Esofago di Barrett: genetica, sorveglianza e trattamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esofago di Barrett: genetica, sorveglianza e trattamento"

Transcript

1 Esofago di Barrett: genetica, sorveglianza e trattamento e conoscenze acquisite in campo genetico e la dimostrazione dell efficacia dei trattamenti endoscopici hanno influenzato le linee guida riguardanti lo screening, la sorveglianza ed il trattamento dei pazienti affetti da Esofago di Barrett (EB). Predire l evoluzione dell EB è difficile anche sulla base della diagnosi istologica, tuttavia la corretta diagnosi determinerà la scelta successiva: eseguire un periodico follow-up o indirizzare alcuni di questi pazienti ad un trattamento di endoterapia che non comprometta la vita in termini di morbilità e mortalità. a revisione della letteratura degli ultimi due anni ha analizzato: gli studi genetici sia su modelli animali che nell uomo ed i risultati delle tecniche endoscopiche nel trattamento dell Esofago di Barrett (EB), anche in presenza di displasia di alto grado (HGD) o di carcinoma intramucoso (IMC). Mediante la ricerca in pubmed abbiamo selezionato, escludendo le revisioni, 34 articoli focalizzati sugli studi genetici, 68 sulla sorveglianza e 69 sulle tecniche di endoterapia. Da un ulteriore selezione basata sull analisi degli abstracts, abbiamo considerato 32 articoli. Revisione Genetica Il principale fattore di rischio per l insorgenza dell adenocarcinoma esofageo (ACE) è la presenza di EB. a malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) è considerata il principale fattore patogenetico dell'eb. Fattori ambientali ed altri legati all ospite sono implicati nello sviluppo dell EB e nella sua evoluzione verso la - - Massimo Conio Antonella De Ceglie R - Struttura Complessa di Gastroenterologia AS 1 Imperiese - Ospedale Civile di Sanremo (IM) - Unità di Endoscopia Digestiva IRCCS Giovanni Paolo II di Bari displasia e l ACE. Uno degli eventi chiave nella patogenesi dell EB è l aumentata espressione del CDX2, un gene omeotico specifico per la differenziazione dell epitelio di tipo intestinale, attraverso l attivazione del recettore del fattore di crescita epiteliale (EGFR), una tirosina chinasi, come conseguenza dello stato infiammatorio indotto dall acido e dalla bile sul normale epitelio esofageo (1,2). a prevalenza dell EB nei soggetti affetti da MRGE è 6-12%, contro lo 0.2-2% della popolazione generale. Tuttavia nell ambito dei pazienti con sintomi da reflusso solo il 10% sviluppa l EB e lo % per anno di questi avrà una diagnosi di ACE, pertanto altri fattori oltre al reflusso sono necessari per lo sviluppo dell EB (3,4). È stato supposto che l EB sia il risultato dell interazione del reflusso cronico con altri fattori ambientali e comportamentali in soggetti con una predisposizione genetica a sviluppare la metaplasia. Per riscontro di famiglie con più consanguinei affetti da EB e/o ACE (Familial Barrett s Esophagus -FBE-), è stata ipotizzata una trasmissione ereditaria autosomica dominante con penetranza relativamente alta. 267

2 268 Massimo Conio et al > Esofago di Barrett: dalla genetica al trattamento In un recente studio retrospettivo, Ash e coll. hanno riportato una percentuale di circa il 6% di storia familiare positiva nei pazienti affetti da EB. Non riscontrando differenze tra l FBE e l EB sporadico circa la lunghezza dell epitelio metaplasico e l ampiezza dell ernia jatale, noti fattori di rischio per l evoluzione neoplastica dell EB, hanno supposto che la familiarità potesse predisporre al reflusso e all EB, piuttosto che alla progressione da EB ad ACE. I pazienti con FBE erano più giovani e con neoplasia meno avanzata rispetto agli EB sporadici, tuttavia questo riscontro potrebbe correlarsi ad una maggiore aggressività dello screening. Questo conferma quanto riportato in precedenti studi in cui non era stata riscontrata una differenza nell età della diagnosi dell ACE tra i pazienti con e senza storia familiare di EB ed ACE (5,6). In un analisi della storia oncologica familiare dei pazienti affetti da EB, noi non abbiamo riscontrato una differenza statisticamente significativa nell incidenza di tumori dell apparato digerente, in particolare esofago e stomaco, tra i familiari di primo grado dei pazienti con EB e quelli dei gruppi di controllo, tuttavia è stato notato un rischio lievemente maggiore di sviluppare una di queste neoplasia ad età inferiore ai 50 anni, facendo pertanto supporre l influenza di fattori genetici (7). È noto che molti geni coinvolti nella carcinogenesi sono polimorfici con conseguenti differenze del rischio di cancro, ma i meccanismi genetici coinvolti rimangono ancora sconosciuti. individuazione dei polimorfismi potrebbe identificare un gruppo relativamente piccolo di pazienti ad alto rischio di carcinoma. Studi recenti hanno esaminato il ruolo dei polimorfismi a singolo nucleotide (SNPs) in geni coinvolti nello sviluppo del EB e nella sua evoluzione neoplastica. Sono stati individuati polimorfismi presenti in genotipi associati ad un ridotto rischio di sviluppo dell ACE, ma purtroppo riscontrati solo nel 5% della popolazione affetta da MRGE, e polimorfismi associati ad un genotipo con rischio 5 volte maggiore di sviluppo di ACE, tuttavia solo il 10% dei cancri presenta questo genotipo (8). Inoltre sono stati individuati SNPs in geni deputati alla apoptosi cellulare correlati con un incremento del rischio di ACE solo quando interagiscono con fattori ambientali o comportamentali, quale per esempio il reflusso gastroesofageo, l indice di massa corporea ed il fumo (9,10). a presenza di polimorfismo nei geni riparatori di DNA nei soggetti affetti da EB spiegherebbe la incapacità alla riparazione dei danni subiti dal DNA (11). Verosimilmente l alterazione genetica responsabile dell adenocarcinoma esofageo non è legata all azione di un singolo gene dominante, bensì ad effetti genetici multipli che interagiscono con fattori esterni e la conoscenza di tali associazioni potrebbe essere utile nell ambito di programmi di screening e di sorveglianza (12). Sorveglianza o scopo della sorveglianza nei pazienti con EB è quello di diagnosticare la displasia o l ACE in fase iniziale e quindi curabile (13). Sarebbe auspicabile disporre di biomarcatori in grado di selezionare i pazienti a maggior rischio di evoluzione neoplastica. a sorveglianza endoscopica-bioptica dei pazienti con EB è discussa a causa del ridotto tasso di progressione ad ACE, in particolare nei soggetti senza displasia. elevato numero di pazienti con EB (1.6% della popolazione generale) rende problematica e costosa la sorveglianza endoscopica in rapporto alla efficacia. Il rapporto costo-beneficio è più favorevole quando la sorveglianza endoscopica ed istologia è rivolta ai pazienti con metaplasia intestinale, avendo questi un rischio 3 volte maggiore di sviluppare l ACE (4). Inoltre solo il 9% dei pazienti con EB muore per l insorgenza di adenocarcinoma, non grazie alla sorveglianza ma perché, trattandosi spesso di pazienti anziani con co-morbilità, la causa più frequente di morte sono le malattie cardiovascolari (14). Attualmente la stratificazione del rischio nei pazienti con EB è basata sulla presenza e sul grado della displasia. Può essere considerata un biomarcatore ma non è ideale a causa dell ampio grado di variabilità inter-intraosservatori durante la diagnosi istologica. È stata riportato un rischio di progressione della displasia di basso grado (GD) ad ACE di % per anno, mentre per la displasia di alto grado (HGD) si calcola un rischio tra il 16 e il 59% ed è raccomandata la conferma diagnostica da parte di due patologi indipendenti (15). Prasad e coll. hanno ipotizzato la creazione di uno score basato sull associazione di variabili cliniche, epidemiologiche e biomarcatori, allo scopo di predire il rischio di evoluzione dell EB. Purtroppo nessun parametro clinicoendoscopico (età, sesso, obesità, fumo, dieta, farmaci lunghezza dell EB, presenza di ernia jatale) sembrerebbe predirne l evoluzione neoplastica. a presenza di nodularità o di lesioni endoscopicamente visibili è stata correlata con un aumentato rischio di evoluzione dell EB (16). Il ruolo dei biomarcatori nell EB è stato finora studiato mediante studi trasversali o mediante studi caso-controllo retrospettivi, mentre mancano studi clinici prospettici e randomizzati controllati. È stato proposto l uso della valutazione immunostochimica dell EGFR come marcatore di progressione istologia, avendo evidenziato su campioni tessutali di ACE un incremento del EGFR 13 volte superiore a rispetto all EB (17). Risultati promettenti sono stati ottenuti studiando isolatamente o contemporaneamente le anomalie del DNA come, per esempio, l anaploidia/tetraploidia, la perdita di eterozigosi (OH) del cromosoma p17 (con inattivazione del gene oncosoppressore p53), cambiamenti

3 epigenetici come la metilazione del gene oncosoppressore p16, le cicline come proteine che regolano il ciclo cellulare, l HER2, c MYC, COX-2, EGFR. Recentemente l uso dell ibridazione fluorescente in situ (FISH) multicolor su prelievo citologico mediante brushing endoscopico ha dimostrato una ottima sensibilità (84-93%) e specificità (93%) nell identificazione della HGD e dell ACE, con una sensibilità superiore rispetto alla citologia, e di essere utile nella stratificazione dei pazienti; sono state utilizzate 4 sonde fluorescenti in grado di marcare 4 geni specificatamente coinvolti nell evoluzione displastica e neoplastica delle lesioni. e regioni cromosomiche identificate sono: 8q24 (C-MYC); 9p21 (p16); 17q12 (HER2) e 20q13(ZNF217) (18). o studio mediante FISH ed immunoistochimica di tessuto incluso in paraffina di 44 pazienti (18 EB, 5 EB con GD, 8 EB con HGD e 13 EB con ACE) ha evidenziato che l amplificazione dei geni HER-2 neu e topoisomerasi IIA (TOPOIIa), associata alla iper-espressione delle loro proteine e la aneusomia del cromosoma 17, sono presenti nella displasia e ACE, mentre sono assenti nella maggior parte degli EB, per tanto potrebbero essere utilizzati per la discriminazione tra EB ed EB con displasia ACE (19). Tuttavia, sebbene le anomalie genetiche ed epigenetiche siano state associate con la progressione neoplastica dell EB, nessun test molecolare è stato accettato nella pratica clinica routinaria in sostituzione della displasia probabilmente per la difficoltà ed i costi delle tecniche, la variabilità nella metodologia, la mancanza di standardizzazione (20). Trattamento eradicazione dell EB si associa ad una riduzione del rischio di sviluppare l adenocarcinoma esofageo. Il rischio di progressione da GD a HGD e cancro, sembrerebbe essere ridotto. a terapia endoscopica ha segnato la fine dell esofagectomia quale trattamento di scelta nei pazienti con HGD e cancro intramucoso. Uno studio condotto in 82 pazienti, dei quali 57 con infiltrazione neoplastica m3, 12 sm1, 13 sm2/3, ha riportato che il rischio di metastatizzazione linfonodale nei pazienti con m3 e sm è inferiore a quanto precedentemente riportato. Ulteriori studi sono necessari per identificare quei pazienti che pur avendo una invasione della sottomucosa potrebbero essere trattati radicalmente solo con l endoterapia (21). Il grado di differenziazione, l infiltrazione linfatica e vascolare si correlano con il grado di profondità dell invasione neoplastica (22). Alvarez-Herrero e coll. hanno riportato i risultati ottenuti con 243 resezioni mediante legatore elastico (multiband mucosectomy - MBM) in 171 pazienti. Il numero totale di resezioni eseguite era di Non si sono registrate perforazioni, ma solo un lieve sanguinamento nel 3% dei casi, trattato endoscopicamente. Tuttavia, nel 48% dei pazienti trattati con stepwise radical endoscopic resection (SRER) si è verificata la comparsa stenosi esofagee (23). È stato eseguito uno studio randomizzati che ha confrontato l EMR eseguita con il cappuccio (42 pazienti) e con MBM (42 pazienti). Il tempo di esecuzione della procedura ed i costi erano inferiori nel gruppo MBM, tuttavia i campioni resecati erano di diametro inferiore rispetto all altro gruppo. Si sono verificate 4 perforazioni: 3 nel gruppo del cappuccio e 1 nel gruppo MBM (24). Poiché la recidiva neoplastica dopo EMR focale è stata riscontrata nel 30% dei pazienti, rendendo cosi necessario una continua sorveglianza endoscopica, è stato proposto di resecare l EB nella sua totalità. a SRER consiste nell eseguire una resezione completa dell EB in sedute successive, con la speranza di ridurre l incidenza di stenosi post-emr. Pouw e coll. hanno riportato i risultati di uno studio retrospettivo, in cui 169 pazienti con EB con neoplasia superficiale sono stati trattati con SRER. a completa eradicazione della neoplasia e dell EB è stata ottenuta nel 97.6% (165/169) e nel 85.2% (144/169) dei casi. Si è osservata la progressione neoplastica in un paziente. a stenosi esofagea si è verificata nel 49.7% dei casi. Sono state riportate 7 perforazioni: 4 durante la EMR, mentre 3 si è sono verificate durante le sedute di dilatazione delle stenosi (25). Gli stessi autori hanno confrontato, con uno studio randomizzato, l efficacia e la sicurezza della SRER, con l EMR focale seguita dall ablazione mediante radiofrequenza (RFA) in pazienti con EB di lunghezza 5cm, complicato da HGD/IMC (26). eradicazione della neoplasia e dell EB sono stati ottenuti nel 100% (25/25) nel gruppo SRER e nel 95% (21/22) nell altro gruppo. Il tasso di stenosi nel gruppo SRER è stato dell 88% mentre nel secondo gruppo soltanto del 14%. Si è verificata una perforazione nel gruppo SRER. Il ruolo dell EMR quale migliore tecnica di stadiazione è stato nuovamente confermato. Moss e coll. con uno studio prospettico che ha coinvolto 75 pazienti con EB e neoplasia intraepiteliale, hanno riportato una modificazione del parametro T nel 48% dei pazienti (27). Un piccolo studio che ha incluso 7 pazienti con EB e neoplasia superficiale, ha dimostrato che l EMR e la dissezione endoscopica sottomucosa (ESD) possono essere 269

4 270 Massimo Conio et al > Esofago di Barrett: dalla genetica al trattamento agevolmente eseguite nei pazienti anche se sono stati sottoposti in precedenza alla chirurgia antireflusso (28). Numerosi autori hanno riportato che la SRER dovrebbe essere eseguita esclusivamente nei pazienti con estensioni di Barrett 4 cm, mentre per estensioni maggiori si dovrebbe ricorrere alla RFA. Sebbene alcuni studi abbiano riportato un ottimo tasso di eradicazione della neoplasia e dell EB mediante quest ultima tecnica, non vi sono dati sulla sorveglianza a lungo termine in questi pazienti. yday e coll. hanno riportato la loro esperienza condotta in 429 pazienti, svoltasi in ambito ospedaliero. Nei 27 pazienti con displasia, ad un anno di follow-up era stata osservata una completa regressione delle neoplasie intraepiteliali, mentre la regressione dell EB era stata ottenuta nel 77% dei casi (29). Shaheen e coll. hanno riportato i loro interessanti risultati a 3 anni dal termine della RFA. Sono stati valutati: l eradicazione dall EB, della neoplasia, la progressione, e la sicurezza della metodica. a displasia e l EB sono stati eradicati, rispettivamente, nel 85% e 75%. a progressione è stata osservata nel 4.2% (l evoluzione si è verificata in 4 pazienti con GD) (30). a persistenza di tessuto intestinale specializzato al di sotto dell epitelio neosquamoso (buried epithelium) era del 3.4%, mentre l incidenza di stenosi esofagee, del 7.6%. Da sottolineare che circa il 50% dei pazienti ha richiesto ulteriori trattamenti con RFA nei due anni successivi dal termine del trattamento iniziale. Inadomi ha ipotizzato che in realtà la RFA indurrebbe una semplice remissione e non una guarigione definitiva e per questo tutti i pazienti trattati devono essere inseriti in un programma di sorveglianza per identificare eventuali aree metaplastiche e displastiche persistenti/recidivanti (31). e biopsie eseguite sull epitelio neosquamoso post- RFA raggiungono una profondità sufficiente per permettere un adeguata valutazione della risposta al trattamento (32). a RFA, associata o meno ad EMR focale di lesioni visibili, è indicata nei pazienti con lunghe estensioni di EB ( 4cm). Wani e coll. hanno dimostrato che la lunghezza dell EB era correlata in modo significativo alla progressione neoplastica. Tuttavia, nei pazienti con EB non displastico, la progressione è modesta: i tassi di non progressione a 5 e 10 anni erano, rispettivamente, di 98.6% e 97.1%. (33). a crioablazione spray mediante CO 2 pressurizzata potrebbe rappresentare un ulteriore accessorio per l endoterapia. Tuttavia i dati disponibili sono modesti. Xue e coll. hanno impiegato questa tecnica in 22 pazienti, ma solo 20 hanno concluso il trattamento. Due pazienti sono stati persi al follow-up, che ha avuto una durata mediana di soli 10 mesi. a regressione completa dell EB è stata ottenuta nel 90.9% dei casi e in questi pazienti, la recidiva a 6 mesi era del 15.0% (34). Conclusioni Riportiamo di seguito alcune delle affermazioni pubblicate nel 2011 dall American Gastroenterological Association Institute Medical Position Panel sul management dell EB (35): nei pazienti con molteplici fattori di rischio associati all ACE (età 50 anni, sesso maschile, razza bianca, MRGE cronica, ernia jatale, elevato indice di massa corporea, distribuzione intraddominale di grasso) è consigliato lo screening per l EB (debole raccomandazione); non è raccomandato lo screening per l'eb nella popolazione generale affetta da MRGE (forte raccomandazione); la sorveglianza endoscopica è consigliata nei pazienti con EB (debole raccomandazione) con i seguenti intervalli: ogni 3-5 anni in assenza di displasia; ogni 6-12 mesi in presenza di GD; ogni 3 mesi in presenza di HGD se non è effettuata una terapia di eradicazione; attualmente non è consigliato l uso di biomarcatori biologici per confermare la diagnosi istologica di displasia o come metodo di stratificazione del rischio per i pazienti con EB (debole raccomandazione); è consigliata la terapia eradicante endoscopica con la ablazione con radiofrequenza, terapia fotodinamica o EMR piuttosto che la sorveglianza nei pazienti con diagnosi confermata di HGD nell EB (forte raccomandazione); è consigliata la EMR per i pazienti affetti da EB con displasia associata ad irregolarità mucosa al fine di determinare lo stadio T della neoplasia (forte raccomandazione). Corrispondenza Massimo Conio Struttura Complessa di Gastroenterologia Via G. Borea, Sanremo (IM) Tel Fax

5 Bibliografia 1. Huo X, Zhang HY, Zhang XI et al. Acid and bile salt-induced CDX2 expression differs in esophageal squamous cells from patients with and without Barrett's esophagus. Gastroenterology 2010;139: Avissar NE, Toia, Hu Y et al. Bile acid alone, or in combination with acid, induces CDX2 expression through activation of the epidermalgrowth factor receptor (EGFR). J Gastrointest Surg 2009;13: Zou D, He J, Ma X, Chen J et al. Epidemiology of symptomdefined gastroesophageal reflux disease and reflux esophagitis: the systematic investigation of gastrointestinal diseases in China (SIC). Scand J Gastroenterol 2011;46: Shaheen NJ, Richter JE. Barrett's oesophagus. ancet 2009;373: Ash S, Vaccaro BJ, Dabney MK, Chung WK, ightdale CJ, Abrams JA. Comparison of endoscopic and clinical characteristics of patients with familial and sporadic Barrett's esophagus. Dig Dis Sci 2011;56: Chak A, Falk G, Grady WM et al. Assessment of familiality, obesity, and other risk factors for early age of cancer diagnosis in adenocarcinomas of the esophagus and gastroesophageal junction. Am J Gastroenterol 2009;104: De Ceglie A, Filiberti R, Blanchi S et al. History of cancer in first degree relatives of Barrett s esophagus patients: a case-control study. Clin Res Hepatol Gastroenterol 2011 Sep McElholm AR, McKnight AJ, Patterson CC, Johnston BT, Hardie J, Murray J; Finbar Group. A population-based study of IGF axis polymorphisms and the esophageal inflammation, metaplasia, adenocarcinoma sequence. Gastroenterology 2010;139: Wu IC, Zhao Y, Zhai R et al. Interactions between genetic polymorphisms in the apoptotic pathway and environmental factors on esophageal adenocarcinoma risk. Carcinogenesis 2011;32: Zhai R, Chen F, iu G et al. Interactions among genetic variants in apoptosis pathway genes, reflux symptoms, body mass index, and smoking indicate two distinct etiologic patterns of esophageal adenocarcinoma. J Clin Oncol 2010;28: Karaman A, Binici DN, Kabalar ME, Koca T, Dursun H. Genomic instability in patients with Barrett's esophagus. Cancer Genet Cytogenet 2010;201: Rubenstein JH. Familial Barrett's esophagus: clues to genetic risks for esophageal adenocarcinoma. Dig Dis Sci 2011;56: Wong T, Tian J, Nagar AB. Barrett's surveillance identifies patients with early esophageal adenocarcinoma. Am J Med 2010;123: Sikkema M, de Jonge PJ, Steyerberg EW, Kuipers EJ. Risk of esophageal adenocarcinoma and mortality in patients with Barrett's esophagus: a systematic review and meta-analysis. Clin Gastroenterol Hepatol 2010;8: Rastogi A, Puli S, El-Serag HB, Bansal A, Wani S, Sharma P. Incidence of esophageal adenocarcinoma in patients with Barrett's esophagus and high-grade dysplasia: a meta-analysis. Gastrointest Endosc 2008;67: Prasad GA, Bansal A, Sharma P, Wang KK. Predictors of progression in Barrett's esophagus: current knowledge and future directions. Am J Gastroenterol 2010;105: Cronin J, McAdam E, Danikas A et al. Epidermal growth factor receptor (EGFR) is overexpressed in high-grade dysplasia and adenocarcinoma of the esophagus and may represent a biomarker of histological progression in Barrett's esophagus (BE). Am J Gastroenterol 2011;106: Fritcher EG, Brankley SM, Kipp BR et al. A comparison of conventional cytology, DNA ploidy analysis, and fluorescence in situ hybridization for the detection of dysplasia and adenocarcinoma in patients with Barrett's esophagus. Hum Pathol 2008;39: Rossi E, Villanacci V, Bassotti G et al. TOPOIIalpha and HER-2/neu overexpression/amplification in Barrett's oesophagus, dysplasia and adenocarcinoma. Histopathology 2010; Moyes H, Going JJ. Still waiting for predictive biomarkers in Barrett's oesophagus. J Clin Pathol 2011;64: Alvarez-Herrero, Pouw RE, van Vilsteren FGI et al. Risk of lymph node metastasis associated with deeper invasion by early adenocarcinoma of the esophagus and cardia: study based on endoscopic resection specimens. Endoscopy 2010;42: Zemler B, May A, Ell C, Stolte M. Early Barrett s carcinoma: the depth of infiltration of the tumour correlates with the degree of differentiation, the incidence of lymphatic vessel and venous invasion. Virchows Arch 2010;456: Alvarez Herrero, Pouw RE, van Vilsteren FG et al. Safety and efficacy of multiband mucosectomy in 1060 resections in Barrett's esophagus. Endoscopy. 2011;43: Pouw RE, van Vilsteren FGI, Peters FP et al. Randomized trial on endoscopic resection-cap versus multiband mucosectomy for piecemeal endoscopic resection of early Barrett s neoplasia. Gastrointest Endosc 2011;74: Pouw RE, Seewald S, Gondrie JJ et al. Stepwise radical endoscopic resection for eradication of Barrett s oesophagus with early neoplasia in a cohort of 169 patients. Gut 2010;59: Van Vilsteren FGI, Pouw RE, Seewald S et al. Stepwise radical endoscopic resection versus radiofrequency ablation for Barrett s oesophagus with high-grade dysplasia or early cancer: a multicentre randomised trial. Gut 2011;60: Moss A, Bourke MJ, Hourigan F et al. Endoscopic resection for Barrett s high-grade dysplasia and early esophageal adenocarcinoma: an essential staging procedure with long-term therapeutic benefit. Am J Gastroenterol 2010;105: Van Den Eynde M, Jouret-Mourin A, Sempoux C, Piesseveaux H, Deprez PH. Endoscopic mucosal or submucosal resection of early neoplasia in Barrett s esophagus after antireflux surgery. Gastrointest Endosc 2010;72: yday WD, Corbett FS, Kuperman DA et al. Radiofrequency ablation of Barrett s esophagus: outcomes of 429 patents from a multicenter community practice registry. Endoscopy 2010;42: Shaheen NJ, Overholt BF, Sampliner RE et al. Durability of radiofrequency ablation in Barrett s esophagus with dysplasia. Gastroenterology 2011;141: Inadomi JM. Time to burn? Endoscopic ablation for Barrett s esophagus. Gastroenterology 2011;141; Shaheen NJ, Peery AF, Overholt BF et al. Biopsy depth after radiofrequency ablation of dysplastic Barrett s esophagus. Gastrointest Endosc 2010;72: Wani S, Falk GW, Post J et al. Risk factors for progression of low-grade dysplasia in patients with Barrett s esophagus. Gastroenterology Oct;141(4): Xue HB, Tan HH, iu WZ et al. A pilot study of endoscopic spray cryotherapy by pressurized carbon dioxide gas for Barrett s esophagus. Endoscopy 2011;43: American Gastroenterological Association, Spechler SJ, Sharma P, Souza RF, Inadomi JM, Shaheen NJ. American Gastroenterological Association medical position statement on the management of Barrett's esophagus. Gastroenterology 2011;140:

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un

La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un 1 Introduzione La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un aumento nell incidenza del Carcinoma Prostatico (tasso d incidenza di 55 casi per 100.000 e quello di mortalità di 22,6

Dettagli

Il cancro dell intestino

Il cancro dell intestino Il cancro dell intestino Le principali domande e risposte Un informazione della Lega contro il cancro 1 INDICE L intestino 3 Il cancro dell intestino 4 Diagnosi precoce 7 Prevenzione 14 Che cosa posso

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli