SPECIALE AZALEA DELLA RICERCA. La ricerca nel fiore degli anni. Come trent anni di scienza hanno cambiato la cura dei tumori femminili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIALE AZALEA DELLA RICERCA. La ricerca nel fiore degli anni. Come trent anni di scienza hanno cambiato la cura dei tumori femminili"

Transcript

1 SPECIALE AZALEA DELLA RICERCA La ricerca nel fiore degli anni Come trent anni di scienza hanno cambiato la cura dei tumori femminili

2 ANCHE IL TUO 5X1000 METTE IL CANCRO ALL ANGOLO. PROGRAMMI SPECIALI 5X1000. I PRIMI RISULTATI PORTANO LA VOSTRA FIRMA. Grazie alla fi rma di oltre un milione e mezzo di italiani, dal 2010 AIRC ha potuto fi nanziare 14 programmi speciali di ricerca, alcuni dei quali hanno già prodotto i primi incoraggianti risultati (approfondimenti e informazioni su Inserisci anche tu il nostro Codice Fiscale e la tua fi rma nello spazio Finanziamento della Ricerca Scientifica e delle Università della tua dichiarazione dei redditi: ci aiuterai a raggiungere i nuovi traguardi che sono già nell obiettivo dei nostri ricercatori. C.F ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA RICERCA SUL CANCRO 2

3 Trent anni nelle piazze, 4 trent anni nelle case Preservare la fertilità 14 Trent anni di battaglie (e 6 vittorie) contro il cancro Quanto conta 10 comportarsi bene Seno Ovaio Cervice uterina Il peso dei fattori 12 di rischio Endometrio 28 3

4 Trent anni nelle piazze, trent anni nelle case Nel 1984, in una piazza di Milano, veniva distribuita la prima Azalea della Ricerca. Per la prima volta un associazione benefica, che raccoglie fondi per finanziare la ricerca sul cancro, importava in Italia un modello di finanziamento già diffuso nei Paesi anglosassoni. Da quel giorno sono passati trent anni, e ora come allora lo scopo dell Azalea della Ricerca non è solo di raccogliere fondi, ma anche di sensibilizzare i cittadini sull importanza della ricerca scientifica per prevenire e battere il cancro. La manifestazione si rivolge tradizionalmente al pubblico femminile nel giorno della Festa della mamma: con i fiori si regala non solo qualcosa di bello, ma anche un po più di consapevolezza su ciò che è utile fare per la propria salute. In questi trent anni molte cose sono cambiate. È cambiata innanzitutto la ricerca sul cancro che, con lo sviluppo dell oncologia molecolare, è entrata in una nuova era e ha ottenuto importanti successi. Basti 4

5 pensare alla sopravvivenza media di un malato di cancro oggi e trent anni fa: anche quando non abbiamo a disposizione una terapia definitiva, possiamo prolungare la vita del paziente per molti anni. Sono cambiate le donne, che hanno acquisito una maggiore sicurezza e insieme la conoscenza dell utilità delle misure di prevenzione e di diagnosi precoce ma, nello stesso tempo, hanno sviluppato uno stile di vita sempre più simile a quello degli uomini, anche nelle abitudini peggiori come la sedentarietà, l eccesso di cibo e soprattutto il fumo. Ecco perché sono in crescita, nel mondo femminile, anche i tumori del polmone e del colon-retto, che un tempo erano considerati esclusivamente maschili. Diminuisce, invece, la mortalità per cancro del seno, il tumore per la cura del quale si sono fatti i maggiori passi avanti grazie alla ricerca e alle campagne di screening. Attualmente oltre l 85 per cento delle donne colpite supera la soglia dei cinque anni di sopravvivenza. Per i prossimi trent anni ci auguriamo di conseguire traguardi altrettanto importanti in patologie, come il tumore ovarico, in cui vi è ancora tanta strada da fare. Con l aiuto di tutti coloro che scelgono l Azalea della Ricerca, ma soprattutto con l aiuto di tutte le donne che hanno cura della propria e dell altrui salute. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro Sede legale: Via Corridoni 7, Milano Sede operativa: Via San Vito 7, Milano, Tel , - Numero Verde Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli Testi: Daniela Ovadia (Agenzia Zoe) Progetto grafico e impaginazione: Silvia Ruju Fotografie: Istockphoto, Corbis, Thinkstock Stampa: Rotolito Lombarda (MI) aprile

6 Trent anni di battaglie (e vittorie) contro il cancro 1980 PRIMI ANNI 80 Viene adottata, in Italia, la tecnica della quadrantectomia che evita alle donne malate di cancro al seno gli effetti della mastectomia radicale, ossia l asportazione completa delle mammelle e dei tessuti circostanti Viene distribuita, nelle piazze, la prima Azalea della Ricerca Nel 1986 viene approvato il tamoxifene come terapia per le donne in post-menopausa colpite da un tumore al seno: usato per cinque anni dopo la diagnosi riduce drasticamente le ricadute e aumenta la sopravvivenza. PRIMI ANNI 90 Si sviluppa la chirurgia laparoscopica dei tumori ginecologici, che consente di operare attraverso piccole incisioni, soprattutto a livello dell addome e del torace. Nello stesso periodo, grazie all integrazione dei computer con i normali apparecchi di radioterapia, si sviluppa la radioterapia 3D, che consente trattamenti più efficaci e precisi Nel 1988 Dennis Slamon scopre il ruolo del gene HER2/neu e del suo recettore nelle forme più aggressive di tumore al seno. 6

7 Mary Claire King identifica sul cromosoma 17 il gene BRCA1, responsabile della maggior parte delle forme ereditarie di cancro al seno Dati epidemiologici mostrano per la prima volta una diminuzione della mortalità per cancro. Nello stesso anno vengono introdotti nuovi farmaci antinausea, molto più potenti e precisi, che rendono le chemioterapie più tollerabili Viene pubblicato lo studio che dimostra l utilità della tecnica del linfonodo sentinella nel tumore al seno: asportando solo il linfonodo più vicino al tumore, è possibile sapere se vi sono o già metastasi oppure no Vengono pubblicate le prime linee guida sull obesità nelle quali è per la prima volta confermata la relazione tra sovrappeso e cancro. Il 1998 è anche l anno dell approvazione, negli USA, del trastuzumab (Herceptin), un farmaco che interagisce con il recettore HER2 per gli estrogeni, recettore che risulta mutato nel 25 per cento dei tumori al seno Le linee guida pubblicate nel 1999 introducono la terapia neoadiuvante del tumore del seno: somministrando la chemioterapia prima della 1994 Viene approvata una nuova classe di farmaci, i tassani, utilissima in particolare nei carcinomi ovarici e del seno. chirurgia si riesce, in alcuni casi, a evitare la mastectomia. FINE ANNI 90 Si conferma il ruolo dei geni BRCA1 e BRCA2 nella genesi dei tumori ereditari dell ovario e del seno. Nello stesso periodo viene approvato l uso del tamoxifene come terapia preventiva del tumore nelle donne geneticamente predisposte. 7

8 2003 Gli scienziati annunciano di avere letto la sequenza dell intero genoma umano, aprendo la strada allo sviluppo dell oncologia molecolare Viene lanciato il Cancer Genome Atlas Project, un progetto di ricerca internazionale che ha l obiettivo di mappare tutti i geni che sono coinvolti nel cancro 2004 Vengono approvati, per la cura del cancro al polmone che non risponde alle altre terapie, importanti farmaci a bersaglio molecolare che colpiscono il recettore per il fattore di crescita. Vede la luce il bevacizumab, il primo farmaco a bersaglio molecolare che blocca l angiogenesi, ovvero la formazione di vasi all interno del tumore, distruggendolo quindi per fame. Usato inizialmente solo per il cancro del colon, ora è impiegato anche nel cancro del rene e dell ovaio.epidermico (EGFR). 0 8

9 2010 Un grande studio statunitense dimostra che la TC spirale permette di diagnosticare precocemente il cancro al polmone nei forti fumatori. La tecnica evidenzia però, accanto ai tumori, anche troppi falsi positivi, cioè noduli che in realtà sono soltanto tumori benigni Un gruppo di ricercatori italiani identifica alcuni microrna del tumore polmonare e dimostra che affiancando alla TC spirale la ricerca di queste molecole nel sangue è possibile fare diagnosi molto precoci ma anche molto precise della malattia Arrivano in fase tre di sperimentazione (la più vicina al paziente) gli inibitori di PARP, farmaci che promettono di prolungare la sopravvivenza delle donne colpite da forme aggressive di cancro dell ovaio Lo studio EPIC, una grande ricerca internazionale, ha stimato gli effetti degli stili di vita sull incidenza dei tumori, dimostrando che in quattro casi su 10 sono provocati dal fumo, dall alcol, da una dieta sbagliata, dal sovrappeso, dalla sedentarietà, da infezioni, da esposizione a radiazioni o a sostanze cancerogene sul luogo di lavoro, dall uso della terapia ormonale sostitutiva o dal non avere allattato. 9

10 comportarsi bene Il cancro è una malattia dei geni: perché una cellula dia origine a un tumore deve subire delle mutazioni nel corredo genetico. Non è una malattia ereditaria, se non in rari casi. Sono l ambiente in cui in cui viviamo, il cibo, le sostanze con le quali veniamo in contatto, ma anche i raggi cosmici e altri agenti naturali, a provocare mutazioni nel DNA. Accade migliaia di volte al minuto ma, per fortuna, i danni sono quasi sempre riparati e le cellule troppo danneggiate vengono eliminate prima che si riproducano. Il cancro è quindi il risultato del fallimento dei sistemi di riparazione e controllo, molti dei quali dipendono anche dai nostri stili di vita cioè, in sostanza, da come ci comportiamo. 10 Gli scienziati hanno stimato che in quattro casi su 10 i tumori sarebbero prevenibili se si rispettassero alcune semplici regole: non fumare mantenere il peso corporeo nei limiti di norma ridurre al minimo il consumo di alcol nutrirsi in modo sano e bilanciato fare attività fisica evitare le infezioni (per esempio quelle da HPV, Papilloma virus umano) proteggersi dai raggi solari controllare la salubrità dei luoghi di lavoro e le emissioni di sostanze tossiche nell ambiente

11 Queste sono certezze acquisite per lo più negli ultimi decenni, grazie a imponenti studi epidemiologici che hanno coinvolto ricercatori di tutto il mondo (alcuni dei quali, come lo studio EPIC, sono stati cofinanziati anche da AIRC). Nel 2008 proprio lo studio EPIC ha dimostrato che chi non fuma, si mantiene attivo, beve poco alcol e mangia almeno cinque porzioni di frutta e verdura al giorno vive in media 14 anni più di chi non segue nessuna di queste raccomandazioni. Il guadagno, in termini di anni di vita, è dato dalla riduzione dell incidenza sia del cancro sia di altre malattie, in primo luogo quelle cardiovascolari. Un altro studio ha inoltre suggerito che un terzo dei casi di cancro dipenda dalla triade fumo, alcol e sovrappeso. Gli stili di vita corretti aiutano a ridurre di molto il rischio, ma non garantiscono purtroppo una vita libera da cancro: anche chi segue tutti i consigli potrebbe ammalarsi di tumore, così come un guidatore prudente riduce il rischio di fare un incidente ma non lo annulla. Ed è proprio questo margine di incertezza a fare sì, secondo gli esperti, che molte persone non seguano le semplici regole della prevenzione. Uno sguardo al futuro Proprio a causa di quello che sappiamo sugli stili di vita, gli esperti del World Oncology Forum hanno lanciato una campagna che invita tutti i centri di ricerca, gli ospedali ma anche le associazioni come AIRC a investire in educazione e informazione sugli stili di vita. Il guadagno in termini di vite risparmiate, dicono gli scienziati, supererebbe quello di qualsiasi nuova cura. Per questo la ricerca delle cause ambientali dei diversi tipi di tumore deve procedere parallelamente alla ricerca delle mutazioni nel DNA per ottenere diagnosi e cure a bersaglio molecolare. Nei prossimi trent anni, quindi, bisognerà lavorare su tre fronti: la prevenzione primaria, attraverso le modificazioni degli stili di vita e la prevenzione delle infezioni da parte di virus potenzialmente mutageni come l HPV; la diagnosi precoce dei tumori non evitabili, per poterli aggredire quando sono più facilmente eradicabili; la ricerca di nuove terapie indirizzate verso bersagli cellulari specifici, per poter distruggere quei tumori che sono riusciti a formarsi malgrado l efficacia delle misure preventive. 11

12 Questi sono i fattori legati all ambiente e agli stili di vita che hanno un impatto sul rischio di cancro. Li indica Cancer Research UK, la charity inglese che su questo tema ha promosso una revisione della letteratura scientifica. Più grande è la dimensione del cerchio, maggiore è il rischio collegato a quel fattore. Questa rappresentazione permette quindi di pesare i diversi fattori di rischio, identificando quelli che sono più preoccupanti. TOS La terapia ormonale sostitutiva, come qualsiasi terapia ormonale, aumenta il rischio di ammalarsi di tumori ormono-dipendenti Mancato allattamento Il rischio aumenta se non si allattano i figli per almeno sei mesi Dieta a basso contenuto di fibre Bisogna consumare almeno 23 grammi di fibre al giorno Carne rossa Un consumo elevato di carne rossa è negativo TOS Sale Mancato allattamento Inattività Dieta a basso contenuto di fibre Radiazioni Carne rossa Infezioni Sale Il rischio aumenta se si superano i sei grammi al giorno 12 Inattività Mai stare sotto i 150 minuti di attività moderata alla settimana Radiazioni Qualsiasi esposizione a radiazioni, anche quelle ambientali come il radon, aumenta il rischio di cancro Infezioni Sono molti i virus oncogeni: l HPV, l HIV, i virus dell epatite B e C. Nel cancro dello stomaco è implicato anche il batterio Helicobacter pylori

13 Tabacco Qualsiasi tipo di consumo di tabacco è cancerogeno Tabacco Alcol È collegato all aumento di molti tipi di tumore, in particolare dell apparato gastroenterico, della testa e del collo Poca frutta e vegetali Sovrappeso Alcol Luce Occupazione solare e lettini abbronzanti Luce solare e lettini abbronzanti Facilitano la comparsa dei tumori della pelle Occupazione L inquinamento industriale e l esposizione sul lavoro a sostanze cancerogene sono responsabili dell aumento di alcuni tipi di tumore Poca frutta e vegetali È l errore alimentare più comune, ma anche il più pericoloso Sovrappeso Il rischio oncologico aumenta molto con l indice di massa corporea superiore a 25 13

14 Preservare Qualsiasi sia l organo colpito da un tumore in una donna giovane, è necessario pensare a una futura maternità, che può essere compromessa dalle cure. La ricerca scientifica ha fatto grandi passi avanti in anni recenti, in particolare nel campo della chirurgia. Gli interventi sull apparato ginecologico tendono a essere sempre meno demolitivi, e ogni volta che è possibile si cerca di conservare la capacità di fare un figlio. In alcuni casi, come in certi tumori dell endometrio a lenta crescita, si può addirittura posticipare l intervento fin dopo la gravidanza. Anche per le donne portatrici di geni come il BRCA1 e 2 che predispongono al tumore al seno e alle ovaie sono state messe a punto terapie ormonali che, sotto attento controllo, possono essere interrotte per dar spazio a una maternità. Se la scoperta che le cellule cancerose dell ovaio nascono all interno delle tube verrà confermata nei prossimi anni, si aprirà anche la strada per una chirurgia preventiva meno invasiva, che interessi solo le tube e consenta di mantenere l ovaio, organo prezioso per la produzione degli ovociti ma anche per gli ormoni che secerne. E se per gli uomini la conservazione del seme è ormai una prassi consolidata, stanno prendendo piede anche le tecniche analoghe rivolte alle donne: la conservazione degli ovociti può essere fatta ogni volta che il medico autorizza la somministrazione degli ormoni necessari al prelievo. E anche quando le terapie ormonali sono vietate, è possibile conservare un frammento di tessuto ovarico dal quale estrarre in seguito le cellule germinali da far maturare per un eventuale fecondazione in vitro. Il tasso di successo di questa tecnica è ancora piuttosto basso, ma aumenta di anno in anno col progredire delle conoscenze. Vi sono poi alcuni studi che puntano a proteggere l ovaio con farmaci durante la chemioterapia. È il caso della triptorelina, studiata all IRCCS San Martino di Genova da Lucia Del Mastro grazie al sostegno di AIRC. Si tratta di un analogo dell ormone che rilascia le gonadotropine e che è in grado di mettere a riposo l ovaio durante la chemioterapia. Con un organo meno attivo, anche l effetto tossico della chemio viene attutito: il primo studio, effettuato in 281 donne con cancro del seno, ha dato ottimi risultati. 14

15 15

16 Seno Il tumore al seno è la forma di cancro per la quale si sono ottenuti i maggiori successi negli ultimi trent anni, complice lo sviluppo di efficaci strumenti di screening per la diagnosi precoce e di una conoscenza sempre più approfondita dei meccanismi molecolari alla base della trasformazione cellulare. Oggi sono disponibili farmaci mirati per alcuni tipi di tumore mammario e anche la chirurgia è molto meno aggressiva di qualche anno fa. Il cancro della mammella colpisce una donna su otto nell arco della vita. È il tumore più frequente nel genere femminile e rappresenta il 29 per cento di tutti i tumori che colpiscono le donne. Poiché è molto frequente, è la prima causa di morte per tumore fra le donne, malgrado sia molto curabile. I sintomi di allarme Uno studio effettuato in quasi mille donne con dolore al seno ha dimostrato che solo lo 0,4 per cento di esse aveva una lesione maligna, mentre nel 12,3 per cento erano presenti lesioni benigne (come le cisti) e nel resto dei casi non vi era alcuna lesione. Il dolore non è quindi un sintomo di cancro del seno, anche se è uno di quelli che preoccupano maggiormente. Da cercare, invece, sono i noduli palpabili: la metà dei casi di tumore del seno si presenta nel quadrante superiore esterno della mammella. È importante anche segnalare al medico le alterazioni del 16

17 capezzolo (in fuori o in dentro), perdite da un capezzolo solo (se la perdita è bilaterale il più delle volte la causa è ormonale), cambiamenti della pelle (aspetto a buccia d arancia localizzato) o della forma del seno. La maggior parte dei tumori mammari, però, non dà segno di sé e si vede solo con la mammografia (nella donna giovane, tra i 30 e i 45 anni, anche con l ecografia). Il ruolo degli ormoni Più del 75 per cento dei casi di tumore del seno colpisce donne sopra i 50 anni e il 5-7 per cento delle donne con tumore al seno ha più di un familiare stretto malato (soprattutto nei casi giovanili). Le mutazioni dei geni BRCA1 e 2 sono responsabili del 50 per cento circa delle forme ereditarie di cancro del seno e dell ovaio. Svariati studi hanno dimostrato che un uso eccessivo di estrogeni (gli ormoni femminili per eccellenza) facilita la comparsa del cancro al seno. Per questo tutti i fattori che ne aumentano la presenza hanno un effetto negativo e viceversa (per esempio, le gravidanze, che riducono la produzione degli estrogeni da parte dell organismo, hanno un effetto protettivo). Le alterazioni del seno, le cisti e i fibroadenomi non aumentano il rischio di cancro. Sono invece da tenere sotto controllo i seni che alle prime mammografie dimostrano un tessuto molto denso o addirittura una forma benigna di crescita cellulare chiamata iperplasia. Anche l obesità e il fumo hanno effetti negativi. 17

18 18 La prevenzione È bene fare esercizio fisico e alimentarsi con pochi grassi e molti vegetali. Anche allattare i figli aiuta, perché l allattamento consente alla cellula di completare la sua maturazione e quindi di essere più resistente a eventuali trasformazioni neoplastiche. La mammografia è il metodo attualmente più efficace per la diagnosi precoce. Il Ministero della salute suggerisce una mammografia ogni due anni, dai 50 ai 69 anni di età, ma la cadenza può variare a seconda delle considerazioni del medico sulla storia personale di ogni donna. Nelle donne che hanno avuto una madre o una sorella malata in genere si comincia prima, verso i anni. L ecografia è un esame molto utile per esaminare il seno giovane, dato che in questo caso la mammografia non è adatta. Si consiglia di farvi ricorso su suggerimento del medico. È buona abitudine fare una visita del seno presso

19 un ginecologo o un medico esperto almeno una volta l anno, indipendentemente dall età. L autopalpazione è una tecnica che consente alla donna di individuare precocemente eventuali trasformazioni del proprio seno. La sua efficacia è però molto bassa se non si è esperti: questo significa che costituisce una precauzione in più rispetto alla sola visita e alla mammografia a partire dall età consigliata, ma non può sostituirle. Dove va la ricerca Gli studi di genetica molecolare hanno messo l accento sul fatto che il cancro al seno è in realtà un gruppo molto eterogeneo di malattie, ciascuna con la sua risposta alle cure e la sua prognosi. È quindi essenziale conoscere nel dettaglio le caratteristiche molecolari di tutti i diversi sottotipi. La ricerca sul cancro del seno si concentra quindi sulla messa a punto di farmaci sempre più mirati, in particolare per le forme che non rispondono bene alla terapia classica o per le quali ancora non è disponibile una cura personalizzata. Grazie allo sviluppo delle tecniche di microarray, sarà possibile a breve ottenere una fotografia completa dell assetto genetico del singolo tumore, per costruire la terapia su misura per ogni paziente. Terapie più leggere Nella cura del tumore al seno si possono identificare tre momenti chiave nell arco degli ultimi trent anni: la dimostrazione del fatto che la quadrantectomia, ovvero l asportazione della parte di mammella colpita invece che di tutto l organo, è spesso altrettanto sicura della mastectomia radicale; la scoperta del ruolo degli estrogeni nella malattia; l identificazione del gene BRCA 1 e 2 nelle forme ereditarie. In molti casi di mastectomia radicale, oggi è possibile salvare il capezzolo e gran parte della cute con la tecnica della mastectomia nipple sparing. La zona dell areola viene trattata con una dose di radioterapia mirata che può essere erogata direttamente in sala operatoria. Sia con la chirurgia conservativa sia nel caso di mastectomia si procede alla ricostruzione del seno nel corso dell intervento stesso: solo se la donna deve sottoporsi a radioterapia si tende ad aspettare perché i raggi possono interferire con la cicatrizzazione. La chemioterapia viene talvolta prescritta anche nelle forme iniziali a scopo precauzionale perché gli studi hanno dimostrato che aumenta la sopravvivenza. Negli ultimi anni si è diffuso anche l uso della chemioterapia neoadiuvante, ovvero somministrata prima dell intervento per ridurre la dimensione e l aggressività del tumore. Le pazienti il cui tumore è positivo per i recettori degli estrogeni possono utilizzare farmaci che bloccano gli estrogeni come il tamoxifene o gli inibitori delle aromatasi, che vengono prescritti per cinque anni dopo l intervento. Il tumore viene esaminato anche per individuare la presenza di un recettore chiamato HER-2/neu, la cui presenza aumenta il rischio di ricaduta. Da qualche anno esiste un farmaco a bersaglio molecolare, chiamato trastuzumab, che blocca questi recettori e impedisce al tumore di crescere. 19

20 Ovaio In Italia il tumore dell ovaio colpisce circa donne ogni anno, secondo le stime del Registro Tumori. È al nono posto tra le forme tumorali e costituisce il 2,9 per cento di tutte le diagnosi di tumore. In Europa rappresenta il cinque per cento di tutti i tumori femminili. Secondo la FIGO (Federazione internazionale di ginecologia e ostetricia) negli stadi iniziali (stadio I) la sopravvivenza a cinque anni è pari all 85 per cento; così non è negli stadi avanzati in cui il tasso di sopravvivenza subisce un brusco calo. Negli ultimi trent anni, anche se non vi sono stati grandi cambiamenti nei tassi di mortalità, è aumentata la sopravvivenza delle donne colpite: in molti casi è possibile tenere sotto controllo la malattia per anni, con una buona qualità di vita. Un origine esterna Il cancro dell ovaio può essere di tre tipi: epiteliale (se nasce dal tessuto di rivestimento delle tube o dell ovaio), germinale (se nasce dalle cellule che danno origine agli ovuli) e stromale (se nasce dalle cellule di sostegno). Fino a poco tempo fa, gli esperti erano convinti che i tumori epiteliali dell ovaio, che costituiscono la forma più comune (oltre 9 casi su 10), originassero dalle cellule epiteliali che rivestono superficialmente le ovaie. Recenti ricerche sembrano però smentire questo fatto: le prime cellule a trasformarsi sarebbero infatti quelle delle fimbrie, la parte terminale e aperta della tuba. Da lì le cellule 20

21 maligne sgocciolerebbero sull ovaio e nella cavità addominale, dando origine al tumore vero e proprio. Ciò spiega perché è così difficile fare diagnosi precoce di questo tumore e, soprattutto, perché quando lo si vede è quasi sempre già metastatizzato, cioè diffuso a tutto l addome. I tumori germinali rappresentano il cinque per cento circa delle neoplasie ovariche maligne e colpiscono nell infanzia e adolescenza. I tumori stromali originano dal tessuto di sostegno dell ovaio e sono i più facili da individuare perché producono un eccesso di ormoni, dando disturbi che non è possibile non notare. Sono a basso grado di malignità e rappresentano un altro cinque per cento tra le neoplasie ovariche maligne. I figli proteggono Il maggiore fattore di rischio è l età: la maggior parte dei casi viene identificata dopo la menopausa, tra i 50 e i 70 anni. Altri fattori di rischio sono la lunghezza del periodo ovulatorio, ossia il menarca (prima mestruazione) precoce, la menopausa tardiva e il non aver avuto figli. L aver avuto più figli, l allattamento al seno e l uso della pillola contraccettiva a base di estroprogestinici sono invece fattori protettivi. 21

22 Nel 10 per cento circa dei casi il tumore alle ovaie è legato a una forma ereditaria di mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2. Di recente si è però scoperto che, indipendentemente dall ereditarietà, il 18 per cento dei tumori ovarici, se esaminato, presenta una forma mutata del gene BRCA. Ciò significa che la mutazione può presentarsi spontaneamente nel tessuto malato senza necessariamente essere stata trasmessa da un genitore. Poiché oggi vi sono farmaci in grado di agire specificamente sulle cellule portatrici della mutazione, è molto importante che il tessuto tumorale venga sempre esaminato da questo punto di vista. Alla ricerca del marcatore Da tempo gli scienziati stanno cercando un metodo per anticipare la diagnosi di tumore ovarico, ma la ricerca è molto difficile. La speranza per il futuro è di riuscire a identificare dei marcatori circolanti nel sangue (per esempio dei microrna, piccoli frammenti di materiale genetico prodotto dalle cellule maligne), in modo da poter scoprire tumori piccolissimi con un semplice prelievo. Nuovi farmaci in arrivo Le donne colpite da un cancro dell ovaio vengono sottoposte a intervento chirurgico più o meno invasivo a seconda dello stadio raggiunto dalla malattia. Negli ultimi anni, se il tumore si presenta con caratteristiche molecolari di bassa aggressività, si tende a limitare al massimo l estensione della chirurgia e, in alcuni casi, si possono anche risparmiare le ovaie, specie nelle donne più giovani. La chemioterapia è lo strumento più efficace per prolungare la vita della donna colpita da questo tumore. È proprio nell ambito della farmacologia che si stanno facendo i maggiori progressi. 22

23 Dove va la ricerca Sono allo studio diversi farmaci a bersaglio molecolare per la terapia del cancro dell ovaio in fase avanzata: si tratta per lo più di sostanze ancora in sperimentazione sulle quali si ripongono molte speranze per il futuro. Fra i farmaci più studiati c è il cetuximab, che potrebbe rallentare la progressione di alcune forme positive per il recettore dell EGFR, il fattore di crescita epiteliale. Sono in fase tre di sperimentazione anche gli inibitori di PARP, una nuova categoria di farmaci in grado di bloccare selettivamente la crescita delle cellule portatrici di una mutazione del gene BRCA. Gli studi finora condotti hanno mostrato un aumento importante della sopravvivenza nelle donne che rispondono al trattamento. A causa dell alto numero di mutazioni presenti nelle cellule di carcinoma ovarico, la messa a punto di farmaci mirati è particolarmente complessa. Molti gruppi di ricerca stanno cercando di identificare le cellule staminali del tumore ovarico, cioè quelle che danno origine alla malattia: in esse dovrebbero essere presenti solo le mutazioni davvero importanti, contro le quali è utile creare farmaci mirati. Ma anche fra i farmaci tradizionali ci sono stati sviluppi positivi per il tumore dell ovaio: la trabectedina, per esempio, è un composto estratto da un organismo marino che si è rivelato efficace contro alcune forme di questo tumore. 23

24 Cervice uterina Per molto tempo il tumore della cervice uterina è stato la forma più frequente di cancro tra le donne, e ancora lo è nei Paesi in via di sviluppo, dove è la seconda causa di morte per cancro. In Occidente, però, il quadro è profondamente cambiato negli ultimi trent anni: il numero dei casi e quello dei decessi diminuisce soprattutto grazie alla diffusione del Pap-test. L incidenza di cancro invasivo della cervice uterina in Italia è in calo, passando da 9,2 a 7,7 casi per donne in 10 anni. Le probabilità di morire a causa di questa malattia sono inferiori all uno per Il ruolo dell HPV Uno dei principali fattori di rischio per il tumore della cervice è l infezione da HPV, il Papilloma virus umano, che si trasmette per via sessuale. Ecco perché l uso del profilattico o la vaccinazione sono una protezione essenziale, pur non essendo efficaci al 100 per cento: il preservativo, per esempio, non protegge completamente dall infezione dal momento che il virus può essere trasmesso anche attraverso il contatto di regioni della pelle non coperte. Un inizio precoce dell attività sessuale e partner sessuali multipli possono aumentare il rischio di infezione. È stato ormai accertato che solo alcuni degli oltre 100 ceppi di HPV sono pericolosi dal punto di vista oncologico, mentre la maggior parte rimane silente o dà origine a piccoli tumori benigni detti papillomi o condilomi. Il vaccino protegge dai ceppi virali più aggressivi, all origine del 70 per cento dei tumori della cervice. Ma la buona notizia è anche che non 24

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita guide CROinforma Piccole Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita Questa guida fornisce un informazione scientifica generale: soltanto il medico può, in base alla storia clinica e familiare

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La lunga vita Perchè si vive più a lungo? Le cause genetiche, ambientali e culturali della longevità.

La lunga vita Perchè si vive più a lungo? Le cause genetiche, ambientali e culturali della longevità. La lunga vita Perchè si vive più a lungo? Le cause genetiche, ambientali e culturali della longevità. 24 Francesco Antonini* - Stefano Magnolfi *Presidente Onorario Società Italiana Gerontologia e Geriatria

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli