CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. LUIGI BARON Data di nascita 27/06/1960. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. LUIGI BARON Data di nascita 27/06/1960. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)"

Transcript

1 INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUIGI BARON Data di nascita 27/06/1960 Qualifica DIRIGENTE MEDICO Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II fascia - Responsabile UOS Patologia del tratto digestivo ed epatobiliare, ematopatologia, immunoistochimica e biologia molecolare applicata UOC di Anat.Patol Fax dell ufficio istituzionale TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE Titolo di studio Altri titoli di studio e professionali Esperienze professionali (incarichi ricoperti) Capacità linguistiche Capacità nell uso delle tecnologie Altro (partecipazione a convegni e seminari, pubblicazioni, collaborazione a riviste, ecc., ed ogni altra Laurea in Medicina e Chirurgia - Diploma di Specializzazione in Anatomia Patologica e Citopatologia - Allievo interno e poi di medico interno, il laboratorio di Istocitopatologia del Servizio di Endoscopia digestiva annesso alla cattedra di Patologia Speciale Medica della Fac. Di Med e Ch. di Napoli - AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA II UNIVERSITA' STUDI NAPOLI - Medico Specializzando presso l Istituto di Anatomia Patologica della II Fac. di Med. e Ch. di Napoli,in collaborazione con il Servizio di Anatomia Patologica dell Osp. S. Leonardo, di Castellammare di Stabia - AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II Lingua Livello Parlato Livello Scritto - Uso comune software di scrittura,dettatura vocale, calcolo e presentazione. Referente di software specialistici per l'anatomia Patologica: "WinSap" per la gestione; "AnalySIS","Argos Milestone","CytoVysion" per acquisizione e analisi d'immagine; esperienza nella gestione delle procedure delle apparecchiature in uso nel laboratorio. - Il sottoscritto consegue, nel 1986, il diploma di laurea in Med. E Ch. Con voti 110/110, discutendo una tesi di laurea sperimentale a titolo: Comportamento delle mucine nella patologia del tratto gastroenterico. Nello stesso anno, ha 1

2 informazione che il dirigente ritiene di dover pubblicare) vinto il concorso di ammissione alla scuola di Specializzazione in Anatomia ed Istologia Patologica della II facoltà di Med. e Ch. di Napoli, dove consegue, nel 1990, il diploma di Specializzazione,con tesi a titolo: Regioni Organizzatrici del nucleolo (NORs) negli adenocarcinomi renali. Il sottoscritto ha frequentato, dal 1982, in qualità prima di allievo interno e poi di medico interno, il laboratorio di Istocitopatologia del Servizio di Endoscopia digestiva annesso alla cattedra di Patologia Speciale Medica della Fac. Di Med e Ch. di Napoli, interessandosi in modo particolare dell utilizzazione delle metodiche istochimiche ed immunoistochimiche nello studio delle patologie preneoplastiche del tratto gastro- intestinale. - In tale periodo ha preso parte a due progetti di ricerca, finanziati dal Ministero della Pubblica Istruzione, sui seguenti argomenti: Nuovi test di funzionalità pancreatica nelle epatiti croniche e Componente secretoria e C.E.A. nella metaplasia intestinale. Inoltre è entrato a far parte di un gruppo di studio della rettocolite ulcerosa interessandosi del follow-up di tali pazienti e delle correlazioni di tale patologia con le lesioni preneoplastiche descritte nella sequenza adenoma-carcinoma del cancro del colon; tutto ciò nell ambito del progetto di prevenzione delle neoplasie del colon-retto condotte in collaborazione con la Lega Italiana per la lotta ai tumori del colon-retto. - Dal 1987, il sottoscritto ha frequentato l Istituto di Anatomia Patologica della II Fac. di Med. e Ch. di Napoli in qualità di medico interno, ed in collaborazione il Servizio di Anatomia Patologica dell Osp. S. Leonardo, di Castellammare di Stabia, dedicandosi con particolare attenzione alla diagnostica delle patologie perinatali. Inoltre, da quando è entrato a far parte dell equipe diagnostica del Servizio di Anatomia Patologica dell Ospedale S. Leonardo, prima in qualità di medico interno Specializzato e successivamente, dal 1990, di Dirigente medico strutturato, dove oltre a coltivare la diagnostica macro e microscopica, ha coordinato lo sviluppo del settore di Immunoistochimica e la standardizzazione dei protocolli di lavoro. - Ha continuato ad interessarsi di patologia del tratto gastroenterico, dedicandosi agli studi sulla identificazione del Helicobacter Pylori, mediante metodiche Istochimiche ed Immunoistochimiche, e sul suo ruolo, insieme alla metaplasia intestinale, nella cancerogenesi gastrica. Si è dedicato, inoltre, allo studio degli indici di proliferazione cellulare e dell espressione di proteine ed oncogeni, correlati a diverse neoplasie ed il loro ruolo nelle valutazioni diagnostiche e prognostiche. In modo particolare è stato valutato il ruolo, degli AgNORs nella prognosi delle neoplasie renali e vescicali. - I risultati di tali studi hanno portato alla realizzazione di un lavoro presentato al VIII Congresso di Aggiornamento di Patologia, FISAPEC, Ischia, 1990, che ha vinto il premio FISAPEC, a titolo: NORs nell Adenocarcinoma renale. 2

3 Inoltre, ha collaborato alla realizzazione di un pannello di Istochimica ed Immunoistochimica da utilizzare nella diagnostica differenziale dei versamenti, onde agevolare l identificazione delle colonizzazioni neoplastiche rispetto alle patologie primitive del mesotelio, su cui ha relazionato alla Riunione A.I.C. Campana, del 11/1988, con titolo Immunocitochimica dei versamenti, su campioni a l uopo allestiti e su materiale criopreservato. - Sempre a riguardo della utilizzazione di metodologie Immunoistochimiche applicate alla diagnostica Istopatologica, il sottoscritto si è interessato alla tipizzazione ed al comportamento delle sottopopolazioni linfocitarie nei pazienti sottoposti a chemioterapia e/o terapia interferonica locale, successiva ad asportazione endoscopica di neoplasie vescicali, onde stabilire le modalità di risposta alla terapia e l influenza sulle recidive. Dal 2003 il sottoscritto è titolare dell Unità Operativa di Patologia del tratto digestivo ed epatobiliare, ematopatologia e di immunoistochimica e biologia molecolare applicata. - In tale incarico ha provveduto a perseguire una standardizzazione dei criteri di diagnosi istomorfologica delle malattie del tratto gastroenterico ed epatobiliare, in primo luogo con l applicazione delle linee guida proposte dai gruppi di studio della patologia del tratto gastroenterico nazionale, GIPAD, (di cui il sottoscritto fa parte), costituito in seno alla società scientifica, e dell analogo gruppo della Società Europea (ESP, di cui il sottoscritto è membro). Ha continuato a seguire con particolare attenzione l argomento della progressione neoplastica delle formazioni polipoidi intestinali e del ruolo dei marcatori biologici legati ai meccanismi di controllo del ciclo cellulare e dell apoptosi nel monitoraggio e nella predittività dell evoluzione di tali lesioni. - In tale ambito il sottoscritto ha partecipato alla stesura e realizzazione di un progetto di ricerca, accettato per il finanziamento dall Assessorato alla Ricerca Scientifica della Regione Campania (L.R. 31/12/94 N.41-Art.3 comma1) per l anno 2000, a titolo: Monitoraggio oncogeni ed oncosoppressori nella progressione tumorale. - Inoltre, su tale tema ha presentato comunicazioni e lavori editi a stampa: Congresso Italiano della Società Italiana di Anatomia Patologica, Genova,23-25/10/2003, a titolo: Comportamento delle proteine di controllo G1/S del ciclo cellulare e delle principali vie effettrici dell apoptosi nella sequenza iperplasia-adenoma-adenocarcinoma del cancro colo-rettale (Pathologica, Vol. 95, n 5, 2003). III Congresso Nazionale SIAPEC-IAP, Firenze, 26-30/09/2004: Analisi immunofenotipica dello stroma peritumorale: comparazione dell espressione di fibrociti CD34+ e miofibroblasti AML+. (Pathologica, Vol. 96, n 4, 395, 2004) - Congresso SIAPEC-IAP, Napoli 27-29/05/2004: Lesioni 3

4 elementari del colon alla cromoendoscopia e magnificazione, PIT PATTERN : correlazioni istopatologiche e molecolari. (Pathologica, Vol. 96, n 3, 2004) SIED, corso di formazione: diagnosi e trattamento delle neoplasie precoci del tubo digerente: cromo-magnificazione e mucosectomia endoscopica: Classificazione istologica. Torre del Greco, 9-10/05/2005. E stato, inoltre, referente per l Anatomia Patologica nella Unità Epatobiliare costituitosi presso il P.O. S. Leonardo di C/mare di Stabia, per coordinare le attività cliniche e diagnostiche implicate nel management del paziente epatopatico. - Nell ambito della patologia epatica un particolare interesse ha dedicato allo studio di indicatori morfologici e immunoistochimici predittivi di evolutività della malattia infiammatoria epatica, virale e non, e all utilizzo routinario delle tecniche correlate all utilizzo della metodica in fase liquida nella diagnostica dell epatocarcinoma in citologia aspirativa ecoassistita, in collaborazione con l Unità Operativa di Ecografia Interventistica. Su tali argomenti ha relazionato in riunioni scientifiche tenutesi sull argomento: - 5/2001, 1a Riunione Stabiese di epatologia (AISF); Le malattie virali del fegato: ruolo della biopsia epatica. 10/2003, 2a Riunione Stabiese di epatologia; La cirrosi epatica: outcome e management; l epatocarcinoma: ruolo della citoistologia. 5/2005, 3a Riunione Stabiese di epatologia; Le epatiti croniche dalla ricerca alla pratica clinica: il management clinico-terapeutico: la diagnosi istologica oggi: profiling del malato, non della malattia. Sempre nell ambito della patologia del tratto gastrointestinale il sottoscritto ha posto un particolare interesse nello studio della caratterizzazione dei criteri diagnostici della malattia celiaca, con l introduzione di tecniche di immunoistochimica per la valutazione quali-quantitativa degli infiltrati linfocitari, necessarie per l applicazione dei più recenti criteri classificativi. - Lo sviluppo dell unità operativa di patologia molecolare, dal sottoscritto coordinata, ha portato ad un notevole incremento dell utilizzo delle tecniche di biologia molecolare applicate alla diagnostica istopatologica, soprattutto nel campo dell identificazione di alterazioni geniche legate ai meccanismi di controllo del ciclo cellulare e dell apoptosi. Tale campo di applicazione è stato soprattutto sviluppato nei campi dell immunoistochimica, delle tecniche di ibridazione del DNA e RNA in situ, con sonde cromogeniche e fluorescenti (FISH), e dell ibridazione in fase liquida. - Il sottoscritto ha diretto l applicazione di tali tecniche sia alla diagnosi precoce di anomalie geniche legate all identificazione di individui portatori o a maggior rischio di sviluppo e/o di recidiva di neoplasie uroteliali vescicali, che al riconoscimento di possibili bersagli terapeutici. Su tale argomento ha relazionato al: IV Joint international 4

5 workshop: histocytopathological characterization of human tumors; Ischia, 30/4-3/ e al meeting congiunto IAP-SIAPEC di Trieste, 29-31/5/2003, a titolo: Efficacia dell uso combinato della tecnica di citologia in strato sottile sec. Thin Prep e della FISH sec. UroVysion. - Inoltre il sottoscritto ha relazionato sull argomento al XIX Congresso dell European Society of Pathology, Lubiana, 6-11/9/2003, con il titolo di Validation of combined use of Thin Prep monolayer preparation and multiprobe Urovysion FISH test for enhanced sensitivity of urinary citology in detection of bladder cancer (Virchows Archiv; 443,273,2003). L applicazione delle tecniche di ibridazione in situ cromogenica ed in fase liquida con sonde a RNA mediante la tecnica cosiddetta della cattura dell ibrido vengono routinariamente utilizzate nella ns.u.o. per l identificazione e la tipizzazione delle infezioni virali HPV correlate, del tratto genitale femminile. - Tutto ciò nell ambito della diagnostica isto-citopatologica precoce delle lesioni del tratto genitale femminile a potenziale evolutività neoplastica. Tale attività rientra in modo integrante negli obiettivi del programma di screening per la prevenzione del carcinoma del collo dell utero, attuato presso la ns. ASL, in cui il sottoscritto è coinvolto anche per l implementazione della parte legata alla gestione informatica dello stesso. - Sulla diagnostica ed il monitoraggio delle lesioni HPV correlate, il sottoscritto ha presentato comunicazione al XX Congresso dell European Society of Pathology tenutosi a Parigi (9-2005), con il titolo: Expression of CDK-inhibitors p16ink4a in premalignant uterine cervical lesions: its association with degree of dysplasia, HPV status and comparision with proliferation markers like Ki67 and AgNORs, (Virchows Archiv; 447,2, ,2005). - Negli ultimi anni il sottoscritto si è dedicato con particolare interesse anche alle recenti applicazioni delle tecniche di diagnostica molecolare per l utilizzo delle nuove terapie mirate (target therapy) per cura del carcinoma mammario e del colon-retto. In modo particolare il sottoscritto è divenuto un punto di riferimento per la diagnostica, con la tecnica FISH, degli oncogeni HER2-Neu e EGFR, che rappresentano a tutt oggi le maggiori molecole, oggetto di terapie con farmaci molecolari specifici, attualmente in uso soprattutto nella cura dei carcinomi mammari e del colon-retto. - Su tali argomenti il sottoscritto ha relazionato in diversi ambiti, anatomo-patologico e chirurgico-oncologico, tra cui citiamo a titolo di esempio: Aggiornamenti in senologia: La patologia mammaria nel piano Oncologico Aziendale: Prospettive attuali e future : Assetto biologico del carcinoma mammario. Ercolano, 12/09/2003 Riunione Primaverile SIAPEC-IAP. Corso di Aggiornamento in patologia diagnostica: Assetto recettoriale TK nei carcinomi mammari: valutazione HER2 e EGFR in IHC e 5

6 FISH correlata a parametri istomorfologici e immunofenotipici. Napoli, 27-29/05/2004 (Pathologica, Vol. 96, n 3, 2004) - Giornate Oncologiche Mediterranee: Il carcinoma mammario: fattori prognostici e predittivi. Vietri, 2-4/12/2004 SIAPEC-IAP. Approcci innovativi nella pratica anatomo-patologica: Il patologo: crocevia di predittività e di terapia target. Il contributo della FISH. Napoli, 19-21/01/2005 Congresso Nazionale SIAPEC-IAP; Espressione di EGFR negli adenocarcinomi del colon: analisi IHC comparativa tra metodica DakoCytomation e Ventana e assetto molecolare in FISH. Chieti, 22-24/09/ Giornate Oncologiche Mediterranee; nuovi paradigmi in tema di biologia e terapia del carcinoma del colon-retto, polmone e mammella: Gli estroprogestinici e la terapia medica a confronto: il parere dell esperto. Cava dei Tirreni, 28-29/10/2005 Aggiornamenti in senologia (SUN): HER2: significato ed implicazioni terapeutiche; immunoistochimica. Napoli, 4-5/11/2005 SIAPEC-IAP; La determinazione dello stato di HER2 nel carcinoma della mammella. Verso l elaborazione di linee guida: Determinazione con metodica FISH. Napoli, 16/12/ II Giornate Oncologiche del Mediterraneo Nuovi paradigmi in tema di biologia, diagnosi e terapia del cancro della mammella, del fegato e dell ovaio; con relazione a titolo: Fattori prognostici predittivi ; Cava dei Tirreni, 5-7/10/2006. Meeting: Focus sulla determinazione dei biomarkers del carcinoma mammario, con comunicazione a titolo: Problematiche connesse alla FISH ; Napoli, 11/11/2006. Meeting: Aggiornamenti in tema di carcinoma mammario, con comunicazione a titolo: Alterazioni genetiche, HER2: caratterizzazione prognostica e predittività dalla risposta alla terapia ; Sorrento, 2/12/ Nell ambito delle attività organizzativo-gestionali dell U.O. e della ASL il sottoscritto ha coordinato le attività di informatizzazione, dalla identificazione alla modulazione dei software gestionali maggiormente confacenti alle caratteristiche della ns. U.O. di Anatomia Patologica. Pertanto, è stato individuato quale referente aziendale per la procedura informatica delle Anatomie Patologiche della ASL NA-5 nell ambito del gruppo di lavoro per l informatizzazione, all uopo costituito dall ASL. - Dal punto di vista tecnico-organizzativo, il sottoscritto ha sempre avuto parte integrante con il Direttore dell U.O. nell identificazione e nel monitoraggio delle strumentazioni via via introdotte e nella verifica della risponsività delle caratteristiche tecniche alle esigenze di lavoro, a partire dalla fase di valutazione pre-acquisizione fino alla gestione funzionale nella attività produttiva routinaria. E stato, inoltre titolare degli insegnamenti di immunologia e immunoematologia presso la Scuola Infermieri Professionali della USL-35. Accanto all attività 6

7 professionale e scientifica il sottoscritto ha partecipato attivamente alla vita della propria società scientifica (SIAPEC), della quale è attualmente consigliere regionale - Elenco cronologico delle pubblicazioni edite a stampa: 1) Pancreatic funional tests (paba and lauril) in liver disease with or without diabetes; (G.Riegler,T.Salvatore,R.Torella);Abstract,Atti Congresso AISF-Roma7-8/6/1984;96; ) Flogosi del grosso intestino documentata all esame istobioptico in pazienti sintomatici con quadro endoscopico di normalità (P.Esposito,R.Esposito,A.Di Simone)- Rivista italiana di Colo-Proctologia- Vol 3 supplemento, 19; ) Descrizione di due casi di polipo giovanile solitario con iperplasia ghiandolare focale (P.Esposito,R.Iorio,G.Riegler)- Nuova rivista Medico Scientifica: anno VI, n 1-2, 7-14; ) Ruolo dell antigene carcino-embrionario nella valutazione della sequenza adenoma-carcinoma in polipi colorettali asportati in corso di polipectomia endoscopica (Esposito P.,Tozzi N.,Di Simone A.)- Medicina oggi: Vol. VI- fasc. 3.4, ; leiomioma (T.Antonucci,A.Irollo,G.Guarracino,F.Quarto)-Istocitopatologia:10,8-5) Dimostrazione immunoistochimica dell antigene carcinoembrionario nella metaplasia intestinale (P.Esposito,N.Tozzi,I.Lanzara,A.Di Simone);Abstract,Atti I Congresso Nazionale Soc.It. di Chirurgia Geriatria,Napoli 9-12/12/1987; ed.miller,202, ) Valutazione istochimica delle mucosostanze nella patologia infiammatoria gastrica (Esposito P.,Tozzi N.,Di Simone A.)- Progresso medico, Vol. 44: , ) Neurofibroma vescicale in malattia Von Recklinghausen (T.Antonucci,F.Quarto)- Istocitopatologia: 10, 75-79, ) Metastasi gastrica da carcinoma cervicale simulante ) Leiomiosarcoma primitivo superficiale: cito-istologia di due casi consecutivi - 10) Melanoma maligno della cervice uterina e della vagina (F.Quarto,F.Del Daudio,G.C.Balbi)Abstract, Atti Congresso Società campano-calabro-lucana di Ostetricia e Ginecologia-Telese,ed. Istituto Lito-tipografico Anselmi ; 11-12/11/1988; 3-7; ) Le infezioni virali: istologia e citologia (F.Quarto,T.Antonucci)- Quad. di Med. e Ch.: vol. 5, n 1, 1-6; ) Iperbilirubinemia severa in un giovane paziente con sferocitosi ereditaria e sindrome di Gilbert associata (G.Amendola,R.Di Concilio.E.Savarese,P.Rolando)- Rivista italiana di Pediatria: vol. 21, n S.3, ; ) Ruolo della citologia per agoaspirazione (FNAC) nella diagnostica del nodulo tiroideo. (T.Antonucci,F.Manco,F.Quarto), Abstract da Atti degli Incontri Stabiesi di Endocrinologia ed. G.de Nicola;39-42; ) Pseudotumore infiammatorio del mesentere (A.Ebreo,B.Esposito,G.DeVivo)- Rivista di 7

8 Chirurgia generale- General Surgery: vol.17, fasc.5, ; ) Screening citologici e controllo di qualità (T.Antonucci,F.S.Manco,F.Quarto), Abstract da Atti del VII Congresso Nazionale del V.R.Q,ed.EDIGRAF ROMA, 2; ) La microinclusione nella diagnostica citopatologica: una semplice tecnica per l allestimento di microinclusi da agoaspirati (I.Polito);Abstract Atti VIII Corso di formazione e aggiornamento in tecniche istopatologiche; Bio-Informazioni Istocitopatologiche,anno IX,N 1,56, ) Efficacia dell uso combinato della tecnica di citologia in strato sottile sec. Thin Prep e della FISH sec. UroVysion nella diagnostica e nel monitoraggio delle neoplasie uroteliali"(m.postiglione,a.cesarano,p.beltotti,f.quarto) Volume degli abstact, Riunione primaverile IAP-Divisione Italiana-SIAPEC, Centro Congressi-Stazione Marittima.Trieste, Maggio 2003;41,2003. colo-rettale (M.Postiglione,A.Cesarano,P.Beltotti,F.Quarto),Pathologica,Vol.95-18) Validation of combined use of Thin Prep monolayer preparation and multiprobe UroVysion FISH test for enchanced sensitivity of urinary cytology in detection of bladder cancer. (M.Postiglione,A.Cesarano,P.Beltotti,F.Quarto) Virchows Archiv, Vol.443-N.3,273, September ) Comportamento delle proteine di controllo G1/S del ciclo cellulare e delle principali vie effettrici dell apoptosi nella sequenza iperplasia-adenoma-adenocarcinoma del cancro 20) L assetto recettoriale tirosin-chinasico nei carcinomi mammari: valutazione di HER2-neu e EGFR in I.H.C e F.I.S.H. correlata a parametri istomorfolgici ed immunofenotipici (M.Postiglione,A.Cesarano,P.Beltotti,F.Quarto);Pathologica,Vol.96-N.3,172, 2004; - 21 Le lesioni elementari del colon alla cromoendoscopia e magnificazione, pit pattern: correlazioni istopatologiche e molecolari (M.A.Bianco,M.Postiglione,A.Cesarano,P.Beltotti,F.Quarto) Pathologica, Vol.96-N.3, ,2004; 22) Analisi immunofenotipica dello stroma peritumorale: comparazione dell espressione dei fibrociti CD34+ e miofibroblasti AML+ (M.Postiglione,E.Celotto,A.Cesarano,P.Beltotti,F.Quarto);Pathologica,V 2004; 23) Espressione di EGFR negli adenocarcinomi del colon:analisi immunoistochimica (IHC) comparativa tra metodica DAKOCytomation (EGFRpharmDx ) e VENTANA (CONFIRM Anti-EGFR) e assetto molecolare in FISH "(M.Postiglione,N.De Stefano,P.Beltotti,F.Quarto) Pathologica, Vol.97-N4,242, ) Expression of cyclin-dependent kinase inhibitors P16-INK4A in premalignant uterine cervical lesions; its association with degree of dysplasia, Human Papilloma virus(hpv) status and comparison with proliferation markers like Ki67 and AgNORs. Virchows Archiv, Vol.473-N.2 August )Metodiche speciali in citologia urinaria. Utilizzo della F.I.S.H. (UroVysion, Vysis) nel 8

9 monitoraggio dei pazienti in follow-up per il carcinoma uroteliale della vescica. Pathologica, Vol. 98, n 6, ) Enteric neuropathology of the terminal ileum in patients with intractable slow-transit constipation. Human PATHOLOGY, Vol. 37, , ) Significato dell iperespressione (IHC) ed amplificazione (FISH) nei carcinomi mammari HER2 amplificati. Pathologica, Vol. 99, n 4, ) La proteina p16: un ulteriore tassello nella diagnostica delle lesioni intraepiteliali HPV correlate della cervice uterina. Pathologica, Vol. 99, n 5, 2007 (Copia autenticata). 30) Studio di concordanza IHC interlaboratorio e coerenza con l analisi FISH nell ambito delle procedure di controllo di qualita nella determinazione dell assetto di HER2 nel carcinoma mammario. Pathologica, Vol. 100, n 4, 2008 (Copia autenticata). 31) Ruolo della FISH nella diagnosi e nella prognosi delle neoplasie superficiali uroteliali. Pathologica, Vol. 100, n 4,

10 RETRIBUZIONE ANNUA LORDA RISULTANTE DAL CONTRATTO INDIVIDUALE Amministrazione: ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) dirigente: LUIGI BARON incarico ricoperto: Dirigente ASL II fascia - Responsabile UOS Patologia del tratto digestivo ed epatobiliare, ematopatologia, immunoistochimica e biologia molecolare applicata UOC di Anat.Patol stipendio tabellare posizione parte fissa posizione parte variabile retribuzione di risultato altro* TOTALE ANNUO LORDO 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 *ogni altro emolumento retributivo non ricompreso nelle voci precedenti 10

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Dirigente ASL II fascia - Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Sanità Pubblica ex ASL NA5

Dirigente ASL II fascia - Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Sanità Pubblica ex ASL NA5 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 05/01/1959 Qualifica CAROTENUTO ADELE Dirigente Medico Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere La Rete Oncologica Piano di Riorganizzazione della Rete - La rete Oncologica della Regione Lazio Piano di riorganizzazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Data: 15/12/2010. CARTA DEI SERVIZI Rev: 00

Data: 15/12/2010. CARTA DEI SERVIZI Rev: 00 Unità Operativa di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero S.S. Trinità via Is Mirrionis N 92-09121 Cagliari IN VIGORE DAL INDICE Pag. 1. ABBREVIAZIONI 1 2. OGGETTO 1 3. SCOPO 1 4. PRESENTAZIONE DELL'UNITÀ

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II;

IL DIRETTORE. VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II; AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI INCARICHI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI DOCENZA NELL AMBITO DEL PRECORSO FORMATIVO DAL TITOLO FORMAZIONE DI ESPERTI NELL'IDENTIFICAZIONE E NELLO SVILUPPO DI NUOVI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Linee Guida per lo Screening Mammografico

Linee Guida per lo Screening Mammografico Istituto Oncologico Veneto Centro Regionale di Riferimento - Registro Tumori del Veneto Gruppo Regionale Patologi Linee Guida per lo Screening Mammografico Padova, maggio 2006 INDICE Presentazione 4 Introduzione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap ZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI AI SENSI DELL ART. 46 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N. 445 Requisito 1: Titolo di studio voto finale di laurea l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap di essere

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli