Capitolato speciale d appalto per il servizio di gestione integrata rifiuti agricoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato speciale d appalto per il servizio di gestione integrata rifiuti agricoli"

Transcript

1 Capitolato speciale d appalto per il servizio di gestione integrata rifiuti agricoli Art. 1 Finalità e oggetto dell appalto Il presente appalto ha ad oggetto l effettuazione del servizio di raccolta, trasporto e recupero/smaltimento dei rifiuti agricoli nel territorio della Provincia di Venezia. Per rifiuti agricoli si intendono quelli provenienti da attività agricole e agro-industriali come di seguito elencati: CER Descrizione Rifiuti non pericolosi Teli per serre in polietilene (puliti bianchi o neri) Teli per serre e pacciamatura in polietilene (con residui) Teli per serre, reti antigrandine, tubi di irrigazione Spaghi Contenitori vuoti di fitofarmaci bonificati in carta e cartone Contenitori vuoti di fitofarmaci bonificati in plastica Contenitori per silvicoltura in polistirolo Cassette in plastica Cassette in legno Contenitori vuoti di fitofarmaci bonificati in metallo Imballaggi non pericolosi in materiali compositi Contenitori vuoti di fitofarmaci bonificati in vetro, plastica e metallo Sacchi di concime Imballaggi non pericolosi in vetro Imballaggi non pericolosi in materiale tessile (es. sacchi vuoti di juta) Pneumatici fuori uso Oli vegetali e residui da frittura non emulsionati CER Descrizione Rifiuti pericolosi * Fitofarmaci scaduti o contenitori non vuoti di fitofarmaci * Oli emulsionati non clorurati * Olio minerale esausto da autotrazione * Oli minerali esausti da autotrazione non emulsionati * Contenitori vuoti non bonificati di fitofarmaci * Bombolette spray per uso zootecnico * Filtri olio / gasolio usati * Accumulatori al piombo * Rifiuti veterinari * Tubi fluorescenti, lampade a scarica L appaltatore si riserva di effettuare controlli a campione sulla qualità e classificazione del rifiuto conferito. I contenitori bonificati (CER , , , ) saranno dichiarati come tali a cura del produttore ai sensi delle norme tecniche vigenti, presentando in allegato le analisi chimiche necessarie. Nel caso in cui giungano al Gestore del Servizio o all Appaltatore richieste di asporto di rifiuti con codici CER diversi da quelli riportati alla soprastante tabella, rimane a discrezione dell Appaltatore la

2 possibilità di accettare tali rifiuti. In tal caso il Gestore e l Appaltatore si accorderanno per l espletamento del servizio. Art. 2 Importo L importo a base di gara per il servizio di gestione integrata dei rifiuti agricoli è pari a ,00 IVA esclusa. Tale importo, come pure le quantità dei rifiuti sotto riportate, sono puramente indicativi e comunque non vincolanti per la stazione appaltante. Infatti, il servizio sarà retribuito a misura, in relazione al numero di interventi effettivamente eseguiti ed al quantitativo di rifiuti effettivamente gestito, secondo quanto previsto nell elenco prezzi unitari riportato nel disciplinare di gara, aggiornato secondo i prezzi unitari offerti dal vincitore. Quantitativo stimato dei rifiuti non pericolosi: kg/anno Quantitativo stimato dei rifiuti pericolosi: kg/anno Aziende agricole convenzionate stimate: circa Art. 3 Durata L appalto avrà durata di tre anni dalla data di aggiudicazione. Per il termine del contratto si fa riferimento all ultima prenotazione. L AATO si riserva la facoltà di prorogare l affidamento per un periodo massimo di ulteriori 180 giorni, alle medesime condizioni e prezzi, al fine di espletare le operazioni di gara per il nuovo affidamento. Art. 4 Modalità di esecuzione del servizio Il servizio dovrà essere espletato secondo la normativa vigente in materia di rifiuti e attraverso il ritiro dei rifiuti da parte dell appaltatore, presso il recapito indicato dall impresa agricola o presso punti fissi di conferimento. Per il recapito si può far riferimento sia alla sede legale sia operativa dell azienda. L Azienda Agricola potrà scegliere la modalità di servizio di raccolta, da richiedere attraverso appositi moduli di prenotazione predisposti e disponibili presso gli uffici delle Aziende che gestiscono il servizio pubblico, le Associazioni di categoria, i Comuni e gli Uffici decentrati della Provincia di Venezia. Le modalità di raccolta dei rifiuti agricoli fra cui scegliere sono 2: a) Servizio di raccolta a domicilio; b) Servizio di conferimento presso piattaforme di recupero debitamente autorizzate, con trasporto effettuato dalle Aziende Agricole con propri mezzi. I moduli potranno essere inviati via Fax o consegnati presso i punti indicati dal Gestore, che provvederà a trasmetterli tempestivamente all appaltatore. NON saranno accettate prenotazioni in via telefonica o telematica. Tali moduli sono di due tipi, a seconda del tipo di servizio richiesto, e dovranno contenere le seguenti informazioni: MODULO PER RACCOLTA A DOMICILIO i dati del richiedente e dell Azienda Agricola; la modalità richiesta di prenotazione (procedura urgente con ritiro dei rifiuti entro 15 giorni, od ordinaria con ritiro dei rifiuti entro 3 mesi); eventuale richiesta di compilazione del registro di carico scarico; quantità indicativa e tipologia dei rifiuti da conferire e dei rifiuti prodotti annualmente;

3 recapiti telefonici. MODULO PER IL CONFERIMENTO DIRETTO IN PIATTAFORMA i dati del richiedente e dell azienda agricola; la prenotazione richiesta; eventuale richiesta di compilazione del registro di carico scarico; quantità indicativa e tipologia dei rifiuti da conferire e dei rifiuti prodotti annualmente; recapiti telefonici. Nell effettuare la prenotazione, l Azienda Agricola si assume la responsabilità in merito a quanto dichiarato. In caso di contestazione all atto di ritiro dei rifiuti, farà fede quanto dichiarato nel modulo di prenotazione. MODALITA DI PRENOTAZIONE DEL SERVIZIO A DOMICILIO Il servizio di raccolta a domicilio si suddivide in diverse modalità, che differiscono in base all urgenza di ritiro ed al quantitativo dei rifiuti prodotti annualmente, a cui corrispondono diversi diritti di chiamata che saranno imputati all utente: - modalità urgente: il servizio verrà effettuato entro 15 giorni dalla data di prenotazione dell utente; - modalità ordinaria: il servizio verrà effettuato entro 3 mesi dalla data di prenotazione dell utente. Per le aziende che producono meno di 10 Kg/anno di rifiuti, verranno applicati diritti di chiamata ridotti. L azienda agricola potrà effettuare un unica prenotazione (e quindi pagare un unica volta il diritto di chiamata) per smaltire rifiuti pericolosi e non pericolosi, che andranno divisi per tipologia e confezionati separatamente. Dovranno essere effettuate più prenotazioni, con applicazione di più diritti di chiamata, per il ritiro dei rifiuti presso sedi diverse della stessa azienda. È ASSOLUTAMENTE VIETATO MISCELARE RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI. Una volta ricevuta la prenotazione tramite il Gestore del servizio, l appaltatore provvederà ad organizzare il servizio di raccolta. L Azienda Agricola sarà contattata per la comunicazione della data e dell ora prevista per il ritiro del rifiuto almeno due giorni prima dell esecuzione del servizio. Nel caso in cui l appaltatore non effettui la raccolta nel giorno concordato, dovrà tempestivamente comunicarlo all Azienda Agricola e, in seguito, concordare con lo stesso un intervento di recupero entro 7 giorni. Qualora il produttore/detentore sia impossibilitato a consegnare i rifiuti nella data ed orario prefissati, dovrà darne comunicazione all appaltatore con almeno 24 ore di preavviso; in caso contrario, l appaltatore ha la facoltà di addebitare a titolo di penale il costo del diritto di chiamata. All atto del ritiro del rifiuto presso l Azienda Agricola, l appaltatore provvederà a caricare i rifiuti sul proprio automezzo ed a predisporre il formulario di trasporto, che dovrà essere debitamente sottoscritto dall utente; la prima copia sarà lasciata all utente stesso. Nel caso di conferimenti di rifiuti non conformi/indifferenziati (es. rifiuti differenziati sporchi o mischiati), l appaltatore, previa contestazione delle irregolarità mediante verbale sottoscritto dall Utente e dallo stesso, si avvale della facoltà di NON effettuare la raccolta o, eventualmente, di applicare una maggiorazione al prezzo di trattamento/smaltimento prevista o una voce di costo

4 orario per interventi supplementari di sgombero o di carico (nel caso in cui i rifiuti siano collocati in punti difficilmente raggiungibili). Il Gestore del servizio provvederà successivamente, in base alla documentazione acquisita, quale la quarta copia dei formulari e la prenotazione, a fatturare direttamente all azienda agricola i costi di smaltimento dei rifiuti ed il diritto di chiamata o prenotazione nonché eventuali maggiorazioni individuate attraverso i verbali di contestazione. Nella fattura saranno addebitati anche i costi relativi all adesione al servizio, che saranno trattenuti dal Gestore. MODALITA DI ACCETTAZIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI PRESSO LA PIATTAFORMA DI RECUPERO Previa prenotazione attraverso il modulo di prenotazione, le aziende agricole iscritte all Albo Nazionale Gestori Rifiuti potranno conferire i propri rifiuti agricoli, nei limiti di cui all art. 212 del D. Lgs. 152/2006, presso piattaforme di recupero messe eventualmente a disposizione dal Gestore o dall appaltatore, provvedendo al trasporto con mezzi propri. Per tale modalità si ricorda che sono necessari i seguenti documenti, che saranno richiesti al momento del ricevimento dei rifiuti: 1) FORMULARIO RIFIUTI CORRETTAMENTE COMPILATO; 2) COPIA dell iscrizione all Albo Gestori Ambientali. NEL CASO IN CUI TALE DOCUMENTAZIONE NON SIA PRESENTE LA PIATTAFORMA SI RISERVA DI NON ACCETTARE I RIFIUTI. Almeno due giorni prima del conferimento, l Azienda Agricola sarà contattata dall appaltatore per confermare giorno ed ora del conferimento stesso. Qualora il produttore/detentore sia impossibilitato a conferire i rifiuti nella data ed orario prefissati, dovrà darne comunicazione all appaltatore con almeno 24 ore di preavviso; in caso contrario, l appaltatore ha la facoltà di addebitare a titolo di penale il costo del diritto di prenotazione. L azienda che gestisce il servizio provvederà successivamente, in base alla documentazione acquisita, quale la quarta copia dei formulari e la prenotazione, a fatturare direttamente all azienda agricola i costi di smaltimento dei rifiuti ed il diritto di chiamata o prenotazione. La quarta copia dei formulari sarà inviata all Azienda Agricola allegata alla fattura. I mezzi necessari per l'espletamento del servizio dovranno essere dotati di sistema di pesatura, e dovrà essere pesata separatamente ogni singola quantità di rifiuto conferita da ciascuna azienda agricola, suddivisa per tipologia. Al momento della raccolta dovrà essere rilasciata apposita ricevuta di pesatura e la copia del formulario di accompagnamento, da detenere presso l azienda agricola, la quale dovrà controfirmare il documento stesso. Sarà onere dell appaltatore provvedere al caricamento del rifiuto su automezzo autorizzato per la movimentazione e il trasporto delle specifiche categorie di rifiuto. Le quantità e la tipologia del rifiuto conferito, nonché copia dei formulari di accompagnamento, dovranno essere comunicati e inviati al Gestore del servizio entro e non oltre 2 giorni dall effettuazione del servizio di raccolta. Per quanto concerne le modalità di confezionamento dei rifiuti da raccogliere e le modalità di ritiro si rimanda all art. 6 della Convenzione allegata al presente Capitolato. Il servizio è attivo tutto l'anno. Art. 5 Trasporto dei rifiuti e smaltimento e/o recupero

5 La Ditta aggiudicataria dovrà possedere l iscrizione all'albo nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti per le categorie 2, 4 e 5 e per i codici CER riportati all articolo 1. Nel caso di subappalto, consentito purché entro i limiti di legge, tali iscrizioni dovranno risultare in capo alla ditta subappaltatrice, per la parte subappaltata. Sarà onere della ditta Aggiudicataria provvedere in proprio o mediante accordi con altre ditte al corretto recupero del materiale raccolto e allo smaltimento dei prodotti di risulta e dei rifiuti non riutilizzabili o recuperabili. Non potrà essere in nessun caso addebitato alla stazione appaltante o agli utenti del servizio alcun onere aggiuntivo derivante da maggior costo di trasporto, trattamento e/o smaltimento. Le ditte concorrenti dovranno indicare nell'offerta, per ciascun codice o gruppo di codici CER, i soggetti autorizzati ai quali intendono conferire i rifiuti raccolti e fornire, in caso di aggiudicazione dell appalto, le autorizzazioni relative. La destinazione ad impianti diversi deve essere adeguatamente motivata e comunicata all AATO con almeno 48 ore di anticipo rispetto al conferimento, provvedendo a trasmettere contestualmente copia dell autorizzazione dell impianto di trattamento/smaltimento subentrante. I rifiuti raccolti dovranno essere avviati ad impianti in trattamento in osservanza a criteri di opportunità espressi con il seguente ordine di priorità: - recupero di materia - recupero di energia - impianti di smaltimento. Il ricorso alla discarica potrà essere solamente residuale e motivato da situazioni di urgente necessità di tutela della salute pubblica e dell'ambiente, ovvero in forma transitoria rispetto alla situazione ottimale, ciò anche alla luce dell avvio dei consorzi obbligatori ai sensi della normativa vigente. Art. 6 Adempimenti amministrativi La ditta appaltatrice, in conformità a quanto disposto dalla normativa vigente in materia di rifiuti è tenuta ai seguenti adempimenti: - informare l AATO della destinazione di tutti i materiali raccolti, trasportati, riciclati, recuperati e smaltiti; - provvedere alla compilazione dei formulari di trasporto per i rifiuti raccolti a domicilio presso l azienda agricola; - inviare al Gestore la 4^ copia del formulario entro e non oltre 2 giorni dall effettuazione del servizio. Art. 7 Compiti delle aziende di gestione dei rifiuti urbani Le aziende che effettuano la gestione dei rifiuti urbani nel territorio della Provincia di Venezia si impegnano a raccogliere le prenotazioni da parte delle aziende agricole che richiedono il servizio porta a porta e ad inviarle, a mezzo di fax o altro mezzo ritenuto idoneo, alla ditta appaltatrice entro il giorno successivo alla chiamata. La presentazione annuale del modello unico di dichiarazione (MUD), ai sensi dell art. 189 del D. Lgs. 152/2006, spetta all azienda pubblica titolare della gestione del servizio. Art. 8 Obblighi, oneri e responsabilità dell affidatario (dell aggiudicatario) L aggiudicatario si assumerà tutta la responsabilità per eventuali danni a persone ed a cose arrecati in qualunque modo nell espletamento del servizio.

6 A garanzia di detta responsabilità, l Aggiudicatario avrà l obbligo di presentare entro 10 giorni dall affidamento una polizza assicurativa per danni a terzi ed una seconda per danni all ambiente, entrambe con massimali adeguati, la cui congruità verrà valutata dall AATO. Sono altresì a carico dell aggiudicatario: - la fornitura dei dati alle aziende che gestiscono il servizio pubblico per la compilazione del MUD; - la trasmissione dei dati inerenti il servizio con cadenza mensile. I dati comprenderanno tipologia e quantità dei rifiuti suddivisi per luoghi e data di raccolta; - l invio della 4^ copia del formulario entro e non oltre 2 giorni dall effettuazione del servizio Art. 9 Fatturazione e modalità di pagamento La fatturazione dei servizi di smaltimento sarà effettuata dalle aziende che gestiscono il servizio pubblico ed il pagamento potrà essere effettuato tramite il bollettino postale che verrà inviato insieme alla fattura, oppure mediante versamento sul conto corrente bancario che sarà comunicato insieme alla fattura. I costi che verranno addebitati in fattura sono i seguenti: 1. la quota di adesione annuale o triennale (addebitata, di norma, con la prima fattura emessa nel corso di ciascun anno). Nel caso in cui non vi siano conferimenti nel corso dell anno la quota di adesione annua verrà comunque addebitata mediante emissione di apposita fattura. 2. il diritto di chiamata per la richiesta di servizio a domicilio o il diritto di prenotazione nel caso di conferimento diretto presso la piattaforma fissa; 3. i costi di trattamento/smaltimento calcolati sull effettivo peso di rifiuto conferito e diversificato per tipologia (controllabile dalla quarta copia dei formulari che verranno allegati alla fattura); 4. il costo di eventuali contenitori forniti per i rifiuti a rischio infettivo di origine veterinaria; 5. maggiori oneri contestati con copia del verbale. Le aziende che gestiscono il servizio provvederanno con cadenze trimestrali ad effettuare i pagamenti all appaltatore in relazione alle fatture emesse e liquidate, trattenendo eventualmente le quote di iscrizione loro dovute. Art.10 Controlli e verifiche L azienda che gestisce il servizio e l AATO si riservano la facoltà di controllare in qualsiasi momento e nella maniera che ritiene più opportuna mezzi, luoghi e modalità di effettuazione del servizio. Art. 11 Penalità Per la mancata o ritardata esecuzione degli obblighi contrattuali, di disposizioni legislative o regolamentari, di ordinanze sindacali, sono stabilite a carico della ditta appaltatrice le seguenti sanzioni: - per mancata esecuzione del servizio di raccolta porta a porta è applicata la penale di 100,00 (cento); - per ogni giorno di ritardo dovuto all Appaltatore rispetto al termine stabilito all articolo 4, si applicherà una penale pari a 10,00 per ogni giorno di ritardo, fino ad un massimo di 100,00 (cento); - per il mancato avvio a corretta destinazione dei residui o rifiuti raccolti è applicata la penale di 2.000,00 (duemila) per ogni episodio; tali fatti costituiscono inoltre grave inadempimento contrattuale e, qualora l AATO lo ritenga, possono condurre alla risoluzione del contratto; - per il mancato invio dei formulari di identificazione entro le 48 ore di cui all art. 10, si applicherà la sanzione di 10,00 per ogni giorno di ritardo, fino ad un massimo di 100,00 (cento);

7 Le infrazioni saranno accertate direttamente dall AATO o dal Gestore del servizio, anche con la collaborazione delle associazioni di Categoria e le aziende agricole di volta in volta interessate, che provvederà a notificarle prontamente all AATO. L AATO ne darà quindi comunicazione alla ditta appaltatrice che potrà, entro 10 giorni, produrre eventuali memorie giustificative o difensive dell'inadempienza riscontrata. Esaminate queste, o trascorso inutilmente il termine anzidetto, l AATO esprimerà un proprio giudizio, erogando, se del caso una delle penalità come sopra determinate. Non si applicheranno le penali per cause di forza maggiore, che comunque vanno documentate. L AATO si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di affidare ad altre ditte tutto o parte del servizio, qualora emergessero disservizi all'utenza dovuti a negligenza, imperizia o comunque per colpa della ditta appaltatrice. Art. 12 Cauzione L aggiudicatario dovrà prestare una cauzione definitiva pari al 10% (dieci per cento) dell importo di aggiudicazione, a garanzia dell esatta osservanza delle clausole contrattuali. La cauzione sarà prestata nelle forme previste dalla legge e del presente capitolato speciale, a pena di esclusione, e dovrà essere depositata presso gli Uffici dell AATO contemporaneamente alla stipula del contratto. Qualora la cauzione definitiva venga costituita mediante fidejussione bancaria o polizza assicurativa, deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 (quindici) giorni a semplice richiesta dell Ente appaltante. Il mancato deposito della garanzia definitiva nei termini suddetti determina la revoca dell aggiudicazione da parte del Direttore dell AATO, fatto salvo il diritto al risarcimento di eventuali maggiori danni. Il deposito cauzionale rimarrà vincolato fino al completo adempimento delle obbligazioni contrattuali da parte dell impresa aggiudicataria e sarà restituito, su richiesta della medesima, soltanto dopo la liquidazione dell ultima fattura, e comunque dopo che siano state definite tutte le situazioni di debito e credito ed ogni altra pendenza. In caso di risoluzione del contratto per fatto dipendente dall appaltatore, il deposito cauzionale verrà incamerato dall AATO, fatto salvo il diritto al risarcimento di eventuali maggiori danni. Qualora l ammontare della cauzione dovesse ridursi per effetto dell applicazione delle penali o per altra causa, l aggiudicatario dovrà provvedere al reintegro, entro il termine perentorio di 15 giorni dal ricevimento della richiesta. In caso di inadempimento l AATO potrà dichiarare risolto il contratto di servizio. Art. 13 Sicurezza nel lavoro L Appaltatore è tenuto ad osservare tutte le norme di legge che regolano la previdenza e l assistenza sociale e il rispetto di tutti gli obblighi connessi alle disposizioni in materia di sicurezza protezione ed igiene dei lavoratori; in particolare, deve adempiere a tutti gli obblighi previsti dal D. Lgs 81/2008 e ss.mm.ii. L appaltatore provvederà inoltre, a proprie spese ed a propria piena e totale responsabilità: 1. a formare ed informare i propri dipendenti relativamente ai rischi connessi allo svolgimento della fornitura oggetto della presente gara, ed alle misure di prevenzione e protezione da attuare per eliminare o ridurre tali rischi; 2. a controllare ed a pretendere che i propri dipendenti rispettino le norme vigenti di sicurezza ed igiene, nonché le disposizioni che l appaltatrice ha definito in materia;

8 3. a disporre e controllare che i propri dipendenti, siano dotati ed usino i dispositivi di protezione individuale e collettiva previsti ed adottati dall appaltatore stesso per i rischi connessi agli interventi da effettuare; 4. a curare che tutte le attrezzature di lavoro ed i mezzi d opera siano a norma ed in regola con le prescrizioni vigenti; 5. ad informare immediatamente la stazione appaltante in caso di infortunio o di incidente e di ottemperare, in tali evenienze, a tutte le incombenze prescritte dalla legge. I dipendenti dell appaltatore e di eventuali subappaltatori dovranno esporre tessera di riconoscimento, corredata di fotografia contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro. E facoltà della Stazione Appaltante controllare, a mezzo del proprio personale, la puntuale osservanza delle normative sulla sicurezza del lavoro: nell ipotesi in cui Appaltatore non risulti in regola con quanto previsto dalle norme di cui sopra, la Stazione Appaltante intimerà a Appaltatore di adeguarsi, pena la risoluzione del contratto. La responsabilità, sia civile che penale, derivante da infortuni a persone o a danni a cose, è totalmente a carico dell appaltatore. A tal fine l appaltatore avrà l obbligo di richiedere all utente di allontanarsi dall area di lavoro durante le operazioni di carico. Nel caso in cui l utente, a suo rischio e pericolo, decida di non allontanarsi, l'appaltatore non potrà essere ritenuto in nessun modo responsabile per gli eventuali danni che possano occorrergli. Art. 14 Subappalto Il subappalto sarà regolato ai sensi dell art. 118 del D. Lgs. n. 163/06 e ss.mm.ii. E fatto obbligo al Soggetto affidatario di trasmettere entro 20 giorni dalla data di ciascun pagamento ricevuto copia delle fatture quietanzate, relative ai pagamenti effettuati dal Soggetto stesso ai subappaltatori o cottimisti, con l indicazione delle ritenute di garanzie effettuate. Il subappalto del servizio dovrà, comunque, essere preventivamente autorizzato dall AATO. La Ditta in subappalto dovrà possedere i requisiti di cui all articolo 5, per i servizi svolti. E'condizione indispensabile al subappalto che la ditta aggiudicataria provveda al deposito presso l AATO del contratto di subappalto almeno 20 giorni prima della data di effettivo inizio dell esecuzione delle relative prestazioni. Il mancato rispetto della presente disposizione comporta la facoltà di chiedere l'immediata risoluzione del contratto, l'incameramento della cauzione, ed il rimborso di tutte le maggiori spese che derivassero all AATO per effetto della risoluzione stessa. Resta inteso che l'eventuale subappalto a terzi non esonera in alcun modo l appaltatore dagli obblighi assunti. Art. 15 Risoluzione del contratto Il contratto potrà risolversi anticipatamente nelle ipotesi previste dall'art del codice civile o da particolari norme di legge e regolamenti amministrativi, oltre che nei seguenti casi particolari: mancata assunzione del servizio alla data stabilita; applicazione di penalità per un importo complessivo superiore ai 5.000,00 (cinquemila) nel periodo di un semestre;

9 inadempimenti alle disposizioni contenute nel presente Capitolato che dovessero essere effettuati e ritenuti gravi ad insindacabile giudizio dell AATO, previa contestazione scritta inviata con raccomandata con ricevuta di ritorno entro 15 giorni dal verificarsi dell'inadempienza contestata. Art. 16 Contratto d appalto La stipulazione del contratto di appalto con l aggiudicatario potrà avvenire soltanto dopo l adozione del provvedimento di aggiudicazione definitiva. Tutte le spese di contratto, copie, bolli, registrazione, diritti di segreteria e quant altro previsto sono a carico dell aggiudicatario. Per il caso di mancato versamento, l AATO ha facoltà di trattenere dalla cauzione la somma dovuta, aumentata degli interessi legali. Art. 17 Foro competente Tutte le controversie eventualmente insorgenti in rapporto al contratto, comprese quelle relative alla sua validità, interpretazione, esecuzione, inadempimento e risoluzione, saranno di competenza, in via esclusiva, del Foro di Venezia. Qualunque contestazione potesse sorgere o manifestarsi nel corso del servizio non darà mai diritto alla ditta appaltatrice di assumere decisioni unilaterali, quali la sospensione, la riduzione, la modificazione del servizio. Tutte le controversie riguardanti la corretta applicazione delle procedure previste nel presente contratto, dovranno essere preliminarmente esaminate dalle parti in via amministrativa e qualora non si pervenga ad una soluzione delle stesse, verranno deferite all autorità giudiziaria. PER L AMMINISTRAZIONE: Il Direttore - dott. Alessandro Pavanato - PER ACCETTAZIONE: timbro della società e firma leggibile per esteso del legale rappresentante Le parti approvano specificatamente per iscritto l art. 11 Penalità, l art. 15 Risoluzione del contratto e l art 17 Foro competente, ex art Codice Civile. PER L AMMINISTRAZIONE: Il Direttore - dott. Alessandro Pavanato -

10 PER ACCETTAZIONE: timbro della società e firma leggibile per esteso del legale rappresentante

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli