CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE"

Transcript

1 CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE Tra il COMUNE di.. Provincia di.., legalmente rappresentato dal.., in qualità di.. (di seguito denominato COMUNE) ed il Consorzio obbligatorio delle batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi, con sede a Roma, via Toscana 1, rappresentato dall Ing. Paolo Sormani in qualità di Direttore Generale su delega dell Ing. Giancarlo Morandi Presidente del Consiglio di Amministrazione (di seguito nominato COBAT) PREMESSO CHE Con l art. 9 quinquies, comma 2 d.l. 6 settembre 1988, n. 397, conv. in l. 9 novembre 1988, n. 475, è stato istituito il Consorzio obbligatorio delle batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi; L art. 9 quinquies comma 2, lett. a), l. n. 475/88, prevede che il COBAT deve assicurare la raccolta delle batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi ; Con l istituzione di tale organismo il legislatore ha voluto creare una struttura centralizzata che garantisca il soddisfacimento dell interesse costituzionalmente rilevantedella tutela dell ambiente su tutto il territorio nazionale; il COBAT è tenuto per legge ad assicurare la migliore tutela dell ambiente e si avvale di imprese che possiedono tutti i requisiti di legge per la raccolta, stoccaggio, trasporto e recupero dei suddetti accumulatori; al COMUNE compete la raccolta dei rifiuti urbani pericolosi, tra i quali le batterie al piombo esauste conferite direttamente dai cittadini ovvero abbandonate sulle aree pubbliche e private ad uso pubblico, con ciò escludendosi espressamente le batterie eliminate nell ambito di attività artigianali e/o imprenditoriali, in quanto in tal caso dello smaltimento sono responsabili le categorie interessate. CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE : ART.1 Le premesse sono parte integrante della presente Convenzione. ART.2

2 Il COMUNE consegna al COBAT le batterie al piombo esauste depositate presso i centri di raccolta differenziata custoditi di cui all allegato elenco, autorizzati secondo la normativa vigente. ART. 3 Il COBAT, tramite un proprio RACCOGLITORE INCARICATO, il cui nominativo sarà comunicato in tempi brevi, metterà a disposizione presso i centri di raccolta indicati all articolo precedente idonei contenitori, di proprietà del RACCOGLITORE INCARICATO, costruiti secondo la vigente normativa per lo stoccaggio delle batterie al piombo esauste. Resta comunque inteso che, in caso di sottrazione o danneggiamento che possa comportare il mancato corretto uso dei contenitori, gli stessi saranno sostituiti a cura del COBAT ed a spese del COMUNE. Il COBAT, tramite il proprio RACCOGLITORE INCARICATO munito delle necessarie autorizzazioni di legge, provvederà al ritiro delle batterie al piombo esauste entro 5 giorni lavorativi dal ricevimento della relativa richiesta trasmessa dal COMUNE a mezzo fax. Per ogni ritiro di batterie al piombo esauste e successivo trasporto e conferimento agli impianti di recupero tramite riciclaggio, verrà compilata la prescritta documentazione. Su tutte le fasi di svolgimento del servizio, il COMUNE si riserva di effettuare opportune verifiche. ART. 4 In esito a ciascun conferimento al COBAT, il RACCOGLITORE INCARICATO provvederà ad inoltrare al COMUNE la copia di sua spettanza del formulario di identificazione del trasporto di cui all art. 15, Dlgs 22/1997, e nel termine previsto dall art. 10, comma 3, Dlgs 22/1997. Il COMUNE deve conservare le copie del formulario per la trasmissione annuale come previsto dall art. 11, comma 4, Dlgs 22/1997. ART. 5 Gli oneri inerenti alla fornitura dei contenitori ed al loro posizionamento, così come le operazioni di bonifica, di manutenzione e sostituzione per normale usura, sono a carico del COBAT tramite il RACCOGLITORE INCARICATO. ART. 6 Il COBAT, tramite il proprio RACCOGLITORE INCARICATO, si impegna a dar inizio al servizio entro 30 giorni dall effettiva installazione dei relativi contenitori. ART. 7

3 Il COBAT si impegna a collaborare fattivamente con il COMUNE fornendo adeguato materiale informativo, pubblicitario e audiovisivo, per tutta la durata della Convenzione, teso a sensibilizzare i cittadini sulla disponibilità di utilizzo di un servizio finalizzato alla salvaguardia ambientale. Le parti potranno esaminare annualmente un budget di spesa da destinare all attuazione di campagne informative per quanto sopra. ART. 8 Per le modalità operative, dopo la firma della presente Convenzione, il COMUNE ed il COBAT si comunicheranno reciprocamente i nominativi degli interlocutori COMUNE/COBAT/RACCOGLITORE INCARICATO, preposti alla gestione della presente Convenzione. ART. 9 Tutte le spese comunque inerenti e conseguenti alla eventuale registrazione della presente Convenzione sono a carico del COBAT e del COMUNE in parti uguali. La presente Convenzione decorre dal ed avrà validità tre anni da tale data con scadenza e si rinnoverà automaticamente per uno stesso periodo di tempo, salvo disdetta scritta di una delle parti, da inviarsi a mezzo lettera raccomandata A.R., non oltre 90 giorni prima della sua scadenza. ART. 10 Per la soluzione di qualsiasi controversia che dovesse insorgere tra le parti, circa l interpretazione e/o esecuzione della presente Convenzione, sarà esclusivamente competente il foro di Roma li IL DIRETTORE GENERALE IL COMUNE Per accettazione specifica, ai sensi e per gli effetti dell art e segg. codice civile, degli articoli 3, 5, 9, 10. IL DIRETTORE GENERALE IL COMUNE

4 CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE Tra il Gestore dei Servizi R.S.U in concessione con sede in , legalmente rappresentato dal , in qualità di (di seguito denominato GESTORE) ed il Consorzio obbligatorio delle batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi, con sede a Roma, via Toscana 1, rappresentato dall Ing. Paolo Sormani in qualità di Direttore Generale su delega dell Ing. Giancarlo Morandi Presidente del Consiglio di Amministrazione (di seguito nominato COBAT) PREMESSO CHE Con l art. 9 quinquies, comma 2 d.l. 6 settembre 1988, n. 397, conv. in l. 9 novembre 1988, n. 475, è stato istituito il Consorzio obbligatorio delle batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi; L art. 9 quinquies comma 2, lett. a), l. n. 475/88, prevede che il COBAT deve assicurare la raccolta delle batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi ; Con l istituzione di tale organismo il legislatore ha voluto creare una struttura centralizzata che garantisca il soddisfacimento dell interesse costituzionalmente rilevante della tutela dell ambiente su tutto il territorio nazionale; COBAT è tenuto per legge ad assicurare la migliore tutela dell ambiente e si avvale di imprese che possiedono tutti i requisiti di legge per la raccolta, stoccaggio, trasporto e recupero dei suddetti accumulatori; Al GESTORE compete la raccolta dei rifiuti urbani pericolosi, tra i quali le batterie al piombo esauste conferite direttamente dai cittadini ovvero abbandonate sulle aree pubbliche e private ad uso pubblico, con ciò escludendosi espressamente le batterie eliminate nell ambito di attività artigianali e/o imprenditoriali, in quanto in tal caso dello smaltimento sono responsabili le categorie interessate. CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE : ART.1 Le premesse sono parte integrante della presente Convenzione.

5 ART. 2 Il GESTORE consegna al COBAT le batterie al piombo esauste depositate presso i centri di raccolta differenziata custoditi di cui all allegato elenco, reperite presso i Comuni serviti di cui all allegato elenco, autorizzati secondo la normativa vigente. E facoltà del GESTORE provvedere all eventuale soppressione e/o sostituzione dei centri di raccolta dandone semplice comunicazione scritta al COBAT. ART. 3 Il COBAT, tramite un proprio RACCOGLITORE INCARICATO, il cui nominativo sarà comunicato in tempi brevi, metterà a disposizione presso i centri di raccolta indicati all articolo precedente idonei contenitori, di proprietà del RACCOGLITORE INCARICATO, costruiti secondo la vigente normativa per lo stoccaggio delle batterie al piombo esauste. Resta comunque inteso che, in caso di sottrazione o danneggiamento che possa comportare il mancato corretto uso dei contenitori, gli stessi saranno sostituiti a cura del COBAT ed a spese del GESTORE. Il COBAT, tramite il proprio RACCOGLITORE INCARICATO munito delle necessarie autorizzazioni di legge, provvederà al ritiro delle batterie al piombo esauste entro 5 giorni lavorativi dal ricevimento della relativa richiesta trasmessa dal GESTORE a mezzo fax. Per ogni ritiro di batterie al piombo esauste e successivo trasporto e conferimento agli impianti di recupero tramite riciclaggio, verrà compilata la prescritta documentazione. Su tutte le fasi di svolgimento del servizio, il GESTORE si riserva di effettuare opportune verifiche. ART. 4 In esito a ciascun conferimento al COBAT, il RACCOGLITORE INCARICATO provvederà ad inoltrare al GESTORE la copia di sua spettanza del formulario di identificazione del trasporto di cui all art. 15, Dlgs 22/1997, nel termine previsto dall art. 10, comma 3, Dlgs 22/1997. Il GESTORE deve conservare le copie del formulario per la trasmissione annuale come previsto dall art. 11, comma 4, Dlgs 22/1997. Il GESTORE è obbligato alla tenuta del Registro di Carico e Scarico di cui all art. 12 Dlgs 22/1997. ART. 5 Gli oneri inerenti alla fornitura dei contenitori ed al loro posizionamento, così come le operazioni di bonifica, di manutenzione e sostituzione per normale usura, sono a carico del COBAT, tramite il RACCOGLITORE INCARICATO. ART.6

6 Il COBAT, tramite il proprio RACCOGLITORE INCARICATO, si impegna a dar inizio al servizio entro 30 giorni dall effettiva installazione dei relativi contenitori. ART. 7 Il COBAT si impegna a collaborare fattivamente con il GESTORE fornendo adeguato materiale informativo, pubblicitario e audiovisivo, per tutta la durata della Convenzione, teso a sensibilizzare i cittadini sulla disponibilità di utilizzo di un servizio finalizzato alla salvaguardia ambientale. Le parti potranno esaminare annualmente un budget di spesa da destinare all attuazione di campagne informative per quanto sopra. ART. 8 Per le modalità operative, dopo la firma della presente Convenzione, il GESTORE ed il COBAT si comunicheranno reciprocamente i nominativi degli interlocutori GESTORE/COBAT/RACCOGLITORE INCARICATO, preposti alla gestione della presente Convenzione. ART. 9 Tutte le spese comunque inerenti e conseguenti alla eventuale registrazione della presente Convenzione sono a carico del COBAT e del GESTORE in parti uguali. La presente Convenzione decorre dal ed avrà validità tre anni da tale data con scadenza e si rinnoverà automaticamente per uno stesso periodo di tempo, salvo disdetta scritta di una delle parti, da inviarsi a mezzo lettera raccomandata A.R., non oltre 90 giorni prima della sua scadenza. ART. 10 Per la soluzione di qualsiasi controversia che dovesse insorgere tra le parti, circa l interpretazione e/o esecuzione della presente Convenzione, sarà esclusivamente competente il foro di Roma li IL DIRETTORE GENERALE IL GESTORE Per accettazione specifica, ai sensi e per gli effetti dell art e segg. codice civile, degli articoli 3, 5, 9, 10. IL GESTORE

7 IL DIRETTORE GENERALE

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE A. P. DAL 02-07-2007 AL 17-07-2007 COPIA REG. GEN. N. 220 Data 28-06-2007 PRATICA N. DBGP - 312-2007 PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: ACCORDO TRA LA PROVINCIA DI CROTONE

Dettagli

tra con sede legale in n. con sede legale in - impianto, l impianto ubicato nel Comune di, autorizzato

tra con sede legale in n. con sede legale in - impianto, l impianto ubicato nel Comune di, autorizzato SERVIZI COMUNALI S.p.A. CONTRATTO DI SMALTIMENTO Rifiuti solidi urbani e assimilati tra con sede legale in n., codice fiscale e partita I.V.A. n., in persona del Suo Legale Rappresentante sig. (di seguito

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA ALLEGATO REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA COMUNI DI PESCARA - ORTONA - VASTO - GIULIANOVA

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.)

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) 1 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE CON CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Tra :...(1)... (di

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA COMUNE E AZIENDA AGRICOLA (2) CONVENZIONE PER LA CORRETTA GESTIONE DEI CONTENITORI VUOTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA COMUNE E AZIENDA AGRICOLA (2) CONVENZIONE PER LA CORRETTA GESTIONE DEI CONTENITORI VUOTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE BOZZA DI CONVENZIONE TRA COMUNE E AZIENDA AGRICOLA (2) CONVENZIONE PER LA CORRETTA GESTIONE DEI CONTENITORI VUOTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE Tra il Comune di.. provincia di Pavia con Partita I.V.A

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione

Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione per il ritiro di rifiuti di pile e accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta comunali Tra Il Centro di Coordinamento

Dettagli

Convenzione Operativa in forma di contratto per adesione

Convenzione Operativa in forma di contratto per adesione Convenzione Operativa in forma di contratto per adesione per il ritiro di pile e accumulatori portatili esausti dai Luoghi di Raccolta Tra Il Centro di Coordinamento Nazionale Pile ed Accumulatori, consorzio

Dettagli

EUROCORPORATION. All: modulo di contratto + elenco nostre autorizzazioni. Egregi Signori,

EUROCORPORATION. All: modulo di contratto + elenco nostre autorizzazioni. Egregi Signori, Spett. Viale Comune Tel Fax Prot n del 2006 Alla cortese attenzione del Responsabile Oggetto: Presentazione Aziendale per proponimento servizi di smaltimento rifiuti Egregi Signori, con la presente ci

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Allegato nr. 2 alla deliberazione consiliare nr. 33, dd. 16.07.2008 IL SEGRETARIO COMUNALE (dott. Mauro Girardi) REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Art. 1 Definizione Lo smaltimento

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA ALLEGATO A COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

MANDATO DI ASSISTENZA PER LA GESTIONE DELLE ANAGRAFI ZOOTECNICHE

MANDATO DI ASSISTENZA PER LA GESTIONE DELLE ANAGRAFI ZOOTECNICHE MANDATO DI ASSISTENZA PER LA GESTIONE DELLE ANAGRAFI ZOOTECNICHE Con la presente scrittura privata, da fare valere ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: e Paolo Ciceri in qualità di Presidente

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO L145-0002497-19/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO REP. n. /PR. del. SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI CUI AL D.P.R.

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO Allegato C3 FAC SIMILE Contratto estimatorio Protesi ortopediche e mezzi di sintesi Premessa Il contratto estimatorio è il contratto con cui una parte consegna una o più cose mobili all altra parte e questa

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI. Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti:

SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI. Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: la società Goldline S.r.l. con sede legale in Via Andrea Costa,

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: -

Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: - Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: - SICULA TRASPORTI S.R.L., con sede a Catania in Via Antonino

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 Imprese, enti, soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ed assimilati Premessa

Dettagli

27/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 69

27/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 69 Allegato 1) Scheda progetto Assistenza tecnica finalizzata alla realizzazione di una ricerca per costruire una matrice delle interdipendenze produttive della Regione Lazio quale base per una rappresentazione

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA il CONSORZIO INTERCOMUNALE VALLESINA MISA (di seguito denominato CIR33) con sede a Jesi

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO CON NOMINA DEL TERZO RESPONSABILE 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE Art. 1. Oggetto 1.1 La presente convenzione ha come obiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

CONVENZIONE PER ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO E ORIENTAMENTO (D.M. 25 marzo 1998, n. 142) TRA

CONVENZIONE PER ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO E ORIENTAMENTO (D.M. 25 marzo 1998, n. 142) TRA Area Stage e Orientamento Dott.ssa Novelli Paola Tel. 0809021580 e-mail: ufficio.stage@lum.it; novelli@lum.it RIF. N.. Dott.ssa Rago Anna Maria Tel. 0809021607 e-mail: rago@lum.it CONVENZIONE PER ATTIVITA

Dettagli

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea.

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. Allegato 1) Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. PREMESSA Ogni tre anni l'unione Europea pubblica una

Dettagli

1) Ente Appaltante: ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Marie Curie Piero Sraffa ViaF.lli Zoia, 130 MILANO - sito internet www.curiesraffa.

1) Ente Appaltante: ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Marie Curie Piero Sraffa ViaF.lli Zoia, 130 MILANO - sito internet www.curiesraffa. OGGETTO: Bando di gara per la fornitura ed installazione degli apparati necessari all implementazione di un area WIFI nella scuola Numero di Gara CIG Z910EB074F In esecuzione del Decreto Prot N 1073 del

Dettagli

Ufficio Marketing. Documento basato sulle versione definitiva delle Regole Applicative, pubblicata dal GSE in data 09.04.2013

Ufficio Marketing. Documento basato sulle versione definitiva delle Regole Applicative, pubblicata dal GSE in data 09.04.2013 Documento basato sulle versione definitiva delle Regole Applicative, pubblicata dal GSE in data 09.04.2013 2 [SITUAZIONE] In data 09.04.2013 il GSE ha pubblicato la versione definitiva delle regole applicative

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA. Assessorato Territorio e Ambiente

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA. Assessorato Territorio e Ambiente AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA PROTOCOLLO D INTESA tra l'amministrazione Provinciale di Ragusa i Comuni di: Ragusa Vittoria Comiso Santa Croce Acate Ispica Scicli Modica le Organizzazioni Professionali

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE TRA LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA, con sede in Roma, Viale Tiziano, n.70 (di seguito indicata FMSI ), Codice Fiscale 97015300581, in persona del Presidente pro-tempore Dott. Maurizio

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

Allegato 1. Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. Art.42.

Allegato 1. Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. Art.42. Allegato 1 Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 Art.42. Reti di imprese 1. (soppresso dalla legge di conversione) 2. Alle imprese

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

legali rappresentanti degli enti sopra citati, si riuniscono per concordare quanto segue: PREMESSO

legali rappresentanti degli enti sopra citati, si riuniscono per concordare quanto segue: PREMESSO CONVENZIONE tra COMUNE DI OSNAGO, CONSORZIO FARSI PROSSIMO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. VESTI SOLIDALE COOPERATIVA SOCIALE - O.N.L.U.S. PER IL SERVIZIO SPERIMENTALE DI RECUPERO DEI TELEFONI CELLULARI

Dettagli

MANDATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI INCARICATO PER IL RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE E DELLA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI TRA

MANDATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI INCARICATO PER IL RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE E DELLA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI TRA MANDATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI INCARICATO PER IL RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE E DELLA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI TRA 1) La Camera di Commercio di Bergamo, con sede in Largo

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI. (Del. C.P. n. 36/2009) Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

DD n.470 del 24/4/2012

DD n.470 del 24/4/2012 Pratica n.2643211 Centro di Responsabilita' 055 Centro di Costo 056 Oggetto: approvazione schema di contratto di sponsorizzazione. IL RESPONSABILE RICHIAMATO il Piano Esecutivo di Gestione per l anno 2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE Oggetto: Contratto d appalto per l affidamento del servizio di gestione dell albo fornitori telematico e delle gare on-line da parte

Dettagli

MODELLO DI CONTRATTO QUADRO DI FORNITURA PRODOTTI AGRICOLI LOCALI PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA

MODELLO DI CONTRATTO QUADRO DI FORNITURA PRODOTTI AGRICOLI LOCALI PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA MODELLO DI CONTRATTO QUADRO DI FORNITURA PRODOTTI AGRICOLI LOCALI PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA TRA - XXXXXX, in persona del suo legale rappresentante pro tempore con sede in,, P.IVA di seguito Acquirente

Dettagli

MANDATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI INCARICATO PER IL RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA

MANDATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI INCARICATO PER IL RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA MANDATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI INCARICATO PER IL RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA 1) I SUPPORTI BS SRL, con sede in Brescia Via Romanino n. 1 in persona del leg.rappresentante

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA Tra Poste Italiane S.p.A. con sede legale in Roma, Viale Europa 190, rappresentata dall Ing. Massimo Sarmi, (omissis) nella sua qualità di Amministratore Delegato di Poste

Dettagli

CONTRATTO TIPO B ( Contratto )

CONTRATTO TIPO B ( Contratto ) CONTRATTO TIPO B ( Contratto ) TRA - Consorzio Recupero Vetro - CO.RE.VE. (di seguito Co.Re.Ve. ), P.I. n. 05648781002, con sede legale in Roma, Via Barberini 67 e sede operativa in Milano, P.za Giovanni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI GAVARDO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI GAVARDO CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO PER VISITE D ISTRUZIONE Con il presente contratto, a valere ad ogni effetto di legge tra: l I.C G.Bertolotti rappresentato dalla Prof.ssa Maurizia Di

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LUIGI EINAUDI - Foggia

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LUIGI EINAUDI - Foggia BANDO DI GARA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI CASSA TRIENNIO 2016/2018 CIG N ZDB16ABB6A PREMESSA Considerato che l Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Luigi Einaudi - Foggia ha necessità di procedere

Dettagli

COMUNE DI SELEGAS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELEGAS Provincia di Cagliari COMUNE DI SELEGAS Provincia di Cagliari Via Daga 4, 09040 Selegas (CA) Telefono 070.985828 0707.985343 Fax 070.985785 Sede: Via Daga 4 09040 Selegas tel.: 070.985828 fax: 070.985785 E mail: selegas.ing@tiscali.it

Dettagli

DITTA SINET ITALIA S.R.L.

DITTA SINET ITALIA S.R.L. COMUNE DI SPINEA (Provincia di Venezia) CONVENZIONE CON LA DITTA SINET ITALIA S.R.L. DI PORTOGRUARO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA TRACCIABILITA E RINTRACCIABILITA DELLE INFORMAZIONI MARKETING

Dettagli

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E LA SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE L ARCA AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 1, DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 1991, N. 381 (ESENTE DA BOLLO AI SENSI D.L. 4.12.1997 N. 460

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 UFFICIO PROPONENTE: U.T.C. SERVIZI AMBIENTALI Servizi Ambientali Oggetto: MODALITA' DI RACCOLTA DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E BENI DUREVOLI DI ORIGINE DOMESTICA IL

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

CONTRATTO DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO E FUNZIONE DI TERZO RESPONSABILE

CONTRATTO DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO E FUNZIONE DI TERZO RESPONSABILE !"#$%& ' ( )*+$,' ( )* +-#-.#/ 0# 1!!2*2-!) ()222- )') 3456 474#.#8#984.4#.#3#.#.4) ))!' COMMITTENTE: CONTRATTO DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO E FUNZIONE DI TERZO RESPONSABILE

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

Richiesta di avvio della procedura di mediazione

Richiesta di avvio della procedura di mediazione Spett. le Concordia Management s.r.l. Via Augusto Vera, 19 00142 - Roma (RM) Richiesta di avvio della procedura di mediazione via fax al n 06.23.32.83.52 via e-mail info@concordiamanagement.it via posta

Dettagli

Regione Emilia Romagna. Modello per contratto di Terzo Responsabile dell impianto termico

Regione Emilia Romagna. Modello per contratto di Terzo Responsabile dell impianto termico Regione Emilia Romagna Modello per contratto di Terzo Responsabile dell impianto termico Presentazione Il presente contratto è stato redatto congiuntamente da CNA Installazione Impianti e ANACI dell Emilia

Dettagli

Con l acquisto si avrà diritto a ricevere gratuitamente la newsletter Aggiornamenti ed Adempimenti

Con l acquisto si avrà diritto a ricevere gratuitamente la newsletter Aggiornamenti ed Adempimenti Spett.le OGGETTO: Offerta per elaborazione buste paga ed adempimenti mensili Come da Vs. gentile richiesta, siamo lieti di presentare l offerta per l espletamento delle attività in oggetto. Al fine di

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE.

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. di Alberto PIEROBON già Dirigente e ViceSegretario Generale Enti Locali già Dirigente e Direttore Generale Azienda Pluricomunale di

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLAGARINA Provincia Autonoma di Trento SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TA.RI. di cui all articolo 1 commi

COMUNITA DELLA VALLAGARINA Provincia Autonoma di Trento SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TA.RI. di cui all articolo 1 commi COMUNITA DELLA VALLAGARINA Provincia Autonoma di Trento SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TA.RI. di cui all articolo 1 commi 639 e seguenti della L. n. 147/2013 e s.m.. L'anno, il

Dettagli

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Allegato F Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Gentile Cliente, la procedura descritta Le consentirà di assicurarsi la realizzazione del suo impianto di utilizzo del gas nel pieno

Dettagli

ECOELIT 13 anni di esperienza al servizio di RAEE ed Accumulatori. Il sistema RAEE ed il sistema Pile ed Accumulatori le differenze

ECOELIT 13 anni di esperienza al servizio di RAEE ed Accumulatori. Il sistema RAEE ed il sistema Pile ed Accumulatori le differenze ECOELIT 13 anni di esperienza al servizio di RAEE ed Accumulatori Il sistema RAEE ed il sistema Pile ed Accumulatori le differenze Ecoelit Consorzio Nazionale Volontario Accumulatori ed Elettroutensili

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw Art. 1 Tra l Impresa. Con sede in. Via/Piazza/Località.... N. civico.. Tel... cellulare.... N. di iscrizione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7594 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GERARDINI Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Presentata il 6

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

Tali informazioni sono comunicate esclusivamente mediante un sistema informatizzato.

Tali informazioni sono comunicate esclusivamente mediante un sistema informatizzato. Oggetto: ordinanza del presidente del consiglio dei ministri del 23 marzo 2012 n. 4014 modalità di comunicazione delle informazioni relative alla movimentazione da parte delle imprese delle terre o rocce

Dettagli

Network sviluppo sostenibile. Il ritorno del SISTRI Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta. Paolo Pipere

Network sviluppo sostenibile. Il ritorno del SISTRI Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta. Paolo Pipere Network sviluppo sostenibile Il ritorno del Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta Paolo Pipere Responsabile Servizio Adempimenti Ambientali Camera di Commercio di Milano Segretario Sezione

Dettagli

Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs.

Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs. Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs. 59/2010 1. Finalità 1.1 QI La qualità delle Agenzie di Viaggio è un marchio

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA Approvato con deliberazione di C.C. n. 28 del 22.05.2003 Art. 1 FINALITA

Dettagli

CORSO DI ADDESTRAMENTO TEORICO PRATICO INDAGINI SONICHE ED ECOMETRICHE - PIT02 (Codice Corso: PIT02-2015-AN)

CORSO DI ADDESTRAMENTO TEORICO PRATICO INDAGINI SONICHE ED ECOMETRICHE - PIT02 (Codice Corso: PIT02-2015-AN) Il C.S.F. snc Centro Servizi Formativi in collaborazione Organizzativa con DRC SRL ORGANIZZA CORSO DI ADDESTRAMENTO TEORICO PRATICO INDAGINI SONICHE ED ECOMETRICHE - PIT02 (Codice Corso: PIT02-2015-AN)

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

COMUNE DI ORCIANO PISANO (Provincia di Pisa)

COMUNE DI ORCIANO PISANO (Provincia di Pisa) COMUNE DI ORCIANO PISANO (Provincia di Pisa) ORIGINALE AREA 2: TECNICA IL RESPONSABILE DEL SETTORE DOTT.SSA CATERINA BARNI DETERMINAZIONE N.6 DEL 15/01/2013 OGGETTO: RACCOLTA E SMALTIMENTO RSU E RACCOLTA

Dettagli

L anno., il giorno. del mese di.. presso

L anno., il giorno. del mese di.. presso BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA, E I CENTRI AUTORIZZATI DI ASSISTENZA FISCALE (CAAF), PER SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA PER ASSISTENZA AI CITTADINI NELLA COMPILAZIONE E L INOLTRO DELLA DOMANDA

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

Data di presentazione della DUAAP: N Protocollo / Pratica SUAP:

Data di presentazione della DUAAP: N Protocollo / Pratica SUAP: Spazio per la protocollazione/vidimazione MODELLO F - 3 Comunicazione di inizio e fine lavori Variazioni in corso di esecuzione N.B: La presente comunicazione deve essere obbligatoriamente presentata al

Dettagli

COMUNE DI ALBIOLO Provincia di COMO

COMUNE DI ALBIOLO Provincia di COMO COMUNE DI ALBIOLO Provincia di COMO CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ALBIOLO E LA DITTA PER LA BONIFICA E LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO CEMENTO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 444 del 2-7-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 444 del 2-7-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 444 del 2-7-2015 O G G E T T O Convenzione passiva con la Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti.

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti. 11 Circolare n. 04 del 29/01/2013 FC-fa Ambiente Mud 2013 Approfondimenti. Il DPCM 20 dicembre 2012 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013 ha abrogato e sostituito il

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

ALLEGATO I - CONTRATTO DI NOLEGGIO DI SPAZZATRICI LOTTO 2 - SPAZZAMENTO MECCANIZZATO CIG 6230996C8D

ALLEGATO I - CONTRATTO DI NOLEGGIO DI SPAZZATRICI LOTTO 2 - SPAZZAMENTO MECCANIZZATO CIG 6230996C8D ALLEGATO I - CONTRATTO DI NOLEGGIO DI SPAZZATRICI LOTTO 2 - SPAZZAMENTO MECCANIZZATO CIG 6230996C8D L anno, il giorno, del mese di presso la sede della ACSEL S.p.A., in S.AMBROGIO (to), via Delle chiuse,

Dettagli

DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532

DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532 DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532 OFFERTA / CONVENZIONE LA FIRST N / md del. PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E SMALTIMENTO

Dettagli

CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DA ATTIVITÀ AGRICOLA DELLA PROVINCIA DI TREVISO

CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DA ATTIVITÀ AGRICOLA DELLA PROVINCIA DI TREVISO Con delibera del C.d.A n 85 del 04/06/2012 Il Consorzio per i Servizi di Igiene del Territorio Autorità di Bacino TV1 affida alla controllata Sav.no S.r.l. la gestione dei rifiuti speciali derivanti da

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE OGGETTO: Contratto estimatorio per la fornitura di dispositivi medici occorrenti al servizio di radiologia interventistica e vascolare

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

COMUNE DI ZERO BRANCO

COMUNE DI ZERO BRANCO COMUNE DI ZERO BRANCO CONVENZIONE GESTIONE CONTRIBUTI CONCESSI DAL COMUNE DI ZERO BRANCO A FAVORE DEI CITTADINI PER LA BONIFICA DAI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO. L anno 2011 il giorno del mese di, presso

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA Quadriennio 01/01/2016 31/12/2019 C. I.G. Z0116DAB81 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA Quadriennio 01/01/2016 31/12/2019 C. I.G. Z0116DAB81 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 7364/C14 Reggio Calabria, 09/11/2015 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA Quadriennio 01/01/2016 31/12/2019 C. I.G. Z0116DAB81 IL DIRIGENTE SCOLASTICO PRESO ATTO

Dettagli

DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco

DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco FOGLIO 1 Vers 10 04 2015 nuovo iban Spettabile Polieco Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco La dichiarazione, completa degli estremi del versamento

Dettagli

Il ruolo dei gestori del servizio pubblico per la gestione dei rifiuti agricoli

Il ruolo dei gestori del servizio pubblico per la gestione dei rifiuti agricoli Il ruolo dei gestori del servizio pubblico per la gestione dei rifiuti agricoli Venerdì 4 Aprile 2014 Centro internazionale Loris Malaguzzi Reggio Emilia IREN EMILIA - SABAR Iren Emilia è un gestore del

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI Testo modificato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 28 luglio 2008 con delibera n. 167 d ordine. REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

DISCIPLINARE DI INCARICO DI CONSULENZA E DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

DISCIPLINARE DI INCARICO DI CONSULENZA E DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ALLEGATO D DISCIPLINARE DI INCARICO DI CONSULENZA E DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO TRA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese, in persona del Direttore Generale e Legale Rappresentante

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE OGGETTO: Contratto estimatorio per la fornitura di presidi chirurgici e protesi per il Servizio di Radiologia Interventistica cardiologica

Dettagli

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA.

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA. Delibera 40/04 della Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA

Dettagli

Allegato 2.c) CIG: 5057692B76 - CUP: I32I08000100006.

Allegato 2.c) CIG: 5057692B76 - CUP: I32I08000100006. Allegato 2.c) PROCEDURA DI GARA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, CARICO, SCARICO, TRASPORTO E CONFERIMENTO DI RIFIUTI DI VARIA NATURA E GIACENTI SU VARIE AREE PUBBLICHE DEL COMUNE DI

Dettagli

Allegato 1 (articolo 4, comma 1, del regolamento di attuazione)

Allegato 1 (articolo 4, comma 1, del regolamento di attuazione) Allegato 1 (articolo 4, comma 1, del regolamento di attuazione) Il sottoscritto aderente diretto garantisce che il trattamento dei dati personali viene espletato nel rispetto delle disposizioni previste

Dettagli