AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO FORMULARIO PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO FORMULARIO PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO"

Transcript

1 POR SARDEGNA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO FORMULARIO PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO Novembre 2006 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA

2 INDICE 1. DATI GENERALI DEL PROGETTO INTEGRATO SINTESI DELLA PROPOSTA DI PROGETTO INTEGRATO PARTENARIATO DI PROGETTO Composizione e costituzione del Partenariato di Progetto Articolazione del Partenariato di Progetto QUADRO DI RIFERIMENTO DEL PROGETTO INTEGRATO Analisi di contesto Analisi SWOT OBIETTIVI E PRIORITA DEL PROGETTO INTEGRATO Costruzione dell albero dei problemi Costruzione dell albero degli obiettivi e selezione degli obiettivi prioritarierrore. Il segnalibro non è definito Coerenza con gli obiettivi specifici definiti nei pertinenti Elementi per la Predisposizione dei Progetti Integrati STRATEGIA E OPERAZIONI DEL PROGETTO INTEGRATO Definizione della strategia Definizione delle operazioni Analisi del rispetto del principio di Pari Opportunità Analisi della sostenibilità ambientale Definizione degli indicatori MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO INTEGRATO Iter procedurale e cronoprogrammi di attuazione delle operazioni Efficienza amministrativa del contesto territoriale di riferimento per l attuazione dell operazione Accordi di cooperazione per l attuazione del Progetto Integrato di SviluppoErrore. Il segnalibro non è definito. 8. QUADRO FINANZIARIO DEL PROGETTO INTEGRATO /2

3 1. DATI GENERALI DEL PROGETTO INTEGRATO A. Titolo del Progetto Integrato Tecnologie ambientali -Tecnologia e strumenti avanzati per il recupero e il riutilizzo dei rifiuti urbani e speciali : Inerti e prodotti derivati B. Classificazione del Progetto Integrato Tipologia del Progetto Integrato Progetto Integrato di Sviluppo Regionale Progetto Integrato di Sviluppo Territoriale Tema / Settore di Riferimento del Progetto Integrato (Fare riferimento agli Allegati dell Avviso Pubblico) Tipologia di Partenariato di Progetto Barrare la Casella di Interesse Industria, Artigianato e Servizi Regionale Filiere e Produzioni Agroalimentari. Regionale Pesca, Acquacoltura e Aree Umide. Regionale Rete Ecologica Regionale. Regionale Parchi e Compendi Forestali Regionali. Regionale Itinerari di Sardegna (Itinerari Turistici) Regionale Inclusione, Sociale Regionale Sicurezza e Legalità. Regionale Industria, Artigianato e Servizi Territoriale Filiere e Produzioni Agroalimentari. Territoriale Sviluppo delle Aree Rurali e Montane. Territoriale Turismo Sostenibile e Valorizzazione del Patrimonio Ambientale e Territoriale Culturale. Aree Urbane e Reti di Comuni. Territoriale Provincia/e di Riferimento del Progetto Integrato (Barrare la/e Provincia/e solo per i Partenariati di Progetto Territoriali) Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Oristano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Sassari 25/3

4 C. Partenariato di Progetto REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Tipologia e Numero di Soggetti del Partenariato di Progetto (Articolo 10, Comma 2 dell Avviso Pubblico) Numero Ente Locale (Comune, Comunità Montana, Provincia) 10 Enti Locali in Forma Associata (Associazioni, Unioni e Consorzi di Enti Locali) 1 Impresa 31 Imprese in Forma Associata (Consorzi, Società Consortili, Associazioni Temporanee di Impresa, etc.) Università, Centro di Ricerca Pubblico, Centro di Ricerca Privato, Parco Scientifico 3 Associazione di Categoria e/o Datoriali Organizzazione Sindacale Associazione Ambientalista Associazione Culturale Organizzazione del Terzo Settore (No Profit) Costituendi Partenariati di Progetto (ai sensi dell articolo 10, comma 2 dell Avviso Pubblico) Altro Composizione del Comitato di Coordinamento (il primo nominativo è il Coordinatore) Cognome Nome Organismo Posta Elettronica Scano Sara Casu Monica Sini Filippo Pala Luigi G. Vinci Alessandro Data di Sottoscrizione del Protocollo d Intesa (Allegato al Progetto Integrato) Data 18/12/2006 Luogo Assessorato alla Pubblica Istruzione in via Roma 253-Cagliari 25/4

5 D. Approvazione del Progetto Integrato Data di Approvazione del Progetto Integrato da parte del Partenariato di Progetto Data 18/12/2006 Luogo Assessorato alla Pubblica Istruzione in via Roma 253-Cagliari Data di Approvazione del Progetto Integrato da parte del Tavolo di Partenariato Regionale/Provinciale Data 18/12/2006 Luogo Assessorato alla Pubblica Istruzione in via Roma 253-Cagliari E. Presentazione del Progetto Integrato Firma dei Componenti del Comitato di Coordinamento (il primo nominativo è il Coordinatore) Cognome Nome Firma Scano Sara Casu Sini Monica Filippo Pala Luigi G. Vinci Alessandro 25/5

6 2. SINTESI DELLA PROPOSTA DI PROGETTO INTEGRATO La qualità ambientale può diventare una leva formidabile, oggi la più significativa, dell innovazione delle produzione e delle tecnologie, del rilancio dello sviluppo, di una concreta risposta ai rischi di declino economico della Sardegna, nell attuale contesto della globalizzazione crescente dei mercati. Di uno sviluppo di qualità, sostenibile e durevole, che è anche una delle vie da privilegiare per un Regione come la Sardegna che vede le sue presenze più significative, ed ancora oggi più promettenti sui mercati, legate sia ad un immagine di qualità e bellezza, sia a produzioni coerenti con tale immagine consolidata. L elevata qualità ambientale, se perseguita con innovazione tecnologica di processo e di prodotto, con aumento dell efficienza e della produttività delle risorse naturali, dell energia e dei materiali, e con rinnovate capacità di gestione, anziché un vincolo diventa un effettiva opportunità anche economica. Può portare una prospettiva win-win, dove molti possano risultare vincitori, dove si possano ottenere doppi vantaggi: ambientali ed economici. Una progetto che richiede, partecipazione di tutti gli attori interessati, politici e sociali, in particolare di quelli economici. La partecipazione dei soggetti economici alle politiche di sviluppo sostenibile si basa su due presupposti: un interesse comune che richiede regole da condividere (si partecipa per condividere questo interesse comune e assicurare il rispetto delle regole che lo tutelano); vantaggi aggiuntivi che non vi sarebbero o che sarebbero minori senza tale partecipazione. Una gestione ecoefficiente dei rifiuti da costruzione e demolizione, può essere una applicazione di questa strategia che ispira la normativa del settore, a partire dal D.lvo 22/97: dall ambiente alla qualità dello sviluppo, dal rifiuto alla risorsa. I rifiuti derivanti da attività di costruzione, demolizione e scavo sono quantità ingenti, ma quanti sono i rifiuti da demolizione e costruzione che escono dal circuito controllato e finiscono ancora oggi in abbandoni e discariche abusive? Lo smaltimento in discarica di questi rifiuti non è solo un costo ambientale diretto, quello della discarica, ma è anche una potenziale premessa per l abbandono e allo smaltimento abusivo. Per diverse ragioni: se il rifiuto è da buttare, e non da riutilizzare, lo si butta; la discarica può essere lontana, il trasporto costa e fa perdere tempo. Il modo migliore per contrastare gli abbandoni e gli smaltimenti illeciti è quello di costruire un ciclo di recupero dei rifiuti ben funzionante, efficace ed economico. Partendo da questi presupposti sistema di recupero, è possibile, incoraggiando buone pratiche, buone tecnologie e gestioni più efficienti, non solo recuperare una quota maggiore dei rifiuti prodotti che sfuggono ai controlli, ma migliorare efficacia e redditività economica delle attività di recupero, ottenendo maggiori prodotti riutilizzabili e prodotti di migliore qualità che consentono un doppio vantaggio: sostituire effettivamente materie prime vergini, con risparmio di cave e di territorio, spuntare prezzi migliori e una significativa capacità di affermarsi sul mercato. Questo progetto può dare una mano concreta e importante in questa direzione perché può favorire la crescita di una esperienza, gestionale e produttiva, di eccellenza, in questo settore, in nella Regione Sardegna. Il Progetto è finalizzato dunque ad integrare un gruppo di imprese, enti pubblici, professionisti tutti coinvolti al fine di raggiungere obbiettivi comuni sotto il profilo economico ed ambientale: - promuovere la realizzazione di impianti e centri di raccolta ad alta efficienza; - ottimizzare il riuso, riciclo e recupero di materia in modo da generare reddito, attraverso azioni rivolte alla domanda e all offerta di prodotti riciclati; - definire sistemi di garanzia circa il rispetto delle regole comunitarie in materia; 25/6

7 - condividere e pianificare con tutti i soggetti pubblici e privati sistemi di regole che tutelano gli interessi comuni a tutela dell ambiente; - sottoscrivere un accordo di programma che comprenda un insieme azioni che i sottoscrittori si impegnano ad attuare in tutte le fasi del ciclo dei rifiuti, per minimizzare la pericolosità, ridurre la quantità ed aumentare il recupero e il riciclaggio. Per rendere operativi questi impegni, semplificare l applicazione della normativa e promuovere il conseguimento degli obiettivi di tutela dell ambiente che lo ispirano, l accordo di Programma specifica le modalità e le procedure da adottare per la corretta esecuzione di alcune fasi particolarmente significative della gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione. Demolire in modo selettivo; raggruppare e movimentare i rifiuti separati per tipologie; avviare ogni frazione al recupero più idoneo o allo smaltimento corretto; far funzionare in maniera efficiente gli impianti di trattamento dei rifiuti, per ottenere riciclati di qualità; utilizzare quanto più possibile materiali recuperati e riciclati per realizzare le nuove lavorazioni: se applicate con attenzione da tutti i soggetti coinvolti, queste poche regole permettono di ridurre drasticamente gran parte degli impatti ambientali prodotti dai rifiuti da costruzione e demolizione, con vantaggi per l ambiente e senza costi aggiuntivi per gli operatori economici dell edilizia che anzi potranno ottenere solo vantaggi: organizzando i loro processi produttivi in modo più efficiente; producendo minori scarti e quindi evitando pesanti oneri di trasporto e smaltimento; imparando a recuperare quello che è riusabile e ad utilizzare materiali riciclati, con risparmi significativi sui costi di approvvigionamento. É proprio la generale applicazione di queste semplici regole di comportamento che l Accordo di Programma si propone di ottenere, tramite delle Direttive Tecniche, che si occuperanno di rendere tutto ciò possibile e tecnicamente funzionale. 25/7

8 3. PARTENARIATO DI PROGETTO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA 3.1. Composizione e costituzione del Partenariato di Progetto Tabella 1 - Elenco degli Enti Pubblici che partecipano al Partenariato di Progetto Ente Pubblico Titolo Operazione Proposta Codice Operazione Consorzio interuniversitario(c/o Dipartimento di Chimica Università di Sassari) Ricerca di nuovi materiali da costruzione dagli scarti dei lapidei H197 Ente Parco Nazionale dell Asinara Riciclaggio delle demolizioni effettuate all interno del parco Operazione esterna Comune di Ploaghe Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Comune di Serdiana Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Comune di Maracalagonis Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Comune di Nule Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Comune di Bottidda Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Unione Comuni Parteolla e Basso Campidano: Comune di Barrali Comune di Dolianova Comune di Donori Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Comune di Serdiana Comune di Settimo San Pietro Comune di Soleminis Comune di Segariu Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Comune di Burgos Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Comune di Codrongianos Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Comune di Anela Adesione all Accordo di Programma Operazione esterna Tabella 2 Elenco delle Imprese che partecipano al Partenariato di Progetto. Imprese Titolo Operazione Proposta Codice Operazione Ge.Di.Ca. srl Ampliamento impianto di lavorazione inerti B422 Garau Virgilio Sviluppo aziendale finalizzato a produzioni di laterizi in calcestruzzo cellulare autoclavato B467 Antonello Montagna Discarica e recupero di inerti nella provincia di Cagliari D353 F.I.S.A. Sviluppo aziendale finalizzato all introduzione di metodologie di lavoro innovative D530 25/8

9 Tuttavista di Pisanu Efisio & C. FRIDA Costruzioni REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Potenziamento aziendale finalizzato alla costruzione di un nuovo impianto perla lavorazione di scarti del lapideo Produzione terra vegetale da riciclo inerti da demolizione D567 D93 Ditta Puddu Antonio Realizzazione discarica per l edilizia a serri E771 Garau Roberto Attivita di riciclo di materiali inerti E883 STE.MA. Costruzioni srl Ecoedil Realizzazione impianto per il riciclo di scarti dell edilizia Sviluppo aziendale finalizzato all introduzione di metodologie innovative volte al reimpiego degli scarti E906 E920 Ambiente e Territorio Recupero e riciclaggio di inerti da demolizione F334 ECO.RI.SA. Gestione discarica inerti F528 Eredi Manghina Salvatore srl Realizzazione impianto per il riciclo materiali di scarto dall edilizia a Ploaghe F541 Lai Valentina (costituenda Ambiente e Territorio snc) Realizzazione impianto di riciclo materiali di scarto delle cave a ozieri F548 Amedeo Mandras Movimento Terra Sanna Edilizia Pischedda Salvatore F.lli Vinci srl Cerchi Calcestruzzi F.lli Serra M. Gonare T.O. Riciclaggio materiale da scavo e movimento terra Riciclo pietra calcarea da cave e residui ceneri da combustione impianto energia elettrica x produzione manufatti in cemento Recupero scarti di cave e materiali inerti per frantumazione e vendita ad altre imprese che lo riciclano. Sviluppo industriale finalizzato alla realizzazione di produzioni innovative per opere civili da scarti di lavorazione del lapidei Sviluppo aziendale finalizzato alla costruzione di un nuovo impianto produttivo per la produzione di calcestruzzo da inerti Produzione manufatti in cemento con utilizzo della perlite espansa Attivita di riciclo di materiali inerti G110 G303 G380 G507 H101 H42 H496 Denti Costruzioni Sviluppo d impresa finalizzata allo sfruttamento di inerti H503 Ecosystem Recupero materiali da demolizioni piano di sviluppo aziendale H539 25/9

10 Oristano Inerti srl G.L.G. Service REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Utilizzo sfridi di lavorazione per riciclo, lavorazione e commercializzazone di sabbie, pietrisco, ghiaie, inerti edili. Recupero e riciclaggio materiali demolizioni edili M165 N194 Industrie Inerti Calcarei srl Ghisu Bastiano Riciclaggio inerti da materiale edile Sviluppo aziendale finalizzato al conseguimento della certificazione ambientale N367 O1018 Ditta Casu Elias Realizzazione impianto rifiuti da edilizia speciali non pericolosi P458 Ditta Pileri Giovanni Recupero e riutilizzo di inerti edili P589 Impresa Edile di Deledda e Morittu snc Riciclaggio manufatti di pietra derivanti da scarti di lavorazione edili O451 Noesis srl Servizi per le Imprese e Pubbliche amministrazioni H679 Tabella 3 Elenco degli Altri Soggetti che partecipano al Partenariato di Progetto. Altri Soggetti Titolo Operazione Proposta Codice Operazione C.R.E.A. (Centro Ricerca Ecologia e Ambiente) Fornire documentazione d Archivio sui rifiuti ai Consorziati Operazione esterna 25/10

11 3.2. Articolazione del Partenariato di Progetto Programmazione e Pianificazione ciclo di recupero Conferimento materiali S&D e Derivati Recupero Materiali da S&D e Derivati Riciclo Materiali da S&D e Derivati Vendita Riciclati Semilavorati e Prodotti finiti ai Privati Vendita Riciclati Semilavorati e Prodotti finiti al Pubblico Tabella 4 Impegni specifici assunti dai singoli Soggetti del Partenariato di Progetto Soggetto del Partenariato Comuni di: Ploaghe Serdiana Maracalagonis Nule Bottidda Segariu Burgos Codrongianos Anela Unione Comuni Parteolla e Basso Campidano: Barrali Dolianova Donori Serdiana Settimo San Pietro Soleminis Ente Parco dell Asinara Comuni di: Ploaghe Serdiana Maracalagonis Nule Bottidda Segariu Burgos Codrongianos Impegno Specifico Determinare un sistema di garanzia per Applicare il D.M. 203/2003 Azioni di sensibilizzazione e Informazione rivolte ai Cittadini Sul tema della gestione sostenibile dei rifiuti Priorità Attribuita all Impegno Specifico Indispensabile 25/11

12 Anela Unione Comuni Parteolla e Basso Campidano: Barrali Dolianova Donori Serdiana Settimo San Pietro Soleminis Ente Parco Asinara C.R.E.A. Noesis srl Garau Virgilio Antonello Montagna F.I.S.A. Tuttavista di Pisanu Efisio & C. Ditta Puddu Antonio Garau Roberto STE.MA. Costruzioni srl Ecoedil Ambiente e Territorio ECO.RI.SA. Eredi Manghina Salvatore srl Lai Valentina (costituenda Ambiente e Territorio snc) REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Pianificare e Programmare il Riciclo di tutti i materiali provenienti da demolizioni effettuate all interno dell area del Parco Fornire documentazione d Archivio sui rifiuti ai Consorziati Fornire consulenze ambientali e di qualità ai consorziati Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile 25/12

13 Amedeo Mandras Movimento Terra Sanna Edilizia Pischedda Salvatore F.lli Vinci srl Cerchi Calcestruzzi F.lli Serra Ecosystem G.L.G. Service Industrie Inerti Calcarei srl Ghisu Bastiano Ditta Pileri Giovanni Impresa Edile di Deledda e Morittu snc Noesis srl Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Aderire alla futura società consortile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile Indispensabile 25/13

14 Comuni di: Ploaghe Serdiana Maracalagonis Nule Bottidda Segariu Burgos Codrongianos Anela Unione Comuni Parteolla e Basso Campidano: Barrali Dolianova Donori Serdiana Settimo San Pietro Soleminis Consorzio Interuniversitario REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Pianificare e programmare la definizione di un accordo di programma Programmare la realizzazione di progetti pilota con la collaborazione delle Aziende Indispensabile Tabella 5 Impegni collettivi assunti dai singoli Soggetti del Partenariato di Progetto Impegno Specifico Attuare l Accordo di Programma Effettuare le procedure per l ottenimento della Marcatura CE ed effettuare l iscrizione al Repertorio del Riciclaggio Effettuare, in seno al Consorzio, le Certificazioni di Qualità ed Ambientali Effettuare una cooperazione fra Imprese e fra Enti Pubblici ed Imprese tramite la costituzione di un Consorzio Priorità Attribuita all Impegno Specifico Indispensabile Indispensabile 25/14

15 4. QUADRO DI RIFERIMENTO DEL PROGETTO INTEGRATO 4.1. Analisi di contesto A. Situazione attuale del contesto territoriale / tematico / settoriale del Progetto Integrato di Sviluppo Nel , in Italia sono stati prodotti 131 milioni di tonnellate di rifiuti di cui 31 milioni di tonnellate di rifiuti urbani, 57,7 milioni di tonnellate di rifiuti speciali (tra cui 5,4 milioni di pericolosi) e oltre 42 milioni di tonnellate di rifiuti da costruzioni e demolizioni. Rispetto al 2003, nel 2004 si è registrata una ulteriore crescita dei rifiuti urbani prodotti (+3,7%), dei rifiuti speciali non pericolosi (+ 5,2%), pericolosi (+10%), da costruzioni e demolizioni (+12,2%).Nelle regioni del Nord, con il 45% della popolazione italiana, è presente il 58,7% del totale di produzione dei rifiuti e, in particolare, il 45% dei rifiuti urbani, il 63% dei rifiuti speciali e il 63% dei rifiuti da costruzioni e demolizioni. Al Centro, con il 20% della popolazione, si produce il 18% totale dei rifiuti italiani di cui il 22% di rifiuti urbani, il 16% dei rifiuti speciali e il 14% dei rifiuti inerti. Al Sud, con il 36% della popolazione, si produce il 22% del totale dei rifiuti, di cui il 32% dei rifiuti urbani, il 20% dei rifiuti speciali e il 13% dei rifiuti inerti. Attualmente (30 Settembre 2005) in Sardegna operano 9 ditte che effettuano il recupero di materia dagli scarti inerti, tramite impianti mobili di frantumazione e successiva vagliatura. Sono tutti localizzati in Provincia di Cagliari e non vengono specificati i volumi trattati. Allo stesso tempo esistono 48 discariche di inerti.dalle stime effettuate dall ONR nel 2004 risulta che la quota di recupero in Sardegna è del 20,6% contro la media nazionale di 61,2%. Dalla seconda tabella si evince come il recupero di materia da rifiuti speciali non pericolosi rappresenti solo il 14,3% rispetto alla discarica che viene scelta nel 69,4% dei casi.con riferimento ai soli rifiuti speciali non pericolosi si rileva che l 83,7% è stato sottoposto ad operazioni di smaltimento e che l operazione di trattamento più ricorrente è lo smaltimento in discarica, con una quota pari al 75,2% sul totale dei rifiuti speciali gestiti. 25/15

16 I sistemi molto integrati si caratterizzano per una elevata percentuale di raccolta differenziata, molti impianti di trattamento e incenerimento e poche discariche. Al contrario i sistemi di gestione integrati molto semplificati, che necessitano quindi di crescere per ridurre il fabbisogno di discariche, si caratterizzano per una bassa quota di raccolta differenziata, pochi impianti di incenerimento e trattamento e molte discariche. La prima tipologia risulta diffusa nelle regioni del nord, mentre al centro e al sud prevalgono sistemi integrati semplificati.la Sardegna si colloca all interno del secondo gruppo: a fronte di una quota di raccolta differenziata tra le più basse in Italia, presenta una netta prevalenza delle discariche rispetto ad altre tipologie di impianti. La Sardegna si caratterizza pertanto per un sistema integrato ancora molto elementare, e con una diffusa presenza di piccoli operatori.secondo quanto sostenuto nel rapporto di Federambiente, da una situazione con un modello di gestione semplificato raccolta-discarica si dovrebbe passare ad un modello di gestione integrata recupero-trattamento con discarica minimizzata.si riporta una serie storica riassuntiva dei metodi di gestione utilizzati in Sardegna dal 1999 al ATTIVITA DI GESTIONE DEI RIFIUTI AGGREGATI PER REGIONE (Sardegna) (e incrementi % da un anno all altro) Rifiuti Speciali TOTALI MUD 1999 MUD 2000 MUD 2001 MUD 2002 MUD 2003 MUD 2004 Discarica Pretrattamento Incenerimento Trattamento Recupero R2 - R /16

17 Stoccaggio Incremento Recupero + 33% + 53,7% + 6,6% + 18% + 30,1 -- Si riscontra però una grossa incongruenza dal confronto dei dati rispetto alle previsioni del piano regionale di gestione dei rifiuti, con uno scarto percentuale del 50%, scarto che si avvicina notevolmente a quello riscontrato confrontando i dati sulla produzione e quelli sullo smaltimento dichiarati al MUD.I materiali da C&D non sono soggetti a un regime di territorialità regionale e quindi esiste un regime di import- export dei rifiuti CER 17; la quota da import dei rifiuti CER 17 è pari ton pari a un incidenza del 4,12% mentre la quota di export è di ton pari al 17,07% sullo smaltimento, con connessi i costi di trasporto in territorio extra-regionale. Nel Piano regionale sono previsi ulteriori m3 per i successivi 10 anni (fino cioè al 2011), come fabbisogno di discariche regionali per inerti nel Dagli Elenchi regionali messi a disposizione nel sito della Regione Sardegna sono registrate 48 discariche di inerti in Sardegna al 30 Settembre 2005, per una volumetria complessiva autorizzata di m3. Analizziamo ora i dati relativi al riciclaggio di materiali da C&D in Italia e in Sardegna.Il settore del riciclaggio dei rifiuti da costruzione e demolizione in Italia, nonostante, come emerge dal presente rapporto, risulti ancora fortemente arretrato, è attualmente in evoluzione. Finora uno dei principali ostacoli allo sviluppo di tale settore è stata la resistenza culturale all uso degli aggregati riciclati nelle costruzioni, alimentata dall assenza di strumenti tecnici (capitolati d appalto) e normativi adeguati. Negli ultimi anni invece, grazie soprattutto all azione di ANPAR, si sono verificati alcuni eventi che sono destinati a favorire l impiego su vasta scala di questi materiali: - l entrata in vigore delle norme tecniche di prodotto emanate per la marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106); - l inserimento degli aggregati riciclati tra i beni e manufatti che devono essere impiegati dalle PA nelle proprie opere con un minimo del 30%; - l emanazione di capitolati d appalto di nuova concezione che contemplano l uso degli aggregati riciclati; - l emanazione di una circolare applicativa la Circolare n 5205/05, del DM 203/03 che fissa le prestazioni che devono essere possedute dagli aggregati riciclati per essere iscritti al repertorio del riciclaggio. Per verificare quanti operatori effettuassero il recupero di materia dagli scarti C&D in Sardegna si è consultato l elenco regionale dei possessori di impianti mobili di frantumazione per inerti, aggiornato al 30 Settembre 2005; gli operatori sono risultati essere nove, perlopiù concentrati nella Provincia di Cagliari e, per questo motivo, non rappresentano un competitore diretto per il territorio di utenza. Considerando le basse percentuali relative al recupero di materia dagli scarti inerti in Sardegna, 20,6%, rispetto al 69,4% relativo allo smaltimento definitivo in discarica, si deduce che i reali competitori della Ditta sono le imprese di gestione dei rifiuti speciali non pericolosi. Per analizzare il mercato dello smaltimento e della gestione dei rifiuti da C&D ci si è rifatti all analisi strutturale gestione rifiuti, che ha intervistato 21 imprese operanti in Sardegna nel settore dei rifiuti, suddividendole nelle seguenti categorie per attività svolta: 25/17

18 1. trasporto e raccolta; 2. smaltimento e trattamento; 3. raccolta e smaltimento. Sono quindi escluse dall indagine le imprese che operano nelle attività di recupero e riciclaggio dei rifiuti; è ugualmente interessante analizzare questi dati poiché la maggioranza dei rifiuti da C&D finiscono in questo circuito e per la presenza di alleanze di tipo verticale con i servizi di recupero e riciclaggio conto terzi.nel complesso, soltanto il 52,4% delle aziende intervistate gestisce RSU (rifiuti solidi urbani), mentre il 71,4% gestisce Rifiuti speciali (diversi dai C&D) e il 33% C&D (rifiuti da opere di costruzione e demolizione).all interno delle imprese di raccolta e trasporto intervistate, il 61,5% gestisce RSU, il 69,2% Rifiuti speciali (diversi dai C&D) e il 23,1% C&D (rifiuti da opere di costruzione e demolizione). Le imprese di trattamento e smaltimento intervistate si caratterizzano per essere in parte specializzate nello smaltimento di C&D (rifiuti da opere di costruzione e demolizione) e in parte per trattare sia RSU che Rifiuti speciali. Analizzando in dettaglio le diverse tipologie di gestione, si registra che lo smaltimento finale in discarica costituisce la forma prevalente di gestione dei rifiuti (69,4%), mentre al recupero di materia viene avviato solo il 14,3% dei rifiuti speciali trattati. Lo stoccaggio rappresenta circa il 4,7%, mentre la messa in riserva il 5,9%.Le aziende sono di dimensione perlopiù piccola e sono caratterizzate da una prevalente presenza di lavoratori maschili ( 90,4%)in confronto a un esigua quota di lavoratrici donne ( 9,6%)maggiormente adoperate in funzioni di ufficio. Le Aziende oggetto dell indagine sono state inquadrate anche per quanto riguarda le certificazioni ISO UNI EN 9001 e con i seguenti risultati; - nel 2005 risultavano essere in possesso della certificazione rispettivamente ISO 9001 il 38,1%, ed ISO il 14,3% delle ditte intervistate; - il 14,3% risultavano avere la certificazione SOA per operare in appalti superiori a ,00 Euro mentre il 61,9% dichiarava di non possedere alcuna delle succitate certificazioni. Si sottolinea la scarsa presenza della certificazione ambientale UNI EN Nello stesso questionario le ditte che dichiarano di non prevedere nessuna certificazione sono l 85%, quelle che si vogliono certificare ISO UNI EN 9001 sono il 4,8% ed infine quelle che prevedono di ottenere la certificazione UNI EN sono il 9,5%. Si riporta infine la serie storica dei valori di produzione e di smaltimento registrati al MUD dal 1999 al PRODUZIONE E SMALTIMENTO RIFIUTI SARDEGNA AGGREGATI PER CATEGORIA (e scarto % rispetto alla produzione) CER 17 : RIFIUTI DI COSTRUZIONI DEMOLIZIONI CER Produzione /18

19 Smaltimento Il mercato di riferimento identificato è l edilizia; in particolare si intendono soddisfare le seguenti necessità del mercato: soddisfare la richiesta di assorbire la produzione di scarti da C&D, sempre crescente, per effettuarne il riciclaggio con politiche competitive rispetto allo smaltimento in discarica con finalità di deposito definitivo; soddisfare la richiesta di prodotti riciclati, anch essa destinata a crescere in maniera consistente. Le fonti consultate sono le seguenti: Analisi strutturale gestione rifiuti 2006 A cura di R&l srl (Ricerche e interventi di politiche industriali e del lavoro) Realizzazione di una banca dati per il monitoraggio del fabbisogno formativo Misura 3.5 del POR Sardegna-Progetto nr Il sistema di gestione dei Rifiuti Urbani e Speciali: valutazione e prospettive Osservatorio Nazionale sui Rifiuti LA PRODUZIONE DI RIFIUTI INERTI IN ITALIA-2006 A N P A R (Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati) Il Sistema Integrato dei Rifiuti in Ambito Locale: l impresa di gestione dei rifiuti nell Ambito territoriale Ottimale Federambiente,Ottobre VALUTAZIONE EX ANTE AMBIENTALE FASCICOLO 2 ALLEGATO 3 - POR SARDEGNA RAPPORTO SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN SARDEGNA Analisi Dati Mud ANNO OPUSCOLO INFORMATIVO Dicembre 2002 OSSERVATORIO RIFIUTI Regionale PIANO REGIONALE GESTIONE RIFIUTI - Sezione Rifiuti Speciali - Sintesi ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Servizio gestione rifiuti e bonifica siti inquinati - Decisione C (2005) 4820 del 1 dicembre /19

20 B. Risorse materiali e immateriali di riferimento per il Progetto Integrato di Sviluppo Le risorse materiali apportate dal Progetto Integrato Recupero Inerti sono rappresentate principalmente da nuovi impianti di trattamento che permetteranno da un lato di incrementare la quantità di riciclati offerti dal mercato e dall altro di diversificare l offerta stessa. Si tratta di impianti per la produzione sia di aggregati riciclati ( conglomerati bituminosi o aggregati per calcestruzzi), ma anche di prodotti riciclati lavorati e semi lavorati riciclati (costituito cioè da più del 60% di aggregati riciclati) vendibili sul mercato senza subire ulteriori trattamenti. I prodotti offerti dalle ditte sono di differenti tipologie, anche se la maggioranza degli investimenti si concentrano nel trattamento degli inerti da demolizione;tuttavia vale la pena di indicare le differenti tipologie impiantistiche per le quali le ditte aderenti richiedono il finanziamento: Impianto per la produzione di inerti per l edilizia prodotti dai residui di demolizione; Impianto per la produzione di conglomerati bituminosi ottenuti dalla fresatura stradale; Impianto per la produzione di prodotti per l edilizia ottenuti dalla lavorazione degli sfridi di cave; Impianto per la produzione di perlite espansa ottenuta dal trattamento dei fanghi di decantazione degli impianti di depurazione delle cave(fanghi di decantazione); Impianto per la produzione di lettiere per animali (gatti, conigli domestici )da scarti di altre lavorazioni; Impianto per la produzione di granulati dalla frantumazione delle rocce e delle pietre di scavo; Impianto per la produzione di terra vegetale proveniente da scavi; Impianto per il riciclaggio dei materiali di risulta della bonifica ed il ripristino di cave dimesse; Impianto per la produzione di calcestruzzo riciclato; Impianto di riciclaggio dei materiali di risulta provenienti da bonifiche di discariche 2a. Tali impianti sono dislocati su tutto il territorio regionale in maniera omogenea, fatto che agevola il recapito dei rifiuti verso idonei trattamenti finalizzati ad effettuarne il riciclaggio; uno dei problemi riscontrati nella filiera del riciclaggio è l assenza di impianti di trattamento in quasi tutte le Province della Sardegna ad eccezione per la Provincia di Cagliari dove si riscontra la maggiore concentrazione di tali tipi di impianto. ( 9 impianti registrati nell elenco degli impianti mobili di frantumazione consultabile sul sito della Regione Sardegna aggiornato al 30 Settembre 2005). La costituzione di un Consorzio per il riciclaggio permette sia di condividere ed analizzare dati e problematiche legate al settore sia di sperimentare strategie per una migliore gestione della filiera creando collaborazioni e gemellaggi con le istituzioni più avanzate nel riciclaggio dei rifiuti. Una delle strategie che si intende mettere in campo consiste nella gestione collettiva di discariche temporanee ed, in particolare: 1. discariche temporanee collettive a servizio di più imprese ( in luoghi baricentrici rispetto ai singoli cantieri); 2. discariche temporanee a servizio di più cantieri della stessa azienda. Entrambi le tipologie permettono di ridurre le spese di gestione e di trasporto legate alle lavorazioni edili ed alle pratiche burocratiche annesse (formulario rifiuti..)e di ridurre l impatto ambientale essendo strutture assolutamente temporanee(devono essere rimosse in concomitanza con la chiusura dei cantieri). 25/20

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS ACCORDO DI PROGRAMMA tra REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS La Regione Autonoma della Sardegna, in persona dell Assessore della Difesa dell Ambiente, prof.ssa Donatella Emma Ignazia Spano (di seguito REGIONE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ED ECOISTITUTO ABRUZZO Mondocompost Progetto sperimentale per la promozione del compostaggio domestico sul territorio regionale DIREZIONE PROTEZIONE

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO :

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO : Workshop TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI. QUANDO END OF WASTE? 14 GIUGNO 2012 SALA CONGRESSI DELLA PROVINCIA DI MILANO VIA CORRIDONI, 16 MILANO PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA

Dettagli

A N P A R. Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI INERTI IN ITALIA Studio di settore

A N P A R. Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI INERTI IN ITALIA Studio di settore A N P A R Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati LA PRODUZIONE DI RIFIUTI INERTI IN ITALIA A cura di Ing. Giorgio Bressi Settembre 2003 A.N.P.A.R. (Associazione Nazionale Produttori Aggregati

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

La Filiera RI-inerte - da rifiuto a risorsa

La Filiera RI-inerte - da rifiuto a risorsa La Filiera RI-inerte - da rifiuto a risorsa RISERVATA ALLE IMPRESE EDILI DEL SETTORE EDILE-STRADALE E/O MOVIMENTO TERRA D. Lgs. 3/4/2006 n 152 (TUA) D.M. 8/5/2003 n 203 Circ. MinAmbiente 15/7/2005 n 5205

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE Renata Caselli, Regione Toscana in collaborazione con ARRR - Agenzia Regionale Recupero Risorse spa L economia circolare in pillole La transizione verso

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari ALLEGATO REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE PARCHI TERRITORIO AMBIENTE ENERGIA SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI DIREZIONE SANITA SERVIZIO OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA LUCRATIVA E NON LUCRATIVA PROTOCOLLO

Dettagli

II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di

II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di Il CANTIERE SOSTENIBILE è il nuovo modo di concepire l edilizia low impact, un reale modello volano di sviluppo, i cui vantaggi si concilierebbero con le esigenze dell uomo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE E REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA Polo tecnologico pubblico per lo stoccaggio

Dettagli

Disegno di legge in materia ambientale collegato con la Legge di Stabilità.

Disegno di legge in materia ambientale collegato con la Legge di Stabilità. Disegno di legge in materia ambientale collegato con la Legge di Stabilità. GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente Torino, 5 dicembre 2013 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE COLLEGATO ALLA LEGGE DI STABILITA

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 SR.G.GE.S.A..S.A. SRL Società Gestione Servizi Ambientali www.sogesa.biz Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 Il contenuto di questo documento è di proprietà della So.. La riproduzione, la comunicazione

Dettagli

ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO

ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO PARTE I - NORME GENERALI Articolo n.1 - CAMPO DI APPLICAZIONE Il Piano Provinciale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (di seguito chiamato Piano Provinciale)

Dettagli

1. Le recenti iniziative della Regione Puglia per la riduzione della produzione dei rifiuti inerti.

1. Le recenti iniziative della Regione Puglia per la riduzione della produzione dei rifiuti inerti. Nuovi strumenti per la riduzione della produzione dei rifiuti inerti in Puglia: il regolamento regionale sulla gestione dei materiali edili e la legge regionale sugli acquisti verdi. MARCO LANCIERI (Consulente

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

Il manuale SARMa La produzione di aggregati riciclati da rifiuti inerti

Il manuale SARMa La produzione di aggregati riciclati da rifiuti inerti G. Bressi E. Pavesi G. Volpe Workshop nazionale Parma 27 maggio 2011 Palazzo Soragna Strada al Ponte Caprazucca, 6/a Parma sede dell Unione Parmense degli Industriali Attività estrattive, sostenibilità

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE (DICEA) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA

Dettagli

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 UFFICIO PROPONENTE: U.T.C. SERVIZI AMBIENTALI Servizi Ambientali Oggetto: MODALITA' DI RACCOLTA DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E BENI DUREVOLI DI ORIGINE DOMESTICA IL

Dettagli

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti Sezione Rifiuti Speciali 21 febbraio 2014 PGR parte rifiuti speciali Per quanto attiene i rifiuti speciali, la disciplina legislativa prevede un regime differenziato

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata REGIONE BASILICATA AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata Cagliari, 7-11 maggio 2007 Gianluca Cadeddu Regione Autonoma della Sardegna Presidenza del Consiglio

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

Genova, 28 febbraio 2013 Regione Liguria. Dott. Antonio Biamonte Regione Toscana

Genova, 28 febbraio 2013 Regione Liguria. Dott. Antonio Biamonte Regione Toscana Acquisti verdi e riduzione dei rifiuti: gli aggiornamenti nazionali, regionali e le buone pratiche sul territorio Seminario promosso dal progetto Marittimo RESMAR Azione D Modello di governo delle problematiche

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA CONSORZIO ITALIANO COMPOSTATORI E A.C.I.A.M. S.p.A. PER LA CERTIFICAZIONE DEL COMPOST DI QUALITA PRODOTTO PRESSO FABBRICANTE DI AMMENDANTE COMPOSTATO NEL TERRITORIO

Dettagli

Analisi delle dinamiche e delle criticità

Analisi delle dinamiche e delle criticità Tabella A. area tematica: INNOVAZIONE E QUALITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistenti prelievi di risorse idriche a usi industriali nell area della Conca

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara

Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara SERVIZIO RISORSE IDRICHE E TUTELA AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA OSSERVATORIO PROVINCIALE DEI RIFIUTI Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti,

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, REVET S.p.A E COREPLA PER IL MIGLIORAMENTO E L INCREMENTO DEL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI MISTI IN PLASTICA Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

GLI INERTI RICICLATI nei capitolati di appalto lavori pubblici Car a a r t a t t e t ri r s i t s i t c i he Vin i col o i Cri r t i i t c i it i à

GLI INERTI RICICLATI nei capitolati di appalto lavori pubblici Car a a r t a t t e t ri r s i t s i t c i he Vin i col o i Cri r t i i t c i it i à GLI INERTI RICICLATI nei capitolati di appalto lavori pubblici Caratteristiche Vincoli Criticità Cosa fare Dr. Filippo Grifoni COSA DEVE INTENDERSI PER AGGREGATI RICICLATI RIFIUTI INERTI DA C&D (es.) inerti

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il D.Lgs 24.06.2003, n. 209 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2000/53/Ce relativa ai veicoli fuori uso ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il D.Lgs 24.06.2003, n. 209 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2000/53/Ce relativa ai veicoli fuori uso ; Garanzie finanziarie previste per le operazioni di smaltimento e/o recupero dei rifiuti, nonché per la bonifica dei siti contaminati. Nuova disciplina e revoca della D.G.R. n. 132 del 22.02.2006. LA GIUNTA

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

D.lgs. 152/06 art. 197

D.lgs. 152/06 art. 197 FUNZIONI DELLA PROVINCIA D.lgs. 152/06 art. 197 1. In attuazione dell'articolo 19 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, alle province competono: a) il controllo e la verifica degli interventi

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP PREMESSO CHE: L art. 6 della versione consolidata del Trattato

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI Marco Gentilini, Nova Consulting Rieti, 25.9.2014 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI COMUNALI Obiettivo principale: migliorare la

Dettagli

Reti dell Edilizia: una sfida per stare sul mercato

Reti dell Edilizia: una sfida per stare sul mercato Reti dell Edilizia: una sfida per stare sul mercato La Rete di Imprese CORIN Il Progetto CORIN nasce dall idea di 5 imprese mantovane della filiera delle costruzioni Attraverso la costituzione di una Rete

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

I vantaggi di una impresa eco - efficiente

I vantaggi di una impresa eco - efficiente I vantaggi di una impresa eco - efficiente Diminuiscono Impatti ambientali Incidenti Rischi di contenziosi Costi assicurativi Costi di smaltimento Aumentano Coinvolgimento operatori Immagine per le parti

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

La strategia regionale per il recupero della frazione organica da raccolta differenziata

La strategia regionale per il recupero della frazione organica da raccolta differenziata La strategia regionale per il recupero della frazione organica da raccolta differenziata Servizio tutela dell atmosfera e del territorio Salvatore Pinna 1 2 3 4 5 6 Gli scenari futuri: caratteristiche

Dettagli

Politiche industriali sostenibili: dal marketing territoriale alla simbiosi industriale. Enrico Cancila CCTS Rete Cartesio Rimini, 6 novembre 2014

Politiche industriali sostenibili: dal marketing territoriale alla simbiosi industriale. Enrico Cancila CCTS Rete Cartesio Rimini, 6 novembre 2014 Politiche industriali sostenibili: dal marketing territoriale alla simbiosi industriale Enrico Cancila CCTS Rete Cartesio Rimini, 6 novembre 2014 RETE CARTESIO Aggiornamento: 27/10/2014 400 aderenti 240

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

CONSULENTE AMBIENTALE

CONSULENTE AMBIENTALE CON IL PATROCINIO DI: ENTE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTE AMBIENTALE PERCORSO FORMATIVO SASSARI, via Prunizzedda 49/g 16 luglio 2014 13 dicembre 2014 Il corso ha una durata

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1333 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 14 aprile 1998, n. 5 (Disciplina della raccolta differenziata

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

CIRCOLARE n.1/2011. b) l autocertificazione attestante la presenza o meno di sostanze contenenti amianto nell unità catastale oggetto dell intervento;

CIRCOLARE n.1/2011. b) l autocertificazione attestante la presenza o meno di sostanze contenenti amianto nell unità catastale oggetto dell intervento; SETTORE AMBIENTE ENERGIA Servizio Pianificazione e Presidenza Gestione dei Rifiuti Osservatorio Provinciale Rifiuti CIRCOLARE n.1/2011 Linee di indirizzo provinciali per la compilazione della modulistica

Dettagli

AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI

AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Roma, 4 gennaio 2010 LETTERA CIRCOLARE REGIONE ABRUZZO ALLE BANCHE ALLE SOCIETA DI LEASING AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI operanti con Artigiancassa S.p.A. nella Regione Abruzzo

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana

L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana Ambiente e industria L esperienza di Ecosind, focalizzata sullo studio e la sperimentazione di nuove tecnologie e metodologie

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 Chiudere il cerchio Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 L infrastruttura della filiera della carta L industria della carta italiana anno 2013 Produzione di 8,5 milioni

Dettagli

Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Sommario 1.

Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Sommario 1. Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Stefano Cicerani CO.RI.S.E. (Consorzio Riciclaggio Scarti Edili), Roma Paola Di Toppa

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione

Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione Con la delibera n.1089 del 4 novembre 2005 la giunta regionale ha approvato gli indirizzi regionali per l esercizio delle funzioni attribuite

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli