Annalisa Venturi Casadei, Team Ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Annalisa Venturi Casadei, Team Ambiente"

Transcript

1 Annalisa Venturi Casadei, Team Ambiente

2 D.LGS. n. 152/2006 ( Norme in materia ambientale ) e s.m.i. DM n. 148/98: Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del decreto legislativo 5 Febbraio 1997, n. 22 DM n 145/98: Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2, lettera e), e comma 4, del decreto legislativo 5 Febbraio 1997, n. 22 Circolare 04/08/1998 n. GAB/DEC/812/98: Circolare esplicativa sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti trasportati individuati, rispettivamente, dal D.M. 1 Aprile 1998, n. 145 e dal D.M. 1 Aprile 1998, n. 148 Linee Guida per la gestione dei rifiuti e degli scarichi nelle Aziende sanitarie della Regione Emilia Romagna (in bozza)

3 RIFIUTI URBANI prodotti da utenze domestiche SPECIALI prodotti da utenze NON domestiche (es Aziende USL) i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue Il Gruppo Regionale ritiene che si faccia riferimento ai fanghi derivanti da un impianto di trattamento specifico (es disinfezione, stoccaggio di reflui radioattivi, ecc) CER NON PERICOLOSI PERICOLOSI

4 FIR P P T P T T PER TUTTI I RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PER TUTTI I RIFIUTI PERICOLOSI E I FANGHI PRODOTTI DA IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Conservazione 5 anni PER TUTTI I RIFIUTI PERICOLOSI E I FANGHI PRODOTTI DA IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE

5 Il Codice CER è composto da un codice a 6 cifre che identifica il rifiuto l asterisco * indica quelli pericolosi XX YY ZZ Categoria o attività che genera il rifiuto Processo produttivo che genera il rifiuto Identifica nello specifico il rifiuto

6 18 RIFIUTI PRODOTTI DAL SETTORE SANITARIO E VETERINARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE (tranne i rifiuti di cucina e di ristorazione non direttamente provenienti da trattamento terapeutico) rifiuti dei reparti di maternità e rifiuti legati a diagnosi, trattamento e prevenzione delle malattie negli esseri umani oggetti da taglio (eccetto ) parti anatomiche ed organi incluse le sacche per il plasma e le riserve di sangue (tranne ) * rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni rifiuti che non devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni (es. bende, ingessature, lenzuola, indumenti monouso) * sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze pericolose sostanze chimiche diverse da quelle di cui alla voce * medicinali citotossici e citostatici medicinali diversi da quelli di cui alla voce * rifiuti di amalgama prodotti da interventi odontoiatrici

7 i rifiuti classificati pericolosi sono contrassegnati con *, presentano una o più caratteristiche di pericolo (lettera H + numero da 1 a 14) H1 esplosivo H2 comburente H3-A facilmente infiammabili (incluso estremamente infiammabile) H3-B infiammabile H4 irritante H5 nocivo H6 tossico (incluso molto tossico) H7 cancerogeno H8 corrosivo H9 infetto H10 teratogeno H11 mutageno H12 a contatto con l'acqua libera gas tossico o molto tossico H13 sorgente di sostanze pericolose H14 ecotossico

8 D1 Deposito sul o nel suolo (a esempio discarica) D2 Trattamento in ambiente terrestre (a esempio biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli) D3 Iniezioni in profondità (a esempio iniezioni dei rifiuti pompabili in pozzi. In cupole saline o faglie geologiche naturali) D4 Lagunaggio (a esempio scarico di rifiuti liquidi o di fanghi in pozzi, stagni o lagune, ecc.) D5 Messa in discarica specialmente allestita (a esempio sistematizzazione in alveoli stagni separati, ricoperti o isolati gli uni dagli altri e dall ambiente) D6 Scarico dei rifiuti solidi nell ambiente idrico eccetto l immersione D7 Immersione, compreso il seppellimento nel sottosuolo marino D8 Trattamento biologico non specificato altrove nel presente allegato, che dia origine a composti o a miscugli che vengono eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 a D12 D9 Trattamento fisicochimico non specificato altrove nel presente allegato che dia origine a composti o a miscugli eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 a D12 D10 Incenerimento a terra D11 Incenerimento in mare D12 Deposito permanente (a esempio sistemazione di contenitori in una miniera, ecc.) D13 Raggruppamento preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D12 D14 Ricondizionamento preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D13 D15 Deposito preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D14 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti)

9 R1 Utilizzazione principale come combustibile o come altro mezzo per produrre energia R2 Rigenerazione/recupero di solventi R3 Riciclo/recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi (comprese le operazioni di compostaggio e altre trasformazioni biologiche) R4 Riciclo/recupero dei metalli e dei composti metallici R5 Riciclo/recupero di altre sostanze inorganiche R6 Rigenerazione degli acidi o delle basi R7 Recupero dei prodotti che servono a captare gli inquinanti R8 Recupero dei prodotti provenienti dai catalizzatori R9 Rigenerazione o altri reimpieghi degli oli R10 Spandimento sul suolo a beneficio dell agricoltura o dell ecologia R11 Utilizzazione di rifiuti ottenuti da una delle operazioni indicate da R1 a R10 R12 Scambio di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate da R1 a R11 R13 Messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da R1 a R12 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti)

10 il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti alle seguenti condizioni: RIFIUTI NON PERICOLOSI Ritiro ogni 3 mesi, indipendentemente dalle quantità in deposito oppure quando il quantitativo totale raggiunge i 20 metri cubi; il termine massimo di durata del deposito temporaneo è di un anno per quantitativi inferiori RIFIUTI PERICOLOSI Ritiro ogni 2 mesi, indipendentemente dalle quantità in deposito oppure quando il quantitativo totale raggiunge i 10 metri cubi; il termine massimo di durata del deposito temporaneo è di un anno per quantitativi inferiori RIFIUTI A RISCHIO INFETTIVO durata max 5 giorni 30 gg per quantità inferiori a 200 litri

11 I produttori hanno l obbligo di tenuta di un REGISTRO DI CARICO E SCARICO su cui devono annotare le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti, da utilizzare ai fini della COMUNICAZIONE ANNUALE al Catasto Durante il trasporto effettuato da enti o imprese i rifiuti sono accompagnati da un FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE, redatto in 4 copie. Non è necessario per il trasporto effettuato dal servizio pubblico di raccolta né per il trasporto di rifiuti non pericolosi effettuato dal produttore, in modo occasionale e saltuario, senza superare le quantità di 30 kg o 30 litri al giorno

12 obbligo di tenuta di un registro in cui annotare le caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti prodotti annotazioni almeno ENTRO 10 GIORNI LAVORATIVI (5 GIORNI PER I RIFIUTI A RISCHIO INFETTIVO) dalla produzione del rifiuto e dallo scarico del medesimo i registri integrati con i formulari sono conservati 5 ANNI dalla data dell ultima registrazione i registri sono tenuti presso ogni impianto di produzione le informazioni contenute nel registro sono rese disponibili in qualunque momento all'autorità di controllo che ne faccia richiesta i registri sono numerati, vidimati e gestiti con le procedure e le modalità fissate dalla normativa sui registri IVA. I registri sono numerati e vidimati dalle Camere di commercio territorialmente competenti gli obblighi connessi alla tenuta dei registri di carico e scarico si intendono correttamente adempiuti anche qualora sia utilizzata carta formato A4, regolarmente numerata

13 accompagna i rifiuti durante il trasporto Compilato, datato e firmato dal produttore, controfirmato dal trasportatore informazioni riportate: nome e tipologia del produttore e del detentore origine, tipologia e quantità del rifiuto impianto di destinazione data e percorso dell instradamento nome ed indirizzo del destinatario redatto in 4 ESEMPLARI copie conservate PER 5 ANNI

14 PRODUTTORE P P T P T P T T P P T D P T D T D TRASPORTATORE DESTINATARIO

15 La responsabilità del produttore è esclusa: a condizione che abbia ricevuto il formulario controfirmato e datato in arrivo dal destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore oppure, alla scadenze del termine, abbia comunicato alla Provincia la mancata ricezione del formulario in caso di conferimento al servizio pubblico di raccolta Nel caso di conferimento di rifiuti a soggetti autorizzati alle operazioni di raggruppamento, ricondizionamento e deposito preliminare, indicate rispettivamente ai punti D 13, D 14, D 15 dell'allegato B alla parte quarta del decreto, la responsabilità dei produttori dei rifiuti per il corretto smaltimento è esclusa a condizione che questi ultimi, oltre al formulario di trasporto.. abbiano ricevuto IL CERTIFICATO DI AVVENUTO SMALTIMENTO rilasciato dal titolare dell'impianto che effettua le operazioni di cui ai punti da D 1 a D 12 del citato Allegato B. Le relative modalità di attuazione sono definite con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio NON ANCORA EMANATO!!

16 REGISTRO DI CARICO E SCARICO estensione del tempo di registrazione dei pericolosi NON A RISCHIO INFETTIVO da 7 a 10 giorno lavorativi (anche se si suggerisce di mantenere una cadenza settimanale) non e più obbligatorio scrivere la quantità in chilogrammi o litri e metri cubi. E sufficiente una delle tre misure FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTO è obbligatorio per il trasporto da parte del produttore di RIFIUTI PERICOLOSI anche per quantità inferiori a 30 kg o 30 litri, al giorno e per il trasporto di RIFIUTI NON PERICOLOSI per quantità superiori a 30 kg o 30 litri In questo caso l impresa deve essere iscritta all'albo nazionale gestori ambientali a seguito di semplice richiesta scritta alla sezione dell'albo regionale territorialmente competente, e corrispondere un diritto annuale di iscrizione pari a 50 euro Da notare che l AUSL è un ENTE e quindi non può farlo!

17 Per CARICO si intende la scrittura sul registro di alcune informazioni qualitative e quantitative sui rifiuti prodotti in una sede la frequenza di tale operazione è stabilita dalla normativa vigente 5 giorni lavorativi per i pericolosi a rischio infettivo 10 giorni lavorativi per gli altri pericolosi e per i fanghi ) Per SCARICO si intende la scrittura sul registro di alcune informazioni qualitative e quantitative sui rifiuti (già registrati in carico) conferiti ad un soggetto trasportatore autorizzato per l avvio ad un sito di destinazione finale la frequenza di tale operazione è stabilita dalla normativa vigente 5 giorni lavorativi per i pericolosi a rischio infettivo 10 giorni lavorativi per gli altri pericolosi e per i fanghi

18 il produttore (struttura sanitaria) deve sapere: 1.QUANDO il rifiuto è prodotto (inizia il deposito temporaneo) registrare entro 5 giorni per gli infettivi e 10 per gli altri 2.QUALE rifiuto è prodotto (CER, descrizione aggiuntiva, stato fisico, eventuali caratteristiche di pericolo) 3.QUANTO rifiuto è prodotto (volume oppure peso)

19 QUANDO il rifiuto è prodotto (parte il deposito temporaneo) per gli infettivi quando è chiuso il contenitore (art. 8 DPR 254/03) per analogia anche altre tipologie raccolte in contenitori (es. taniche CER *,contenitori CER *), NB: almeno 1 volta all anno per rifiuti prodotti in esigue quantità, es amalgama CER * immediatamente per i rifiuti raccolti in cisterna ad intervento per rifiuti prodotti per le manutenzioni o il fuori uso, fanghi di impianti di trattamento acque reflue (es. neon CER *, monitor CER *)

20 La struttura sanitaria deve sapere per ogni tipologia di rifiuto: CER, descrizione aggiuntiva, stato fisico, eventuali caratteristiche di pericolo con quale frequenza è prodotto rispetto ai termini previsti per la registrazione (5 o 10 giorni) tale frequenza può essere periodica, per i rifiuti prodotti regolarmente (es. settimanale per i liquidi di laboratorio raccolti in cisterna - CER *) occasionale, per quelli prodotti saltuariamente (es. batterie al piombo - CER *, fuori uso dei monitor dei computer CER *),

21 Nel registro si può riportare sia in volume (litri o metri cubi) sia in peso (kg) La quantificazione in volume ha lo scopo di tenere monitorato quanto rifiuto è in deposito temporaneo, in modo da non superare i limiti previsti dalla normativa (10 metri cubi per i pericolosi), ma per alcuni rifiuti è poco fattibile (es. neon!) La struttura sanitaria sceglie l unità di misura più idonea per ogni tipologia di rifiuto la stima deve essere verosimile ma conviene effettuarla in difetto per evitare che la quantità in carico sul registro sia superiore a quella reale in deposito. Questa situazione, infatti, farebbe risultare formalmente prodotto un rifiuto inesistente del cui smaltimento l'azienda sarebbe chiamata a risponderne nel caso in cui l'azienda sanitaria disponga del peso effettivo del rifiuto in tempi tali da consentire il rispetto dei termini per la registrazione del carico (5 o 10 giorni), è possibile inserire tale dato in alternativa al volume

22 La quantificazione del rifiuto in deposito temporaneo può essere PUNTUALE, in volume oppure in peso, esempio: volume totale dei contenitori chiusi movimentati dai reparti (es. CER *, CER *, CER *), volume raccolto in cisterna misurato tramite rilevatore di livello (es. CER *, CER *, CER *) STIMATA in maniera verosimile, in volume oppure in peso: dati storici; si stabilisce una produzione media settimanale, quantificando i rifiuti prodotti negli ultimi mesi/anni (es. se la produzione dei neon è regolare e ogni anno si attesta attorno a 400 kg, il carico per settimana può essere 6 Kg) dati di attività; si stabilisce un indicatore di produzione legato ad un parametro di esercizio (es. i prodotti utilizzati per sviluppare le lastre radiografiche sono diluiti 4 volte dalla macchina, per cui l'uso di 5 litri di prodotto produce 20 litri di rifiuto liquido raccolto in cisterna)

23 CASO DESCRIZIONE QUANDO È PRODOTTO MONITORAGGIO QUANTITÀ rifiuti liquidi pericolosi raccolti in taniche all interno dei laboratori o dei reparti la tanica in uso deve riportare un etichetta con le caratteristiche del rifiuto contenuto (es. CER, classi H di pericolo, descrizione), quando è piena si chiude e si aggiunge la data. La tanica chiusa definitivamente viene posta nel locale apposito del reparto e, nel giro di pochi giorni, trasferita nel deposito temporaneo centralizzato il rifiuto è prodotto una volta chiusa in maniera definitiva la tanica carico effettuato indicando il volume delle taniche portate al deposito rifiuti solidi pericolosi prodotti nei reparti es. CER * i rifiuti sono raccolti in contenitori sui quali, al momento della chiusura, in analogia al sistema di conteggio dei rifiuti a rischio infettivo, viene indicato il nome del reparto produttore e la data il rifiuto è prodotto una volta chiuso in maniera definitiva il contenitore carico effettuato indicando il volume dei contenitori portati in deposito rifiuti liquidi pericolosi raccolti in cisterna es. CER *, *, * i rifiuti vengono direttamente convogliati nel luogo di deposito temporaneo il rifiuto è prodotto quando arriva in cisterna carico effettuato indicando il volume raccolto in cisterna

24 CASO DESCRIZIONE QUANDO È PRODOTTO MONITORAGGIO QUANTITÀ rifiuti solidi prodotti dalle attività di manutenzione, se ricadono tra i rifiuti prodotti dall Azienda e non dalla ditta vedi Capitolo 11 es. CER *, *, * sia i rifiuti prodotti regolarmente (es. neon) sia quelli prodotti in occasione di determinati interventi (es. sostituzioni di filtri della cappe, sostituzioni di batterie al piombo, monitor dei computer) sono conferiti in tempi rapidi al deposito temporaneo il rifiuto è prodotti al momento dell'intervento o del fuori uso carico effettuato indicando il peso o il volume stimato rifiuti solidi o liquidi prodotti in esigue quantità es. CER *, * i rifiuti sono raccolti in contenitori di piccole dimensioni perché prodotti in modeste quantità (es. qualche decina di grammi all anno per l'amalgama odontoiatrica). Il contenitore rimane in uso all interno del reparto per un tempo abbastanza lungo perché impiega diversi mesi per riempirsi. Si ritiene opportuno chiudere i contenitori parzialmente pieni e avviarli a smaltimento/recupero una volta all anno, a prescindere dal grado di riempimento, per rispettare quanto disposto dall'articolo 183 comma 1 del D.Lgs. 152/2006 i rifiuti sono prodotti quando arrivano (almeno una volta all'anno) nel deposito temporaneo carico effettuato indicando il volume stimato

25 RIFIUTO DESCRIZIONE MONITORAGGIO QUANTITÀ FREQUENZA CARICO CER * sostanze chimiche pericolose coloranti laboratorio analisi H 06 (tossico) 4 (liquido) Raccolto in taniche da 10 litri movimentate da ditta pulizie Volume totale movimentato al deposito temporaneo Utilizzo di scheda che riporta n. taniche movimentate moltiplicato per volume della tanica All arrivo della scheda (generalmente 1 al mese) CER * Medicinali citotossici e citostatici H 07 cancerogeno 2 (solido non pulverulento) Raccolto in contenitori da 35 litri movimentati da ditta pulizie Volume totale movimentato al deposito temporaneo Utilizzo di scheda che riporta n. contenitori movimentati moltiplicato per volume del contenitore All arrivo della scheda (generalmente 1 a settimana) CER * Apparecchiature pericolose o contenenti sostanze pericolose Monitor computer H 14 2 (solido non pulverulento) In deposito dopo il fuori uso Peso stimato sui dati storici Un monitor pesa 6 kg All arrivo di comunicazione del fuori uso CER * Tubi fluorescenti e altri rifiuti contenenti mercurio Tubi al neon H 06 2 (solido non pulverulento) Rimosso da ditta manutenzione Peso stimato sui dati storici (media di 400 kg all anno e produzione settimanale di 5 kg) 5 kg a settimana

26 DATA N. REGISTRO QUANTITÀ DEPOSITO In caso di rifiuti prodotti regolarmente (es. ogni settimana) e scaricati con cadenze più lunghe (es. 1 al mese), può essere utile compilare un modulo sulla quantità in deposito 04/03/ /03/ /03/ /03/ /04/ /04/

27 1. I soggetti [ ] che non effettuino la comunicazione ivi prescritta ovvero la effettuino in modo incompleto o inesatto sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria da a ; se la comunicazione è effettuata entro il 60 giorno dalla scadenza del termine stabilito [ ] si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 26 a Chiunque omette di tenere ovvero tiene in modo incompleto il registro di carico e scarico [ ] è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da a Se il registro è relativo a rifiuti pericolosi si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da a , nonché la sanzione amministrativa accessoria della sospensione da un mese a un anno dalla carica rivestita dal soggetto responsabile dell'infrazione e dalla carica di amministratore

28 4. Chiunque effettua il trasporto di rifiuti senza il formulario [ ] ovvero indica nel formulario stesso dati incompleti o inesatti è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da a Si applica la pena (reclusione fino a 2 anni) di cui all'articolo 483 del codice penale nel caso di trasporto di rifiuti pericolosi. Tale ultima pena si applica anche a chi, nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti, fornisce false indicazioni sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti e a chi fa uso di un certificato falso durante il trasporto 5. Se le indicazioni di cui ai commi 1 e 2 sono formalmente incomplete o inesatte ma i dati riportati nella comunicazione al catasto, nei registri di carico e scarico, nei formulari di identificazione dei rifiuti trasportati [ ] consentono di ricostruire le informazioni dovute, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 260 a La stessa pena si applica se le indicazioni di cui al comma 4 sono formalmente incomplete o inesatte ma contengono tutti gli elementi per ricostruire le informazioni dovute per legge, nonché nei casi di mancato invio alle autorità competenti e di mancata conservazione dei registri di cui all'articolo 190, comma 1, o del formulario di cui all'articolo 193

29

30 ADL /01/2005 AZIENDA USL FERRARA via Cassoli 30 Ferrara OSPEDALE SAN CAMILLO via Feletti 2 Comacchio (FE) SEZIONE 1 METAL PLAST RECUPERI VIA Statale Nord 121 Mirandola (MO) DET /09/04 METAL PLAST RECUPERI VIA Statale Nord 121 Mirandola (MO) BO/1694/0 25/03/05 SEZIONE 2 COLLI N 43 x 60 SCATOLE 3291 RIFIUTO DI OSPEDALE NON 4 x 20 BIDONI SPECIFICATO 6.2 II ADR

31 RIFIUTO CHE DEVE ESSERE SMALTITO APPLICANDO PRECAUZIONI PER EVITARE INFEZIONI SEZIONE * X D15 X H09 47 Solo nel caso sia smaltito in discarica X X 2660 Comacchio, Ferrara, Lagosanto X

32 SEZIONE 4 Mario Rossi ZA 624 LT ANDREA BIANCHI 27/01/ SEZIONE 5 X X /01/ METAL PLAST RECUPERI

33 Se il trasportatore è costretto a cambiare destinatario, il nuovo percorso e il nuovo destinatario, nonché i motivi della variazione devono essere riportati nelle annotazioni Se per esigenze operative/imprevisti tecnici lo stesso trasporto viene effettuato con veicoli diversi o da trasportatori diversi, gli estremi identificativi di trasportatori e automezzi devono essere riportati sulle 3 copie che accompagnano il trasporto nelle annotazioni In caso di trasbordo parziale del carico su un mezzo diverso (per motivi eccezionali) il trasportatore deve emettere un nuovo fir dove mette i suoi dati (come produttore) e nelle annotazioni : motivo del trasbordo, codice del primo fir, produttore di origine, quantità del rifiuto trasbordato. Nel primo fir deve riportare nome del secondo trasportatore, codice del secondo fir. Al produttore devono pervenire entrambe le 4 copie L eventuale presenza di un intermediario senza detenzione (non entra in contatto col rifiuto ma fa da tramite tra il trasportatore e il destinatario) deve essere indicata nelle annotazioni

34 compilazione del formulario firma del produttore indicazione del peso microraccolta dei rifiuti errori di compilazione perdita di una delle copie del formulario integrazione con ADR

35

36 Azienda USL di Ferrara, via cod fiscale. 1. DITTA (INDIRIZZO, CODICE FISCALE, UBICAZIONE DELL ESERCIZIO) 2. ATTIVITA PRODUZIONE 3. TIPO DI ATTIVITA X da compilare prima della vidimazione il resto è da compilare prima dell utilizzo 1 01/01/ /12/07 4. REGISTRAZIONE N. DEL e N. DEL 5. CARATTERISTICHE DEL RIFIUTO: A) STATO FISICO B) CLASSI DI PERICOLO 1. Solido pulverulento 2. Solido non pulverulento 3. Fangoso palabile 4. Liquido H1 esplosivo H3-B infiammabile H9 infetto.. da compilare al termine del registro

37 5 giorni di tempo per i rifiuti a rischio infettivo * * 10 giorni di tempo per tutti gli altri rifiuti pericolosi 27/01/ X * Rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni 2 H Kg o litri o metri cubi

38 5 giorni di tempo per i rifiuti a rischio infettivo * * 10 giorni di tempo per tutti gli altri rifiuti pericolosi X 27/01/ ADL /01/ * Rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni 2 H Data di effettuazione del trasporto X D15 Kg o litri o metri cubi

39 ERRORE MATERIALE Oppure altre annotazioni, es. presenza di un intermediario senza detenzione, variazione di peso Compilare questa sezione solo se la presa in carico o l uscita del rifiuto sia gestita da un intermediario senza detenzione (da notare che la categoria dell Albo non è ancora operante)

40 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic * Soluzioni di sviluppo attivanti a base acquosa * Soluzioni di fissaggio * Apparecchiature fuori uso, contenenti clorofluorocarburi HCFC, HFC * Apparecchiature fuori uso, contenenti componenti pericolosi diversi da quelli di cui alle voci e * Batterie al piombo * Batterie al nichelcadmio * rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni * Sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze chimiche pericolose * Medicinali citotossici e citostatici * Rifiuti di amalgama prodotti da interventi odontoiatrici * Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio

41 mancata registrazione errori di compilazione registrazione contestuale di carico e scarico mancata vidimazione quantità rifiuto (MUD)

42 da presentare ogni anno alla Camera di Commercio, entro il 30 aprile (ma la data può variare quindi è da verificare) DPCM del 2 dicembre 2008: dal 2010 obbligatorio l invio telematico, il dichiarante deve essere in possesso di un dispositivo di firma digitale la struttura sanitaria deve trasmettere i flussi dei rifiuti (pericolosi e fanghi prodotti in impianti di trattamento delle acque reflue) per l anno solare relativo alla dichiarazione: QUANTO è stato prodotto = somma dei carichi (REGISTRO) QUANTO è stato avviato a smaltimento e a quali soggetti (dato delle 4 copie dei FIR) conviene confrontare i propri dati con quelli trasmessi dalla Ditta che svolge il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti deve essere firmato dal legale rappresentante o suo delegato

43 entro il 1 marzo di ogni anno, la Ditta aggiudicataria del servizio di gestione dei rifiuti (TEAM AMBIENTE S.p.A.) invia alle U.O. Funzioni Amministrative lo schema riassuntivo dei dati di produzione, via le U.O. Funzioni Amministrative inoltrano lo schema riassuntivo dei dati di produzione agli operatori addetti alla compilazione del Registro entro il 15 marzo, gli operatori addetti al Registro compilano la scheda finalizzata alla redazione del MUD con i dati riportati sul Registro di propria competenza, verificando la corrispondenza con lo schema riassuntivo dei dati di produzione, firmano la scheda e la invia alla propria Direzione di Macrostruttura il Direttore di Macrostruttura (o Suo delegato) controlla la completezza delle schede (presenza di tutti i punti di produzione e compatibilità dei dati rispetto allo storico) delle Strutture Complesse Dipartimentali di competenza, le firma e le invia alla propria U.O. Funzioni Amministrative le U.O. Funzioni Amministrative verificano la trasmissione delle schede da parte di tutte le Macrostrutture di competenza e trasmettono le schede compilate alla Ditta aggiudicataria del servizio di gestione dei rifiuti (TEAM AMBIENTE S.p.A.) entro il 30 marzo inviano alla Dott.ssa Mattioli un elenco dei punti di produzione di competenza, per l anno in esame la Ditta aggiudicataria del servizio di gestione dei rifiuti (TEAM AMBIENTE S.p.A.) predispone il MUD e lo invia alla Dott.ssa Mattioli entro il 15 Aprile il Dott. Di Giorgio (in qualità di referente aziendale per il Gruppo Regionale Rifiuti) verifica la corrispondenza delle schede anagrafiche del MUD con l elenco dei punti di produzione pervenuto dalle U.O. Funzioni Amministrative il Direttore Generale in qualità di Legale Rappresentante (o Suo Delegato) firma il MUD la Dott.ssa Mattioli si occupa del pagamento dei diritti di segreteria e della trasmissione finale alla Camera di Commercio competente per territorio, entro il 30 aprile di ogni anno

CICLO DI INCONTRI La competenza ambientale nell impresa: presupposti, requisiti, modalità operative

CICLO DI INCONTRI La competenza ambientale nell impresa: presupposti, requisiti, modalità operative CICLO DI INCONTRI La competenza ambientale nell impresa: presupposti, requisiti, modalità operative Claudia SILVESTRO Alessandra TONELLI AREA AMBIENTE CONFINDUSTRIA UDINE RECUPERO E SMALTIMENTO RIFIUTI

Dettagli

PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI. Colverde 29/11/2014. Dott.ssa Claudia Testanera

PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI. Colverde 29/11/2014. Dott.ssa Claudia Testanera PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI Colverde 29/11/2014 Dott.ssa Claudia Testanera LA GESTIONE DEI RIFIUTI Alcune nozioni: Definizione di Rifiuto Definizione di Sottoprodotto

Dettagli

Operazioni di smaltimento

Operazioni di smaltimento D1 Deposito sul o nel suolo (a esempio discarica) Operazioni di smaltimento D2 Trattamento in ambiente terrestre (a esempio biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli) D3 Iniezioni in profondità

Dettagli

Impianti Stoccaggio Amianto

Impianti Stoccaggio Amianto Il trattamento e lo smaltimento dei Rifiuti Contenenti Amianto: situazione italiana. Roma 12 Dicembre 2013. Impianti Stoccaggio Amianto Ing. Beatrice Conestabile della Staffa Dott.ssa Federica Paglietti

Dettagli

LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA

LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA Competenze delegate dalla legge nazionale (art. 197 D.lgs 152/2006): a) controllo e verifica degli interventi di bonifica e loro monitoraggio; b) controllo

Dettagli

6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo

6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo 6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI e gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo NORMA DI RIFERIMENTO D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale Parte quarta Norme in materia

Dettagli

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti Gestione e consulenza rifiuti elettronici e da ufficio v.2.0 del 06/09/2011 Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO 2 Le presenti linee

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

www.sepro.it www.sepro.it Sepro srl VIa Vittorio Alfieri 1/a 30038 Spinea (VE) sepro@sepro.it Tel Fax +39 041 994839 +39 041 5411392

www.sepro.it www.sepro.it Sepro srl VIa Vittorio Alfieri 1/a 30038 Spinea (VE) sepro@sepro.it Tel Fax +39 041 994839 +39 041 5411392 VIa Vittorio Alfieri 1/a 30038 Spinea (VE) sepro@sepro.it Tel Fax +39 041 994839 +39 041 5411392 www.sepro.it www.sepro.it L ambiente in cui viviamo viene giorno dopo giorno occupato dai rifiuti che produciamo

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI 17-11-2014 Area Territorio Tecnologia Economia Geom. Roberto Caporali 1 TESTO UNICO DELL AMBIENTE Le definizioni più importanti per il nostro settore

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE

I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE La gestione dei rifiuti sanitari: aspetti normativi A cura di: Marco Ferrari Tecnico della Prevenzione Servizio Controllo Ambientale

Dettagli

O.R.G.S. IL RUOLO DEL GEOLOGO NELLA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Partinico Real Cantina Borbonica

O.R.G.S. IL RUOLO DEL GEOLOGO NELLA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Partinico Real Cantina Borbonica O.R.G.S. IL RUOLO DEL GEOLOGO NELLA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Partinico Real Cantina Borbonica 12 Settembre 2014 Terre e Rocce da Scavo nel regime dei rifiuti Utilizzo degli Aggregati Riciclati

Dettagli

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148 Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia SCHEDA REGISTRO DI CARICO/SCARICO E FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI TRASPORTATI Ogni singola Struttura, per poter smaltire correttamente i propri Rifiuti Speciali, si dovrà dotare degli strumenti

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: REGISTRI, FORMULARI E SISTRI

GESTIONE RIFIUTI: REGISTRI, FORMULARI E SISTRI GESTIONE RIFIUTI: REGISTRI, FORMULARI E SISTRI MODULO C CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.LGS.195/03 LANCENIGO (TV), 9 DICEMBRE 2014 Inquadramento normativo in materia di gestione dei

Dettagli

PIANO RIFIUTI. ai sensi del D.Lgs 152/2006 (testo vigente al 03/08/2012)

PIANO RIFIUTI. ai sensi del D.Lgs 152/2006 (testo vigente al 03/08/2012) PIANO RIFIUTI ai sensi del D.Lgs 152/2006 (testo vigente al 03/08/2012) PIANO RIFIUTI pag. 2 di 35 PARTE 1 - GESTIONE DEI RIFIUTI 3 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2 DEFINIZIONI... 3 3 DESCRIZIONE

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

ALBO GESTORI AMBIENTALI

ALBO GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DEL VENETO ALBO GESTORI AMBIENTALI ISCRIZIONE CATEGORIA 1 GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA Partner ufficiale 2008 della Camera di Commercio di Venezia Categoria 1 CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti

Dettagli

PVC. Il registro di carico e scarico dei rifiuti

PVC. Il registro di carico e scarico dei rifiuti PVC Il registro di carico e scarico dei rifiuti EDITORE I - 39100 Bolzano, via Perathoner 8/b -10 Tel. 0039 0471 945602-945525 Fax 0039 0471 945 510 ambiente@camcom.bz.it www.camcom.bz.it AUTORI Benedetta

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI Le formalità da seguire per procedere alle distruzioni di beni, analoghe sia per le rimanenze di magazzino che per i beni strumentali, sono attualmente previste dal D.P.R.

Dettagli

c h i e d e o il rinnovo dell autorizzazione alla gestione rilasciata con provvedimento n.

c h i e d e o il rinnovo dell autorizzazione alla gestione rilasciata con provvedimento n. MARCA DA BOLLO da Euro 14,62 [fac-simile di domanda] [In caso di domanda presentata da Enti Pubblici lo schema deve subire le conseguenti modificazioni. In caso di soggetti privati la domanda deve essere

Dettagli

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002)

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002) Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18,

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Direttiva 91/156/CEE. Direttiva 91/156/CEE

Direttiva 91/156/CEE. Direttiva 91/156/CEE Page 1 of 9 Direttiva 91/156/CEE Direttiva 91/156/CEE Direttiva del Consiglio del 18 marzo 1991 che modifica la direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti (Gazzetta ufficiale delle Comunità Europee del 26

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Manuale di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti

Manuale di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti Manuale di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti Manuale di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti Il formulario svolge la funzione di anello di congiunzione rispetto

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. 1/11 Spett.le R.A.P. S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO. ISTANZA DEL PRODUTTORE Il legale rappresentante della ditta P.

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE CORSO «LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN ATENEO» Modulo SPECIALISTICO 2 a PARTE dott. Deborah GORI SERVIZI INTEGRATI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D8/2015 DISPENSE Servizi Integrati

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

SERVIZIO BIENNALE PER RACCOLTA TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI (LOTTO O 1)

SERVIZIO BIENNALE PER RACCOLTA TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI (LOTTO O 1) SERVIZIO BIENNALE PER RACCOLTA TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI (LOTTO O 1) GESTIONE RIFIUTI Pagina 1 di 10 PREMESSA la presente specifica tecnica definisce le modalità operative, i compiti

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe 1/24 2/24 PER RIFIUTO SI INTENDE QUALSIASI SOSTANZA DI CUI IL DETENTORE O IL PRODUTTORE SI DISFI O ABBIA L OBBLIGO DI DISFARSI D. Lgs. 152/2006 3/24

Dettagli

I RIFIUTI. capitolo 4

I RIFIUTI. capitolo 4 capitolo 4 I RIFIUTI Quella dei rifiuti è senza dubbio una questione aperta di fondamentale importanza; le problematiche sono molteplici: dall inquinamento alla spesa per lo smaltimento, fino alla ricerca

Dettagli

Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98. sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto

Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98. sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98 sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto Pubblicato nella Gazzetta ufficiale 11 settembre 1998 n. 212 MINISTERO

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO AMIANTO : aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni Seminario 22 maggio 2009 LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO Checchi Lella ARPA Sezione Provinciale di Modena Servizio Territoriale

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 21/10/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 26/10/2009 Approvato DG IN VIGORE

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA RECUPERO RIFIUTI NON PERICOLOSI Art. 216 del D.Lgs. 152/06.

COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA RECUPERO RIFIUTI NON PERICOLOSI Art. 216 del D.Lgs. 152/06. COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA RECUPERO RIFIUTI NON PERICOLOSI Art. 216 del D.Lgs. 152/06. Alla Provincia di Prato Servizio Ambiente e Energia Via B. Cairoli, 25 59100 Prato Il sottoscritto in qualità

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. MODULO 1/11 Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo Spett.le RAP S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO.

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

Le problematiche ambientali nell attività agricola

Le problematiche ambientali nell attività agricola Le problematiche ambientali nell attività agricola controlli; verifiche ispettive; apparato sanzionatorio; appunti e riferimenti normativi a cura di: Ten. Alberto Casoni San Ginesio li 12/02/2005 1 RIFIUTI

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 4 marzo 2009 n.23 (Ratifica Decreto Delegato 28 novembre 2008 n.147) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 28

Dettagli

Il sistema SISTRI: procedure operative per produttori di rifiuti speciali

Il sistema SISTRI: procedure operative per produttori di rifiuti speciali Il sistema SISTRI: procedure operative per produttori di rifiuti speciali Camera di Commercio di Como 25 febbraio 2014 1 Programma: Breve richiamo alla normativa inerente la gestione dei rifiuti e al sistema

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez L articolo 12 comma 1 del Decreto Legislativo 5 febbraio 1997 n 22 Attuazione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali

Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali (istruzioni per la compilazione del movimento di CARICO) Scarico Carico X del..11.1.2012 N...1. Caratteristiche del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

Università degli Studi di Catania IL RETTORE

Università degli Studi di Catania IL RETTORE REP. DECRETI N 11766 Università degli Studi di Catania IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168; Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Catania, emanato con D.R. 6 maggio 1996, n. 1885,

Dettagli

Scheda descrittiva del rifiuto Discarica D1 Amianto

Scheda descrittiva del rifiuto Discarica D1 Amianto Rev. 8 Pag. 1 di 5 SCHEDA DESCRITTIVA DEL RIFIUTO Produttore: Numero di OMOLOGA N. del Sede legale: P.IVA: Cod.Fisc.: Sede dello stabilimento ove il rifiuto viene prodotto: Via Comune di Provincia di Codice

Dettagli

Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109)

Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109) Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109) Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RIFIUTI SPECIALI PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152. - Norme in materia ambientale e successive modifiche ed integrazioni CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8

REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8 REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8 Regolamento per l'assegnazione ai comuni della Campania del contributo di ristoro ambientale previsto dall'articolo 28 della legge regionale 28 marzo 2007, n. 4 "norme

Dettagli

DOCUMENTO DI SICUREZZA

DOCUMENTO DI SICUREZZA C.R. FRASCATI SERVIZIO SICUREZZA E SALVAGUARDIA DOCUMENTO DI SICUREZZA Sigla di Identificazione Distribuzione Tipologia Documento Pagina di: _RIF L Procedura Operativa di Sicurezza 1 24 TITOLO: PROCEDURA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Dr.ssa Micaela Utili Confapi Ravenna Verona 21 aprile

Dettagli

Aspetti ambientali della manutenzione

Aspetti ambientali della manutenzione Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011 Indice della presentazione Inquadramento

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle.

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle. Manuale B2B Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA Documento a cura di: RAEcycle Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia www.raecycle.it Contatti servizio B2B: Mail: b2b@raecycle.it Tel:

Dettagli

ADEMPIMENTI NORMATIVI PER LO STUDIO ODONTOIATRICO

ADEMPIMENTI NORMATIVI PER LO STUDIO ODONTOIATRICO ADEMPIMENTI NORMATIVI PER LO STUDIO ODONTOIATRICO 1) Impianto elettrico nello studio odontoiatrico 2) Smaltimento dei rifiuti sanitari 3) Apparecchiature radiologiche 4)Direttiva europea 93/42 conformità

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

La CORRETTA GESTIONE dei RIFIUTI in AZIENDA. Piacenza, 05 aprile 2012

La CORRETTA GESTIONE dei RIFIUTI in AZIENDA. Piacenza, 05 aprile 2012 La CORRETTA GESTIONE dei RIFIUTI in AZIENDA La CORRETTA GESTIONE dei RIFIUTI in AZIENDA Argomenti trattati: La normativa e la nozione di rifiuto Classificazione e caratterizzazione dei rifiuti Gestione

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Legnano, 25 ottobre 2012 dr.ssa Alessandra Zanni 1 INDICE - - Definizioni pag. 4 - - Deposito temporaneo pag. 14 - - Classificazione dei rifiuti edili pag. 26 - - Altre

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA Dipartimento Attività Tecnico-Patrimoniali e Tecnologiche U.O.Edile Impiantistica Azienda USL di Ferrara Comacchio, 23 ottobre 2009 COMPITI DEL SERVIZIO

Dettagli