Dite: è faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, curvarsi, inclinarsi,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dite: è faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, curvarsi, inclinarsi,"

Transcript

1 Dite: è faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, curvarsi, inclinarsi, farsi piccoli. Ora avete torto Non è questo che più stanca. E piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi fino all altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli. (Janusz Korczak) 1

2 INDICE PREMESSA pag. 3 I DIRITTI DEI BAMBINI AL NIDO pag. 5 IL SERVIZIO pag. 6 L organizzazione del servizio pag. 6 Gli operatori del nido:organizzazioni, ruoli e funzioni pag. 7 Predisposizione degli spazi pag. 7 La nostra giornata tipo pag. 9 Il ruolo dell educatrice pag. 10 La figura dell operatrice ausiliaria pag. 11 FINALITA pag. 12 Le iniziative per la valorizzazione delle differenze pag. 12 Le iniziative a favore dei bambini portatori di handicap pag. 13 L INSERIMENTO DEL BAMBINO AL NIDO pag. 15 L ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA EDUCATIVA: LE ROUTINE pag. 18 IL GIOCO pag. 21 IL COINVOLGIMENTO DELLA FAMIGLIA pag. 23 Strumenti di comunicazione internet pag. 25 LE ATTIVITA PROFESSIONALI pag. 26 La progettualità pedagogica e la programmazione didattica pag. 26 Continuità con la scuola dell infanzia pag. 27 Documentazione pag. 27 Tracce d infanzia: il diario del bambino pag. 28 2

3 PREMESSA Molti di noi, nei ricordi della prima infanzia, ritroveranno i soffioni, la brina sospesa in una ragnatela, le pozzanghere ghiacciate, l erba inzuppata dalla rugiada del mattino... Ma i bambini che vivono in città sono spesso privati di queste semplici esperienze perché passano gran parte del tempo in casa o in ambienti poco interessanti, costruiti dagli adulti. Botteghino e i suoi abitanti hanno la fortuna di respirare la vita, cogliendone i dettagli. Qui si vive NELLA natura e CON la natura: per grandi e piccini, non è inusuale infatti, vedere da vicino daini, caprioli, cinghiali, lupi ascoltare il fruscio delle foglie mosse dal vento, toccare la terra e sentirne il profumo. È in questo paesaggio che abbiamo voluto far nascere il nostro nido, proprio qui, DENTRO la natura; ed è all'interno del nido che i bambini da noi accolti cresceranno e faranno propria tale magnifica realtà. Durante la giornata i bambini apprenderanno le regole dello stare insieme e del condividere; insieme daremo valore alla parola, attraverso il racconto, le narrazioni, le fiabe; i bambini e i genitori vivranno il loro momento di sconforto e di paura, ma saranno prontamente sostenuti e coccolati, e insieme lo supereremo. Avremo a disposizione uno spazio aperto e sicuro dove i bambini potranno sperimentare, scoprire, toccare e sporcarsi: farà da sfondo la natura con i suoi rumori e i suoi silenzi, i suoi grigiori e i suoi colori. Abbiamo fortemente desiderato questo nido, spinte dall'idea che il bambino sia soggetto di diritti; primo fra tutti è il diritto a poter costruire armonicamente ed integralmente la propria personalità, soddisfacendo le proprie esigenze. Tali esigenze vanno soddisfatte in un contesto favorevole, che stimoli e promuova le esperienze relazionali in un clima affettivo sicuro, positivo, giocoso e gioioso. I bambini hanno bisogno di quella sicurezza affettiva che gli adulti riescono a garantirgli attraverso una relazione di ascolto-attenzionefiducia e che all'interno del nostro nido saranno favoriti da: - conoscenza degli ambienti e giornate scandite da momenti di routine, quindi riferimenti temporali e spaziali che stimolano l'autonomia del 3

4 bambino perché determinano un insieme di oggetti, odori, suoni, persone a lui riconoscibile; attenzione, cura disponibilità da parte di pedagogista ed educatrici che aiutano e sostengono il bambino e la sua famiglia ad affrontare questa esperienza importante e a superare i momenti più difficili; - si privilegia e favorisce il gioco spontaneo permettendo al bambino di scegliere tra diverse opportunità e possibili compagni di gioco. Il gioco è infatti il mezzo attraverso il quale i bambini apprendono, conoscono, agiscono, esprimono, essendo un'occasione continua e sempre nuova per entrare in contatto con la realtà, conoscerla e magari un po' modificarla. Questi i principi che ci guidano, perché pensiamo ai bambini come individui competenti, attivi, protagonisti. Abbiamo un'immagine forte, ricca e potenziale dell'infanzia con un corrispondente ruolo dell'adulto che agisce rispettando la singolarità e l'individualità di ogni bambino. 4

5 I DIRITTI DEI BAMBINI AL NIDO Diritto di esprimere se stesso Diritto di sporcarsi Diritto di parola Diritto all autonomia Diritto di fantasticare Diritto di esplorare liberamente Diritto di giocare Diritto al silenzio Diritto alla diversità Diritto di scegliere 5

6 IL SERVIZIO Il nido aprirà all utenza nel mese di Agosto 2011; è ubicato in via Zena n 64 nel Comune di Pianoro, località San Salvatore di Casola Botteghino (BO). Il micro-nido ospiterà 16 bambini di età compresa tra 12 e 36 mesi. Spazio interno di 144,31 mq così suddivisi: - 1 zona attività didattica/pranzo; - 1 zona attività didattica/movimento/riposo; - 1 cucina; - spogliatoio per adulti e servizi igienici annessi; - ufficio; - 1 zona servizi igienici/cambio; zona di accoglienza. Spazio esterno di 165,67 mq così suddivisi: - 104,93 mq pavimentati (pavimentazione in gomma e zona d ombra a gazebo); 60,74 mq giardino L organizzazione del servizio Calendario di apertura del servizio Il nido d infanzia è di tipo part-time con possibilità di prolungamento pomeridiano in modalità di affido; è aperto all utenza 12 mesi all anno, dal lunedì al venerdì con servizio mensa incluso. Giorni di chiusura: una settimana durante le vacanze natalizie; vacanze pasquali; le prime tre settimane di agosto. 6

7 Orario di funzionamento Il micro-nido è aperto: dalle ore 7.30 alle ore 13.30; si prevede l ingresso dalle 7.30 alle 9.00 e l uscita dalle alle Il nido dalle ore alle ore 17.30/18.00 assumerà la connotazione di spazio bambini. Gli operatori del nido: organizzazione, ruoli e funzioni Il personale all interno del nostro nido comprende figure professionali diverse: educatrici, ausiliari, pedagogista, educatore motorio, esperti, psicologi. L orario del personale educatore è di 30 ore.. mattino: dalle ore 7.30 alle ore n. 2 educatrici + n. 1 ausiliaria. pomeriggio: dalle ore alle ore subentrano educatrici a progetto ed esperti per le attività dello spazio bambini. Tali turni permettono la compresenza delle educatrici in tutto l arco della giornata. La pedagogista è presente tutte le mattine con il gruppo dei bambini ed è a disposizione dei genitori per colloqui individuali dalle ore 13,30 alle ore 15,30 in giornate da concordare. Predisposizione degli spazi Spazio accoglienza e uscita Ingresso allestito con sedie e tappeti colorati, nel quale genitori ed educatrici si scambiano informazioni sull'andamento della giornata del singolo bambino; in questo spazio sono inoltre presenti appendini e piccoli cassetti (contenenti i loro oggetti personali) contrassegnati dal nome e dal simbolo di ciascun bambino; appesa alla parete una bacheca per gli avvisi rivolti ai genitori. Aula di psicomotricità Gran parte della stanza è occupata da tappeti morbidi e cuscini dove i bambini possono fare capriole, saltare, coccolarsi ed essere coccolati, giocare liberamente o anche stare sdraiati a leggere un bel libro. 7

8 Per i più piccoli lo spazio morbido è fornito anche di uno specchio a parete ed un tappeto tattile. Sono inoltre messi a disposizione: -arredi e strutture che aiutano i bambini privi ancora di una buona motricità a conquistare una maggiore autonomia negli spostamenti e che stimolano l'esplorazione e la sperimentazione attiva dello spazio in tutta sicurezza; -oggetti e materiale ludico che si prestano alla manipolazione, all esplorazione, allo sviluppo sensoriale: legnetti con superfici diversificate, bottiglie di plastica contenenti materiali vari, stoffe, scatoloni da esplorare, ecc. - Angoli di gioco allestiti giornalmente che stimolino in modo adeguato la crescita dei bambini (angolo del gioco simbolico, tappeto psicomotorio, spazio con i travestimenti ecc.) -Angolo relax di invito alla nanna e alla lettura di libri. Aula polifunzionale All'interno di quest'aula i bambini ritrovano: Zona per la pittura: offre un grande pannello in legno dove dipingere con tempere, colori a dita, acquerelli e dove colorare su grandi fogli con gessetti e pennarelli; utilizziamo pennelli, spugne, rulli ma anche mani e piedi. Zona dei tavoli: dove i bambini più grandi in gruppo o da soli fanno disegni, ritagliano, fanno collage; si possono comporre puzzle o svolgere giochi strutturati; offriamo ai nostri bambini anche la possibilità di manipolare materiali diversi e di varie consistenze (ad esempio acqua e farina, oppure pasta, riso, fagioli, lenticchie...) Le attività che i bambini svolgono al tavolo sono per la maggior parte realizzate con materiali di recupero (vasetti yogurt, rotoli carta igienica e carta assorbente, scampoli di stoffe e bottoni, bottiglie di plastica, tappi in plastica e in sughero...). In questi stessi tavoli i bambini pranzano: è un momento molto importante per ritrovarsi tutti insieme, grandi e piccoli. La strutturazione dello spazio sarà suscettibile a cambiamenti strutturali durante l anno a seconda delle esigenze dei bambini. 8

9 Se il numero dei bambini lo permetterà sarà nostra volontà dividerli in due gruppi omogenei con attività specifiche per le varie età. La nostra giornata tipo 7,30-9,00 Entrata 9,00-9,30 Accoglienza 9,40-10,00 Facciamo merenda 10,00-11,00 Attività 11,00-11,20 Ci cambiamo, facciamo pipì e laviamo le mani 11,45 Pranzo 12,30-13,00 Gioco libero e momento di lettura 13,00-13,30 Uscita 13,30-15,30 Pedagogista a disposizione dei genitori per colloqui individuali. 16,00 Merenda 16,30-18,00 Laboratori pomeridiani. Uscita 9

10 Il ruolo dell'educatrice In un contesto educativo tutti gli interventi, anche quelli che all apparenza sembrerebbero banali e scontati, sono invece carichi di significati. Importante è che l educatore coordini la regia educativa creando numerose opportunità di apprendimento. Non bisogna tanto considerare i saperi, quanto promuovere le condizioni per la loro conquista (J. Bruner) L ambiente educativo del nido deve presentarsi come luogo accogliente, relazionalmente ricco, capace di sostenere le risorse affettive dei piccoli, di accogliere e comprendere le difficoltà della separazione, di far fronte agli inevitabili sentimenti negativi che ad essa si accompagnano. E quindi importante che la relazione con il bambino comunichi riconoscimento, apprezzamento e incoraggiamento, attraverso un rapporto personalizzato che consenta capacità di risposta ai bisogni del bambino. Ogni educatrice ha il dovere di ricordare che i bambini sono soggetti attivi nel loro apprendimento, così come nel loro processo di costruzione di identità e di conoscenza e che hanno grandi capacità; ruolo importante dell educatrice è proprio far sì che tali capacità emergano (ci piace sottolineare che il termine educare deriva da e- ducere cioè tirare fuori e non mettere dentro ). Ciò è realizzabile sia se l educatrice si pone come valido modello educativo di riferimento, sia se il nido si pone come luogo di relazione, di conoscenza e di partecipazione, in cui ad ogni singolo bambino viene riconosciuta la propria individualità. Questo richiede un continuo lavoro di gruppo, occorre la capacità di riflettere sui propri vissuti emotivi ed è necessaria la competenza metodologica nel preparare ambienti e percorsi adeguati alle esigenze dei bambini. L educatrice deve agire con intenzionalità, mediante un atteggiamento disponibile ad accogliere dentro di sé le emozioni del piccolo, per restituirgliele trasformate in pensiero: tutto ciò è reso possibile dalla continua ed attenta osservazione dei significati che i bambini attribuiscono alle azioni e ai segni dell esperienza al nido. L empatia dunque è una dimensione dell esperienza educativa in cui si riescono a comprendere i sentimenti e le emozioni di chi ci è vicino; 10

11 l atteggiamento empatico dell'educatrice consente la valorizzazione delle azioni dei bambini tradotte in precise strategie: ricche interazioni verbali, ripetizioni delle attività di gioco, rilancio dell esperienza in significati e dialoghi condivisi. Il nostro collettivo è quindi d accordo su quale debba essere principalmente il nostro ruolo: un ruolo di regia educativa, in grado di ascoltare ed osservare senza necessariamente intervenire, di leggere i bisogni di ogni singolo per soddisfarli con comportamenti coerenti ma flessibili, ma soprattutto capace di mettersi in discussione e di dimenticare le proprie teorie di riferimento per stare veramente con i bambini. La figura dell'operatrice ausiliaria Quella dell ausiliaria è una figura che entra e partecipa a pieno titolo al collettivo e all elaborazione del progetto educativo del nido: alle sue mansioni di carattere tecnico manuale (garantisce l igiene e la sanificazione di ambienti, materiali e oggetti) si affiancano compiti con funzione educativa(ausilio all attività in sezione, collaborazione nei momenti di routine), entrando a far parte di quella rete di relazioni in cui è immerso il bambino. I compiti dell operatrice ausiliaria possono essere così riassunti: Garantire la qualità strutturale e igienica degli ambienti; l organizzazione e l allestimento spaziale, sorretto dalle riflessioni pedagogiche condotte dalle educatrici, viene garantito con il supporto dell ausiliaria. Garantire l igiene e la sanificazione di materiali didattici e oggetti personali dei bambini (es. ciuccio). Controllare lo stato di manutenzione delle attrezzature e strumenti di lavoro. Predisporre i materiali e allestire spazi per le attività didattiche ludiche. Garantire il supporto necessario per lo svolgimento delle attività in sezione. Sorveglianza e intrattenimento dei bambini durante l attesa del cambio. 11

12 FINALITA' Il nido d'infanzia si fonda sull idea determinante che la prima infanzia presenta forti potenzialità di sviluppo e che i bambini di questa età devono essere considerati come soggetti di diritti. Lo sviluppo, inteso come apprendimento e crescita, può avvenire soltanto attraverso la relazione con gli altri significativi e, in tal senso, il nido ha lo scopo di aiutare ogni bambina e ogni bambino a crescere in stato di benessere, ad acquisire le abilità, le conoscenze, le competenze affettive e relazionali utili per costruirsi un esperienza di vita ricca, originale ed armonica. Le principali finalità del nido sono le seguenti: conquista dell'autonomia personale; contribuire alla socializzazione; favorire ed incrementare le capacità psico-motorie; favorire lo sviluppo affettivo e sociale; favorire lo sviluppo cognitivo; favorire la comunicazione verbale e il linguaggio. - continuare ed integrare l'attività della famiglia. Essenziale, perciò, risulta concepire ciascun bambino/a come un essere in continuo cambiamento nei diversi archi temporali che vanno dall arco della giornata al corso delle settimane e dei mesi, e al corso degli anni. Sarà compito delle educatrici adeguare le attività e le routine alle esigenze mutanti dei piccolissimi. Il nido, pertanto, intende promuovere il diritto all uguaglianza delle opportunità educative, nel rispetto della pluralità e della diversità delle culture familiari, e quindi, anche, l accoglienza e l integrazione di bambine e bambini che presentano difficoltà e/o disabilità, nella prospettiva della prevenzione dello svantaggio e della discriminazione. Le iniziative per la valorizzazione delle differenze La presenza di bambine e bambini stranieri nelle scuole è quasi sempre l evento che fa scattare l interesse per le tematiche legate all educazione interculturale. Il rapporto con la famiglia proveniente da cultura diversa ha inizio con il 12

13 colloquio preliminare: sono momenti di conoscenza reciproca, terreno su cui si costruiscono le basi per un rapporto di stima e fiducia. Al fine di favorire l integrazione dei bambini stranieri il nido pone l importanza al valore dell'accoglienza, assumendo un atteggiamento di ascolto e disponibilità. La differenza e la diversità sono concepite come criterio valoriale, come risorsa nella consapevolezza delle specificità culturali. Il nido d infanzia diviene il primo luogo di incontro e di confronto, nel quale i genitori stranieri possono uscire da una condizione di isolamento e di solitudine. Le iniziative a favore dei bambini portatori di handicap I servizi educativi per la prima infanzia, anche in collaborazione con i servizi sociali competenti delle Aziende Unità sanitarie locali e con i servizi sociali dei Comuni, garantiscono il diritto all inserimento e all integrazione dei bambini disabili, secondo quanto previsto all art. 12 della legge 5 febbraio del 1992, n. 104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate e seguenti modifiche nonché di bambini in situazione di disagio relazionale e socioculturale. Il nido di infanzia accoglie tutti i bambini, anche quelli che sono in situazione di handicap grave o che presentano, comunque, disagi e difficoltà più o meno intense di adattamento e di apprendimento. Per essi, oltre che un diritto sociale e civile, costituisce un'opportunità educativa molto efficace. La presenza nel nido di bambini in situazione di handicap o di disagio, tuttavia, è fonte di una dinamica di rapporti e di interazioni così unica e preziosa da costituire, a sua volta, una significativa e rilevante occasione di maturazione per tutti. Grazie a questa presenza, infatti, non solo ogni bambino impara a considerare ed a vivere la diversità come una dimensione esistenziale e non come una caratteristica emarginante, ma è stimolato a ricercare inedite soluzioni relazionali, comunicative, didattiche ed organizzative che vanno a vantaggio di tutti perché ampliano gli orizzonti di possibilità disponibili a questi diversi livelli. Il nido offre ai bambini in situazioni di handicap e di disagio adeguate sollecitazioni educative, realizzando l effettiva integrazione secondo uno 13

14 specifico progetto educativo e didattico, che costituisce parte integrante dell'ordinaria programmazione. L osservazione attenta e puntuale, il riconoscimento e l accoglienza del bambino portatore di handicap e/o disagio, il confronto con il coordinamento pedagogico, gli incontri con i referenti dell ASL, gli incontri con i genitori, la verifica in itinere del lavoro svolto sono le modalità privilegiate affinché avvenga l integrazione in un contesto di autentica relazione. 14

15 L'INSERIMENTO DEL BAMBINO AL NIDO L'inserimento costituisce l'inizio di un'esperienza complessa per il bambino, caratterizzata principalmente dal processo di separazione, dall'elaborazione del distacco dalla figura che fino ad allora si è presa cura di lui e dall'orientarsi verso nuove figure di riferimento. Se da un lato pensare al momento dell'ingresso del bambino in un contesto educativo rimanda ad un'idea di distacco dalle relazioni familiari e dalla sicurezza del proprio ambiente di vita, dall'altro evoca anche un'immagine di bambino che sperimenta nuovi livelli di autonomia e di indipendenza dai genitori. Letto in questa chiave, il momento dell'inserimento è allora un'occasione per il piccolo di misurarsi in un nuovo ambiente, di relazionarsi anche con altri adulti e con altri bambini. Non possiamo però non considerare anche la fatica che tutto questo può comportare per i bambini. Si tratta infatti di un'esperienza nuova che porta il piccolo a misurarsi con un ambiente poco conosciuto, che gli chiede di sapersi adattare a nuovi ritmi e nuovi tempi. Anche la madre d'altro canto, è coinvolta nel processo di inserimento e si trova nelle condizioni di dover elaborare il distacco, e nel contempo di costruire un rapporto di fiducia con le educatrici, che a loro volta sono implicate nella delicata gestione del rapporto con la coppia madre/bambino. Sottolineiamo allora, che anche per l'educatrice l'inserimento risulta essere un'esperienza faticosa da un punto di vista relazionale, difficile per le implicazioni emotive che la caratterizzano. Nonostante infatti l'educatrice possa contare su una buona preparazione teorica e su una più o meno lunga esperienza, resta pur sempre forte il coinvolgimento e l'emozione al momento dell'accoglienza e durante la gestione della separazione tra i bambini e i loro genitori. Sentirsi parte di un evento così emozionante e intenso come quello del distacco tra la mamma e il suo bambino, è un'esperienza delicata che coinvolge intimamente. Nell effettuare l inserimento si seguono alcune procedure concordate collettivamente e condivise con il coordinamento pedagogico: 1. preparazione dell inserimento in termini di mutua conoscenza tra nido e famiglie coinvolte, in modo che le reciproche immagini, 15

16 esigenze ed aspettative possano già articolarsi su un piano di realtà; 2. predisposizione dello spazio, attraverso l allestimento di spazi gioco contenuti ( nicchie ) ma capaci di sollecitare la curiosità dei bambini e la loro libera esplorazione; 3. accoglienza di piccoli gruppi di bambini ( 4 bambini ) 4. presenza del genitore all interno della sezione in modo tale da garantire: - al bambino sicurezza nell esplorazione e conoscenza del nuovo ambiente e la mediazione con le educatrici; - alle educatrici, di osservare e conoscere le dinamiche relazionali che caratterizzano la coppia madre/bambino; 5. gradualità e rispetto dei tempi di distacco dalla figura familiare e di permanenza al nido. Solitamente i primi giorni il bambino rimane all interno della sezione per circa un ora; gradualmente i tempi di permanenza si allungano e quando vengono vissuti con tranquillità tutti i tempi della mattinata, la permanenza del bambino si estende prima al pranzo poi al sonno se richiesto dalle famiglie; 6. rispetto e continuità delle abitudini del bambino; 7. individuazione, da parte dell educatrice, di momenti regolari ed individualizzati di intimità o situazioni rassicuranti in modo da farsi ricordare e riconoscere come figura significativa. Il modello pedagogico che sorregge le scelte educative e pedagogiche del servizio non prevede l adozione della figura di riferimento unica, ma opta per un sistema di riferimento multiplo, pur sempre stabile e continuo nel tempo, identificati primariamente dalle due educatrici sempre in compresenza. 8. suddivisione del grande gruppo in diversi gruppi ( iniziale che poi si consoliderà in due gruppi ) per evitare ansie indotte; 9. proposta di attività coinvolgenti e poco direttive che permettano all educatrice di essere dentro e fuori, di affiancarsi al gruppetto dei bambini che gioca, ma di poter garantire la opportuna disponibilità al/i bambino/i in inserimento; 10. adozione di un atteggiamento empatico con il genitore, accettando e contenendo le ansie per il distacco dal figlio/a. Il familiare viene regolarmente informato e rassicurato 16

17 dell'andamento dell'inserimento: ove possibile si invita il genitore ad osservare alcuni momenti di vita all'interno della sezione (osservazioni sempre protette dalla visione del bambino); gli si spiegano le condotte e le strategie che verranno attivate di volta in volta e durante per sostenere l'inserimento e favorire il distacco dalla figura familiare. 17

18 L'ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA EDUCATIVA: LE ROUTINE Le routine costituiscono una serie di momenti che si ripetono nell arco della giornata in maniera costante e ricorrente. Attraverso la ripetizione di determinate azioni, viene offerta ai bambini la possibilità di ritrovarsi in contenitori, temporali e spaziali, noti e rassicuranti che permettono loro di compiere i primi cambiamenti. I bambini hanno bisogno di ripetitività che dà loro sicurezza e permette di comprendere la realtà che li circonda. Le routine sono condizione di rafforzamento di abilità cognitive e comportamentali. Obiettivi delle routine: Identificare costanti e ripetitività di alcune situazioni Identificare spazi e luoghi Individuare una sequenza temporale Ripetere e riprodurre autonomamente sequenze di azioni Soddisfare autonomamente le proprie necessità I bambini non avendo la concezione del tempo come quella di un adulto, riescono a capire ciò che accade e ad orientarsi temporalmente solo attraverso ciò che accade prima e ciò che accade dopo. L accoglienza Il bambino, teniamolo ben presente, non decide di andare al nido, non comprende la scelta dei genitori ed è nostro compito assicurargli un esperienza costruttiva che diventi per lui motivo di gioco e di crescita. L accoglienza dei bambini e dei genitori viene fatta dalle educatrici in uno spazio comune, poi vengono lasciati il tempo e lo spazio necessari ad un distacco sereno. Il delicato passaggio dal genitore all'educatrice è bene che avvenga con un seppur minimo contatto fisico (dalla carezza all'abbraccio): ciò sostiene la tensione dovuta alla separazione. 18

19 Il cambio E' il momento di massima intimità individuale tra il bambino e l'educatrice; è un'occasione di forte relazione; l'educatrice offre al bambino la propria disponibilità affettiva attraverso gesti e parole che comunichino benessere e sicurezza. Giochi e sensazioni che attraverso la verbalizzazione dell'adulto oppure tramite l'utilizzo di cose (acqua fredda e calda, crema, sapone) provocano nel bambino varie sensazioni piacevoli e non, favoriscono una più profonda conoscenza del proprio corpo. Il pranzo L alimentazione ha un ruolo nella vita di ognuno molto più profondo e complesso che non la soddisfazione di un bisogno primario. Il rapporto con il cibo deve essere visto, fin da quando il bambino è al nido, come un rapporto aperto dal quale emergono conflitti, conoscenze, esperienze e rapporti interpersonali. Infatti il cibo non ha soltanto la valenza di soddisfare un bisogno fisiologico, ma è anche il modo privilegiato attraverso il quale un bambino piccolo entra in contatto con la realtà; per questo è importante che non abbia paura di sporcarsi e ne sperimenti fin da subito il senso di piacere che ne deriva. Il sonno Oltre a preparare i lettini con lenzuolini e coperte adatte alla stagione, sarà cura dell educatrice riporre su ciascun lettino ciucci, copertine personali, orsetti, cuscini portati da casa: questi oggetti, infatti, rievocano e ripropongono la sensazione di tranquillità e serenità che si può trovare tra le mura domestiche. Una volta che tutto è pronto, i bambini possono coricarsi sui propri lettini. A questo punto le educatrici pongono in essere alcuni piccoli accorgimenti che favoriscono il pisolino: - il primo elemento che si cerca di riproporre nella stanza della nanna è un ambiente tranquillo ed accogliente con temperatura mite, colori tenui, luci soffuse, lettini comodi e copertine adeguate alla stagione; - coprire il bambino, appena si corica supino, con la coperta e/ o il lenzuolino, sia per trasmettergli un senso di protezione rispetto all ambiente esterno, sia perché, con il calore creato dal contatto tra il corpo e la coperta, il bambino riesce a prendere sonno più facilmente; 19

20 - mettere il bambino in una posizione comoda, almeno durante la fase iniziale del sonnellino. Capire la posizione preferita del bambino è fondamentale per instaurare con lui un rapporto di fiducia completa e totale. In questo modo, trovandosi a proprio agio e sentendosi conosciuto, sarà più propenso a rilassarsi e a fidarsi dell educatrice anche in questo momento così delicato. - cullare il bambino, cantargli una ninna nanna o fargli ascoltare suoni dolci ed ovattati. Mettendo in pratica questi comportamenti si ricreano, nei limiti di quanto concesso all ambiente nido, abitudini e consuetudini molto simili a quelle che i bambini vivono nelle proprie case, nell intimità delle proprie camerette. È importante inoltre che il momento che precede la nanna sia caratterizzato da attività che aiutino il bambino a predisporsi, sia fisicamente sia mentalmente, al riposo; l'attività che sicuramente rilassa i bambini, specialmente quelli più grandi, è la lettura. Un ultima considerazione va rivolta alla delicata fase del risveglio. Le educatrici iniziano ad aprire la porta della stanzina e ad aumentarne l afflusso di luce al suo interno per far in modo che i suoni dell ambiente circostante entrino e li accompagnino nel risveglio; poi chiamandoli per nome e magari accarezzandoli attendono che si sveglino. L uscita In questo momento della giornata occorre creare un'atmosfera tranquilla e rilassata per non alimentare nel bambino una sensazione di ansia da attesa del genitore. Il momento dell uscita offre la possibilità ad educatrici e genitori di scambiarsi informazioni e di porre domande sulla giornata appena trascorsa. L'educatrice deve rispettare il bambino che, in questo momento di ricongiungimento, ha bisogno di essere al centro dell'attenzione e di sentire che il genitore è lì per lui. 20

21 IL GIOCO All'interno del nido vengono accuratamente allestiti gli spazi con materiali diversi e stimolanti; le varie attività di gioco favoriscono la libera espressione dei bambini. GIOCHI PER COMUNICARE Hanno per obiettivo lo sviluppo del linguaggio. Filastrocche e canzoncine, che accompagnano gran parte della giornata al nido, sviluppano il senso del ritmo, la memoria, la socializzazione tra adulti e bambini e dei bambini tra loro. GIOCHI PER MANIPOLARE Aiutano il bambino a sviluppare la sensibilità tattile, ad apprendere come si modellano forme e si mescolano elementi (es. farina e acqua). I materiali, scelti in base all'età del bambino, sono diversi: il pongo, la farina, il sale, la pasta, il riso, la carta, i legumi, l'acqua, la terra; i bambini fanno travasi servendosi di ciotoline, secchielli, vasetti. GIOCHI AD INCASTRO Ci si esercita a : -sovrapporre, combinare e assemblare -costruire ciò che la fantasia suggerisce -riconoscere e mettere ogni pezzo al posto giusto -sperimentare lo spazio orizzontale accostando e allineando il materiale in un gioco continuo di linee e percorsi -conquistare lo spazio verticale, impilando e organizzando gli oggetti, alla ricerca dell'equilibrio -acquisire una maggiore abilità nei movimenti della mano afferrando forme di vario genere. GIOCHI MOTORI Danno ai bambini un occasione speciale per scoprire il proprio corpo e la propria gestualità in un ambito motorio e comunicativo non abituale. A seconda delle diverse età dunque, si organizzano spazi e tempi, si sceglie uno sfondo visivo e uno sonoro; con lo stimolo delle favole e della 21

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO La scelta di redigere una Carta del Servizio significa far conoscere il servizio, garantire trasparenza

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO CIRIBIRICOCCOLE s.n.c Via Don Paviolo 3, tel 011-8005349 10036 settimo torinese P.IVA. :10565620019 Asilo.ciribiricoccole@gmail.com ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO ANNO EDUCATIVO 2012-2013

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO?

A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO? 1 Diana Penso A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO? Di fronte all idea di anticipo scolastico introdotto dalla Legge Moratti sia per la scuola dell infanzia che per la scuola primaria, l orientamento

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli