Esofago di Barrett: genetica, sorveglianza e trattamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esofago di Barrett: genetica, sorveglianza e trattamento"

Transcript

1 Esofago di Barrett: genetica, sorveglianza e trattamento e conoscenze acquisite in campo genetico e la dimostrazione dell efficacia dei trattamenti endoscopici hanno influenzato le linee guida riguardanti lo screening, la sorveglianza ed il trattamento dei pazienti affetti da Esofago di Barrett (EB). Predire l evoluzione dell EB è difficile anche sulla base della diagnosi istologica, tuttavia la corretta diagnosi determinerà la scelta successiva: eseguire un periodico follow-up o indirizzare alcuni di questi pazienti ad un trattamento di endoterapia che non comprometta la vita in termini di morbilità e mortalità. a revisione della letteratura degli ultimi due anni ha analizzato: gli studi genetici sia su modelli animali che nell uomo ed i risultati delle tecniche endoscopiche nel trattamento dell Esofago di Barrett (EB), anche in presenza di displasia di alto grado (HGD) o di carcinoma intramucoso (IMC). Mediante la ricerca in pubmed abbiamo selezionato, escludendo le revisioni, 34 articoli focalizzati sugli studi genetici, 68 sulla sorveglianza e 69 sulle tecniche di endoterapia. Da un ulteriore selezione basata sull analisi degli abstracts, abbiamo considerato 32 articoli. Revisione Genetica Il principale fattore di rischio per l insorgenza dell adenocarcinoma esofageo (ACE) è la presenza di EB. a malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) è considerata il principale fattore patogenetico dell'eb. Fattori ambientali ed altri legati all ospite sono implicati nello sviluppo dell EB e nella sua evoluzione verso la - - Massimo Conio Antonella De Ceglie R - Struttura Complessa di Gastroenterologia AS 1 Imperiese - Ospedale Civile di Sanremo (IM) - Unità di Endoscopia Digestiva IRCCS Giovanni Paolo II di Bari displasia e l ACE. Uno degli eventi chiave nella patogenesi dell EB è l aumentata espressione del CDX2, un gene omeotico specifico per la differenziazione dell epitelio di tipo intestinale, attraverso l attivazione del recettore del fattore di crescita epiteliale (EGFR), una tirosina chinasi, come conseguenza dello stato infiammatorio indotto dall acido e dalla bile sul normale epitelio esofageo (1,2). a prevalenza dell EB nei soggetti affetti da MRGE è 6-12%, contro lo 0.2-2% della popolazione generale. Tuttavia nell ambito dei pazienti con sintomi da reflusso solo il 10% sviluppa l EB e lo % per anno di questi avrà una diagnosi di ACE, pertanto altri fattori oltre al reflusso sono necessari per lo sviluppo dell EB (3,4). È stato supposto che l EB sia il risultato dell interazione del reflusso cronico con altri fattori ambientali e comportamentali in soggetti con una predisposizione genetica a sviluppare la metaplasia. Per riscontro di famiglie con più consanguinei affetti da EB e/o ACE (Familial Barrett s Esophagus -FBE-), è stata ipotizzata una trasmissione ereditaria autosomica dominante con penetranza relativamente alta. 267

2 268 Massimo Conio et al > Esofago di Barrett: dalla genetica al trattamento In un recente studio retrospettivo, Ash e coll. hanno riportato una percentuale di circa il 6% di storia familiare positiva nei pazienti affetti da EB. Non riscontrando differenze tra l FBE e l EB sporadico circa la lunghezza dell epitelio metaplasico e l ampiezza dell ernia jatale, noti fattori di rischio per l evoluzione neoplastica dell EB, hanno supposto che la familiarità potesse predisporre al reflusso e all EB, piuttosto che alla progressione da EB ad ACE. I pazienti con FBE erano più giovani e con neoplasia meno avanzata rispetto agli EB sporadici, tuttavia questo riscontro potrebbe correlarsi ad una maggiore aggressività dello screening. Questo conferma quanto riportato in precedenti studi in cui non era stata riscontrata una differenza nell età della diagnosi dell ACE tra i pazienti con e senza storia familiare di EB ed ACE (5,6). In un analisi della storia oncologica familiare dei pazienti affetti da EB, noi non abbiamo riscontrato una differenza statisticamente significativa nell incidenza di tumori dell apparato digerente, in particolare esofago e stomaco, tra i familiari di primo grado dei pazienti con EB e quelli dei gruppi di controllo, tuttavia è stato notato un rischio lievemente maggiore di sviluppare una di queste neoplasia ad età inferiore ai 50 anni, facendo pertanto supporre l influenza di fattori genetici (7). È noto che molti geni coinvolti nella carcinogenesi sono polimorfici con conseguenti differenze del rischio di cancro, ma i meccanismi genetici coinvolti rimangono ancora sconosciuti. individuazione dei polimorfismi potrebbe identificare un gruppo relativamente piccolo di pazienti ad alto rischio di carcinoma. Studi recenti hanno esaminato il ruolo dei polimorfismi a singolo nucleotide (SNPs) in geni coinvolti nello sviluppo del EB e nella sua evoluzione neoplastica. Sono stati individuati polimorfismi presenti in genotipi associati ad un ridotto rischio di sviluppo dell ACE, ma purtroppo riscontrati solo nel 5% della popolazione affetta da MRGE, e polimorfismi associati ad un genotipo con rischio 5 volte maggiore di sviluppo di ACE, tuttavia solo il 10% dei cancri presenta questo genotipo (8). Inoltre sono stati individuati SNPs in geni deputati alla apoptosi cellulare correlati con un incremento del rischio di ACE solo quando interagiscono con fattori ambientali o comportamentali, quale per esempio il reflusso gastroesofageo, l indice di massa corporea ed il fumo (9,10). a presenza di polimorfismo nei geni riparatori di DNA nei soggetti affetti da EB spiegherebbe la incapacità alla riparazione dei danni subiti dal DNA (11). Verosimilmente l alterazione genetica responsabile dell adenocarcinoma esofageo non è legata all azione di un singolo gene dominante, bensì ad effetti genetici multipli che interagiscono con fattori esterni e la conoscenza di tali associazioni potrebbe essere utile nell ambito di programmi di screening e di sorveglianza (12). Sorveglianza o scopo della sorveglianza nei pazienti con EB è quello di diagnosticare la displasia o l ACE in fase iniziale e quindi curabile (13). Sarebbe auspicabile disporre di biomarcatori in grado di selezionare i pazienti a maggior rischio di evoluzione neoplastica. a sorveglianza endoscopica-bioptica dei pazienti con EB è discussa a causa del ridotto tasso di progressione ad ACE, in particolare nei soggetti senza displasia. elevato numero di pazienti con EB (1.6% della popolazione generale) rende problematica e costosa la sorveglianza endoscopica in rapporto alla efficacia. Il rapporto costo-beneficio è più favorevole quando la sorveglianza endoscopica ed istologia è rivolta ai pazienti con metaplasia intestinale, avendo questi un rischio 3 volte maggiore di sviluppare l ACE (4). Inoltre solo il 9% dei pazienti con EB muore per l insorgenza di adenocarcinoma, non grazie alla sorveglianza ma perché, trattandosi spesso di pazienti anziani con co-morbilità, la causa più frequente di morte sono le malattie cardiovascolari (14). Attualmente la stratificazione del rischio nei pazienti con EB è basata sulla presenza e sul grado della displasia. Può essere considerata un biomarcatore ma non è ideale a causa dell ampio grado di variabilità inter-intraosservatori durante la diagnosi istologica. È stata riportato un rischio di progressione della displasia di basso grado (GD) ad ACE di % per anno, mentre per la displasia di alto grado (HGD) si calcola un rischio tra il 16 e il 59% ed è raccomandata la conferma diagnostica da parte di due patologi indipendenti (15). Prasad e coll. hanno ipotizzato la creazione di uno score basato sull associazione di variabili cliniche, epidemiologiche e biomarcatori, allo scopo di predire il rischio di evoluzione dell EB. Purtroppo nessun parametro clinicoendoscopico (età, sesso, obesità, fumo, dieta, farmaci lunghezza dell EB, presenza di ernia jatale) sembrerebbe predirne l evoluzione neoplastica. a presenza di nodularità o di lesioni endoscopicamente visibili è stata correlata con un aumentato rischio di evoluzione dell EB (16). Il ruolo dei biomarcatori nell EB è stato finora studiato mediante studi trasversali o mediante studi caso-controllo retrospettivi, mentre mancano studi clinici prospettici e randomizzati controllati. È stato proposto l uso della valutazione immunostochimica dell EGFR come marcatore di progressione istologia, avendo evidenziato su campioni tessutali di ACE un incremento del EGFR 13 volte superiore a rispetto all EB (17). Risultati promettenti sono stati ottenuti studiando isolatamente o contemporaneamente le anomalie del DNA come, per esempio, l anaploidia/tetraploidia, la perdita di eterozigosi (OH) del cromosoma p17 (con inattivazione del gene oncosoppressore p53), cambiamenti

3 epigenetici come la metilazione del gene oncosoppressore p16, le cicline come proteine che regolano il ciclo cellulare, l HER2, c MYC, COX-2, EGFR. Recentemente l uso dell ibridazione fluorescente in situ (FISH) multicolor su prelievo citologico mediante brushing endoscopico ha dimostrato una ottima sensibilità (84-93%) e specificità (93%) nell identificazione della HGD e dell ACE, con una sensibilità superiore rispetto alla citologia, e di essere utile nella stratificazione dei pazienti; sono state utilizzate 4 sonde fluorescenti in grado di marcare 4 geni specificatamente coinvolti nell evoluzione displastica e neoplastica delle lesioni. e regioni cromosomiche identificate sono: 8q24 (C-MYC); 9p21 (p16); 17q12 (HER2) e 20q13(ZNF217) (18). o studio mediante FISH ed immunoistochimica di tessuto incluso in paraffina di 44 pazienti (18 EB, 5 EB con GD, 8 EB con HGD e 13 EB con ACE) ha evidenziato che l amplificazione dei geni HER-2 neu e topoisomerasi IIA (TOPOIIa), associata alla iper-espressione delle loro proteine e la aneusomia del cromosoma 17, sono presenti nella displasia e ACE, mentre sono assenti nella maggior parte degli EB, per tanto potrebbero essere utilizzati per la discriminazione tra EB ed EB con displasia ACE (19). Tuttavia, sebbene le anomalie genetiche ed epigenetiche siano state associate con la progressione neoplastica dell EB, nessun test molecolare è stato accettato nella pratica clinica routinaria in sostituzione della displasia probabilmente per la difficoltà ed i costi delle tecniche, la variabilità nella metodologia, la mancanza di standardizzazione (20). Trattamento eradicazione dell EB si associa ad una riduzione del rischio di sviluppare l adenocarcinoma esofageo. Il rischio di progressione da GD a HGD e cancro, sembrerebbe essere ridotto. a terapia endoscopica ha segnato la fine dell esofagectomia quale trattamento di scelta nei pazienti con HGD e cancro intramucoso. Uno studio condotto in 82 pazienti, dei quali 57 con infiltrazione neoplastica m3, 12 sm1, 13 sm2/3, ha riportato che il rischio di metastatizzazione linfonodale nei pazienti con m3 e sm è inferiore a quanto precedentemente riportato. Ulteriori studi sono necessari per identificare quei pazienti che pur avendo una invasione della sottomucosa potrebbero essere trattati radicalmente solo con l endoterapia (21). Il grado di differenziazione, l infiltrazione linfatica e vascolare si correlano con il grado di profondità dell invasione neoplastica (22). Alvarez-Herrero e coll. hanno riportato i risultati ottenuti con 243 resezioni mediante legatore elastico (multiband mucosectomy - MBM) in 171 pazienti. Il numero totale di resezioni eseguite era di Non si sono registrate perforazioni, ma solo un lieve sanguinamento nel 3% dei casi, trattato endoscopicamente. Tuttavia, nel 48% dei pazienti trattati con stepwise radical endoscopic resection (SRER) si è verificata la comparsa stenosi esofagee (23). È stato eseguito uno studio randomizzati che ha confrontato l EMR eseguita con il cappuccio (42 pazienti) e con MBM (42 pazienti). Il tempo di esecuzione della procedura ed i costi erano inferiori nel gruppo MBM, tuttavia i campioni resecati erano di diametro inferiore rispetto all altro gruppo. Si sono verificate 4 perforazioni: 3 nel gruppo del cappuccio e 1 nel gruppo MBM (24). Poiché la recidiva neoplastica dopo EMR focale è stata riscontrata nel 30% dei pazienti, rendendo cosi necessario una continua sorveglianza endoscopica, è stato proposto di resecare l EB nella sua totalità. a SRER consiste nell eseguire una resezione completa dell EB in sedute successive, con la speranza di ridurre l incidenza di stenosi post-emr. Pouw e coll. hanno riportato i risultati di uno studio retrospettivo, in cui 169 pazienti con EB con neoplasia superficiale sono stati trattati con SRER. a completa eradicazione della neoplasia e dell EB è stata ottenuta nel 97.6% (165/169) e nel 85.2% (144/169) dei casi. Si è osservata la progressione neoplastica in un paziente. a stenosi esofagea si è verificata nel 49.7% dei casi. Sono state riportate 7 perforazioni: 4 durante la EMR, mentre 3 si è sono verificate durante le sedute di dilatazione delle stenosi (25). Gli stessi autori hanno confrontato, con uno studio randomizzato, l efficacia e la sicurezza della SRER, con l EMR focale seguita dall ablazione mediante radiofrequenza (RFA) in pazienti con EB di lunghezza 5cm, complicato da HGD/IMC (26). eradicazione della neoplasia e dell EB sono stati ottenuti nel 100% (25/25) nel gruppo SRER e nel 95% (21/22) nell altro gruppo. Il tasso di stenosi nel gruppo SRER è stato dell 88% mentre nel secondo gruppo soltanto del 14%. Si è verificata una perforazione nel gruppo SRER. Il ruolo dell EMR quale migliore tecnica di stadiazione è stato nuovamente confermato. Moss e coll. con uno studio prospettico che ha coinvolto 75 pazienti con EB e neoplasia intraepiteliale, hanno riportato una modificazione del parametro T nel 48% dei pazienti (27). Un piccolo studio che ha incluso 7 pazienti con EB e neoplasia superficiale, ha dimostrato che l EMR e la dissezione endoscopica sottomucosa (ESD) possono essere 269

4 270 Massimo Conio et al > Esofago di Barrett: dalla genetica al trattamento agevolmente eseguite nei pazienti anche se sono stati sottoposti in precedenza alla chirurgia antireflusso (28). Numerosi autori hanno riportato che la SRER dovrebbe essere eseguita esclusivamente nei pazienti con estensioni di Barrett 4 cm, mentre per estensioni maggiori si dovrebbe ricorrere alla RFA. Sebbene alcuni studi abbiano riportato un ottimo tasso di eradicazione della neoplasia e dell EB mediante quest ultima tecnica, non vi sono dati sulla sorveglianza a lungo termine in questi pazienti. yday e coll. hanno riportato la loro esperienza condotta in 429 pazienti, svoltasi in ambito ospedaliero. Nei 27 pazienti con displasia, ad un anno di follow-up era stata osservata una completa regressione delle neoplasie intraepiteliali, mentre la regressione dell EB era stata ottenuta nel 77% dei casi (29). Shaheen e coll. hanno riportato i loro interessanti risultati a 3 anni dal termine della RFA. Sono stati valutati: l eradicazione dall EB, della neoplasia, la progressione, e la sicurezza della metodica. a displasia e l EB sono stati eradicati, rispettivamente, nel 85% e 75%. a progressione è stata osservata nel 4.2% (l evoluzione si è verificata in 4 pazienti con GD) (30). a persistenza di tessuto intestinale specializzato al di sotto dell epitelio neosquamoso (buried epithelium) era del 3.4%, mentre l incidenza di stenosi esofagee, del 7.6%. Da sottolineare che circa il 50% dei pazienti ha richiesto ulteriori trattamenti con RFA nei due anni successivi dal termine del trattamento iniziale. Inadomi ha ipotizzato che in realtà la RFA indurrebbe una semplice remissione e non una guarigione definitiva e per questo tutti i pazienti trattati devono essere inseriti in un programma di sorveglianza per identificare eventuali aree metaplastiche e displastiche persistenti/recidivanti (31). e biopsie eseguite sull epitelio neosquamoso post- RFA raggiungono una profondità sufficiente per permettere un adeguata valutazione della risposta al trattamento (32). a RFA, associata o meno ad EMR focale di lesioni visibili, è indicata nei pazienti con lunghe estensioni di EB ( 4cm). Wani e coll. hanno dimostrato che la lunghezza dell EB era correlata in modo significativo alla progressione neoplastica. Tuttavia, nei pazienti con EB non displastico, la progressione è modesta: i tassi di non progressione a 5 e 10 anni erano, rispettivamente, di 98.6% e 97.1%. (33). a crioablazione spray mediante CO 2 pressurizzata potrebbe rappresentare un ulteriore accessorio per l endoterapia. Tuttavia i dati disponibili sono modesti. Xue e coll. hanno impiegato questa tecnica in 22 pazienti, ma solo 20 hanno concluso il trattamento. Due pazienti sono stati persi al follow-up, che ha avuto una durata mediana di soli 10 mesi. a regressione completa dell EB è stata ottenuta nel 90.9% dei casi e in questi pazienti, la recidiva a 6 mesi era del 15.0% (34). Conclusioni Riportiamo di seguito alcune delle affermazioni pubblicate nel 2011 dall American Gastroenterological Association Institute Medical Position Panel sul management dell EB (35): nei pazienti con molteplici fattori di rischio associati all ACE (età 50 anni, sesso maschile, razza bianca, MRGE cronica, ernia jatale, elevato indice di massa corporea, distribuzione intraddominale di grasso) è consigliato lo screening per l EB (debole raccomandazione); non è raccomandato lo screening per l'eb nella popolazione generale affetta da MRGE (forte raccomandazione); la sorveglianza endoscopica è consigliata nei pazienti con EB (debole raccomandazione) con i seguenti intervalli: ogni 3-5 anni in assenza di displasia; ogni 6-12 mesi in presenza di GD; ogni 3 mesi in presenza di HGD se non è effettuata una terapia di eradicazione; attualmente non è consigliato l uso di biomarcatori biologici per confermare la diagnosi istologica di displasia o come metodo di stratificazione del rischio per i pazienti con EB (debole raccomandazione); è consigliata la terapia eradicante endoscopica con la ablazione con radiofrequenza, terapia fotodinamica o EMR piuttosto che la sorveglianza nei pazienti con diagnosi confermata di HGD nell EB (forte raccomandazione); è consigliata la EMR per i pazienti affetti da EB con displasia associata ad irregolarità mucosa al fine di determinare lo stadio T della neoplasia (forte raccomandazione). Corrispondenza Massimo Conio Struttura Complessa di Gastroenterologia Via G. Borea, Sanremo (IM) Tel Fax

5 Bibliografia 1. Huo X, Zhang HY, Zhang XI et al. Acid and bile salt-induced CDX2 expression differs in esophageal squamous cells from patients with and without Barrett's esophagus. Gastroenterology 2010;139: Avissar NE, Toia, Hu Y et al. Bile acid alone, or in combination with acid, induces CDX2 expression through activation of the epidermalgrowth factor receptor (EGFR). J Gastrointest Surg 2009;13: Zou D, He J, Ma X, Chen J et al. Epidemiology of symptomdefined gastroesophageal reflux disease and reflux esophagitis: the systematic investigation of gastrointestinal diseases in China (SIC). Scand J Gastroenterol 2011;46: Shaheen NJ, Richter JE. Barrett's oesophagus. ancet 2009;373: Ash S, Vaccaro BJ, Dabney MK, Chung WK, ightdale CJ, Abrams JA. Comparison of endoscopic and clinical characteristics of patients with familial and sporadic Barrett's esophagus. Dig Dis Sci 2011;56: Chak A, Falk G, Grady WM et al. Assessment of familiality, obesity, and other risk factors for early age of cancer diagnosis in adenocarcinomas of the esophagus and gastroesophageal junction. Am J Gastroenterol 2009;104: De Ceglie A, Filiberti R, Blanchi S et al. History of cancer in first degree relatives of Barrett s esophagus patients: a case-control study. Clin Res Hepatol Gastroenterol 2011 Sep McElholm AR, McKnight AJ, Patterson CC, Johnston BT, Hardie J, Murray J; Finbar Group. A population-based study of IGF axis polymorphisms and the esophageal inflammation, metaplasia, adenocarcinoma sequence. Gastroenterology 2010;139: Wu IC, Zhao Y, Zhai R et al. Interactions between genetic polymorphisms in the apoptotic pathway and environmental factors on esophageal adenocarcinoma risk. Carcinogenesis 2011;32: Zhai R, Chen F, iu G et al. Interactions among genetic variants in apoptosis pathway genes, reflux symptoms, body mass index, and smoking indicate two distinct etiologic patterns of esophageal adenocarcinoma. J Clin Oncol 2010;28: Karaman A, Binici DN, Kabalar ME, Koca T, Dursun H. Genomic instability in patients with Barrett's esophagus. Cancer Genet Cytogenet 2010;201: Rubenstein JH. Familial Barrett's esophagus: clues to genetic risks for esophageal adenocarcinoma. Dig Dis Sci 2011;56: Wong T, Tian J, Nagar AB. Barrett's surveillance identifies patients with early esophageal adenocarcinoma. Am J Med 2010;123: Sikkema M, de Jonge PJ, Steyerberg EW, Kuipers EJ. Risk of esophageal adenocarcinoma and mortality in patients with Barrett's esophagus: a systematic review and meta-analysis. Clin Gastroenterol Hepatol 2010;8: Rastogi A, Puli S, El-Serag HB, Bansal A, Wani S, Sharma P. Incidence of esophageal adenocarcinoma in patients with Barrett's esophagus and high-grade dysplasia: a meta-analysis. Gastrointest Endosc 2008;67: Prasad GA, Bansal A, Sharma P, Wang KK. Predictors of progression in Barrett's esophagus: current knowledge and future directions. Am J Gastroenterol 2010;105: Cronin J, McAdam E, Danikas A et al. Epidermal growth factor receptor (EGFR) is overexpressed in high-grade dysplasia and adenocarcinoma of the esophagus and may represent a biomarker of histological progression in Barrett's esophagus (BE). Am J Gastroenterol 2011;106: Fritcher EG, Brankley SM, Kipp BR et al. A comparison of conventional cytology, DNA ploidy analysis, and fluorescence in situ hybridization for the detection of dysplasia and adenocarcinoma in patients with Barrett's esophagus. Hum Pathol 2008;39: Rossi E, Villanacci V, Bassotti G et al. TOPOIIalpha and HER-2/neu overexpression/amplification in Barrett's oesophagus, dysplasia and adenocarcinoma. Histopathology 2010; Moyes H, Going JJ. Still waiting for predictive biomarkers in Barrett's oesophagus. J Clin Pathol 2011;64: Alvarez-Herrero, Pouw RE, van Vilsteren FGI et al. Risk of lymph node metastasis associated with deeper invasion by early adenocarcinoma of the esophagus and cardia: study based on endoscopic resection specimens. Endoscopy 2010;42: Zemler B, May A, Ell C, Stolte M. Early Barrett s carcinoma: the depth of infiltration of the tumour correlates with the degree of differentiation, the incidence of lymphatic vessel and venous invasion. Virchows Arch 2010;456: Alvarez Herrero, Pouw RE, van Vilsteren FG et al. Safety and efficacy of multiband mucosectomy in 1060 resections in Barrett's esophagus. Endoscopy. 2011;43: Pouw RE, van Vilsteren FGI, Peters FP et al. Randomized trial on endoscopic resection-cap versus multiband mucosectomy for piecemeal endoscopic resection of early Barrett s neoplasia. Gastrointest Endosc 2011;74: Pouw RE, Seewald S, Gondrie JJ et al. Stepwise radical endoscopic resection for eradication of Barrett s oesophagus with early neoplasia in a cohort of 169 patients. Gut 2010;59: Van Vilsteren FGI, Pouw RE, Seewald S et al. Stepwise radical endoscopic resection versus radiofrequency ablation for Barrett s oesophagus with high-grade dysplasia or early cancer: a multicentre randomised trial. Gut 2011;60: Moss A, Bourke MJ, Hourigan F et al. Endoscopic resection for Barrett s high-grade dysplasia and early esophageal adenocarcinoma: an essential staging procedure with long-term therapeutic benefit. Am J Gastroenterol 2010;105: Van Den Eynde M, Jouret-Mourin A, Sempoux C, Piesseveaux H, Deprez PH. Endoscopic mucosal or submucosal resection of early neoplasia in Barrett s esophagus after antireflux surgery. Gastrointest Endosc 2010;72: yday WD, Corbett FS, Kuperman DA et al. Radiofrequency ablation of Barrett s esophagus: outcomes of 429 patents from a multicenter community practice registry. Endoscopy 2010;42: Shaheen NJ, Overholt BF, Sampliner RE et al. Durability of radiofrequency ablation in Barrett s esophagus with dysplasia. Gastroenterology 2011;141: Inadomi JM. Time to burn? Endoscopic ablation for Barrett s esophagus. Gastroenterology 2011;141; Shaheen NJ, Peery AF, Overholt BF et al. Biopsy depth after radiofrequency ablation of dysplastic Barrett s esophagus. Gastrointest Endosc 2010;72: Wani S, Falk GW, Post J et al. Risk factors for progression of low-grade dysplasia in patients with Barrett s esophagus. Gastroenterology Oct;141(4): Xue HB, Tan HH, iu WZ et al. A pilot study of endoscopic spray cryotherapy by pressurized carbon dioxide gas for Barrett s esophagus. Endoscopy 2011;43: American Gastroenterological Association, Spechler SJ, Sharma P, Souza RF, Inadomi JM, Shaheen NJ. American Gastroenterological Association medical position statement on the management of Barrett's esophagus. Gastroenterology 2011;140:

Prof. Angelo Pezzullo Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia

Prof. Angelo Pezzullo Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Malattia da Reflusso Gastro-esofageo Mucosectomia endoscopica nel trattamento Prof. Angelo Pezzullo Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Chirurgia Endoscopica Esofago

Dettagli

Tumori Maligni Rari. Neoplasie dell Esofago. Fattori di Rischio. Carcinoma Esofageo. Scaricato da SunHope. carcinoma a piccole cellule

Tumori Maligni Rari. Neoplasie dell Esofago. Fattori di Rischio. Carcinoma Esofageo. Scaricato da SunHope. carcinoma a piccole cellule Tumori Maligni Rari carcinoma a piccole cellule Neoplasie dell Esofago Marco Romano Dipartimento di Internistica Clinica e Sperimentale Gastroenterologia SUN Tel: 0815666714 E-mail: marco.romano@unina2.it

Dettagli

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI Esofago Giunzione gastro-esofagea: endoscopicamente è definita come il punto di svasatura tra l esofago tubulare ed il limite prossimale della plicatura gastrica. Linea Z (giunzione

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ENDOSCOPIA DIGESTIVA AD ALTA TECNOLOGIA Responsabile dott. Giorgio Battaglia PROTOCOLLO INFORMATIVO: L

Dettagli

Risultati a lungo termine della EMR e della ESD nel tratto digestivo superiore

Risultati a lungo termine della EMR e della ESD nel tratto digestivo superiore Risultati a lungo termine della EMR e della ESD nel tratto digestivo superiore La resezione mucosa (EMR) e la dissezione sottomucosa (ESD) sono tecniche di resezione endoscopica utilizzate per il trattamento

Dettagli

TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA

TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA EPIDEMIOLOGIA In Europa il tumore dello stomaco è la 5 neoplasia più frequente nella popolazione femminile e maschile

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Paola Capelli Sara Pecori U.O. di Anatomia Patologica Policlinico Borgo Roma

Paola Capelli Sara Pecori U.O. di Anatomia Patologica Policlinico Borgo Roma Verona, 23-24 novembre 2010 Problematiche, funzionalità intestinale e recidive post-chirurgiche. Fattori patologici di risposta alla terapia Paola Capelli Sara Pecori U.O. di Anatomia Patologica Policlinico

Dettagli

Appropriatezza nella EGDS Marco Orsello UOA Gastroenterologia AOU Novara Appropriatezza Misura di quanto una scelta o intervento diagnostico o terapeutico siano adeguati rispetto alle esigenze del paziente

Dettagli

EGDS 89.818 (1991) EGDS

EGDS 89.818 (1991) EGDS 2 - EPIDEMIOLOGIA La malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) raggiunge percentuali considerevoli nei Paesi industrializzati e va acquisendo un rapido e significativo incremento anche nei Paesi in via

Dettagli

IL POLIPO E IL CANCRO IN ENDOSCOPIA

IL POLIPO E IL CANCRO IN ENDOSCOPIA IL POLIPO E IL CANCRO IN ENDOSCOPIA Giacomo Trallori SABATO 17 MARZO 2012 MALATTIA DIVERTICOLARE E TUMORI DEL COLON Cancro colorettale nel mondo tasso di mortalità alto medio basso dati non disponibili

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Neoplasie dell apparato digerente: la prevenzione

Neoplasie dell apparato digerente: la prevenzione Lilt sez. di Prato, via Catani 26/3 Neoplasie dell apparato digerente: la prevenzione 23 Maggio 2015 Dott Alberto Candidi Tommasi La prevenzione in gastroenterologia 1. Prevenzione primaria 2. Prevenzione

Dettagli

Screening e sorveglianza per il tumore del colon retto e delle lesioni polipoidi adenomatose del colon

Screening e sorveglianza per il tumore del colon retto e delle lesioni polipoidi adenomatose del colon Screening e sorveglianza per il tumore del colon retto e delle lesioni polipoidi adenomatose del colon Introduzione Negli Stati Uniti, il tumore del colon-retto (CRC) è la terza neoplasia più comune diagnosticata

Dettagli

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI G.Minoli Como 28 Aprile 2007 Appropriato uso di GASTROSCOPIA ph METRIA ACG Practice Guidelines: Esophageal Reflux

Dettagli

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1 Carcinoma esofageo 1 Anatomia 2 scaricato da www.sunhope.it 1 3 Epidemiologia ed Eziologia 4 scaricato da www.sunhope.it 2 Epidemiologia ed Eziologia Costituisce il 50% di tutta la patologia d organo 7%

Dettagli

Linee guida europee dello screening del carcinoma colorettale. Che impatto per i programmi di screening italiani? La diagnosi patologica

Linee guida europee dello screening del carcinoma colorettale. Che impatto per i programmi di screening italiani? La diagnosi patologica Linee guida europee dello screening del carcinoma colorettale. Che impatto per i programmi di screening italiani? La diagnosi patologica Giovanni Lanza Anatomia Patologica Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE

INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE Silvio ABATI - Università degli Studi di Milano Alessandra MAIORANA - Università degli Studi di Brescia Centro di Collaborazione

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore del polmone. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore del polmone. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore del polmone Adele Caldarella Frequenza del tumore del polmone in Italia AIRTum AIRTum Mortalità per tumore del polmone AIRTum

Dettagli

Prevenzione dei tumori del colon-retto

Prevenzione dei tumori del colon-retto Prevenzione dei tumori del colon-retto Il Carcinoma del Colon-Retto (CCR) rappresenta la seconda causa di mortalità neoplastica sia nei maschi, dopo quello del polmone, sia nelle donne dopo quello della

Dettagli

Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale

Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale p16ink4a Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale 16 Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione 21-05-2009 Pietro Fiorentino Overview dell azienda mtm laboratories

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Dr.ssa Mara Fornasarig

Dr.ssa Mara Fornasarig I TUMORI RARI GIST: Percorso diagnostico-terapeutico 5 novembre 2015 Dr.ssa Mara Fornasarig S.O.C. Gastroenterologia Oncologica CRO - ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO GIST GENERALITA I GIST appartengono

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano L inizio della storia... Perou CM et al. Molecular portraits of human breast tumors. Nature

Dettagli

Palazzo Reale CONGRESSO NAZIONALE. delle Malattie Digestive. Napoli, 19-22 Marzo 2014

Palazzo Reale CONGRESSO NAZIONALE. delle Malattie Digestive. Napoli, 19-22 Marzo 2014 Palazzo Reale 20 CONGRESSO NAZIONALE delle Malattie Digestive Napoli, 19-22 Marzo 2014 20 Federazione Italiana Società Malattie Apparato Digerente Presidente Renato Cannizzaro Comitato Direttivo Antonio

Dettagli

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013 La sindrome di Lynch Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC G. A. Pablo Cirrone 1 Caratteristiche generali I HNPCC (Hereditary Non-Polyposis Colonrectal Cancer) è caratterizzato dalla comparsa,

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Tumori maligni del colon e del retto

Tumori maligni del colon e del retto Tumori maligni del colon e del retto KEY POINTS: Epidemiologia Fattori di Rischio Biologia Anatomia patologica e staging Segni Clinici Diagnosi Prevenzione primaria e secondaria Terapia EPIDEMIOLOGIA -E

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA

La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA OBBIETTIVI DELLA TERAPIA Alleviare i sintomi Guarire le lesioni

Dettagli

STOMACO: NEOPLASIE. Sede: Tumori primi8vi vs. secondari (con8guità) Epiteliali vs. mesenchimali Benigni vs. maligni. n Antro e piccola curva

STOMACO: NEOPLASIE. Sede: Tumori primi8vi vs. secondari (con8guità) Epiteliali vs. mesenchimali Benigni vs. maligni. n Antro e piccola curva STOMACO: NEOPLASIE Sede: n Antro e piccola curva n Grande curva n Corpo- fondo Tumori primi8vi vs. secondari (con8guità) Epiteliali vs. mesenchimali Benigni vs. maligni STOMACO: NEOPLASIE Epiteliali benigne

Dettagli

Classificazione istologica dei polipi epiteliali del colon retto

Classificazione istologica dei polipi epiteliali del colon retto Classificazione istologica dei polipi epiteliali del colon retto natura tipo sindrome poliposa sconosciuta polipo iperplastico poliposi iperplastica neoplastica adenoma tubulare FAP adenoma villoso s.

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

PATOLOGIA NODULARE E CARCINOMA DELLA TIROIDE IN PAZIENTI CON POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE

PATOLOGIA NODULARE E CARCINOMA DELLA TIROIDE IN PAZIENTI CON POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Medicine e Specialità Mediche Medicina 1 PATOLOGIA NODULARE E CARCINOMA DELLA TIROIDE IN PAZIENTI CON POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE Luca

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

focale diffusa variabilita inter- e intra-osservatore protocollo di campionamento Il modulo di richiesta il referto istologico

focale diffusa variabilita inter- e intra-osservatore protocollo di campionamento Il modulo di richiesta il referto istologico GRUPPO DI STUDIO TUMORI DELL ESOFAGO ESOFAGO DI BARRETT: requisiti del referto istopatologico e corretta definizione della displasia Documento redatto da: Dr. S. Taraglio Dr. V. Marci Anatomia Patologica.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Nelle forme avanzate della malattia compaiono alterazioni epiteliali precancerose -DISPLASIA: : Variazioni di dimensioni, forma e orientamento delle

Dettagli

ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO

ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO Marianna Di Maso Servizio di Endoscopia Digestiva Ospedale di San Severo - ASL Foggia Learning Corner AIGO XX Congresso Nazionale delle Malattie Digestive Napoli 19-22

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO Società Triveneta di Chirurgia Padova, 20 febbraio 2015 TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO Valmasoni M., Pierobon E. S., De Pasqual C. A., Zanchettin G. Capovilla G.,

Dettagli

SCREENING CARCINOMA COLO-RETTALE

SCREENING CARCINOMA COLO-RETTALE SCREENING CARCINOMA COLO-RETTALE Francesco Tonelli Cattedra di Chirurgia Generale, Università di Firenze AOU Careggi Convegno medico UniSalute APPROPRIATEZZA ED EFFICACIA DEGLI SCREENING Bologna 12 ottobre

Dettagli

Tavola Rotonda: Trattamenti escissionali a confronto

Tavola Rotonda: Trattamenti escissionali a confronto Convegno Nazionale GISCI 2007 Tavola Rotonda: Trattamenti escissionali a confronto G.Garozzo Catania 3-4 Maggio 2007 Il trattamento escissionale è sempre il gold standard nella terapia della CIN? L avvento

Dettagli

Dr. Massimo Confortini Direttore SC Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze

Dr. Massimo Confortini Direttore SC Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Roma, 19 Novembre 2014 Centro Formazione Ordine Nazionale dei Biologi Viale della Piramide Cestia,1 Dr. Massimo Confortini Direttore SC Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Dr.ssa Daniela Butera

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Tumore dello stomaco: prevenzione e diagnosi precoce

Tumore dello stomaco: prevenzione e diagnosi precoce Struttura Complessa di Gastroenterologia e di Endoscopia digestiva Direttore: Dott. Felice Cosentino www.endoscopiadigestiva.it www.medicitalia.it/felice.cosentino cosent@tin.it -Tel. 02/8599.4811 Ospedale

Dettagli

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto EPIDEMIOLOGIA -E al quarto posto fra i tumori maligni nel mondo (1999); -800.000 casi diagnosticati ogni anno (World Health Association); -Incidenza

Dettagli

Approvate dalla Commissione Linee Guida della Federazione delle Malattie Digestive il 30.09.1999 Commissione Linee Guida Della Federazione Delle Malattie Digestive AIGO-SIED-SIGE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE

Dettagli

IMPARARE DALLA CLINICA

IMPARARE DALLA CLINICA LA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO APPROCCIO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO Fabio Goffredo Introduzione La malattia da reflusso gastroesofageo (MR- GE) è molto frequente, arrivando a interessare fino al

Dettagli

Dai dati disponibili

Dai dati disponibili Gruppi a rischio aumentato: familiarità, genetica, densità, abitudini di vita Dai dati disponibili Daniela Turchetti UO e Cattedra di Genetica Medica Università di Bologna-Policlinico S.Orsola-Malpighi

Dettagli

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA Prof. Giuseppe Martorana Clinica Urologica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Convegno medico UniSalute Appropriatezza ed efficacia degli screening Bologna,

Dettagli

Cancro del Colon-Retto

Cancro del Colon-Retto Cancro del Colon-Retto Prevenzione, Screening e Sorveglianza Dott. Marco La Torre Dipartimento di Chirurgia Generale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia Il carcinoma colon- rettale (CCR) è al

Dettagli

TERAPIA FOCALE IN URO-ONCOLOGIAONCOLOGIA TUMORI DEL RENE Alessandro Volpe Ospedale Maggiore della Carità, Università del Piemonte Orientale, Novara < 50 anni > 75 anni RCC MIGRAZIONE DI STADIO STAGE I

Dettagli

A. Agnolucci Arezzo 03.02.07

A. Agnolucci Arezzo 03.02.07 Follow up cancro colo-rettale: ruolo del MMG A. Agnolucci Arezzo 03.02.07 Il cancro del colon retto Epidemiologia Biologia Screening e sorveglianza Profilassi secondaria ruolo dell endoscopia Rischio generico

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

Carcinoma della prostata: INCIDENZA

Carcinoma della prostata: INCIDENZA Outcomes in Localized Prostate Cancer: National Prostate Cancer Registry of Sweden Follow-up Study JNCI - J Natl Cancer Inst. 2010 Jul 7;102(13):919-20 Trento, 13/11/2010 Di cosa si tratta? E' uno studio

Dettagli

APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE AL CANCRO DEL COLON-RETTO IN STADIO INIZIALE PUNTI FERMI E CONTROVERSIE

APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE AL CANCRO DEL COLON-RETTO IN STADIO INIZIALE PUNTI FERMI E CONTROVERSIE APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE AL CANCRO DEL COLON-RETTO IN STADIO INIZIALE PUNTI FERMI E CONTROVERSIE IL RUOLO DIAGNOSTICO DEL GASTROENTEROLOGO GIORGIO BENEDETTI SSD di GASTROENTEROLOGIA ed ENDOSCOPIA DIGESTIVA

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING INCIDENZA DI TUMORI NELLA DONNA 35000 30000 25000 20000 15000 10000

Dettagli

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO EPIDEMIOLOGIA In tutto l'occidente, il cancro del colon-retto occupa, per incidenza, il secondo posto tra i tumori maligni, preceduto dal tumore al polmone nell'uomo

Dettagli

I Tumori dell Apparato Digerente: PREVENZIONE? Parte II

I Tumori dell Apparato Digerente: PREVENZIONE? Parte II I Tumori dell Apparato Digerente: PREVENZIONE? Parte II Donato Iuliano Responsabile Gastroenterologia Oncologica ed Endoscopia Digestiva Operativa PO Marcianise - ASL Caserta I Tumori dell Apparato Digerente:

Dettagli

PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO Marco Ruina Approfondimento diagnostico di Secondo Livello (FOBT+): PERCORSO Colloquio Colonscopia Clisma opaco

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA.

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Tesi di laurea Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della

Dettagli

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario Progetto Canoa Carcinoma Mammario Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale Simona Duranti durantisimona@virgilio.it Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar Verona 22-23 marzo

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

GABRIELE DELCONTE CURRICULUM VITAE

GABRIELE DELCONTE CURRICULUM VITAE GABRIELE DELCONTE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME DELCONTE NOME GABRIELE C.F. DLCGRL81L20F205U DATA DI NASCITA 20/07/1981 STATO CIVILE CONIUGATO, DUE FIGLIE OCCUPAZIONE ATTUALE INCARICO

Dettagli

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale Fino al 50% dei casi riscontri incidentali Costante aumento dell incidenza di nuove diagnosi Aumento dell eta

Dettagli

Polipi. Sessili. Peduncolati

Polipi. Sessili. Peduncolati Polipi Sessili Peduncolati Polipi Intestinali Polipi iperplastici 25% Polipi amartomatosi

Dettagli

L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE

L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE RENATO CANNIZZARO S.O.C. GASTROENTEROLOGIA ONCOLOGICA CRO-ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO L IMPORTANZA DELLO SCREENING L IMPATTO SULLE RISORSE

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore ESERCITAZIONE 2 TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore Modalità di lettura della tabella di contingenza 2x2 sull associazione tra l esposizione

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA SICURO SE NON C È... SI CURA SE C È

REGIONANDO 2000 REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA SICURO SE NON C È... SI CURA SE C È REGIONANDO 2000 REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA SICURO SE NON C È... SI CURA SE C È CAMPAGNA DI SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA ORGANIZZATA DAL ROTARY CLUB DI AOSTA IN COLLABORAZIONE CON IL LIONS CLUB

Dettagli

Endobattaglia. Curriculum Dr. Battaglia. Titoli di studio. Specializzazioni. Attività didattica svolta

Endobattaglia. Curriculum Dr. Battaglia. Titoli di studio. Specializzazioni. Attività didattica svolta Endobattaglia Endoscopia Digestiva Diagnostica ed operativa ad Alta Tecnologia Home > Curriculum Dr. Battaglia Curriculum Dr. Battaglia Dott. Giorgio Battaglia giorgio.battaglia@unipd.it Consulente presso

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Qualche numero Sul territorio nazionale: Incidenza CRC: 52.000 nuovi casi diagnosticati

Dettagli

IL CARCINOMA ESOFAGEO

IL CARCINOMA ESOFAGEO II Università degli tudi di Napoli Corso di laurea in Medicina e Chirurgia ede di Caserta IL CARCINOMA EOFAGEO A.A. 07/08 00 casi/anno ETIOLOGIA Alcol (per le forme squamose) Tabacco Dieta LEIONI PRECANCEROE

Dettagli

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Risultati del test e commenti Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Menu caratteristiche dei casi risultati del test criteri 2007 vs. 2005 commenti commenti commenti Dati richiesti all applicativo

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti. Paola Cassoni

Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti. Paola Cassoni Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti Paola Cassoni La diagnosi standardizzata dei T1 Best practicenel report istologico: la refertazione utile alla gestione del paziente

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI A CURA DI Centro screening - Dipartimento di Sanità Pubblica Programma Screening per la prevenzione dei tumori-direzione Sanitaria AUSL Bologna I tumori rappresentano

Dettagli

CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA

CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA Paesi ad alta incidenza: USA - Canada - Europa - Australia USA 44/100.000 Europa 35/100.000 Causa il 15% di decessi per neoplasie Paesi a bassa incidenza: Asia Africa

Dettagli

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori Impatto del fumo sui tumori del polmone in provincia di Sondrio In Italia la neoplasia del polmone è il terzo tumore più comune nei maschi, dopo quello della prostata e quelli non melanomatosi delle cute,

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Azienda U.S.L. N 5 REGIONE LIGURIA Osp. S. Andrea La Spezia S.C. Gastroenterologia Dir. Dott. R. Briglia. La Colonscopia Diagnostica

Azienda U.S.L. N 5 REGIONE LIGURIA Osp. S. Andrea La Spezia S.C. Gastroenterologia Dir. Dott. R. Briglia. La Colonscopia Diagnostica Azienda U.S.L. N 5 REGIONE LIGURIA Osp. S. Andrea La Spezia S.C. Gastroenterologia Dir. Dott. R. Briglia La Colonscopia Diagnostica Dott. M. Cristoni Inf. M. Ferrari Esame endoscopico del grosso intestino:

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

Il test genetico BRCA1/BRCA2

Il test genetico BRCA1/BRCA2 L identificazione Il test genetico BRCA1/BRCA2 M.G.Tibiletti UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese IL CARCINOMA MAMMARIO FORME SPORADICHE FORME EREDITARIE FORME FAMIGLIARI

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE Marco Boniardi RUOLO CENTRALE DELLA CHIRURGIA Assenza di terapie complementari efficaci ai fini della guarigione Prognosi più severa rispetto ai tumori differenziati tiroidei

Dettagli

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale 4 Incontro STRATEGIE TERAPEUTICHE NEL CARCINOMA DEL COLON- RETTO CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale VALENTINA SEGA E.B. 80 anni ANAMNESI Nulla di rilevante all anamnesi patologica

Dettagli

R A S S E G N A S T A M P A

R A S S E G N A S T A M P A R A S S E G N A S T A M P A PRELIMINARE AL 20 Novembre 2012 Diagnosi precoce, indice di salute prostatica e di aggressività tumorale AL REGINA ELENA UN NUOVO E SEMPLICE ESAME DIAGNOSTICO Il 2proPSA e phi

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

IRCCS-FPO Candiolo (Torino) IL CASO DEL MESE. S. Carabalona, L. Martincich, E. Rachetta, V. Deantoni, A. Rivolin, R.Ponzone, F. Maggiorotto, D.

IRCCS-FPO Candiolo (Torino) IL CASO DEL MESE. S. Carabalona, L. Martincich, E. Rachetta, V. Deantoni, A. Rivolin, R.Ponzone, F. Maggiorotto, D. IRCCS-FPO Candiolo (Torino) IL CASO DEL MESE S. Carabalona, L. Martincich, E. Rachetta, V. Deantoni, A. Rivolin, R.Ponzone, F. Maggiorotto, D.Regge Anamnesi: Donna di 47 aa Para 2002 Familiarità per ca

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli