PERCORSO DI MONITORAGGIO CARDIONCOLOGICO DEL TRATTAMENTO CON TRASTUZUMAB

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO DI MONITORAGGIO CARDIONCOLOGICO DEL TRATTAMENTO CON TRASTUZUMAB"

Transcript

1 PERCORSO DI MONITORAGGIO CARDIONCOLOGICO DEL TRATTAMENTO CON TRASTUZUMAB Documento a cura di: Struttura Complessa Cardiologia e UTIC (P.O.C.) A.O. Istituti Ospitalieri di Cremona Struttura Complessa Chirurgia generale ad indirizzo senologico A.O. Istituti Ospitalieri di Cremona Struttura Complessa Oncologia A.O. Istituti Ospitalieri di Cremona Struttura Complessa Cardiologia e UTIC (P.O.O.P.) A.O. Istituti Ospitalieri di Cremona Struttura Complessa Cardiologia Crema A.O. Ospedale Maggiore di Crema Struttura Complessa Oncologia Crema A.O. Ospedale Maggiore di Crema Dr. Antonio Squintani, Rappresentante M.M.G. Dipartimento ASSI, Struttura Complessa Servizio Cure Sociosanitarie - ASL della provincia di Cremona Dipartimento Programmazione, Acquisto e Controllo - ASL della provincia di Cremona 17 dicembre 2014

2 INTRODUZIONE La cardio-oncologia è una disciplina emergente, finalizzata alla diagnosi, prevenzione e/o trattamento delle complicanze cardiovascolari (es. aritmie, disfunzioni contrattili, ischemia, o disturbi pressori) delle terapie antitumorali, la cui tossicità e dannosità cardiaca sono emerse con crescente evidenza. Obiettivi della cardio-oncologia sono: 1. comprendere i meccanismi della cardiotossicità; 2. fornire definizioni uniformi e condivise della cardiotossicità; 3. identificare percorsi di diagnosi e trattamento del paziente oncologico prima, durante e dopo le terapie antitumorali; 4. proporre modelli organizzativi efficienti e sostenibili. Anche se non esiste una definizione semplice e diretta di cardiotossicità da chemioterapici, questa può essere intesa come l insieme di eventi cardiaci avversi (disfunzione ventricolare sinistra, scompenso cardiaco, aritmie, coronaropatie, ecc.) provocati da farmaci antitumorali. La cardiotossicità si distingue in una forma acuta o subacuta - che può presentarsi durante il trattamento chemioterapico - e in una forma cronica, distinta a sua volta in cronica precoce e tardiva a seconda che i disturbi cardiaci si manifestino entro o dopo un anno dalla fine del trattamento antitumorale. Le manifestazioni cliniche più frequenti durante la forma acuta e subacuta della cardiotossicità ricomprendono disturbi della ripolarizzazione, allungamento del tratto Q-T, aritmie ventricolare e sopraventricolari, crisi anginose, scompenso cardiaco acuto. Nella forma cronica sono prevalenti la disfunzione ventricolare sinistra (sia sistolica che diastolica) e lo scompenso cardiaco per cardiomiopatia ipocinetica, che possono manifestarsi anche a distanza di anni dopo il completamento delle terapia e condurre alla morte cardiaca. Un rigoroso controllo farmacologico delle comorbidità presenti al momento della diagnosi oncologica può contribuire significativamente alla prevenzione di eventi avversi cardiotossici. Il rapporto rischio/beneficio rimane in ogni caso sostanzialmente favorevole all uso di farmaci antitumorali, anche se cardiotossici, in quanto il beneficio in termini di salute di questi farmaci salvavita è superiore al rischio di eventi cardiovascolari indesiderati, fatti salvi i casi in cui il rischio cardiovascolare di partenza è talmente elevato da costituire controindicazione assoluta ad un particolare trattamento. Tra i farmaci cardiotossici da più tempo impiegati si annoverano le antracicline, la cui azione lesiva sul cuore è probabilmente da ricondurre alla presenza di radicali liberi dell ossigeno; essa si presenta, solitamente, nella fase cronica ed è dipendente dall accumulo del farmaco. Farmaci di più recente impiego, molto efficaci e più aggressivi, costituiscono il gruppo delle cosiddette targeted therapies e si distinguono in: a anticorpi monoclonali b piccole molecole (small molecules). 2

3 Tra gli anticorpi monoclonali spicca il Trastuzumab, che inibisce il recettore epidermico umano 2 (HER 2). Indicato nel trattamento del carcinoma della mammella, ha indubbi benefici sulla sopravvivenza ma anche una significativa cardiotossicità, con segni di disfunzione ventricolare sinistra in una percentuale variabile, stimata in alcuni casi ad oltre un terzo delle pazienti trattate nei trial clinici. Il trastuzumab può essere somministrato dopo terapia con antracicline, con il rischio di un ulteriore potenziamento dell effetto cardiotossico. L ASL della provincia di Cremona, in collaborazione con le Aziende Ospedaliere Ospedale Maggiore di Crema e Istituti Ospitalieri di Cremona, intende avviare un percorso assistenziale ispirato ad una prospettiva di genere, che ha come obiettivo la tutela della salute delle persone trattate per carcinoma primitivo della mammella, tumore in cima alle statistiche di incidenza e mortalità nelle donne cremonesi. CONTESTO EPIDEMIOLOGICO I dati del Registro Tumori provinciale dell ASL di Cremona attualmente disponibili hanno identificato, nel quinquennio , 1611 casi incidenti di carcinoma della mammella tra le donne residenti nella nostra provincia (una media di oltre 320 nuovi casi per anno), risultanti in un tasso grezzo di 178/ donne residenti. Nel confronto con le stime dei registri tumori accreditati dall AIRTUM (Associazione Italiana Registri Tumori) in tutta Italia, si registra un eccesso di incidenza dell 8,7%, con una differenza in termini assoluti di circa 10 nuovi casi/ Per quanto riguarda la mortalità, in trend di costante decremento, nel 2013 sono stati registrati 100 decessi per tumore della mammella corrispondenti ad un tasso grezzo di 54/ donne residenti; gli unici dati di confronto disponibili con il dato nazionale sono riferiti al periodo ed evidenziano un eccesso di mortalità nel cremonese pari al 18%. La prognosi delle pazienti affette da tumore della mammella è molto migliorata negli ultimi anni, a seguito dell introduzione di nuovi agenti chemioterapici e della modulazione dei regimi terapeutici; sul nostro territorio, la sopravvivenza a 1, 3 e 5 anni dei casi incidenti tra il 2005 e il 2009 è rispettivamente del 94%, 86% e 78%; la sopravvivenza a 5 anni è in linea con la media nazionale. L insorgenza di eventi cardiotossici può inficiare la continuità delle terapie, e persino in pazienti asintomatiche una disfunzione ventricolare sinistra può interferire con il trattamento specifico e ridurre la sopravvivenza a lungo termine. L incidenza di danno cardiaco subclinico misurato ecocardiograficamente o di scompenso rilevata nei trial clinici randomizzati in corso di trattamento con trastuzumab varia dal 6% al 35%, a seconda dei criteri di inclusione (con pazienti anziani e ad alto rischio cardiotossico esclusi) e della definizione degli endpoint; lo scompenso cardiaco era sintomatico nell 1%-14% delle partecipanti. In questi studi, dal 4% al 17% delle pazienti ha dovuto interrompere il trattamento con trastuzumab a causa della cardiotossicità. Negli studi osservazionali, che hanno criteri meno stringenti di inclusione, la cardiotossicità ha riguardato dall 8% al 43% delle pazienti; lo scompenso 3

4 cardiaco sintomatico ha riguardato tra lo 0 e il 9% delle donne arruolate. In questi studi, tra il 2% ed il 15% delle donne ha interrotto il trattamento con trastuzumab a causa degli eventi avversi cardiaci (1). Nel 2013, 126 pazienti sono stati trattati con trastuzumab - da solo o in combinazione con altri farmaci chemioterapici - nelle strutture ospedaliere della provincia di Cremona. Di questi, 119 (il 94,4%) erano donne, in misura preponderante con indicazione di carcinoma della mammella e solo 7 uomini, con indicazione di carcinoma gastrico documentata in 4 casi (del resto, il tumore della mammella nei maschi è molto più raro e meno frequentemente HER2+); 52 delle donne trattate con trastuzumab (il 44%) era in monoterapia. CARDIOTOSSICITA DA TRASTUZUMAB: STATO DELL ARTE Una recente pubblicazione Cardio-Oncologia 2013, a cura di autorevoli società scientifiche (Associazione Italiana di Oncologia Medica, Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, Associazione Italiana di CardiOncologia, International CardiOncology Society e Società Italiana di Farmacologia) ha trattato in modo articolato ed esaustivo questa materia (con numerosi riferimenti bibliografici) ed in modo specifico alcune aree tra le quali la cardiotossicità da trastuzumab (2). Nelle sezioni successive, a completare il quadro di contesto in cui si inserisce il percorso assistenziale avviato dall ASL e dalle Aziende ospedaliere di Crema e Cremona, sono riportati sinteticamente gli estratti salienti relativi alle indicazioni terapeutiche del trastuzumab, ai meccanismi fisiopatologici della sua cardiotossicità ed al monitoraggio/gestione delle pazienti. FARMACI ANTI-HER2: MECCANISMI D AZIONE ANTITUMORALE ED INDICAZIONI TERAPEUTICHE La famiglia dei recettori HER/ErbB (Human Epidermal growth factor Receptor) è un gruppo di proteine di membrana ad attività tirosinchinasica composto da quattro membri: HER1, HER2, HER3 e HER4. Tali recettori svolgono un importante azione di trasduzione dei segnali tra ambiente extra ed intracellulare e sono coinvolti nella crescita, sopravvivenza e differenziazione della cellula. In base alle caratteristiche strutturali, i farmaci diretti contro i recettori HER/ ErbB possono essere classificati in anticorpi monoclonali e piccole molecole ad attività anti-tirosinchinasica. Farmaco Tipo Bersaglio Trastuzumab Anticorpo monoclonale HER2 T-DM1 Anticorpo monoclonale (trastuzumab) legato a farmaco citotossico (DM1) HER2 Pertuzumab Anticorpo monoclonale HER2 Lapatinib Piccola molecola con azione di inibitore reversibile della tirosinchinasi HER1, HER2 Afatinib Piccola molecola con azione di inibitore irreversibile della tirosinchinasi HER1, HER2 Neratinib Piccola molecola con azione di inibitore irreversibile della tirosinchinasi HER1, HER2, HER4 4

5 Il trastuzumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umanizzato che si lega al dominio extracellulare (ECD) IV del recettore HER2; i meccanismi d azione con cui il trastuzumab esercita la propria attività anti-tumorale non sono ad oggi completamente noti (3,4). Il trastuzumab è indicato in pazienti con carcinoma mammario e carcinoma gastrico metastatico, con iperespressione di HER2 definita come un risultato 3+ all immunoistochimica o 2+ all immunoistochimica e confermata da ibridazione in situ tramite fluorescenza (FISH) o ibridazione cromogenica (CISH). Per quanto riguarda il trattamento con trastuzumab nelle donne con carcinoma mammario HER2- positivo, che rappresenta la quasi totalità dei pazienti trattati, le indicazioni prevedono la somministrazione: 1. nella malattia in fase iniziale (terapia adiuvante e neoadiuvante): in associazione oppure dopo terapia comprendente taxani. 2. nella malattia metastatica: in monoterapia per il trattamento di pazienti che hanno ricevuto almeno due trattamenti per la malattia metastatica. La chemioterapia precedentemente somministrata deve aver compreso un taxano e un antraciclina, tranne nel caso in cui la paziente non sia idonea a tale trattamento. Le pazienti con recettori ormonali positivi devono inoltre non aver risposto alla terapia ormonale, tranne nel caso in cui la paziente non sia idonea a tale trattamento; in associazione al paclitaxel per il trattamento di pazienti che non sono state sottoposte a chemioterapia per la malattia metastatica e per le quali non è indicato il trattamento con antracicline; in associazione al docetaxel per il trattamento di pazienti che non sono state sottoposte a chemioterapia per la malattia metastatica; in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa con positività per i recettori ormonali, non precedentemente trattate con trastuzumab; in associazione a vinorelbina o capecitabina. MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA CARDIOTOSSICITÀ DA TRASTUZUMAB Dal 1998 il trastuzumab è stato utilizzato per il trattamento di più di donne con cancro mammario nel mondo. Gli studi condotti in adiuvante hanno dimostrato che, usato singolarmente o in combinazione con la chemioterapia, riduce il rischio di recidiva del 50% e il rischio di morte del 33% (5). Come già sottolineato, la cardiotossicità è un importante effetto collaterale; attribuita al blocco di ErbB2 nei cardiomiociti, si manifesta come scompenso cardiaco (HF) sintomatico o disfunzione ventricolare sinistra asintomatica con riduzione della frazione di eiezione (EF). La cardiotossicità da trastuzumab è differente da quella indotta da antracicline. In particolare, il trastuzumab non sembra causare perdita di cardiomiociti, il danno non è dose-dipendente ed è reversibile. Tale cardiotossicità è definita di tipo II, per distinguerla da quella di tipo I indotta da antracicline (6). 5

6 Nella cardiotossicità di tipo I il danno iniziale consiste nella disorganizzazione miofibrillare ed è seguito da apoptosi e necrosi dei cardiomiociti. Quando sopraggiunge la disfunzione cardiaca, il danno risulta irreversibile. La malattia può manifestarsi dopo mesi o anni dal trattamento e può essere correlata a stress cardiaci sequenziali (7). Viceversa, nella cardiotossicità di tipo II i miociti appaiono istologicamente normali (fini alterazioni strutturali visibili soltanto in microscopia elettronica), la EF ha possibilità di recupero e la risomministrazione del farmaco dopo interruzione è sufficientemente sicura (8). Il meccanismo fisiopatologico attraverso cui il trastuzumab determina danno cardiaco non è completamente noto; è stato invece accertato che l interruzione del trattamento con il trastuzumab è di solito associato al recupero della frazione di eiezione (9). Il meccanismo proposto per spiegare l aumento degli effetti cardiaci del trastuzumab, quando somministrato in associazione con le antracicline, è il blocco dei meccanismi di riparazione cellulare, che consente al danno ossidativo indotto dalle antracicline di progredire liberamente (10). La cardiotossicità di tipo II è esacerbata dal danno causato dai farmaci responsabili della cardiotossicità di tipo I e per questo motivo si raccomanda di evitare l impiego concomitante di trastuzumab e antracicline (11). Nel caso di cicli di trattamento sequenziale, è importante il timing di somministrazione di antracicline e trastuzumab, dal momento che il potenziamento della cardiotossicità da trastuzumab è ridotto quando la somministrazione è ritardata rispetto alle antracicline (12). Questa interazione non si manifesta infine quando il trastuzumab è somministrato in associazione con le antracicline liposomiali (nelle quali l agente chemioterapico è contenuto in particelle lipidiche che permettono la diffusione nel tumore attraverso le fenestrature dell endotelio capillare dei tessuti patologici con minima diffusione delle antracicline nel miocardio), in particolare con l antraciclina liposomiale peghilata (13,14). Fattori di rischio noti per l insorgenza della disfunzione ventricolare sinistra secondaria al trastuzumab sono: - età > 50 anni, - ipertensione arteriosa, - diabete mellito, - obesità, - cardiopatia pregressa, - pregresso trattamento con antracicline o paclitaxel. Questi possono essere modificati attraverso il trattamento dell ipertensione arteriosa e della dislipidemia ed incoraggiando la riduzione di peso e l abolizione del tabagismo. VALUTAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA, DURANTE E DOPO IL TRATTAMENTO CON TRASTUZUMAB La precoce identificazione dei pazienti a rischio di cardiotossicità è obiettivo comune di cardiologi ed oncologi, al fine di personalizzare ed ottimizzare il trattamento antineoplastico e l eventuale uso di agenti cardioprotettivi. 6

7 Markers plasmatici come il peptide natriuretico cerebrale (BNP, un indice di elevate pressioni di riempimento) e soprattutto la troponina I (TnI, un indice di danno dei cardiomiociti) possono essere usati per identificare il rischio di sviluppo di disfunzione cardiaca durante il trattamento. L utilità clinica della misura della TnI e del BNP per identificare la cardiotossicità e predire la disfunzione cardiaca è stata dimostrata in pazienti che hanno ricevuto chemioterapia ad alte dosi; in particolare, pazienti trattate con trastuzumab dopo trattamento con antracicline ad alto dosaggio cumulativo avevano elevati livelli sierici di TnI, maggiore probabilità di sviluppare cardiotossicità e minore probabilità di recupero quando trattate per disfunzione ventricolare (15-17). Non c è consenso unanime sul migliore metodo, nonché la durata e la frequenza ottimali del monitoraggio cardiaco. La determinazione della frazione d eiezione del ventricolo sinistro (LVEF) prima della chemioterapia in tutti i pazienti guida la scelta del regime citotossico: pazienti con LVEF bassa o borderline possono beneficiare di un regime non contenente antracicline. In generale, prima dell inizio del trastuzumab sono raccomandate: la valutazione basale della frazione d eiezione del ventricolo sinistro (LVEF) mediante ecocardiografia, l anamnesi del paziente e la correzione dei fattori di rischio (es. trattamento dell ipertensione arteriosa). Le pazienti che non sono eleggibili al trastuzumab possono essere inviate al cardiologo. Le raccomandazioni circa il timing del monitoraggio ecocardiografico durante il trattamento con trastuzumab prevedono poi l esecuzione dell ecocardiografia ogni 3 mesi e alla fine del trattamento. Se, come spesso accade, il trattamento è stato preceduto da terapia con antracicline, la EF potrà essere monitorizzata anche a uno, due e cinque anni dopo il completamento del trattamento con trastuzumab (18-20). Uno studio ha stimato che il 19% delle pazienti con disfunzione ventricolare non recuperano la frazione di eiezione del ventricolo sinistro nonostante l interruzione del trattamento con trastuzumab; è più che mai importante, quindi, l identificazione precoce delle pazienti che possono andare incontro a variazioni della EF, per ottimizzarne il monitoraggio e la gestione clinica (21,22). Peraltro, la riduzione dell EF dopo il trattamento con trastuzumab rappresenta un marker di danno miocardico avanzato, che i tradizionali indici ecocardiografici di valutazione della funzione cardiaca (frazione di accorciamento e EF) potrebbero non essere in grado di identificare precocemente e sottostimare, se presente. Indagini più specifiche, che hanno valutato la deformazione miocardica e la velocità tessutale, hanno permesso la precoce identificazione della disfunzione cardiaca subclinica prima dell ecocardiografia convenzionale, in pazienti che hanno ricevuto trastuzumab in adiuvante (23-26). L algoritmo di Suter è spesso utilizzato per il monitoraggio della funzione cardiaca nei pazienti trattati con trastuzumab, ma non prevede raccomandazioni su quali farmaci utilizzare per il trattamento della disfunzione sistolica (18,20). 7

8 LA TERAPIA PER IL PAZIENTE CHE SVILUPPA CARDIOTOSSICITÀ Il trattamento della cardiotossicità da trastuzumab non è differente dal trattamento dello scompenso cardiaco ed è indicato nelle linee guida sullo scompenso cardiaco (27). Se il paziente supera l evento cardiaco e la LVEF ritorna al valore di base (in molti pazienti questo accade entro 1-2 mesi), la terapia per lo scompenso cardiaco può essere continuata e il trastuzumab risomministrato. Nei casi di LVEF persistentemente bassa o in pazienti sintomatici, possono essere somministrati inibitori dell aldosterone, antagonisti della angiotensina II e digossina; in questo caso, la decisione di riprendere il trattamento antineoplastico è individuale e si basa sulle condizioni cliniche e la prognosi. Se il paziente in trattamento con trastuzumab presenta una seconda volta riduzione della LVEF mentre è in terapia per scompenso cardiaco, è raccomandata l interruzione definitiva del trastuzumab. Nel carcinoma mammario metastatico il trattamento con trastuzumab ha potenzialità immediate di prolungamento della sopravvivenza, ed alcuni ritengono che potrebbe essere giustificata anche una maggiore aggressività terapeutica; pazienti con disfunzione sistolica ventricolare sinistra asintomatica potrebbero continuare a ricevere trastuzumab fino a quando la loro LVEF diminuisce >20% rispetto al basale fino ad arrivare ad una LVEF <40% o addirittura <30%. Nel paziente sintomatico per scompenso cardiaco o se la LVEF è stabilmente al di sotto del 30%, è indicata l interruzione definitiva del trattamento con trastuzumab (15). In conclusione: - la frequenza di scompenso cardiaco da trastuzumab clinicamente conclamato è bassa, mentre l incidenza di disfunzione sistolica ventricolare sinistra asintomatica è sicuramente più alta. - quando il trastuzumab viene sospeso, la terapia standard per scompenso cardiaco è quasi sempre efficace; - ACE-inibitori, bloccanti dell angiotensina II e beta-bloccanti possono essere utilizzati nei pazienti con segni precoci di cardiotossicità; - uno stretto monitoraggio cardiologico e un trattamento cardiovascolare precoce possono evitare l interruzione del trattamento antineoplastico nei pazienti che effettivamente necessitano del trastuzumab ai fini di un prolungamento della sopravvivenza; - il bilancio tra un trattamento antitumorale efficace e la prevenzione/riduzione dello sviluppo delle complicanze cardiovascolari è molto difficile e deve essere valutato congiuntamente dal cardiologo e dall oncologo su base individuale; - prima di iniziare il trastuzumab, i cardiologi dovrebbero valutare la LVEF del paziente oncologico, le condizioni cardiovascolari e i fattori di rischio e riferire ogni anomalia agli oncologi: la decisione finale deve essere presa da un team cardio-oncologico. 8

9 OBIETTIVO Alla luce delle evidenze descritte nelle sezioni introduttive in merito al rischio di cardiotossicità nelle persone trattate con trastuzumab, ma delle contestuali opportunità di prevenzione o riduzione delle complicanze cardiache volte al mantenimento di un efficace trattamento chemioterapico, l ASL della provincia di Cremona - in collaborazione con le Aziende Ospedaliere Ospedale Maggiore di Crema e Istituti Ospitalieri di Cremona - ha deciso di avviare un percorso assistenziale ispirato ad una prospettiva di genere, che ha come obiettivo l inserimento dei pazienti eleggibili al trattamento con trastuzumab in un protocollo di monitoraggio ad hoc del rischio di cardiotossicità, al fine di attenuare tale rischio e ottimizzare la terapia antitumorale. Si è deciso di ammettere al percorso solo soggetti eleggibili al trattamento con trastuzumab per carcinoma della mammella e di non estenderlo anche ai pazienti con carcinoma gastrico, non solo per l esiguità e l eterogeneità clinica della casistica, ma anche e soprattutto per la ridotta aspettativa di vita di queste persone; ciò naturalmente non comporta alcuna omissione di controllo strumentale dell eventuale cardiotossicità rispetto a quanto già oggi raccomandato ed effettuato sia nell ambito della normale gestione clinica di questi soggetti presso le aziende ospedaliere del cremonese, che da parte dei Medici di Medicina Generale. INTERVENTO Il protocollo di gestione e monitoraggio della cardiotossicità da trastuzumab riguarderà pazienti con cancro alla mammella di nuova diagnosi per il quale è in programma un trattamento chiemioterapico (adiuvante o neoadiuvante) con antracicline e trastuzumab. Criteri di inclusione: - cancro della mammella di nuova diagnosi per il quale è prevista terapia con trastuzumab (LUMINALI B/HER2 e HER2) - ECOG score (Eastern Cooperative Oncology Group) 1 - in attesa di chemioterapia neoadiuvante o adiuvante I pazienti verranno sottoposti a valutazione seriata con visita, ECG, ecocardiogramma e dosaggi di marcatori biochimici (troponina I). Elettrocardiogramma: a riposo, 12 derivazioni Ecocardiogramma Protocollo di acquisizione dati dall'ecocardiografia: 1. Registrazione 4 camere apicali, due camere apicali, tre camere apicali. 2. Analisi asse corto basale, a livello papillare e a livello apicale. 3. Analisi del flusso transmitralico per parametri diastolici: E/A, Dect T, E/E' 4. Color doppler a livello della valvola mitrale in 4 camere, 2 camere e 3 camere apicali 5. Doppler tissutale in 4 camere 9

10 Dati raccolti per ogni ecocardiogramma: Per ogni paziente verranno raccolti i seguenti dati: - Il diametro sistolico (m-mode o 2D) - Il diametro diastolico (m-mode o 2D) - Il volume sistolico (2D, metodo Simpson biplano) - Il volume diastolico (2D, metodo Simpson biplano) - La frazione d'eiezione (calcolata dai precedenti due volumi) - E/A (calcolato dall'esame doppler) - E/E' (calcolato dall'esame doppler) - Onda S mediale e laterale al doppler tissutale - Funzione ventricolare destra: Onda S e TAPSE Marcatori biochimici Dosaggio della troponina I serica (Upper reference limits 99th percentile: 0.03 ng/ml). 10

11 Tabella 1 - Programma trattamento chemioterapico 11

12 Valutazione basale (T0): I pazienti saranno valutati al basale (T0) durante la stadiazione del tumore prima dell inizio della chemioterapia a base di antracicline (4 cicli). Valutazione dopo 4 cicli di terapia a base di antracicline (T1): I pazienti saranno rivalutati al termine dei cicli di terapia con antracicline (T1). In base al profilo di rischio e alla funzione sistolica ventricolare sinistra verrà valutata l eventuale controindicazione alla terapia con trastuzumab. Nel caso la terapia con trastuzumab non sia controindicata, i pazienti inizieranno la terapia con 4 cicli di terapia con trastuzumab e taxani (vedi tabella 2a). Valutazione dopo 4 cicli di terapia con trastuzumab + taxani (T2): I pazienti saranno rivalutati al termine dei 4 cicli di terapia con trastuzumab e taxani. In base al profilo di rischio e alla funzione sistolica ventricolare sinistra verrà valutata l eventuale controindicazione a proseguire la terapia con trastuzumab. Nel caso in cui non siano presenti controindicazioni alla terapia con trastuzumab, i pazienti proseguiranno con 12 cicli di terapia con trastuzumab in monoterapia. Valutazioni durante la terapia con trastuzumab in monoterapia (T3, T4, T5, T6): Vi saranno valutazioni con ecocardiogramma e dosaggio seriato di troponina I ogni 3 mesi (T3, T4, T5, T6). In caso di alterazioni della funzione sistolica ventricolare sinistra verrà rivalutata la strategia terapeutica con valutazione congiunta cardiologica e oncologica (vedi tabella 2b). 12

13 Tabella 2 - Gestione dei pazienti candidati a terapia con trastuzumab a. Prima della terapia con trastuzumab (t) Profilo dei pazienti Gestione A. anamnesi cardiologica negativa, fattori di rischio cardiovascolari assenti, LVEF normale Trattare con T e monitorare LVEF ogni 3 mesi. B. anamnesi cardiologica positiva e/o presenza di fattori di rischio (Ipertensione arteriosa, malattia coronarica, disfunzione diastolica, età avanzata) con LVEF normale. Trattare con T e monitorare LVEF ogni 3 mesi. Maggiore attenzione clinica all eventuale presenza di sintomi. Esame obiettivo ogni ciclo. Se troponina I positiva iniziare terapia con ACE-I. C. LVEF ridotta (< 40%) Trattare la bassa FE (ACE-inibitori, betabloccanti) e rivalutare dopo 4 settimane. la decisione se iniziare il T è su base individuale. b. Durante la terapia con Trastuzumab (T) Profilo dei pazienti Gestione Prima riduzione della LVEF: - > 15% assoluta - > 10% con LVEF < 50%) Sospendere il T. Trattare HF (inizio ACE-I e beta-bloccanti) e rivalutare dopo 4 settimane: recupero totale della EF: riprendere somministrazione di T LVEF permane ridotta: intensificare la terapia HF e rivalutare dopo 4 settimane. Se EF rimane bassa: decisione su base individuale. Seconda riduzione della LVEF Stop definitivo del T 13 Se T è l unica opzione terapeutica, sospendere, massimizzare la terapia dell HF, e poi, eventualmente, ritrattare

14 Terapia cardiologica Il trattamento della cardiotossicità da trastuzumab non è differente dal trattamento dello scompenso cardiaco ed è indicato nelle linee guida sullo scompenso cardiaco (28). Per la terapia cardiologica della disfunzione ventricolare sinistra o di prevenzione della stessa nei pazienti a rischio fare riferimento alla tabella 3. Tabella 3. ACE-i e beta-bloccanti indicati nel trattamento dello scompenso cardiaco e disfunzione ventricolare sinistra con dosi target consigliate. ACE-inibitore Farmaco Dose iniziale Dose target Captopril 6.25 mg x 3/die 50 mg x 3/die Enalapril 2.5 mg x 2/die mg x 2/die Lisinopril 2.5 mg/die mg/die Ramipril 2.5 mg/die 5 mg x 2/die Trandolapril 0.5 mg/die 4 mg/die Beta-bloccanti Farmaco Dose iniziale Dose target Bisoprololo 1.25 mg/die 10 mg/die Carvedilolo 6.25mg x 2/die mg x 2/die Titolazione terapia Aumento della dose ad intervalli di 1-2 settimane. Monitoraggio della funzione renale e degli elettroliti ogni 1-2 settimane nel caso di somministrazione di ACE-inibitori Mantenimento di una PA normale. Controllo della Frequenza cardiaca (beta-bloccanti). Raggiungimento della dose target in 4 settimane. I risultati di tutti i controlli con valori anomali saranno trasmessi al medico curante (Medico di Medicina Generale), al fine di segnalare adeguatamente il problema ed avviare un azione sinergica di raccordo ospedale-territorio per il monitoraggio e controllo delle eventuali complicanze cardiologiche, oltre che per la rivalutazione del trattamento oncologico. 14

15 BIBLIOGRAFIA 1. Adedayo A. Onitilo, Jessica M. Engel and Rachel V. Stankowski. Cardiovascular toxicity associated with adjuvant trastuzumab therapy: prevalence, patient characteristics, and risk factors. Ther Adv Drug Saf 2014, Vol. 5(4) Cardio-Oncologia 2013 Progetto speciale Cardio-Oncologia AIOM - ANMCO - AICO - ICOS SIF; Intermedia Editore, Brescia Lewis GD, Figari I, Frendly B, et al. Differential responses of human tumor cell lines to antip185her2 monoclonal antibodies. Cancer Immunol Immunother 1993;37: Spector NL, Blackwell KL. Understanding the mechanisms behind trastuzumab therapy for human epidermal growth factor receptor 2-positive breast cancer. J Clin Oncol 2009;27: De Azambuja E, Bedard PL, Suter T, et al. Cardiac toxicity with anti-her-2 therapies: what have we learned so far? Target Oncol 2009;4: Ewer M, Lippman S. Type II chemotherapy-related cardiac dysfunction: time to recognize a new entity. J Clin Oncol 2005;23: Ewer MS, Vooletich MT, Durand JB, et al. Reversibility of trastuzumab-related cardiotoxicity: new insights based on clinical course and response to medical treatment. J Clin Oncol 2005;23: Guarneri V, Lenihan DJ, Valero V, et al. Long-term cardiac tolerability of trastuzumab in metastatic breast cancer: the M.D. Anderson Cancer Center Experience. J Clin Oncol 2006;24: Hudis CA. Trastuzumab: mechanism of action and use in clinical practice. N Engl J Med 2007;357: Ewer MS, Ewer SM. Troponin I provides insight into cardiotoxicity and the anthracycline trastuzumab interaction. J Clin Oncol 2010;28: Seidman A, Hudis C, Pierri MK, et al. Cardiac dysfunction in the trastuzumab clinical trials experience. J Clin Oncol 2002;20: Eschenhagen T, Force T, Ewer MS, et al. Cardiovascular side effects of cancer therapies: a position statement from the Heart Failure Association of the European Society of Cardiology. Eur J Heart Fail 2011:13: Verma S, Dent S, Chow BJ, et al. Metastatic breast cancer: the role of pegylated liposomal doxorubicin after conventional anthracyclines. Cancer Treat Rev 2008;34: Rayson D, Richel D, Chia S, et al. Anthracycline trastuzumab regimens for HER2/neuoverexpressing breast cancer: current experience and future strategies. Ann Oncol 2008;19: Carver JR. Management of trastuzumab-related cardiac dysfunction. Prog Cardiovasc Dis 2010;53: Kutteh LA, Hobday T, Jaffe A, et al. North Central Cancer Treatment Group. A correlative study of cardiac biomarkers and left ventricular ejection fraction (LVEF)from N9831, a phase III randomized trial of chemotherapy and trastuzumab as adjuvant therapy for HER2-positive breast cancer. J Clin Oncol 2007;25(18S):abstract Cardinale D, Colombo A, Torrisi R, et al. Trastuzumab-induced cardiotoxicity: clinical and prognostic implications of troponin I evaluation. J Clin Oncol 2010;28: Suter TM, Procter M, van Veldhuisen DJ, et al. Trastuzumab associated cardiac adverse effects in the Herceptin adjuvant trial. J Clin Oncol 2007;25: Fox KF. The evaluation of left ventricular function for patients being considered for, or receiving Trastuzumab (Herceptin) therapy. Br J Cancer 2006;95:

16 20. Jones AL, Barlow M, Barrett-Lee PJ, et al. Management of cardiac health in trastuzumabtreated patients with breast cancer: updated United Kingdom National Cancer Research Institute recommendations for monitoring. Br J Cancer 2009;100: Procter M, Suter TM, de Azambuja E, et al. Longer-term assessment of trastuzumab-related cardiac adverse events in the Herceptin Adjuvant (HERA ) trial. J Clin Oncol 2010;28: Ewer MS, Lenihan DJ. Left ventricular ejection fraction and cardiotoxicity: is our ear really to the ground? J Clin Oncol 2008;26: Walker J, Bhullar N, Fallah-Rad N, et al. Role of threedimensional echocardiography in breast cancer: comparison with two-dimensional echocardiography, multiple-gated acquisition scans, and cardiac magnetic resonance imaging. J Clin Oncol 2010;28: Hare JL, Brown JK, Leano R, et al. Use of myocardial deformation imaging to detect preclinical myocardial dysfunction before conventional measures in patients undergoing breast cancer treatment with trastuzumab.am Heart J 2009;158: Ho E, Brown A, Barrett P, et al. Subclinical anthracycline- and trastuzumab-induced cardiotoxicity in the long-term follow-up of asymptomatic breast cancer survivors: a speckle tracking echocardiographic study. Heart 2010;96: Sawaya H, Sebag IA, Plana JC, et al. Early detection and prediction of cardiotoxicity in chemotherapy-treated patients. Am J Cardiol 2011;107: Heart Failure Society of America. Management of asymptomatic patients with reduced left ventricular ejection fraction. J Card Fail 2006;12:e26 e McMurray JJ, Adamopoulos S, Anker SD, et al. ESC Guidelines for the diagnosis and treatment of acute and chronic heart failure 2012: The Task Force for the Diagnosis and Treatment of Acute and Chronic Heart Failure 2012 of the European Society of Cardiology. Developed in collaboration with the Heart Failure Association (HFA) of the ESC. Eur Heart J. Jul 2012;33(14):

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena ShortHER: TRATTAMENTO ADIUVANTE CON HERCEPTIN PER 3 MESI VERSO 12 MESI, IN ASSOCIAZIONE CON 2 DIFFERENTI REGIMI DI CHEMIOTERAPIA, NELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVE Eudract 2007-004326-25

Dettagli

STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab. Sinossi del protocollo

STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab. Sinossi del protocollo 1 STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab Sinossi del protocollo Titolo Protocollo: Studio di fase II con doxorubicina liposomiale più ciclofosfamide in associazione a trastuzumab,

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

Terapie biologiche più cardiotossiche delle antracicline?

Terapie biologiche più cardiotossiche delle antracicline? MEDICINA Terapie biologiche più cardiotossiche delle antracicline? Occorre favorire una collaborazione sempre più stretta tra cardiologo e oncologo al fine di gestire in modo ottimale tutti i problemi

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Giugno 2014 EPLERENONE 25 mg 50 mg cpr

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli SINOSSI DELLO STUDIO DYDA 2 TRIAL Effects of the dipeptidyl peptidase-4 (DPP-4) inhibitor linagliptin on left ventricular myocardial DYsfunction in patients with type 2 DiAbetes mellitus and concentric

Dettagli

Cardiotossicità in pazienti anziane con cancro della mammella in trattamento con trastuzumab

Cardiotossicità in pazienti anziane con cancro della mammella in trattamento con trastuzumab G Gerontol 2011;59:140-146 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo originale Original article Sezione di Geriatria Clinica Cardiotossicità in pazienti anziane con cancro della mammella in

Dettagli

Trastuzumab emtansine (TDM-1)

Trastuzumab emtansine (TDM-1) Raccomandazioni evidence-based Trastuzumab emtansine (TDM-1) nel carcinoma della mammella avanzato A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.33 (Pubblicato a ) Aggiornato

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

THREE-DIMENSIONAL ECHOCARDIOGRAPHIC EVALUATION OF LEFT VENTRICULAR DYSSYNCHRONY IN PEDIATRIC TRANSPLANTED HEART: A PILOT STUDY

THREE-DIMENSIONAL ECHOCARDIOGRAPHIC EVALUATION OF LEFT VENTRICULAR DYSSYNCHRONY IN PEDIATRIC TRANSPLANTED HEART: A PILOT STUDY THREE-DIMENSIONAL ECHOCARDIOGRAPHIC EVALUATION OF LEFT VENTRICULAR DYSSYNCHRONY IN PEDIATRIC TRANSPLANTED HEART: A PILOT STUDY C. Esposito, R. Iacobelli, A. Toscano, A. Del Pasqua, F. Parisi, G. Grutter,

Dettagli

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia Lo Scompenso Cardiaco Cronico (SCC): un modello di collaborazione ospedale-territorio per la qualità dell assistenza e l economia l delle risorse Orbassano, 9 novembre 2010 Modalità di valutazione del

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto

CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto La Gestione Integrata del Paziente con Scompenso Cardiaco: il Medico di MG Mario Roberto Celebrano Mmg - S.I.M.G. Verona Aula Giorgio De Sandre - Ente

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Sindrome metabolica e terapie antitumorali

Sindrome metabolica e terapie antitumorali Sindrome metabolica e terapie antitumorali SCDU Endocrinologia Oncologica AO Città della Salute e della Scienza di Torino Molinette - COES Sopravvivenza complessiva a 5 anni tutti i tumori, pazienti adulti:

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Convegno 26 Maggio 2012 Sala E. De Pasquale del Palazzo Comunale di Latina Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Dott. Enzo Veltri Direttore U.O.C Oncologia Latina 1 Mortalità

Dettagli

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata Lara Bettinzoli Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio sulla terapia adiuvante del carcinoma mammario nelle pazienti

Dettagli

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE Dr. Alessandro Bernardini HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE La pressione arteriosa aumenta con l'età nelle società occidentalizzate e l'ipertensione è quindi sostanzialmente

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Scompenso Cardiaco in pediatria

Scompenso Cardiaco in pediatria - Disease management in primary care - Workshop per pediatri, medici di medicina generale e cardiologi DI ANTONIO SCORLETTI Classificazione di Ross I Classe II Classe III Classe IV Classe -Asintomatico

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO-

CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO- 11 11 Corso di aggiornamento in Oncologia e Ematologia CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO- Dott.ssa Silvia Sanguineti Sestri Levante, 18 maggio 2013 CASO CLINICO Donna di 41 anni alla diagnosi

Dettagli

più piccolo del mondo

più piccolo del mondo a cura di Pompeo Pindozzi il defibrillatore Le patologie che causano morte improvvisa nei giovani Vi sono quattro patologie alla base della maggior parte dei casi di morte improvvisa nei bambini e nei

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nella gestione dei soggetti ad aumentato rischio di tumori eredofamiliari

Il ruolo del medico di medicina generale nella gestione dei soggetti ad aumentato rischio di tumori eredofamiliari Il ruolo del medico di medicina generale nella gestione dei soggetti ad aumentato rischio di tumori eredofamiliari IEO 9 maggio 2012 Prevenzione del carcinoma mammario con fenre0nide in giovani donne a

Dettagli

21-LUG-2015 da pag. 67 foglio 1

21-LUG-2015 da pag. 67 foglio 1 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Tiratura 04/2015: 335.358 Diffusione 04/2015: 220.920 Lettori I 2015: 1.765.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Monica Mosca 21-LUG-2015

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO

INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO Responsabile SSCVD "Unità di Transizione per Neoplasie Curate in Età Pediatrica" c/o AOU S.Giovanni Battista di Torino D. Dr Brignardello, ci può dire che differenza

Dettagli

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it C U R R I C U L U M V I T A E DOTT. CROSIO MANLIO PIZZORNI INFORMAZIONI PERSONALI Nome PIZZORNI CROSIO MANLIO Indirizzo Telefono 010 315191 Cell. 328 0473249 E-mail VIA TRENTO 5 /15, 16145 Genova crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Herceptin 150 mg polvere per concentrato per soluzione per infusione 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC

II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC Caso clinico: triple positive Alberto Fumagalli Anno di nascita 1952 A.P.R.: ipertensione arteriosa in trattamento con beta-bloccante. Gennaio 1989 Biopsia

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona Dott.ssa Chiara Dell Agnola MdA Oncologia,AOUI Verona Malattia metastatica La neoplasia del testa-collo si presenta in oltre la metà dei pazienti in stadio avanzato (Stadio III e IV) 40-80% recidiva loco-regionale

Dettagli

Luci ed ombre nella valutazione dell HER2 positività

Luci ed ombre nella valutazione dell HER2 positività Luci ed ombre nella valutazione dell HER2 positività The human epidermal growth factor receptor (HER) gene family HER-2 gene amplification and/or protein overexpression has been identified in10% 34% of

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Definizione Una sostanza misurabile quantitativamente nei

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011)

TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011) TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011) Specialità: HERCEPTIN(ROCHE) Forma farmaceutica: polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco e le Aziende Ospedaliere e IRCCS elencati nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco Dicembre 2011 NB: le seguenti note

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance)

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina SIMG Società Italiana di Medicina Generale Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) La formazione di qualità per migliorare

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II

Dettagli

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario Progetto Canoa Carcinoma Mammario Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale Simona Duranti durantisimona@virgilio.it Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar Verona 22-23 marzo

Dettagli