Trattamento del carcinoma della mammella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattamento del carcinoma della mammella"

Transcript

1 Trattamento del carcinoma della mammella Traduzione a cura del Dr.G.Antonini Estratto dal National Cancer Institute USA Versione per i pazienti 05/2013 La storia individuale dello stato di salute può dare informazioni rin merito al rischio di sviluppare un carcinoma della mammella. Ciò che aumenta la possibilità di sviluppare una malattia viene detto fattore di rischio. Avere un fattore di rischio non vuol dire che la malattia avverrà con certezza così come non avere i fattori di rischio non vuol dire che non ci si ammalerà di questa malattia. I fattori di rischio per il carcinoma della mammella sono sotto elencati: Mestruare ad un'età precoce. Gravidanza tardiva o nessuna gravidanza. una storia personale del carcinoma della mammella infiltrante, il carcinoma duttale in situ (DCIS), il carcinoma lobulare in situ (LCIS). una storia familiare (parente di primo grado, come madre, figlia, o la sorella) di carcinoma della mammella. Trattamento con laradioterapia mammaria/torace. Il tessuto mammario denso alla mammografia. Ormoni somministrati per i disturbi della menopausa (estrogeno e progesterone). Obesità. Non ottenendo eserciti si abbastanza. Bibite di alcolizzato del bere. Razza caucasica (bianca).

2 Il cancro della mammella è qualche volta causato delle mutazioni genetiche ereditate. I geni contenuti nelle cellule del nostro corpo portano le informazioni ereditarie di ciò che si è ricevuto dai propri genitori biologici. Il carcinoma della mammella ereditario è presente dal 5% al 10% di tutti i carcinomi della mammella. Alcuni geni affetti da una mutazione legati al carcinoma della mammella sono più comuni in certi gruppi etnici. Le donne che hanno certe mutazioni genetiche, in particolare una mutazione di BRCAl o BRCA2, hanno un rischio aumentato per il carcinoma della mammella. Anche, le donne che hanno avuto carcinoma della mammella hanno un aumento del rischio sia dallo stesso lato (qualora vi sia stata una chirurgia conservativa) che dell'altro lato. Queste donne anche hanno un rischio aumentato per il cancro ovarico, e possono avere un rischio aumentato di altri tumori maligni. Gli uomini che hanno un gene subito una mutazione legati al carcinoma della mammella anche hanno un rischio aumentato per questa malattia. Vi sono dei test per individuare se si è portatori di questa mutazione genetica. Queste prove genetiche sono da effettuare nei membri delle famiglie con un alto rischio di cancro. Manifestazioni possibili in corso di carcinoma della mammella: Il cancro della mammella può causare i seguenti segni e sintomi. In caso di comparsa, è consigliabile una visita specialistica soprattutto se il disturbo non regredisce nell'arco di giorni: tumefazione o ispessimento della pelle in sede mammaria o nell'area ascellare. un cambio nella dimensione, colore o forma della mammella. una fossetta o corrugamento nellla cute della mammella un capezzolo introflesso. secrezione dal capezzolo, specialmente se è color rosso. Comparsa di erosione, arrossamento, tumefazione della cute della mammella, della mammella stessa, del capezzolo o dell'areola comparsa di piccole fossette sulla pelle della mammella, simili alla buccia di un'arancia (peau d'orange), con o senza rossore della pelle stessa, prurito. Molte altre condizioni che non tumorali possono causare questi stessi sintomi.

3 L'esame da parte del medico deve comprendere sia Esame fisico e storia: Un esame del corpo per controllare lo stato generale di salute, includendo la ricerca dei segni di malattia quale le tumefazioni o qualsiasi altro aspetto che appaia insolito. L'esame della storia personale e familiare della paziente comprende anche altre malattie e eventuali trattamenti in atto (contraccettivi, trattamenti farmacologici...). Esame (CBE) mammario clinico: Un esame della regione mammaria e dei cavi ascellari è quanto necessario per valutare il problema riportato da parte della donna. Mammografia: è un particolare esame radiografico fatto alle mammelle. Mammografia. Esame ecografico: è una procedura che impiega onde sonore di energia alta (ecografia); queste sono rimbalzate dai tessuti e dalle loro componenti e rinviate alla sonda che le ha emesse. Gli echi formano un ritratto dei tessuti corporei chiamati sonogrammi (o ecografie). l'immagine può essere stampata e così essere visualizzata. MRI (la risonanza magnetica): è una procedura che usa un magnete,

4 radioonde, ed un computer per fare la ricostruzione di una serie di immagini particolareggiate delle aree esaminate. Esami ematochimici: un prelievo di sangueviene sottoposto ad analisi per misurare il suo contenuto in determinate sostanze rilasciate nel sangue da organi e tessuti del nostro corpo. Un livello anomalo (più alto o basso del normale) di una sostanza può essere un segno di malattia dell'organo o del tessuto che la produce. Biopsia: Il prelievo di cellule o frammenti di tessuto possono essere esaminati al microscopio dal un patologo per definire le caratteristiche del tessuto prelevato. Nel caso di una tumefazione mammaria il medico può avere bisogno per rimuovere un piccolo frammento della tumefazione stessa. I prelievi di tessuto possonon essere effettuati secondo quattro modalità:: Biopsia ecissionale: La rimozione dell'intera tumefazione. Biopsia incisionale: La rimozione di parte di unatumefazione o di un tessuto. MicroBiopsia: La rimozione di tessuto usando un grosso ago. Biopsia su ago sottile (FNA) In questo caso viene prelevato del liquido o delle cellule, usando un ago sottile. Nel caso in cui vengono ritrovate cellule compatibili con la diagnosi di carcinoma, queste possono essere studiate ulteriormente per meglio definirne le caratteristiche al fine di poter prendere le decisioni terapeutiche necessarie. Decisioni sul migliore trattamento sono basate sui risultati di queste prove. Le esami danno le informazioni su: la velocità di crescita del tumore maligno le probabilità di dare metastasi a distanza le probabilità di ripresentarsi localmente (recidiva) Le prove immunoistochimiche forniscono le seguenti informazioni: Presenza di recettori per gli Estrogeni e per il progesterone: questo

5 dato è utile per misurare la quantità di recettori per l'estrogeno e per il progesterone (ormoni) all'interno delle cellule del carcinoma. La presenza di questi recettori evidenzia la possibilità di trattare il tumore bloccando i recettori ormonali con apposito farmaco anti-estrogeno (Tamoxifene e altri); questo trattamento impedisce la crescita del carcinoma. Il fattore di crescita epidermico umano: il 2 recettore (HER2/neu): La presenza di alti livelli di questo recettore nel carcinoma mammario è associata ad un aumento del rischio di ricomparsa clinica della malattia e concorre ad un aggravamento della prognosi. Il cancro può essere trattato con i farmaci con l'obiettivo di bloccare questa proteina l'her2/neu (tra questi abbiamo l'andlapatinib,il trastuzumab). Prove Multigeniche: questi test effettuati sul tessuto servono per valutare l'attività di molti geni insieme. Queste test possono aiutare a predire se il cancro ha tendenza a dare metastasi a distanza o a recidivare localmente. Oncotype DX: Questa esame aiuta a predire se un carcinoma della mammella con recettori estrogenici positivi e con linfonodi negativo possa estendersi si ad altre parti del corpo. Se il rischio di metastasi del cancro è alto, si può proporre una chemioterapia per abbassare il rischio. MammaPrint: è un test diagnostico utile per valutare il rischio di metastatizzare ad altre parti del corpo. Questo aiuta i medici a determinare se la paziente potrà beneficiare di un trattamento chemioterapico per ridurre questo rischio. Alcuni fattori influenzano la prognosi e scelte di trattamento. La prognosi (la prospettiva di guarigione) e scelte di trattamento dipendono dai seguenti fattori: Lo stadio della malattia (la dimensione del tumore, localizzazione: solo mammaria o anche in altre sedi del corpo) Il tipo di carcinoma della mammella. I livelli di recettore di estrogeno e di recettore di progesterone presenti nel tessuto tumorale. La presenza di HER2/neu) livelli nel tessuto esaminato malattia triplo negativo (cellule che non hanno i recettori per gli estrogeni, recettori per il progesterone, o ad alto livello di HER2/neu). Grading del tumore (indica la velocità prevista di crescita). Presenza di fattori di rischio per la recidiva (HER2/neu, Oncotype DX, MammaPrint) l'età di una donna, il suo stato generale di salute, lo stato menopausale o meno

6 Momento della diagnosi: precoce o tardiva (dimensioni, presenza o assenza di metastasi...) Ogni tumore viene classificato attraverso questa la sigla TNM (T: tumore, N: linfonodi, M: metastasi a distanza), che ne riassume le caratteristiche principali, contribuendo a determinare la stadiazione, da cui deriveranno, insieme ad altri fattori, le scelte terapeutiche e la prognosi (probabilità di guarigione) associata. A partire dalla conoscenza dei parametri della classificazione TNM, si può ricavare lo stadio in cui si trova il tumore maligno, cioè l'estensione della malattia. T1 dimensioni massime inferiori ai 20 mm T2 dimensioni superiori ai 20 mm ma inferiori ai 50 mm T3 dimensioni massime superiori ai50 mm T4 qualsiasi dimensione ma con infiltrazione diretta alla parete toracica e/o alla cute (ulcerazione o noduli) Una volta fatta la diagnosi, occorre dunque fare la stadiazione della malattia Stadio 0 Tis N0 M0 Stadio I T1 N0 M0 Stadio IIA T0 N1 M0 oppure T1 N1 M0 oppure T2 N0 M0 Stadio IIB T2 N1 M0 oppure T3 N0 M0 Stadio IIIA T0 N2 M0 oppure T1 N2 M0 oppure T2 N2 M0 oppure T3 N* M0 (*n1 o n2) Stadio IIIB T4 N* M0 (* con ogni stato di interessamento di N) oppure T* N3 M0 (* indica ogni stato di T) Stadio IV T* N* M1 (* con ogni tipo di T e ogni tipo di N)

7 Una volta fatta la diagnosi di carcinoma della mammella è necessario valutare se la malattia è localizzata solo alla mammella o se si è diffusa al resto del corpo. Le informazioni ottenute degli accertamenti determinano lo stadio della malattia. È importante determinare lo stadio per progettare il piano di trattamento. Gli accertamenti necessari sono sotto elencati: Biopsia di linfonodo sentinella: il prelievo del linfonodo di sentinella in corso di intervento chirurgico. Il linfonodo di sentinella è il primo linfonodo che riceve il drenaggio linfatico dal tumore. È il primo linfonodo ove il carcinoma invia cellule prima di diffondersi in altre sedi; il linfonodo viene individuato iniettando nell'area del tumore mammario un tracciante (radioattivo e/o colorante). Lai sostanza radioattiva e/o il colorante raggiungono con la linfa il/i lonfonodo/i sentinella linfonodi. Il primo linfonodo per ricevere la sostanza o colorante è traslocato. un patologo vede il tessuto sotto un microscopio per cercare le cellule di cancro. Se cellule di cancro non sono trovati, esso non può essere necessario per rimuova più linfonodi. Radiografia del torace: Una radiografia del torace fornisce informazioni sia sullo scheletro che isu tessuto polmonare e quanto altro contiene il torace. CT analizza (scansioni di tac): una procedura che fa un serie dei ritratti particolareggiati degli organi contenuti all'interno del corpo e ricostruite come immagini elaborate con il computer Scintigrafia ossea: una procedura che studia lo scheletro per vedere se la sostanza iniettata si dispone regolarmente nelle ossa che compongono lo scheletro. Le anomalie sono poi analizzate per definirne la natura. PET TAC (scansione di tomografia di emissione di positrone): una procedura per trovare le cellule di tumore maligne all'interno del corpo. Viene iniettata in vena una piccola quantità di glucosio radioattivo (zucchero). L'analizzatore di rileva le sedi ove la sostanza iniettata si accumula. Le gli aggregati di cellule maligne si manifestano luminescenti perché sono più attive nel catturare il glucosio rispetto alle cellule normali.

8 Il carcinoma si diffonde nell'organismo secondo tre modalità:. Per invasione diretta, dalla lesione ai tessuti e alle strutture circostanti. Attraverso il sistema linfatico. Cancro invade il sistema linfatico e da questo raggiunge altre parti del corpo. Attraverso il circolo sanguigno. Il tumore invade le vene e capillari e le cellule tumorali si spostano attraverso il sangue ad altre parti del corpo. Quando le cellule del cancro migrano lontano dalla malattia primaria attraverso la linfa o il sangue ad altri luoghi nel corpo, può nascere un altro tumore (secondario). Questo processo è chiamato il metastatizzazione. Il tumore (metastatico) secondario contiene lo stesso tipo di cellule del tumore iniziale. Ad esempio, se il carcinoma della mammella si estende alle ossa, le cellule tumorali contenute nell'osso sono realmente cellule di carcinoma della mammella. Gli stadi del carcinoma della mammella: Questa sezione descrive gli stadi di sviluppo del carcinoma della mammella. La determinazione dello stadio si basa sui risultati di test effettuati sul tumore e sui linfonodi prelevati in corso dell'intervento chirurgico e di altri esami. 1. Carcinoma in situ (non invasivo) Esistono 3 tipi di carcinoma mammario in situ: 1- Il carcinoma duttale in situ (DCIS) è una condizione non invasiva della malattia. Le cellule tumorali nate dai dotti mammari, restano contenute nel dotto mammario stesso. Le cellule anormali non sono uscite fuori dal dotto ad altri tessuti della mammella. In alcuni casi, DCIS può diventare cancro infiltrante ed espandersi ad altri tessuti confinanti.

9 Il carcinoma duttale in situ (DCIS) Il carcinoma duttale in situ (DCIS). Le cellule anormali sono presenti nel contesto di un dotto mammario.

10 2- Il carcinoma lobulare in situ (LCIS) è una condizione non invasiva della malattia; le cellule tumorali nascono nei lobuli della ghiandola mammaria (quella parte di tessuto che produce il latte). Questo tipo di carcinoma raramente diventa un carcinoma invasivo (infiltrante). Comunque, avere LCIS nella mammella aumenta il rischio sviluppare un carcinoma nell'una o l'altra mammella. Il carcinoma lobulare in situ (LCIS) Il carcinoma lobulare in situ (LCIS). Le cellule anormali sono contenute nei lobuli del tessuto mammario. 3- Malattia di Paget del capezzolo è una condizione in cui le cellule tumorali si ritrovano solamente nel capezzolo.

11 LO STADIO I Lo Stadio IA del carcinoma della mammella Stadio I: nello stadio IA, il tumore ha 2 centimetri o meno e non ha dato metastasi ai linfonodi ascellari. Nello stadio IB vi sono metastasi ai linfonodi ascellari con tumore di dimensioni inferiori o uguali ai 2 cm o assenza di tumore nella mammella (sempre con metastasi nei linfonodi ascellari).

12 LO STADIO II Anche in questo caso, lo stadio è diviso in IIA e IIB. Stadio IIA: assenza di carcinoma a livello della mammella ovvero lesione uguale o inferiore ai 2cm. Metastasi ascellare superiore ai 2 millimetri in 1 a 3 linfonodi ascellari o nei linfonodi retrosternali (trovati durante una biopsia di linfonodo sentinella); o anche un tumore di dimensioni comprese tra i 2 e i 5cm ma senza metastasi ascellari.

13 Stadio IIB: il tumore è più grande di 2 centimetri ma non più grande di 5 centimetri. Le metastasi nei linfonodi ascellari hanno dimensioni di 0.2 millimetri ma non superiori ai 2 millimetri); ovvero un carcinoma di dimensioni comprese tra i 2 centimetri i 5 centimetri con metastasi ascellare in 1-3 linfonodi ai linfonodi verso retrosternali (prelevato/i durante una biopsia di linfonodo sentinella); ovvero un carcinoma più grande di 5 centimetri ma senza metastasi ascellari o retrosternali (prelevato/i durante una biopsia di linfonodo sentinella).

14 LO STADIO IIIA Stadio IIIA: Assenza di carcinoma nella mammella ovvero tumore di ogni dimensione con 4-9 metastasi linfonodali ascellari e/o metastasi in linfonodo/i retrosternali; ovvero il tumore più grande di 5 centimetri e piccole metastasi nei linfonodi ascellari (più grande di 0.2 millimetri ma non più grandi di 2 millimetri); ovvero il tumore è più grande di 5 centimetri e metastasi ascellari in 1-3 linfonodi e/o in linfonodo/i retrosternali.

15 STADIO IIIB Stadio IIIB: Il tumore può essere qualsiasi dimensione esteso alla parete del torace e/o alla cute della mammella e tumefazione con invasione della cute o ulcerazione. Il carcinoma può essersi esteso ai linfonodi ascellari o ai linfonodi retrosternali. Il carcinoma esteso alla cute può anche essere infiammatorio.

16 STADIO IIIC Stadio IIIC: Possibile assenza di carcinima primitivo o carcinoma di qualsiasi dimensione con possibilità di estensione alla parete toracica e/o alla cute. Carcinoma con oltre 10 metastasi linfonodali ascellari o metastasi in linfonodo/i sovraclaveari, ovvero a linfonodi ascellari e retrosternali. InStadio IIIC, nessuno tumore è trovato nel petto o il tumore potere essere ogni dimensione. Cancro può aversi esteso al pelle del petto e gonfiore causato o un'ulcera e/o si ha esteso alla parete di torace. Anche, il cancro si ha esteso a:

17 STADIO IV Stadio IV Il cancro si è esteso ad altre parti del corpo, più spesso nelle ossa, polmoni, fegato, o cervello.

18 Carcinoma infiammatorio della mammella Nel carcinoma infiammatorio della mammella, la malattia si è estesa alla cute della mammella, ha un aspetto rosso e gonfio con aumento di temperatura. L'arrossamento avviene perché le cellule di cancro bloccano i vasi linfatici della cute. Il pelle della mammella può apparire increspata e irregolare a buccia di arancia (peau d'orange) con il capezzolo invertito. Spesso non è apprezzabile la massa tumorale. Il carcinoma infiammatorio della mammella può essere in Stadio IIIB, Stadio IIIC, o Stadio IV.

19 Recidiva del carcinoma della mammella La recidiva del carcinoma della mammella è di fatto una ripresa della malattia che avviene dopo un primo trattamento. Il cancro può ripresentarsi a livello mammario, nella parete toracica, o in altre parti del corpo. Veduta d'insieme delle opzioni terapeutiche chirurgiche per pazienti con un carcinoma della mammella. Diverse tipologie di trattamento sono disponibili per i pazienti con il carcinoma della mammella. Alcuni trattamenti sono standard (il trattamento abitualmente impiegato), ed alcuni si stanno esaminando attraverso trial clinico. Un trattamento soggetto a trial (sperimenti clinici) clinico è inserito in uno studio di ricerca con la finalità di capire e migliorare i trattamenti abituali o per ottenere le informazioni su nuovi trattamenti per i pazienti con il cancro. Quando il trial clinico mostrano che un nuovo trattamento è migliore del il trattamento standard, il nuovo trattamento può diventare il trattamento standard a sua volta. Alcuni pazienti possono accettare di essere inseriti in trials clinici. Alcuni trials clinici sono aperti solo ai pazienti che hanno non iniziato alcun trattamento. Chirurgia Vengono descritti sei tipi di trattamento standard impiegato in Chirurgia La maggior parte di pazienti con il carcinoma della mammella si sottopongono alla chirurgia per rimuovere il cancro mammario. Vengono analizzati uno o più linfonodi ascellari prelevati chirurgicamente ed esaminati al microscopio per vedere se contengono le cellule della neoplasia mammaria. La chirurgia conservativa della mammella ha la finalità di rimuovere la malattia tumorale senza rimuovere la mammella.: Tumorectomia/Nodulectomia: Chirurgia per rimuovere tumorale una modesta quantità di dessuto attorno a essa. la massa Quadrantectomia/exeresi ampia: Chirurgia per rimuovere una parte più estesa della mammella contenente il tumore maligno ed una maggiore quantità di tessuto sano attorno ad esso.

20 Chirurgia conservativa della mammella Chirurgia conservativa della mammella. Le linee tratteggiate mostrano l'area che contiene il tumore con del tessuto sano attorno e uno o più linfonodi ascellari. Le pazienti che sono si sottopongono a chirurgia conservativa della mammella possono essere anche sottoposte ad asportazione di uno o più linfonodi del cavo ascellare: si tratta di biopsia o di dissezione ascellare (tutti i linfonodi). Il prelievo di linfonodi può essere effettuato in corso di intervento chirurgico per l'asportazione del carcinoma o separatamente da esso. La biopsia o la dissezione di linfonodi è fatta attraverso un'incisione separata o dalle stessa incisione utilizzata per l'asportazione del tumore maligno.

21 Altri tipi di chirurgia Mastectomia radicale: l'atto chirurgico rimuove l'intera mammella con il carcinoma. Capezzolo, areola, cute, ghiandola mammaria in toto. Il prelievo di linfonodi può essere effettuato in corso di intervento chirurgico per l'asportazione del carcinoma o separatamente da esso. La biopsia o la dissezione di linfonodi è fatta attraverso un'incisione separata o dalle stessa incisione utilizzata per l'asportazione del tumore maligno.

22

23 Mastectomia radicale modificata Mastectomia radicale modificata. Le linee tratteggiate indicano l'area asportata compresi i linfonodi. In questo intervento chirurgico possono essere rimosse anche altre strutture della parete toracica (es.muscoli). In alcuni casi viene fatta una chemioterapia preoperatoria con la finalità di ridurre il volume del carcinoma e di permettere una chirurgia conservativa (chemioterapia naoadiuvante). Anche se il chirurgo rimuove tutta la malattia, alcune pazienti possono essere sottoposte a radioterapia, chemioterapia, o terapia ormonale dopo la chirurgia per uccidere tutte le cellule di cancro residue. Il trattamento ha

24 dato dopo la chirurgia, per abbassare il rischio che il cancro possa tornare, viene chiamata la terapia adiuvante. In corso di intervento chirurgico di mastectomia radicale, prospettato un intervento di chirurgia ricostruttiva. La chirurgia può anche essere effettuata successivamente. In genere ricostruttiva viene fatta in più riprese. La ricostruzione effettuata con impianto di espansore o di protesi mammaria tessuti propri. Il tipo di ricostruzione viene deciso di volta in chirurgo. può essere ricostruttiva la chirurgia può essere oppure con volta con il La biopsia di linfonodo di sentinella seguita dalla chirurgia La biopsia di linfonodo di sentinella consiste nella rimozione in corso di intervento chirurgico di un linfonodo precedentemente marcato con colorante o tracciante radioattivo. Il linfonodo di sentinella è il primo linfonodo che ricevere il drenaggio linfatico da un tumore. È il primo linfonodo dove la malattia tumorale tende ad estendersi a partire dal tumore principale. Una sostanza radioattiva e/o il colorante blu sono iniettate nelle vicinanze del tumore. La sostanza o colorante migrano attraverso i condotti linfatici verso linfonodi. Il primo linfonodo che ricevere la sostanza o colorante viene asportato; un patologo osserva il linfonodo al microscopio per cercare le cellule tumorali all'interno di esso. Se non vi sono cellule tumorali, non vi è la necessità di rimuovere gli altri linfonodo ascellari.

25 Radioterapia La radioterapia è una terapia medica consistente nell'utilizzo di radiazioni ionizzanti. La radioterapia è utilizzata soprattutto nel trattamento del carcinoma. Vengono impiegati i raggi X o radiazioni ad alte energie per uccidere o contenere la crescita di cellule tumorali. Vi sono due tipi di terapia di radiante: quella somministrata sulla massa tumorale dall'esterno attraverso un'apposita apparecchiatura e quella che prevede il posizionamento all'interno della malattia di semi radioattivi. Chemioterapia La chemioterapia è un trattamento per il carcinoma che impiega dei farmaci per fermare la crescita delle cellule del cancro, per ucciderle le cellule o per impedire loro di moltiplicarsi. La chemioterapia può essere somministrata direttamente in vena o per via orale, raggiungendo così tutte le cellule tumorali presenti nel corpo (chemioterapia sistemica). In altri casi i farmaci vengono messi direttamente nel fluido cerebrospinale, in un organo, o una cavità corporea -es. addome, torace, (chemioterapia loco-regionale). Terapia ormonale La terapia ormonale è un trattamento antitumorale che blocca l'azione degli ormoni impedendo alle cellule tumorali che ne hanno bisogno, di crescere e di moltiplicarsi. Gli ormoni sono le sostanze prodotte da alcune ghiandole nel corpo che vengono immesse nella corrente sanguigna. Alcuni ormoni possono promuovere la crescita di alcuni tipi ti tumore che possiedono dei recettori per gli ormoni. L'ormone estrogeno stimola la crescita di alcuni tipi di carcinoma della mammella viene prodotto principalmente dalle ovaie. Il trattamento per impedire le ovaie di produrre l'estrogeno è chiamato ablazione ovarica. Terapia ormonale con il tamoxifene è spesso data a pazienti con presenza nel carcinoma di recettori per estrogeni Con il tamoxifene vi può essere la possibilità di sviluppare un carcinoma dell'endometrio e pertanto dovrebbero avere un esame pelvico tutti gli anni. Ogni emorragia vaginale, che non sia una emorragia mestruale, dovrebbe essere riferita ad un medico al più presto possibile. Altra terapia ormonale viene fatta con un inibitore dell'aromatasi: viene consigliata ad alcune donne in postmenopausa con un tumore che possiede i recettori ormonali. Gli inibitori dell'aromatasi inibiscono o inattivano l'enzima aromatasi, determinando conseguentemente una soppressione totale della sintesi di estrogeni. Questi farmaci possono essere consigliati anche quale prosecuzione del trattamento dopo 3-5 anni di tamoxifene, in

26 postmenopausa. Terapie mirate La terapia sistemica è un tipo di trattamento che usa i farmaci o altre sostanze per identificare ed attaccare solamente le cellule del carcinoma senza danneggiare le cellule normali. Gli anticorpi monoclonali e gli inibitori della tirosinchinasi sono due terapie sistemiche impiegate nel trattamento di carcinoma della mammella. Gli inibitori di PARP [Poli-(ADP-ribosio)polimerasi] possono rappresentare una nuova strategia di trattamento per i pazienti con tumori resistenti ad alcune chemioterapie nei casi di carcinoma della mammella triplo negativo. La terapia con anticorpi monoclonali è un trattamento antitumorale che usa gli anticorpi fatti in laboratorio, da un unico tipo di cellula del sistema immunitario. Questi anticorpi possono identificare le sostanze sulle cellule del carcinoma o sostanze normali che possono aiutare la crescita delle cellule tumorali. Gli anticorpi attaccano alle sostanze ed uccidono le cellule tumorali, bloccano la loro crescita, o impedisce la loro diffusione. Gli anticorpi monoclonali sono somministrati per infusione. Possono essere usati da soli o per veicolare farmaci, tossine, o materiale radioattivo direttamente alle cellule tumorali. Gli anticorpi monoclonali possono essere usati in associazione con la chemioterapia. Trastuzumab è un anticorpo monoclonale che blocca gli effetti della proteina del fattore di crescita HER2, che invia segnali utili alla crescita delle cellule del carcinoma della mammella. Un quarto delle pazienti con il carcinoma della mammella hanno i tumori che possono essere trattati con il trastuzumab assoaciato dalla chemioterapia. Pertuzumab è un anticorpo monoclonale che può essere associato al trastuzumab e alla chemioterapia per trattare il carcinoma della mammella. Può essere impiegato per il trattamento in certe pazienti con il cancro della mammella di HER2-positivo che hanno metastatizzato (malattia tumorale estesa ad altre parti del corpo). L'Ado-trastuzumab emtansine è un anticorpo monoclonale legato ad un farmaco antitumorale. Questo legame viene detto coniugazione di farmacoanticorpo. Viene impiegato per il trattamento del carcinoma mammario HER2-positivo metastatizzato o recidivo. Gli inibitori della tirosin-chinasi sono i farmaci per la terapia sistemica che bloccano i segnali biochimici necessari alla crescita del tumore maligno. Gli inibitori della Gli inibitori della tirosin-chinasi possono essere usati con altri farmaci antitumorali come terapia adiuvante.

27 Lapatinib è un inibitore della tirosin-chinasi che blocca gli effetti della proteina di HER2 ed altre proteine all'interno le cellule del tumore. Può essere usato con altri farmaci per trattare i pazienti con il cancro della mammella HER2-positivo che progredisce podo il trattamento con il trastuzumab. Gli inibitori di PARP sono un tipo di terapia sistemica che impedisce la riparazione del DNA danneggiato delle cellule tumorali e causare così la morte delle cellule tumorali. La terapia con gli inibitori di PARP è in fase di studio per il trattamento di carcinoma della mammella negativo triplo. Nuovi tipi di trattamento si stanno esaminando nei trial clinici. Questa sezione riassuntiva descrive i trattamenti che si stanno studiando nei trials clinici. Questa sezione non può pertanto essere esaustiva. Informazioni sui trials clinici sono disponibili dal sito web di NCI. Chemioterapia ad alti dosaggi con trapianto di cellule staminali Chemioterapia ad alti dosaggi con il trapianto di cellule staminali è una soluzione adottata per somministrare dosi elevate dei chemioterapia e sostituire il sangue. Vengono prelevate cellule staminali ematiche dal midollo osseo e reinfuse al termine della chemioterapia per rigenerare il midollo osseo (produttore delle cellule del sangue) e ripristinare il patrimonio distrutto. Gli studi hanno mostrato che chemioterapia ad alte dosi seguita da trapianto di cellule staminali non dà vantaggi rispetto alla chemioterapia standard nel trattamento del carcinoma della mammella. Allo stato attuale delle conoscenze, tale trattamento deve essere riservato solamente nel contesto di trials clinici controllati. I pazienti pensano di potere prendere parte ad un trial clinico. Per alcune pazienti, l'ingresso in un trial clinico può rappresentare la migliore scelta di trattamento antitumorale. I trial clinici sono concepiti per valutare se nuovi trattamenti antitumorali sono sicuri ed efficaci o migliori dei trattamenti standard. I trattamenti standard di oggi sono basati su precedenti trial clinici. I pazienti che prendono parte ad un trial clinico possono ricevere il trattamento standard o essere tra il primi a ricevere un nuovo trattamento. I pazienti che prendono la parte ai trial clinici aiutano a migliorare le future terapia antitumorali. Anche quando il trial clinico non protano ad effettivi

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due.

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due. TUMORE AL POLMONE INFORMAZIONI GENERALI I polmoni Quando inspiriamo, l aria passa dal naso o dalla bocca, attraverso la trachea, la quale si divide in due sezioni tubulari (vie respiratorie), una verso

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI DI MILANO Dieci domande e dieci risposte per far capire che cosa è la radioterapia Dedicato a tutti

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Tumori della pelle non melanoma

Tumori della pelle non melanoma Tumori della pelle non melanoma Basalioma, spinalioma, stadi precursori Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari Impressum _Editrice Lega svizzera contro il cancro Effingerstrasse

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale. Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari

Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale. Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari Impressum _Editrice Lega svizzera contro il cancro Effingerstrasse 40 casella postale

Dettagli

DI TUMORE AL SENO SI GUARISCE

DI TUMORE AL SENO SI GUARISCE Flavio Cigna L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE. DI TUMORE AL SENO SI GUARISCE GUARDATI IN TEMPO. Flavio Cigna L importanza della prevenzione DI TUMORE AL SENO SI GUARISCE GUARDATI IN TEMPO L ARTISTICA SAVIGLIANO

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA quando è utile, quali sono i suoi risultati, gli effetti collaterali

LA CHEMIOTERAPIA quando è utile, quali sono i suoi risultati, gli effetti collaterali I MANUALI DI ULISSE LA CHEMIOTERAPIA quando è utile, quali sono i suoi risultati, gli effetti collaterali Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico Si

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO Quaderno n. 3 TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET): VALUTAZIONE DEL FABBISOGNO E PIANO DI INVESTIMENTO PER LA REGIONE

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Uniti contro il cancro del seno

Uniti contro il cancro del seno Uniti contro il cancro del seno Principali domande e risposte Un informazione della Lega contro il cancro SOMMARIO Rischio di cancro del seno 3 La diagnosi precoce 7 Cosa può fare Lei personalmente? 12

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO

LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO Pubblicazione ICRP Supporting Guidance 2 LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO Traduzione della ICRP SG2 Radiation and your patient: A guide for medical practitioners Annals

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli