NEOPLASIE DELL OVAIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.fisiokinesiterapia.biz NEOPLASIE DELL OVAIO"

Transcript

1 NEOPLASIE DELL OVAIO

2 NEOPLASIE DELL OVAIO ISTOGENESI GRUPPO ETEROGENEO DI NEOPLASIE PER EPIDEMIOLOGIA CLINICA

3 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA TUMORI EPITELIALI TUMORI GERMINALI TUMORI STROMALI

4 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA

5 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA TUMORI EPITELIALI originano dall epitelio celomatico di rivestimento 75% di tutte le neoplasie ovariche > 90% delle neoplasie ovariche maligne

6 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA originano dalle cellule germinali, dai tessuti embrionali o extraembrionali TUMORI GERMINALI differenziabili in base alla determinazione dell α-fetoproteina (AFP) e della gonadotropina corionica (HCG) tipici dell infanzia e dell adolescenza 5% delle neoplasie ovariche

7 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA TUMORI STROMALI originano dallo stroma gonadico specializzato e non specializzato ± associati con effetti ormonali 4% delle neoplasie ovariche

8 NEOPLASIE DELL OVAIO Classificazione istologica dei tumori dell ovaio Cistoadenocarcinoma mucinoso: aspetto macroscopico Tumori epiteliali Tumori sierosi Tumori mucinosi Tumori endometriali Tumori a cellule chiare Tumori di Brenner Tumori indifferenziati Tumori misti Cistoadenocarcinoma sieroso: aspetto macroscopico

9 NEOPLASIE DELL OVAIO Classificazione istologica dei tumori dell ovaio Tumore a cellule della granulosa: aspetto macroscopico Fibroma : aspetto macroscopico Tumori dello stroma gonadico Tumori a cellule della granulosa Tecomi Fibromi Androblastomi Tumori mesenchimali Fibromi Linfomi Sarcomi

10 NEOPLASIE DELL OVAIO Classificazione istologica dei tumori dell ovaio Teratoma maturo: aspetto macroscopico Tumori germinali Disgerminoma Carcinoma embrionale Tumori del seno endodermico Coriocarcinomi Teratomi Disgerminoma: Aspetto macroscopico

11 EPIDEMIOLOGIA: il carcinoma dell ovaio è una neoplasia a bassa prevalenza ma ad elevata mortalità

12 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA EPIDEMIOLOGIA: - 1^ causa di morte per neoplasie ginecologiche - massima incidenza V-VI decade - incidenza diversa per aree geografiche: > incidenza nella razza caucasica, Europa nord occidentale, USA (10/100000) < incidenza Asia, Africa, America Latina, Giappone (3-4/100000)

13 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

14 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

15 EZIOLOGIA 3 POSSIBILI EVENTI SCATENANTI 1. traumi ripetuti dell epitelio di superficie durante le varie fasi del ciclo ovarico 2. invaginazione dell epitelio epitelio di superficie, nel periodo di riparazione che segue l ovulazione, con formazione di cisti inclusionali 3. stimolazione dell epitelio epitelio incluso da parte delle gonadotropine (LH-FSH)

16 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

17 EZIOLOGIA ORMONOTERAPIA I farmaci che inducono l ovulazione possono aumentare il rischio di CR dell ovaio a causa della continua stimolazione gonadotropinica

18 EZIOLOGIA - FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTTIVI MENARCA MENOPAUSA menarca precoce e menopausa tardiva sono associati ad un rischio aumentato

19 EZIOLOGIA RELAZIONE TRA OVULAZIONE E CANCEROGENESI il rischio di CR ovarico è DIRETTAMENTE correlato al PERIODO OVULATORIO ( n cicli ovulatori dal menarca alla menopausa) il rischio di CR ovarico è INVERSAMENTE correlato ai PERIODI ANOVULATORI (n gravidanze, allattamento, assunzione di estroprogestinici)

20 EZIOLOGIA PARITA la nulliparità si associa ad un rischio aumentato il n delle gravidanze è inversamente correlato al rischio di ammalare di CR ovarico

21 EZIOLOGIA La correlazione tra OVULAZIONE e CARCINOMA è confermata da una serie di considerazioni: NON ESISTONO T.OVARICI EPITELIALI PRIMA DEL MENARCA LA FREQUENZA DEL CR OVARICO DIMINUISCE CON L AUMENTARE DEL NUMERO DELLE GRAVIDANZE SPERIMENTALMENTE L AUMENTO DELL ATTIVITA OVULATORIA, ARTIFICIALMENTE INDOTTO, COMPORTA UN AUMENTO DELL INCIDENZA DI CR OVARICO

22 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

23 EZIOLOGIA DIETA una dieta ricca di grassi e alcool e povera di frutta e verdura si associerebbe ad un rischio aumentato di ammalare di CR ovarico

24 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

25 EZIOLOGIA - FATTORI GENETICI 5-13%dei casi viene riconosciuta una predisposizione genetica storia familiare positiva per CR ovarico correlata ad un rischio di ammalare aumentato di 3,6 volte rischio pari al 2% nelle donne che hanno già sviluppato un CR mammario

26 EZIOLOGIA - FATTORI GENETICI rischio pari al 6% nelle donne con familiari di 1 gradoche hanno sviluppato un CR mammario o del colon rischio pari al 50% nelle donne con due familiari di 1 grado con CR ovarico

27 EZIOLOGIA - FATTORI GENETICI ESISTONO TRE SINDROMI DI CR OVARICO EREDITARIO

28 breast and ovarian cancer syndrome entrambe le neoplasie hanno incidenza maggiore che nella popolazione generale presente nel 65-75% dei casi di CR ovarico ereditario

29 hereditary non polyposis colorectal cancer syndrome associata ad una maggiore frequenza di neoplasie colorettali ed endometriali costituitsce il 10-15% dei casi di CR ovarico ereditario

30 site-specific specific ovarian cancer syndrome costituitsce il 10-15% dei casi di CR ovarico ereditario

31 I geni le cui mutazioni predispongono al CR ovarico ereditario sono: BRCA1 90% dei casi BRCA2 10% dei casi

32 nelle famiglie che esprimono BRCA1 e BRCA2 esiste un rischio del 50% e del 26 % rispettivamente di sviluppare cancro ovarico entro l età di 70 anni. Nella popolazione generale tale rischio è del 1,8%

33 EZIOLOGIA FATTORI DI RISCHIO E FATTORI PROTETTIVI PER IL CR OVARICO FATTORI DI RISCHIO razza caucasica menarca precoce menopausa tardiva nulliparità farmaci pro-ovulatori età > 40 anni familiarità per CR ovarico familiarità per CR mammario mutazioni BRCA endometriosi ovarica FATTORI PROTETTIVI multiparità allattamento contraccettivi orali

34 PATOGENESI: LE NEOPLASIE DELL OVAIO VEDONO COINVOLTE NELLA LORO PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE MUTAZIONI GERMINALI ONCOGENI ONCOSOPPRESSORI

35 PATOGENESI:

36 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ONCOGENI ALTERAZIONI DI HER2 NEL CR DELL OVAIO HER 2 protoncogene (HER2/neu) localizzato sul cromosoma 17 (17q21) Codifica una proteina transmembrana ad attività TK ( p185) membrana cellulare p185 è una TK transmembrana

37 PATOGENESI: ALTERAZIONI GENETICHE p185 recettore dei fattori di crescita epiteliali, svolge un ruolo chiave in termini di: DIFFERENZIAZIONE ADESIONE MOTILITA CELLULARE IPERESPRESSA nel 25-30% dei CR ovarico AMPLIFICAZIONE del gene HER-2

38 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE L iperespressione di Her-2/ neu DETERMINA un fenotipo neoplastico mediante 2 principali meccanismi: 1. INDUZIONE RESISTENZA AL TNFα importante per la morte delle cellule tumorali sia in vitro che in vivo 2. ATTIVAZIONE GENICA PROLIFERAZIONE CELLULA NEOPLASTICA

39 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ALTERAZIONI DI HER2 NEL CR DELL OVAIO l attivazione costitutiva del recettore Her-2 2 segue alla sua dimerizzazione,, evento mediato da??????????

40 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ALTERAZIONI DI HER2 NEL CR DELL OVAIO Nelle cellule tumorali l iperespressione di Her-2 causa, per l eccessivo numero di molecole presenti, la DIMERIZZAZIONE SPONTANEA del RECETTORE

41 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE condizione fondamentale per l attivazione del recettore è la fosforilazione dei residui tirosinici in sede C- terminale nelle cellule tumorali, l iperespressione di Her-2 aumenta la fosforilazione della tirosina a livelli superiori a quelli osservati nelle cellule non neoplastiche

42 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE condizione fondamentale per l attivazione del recettore è la fosforilazione dei residui tirosinici in sede C- terminale mutazioni dei residui tirosinici in sede C-terminale si riscontrano nelle cellule tumorali

43 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE 1.La fosforilazione dei recettori determina l attivazione di molecole di adattamento quali GRB2/SHC 2.Le molecole di adattamento GRB2/SHC legano il recettore attraverso il dominio SH2 3.SOS (guanine-nucleotide exchange factor) interagisce con GRB2/SHC mediante il dominio SH3 di GRB2

44 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE 4.Il complesso è portato verso la faccia citoplasmatica del recettore 5.SOS catalizza la dissociazione di GDP da ras con formazione del complesso attivato GTP-ras 6.Il complesso GTP-ras attiva raf-1 che fosforila e attiva MEK 7. MEK a sua volta attiva MAP con il risultato di attivazione della trascrizione genica.

45 PATOGENESI:

46 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE anche i geni ras sono mutati nei tumori ovarici con alterazione dei meccanismi di trascrizione genica K-ras è frequentemente mutato nei tumori borderline e le mutazioni sono tipicamente associate al tipo mucinoso

47 PATOGENESI:

48 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ONCOSOPPRESSORI ALTERAZIONI DI TP53 NEL CR DELL OVAIO TP53 Gene onco-soppressore localizzato sul cromosoma 17 (17p13.1) che codifica per una fosfoproteina nucleare indicata come p53. RICONOSCIMENTO DEL DANNO DEL DNA RIPARAZIONE DEL DANNO BLOCCO CICLO CELLULARE INDUZIONE DELL APOPTOSI

49 ALTERAZIONI DI TP53 NEL CR DELL OVAIO CELLULA CON P53 NON MUTATO DANNO DNA attivazione p53 che si lega al DNA trascrizione geni bersaglio Radiazioni ionizzanti Sostanze mutagene Sostanze cancerogene CELLULA CON P53 MUTATO DANNO DNA MANCATA ATTIVAZIONE GENI p53 DIPENDENTI MANCATA RIPARAZIONE DNA CELLULA MUTATA p21 GADD45 bax aquisizione nuove mutazioni RIPARAZIONE APOPTOSI CELLULA NEOPLASTICA

50 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ALTERAZIONI DI TP53 NEL CR DELL OVAIO - MUTAZIONI DI TP53 SONO L ALTERAZIONE PIU FREQUENTE NEL CR OVARICO - RISCONTRATE MUTAZIONI DI TP53 NEL 50% DEI CR OVARICI AVANZATI - ASSENZA DI ALTERAZIONI DI TP53 NELLE NEOPLASIE OVARICHE BENIGNE -MUTAZIONI DI TP53 SONO INFREQUENTI NELLE FORME BORDERLINE

51 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ALTERAZIONI DI TP53 NEL CR DELL OVAIO -MUTAZIONI DI TP53 SONO TIPICHE DELLE FORME MALIGNE E TENDONO AD AUMENTARE ALL AUMENTARE DELLO STADIO -FREQUENZA MUTAZIONI T.SIEROSI 58% T.ENDOMETRIOIDI 28% T.MUCINOSI 16% T.A CELLULE CHIARE 10% ANCORA INCERTO IL RUOLO PROGNOSTICO DELLE MUTAZIONI DI TP53

52 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE IPOTESI PROGRESSIONE LESIONI BENIGNE - CARCINOMA UNA SERIE DI CONSIDERAZIONI HA DETERMINATO LA FORMULAZIONE DEL MODELLO RELATIVO ALLA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLE LESIONI BENIGNE IN MALIGNE DELL EPITELIO OVARICO

53 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE IPOTESI PROGRESSIONE LESIONI BENIGNE - CARCINOMA UNA SERIE DI CONSIDERAZIONI E A FAVORE DELLA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLE FORME BENIGNE IN MALIGNE 1.la perdita di eterozigosi in 11p15.5, presente nelle forme istologiche ad alto grado, è stata identificata anche nelle lesioni benigne e in quelle borderline 2.mutazioni di TP53 non sono state rilevate nelle lesioni benigne, ma sono presenti nelle forme borderline adiacenti al CR invasivo e nelle cisti inclusionali a distanza

54 QUADRO CLINICO SEGNI E SINTOMI ASINTOMATICO fino alle fasi tardive KILLER SILENZIOSO 75-80% dei casi malattia avanzata alla diagnosi (III-VI stadio) 10% dei casi diagnosi allo stadio I DIAGNOSI OCCASIONALE 10% dei casi diagnosi di malattia limitata alla pelvi

55 QUADRO CLINICO SEGNI E SINTOMI sono tardivi e dovuti all aumento aumento di volume della massa ed alla presenza di ascite - aumento di volume dell addome ± dolore e meteorismo - alterazioni della digestione ( stipsi, diarrea) - anoressia e calo ponderale - sanguinamento vaginale anomalo (raro)

56 DIAGNOSI ESAME CLINICO: 1.PALPAZIONE BIMANUALE RETTO-VAGINALE la massa deve essere abbastanza grande per essere palpata NEOPLASIA BENIGNA CHE HA RAGGIUNTO GRANDI DIMENSIONI SENZA DARE SEGNI E SINTOMI NEOPLASIA MALIGNA IN FASE AVANZATA

57 DIAGNOSI ESAME CLINICO: 2.PALPAZIONE E PERCUSSIONE DELL ADDOME evidenziano la distensione addominale, la presenza di ascite e la presenza di masse omentali

58 DIAGNOSI ESAME CLINICO: 3.ESAME CLINICO GENERALE volto a ricercare la presenza di metastasi linfonodali superficiali, la presenza di versamento pleurico, l edema agli arti inferiori

59 DIAGNOSI INDAGINI STRUMENTALI ECOGRAFIA PELVICA - utile per diagnosi e follow-up - alta sensibilità, ma bassa specificità - superiore la metodica transvaginale - metodica color-doppler per identificare la vascolarizzazione delle neoformazioni

60 DIAGNOSI INDAGINI STRUMENTALI ECOGRAFIA PELVICA Caratteristiche ecografiche di malignità : - tumescenza cistica multiloculata con foci solidi - tumescenza uniloculata con vegetazioni endocistiche - tumescenza solida con spazi cistici

61 DIAGNOSI dopo la formulazione di un ipotesi diagnostica su base clinica è fondamentale la conferma istologica

62 DIAGNOSI INDAGINI STRUMENTALI - BIOPTICHE BIOPSIA CON AGO SOTTILE SOTTO GUIDA ECOGRAFICA - permette la valutazione istologica che fornisce diagnosi certa - rischio di spandimento endoperitoneale di cellule neoplastiche CITOLOGIA DEL LIQUIDO PERITONEALE - riservata a casi particolari - importante per diagnosi e follow-up

63 DIAGNOSI ESAMI DI LABORATORIO CEA - marcatore principale per neoplasie del colon, si riscontrano valori > a 5 ng/ml nel 65% delle pazienti con ADENOCARCINOMA MUCINOSO -i valori tornano nel range di normalità da 2 a 12 settimane dopo chirurgia radicale della neoplasia -una valutazione ogni 3 mesi dei valori del marcatore è raccomandabile per valutare l eventuale ripresa di malattia - utilizzare solo in caso di ADENOCARCINOMA MUCINOSO

64 DIAGNOSI ESAMI DI LABORATORIO CA 125 -elevati valori nell 80% dei CR ovarici non mucinosi - livelli correlati all andamento della malattia - non utilizzato come esame di screening - utilizzato come mezzo diagnostico complementare e nel successivo decorso clinico

65 Incidenza, istogenesi, istopatologia i tumori epiteliali derivano dall epitelio di superficie dell ovaio

66 ISTOPATOLOGIA In base al tipo cellulare di origine vengono suddivisi in SIEROSO MUCINOSO ENDOMETRIOIDE A CELLULE CHIARE ogni istotipo si può presentare in forma BENIGNA, BORDERLINE o MALIGNA T. DI BRENNER

67 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE CISTOADENOCARCINOMA SIEROSO istotipo più frequente (1/2 dei tumori epiteliali maligni) massa solida o solido-cistica aree di emorragia e necrosi istotipo più aggressivo dopo il CR indifferenziato frequentemente bilaterale elevata tendenza alla disseminazione peritoneale e retroperitoneale

68 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE CISTOADENOCARCINOMA MUCINOSO 10%tumori ovarici epiteliali maligni neoformazione cistica multilobulata grosso diametro epitelio simile a quello intestinale generalmente unilaterale disseminazione peritoneale

69 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE ADENOCARCINOMA ENDOMETRIOIDE 15% dei tumori epiteliali diametro variabile frequentemente unilaterale invasività locale, scarsa tendenza alla diffusione peritoneale ma frequente diffusione retroperitoneale aspetto papillare con abbondante secrezione di muco

70 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE CISTOADENOCARCINOMA A CELLULE CHIARE istotipo meno frequente (5%) solitamente unilaterale tendenza alla diffusione peritoneale, retroperitoneale e a distanza

71 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE CARCINOMA INDIFFERENZIATO massa solida di grosse dimensioni estese aree di emorragia e necrosi elevata aggressività prognosi infausta diffusione peritoneale, retroperitoneale ed ematica solitamente stadio avanzato alla diagnosi TUMORE DI BRENNER rarissimo frequentemente unilaterale

72 STORIA NATURALE INTRAPERITONEALE VIE DI DIFFUSIONE RETROPERITONEALE EMATICA

73 STORIA NATURALE DIFFUSIONE INTRAPERITONEALE via di diffusione principale Le cellule neoplastiche sfaldate cadono in cavità peritoneale e si impiantano su PERITONEO OMENTO SUPERFICIE PERITONEALE DEL DIAFRAMMA

74 STORIA NATURALE DIFFUSIONE RETROPERITONEALE Vengono interessati LN LATEROCAVALI LN INTRAORTICI LN PERIAORTICI LN LATEROAORTICI LN ILIACI ESTERNI E COMUNI LN PARAORTICI

75 STORIA NATURALE DIFFUSIONE EMATICA via di diffusione meno frequente -metastasi epatiche e polmonari sono presenti alla diagnosi < 5% dei casi -metastasi ossee (osteolitiche) e cerebrali sono eccezionali

76 STADIAZIONE LA DIAGNOSI DEFINITIVA E LA STADIAZIONE SONO GENERALMENTE POST-CHIRURGICHE STADIAZIONE PRECHIRURGICA: METODICHE DIAGNOSTICHE -RX TORACE E APPARATO URINARIO -CLISMA CON DOPPIO CONTRASTO - LINFOGRAFIA - TC E RMN ADDOMINO-PELVICA -CITOLOGIA PERITONEALE -LAPAROSCOPIA

77 STADIAZIONE LA DIAGNOSI DEFINITIVA E LA STADIAZIONE SONO GENERALMENTE POST-CHIRURGICHE STADIAZIONE CHIRURGICA - CITOLOGIA LIIQUIDO PERITONEALE SE PRESENTE - VALUTAZIONE SITUAZIONE OVARICA - ASPORTAZIONE TUMORE - ESPLORAZIONE CAVITA PERITONEALE - BIOPSIE RANDOM DEL PERITONEO E DI TUTTE LE AREE SOSPETTE - OMNETECTOMIA - APPENDICECTOMIA -LINFADENECTOMIA -OVOSALPINGECTOMIA E ISTERECTOMIA SE NECESSARIO

78 STADIAZIONE

79 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

80 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

81 PROGNOSI 1.STADIO CLINICO: Sopravvivenza a 5 anni secondo lo stadio STADIO Ia Ib Ic IIa IIb IIc IIIa IIIb IIIc IV SOPRAVVIVENZA A 5 ANNI 90% 85% 80% 70% 64% 66,5% 58,5% 40% 29% 17%

82 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

83 PROGNOSI 2.TIPO ISTOLOGICO Sopravvivenza a 5 anni secondo il tipo istologico TIPO ISTOLOGICO I-II II STADIO III-IV IV STADIO GLOBALE SIEROSO 83% 30% 40% MUCINOSO 90% 33% 68,5% ENDOMETRIOIDE 82% 35% 59,5% CELLULE CHIARE 80% 27% 59% INDIFFERENZIATO 58% 23% 33% MISTO 77% 29% 53%

84 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

85 GRADING ISTOLOGICO GX GRADO ISTOLOGICO NON STABILITO G1 NEOPLASIA BEN DIFFERENZIATA G2 NEOPLASIA MODERATAMENTE DIFFERENZIATA G3 NEOPLASIA POCO DIFFERENZIATA/INDIFFERENZIATA

86 PROGNOSI 3.GRADING Sopravvivenza a 5 anni rispetto al grado istologico GRADO ISTLOGICO G1 G2 G3 91,8% I-II II STADIO 73,6% 66,2%

87 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

88 PROGNOSI 5.ETA La prognosi è migliore nelle donne giovani

89 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

90 PROGNOSI 4. MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURUGIA Sopravvivenza a 5 anni rispetto alla malattia residua MALATTIA RESIDUA non residuo microscopico non residuo macroscopico residuo < 2 cm residuo > 2 cm SOPRAVVIVENZA A 5 ANNI 59% 55% 42% 15%

91 TERAPIA CHIRURGIA il trattamento è elettivamente chirurgico Forme iniziali : solo il 23% è diagnosticabile agli stadi I e II LAPAROTOMIA ISTERECTOMIA ANNESSIECTOMIA BILATERALE OMENTECTOMIA APPENDICECTOMIA + esplorazione retroperitoneale con sampling linfonodale, lavaggio peritoneale, biopsie random della cavità peritoneale e di ogni lesione sospetta

92 TERAPIA CHIRURGIA FORME INIZIALI BASSO RISCHIO DI RECIDIVA -STADIO IA-IB -T. BEN DIFFERENZIATO - T. NON A CELLULE CHIARE CHIRURGIA RISOLUTIVA NEL 95%DEI CASI TERAPIA ADIUVANTE: NON INDICATA ALTO RISCHIO DI RECIDIVA -STADIO IC-II -MODERATAMENTE O SCARSAMENTE DIFFERENZIATO + CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE

93 TERAPIA PAZIENTI GIOVANI - annessiectomia monolaterale - biopsia ovaio controlaterale - revisione cavità uterina - omentectomia - appendicectomia - linfadenectomia monolaterale - biopsie peritoneali multiple consente di conservare la capacità gestazionale

94 TERAPIA CHIRURGIA FORME AVANZATE CITORIDUZIONE (DEBULKY) CHIRURGIA ESTESA CHEMIOTERAPIA

95 TERAPIA RADIOTERAPIA - RT ENDOPERITONEALE - RT TRANSCUTANEA non sembra svolgere un ruolo terapeutico reale e non offre vantaggi rispetto alla chemioterapia della quale supera gli effetti tossici

96 TERAPIA CHEMIOTERAPIA CT DI PRIMA LINEA - il CR ovarico è uno dei tumori più chemiosensibili - in passato utilizzati soprattutto ALCHILANTI e ANTRACICLINE -attualmenmte si utilizzano schemi terapeutici contenenti derivati del PLATINO - buoni i risultati ottenuti con l utilizzo dei TAXANI

97 TERAPIA come per il CR della mammella anche nel CR ovarico si può parlare di TARGET THERAPY Her-2 è bersaglio della target therapy: Ab monoclonali reattivi con p185 ( TRASTUZUMAB/HERCEPTIN)

98 PREVENZIONE Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità per effettuare uno SCREENING è necessario che: 1. La malattia sia un importante problema di salute pubblica Il carcinoma ovarico è una malattia importante per la sua elevata mortalità, ma è caratterizzato da una BASSA PREVALENZA

99 PREVENZIONE Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità per effettuare uno SCREENING è necessario che: 2. La neoplasia sia di facile diagnosi La diagnosi di CR ovarico è oggi effettuata mediante ECOGRAFIA e dosaggio di CA125, ma entrambe le indagini non sono adeguate per una efficace prevenzione : - < 50% dei CR ovarici precoci è associato a livelli elevati di CA125 -in premenopausa, i livelli di CA125 subiscono variazioni con il ciclo mestruale -I livelli del marcatore possono essere elevati anche in condizioni nonneoplastiche - l ECO è caratterizzata da un alta quota di falsi positivi - l accettabilità dell eco transvaginale è alta in donne giovani,ma bassa nelle donne in menopausa.

100 PREVENZIONE Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità per effettuare uno SCREENING è necessario che: 3. La storia naturale della malattia sia ben nota per permettere di stabilire i tempi di esecuzione dello screening Nel carcinoma ovarico la storia naturale non è nota così come non è noto il tempo di progressione da uno stadio iniziale ad uno stadio avanzato

101 PREVENZIONE Attualmente non è possibile effettuare screening per il CR ovarico ma. ESAME CLINICO DOSAGGIO CA125 ECO PELVICA Eseguiti ogni 6 mesi dall età di 40 anni offrono > possibilità di diagnosi precoci. Nelle donne con familiarità per CR ovarico, tali indagini vanno eseguite a partire dall età anni

102 BIBLIOGRAFIA - M.D. Abeloff, J.O. Armitage, J.E. Niederhuber, M.B. Kastan, W.G. McKenna. Clinical Oncology 3 edition. 2004: Bonadonna G, Robustelli Della Cuna G, Valagussa P. Medicina oncologica. Ed. Masson Ovarian Cancer: Epidemiology, Biology, and Prognostic Factors. Christine h. Holschneider, Jonathan s. Berek Seminars in Surgical Oncology 2000; 19:3 10, - Estrogen receptors and theirdownstream targets in cancer. K.Ikeda,S.Inoue. Arch Istol Cytol (2004), 67(5): Estrogen, Progesterone and Epithelial Ovarian Cancer. SM HoReproductive Biology and Endocrinology 2003, 1:73 - Loss of ERb expression as a common step in estrogen-dependent tumor progression. A Bardin, N Boulle, G Lazennec, F Vignon and P Pujol Endocrine-Related Cancer (2004), 11: Molecular genetics of gynecologic cancer. JD Whang, JH Lee. JKMS 1997,12, The genetics of ovarian cancer. PDP Pharoah, BAJ Ponder. Best practice& Research ClinicalObstetrics and Gynaecology Vol 16, n 4, Some genetics aspects of ovarian cancer. H Van den Berghe, P Dal Cin. European Journal of Ostetrics & Gynecology and Reproductive Biology. 81 (1998).

103 BIBLIOGRAFIA -BRCA1 and BRCA2 and the genetics of breast and ovarian cancer. PL Welcsh, MC King. Human Molecular Genetisc, 2001,1(7) Role of BRCA1 and BRCA2 as regulators of DNA repair, transcription, and cell cycle in response todna damage Kiyotsugu Yoshida and Yoshio Miki Cancer Sci. (2004), 95 : Role of BRCA gene dysfunction in breast and ovarian cancer predispsition. R.Scully. Breast Cancer Res 2000, 2: Mutational spectrum of p53 mutation in primary breast and ovarian tumors. A.Feki, I Irminger-Finger. Critical Rewievs in Oncology Hematology 52 (2004) TP53 and Ovarian Cancer. M. Schuijer.E M.J.J. BernsHUMAN MUTATION 21:285^291 (2003) - A Review of p53 Expression and Mutation in HumanBenign, Low Malignant Potential, and Invasive Epithelial Ovarian Tumors. Leanne M. Kmet,Linda S. Cook, Ph.D.Anthony M. Magliocco, CANCER January 15, 2003 / Volume 97 / Number 2 - Molecular aspect of ovarian cancer. RM Wenham, JM Lancaster, A Berchuck. Best practice& Research ClinicalObstetrics and Gynaecology Vol 16, n 4, HER-2/neu signal transduction in human breast and ovarian cancer. DM Reese, DJ Slamon. Steem cells 1997, 15:1-8 - Biomarkers of ovarian tumours AV. Rapkiewicz, V Espina, E F. Petricoin, LA. Liotta.European Journal of Cancer 40 (2004) Histopathology and Molecular Biology of Ovarian Epithelial Tumors Rodrigo F. Chuaqui,, Kristina A. Cole, Michael R. Emmert-Buck, and MariaJ. Merino, Annals of Diagnostic Pathology, Vol 2, No 3 (June), 1998: pp

104 BIBLIOGRAFIA - Cytogenetics and Molecular Genetics of Ovarian Cancer N. Wang. American Journal of Medical Genetics (Semin. Med. Genet.) 115: (2002) -LE IMMAGINI UTILIZZATE IN QUESTA PRESENTAZIONE SONO TRATTE DALLE SEGUENTI FONTI: - M.D. Abeloff, J.O. Armitage, J.E. Niederhuber, M.B. Kastan, W.G. McKenna. Clinical Oncology 3 edition. 2004: Bonadonna G, Robustelli Della Cuna G, Valagussa P. Medicina oncologica. Ed. Masson alcune delle immagini sono state tratte dagli articoli riportati in bibliografia.

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita guide CROinforma Piccole Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita Questa guida fornisce un informazione scientifica generale: soltanto il medico può, in base alla storia clinica e familiare

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO

LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO Pubblicazione ICRP Supporting Guidance 2 LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO Traduzione della ICRP SG2 Radiation and your patient: A guide for medical practitioners Annals

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica ESMO-ASCO Task Force on Global Curriculum in Medical Oncology (Task Force ESMO-ASCO per il Curriculum Globale in Oncologia

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Radiodays. Elio e le Storie Tese

Radiodays. Elio e le Storie Tese Radiodays Elio e le Storie Tese EFFETTI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SULL UOMO Elio Giroletti Dip. Fisica nucleare e teorica, Università di Pavia Ist. Naz. di Fisica Nucleare Sez. Pavia elio.giroletti@pv.infn.it

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO Quaderno n. 3 TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET): VALUTAZIONE DEL FABBISOGNO E PIANO DI INVESTIMENTO PER LA REGIONE

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Neoplasie Endocrine Multiple

Neoplasie Endocrine Multiple Neoplasie Endocrine Multiple di tipo 1 e 2 PREFAZIONE Le Neoplasie Endocrine Multiple (MEN) sono delle sindromi rare caratterizzate dalla presenza di iperplasie/neoplasie di numerose ghiandole endocrine

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli