PERCORSO DI MONITORAGGIO CARDIONCOLOGICO DEL TRATTAMENTO CON TRASTUZUMAB

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO DI MONITORAGGIO CARDIONCOLOGICO DEL TRATTAMENTO CON TRASTUZUMAB"

Transcript

1 PERCORSO DI MONITORAGGIO CARDIONCOLOGICO DEL TRATTAMENTO CON TRASTUZUMAB Documento a cura di: Struttura Complessa Cardiologia e UTIC (P.O.C.) A.O. Istituti Ospitalieri di Cremona Struttura Complessa Chirurgia generale ad indirizzo senologico A.O. Istituti Ospitalieri di Cremona Struttura Complessa Oncologia A.O. Istituti Ospitalieri di Cremona Struttura Complessa Cardiologia e UTIC (P.O.O.P.) A.O. Istituti Ospitalieri di Cremona Struttura Complessa Cardiologia Crema A.O. Ospedale Maggiore di Crema Struttura Complessa Oncologia Crema A.O. Ospedale Maggiore di Crema Dr. Antonio Squintani, Rappresentante M.M.G. Dipartimento ASSI, Struttura Complessa Servizio Cure Sociosanitarie - ASL della provincia di Cremona Dipartimento Programmazione, Acquisto e Controllo - ASL della provincia di Cremona 17 dicembre 2014

2 INTRODUZIONE La cardio-oncologia è una disciplina emergente, finalizzata alla diagnosi, prevenzione e/o trattamento delle complicanze cardiovascolari (es. aritmie, disfunzioni contrattili, ischemia, o disturbi pressori) delle terapie antitumorali, la cui tossicità e dannosità cardiaca sono emerse con crescente evidenza. Obiettivi della cardio-oncologia sono: 1. comprendere i meccanismi della cardiotossicità; 2. fornire definizioni uniformi e condivise della cardiotossicità; 3. identificare percorsi di diagnosi e trattamento del paziente oncologico prima, durante e dopo le terapie antitumorali; 4. proporre modelli organizzativi efficienti e sostenibili. Anche se non esiste una definizione semplice e diretta di cardiotossicità da chemioterapici, questa può essere intesa come l insieme di eventi cardiaci avversi (disfunzione ventricolare sinistra, scompenso cardiaco, aritmie, coronaropatie, ecc.) provocati da farmaci antitumorali. La cardiotossicità si distingue in una forma acuta o subacuta - che può presentarsi durante il trattamento chemioterapico - e in una forma cronica, distinta a sua volta in cronica precoce e tardiva a seconda che i disturbi cardiaci si manifestino entro o dopo un anno dalla fine del trattamento antitumorale. Le manifestazioni cliniche più frequenti durante la forma acuta e subacuta della cardiotossicità ricomprendono disturbi della ripolarizzazione, allungamento del tratto Q-T, aritmie ventricolare e sopraventricolari, crisi anginose, scompenso cardiaco acuto. Nella forma cronica sono prevalenti la disfunzione ventricolare sinistra (sia sistolica che diastolica) e lo scompenso cardiaco per cardiomiopatia ipocinetica, che possono manifestarsi anche a distanza di anni dopo il completamento delle terapia e condurre alla morte cardiaca. Un rigoroso controllo farmacologico delle comorbidità presenti al momento della diagnosi oncologica può contribuire significativamente alla prevenzione di eventi avversi cardiotossici. Il rapporto rischio/beneficio rimane in ogni caso sostanzialmente favorevole all uso di farmaci antitumorali, anche se cardiotossici, in quanto il beneficio in termini di salute di questi farmaci salvavita è superiore al rischio di eventi cardiovascolari indesiderati, fatti salvi i casi in cui il rischio cardiovascolare di partenza è talmente elevato da costituire controindicazione assoluta ad un particolare trattamento. Tra i farmaci cardiotossici da più tempo impiegati si annoverano le antracicline, la cui azione lesiva sul cuore è probabilmente da ricondurre alla presenza di radicali liberi dell ossigeno; essa si presenta, solitamente, nella fase cronica ed è dipendente dall accumulo del farmaco. Farmaci di più recente impiego, molto efficaci e più aggressivi, costituiscono il gruppo delle cosiddette targeted therapies e si distinguono in: a anticorpi monoclonali b piccole molecole (small molecules). 2

3 Tra gli anticorpi monoclonali spicca il Trastuzumab, che inibisce il recettore epidermico umano 2 (HER 2). Indicato nel trattamento del carcinoma della mammella, ha indubbi benefici sulla sopravvivenza ma anche una significativa cardiotossicità, con segni di disfunzione ventricolare sinistra in una percentuale variabile, stimata in alcuni casi ad oltre un terzo delle pazienti trattate nei trial clinici. Il trastuzumab può essere somministrato dopo terapia con antracicline, con il rischio di un ulteriore potenziamento dell effetto cardiotossico. L ASL della provincia di Cremona, in collaborazione con le Aziende Ospedaliere Ospedale Maggiore di Crema e Istituti Ospitalieri di Cremona, intende avviare un percorso assistenziale ispirato ad una prospettiva di genere, che ha come obiettivo la tutela della salute delle persone trattate per carcinoma primitivo della mammella, tumore in cima alle statistiche di incidenza e mortalità nelle donne cremonesi. CONTESTO EPIDEMIOLOGICO I dati del Registro Tumori provinciale dell ASL di Cremona attualmente disponibili hanno identificato, nel quinquennio , 1611 casi incidenti di carcinoma della mammella tra le donne residenti nella nostra provincia (una media di oltre 320 nuovi casi per anno), risultanti in un tasso grezzo di 178/ donne residenti. Nel confronto con le stime dei registri tumori accreditati dall AIRTUM (Associazione Italiana Registri Tumori) in tutta Italia, si registra un eccesso di incidenza dell 8,7%, con una differenza in termini assoluti di circa 10 nuovi casi/ Per quanto riguarda la mortalità, in trend di costante decremento, nel 2013 sono stati registrati 100 decessi per tumore della mammella corrispondenti ad un tasso grezzo di 54/ donne residenti; gli unici dati di confronto disponibili con il dato nazionale sono riferiti al periodo ed evidenziano un eccesso di mortalità nel cremonese pari al 18%. La prognosi delle pazienti affette da tumore della mammella è molto migliorata negli ultimi anni, a seguito dell introduzione di nuovi agenti chemioterapici e della modulazione dei regimi terapeutici; sul nostro territorio, la sopravvivenza a 1, 3 e 5 anni dei casi incidenti tra il 2005 e il 2009 è rispettivamente del 94%, 86% e 78%; la sopravvivenza a 5 anni è in linea con la media nazionale. L insorgenza di eventi cardiotossici può inficiare la continuità delle terapie, e persino in pazienti asintomatiche una disfunzione ventricolare sinistra può interferire con il trattamento specifico e ridurre la sopravvivenza a lungo termine. L incidenza di danno cardiaco subclinico misurato ecocardiograficamente o di scompenso rilevata nei trial clinici randomizzati in corso di trattamento con trastuzumab varia dal 6% al 35%, a seconda dei criteri di inclusione (con pazienti anziani e ad alto rischio cardiotossico esclusi) e della definizione degli endpoint; lo scompenso cardiaco era sintomatico nell 1%-14% delle partecipanti. In questi studi, dal 4% al 17% delle pazienti ha dovuto interrompere il trattamento con trastuzumab a causa della cardiotossicità. Negli studi osservazionali, che hanno criteri meno stringenti di inclusione, la cardiotossicità ha riguardato dall 8% al 43% delle pazienti; lo scompenso 3

4 cardiaco sintomatico ha riguardato tra lo 0 e il 9% delle donne arruolate. In questi studi, tra il 2% ed il 15% delle donne ha interrotto il trattamento con trastuzumab a causa degli eventi avversi cardiaci (1). Nel 2013, 126 pazienti sono stati trattati con trastuzumab - da solo o in combinazione con altri farmaci chemioterapici - nelle strutture ospedaliere della provincia di Cremona. Di questi, 119 (il 94,4%) erano donne, in misura preponderante con indicazione di carcinoma della mammella e solo 7 uomini, con indicazione di carcinoma gastrico documentata in 4 casi (del resto, il tumore della mammella nei maschi è molto più raro e meno frequentemente HER2+); 52 delle donne trattate con trastuzumab (il 44%) era in monoterapia. CARDIOTOSSICITA DA TRASTUZUMAB: STATO DELL ARTE Una recente pubblicazione Cardio-Oncologia 2013, a cura di autorevoli società scientifiche (Associazione Italiana di Oncologia Medica, Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, Associazione Italiana di CardiOncologia, International CardiOncology Society e Società Italiana di Farmacologia) ha trattato in modo articolato ed esaustivo questa materia (con numerosi riferimenti bibliografici) ed in modo specifico alcune aree tra le quali la cardiotossicità da trastuzumab (2). Nelle sezioni successive, a completare il quadro di contesto in cui si inserisce il percorso assistenziale avviato dall ASL e dalle Aziende ospedaliere di Crema e Cremona, sono riportati sinteticamente gli estratti salienti relativi alle indicazioni terapeutiche del trastuzumab, ai meccanismi fisiopatologici della sua cardiotossicità ed al monitoraggio/gestione delle pazienti. FARMACI ANTI-HER2: MECCANISMI D AZIONE ANTITUMORALE ED INDICAZIONI TERAPEUTICHE La famiglia dei recettori HER/ErbB (Human Epidermal growth factor Receptor) è un gruppo di proteine di membrana ad attività tirosinchinasica composto da quattro membri: HER1, HER2, HER3 e HER4. Tali recettori svolgono un importante azione di trasduzione dei segnali tra ambiente extra ed intracellulare e sono coinvolti nella crescita, sopravvivenza e differenziazione della cellula. In base alle caratteristiche strutturali, i farmaci diretti contro i recettori HER/ ErbB possono essere classificati in anticorpi monoclonali e piccole molecole ad attività anti-tirosinchinasica. Farmaco Tipo Bersaglio Trastuzumab Anticorpo monoclonale HER2 T-DM1 Anticorpo monoclonale (trastuzumab) legato a farmaco citotossico (DM1) HER2 Pertuzumab Anticorpo monoclonale HER2 Lapatinib Piccola molecola con azione di inibitore reversibile della tirosinchinasi HER1, HER2 Afatinib Piccola molecola con azione di inibitore irreversibile della tirosinchinasi HER1, HER2 Neratinib Piccola molecola con azione di inibitore irreversibile della tirosinchinasi HER1, HER2, HER4 4

5 Il trastuzumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umanizzato che si lega al dominio extracellulare (ECD) IV del recettore HER2; i meccanismi d azione con cui il trastuzumab esercita la propria attività anti-tumorale non sono ad oggi completamente noti (3,4). Il trastuzumab è indicato in pazienti con carcinoma mammario e carcinoma gastrico metastatico, con iperespressione di HER2 definita come un risultato 3+ all immunoistochimica o 2+ all immunoistochimica e confermata da ibridazione in situ tramite fluorescenza (FISH) o ibridazione cromogenica (CISH). Per quanto riguarda il trattamento con trastuzumab nelle donne con carcinoma mammario HER2- positivo, che rappresenta la quasi totalità dei pazienti trattati, le indicazioni prevedono la somministrazione: 1. nella malattia in fase iniziale (terapia adiuvante e neoadiuvante): in associazione oppure dopo terapia comprendente taxani. 2. nella malattia metastatica: in monoterapia per il trattamento di pazienti che hanno ricevuto almeno due trattamenti per la malattia metastatica. La chemioterapia precedentemente somministrata deve aver compreso un taxano e un antraciclina, tranne nel caso in cui la paziente non sia idonea a tale trattamento. Le pazienti con recettori ormonali positivi devono inoltre non aver risposto alla terapia ormonale, tranne nel caso in cui la paziente non sia idonea a tale trattamento; in associazione al paclitaxel per il trattamento di pazienti che non sono state sottoposte a chemioterapia per la malattia metastatica e per le quali non è indicato il trattamento con antracicline; in associazione al docetaxel per il trattamento di pazienti che non sono state sottoposte a chemioterapia per la malattia metastatica; in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa con positività per i recettori ormonali, non precedentemente trattate con trastuzumab; in associazione a vinorelbina o capecitabina. MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA CARDIOTOSSICITÀ DA TRASTUZUMAB Dal 1998 il trastuzumab è stato utilizzato per il trattamento di più di donne con cancro mammario nel mondo. Gli studi condotti in adiuvante hanno dimostrato che, usato singolarmente o in combinazione con la chemioterapia, riduce il rischio di recidiva del 50% e il rischio di morte del 33% (5). Come già sottolineato, la cardiotossicità è un importante effetto collaterale; attribuita al blocco di ErbB2 nei cardiomiociti, si manifesta come scompenso cardiaco (HF) sintomatico o disfunzione ventricolare sinistra asintomatica con riduzione della frazione di eiezione (EF). La cardiotossicità da trastuzumab è differente da quella indotta da antracicline. In particolare, il trastuzumab non sembra causare perdita di cardiomiociti, il danno non è dose-dipendente ed è reversibile. Tale cardiotossicità è definita di tipo II, per distinguerla da quella di tipo I indotta da antracicline (6). 5

6 Nella cardiotossicità di tipo I il danno iniziale consiste nella disorganizzazione miofibrillare ed è seguito da apoptosi e necrosi dei cardiomiociti. Quando sopraggiunge la disfunzione cardiaca, il danno risulta irreversibile. La malattia può manifestarsi dopo mesi o anni dal trattamento e può essere correlata a stress cardiaci sequenziali (7). Viceversa, nella cardiotossicità di tipo II i miociti appaiono istologicamente normali (fini alterazioni strutturali visibili soltanto in microscopia elettronica), la EF ha possibilità di recupero e la risomministrazione del farmaco dopo interruzione è sufficientemente sicura (8). Il meccanismo fisiopatologico attraverso cui il trastuzumab determina danno cardiaco non è completamente noto; è stato invece accertato che l interruzione del trattamento con il trastuzumab è di solito associato al recupero della frazione di eiezione (9). Il meccanismo proposto per spiegare l aumento degli effetti cardiaci del trastuzumab, quando somministrato in associazione con le antracicline, è il blocco dei meccanismi di riparazione cellulare, che consente al danno ossidativo indotto dalle antracicline di progredire liberamente (10). La cardiotossicità di tipo II è esacerbata dal danno causato dai farmaci responsabili della cardiotossicità di tipo I e per questo motivo si raccomanda di evitare l impiego concomitante di trastuzumab e antracicline (11). Nel caso di cicli di trattamento sequenziale, è importante il timing di somministrazione di antracicline e trastuzumab, dal momento che il potenziamento della cardiotossicità da trastuzumab è ridotto quando la somministrazione è ritardata rispetto alle antracicline (12). Questa interazione non si manifesta infine quando il trastuzumab è somministrato in associazione con le antracicline liposomiali (nelle quali l agente chemioterapico è contenuto in particelle lipidiche che permettono la diffusione nel tumore attraverso le fenestrature dell endotelio capillare dei tessuti patologici con minima diffusione delle antracicline nel miocardio), in particolare con l antraciclina liposomiale peghilata (13,14). Fattori di rischio noti per l insorgenza della disfunzione ventricolare sinistra secondaria al trastuzumab sono: - età > 50 anni, - ipertensione arteriosa, - diabete mellito, - obesità, - cardiopatia pregressa, - pregresso trattamento con antracicline o paclitaxel. Questi possono essere modificati attraverso il trattamento dell ipertensione arteriosa e della dislipidemia ed incoraggiando la riduzione di peso e l abolizione del tabagismo. VALUTAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA, DURANTE E DOPO IL TRATTAMENTO CON TRASTUZUMAB La precoce identificazione dei pazienti a rischio di cardiotossicità è obiettivo comune di cardiologi ed oncologi, al fine di personalizzare ed ottimizzare il trattamento antineoplastico e l eventuale uso di agenti cardioprotettivi. 6

7 Markers plasmatici come il peptide natriuretico cerebrale (BNP, un indice di elevate pressioni di riempimento) e soprattutto la troponina I (TnI, un indice di danno dei cardiomiociti) possono essere usati per identificare il rischio di sviluppo di disfunzione cardiaca durante il trattamento. L utilità clinica della misura della TnI e del BNP per identificare la cardiotossicità e predire la disfunzione cardiaca è stata dimostrata in pazienti che hanno ricevuto chemioterapia ad alte dosi; in particolare, pazienti trattate con trastuzumab dopo trattamento con antracicline ad alto dosaggio cumulativo avevano elevati livelli sierici di TnI, maggiore probabilità di sviluppare cardiotossicità e minore probabilità di recupero quando trattate per disfunzione ventricolare (15-17). Non c è consenso unanime sul migliore metodo, nonché la durata e la frequenza ottimali del monitoraggio cardiaco. La determinazione della frazione d eiezione del ventricolo sinistro (LVEF) prima della chemioterapia in tutti i pazienti guida la scelta del regime citotossico: pazienti con LVEF bassa o borderline possono beneficiare di un regime non contenente antracicline. In generale, prima dell inizio del trastuzumab sono raccomandate: la valutazione basale della frazione d eiezione del ventricolo sinistro (LVEF) mediante ecocardiografia, l anamnesi del paziente e la correzione dei fattori di rischio (es. trattamento dell ipertensione arteriosa). Le pazienti che non sono eleggibili al trastuzumab possono essere inviate al cardiologo. Le raccomandazioni circa il timing del monitoraggio ecocardiografico durante il trattamento con trastuzumab prevedono poi l esecuzione dell ecocardiografia ogni 3 mesi e alla fine del trattamento. Se, come spesso accade, il trattamento è stato preceduto da terapia con antracicline, la EF potrà essere monitorizzata anche a uno, due e cinque anni dopo il completamento del trattamento con trastuzumab (18-20). Uno studio ha stimato che il 19% delle pazienti con disfunzione ventricolare non recuperano la frazione di eiezione del ventricolo sinistro nonostante l interruzione del trattamento con trastuzumab; è più che mai importante, quindi, l identificazione precoce delle pazienti che possono andare incontro a variazioni della EF, per ottimizzarne il monitoraggio e la gestione clinica (21,22). Peraltro, la riduzione dell EF dopo il trattamento con trastuzumab rappresenta un marker di danno miocardico avanzato, che i tradizionali indici ecocardiografici di valutazione della funzione cardiaca (frazione di accorciamento e EF) potrebbero non essere in grado di identificare precocemente e sottostimare, se presente. Indagini più specifiche, che hanno valutato la deformazione miocardica e la velocità tessutale, hanno permesso la precoce identificazione della disfunzione cardiaca subclinica prima dell ecocardiografia convenzionale, in pazienti che hanno ricevuto trastuzumab in adiuvante (23-26). L algoritmo di Suter è spesso utilizzato per il monitoraggio della funzione cardiaca nei pazienti trattati con trastuzumab, ma non prevede raccomandazioni su quali farmaci utilizzare per il trattamento della disfunzione sistolica (18,20). 7

8 LA TERAPIA PER IL PAZIENTE CHE SVILUPPA CARDIOTOSSICITÀ Il trattamento della cardiotossicità da trastuzumab non è differente dal trattamento dello scompenso cardiaco ed è indicato nelle linee guida sullo scompenso cardiaco (27). Se il paziente supera l evento cardiaco e la LVEF ritorna al valore di base (in molti pazienti questo accade entro 1-2 mesi), la terapia per lo scompenso cardiaco può essere continuata e il trastuzumab risomministrato. Nei casi di LVEF persistentemente bassa o in pazienti sintomatici, possono essere somministrati inibitori dell aldosterone, antagonisti della angiotensina II e digossina; in questo caso, la decisione di riprendere il trattamento antineoplastico è individuale e si basa sulle condizioni cliniche e la prognosi. Se il paziente in trattamento con trastuzumab presenta una seconda volta riduzione della LVEF mentre è in terapia per scompenso cardiaco, è raccomandata l interruzione definitiva del trastuzumab. Nel carcinoma mammario metastatico il trattamento con trastuzumab ha potenzialità immediate di prolungamento della sopravvivenza, ed alcuni ritengono che potrebbe essere giustificata anche una maggiore aggressività terapeutica; pazienti con disfunzione sistolica ventricolare sinistra asintomatica potrebbero continuare a ricevere trastuzumab fino a quando la loro LVEF diminuisce >20% rispetto al basale fino ad arrivare ad una LVEF <40% o addirittura <30%. Nel paziente sintomatico per scompenso cardiaco o se la LVEF è stabilmente al di sotto del 30%, è indicata l interruzione definitiva del trattamento con trastuzumab (15). In conclusione: - la frequenza di scompenso cardiaco da trastuzumab clinicamente conclamato è bassa, mentre l incidenza di disfunzione sistolica ventricolare sinistra asintomatica è sicuramente più alta. - quando il trastuzumab viene sospeso, la terapia standard per scompenso cardiaco è quasi sempre efficace; - ACE-inibitori, bloccanti dell angiotensina II e beta-bloccanti possono essere utilizzati nei pazienti con segni precoci di cardiotossicità; - uno stretto monitoraggio cardiologico e un trattamento cardiovascolare precoce possono evitare l interruzione del trattamento antineoplastico nei pazienti che effettivamente necessitano del trastuzumab ai fini di un prolungamento della sopravvivenza; - il bilancio tra un trattamento antitumorale efficace e la prevenzione/riduzione dello sviluppo delle complicanze cardiovascolari è molto difficile e deve essere valutato congiuntamente dal cardiologo e dall oncologo su base individuale; - prima di iniziare il trastuzumab, i cardiologi dovrebbero valutare la LVEF del paziente oncologico, le condizioni cardiovascolari e i fattori di rischio e riferire ogni anomalia agli oncologi: la decisione finale deve essere presa da un team cardio-oncologico. 8

9 OBIETTIVO Alla luce delle evidenze descritte nelle sezioni introduttive in merito al rischio di cardiotossicità nelle persone trattate con trastuzumab, ma delle contestuali opportunità di prevenzione o riduzione delle complicanze cardiache volte al mantenimento di un efficace trattamento chemioterapico, l ASL della provincia di Cremona - in collaborazione con le Aziende Ospedaliere Ospedale Maggiore di Crema e Istituti Ospitalieri di Cremona - ha deciso di avviare un percorso assistenziale ispirato ad una prospettiva di genere, che ha come obiettivo l inserimento dei pazienti eleggibili al trattamento con trastuzumab in un protocollo di monitoraggio ad hoc del rischio di cardiotossicità, al fine di attenuare tale rischio e ottimizzare la terapia antitumorale. Si è deciso di ammettere al percorso solo soggetti eleggibili al trattamento con trastuzumab per carcinoma della mammella e di non estenderlo anche ai pazienti con carcinoma gastrico, non solo per l esiguità e l eterogeneità clinica della casistica, ma anche e soprattutto per la ridotta aspettativa di vita di queste persone; ciò naturalmente non comporta alcuna omissione di controllo strumentale dell eventuale cardiotossicità rispetto a quanto già oggi raccomandato ed effettuato sia nell ambito della normale gestione clinica di questi soggetti presso le aziende ospedaliere del cremonese, che da parte dei Medici di Medicina Generale. INTERVENTO Il protocollo di gestione e monitoraggio della cardiotossicità da trastuzumab riguarderà pazienti con cancro alla mammella di nuova diagnosi per il quale è in programma un trattamento chiemioterapico (adiuvante o neoadiuvante) con antracicline e trastuzumab. Criteri di inclusione: - cancro della mammella di nuova diagnosi per il quale è prevista terapia con trastuzumab (LUMINALI B/HER2 e HER2) - ECOG score (Eastern Cooperative Oncology Group) 1 - in attesa di chemioterapia neoadiuvante o adiuvante I pazienti verranno sottoposti a valutazione seriata con visita, ECG, ecocardiogramma e dosaggi di marcatori biochimici (troponina I). Elettrocardiogramma: a riposo, 12 derivazioni Ecocardiogramma Protocollo di acquisizione dati dall'ecocardiografia: 1. Registrazione 4 camere apicali, due camere apicali, tre camere apicali. 2. Analisi asse corto basale, a livello papillare e a livello apicale. 3. Analisi del flusso transmitralico per parametri diastolici: E/A, Dect T, E/E' 4. Color doppler a livello della valvola mitrale in 4 camere, 2 camere e 3 camere apicali 5. Doppler tissutale in 4 camere 9

10 Dati raccolti per ogni ecocardiogramma: Per ogni paziente verranno raccolti i seguenti dati: - Il diametro sistolico (m-mode o 2D) - Il diametro diastolico (m-mode o 2D) - Il volume sistolico (2D, metodo Simpson biplano) - Il volume diastolico (2D, metodo Simpson biplano) - La frazione d'eiezione (calcolata dai precedenti due volumi) - E/A (calcolato dall'esame doppler) - E/E' (calcolato dall'esame doppler) - Onda S mediale e laterale al doppler tissutale - Funzione ventricolare destra: Onda S e TAPSE Marcatori biochimici Dosaggio della troponina I serica (Upper reference limits 99th percentile: 0.03 ng/ml). 10

11 Tabella 1 - Programma trattamento chemioterapico 11

12 Valutazione basale (T0): I pazienti saranno valutati al basale (T0) durante la stadiazione del tumore prima dell inizio della chemioterapia a base di antracicline (4 cicli). Valutazione dopo 4 cicli di terapia a base di antracicline (T1): I pazienti saranno rivalutati al termine dei cicli di terapia con antracicline (T1). In base al profilo di rischio e alla funzione sistolica ventricolare sinistra verrà valutata l eventuale controindicazione alla terapia con trastuzumab. Nel caso la terapia con trastuzumab non sia controindicata, i pazienti inizieranno la terapia con 4 cicli di terapia con trastuzumab e taxani (vedi tabella 2a). Valutazione dopo 4 cicli di terapia con trastuzumab + taxani (T2): I pazienti saranno rivalutati al termine dei 4 cicli di terapia con trastuzumab e taxani. In base al profilo di rischio e alla funzione sistolica ventricolare sinistra verrà valutata l eventuale controindicazione a proseguire la terapia con trastuzumab. Nel caso in cui non siano presenti controindicazioni alla terapia con trastuzumab, i pazienti proseguiranno con 12 cicli di terapia con trastuzumab in monoterapia. Valutazioni durante la terapia con trastuzumab in monoterapia (T3, T4, T5, T6): Vi saranno valutazioni con ecocardiogramma e dosaggio seriato di troponina I ogni 3 mesi (T3, T4, T5, T6). In caso di alterazioni della funzione sistolica ventricolare sinistra verrà rivalutata la strategia terapeutica con valutazione congiunta cardiologica e oncologica (vedi tabella 2b). 12

13 Tabella 2 - Gestione dei pazienti candidati a terapia con trastuzumab a. Prima della terapia con trastuzumab (t) Profilo dei pazienti Gestione A. anamnesi cardiologica negativa, fattori di rischio cardiovascolari assenti, LVEF normale Trattare con T e monitorare LVEF ogni 3 mesi. B. anamnesi cardiologica positiva e/o presenza di fattori di rischio (Ipertensione arteriosa, malattia coronarica, disfunzione diastolica, età avanzata) con LVEF normale. Trattare con T e monitorare LVEF ogni 3 mesi. Maggiore attenzione clinica all eventuale presenza di sintomi. Esame obiettivo ogni ciclo. Se troponina I positiva iniziare terapia con ACE-I. C. LVEF ridotta (< 40%) Trattare la bassa FE (ACE-inibitori, betabloccanti) e rivalutare dopo 4 settimane. la decisione se iniziare il T è su base individuale. b. Durante la terapia con Trastuzumab (T) Profilo dei pazienti Gestione Prima riduzione della LVEF: - > 15% assoluta - > 10% con LVEF < 50%) Sospendere il T. Trattare HF (inizio ACE-I e beta-bloccanti) e rivalutare dopo 4 settimane: recupero totale della EF: riprendere somministrazione di T LVEF permane ridotta: intensificare la terapia HF e rivalutare dopo 4 settimane. Se EF rimane bassa: decisione su base individuale. Seconda riduzione della LVEF Stop definitivo del T 13 Se T è l unica opzione terapeutica, sospendere, massimizzare la terapia dell HF, e poi, eventualmente, ritrattare

14 Terapia cardiologica Il trattamento della cardiotossicità da trastuzumab non è differente dal trattamento dello scompenso cardiaco ed è indicato nelle linee guida sullo scompenso cardiaco (28). Per la terapia cardiologica della disfunzione ventricolare sinistra o di prevenzione della stessa nei pazienti a rischio fare riferimento alla tabella 3. Tabella 3. ACE-i e beta-bloccanti indicati nel trattamento dello scompenso cardiaco e disfunzione ventricolare sinistra con dosi target consigliate. ACE-inibitore Farmaco Dose iniziale Dose target Captopril 6.25 mg x 3/die 50 mg x 3/die Enalapril 2.5 mg x 2/die mg x 2/die Lisinopril 2.5 mg/die mg/die Ramipril 2.5 mg/die 5 mg x 2/die Trandolapril 0.5 mg/die 4 mg/die Beta-bloccanti Farmaco Dose iniziale Dose target Bisoprololo 1.25 mg/die 10 mg/die Carvedilolo 6.25mg x 2/die mg x 2/die Titolazione terapia Aumento della dose ad intervalli di 1-2 settimane. Monitoraggio della funzione renale e degli elettroliti ogni 1-2 settimane nel caso di somministrazione di ACE-inibitori Mantenimento di una PA normale. Controllo della Frequenza cardiaca (beta-bloccanti). Raggiungimento della dose target in 4 settimane. I risultati di tutti i controlli con valori anomali saranno trasmessi al medico curante (Medico di Medicina Generale), al fine di segnalare adeguatamente il problema ed avviare un azione sinergica di raccordo ospedale-territorio per il monitoraggio e controllo delle eventuali complicanze cardiologiche, oltre che per la rivalutazione del trattamento oncologico. 14

15 BIBLIOGRAFIA 1. Adedayo A. Onitilo, Jessica M. Engel and Rachel V. Stankowski. Cardiovascular toxicity associated with adjuvant trastuzumab therapy: prevalence, patient characteristics, and risk factors. Ther Adv Drug Saf 2014, Vol. 5(4) Cardio-Oncologia 2013 Progetto speciale Cardio-Oncologia AIOM - ANMCO - AICO - ICOS SIF; Intermedia Editore, Brescia Lewis GD, Figari I, Frendly B, et al. Differential responses of human tumor cell lines to antip185her2 monoclonal antibodies. Cancer Immunol Immunother 1993;37: Spector NL, Blackwell KL. Understanding the mechanisms behind trastuzumab therapy for human epidermal growth factor receptor 2-positive breast cancer. J Clin Oncol 2009;27: De Azambuja E, Bedard PL, Suter T, et al. Cardiac toxicity with anti-her-2 therapies: what have we learned so far? Target Oncol 2009;4: Ewer M, Lippman S. Type II chemotherapy-related cardiac dysfunction: time to recognize a new entity. J Clin Oncol 2005;23: Ewer MS, Vooletich MT, Durand JB, et al. Reversibility of trastuzumab-related cardiotoxicity: new insights based on clinical course and response to medical treatment. J Clin Oncol 2005;23: Guarneri V, Lenihan DJ, Valero V, et al. Long-term cardiac tolerability of trastuzumab in metastatic breast cancer: the M.D. Anderson Cancer Center Experience. J Clin Oncol 2006;24: Hudis CA. Trastuzumab: mechanism of action and use in clinical practice. N Engl J Med 2007;357: Ewer MS, Ewer SM. Troponin I provides insight into cardiotoxicity and the anthracycline trastuzumab interaction. J Clin Oncol 2010;28: Seidman A, Hudis C, Pierri MK, et al. Cardiac dysfunction in the trastuzumab clinical trials experience. J Clin Oncol 2002;20: Eschenhagen T, Force T, Ewer MS, et al. Cardiovascular side effects of cancer therapies: a position statement from the Heart Failure Association of the European Society of Cardiology. Eur J Heart Fail 2011:13: Verma S, Dent S, Chow BJ, et al. Metastatic breast cancer: the role of pegylated liposomal doxorubicin after conventional anthracyclines. Cancer Treat Rev 2008;34: Rayson D, Richel D, Chia S, et al. Anthracycline trastuzumab regimens for HER2/neuoverexpressing breast cancer: current experience and future strategies. Ann Oncol 2008;19: Carver JR. Management of trastuzumab-related cardiac dysfunction. Prog Cardiovasc Dis 2010;53: Kutteh LA, Hobday T, Jaffe A, et al. North Central Cancer Treatment Group. A correlative study of cardiac biomarkers and left ventricular ejection fraction (LVEF)from N9831, a phase III randomized trial of chemotherapy and trastuzumab as adjuvant therapy for HER2-positive breast cancer. J Clin Oncol 2007;25(18S):abstract Cardinale D, Colombo A, Torrisi R, et al. Trastuzumab-induced cardiotoxicity: clinical and prognostic implications of troponin I evaluation. J Clin Oncol 2010;28: Suter TM, Procter M, van Veldhuisen DJ, et al. Trastuzumab associated cardiac adverse effects in the Herceptin adjuvant trial. J Clin Oncol 2007;25: Fox KF. The evaluation of left ventricular function for patients being considered for, or receiving Trastuzumab (Herceptin) therapy. Br J Cancer 2006;95:

16 20. Jones AL, Barlow M, Barrett-Lee PJ, et al. Management of cardiac health in trastuzumabtreated patients with breast cancer: updated United Kingdom National Cancer Research Institute recommendations for monitoring. Br J Cancer 2009;100: Procter M, Suter TM, de Azambuja E, et al. Longer-term assessment of trastuzumab-related cardiac adverse events in the Herceptin Adjuvant (HERA ) trial. J Clin Oncol 2010;28: Ewer MS, Lenihan DJ. Left ventricular ejection fraction and cardiotoxicity: is our ear really to the ground? J Clin Oncol 2008;26: Walker J, Bhullar N, Fallah-Rad N, et al. Role of threedimensional echocardiography in breast cancer: comparison with two-dimensional echocardiography, multiple-gated acquisition scans, and cardiac magnetic resonance imaging. J Clin Oncol 2010;28: Hare JL, Brown JK, Leano R, et al. Use of myocardial deformation imaging to detect preclinical myocardial dysfunction before conventional measures in patients undergoing breast cancer treatment with trastuzumab.am Heart J 2009;158: Ho E, Brown A, Barrett P, et al. Subclinical anthracycline- and trastuzumab-induced cardiotoxicity in the long-term follow-up of asymptomatic breast cancer survivors: a speckle tracking echocardiographic study. Heart 2010;96: Sawaya H, Sebag IA, Plana JC, et al. Early detection and prediction of cardiotoxicity in chemotherapy-treated patients. Am J Cardiol 2011;107: Heart Failure Society of America. Management of asymptomatic patients with reduced left ventricular ejection fraction. J Card Fail 2006;12:e26 e McMurray JJ, Adamopoulos S, Anker SD, et al. ESC Guidelines for the diagnosis and treatment of acute and chronic heart failure 2012: The Task Force for the Diagnosis and Treatment of Acute and Chronic Heart Failure 2012 of the European Society of Cardiology. Developed in collaboration with the Heart Failure Association (HFA) of the ESC. Eur Heart J. Jul 2012;33(14):

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA. L unica associazione di Benazepril & Spironolattone

INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA. L unica associazione di Benazepril & Spironolattone INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA L unica associazione di Benazepril & Spironolattone Angiotensina II e Aldosterone: 2 fattori chiave Durante la progressione dell insufficienza cardiaca, una riduzione

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) LO CONTE Maurizio Viale Tigli, 20, I, 83031, Ariano Irpino - (AV) Telefono(i) +390825871118 / +390825824605 Mobile +39335415735

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa:

Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa: L i n e e g u i d a 7 Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa: Giuseppe Mancia, 1 Stéphane Laurent, 2 Enrico Agabiti-Rosei, 3 Ettore Ambrosioni, 4 Michel

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli