Trattamento del carcinoma della mammella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattamento del carcinoma della mammella"

Transcript

1 Trattamento del carcinoma della mammella Traduzione a cura del Dr.G.Antonini Estratto dal National Cancer Institute USA Versione per i pazienti 05/2013 La storia individuale dello stato di salute può dare informazioni rin merito al rischio di sviluppare un carcinoma della mammella. Ciò che aumenta la possibilità di sviluppare una malattia viene detto fattore di rischio. Avere un fattore di rischio non vuol dire che la malattia avverrà con certezza così come non avere i fattori di rischio non vuol dire che non ci si ammalerà di questa malattia. I fattori di rischio per il carcinoma della mammella sono sotto elencati: Mestruare ad un'età precoce. Gravidanza tardiva o nessuna gravidanza. una storia personale del carcinoma della mammella infiltrante, il carcinoma duttale in situ (DCIS), il carcinoma lobulare in situ (LCIS). una storia familiare (parente di primo grado, come madre, figlia, o la sorella) di carcinoma della mammella. Trattamento con laradioterapia mammaria/torace. Il tessuto mammario denso alla mammografia. Ormoni somministrati per i disturbi della menopausa (estrogeno e progesterone). Obesità. Non ottenendo eserciti si abbastanza. Bibite di alcolizzato del bere. Razza caucasica (bianca).

2 Il cancro della mammella è qualche volta causato delle mutazioni genetiche ereditate. I geni contenuti nelle cellule del nostro corpo portano le informazioni ereditarie di ciò che si è ricevuto dai propri genitori biologici. Il carcinoma della mammella ereditario è presente dal 5% al 10% di tutti i carcinomi della mammella. Alcuni geni affetti da una mutazione legati al carcinoma della mammella sono più comuni in certi gruppi etnici. Le donne che hanno certe mutazioni genetiche, in particolare una mutazione di BRCAl o BRCA2, hanno un rischio aumentato per il carcinoma della mammella. Anche, le donne che hanno avuto carcinoma della mammella hanno un aumento del rischio sia dallo stesso lato (qualora vi sia stata una chirurgia conservativa) che dell'altro lato. Queste donne anche hanno un rischio aumentato per il cancro ovarico, e possono avere un rischio aumentato di altri tumori maligni. Gli uomini che hanno un gene subito una mutazione legati al carcinoma della mammella anche hanno un rischio aumentato per questa malattia. Vi sono dei test per individuare se si è portatori di questa mutazione genetica. Queste prove genetiche sono da effettuare nei membri delle famiglie con un alto rischio di cancro. Manifestazioni possibili in corso di carcinoma della mammella: Il cancro della mammella può causare i seguenti segni e sintomi. In caso di comparsa, è consigliabile una visita specialistica soprattutto se il disturbo non regredisce nell'arco di giorni: tumefazione o ispessimento della pelle in sede mammaria o nell'area ascellare. un cambio nella dimensione, colore o forma della mammella. una fossetta o corrugamento nellla cute della mammella un capezzolo introflesso. secrezione dal capezzolo, specialmente se è color rosso. Comparsa di erosione, arrossamento, tumefazione della cute della mammella, della mammella stessa, del capezzolo o dell'areola comparsa di piccole fossette sulla pelle della mammella, simili alla buccia di un'arancia (peau d'orange), con o senza rossore della pelle stessa, prurito. Molte altre condizioni che non tumorali possono causare questi stessi sintomi.

3 L'esame da parte del medico deve comprendere sia Esame fisico e storia: Un esame del corpo per controllare lo stato generale di salute, includendo la ricerca dei segni di malattia quale le tumefazioni o qualsiasi altro aspetto che appaia insolito. L'esame della storia personale e familiare della paziente comprende anche altre malattie e eventuali trattamenti in atto (contraccettivi, trattamenti farmacologici...). Esame (CBE) mammario clinico: Un esame della regione mammaria e dei cavi ascellari è quanto necessario per valutare il problema riportato da parte della donna. Mammografia: è un particolare esame radiografico fatto alle mammelle. Mammografia. Esame ecografico: è una procedura che impiega onde sonore di energia alta (ecografia); queste sono rimbalzate dai tessuti e dalle loro componenti e rinviate alla sonda che le ha emesse. Gli echi formano un ritratto dei tessuti corporei chiamati sonogrammi (o ecografie). l'immagine può essere stampata e così essere visualizzata. MRI (la risonanza magnetica): è una procedura che usa un magnete,

4 radioonde, ed un computer per fare la ricostruzione di una serie di immagini particolareggiate delle aree esaminate. Esami ematochimici: un prelievo di sangueviene sottoposto ad analisi per misurare il suo contenuto in determinate sostanze rilasciate nel sangue da organi e tessuti del nostro corpo. Un livello anomalo (più alto o basso del normale) di una sostanza può essere un segno di malattia dell'organo o del tessuto che la produce. Biopsia: Il prelievo di cellule o frammenti di tessuto possono essere esaminati al microscopio dal un patologo per definire le caratteristiche del tessuto prelevato. Nel caso di una tumefazione mammaria il medico può avere bisogno per rimuovere un piccolo frammento della tumefazione stessa. I prelievi di tessuto possonon essere effettuati secondo quattro modalità:: Biopsia ecissionale: La rimozione dell'intera tumefazione. Biopsia incisionale: La rimozione di parte di unatumefazione o di un tessuto. MicroBiopsia: La rimozione di tessuto usando un grosso ago. Biopsia su ago sottile (FNA) In questo caso viene prelevato del liquido o delle cellule, usando un ago sottile. Nel caso in cui vengono ritrovate cellule compatibili con la diagnosi di carcinoma, queste possono essere studiate ulteriormente per meglio definirne le caratteristiche al fine di poter prendere le decisioni terapeutiche necessarie. Decisioni sul migliore trattamento sono basate sui risultati di queste prove. Le esami danno le informazioni su: la velocità di crescita del tumore maligno le probabilità di dare metastasi a distanza le probabilità di ripresentarsi localmente (recidiva) Le prove immunoistochimiche forniscono le seguenti informazioni: Presenza di recettori per gli Estrogeni e per il progesterone: questo

