Congresso Nazionale SIAPEC - IAP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Congresso Nazionale SIAPEC - IAP"

Transcript

1 Congresso Nazionale 7-9 Settembre 2009 Firenze

2 7 Settembre 2009 Congresso Nazionale Sala Masaccio S1 - SIMPOSIO SATELLITE ROCHE IMPORTANZA DELLA QUALITÀ NELLA DETERMINAZIONE DI HER 2 NEL CARCINOMA GASTRICO E MAMMARIO Moderatori A. Sapino (Torino), G. Viale (Milano) Determinazione di Her 2 nei carcinomi mammario e gastrico: S1.1 analogie e differenze C. Doglioni (Milano) Update sul ruolo di Trastuzumab nel carcinoma gastrico e S1.2 mammario F. Di Costanzo (Firenze) Discussione 7 Settembre LM1 - LETTURA MAGISTRALE Patologia non neoplastica e linfonodale F. Facchetti (Brescia) Sala Cimabue LM2 - LETTURA MAGISTRALE Nuove frontiere dell immunoistochimica M. Chilosi (Verona) Sala Giotto Sala Masaccio LM3 - LETTURA MAGISTRALE Classificazione genetica e molecolare dei tumori epiteliali dell ovaio J. Prat (Barcelona - E) 2

3 Congresso Nazionale 8 Settembre 2009 Sala Cimabue 8.30 R1 - CITOPATOLOGIA MAMMARIA Moderatori: M. Chiaramondia (Busto Arsizio), G. Tinacci (Arezzo) 8.30 Linee guida della FNC della mammella: proposta SIAPEC R1.1 G. Simone (Bari) 8.45 Citologia FNC il vecchio ed il nuovo: Adelante Pedro, con judicio! R1.2 L. Palombini (Napoli) 9.00 Correlazione cito istologica in patologia mammaria R1.3 L. Di Bonito (Trieste), F. Zanconati (Trieste) 9.15 Citologia nei casi indeterminati (C3) e immunicitochimica: possiamo R1.4 migliorare questa classe diagnostica? S. Fiaccavento (Brescia) 9.30 FNC mammaria e core biopsy: strumenti complementari R1.5 o alternative? L. Saragoni (Forlì) 9.45 FNC e citologia in strato sottile: un nuovo strumento disponibile o un rischio inutile? R1.6 Strumento disponibile c. Casadio (Milano) R1.7 Un inutile rischio F. Fulciniti (Napoli) R2 - CITOLOGIA TIROIDEA Moderatori: A. Bondi (Bologna), O. Nappi (Napoli) Classificazione citologica delle lesioni tiroidee R2.1 F. Nardi (Roma) Citologia tiroidea in fase liquida R2.2 G. Fadda (Roma) SALA CIMABUE 8 Settembre Immunocitochimica nella citologia tiroidea R2.3 M. Papotti (Torino) Discussione 8.30 R3 - PATOLOGIA POLMONARE Moderatori: M. Barbareschi (Trento), C. Comin (Firenze) 8.30 Dove siamo: il nuovo TNM 2009 R3.1 O. Nappi (Napoli) SALA GIOTTO 8.50 Dove stiamo andando: marcatori molecolari prognostici e predittivi R3.2 G. Fontanini (Pisa) 9.10 Il carcinoma a grandi cellule: realtà o mito? R3.3 G. Rossi (Modena) 9.30 Carcinomi polmonari e esposizione all asbesto R3.4 B. Murer (Mestre) 9.50 Discussione 3

4 8 Settembre 2009 Congresso Nazionale CL1- SESSIONE DI COMUNICAZIONI LIBERE Moderatori: A. Buccoliero (Firenze), P. Tosi (Siena) SALA GIOTTO CL1.1 CL1.2 CL1.3 CL1.4 Infezione da poliovirus nel timo di pazienti miastenici: autoimmunità virus-mediata nella miastenia grave? M. Barberis, P. Cavalcanti, P. Bernasconi, M. Cannone, S. Berrih Aknin, R. Mantegazza (Bergamo, Milano, Le Plessis Robinson - F) Alterazioni citogenetiche dei geni bcl10 e MALT1 e le infezioni da Chlamydia psittaci nel linfomi degli annessi oculari di tipo MALT R. Franco, M. Cerrone, I. Forte, M. Cantile, A. Manna, G. Liguori, F. Russo, A. De Renzo, R. Dolcetti, S. Staibano, G. Botti, G. De Rosa (Napoli) Persistenza e attivazione dell Epstein-Barr virus nel timo con iperplasia o regressione di pazienti con miastenia grave M. Barberis, P. Cavalcanti, S. Berrih Aknin, B. Serafini, P. Bernasconi, R. Mantegazza (Bergamo, Milano, Le Plessis Robinson - F, Roma) Differenze nella risposta alla radio-chemioterapia dei carcinomi squamosi e non-squamosi della cervice uterina V.G. Vellone, G.L. Petrone, L. Santoro, S. Moncelsi, G. Scambia, G.F. Zannoni (Roma) 8 Settembre CL1.5 CL1.6 Espressioni della survivina nelle biopsie pre-trattamento di pazienti sottoposti a radio-chemioterapia neoadiuvante per carcinoma della cervice uterina e correlazioni con la risposta patologica sui prelievi chirurgici post trattamento V.G. Vellone, E. Martinelli, G. Ferrandina, G. Scambia, G.F. Zannoni (Roma) Adenoma epatico della placenta. Descrizione di un caso e revisione della letteratura T. Mannone, F. Guddo, S. Gaglio, G. Di Marco, M. Stella, G. Costanzo, M.R. Rizzuto, A.G. Rizzo (Palermo) CL1.7 CL1.8 CL1.9 CL1.10 Carcinoma scarsamente differenziato misto della cervice uterina (carcinoma neuroendocrino ed adenocarcinoma di tipo intestinale) T. Mannone, G. Di Marco, F. Guddo, M. Stella, E. Gallo, S. Gaglio, A.G. Rizzo (Palermo) Adenocarcinoma mucinoso della vagina insorto su un area di metaplasia intestinale, in una fistola uretro-vaginale. Descrizione di un caso N. Schiavo, M. Vergine, E. Brunello, E. Manfrin, M. Fabio, E. Piazzola (Verona) Carcinoma indifferenziato a piccole cellule del collo dell utero, ad alto potenziale di malignità, in una giovane donna di 23 anni: descrizione di un caso e revisione della letteratura A. Altavilla, C. Gabrieli (Tricase) Le infezioni genitali da C. trachomatis in giovani donne asintomatiche S. Pignanelli, A. Shurdhi, F. Delucca, A. D Antuono, M. Donati (Bologna) 4

5 Congresso Nazionale 8 Settembre CL2 - SESSIONE DI COMUNICAZIONI LIBERE Moderatori: C. Comin (Firenze), G. De Rosa (Napoli) SALA MASACCIO CL2.1 CL2.2 CL2.3 CL2.4 Mutazioni del gene KRAS in pazienti trattati con inibitori tirosino-chinasici: implicazioni cliniche delle mutazioni evidenziate con metodiche sensibili in sottopopolazioni cellulari L. Felicioni, M. Del Grammastro, M. Sciarrotta, S. Malatesta, D. Carlone, L. Irtelli, S. Iacobelli, F. Cappuzzo, F. Cognetti, M. Milella, A. Marchetti, F. Buttitta (Chieti, Milano, Roma) Espressione immunoistochimica di IMP3 nei carcinomi non a piccole cellule del polmone (NSCLC) G. Bellezza, R. Del Sordo, R. Colella, F. Cartaginese, M.G. Cacace, M.G. Mameli, M. Giansanti, A. Sidoni, A. Cavaliere (Perugia, Terni) Ruolo dell istologia della placca carotidea nella predittività dell infarto miocardico acuto A. Marzullo, D. Mizio, G. Serio, G. Caruso (Bari) Valutazione di claudina 1, claudina 7 e galectina 3 nel carcinoma papillare della tiroide: correlazione con le varianti istologiche e con il comportamento biologico C. Colato, M.C. Ambrosetti, P. Brazzarola, M.V. Davì, G. Francia, A. Dardano, F. Monzani, R. Giannini, F. Basolo, F. Menestrina, M. Chilosi, M. Ferdeghini (Verona, Pisa) CL2.5 CL2.6 Espressione di claudina 1 nel carcinoma papillare della tiroide: ruolo prognostico e correlazione con il polimorfismo 1513A/C del gene del recettore P2X7 A. Dardano, C. Colato, M.C. Ambrosetti, S. Ursino, P. Brazzarola, M. Ferdeghini, F. Monzani (Pisa, Verona) Analisi immunoistochimica dell espressione di EMMPRIN/CD147 nel carcinoma papillare della tiroide: un marcatore di metastasi linfonodale? R. Colella, M.G. Mameli, G. Bellezza, R. Del Sordo, S. Moretti, E. Puxeddu, N. Avenia, M. D Ajello, A. Sidoni, A. Cavaliere (Perugia, Terni) 8 Settembre CL2.7 CL2.8 CL2.9 CL2.10 Carcinoide delle vie biliari intraepatiche, adenocarcinoma della prostata e carcinoma bronchioloalveolare: multiple neoplasie maligne metacrone F. Sanguedolce, S. Tortorella, D. Loizzi, L. Cormio, P. Bufo (Foggia) Lipomi e lipomatosi del distretto cervico-facciale G. Crisman, G. Colella, P. Biondi, P. Bove, A.R. Vitale, P. Leocata (L Aquila, Napoli) Carcinoma mucoepidermoide primitivo linfonodale C. Fondi, O. Gallo, A. Franchi (Firenze) Un caso di mesenchimoma orale benigno e revisione della letteratura G. Crisman, A.R. Vitale, A. Chiominto, G. Margiotta, G. Coletti (L Aquila) 5

6 8 Settembre 2009 Congresso Nazionale SALA ARNOLFO D1 - LEZIONE DI ANATOMIA MODALITÀ DI STUDIO DEL CUORE NELLA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Moderatori: G. D Amati (Roma), P. Gallo (Roma) D1.1 Linee guida per l indagine autoptica G. Thiene (Padova) D1.2 Videodimostrazione C. Basso (Padova) SALA CIMABUE S2 - SIMPOSIO SATELLITE Olympus ESPERIENZE E FUTURI SVILUPPI DELLA PROCESSAZIONE RAPIDA E CONTINUA E DELL INCLUSIONE AUTOMATICA FINO AL VETRINO DIGITALE Moderatore: G.L. Taddei (Firenze) La processazione rapida e continua S2.1 R. Pisa (Roma) 8 Settembre L inclusione automatica S2.2 A. Cavazzana (Carrara) Esperienze con la processazione rapida S2.3 A. Zur Hausen (Freiburg - D) R4 - CITOLOGIA URINARIA Moderatori: D. Beccati (Ferrara), G. Montanari (Torino) SALA CIMABUE Refertazione citologica unificata R4.1 P. Dalla Palma (Trento) Applicazione della FISH alla citologia urinaria R4.2 E. Bollito (Orbassano) Il parere dell urologo sull efficacia della citologia urinaria R4.3 A. Lapini (Firenze) Discussione SALA GIOTTO S3 - SIMPOSIO MERCK SERONO SPA DIAGNOSI E TERAPIA PERSONALIZZATA NEL TUMORE DEL COLON-RETTO: IL RUOLO DI CETUXIMAB Moderatore: G.L. Taddei (Firenze) Diagnosi e biomarcatori: a che punto siamo? S3.1 N. Normanno (Napoli) Selezione del paziente e appropriatezza terapeutica con cetuximab S3.2 F. Di Costanzo (Firenze) 6

7 Congresso Nazionale 8 Settembre 2009 SALA GIOTTO Assemblea dei Soci SIAPEC-IAP R5 - ENDOMETRIO DISFUNZIONALE Moderatori: A. Fabiano (Roma), E. Fulcheri (Genova) Aspetti clinici delle endometriopatie disfunzionali R5.1 G. Scarselli (Firenze) Le possibilità della diagnosi citologica R5.2 A.M. Buccoliero (Firenze) I principi della diagnosi istologica R5.3 L. Resta (Bari) Le problematiche della biopsia isteroscopia R5.4 G.F. Zannoni (Roma) Discussione SALA GIOTTO R6 - BIOLOGIA MOLECOLARE Moderatori: A. Marchetti (Chieti), L. Ruco (Roma) Marcatori predittivi di risposta ai farmaci anti-egfr R6.1 A. Marchetti (Chieti) SALA MASACCIO L apporto dell analisi molecolare nella diagnostica dei linfomi R6.2 G. Inghirami (Torino) 8 Settembre Citopatologia molecolare. Il modello del carcinoma tiroideo R6.3 M. Barbareschi (Trento) Marcatori molecolari diagnostici e predittivi nel carcinoma del R6.4 pancreas e dell ampolla A. Scarpa (Verona) Nuovi marcatori molecolari nella diagnostica del mesotelioma R6.5 S. Bosari (Milano) Discussione 7

8 9 Settembre 2009 Congresso Nazionale R7 - IL GRADING IN ANATOMIA PATOLOGICA RIPRODUCIBILITÀ E VALENZA CLINICA Moderatore: C. Gentili (Marina di Carrara) Il grading nei tumori dei tessuti molli R7.1 V. Ninfo (Padova) Il grading nei tumori urologici R7.2 G. Mikuz (Innsbruck - A) Il grading nel carcinoma della mammella R7.3 S. Bianchi (firenze) Il grading nel carcinoma dell endometrio R7.4 G.F. Zannoni (Roma) SALA BOTTICELLI Grading e test di concordanza su immagini digitali in patologia R7.5 mammaria, cervicale, uroteliale e prostatica. Un esperienza dei patologi toscani C. Gentili (Marina di Carrara) Discussione 8.30 R8 - NOMENCLATORI E CODIFICHE DIAGNOSTICHE Moderatore: A. Bondi (Bologna) 8.30 La preparazione dell ICD 11: il contributo dell Italia e la R8.1 collaborazione con l OMS C. Francescutti (Udine) SALA ARNOLFO 9 Settembre 8.50 NAP: il nuovo nomenclatore per le Anatomie Patologiche Italiane. R8.2 Stato di avanzamento e previsione d uso P. Crucitti (Bologna) 9.10 Manutenzione e garanzia dei sistemi condivisi: il Portale delle R8.3 Classificazioni V. Della Mea (Udine) 9.30 Opportunità e prospettive della codifica automatica e assistita R8.4 in Anatomia Patologica: il sistema Find & Code S. Ferretti (Ferrara) 9.50 Discussione 8

9 Congresso Nazionale 9 Settembre R9 - APPLICAZIONI DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN UROPATOLOGIA In memoria di Donald Gleason Moderatori: P. Bufo (Foggia), M. Colecchia (Milano) Citogenetica in fluorescenza FISH, CGE e tumori renali R9.1 S. Gobbo (Verona) Citologia urinaria e FISH R9.2 E. Bollito (Orbassano) mi-rna nelle neoplasie del tratto urogenitale R9.3 N. Zaffaroni (Milano) Citofluorimetria nelle indagini sulla fertilità maschile R9.4 C. Patriarca (Melegnano) Approcci diagnostici (biomolecolari ed immunoistochimici) R9.5 nel carcinoma del surrene M. Scarpelli (Ancona) Nuovi marcatori immunoistochimici e molecolari predittivi R9.6 nel carcinoma prostatico S. Staibano (Napoli) Discussione SALA ARNOLFO SALA ARNOLFO SS1 - SLIDE SEMINAR: DIAGNOSI DIFFICILI IN DERMATOPATOLOGIA Gruppo Italiano di Studio di Dermatopatologia (GISD) della SIAPEC-IAP Moderatori: C. Clemente (Milano), M.C. Montesco (Padova) SS1.1 SS1.2 SS1.3 SS1.4 SS1.5 M.C. Montesco (Padova) T. Faraggiana (Roma) C. Clemente (Milano) E. Bonoldi (Milano) A.P. Dei Tos (Treviso) 9 Settembre SS1.6 Considerazioni finali V. Ninfo (Padova) 9

10 9 Settembre 2009 Congresso Nazionale 8.30 T1 - SESSIONE PER TECNICI DI LABORATORIO IL FUTURO DELLA FORMAZIONE 8.30 Progetto AITIC-FAD: costruzione di un progetto formativo T1.1 S. Simonazzi (Bologna), T. Zanin (Genova) Break L ERRORE E LA RESPONSABILITÀ DEL TECNICO IN ANATOMIA PATOLOGICA SALA CIMABUE L errore nel processo di allestimento di un preparato cito-istologico T1.2 T. Zanin (Genova) L HTA e la responsabilità professionale T1.3 A. Esposito (Chieti) PREVENZIONE SANITARIA ONCOLOGICA Il fumo e i suoi danni T1.4 R. Pizzaferri (Genova) Discussione SALA GIOTTO 8.30 R10 - PATOLOGIA GASTROINTESTINALE E BILIO-PANCREATICA Moderatori: R. Fiocca (Genova), G. Zamboni (Verona) 8.30 Coliti da farmaci ed allergiche R10.1 V. Villanacci (Brescia) 9 Settembre 8.50 Carcinoma gastrico: identificazione di forme a basso ed alto grado R10.2 E. Solcia (Pavia) 9.10 Tumori endocrini del pancreas: classificazione e criteri applicativi R10.3 del nuovo TNM P. Capelli (Verona) 9.30 Colangiocarcinoma intraepatico: fattori progostici e predittivi R10.4 molecolari M. Fiorentino (Bologna) 9.50 Discussione 10

11 Congresso Nazionale 9 Settembre 2009 SALA GIOTTO R11 - QUALITÀ E SICUREZZA IN ANATOMIA PATOLOGICA Moderatore: G.L. Taddei (Firenze) Introduzione R11.1 G.L. Taddei (Firenze) Le strategie per la sicurezza dei sistemi sanitari R11.2 A. Ghirardini (Roma) Il processo di gestione del rischio in anatomia patologica: R11.3 le esperienze della Regione Toscana R. Tartaglia (Firenze) Il servizio di anatomia patologica nel processo R11.4 diagnostico-assistenziale A. Fabiano (Roma) Organizzazione del servizio di anatomia patologica nell ottica R11.5 del risk management G. Santeusanio (Roma) Discussione R12 - APEFA 2009: EVOLUZIONI DI UN PROGETTO; EVOLUZIONI DI UN GRUPPO DI STUDIO Moderatori: G. Bulfamante (Milano), E. Fulcheri (Genova) SALA GIOTTO Morte endouterina fetale: un problema, un libro, un progetto. R12.1 Studio multicentrico italiano anatomo-clinico sulle malformazioni fetali: risultati preliminari G. Bulfamante (Milano) L esame istopatologico della placenta per la comprensione R12.2 delle alterazioni cardiotocografiche a termine di gravidanza: sorveglianza fetale in travaglio di parto. E. Fulcheri (Genova) Presentazione dello studio multicentrico italiano EN.NE R12.3 (encefalopatia neonatale) S. Felis (Genova) Tavola Rotonda R12.4 Tra etica ed evoluzioni scientifiche. Il feto come paradigma della difesa del più debole o come materiale per l avanzamento delle conoscenze diagnostico-terapeutiche? Moderatore: G. Bulfamante (Milano) Discussants: L. Resta (Bari) M. Colafranceschi (Firenze) D. Marchetti (Roma) 9 Settembre R12.5 Conclusioni E. Fulcheri (Genova) Discussione 11

12 9 Settembre 2009 Congresso Nazionale 8.30 R13 - SESSIONE DEI GIOVANI PATOLOGI COSA FARÒ DA GRANDE Moderatori: G. Caruso (Bari), A. Sapino (Torino) 8.30 Prospettive occupazionali in Italia e all Estero R13.1 A. Camboni (Roma) SALA MASACCIO 8.45 L occupazione temporanea nelle Scuole di Specializzazione R13.2 L. Ruco (Roma) 9.00 L alternativa dell attività nel privato R13.3 C. Della Rocca (Roma) 9.15 La cooperazione internazionale ed il volontariato R13.4 L. Molinaro (Torino) 9.30 L anatomo-patologa: un lavoro di genere? R13.5 M.P. Cocca (Bari) 9.45 Discussione CL3 - SESSIONE DI COMUNICAZIONI LIBERE Moderatori: A. Cavazzana (Pisa), E. Zini (Firenze) SALA MASACCIO 9 Settembre CL3.1 CL3.2 CL3.3 CL3.4 CL3.5 CL3.6 CL3.7 CL3.8 ll sarcoma di Kaposi: un modello significativo per lo studio delle correlazioni clinico-patologiche nei tumori S.A. Senatore, P. Rizzo, F. Floccari, A. Caldarazzo, L. Peschiulli, A. D Amuri (Lecce) La metodica fluorescence in situ hybridization (FISH) nelle lesione melanocitarie: risultati preliminari C. Di Cristofano, M. Cirenza, G. La Viola, M. Leopizzi, L. Pacini, I. Proietti, N. Bernasconi, V. Moretti, V. Petrozza, A. Calogeno, C. Potenza, C. Della Rocca (Roma) Significato prognostico dell espressione immunoistochimica di IMP- 3 nel melanoma cutaneo R. Del Sordo, F. Cartaginese, M.G. Mameli, G. Bartoli, C. Lupi, F. Cioccoloni, S. Simonetti, A. Cavaliere, A. Sidoni (Perugia, Terni) Immaginando il tessuto connettivo cutaneo non lineare V. Maio, D. Massi, R. Cicchi, D. Kapsokalyvas, F.S. Pavone, V. De Giorgi, T. Lotti (Firenze) Lesioni melanocitarie cutanee: identificazione dei markers RREB1, MYB, CCND1 e del cromosoma 6 mediante analisi FISH su sezioni di tessuto incluso in paraffina M. Paglierani, M. Pepi, V. De Giorgi, M. Santucci, D. Massi (Firenze) Espressione della proteina IMP3 nei carcinomi mammari tripli-negativi F. Cartaginese, R. Del Sordo, G. Bellezza, M.G. Mameli, M. Spinelli, R. Colella, A. Cavaliere, A. Sidoni (Perugia, Terni) Diagnosi di radial scar su agobiopsia mediante mammotome: correlazioni con successiva biopsia escissionale A. Parisi, A. Eccher, C. Ghimenton, Q. Piubello (Verona) Il potenziale ruolo del recettore delle chemiochine cxcr4 nella patologia mammaria: studio con tissue microarray progressivo R. Giannatiempo, R. Franco, M. Postiglione, L. Baron, A. Pinto, M. Di Bonito, G. Botti (Napoli, Castellammare di Stabia) 12

13 Congresso Nazionale 9 Settembre 2009 SALA MASACCIO CL3 - SESSIONE DI COMUNICAZIONI LIBERE (cont.) CL3.9 CL3.10 CL3.11 CL3.12 CL3.13 CL3.14 Determinazione di Her2 nel carcinoma mammario: verso un percorso condiviso in Sicilia A. Ieni, S. Lanzafame, G. Grasso, G. Nuciforo, M.G. Galasso, L. Villari, M. Falduto, G. Russo, A. Labate, E. Roz, D. Messina, S. Castellino (Messina, Catania, Taormina, Palermo, Trapani, Ragusa) Ibridazione in situ con sali d argento (S.I.S.H.): una metodica alternativa per la identificazione dello status genico di HER2 nel carcinoma della mammella R. Giannatiempo, M. Postiglione, L. Baron, R. Franco, F. Quarto (Napoli, Castellammare di Stabia) Valutazione dello status di Her2/neu nei carcinomi lobulari infiltranti secondo i criteri ASCO/CAP M. Vergine, E. Brunello, M. Brunelli, G. Martignoni, S. Bersani, C. Parolini, A. Remo, D. Reghellin, M. Chilosi, F. Menestrina, E. Manfrin, F. Bonetti (Verona, Legnago, Arzignano) Claudina 4, un utile marcatore nella diagnosi differenziale tra carcinoma e mesotelioma su materiale citologico S. Lonardi, M. Calogero, R. Marucci, A. Santoro, F. Facchetti (Brescia) Cito-immunoespressione di E-caderina su agoaspirato da carcinoma della mammella nella selezione di appropriata terapia IORT E. Brunello, M. Brunelli, E. Manfrin, N. Schiavo, C. Cannizzaro, S. Gobbo, F. Bonetti (Verona) Confronto tra citologia aspirativa con ago sottile e parametri ecografici nei noduli tiroidei: uno score ecografico per selezionare i noduli da sottoporre a FNA M. Toraldo, R. Colella, G. Bellezza, R. Del Sordo, P. De Feo, E. Puxeddu, F. Cartaginese, A. Sidoni, A. Cavaliere (Perugia, Terni) CL3.15 CL3.16 CL3.17 Nuovo test combinato molecolare-morfologico: prospettive di implementazione nello screening del cervicocarcinoma e nella modulazione della terapia M. Quarchioni, S. Quarchioni (L Aquila) Ottimizzazione della tecnica di esecuzione dell ago aspirato tiroideo G. Renzulli, G. Cristiani, M. Fanelli (Bari) Accuratezza della diagnosi citologica agoaspirativa con ago sottile nel cancro della mammella secondo le Linee Guida Europee e confronto fra casi da screening e casi ad affluenza spontanea M. Spinelli, R. Colella, G. Bartoli, M.G. Cacace, A. Pireddu, F. Cartaginese, A. Cavaliere, A. Sidoni (Perugia, Terni) 9 Settembre 13

14 9 Settembre 2009 Congresso Nazionale CL4 - SESSIONE DI COMUNICAZIONI LIBERE Moderatori: M. Biancalani (Firenze), L. Marasà (Palermo) SALA MASACCIO 9 Settembre 14 CL4.1 CL4.2 CL4.3 CL4.4 CL4.5 CL4.6 CL4.7 CL4.8 CL4.9 CL4.10 CL4.11 CL4.12 CL4.13 CL4.14 Caratterizzazione clinico-patologica e molecolare dei carcinomi colorettali MSI-H identificati mediante screening di popolazione R. Gafà, I. Maestri, L. Ulazzi, M. Matteuzzi, M.C. Carpanelli, G. Lanza (Ferrara) Micrometastasi linfonodali in pazienti con carcinoma colorettale in stadio I ad evoluzione infausta L. Reggiani Bonetti, C. Di Gregorio, M. Pedroni, P. Benatti, G. Rossi, C. De Gaetani, M. Ponz De Leon (Reggio Emilia, Carpi) Cistoadenoma biliare dell ilo epatico I. Cataldo, F. Pedica, N. Schiavo, M. Fontana, C. Iacono, A. Ruzzenente, A. Guglielmi, F. Menestrina, P. Capelli (Verona) Gastrite acuta flemmonosa indotta da azatrioprina in paziente con malattia di Crohn F. Pedica, S. Pecori, I. Cataldo, L. Benini, L. Bernardoni, P. Capelli (Verona) Adenomi cancerizzati: rapporto tra fattori istologici di rischio ed evoluzione clinica L. Reggiani Bonetti, C. De Gaetani, M. Pedroni, P. Benatti, G. Rossi, A. Pezzi, M. Ponz De Leon, C. Di Gregorio (Reggio Emilia, Carpi) Valutazione dello stato di amplificazione di Her-2 nel carcinoma gastrico mediante metodica SISH M.T. Ramieri, R. Murari, E. Pica, P.L. Alò (Frosinone) Metastasi cutanea di cordoma: descrizione di un caso A. D Amuri, T.G. Carlà, F. Floccari, F. De Caro, E. Villani, A.T. Pede, S.A. Senatore (Gallipoli) Teratocarcinoma primitivo del terzo ventricolo simulante un craniofaringioma all esame intraoperatorio F. Sanguedolce, P.I. D Urso, P. Ciappetta, A. Cimmino (Foggia, Bari) Ependimosarcoma: case report C. Ghimenton, N. Schiavo, A. Eccher, A. Parisi, E. Brunello, Q. Piubello, F.B. Pizzini (Verona) Qualità e accreditamento del test FISH per la valutazione di Her-2/neu nel carcinoma della mammella S. Pecori, S. Bersani, C. Parolini, M. Brunelli, S. Gobbo, D. Segala, E. Manfrin, M. Vergine, E. Piazzola, F. Bonetti, G. Martignoni, F. Menestrina (Verona) Bioingegneria medica nel medioevo. Protesi per arto superiore ed arto inferiore. Descrizione e studio di protesi per arto di proprietà del Museo Stibbert di Firenze G. Di Marco, S. Di Marco, P. Esposito, T. Mannone, L. Nalbone, M. Stella, K. Aschengreen Piacenti, F. Aragona, A.G. Rizzo (Palermo, Firenze) Amplificazione del gene target Her-2/neu nelle neoplasie renali D. Segala, S. Gobbo, M. Brunelli, S. Bersani, C. Parolini, M. Vergine, M. Chilosi, F. Bonetti, F. Menestrina, G. Martignoni (Verona) Accuratezza diagnostica del materiale bioptico su tumori renali D. Segala, M. Brunelli, S. Gobbo, F. Menestrina, G. Martignoni (Verona) Linfoma a grandi cellule b primitivo della prostata. Studio istologico ed immunoistochimico di un caso e revisione della letteratura G. Di Marco, T. Mirisola, T. Mannone, F. Aragona, M. Stella, F. Guddo, M.R. Rizzuto, E. Caldarera, G. Vaccarella, T. Bonaccorso, A.G. Rizzo (Palermo)

15 Congresso Nazionale POSTER DIGITALI PD1 PD2 PD3 PD4 PD5 PD6 PD7 PD8 PD9 PD10 PD11 PD12 PD13 PD14 PD15 PD16 La citologia in fase liquida nell agoaspirato epatico mediante ago sottile G. Simone, M. Asselti, G. Gadaleta-Caldarola, T. Addati, G. Giannone, M. Liuzzi, F. Palma, V. Rubini, F.A. Zito, V. Fazio (Bari) Cellule tumorali circolanti nel sangue di pazienti con carcinoma mammario: riscontro citologico e caratterizzazione tecnica E. Bresaola, M.J. Miller, C. Casadio (Milano) Analisi citomorfologica del carcinoma adenoido-cistico della mammella: revisione di un caso L. Chiapparini, C. Scacchi, M. Lusiardi, C. Di Tonno (Milano) Cellule dendritiche e mastociti : il loro ruolo nella progressione della micosi fungoide S. Marasà, D. Cabibi, L. Marasà, F. Aragona (Palermo) Linfoma B cutaneo primitivo della zona marginale (MALT-type) del cuoio capelluto: descrizione di un caso G. Palumbieri (Barletta) Miofibroblastoma intranodale a palizzata: report di un caso in un linfonodo inguinale M.P. Cocca, A. Colagrande, A. Cimmino (Bari) Espressione della proteina p16ink4a e presenza di HPV-L1-capside nella cervice uterina: studio cito-istologico e immunoistochimico M.A. Caponio, T. Addati, G. Giannone, G. Falco, A. Labriola, S. Petroni, V. Rubini, G. Simone (Bari) Disordine linfoproliferativo CD30+ primitivo della vulva N. Mariani, P. Re, P. Barbieri, S. Orecchia, P. Betta (Alessandria) Due casi di carcinoma endometriode di basso grado associato a carcinoma indifferenziato dell utero (carcinoma dedifferenziato): uno studio molecolare G. Giordano, T. D Adda, L. Bottarelli, R. Berretta, C. Merisio (Parma) Neoplasie mesenchimali dell utero e markers biologici M. Carosi, C. Stellitano, G. Corrado, P. Visca, A. Savarese, E. Vizza, A. Russo, R. Covello, M. Congiu, F. Marandino (Roma) Carcinoma epidermoidale insorto su cisti dermoide dell ovaio: riferimento di un caso N. Scibetta, L. Marasà (Palermo) adenosarcoma mulleriano dell ovaio. Descrizione di una osservazione R. Scamarcio, D.M. Tateo, A. Scivetti, D. Di Clemente, G. Fiore, G. Serio, A. Marzullo, L. Resta (Bari) Espressione di WT1 e claudina-5 nei tumori angiogenici S. Gobbo, A. Eccher, F. Comper, M. Brunelli, D. Segala, I. Cataldo, F. Menestrina, A. Scarpa, G. Martignoni (Verona) Valori critici per le risorse umane in anatomia patologica G. Cattoretti, A. Milazzo (Monza) Autopsie: ancora un gold standard? R. Sarro, F. Bosman, S. Rotman (Lausanne - CH) Neoplasia epilettogena con aspetti di astrocitoma ed ependimoma M. Palumbo, A. Cimmino, P.I. D Urso, M.G. Fiore, R. Rossi, L. Resta (Bari) 15

16 16 PD17 PD18 PD19 PD20 PD21 PD22 PD23 PD24 PD25 PD26 PD27 PD28 PD29 PD30 Congresso Nazionale POSTER DIGITALI Localizzazione meningea di emopoiesi extramidollare in paziente con mielofibrosi: case report C. Ghimenton, A. Eccher, S. Gobbo, M. Brunelli, A. Parisi, G. Martignoni, S. Turazzi, M. Chilosi, F. Menestrina (Verona) Metastasi polmonare di adenoma pleomorfo benigno della ghiandola sottomandibolare: descrizione di un caso A. Pireddu, M. Giansanti, M. Spinelli, A. Sidoni, A. Cavaliere (Perugia, Terni) Le molecole di adesione intercellulare negli aborti spontanei: uno studio immunoistochimico M. Postiglione, A. Maglione, A. Russo, A. Nicastro, D. Oppressore, C. Trombetta, R. Giannatiempo (Napoli, Castellammare di Stabia) Correlazioni fenotipo-genotipo con metodica CGH-array in una morte fetale endouterina di 20 settimane S. Cesari, A. Vetro, O. Zuffardi, L. Montanari, A. Spinillo, B. Dal Bello (Pavia) Analisi molecolare mediante amplificazione genica (PCR) di un rapido ed efficiente metodo di estrazione di DNA da tessuto fissato in formalina ed incluso in paraffina E. Gallo, G. Di Marco, G. Costanzo, M. Stella, M.R. Rizzuto, F. Raiata, A.G. Rizzo (Palermo) Valutazione di un semplice e rapido metodo per l estrazione di DNA genomico da tessuto incluso in paraffina G. Costanzo, T. Mannone, E. Gallo, F. Guddo, F. Raiata, V. Randazzo, A.G. Rizzo (Palermo) Alterazioni nell aspetto e nella distribuzione dei mitocondri nei carcinomi gastrici: studio immunoistochimico ed ultrastrutturale R. Caruso, P. Napoli (Messina) Paraganglioma solitario primitivo del mesentere: descrizione di un caso A. De Chiara, N.S. Losito, A. Manna, G. Liguori, P. Delrio, E. De Lutio Di Castelguidone (Napoli) L autofagia nel cancro del colon-retto: osservazioni preliminari L. Marasà, A. Merendino, F. Rappa, F. Bucchieri, S. Marasà, A. Giacalone, F. Cappello, G. Zummo (Palermo) Multipli adenocarcinomi ed un leiomioma sincrono del colon: descrizione di un caso M.C. De Nisi, C. Maggiore, C. Minacci, M. Stumpo, M.L. Palmeri, L. Pergola, A. Genovese, A. Rossi (Grosseto, Orbetello) Ruolo dell espressione di CXCR4 e di VEGF e presenza di linfonodi loco-regionali metastatici nel carcinoma rettale F. Tatangelo, A. Avallone, P. Delrio, S. Scala, R. Capano, G. Botti (Napoli) Studio morfoimmunoistochimico ed ultrastrutturale sui neutrofili apoptotici fagocitati da cellule adenocarcinomatose gastriche e da cellule foveolari della mucosa gastrica con infezione da Helicobacter pylori R. Caruso, C. Crisafulli, F. Fedele (Messina) Adenocarcinoma intestinal-type della cavità nasale e dei seni paranasali: report di due casi A. Colagrande, A. Cimmino, G. Ingravallo, L. Resta, M.P. Cocca (Bari) Contributo immunocitochimico e molecolare nella citologia tiroidea in fase liquida G. Simone, M. Liuzzi, G. Achille, S. Russo, F. Palma, G. Giannone, V. Rubini, C. Quero, L. Grammatica (Bari)

17 Congresso Nazionale POSTER DIGITALI PD31 PD32 PD33 PD34 PD35 PD36 PD37 PD38 PD39 PD40 PD41 PD42 PD43 PD44 PD45 Descrizione di un caso di dentinoma G. Margiotta, T. Cutilli, A.R. Vitale, G. Coletti, P. Leocata (L Aquila) Tumore a cellule granulose della laringe e dell esofago: descrizione di due casi G. Palumbieri (Barletta) Schwannoma intraneurale. Un osservazione casuale S. Squillaci, C. Spairani, R. Marchione, F. Tallarigo (Crotone) Fibroma Nuchal-type: descrizione di un caso N. Scibetta, L. Marasà (Palermo) Ipermetilazione delle isole CpG in tumori neuroendocrini polmonari T. D Adda, S. Pizzi, F. Inzani, C. Azzoni, L. Bottarelli, G. Pelosi, M. Papotti, C. Bordi, G. Rindi (Parma, Milano, Torino) Correlazione tra polisomia del cromosoma 17, amplificazione ed iperespressione di Her-2/neu nel carcinoma mammario invasivo S. Petroni, T. Addati, M.A. Caponio, V. Rubini, M. Asselti, G. Giannone, F. Palma, G. Simone (Bari) NHERF1 ed angiogenesi nel cancro mammario familiare A. Mangia, A. Malfettone, C. Salvatore, B. Stea, G. Simone, A. Paradiso (Bari) La valutazione del rischio nel carcinoma mammario: studio preliminare della nicchia pre-metastatica in 252 linfonodi A. Ieni, A. Simone, G. Neri, V. Barresi, G. Giuffrè, B. Adamo, N. Caristi, F. Colonese, M.A. Gioffrè Florio, V. Adamo, G. Tuccari (Messina) Ruolo dei fibroblasti tumorali attivati e dei mastociti nella carcinogenesi mammaria A. Malfettone, G. Simone, R. Rossi, C. Salvatore, R. Daprile, A. Paradiso, L. Resta, A. Mangia (Bari) Amartoma mioide della mammella A. Eccher, S. Gobbo, M. Brunelli, A. Parisi, S. Sebastiani, M. Valdo, A. Iannucci, Q. Piubello (Verona) Carcinoma mucinoso puro della mammella a differenziazione neuroendocrina: descrizione di un caso e breve revisione della letteratura A. D Amuri, F. Floccari, L. Aiello, A.T. Pede, S.A. Senatore (Lecce) La firma molecolare Mammaprint : confronto con i parametri clinico-patologici P. Querzoli, M. Pedriali, G. Munerato, M. Lunardi, G. Querzoli, P. Carcoforo, M.I. Carbonell Luna, F. Pellegrini, P. Pizzutilo, M. Indelli, E. Durante, I. Nenci (Ferrara) Sarcoma di Ewing del rene A. Eccher, A. Parisi, S. Gobbo, M. Brunelli, M. Donataccio, A.P. Dei Tos, M. Chilosi, G. Martignoni, A. Iannucci, F. Menestrina (Verona, Treviso) Tecnica alternativa di fissazione P. Balzarini, L. Benerini Gatta, M. Cadei, P. Begni, J. Demello Ferreira, P.G. Grigolato (Brescia) Tecnica di doppia marcatura per indagini di istochimica ed immunoistochimica L. Benerini Gatta, P. Balzarini, M. Cadei, F. Alpi, A. Cattane, P.G. Grigolato (Brescia) 17

CORSO Teorico/Pratico Argomenti di Surgical Pathology

CORSO Teorico/Pratico Argomenti di Surgical Pathology CORSO Teorico/Pratico Argomenti di Surgical Pathology Aula Cerra - Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione G. Pascale Direttore del Corso: Gerardo Botti 2 CORSO Teorico/Pratico Argomenti di Surgical

Dettagli

CORSO Teorico/Pratico Argomenti di Surgical Pathology

CORSO Teorico/Pratico Argomenti di Surgical Pathology CORSO Teorico/Pratico Argomenti di Surgical Pathology Aula Cerra - Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione G. Pascale Direttore del Corso: Gerardo Botti 2 CORSO Teorico/Pratico Argomenti di Surgical

Dettagli

Indice analitico. A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149. linfonodi regionali (N)

Indice analitico. A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149. linfonodi regionali (N) Indice analitico A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149 classificazione, 149, 151, 152 metastasi a distanza (M), 149-153 raggruppamento in stadi, 153 sedi di metastasi, 149 sede primitiva,

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

IMPERIAL HOTEL TRAMONTANO Sorrento, 27-28-29 maggio 2011. Presidenti Pietro Micheli Oscar Nappi Antonio Giordano. A.O.R.N. Monaldi Cotugno CTO

IMPERIAL HOTEL TRAMONTANO Sorrento, 27-28-29 maggio 2011. Presidenti Pietro Micheli Oscar Nappi Antonio Giordano. A.O.R.N. Monaldi Cotugno CTO UPDATE IN TEMA DI ANATOMIA PATOLOGICA E RICADUTA CLINICA Benigno Vs maligno, dalla morfologia alla biologia molecolare. Il ruolo delle moderne biotecnologie ai fini diagnostici, prognostici ed il monitoraggio

Dettagli

Cap 2 - Principali tipi di cancro

Cap 2 - Principali tipi di cancro Cap 2 - Principali tipi di cancro PRINCIPALI TIPI DI CANCRO Ogni cellula presente nell organismo può potenzialmente andare incontro a mutazioni e diventare cancerosa, dando origine a moltissime varianti

Dettagli

V GIORNATA NOVARESE DI STUDIO

V GIORNATA NOVARESE DI STUDIO PROGETTO INTEGRATO: CLINICA SAN GAUDENZIO DI NOVARA - GRUPPO POLICLINICO DI MONZA -, UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA. S. MARGHERITA LIGURE PORTOFINO SABATO

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma METASTASI POLMONARI Terapia Oncologica Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Metastasi polmonari: EPIDEMIOLOGIA Prevalenza nelle autopsie di

Dettagli

pap test mai dire mai Napoli 9-10 maggio 2014 Hotel Royal Continental

pap test mai dire mai Napoli 9-10 maggio 2014 Hotel Royal Continental 9-10 maggio 2014 INTRODUZIONE Da quando verso la fine degli anni 90 i test di biologia molecolare sono entrati in commercio e numerosi studi piloti, nel decennio successivo, ne hanno validato, l efficacia

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

Convegno. Hotel Duchessa Isabella Via Palestro 68/70, Ferrara. Ferrara, 20 gennaio 2012

Convegno. Hotel Duchessa Isabella Via Palestro 68/70, Ferrara. Ferrara, 20 gennaio 2012 Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Medicina di Laboratorio U.O. di Medicina Nucleare Direttore: Dott. Luciano Feggi Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Anestesiologiche e Radiologiche Sezione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI BELLA MICHELE ANGELO. Data di nascita 20/03/1961. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079228259

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI BELLA MICHELE ANGELO. Data di nascita 20/03/1961. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079228259 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 20/03/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio BELLA MICHELE ANGELO I Fascia AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Congresso Nazionale AIDNID Torino, 12 14 marzo 2015

Congresso Nazionale AIDNID Torino, 12 14 marzo 2015 Comitato Scientifico G. Argenziano E. Berardesca A. Di Stefani G. Pellacani K. Peris M. A. Pizzichetta P. Rubegni S. Seidenari Presidente V. De Giorgi Presidente del Congresso P. Broganelli Segreteria

Dettagli

Le zone grigie della citologia tiroidea.

Le zone grigie della citologia tiroidea. Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow-up Bologna 21 marzo 2009 Le zone grigie della citologia tiroidea. Cosa deve dire il patologo Gian Piero Casadei Anatomia Patologica Ospedale

Dettagli

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Principi di codifica delle neoplasie Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Perché codificare Dare un nome girasole tulipano iris margherita

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - ANATOMIA PATOLOGICA E CITODIAGNOSTICA

AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - ANATOMIA PATOLOGICA E CITODIAGNOSTICA INFORMAZIONI PERSONALI Nome BENVENUTO ALESSANDRA Data di nascita 31/08/1972 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente

Dettagli

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI U. O. ANATOMIA PATOLOGICA - LEGNANO Direttore Dott.ssa Agnese Assi Telefono segreteria: 0331/449358-449266 Fax:0331/449266 e-mail: anatomopatologialegnano@ao-legnano.it Indirizzo: Via Candiani,2-20025

Dettagli

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome: GUSOLFINO Marino Daniel

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome: GUSOLFINO Marino Daniel MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome: GUSOLFINO Marino Daniel Data di nascita: 14/04/1968 Qualifica: Dirigente Medico Amministrazione: Azienda Ospedaliera

Dettagli

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo ANATOMIA PATOLOGICA Branca specialistica della medicina che studia le malattie umane mediante esame macroscopico degli organi o microscopico dei tessuti e delle cellule In ambito clinico l'anatomia patologica

Dettagli

LA NEOPLASIA DELLA MAMMELLA NEL 2016

LA NEOPLASIA DELLA MAMMELLA NEL 2016 Congresso 19 febbraio e 18 marzo 2016 Auditorium Petruzzi PESCARA Il carcinoma della mammella va considerata una malattia eterogenea. La biologia molecolare ha già permesso di individuare gruppi fenotipici

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo. "Diagnostica Citologica"

Il Nodulo Tiroideo. Diagnostica Citologica Il Nodulo Tiroideo "Diagnostica Citologica" FNAC Con il termine di FNAC (Fine Needle Aspiration Cytology) si intende un prelievo citologico eseguito mediante un ago definito sottile (a partire da 22G ),

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

I tumori rari in oncologia: fondamenti scientifici e aspetti legislativi

I tumori rari in oncologia: fondamenti scientifici e aspetti legislativi I tumori rari in oncologia: fondamenti scientifici e aspetti legislativi DEFINIZIONE DI TUMORE RARO Dott. Luciano Stumbo UOC Oncologia ACO S. Filippo Neri - Roma Roma, 19 settembre 2013 Quando un tumore

Dettagli

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015 ANATOMIA scheda aggiornata al 11,11,2015 MEDICO ORARIO AMBULATORIO Consulenza cito/istologica 220,00 Diagnosi anatomopatologica estemporanea (ogni campione) 165,00 Esame citologico cerv.vaginale (PAP test)

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

REPORT FINALE DEL PROGETTO: CONTROLLO DI QUALITÀ E VALIDAZIONE DEL TEST PER LA DETERMINAZIONE DEL RIARRANGIAMENTO DEL GENE ALK NEL CARCINOMA POLMONARE

REPORT FINALE DEL PROGETTO: CONTROLLO DI QUALITÀ E VALIDAZIONE DEL TEST PER LA DETERMINAZIONE DEL RIARRANGIAMENTO DEL GENE ALK NEL CARCINOMA POLMONARE Associazione Italiana Oncologia Medica REPORT FINALE DEL PROGETTO: CONTROLLO DI QUALITÀ E VALIDAZIONE DEL TEST PER LA DETERMINAZIONE DEL RIARRANGIAMENTO DEL GENE ALK NEL CARCINOMA POLMONARE Il progetto

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

Gli attuali ali approcci del Patologo nella determinazione molecolare delle neoplasie

Gli attuali ali approcci del Patologo nella determinazione molecolare delle neoplasie C o r s o T e o r i c o / P r a t i c o : Gli attuali ali approcci del Patologo nella determinazione molecolare delle neoplasie Direttore: Gerardo Botti Napoli, 6-7 Maggio 2013 I. N. T. Fondazione Pascale

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

La diagnosi istopatologica delle lesioni melanocitarie II edizione

La diagnosi istopatologica delle lesioni melanocitarie II edizione [ Corso Teorico-Pratico] La diagnosi istopatologica delle lesioni melanocitarie II edizione Genova, 14-16 novembre 2012 Con il patrocinio Società Italiana di Anatomia Patologica e Citopatologia Diagnostica

Dettagli

VI Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano

VI Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano VI Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano Terapie Mediche Innovative in Oncologia Firenze, 27-28 marzo 2014 - Chiostro del Maglio

Dettagli

corso di citologia tiroidea

corso di citologia tiroidea PreSentAzIone IntroduzIone: L introduzione della citologia per aspirazione con ago sottile ha rappresentato un notevole progresso nella diagnostica delle lesioni tiroidee. Infatti, benché le innovazioni

Dettagli

Dirigente medico Tempo determinato 0586223390

Dirigente medico Tempo determinato 0586223390 INFORMAZIONI PERSONALI Nome FILICE MARIA ELENA Data di nascita 03 DICEMBRE 1979 Qualifica Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente medico Tempo determinato 0586223390 Fax dell ufficio

Dettagli

XIII Meeting AIRTum, Siracusa 6-8 maggio 2009

XIII Meeting AIRTum, Siracusa 6-8 maggio 2009 CARATTERIZZAZIONE CLINICA, MORFOLOGICA E BIOLOGICA DI DUE GRUPPI ESTREMI DI PAZIENTI CON CARCINOMA COLORETTALE SELEZIONATI ATTRAVERSO UN REGISTRO TUMORI SPECIALIZZATO Annalisa Pezzi, Piero Benatti, Luca

Dettagli

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Osservatorio Epidemiologico Regionale Registro Tumori Jonico-Salentino RT J-S Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Prof.

Dettagli

CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI. Prof. Paola Maiolino

CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI. Prof. Paola Maiolino CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI Prof. Paola Maiolino L indagine citologica dei tumori mammari è poco applicata in medicina veterinaria e da molti è considerata poco attendibile. Ciò è legato: alla notevole

Dettagli

I Tumori Rari in Italia. Prof. Pierosandro Tagliaferri

I Tumori Rari in Italia. Prof. Pierosandro Tagliaferri Prof. Pierosandro Tagliaferri I tumori rari sono un gruppo di patologie che possono colpire pressoché tutti i distretti corporei: la lista stilata da RARE-CARE (Surveillance of Rare Cancers in Europe)

Dettagli

Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site

Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site Diagnosi delle lesioni pancreatiche su materiale prelevato

Dettagli

XXIX Congresso Nazionale AIRB. XXIX Congresso Nazionale AIRB meeting congiunto con VII Congresso Nazionale AIRO Giovani

XXIX Congresso Nazionale AIRB. XXIX Congresso Nazionale AIRB meeting congiunto con VII Congresso Nazionale AIRO Giovani XXIX Congresso Nazionale AIRB XXIX Congresso Nazionale AIRB meeting congiunto con VII Congresso Nazionale AIRO Giovani Firenze 13-14 Giugno 2014 1 XXIX Congresso Nazionale AIRB Venerdì, 13 giugno 2014

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Report Analitico "RICAVI" per Prestazioni Intermedie 1 SEM 2013

Report Analitico RICAVI per Prestazioni Intermedie 1 SEM 2013 ANATOMIA PATOLOGICA ANESTESIA POLO 91.39.3 ES CITOL.DI VERSAM. FINO A 5 COLORAZIONI 1,0 91.41.3 ES.ISTIOCITOP.APP.DIGER.B.END.SEDE UNICA 1,0 A5.01.0 MAT OP DI GROSSO INTESTINO 2,0 326,40 Riepilogo per

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Tumori di origine uroteliale

Tumori di origine uroteliale Tumori di origine uroteliale Vescica Si manifestano come: Tumori superficiali a basso grado di malignità Tumori invasivi ad alto grado di malignità Sono tumori multifocali Le loro cellule possono impiantarsi

Dettagli

VII Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano

VII Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano VII Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano Terapie Mediche Innovative in Oncologia Firenze, 7-8 maggio 2015 - Chiostro del Maglio

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Medico specialista in anatomia patologica Dirigente medico I livello anatomia patologica 0586/223265

INFORMAZIONI PERSONALI. Medico specialista in anatomia patologica Dirigente medico I livello anatomia patologica 0586/223265 INFORMAZIONI PERSONALI Nome DE NISI, MARIA CATERINA Data di nascita 06/08/1976 Qualifica Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Medico specialista in anatomia patologica Dirigente medico I livello

Dettagli

1985-2015 Ospedale Bentivoglio. 30 anni di esperienza di patologia endocrina nell Azienda USL di Bologna

1985-2015 Ospedale Bentivoglio. 30 anni di esperienza di patologia endocrina nell Azienda USL di Bologna 1985-2015 Ospedale Bentivoglio 30 anni di esperienza di patologia endocrina nell Azienda USL di Bologna Servizio Sanitario Regionale Emilia Romagna Azienda USL di Bologna Ospedale Bentivoglio Istituto

Dettagli

Il vecchio, il nuovo, il futuro nella raccolta e nella analisi Conegliano, 19-20 novembre 2010

Il vecchio, il nuovo, il futuro nella raccolta e nella analisi Conegliano, 19-20 novembre 2010 CITOLOGIA E CITOPATOLOGIA RESPIRATORIE Il vecchio, il nuovo, il futuro nella raccolta e nella analisi Conegliano, 19-20 novembre 2010 PRESENTAZIONE Le malattie respiratorie costituiscono un emergenza.

Dettagli

III Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano

III Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano III Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano Terapie Mediche Innovative in Oncologia Firenze, 12-13 novembre 2010 - Chiostro del

Dettagli

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP Roma 25-26 ottobre 2011 Camera dei Deputati Palazzo Marini Sala della Mercede IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP (Società di Anatomia Patologica e Citopatologia diagnostica Divisione Italiana

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia

Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia Genova Voltri 15 Dicembre 2012 Luca Anselmi Anatomia Patologica Sestri Ponente Percorso Diagnostico Terapeutico Multidisciplinare ENDOCRINOLOGO RADIOLOGO

Dettagli

LA CODIFICA DEI TUMORI

LA CODIFICA DEI TUMORI LA CODIFICA DEI TUMORI San Severino Marche, 22 novembre 2007 Stefano Brocco Obiettivo Evidenziare le peculiarità ed i principi nella codifica dei tumori nella schede di morte con ICD10 - Classificazione

Dettagli

Si ringrazia della collaborazione

Si ringrazia della collaborazione in tecniche in tecniche in tecnich di laboratorio biomedico dilabor CORSO CORSO CORSO C NAZIONALE NAZIONALE NAZ COMMISSIONE SCIENTIFICA SIAPEC-IAP ELENCO COORDINATORI e RELATORI PRO Lucia Baggiani Firenze

Dettagli

VII Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano

VII Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano VII Congresso del Gruppo Oncologico Chirurgico Cooperativo Italiano Terapie Mediche Innovative in Oncologia Firenze, 7-8 maggio 2015 - Chiostro del Maglio

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ONCOLOGIA IN UROLOGIA

PRINCIPI GENERALI DI ONCOLOGIA IN UROLOGIA PRINCIPI GENERALI DI ONCOLOGIA IN UROLOGIA Il cancro, a differenza di quanto comunemente creduto, è una delle malattie più antiche che si conoscono ed ha accompagnato l uomo nel corso della sua evoluzione;

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori

BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 Origine dei

Dettagli

Tumori Maligni Rari. Neoplasie dell Esofago. Fattori di Rischio. Carcinoma Esofageo. Scaricato da SunHope. carcinoma a piccole cellule

Tumori Maligni Rari. Neoplasie dell Esofago. Fattori di Rischio. Carcinoma Esofageo. Scaricato da SunHope. carcinoma a piccole cellule Tumori Maligni Rari carcinoma a piccole cellule Neoplasie dell Esofago Marco Romano Dipartimento di Internistica Clinica e Sperimentale Gastroenterologia SUN Tel: 0815666714 E-mail: marco.romano@unina2.it

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site:

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: CASI CLINICI Dr.ssa Paola Baccarini, U.O. Anatomia Patologica

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

CITOLOGIA E CITOPATOLOGIA RESPIRATORIE

CITOLOGIA E CITOPATOLOGIA RESPIRATORIE CITOLOGIA E CITOPATOLOGIA RESPIRATORIE Con il Patrocinio di Conegliano Veneto Comitati RESPONSABILI SCIENTIFICI E DIRETTORI DEL CONVEGNO Dott. Dino Della Giustina Dott. Stefano Nardini U.O. Anatomia Patologica

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA.

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. La Scuola di specializzazione in Anatomia Patologica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe della

Dettagli

Polipi. Sessili. Peduncolati

Polipi. Sessili. Peduncolati Polipi Sessili Peduncolati Polipi Intestinali Polipi iperplastici 25% Polipi amartomatosi

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo Relatori: Neoplasia della mammella: come si affronta Dott. Duilio Della Libera Dott. Mauro Dal Soler Dott. Pierluigi Bullian Data 16 aprile 2014 Sede Aula

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE ALLEGATO 2C CODICE NOMENCLATORE NOMENCLATORE TARIFFARIO REGIONALE DESCRIZIONE VOCI CATALOGO 91.39.4 ES. CITOLOGICO URINE PER RICERCA CELLULE NEOPLASTICHE Citologico brushing vie urinarie Citologico urinario

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011

Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011 Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011 1 Citologia polmonare Citologia spontanea Espettorato Spontanea Espettorato Indotta Aspirato bronchiale Spazzolato

Dettagli

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI Esofago Giunzione gastro-esofagea: endoscopicamente è definita come il punto di svasatura tra l esofago tubulare ed il limite prossimale della plicatura gastrica. Linea Z (giunzione

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

Sezione di Oncologia. [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale

Sezione di Oncologia. [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale, 13-14 Novembre 2014 [ Programma preliminare] Giovedì, 13 novembre 10.45 Introduzione e presentazione del corso

Dettagli

LUNG CANCER MASTER CLASS IN ONCOLOGIA. 19-20 Novembre 2015 HOTEL ALBANI FIRENZE

LUNG CANCER MASTER CLASS IN ONCOLOGIA. 19-20 Novembre 2015 HOTEL ALBANI FIRENZE MASTER CLASS IN ONCOLOGIA 19-20 Novembre 2015 HOTEL ALBANI FIRENZE Coordinatore: Francesco Di Costanzo Direttore S.C. Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi - Firenze PROGRAMMA DEFINITIVO

Dettagli

Le linfoadenopatie. nello studio del medico di famiglia. Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG

Le linfoadenopatie. nello studio del medico di famiglia. Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG Le linfoadenopatie nello studio del medico di famiglia Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG motivi diversi per linfoadenopatia Medico decide se Riscontro di linfoadenopatia

Dettagli

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE Orietta Giuliani Registro Tumori della Romagna IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza in provincia di Macerata

Incidenza, mortalità e sopravvivenza in provincia di Macerata 4.2 IL CANCRO NELLE MARCHE (Pannelli F) Fonti informative: ISTAT (Osservatorio della mortalità per tumori maligni nelle Marche dal 1980 al 2001); Registro tumori di popolazione della provincia di Macerata

Dettagli

FORM ATO EU ROPEO PER

FORM ATO EU ROPEO PER FORM ATO EU ROPEO PER I L CU RRI CU LU M V I TAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Mantovani Luigia Luogo e Data di nascita San Benedetto Po MN 14/06/1955 Nazionalità Italiana Date (da a) Dal 01/01/2013

Dettagli

Novità dal Meeting della Società Americana di Ematologia

Novità dal Meeting della Società Americana di Ematologia P O S T - O R L A N D O 2 0 1 5 Novità dal Meeting della Società Americana di Ematologia Novità dal Meeting della Società Americana di Ematologia Genova COORDINATORI Angelo Michele Carella Pier Luigi Zinzani

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza e Chirurgia Il carcinoma cervicale è il primo tumore ad essere riconosciuto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955 Qualifica Dirigente Biologo Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

Lesioni epatiche maligne. Franco Brunello

Lesioni epatiche maligne. Franco Brunello Lesioni epatiche maligne Franco Brunello Check list: La lesione che non c è (oppure.. non l abbiamo vista?) Apparecchiatura adeguata ok Settaggio ottimale (grigi, fuoco, II arm...) ok Abbiamo esaminato

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

6/7 Giugno 2013. I Portici Hotel Bologna

6/7 Giugno 2013. I Portici Hotel Bologna 6/7 Giugno 2013 I Portici Hotel Bologna TissuEus EUS FNA-FNB: l acquisizione, il processing e la lettura del materiale. Premessa e contesto L ecoendoscopia rappresenta un momento centrale nell attivare

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE Con Il Patrocinio BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE PRESIDENTI DEL CONVEGNO: Prof. Vito Pansadoro Dott. Vittorio Grazioli ROMA 12 aprile 2013

Dettagli

Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli

Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli Modena 21 maggio 2015 Giornata di Studio Registri Tumori / Registri di Mortalità) Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli A cura di Pier Carlo Vercellino S.O.S. Epidemiologia

Dettagli

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto EPIDEMIOLOGIA -E al quarto posto fra i tumori maligni nel mondo (1999); -800.000 casi diagnosticati ogni anno (World Health Association); -Incidenza

Dettagli

L aggiornamento professionale in citologia

L aggiornamento professionale in citologia L aggiornamento professionale in citologia Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Azienda Ospedaliera S. Giovanni-Addolorata, Roma SEMINARIO DI CITOLOGIA E CITOGENETICA: ASPETTATIVE E PROSPETTIVE

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R,

Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R, Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R, Falasca C, Bruno P*, De Rosa N, Giovagnoli MR*, Micheli

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli