LA BIOSTIMOLAZIONE CUTANEA CON PLASMA RICCO DI PIASTRINE (PRP): GENERALITA E RIFLESSIONI SUL MECCANISMO D AZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA BIOSTIMOLAZIONE CUTANEA CON PLASMA RICCO DI PIASTRINE (PRP): GENERALITA E RIFLESSIONI SUL MECCANISMO D AZIONE"

Transcript

1 LA BIOSTIMOLAZIONE CUTANEA CON LASMA RICCO DI IASTRINE (R): GENERALITA E RIFLESSIONI SUL MECCANISMO D AZIONE di Vincenzo Varlaro Docente di Medicina Estetica nel Master Internazionale Biennale di II livello di Medicina Estetica e Terapia Estetica dell'università degli Studi di Camerino La biostimolazione cutanea mediante lasma Ricco di iastrine (latelet-rich lasma o R) è, da qualche tempo, la terapia sulla cresta dell'onda in termini di ringiovanimento cutaneo, di rigenerazione tissutale. Le piastrine o trombociti (con il termine trombociti alcuni Autori preferiscono indicare il corrispettivo delle piastrine nelle specie animali in cui esse sono provviste di nucleo) sono elementi figurati (corpuscolati) del sangue (Fig. 1). Figura 1 iastrine (da Wikipedia) Le piastrine sono specializzate nel realizzare l emostasi e derivano dalla frammentazione dei megacariociti, cellule del sangue prodotte a livello del midollo osseo (Fig. 2).

2 Figura 2 rocesso di produzione delle piastrine (da Wikipedia) Le piastrine sono presenti nel sangue circolante in numero di per mm³ di sangue e hanno una vita media di 5 9 giorni. Non essendo cellule, sono prive di nucleo, ma possiedono granuli, molti organuli citoplasmatici e RNA. Si presentano di forma tondeggiante o ovale con un diametro di 2-4µm. Al microscopio ottico presentano due zone distinte: una centrale granulare (granomero) e una zona periferica quasi ialina (ialomero). All interno del citoplasma presentano actina sia in forma polimerica (microfilamenti) complessata con la profilina, sia in forma globulare. Nella piastrina sono rilevabili dei granuli: Granuli α: poco opachi e molto numerosi, contenenti fattore quarto piastrinico, la trombospondina e fattori di crescita; Granuli densi (risultano maggiormente elettrondensi in microscopia elettronica): serotonina, Ca 2+, AD e AT; Granuli lisosomiali: contengono idrolasi lisosomiali e perossisomi. er ottenere il R serve un prelievo di 20 ml di sangue venoso. Una volta prelevato il sangue mediante un ago butterfly e una siringa da 20 ml, viene immediatamente riversato in provette sterili contenenti Sodio Citrato al 3.8% (0.129 mol/l). Il rapporto tra il volume del sangue e l anticoagulante Sodio Citrato è di 9:1.

3 Il Sodio Citrato al 3.8% viene utilizzato come chelante degli ioni calcio, in modo da evitare la formazione del coagulo che sequestrerebbe le piastrine; insomma, il Sodio Citrato al 3.8% esplica un azione anticoagulante. In assenza di Sodio Citrato, infatti, gli ioni calcio presenti nel sangue innescano la trasformazione della protrombina in trombina, formando il coagulo. Dopo avere riversato nelle provette contenente il Sodio Citrato al 3.8% il sangue venoso prelevato, si passa alla disposizione delle provette stesse in una centrifuga da laboratorio (Fig. 3). Figura 3 Centrifuga da laboratorio Esistono delle provette con un tappo di gel che consente, con la centrifugazione, di separare la maggioranza della parte corpuscolata che si dispone in basso nella provetta, dal plasma (con le piastrine, i linfociti, i monociti) che si dispone in alto. La centrifugazione porta sotto il tappo di gel gli eritrociti, i neutrofili, gli eosinofili e lascia sopra il tappo di gel il plasma con le piastrine, i linfociti, i monociti. La centrifugazione dev'essere adeguata. Solo in determinate condizioni, infatti, si ottiene la sedimentazione dei globuli rossi e dei globuli bianchi, ma non quella delle piastrine che, così, rimangono in sospensione nel plasma. Centrifugazioni inadeguate potrebbero portare a fare sedimentare anche le piastrine e a ottenere un lasma overo di iastrine (latelet-oor lasma o ). I tempi di centrifugazione consigliati in letteratura per la separazione delle piastrine sono di RCF (Relative Centrifugal Force) per minuti, ma sono sicuramente sufficienti dei tempi dimezzati ( RCF per 7-9 minuti). er ottenere il numero di giri efficace si deve considerare il raggio della centrifuga. Un semplice nomogramma correla i centimetri del raggio con i RCF da programmare. Ultimata la centrifugazione, si ottiene il R (Fig. 4).

4 Figura 4 Effetti della centrifugazione Dopo la separazione realizzata con la centrifugazione, è bene rimescolare delicatamente la provetta per omogeneizzare la concentrazione piastrinica in tutto il volume plasmatico. Quindi, si aspira il R in una siringa. Nel caso dell uso delle provette con il gel, il plasma si aspira facilmente senza problemi mentre mentre nel caso dell uso di una provetta normale (senza gel) si deve stare attenti a non aspirare la porzione leucocitaria: i granulociti possono liberare, dopo l attivazione, enzimi proteolitici, catepsine, mieloperossidasi e composti tossici dell ossigeno con possibili danni cutanei. Le piastrine presenti nel plasma, per liberare i fattori di crescita devono essere attivate altrimenti non si verifica la degranulazione. La degranulazione piastrinica viene indotta dal calcio. E sufficiente il calcio presente nei tessuti infiltrati per il verificarsi dell attivazione piastrinica (via endogena) e della liberazione da parte dei granuli dei fattori piastrinici. In concreto si utilizza il R ottenuto iniettandolo nei tessuti senza alcuna integrazione. E, comunque, possibile anche un attivazione esogena delle piastrine: si aggiunge al R, in tal caso, del Cloruro di Calcio 10 meq/10 ml. L attivatore esogeno deve essere aggiunto al R prima della sua somministrazione nei tessuti: la degranulazione piastrinica è immediata e segue l aggiunta dell attivatore, per cui si verifica nella siringa e così la liberazione dei fattori di crescita piastrinici che per la loro breve emivita, devono essere iniettati rapidamente nei tessuti. E bene attivare delle piccole quantità (1 ml) di plasma per volta per avere a disposizione un tempo sufficiente prima dell inattivazione dei fattori di crescita. er le iniezioni si utilizza un ago 30 G da 4 mm. E consigliabile ripetere il trattamento dopo 6-8 ore: è bene effettuare un primo trattamento la mattina e un secondo trattamento il pomeriggio, a distanza di 6-8 ore, per potenziare al massimo gli effetti del R. I fattori di crescita piastrinici rilasciati con il primo trattamento inducono un reclutamento dei recettori per i fattori di crescita piastrinici sulla membrana dei

5 fibroblasti e di altre cellule per cui, con il secondo trattamento si amplifica la risposta cellulare in virtù della maggiore espressione recettoriale. I fattori di crescita liberati dai granuli delle piastrine sono: il fattore di crescita DGF (latelet-derived Growth Factor): è una citochina e costituisce il principale mitogeno sierico per le cellule di origine mesenchimale nell'uomo. La proteina biologicamente attiva è un dimero composto da due polipeptidi collegati designati A e B. Il DGF è coinvolto direttamente e indirettamente in molti stati patologici: tumori, artriti, arteriosclerosi, sclerosi del midollo osseo. Il DGF viene codificato da un gene, il SIS, che altro non è che un oncogene presente nel genoma umano. Esistono molte isoforme di GDF, tre di queste, rilasciate in forma attiva, sono costituite dagli omodimeri AA o BB oppure dall'eterodimero AB. Altre due forme, CC e DD, sono attivate mediante clivaggio proteolitico. Il DGF presenta quelle caratteristiche che sono proprie dei fattori di crescita: la chemiotatticità (richiama determinate cellule a migrare verso determinati parti del tessuto), la capacità proliferativa (è in grado di fare proliferare determinate cellule in determinate parti di un tessuto). Inoltre, interviene nella stabilizzazione dei vasi sanguigni neoformati reclutando fibre muscolari lisce. il fattore di crescita insulino-simile. il basic fibroblast growth factor (bfgf o FGF2). il fattore di crescita dell'epidermide (Epidermal Growth Factor o EGF): è un induttore della mitosi. Si lega al recettore EGFR. il fattore di crescita dell'endotelio vascolare (VEGF): è implicato in processi quali l infiammazione, l angiogenesi. Ne esistono diversi tipi: VEGF A, B, C, D, E che si legano a recettori come VEGFR 1, VEGFR 2, VEGFR 3. Il VEGF induce l aumento della permeabilità dei capillari sanguigni, comportando la formazione dell edema. il fattore di crescita trasformante-α (TGF-α): è implicato in quasi tutti i tumori. Si lega allo stesso recettore dell'egf ed esercita gli stessi effetti. il fattore di crescita trasformante-β (TGF-β): è sintetizzato in due forme, una latente e una attiva. La forma attiva, si lega prima al recettore 2 formando un complesso stabile primario, il quale si lega al recettore1, formando il complesso stabile secondario, il quale comporta la fosforilazione dei fattori di trascrizione SMAD tra i quali: SMAD 2 e 3 che si legano, poi, al fattore di trascrizione SMAD 4. Ne risulta un eterodimero che è capace di entrare all'interno del nucleo e favorire o inibire l'attivazione genica. Il TGF-β, determina l'aumento di concentrazione di fattori inibenti le CDK, comportando il blocco del ciclo cellulare. Inoltre, interviene nella stabilizzazione dei vasi sanguigni neoformati, reclutando proteine matricellari. La funzione principale dei fattori di crescita è il controllo del ciclo cellulare: determinano l'abbandono della fase di quiescenza cellulare (fase G0) e l entrata nella fase G1 (di crescita) (Fig. 5).

6 Figura 5 Schema del ciclo cellulare (da Wikipedia) Insomma, i fattori di crescita promuovono l attività mitotica, la sopravvivenza cellulare, la migrazione e il differenziamento cellulare. Insieme alla proliferazione, promuovono il differenziamento e la maturazione cellulare: una proliferazione cellulare senza differenziamento significherebbe l'insorgenza di un tumore. Il fattore EGF è un messaggero che induce le cellule a crescere, insomma stimola la mitosi, la divisione cellulare. Agisce legandosi a un recettore specifico (EGFR) presente sulla membrana cellulare (Fig. 6).

7 Epidermal Growth Factor EGFR EGF Extracellular TK Transmembrane Intracellular Figura 6 Il recettore EGFR è una proteina flessibile con molte parti mobili che comprende una grande porzione extracellulare (dominio extracellulare), una porzione che attraversa la membrana (dominio transmembrana), un dominio intracellulare con attività di chinasi e una lunga coda flessibile (Fig. 7).

8 Epidermal Growth Factor Receptor EGFR Extracellular Transmembrane TK Intracellular Figura 7 Struttura del recettore EGFR La porzione rivolta verso l'esterno della cellula funziona come una sorta di antenna ed è composta di quattro domini flessibili che riconoscono l'egf. Quando la porzione esterna dell'egfr non sta legando l'egf, si ripiega su se stessa mentre quando si lega all'egf, si apre e si lega a una seconda copia dello stesso recettore formando un dimero che fa legare tra loro due copie del dominio chinasi all'interno della cellula. oiché i dominio chinasi sono vicini uno all'altro, possono fosforilare vicendevolmente alcune tirosine nelle code lunghe e flessibili del recettore. Le code fosforilate stimolano le proteine di segnalazione all'interno della cellula. L EGF e il recettore EGFR fanno parte di una grande famiglia di proteine che controllano la crescita e lo sviluppo delle cellule. In tale famiglia si riconoscono almeno 7 proteine messaggero simili come il fattore di crescita trasformante e l'anfiregulina e 4 recettori chiamati collettivamente ErbB o recettori HER.

9 Questi messaggeri e recettori possono mescolarsi e accoppiarsi. Un messaggero può attivare recettori diversi e messaggeri diversi possono legare recettori identici oppure diversi. In questo modo il sistema, pur disponendo di un numero limitato di messaggeri e di recettori, può mandare un gran numero di segnali diversi. E' come se un singolo segnale venisse captato da antenne diverse disposte su cellule diverse e come se segnali diversi potessero essere captati da un solo tipo di antenna o da antenne diverse. Un sistema semplice che permette soluzioni complesse atte a soddisfare tutte le esigenze metaboliche delle cellule. Dopo che il recettore EGFR è stato attivato da un messaggero (EGF o TGF ) e che ha trasmesso il segnale all'interno della cellula, bisogna provvedere a spegnerlo altrimenti continuerà a mandare quel segnale in modo incontrollato e con conseguenze catastrofiche per la cellula che potrebbe essere prodotta indifferenziata (malattia tumorale). Un enzima apposito realizza questa operazione staccando i gruppi fosfato che sono stati aggiunti alle code flessibili del recettore per attivarlo: la proteina tirosina fosfatasi 1B (DB 1ptu). Insomma, il segnale portato dall'egf può essere pericoloso se usato in modo improprio. Molte forme di cancro sono relazionate a un eccesso di effetti dell'egf: aumento della produzione di EGF oppure over-espressione del suo recettore (EGFR). Il recettore EGFR lega oltre l'egf, anche il fattore di crescita trasformante α (TGFα). Il legame con queste molecole porta all'attivazione del recettore che omodimerizza con un altro recettore EGFR o eterodimerizza con altre proteine della famiglia dei recettori per il fattore di crescita epiteliale come HER2/c-neu (ErbB-2), Her 3 (ErbB- 3) e Her 4 (ErbB-4). La omo-eterodimerizzazione porta all'avvicinamento dei domini citoplasmatici dei suddetti recettori. Tali domini possiedono un'attività tirosin chinasica che determina la fosforilazione vicendevole della tirosina (Fig. 8).

10 EGFR Extracellular domain EGF, TGF ) Receptor dimerization Cell membrane Tyrosine kinase domain C-terminus domain AT AT Cytoplasm Tyrosine kinase domain activation hosphorylation of substrate tyrosines Signal transduction Figura 8 Struttura e meccanismo d attivazione del recettore EGFR La tirosina fosforilata innesca il reclutamento di tutta una serie di proteine (SOS) in grado di attivare la proteina Ras. La proteina Ras è una delle principali proteine attivate dal legame dell'egfr con il suo ligando; in seguito alla sua attivazione, la proteina Ras diventa più affine per il GT, perdendo la capacità di legare il GD. Questa modifica è rapidamente reversibile in quanto la proteina Ras, legandosi con la proteina GA, diviene in grado di idrolizzare il GT in GD, perdendo nuovamente la sua attività. er queste ragioni, l'attività della proteina Ras viene definita pulsatoria. Nel breve periodo di attivazione, la proteina Ras è in grado di attivare la via delle Map-chinasi che porta alla differenziazione e alla proliferazione cellulare. La proteina Ras attiva la serina/treonina chinasi Raf che, a sua volta, attiva le MAKK 1 e 2 e le MAKERK 1 e 2. La conseguenza è l espressione di varie proteine nucleari (Ciclina D1, Ciclina E,.). Le Cicline sono una famiglia di proteine che interessano la progressione del ciclo cellulare. Una ciclina forma complessi con l enzima CDK (Chinasi ciclina-dipendente) attivandone la funzione chinasica. Le cicline sono così chiamate perché la loro concentrazione varia durante il ciclo cellulare (Fig. 9).

11 Figura 9 Concentrazione delle varie cicline durante le fasi del ciclo cellulare (da Wikipedia) La produzione e la degradazione delle cicline è necessaria per favorire la progressione dei differenti stadi del ciclo. Quando la concentrazione di ciclina è bassa essa si stacca dalla CDK facendo sì che la conformazione della proteina renda non funzionale il sito attivo. La Ciclina D legata alle CDK4 e 6, durante la fase G 1, attivata dal segnale di un fattore di crescita via Ras, fosforila, nel nucleo, Rb che inibiva il fattore di trascrizione E2F, rendendo libero quest'ultimo. In questo modo E2F può dare inizio a una serie di trascrizioni (e poi traduzioni) che producono proteine necessarie alla progressione da G 1 a S. Anche la Ciclina E, attraverso il legame con CDK2, partecipa alla fosforilazione di Rb. In modi paralleli agisce la Ciclina A, unita a CDK2, per far procedere la fase S che a sua volta, induce la produzione di Ciclina B. La Ciclina B è la cosiddetta ciclina mitotica. Infatti, la concentrazione di Ciclina B (che lega CDK1) e l attivazione del complesso CDK1-ciclina B, aumentano a partire dalla fine della fase S e per tutta la fase G 2, fino all inizio della mitosi (fase M), quando cala drasticamente a causa della degradazione della ciclina. Il complesso formato dalla CDK e dalla Ciclina B è chiamato Mitosis romoting Factor (MF) ovvero fattore che promuove la mitosi. La gran parte delle cicline vengono riconosciute da una CDK. Tuttavia, ci sono anche cicline cosiddette orfane che non vengono riconosciute da una CDK: la Ciclina F è una ciclina orfana che è, comunque, essenziale al passaggio da G 2 a M. Tutte le cicline sono degradate dai proteosomi grazie al processo ubiquitinazione. L'omo-eterodimerizzazione di EGFR non comporta soltanto l'attivazione di Ras tramite le proteine SOS, ma anche l'innesco della via di I3K, il cui principale bersaglio è la AKT (serina/treonina chinasi) che attivata, è in grado di inibire fortemente l'apoptosi cellulare. Un'ulteriore capacità del recettore EGFR è quella di attivare alcune proteine della famiglia STAT che prendono parte all'innesco della proliferazione cellulare promuovendo la c-myctrascrizione di proteine come c-myc: tale prodotto genico di Myc agisce da protoncogene; la sua iperespressione o la sua mutazione in senso attivante può trasformare Myc in un oncogene. In molte neoplasie maligne si riscontra una versione mutata di Myc che porta il gene a essere perennemente

12 espresso. Questo evento molecolare porta all'espressione disordinata di molti geni, alcuni dei quali sono coinvolti nella proliferazione cellulare e portano all'insorgenza del cancro (Fig. 10). Figura 10 Effetti dell'egf (da Wikipedia), modificato Quindi, l utilizzo del R ha come obiettivo il favorire la liberazione da parte delle piastrine di fattori di crescita, ottimizzare la risposta recettoriale cellulare, incrementare l attività mitotica cellulare: fibroblasti, cellule dello strato basale dell epidermide, condrociti. Nel R non è presente soltanto il DGF, ma anche altri fattori di crescita come l EGF.

13 Dell EGF e del suo recettore EGFR se ne occupa da diversi anni la ricerca in tema di terapia del cancro allo scopo di individuare una terapia intelligente dei tumori (Fig. 11). Figura 11 Accanto alla terapia non intelligente del cancro, come quella che prevede la chemioterapia che non fa differenza tra i vari metabolismi cellulari, si sta, infatti, sviluppando la terapia intelligente, quella che agisce selettivamente su specifici metabolismi cellulari. Un nuovo esercito di farmaci ha iniziato la lotta al cancro: gli Umab e gli Inib. Gli Umab sono anticorpi monoclonali (Monoclonal Antibodies) che si legano ai recettori per i fattori di crescita o comunque, a una molecola di segnale extracellulare. Gli Inib sono molecole che si legano e inibiscono la tirosina chinasi intracellulare (Tyrosine Kinase Inhibitors) (Fig. 12).

14 Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Umab Inib TK Intracellular Figura 12 L obiettivo degli Umab e degli Inib è quello di bloccare il segnale dell EGF ed è per tale ragione che risultano efficaci per il trattamento del cancro. L'anticorpo monoclonale cetuximab si lega al dominio extracellulare del recettore EGFR (DB 1yy9) che, quindi, non può dare dimeri e non può indurre il segnale di crescita all'interno della cellula. Il cetuximab e il panitumumab vengono utilizzati per la cura del cancro del colon. Il lapatinib si lega al dominio chinasi del recettore bloccando, così, il processo di segnalazione all'interno della cellula (DB 1xkk). E una molecola simile all'at usato dal recettore e, quindi, si lega fortemente nel sito attivo del recettore EGFR, al posto dell'at. Il lapatinib, il gefitinib, l erlotinib vengono utilizzati per la terapia del cancro del polmone. Il fattore di crescita epidermico (EGF), agendo sul recettore EGFR (una glicoproteina che attraversa la membrana cellulare) attiva la proteina KRAS: un mediatore cardine per la trasmissione degli stimoli che favoriscono lo sviluppo del cancro. Mutazioni che portano alla sovra espressione o alla iper-attività dell EGFR sono state associate a un numero consistente di tipi di tumori: cancro al polmone, cancro colonretto, glioblastoma multiforme. Inoltre, mutazioni, amplificazioni o disregolazioni dell EGFR o di proteine correlate sono implicate in circa il 30% di tutti i tumori epiteliali. In un recente lavoro pubblicato su Science Signaling, è stato dimostrato che l EGF è in grado di ridurre il numero di 23 microrna e che tale evento molecolare ha un significato inquietante perché significa togliere il freno alla produzione di vari fattori oncogeni.

15 La controprova è venuta dall analisi di cellule tumorali provenienti da neoplasie della mammella e del cervello caratterizzate da un eccessiva attività del recettore per il fattore di crescita epiteliale (EGFR) o di HER2 che gli è strettamente apparentato: in entrambi i casi la quantità dei 23 microrna è risultata ridotta. Insomma, il binomio fattori di crescita/cancro è una realtà da non trascurare. Sarebbe opportuno, a mio avviso, escludere dal trattamento mediante R quei pazienti con una storia personale o familiare per tumori maligni e preliminarmente sottoporre il paziente ad accertamenti che escludano la presenza di neoplasie e lesioni precancerose.

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Natalina Antonella Marchi

Natalina Antonella Marchi ANALISI CITOFLUORIMETRICA DEL DNA E IMMUNOMARCATORI NEL CARCINOMA A CELLULE TRANSIZIONALI DELLA VESCICA Natalina Antonella Marchi TSLB Anatomia Patologica ULSS 17 Monselice-Este Il carcinoma della vescica

Dettagli

Il trattamento infiltrativo con il gel piastrinico

Il trattamento infiltrativo con il gel piastrinico Il trattamento infiltrativo con il gel piastrinico Dr Alberto Siclari Direttore f.f. S.C. Ortopedia e Traumatologia Nuovo Ospedale degli Infermi di Biella PRP Secondo i criteri internazionali è un volume

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi Ciclo Cellulare M --> G1--> S --> G2 --> M S, G2 e M hanno durata sempre uguale mentre la fase G1 (in media 10 ore) può subire enormi variazioni da tessuto a tessuto (fino a migliaia di ore per i neuroni).

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente!

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente! LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI più precisamente! TUMORI EVOLUZIONE E SELEZIONE CLONALE Cambiano: Velocita proliferazione Velocità di mutazione Stabilità genetica Attività telomerasica Vantaggi

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

La rigenerazione dell osso viene effettuata, principalmente, a livello dell osso zigomatico, anche se possiamo effettuarlo su ogni osso.

La rigenerazione dell osso viene effettuata, principalmente, a livello dell osso zigomatico, anche se possiamo effettuarlo su ogni osso. La rigenerazione dell osso viene effettuata, principalmente, a livello dell osso zigomatico, anche se possiamo effettuarlo su ogni osso. 343 Questo consente di ridurre l ipotonia dei tessuti della guancia

Dettagli

L endocitosi dell EGFR

L endocitosi dell EGFR L endocitosi dell EGFR IFOM per la scuola Lo Studente Ricercatore 2011 Muzio Giulia Istituto d Istruzione Superiore Maserati Voghera Gruppo di lavoro: Determinanti della trasformazione neoplastica e della

Dettagli

Recettori di superficie

Recettori di superficie Recettori di superficie Esistono 3 classi principali di recettori di superficie 1. Recettori annessi a canali ionici 2. Recettori accoppiati alle proteine G 3. Recettori associati ad enzimi Recettori

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

Trasmissione della informazione: livello cellulare

Trasmissione della informazione: livello cellulare Trasmissione della informazione: livello cellulare Prof.ssa Flavia Frabetti aa.2010-11 ACCRESCIMENTO E DIVISIONE DIVISIONE CELLULARE CRESCITA CELLULARE E DUPLICAZIONE DEI CROMOSOMI SEGREGAZIONE DEI CROMOSOMI

Dettagli

Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b)

Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b) Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b) Esoni=introni c) Esoni= introni 1 d) Esoni= 2 volte

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare Cellule cancerose Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare In base al tipo di tessuto colpito, diverse categorie : Carcinomi: cell. epiteliali rivestimenti est e int Sarcomi:

Dettagli

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Interfase comprende le fasi G 1, S, and G 2 Sintesi di macromolecole durante la

Dettagli

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago Eosinofilo Cellule tumorali Virus Piastrina Batterio Fungo Antigeni estranei Tessuti necrotici Mastocita Linfocita Plasmacellula INFIAMMAZIONE STIMOLO DANNOSO

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

PRP E TRAPIANTO Ciro De Sio!

PRP E TRAPIANTO Ciro De Sio! Siracusa 2014 PRP E TRAPIANTO Ciro De Sio! Chirurgo Plastico MEDICINA RIGENERATIVA CELLULE STAMINALI FATTORI DI CRESCITA PRP ALOPECIA ANDROGENETICA MEDICINA RIGENERATIVA RIPARA I TESSUTI DANNEGGIATI e/o

Dettagli

BIOSEGNALAZIONE. La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II

BIOSEGNALAZIONE. La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II BIOSEGNALAZIONE La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II Tipi generali di trasduttori di segnali RECETTORI CON ATTIVITA TIROSIN CHINASICA (RTK) INS: insulin VEGF: vascular

Dettagli

L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA

L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA Praticando un ipofisectomia ad un essere vivente che è portatore di cancro questo regredisce. Su questa osservazione si è iniziato a considerare la possibilità

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE Specificità (specificità riconoscimento) Amplificazione e diversificazione della risposta (cascata enzimatica) Integrazione tra segnali Spegnimento del segnale

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica

Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica La regolazione genica nei procarioti e negli eucarioti 11.1 Le proteine che interagiscono con il DNA attivano e disattivano i geni dei procarioti in risposta

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI. Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014

DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI. Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014 DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014 Spiegazione della fisiopatologia del dolore emicranico,

Dettagli

Maurizio Pianezza. La mia terapia anticancro. Maurizio Pianezza. Aspetti di

Maurizio Pianezza. La mia terapia anticancro. Maurizio Pianezza. Aspetti di Maurizio ianezza Aspetti di Biologia Molecolare Maurizio ianezza 1 - DUE ISOFROME IGF1 IGF2 IGF - INSULIN GROWTH FACTOR FATTORE INSULINICO - ISOFORMA RINCIALE IGF1 - ROTEINA FORMATA DA 70 AMINOACIDI SIMILE

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati

Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati Genetica dei tumori Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati Sarcomi e carcinomi sono stati riscontrati in alcune mummie egiziane e vengono descritti nei papiri. I Greci erano a conoscenza

Dettagli

AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Corso Bramante, 88 LABORATORIO ANALISI SCREENING DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI

AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Corso Bramante, 88 LABORATORIO ANALISI SCREENING DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Corso Bramante, 88 LABORATORIO ANALISI SCREENING DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI PREVENZIONE SECONDARIA DEI TUMORI Dr. Fabrizio Gili M2PK Uno

Dettagli

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO Cancro «Massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Crescita e divisione cellulare

Crescita e divisione cellulare 08-04-14 CANCRO Crescita e divisione cellulare ogni cellula deve essere in grado di crescere e riprodursi una cellula che cresce e si divide genera due nuove cellule figlie gene4camente iden4che alla cellula

Dettagli

Neoplasia (o tumore) Neoplasie Maligne. Neoplasie Benigne. Si definisce Neoplasia:

Neoplasia (o tumore) Neoplasie Maligne. Neoplasie Benigne. Si definisce Neoplasia: Neoplasia (o tumore) Neoplasia: classificazione Si definisce Neoplasia: una massa abnorme di tessuto la cui crescita supera quella dei tessuti normali e progredisce anche dopo la cessazione degli stimoli

Dettagli

Evasione apoptosi. Angiogenesi

Evasione apoptosi. Angiogenesi Il cancro rappresenta un gruppo d malaae che comprende almeno 100 Bpi differenb di tumori. A secondo del tessuto di origne si classificano tre Bpi principali di tumori: in tessub epiteliali: Carcinoma

Dettagli

25 PRODUCTS. 32 COUNTRIES. ONE BRAND. ONE PHILOSOPHY.

25 PRODUCTS. 32 COUNTRIES. ONE BRAND. ONE PHILOSOPHY. 25 PRODUCTS. 32 COUNTRIES. ONE BRAND. ONE PHILOSOPHY. PRP> Platelet Rich Plasma ( Generic Method Presentation ) Come funziona? La risposta medica all invecchiamento della pelle è: La BIORIVITALIZZAZIONE

Dettagli

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica 17 corso nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica Dott.ssa Maura Pandolfi Istituto di Anatomia

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

MODULAZIONE DELLE RISPOSTE RECETTORIALI

MODULAZIONE DELLE RISPOSTE RECETTORIALI MODULAZIONE DELLE RISPOSTE RECETTORIALI IL SISTEMA LIGANDO-RECETTORE È UN EQUILIBRIO DINAMICO LE CUI CONDIZIONI SONO CONTINUAMENTE REGOLATE DALLE STESSE INTERAZIONI LIGANDO- RECETTORIALI. LA MODULAZIONE

Dettagli

Riproduzione e ciclo cellulare

Riproduzione e ciclo cellulare Riproduzione e ciclo cellulare La capacità di riprodursi è carattere fondamentale dei viventi. Gli organismi unicellulari più semplici (es batteri ma anche eucarioti unicellulari) si riproducono per divisione

Dettagli

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company Apoptosi La morte cellulare e la sua regolazione La morte cellulare programmata è un processo fondamentale che controlla lo sviluppo degli organismi pluricellulari; L apoptosi porta all eliminazione di

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari

Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari Corso di laurea magistrale in BIOTECNOLOGIE DELLA RIPRODUZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari Prof.ssa Luisa Gioia COMUNICAZIONE

Dettagli

Il ciclo cellulare La divisione cellulare

Il ciclo cellulare La divisione cellulare Il ciclo cellulare La divisione cellulare Il ciclo cellulare Meccanismo con cui si riproducono tutti gli organismi viventi La durata del ciclo varia moltissimo a seconda del tipo cellulare Cellule che

Dettagli

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del metabolismo o richieste per altre funzioni basali Nei mammiferi

Dettagli

CICLO CELLULARE EUCARIOTICO

CICLO CELLULARE EUCARIOTICO CICLO CELLULARE EUCARIOTICO COMPESSO SISTEMA DI CONTROLLO OMEOSTASI ORGANISMO NORMALE G 0 CANCRO DNA marcato con molecole intercalanti fluorescenti Fluorescence Activated Cell Sorting (FACS) Rilevazione

Dettagli

Catena B del fattore di crescita PDGF

Catena B del fattore di crescita PDGF FATTORI DI CRESCITA sis Proteina p28 Catena B del fattore di crescita PDGF (platelet derived growth factor) Agisce con meccanismo autocrino Si trova sul cromosoma 22, coinvolto nella traslocazione 9,22

Dettagli

Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005

Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005 Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005 ALESSIA PERINO La leptina è una piccola proteina non glicosilata

Dettagli

La Riparazione Tessutale

La Riparazione Tessutale La Riparazione Tessutale Vl Valentina Dini i Sezione di Riparazione Tessutale Cutanea Clinica Dermatologica Università di Pisa wwwsirtes.it Anatomia cutanea Epitelio squamoso pluristratificato Strato corneo

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

Oncologia. Lo studio dei tumori

Oncologia. Lo studio dei tumori Oncologia Lo studio dei tumori Cause di morte nel mondo nel 2000 1. Malattie cardiache 2. Cancro 3. Malattie cerebrovascolari 4. Malattie respiratorie croniche 5. Incidenti 6. Diabete 7. Influenza e polmonite

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERCELLULARE

COMUNICAZIONE INTERCELLULARE COMUNICAZIONE INTERCELLULARE Recettore Cellula segnalante Cellula target Molecola che segnala Cellula segnalante Recettore Cellula target SEGNALI INTERCELLULARI Recettori di superficie La molecola segnalante

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Danno cellulare ipossico ed ischemico

Danno cellulare ipossico ed ischemico Danno cellulare ipossico ed ischemico ipossia: meno ossigeno, ma nutrienti costanti ischemia: mancato apporto ematico = ossigeno + nutrienti (substrati glicolisi), oppure ostacolo al deflusso venoso in

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA QUESTI ORMONI REGOLANO IL FLUSSO DEI METABOLITI NELLA GLICOLISI, NELLA GLICOGENO-SINTESI, NELLA GLIGENO-LISI E

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Neoplasia: definizione. Neoplasia= nuova crescita Oncologia= studio delle neoplasie

Neoplasia: definizione. Neoplasia= nuova crescita Oncologia= studio delle neoplasie Neoplasia: definizione Neoplasia= nuova crescita Oncologia= studio delle neoplasie Regolazione della crescita cellulare Tessuti in rapida divisione Tessuti che si dividono sotto stimolo Tessuti che non

Dettagli

Angiogenesi 09/05/2013. Inibitori dell angiogenesi ANGIOSTATINA & ENDOSTATINA [1] VEGF and FGF-2. Cathepsins, MMPs

Angiogenesi 09/05/2013. Inibitori dell angiogenesi ANGIOSTATINA & ENDOSTATINA [1] VEGF and FGF-2. Cathepsins, MMPs Angiogenesi Inibitori dell angiogenesi VEGF and FGF-2 Cathepsins, MMPs ANGIOSTATINA & ENDOSTATINA [1] L angiogenesi, ossia, l induzione di una nuova crescita di capillari per gemmazione a partire di vasi

Dettagli

Integrine 07/04/2013 SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE. 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione. Integrine/actina e trasduzione di segnale (2)

Integrine 07/04/2013 SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE. 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione. Integrine/actina e trasduzione di segnale (2) SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE Integrine 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione L interazione delle integrine con la matrice extracellulare nei punti di contatto o di adesioni focali porta all

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica Fondamenti di biochimica Terza edizione Donald Voet Judith G. Voet Charlotte W. Pratt La segnalazione biochimica Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Gli ormoni Conce& chiave 13.1 Gli ormoni endocrini

Dettagli

Comunicazione chimica

Comunicazione chimica Comunicazione chimica La comunicazione tra le cellule Modalità di comunicazione cellulare: Mediante messaggi elettrici Mediante messaggi chimici In ambedue le modalità il messaggio, sia esso una variazione

Dettagli

I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G

I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G I recettori accoppiati a proteine G sono costituiti da un unica subunità formata da un filamento di aminoacidi che attraversa 7 volte la membrana plasmatica Il sito

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Genetica delle neoplasie

ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Genetica delle neoplasie ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Genetica delle neoplasie Anno accademico 2012/2013 I anno, II trimestre Laurea Magistrale LM-67 Scienze Motorie Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Dettagli

I geni del cancro. Il tumore è causato da squilibrio fra divisione e morte cellulare. Numero di divisioni cellulari. Numero di morti cellulari

I geni del cancro. Il tumore è causato da squilibrio fra divisione e morte cellulare. Numero di divisioni cellulari. Numero di morti cellulari I geni del cancro Il tumore è causato da squilibrio fra divisione e morte cellulare Numero di divisioni cellulari Numero di morti cellulari Aumento della popolazione cellulare Eccesso di mitosi e/o difetto

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

FORMAZIONE DELL ESSUDATO

FORMAZIONE DELL ESSUDATO FORMAZIONE DELL ESSUDATO del flusso della permeabilità vascolare P idrostatica intravascolare fuoriuscita di proteine plasmatiche TRASUDAZIONE ESSUDAZIONE TUMOR Effetti della formazione dell essudato

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

L'omeopatia come opzione terapeutica

L'omeopatia come opzione terapeutica L'omeopatia come opzione terapeutica alternativa Dott. Giancarlo Cavallino Nel contesto di una trattazione volta ad illustrare l'approccio medico non convenzionale alla patologia del sistema immunitario,

Dettagli

PRP (plasma ricco di piastrine)

PRP (plasma ricco di piastrine) PRP (plasma ricco di piastrine) MEDICINA ESTETICA CHIRURGIA ESTETICA 9 Sostanza naturale dello stesso paziente Stimola la proliferazione cellulare mesenchimali in particolare delle cellule staminali Stimola

Dettagli

Imparare dagli errori: metodi scientifici senza l'utilizzo di animali nella ricerca medica e nelle prove di tossicità. Dott.

Imparare dagli errori: metodi scientifici senza l'utilizzo di animali nella ricerca medica e nelle prove di tossicità. Dott. Imparare dagli errori: metodi scientifici senza l'utilizzo di animali nella ricerca medica e nelle prove di tossicità Dott.ssa Lidia Armati Imparare dai disastri: Talidomide (10000 focomelici), TGN1412,

Dettagli

Il cancro. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

Il cancro. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company Il cancro I tumori In un animale giovane, l entità della moltiplicazione cellulare è maggiore di quella della morte cellulare e l animale aumenta di dimensioni; In un animale adulto i processi di proliferazione

Dettagli

L apparato cardiocircolatorio

L apparato cardiocircolatorio L apparato cardiocircolatorio L apparato cardio-circolatorio E costituito da tre strutture diverse: Il cuore I vasi sanguigni Il sangue Il cuore Funziona come una pompa premente (ventricoli) e aspirante

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli