MOTIVAZIONI CHE HANNO PORTATO ALLA REALIZZAZIONE PUNTI DI FORZA MACRO PECULIARITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOTIVAZIONI CHE HANNO PORTATO ALLA REALIZZAZIONE PUNTI DI FORZA MACRO PECULIARITA"

Transcript

1 MOTIVAZIONI CHE HANNO PORTATO ALLA REALIZZAZIONE PUNTI DI FORZA MACRO PECULIARITA

2 ECOLOGY SYSTEM WORLD Motivazioni che hanno portato allo sviluppo Motivazioni La voglia di consapevolizzare i produttori dei rifiuti sulla necessità di preservare l ambiente che li circonda. La certezza che un percorso di conversione da produttori di rifiuti anonimi e passivi, a produttori di rifiuti consapevoli delle modalità da poter applicare nel quotidiano, a salvaguardia dell'ambiente di vita, potesse portare ad un cambiamento difficile ma non impossibile. La voglia di contribuire all'aggiornamento dei produttori di rifiuti sullo stato delle conoscenze delle tematiche utili a continua prevenzione nel campo della salute ambientale, che ci ha portati alla ricerca continua di modalità semplificate di gestione, relativamente al coordinamento del flusso produzione / ritiro / smaltimento o recupero dei rifiuti. La capacità di gestire al nostro interno con il supporto del Centro Servizi Integrato ogni particolare del processo di lavoro strutturato: dal sistema informatico al coordinamento di monitoraggio ritiro e destino finale.

3 La consapevolezza del fatto che il produttore dei rifiuti si trova a relazionarsi con un Controllo sempre più attento, selettivo ed esigente, che non si accontenta più di verificare la bontà dell operato, ma richiede che il produttore rispetti le normative ed abbia caratteristiche di supervisore all interno della sua organizzazione. La volontà di supportare concretamente il Produttore di Rifiuti, spesso sanzionato perchè ignaro delle difformità che intervengono tra regole e applicazione delle stesse all interno della propria azienda. La conoscenza utile per intraprendere l'utilizzo di Internet come punto di incontro e come canale di relazione tra il Produttore dei Rifiuti ( nel caso specifico Concessionario, Salonista, Officina, Carrozzeria, Autodemolitore, Centro Revisioni) i trasportatori ed i destinatari del rifiuto prodotto, gli enti preposti al controllo della applicazione normative tutela ambientale.

4 Punti di forza del progetto Punti di forza Semplice, intuitivo ed efficiente: La sua semplicità garantisce una maggiore diffusione e quindi maggiori opportunità per le aziende ed i loro collaboratori di realizzare processi di lavoro metodici per garantire la corretta esecuzione di quanto previsto dalle normative, In tempo reale è possibile gestire e analizzare il flusso di produzione e movimentazione rifiuto. Fornisce un occasione unica al produttore che decide di utilizzarlo quella di avere tutto il sapere della gestione rifiuti in un unico semplice documento interattivo, che può essere utilizzato con profitto all interno e all esterno dell Azienda. Formazione on line supporto continuativo all utilizzatore con spiegazioni dettagliate di regole tutela ambiente e metodi di gestione rifiuti, l info dettagliata di ogni menù operativo consente una attenta autovalutazione con identificazione aree di debolezza e definizione metodi di miglioramento.

5 Metodo formativo che può essere utilizzato come riferimento per il lavoro quotidiano dei responsabili a tutti i livelli: in pratica costituisce il Manuale di Gestione del Rifiuto e delle norme di sicurezza durante la sua manipolazione e può servire come mezzo di informazione e formazione per il personale di nuovo inserimento e per il personale che cambia settore o attività. Utilizzabile da qualsiasi luogo e con qualsiasi dispositivo purchè abbia una connessione ad Internet, per operare correttamente e rispettare le normative non occorrono apparecchiature speciali o server dedicati, è sufficiente un PC. Interattività con l esterno ogni movimento del rifiuto prodotto è condivisibile con recuperatori e destinatari, ciò consente di evitare criticità generate da fuoriuscita di prodotto dai contenitori compresa la applicazione di costi aggiuntivi di trasporto. Classificazione dei rifiuti con controllo dinamico delle eventuali modifiche alle normative i rifiuti sono catalogati in base ai codici europei, il sistema consente di associare automaticamente ad ogni codice CER: la descrizione del rifiuto, la tipologia, la classe di rischio e pericolosità, il tipo di destinazione, sollevando l operatore da qualsiasi interpretazione personalizzata, che potrebbe risultare errata e sancibile in fase di controllo. Gestione ritiri integrata e Collegata ai trasportatori: il sistema invia allert di pronto al ritiro direttamente dal software gestionale alla piattaforma collegata al trasportatore, rendendo sincronizzato il dialogo tra gli attori del progetto. Ogni comunicazione di richiesta prelievo è visibile on line e dà identificazione completa di identificativo CER e quantitativo da ritirare.

6 Completa gestione della produzione con regolamentazione stoccaggio e monitoraggio costante della percentuale quantitativa raggiungibile/raggiunta o temporalità prevista/temporalità acquisita con allert di ritiro pianificato. Integrazione con gestione attività e espletamento normative, per il controllo della coerenza tra la gestione quotidiana della produzione/movimentazione/stoccaggio e l applicazione delle regole previste. Certificazione della idoneità addetto gestione rifiuti tramite formazione on line schedulata con questionario domande e rilascio attestato idoneità al completamento delle risposte con successo, per la tranquillità del produttore, l addetto gestione rifiuti non è più il detentore del dover fare ma sarà il detentore del come fare bene così da evitare sanzioni per operatività incorrette. Riduzione Costi di Ritiro Opportunità di risparmio su tariffe presa e trasporto rifiuti, l abbonamento annuo di collegamento al sito comprende l abbattimento dei costi di gestione del rifiuto dalla compilazione della modulistica (minor tempo uomo per la gestione di formulari, registri, controllo stock) al costo effettivo di trasporto e smaltimento. Tracciabilità continuativa del percorso che il rifiuto segue dal momento della produzione al suo recupero o smaltimento. Minor addebito smaltimento rifiuti sulle commesse di lavoro con soddisfazione del cliente finale che si vedrà ridurre i costi di intervento.

7 Modalità di assistenza via internet per interventi tempestivi, vie per interventi pianificabili senza applicativi on site e attese di intervento. Continuità di applicazione aggiornamenti periodici gli aggiornamenti vengono caricati in base alle modifiche delle normative di Legge ogni inserimento è mirato al miglioramento delle procedure ed al mantenimento del rispetto delle regole. Possibilità di gestione personalizzata personalizzazioni per specifiche esigenze aziendali possibilità di istruzione on line gratuita o presso la sede del cliente a tariffa da concordare preventivamente Varietà di applicazioni e contenuti procedurali: 1. Controllo validità autorizzazioni e verifica corretta compilazione dei dati primari; 2. Registrazione movimenti produzione, carico, scarico, trasporto, intermediazione, 3. Semplificazione del caricamento movimenti mediante automatismi che pre impostano i dati ripetitivi con la possibilità di non visualizzare i "campi" che non interessa gestire; 4. Automatismi per la compilazione, sugli scarichi, dei "Riferimenti ai movimenti di carico"; 5. Stampa Registri Carico/Scarico, Trasporto, Intermediazione 6. Indicazioni su uso e tipologia Etichette, D.D.T., Documenti vari (Scheda tecnica, Prescrizioni carico, Cautele...).

8 Macro peculiarità che lo contraddistinguono Macro peculiarità Di seguito esplicitiamo alcuni punti focali della struttura a titolo non esaustivo ma puramente esemplificativo: La gestione del dialogo avviene tramite un normale PC e non necessita di attivazioni on site Il dialogo tra gli attori del processo di gestione rifiuto è aggiornato e consultabile in tempo reale La verifica delle azioni e dei risultati di gestione del rifiuto è costantemente monitorabile Configurazione e gestione del rifiuto in base alle esigenze di tutti gli attori del circuito virtuale dello stesso Legiferatore Produttore Trasportatore Mediatore Destinatario organizzazione del lavoro con gestione movimentazione e modulistica dettagliata e globale Carico Scarico Stock Formulari Registro

9 Consultazione metodi di gestione Consultazione normative vigenti Informazioni di primo orientamento on line, il sistema consente di evitare all utilizzatore di sentirsi costretto a muoversi tra le pagine di un ipertesto di cui non ha conoscenza (le normative) che si aprono una dentro l altra come scatole cinesi ma non producono l effetto conoscenza necessario. La consultazione delle informazioni propedeutiche ad eseguire una corretta gestione della documentazione è in linea ad uso del produttore Ogni informazione viene costantemente aggiornata e tiene conto delle indicazioni erogate dagli enti preposti a dettare le regole della gestione rifiuti Ogni modalità di esecuzione è descritta con termini semplificati ad uso dei preposti alla gestione rifiuti in azienda Il programma è in grado di delineare con molta chiarezza le modalità con cui la gestione rifiuti si deve sviluppare, prevedendo le domande che l utilizzatore si porrà di fronte all interfaccia Quanto messo a disposizione non è altro che uno strumento attraverso cui raggiungere obiettivi precisi Lo scopo principale del prodotto è orientare l utilizzatore con semplici modalità al rispetto di normative vigenti e concreto rispetto dell ambiente In pratica il prodotto non è altro che il valido aiuto e supporto alle scelte d azione dell utilizzatore.

10 Dotazione della più completa serie di strumenti utili a gestire la produzione la movimentazione e lo stoccaggio rifiuti Contenuti collegati ma separati In fase di progettazione, per evitare distonie tra il desiderato dal rispetto normative e l applicato dal produttore, sono stati distinti e separati gli argomenti di esecuzione attività gestionali il che, consente di agire nello svolgimento della propria quotidianità con la consapevolezza di aver espletato ogni movimento rispettando le regole Le informazioni disponibili sono state organizzate in modo da renderle fruibili da diverse tipologie di utenti in base alle necessità d uso La suddivisione delle informazioni avviene tramite menù semplificato il quale, ha il compito di guidare l utilizzatore verso gli argomenti che il flusso operativo prevede vengano gestiti Il materiale informativo e i percorsi guidati sono stati pensati sulla base delle diverse condizioni in cui può trovarsi l utilizzatore Ciascuna informazione è associata ad una guida all uso e ad una scelta di argomenti correlati in modo da ricoprire quanti più aspetti possibili della quotidiana azione da svolgere, per ottemperare in base alle normative Gestione e organizzazione facilitata di tutte le attività ed i flussi del percorso rifiuto prodotto semplicità d uso garanzia di precisione Per facilitare l utilizzo del sito sono stati resi disponibili su ogni pagina dei pulsanti d azione attraverso i quali si ha accesso alle informazioni aggiuntive che guidano passopasso all espletamento della corretta gestione di ogni attività Vengono in pratica offerte indicazioni precise sui principi fondamentali e gli accorgimenti di base, che l utilizzatore deve rispettare per garantire all azienda di aver gestito i rifiuti prodotti in conformità alle normative vigenti

11 Automatismo predefinito di collegamento alla definizione corretta del prodotto Trascrizione esatta delle opportune informazioni su Registro Carico/ Scarico Compilazione adeguata dei Formulari di Trasporto Riduzione del rischio di errori e relative sanzioni con collegamento orientativo continuo ai metodi previsti per il mantenimento della gestione a norma Innovativa è la gestione dei contenitori rifiuto prodotto che avviene con sistematica predisposizione fisica e virtuale degli stessi, completa di identificazione, ubicazione, capacità contenitiva Ad ogni carico il contenitore si alimenta, ed un sistema di allert indica all operatore il completamento della capacità e l impossibilità ad immettere altro prodotto Lo stesso allert di pronto al ritiro arriva al destinatario finale, il quale lo comunica al recuperatore (previsto per il ritiro dei vari CER), facendo in modo che il rifiuto venga prelevato senza ritardi o intoppi. Durante la costruzione del portale abbiamo di fatto puntato sulla innovazione per supportare i produttori con elementi pratici e concreti, studiando ogni minimo particolare che potesse evitare loro sanzioni spesso onerose, che a volte implicano anche in base alla ritenuta gravità risvolti penali. Ogni elemento del portale è proiettato a gestire, insieme al produttore, le peculiarità del settore ambientale con la massima professionalità e con l attenzione dovuta.

B-B WASTEMAN. I vantaggi. Le caratteristiche

B-B WASTEMAN. I vantaggi. Le caratteristiche B-B WASTEMAN Le aziende che hanno a che fare con la produzione, il trattamento, lo stoccaggio, lo smaltimento di rifiuti, devono poter contare su una gestione accurata che permetta loro da un lato, di

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Consulenza per la gestione dei rifiuti

Consulenza per la gestione dei rifiuti Consulenza per la gestione dei rifiuti ECORADAR DI GRAMEGNA ALESSANDRO - VIA DELLA REPUBBLICA, 41/A 20011 CORBETTA TEL. 02.97272190 MOB. +393661585997 - e-mail: info@ecoradar.it P.IVA 08738030967 - C.F.

Dettagli

AGE tentata vendita -

AGE tentata vendita - La soluzione ideale per rispondere alle esigenze della tentata vendita. W-AGE è indicato per tutte le situazioni in cui gli agenti si recano dai clienti vendendo e consegnando la merce, senza aver precedentemente

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

PrometeoRifiuti WWW.SOFTWARERIFIUTI.COM. Il software ideale per la gestione dei rifiuti. www.softwarerifiuti.com

PrometeoRifiuti WWW.SOFTWARERIFIUTI.COM. Il software ideale per la gestione dei rifiuti. www.softwarerifiuti.com PrometeoRifiuti WWW.SOFTWARERIFIUTI.COM Il software ideale per la gestione dei rifiuti www.softwarerifiuti.com Cosa fa Prometeo? PrometeoRifiuti è il software per la gestione dei Registri di carico e scarico

Dettagli

josh Archive! il software per Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di

josh Archive! il software per Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di josh Archive! il software per l Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di Archiviazione Documentale e Conservazione Sostitutiva Cos è josh Archive! Dalla scansione

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

1. La gestione dei rifiuti con SISTRI: l adozione di So.Ge.R. Pro Sistri. 3. Specifiche del So.Ge.R. Pro Sistri interoperabile e a norma ISO14001

1. La gestione dei rifiuti con SISTRI: l adozione di So.Ge.R. Pro Sistri. 3. Specifiche del So.Ge.R. Pro Sistri interoperabile e a norma ISO14001 DATA: 13 giugno 2011 Descrizione tecnica del software SO.GE.R. Pro Sistri, per la gestione industriale, amministrativa, fiscale e a norma ISO14001/04 dei rifiuti, in base al D.Lgs. n.152/06, e l interoperabilità

Dettagli

soluzione per la gestione della movimentazione delle merci, stoccaggio, picking e spedizioni.

soluzione per la gestione della movimentazione delle merci, stoccaggio, picking e spedizioni. tel. : 0 0 fax : 0 e mail : info@akinnovation.it akmagazzino & LOGISTICA INTEGRATA soluzione per la gestione della movimentazione delle merci, stoccaggio, picking e spedizioni. Premessa al sistema akmag

Dettagli

Durante il periodo di moratoria del regime sanzionatorio del SISTRI, la copia della scheda Sistri non sostituisce il formulario.

Durante il periodo di moratoria del regime sanzionatorio del SISTRI, la copia della scheda Sistri non sostituisce il formulario. 1 Richiesta Associazione Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di produzione di rifiuti pericolosi, anche se derivanti dal trattamento di

Dettagli

rifiuti pericolosi SI non rifiuti pericolosi prodotti da terzi

rifiuti pericolosi SI non rifiuti pericolosi prodotti da terzi 1 Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di produzione di rifiuti pericolosi, anche se derivanti dal trattamento di rifiuti non pericolosi?

Dettagli

L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena

L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena L interfaccia di Mo-Net nasce dal recepimento degli stimoli e delle indicazioni prodotte a livello nazionale, europeo e internazionale in tema di accessibilità

Dettagli

ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT

ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT Azione A.5 Planning of the WEEE Management Model for collection services ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT FUNCTIONAL REQUIREMENTS FOR ICT APPLICATIONS RELEASE 2 GENOVA, 20 MARZO 2015 INDICE DEL

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

2. TRASPORTATORE, Tutte le pagine

2. TRASPORTATORE, Tutte le pagine Home Ricerca CER Ricerca Impianti Documenti Notizie CollaborAZIONE Contatti Home Notizie SISTRI ABBIAMO TESTATO LA DEMO CARATTERE A A A - Lo scorso 28 maggio 2010 abbiamo partecipato a Milano presso ASSOLOMBARDA

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)?

Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)? Prevenire è meglio Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)? Lo sapevi che le sanzioni partono da 1.600 euro con

Dettagli

L innovativa formula ad abbonamento che ti toglie tutti i problemi derivati dalla gestione dei residui esausti di stampa!

L innovativa formula ad abbonamento che ti toglie tutti i problemi derivati dalla gestione dei residui esausti di stampa! L innovativa formula ad abbonamento che ti toglie tutti i problemi derivati dalla gestione dei residui esausti di stampa! FACCIAMO CHIAREZZA SU UNA NORMATIVA COMPLESSA LE LEGGI IN VIGORE Le norme Europee

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

Sommario. 1. introduzione al sistema 2. moduli base. 3. tracciabilità e rintracciabilità. 4. diagramma di flusso operativo. 5.

Sommario. 1. introduzione al sistema 2. moduli base. 3. tracciabilità e rintracciabilità. 4. diagramma di flusso operativo. 5. tracciabilità rintracciabilità e carni suine Sommario 1. introduzione al sistema 2. moduli base 2.1. anagrafica base 2.2. entrata partite suini 2.3. piano macellazione 2.4. macellazione 2.4.1. acquisto

Dettagli

Modulo 2, Unità Didattica 4: La posta certificata e i servizi in rete

Modulo 2, Unità Didattica 4: La posta certificata e i servizi in rete PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H "Migliorare la governance e la valutazione del sistema scolastico" Progetto Semplificazione e nuovo Codice dell

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI

QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI Richiesta Associazione 1 Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di I nuovi produttori sono obbligati

Dettagli

C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti Henry Ford

C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti Henry Ford Professional Method Technological Organization Faro Srl Via per Robecco sul Naviglio 90 - Abbiategrasso TEL. +39 02 903 941 05 FAX. +39 02 903 940 81 C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro, Come si possono smaltire le cartucce di stampa esauste?? Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Gestione Rifiuti PQ08Pa Ed. 0 Rev. 0 - Pag. 1 di 6

MyMax PROCEDURA QUALITA Gestione Rifiuti PQ08Pa Ed. 0 Rev. 0 - Pag. 1 di 6 PQ08Pa Ed. 0 Rev. 0 - Pag. 1 di 6 1.0 Scopo L obiettivo della procedura è definire le responsabilità per la gestione, lo stoccaggio e la movimentazione dei rifiuti utilizzando MyMax 2.0 Campo di applicazione

Dettagli

SISTRI. Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

SISTRI. Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Un sistema per coniugare ambiente, efficienza e legalità Pian piano, superando difficoltà e problemi,

Dettagli

Regolamento Green Fields

Regolamento Green Fields C.F. E P. IVA: 00171620834 CAPITALE SOC. INT. VERSATO: EURO 10.000.000,00 R.E.A.: MESSINA N. 98088 Irritec S.p.A. Via Gambitta Conforto, C.da S. Lucia 98071 Capo d'orlando (Me) Italy Tel. +39 0941922111

Dettagli

Teseo. Noi. enterprise. per Innovare. con Voi TECNOLOGIE INFORMATICHE

Teseo. Noi. enterprise. per Innovare. con Voi TECNOLOGIE INFORMATICHE TECNOLOGIE INFORMATICHE Il gestionale per la distribuzione Il progetto nasce dalla presa d atto che le problematiche del settore idrotermosanitario hanno una forte specificità derivante dalle caratteristiche

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1 GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttive Europee: 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 Decreto Ministeriale 08 marzo 2010, n. 65 Modalità

Dettagli

RESTATE CONNESSI CON NEW HOLLAND

RESTATE CONNESSI CON NEW HOLLAND RESTATE CONNESSI CON NEW HOLLAND Veicoli connessi per un agricoltura efficiente CONNESSI. PRODUTTIVI. EFFICIENTI. Per stare al passo con un agricoltura in continua evoluzione è indispensabile prendere

Dettagli

josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva

josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva josh è un software di it Consult e marchio registrato della stessa it Consult S.r.l. - 2001-2014

Dettagli

PrometeoSISTRI. Manuale N 4 Intermediari Versione 14.08.08

PrometeoSISTRI. Manuale N 4 Intermediari Versione 14.08.08 PrometeoSISTRI Manuale N 4 Intermediari Versione 14.08.08 Questo manuale, si pone l obiettivo di renderti subito operativo all utilizzo del modulo SISTRI di Prometeo indicandoti solo il caricamento dei

Dettagli

DNA ERP Warehouse Management System.

DNA ERP Warehouse Management System. DNA ERP Warehouse Management System DNA ERP Warehouse Management System. Il prodotto Warehouse Management System (WMS) è sviluppato da ITACME Informatica per la completa copertura delle esigenze di gestione

Dettagli

SUITE PAGHE 2.0. Il software per compilare le tue paghe online

SUITE PAGHE 2.0. Il software per compilare le tue paghe online SUITE PAGHE 2.0 Il software per compilare le tue paghe online SUITE PAGHE 2.0 L EFFICIENZA DELLA TECNOLOGIA SI UNISCE ALLA FUNZIONALITÀ DELLA PRATICA Il software Paghe 2.0 Un servizio per la gestione del

Dettagli

SEMPLIFICA L ATTIVITA, ACCELERA LA CRESCITA

SEMPLIFICA L ATTIVITA, ACCELERA LA CRESCITA Sistema Gestionale integrato per la produzione, vendita, la tracciabilità di GAS medicinali, Alimentari e Tecnici L applicazione SAP Business One, unitamente a TRACOM e TRACOM WEB costituiscono una soluzione

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

GUIDA RAPIDA SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06. Revisione OO del 01/06/2015

GUIDA RAPIDA SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06. Revisione OO del 01/06/2015 SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06 Revisione OO del 01/06/2015 Copyright 2015 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore è un marchio di Maggioli S.p.A. Azienda con sistema qualità certificato ISO

Dettagli

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti Ancona, 10/12/2014 Dott.ssa Federica Angeloni Dott.ssa Tamara Giacometti Dott.Ing. Alessio Stabile SISTRI: facciamo il punto Il quadro di riferimento

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO

STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO Coordinamento Generale e Responsabile del Procedimento Dirigente dell A.P.O.P. Responsabile del

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

Step One Diogene Test on line

Step One Diogene Test on line Con l obiettivo di consolidare e capitalizzare il know how dell Istituto in tema di razionalizzazione e innovazione dei servizi offerti alla pubblica amministrazione locale, nasce l idea di sistematizzare

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

Presentazione Azienda

Presentazione Azienda Un esperienza vincente di integrazione del sistema di organization intelligence con SAP Edoardo Gentili Resp. Sistemi informativi, Scavolini S.p.A. Presentazione Azienda La Scavolini nasce a Pesaro nel

Dettagli

MANUALE INTEROPERABILITA ESTARWEB-SISTRI

MANUALE INTEROPERABILITA ESTARWEB-SISTRI INDICE MANUALE ESTARWEB-SISTRI 1. Presentazione 2. Sistri menù generale ESTARweb 2.1. Inserimento dei certificati di interoperabilità 2.2. Inserimento nuovo dispositivo (chiavetta SISTRI) 2.3. Visualizzazione

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

Un progetto informatico che ottimizza la gestione dell impianto, dall emissione del preventivo alla stampa del Bilancio Gestione del post-vendita

Un progetto informatico che ottimizza la gestione dell impianto, dall emissione del preventivo alla stampa del Bilancio Gestione del post-vendita Un progetto informatico che ottimizza la gestione dell impianto, dall emissione del preventivo alla stampa del Bilancio Gestione del post-vendita Facilità d uso Seconda di copertina INDICE L IDEA......

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

Operatore dei sistemi e dei servizi logistici. Standard della Figura nazionale

Operatore dei sistemi e dei servizi logistici. Standard della Figura nazionale Operatore dei sistemi e dei servizi logistici Standard della Figura nazionale 122 Denominazione della figura OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT

Dettagli

AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI

AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI INTRODUZIONE Il progetto nasce dall esigenza dei clienti di sviluppare

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

Il sistema di vendita strutturata dedicato ai professionisti

Il sistema di vendita strutturata dedicato ai professionisti Il sistema di vendita strutturata dedicato ai professionisti COS è INFOCAR? Da oltre un decennio INFOCAR WEB è il software di vendita strutturata più utilizzato dagli operatori automotive. Costruito sulla

Dettagli

IL GESTIONALE A MISURA D AZIENDA. piccola media azienda

IL GESTIONALE A MISURA D AZIENDA. piccola media azienda IL GESTIONALE A MISURA D AZIENDA piccola media azienda 6 ad hoc revolution è il software gestionale su misura per le piccole e medie imprese. Ad Hoc Revolution gestisce in modo integrato tutti i processi

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO

IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO Studio24 Commercialisti è l innovativa piattaforma tecnologica che rende disponibile in modo unitario ed integrato processi, strumenti e servizi

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Esperienze. gestione. risorse. * Qualità INVENTARIO. * Produttività. * Controllo di GESTIONE FORNITORE. * Monitoraggio GESTIONE LISTE DI CARICO

Esperienze. gestione. risorse. * Qualità INVENTARIO. * Produttività. * Controllo di GESTIONE FORNITORE. * Monitoraggio GESTIONE LISTE DI CARICO CONTROLLO DI GESTIONE Esperienze GESTIONE STATO APPARATI GESTIONE FORNITORE INVENTARIO GESTIONE LISTE DI CARICO * Qualità * Produttività * Controllo di gestione * Monitoraggio risorse TRACCIABILITA PRODOTTI

Dettagli

Regolamento comunale per la videosorveglianza

Regolamento comunale per la videosorveglianza COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Regolamento comunale per la videosorveglianza (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 20 maggio 2010) - 1 - SOMMARIO CAPO PRIMO: PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma. Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma

Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma. Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma COME SIAMO ARRIVATI QUI C era una volta la signorina che rispondeva al telefono finalmente

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

LYBERA Studio IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO

LYBERA Studio IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO LYBERA Studio è l innovativa piattaforma tecnologica che rende disponibile in modo unitario ed integrato processi, strumenti e servizi necessari

Dettagli

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI Clienti, prodotti, categorie merceologiche e stabilimenti di produzione. Difetti, tipologia difetti, test ed esiti finali di verifica. Raggruppamento dei test loro in schede

Dettagli

Gestione aziendale semplificata

Gestione aziendale semplificata SAP Solution Brief Soluzioni SAP per la piccola e media impresa SAP Business One Obiettivi Gestione aziendale semplificata Gestisci efficacemente la tua piccola impresa assicurandone la crescita Gestisci

Dettagli

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO?

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO? PREMESSA PERCHÉ B QUADRO? Se per alcuni aspetti c è una convergenza delle soluzioni di e-commerce B2B e B2C - come ad esempio l esperienza di utilizzo e la fruizione da dispositivi mobile - le finalità

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

Difficoltà operative per il conferimento, difetti di valutazione tecnica e interpretazione

Difficoltà operative per il conferimento, difetti di valutazione tecnica e interpretazione l Rifiuti. Gli errori nella classificazione spesso alla base di possibili contestazioni Assegnazione del codice CER: analisi delle regole e criticità Difficoltà operative per il conferimento, difetti di

Dettagli

Condizioni Generali ANCI-CDCNPA

Condizioni Generali ANCI-CDCNPA Condizioni Generali ANCI-CDCNPA per il ritiro di pile accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta Comunali 1 Oggetto ed ambito applicativo Le presenti prescrizioni costituiscono condizioni

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO. Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI

SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO. Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI Sommario PREMESSA... 2 RESPONSABILITÀ... 3 MODALITÀ OPERATIVE... 4 Il Piano di

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE CONDIZIONI TECNICHE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con Decreto dell Amministratore Unico n. 7 del 26/01/2015 INDICE INTRODUZIONE: 1. LO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RECATE DAL D.LGS.

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

GES.net La Suite integrata dedicata alla POLIZIA LOCALE

GES.net La Suite integrata dedicata alla POLIZIA LOCALE GES.net La Suite integrata dedicata alla POLIZIA LOCALE Comune di None C.I.G. 5377451CEF Offerta Tecnica Pag. 1 Richiesta di credenziali di accesso al sistema La procedura prevede la possibilità di allegare

Dettagli

Codice CER. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Codice CER: chi deve assegnarlo, come, con quali rischi e criticità

Codice CER. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Codice CER: chi deve assegnarlo, come, con quali rischi e criticità Codice CER Codice CER: chi deve assegnarlo, come, con quali rischi e criticità Laura Saviano e Antonello Dimiccoli, www.kemis.it Una cosa ben diversa da una pura pratica formale I codici CER assegnati

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Tecnologia. www.mbm.it

Tecnologia. www.mbm.it Il portale SCM permette di comunicare con il mondo esterno all azienda, in particolare con fornitori e lavoranti esterni, fornendo strumenti e metodologie per un trasferimento veloce e sicuro delle informazioni

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

Allegato 2 SPECIFICA TECNICA FUNZIONALE. per la commercializzazione delle scommesse a quota fissa

Allegato 2 SPECIFICA TECNICA FUNZIONALE. per la commercializzazione delle scommesse a quota fissa Allegato 2 SPECIFICA TECNICA FUNZIONALE per la commercializzazione delle scommesse a quota fissa INDICE PREMESSA 5 PARTE PRIMA DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA E FUNZIONI PUBBLICHE AFFIDATE IN CONCESSIONE 6

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016

Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016 Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016 A seguito della entrata in vigore della Legge Anticorruzione n.190/2012, recante Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell

Dettagli

Ogni rifiuto prodotto, speciale o

Ogni rifiuto prodotto, speciale o Un esperienza positiva di tracciabilità dei rifiuti e di informazione ai cittadini Carlo Di Domenico, Domenico Cataldo Qualunque tipo di rifiuti durante la sua movimentazione deve obbligatoriamente essere

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE I: REATI IN TEMA DI AMBIENTE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE. Id: 1735

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE. Id: 1735 Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Id: 1735-1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione

Dettagli