COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE"

Transcript

1 ORIGINALE COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 34 del 29/07/2015 OGGETTO: INSERIMENTO DEL ALL ART. 29 BIS. Superfici di produzione di rifiuti speciali non assimilati Riduzioni percentuali E ART. 29 TER Rifiuti speciali assimilati avviati al recupero direttamente dal produttore NEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) L'anno 2015 il giorno 29 del mese di luglio alle ore 09:00, nella sala delle adunanze del Comune, si è riunito il Consiglio Comunale, in sessione ed in seduta pubblica di 1, nelle persone dei sigg. P A 1 Fernando LEONE X 2 Danilo VERDOSCIA X 3 Antonio SORRENTO X 4 Salvatore CREMIS X 5 Angelo RICCIATO X 6 Andrea LEUCI X P A 7 Alfredo MONTE X 8 Francesco MELECHI' X 9 Giovanni Vito RIZZO X 10 Massimiliano GUERRIERI X 11 Giuseppe RIZZO X Partecipa il segretario comunale Dott. CUNA Davide. Il Presidente, riconosciuto legale il numero degli intervenuti, dichiara aperta la seduta e pone in discussione l'argomento in oggetto. Pareri ai sensi dell Art.49 - D.Lgs. 18/08/2000, N 267 REGOLARITA TECNICA Parere Favorevole. Addì, / / IL RESPONSABILE DEL SETTORE f.to Dr.ssa Cosima CARBONE ( FIRMA DIGITALE ) REGOLARITA CONTABILE Parere Favorevole. Addì, / / IL RESPONSABILE DELL'AREA FINANZIARIA f.to CARBONE Dott.ssa Cosima ( FIRMA DIGITALE ) Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 1 di 9

2 Espone l argomento all ordine del giorno il consigliere Angelo Ricciato. Interviene il Consigliere Gianvito Rizzo che chiede alcuni chiarimenti con riferimento alla categoria CANTINE. Interviene il consigliere Guerrieri il quale sottolinea alcune lacune del regolamento. In particolare rileva l opportunità di inserire alcune previsioni di carattere sociale. Propone alcuni emendamenti in tal senso. Il Sindaco rileva la difficoltà di approvare la proposta del Consigliere Guerrieri considerato i ristretti tempi a disposizione per l'approvazione del bilancio ; Interviene il consigliere Cremis il quale tra l altro rileva gli interventi previsti in merito del Piano Sociale di Zona. Proposta del consigliere Guerrieri il quale nel sottolineare l'importanza delle proposte presentate per venire incontro alle persone più deboli della popolazione chiede quantomeno l'applicabilità della proposta di agevolazione a decorrere dal L'Assemblea tutta si impegna quindi a trattare le agevolazioni proposte dal consigliere Guerrieri in commissione consiliare competente e successivamente nella prossima seduta di Consiglio. Premesso che: IL CONSIGLIO COMUNALE - Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del è stato approvato il Regolamento comunale per l applicazione dell imposta unica comunale (IUC); - Che con l art. 2, comma 1, legge n. 68 del 2014 il comma 649, art. 1 della legge 2013 risulta così modificato: Nella determinazione della superficie assoggettabile alla TARI non si tiene conto di quella parte di essa ove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori, a condizione che ne dimostrino l'avvenuto trattamento in conformita' alla normativa vigente. Per i produttori di rifiuti speciali assimilati agli urbani, nella determinazione della TARI, il comune disciplina con proprio regolamento riduzioni della quota variabile del tributo proporzionali alle quantita' di rifiuti speciali assimilati che il produttore dimostra di aver avviato al riciclo, direttamente o tramite soggetti autorizzati. Con il medesimo regolamento il comune individua le aree di produzione di rifiuti speciali non assimilabili e i magazzini di materie prime e di merci funzionalmente ed esclusivamente collegati all'esercizio di dette attivita' produttive, ai quali si estende il divieto di assimilazione. Al conferimento al servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani di rifiuti speciali non assimilati, in assenza di convenzione con il comune o con l'ente gestore del servizio, si applicano le sanzioni di cui all'articolo 256, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n ; Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 2 di 9

3 - Che l Ente nella ripartizione del carico tributario per la copertura del costo del servizio, ma anche nella definizione dei costi stessi, debba ispirarsi al rispetto del principio comunitario del chi inquina paga ; - Che la normativa TARI applica il principio comunitario anche attraverso il comma 649 della legge n. 147/2013 come modificato dal D.L. n. 16/2014 convertito con legge n. 68/2014 il quale individua il concetto di esclusione per la produzione di rifiuti speciali (evitando la duplicazione della spesa per gli utenti obbligati allo smaltimento autonomo) ed il concetto di riduzione della parte variabile per i rifiuti assimilati avviati al riciclo; - Che i rifiuti urbani di provenienza domestica sono quelli indicati nel comma 2, art. 184, Dlgs 152/2006; - Che i rifiuti speciali, ossia quelli derivati da attività industriali, artigianali, di commercio e di servizi sono quelli disciplinati dal comma 3, art. 184, Dlgs 152/2006; - Sia i rifiuti urbani che speciali vengono distinti in rifiuti pericolosi e non pericolosi. Ai sensi della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti pericolosi e del c.5 art. 184 del Dlgs n. 152/2006 i rifiuti pericolosi hanno il codice identificativo di rifiuto (CER) contrassegnato con un asterisco; - Che nell ambito dei rifiuti urbani vi rientrano anche i rifiuti speciali assimilati agli urbani. Il rifiuto assimilato rappresenta quella tipologia di rifiuto che, nonostante sia stato prodotto da un attività economica e nonostante non rientri nell elenco di cui al c.2 art. 184, Dlgs n. 152/2006, è stato assimilato al rifiuto urbano con apposita deliberazione comunale; - Che il comma 649 modificato dal D.L. 16/2014 definitivamente convertito dalla legge 68/2014 prevede la riduzione della parte variabile della tariffa e mantiene dovuta la quota fissa per quelle superfici ove si producono rifiuti assimilati e pertanto tassabili; RITENUTO di voler integrare il regolamento IUC con l art. 29 BIS: Superfici di produzione di rifiuti speciali non assimilati Riduzioni percentuali 1. Nella determinazione della superficie dei locali e delle aree scoperte assoggettabili alla TARI non si tiene conto di quella parte delle stesse dove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali non assimilati agli urbani, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori a condizione che ne dimostrino l'avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente. 2. Al fine di beneficiare dell'agevolazione di cui al comma 1, il soggetto passivo deve presentare entro il 31 gennaio dell'annualità successiva l'apposita attestazione, utilizzando il modello disponibile presso l'ufficio Tributi, con allegate le copie dei formulari dei rifiuti speciali. 3. Sono da ritenersi efficaci le riduzioni per detassazione concesse agli effetti Tarsu fermo restando l assolvimento dell adempimento previsto dal successivo comma 6 del presente articolo. 4. Nell ipotesi in cui vi siano obiettive difficoltà nel delimitare le superfici ove si formano rifiuti speciali non assimilati, stante la contestuale produzione anche di rifiuti speciali assimilati, l individuazione delle stesse è effettuata in maniera forfettaria applicando all intera superficie su cui l attività viene svolta le seguenti percentuali, distinte per tipologia di attività economiche: Tipologie di attività % di riduzione della superficie promiscua AUTOCARROZZERIE 70 % VERNICIATURA-GALVOTECNICI FONDERIE 70 % Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 3 di 9

4 FALEGNAMERIE 50 % ROSTICCERIE 50 % AUTOFFICINE PER RIPARAZIONE VEICOLI 70 % GOMMISTI 70 % TIPOGRAFIE 40 % LANVANDERIE E TINTORIE 40 % OFFICINE DI CARPENTERIE METALLICA 40 % PASTICCERIE 30 % AUTOFFICINE DI ELETTRAUTO 70 % DISTRIBUTORI DI CARBURANTE 30 % AMBULATORI MEDICI E DENTISTICI (non facenti parte delle strutture sanitarie che operano in forma organizzata e continuativa nell ambito e per le finalità di cui alla legge 833/1978) 20 % STUDI E LABORATORI ODIONTOIATRICI 20 % MAGAZZINI (se ed in quanto produttivi di rifiuti di imballaggio e terziario) 10 % 5. Ove la produzione di rifiuti speciali a cui è correlata la riduzione non rientri tra le attività ricomprese nell'elenco, l'agevolazione è accordata nella misura corrispondente a quella prevista per l'attività ad essa più similare sotto l aspetto della potenziale produttività quali-quantitativa di analoga tipologia di rifiuti speciali. 6. Il riconoscimento ed il permanere delle agevolazioni di cui ai commi 2, 3 e 4 è, altresì, subordinato alla presentazione al Comune di copie dei formulari di identificazione dei rifiuti entro il 31 gennaio dell anno successivo a quello di riferimento l avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente. 7. Il mancato adempimento, entro il termine su indicato, previsto dal precedente comma 6) da parte dei soggetti già oggetto di agevolazione comporterà la perdita del beneficio con conseguente versamento della differenza del tributo dovuto. RITENUTO di voler integrare il regolamento IUC con l art. 29 TER: Rifiuti speciali assimilati avviati al recupero direttamente dal produttore 1. Per i produttori di rifiuti speciali assimilati agli urbani indicati nell allegato 2) del regolamento TARI che dimostrino attività di riciclo di tali rifiuti in misura pari o superiore al 15% in relazione alla produzione Kg/mq annuo di cui all art. 2 allegato 2) del citato regolamento TARI viene riconosciuta una riduzione della quota variabile nell entità di seguito indicate: % su Kg/mq.di cui alla tabella B % rimborso sul tributo versato da 15 fino a 29,90 70% da 30 fino a 49,90 90% Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 4 di 9

5 Oltre % 2. Al fine di beneficiare dell'agevolazione di cui al comma 1, il soggetto passivo deve presentare entro il 31 gennaio dell'annualità successiva l'apposita attestazione, utilizzando il modello disponibile presso l'ufficio Tributi, con allegate le copie dei formulari rifiuti relativi all'attività di riciclo. 3.La quota del tributo non dovuta è determinata, a consuntivo, in base a quanto indicato ai commi precedenti in relazione ai rifiuti assimilali avviati a riciclo nel corso dell anno solare. VISTO l allegato 2) ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI A QUELLI URBANI prevista nella sopracitata Deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del Regolamento IUC VISTA la circolare n. 1/2014 del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare registro ufficiale uscita n /GAB del 13/02/2014; Visto che il Ministro dell Interno con decreto del 13 maggio 2015 ha ulteriormente differito al 30 luglio 2015 il termine per la deliberazione del bilancio annuale di previsione 2014 degli enti locali, di cui all articolo 151 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267; Visto il dlgs 23/2011; Visto la legge 147/2013; Visto il D.L. 16/2014; Visto il Dlgs 267/2000; Dato atto che la presente proposta di deliberazione è stata esaminata dalla Commissione Consiliare al Bilancio nella seduta del ; Acquisiti i pareri favorevoli previsti dall art. 49 e 147 bis del T.U.n. 267/2000 Acquisito in data con protocollo n il parere del Dott. Paolo Brescia Revisore dei Conti di questo Ente nominato per il triennio 2012/2015; DELIBERA 1. di considerare parte integrante e sostanziale quanto in premessa evidenziato; 2. di inserire nel Regolamento comunale per la disciplina della IUC approvato con deliberazione di C.C. n. 38 del 09/09/2014 il seguente articolo: l art. 29 BIS: Superfici di produzione di rifiuti speciali non assimilati Riduzioni percentuali 1. Nella determinazione della superficie dei locali e delle aree scoperte assoggettabili alla TARI non si tiene conto di quella parte delle stesse dove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali non assimilati agli urbani, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori a condizione che ne dimostrino l'avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente. Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 5 di 9

6 2. Al fine di beneficiare dell'agevolazione di cui al comma 1, il soggetto passivo deve presentare entro il 31 gennaio dell'annualità successiva l'apposita attestazione, utilizzando il modello disponibile presso l'ufficio Tributi, con allegate le copie dei formulari dei rifiuti speciali. 3. Sono da ritenersi efficaci le riduzioni per detassazione concesse agli effetti Tarsu fermo restando l assolvimento dell adempimento previsto dal successivo comma 6 del presente articolo. 4. Nell ipotesi in cui vi siano obiettive difficoltà nel delimitare le superfici ove si formano rifiuti speciali non assimilati, stante la contestuale produzione anche di rifiuti speciali assimilati, l individuazione delle stesse è effettuata in maniera forfettaria applicando all intera superficie su cui l attività viene svolta le seguenti percentuali, distinte per tipologia di attività economiche: Tipologie di attività % di riduzione della superficie promiscua AUTOCARROZZERIE 70 % VERNICIATURA-GALVOTECNICI FONDERIE 70 % FALEGNAMERIE 50 % ROSTICCERIE 50 % AUTOFFICINE PER RIPARAZIONE VEICOLI 70 % GOMMISTI 70 % TIPOGRAFIE 40 % LANVANDERIE E TINTORIE 40 % OFFICINE DI CARPENTERIE METALLICA 40 % PASTICCERIE 30 % AUTOFFICINE DI ELETTRAUTO 70 % DISTRIBUTORI DI CARBURANTE 30 % AMBULATORI MEDICI E DENTISTICI (non facenti parte delle strutture sanitarie che operano in forma organizzata e continuativa nell ambito e per le finalità di cui alla legge 833/1978) 20 % STUDI E LABORATORI ODIONTOIATRICI 20 % MAGAZZINI (se ed in quanto produttivi di rifiuti di imballaggio e terziario) 10 % 5. Ove la produzione di rifiuti speciali a cui è correlata la riduzione non rientri tra le attività ricomprese nell'elenco, l'agevolazione è accordata nella misura corrispondente a quella prevista per l'attività ad essa più similare sotto l aspetto della potenziale produttività quali-quantitativa di analoga tipologia di rifiuti speciali. 6. Il riconoscimento ed il permanere delle agevolazioni di cui ai commi 2, 3 e 4 è, altresì, subordinato alla presentazione al Comune di copie dei formulari di identificazione dei rifiuti entro il 31 gennaio dell anno successivo a quello di riferimento l avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente. 7. Il mancato adempimento, entro il termine su indicato, previsto dal precedente comma 6) da parte dei soggetti già oggetto di agevolazione comporterà la perdita del beneficio con conseguente Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 6 di 9

7 versamento della differenza del tributo dovuto. 3. di inserire nel Regolamento comunale per la disciplina della IUC approvato con deliberazione di C.C. n. 38 del 09/09/2014 il seguente articolo: l art. 29 TER: Rifiuti speciali assimilati avviati al recupero direttamente dal produttore 1. Per i produttori di rifiuti speciali assimilati agli urbani indicati nell allegato 2) del regolamento TARI che dimostrino attività di riciclo di tali rifiuti in misura pari o superiore al 15% in relazione alla produzione Kg/mq annuo di cui all art. 2 allegato 2) del citato regolamento TARI viene riconosciuta una riduzione della quota variabile nell entità di seguito indicate: % su Kg/mq.di cui alla tabella B % rimborso sul tributo versato da 15 fino a 29,90 70% da 30 fino a 49,90 90% Oltre % 2. Al fine di beneficiare dell'agevolazione di cui al comma 1, il soggetto passivo deve presentare entro il 31 gennaio dell'annualità successiva l'apposita attestazione, utilizzando il modello disponibile presso l'ufficio Tributi, con allegate le copie dei formulari rifiuti relativi all'attività di riciclo. 3.La quota del tributo non dovuta è determinata, a consuntivo, in base a quanto indicato ai commi precedenti in relazione ai rifiuti assimilali avviati a riciclo nel corso dell anno solare. Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 7 di 9

8 VISTO DI REGOLARITA' CONTABILE ATTESTANTE LA COPERTURA FINANZIARIA Art. 151, c.4 D.Lgs. 18/8/2000, N 267. Prenotazione spesa Cap. Art. anno Importo Parere Favorevole. Addì, / / REGOLARITA CONTABILE IL RESPONSABILE DELL'AREA FINANZIARIA CARBONE Dott.ssa Cosima ( FIRMA DIGITALE ) Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 8 di 9

9 Verbale letto, confermato e sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Ing. Fernando LEONE f.to Dott. CUNA Davide RELATA D I P U B B L I C A Z I O N E Si certifica che copia della presente deliberazione e' stata affissa all'albo Pretorio del Comune il 31/07/2015 e vi resterà per 15 giorni naturali e consecutivi ai sensi dell'art. 124 c.1 D.Lgs. 18/8/2000, N 267. GUAGNANO, lì Il Messo Comunale IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Dott.ssa Simona SPAGNOLO f.to Dott. CUNA Davide ESECUTIVITA' DELLA DELIBERAZIONE La presente deliberazione diverrà esecutiva trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione della stessa ai sensi dell'articolo 135 del D.Lgs. 267/2000. Guagnano, Lì 31/07/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Dott. CUNA Davide ESEGUIBILITA' DELLA DELIBERAZIONE La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell'articolo 134, 4 comma, del D.Lgs. 267/2000. GUAGNANO, Lì IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Dott. CUNA Davide Copia conforme all'originale in carta libera da servire per uso amministrativo e d'ufficio GUAGNANO, LI IL SEGRETARIO COMUNALE Dott. CUNA Davide Delibera di CC n.34 del 29/07/2015 Pag. 9 di 9

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 32 del 29/07/2015 OGGETTO: AGEVOLAZIONI TARI PRIMA CASA - LINEE D INDIRIZZO L'anno 2015 il giorno 29

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 39 del 09/09/2014 OGGETTO: CONFERMA PER L'ANNO 2014 DELLE ALIQUOTE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 33 del 29/07/2015 AGEVOLAZIONI PER L INSEDIAMENTO DI IMPRESE NEL CENTRO STORICO DI GUAGNANO ANNO 2015

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 42 del 09/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 58 del 30 luglio 2015 OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - MODIFICHE - APPROVAZIONE L anno 2015 il giorno giovedì

Dettagli

OGGETTO: REGOLAMENTO TARI - MODIFICA ARTICOLI 14 E 18 COMMA 1

OGGETTO: REGOLAMENTO TARI - MODIFICA ARTICOLI 14 E 18 COMMA 1 C o p i a COMUNE DI COURMAYEUR COMMUNE DE COURMAYEUR REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME DE LA VALLEE D AOSTE Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 OGGETTO: REGOLAMENTO TARI -

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO ROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 57 del 04/11/2013 OGGETTO: MODIFICA REGOLAMENTO ER L'ALICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) E DEFINIZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TARI.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TARI. Comune di Iseo Provincia di Brescia ORIGINALE Codice Ente 10335 DELIBERAZIONE N. 13 del 08.05.2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 30 del 29/09/2014

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 30 del 29/09/2014 Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 30 del 29/09/2014 OGGETTO: Piano economico - finanziario degli interventi relativi al servizio di gestione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglio Comunale n. 31 del 22/07/2014 Oggetto: VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Modifica Regolamento per l'applicazione della tassa rifiuti (TARI). L'anno 2014, addì ventidue, del mese

Dettagli

PROVINCIA DI ALESSANDRIA

PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di Gabiano Copia Albo PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MATERIA DI TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

COMUNE DI MEZZAGO Provincia di Monza e della Brianza ----------------------

COMUNE DI MEZZAGO Provincia di Monza e della Brianza ---------------------- COMUNE DI MEZZAGO ---------------------- COPIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale NR. 47 DEL 22-05-2013 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE CON POSTE ITALIANE SPA PER SERVIZIO DI STAMPA, SPEDIZIONE

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 39 ADUNANZA DEL 27/09/2014 OGGETTO: CRITERI DI ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI:

Dettagli

COMUNE DI PIETRACATELLA Provincia di Campobasso

COMUNE DI PIETRACATELLA Provincia di Campobasso COMUNE DI Provincia di Campobasso COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO Numero 12 del 11-08-2014 OGGETTO: Approvazione del regolamento comunale per la disciplina dell'imposta unica

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera N. 23 del 9 settembre 2014 OGGETTO: REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese COPIA Deliberazione n 34 in data 30/09/2014 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione - Seduta Pubblica Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 94 del 29/07/2015 OGGETTO: CONFERMA TARIFFE TOSAP, IMPOSTA PUBBLICITÀ E PUBBLICHE AFFISSIONI PER L ANNO 2015. L'anno

Dettagli

COMUNE DI SPESSA PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI SPESSA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI SPESSA PROVINCIA DI PAVIA VIA ROMA 9 27010 Tel. 0382.79032 Fax 0382.729702 E-mail: info@comune.spessa.pv.it C.F. 00475620183 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.9 DEL 30-04-2015 OGGETTO: Determinazione

Dettagli

COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino

COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ------------------------------------------------------------------------------------------- N. 13 DATA 14/06/2013

Dettagli

CAPITOLO 4 Regolamento componente TARI (Tributo diretto alla copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti)

CAPITOLO 4 Regolamento componente TARI (Tributo diretto alla copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti) CNA BAT - PROPOSTA EMENDAMENTI AL REGOLAMENTO TARI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 31 / 07/ 2014 Gli emendamenti sono riportati in grassetto con la relativa motivazione. Regolamento Imposta

Dettagli

COMUNE di FIVIZZANO. Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19

COMUNE di FIVIZZANO. Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 OGGETTO: ARTICOLO 10, COMMA 2, DEL D.L. 8 APRILE 2013 N. 35 - TARES ANNO 2013. DETERMINAZIONE RATEIZZAZIONE E

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino)

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) COPIA COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 15 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE SCADENZE DI VERSAMENTO DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARES- PER

Dettagli

Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE

Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 168 del 15/10/2015 OGGETTO: ACCREDITAMENTO ENTE AL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE. ATTO DI INDIRIZZO. L'anno

Dettagli

C O M U N E D I M O N G U Z Z O

C O M U N E D I M O N G U Z Z O C O M U N E D I M O N G U Z Z O Provincia di Como DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Cod. Ente 10609 Numero 23 del 30-07-2015 ORIGINALE Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TREPUZZI PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI TREPUZZI PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI TREPUZZI PROVINCIA DI LECCE Prot. N... Spedita al CO.RE.CO. il.. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 DEL 03/07/2015 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC). APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE C o p i a COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE N. 56 del registro delle deliberazioni. OGGETTO: TRIBUTI -

Dettagli

COMUNE DI PORTO CESAREO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI PORTO CESAREO (Provincia di Lecce) COMUNE DI PORTO CESAREO (Provincia di Lecce) ORIGINALE VERBALE DI DELIBERA DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO N.6 ASSUNTI I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA

Dettagli

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi COPIA DELL'ORIGINALE IN PRIMA BATTUTA DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 12 DEL 30/05/2013 OGGETTO: Determinazione delle rate e delle scadenze

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI VIGOLO Provincia di Bergamo Via ROMA n. 2, 25040 Vigolo (BG); Tel. 035/931054 - Fax 035/932784 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 DEL 09.09.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI OSCHIRI VIA MARCONI, 9 07027 PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO P. IVA 00110800901

COMUNE DI OSCHIRI VIA MARCONI, 9 07027 PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO P. IVA 00110800901 Copia COMUNE DI OSCHIRI VIA MARCONI, 9 07027 PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO P. IVA 00110800901 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.27 del 31/07/2015 OGGETTO:IUC anno (TARI). 2015. Approvazione

Dettagli

C O M U N E D I M O N G U Z Z O

C O M U N E D I M O N G U Z Z O C O M U N E D I M O N G U Z Z O Provincia di Como DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Cod. Ente 10609 Numero 33 del 24-07-2014 COPIA Oggetto: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - COMPONENTE TRIBUTO SUI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/04/2015 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI SELVINO Provincia di Bergamo

COMUNE DI SELVINO Provincia di Bergamo Codice Ente: 10200 COMUNE DI SELVINO Provincia di Bergamo COPIA DELIBERAZIONE N. 21 in data 30/07/2014 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI COMPONENTE

Dettagli

originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013

originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013 originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013 Oggetto: Approvazione tariffe. Tributo comunale sui rifiuti e servizi. TARES 2013. L'anno duemilatredici,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 DEL 2/07/2013 OGGETTO : DETERMINAZIONE TARIFFE TARES ANNO 2013 L anno duemilatredici, addì due, del mese

Dettagli

COMUNE DI MONTALTO DI CASTRO Provincia di Viterbo

COMUNE DI MONTALTO DI CASTRO Provincia di Viterbo 1/6 COMUNE DI MONTALTO DI CASTRO Provincia di Viterbo CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE COPIA n. 19 del 22-05-2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU PER L'ANNO 2014 L'anno duemilaquattordici il giorno

Dettagli

COMUNE DI ARGEGNO. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ARGEGNO. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ARGEGNO Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 Reg. Delib. COPIA OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni componente TASI (Tributo Servizi Indivisibili) Anno

Dettagli

COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona

COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 del Registro delle Deliberazioni Data 19/05/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DEL TRIBUTO

Dettagli

COMUNE DI SUVERETO Provincia di Livorno

COMUNE DI SUVERETO Provincia di Livorno COMUNE DI SUVERETO Provincia di Livorno COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.24 DEL 21-04-15 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626

COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626 COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A Numero 15 Del 05-08-14 Oggetto: Determinazione aliquote IMU - anno 2014. L'anno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI VALVESTINO Provincia di Brescia Via provinciale, 1 25080 Valvestino Tel 0365 74012 - fax 0365 74005 e-mail info@comune.valvestino.bs.it C.F. 00571590173 - P.Iva 00571000983 VERBALE

Dettagli

COMUNE DI CASTO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI CASTO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CASTO Provincia di Brescia COPIA Delibera n. 20 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PIANO ECONOMICO FINANZIARIO SERVIZI INDIVISIBILI E TARIFFE TASI ANNO 2014 ESAME ED APPROVAZIONE.

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di BRINDISI

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di BRINDISI COPIA 16 COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di BRINDISI Deliberazione per la Commissione Straordinaria con poteri del Consiglio Comunale OGGETTO: I.U.C. (Imposta Unica Comunale) - Componente IMU - Determinazione

Dettagli

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE CITTA' DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 59 del 27/11/2013 L'anno duemilatredici, addì ventisette del mese di novembre alle ore 17:30, presso la

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino Piazza Cavour 1 - C.A.P. 10068 Tel. 011 9807107 Fax 011 9807441 www.comune.villafrancapiemonte.to.it email: info@comune.villafrancapiemonte.to.it VERBALE

Dettagli

C O M U N E D I I N V E R I G O

C O M U N E D I I N V E R I G O C O M U N E D I I N V E R I G O PROVINCIA DI COMO D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E COPIA N 34 del Registro delle Deliberazioni OGGETTO: COMPARTECIPAZIONE DELL'ADDIZIONALE

Dettagli

CITTA` DI FRANCAVILLA FONTANA PROVINCIA DI BRINDISI

CITTA` DI FRANCAVILLA FONTANA PROVINCIA DI BRINDISI CITTA` DI FRANCAVILLA FONTANA PROVINCIA DI BRINDISI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 313 del 25/11/2015 OGGETTO: Regolamento per il servizio di auto noleggio con conducente delibera

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di San Pietro Vernotico Provincia di Brindisi Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 41 del 07/04/2009 OGGETTO : TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI - CONFERMA ALIQUOTE ANNO

Dettagli

COMUNE DI SARCONI COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 07/08/2014

COMUNE DI SARCONI COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 07/08/2014 COMUNE DI SARCONI PROVINCIA DI POTENZA COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE N. 13 DEL 07/08/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO, ALIQUOTE E SCADENZE PER L'ANNO 2014. L anno, il giorno sette,

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI POMARANCE PROVINCIA DI PISA COPIA COMUNE DI POMARANCE PROVINCIA DI PISA DELIBERAZIONE N. 56 In data: 29.09.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: RIDETERMINAZIONE DELLE RATE E DELLE SCADENZE DI VERSAMENTO DEL

Dettagli

COMUNE DI PERTENGO. Via A. Burocco, 28 13030 PERTENGO. Deliberazione n.13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI PERTENGO. Via A. Burocco, 28 13030 PERTENGO. Deliberazione n.13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Regione Piemonte Copia Provincia di Vercelli COMUNE DI PERTENGO Via A. Burocco, 28 13030 PERTENGO Deliberazione n.13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Imposta Municipale Propria

Dettagli

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Copia N. 94 del 16/12/2010 OGGETTO: IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI - DETERMINAZIONE ALIQUOTE PER L'ANNO 2011 L'anno

Dettagli

C I T T À D I E R I C E

C I T T À D I E R I C E C I T T À D I E R I C E VERBALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera N. 55 del 09/09/2014 Proposta N. 26 del 04/08/2014 ORIGINALE OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMPONENTE TARI DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n.

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno in Modena il giorno del mese di ( ) alle ore regolarmente convocato, si è riunito il Consiglio Comunale in seduta pubblica per la trattazione

Dettagli

COMUNE DI COLLEGIOVE PROVINCIA DI RIETI

COMUNE DI COLLEGIOVE PROVINCIA DI RIETI COMUNE DI COLLEGIOVE PROVINCIA DI RIETI DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria in Prima convocazione N. 21 del 30-11-2013 Oggetto: Approvazione Relazione Previsionale e Programmatica

Dettagli

COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Nr. 9 del 29/05/2015

COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Nr. 9 del 29/05/2015 VÉÅâÇx w UÉàÜ vxääé (Provincia di Catanzaro) Via Nazionale, 365 C.A.P. 88070 Tel. 0961/966817 - Fax 0961/966840 e-mail: affarigenerali.botricello@asmepec.it COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Nr.

Dettagli

COMUNE di SAN GIOVANNI A PIRO C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE di SAN GIOVANNI A PIRO C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE di SAN GIOVANNI A PIRO Provincia di Salerno N Prot.Gen.le Data C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 del 27-11-2013 Oggetto: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO, TARIFFE E DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni componente IMU anno 2014. L anno duemilaquattordici addì nove del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17 COMUNE DI LUSERNETTA COPIA ALBO C.A.P. 10060 PROVINCIA DI TORINO Tel. (0121) 90.90.26 95.42.49 sito web: www.comune.lusernetta.to.it VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17 OGGETTO: Determinazione

Dettagli

COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 Reg. Delib. COPIA OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DA APPLICARE AL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI

Dettagli

COMUNE DI COTRONEI (Provincia di Crotone) COPIA

COMUNE DI COTRONEI (Provincia di Crotone) COPIA COMUNE DI COTRONEI (Provincia di Crotone) COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 17.06.2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE RATE E DELLE SCADENZE DI VERSAMENTO DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI

Dettagli

COMUNE DI NOVATE MEZZOLA Provincia di Sondrio

COMUNE DI NOVATE MEZZOLA Provincia di Sondrio COMUNE DI NOVATE MEZZOLA Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA Numero 6 del 01-07-2015 Oggetto: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC). COMPONENTE COMPONENTE IMU, DETERMINAZIONE ALIQUOTE

Dettagli

COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provinciadi Firenze

COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provinciadi Firenze COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provinciadi Firenze C O P I A SETTORE2 - Servizi di Gestione Economica-Finanziaria DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 59 DEL 22/07/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI ANNO

Dettagli

Comune di MOLINO DEI TORTI Provincia di Alessandria

Comune di MOLINO DEI TORTI Provincia di Alessandria Comune di MOLINO DEI TORTI Provincia di Alessandria COPIA DELIBERAZIONE N. 27 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2013 TRIBUTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10

COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 Copia COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE - ANNO 2015 L anno duemilaquindici addì trentuno

Dettagli

Comune di Pavullo nel Frignano

Comune di Pavullo nel Frignano COPIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 82 del 29/09/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE DEI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELL'IMPORTO STANZIATO DAL COMUNE PER IL FINANZIAMENTO DI UNA RIDUZIONE TARIFFARIA "TARI",

Dettagli

COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 del 30/07/2014

COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 del 30/07/2014 COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (PROVINCIA DI BRINDISI) COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 del 30/07/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. DETERMINAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza)

C O M U N E D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza) C O M U N E D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza) Codice ente Protocollo n. COPIA DELIBERAZIONE N. 13 in data: 08.08.2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo CODICE ENTE 10064

COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo CODICE ENTE 10064 COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo CODICE ENTE 10064 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE D E L I B E R A Z I O N E N. 16 Adunanza ordinaria di convocazione seduta COPIA OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI OLIVA GESSI PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OLIVA GESSI PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OLIVA GESSI PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 9 Reg. Delib. Del 09-02-2009 COPIA Numero 36 Reg. Pubbl. Oggetto: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA SOLARO

COMUNE DI VILLANOVA SOLARO COMUNE DI VILLANOVA SOLARO Provincia di Cuneo ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 17 OGGETTO: Approvazione Piano Finanziario Servizi Indivisibili e relative aliquote " TASI" anno

Dettagli

COMUNE DI ALBAIRATE Provincia di Milano

COMUNE DI ALBAIRATE Provincia di Milano COMUNE DI ALBAIRATE Provincia di Milano COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.28 DEL 05-09-2014 Albairate, li 08-09-2014 Il Segretario

Dettagli

Relazione istruttoria/illustrativa

Relazione istruttoria/illustrativa COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA' LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI OGGETTO: TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARES. DETERMINAZIONE DELLE RATE E DELLE SCADENZE DI VERSAMENTO PER L'ANNO

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O M U N E D I A L A (Provincia di Trento) N. 075 Registro delibere Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Stipula con la Provincia Autonoma di Trento - Agenzia per la depurazione Servizio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39 -------------------- Provincia di Torino ---------- Estratto VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39 OGGETTO: EMISSIONE ACCONTO DEL TRIBUTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI. DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTECAROTTO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTECAROTTO Provincia di Ancona COMUNE DI Provincia di Ancona COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE NUMERO 40 DEL 28-07-14 OGGETTO: REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE ALL' I.R.P.E.F. - CONFERMA ALIQUOTE L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N.10 del 03/04/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza di prima convocazione Seduta

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE Comune di Spinone al Lago Provincia di Bergamo SEDE: Via G. Verdi 17 - c.f. 81002220168 - P.I. 01279670168 CAP 24060 Tel. 035 810051 fax 035 811345 SITO WEB: www.comune.spinone-al-lago.bg.it E-MAIL info@comune.spinone-al-lago.bg.it

Dettagli

COMUNE DI CIVATE Provincia di Lecco

COMUNE DI CIVATE Provincia di Lecco COPIA COMUNE DI CIVATE Provincia di Lecco DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 721 Reg. Pubblicazioni N. 116 Registro Deliberazioni del 26-10-2015 OGGETTO: DECRETO LEGISLATIVO 163/2006 E S.M.I: ADOZIONE

Dettagli

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Copia Albo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 50 OGGETTO : BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2015 - IMPOSTA COMUNALE SULLA

Dettagli

COMUNE DI TROPEA Provincia di Vibo Valentia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI TROPEA Provincia di Vibo Valentia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Originale Copia Conforme COMUNE DI TROPEA Provincia di Vibo Valentia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del Reg. Oggetto: Approvazione Regolamento Imposta Unica Comunale (IUC) anno 2014-Legge

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Oggetto: CONFERMA IMPORTI TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2011.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Oggetto: CONFERMA IMPORTI TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2011. COPIA N. 12 del Registro delle Deliberazioni DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE G.C.n.12 del 10-02-2011 Oggetto: CONFERMA IMPORTI TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2011. L anno duemilaundici, addì dieci

Dettagli

COMUNE DI CALCINAIA Provincia di Pisa

COMUNE DI CALCINAIA Provincia di Pisa COMUNE DI CALCINAIA Provincia di Pisa D E L I B E R A Z I O N E del C O N S I G L I O C O M U N A L E COPIA N 19 del 18/04/2013 OGGETTO: TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI "TARES". SERVIZIO DI

Dettagli

COMUNE DI URBANIA PROVINCIA DI PESARO E URBINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 40 DEL 29-07-15

COMUNE DI URBANIA PROVINCIA DI PESARO E URBINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 40 DEL 29-07-15 COMUNE DI URBANIA PROVINCIA DI PESARO E URBINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 40 DEL 29-07-15 Oggetto: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) - APPROVAZIONE ALIQUOTE PER L'ANNO 2015.- L'anno

Dettagli

C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese

C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA Numero 20 del 28-07-14 Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014.

Dettagli

Nota di approfondimento sulla disciplina TARI dei rifiuti speciali

Nota di approfondimento sulla disciplina TARI dei rifiuti speciali Roma, 24 aprile 2015 Nota di approfondimento sulla disciplina TARI dei rifiuti speciali A seguito di due recenti interventi del Ministero dell economia e delle finanze sulla materia della detassazione

Dettagli

COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia)

COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 6 del Registro Deliberazioni OGGETTO Aliquota TASI: conferma per l anno 2015. L'anno duemilaquindici addì dieci

Dettagli

COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese

COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese n. 11 Reg. Del. Sessione ordinaria del 29.04.2013 Convocazione prima Seduta pubblica VERBALE di DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SONDALO PROVINCIA DI SONDRIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 19 del 06/07/2015

COMUNE DI SONDALO PROVINCIA DI SONDRIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 19 del 06/07/2015 COMUNE DI SONDALO PROVINCIA DI SONDRIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 06/07/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE TASI (TASSA SERVIZI INDIVISIBILI). CONFERMA ANNO 2015 L anno

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 22 del 11-10-2013 SEDUTA: straordinaria - CONVOCAZIONE: seconda OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE PER

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O M U N E D I P R I Z Z I PROVINCIA DI PALERMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Immediatamente esecutiva N. 71 del Registro TARI ANNO 2014 Disposizioni su rateizzazione e scadenze pagamento

Dettagli

OMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE

OMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE OMUNE DI ACQUALAGNA COMUNE DI PROVINCIA DI PESARO E URBINO DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE NUMERO 43 DEL 29-09-14 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

Comune di Marsicovetere

Comune di Marsicovetere Comune di Marsicovetere PROVINCIA DI POTENZA - DELIBERAZIONE COPIA DEL CONGLIO COMUNALE N. 13 DEL 31/03/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE TA (TRIBUTO SERVIZI INDIVIBILI) - ANNO 2015 L anno duemilaquindici,

Dettagli

Città dei Fiori (Lecce Italy) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città dei Fiori (Lecce Italy) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 2 del 03/01/2014 OGGETTO: Art. 159 del T.U 267/2000. Quantificazione importi non soggetti a procedure di esecuzione.

Dettagli

VÉÅâÇx w _xààéåtçéññxääé ;cüéäa w cxávtüt< COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE

VÉÅâÇx w _xààéåtçéññxääé ;cüéäa w cxávtüt< COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE VÉÅâÇx w _xààéåtçéññxääé ;cüéäa w cxávtüt< COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 Data 22/04/201 0 OGGETTO: REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI.

Dettagli

CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE DEI LOCALI E DELLE AREE TASSABILI STABILITE DAL REGOLAMENTO COMUNALE

CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE DEI LOCALI E DELLE AREE TASSABILI STABILITE DAL REGOLAMENTO COMUNALE G.C. n. 03 del 28/01/2011 Oggetto: tassa per lo smaltimento rifiuti solidi urbani rideterminazione anno 2011. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: l art. 49, comma 1, del D. Lgs. 5/2/1997 n. 22, prevede il

Dettagli

COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 19 Del 30-07-15 Oggetto: MODIFICA REGOLAMENTO IUC. L'anno duemilaquindici il giorno trenta del

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 92 Del 17-09-2015 C O P I A Oggetto: nomina rendicondatore dei maggiori oneri per la gestione SGATE. L'anno duemilaquindici

Dettagli