Dite: è faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, curvarsi, inclinarsi,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dite: è faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, curvarsi, inclinarsi,"

Transcript

1 Dite: è faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, curvarsi, inclinarsi, farsi piccoli. Ora avete torto Non è questo che più stanca. E piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi fino all altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli. (Janusz Korczak) 1

2 INDICE PREMESSA pag. 3 I DIRITTI DEI BAMBINI AL NIDO pag. 5 IL SERVIZIO pag. 6 L organizzazione del servizio pag. 6 Gli operatori del nido:organizzazioni, ruoli e funzioni pag. 7 Predisposizione degli spazi pag. 7 La nostra giornata tipo pag. 9 Il ruolo dell educatrice pag. 10 La figura dell operatrice ausiliaria pag. 11 FINALITA pag. 12 Le iniziative per la valorizzazione delle differenze pag. 12 Le iniziative a favore dei bambini portatori di handicap pag. 13 L INSERIMENTO DEL BAMBINO AL NIDO pag. 15 L ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA EDUCATIVA: LE ROUTINE pag. 18 IL GIOCO pag. 21 IL COINVOLGIMENTO DELLA FAMIGLIA pag. 23 Strumenti di comunicazione internet pag. 25 LE ATTIVITA PROFESSIONALI pag. 26 La progettualità pedagogica e la programmazione didattica pag. 26 Continuità con la scuola dell infanzia pag. 27 Documentazione pag. 27 Tracce d infanzia: il diario del bambino pag. 28 2

3 PREMESSA Molti di noi, nei ricordi della prima infanzia, ritroveranno i soffioni, la brina sospesa in una ragnatela, le pozzanghere ghiacciate, l erba inzuppata dalla rugiada del mattino... Ma i bambini che vivono in città sono spesso privati di queste semplici esperienze perché passano gran parte del tempo in casa o in ambienti poco interessanti, costruiti dagli adulti. Botteghino e i suoi abitanti hanno la fortuna di respirare la vita, cogliendone i dettagli. Qui si vive NELLA natura e CON la natura: per grandi e piccini, non è inusuale infatti, vedere da vicino daini, caprioli, cinghiali, lupi ascoltare il fruscio delle foglie mosse dal vento, toccare la terra e sentirne il profumo. È in questo paesaggio che abbiamo voluto far nascere il nostro nido, proprio qui, DENTRO la natura; ed è all'interno del nido che i bambini da noi accolti cresceranno e faranno propria tale magnifica realtà. Durante la giornata i bambini apprenderanno le regole dello stare insieme e del condividere; insieme daremo valore alla parola, attraverso il racconto, le narrazioni, le fiabe; i bambini e i genitori vivranno il loro momento di sconforto e di paura, ma saranno prontamente sostenuti e coccolati, e insieme lo supereremo. Avremo a disposizione uno spazio aperto e sicuro dove i bambini potranno sperimentare, scoprire, toccare e sporcarsi: farà da sfondo la natura con i suoi rumori e i suoi silenzi, i suoi grigiori e i suoi colori. Abbiamo fortemente desiderato questo nido, spinte dall'idea che il bambino sia soggetto di diritti; primo fra tutti è il diritto a poter costruire armonicamente ed integralmente la propria personalità, soddisfacendo le proprie esigenze. Tali esigenze vanno soddisfatte in un contesto favorevole, che stimoli e promuova le esperienze relazionali in un clima affettivo sicuro, positivo, giocoso e gioioso. I bambini hanno bisogno di quella sicurezza affettiva che gli adulti riescono a garantirgli attraverso una relazione di ascolto-attenzionefiducia e che all'interno del nostro nido saranno favoriti da: - conoscenza degli ambienti e giornate scandite da momenti di routine, quindi riferimenti temporali e spaziali che stimolano l'autonomia del 3

4 bambino perché determinano un insieme di oggetti, odori, suoni, persone a lui riconoscibile; attenzione, cura disponibilità da parte di pedagogista ed educatrici che aiutano e sostengono il bambino e la sua famiglia ad affrontare questa esperienza importante e a superare i momenti più difficili; - si privilegia e favorisce il gioco spontaneo permettendo al bambino di scegliere tra diverse opportunità e possibili compagni di gioco. Il gioco è infatti il mezzo attraverso il quale i bambini apprendono, conoscono, agiscono, esprimono, essendo un'occasione continua e sempre nuova per entrare in contatto con la realtà, conoscerla e magari un po' modificarla. Questi i principi che ci guidano, perché pensiamo ai bambini come individui competenti, attivi, protagonisti. Abbiamo un'immagine forte, ricca e potenziale dell'infanzia con un corrispondente ruolo dell'adulto che agisce rispettando la singolarità e l'individualità di ogni bambino. 4

5 I DIRITTI DEI BAMBINI AL NIDO Diritto di esprimere se stesso Diritto di sporcarsi Diritto di parola Diritto all autonomia Diritto di fantasticare Diritto di esplorare liberamente Diritto di giocare Diritto al silenzio Diritto alla diversità Diritto di scegliere 5

6 IL SERVIZIO Il nido aprirà all utenza nel mese di Agosto 2011; è ubicato in via Zena n 64 nel Comune di Pianoro, località San Salvatore di Casola Botteghino (BO). Il micro-nido ospiterà 16 bambini di età compresa tra 12 e 36 mesi. Spazio interno di 144,31 mq così suddivisi: - 1 zona attività didattica/pranzo; - 1 zona attività didattica/movimento/riposo; - 1 cucina; - spogliatoio per adulti e servizi igienici annessi; - ufficio; - 1 zona servizi igienici/cambio; zona di accoglienza. Spazio esterno di 165,67 mq così suddivisi: - 104,93 mq pavimentati (pavimentazione in gomma e zona d ombra a gazebo); 60,74 mq giardino L organizzazione del servizio Calendario di apertura del servizio Il nido d infanzia è di tipo part-time con possibilità di prolungamento pomeridiano in modalità di affido; è aperto all utenza 12 mesi all anno, dal lunedì al venerdì con servizio mensa incluso. Giorni di chiusura: una settimana durante le vacanze natalizie; vacanze pasquali; le prime tre settimane di agosto. 6

7 Orario di funzionamento Il micro-nido è aperto: dalle ore 7.30 alle ore 13.30; si prevede l ingresso dalle 7.30 alle 9.00 e l uscita dalle alle Il nido dalle ore alle ore 17.30/18.00 assumerà la connotazione di spazio bambini. Gli operatori del nido: organizzazione, ruoli e funzioni Il personale all interno del nostro nido comprende figure professionali diverse: educatrici, ausiliari, pedagogista, educatore motorio, esperti, psicologi. L orario del personale educatore è di 30 ore.. mattino: dalle ore 7.30 alle ore n. 2 educatrici + n. 1 ausiliaria. pomeriggio: dalle ore alle ore subentrano educatrici a progetto ed esperti per le attività dello spazio bambini. Tali turni permettono la compresenza delle educatrici in tutto l arco della giornata. La pedagogista è presente tutte le mattine con il gruppo dei bambini ed è a disposizione dei genitori per colloqui individuali dalle ore 13,30 alle ore 15,30 in giornate da concordare. Predisposizione degli spazi Spazio accoglienza e uscita Ingresso allestito con sedie e tappeti colorati, nel quale genitori ed educatrici si scambiano informazioni sull'andamento della giornata del singolo bambino; in questo spazio sono inoltre presenti appendini e piccoli cassetti (contenenti i loro oggetti personali) contrassegnati dal nome e dal simbolo di ciascun bambino; appesa alla parete una bacheca per gli avvisi rivolti ai genitori. Aula di psicomotricità Gran parte della stanza è occupata da tappeti morbidi e cuscini dove i bambini possono fare capriole, saltare, coccolarsi ed essere coccolati, giocare liberamente o anche stare sdraiati a leggere un bel libro. 7

8 Per i più piccoli lo spazio morbido è fornito anche di uno specchio a parete ed un tappeto tattile. Sono inoltre messi a disposizione: -arredi e strutture che aiutano i bambini privi ancora di una buona motricità a conquistare una maggiore autonomia negli spostamenti e che stimolano l'esplorazione e la sperimentazione attiva dello spazio in tutta sicurezza; -oggetti e materiale ludico che si prestano alla manipolazione, all esplorazione, allo sviluppo sensoriale: legnetti con superfici diversificate, bottiglie di plastica contenenti materiali vari, stoffe, scatoloni da esplorare, ecc. - Angoli di gioco allestiti giornalmente che stimolino in modo adeguato la crescita dei bambini (angolo del gioco simbolico, tappeto psicomotorio, spazio con i travestimenti ecc.) -Angolo relax di invito alla nanna e alla lettura di libri. Aula polifunzionale All'interno di quest'aula i bambini ritrovano: Zona per la pittura: offre un grande pannello in legno dove dipingere con tempere, colori a dita, acquerelli e dove colorare su grandi fogli con gessetti e pennarelli; utilizziamo pennelli, spugne, rulli ma anche mani e piedi. Zona dei tavoli: dove i bambini più grandi in gruppo o da soli fanno disegni, ritagliano, fanno collage; si possono comporre puzzle o svolgere giochi strutturati; offriamo ai nostri bambini anche la possibilità di manipolare materiali diversi e di varie consistenze (ad esempio acqua e farina, oppure pasta, riso, fagioli, lenticchie...) Le attività che i bambini svolgono al tavolo sono per la maggior parte realizzate con materiali di recupero (vasetti yogurt, rotoli carta igienica e carta assorbente, scampoli di stoffe e bottoni, bottiglie di plastica, tappi in plastica e in sughero...). In questi stessi tavoli i bambini pranzano: è un momento molto importante per ritrovarsi tutti insieme, grandi e piccoli. La strutturazione dello spazio sarà suscettibile a cambiamenti strutturali durante l anno a seconda delle esigenze dei bambini. 8

9 Se il numero dei bambini lo permetterà sarà nostra volontà dividerli in due gruppi omogenei con attività specifiche per le varie età. La nostra giornata tipo 7,30-9,00 Entrata 9,00-9,30 Accoglienza 9,40-10,00 Facciamo merenda 10,00-11,00 Attività 11,00-11,20 Ci cambiamo, facciamo pipì e laviamo le mani 11,45 Pranzo 12,30-13,00 Gioco libero e momento di lettura 13,00-13,30 Uscita 13,30-15,30 Pedagogista a disposizione dei genitori per colloqui individuali. 16,00 Merenda 16,30-18,00 Laboratori pomeridiani. Uscita 9

10 Il ruolo dell'educatrice In un contesto educativo tutti gli interventi, anche quelli che all apparenza sembrerebbero banali e scontati, sono invece carichi di significati. Importante è che l educatore coordini la regia educativa creando numerose opportunità di apprendimento. Non bisogna tanto considerare i saperi, quanto promuovere le condizioni per la loro conquista (J. Bruner) L ambiente educativo del nido deve presentarsi come luogo accogliente, relazionalmente ricco, capace di sostenere le risorse affettive dei piccoli, di accogliere e comprendere le difficoltà della separazione, di far fronte agli inevitabili sentimenti negativi che ad essa si accompagnano. E quindi importante che la relazione con il bambino comunichi riconoscimento, apprezzamento e incoraggiamento, attraverso un rapporto personalizzato che consenta capacità di risposta ai bisogni del bambino. Ogni educatrice ha il dovere di ricordare che i bambini sono soggetti attivi nel loro apprendimento, così come nel loro processo di costruzione di identità e di conoscenza e che hanno grandi capacità; ruolo importante dell educatrice è proprio far sì che tali capacità emergano (ci piace sottolineare che il termine educare deriva da e- ducere cioè tirare fuori e non mettere dentro ). Ciò è realizzabile sia se l educatrice si pone come valido modello educativo di riferimento, sia se il nido si pone come luogo di relazione, di conoscenza e di partecipazione, in cui ad ogni singolo bambino viene riconosciuta la propria individualità. Questo richiede un continuo lavoro di gruppo, occorre la capacità di riflettere sui propri vissuti emotivi ed è necessaria la competenza metodologica nel preparare ambienti e percorsi adeguati alle esigenze dei bambini. L educatrice deve agire con intenzionalità, mediante un atteggiamento disponibile ad accogliere dentro di sé le emozioni del piccolo, per restituirgliele trasformate in pensiero: tutto ciò è reso possibile dalla continua ed attenta osservazione dei significati che i bambini attribuiscono alle azioni e ai segni dell esperienza al nido. L empatia dunque è una dimensione dell esperienza educativa in cui si riescono a comprendere i sentimenti e le emozioni di chi ci è vicino; 10

11 l atteggiamento empatico dell'educatrice consente la valorizzazione delle azioni dei bambini tradotte in precise strategie: ricche interazioni verbali, ripetizioni delle attività di gioco, rilancio dell esperienza in significati e dialoghi condivisi. Il nostro collettivo è quindi d accordo su quale debba essere principalmente il nostro ruolo: un ruolo di regia educativa, in grado di ascoltare ed osservare senza necessariamente intervenire, di leggere i bisogni di ogni singolo per soddisfarli con comportamenti coerenti ma flessibili, ma soprattutto capace di mettersi in discussione e di dimenticare le proprie teorie di riferimento per stare veramente con i bambini. La figura dell'operatrice ausiliaria Quella dell ausiliaria è una figura che entra e partecipa a pieno titolo al collettivo e all elaborazione del progetto educativo del nido: alle sue mansioni di carattere tecnico manuale (garantisce l igiene e la sanificazione di ambienti, materiali e oggetti) si affiancano compiti con funzione educativa(ausilio all attività in sezione, collaborazione nei momenti di routine), entrando a far parte di quella rete di relazioni in cui è immerso il bambino. I compiti dell operatrice ausiliaria possono essere così riassunti: Garantire la qualità strutturale e igienica degli ambienti; l organizzazione e l allestimento spaziale, sorretto dalle riflessioni pedagogiche condotte dalle educatrici, viene garantito con il supporto dell ausiliaria. Garantire l igiene e la sanificazione di materiali didattici e oggetti personali dei bambini (es. ciuccio). Controllare lo stato di manutenzione delle attrezzature e strumenti di lavoro. Predisporre i materiali e allestire spazi per le attività didattiche ludiche. Garantire il supporto necessario per lo svolgimento delle attività in sezione. Sorveglianza e intrattenimento dei bambini durante l attesa del cambio. 11

12 FINALITA' Il nido d'infanzia si fonda sull idea determinante che la prima infanzia presenta forti potenzialità di sviluppo e che i bambini di questa età devono essere considerati come soggetti di diritti. Lo sviluppo, inteso come apprendimento e crescita, può avvenire soltanto attraverso la relazione con gli altri significativi e, in tal senso, il nido ha lo scopo di aiutare ogni bambina e ogni bambino a crescere in stato di benessere, ad acquisire le abilità, le conoscenze, le competenze affettive e relazionali utili per costruirsi un esperienza di vita ricca, originale ed armonica. Le principali finalità del nido sono le seguenti: conquista dell'autonomia personale; contribuire alla socializzazione; favorire ed incrementare le capacità psico-motorie; favorire lo sviluppo affettivo e sociale; favorire lo sviluppo cognitivo; favorire la comunicazione verbale e il linguaggio. - continuare ed integrare l'attività della famiglia. Essenziale, perciò, risulta concepire ciascun bambino/a come un essere in continuo cambiamento nei diversi archi temporali che vanno dall arco della giornata al corso delle settimane e dei mesi, e al corso degli anni. Sarà compito delle educatrici adeguare le attività e le routine alle esigenze mutanti dei piccolissimi. Il nido, pertanto, intende promuovere il diritto all uguaglianza delle opportunità educative, nel rispetto della pluralità e della diversità delle culture familiari, e quindi, anche, l accoglienza e l integrazione di bambine e bambini che presentano difficoltà e/o disabilità, nella prospettiva della prevenzione dello svantaggio e della discriminazione. Le iniziative per la valorizzazione delle differenze La presenza di bambine e bambini stranieri nelle scuole è quasi sempre l evento che fa scattare l interesse per le tematiche legate all educazione interculturale. Il rapporto con la famiglia proveniente da cultura diversa ha inizio con il 12

13 colloquio preliminare: sono momenti di conoscenza reciproca, terreno su cui si costruiscono le basi per un rapporto di stima e fiducia. Al fine di favorire l integrazione dei bambini stranieri il nido pone l importanza al valore dell'accoglienza, assumendo un atteggiamento di ascolto e disponibilità. La differenza e la diversità sono concepite come criterio valoriale, come risorsa nella consapevolezza delle specificità culturali. Il nido d infanzia diviene il primo luogo di incontro e di confronto, nel quale i genitori stranieri possono uscire da una condizione di isolamento e di solitudine. Le iniziative a favore dei bambini portatori di handicap I servizi educativi per la prima infanzia, anche in collaborazione con i servizi sociali competenti delle Aziende Unità sanitarie locali e con i servizi sociali dei Comuni, garantiscono il diritto all inserimento e all integrazione dei bambini disabili, secondo quanto previsto all art. 12 della legge 5 febbraio del 1992, n. 104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate e seguenti modifiche nonché di bambini in situazione di disagio relazionale e socioculturale. Il nido di infanzia accoglie tutti i bambini, anche quelli che sono in situazione di handicap grave o che presentano, comunque, disagi e difficoltà più o meno intense di adattamento e di apprendimento. Per essi, oltre che un diritto sociale e civile, costituisce un'opportunità educativa molto efficace. La presenza nel nido di bambini in situazione di handicap o di disagio, tuttavia, è fonte di una dinamica di rapporti e di interazioni così unica e preziosa da costituire, a sua volta, una significativa e rilevante occasione di maturazione per tutti. Grazie a questa presenza, infatti, non solo ogni bambino impara a considerare ed a vivere la diversità come una dimensione esistenziale e non come una caratteristica emarginante, ma è stimolato a ricercare inedite soluzioni relazionali, comunicative, didattiche ed organizzative che vanno a vantaggio di tutti perché ampliano gli orizzonti di possibilità disponibili a questi diversi livelli. Il nido offre ai bambini in situazioni di handicap e di disagio adeguate sollecitazioni educative, realizzando l effettiva integrazione secondo uno 13

14 specifico progetto educativo e didattico, che costituisce parte integrante dell'ordinaria programmazione. L osservazione attenta e puntuale, il riconoscimento e l accoglienza del bambino portatore di handicap e/o disagio, il confronto con il coordinamento pedagogico, gli incontri con i referenti dell ASL, gli incontri con i genitori, la verifica in itinere del lavoro svolto sono le modalità privilegiate affinché avvenga l integrazione in un contesto di autentica relazione. 14

15 L'INSERIMENTO DEL BAMBINO AL NIDO L'inserimento costituisce l'inizio di un'esperienza complessa per il bambino, caratterizzata principalmente dal processo di separazione, dall'elaborazione del distacco dalla figura che fino ad allora si è presa cura di lui e dall'orientarsi verso nuove figure di riferimento. Se da un lato pensare al momento dell'ingresso del bambino in un contesto educativo rimanda ad un'idea di distacco dalle relazioni familiari e dalla sicurezza del proprio ambiente di vita, dall'altro evoca anche un'immagine di bambino che sperimenta nuovi livelli di autonomia e di indipendenza dai genitori. Letto in questa chiave, il momento dell'inserimento è allora un'occasione per il piccolo di misurarsi in un nuovo ambiente, di relazionarsi anche con altri adulti e con altri bambini. Non possiamo però non considerare anche la fatica che tutto questo può comportare per i bambini. Si tratta infatti di un'esperienza nuova che porta il piccolo a misurarsi con un ambiente poco conosciuto, che gli chiede di sapersi adattare a nuovi ritmi e nuovi tempi. Anche la madre d'altro canto, è coinvolta nel processo di inserimento e si trova nelle condizioni di dover elaborare il distacco, e nel contempo di costruire un rapporto di fiducia con le educatrici, che a loro volta sono implicate nella delicata gestione del rapporto con la coppia madre/bambino. Sottolineiamo allora, che anche per l'educatrice l'inserimento risulta essere un'esperienza faticosa da un punto di vista relazionale, difficile per le implicazioni emotive che la caratterizzano. Nonostante infatti l'educatrice possa contare su una buona preparazione teorica e su una più o meno lunga esperienza, resta pur sempre forte il coinvolgimento e l'emozione al momento dell'accoglienza e durante la gestione della separazione tra i bambini e i loro genitori. Sentirsi parte di un evento così emozionante e intenso come quello del distacco tra la mamma e il suo bambino, è un'esperienza delicata che coinvolge intimamente. Nell effettuare l inserimento si seguono alcune procedure concordate collettivamente e condivise con il coordinamento pedagogico: 1. preparazione dell inserimento in termini di mutua conoscenza tra nido e famiglie coinvolte, in modo che le reciproche immagini, 15

16 esigenze ed aspettative possano già articolarsi su un piano di realtà; 2. predisposizione dello spazio, attraverso l allestimento di spazi gioco contenuti ( nicchie ) ma capaci di sollecitare la curiosità dei bambini e la loro libera esplorazione; 3. accoglienza di piccoli gruppi di bambini ( 4 bambini ) 4. presenza del genitore all interno della sezione in modo tale da garantire: - al bambino sicurezza nell esplorazione e conoscenza del nuovo ambiente e la mediazione con le educatrici; - alle educatrici, di osservare e conoscere le dinamiche relazionali che caratterizzano la coppia madre/bambino; 5. gradualità e rispetto dei tempi di distacco dalla figura familiare e di permanenza al nido. Solitamente i primi giorni il bambino rimane all interno della sezione per circa un ora; gradualmente i tempi di permanenza si allungano e quando vengono vissuti con tranquillità tutti i tempi della mattinata, la permanenza del bambino si estende prima al pranzo poi al sonno se richiesto dalle famiglie; 6. rispetto e continuità delle abitudini del bambino; 7. individuazione, da parte dell educatrice, di momenti regolari ed individualizzati di intimità o situazioni rassicuranti in modo da farsi ricordare e riconoscere come figura significativa. Il modello pedagogico che sorregge le scelte educative e pedagogiche del servizio non prevede l adozione della figura di riferimento unica, ma opta per un sistema di riferimento multiplo, pur sempre stabile e continuo nel tempo, identificati primariamente dalle due educatrici sempre in compresenza. 8. suddivisione del grande gruppo in diversi gruppi ( iniziale che poi si consoliderà in due gruppi ) per evitare ansie indotte; 9. proposta di attività coinvolgenti e poco direttive che permettano all educatrice di essere dentro e fuori, di affiancarsi al gruppetto dei bambini che gioca, ma di poter garantire la opportuna disponibilità al/i bambino/i in inserimento; 10. adozione di un atteggiamento empatico con il genitore, accettando e contenendo le ansie per il distacco dal figlio/a. Il familiare viene regolarmente informato e rassicurato 16

17 dell'andamento dell'inserimento: ove possibile si invita il genitore ad osservare alcuni momenti di vita all'interno della sezione (osservazioni sempre protette dalla visione del bambino); gli si spiegano le condotte e le strategie che verranno attivate di volta in volta e durante per sostenere l'inserimento e favorire il distacco dalla figura familiare. 17

18 L'ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA EDUCATIVA: LE ROUTINE Le routine costituiscono una serie di momenti che si ripetono nell arco della giornata in maniera costante e ricorrente. Attraverso la ripetizione di determinate azioni, viene offerta ai bambini la possibilità di ritrovarsi in contenitori, temporali e spaziali, noti e rassicuranti che permettono loro di compiere i primi cambiamenti. I bambini hanno bisogno di ripetitività che dà loro sicurezza e permette di comprendere la realtà che li circonda. Le routine sono condizione di rafforzamento di abilità cognitive e comportamentali. Obiettivi delle routine: Identificare costanti e ripetitività di alcune situazioni Identificare spazi e luoghi Individuare una sequenza temporale Ripetere e riprodurre autonomamente sequenze di azioni Soddisfare autonomamente le proprie necessità I bambini non avendo la concezione del tempo come quella di un adulto, riescono a capire ciò che accade e ad orientarsi temporalmente solo attraverso ciò che accade prima e ciò che accade dopo. L accoglienza Il bambino, teniamolo ben presente, non decide di andare al nido, non comprende la scelta dei genitori ed è nostro compito assicurargli un esperienza costruttiva che diventi per lui motivo di gioco e di crescita. L accoglienza dei bambini e dei genitori viene fatta dalle educatrici in uno spazio comune, poi vengono lasciati il tempo e lo spazio necessari ad un distacco sereno. Il delicato passaggio dal genitore all'educatrice è bene che avvenga con un seppur minimo contatto fisico (dalla carezza all'abbraccio): ciò sostiene la tensione dovuta alla separazione. 18

19 Il cambio E' il momento di massima intimità individuale tra il bambino e l'educatrice; è un'occasione di forte relazione; l'educatrice offre al bambino la propria disponibilità affettiva attraverso gesti e parole che comunichino benessere e sicurezza. Giochi e sensazioni che attraverso la verbalizzazione dell'adulto oppure tramite l'utilizzo di cose (acqua fredda e calda, crema, sapone) provocano nel bambino varie sensazioni piacevoli e non, favoriscono una più profonda conoscenza del proprio corpo. Il pranzo L alimentazione ha un ruolo nella vita di ognuno molto più profondo e complesso che non la soddisfazione di un bisogno primario. Il rapporto con il cibo deve essere visto, fin da quando il bambino è al nido, come un rapporto aperto dal quale emergono conflitti, conoscenze, esperienze e rapporti interpersonali. Infatti il cibo non ha soltanto la valenza di soddisfare un bisogno fisiologico, ma è anche il modo privilegiato attraverso il quale un bambino piccolo entra in contatto con la realtà; per questo è importante che non abbia paura di sporcarsi e ne sperimenti fin da subito il senso di piacere che ne deriva. Il sonno Oltre a preparare i lettini con lenzuolini e coperte adatte alla stagione, sarà cura dell educatrice riporre su ciascun lettino ciucci, copertine personali, orsetti, cuscini portati da casa: questi oggetti, infatti, rievocano e ripropongono la sensazione di tranquillità e serenità che si può trovare tra le mura domestiche. Una volta che tutto è pronto, i bambini possono coricarsi sui propri lettini. A questo punto le educatrici pongono in essere alcuni piccoli accorgimenti che favoriscono il pisolino: - il primo elemento che si cerca di riproporre nella stanza della nanna è un ambiente tranquillo ed accogliente con temperatura mite, colori tenui, luci soffuse, lettini comodi e copertine adeguate alla stagione; - coprire il bambino, appena si corica supino, con la coperta e/ o il lenzuolino, sia per trasmettergli un senso di protezione rispetto all ambiente esterno, sia perché, con il calore creato dal contatto tra il corpo e la coperta, il bambino riesce a prendere sonno più facilmente; 19

20 - mettere il bambino in una posizione comoda, almeno durante la fase iniziale del sonnellino. Capire la posizione preferita del bambino è fondamentale per instaurare con lui un rapporto di fiducia completa e totale. In questo modo, trovandosi a proprio agio e sentendosi conosciuto, sarà più propenso a rilassarsi e a fidarsi dell educatrice anche in questo momento così delicato. - cullare il bambino, cantargli una ninna nanna o fargli ascoltare suoni dolci ed ovattati. Mettendo in pratica questi comportamenti si ricreano, nei limiti di quanto concesso all ambiente nido, abitudini e consuetudini molto simili a quelle che i bambini vivono nelle proprie case, nell intimità delle proprie camerette. È importante inoltre che il momento che precede la nanna sia caratterizzato da attività che aiutino il bambino a predisporsi, sia fisicamente sia mentalmente, al riposo; l'attività che sicuramente rilassa i bambini, specialmente quelli più grandi, è la lettura. Un ultima considerazione va rivolta alla delicata fase del risveglio. Le educatrici iniziano ad aprire la porta della stanzina e ad aumentarne l afflusso di luce al suo interno per far in modo che i suoni dell ambiente circostante entrino e li accompagnino nel risveglio; poi chiamandoli per nome e magari accarezzandoli attendono che si sveglino. L uscita In questo momento della giornata occorre creare un'atmosfera tranquilla e rilassata per non alimentare nel bambino una sensazione di ansia da attesa del genitore. Il momento dell uscita offre la possibilità ad educatrici e genitori di scambiarsi informazioni e di porre domande sulla giornata appena trascorsa. L'educatrice deve rispettare il bambino che, in questo momento di ricongiungimento, ha bisogno di essere al centro dell'attenzione e di sentire che il genitore è lì per lui. 20

21 IL GIOCO All'interno del nido vengono accuratamente allestiti gli spazi con materiali diversi e stimolanti; le varie attività di gioco favoriscono la libera espressione dei bambini. GIOCHI PER COMUNICARE Hanno per obiettivo lo sviluppo del linguaggio. Filastrocche e canzoncine, che accompagnano gran parte della giornata al nido, sviluppano il senso del ritmo, la memoria, la socializzazione tra adulti e bambini e dei bambini tra loro. GIOCHI PER MANIPOLARE Aiutano il bambino a sviluppare la sensibilità tattile, ad apprendere come si modellano forme e si mescolano elementi (es. farina e acqua). I materiali, scelti in base all'età del bambino, sono diversi: il pongo, la farina, il sale, la pasta, il riso, la carta, i legumi, l'acqua, la terra; i bambini fanno travasi servendosi di ciotoline, secchielli, vasetti. GIOCHI AD INCASTRO Ci si esercita a : -sovrapporre, combinare e assemblare -costruire ciò che la fantasia suggerisce -riconoscere e mettere ogni pezzo al posto giusto -sperimentare lo spazio orizzontale accostando e allineando il materiale in un gioco continuo di linee e percorsi -conquistare lo spazio verticale, impilando e organizzando gli oggetti, alla ricerca dell'equilibrio -acquisire una maggiore abilità nei movimenti della mano afferrando forme di vario genere. GIOCHI MOTORI Danno ai bambini un occasione speciale per scoprire il proprio corpo e la propria gestualità in un ambito motorio e comunicativo non abituale. A seconda delle diverse età dunque, si organizzano spazi e tempi, si sceglie uno sfondo visivo e uno sonoro; con lo stimolo delle favole e della 21

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

ASILO NIDO A PICCOLI PASSI P.O.F (piano dell offerta formativa)

ASILO NIDO A PICCOLI PASSI P.O.F (piano dell offerta formativa) ASILO NIDO A PICCOLI PASSI P.O.F (piano dell offerta formativa) Provvedere ai bisogni irrinunciabili dei bambini e delle loro famiglie è il primo passo per formare cittadini in grado di ampliare il proprio

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Caratteristiche strutturali della scuola e della Sezione Primavera I cuccioli della San Vincenzo La scuola ha sede a Senigallia

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO INTRODUZIONE La creazione di questo opuscolo, nasce dall esigenza di offrire informazioni a chi desidera sapere un po di più

Dettagli

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero. I L A B S I o dei B I M PRESENTA L ASILO NIDO Le Coccole LA CARTA DEI SERVIZI Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.it DITE: E faticoso frequentare i

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Anno scolastico 2014/2015

PROGETTO EDUCATIVO. Anno scolastico 2014/2015 NIDO D'INFANZIA ILARIA ALPI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ DEL SERVIZIO Il servizio di Nido ha come finalità prioritaria l accoglienza e la cura dei bambini in uno spazio riccamente

Dettagli

Asilo Nido Batuffolo Orbassano

Asilo Nido Batuffolo Orbassano Asilo Nido Batuffolo Orbassano PROGETTO EDUCATIVO 2010 2011 Introduzione Il progetto educativo dell Asilo Nido si fonda su criteri condivisi da tutto il personale. La sua realizzazione è basata su obiettivi

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Comune di Brescia Settore Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO Profilo territorio La scuola comunale dell

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Per educare al Nido ci si avvale del gioco e ciò comporta attenzione e osservazione. Infatti i bambini/e parlano attraverso il corpo, la

Dettagli

Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno

Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno La famiglia al nido per condividere un esperienza: uno spazio per conoscersi giocando Anno educativo A cura del Collettivo 2008/2009 del Nido

Dettagli

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere i bambini Essere nella mente, nello sguardo e nel cuore dell'educatore è la condizione attraverso la quale il bambino può sentirsi accolto e dalla

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

ACCOGLIENZA DI GENITORI BAMBINI RASSICURARE CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI

ACCOGLIENZA DI GENITORI BAMBINI RASSICURARE CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI ACCOGLIENZA DI BAMBINI GENITORI RASSICURARE CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI INTRODUZIONE: L ambientamento e l accoglienza sono un punto privilegiato di incontro

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE. Finalità e percorsi formativi della Sezione Primavera

SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE. Finalità e percorsi formativi della Sezione Primavera SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE l Ente Giuridico CASA MARIA AUSILIATRICE delle Salesiane di Don Bosco, con sede in Varese, Piazza Libertà, 9, in persona del Legale Rappresentante pro tempore Vilma Maria

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO La scuola dell'infanzia San Francesco nasce a Piombino all'inizio degli anni sessanta nell'area della Chiesa dell'immacolata su richiesta della società ILVA che intendeva

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

LETTURA ED EMOZIONI. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato.

LETTURA ED EMOZIONI. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare Gary Zukav LETTURA ED EMOZIONI Quest anno, come progetto educativo, abbiamo scelto

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 Sezione lattanti Curiosando Titolo: Benvenuti al nido Descrizione: Il periodo dell'inserimento servirà a far conoscere ai bambini L'universo nido con tutto

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la LA TANA DEI PICCOLI Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la struttura con la scuola dell'infazia S. Francesco, il confortevole e il nuovo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA NIDO DON LUCIANO SARTI Segreteria: Via Palestro 38 40024 Castel San Pietro Terme 051 944590 donlucianosarti@libero.it Sede: Via Palestro 32 40024 Castel San Pietro Terme 051

Dettagli

Il Nido Infanzia si presenta

Il Nido Infanzia si presenta Il Nido Infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. La risposta al bisogno è una realtà educativa. chi siamo. mission

CARTA DEI SERVIZI. La risposta al bisogno è una realtà educativa. chi siamo. mission CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO IL RITROVO Lecco - Pescarenico Via Corti, 20 Tel. / Fax 0341 363601 0341 373216 e-mail - ass.ritrovo@tiscalinet.it Soc. coop. sociale Il Ritrovo Onlus www.nidoilritrovo.it

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO PROGETTO DI SEDE Destinatari : Bambini tra i due e i tre anni Tempi : da settembre 2015 a giugno 2016 RESPONSABILE DEL PROGETTO : Cairoli Renata

Dettagli

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO Obiettivi e principi psico-pedagogici L istituzione dell asilo nido per bambine e bambini da tre mesi a tre anni di vita, rappresenta un ulteriore servizio rivolto al personale

Dettagli

SERVIZIO DI COORDINAMENTO. ESTATE BAMBINI Progetto

SERVIZIO DI COORDINAMENTO. ESTATE BAMBINI Progetto SERVIZIO DI COORDINAMENTO ESTATE BAMBINI Progetto ESTATE BAMBINI Proposta ludico-educativa estiva per bambini dai 3 ai 6 anni di età A fronte delle richieste pervenute finalizzate alla organizzazione di

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Il nido infanzia si presenta

Il nido infanzia si presenta Il nido infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

NIDO D INFANZIA COMUNALE IL CUCCIOLO di FONTEVIVO

NIDO D INFANZIA COMUNALE IL CUCCIOLO di FONTEVIVO NIDO D INFANZIA COMUNALE IL CUCCIOLO di FONTEVIVO 1 INDICE Premessa Finalità Struttura del nido attuale e futura Quale idea di bambino? Integrazione delle differenze Organizzazione degli spazi Organizzazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA.

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. LA SCUOLA DELL INFANZIA Il nostro sistema scolastico è riuscito attraverso una felice convergenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano)

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) Cervignano del Friuli PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) 1 PRESENTAZIONE CHI SIAMO Il Nido è un Servizio Comunale, gestito da personale della Cooperativa ITACA, in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

ASILO NIDO NUOVO MONDO Carta dei servizi a.s. 2012.2013

ASILO NIDO NUOVO MONDO Carta dei servizi a.s. 2012.2013 ASILO NIDO NUOVO MONDO Carta dei servizi a.s. 2012.2013 1. L asilo nido: COS E E A CHI SI RIVOLGE L asilo nido è un servizio educativo che ha l intento di favorire un equilibrato sviluppo psicofisico del

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Comune di Brescia Settore Pubblica Istruzione Servizio scuole dell infanzia Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2012/2013 PROGETTO EDUCATIVO Profilo

Dettagli

ASILO NIDO LA FILASTROCCA

ASILO NIDO LA FILASTROCCA ASILO NIDO LA FILASTROCCA Programmazione educativa 2012-2013 INDICE Finalità educative generali dell asilo e percorso educativo anno 2012/2013 Pag. 3 Organizzazione dell asilo Pag. 4-5 Organizzazione degli

Dettagli

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Servizio integrativo spazio gioco Lo spazio

Dettagli

Programmazione Nido Monti 2014-2015

Programmazione Nido Monti 2014-2015 Programmazione Nido Monti 2014-2015 OBIETTIVI GENERALI L obiettivo generale è ambientare il bambino nel contesto educativo e relazionale dell Asilo Nido rispettando e valorizzando l individualità del bambino

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Comune di Sergnano Coop. Filikà PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Il nido è un servizio di tipo diurno gestito in collaborazione tra pubblico e privato: Comune di Sergnano e Filikà società cooperativa. Accoglie

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Contatti Capo Rip.ne III Pietro Migliore Tel. 091/8611341 Fax 091/8661459 email pietro.migliore@pec.comune.carini.pa.it Istruttore direttivo Antonina Ruffino

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI Approvata con DGC n. 180 del 20-09-2010 PREMESSA: PRINCIPI FONDAMENTALI: L Amministrazione Comunale definisce un sistema di regole e garanzie

Dettagli

Spazio Gioco "Mìniclub"

Spazio Gioco Mìniclub p- ANNUNZIATA ' -f-j L-L- via Enrico Toti, n. 1-95033 BIANCAV1LLA (CT) Spazio Gioco "Mìniclub" Lo Spazio Gioco "Miniclub" è un servizio 'che accoglie bambini da 18 mesi a 36 mesi, presso i nuovi locali

Dettagli

gioco, l apprendimento, la conoscenza, l inglese

gioco, l apprendimento, la conoscenza, l inglese L Asilo nido MARAMEO, aperto nel 2006 con la collaborazione della catena BabyWorld, è una struttura privata al cui interno operano figure professionali con competenze specifiche, con l obiettivo di soddisfare

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 10 BORGO ROMA EST VERONA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016 Scuola dell infanzia statale APORTI Via Volturno, 20 Telefono 045 500114

Dettagli

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA Istituto Figlie di Gesù Scuola dell Infanzia Paritaria San Luigi SEZIONE PRIMAVERA Via Alle Grazie,8-54100 Massa Tel. Fax 0585-451367 IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA 1) AMBITO CULTURALE E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Via Nigoline, 16 25030 ADRO (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE Via Guido Reni 17/1 - Padova Tel. 049 611333 - Fax 049 611923

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

FINALITÀ EDUCATIVA Promuovere lo star bene a scuola e il piacere di tornarvi.

FINALITÀ EDUCATIVA Promuovere lo star bene a scuola e il piacere di tornarvi. PREMESSA L'educazione, l istruzione e la formazione sono finalizzate alla valorizzazione e alla crescita della persona. Il Progetto Accoglienza è uno degli strumenti che contribuiscono a perseguire tale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARIFICATA SANTA MARIA GORETTI ARINO. via Chiesa 6 tel/fax 041411001 ALCUNI MODI PER STARE BENE A SCUOLA

SCUOLA DELL INFANZIA PARIFICATA SANTA MARIA GORETTI ARINO. via Chiesa 6 tel/fax 041411001 ALCUNI MODI PER STARE BENE A SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA PARIFICATA SANTA MARIA GORETTI ARINO via Chiesa 6 tel/fax 041411001 ALCUNI MODI PER STARE BENE A SCUOLA Informazioni e proposte per un migliore funzionamento dell organizzazione scolastica

Dettagli

Girogirotondo e Girogirotondo 2. Progetto pedagogico Micro-Nido Bivio Montegelli e Sogliano al Rubicone

Girogirotondo e Girogirotondo 2. Progetto pedagogico Micro-Nido Bivio Montegelli e Sogliano al Rubicone Girogirotondo e Girogirotondo 2 Progetto pedagogico Micro-Nido Bivio Montegelli e Sogliano al Rubicone Se pensiamo ai cambiamenti avvenuti nell organizzazione socio-familiare, le famiglie sempre più mononucleari

Dettagli

Progetto Educativo Didattico Scuola dell'infanzia Anno Scolastico 2010-2011

Progetto Educativo Didattico Scuola dell'infanzia Anno Scolastico 2010-2011 Istituto Scolastico Comprensivo di Ripatransone, Cossignano e Montefiore dell'aso Progetto Educativo Didattico Scuola dell'infanzia Anno Scolastico 2010-2011 DIRITTI E DOVERI TRA REALTA' E FANTASIA PROGETTO

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE PICCOLI

PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE PICCOLI ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE PICCOLI La sezione è composta da 22 bambini

Dettagli

PROGETTO NIDO FELICE

PROGETTO NIDO FELICE Nido Amici dei bimbi PROGETTO NIDO FELICE Percorso di inserimento al Nido PREMESSA L ingresso al nido rappresenta: - un momento molto delicato per ogni bambino/a, perché è la prima importante esperienza

Dettagli

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE COCCINELLE Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato A cura dell Educatrice: Moranduzzo Monica 1 PROGETTO

Dettagli

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO 1 Il nostro nido Minimondo.un luogo che offre la possibilità di instaurare rapporti significativi, relazioni vere, partecipazione e confronto, accoglienza ed

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri Nido d infanzia Comune di Gualtieri Il ciliegio Nido comunale d infanzia Il ciliegio Gualtieri RE Via G. di Vittorio tel. 0522 828603 nidociliegio@alice.it www.asbr.it storia 1978 Il nido d infanzia Il

Dettagli

ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA

ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA LA CARTA DEI SERVIZI Che cos è e a chi si rivolge L asilo nido si propone come un servizio educativo e sociale di interesse pubblico; favorisce l'armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana Perchè sceglierci? Perchè il nostro Asilo Nido fornisce un servizio assistenziale ed educativo che, in collaborazione con le famiglie, sa fornire uno spazio

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

L ASILO NIDO DI TORBIATO

L ASILO NIDO DI TORBIATO L ASILO NIDO DI TORBIATO a.s. 2012-2013 La struttura accoglie 14 bambini di un età compresa tra i 17 mesi e i 3 anni, seguiti da due insegnanti. PREMESSA: Il nido è luogo di socializzazione, poiché attraverso

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014 Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014 ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA AL NIDO, CON EVIDENZIATI I TRAGUARDI DI SVILUPPO RELATIVI AD OGNI ATTIVITA REALIZZATA ALL INTERNO DEL NIDO TEMPI ATTIVITA SPAZI

Dettagli

Per l anno educativo 2014/2015 il Nido famiglia presenta il suo Progetto Educativo che:

Per l anno educativo 2014/2015 il Nido famiglia presenta il suo Progetto Educativo che: CHE COS È IL PROGETTO EDUCATIVO E A CHI È RIVOLTO: Il Progetto Educativo è lo strumento attraverso il quale il Nido famiglia rende trasparente e leggibile ciò che fa e perché lo fa. Per l anno educativo

Dettagli

La carta dei servizi

La carta dei servizi La carta dei servizi Finalità della struttura La finalità fondamentale è quella di realizzare un ambiente a misura di bambino dove l educatrice lo accompagnerà nel suo percorso di crescita. I bambini vengono

Dettagli

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO A seguito dell assemblea dei nuovi iscritti, i genitori sono invitati ad un colloquio con l educatrice di riferimento. Questa si pone come tramite tra il servizio e la famiglia,

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento

Progetto ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune) Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente Comune di TORRE PELLICE Settore d'intervento Educazione e promozione culturale - Animazione sul territorio Obiettivi del progetto Coinvolgere i giovani,

Dettagli