5 dato è utile per misurare la quantità di recettori per l'estrogeno e per il progesterone (ormoni) all'interno delle cellule del carcinoma. La presenza di questi recettori evidenzia la possibilità di trattare il tumore bloccando i recettori ormonali con apposito farmaco anti-estrogeno (Tamoxifene e altri); questo trattamento impedisce la crescita del carcinoma. Il fattore di crescita epidermico umano: il 2 recettore (HER2/neu): La presenza di alti livelli di questo recettore nel carcinoma mammario è associata ad un aumento del rischio di ricomparsa clinica della malattia e concorre ad un aggravamento della prognosi. Il cancro può essere trattato con i farmaci con l'obiettivo di bloccare questa proteina l'her2/neu (tra questi abbiamo l'andlapatinib,il trastuzumab). Prove Multigeniche: questi test effettuati sul tessuto servono per valutare l'attività di molti geni insieme. Queste test possono aiutare a predire se il cancro ha tendenza a dare metastasi a distanza o a recidivare localmente. Oncotype DX: Questa esame aiuta a predire se un carcinoma della mammella con recettori estrogenici positivi e con linfonodi negativo possa estendersi si ad altre parti del corpo. Se il rischio di metastasi del cancro è alto, si può proporre una chemioterapia per abbassare il rischio. MammaPrint: è un test diagnostico utile per valutare il rischio di metastatizzare ad altre parti del corpo. Questo aiuta i medici a determinare se la paziente potrà beneficiare di un trattamento chemioterapico per ridurre questo rischio. Alcuni fattori influenzano la prognosi e scelte di trattamento. La prognosi (la prospettiva di guarigione) e scelte di trattamento dipendono dai seguenti fattori: Lo stadio della malattia (la dimensione del tumore, localizzazione: solo mammaria o anche in altre sedi del corpo) Il tipo di carcinoma della mammella. I livelli di recettore di estrogeno e di recettore di progesterone presenti nel tessuto tumorale. La presenza di HER2/neu) livelli nel tessuto esaminato malattia triplo negativo (cellule che non hanno i recettori per gli estrogeni, recettori per il progesterone, o ad alto livello di HER2/neu). Grading del tumore (indica la velocità prevista di crescita). Presenza di fattori di rischio per la recidiva (HER2/neu, Oncotype DX, MammaPrint) l'età di una donna, il suo stato generale di salute, lo stato menopausale o meno

6 Momento della diagnosi: precoce o tardiva (dimensioni, presenza o assenza di metastasi...) Ogni tumore viene classificato attraverso questa la sigla TNM (T: tumore, N: linfonodi, M: metastasi a distanza), che ne riassume le caratteristiche principali, contribuendo a determinare la stadiazione, da cui deriveranno, insieme ad altri fattori, le scelte terapeutiche e la prognosi (probabilità di guarigione) associata. A partire dalla conoscenza dei parametri della classificazione TNM, si può ricavare lo stadio in cui si trova il tumore maligno, cioè l'estensione della malattia. T1 dimensioni massime inferiori ai 20 mm T2 dimensioni superiori ai 20 mm ma inferiori ai 50 mm T3 dimensioni massime superiori ai50 mm T4 qualsiasi dimensione ma con infiltrazione diretta alla parete toracica e/o alla cute (ulcerazione o noduli) Una volta fatta la diagnosi, occorre dunque fare la stadiazione della malattia Stadio 0 Tis N0 M0 Stadio I T1 N0 M0 Stadio IIA T0 N1 M0 oppure T1 N1 M0 oppure T2 N0 M0 Stadio IIB T2 N1 M0 oppure T3 N0 M0 Stadio IIIA T0 N2 M0 oppure T1 N2 M0 oppure T2 N2 M0 oppure T3 N* M0 (*n1 o n2) Stadio IIIB T4 N* M0 (* con ogni stato di interessamento di N) oppure T* N3 M0 (* indica ogni stato di T) Stadio IV T* N* M1 (* con ogni tipo di T e ogni tipo di N)

7 Una volta fatta la diagnosi di carcinoma della mammella è necessario valutare se la malattia è localizzata solo alla mammella o se si è diffusa al resto del corpo. Le informazioni ottenute degli accertamenti determinano lo stadio della malattia. È importante determinare lo stadio per progettare il piano di trattamento. Gli accertamenti necessari sono sotto elencati: Biopsia di linfonodo sentinella: il prelievo del linfonodo di sentinella in corso di intervento chirurgico. Il linfonodo di sentinella è il primo linfonodo che riceve il drenaggio linfatico dal tumore. È il primo linfonodo ove il carcinoma invia cellule prima di diffondersi in altre sedi; il linfonodo viene individuato iniettando nell'area del tumore mammario un tracciante (radioattivo e/o colorante). Lai sostanza radioattiva e/o il colorante raggiungono con la linfa il/i lonfonodo/i sentinella linfonodi. Il primo linfonodo per ricevere la sostanza o colorante è traslocato. un patologo vede il tessuto sotto un microscopio per cercare le cellule di cancro. Se cellule di cancro non sono trovati, esso non può essere necessario per rimuova più linfonodi. Radiografia del torace: Una radiografia del torace fornisce informazioni sia sullo scheletro che isu tessuto polmonare e quanto altro contiene il torace. CT analizza (scansioni di tac): una procedura che fa un serie dei ritratti particolareggiati degli organi contenuti all'interno del corpo e ricostruite come immagini elaborate con il computer Scintigrafia ossea: una procedura che studia lo scheletro per vedere se la sostanza iniettata si dispone regolarmente nelle ossa che compongono lo scheletro. Le anomalie sono poi analizzate per definirne la natura. PET TAC (scansione di tomografia di emissione di positrone): una procedura per trovare le cellule di tumore maligne all'interno del corpo. Viene iniettata in vena una piccola quantità di glucosio radioattivo (zucchero). L'analizzatore di rileva le sedi ove la sostanza iniettata si accumula. Le gli aggregati di cellule maligne si manifestano luminescenti perché sono più attive nel catturare il glucosio rispetto alle cellule normali.

8 Il carcinoma si diffonde nell'organismo secondo tre modalità:. Per invasione diretta, dalla lesione ai tessuti e alle strutture circostanti. Attraverso il sistema linfatico. Cancro invade il sistema linfatico e da questo raggiunge altre parti del corpo. Attraverso il circolo sanguigno. Il tumore invade le vene e capillari e le cellule tumorali si spostano attraverso il sangue ad altre parti del corpo. Quando le cellule del cancro migrano lontano dalla malattia primaria attraverso la linfa o il sangue ad altri luoghi nel corpo, può nascere un altro tumore (secondario). Questo processo è chiamato il metastatizzazione. Il tumore (metastatico) secondario contiene lo stesso tipo di cellule del tumore iniziale. Ad esempio, se il carcinoma della mammella si estende alle ossa, le cellule tumorali contenute nell'osso sono realmente cellule di carcinoma della mammella. Gli stadi del carcinoma della mammella: Questa sezione descrive gli stadi di sviluppo del carcinoma della mammella. La determinazione dello stadio si basa sui risultati di test effettuati sul tumore e sui linfonodi prelevati in corso dell'intervento chirurgico e di altri esami. 1. Carcinoma in situ (non invasivo) Esistono 3 tipi di carcinoma mammario in situ: 1- Il carcinoma duttale in situ (DCIS) è una condizione non invasiva della malattia. Le cellule tumorali nate dai dotti mammari, restano contenute nel dotto mammario stesso. Le cellule anormali non sono uscite fuori dal dotto ad altri tessuti della mammella. In alcuni casi, DCIS può diventare cancro infiltrante ed espandersi ad altri tessuti confinanti.

9 Il carcinoma duttale in situ (DCIS) Il carcinoma duttale in situ (DCIS). Le cellule anormali sono presenti nel contesto di un dotto mammario.

10 2- Il carcinoma lobulare in situ (LCIS) è una condizione non invasiva della malattia; le cellule tumorali nascono nei lobuli della ghiandola mammaria (quella parte di tessuto che produce il latte). Questo tipo di carcinoma raramente diventa un carcinoma invasivo (infiltrante). Comunque, avere LCIS nella mammella aumenta il rischio sviluppare un carcinoma nell'una o l'altra mammella. Il carcinoma lobulare in situ (LCIS) Il carcinoma lobulare in situ (LCIS). Le cellule anormali sono contenute nei lobuli del tessuto mammario. 3- Malattia di Paget del capezzolo è una condizione in cui le cellule tumorali si ritrovano solamente nel capezzolo.

11 LO STADIO I Lo Stadio IA del carcinoma della mammella Stadio I: nello stadio IA, il tumore ha 2 centimetri o meno e non ha dato metastasi ai linfonodi ascellari. Nello stadio IB vi sono metastasi ai linfonodi ascellari con tumore di dimensioni inferiori o uguali ai 2 cm o assenza di tumore nella mammella (sempre con metastasi nei linfonodi ascellari).

12 LO STADIO II Anche in questo caso, lo stadio è diviso in IIA e IIB. Stadio IIA: assenza di carcinoma a livello della mammella ovvero lesione uguale o inferiore ai 2cm. Metastasi ascellare superiore ai 2 millimetri in 1 a 3 linfonodi ascellari o nei linfonodi retrosternali (trovati durante una biopsia di linfonodo sentinella); o anche un tumore di dimensioni comprese tra i 2 e i 5cm ma senza metastasi ascellari.

13 Stadio IIB: il tumore è più grande di 2 centimetri ma non più grande di 5 centimetri. Le metastasi nei linfonodi ascellari hanno dimensioni di 0.2 millimetri ma non superiori ai 2 millimetri); ovvero un carcinoma di dimensioni comprese tra i 2 centimetri i 5 centimetri con metastasi ascellare in 1-3 linfonodi ai linfonodi verso retrosternali (prelevato/i durante una biopsia di linfonodo sentinella); ovvero un carcinoma più grande di 5 centimetri ma senza metastasi ascellari o retrosternali (prelevato/i durante una biopsia di linfonodo sentinella).

14 LO STADIO IIIA Stadio IIIA: Assenza di carcinoma nella mammella ovvero tumore di ogni dimensione con 4-9 metastasi linfonodali ascellari e/o metastasi in linfonodo/i retrosternali; ovvero il tumore più grande di 5 centimetri e piccole metastasi nei linfonodi ascellari (più grande di 0.2 millimetri ma non più grandi di 2 millimetri); ovvero il tumore è più grande di 5 centimetri e metastasi ascellari in 1-3 linfonodi e/o in linfonodo/i retrosternali.

15 STADIO IIIB Stadio IIIB: Il tumore può essere qualsiasi dimensione esteso alla parete del torace e/o alla cute della mammella e tumefazione con invasione della cute o ulcerazione. Il carcinoma può essersi esteso ai linfonodi ascellari o ai linfonodi retrosternali. Il carcinoma esteso alla cute può anche essere infiammatorio.

16 STADIO IIIC Stadio IIIC: Possibile assenza di carcinima primitivo o carcinoma di qualsiasi dimensione con possibilità di estensione alla parete toracica e/o alla cute. Carcinoma con oltre 10 metastasi linfonodali ascellari o metastasi in linfonodo/i sovraclaveari, ovvero a linfonodi ascellari e retrosternali. InStadio IIIC, nessuno tumore è trovato nel petto o il tumore potere essere ogni dimensione. Cancro può aversi esteso al pelle del petto e gonfiore causato o un'ulcera e/o si ha esteso alla parete di torace. Anche, il cancro si ha esteso a:

17 STADIO IV Stadio IV Il cancro si è esteso ad altre parti del corpo, più spesso nelle ossa, polmoni, fegato, o cervello.

18 Carcinoma infiammatorio della mammella Nel carcinoma infiammatorio della mammella, la malattia si è estesa alla cute della mammella, ha un aspetto rosso e gonfio con aumento di temperatura. L'arrossamento avviene perché le cellule di cancro bloccano i vasi linfatici della cute. Il pelle della mammella può apparire increspata e irregolare a buccia di arancia (peau d'orange) con il capezzolo invertito. Spesso non è apprezzabile la massa tumorale. Il carcinoma infiammatorio della mammella può essere in Stadio IIIB, Stadio IIIC, o Stadio IV.

19 Recidiva del carcinoma della mammella La recidiva del carcinoma della mammella è di fatto una ripresa della malattia che avviene dopo un primo trattamento. Il cancro può ripresentarsi a livello mammario, nella parete toracica, o in altre parti del corpo. Veduta d'insieme delle opzioni terapeutiche chirurgiche per pazienti con un carcinoma della mammella. Diverse tipologie di trattamento sono disponibili per i pazienti con il carcinoma della mammella. Alcuni trattamenti sono standard (il trattamento abitualmente impiegato), ed alcuni si stanno esaminando attraverso trial clinico. Un trattamento soggetto a trial (sperimenti clinici) clinico è inserito in uno studio di ricerca con la finalità di capire e migliorare i trattamenti abituali o per ottenere le informazioni su nuovi trattamenti per i pazienti con il cancro. Quando il trial clinico mostrano che un nuovo trattamento è migliore del il trattamento standard, il nuovo trattamento può diventare il trattamento standard a sua volta. Alcuni pazienti possono accettare di essere inseriti in trials clinici. Alcuni trials clinici sono aperti solo ai pazienti che hanno non iniziato alcun trattamento. Chirurgia Vengono descritti sei tipi di trattamento standard impiegato in Chirurgia La maggior parte di pazienti con il carcinoma della mammella si sottopongono alla chirurgia per rimuovere il cancro mammario. Vengono analizzati uno o più linfonodi ascellari prelevati chirurgicamente ed esaminati al microscopio per vedere se contengono le cellule della neoplasia mammaria. La chirurgia conservativa della mammella ha la finalità di rimuovere la malattia tumorale senza rimuovere la mammella.: Tumorectomia/Nodulectomia: Chirurgia per rimuovere tumorale una modesta quantità di dessuto attorno a essa. la massa Quadrantectomia/exeresi ampia: Chirurgia per rimuovere una parte più estesa della mammella contenente il tumore maligno ed una maggiore quantità di tessuto sano attorno ad esso.

20 Chirurgia conservativa della mammella Chirurgia conservativa della mammella. Le linee tratteggiate mostrano l'area che contiene il tumore con del tessuto sano attorno e uno o più linfonodi ascellari. Le pazienti che sono si sottopongono a chirurgia conservativa della mammella possono essere anche sottoposte ad asportazione di uno o più linfonodi del cavo ascellare: si tratta di biopsia o di dissezione ascellare (tutti i linfonodi). Il prelievo di linfonodi può essere effettuato in corso di intervento chirurgico per l'asportazione del carcinoma o separatamente da esso. La biopsia o la dissezione di linfonodi è fatta attraverso un'incisione separata o dalle stessa incisione utilizzata per l'asportazione del tumore maligno.

21 Altri tipi di chirurgia Mastectomia radicale: l'atto chirurgico rimuove l'intera mammella con il carcinoma. Capezzolo, areola, cute, ghiandola mammaria in toto. Il prelievo di linfonodi può essere effettuato in corso di intervento chirurgico per l'asportazione del carcinoma o separatamente da esso. La biopsia o la dissezione di linfonodi è fatta attraverso un'incisione separata o dalle stessa incisione utilizzata per l'asportazione del tumore maligno.

22

23 Mastectomia radicale modificata Mastectomia radicale modificata. Le linee tratteggiate indicano l'area asportata compresi i linfonodi. In questo intervento chirurgico possono essere rimosse anche altre strutture della parete toracica (es.muscoli). In alcuni casi viene fatta una chemioterapia preoperatoria con la finalità di ridurre il volume del carcinoma e di permettere una chirurgia conservativa (chemioterapia naoadiuvante). Anche se il chirurgo rimuove tutta la malattia, alcune pazienti possono essere sottoposte a radioterapia, chemioterapia, o terapia ormonale dopo la chirurgia per uccidere tutte le cellule di cancro residue. Il trattamento ha

24 dato dopo la chirurgia, per abbassare il rischio che il cancro possa tornare, viene chiamata la terapia adiuvante. In corso di intervento chirurgico di mastectomia radicale, prospettato un intervento di chirurgia ricostruttiva. La chirurgia può anche essere effettuata successivamente. In genere ricostruttiva viene fatta in più riprese. La ricostruzione effettuata con impianto di espansore o di protesi mammaria tessuti propri. Il tipo di ricostruzione viene deciso di volta in chirurgo. può essere ricostruttiva la chirurgia può essere oppure con volta con il La biopsia di linfonodo di sentinella seguita dalla chirurgia La biopsia di linfonodo di sentinella consiste nella rimozione in corso di intervento chirurgico di un linfonodo precedentemente marcato con colorante o tracciante radioattivo. Il linfonodo di sentinella è il primo linfonodo che ricevere il drenaggio linfatico da un tumore. È il primo linfonodo dove la malattia tumorale tende ad estendersi a partire dal tumore principale. Una sostanza radioattiva e/o il colorante blu sono iniettate nelle vicinanze del tumore. La sostanza o colorante migrano attraverso i condotti linfatici verso linfonodi. Il primo linfonodo che ricevere la sostanza o colorante viene asportato; un patologo osserva il linfonodo al microscopio per cercare le cellule tumorali all'interno di esso. Se non vi sono cellule tumorali, non vi è la necessità di rimuovere gli altri linfonodo ascellari.

25 Radioterapia La radioterapia è una terapia medica consistente nell'utilizzo di radiazioni ionizzanti. La radioterapia è utilizzata soprattutto nel trattamento del carcinoma. Vengono impiegati i raggi X o radiazioni ad alte energie per uccidere o contenere la crescita di cellule tumorali. Vi sono due tipi di terapia di radiante: quella somministrata sulla massa tumorale dall'esterno attraverso un'apposita apparecchiatura e quella che prevede il posizionamento all'interno della malattia di semi radioattivi. Chemioterapia La chemioterapia è un trattamento per il carcinoma che impiega dei farmaci per fermare la crescita delle cellule del cancro, per ucciderle le cellule o per impedire loro di moltiplicarsi. La chemioterapia può essere somministrata direttamente in vena o per via orale, raggiungendo così tutte le cellule tumorali presenti nel corpo (chemioterapia sistemica). In altri casi i farmaci vengono messi direttamente nel fluido cerebrospinale, in un organo, o una cavità corporea -es. addome, torace, (chemioterapia loco-regionale). Terapia ormonale La terapia ormonale è un trattamento antitumorale che blocca l'azione degli ormoni impedendo alle cellule tumorali che ne hanno bisogno, di crescere e di moltiplicarsi. Gli ormoni sono le sostanze prodotte da alcune ghiandole nel corpo che vengono immesse nella corrente sanguigna. Alcuni ormoni possono promuovere la crescita di alcuni tipi ti tumore che possiedono dei recettori per gli ormoni. L'ormone estrogeno stimola la crescita di alcuni tipi di carcinoma della mammella viene prodotto principalmente dalle ovaie. Il trattamento per impedire le ovaie di produrre l'estrogeno è chiamato ablazione ovarica. Terapia ormonale con il tamoxifene è spesso data a pazienti con presenza nel carcinoma di recettori per estrogeni Con il tamoxifene vi può essere la possibilità di sviluppare un carcinoma dell'endometrio e pertanto dovrebbero avere un esame pelvico tutti gli anni. Ogni emorragia vaginale, che non sia una emorragia mestruale, dovrebbe essere riferita ad un medico al più presto possibile. Altra terapia ormonale viene fatta con un inibitore dell'aromatasi: viene consigliata ad alcune donne in postmenopausa con un tumore che possiede i recettori ormonali. Gli inibitori dell'aromatasi inibiscono o inattivano l'enzima aromatasi, determinando conseguentemente una soppressione totale della sintesi di estrogeni. Questi farmaci possono essere consigliati anche quale prosecuzione del trattamento dopo 3-5 anni di tamoxifene, in

26 postmenopausa. Terapie mirate La terapia sistemica è un tipo di trattamento che usa i farmaci o altre sostanze per identificare ed attaccare solamente le cellule del carcinoma senza danneggiare le cellule normali. Gli anticorpi monoclonali e gli inibitori della tirosinchinasi sono due terapie sistemiche impiegate nel trattamento di carcinoma della mammella. Gli inibitori di PARP [Poli-(ADP-ribosio)polimerasi] possono rappresentare una nuova strategia di trattamento per i pazienti con tumori resistenti ad alcune chemioterapie nei casi di carcinoma della mammella triplo negativo. La terapia con anticorpi monoclonali è un trattamento antitumorale che usa gli anticorpi fatti in laboratorio, da un unico tipo di cellula del sistema immunitario. Questi anticorpi possono identificare le sostanze sulle cellule del carcinoma o sostanze normali che possono aiutare la crescita delle cellule tumorali. Gli anticorpi attaccano alle sostanze ed uccidono le cellule tumorali, bloccano la loro crescita, o impedisce la loro diffusione. Gli anticorpi monoclonali sono somministrati per infusione. Possono essere usati da soli o per veicolare farmaci, tossine, o materiale radioattivo direttamente alle cellule tumorali. Gli anticorpi monoclonali possono essere usati in associazione con la chemioterapia. Trastuzumab è un anticorpo monoclonale che blocca gli effetti della proteina del fattore di crescita HER2, che invia segnali utili alla crescita delle cellule del carcinoma della mammella. Un quarto delle pazienti con il carcinoma della mammella hanno i tumori che possono essere trattati con il trastuzumab assoaciato dalla chemioterapia. Pertuzumab è un anticorpo monoclonale che può essere associato al trastuzumab e alla chemioterapia per trattare il carcinoma della mammella. Può essere impiegato per il trattamento in certe pazienti con il cancro della mammella di HER2-positivo che hanno metastatizzato (malattia tumorale estesa ad altre parti del corpo). L'Ado-trastuzumab emtansine è un anticorpo monoclonale legato ad un farmaco antitumorale. Questo legame viene detto coniugazione di farmacoanticorpo. Viene impiegato per il trattamento del carcinoma mammario HER2-positivo metastatizzato o recidivo. Gli inibitori della tirosin-chinasi sono i farmaci per la terapia sistemica che bloccano i segnali biochimici necessari alla crescita del tumore maligno. Gli inibitori della Gli inibitori della tirosin-chinasi possono essere usati con altri farmaci antitumorali come terapia adiuvante.

27 Lapatinib è un inibitore della tirosin-chinasi che blocca gli effetti della proteina di HER2 ed altre proteine all'interno le cellule del tumore. Può essere usato con altri farmaci per trattare i pazienti con il cancro della mammella HER2-positivo che progredisce podo il trattamento con il trastuzumab. Gli inibitori di PARP sono un tipo di terapia sistemica che impedisce la riparazione del DNA danneggiato delle cellule tumorali e causare così la morte delle cellule tumorali. La terapia con gli inibitori di PARP è in fase di studio per il trattamento di carcinoma della mammella negativo triplo. Nuovi tipi di trattamento si stanno esaminando nei trial clinici. Questa sezione riassuntiva descrive i trattamenti che si stanno studiando nei trials clinici. Questa sezione non può pertanto essere esaustiva. Informazioni sui trials clinici sono disponibili dal sito web di NCI. Chemioterapia ad alti dosaggi con trapianto di cellule staminali Chemioterapia ad alti dosaggi con il trapianto di cellule staminali è una soluzione adottata per somministrare dosi elevate dei chemioterapia e sostituire il sangue. Vengono prelevate cellule staminali ematiche dal midollo osseo e reinfuse al termine della chemioterapia per rigenerare il midollo osseo (produttore delle cellule del sangue) e ripristinare il patrimonio distrutto. Gli studi hanno mostrato che chemioterapia ad alte dosi seguita da trapianto di cellule staminali non dà vantaggi rispetto alla chemioterapia standard nel trattamento del carcinoma della mammella. Allo stato attuale delle conoscenze, tale trattamento deve essere riservato solamente nel contesto di trials clinici controllati. I pazienti pensano di potere prendere parte ad un trial clinico. Per alcune pazienti, l'ingresso in un trial clinico può rappresentare la migliore scelta di trattamento antitumorale. I trial clinici sono concepiti per valutare se nuovi trattamenti antitumorali sono sicuri ed efficaci o migliori dei trattamenti standard. I trattamenti standard di oggi sono basati su precedenti trial clinici. I pazienti che prendono parte ad un trial clinico possono ricevere il trattamento standard o essere tra il primi a ricevere un nuovo trattamento. I pazienti che prendono la parte ai trial clinici aiutano a migliorare le future terapia antitumorali. Anche quando il trial clinico non protano ad effettivi

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace.

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. 1. IL SENO COME E FATTO CONOSCERE Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. La ghiandola mammaria ha la funzione di produrre latte

Dettagli

Carcinoma Fattori di rischio I fattori predisponenti più importanti sono Come è classificato

Carcinoma Fattori di rischio I fattori predisponenti più importanti sono Come è classificato L'oncologia (dal greco óncos = massa e logos = studio) è la branca della medicina che studia le neoplasie o tumori. I due termini sono sinonimi e vengono comunemente interscambiati nel linguaggio comune.

Dettagli

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno la Speranza, l Amore, la cura 1 Il tumore al seno Il tumore al seno 2 Introduzione La mammella è una ghiandola con funzioni importanti: produce il latte, ma è anche un organo in cui alcuni ormoni si trasformano

Dettagli

tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più

tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più Cos è la mammella? La mammella è una ghiandola esocrina, la cui funzione è quella di produrre il

Dettagli

Carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale e avanzato. HER2: la crescita del tumore

Carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale e avanzato. HER2: la crescita del tumore IL TUMORE AL SENO Il tumore della mammella è caratterizzato dalla crescita non controllata di cellule che subiscono modificazioni rispetto alle cellule che originano nelle ghiandole dove avviene la produzione

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. 1. Stadiazione La stadiazione della paziente con tumore della mammella iniziale comprende l esame obiettivo, un emocromo e un

Dettagli

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria)

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria) I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M A cura del Dott. G.Antonini RIASSUNTO La classificazione della Unione Internazionale Contro il Cancro ha proposto una classificazione in base alle dimensioni

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti A cura del D r.g.antonini RIASSUNTO Questo capitolo tratta in maniera semplice e comprensibile i termini utilizzati dai medici, spiegando sommariamente il

Dettagli

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna Coordinamento editoriale e di redazione: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Carlo Naldoni Redazione testi: Gianni Saguatti, Debora Canuti, Marilena Manfredi, Mario Taffurelli Grafica: Tracce, Modena Stampa:

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE A. Sardaro Epidemiologia Rappresenta circa 1% di tutti i carcinomi mammari e

Dettagli

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA?

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? Informazioni sui percorsi di trattamento chirurgico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

Cosa bisogna sapere sul carcinoma mammario. Brochure completamente rielaborata secondo le conoscenze più recenti.

Cosa bisogna sapere sul carcinoma mammario. Brochure completamente rielaborata secondo le conoscenze più recenti. Cosa bisogna sapere sul carcinoma mammario. Brochure completamente rielaborata secondo le conoscenze più recenti. Indice Cosa bisogna sapere sul carcinoma mammario 4 Informazioni generali 5 Anatomia del

Dettagli

Cos'è il tumore al seno

Cos'è il tumore al seno Cos'è il tumore al seno Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. In realtà non è una ghiandola sola, ma un insieme di strutture

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto?

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? A cura del Dr.G.Antonini Non esiste un modo sicuro per prevenire il cancro al seno. Ma ci sono cose che tutte le donne possono fare che potrebbero ridurre

Dettagli

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia rapia RCCS ultimedica Cosa è un Centro di Senologia Il Centro di Senologia dell Ospedale MultiMedica di Castellanza è un luogo di cura studiato per

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO

CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO a cura del Dr.G.antonini Quali sono i fattori rischio per il carcinoma della mammella? Il fattore rischio indica la possibilità statistica di ammalare di una

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

05/02/2015. Malattie della mammella. Roberto Caronna. roberto.caronna@uniroma1.it. Richiami di Anatomia

05/02/2015. Malattie della mammella. Roberto Caronna. roberto.caronna@uniroma1.it. Richiami di Anatomia Dipartimento di Scienze Chirurgiche Sezione di Chirurgia Interdisciplinare «F. Durante» UOC di Chirurgia Generale N Corso di Laurea Infermieristica J Malattie della mammella Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it

Dettagli

Cancro del seno. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Cancro del seno. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro del seno Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro del seno (carcinoma della mammella) Il cancro del seno è una neoplasia maligna originata

Dettagli

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia Codice Interno Definizione Fase PDTA Significato Denominatore Numeratore Formula Matematica Valore di Riferimento Fonti dati BC obj1 Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Dettagli

Informazioni generali sul Carcinoma Polmonare non a Piccole Cellule (CPNPC)

Informazioni generali sul Carcinoma Polmonare non a Piccole Cellule (CPNPC) Ultimo aggiornamento: 29/01/10 Sommario Informazioni generali sul Carcinoma Polmonare non a Piccole Cellule (CPNPC) Gli stadi del CPNPC Il CPNPC recidivante Le opzioni terapeutiche in generale Le opzioni

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace.

Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. COS'È IL TUMORE AL SENO Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. In realtà non è una ghiandola sola, ma un insieme di strutture

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il Ciss, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari, ha un ruolo strategico all interno dei Comuni associati, poiché attraverso

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei I tumori ossei si formano quasi sempre all'interno di un osso e solo molto raramente

Dettagli

I Tumori della Mammella

I Tumori della Mammella SPAZIO SALUTE E AMBIENTE I Tumori della Mammella La Fonte Istrana, 12.04.2011 Fondazione Raphael I Tumori della Mammella Relatore: Giuseppe Zora Presidente della Fondazione Raphael La Mammella: questa

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

Mammella RIASSUNTO DELLE MODIFICHE

Mammella RIASSUNTO DELLE MODIFICHE Mammella C50.0 Capezzolo C50.1 Porzione centrale della mammella C50.2 Quadrante superiore interno della mammella C50.3 Quadrante inferiore interno della mammella C50.4 Quadrante superiore esterno della

Dettagli

La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare.

La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. IL NEUROBLASTOMA La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. Il Neuroblastoma è una forma tumorale che colpisce le cellule nervose dei gangli simpatici. Nell'età

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

IL TUMORE DEL TESTICOLO

IL TUMORE DEL TESTICOLO IL TUMORE DEL TESTICOLO Cos è il tumore del testicolo? Il cancro del testicolo è una forma rara di tumore maschile, in cui le cellule tumorali si formano a partire dai tessuti di uno o di entrambi i testicoli.

Dettagli

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ 1 2 3 SOMMARIO 3 Il tumore della mammella: dati epidemiologici 4 I fattori di rischio 6 I sintomi 7 La prevenzione 12 La terapia e la prognosi 15 Domande&Risposte

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato.

Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato. Dott. Castellari Sigerio Specialista in Oncologia Generale Radiologia e Terapia Fisica Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato. Sintesi

Dettagli

Il Tumore al seno Saperne di più

Il Tumore al seno Saperne di più Il Tumore al seno Saperne di più Il seno è un insieme di ghiandole e tessuto adiposo. Le strutture ghiandolari sono unite tra loro a formare un lobo. In un seno ci sono tra 15 e 20 lobi. Il latte giunge

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO Informazioni sullo SCREENING MAMMOGRAFICO Programma per la diagnosi precoce del tumore al seno per le donne tra i 50 e i 69 anni 1 PERCHÉ MI VIENE OFFERTA UNA MAMMOGRAFIA? Se ha un età compresa tra i 50

Dettagli

Nel prossimo decennio dobbiamo diminuire di almeno il 50% la percentuale di donne morte di tumore al seno!

Nel prossimo decennio dobbiamo diminuire di almeno il 50% la percentuale di donne morte di tumore al seno! Brustkrebs Tumore al seno die la malattia Krankheit dalle mit mille den sfaccettature vielen Gesichtern Care lettrici, il tumore al seno è la causa più frequente di tumore tra donne di tutto il mondo ed

Dettagli

Ovaio RIASSUNTO DELLE MODIFICHE

Ovaio RIASSUNTO DELLE MODIFICHE 30 Ovaio C56.9 Ovaio RIASSUNTO DELLE MODIFICHE Le definizioni del TNM e il raggruppamento in stadi per questo capitolo non sono stati modificati rispetto alla V edizione. ANATOMIA Sede primitiva. Le ovaie

Dettagli

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI CANCRO DEL PENE EPIDEMIOLOGIA NEOPLASIA PIUTTOSTO RARA NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI NEI PAESI OCCIDENTALI RAPPRESENTA LO 0,2-2% DI TUTTE LE NEOPLASIE CHE COLPISCONO L UOMO NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E

Dettagli

CANCRO DELLA MAMMELLA

CANCRO DELLA MAMMELLA II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI Corso di laurea in Medicina e Chirurgia Sede di Caserta CANCRO DELLA MAMMELLA Anno Accademico 2006-2007 EPIDEMIOLOGIA INCIDENZA neoplasia tipica e frequente, ma non

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

Impara a gestire il tuo Percorso di cura

Impara a gestire il tuo Percorso di cura Tutta la vita che c è TUMORE AL SENO AVANZATO C'è molto da sapere e da ascoltare Impara a gestire il tuo Percorso di cura Il tumore avanzato della mammella: come affrontarlo Per la revisione scientifica

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

opuscolo_2015_2.indd 1 31/08/15 12:49

opuscolo_2015_2.indd 1 31/08/15 12:49 opuscolo_2015_2.indd 1 31/08/15 12:49 opuscolo_2015_2.indd 2 31/08/15 12:49 Indice Lettera del Presidente Prefazione del Ministro della Salute La mammella Conoscere il tumore al seno Il cancro al seno

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara)

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara) Protocollo diagnostico-terapeutico per le Pazienti con carcinoma mammario La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006 1 IL CARCINOMA DELLA PROSTATA Il carcinoma della prostata rappresenta una grave questione di sanità pubblica e la sua incidenza è destinata ad aumentare nei prossimi anni, a causa del costante aumento

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO O. Lora, F. Gregucci, A. Negri* U.O. di Radioterapia e Medicina Nucleare *U.O. Di Fisica Sanitaria

Dettagli

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia Senologia ultimedica

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia Senologia ultimedica ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia rapia ruppo Senologia ultimedica Dove siamo Sede di Milano Sede di Sesto San Giovanni Ospedale San Giuseppe IRCCS MultiMedica Via San Vittore, 12 -

Dettagli

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi FIGURE MEDICHE I Pazienti si trovano a doversi confrontare con diverse figure mediche e a dover contattare diverse strutture. Poiché tale patologia deve essere affrontata con un approccio multidisciplinare,

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia I tumori della cute prevenzione diagnosi terapia I tumori della pelle si possono suddividere in due grandi gruppi: melanoma e non-melanoma. Per entrambi la prima causa di insorgenza è un esposizione eccessiva

Dettagli

Vincenzo Ferarra MD. Patologie prostatiche / 2 CANCRO ALLA PROSTATA. www.dottorvincenzoferrara.it

Vincenzo Ferarra MD. Patologie prostatiche / 2 CANCRO ALLA PROSTATA. www.dottorvincenzoferrara.it Patologie prostatiche / 2 CANCRO ALLA PROSTATA www.dottorvincenzoferrara.it CANCRO DELLA PROSTATA La prostata è una ghiandola che hanno solo gli uomini. E posizionata di fronte al retto e produce una parte

Dettagli

possibile La prevenzione LA SALUTE Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione obiettivo sicurezza

possibile La prevenzione LA SALUTE Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione obiettivo sicurezza a cura di Pompeo Pindozzi LA La prevenzione possibile Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione Dopo i 25 anni Tra i 25 e i 40 anni Verso i 40 anni Dopo i 40 anni La

Dettagli

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA LA STRATEGIA CHIRURGICA VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA IMAGING MICROISTOLOGIA TUMORE EREDO FAMILIARE CLINICA

Dettagli

Indice. Lettera del Presidente Prefazione del Ministro della Salute. La mammella

Indice. Lettera del Presidente Prefazione del Ministro della Salute. La mammella Indice Lettera del Presidente Prefazione del Ministro della Salute La mammella Conoscere il tumore al seno Il cancro al seno Le lesioni preneoplastiche È possibile prevenire il tumore della mammella? Come

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO Informazioni sullo SCREENING MAMMOGRAFICO Programma per la diagnosi precoce del carcinoma mammario per donne d età fra i 50 e i 69 anni 1 DI CHE COSA SI TRATTA? Unitamente all invito per lo screening mammografico,

Dettagli

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico C. Cocco 1, B. Caruso 1, E. Fiorio 2 1 Laboratorio Analisi (sede di BT) 2 Oncologia (sede di BT), AOUI,

Dettagli

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Convegno 26 Maggio 2012 Sala E. De Pasquale del Palazzo Comunale di Latina Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Dott. Enzo Veltri Direttore U.O.C Oncologia Latina 1 Mortalità

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

l'aeroporto per la salute delle donne. Progetto di diagnosi precoce della patologia mammaria

l'aeroporto per la salute delle donne. Progetto di diagnosi precoce della patologia mammaria l'aeroporto per la salute delle donne. Progetto di diagnosi precoce della patologia mammaria Introduzione Tu Donna, sai bene quante ansie o dubbi ti assalgono nel momento in cui decidi di sottoporti ad

Dettagli

nastro rosa Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. www.lilt.it

nastro rosa Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. www.lilt.it SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Con il Patrocinio di Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. Margherita Buy per LILT Foto: Francesca Moscheni

Dettagli

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA GRPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA ECOGRAFIA ADDOME SPERIORE NELL ADLTO 3 gg Colica reno-ureterale. Macroematuria Colica biliare con

Dettagli

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

IL NUOVO CORSO DELLA TERAPIA LOCO-REGIONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: L ESPERIENZA DI VICENZA

IL NUOVO CORSO DELLA TERAPIA LOCO-REGIONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: L ESPERIENZA DI VICENZA IL NUOVO CORSO DELLA TERAPIA LOCO-REGIONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: L ESPERIENZA DI VICENZA DR. L. ROTUNNO Unità Operativa Chirurgia Generale Iª I - Vicenza Prof. G. Ambrosino Fino al 1998 la chirurgia

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA 1. Background Epidemiologico Il tumore della mammella, all interno del gruppo delle malattie neoplastiche, rappresenta di gran lunga il

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio Il Carcinoma dell Endometrio Prof. Francesco Sesti EPIDEMIOLOGIA - Il carcinoma dell endometrio endometrio rappresenta nel mondo il secondo tumore femminile con 189.000 nuovi casi per anno, preceduto solo

Dettagli

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico Dedicato a te, donna Unità Multidisciplinare di Senologia con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico dedicato a te, donna Percorso senologico E' un percorso di accoglienza

Dettagli

INDICE. Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6. La mammella 8

INDICE. Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6. La mammella 8 1 INDICE Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6 La mammella 8 Conoscere il tumore al seno 9 Il cancro al seno 9 Le lesioni preneoplastiche 11 E possibile prevenire il tumore della

Dettagli

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero Screening per il tumore al seno e al collo dell utero SCREENING PER LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL SENO E DEL COLLO DELL UTERO. UN APPUNTAMENTO DA RICORDARE La Regione Valle d Aosta,

Dettagli

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto. Gianna Regis

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto. Gianna Regis Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto Gianna Regis L intestino L intestino è un organo dell apparato gastro-enterico L intestino L intestino si divide

Dettagli

Seno. COM Centro Oncologico Modenese CANCRO DEL. Dipartimento di Cure Primarie Distretti di Modena e Castelfranco E.

Seno. COM Centro Oncologico Modenese CANCRO DEL. Dipartimento di Cure Primarie Distretti di Modena e Castelfranco E. CANCRO DEL Seno CANCRO DEL Seno COM Centro Oncologico Modenese SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Dipartimento di Cure Primarie Distretti di Modena e Castelfranco

Dettagli

CONOSCERE PER GUARIRE. Tumore del seno. Ai m. Associazione Italiana di Oncologia Medica

CONOSCERE PER GUARIRE. Tumore del seno. Ai m. Associazione Italiana di Oncologia Medica CONOSCERE PER GUARIRE Tumore del seno o Associazione Italiana di Oncologia Medica Ai m Una lotta che si può vincere 75% 77% 77% La probabilità media di guarire definitivamente La percentuale media di sopravvivenza

Dettagli

RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014

RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014 RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014 02/12/2014 - TUMORE DEL SENO E DELLA TIROIDE, CONVEGNO GIOVEDÌ IN CHIESA Campobasso. Giovedì 4 dicembre alle 18 e 30 nella chiesa di S.Antonio Abate, a Campobasso,

Dettagli

CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica. Dott. Luca Rotunno

CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica. Dott. Luca Rotunno CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica Dott. Luca Rotunno LE DONNE VANNO INFORMATE SU: Scopi della terapia chirurgica. Possibili opzioni (chirurgia conservativa-demolitiva demolitiva- ricostruttiva). Vantaggi

Dettagli

Diagnosi e Stadiazione del Cancro del Polmone

Diagnosi e Stadiazione del Cancro del Polmone Diagnosi e Stadiazione del Cancro del Polmone 4 INTRODUZIONE Date le rilevanti dimensioni dei polmoni, un cancro può crescervi per anni senza essere individuato e senza destare sospetto. Può anche estendersi

Dettagli

La sorveglianza ginecologica e il trattamento chirurgico: quando e come

La sorveglianza ginecologica e il trattamento chirurgico: quando e come La sorveglianza ginecologica e il trattamento chirurgico: quando e come Dr.ssa Nicoletta Donadello Dr. Giorgio Formenti Ginecologia e Ostetricia A Ospedale F. Del Ponte Carcinoma ovarico e predisposizione

Dettagli

Perché mi devo sottoporre ad intervento di chirurgia mammaria?

Perché mi devo sottoporre ad intervento di chirurgia mammaria? Dir. Gen. e Sede Amm.va: Ospedale Policlinico Via Brunamonti, 51 06122 Perugia Sede Legale: Ospedale Silvestrini S. Andrea delle Fratte 06156 PERUGIA Partita IVA 02101050546 DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIRURGICHE

Dettagli