NEOPLASIE DELL OVAIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.fisiokinesiterapia.biz NEOPLASIE DELL OVAIO"

Transcript

1 NEOPLASIE DELL OVAIO

2 NEOPLASIE DELL OVAIO ISTOGENESI GRUPPO ETEROGENEO DI NEOPLASIE PER EPIDEMIOLOGIA CLINICA

3 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA TUMORI EPITELIALI TUMORI GERMINALI TUMORI STROMALI

4 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA

5 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA TUMORI EPITELIALI originano dall epitelio celomatico di rivestimento 75% di tutte le neoplasie ovariche > 90% delle neoplasie ovariche maligne

6 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA originano dalle cellule germinali, dai tessuti embrionali o extraembrionali TUMORI GERMINALI differenziabili in base alla determinazione dell α-fetoproteina (AFP) e della gonadotropina corionica (HCG) tipici dell infanzia e dell adolescenza 5% delle neoplasie ovariche

7 NEOPLASIE DELL OVAIO CLASSIFICAZIONE ISTOGENETICA TUMORI STROMALI originano dallo stroma gonadico specializzato e non specializzato ± associati con effetti ormonali 4% delle neoplasie ovariche

8 NEOPLASIE DELL OVAIO Classificazione istologica dei tumori dell ovaio Cistoadenocarcinoma mucinoso: aspetto macroscopico Tumori epiteliali Tumori sierosi Tumori mucinosi Tumori endometriali Tumori a cellule chiare Tumori di Brenner Tumori indifferenziati Tumori misti Cistoadenocarcinoma sieroso: aspetto macroscopico

9 NEOPLASIE DELL OVAIO Classificazione istologica dei tumori dell ovaio Tumore a cellule della granulosa: aspetto macroscopico Fibroma : aspetto macroscopico Tumori dello stroma gonadico Tumori a cellule della granulosa Tecomi Fibromi Androblastomi Tumori mesenchimali Fibromi Linfomi Sarcomi

10 NEOPLASIE DELL OVAIO Classificazione istologica dei tumori dell ovaio Teratoma maturo: aspetto macroscopico Tumori germinali Disgerminoma Carcinoma embrionale Tumori del seno endodermico Coriocarcinomi Teratomi Disgerminoma: Aspetto macroscopico

11 EPIDEMIOLOGIA: il carcinoma dell ovaio è una neoplasia a bassa prevalenza ma ad elevata mortalità

12 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA EPIDEMIOLOGIA: - 1^ causa di morte per neoplasie ginecologiche - massima incidenza V-VI decade - incidenza diversa per aree geografiche: > incidenza nella razza caucasica, Europa nord occidentale, USA (10/100000) < incidenza Asia, Africa, America Latina, Giappone (3-4/100000)

13 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

14 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

15 EZIOLOGIA 3 POSSIBILI EVENTI SCATENANTI 1. traumi ripetuti dell epitelio di superficie durante le varie fasi del ciclo ovarico 2. invaginazione dell epitelio epitelio di superficie, nel periodo di riparazione che segue l ovulazione, con formazione di cisti inclusionali 3. stimolazione dell epitelio epitelio incluso da parte delle gonadotropine (LH-FSH)

16 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

17 EZIOLOGIA ORMONOTERAPIA I farmaci che inducono l ovulazione possono aumentare il rischio di CR dell ovaio a causa della continua stimolazione gonadotropinica

18 EZIOLOGIA - FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTTIVI MENARCA MENOPAUSA menarca precoce e menopausa tardiva sono associati ad un rischio aumentato

19 EZIOLOGIA RELAZIONE TRA OVULAZIONE E CANCEROGENESI il rischio di CR ovarico è DIRETTAMENTE correlato al PERIODO OVULATORIO ( n cicli ovulatori dal menarca alla menopausa) il rischio di CR ovarico è INVERSAMENTE correlato ai PERIODI ANOVULATORI (n gravidanze, allattamento, assunzione di estroprogestinici)

20 EZIOLOGIA PARITA la nulliparità si associa ad un rischio aumentato il n delle gravidanze è inversamente correlato al rischio di ammalare di CR ovarico

21 EZIOLOGIA La correlazione tra OVULAZIONE e CARCINOMA è confermata da una serie di considerazioni: NON ESISTONO T.OVARICI EPITELIALI PRIMA DEL MENARCA LA FREQUENZA DEL CR OVARICO DIMINUISCE CON L AUMENTARE DEL NUMERO DELLE GRAVIDANZE SPERIMENTALMENTE L AUMENTO DELL ATTIVITA OVULATORIA, ARTIFICIALMENTE INDOTTO, COMPORTA UN AUMENTO DELL INCIDENZA DI CR OVARICO

22 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

23 EZIOLOGIA DIETA una dieta ricca di grassi e alcool e povera di frutta e verdura si associerebbe ad un rischio aumentato di ammalare di CR ovarico

24 NEOPLASIE DELL OVAIO NEOPLASIE EPITELIALI: CARCINOMA TRAUMI RIPARAZIONE GONADOTROPINE FATTORI ENDOCRINI E RIPRODUTIVI CR OVARICO FATTORI GENETICI FATTORI DIETETICI

25 EZIOLOGIA - FATTORI GENETICI 5-13%dei casi viene riconosciuta una predisposizione genetica storia familiare positiva per CR ovarico correlata ad un rischio di ammalare aumentato di 3,6 volte rischio pari al 2% nelle donne che hanno già sviluppato un CR mammario

26 EZIOLOGIA - FATTORI GENETICI rischio pari al 6% nelle donne con familiari di 1 gradoche hanno sviluppato un CR mammario o del colon rischio pari al 50% nelle donne con due familiari di 1 grado con CR ovarico

27 EZIOLOGIA - FATTORI GENETICI ESISTONO TRE SINDROMI DI CR OVARICO EREDITARIO

28 breast and ovarian cancer syndrome entrambe le neoplasie hanno incidenza maggiore che nella popolazione generale presente nel 65-75% dei casi di CR ovarico ereditario

29 hereditary non polyposis colorectal cancer syndrome associata ad una maggiore frequenza di neoplasie colorettali ed endometriali costituitsce il 10-15% dei casi di CR ovarico ereditario

30 site-specific specific ovarian cancer syndrome costituitsce il 10-15% dei casi di CR ovarico ereditario

31 I geni le cui mutazioni predispongono al CR ovarico ereditario sono: BRCA1 90% dei casi BRCA2 10% dei casi

32 nelle famiglie che esprimono BRCA1 e BRCA2 esiste un rischio del 50% e del 26 % rispettivamente di sviluppare cancro ovarico entro l età di 70 anni. Nella popolazione generale tale rischio è del 1,8%

33 EZIOLOGIA FATTORI DI RISCHIO E FATTORI PROTETTIVI PER IL CR OVARICO FATTORI DI RISCHIO razza caucasica menarca precoce menopausa tardiva nulliparità farmaci pro-ovulatori età > 40 anni familiarità per CR ovarico familiarità per CR mammario mutazioni BRCA endometriosi ovarica FATTORI PROTETTIVI multiparità allattamento contraccettivi orali

34 PATOGENESI: LE NEOPLASIE DELL OVAIO VEDONO COINVOLTE NELLA LORO PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE MUTAZIONI GERMINALI ONCOGENI ONCOSOPPRESSORI

35 PATOGENESI:

36 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ONCOGENI ALTERAZIONI DI HER2 NEL CR DELL OVAIO HER 2 protoncogene (HER2/neu) localizzato sul cromosoma 17 (17q21) Codifica una proteina transmembrana ad attività TK ( p185) membrana cellulare p185 è una TK transmembrana

37 PATOGENESI: ALTERAZIONI GENETICHE p185 recettore dei fattori di crescita epiteliali, svolge un ruolo chiave in termini di: DIFFERENZIAZIONE ADESIONE MOTILITA CELLULARE IPERESPRESSA nel 25-30% dei CR ovarico AMPLIFICAZIONE del gene HER-2

38 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE L iperespressione di Her-2/ neu DETERMINA un fenotipo neoplastico mediante 2 principali meccanismi: 1. INDUZIONE RESISTENZA AL TNFα importante per la morte delle cellule tumorali sia in vitro che in vivo 2. ATTIVAZIONE GENICA PROLIFERAZIONE CELLULA NEOPLASTICA

39 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ALTERAZIONI DI HER2 NEL CR DELL OVAIO l attivazione costitutiva del recettore Her-2 2 segue alla sua dimerizzazione,, evento mediato da??????????

40 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ALTERAZIONI DI HER2 NEL CR DELL OVAIO Nelle cellule tumorali l iperespressione di Her-2 causa, per l eccessivo numero di molecole presenti, la DIMERIZZAZIONE SPONTANEA del RECETTORE

41 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE condizione fondamentale per l attivazione del recettore è la fosforilazione dei residui tirosinici in sede C- terminale nelle cellule tumorali, l iperespressione di Her-2 aumenta la fosforilazione della tirosina a livelli superiori a quelli osservati nelle cellule non neoplastiche

42 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE condizione fondamentale per l attivazione del recettore è la fosforilazione dei residui tirosinici in sede C- terminale mutazioni dei residui tirosinici in sede C-terminale si riscontrano nelle cellule tumorali

43 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE 1.La fosforilazione dei recettori determina l attivazione di molecole di adattamento quali GRB2/SHC 2.Le molecole di adattamento GRB2/SHC legano il recettore attraverso il dominio SH2 3.SOS (guanine-nucleotide exchange factor) interagisce con GRB2/SHC mediante il dominio SH3 di GRB2

44 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE 4.Il complesso è portato verso la faccia citoplasmatica del recettore 5.SOS catalizza la dissociazione di GDP da ras con formazione del complesso attivato GTP-ras 6.Il complesso GTP-ras attiva raf-1 che fosforila e attiva MEK 7. MEK a sua volta attiva MAP con il risultato di attivazione della trascrizione genica.

45 PATOGENESI:

46 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE anche i geni ras sono mutati nei tumori ovarici con alterazione dei meccanismi di trascrizione genica K-ras è frequentemente mutato nei tumori borderline e le mutazioni sono tipicamente associate al tipo mucinoso

47 PATOGENESI:

48 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ONCOSOPPRESSORI ALTERAZIONI DI TP53 NEL CR DELL OVAIO TP53 Gene onco-soppressore localizzato sul cromosoma 17 (17p13.1) che codifica per una fosfoproteina nucleare indicata come p53. RICONOSCIMENTO DEL DANNO DEL DNA RIPARAZIONE DEL DANNO BLOCCO CICLO CELLULARE INDUZIONE DELL APOPTOSI

49 ALTERAZIONI DI TP53 NEL CR DELL OVAIO CELLULA CON P53 NON MUTATO DANNO DNA attivazione p53 che si lega al DNA trascrizione geni bersaglio Radiazioni ionizzanti Sostanze mutagene Sostanze cancerogene CELLULA CON P53 MUTATO DANNO DNA MANCATA ATTIVAZIONE GENI p53 DIPENDENTI MANCATA RIPARAZIONE DNA CELLULA MUTATA p21 GADD45 bax aquisizione nuove mutazioni RIPARAZIONE APOPTOSI CELLULA NEOPLASTICA

50 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ALTERAZIONI DI TP53 NEL CR DELL OVAIO - MUTAZIONI DI TP53 SONO L ALTERAZIONE PIU FREQUENTE NEL CR OVARICO - RISCONTRATE MUTAZIONI DI TP53 NEL 50% DEI CR OVARICI AVANZATI - ASSENZA DI ALTERAZIONI DI TP53 NELLE NEOPLASIE OVARICHE BENIGNE -MUTAZIONI DI TP53 SONO INFREQUENTI NELLE FORME BORDERLINE

51 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE ALTERAZIONI DI TP53 NEL CR DELL OVAIO -MUTAZIONI DI TP53 SONO TIPICHE DELLE FORME MALIGNE E TENDONO AD AUMENTARE ALL AUMENTARE DELLO STADIO -FREQUENZA MUTAZIONI T.SIEROSI 58% T.ENDOMETRIOIDI 28% T.MUCINOSI 16% T.A CELLULE CHIARE 10% ANCORA INCERTO IL RUOLO PROGNOSTICO DELLE MUTAZIONI DI TP53

52 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE IPOTESI PROGRESSIONE LESIONI BENIGNE - CARCINOMA UNA SERIE DI CONSIDERAZIONI HA DETERMINATO LA FORMULAZIONE DEL MODELLO RELATIVO ALLA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLE LESIONI BENIGNE IN MALIGNE DELL EPITELIO OVARICO

53 PATOGENESI: MUTAZIONI SOMATICHE IPOTESI PROGRESSIONE LESIONI BENIGNE - CARCINOMA UNA SERIE DI CONSIDERAZIONI E A FAVORE DELLA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLE FORME BENIGNE IN MALIGNE 1.la perdita di eterozigosi in 11p15.5, presente nelle forme istologiche ad alto grado, è stata identificata anche nelle lesioni benigne e in quelle borderline 2.mutazioni di TP53 non sono state rilevate nelle lesioni benigne, ma sono presenti nelle forme borderline adiacenti al CR invasivo e nelle cisti inclusionali a distanza

54 QUADRO CLINICO SEGNI E SINTOMI ASINTOMATICO fino alle fasi tardive KILLER SILENZIOSO 75-80% dei casi malattia avanzata alla diagnosi (III-VI stadio) 10% dei casi diagnosi allo stadio I DIAGNOSI OCCASIONALE 10% dei casi diagnosi di malattia limitata alla pelvi

55 QUADRO CLINICO SEGNI E SINTOMI sono tardivi e dovuti all aumento aumento di volume della massa ed alla presenza di ascite - aumento di volume dell addome ± dolore e meteorismo - alterazioni della digestione ( stipsi, diarrea) - anoressia e calo ponderale - sanguinamento vaginale anomalo (raro)

56 DIAGNOSI ESAME CLINICO: 1.PALPAZIONE BIMANUALE RETTO-VAGINALE la massa deve essere abbastanza grande per essere palpata NEOPLASIA BENIGNA CHE HA RAGGIUNTO GRANDI DIMENSIONI SENZA DARE SEGNI E SINTOMI NEOPLASIA MALIGNA IN FASE AVANZATA

57 DIAGNOSI ESAME CLINICO: 2.PALPAZIONE E PERCUSSIONE DELL ADDOME evidenziano la distensione addominale, la presenza di ascite e la presenza di masse omentali

58 DIAGNOSI ESAME CLINICO: 3.ESAME CLINICO GENERALE volto a ricercare la presenza di metastasi linfonodali superficiali, la presenza di versamento pleurico, l edema agli arti inferiori

59 DIAGNOSI INDAGINI STRUMENTALI ECOGRAFIA PELVICA - utile per diagnosi e follow-up - alta sensibilità, ma bassa specificità - superiore la metodica transvaginale - metodica color-doppler per identificare la vascolarizzazione delle neoformazioni

60 DIAGNOSI INDAGINI STRUMENTALI ECOGRAFIA PELVICA Caratteristiche ecografiche di malignità : - tumescenza cistica multiloculata con foci solidi - tumescenza uniloculata con vegetazioni endocistiche - tumescenza solida con spazi cistici

61 DIAGNOSI dopo la formulazione di un ipotesi diagnostica su base clinica è fondamentale la conferma istologica

62 DIAGNOSI INDAGINI STRUMENTALI - BIOPTICHE BIOPSIA CON AGO SOTTILE SOTTO GUIDA ECOGRAFICA - permette la valutazione istologica che fornisce diagnosi certa - rischio di spandimento endoperitoneale di cellule neoplastiche CITOLOGIA DEL LIQUIDO PERITONEALE - riservata a casi particolari - importante per diagnosi e follow-up

63 DIAGNOSI ESAMI DI LABORATORIO CEA - marcatore principale per neoplasie del colon, si riscontrano valori > a 5 ng/ml nel 65% delle pazienti con ADENOCARCINOMA MUCINOSO -i valori tornano nel range di normalità da 2 a 12 settimane dopo chirurgia radicale della neoplasia -una valutazione ogni 3 mesi dei valori del marcatore è raccomandabile per valutare l eventuale ripresa di malattia - utilizzare solo in caso di ADENOCARCINOMA MUCINOSO

64 DIAGNOSI ESAMI DI LABORATORIO CA 125 -elevati valori nell 80% dei CR ovarici non mucinosi - livelli correlati all andamento della malattia - non utilizzato come esame di screening - utilizzato come mezzo diagnostico complementare e nel successivo decorso clinico

65 Incidenza, istogenesi, istopatologia i tumori epiteliali derivano dall epitelio di superficie dell ovaio

66 ISTOPATOLOGIA In base al tipo cellulare di origine vengono suddivisi in SIEROSO MUCINOSO ENDOMETRIOIDE A CELLULE CHIARE ogni istotipo si può presentare in forma BENIGNA, BORDERLINE o MALIGNA T. DI BRENNER

67 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE CISTOADENOCARCINOMA SIEROSO istotipo più frequente (1/2 dei tumori epiteliali maligni) massa solida o solido-cistica aree di emorragia e necrosi istotipo più aggressivo dopo il CR indifferenziato frequentemente bilaterale elevata tendenza alla disseminazione peritoneale e retroperitoneale

68 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE CISTOADENOCARCINOMA MUCINOSO 10%tumori ovarici epiteliali maligni neoformazione cistica multilobulata grosso diametro epitelio simile a quello intestinale generalmente unilaterale disseminazione peritoneale

69 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE ADENOCARCINOMA ENDOMETRIOIDE 15% dei tumori epiteliali diametro variabile frequentemente unilaterale invasività locale, scarsa tendenza alla diffusione peritoneale ma frequente diffusione retroperitoneale aspetto papillare con abbondante secrezione di muco

70 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE CISTOADENOCARCINOMA A CELLULE CHIARE istotipo meno frequente (5%) solitamente unilaterale tendenza alla diffusione peritoneale, retroperitoneale e a distanza

71 CORRELAZIONI ANATOMO-CLINICHE CARCINOMA INDIFFERENZIATO massa solida di grosse dimensioni estese aree di emorragia e necrosi elevata aggressività prognosi infausta diffusione peritoneale, retroperitoneale ed ematica solitamente stadio avanzato alla diagnosi TUMORE DI BRENNER rarissimo frequentemente unilaterale

72 STORIA NATURALE INTRAPERITONEALE VIE DI DIFFUSIONE RETROPERITONEALE EMATICA

73 STORIA NATURALE DIFFUSIONE INTRAPERITONEALE via di diffusione principale Le cellule neoplastiche sfaldate cadono in cavità peritoneale e si impiantano su PERITONEO OMENTO SUPERFICIE PERITONEALE DEL DIAFRAMMA

74 STORIA NATURALE DIFFUSIONE RETROPERITONEALE Vengono interessati LN LATEROCAVALI LN INTRAORTICI LN PERIAORTICI LN LATEROAORTICI LN ILIACI ESTERNI E COMUNI LN PARAORTICI

75 STORIA NATURALE DIFFUSIONE EMATICA via di diffusione meno frequente -metastasi epatiche e polmonari sono presenti alla diagnosi < 5% dei casi -metastasi ossee (osteolitiche) e cerebrali sono eccezionali

76 STADIAZIONE LA DIAGNOSI DEFINITIVA E LA STADIAZIONE SONO GENERALMENTE POST-CHIRURGICHE STADIAZIONE PRECHIRURGICA: METODICHE DIAGNOSTICHE -RX TORACE E APPARATO URINARIO -CLISMA CON DOPPIO CONTRASTO - LINFOGRAFIA - TC E RMN ADDOMINO-PELVICA -CITOLOGIA PERITONEALE -LAPAROSCOPIA

77 STADIAZIONE LA DIAGNOSI DEFINITIVA E LA STADIAZIONE SONO GENERALMENTE POST-CHIRURGICHE STADIAZIONE CHIRURGICA - CITOLOGIA LIIQUIDO PERITONEALE SE PRESENTE - VALUTAZIONE SITUAZIONE OVARICA - ASPORTAZIONE TUMORE - ESPLORAZIONE CAVITA PERITONEALE - BIOPSIE RANDOM DEL PERITONEO E DI TUTTE LE AREE SOSPETTE - OMNETECTOMIA - APPENDICECTOMIA -LINFADENECTOMIA -OVOSALPINGECTOMIA E ISTERECTOMIA SE NECESSARIO

78 STADIAZIONE

79 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

80 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

81 PROGNOSI 1.STADIO CLINICO: Sopravvivenza a 5 anni secondo lo stadio STADIO Ia Ib Ic IIa IIb IIc IIIa IIIb IIIc IV SOPRAVVIVENZA A 5 ANNI 90% 85% 80% 70% 64% 66,5% 58,5% 40% 29% 17%

82 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

83 PROGNOSI 2.TIPO ISTOLOGICO Sopravvivenza a 5 anni secondo il tipo istologico TIPO ISTOLOGICO I-II II STADIO III-IV IV STADIO GLOBALE SIEROSO 83% 30% 40% MUCINOSO 90% 33% 68,5% ENDOMETRIOIDE 82% 35% 59,5% CELLULE CHIARE 80% 27% 59% INDIFFERENZIATO 58% 23% 33% MISTO 77% 29% 53%

84 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

85 GRADING ISTOLOGICO GX GRADO ISTOLOGICO NON STABILITO G1 NEOPLASIA BEN DIFFERENZIATA G2 NEOPLASIA MODERATAMENTE DIFFERENZIATA G3 NEOPLASIA POCO DIFFERENZIATA/INDIFFERENZIATA

86 PROGNOSI 3.GRADING Sopravvivenza a 5 anni rispetto al grado istologico GRADO ISTLOGICO G1 G2 G3 91,8% I-II II STADIO 73,6% 66,2%

87 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

88 PROGNOSI 5.ETA La prognosi è migliore nelle donne giovani

89 PROGNOSI STADIO CLINICO TIPO ISTOLOGICO PROGNOSI MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURGIA ETA GRADO ISTOLOGICO

90 PROGNOSI 4. MALATTIA RESIDUA POST-CHIRURUGIA Sopravvivenza a 5 anni rispetto alla malattia residua MALATTIA RESIDUA non residuo microscopico non residuo macroscopico residuo < 2 cm residuo > 2 cm SOPRAVVIVENZA A 5 ANNI 59% 55% 42% 15%

91 TERAPIA CHIRURGIA il trattamento è elettivamente chirurgico Forme iniziali : solo il 23% è diagnosticabile agli stadi I e II LAPAROTOMIA ISTERECTOMIA ANNESSIECTOMIA BILATERALE OMENTECTOMIA APPENDICECTOMIA + esplorazione retroperitoneale con sampling linfonodale, lavaggio peritoneale, biopsie random della cavità peritoneale e di ogni lesione sospetta

92 TERAPIA CHIRURGIA FORME INIZIALI BASSO RISCHIO DI RECIDIVA -STADIO IA-IB -T. BEN DIFFERENZIATO - T. NON A CELLULE CHIARE CHIRURGIA RISOLUTIVA NEL 95%DEI CASI TERAPIA ADIUVANTE: NON INDICATA ALTO RISCHIO DI RECIDIVA -STADIO IC-II -MODERATAMENTE O SCARSAMENTE DIFFERENZIATO + CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE

93 TERAPIA PAZIENTI GIOVANI - annessiectomia monolaterale - biopsia ovaio controlaterale - revisione cavità uterina - omentectomia - appendicectomia - linfadenectomia monolaterale - biopsie peritoneali multiple consente di conservare la capacità gestazionale

94 TERAPIA CHIRURGIA FORME AVANZATE CITORIDUZIONE (DEBULKY) CHIRURGIA ESTESA CHEMIOTERAPIA

95 TERAPIA RADIOTERAPIA - RT ENDOPERITONEALE - RT TRANSCUTANEA non sembra svolgere un ruolo terapeutico reale e non offre vantaggi rispetto alla chemioterapia della quale supera gli effetti tossici

96 TERAPIA CHEMIOTERAPIA CT DI PRIMA LINEA - il CR ovarico è uno dei tumori più chemiosensibili - in passato utilizzati soprattutto ALCHILANTI e ANTRACICLINE -attualmenmte si utilizzano schemi terapeutici contenenti derivati del PLATINO - buoni i risultati ottenuti con l utilizzo dei TAXANI

97 TERAPIA come per il CR della mammella anche nel CR ovarico si può parlare di TARGET THERAPY Her-2 è bersaglio della target therapy: Ab monoclonali reattivi con p185 ( TRASTUZUMAB/HERCEPTIN)

98 PREVENZIONE Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità per effettuare uno SCREENING è necessario che: 1. La malattia sia un importante problema di salute pubblica Il carcinoma ovarico è una malattia importante per la sua elevata mortalità, ma è caratterizzato da una BASSA PREVALENZA

99 PREVENZIONE Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità per effettuare uno SCREENING è necessario che: 2. La neoplasia sia di facile diagnosi La diagnosi di CR ovarico è oggi effettuata mediante ECOGRAFIA e dosaggio di CA125, ma entrambe le indagini non sono adeguate per una efficace prevenzione : - < 50% dei CR ovarici precoci è associato a livelli elevati di CA125 -in premenopausa, i livelli di CA125 subiscono variazioni con il ciclo mestruale -I livelli del marcatore possono essere elevati anche in condizioni nonneoplastiche - l ECO è caratterizzata da un alta quota di falsi positivi - l accettabilità dell eco transvaginale è alta in donne giovani,ma bassa nelle donne in menopausa.

100 PREVENZIONE Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità per effettuare uno SCREENING è necessario che: 3. La storia naturale della malattia sia ben nota per permettere di stabilire i tempi di esecuzione dello screening Nel carcinoma ovarico la storia naturale non è nota così come non è noto il tempo di progressione da uno stadio iniziale ad uno stadio avanzato

101 PREVENZIONE Attualmente non è possibile effettuare screening per il CR ovarico ma. ESAME CLINICO DOSAGGIO CA125 ECO PELVICA Eseguiti ogni 6 mesi dall età di 40 anni offrono > possibilità di diagnosi precoci. Nelle donne con familiarità per CR ovarico, tali indagini vanno eseguite a partire dall età anni

102 BIBLIOGRAFIA - M.D. Abeloff, J.O. Armitage, J.E. Niederhuber, M.B. Kastan, W.G. McKenna. Clinical Oncology 3 edition. 2004: Bonadonna G, Robustelli Della Cuna G, Valagussa P. Medicina oncologica. Ed. Masson Ovarian Cancer: Epidemiology, Biology, and Prognostic Factors. Christine h. Holschneider, Jonathan s. Berek Seminars in Surgical Oncology 2000; 19:3 10, - Estrogen receptors and theirdownstream targets in cancer. K.Ikeda,S.Inoue. Arch Istol Cytol (2004), 67(5): Estrogen, Progesterone and Epithelial Ovarian Cancer. SM HoReproductive Biology and Endocrinology 2003, 1:73 - Loss of ERb expression as a common step in estrogen-dependent tumor progression. A Bardin, N Boulle, G Lazennec, F Vignon and P Pujol Endocrine-Related Cancer (2004), 11: Molecular genetics of gynecologic cancer. JD Whang, JH Lee. JKMS 1997,12, The genetics of ovarian cancer. PDP Pharoah, BAJ Ponder. Best practice& Research ClinicalObstetrics and Gynaecology Vol 16, n 4, Some genetics aspects of ovarian cancer. H Van den Berghe, P Dal Cin. European Journal of Ostetrics & Gynecology and Reproductive Biology. 81 (1998).

103 BIBLIOGRAFIA -BRCA1 and BRCA2 and the genetics of breast and ovarian cancer. PL Welcsh, MC King. Human Molecular Genetisc, 2001,1(7) Role of BRCA1 and BRCA2 as regulators of DNA repair, transcription, and cell cycle in response todna damage Kiyotsugu Yoshida and Yoshio Miki Cancer Sci. (2004), 95 : Role of BRCA gene dysfunction in breast and ovarian cancer predispsition. R.Scully. Breast Cancer Res 2000, 2: Mutational spectrum of p53 mutation in primary breast and ovarian tumors. A.Feki, I Irminger-Finger. Critical Rewievs in Oncology Hematology 52 (2004) TP53 and Ovarian Cancer. M. Schuijer.E M.J.J. BernsHUMAN MUTATION 21:285^291 (2003) - A Review of p53 Expression and Mutation in HumanBenign, Low Malignant Potential, and Invasive Epithelial Ovarian Tumors. Leanne M. Kmet,Linda S. Cook, Ph.D.Anthony M. Magliocco, CANCER January 15, 2003 / Volume 97 / Number 2 - Molecular aspect of ovarian cancer. RM Wenham, JM Lancaster, A Berchuck. Best practice& Research ClinicalObstetrics and Gynaecology Vol 16, n 4, HER-2/neu signal transduction in human breast and ovarian cancer. DM Reese, DJ Slamon. Steem cells 1997, 15:1-8 - Biomarkers of ovarian tumours AV. Rapkiewicz, V Espina, E F. Petricoin, LA. Liotta.European Journal of Cancer 40 (2004) Histopathology and Molecular Biology of Ovarian Epithelial Tumors Rodrigo F. Chuaqui,, Kristina A. Cole, Michael R. Emmert-Buck, and MariaJ. Merino, Annals of Diagnostic Pathology, Vol 2, No 3 (June), 1998: pp

104 BIBLIOGRAFIA - Cytogenetics and Molecular Genetics of Ovarian Cancer N. Wang. American Journal of Medical Genetics (Semin. Med. Genet.) 115: (2002) -LE IMMAGINI UTILIZZATE IN QUESTA PRESENTAZIONE SONO TRATTE DALLE SEGUENTI FONTI: - M.D. Abeloff, J.O. Armitage, J.E. Niederhuber, M.B. Kastan, W.G. McKenna. Clinical Oncology 3 edition. 2004: Bonadonna G, Robustelli Della Cuna G, Valagussa P. Medicina oncologica. Ed. Masson alcune delle immagini sono state tratte dagli articoli riportati in bibliografia.

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

Neoplasia maligna dell ovaio:

Neoplasia maligna dell ovaio: Neoplasia maligna dell ovaio: Nozioni generali: Le ovaie sono due organi di forma ovoidale, alloggiati nella pelvi femminile, ai lati destro e sinistro dell utero. Hanno il compito di produrre ovuli in

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Epidemiologia quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Fattori di rischio Fumo di sigaretta (O.R. 2-2.5) Dieta ipolipidica e a basso contenuto

Dettagli

I TUMORI DELL OVAIO. Prof. Francesco Sesti

I TUMORI DELL OVAIO. Prof. Francesco Sesti I TUMORI DELL OVAIO Prof. Francesco Sesti NEOFORMAZIONI OVARICHE CISTICHE SOLIDE FUNZIONALI ORGANICHE NEOFORMAZIONI OVARICHE Sono indispensabili un approccio chirurgico ed un esame anatomopatologico per

Dettagli

La sorveglianza ginecologica e il trattamento chirurgico: quando e come

La sorveglianza ginecologica e il trattamento chirurgico: quando e come La sorveglianza ginecologica e il trattamento chirurgico: quando e come Dr.ssa Nicoletta Donadello Dr. Giorgio Formenti Ginecologia e Ostetricia A Ospedale F. Del Ponte Carcinoma ovarico e predisposizione

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio Il Carcinoma dell Endometrio Prof. Francesco Sesti EPIDEMIOLOGIA - Il carcinoma dell endometrio endometrio rappresenta nel mondo il secondo tumore femminile con 189.000 nuovi casi per anno, preceduto solo

Dettagli

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI I MARCATORI TUMORALI CLASSICI Serenella Valaperta - Laboratorio Analisi Vanzago, 14 aprile 2011 Marcatore tumorale una sostanza misurabile quantitativamente nei tessuti e nei liquidi corporei, che possa

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

CANCRO DELLA MAMMELLA

CANCRO DELLA MAMMELLA II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI Corso di laurea in Medicina e Chirurgia Sede di Caserta CANCRO DELLA MAMMELLA Anno Accademico 2006-2007 EPIDEMIOLOGIA INCIDENZA neoplasia tipica e frequente, ma non

Dettagli

LINEE GUIDA IN ONCOLOGIA GINECOLOGICA

LINEE GUIDA IN ONCOLOGIA GINECOLOGICA LINEE GUIDA IN ONCOLOGIA GINECOLOGICA Le Linee-guida tendono ad esprimere comportamenti diagnostici e clinici considerati possibili e sufficienti sulla base di fattibilità ed ampia accettazione da parte

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA OVARICO

LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA OVARICO 1 SDN News Newsletter SDN on-line Marzo-Aprile 2013 LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA OVARICO NUOVI MARCATORI E TECNICHE DI IMAGING Il carcinoma ovarico rappresenta circa il 30% di tutti i tumori maligni dell

Dettagli

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice)

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori dell apparato genitale femminile ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori del collo dell utero (cervice) Benigni: polipo cervicale Maligni: carcinoma

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

ANALISI HTA PER L INTRODUZIONE DI UN PDT PER CARCINOMA OVARICO NELL A.O. LUIGI SACCO

ANALISI HTA PER L INTRODUZIONE DI UN PDT PER CARCINOMA OVARICO NELL A.O. LUIGI SACCO UNIVERSITÀ CARLO CATTANEO LIUC Corso di Perfezionamento Universitario in Health Technology Assessment ANALISI HTA PER L INTRODUZIONE DI UN PDT PER CARCINOMA OVARICO NELL A.O. LUIGI SACCO Relatore: Dott.ssa

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

RUOLO DEI MARCATORI TUMORALI NELLA PRATICA CLINICA

RUOLO DEI MARCATORI TUMORALI NELLA PRATICA CLINICA RUOLO DEI MARCATORI TUMORALI NELLA PRATICA CLINICA CATTEDRA DI PATOLOGIA CLINICA FACOLTA DI MEDICINA DELL UNIVERSITA DI UDINE CHE COSA SI INTENDE PER MARCATORE TUMORALE? DEFINIZIONE DI MARCATORE TUMORALE

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

CANCRO DELLO STOMACO. CANCRO DELLO STOMACO Fattori di rischio - I - CANCRO DELLO STOMACO

CANCRO DELLO STOMACO. CANCRO DELLO STOMACO Fattori di rischio - I - CANCRO DELLO STOMACO Epidemiologia 4 causa di morte per Ca nel M dopo polmone, intestino e prostata incidenza variabile in diverse parti del mondo, in declino in USA e CE ancora assai elevata in Giappone, Cile, Islanda, RSM

Dettagli

Marcatori Genetici Tumorali

Marcatori Genetici Tumorali a scuola di scienze della vita Liceo Scientifico N. Tron Schio (VI), 16 dicembre 2008 Marcatori Genetici Tumorali Tommaso Scarpa Schio (VI) - 16 Dicembre 2008 Il Tumore è una malattia genetica. 1 sola

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

Tessuti ovarici e origine delle neoplasie. Patologia benigna e maligna dell ovaio. scaricato da www.sunhope.it

Tessuti ovarici e origine delle neoplasie. Patologia benigna e maligna dell ovaio. scaricato da www.sunhope.it Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione Tessuti ovarici e origine delle neoplasie Epitelio superficiale Cellule germinali Stroma

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

Tumori della vescica e della via urinaria.

Tumori della vescica e della via urinaria. Tumori della vescica e della via urinaria. Il quadro clinico delle neoplasie dell urotelio è in genere dominato dall ematuria macroscopica (presenza nelle urine di sangue visibile ad occhio nudo) nel 75%

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Malattie dell ovaio Lez 17/12/07 prof Cobelllis Oggi parliamo di patologie a carico del ovaio. L ovaio è colpito da patologie sia benigne che maligne, le quali originano da ben precise compagini tissutali.

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Progetti di ricerca in Ginecologia Oncologica

Progetti di ricerca in Ginecologia Oncologica Dipartimento Materno-Infantile Unità Operativa di Ostetricia Ginecologia Direttore: Prof. Giovanni Battista La Sala Unità Operativa di Ginecologia Chirurgica Oncologica Direttore: Dr. Martino Abrate Progetti

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio

I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio I. I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio La maggior parte dei tumori che colpiscono mammella e ovaio sono sporadici, cioè le alterazioni del patrimonio genetico insorgono durante l arco della

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità Operativa Di Radioterapia Azienda Ospedaliera Di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina APPROCCIO RADIOTERAPICO I tumori primitivi del mediastino di interesse radioterapico sono

Dettagli

L Assistenza Infermieristica nella Chirurgia Oncologica della Donna. Policlinico S.Orsola-Malpighi,

L Assistenza Infermieristica nella Chirurgia Oncologica della Donna. Policlinico S.Orsola-Malpighi, L Assistenza Infermieristica nella Chirurgia Oncologica della Donna Dott. Pierandrea De Iaco C.P.S. Inf. Angela Avino Policlinico S.Orsola-Malpighi, Benvenuti nella Sala Operatoria di Oncologica Ginecologica

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

La predisposizione genetica ai tumori WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

La predisposizione genetica ai tumori WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ La predisposizione genetica ai tumori WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Il Cancro è una malattia genetica Il sillogismo aristotelico nell era del DNA Socrate è un uomo. Gli uomini sono mortali. Socrate è mortale.

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE A. Sardaro Epidemiologia Rappresenta circa 1% di tutti i carcinomi mammari e

Dettagli

La SINDROME del CARCINOMA EREDITARIO della MAMMELLA e dell OVAIO

La SINDROME del CARCINOMA EREDITARIO della MAMMELLA e dell OVAIO Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli La SINDROME

Dettagli

BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori

BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 Origine dei

Dettagli

Ginecologia Oncologica Una offerta di prevenzione Donna

Ginecologia Oncologica Una offerta di prevenzione Donna Ginecologia Oncologica Una offerta di prevenzione Donna Il SSN prevede l esecuzione ogni tre anni del Pap test come prevenzione oncologica nella donna del tumore del collo dell utero dai 25 ai 64 anni

Dettagli

Università degli Studi dell Insubria. Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea in OSTETRICIA

Università degli Studi dell Insubria. Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea in OSTETRICIA Disciplina: ANATOMIA PATOLOGICA Docente: Prof.ssa Cristina RIVA Nello specifico: Generalità e metodi dell Anatomia Patologica Citologia esfoliativa cervicovaginale; screening citologico delle patologie

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

Neoplasie degli apparati genitale e urinario. Ovaio Vescica Prostata Testicolo

Neoplasie degli apparati genitale e urinario. Ovaio Vescica Prostata Testicolo Neoplasie degli apparati genitale e urinario Ovaio Vescica Prostata Testicolo Neoplasie dell ovaio Anatomia patologica Mortalità Utero Mammella Pancreas Frequenza per 100,000 donne 80 70 Ovaio Stomaco

Dettagli

Linee guida TUMORI DELL'OVAIO

Linee guida TUMORI DELL'OVAIO Linee guida TUMORI DELL'OVAIO Edizione 2013 Coordinatore: Pierfranco Conte Segretario Scientifico: Roberto Sabbatini Estensori: Referee AIOM Antonella Savarese Angiolo Gadducci, Sandro Pignata, Giovanni

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

Polipi. Sessili. Peduncolati

Polipi. Sessili. Peduncolati Polipi Sessili Peduncolati Polipi Intestinali Polipi iperplastici 25% Polipi amartomatosi

Dettagli

Le neoplasie vescicali. fabrizio dal moro

Le neoplasie vescicali. fabrizio dal moro fabrizio dal moro Epidemiologia - INCIDENZA: maschi 24,6/100.000 femmine 3,1/100.000 - MORTALITA : 3% di tutti i decessi per neoplasie maligne (3000 pz) Epidemiologia Secondo tutti gli Autori la fascia

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ 1 2 3 SOMMARIO 3 Il tumore della mammella: dati epidemiologici 4 I fattori di rischio 6 I sintomi 7 La prevenzione 12 La terapia e la prognosi 15 Domande&Risposte

Dettagli

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Probabilità nella Popolazione Generale Carcinoma mammario 11% Carcinoma dell ovaio 0.7% PERCHE UNA CONSULENZA GENETICA ONCOLOGICA?

Dettagli

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria)

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria) I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M A cura del Dott. G.Antonini RIASSUNTO La classificazione della Unione Internazionale Contro il Cancro ha proposto una classificazione in base alle dimensioni

Dettagli

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Convegno 26 Maggio 2012 Sala E. De Pasquale del Palazzo Comunale di Latina Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Dott. Enzo Veltri Direttore U.O.C Oncologia Latina 1 Mortalità

Dettagli

Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001

Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001 Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001 A. Sutera Sardo, A. Mazzei, F. Rizzuto Introduzione Da sempre l epidemiologia può contribuire a misurare lo stato di salute della popolazione,

Dettagli

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Definizione Una sostanza misurabile quantitativamente nei

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

FIBROMI UTERINI. Il fibroma, o fibroleiomioma, è un tumore benigno che origina dal tessuto muscolare

FIBROMI UTERINI. Il fibroma, o fibroleiomioma, è un tumore benigno che origina dal tessuto muscolare FIBROMI UTERINI Il fibroma, o fibroleiomioma, è un tumore benigno che origina dal tessuto muscolare uterino. E uno dei più comuni tumori dell intero organismo: studi clinici segnalano un incidenza del

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO

CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO a cura del Dr.G.antonini Quali sono i fattori rischio per il carcinoma della mammella? Il fattore rischio indica la possibilità statistica di ammalare di una

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

Screening in oncologia ginecologica

Screening in oncologia ginecologica Screening in oncologia ginecologica prof. Cobellis 10/12/2007 Oggi parleremo di screening in oncologia ginecologica. In ginecologia, l esempio di quanto sia importante uno screening ben fatto e ben condotto

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nella gestione dei soggetti ad aumentato rischio di tumori eredofamiliari

Il ruolo del medico di medicina generale nella gestione dei soggetti ad aumentato rischio di tumori eredofamiliari Il ruolo del medico di medicina generale nella gestione dei soggetti ad aumentato rischio di tumori eredofamiliari IEO 9 maggio 2012 Prevenzione del carcinoma mammario con fenre0nide in giovani donne a

Dettagli

Linee Guida AIOM. Tumori epiteliali dell ovaio. Coordinatore: PierFranco Conte. Estensori: Roberto Sabbatini

Linee Guida AIOM. Tumori epiteliali dell ovaio. Coordinatore: PierFranco Conte. Estensori: Roberto Sabbatini Linee Guida AIOM Tumori epiteliali dell ovaio Coordinatore: PierFranco Conte Estensori: Roberto Sabbatini Revisori: Sandro Pignata Aggiornate al 14 settembre 2005 Treviglio, 24 giugno 2005 Le linee-guida

Dettagli

definita ma si considera che idealmente sia tra i 35 e i 40 anni, dopo aver completato il progetto riproduttivo. Il beneficio aggiuntivo dell

definita ma si considera che idealmente sia tra i 35 e i 40 anni, dopo aver completato il progetto riproduttivo. Il beneficio aggiuntivo dell Allegato A FOLLOW-UP DOPO TRATTAMENTO PER CARCINOMA DELLA MAMMELLA IN PAZIENTI PORTATRICI DI MUTAZIONE DI BRCA O AD ALTO RISCHIO FAMILIARE IN ASSENZA DI MUTAZIONE NOTA Per quanto riguarda il Follow-up

Dettagli

TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO. Anna Myriam Perrone. myriam.perrone@aosp.bo.it

TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO. Anna Myriam Perrone. myriam.perrone@aosp.bo.it TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO Anna Myriam Perrone myriam.perrone@aosp.bo.it SSD Oncologia Ginecologica Responsabile dr. P. DE IACO Azienda ospedaliero-universitaria S. Orsola Malpighi

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. 1. Stadiazione La stadiazione della paziente con tumore della mammella iniziale comprende l esame obiettivo, un emocromo e un

Dettagli

Cancro della mammella nelle teen-agers

Cancro della mammella nelle teen-agers Cancro della mammella nelle teen-agers Società Triveneta di Chirurgia Padova 12 dicembre 2014 Dott.ssa E. Goldin Dott. A. Marchet Dott. A. Varotto Prof. D. Nitti U.O. Clinica Chirurgica I Padova CASO CLINICO

Dettagli

CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO

CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO NUOVO OSPEDALE DI SANTORSO Unità Operativa Complessa di Chirurgia Direttore: Dott. Matteo Rebonato CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO Dott.ssa M. Fontana,

Dettagli

La predisposizione genetica ai tumori

La predisposizione genetica ai tumori La predisposizione genetica ai tumori Il Cancro è una malattia genetica Il sillogismo aristotelico nell era del DNA Socrate è un uomo. Gli uomini sono mortali. Socrate è mortale. Socrate è mortale. Il

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Epidemiologia Epidemiologia - 1 Incidenza delle neoplasie cerebrali In Europa 5 casi su 100.000 abitanti/anno 2% di tutte le morti per cancro Negli ultimi

Dettagli

Pezzi operatori. Immagini colonscopia

Pezzi operatori. Immagini colonscopia UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA CLINICA DI GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA Direttore: Prof. Antonio Morelli GASTROENTEROLOGIA ed EPATOLOGIA: POLIPI e CANCRO del COLON RETTO Dott. Danilo Castellani Polipo

Dettagli

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto. Gianna Regis

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto. Gianna Regis Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto Gianna Regis L intestino L intestino è un organo dell apparato gastro-enterico L intestino L intestino si divide

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

Come con l'aiuto del calore e di farmaci la chirurgia può oggi sconfiggere i tumori del peritoneo

Come con l'aiuto del calore e di farmaci la chirurgia può oggi sconfiggere i tumori del peritoneo Come con l'aiuto del calore e di farmaci la chirurgia può oggi sconfiggere i tumori del peritoneo La chirurgia associata a Chemioipertermia Intraoperatoria Negli ultimi anni le possibilità di trattamento

Dettagli

Il carcinoma dell endometrio rappresenta il cancro più comune dell apparato genitale femminile nei paesi industrializzati con una incidenza di 20/100

Il carcinoma dell endometrio rappresenta il cancro più comune dell apparato genitale femminile nei paesi industrializzati con una incidenza di 20/100 INTRODUZIONE 1 Il carcinoma dell endometrio rappresenta il cancro più comune dell apparato genitale femminile nei paesi industrializzati con una incidenza di 20/100 000 casi l anno. (1) La diagnosi viene

Dettagli

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma METASTASI POLMONARI Terapia Oncologica Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Metastasi polmonari: EPIDEMIOLOGIA Prevalenza nelle autopsie di

Dettagli

Linfedema dell arto superiore nei 24 mesi successivi al trattamento chirurgico

Linfedema dell arto superiore nei 24 mesi successivi al trattamento chirurgico FOLLOW-UP 01 Linfedema dell arto superiore nei 24 mesi successivi al trattamento chirurgico 100 A S L 20 DESCRIZIONE: stima la proporzione di pazienti che sviluppano un linfedema dell arto superiore nei

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA 1. Background Epidemiologico Il tumore della mammella, all interno del gruppo delle malattie neoplastiche, rappresenta di gran lunga il

Dettagli

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia rapia RCCS ultimedica Cosa è un Centro di Senologia Il Centro di Senologia dell Ospedale MultiMedica di Castellanza è un luogo di cura studiato per

Dettagli

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI UNIVERSITA DI ROMA LA SAPIENZA CATTEDRA DI CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Prof. Giorgio Iannetti TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI ANATOMIA

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto?

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? A cura del Dr.G.Antonini Non esiste un modo sicuro per prevenire il cancro al seno. Ma ci sono cose che tutte le donne possono fare che potrebbero ridurre

Dettagli

Cos'è il tumore al seno

Cos'è il tumore al seno Cos'è il tumore al seno Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. In realtà non è una ghiandola sola, ma un insieme di strutture

Dettagli

FERTILITÀ E GRAVIDANZA IN DONNE AFFETTE DA TUMORE AL SENO. Rispondono gli esperti alle tue domande

FERTILITÀ E GRAVIDANZA IN DONNE AFFETTE DA TUMORE AL SENO. Rispondono gli esperti alle tue domande FERTILITÀ E GRAVIDANZA IN DONNE AFFETTE DA TUMORE AL SENO Rispondono gli esperti alle tue domande Indice Premesse, Francesca Merzagora Introduzione I parte: Gravidanza e tumore al seno, Fedro Peccatori

Dettagli

IL TUMORE DEL TESTICOLO

IL TUMORE DEL TESTICOLO IL TUMORE DEL TESTICOLO TUMORE DEL TESTICOLO CENNI DI EPIDEMIOLOGIA Costituisce la più frequente neoplasia nel maschio tra i 15 ed i 35 anni La sua incidenza è incrementata di 3-4 volte negli ultimi 50

Dettagli

Diagnosi e terapia del carcinoma ovarico

Diagnosi e terapia del carcinoma ovarico Programma nazionale per le linee guida DOCUMENTO D INDIRIZZO DOCUMENTO 7 marzo 2004 Diagnosi e terapia del carcinoma ovarico Nota per gli utilizzatori I documenti di indirizzo del Programma nazionale per

Dettagli

Screening in oncologica ginecologia

Screening in oncologica ginecologia Screening in oncologica ginecologia American Cancer Society Female Cancers 2000 Statistics American Cancer Society Prevenzione Prevenzione primaria PRIMARIA: prevenzione dell insorgenza della malattia

Dettagli

In letteratura scientifica la prevalenza degli incidentalomi varia seconda del tipo di studio.

In letteratura scientifica la prevalenza degli incidentalomi varia seconda del tipo di studio. LESIONE NODULARE DEL SURRENE: RISCONTRO SPESSO CASUALE Stefano Folzani Direttore f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Lucrezia Emanuela Guerra, Luisella Orru, Massimo Mase Dari Servizio di Radiologia

Dettagli

Struttura Complessa di Ginecologia Oncologica Direttore: Prof. Stefano Greggi. I Tumori Ereditari dell'ovaio, Mammella e Colon-Retto

Struttura Complessa di Ginecologia Oncologica Direttore: Prof. Stefano Greggi. I Tumori Ereditari dell'ovaio, Mammella e Colon-Retto Struttura Complessa di Ginecologia Oncologica Direttore: Prof. Stefano Greggi I Tumori Ereditari dell'ovaio, Mammella e Colon-Retto Tra le molte sindromi a carattere eredo-familiare, ve ne sono alcune

Dettagli

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata Lara Bettinzoli Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio sulla terapia adiuvante del carcinoma mammario nelle pazienti

Dettagli