Seminario in materia di vigilanza ambientale (Pescara, 20 e 21 ottobre 2011)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario in materia di vigilanza ambientale (Pescara, 20 e 21 ottobre 2011)"

Transcript

1 Seminario in materia di vigilanza ambientale (Pescara, 20 e 21 ottobre 2011) Relatore: Isp. Luca Intrombatore Sono trascorsi quasi trenta anni dall ingresso nel nostro ordinamento di norme organiche per la gestione dei rifiuti. Era infatti il 1982 quando entrò in vigore il DPR n. 915 che costituì appunto il primo testo normativo che intendeva disciplinare l intero ciclo dei rifiuti, dalla loro produzione al loro recupero o smaltimento. Questo sotto la spinta della normativa comunitaria di settore ed in forza degli obblighi di adeguamento conseguente dell ordinamento giuridico nazionale. Questi anni hanno reso tuttavia manifesta l assenza di una scontata e pacifica adesione ai principi della normativa comunitaria, improntata a principi di rigore e precauzione rispetto ai rischi per l uomo e l ambiente, sulla base del riconoscimento della gestione dei rifiuti come attività di interesse pubblico. Dal 2006 il nuovo testo di riferimento è rappresentato dalla Parte IV del Dlgs. n. 152 che, nel corso della sua ancor breve vita, è stata oggetto di numerose modifiche ed integrazioni. Oggi infatti siamo all indomani dell ennesimo correttivo alla normativa in materia, rappresentato dal Dlgs. 205/2010, vigente dal 25/12/2010. Il Dlgs 205/2010 è stato adottato nell intento di dare soddisfazione a due finalità:

2 la prima era quella di adeguare, sia pure in ritardo e ad fronte delle diverse procedure di infrazione aperte a carico dell Italia, la norma nazionale a quella comunitaria; la seconda era costituita dalla necessità di introdurre nel Dlgs 152/2006 le norme relative al Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri), ridefinendo obblighi, prescrizioni e sanzioni, tenuto conto del rivoluzionario impatto che la sua entrata in funzione avrebbe determinato sulla prassi quotidiana di produttori, trasportatori, intermediari, detentori e destinatari nell ambito del ciclo di gestione dei rifiuti. Il Sistri infatti comporta in sostanza l abbandono di registri di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti trasportati a favore di un software on line residente su un server remoto, oltre alla tracciabilità immediata di ogni singolo trasporto di rifiuti, dalla sua partenza al suo punto di arrivo. Al di là delle polemiche ben presto cresciute su molteplici aspetti del Sistri fino alla sfiducia più o meno generalizzata sul suo reale funzionamento, il Dl. n. 138 del 13/08/2011 ne ha decretato una repentina battuta d arresto con efficacia immediata, cancellando, oltre alle norme regolamentari per l iscrizione ed il funzionamento delle diverse procedure, anche le norme inserite nel Dlgs. 152/2006 che avrebbero dovuto entrare progressivamente in vigore a partire dalla data del 01/09/2011, quando il Sistri avrebbe dovuto cominciare ad acquisire piena operatività. Tutto questo a quasi due anni di distanza dal primo decreto ministeriale che lo istituiva e regolamentava e dopo che tutti, o quasi, i soggetti interessati avevano ormai proceduto ad iscriversi ed a prepararsi alla sua attivazione! Tuttavia l ipotesi di una definitiva, ancorché prematura, morte del Sistri è stata smentita durante l iter parlamentare del decreto legge prima da un pronunciamento unanime della Commissione Ambiente del Senato e quindi, fatto essenziale, dal testo della legge di conversione. Ad oggi il Sistri dovrebbe vedere la propria operatività alla data del 9 febbraio Tuttavia la verifica tecnica ed i test di funzionamento previsti che si svilupperanno fino al 15 dicembre, le possibili modifiche dell hardware e del software finalizzate alla semplificazione delle procedure e delle tecnologie impiegate rendono possibili modifiche anche sostanziali alla disciplina finora delineata. In ogni caso, ad oggi e nell immediato futuro resta comunque pienamente vigente la consolidata disciplina in materia di registri e formulari, sia sotto il profilo dei soggetti obbligati sia sotto il profilo delle sanzioni. Ciò detto, ci si riserva l illustrazione di eventuali novità in merito al Sistri che emergeranno alla data del seminario, da non escludersi, giusto il dettato della L. 148/2011

3 Le altre modifiche al Dlgs. 152/2006, operate dal Dlgs 205/2010 e perciò vigenti dal 25/12/2010, di maggior interesse per l attività quotidiana della Polizia Locale, sono costituite da: un significativo intervento sull articolo 183 dedicato alle Definizioni, con la modifica, sia pure non rivoluzionaria, di alcune di esse tra le più importanti e l inserimento di alcune novità, accanto ad alcune cancellazioni; un intervento, forse il più rilevante e gravido di conseguenze, sul filo dei concetti di rifiuto e della sua classificazione, delle esclusioni dal regime giuridico dei rifiuti, di sottoprodotto, e di cessazione della qualifica di rifiuto; gli obblighi di iscrizione all Albo Nazionale dei Gestori Ambientali; specifici ed isolati interventi su singoli articoli e tematiche tra le quali spicca, per le attività di controllo della Polizia Locale, quelli relativi ai compiti istituzionali di controllo delle province (art. 197), ai rifiuti da pulizia manutentiva di reti fognarie di cui all art. 230, alla sanzione amministrativa per abbandono di rifiuti. Dal 16/08/2011 sono inoltre efficaci le modifiche che il Dlgs. 121/2011 ha apportato al Dlgs. 231/2001, con l introduzione di alcune delle fattispecie penali già previste dal T.U. ambientale tra quelle che comportano la responsabilità amministrativa di enti, società, imprese ed associazioni. E questa una importante novità, seppur ancora lontana dalla necessità di ridefinire nel complesso il quadro delle sanzioni penali per gli illeciti di maggior gravità in danno all ambiente. Le sanzioni previste (principalmente di tipo pecuniario e/o interdittivo, oltre alla confisca del prezzo o del profitto del reato) sono applicate dal giudice nell ambito della sentenza di condanna. Tuttavia la loro introduzione nell ordinamento giuridico, quando si configuri uno degli illeciti penali richiamati, comporterà certamente, d iniziativa o su delega del Pubblico Ministero, un supplemento di indagini ed accertamenti che fornisca al magistrato quegli elementi richiesti dalla normativa per consentire la richiesta di applicazione delle sanzioni previste, fermo restando a carico della società chiamata in giudizio l onere di provare le circostanze esimenti richieste perché si possa escludere la responsabilità amministrativa della società. Quanto detto evidenzia una volta di più, semmai ve ne fosse bisogno, come la normativa dei rifiuti presenti aspetti di spiccata instabilità dovuta ai frequentissimi interventi del legislatore. Ciò oltre alla sua innegabile complessità e articolazione. Come sempre, ma forse ancor più che in altre materie, l importanza delle pronunce giurisprudenziali assume un valore di chiarificazione dei punti di ambiguità e di

4 incertezza interpretativa, anche se in realtà, spesso, la giurisprudenza ha richiamato alla lettera della norma, smentendo prassi anche diffuse che riflettevano schemi mentali lontani dalla ratio legis, ovvero che costituivano comode mascherature per traffici illeciti. E innegabile affermare che oggi le attività di polizia ambientale siano divenute organicamente parte delle funzioni della Polizia Locale, sia Municipale che Provinciale, non solo per le accresciute competenze d istituto, così come definite dalla normativa, ma anche per le frequenti richieste di intervento da parte dei cittadini. Del resto sia il controllo del territorio in senso lato, comprendendo in esso tutte le attività umane che vi si svolgono, sia il contrasto a forme di degrado di contesti territoriali anche urbani, implicano la conoscenza e l applicazione della normativa in materia di rifiuti. Dal controllo programmato di un insediamento produttivo industriale o artigianale, fino all esposto nei confronti di una singola autofficina, dal contrasto al fenomeno delle discariche abusive costituite da rifiuti prodotti da attività di impresa, all abbandono indiscriminato dei veicoli fuori uso, fino al singolo abbandono di rifiuti domestici, sono tutte attività che richiedono la conoscenza e l applicazione della normativa di settore. Ciò nella logica di una idea della sicurezza che non comprende solo gli aspetti legati ai reati di maggior allarme sociale (di competenza assolutamente prevalente delle forze di polizia statali e del resto in calo statistico) ma anche più in generale la qualità delle città e dei territori, qualità rispetto alla quale i fenomeni integranti violazioni alla normativa ambientale rappresentano un aspetto importante. Per la Polizia Locale, che è così peculiarmente diffusa sul territorio, questi compiti comportano l obbligo di dare risposte a diverse sfide: la preparazione professionale di nuclei specialistici che attingano alle molteplici risorse informative oggi disponibili la definizione di soluzioni metodologiche ed operative, di volta in volta anche diverse, finalizzate al monitoraggio delle attività legali, alla repressione delle attività abusive di gestione di rifiuti, al contrasto dei microilleciti la diffusione di protocolli operativi utilizzabili anche da operatori non continuativamente impegnati sull argomento l utilizzo di risorse tecnologiche la coltivazione di collaborazioni anche tra strutture di Polizia Locale di enti diversi

5 il rapporto con altri soggetti operativi nel campo del controllo ambientale Quanto sopra nella logica, da un lato, di poter mettere in campo attività di controllo del territorio e contrasto alle illegalità davvero puntuali, ma anche, dall altro, di diffondere nell ambito dell intera Polizia Locale gli elementi di base e gli strumenti operativi basilari per orientarsi nella complessa legislazione di settore. Su queste tematiche si è concentrata la discussione nell ambito dei partecipanti alle giornate seminariali, ad evidenziare come il tema dell operatività concreta e quotidiana assuma una rilevanza centrale, indipendentemente dalle dimensioni territoriali nelle quali ci si trovi ad operare e dalla consistenza organizzativa della struttura di Polizia Locale alla quale si appartiene. Tali sollecitazioni hanno reso necessaria anche la modifica del programma originario della giornata. Fermi restando i materiali sui temi sopra accennati, consegnati ai partecipanti, l illustrazione degli stessi è stata concentrata proprio per lasciare spazio al confronto sul tema della traduzione di tali ed altri contenuti nell attività quotidiana dell operatore di Polizia Locale. Il dibattito ha messo in luce come la sistematizzazione di procedure e protocolli operativi anche standardizzati possa costituire una scelta metodologica valida ed applicabile quale che sia il contesto nel quale si opera, sia esso il nucleo specialistico di una Polizia Provinciale o Municipale ovvero il Comando di un Comune di dimensioni medio-piccole. In questo senso è parsa convincente la prassi della istituzione di vere e proprie Schede di controllo che, in relazione ai diversi tipi di attività di gestione di rifiuti, possano costituire delle check list indicative di cosa verificare. La Scheda di controllo in questo senso può costituire cioè non solo un utile promemoria che enuclea dalla complessa normativa gli obblighi fondamentali cui sono soggetti i diversi operatori della gestione dei rifiuti (produttori, trasportatori, impianti di destinazione), ma anche uno strumento efficace affidato anche agli operatori di Polizia Locale che hanno una dimestichezza minore o meno frequente con la normativa in materia. Tali prassi possono essere facilmente costruite anche localmente, sulla base di specifici ambiti di interesse per quanto riguarda il controllo della gestione di rifiuti di particolare tipologia.

6 Ciò detto deve comunque essere evidenziato che tali strumenti operativi non riescono sempre a dare conto di una realtà che è spesso più complessa e variegata di qualsiasi rigida teorizzazione. Nella pratica ogni attività di verifica è sostanzialmente un caso a sé; tuttavia la schematizzazione e l inquadramento di una attività di gestione di rifiuti, il richiamo sintetico agli obblighi cui è soggetta, l individuazione degli aspetti più critici sui quali concentrare l attenzione può rappresentare uno strumento operativo di partenza semplice e di utilizzo immediato, il fondamento basilare di un fascicolo dedicato a quella specifica attività di controllo. In questo senso la Scheda di controllo, corredata di rilievi fotografici e video, può, nel caso, anche essere utilmente ed opportunamente cristallizzata in un Verbale descrittivo ex art. 357 comma 2 lett. f Codice Procedura Penale che, come da consolidata giurisprudenza, costituisce un atto irripetibile che viene integralmente acquisito, nell ambito di un procedimento penale, nel fascicolo del dibattimento. Non si tratta quindi di un prontuario delle sanzioni (del quale esistono già del resto svariate versioni), che non si occupa di tutta la fase di accertamento, preliminare all irrogazione delle eventuali sanzioni amministrative o alla segnalazione di quelle penali; al contrario rappresenta uno strumento da usare proprio nella fase di controllo e verifica dalla quale discenderanno, se del caso, le conseguenti sanzioni da applicare. Per quanto riguarda gli ambiti tematici di interesse, così come segnalati nella discussione, l attenzione dei partecipanti si è indirizzata in particolare verso la gestione dei rifiuti liquidi derivanti dal metabolismo umano, la gestione dei rifiuti in deposito temporaneo nei cantieri edili, i veicoli fuori uso abbandonati, la gestione dei Raee. Inoltre è stato evidenziato come uno strumento del genere si presti ottimamente a verifiche e monitoraggi sistematici costruiti su programmi di lavoro basati sul controllo di specifiche categorie di operatori della gestione dei rifiuti (trasportatori, impianti di recupero e smaltimento, produttori individuati su base territoriale o per attività), monitoraggi e controlli sistematici più tipicamente propri di una forza di polizia specializzata in controlli ambientali (quale la Polizia Provinciale) ovvero di un nucleo dedicato nell ambito di una Polizia Municipale di dimensioni medio-grandi. Quanto detto non esime ovviamente l operatore dalla conoscenza della normativa in materia di rifiuti ma costituisce una sua lettura non tradizionale, non più, per così dire,

7 orizzontale ma trasversale, che acquisisce il punto di vista e gli obblighi del singolo gestore di rifiuti, li enuclea dalla complessità della norma generale, li aggiorna in relazione all evoluzione della normativa, li evidenzia e sottolinea ai fini di una loro verifica da parte dell operatore di polizia. Ciò anche quando il soggetto non risulta formale titolare di una attività imprenditoriale ma ne è l attore sostanziale, ancorchè abusivo. Su quanto riassunto in queste righe è auspicabile lo sviluppo di una futura attività di formazione ed aggiornamento rivolta alla Polizia Locale della regione.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI CORSO DI FORMAZIONE SU: LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI Firenze, 4-12-18-25 giugno 2013 (14,30-18,30) Auditorium C. Ridolfi c/o Banca CR Firenze Via Carlo Magno, 7 PRESENTAZIONE Il corso

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

OFFERTA IN PROMOZIONE CON SCONTO del 50% PER LE AZIENDE ISCRITTE POLIECO

OFFERTA IN PROMOZIONE CON SCONTO del 50% PER LE AZIENDE ISCRITTE POLIECO Un corso con finalità pratiche procedurali LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DELINEATA DAL D.M. 10 AGOSTO 2012 N. 161. LA DISTINTA DISCIPLINA PER I RIFIUTI DA DEMOLIZIONE E GLI ASPETTI

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO LA DISCIPLINA DEI RIFIUTI E DEGLI SCARICHI NEL TESTO UNICO AMBIENTALE: OBBLIGHI E SANZIONI TRA REGOLE E PRASSI

GIORNATA DI STUDIO LA DISCIPLINA DEI RIFIUTI E DEGLI SCARICHI NEL TESTO UNICO AMBIENTALE: OBBLIGHI E SANZIONI TRA REGOLE E PRASSI Per iscrizioni via web Servizio Tutela Ambiente Infoline Segreteria Organizzativa Dott.ssa Annarosa Spina tel. 0874.604238 Sig. Giuseppe Piano tel. 0874.604248 infoambiente@provincia.campobasso.it Per

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

Un corso con finalità pratiche procedurali. Relatori:

Un corso con finalità pratiche procedurali. Relatori: Un corso con finalità pratiche procedurali LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DELINEATA DAL D.M. 10 AGOSTO 2012 N. 161. LA DISTINTA DISCIPLINA PER I RIFIUTI DA DEMOLIZIONE E GLI ASPETTI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

L attività di polizia in materia di rifiuti

L attività di polizia in materia di rifiuti Seminario L attività di polizia in materia di rifiuti Relatore: dott. Fabio Napoleone Procuratore Capo Procura di Sondrio LA POLIZIA GIUDIZIARIA E ORGANO DI PRIMO INTERVENTO L ART. 55 DEL c.p.p. PRENDERE

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 27 Settembre 2012

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTA DI ALBISOLA SUPERIORE Provincia di SAVONA COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 25/3/2013

Dettagli

Un corso con finalità pratiche procedurali

Un corso con finalità pratiche procedurali Un corso con finalità pratiche procedurali LE AREE DI RISCHIO DI RESPONSABILITÀ PENALE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI E SCARICHI IDRICI: ANALISI DELLA NORMATIVA DI SETTORE ANCHE ALLA LUCE DELLA NUOVA RESPONSABILITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 13/11/2014 1 INDICE CAPO I

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

Circolare N.134 del 13 ottobre 2011. SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto

Circolare N.134 del 13 ottobre 2011. SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto Circolare N.134 del 13 ottobre 2011 SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto SISTRI e SCIA: cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto Gentile cliente, con la presente, desideriamo

Dettagli

Presentazione... PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE

Presentazione... PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE INDICE SOMMARIO Presentazione... VII CAPITOLO 1 PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE 1 I reati ambientali: profili sistematici... 1 2 Reati ambientali e speciale tenuità del

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Giornate seminariali in materia AMBIENTALE @@@@@@ A cura del Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura di UPI Emilia-Romagna Per informazioni: dott.ssa Luana

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 54 del 26.07.2012 pagina 1.14 Indice CAPO I...4 PRINCIPI GENERALI...4 Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CASARGO PROVINCIA DI LECCO Via Roma N.1/A 23831 Casargo (LC) Tel. 0341/840.123 Fax 0341/840.673 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I AL B AR E D O P E R S AN M AR C O (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 31.1.2011

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera C.C. 55 del 10/11/2008) INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA I testi delle Circolari dello Studio si trovano nel sito www.casellascudier.it 1 2 Il Certificatore Energetico: una nuova professione? Padova, 25 giugno 2010 Sono moltissime, ed assai varie, le questioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE

INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Dalle ore 9 alle ore 14: una (mezza) giornata con 8 persone sedute al tavolo di lavoro insieme al docente

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA Lezione 1 - giovedì 3 aprile 2014 - h. 15.00 19.00 Gestione dei Rifiuti - Quadro generale della normativa; - Definizioni, la nozione di rifiuto; l esclusione dei sottoprodotti e delle materie prima secondarie;

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE

COMUNE DI ROMANO CANAVESE COMUNE DI ROMANO CANAVESE Provincia di Torino Piazza Ruggia n.1 C.A.P. 10090 Tel. 0125-713045- 637717 Fax 0125 714107 Codice fiscale: 84003030016 Partita Iva 02387680016 SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali

Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Edizione speciale anche per contributo di studio utile per preparazione a concorsi pubblici, esami e tesine

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA

DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale N 242 del 26/04/2011) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

INDICE. CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento Art. 2 Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 Trattamento dei dati personali

INDICE. CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento Art. 2 Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 Trattamento dei dati personali REGOLAM EN TO P ER LA DISCIP LIN A DELLA VIDEOSORV EGLIANZA NEL TERR ITOR IO COM UNALE DI ARIELLI. CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento Art. 2 Definizioni Art. 3 Finalità Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs.

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs. RIFIUTI: ASSEGNAZIONE DEI CODICI C.E.R. E CORRETTE MODALITA DI STOCCAGGIO D.Lgs. 152/2006 Montebelluna, 14.05.2011 ASOLOMONTEBELLUNA 1 DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

OFFERTA IN PROMOZIONE PER ISCRITTI UNPISI

OFFERTA IN PROMOZIONE PER ISCRITTI UNPISI Un corso con finalità pratiche procedurali in due sessioni 1) MATTINA: LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DELINEATA DAL D.M. 10 AGOSTO 2012 N. 161. LA DISTINTA DISCIPLINA PER I RIFIUTI

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014. A cura dell UI Torino Servizio Ambiente. Confindustria, 6 febbraio 2014

SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014. A cura dell UI Torino Servizio Ambiente. Confindustria, 6 febbraio 2014 SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014 A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il D.M. 17/12/2009. La base legale

Dettagli

IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata*

IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata* IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata* INTRODUZIONE Basta collegare un tubo all autobotte e il contenuto viene scaricato e fatto

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

COMUNE D I CALASCIBETTA

COMUNE D I CALASCIBETTA COMUNE D I CALASCIBETTA PROVINCIA DI ENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 29/07/2013 INDICE CAPO

Dettagli

ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE

ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE TEORIA E PRATICA DEL DIRITTO SEZIONE III: DIRITTO E PROCEDURA PENALE 103 PASQUALE FIMIANI ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE GIUFFRE Ifami EDITORE MILANO 2000 INDICE SOMMARIO Presentazione. Parte prima: LE

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA NUOVA DEFINIZIONE DI PRODUTTORE DI RIFIUTI E SULLE CONSEGUENZE OPERATIVE

CONSIDERAZIONI SULLA NUOVA DEFINIZIONE DI PRODUTTORE DI RIFIUTI E SULLE CONSEGUENZE OPERATIVE CONSIDERAZIONI SULLA NUOVA DEFINIZIONE DI PRODUTTORE DI RIFIUTI di Giovanni Tapetto 1 E SULLE CONSEGUENZE OPERATIVE Premessa Con il DL 4 luglio 2015, n. 92, entrato in vigore dal 7 luglio 2015, il Governo

Dettagli

Eni Corporate University

Eni Corporate University I fondamenti delle professionalità Health, Safety, Environment & Quality Eni Corporate University E n i ' s k n owledge company AMBIENTE Il nostro sguardo sul territorio Internet www.enicorporateuniversity.it

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 DECRETO LEGISLATIVO 231/01 Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto per la prima volta nell ordinamento giuridico italiano il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli

Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1

Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1 Aspetti legislativi relativi al Trattamento acque reflue in enologia 1 Franco Giampietro I. Premessa 1. Attività viticolo-enologica come attività industriale ovvero come impresa artigianale?... (700.000

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 23 marzo 2009. INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice CAPO I Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Informativa Art. 5 - Accertamenti di illeciti e indagini

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO Gestione e smaltimento terre e rocce da scavo alla luce del DM 161 del 10.08.12 (G.U. 21.09.

TERRE E ROCCE DA SCAVO NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO Gestione e smaltimento terre e rocce da scavo alla luce del DM 161 del 10.08.12 (G.U. 21.09. SOCI SOSTENITORI Organizzatore CORSO 1 (8 ore) CORSI AMBIENTALI (sede Milano) per GEOLOGI Regione Lombardia TERRE E ROCCE DA SCAVO Gestione e smaltimento terre e rocce da scavo alla luce del DM 161 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di VIDRACCO Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 15 in data 29.4.2008

Dettagli

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro, Come si possono smaltire le cartucce di stampa esauste?? Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti Ancona, 10/12/2014 Dott.ssa Federica Angeloni Dott.ssa Tamara Giacometti Dott.Ing. Alessio Stabile SISTRI: facciamo il punto Il quadro di riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE - Delibera C.C. n 10 del 30.03.2012: Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza

Dettagli

Un quesito sulla natura giuridica dei wc chimici dei camper e contenitori similari

Un quesito sulla natura giuridica dei wc chimici dei camper e contenitori similari Un quesito sulla natura giuridica dei wc chimici dei camper e contenitori similari Domanda: Esiste un dibattito sulla natura dei wc chimici portatili dei camper: sono scarichi (magari assimilabili alle

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 29 del 20 novembre 2008 Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (DLgs. 9.4.2008 n. 81) - Valutazione dei rischi e redazione del relativo documento -

Dettagli

DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI: UNA INQUIETANTE NOVITÀ NASCOSTA TRA LE PIEGHE DELL ALLEGATO C DEL NUOVO TESTO UNICO AMBIENTALE

DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI: UNA INQUIETANTE NOVITÀ NASCOSTA TRA LE PIEGHE DELL ALLEGATO C DEL NUOVO TESTO UNICO AMBIENTALE DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI: UNA INQUIETANTE NOVITÀ NASCOSTA TRA LE PIEGHE DELL ALLEGATO C DEL NUOVO TESTO UNICO AMBIENTALE A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani 1.

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 INDICE CAPO I... 3 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA Testo approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 08/02/2010 Regolamento di Videosorveglianza Capo Primo Principi Generali art. 1 finalità e definizioni

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009.

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ACQUISITI MEDIANTE L IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA ATTIVATO NEL TERRITORIO URBANO DEL COMUNE DI MACERATA Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MONTESEGALE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 26 novembre

Dettagli

RIFIUTI DIFFERENZIATI DEL COMUNE DI CISTERNA DI LATINA GESTITI DALLA SOCIETA CISTERNA. AMBIENTE S.p.A. IN LIQUIDAZIONE.

RIFIUTI DIFFERENZIATI DEL COMUNE DI CISTERNA DI LATINA GESTITI DALLA SOCIETA CISTERNA. AMBIENTE S.p.A. IN LIQUIDAZIONE. REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI DEL COMUNE DI CISTERNA DI LATINA GESTITI DALLA SOCIETA CISTERNA AMBIENTE S.p.A. IN LIQUIDAZIONE.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 29 novembre 2005 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli