (kg) 10 volume precedentemente stoccato x data di produzione x luogo di stoccaggio OFFICINA (1) Indicare sempre il comune. (2) Se pericoloso mettere un asterisco accanto al codice. (3) indicare: R13/R3 /R10/D8/D9/D1 13

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI ANCHE PERICOLOSI

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI ANCHE PERICOLOSI Piano di Gestione dei rifiuti speciali anche pericolosi della Provincia di LIVORNO Provincia di Livorno Settore 7- Tutela ambiente U.O. Rifiuti e bonifiche siti inquinati Con la collaborazione di Agenzia

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera Ulteriora mirari, praesentia sequi. (Guardare al futuro, stare

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli