Capitolo 6 La società per azioni: nozione e costituzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 6 La società per azioni: nozione e costituzione"

Transcript

1 Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 6 La società per azioni: nozione e costituzione Sommario 1. La società per azioni: nozione e caratteri essenziali Costituzione della s.p.a Stipulazione dell atto costitutivo Forma e contenuto dell atto costitutivo Iscrizione nel registro delle imprese La nullità della società La s.p.a. con unico azionista I contratti parasociali La società per azioni europea. 1. La società per azioni: nozione e caratteri essenziali La società per azioni (s.p.a.) rappresenta il principale tipo di società di capitali e, allo stesso tempo, la forma più importante di «società» predisposta per le imprese che richiedono l apporto di ingenti capitali ed importano l assunzione di notevoli rischi. Aspetto peculiare della s.p.a. è che il vincolo tra società e socio è impersonale ed anonimo: l elemento personale passa in secondo piano di fronte alla prevalenza del capitale. Dal punto di vista economico, infatti, le s.p.a. consentono di raccogliere ingenti capitali ai cui titolari non è attribuito alcun potere di gestione, ma solo la distribuzione degli utili come remunerazione del loro apporto. La società per azioni è contraddistinta dai seguenti caratteri essenziali: la personalità giuridica: essa si acquista con l iscrizione nel registro delle imprese (art. 2331, comma 1º). Da questo momento la società diventa un soggetto formalmente diverso dalle persone dei soci e gode perciò di autonomia patrimoniale perfetta (cd. principio di alterità); la responsabilità limitata: a norma dell art. 2325: «nella società per azioni, per le obbligazioni sociali, risponde soltanto la società con il suo patrimonio». La responsabilità limitata comporta che il socio di una s.p.a. è obbligato patrimonialmente solo ad eseguire il conferimento determinato nel contratto sociale e che i creditori sociali dovranno rivolgersi alla società, senza poter esperire azioni individuali nei confronti dei singoli soci. Il socio, pertanto, non corre altro rischio se non quello di perdere la somma o il bene conferito in società; le azioni: il capitale delle società per azioni è diviso in frazioni, ossia in porzioni di eguale ammontare, ognuna delle quali si chiama azione ed esprime la misura della partecipazione di ciascun socio alla società. L azione è un titolo di credito, causale, di partecipazione, poiché rappresenta ed incorpora la quota di partecipazione del socio ed i diritti inerenti a tale quota. Il D.L. 91/2014 (cd. decreto competitività), conv. in L. 116/2014 ha ridotto la soglia del capitale minimo necessario alla costituzione di s.p.a. con lo scopo principale di agevolare la costituzione di tale tipologia di società. Il capitale sociale minimo per costituire una s.p.a. (precedentemente stabilito in euro) è stato fissato in euro.

2 78 Capitolo 6 2. Costituzione della s.p.a. A) La costituzione della s.p.a. La s.p.a. si costituisce solo quando si realizzano le seguenti attività richieste dalla legge, ognuna delle quali è produttiva di effetti giuridici peculiari: stipulazione dell atto costitutivo, con la sottoscrizione dell intero capitale sociale ed il rispetto delle disposizioni in materia di conferimenti (artt. 2342, 2343 e 2343ter); iscrizione della società nel registro delle imprese. B) Le condizioni per la costituzione L art richiede tre condizioni nella fattispecie costitutiva della s.p.a.: l intera sottoscrizione del capitale sociale: è necessario, cioè, che i soci assumino l obbligo di effettuare i conferimenti a favore della società il cui valore complessivo sia pari al capitale sociale indicato nell atto costitutivo. Il capitale sociale non può essere, a seguito dell intervento del D.L. 91/2014, conv. in L. 116/2014, inferiore a euro. A fondamento di tale norma vi è la configurazione della formazione del capitale sociale come elemento necessario e indefettibile per la nascita dell ente societario; il versamento di almeno il 25% dei conferimenti in danaro dei soci o, nel caso di costituzione con atto unilaterale, del loro intero ammontare; l esistenza delle autorizzazioni governative e delle altre condizioni richieste da leggi speciali in considerazione del particolare oggetto delle società. Le autorizzazioni cui si riferisce la norma sono esclusivamente quelle richieste per la valida costituzione ed iscrizione della società nel registro delle imprese, dovendosi pertanto escludere dal novero le autorizzazioni richieste per l esercizio in concreto di una determinata attività. La formulazione dell art c.c. richiede espressamente la relazione di stima di cui all art (dei conferimenti di beni in natura e crediti) tra le condizioni per la costituzione della società. Qualora ci si avvalga della possibilità prevista dall art. 2343ter, introdotto dal D.Lgs. 142/2008 e modificato dal D.Lgs. 224/2010, di effettuare conferimenti in natura o di crediti senza relazione giurata di stima, il notaio dovrà verificare la presenza dei documenti da cui risulti che il valore attribuito ai conferimenti di valori mobiliari o di strumenti monetari, ai fini della determinazione del capitale, è pari o inferiore al prezzo cui gli stessi sono stati scambiati nei mercati regolamentati nei sei mesi antecedenti, o del bilancio da cui risulta il valore equo del bene o della relazione di stima di un esperto indipendente; documenti da allegarsi all atto costitutivo e la cui presenza costituisce condizione per la stipulazione. 3. Stipulazione dell atto costitutivo A) Atto costitutivo e statuto L atto costitutivo della s.p.a. consta generalmente di due documenti separati: l atto costitutivo (in senso stretto): nel quale si manifesta la volontà delle parti di dare vita al rapporto sociale;

3 La società per azioni: nozione e costituzione 79 lo statuto: nel quale sono consacrate le norme per il funzionamento della società e che, pur se contenuto in un atto separato, si considera parte integrante dell atto costitutivo (art. 2328). In caso di contrasto tra le norme dell atto costitutivo e quelle dello statuto prevalgono le seconde. B) Forme della stipulazione L atto costitutivo può essere stipulato secondo due diverse modalità: stipulazione simultanea o istantanea: mediante comparizione delle parti avanti al notaio e redazione dell atto pubblico. Tale tipo di stipulazione rappresenta la forma normale e generalmente adottata; stipulazione successiva o per pubblica sottoscrizione: al termine e come conclusione di una complessa fase di raccolta delle sottoscrizioni. Tale forma di stipulazione, data la sua complessità, è assai rara nella pratica. Il ricorso alla stessa potrebbe essere utile allorquando il capitale da sottoscrivere sia ingente ed incerta ne appaia la sottoscrizione (la stipulazione successiva, invero, consente di subordinare la costituzione della società alla raccolta del capitale necessario). Le fasi della stipulazione per pubblica sottoscrizione Le fasi della stipulazione per pubblica sottoscrizione sono: compilazione del programma e suo deposito. I «promotori», cioè coloro che assumono l iniziativa, compilano un programma, indicando le principali disposizioni dell atto costitutivo ed il termine entro cui deve stipularsi, e lo depositano presso un notaio, prima di renderlo pubblico; adesione dei sottoscrittori e versamento dei conferimenti. Gli eventuali «sottoscrittori» aderiscono mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata, contenente generalità e numero delle azioni sottoscritte. Successivamente, nel termine assegnato dai promotori (non superiore ad un mese), versano il 25% dei conferimenti in danaro; convocazione dell assemblea e deliberazioni. I promotori convocano l assemblea dei sottoscrittori mediante raccomandata. L assemblea costituente (che non può tenersi prima di 10 giorni dall avviso di convocazione): accerta l esistenza delle condizioni per la costituzione della s.p.a.; delibera sul contenuto dell atto costitutivo e dello statuto; delibera sulla riserva di partecipazione agli utili fatta a proprio favore dai promotori; nomina gli amministratori, i membri del collegio sindacale e, quando previsto, il soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti. L assemblea non può variare il contenuto del programma senza il consenso unanime dei sottoscrittori. Essa, dunque, ha soltanto la funzione di integrare il contratto esistente, completandolo nelle parti mancanti; stipulazione dell atto costitutivo in senso stretto. Gli intervenuti all assemblea, raggiunto l accordo, stipulano per atto pubblico l atto costitutivo con le indicazioni prescritte. Se la società si costituisce, i promotori devono essere rilevati dalle obbligazioni assunte e rimborsati delle spese sostenute, sempreché le une e le altre siano state necessarie per la costituzione o siano state, comunque, approvate dall assemblea. In caso di mancata costituzione, invece, obbligazioni e spese restano definitivamente a carico dei promotori, i quali non possono rivalersene verso i sottoscritti delle azioni (art. 2338). I promotori, poi, sono solidalmente responsabili verso la società ed i terzi (art. 2339): 1) per l integrale sottoscrizione del capitale sociale e per i versamenti, verso la società ed i terzi, richiesti per la costituzione della società;

4 80 Capitolo 6 2) per l esistenza dei conferimenti in natura in conformità della relazione giurata prevista dall art. 2343, sempre che non ricorrono le condizioni che non rendono necessaria la relazione stessa; 3) per la veridicità delle comunicazioni da essi fatte al pubblico per la costituzione della società. I promotori, infine, allo scopo di bilanciare la responsabilità cui sono esposti, possono «riservarsi nell atto costitutivo, indipendentemente dalla loro qualità di soci, una partecipazione non superiore complessivamente ad un decimo degli utili netti risultanti dal bilancio e per un periodo massimo di cinque anni» (art. 2340). La stessa possibilità è riconosciuta ai soci fondatori dall art. 2341, ai quali, tuttavia, il legislatore del 2003 non ha esteso il limite posto ai soli promotori dal secondo comma dell art e consistente nel divieto di riservarsi ulteriori benefici. 4. Forma e contenuto dell atto costitutivo La s.p.a. deve costituirsi per atto pubblico (art. 2328). La mancanza della stipulazione dell atto costitutivo nella forma dell atto pubblico è causa di nullità della società (art. 2332, comma 2). L art. 2328, come modificato dal D.Lgs. 39/2010, prescrive che l atto costitutivo deve indicare obbligatoriamente: il cognome ed il nome o la denominazione, la data e il luogo di nascita o lo Stato di costituzione, il domicilio o la sede e la cittadinanza dei soci e degli eventuali promotori, nonché il numero delle azioni assegnate a ciascuno di essi. Si ricordi che i soci di una s.p.a. possono essere non solo persone fisiche, ma anche enti con o senza personalità giuridica (ad es. società di persone): a tal fine, pertanto, è richiesta l indicazione non solo dei dati relativi alle persone fisiche, ma anche di quelli inerenti a tali enti (denominazione, sede); la denominazione sociale, ossia la ditta della s.p.a.: può formarsi in qualunque modo (anche con un nome di fantasia) purché contenga l indicazione del tipo sociale s.p.a. (si ricordi, al riguardo, che «denominazione», in materia di s.p.a., equivale alla «ragione sociale» delle società personali); il comune ove sono poste la sede sociale e le eventuali sedi secondarie; l oggetto sociale, cioè il genere di attività svolta dalla s.p.a. Come osserva GALGANO, l indicazione precisa dell oggetto sociale (che non può esser generica od onnicomprensiva) è indispensabile per determinare i poteri degli amministratori, che possono compiere solo gli atti che rientrano nell oggetto sociale (art. 2380bis, comma 1), e dell assemblea, che non può, neppure con le maggioranze richieste per le modificazioni dello statuto, deliberare operazioni estraneee all oggetto sociale; l ammontare del capitale sottoscritto e versato. Il capitale sottoscritto è il capitale che il socio, sottoscrivendo un certo numero di azioni, si impegna a conferire. Il capitale versato indica il valore dei conferimenti effettivamente eseguiti. L ammontare del capitale non può mai essere inferiore alla somma di euro; il numero e l eventuale valore nominale delle azioni, le loro caratteristiche e le modalità di emissione e circolazione. Va evidenziata, in proposito, la innovazione introdotta dalla riforma del 2003 con riguardo alla prevista possibilità di emettere azioni senza l indicazione del loro valore nominale (art. 2346);

5 La società per azioni: nozione e costituzione 81 il valore dei crediti e dei beni conferiti in natura, che deve risultare da una relazione giurata di un esperto designato dal Tribunale. Qualora ricorrono le condizioni previste dall art. 2343ter, introdotto dal D.Lgs. 142/2008 e da ultimo modificato dal D.Lgs. 224/2010, il valore attribuito ai conferimenti e la sussistenza delle condizioni che non rendono necessaria la relazione giurata, devono risultare da una documentazione sostitutiva, presentata dal conferente, da allegare all atto costitutivo della società; i criteri per la ripartizione degli utili: unico limite, in proposito, è quello rappresentato dal divieto del «patto leonino». In mancanza della loro indicazione si applica l art (criterio della ripartizione proporzionale); i benefici eventualmente accordati ai soci promotori o ai soci fondatori; il sistema di amministrazione adottato, il numero degli amministratori e i loro poteri, indicando quale tra essi hanno la rappresentanza della società. È possibile scegliere fra tre diversi tipi di amministrazione: tradizionale, monistico e dualistico (art. 2380). In funzione di ciò si rende necessario indicare, nell atto costitutivo accanto al numero, ai poteri ed alla rappresentanza anche il sistema di amministrazione prescelto; il numero dei componenti il collegio sindacale; la nomina dei primi amministratori e sindaci ovvero dei componenti del consiglio di sorveglianza e, quando previsto, del soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti; l importo globale, almeno approssimativo, delle spese per la costituzione poste a carico della società; la durata della società ovvero, se la società é costituita a tempo indeterminato, il periodo di tempo, non superiore ad un anno, decorso il quale il socio potrà recedere. È consentito costituire s.p.a. a tempo indeterminato, con la contestuale previsione, tuttavia, di un termine concesso al socio per l esercizio della facoltà di recesso. La mancanza dei requisiti prescritti per l atto costitutivo legittima il rifiuto da parte del notaio rogante di ricevere l atto. Tuttavia, solo alcuni degli elementi previsti dalla norma sono richiesti a pena di nullità; infatti, dopo l iscrizione nel registro delle imprese la nullità della società può essere pronunciata solo per le cause di cui all art Gli altri elementi costituiscono condizioni per l iscrizione nel registro delle imprese. Alcuni, poi, devono essere indicati solo se le parti intendono derogare alla disciplina legale, come avviene a proposito delle regole per la ripartizione degli utili tra i soci. 5. Iscrizione nel registro delle imprese Una volta redatto l atto costitutivo, la legge pone a carico del notaio ricevente (e, in via sussidiaria, a carico degli amministratori) l obbligo di depositarlo entro venti giorni presso l ufficio del registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sede sociale, allegando i documenti comprovanti l avvenuto versamento della percentuale in denaro, la relazione giurata di stima del valore dei beni conferiti in natura o dei crediti,

6 82 Capitolo 6 i documenti di cui all art. 2343ter, comma 3, nonché le autorizzazioni eventualmente richieste dalle leggi speciali per la costituzione della società (art. 2330, comma 1). Se il notaio o gli amministratori non provvedono al deposito dell atto costitutivo, ciascun socio può provvedervi a spese della società (art. 2330, comma 2). Contestualmente al deposito dell atto costitutivo deve essere richiesta l iscrizione della società nel registro delle imprese. L ufficio del registro delle imprese, una volta ricevuto l atto, deve limitarsi ad accertare la regolarità formale della documentazione, dovendosi ritenere escluso qualsiasi controllo di legittimità sostanziale. L ufficio del registro delle imprese deve limitarsi a riscontrare se l atto di cui si richiede l iscrizione ed i documenti ad esso allegati esistono e sono regolari, ma non può valutare la legittimità del loro contenuto. Egli pertanto può rifiutare l iscrizione solo se accerta l inesistenza di un documento attestante l adempimento di una condizione necessaria ovvero, con riferimento all atto costitutivo, il mancato rispetto della forma dell atto pubblico ovvero altre irregolarità formali. La fattispecie costitutiva della società per azioni si perfeziona, dunque, con l iscrizione nel registro delle imprese: con tale adempimento, infatti, ex art. 2331, comma 1, la società acquista personalità giuridica e viene, pertanto, a concreta esistenza. Il carattere formale della persona giuridica esclude che sia necessario a tal fine anche l effettivo svolgimento dell oggetto sociale, vale a dire la corrispondente attività economica. La società è perciò assoggettata a fallimento indipendentemente dal compimento di atti di esercizio di impresa commerciale. Il D.L. 7/2007, conv. in L. 40/2007 ha introdotto la comunicazione unica per la nascita e l avvio di un impresa, procedura le cui regole tecniche di attuazione sono state definite con D.P.C.M. 6 maggio Tale comunicazione, da presentare all ufficio del Registro delle imprese presso le camere di commercio competenti utilizzando la via telematica, vale come assolvimento della maggior parte degli adempimenti amministrativi previsti per l iscrizione al Registro delle imprese e, se sussistono i presupposti di legge, vale anche ai fini previdenziali, assistenziali, fiscali e per l ottenimento del codice fiscale e della partita Iva. Dal 1 aprile 2010, l utilizzo della comunicazione unica è divenuto obbligatorio. Il D.L. 185/2008, conv. in L. 2/2009 ha previsto l obbligo per le società di nuova costituzione di indicare nella domanda di iscrizione al registro delle imprese il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (Pec). Si tratta di un sistema di comunicazione via che si basa sulla trasmissione al mittente di una ricevuta elettronica, avente valore legale, che attesta l invio e la consegna al destinatario dei documenti informatici spediti. Il Ministero dello sviluppo economico, con il parere del 29 agosto 2013 ha stabilito che l ufficio del registro delle imprese venuto a conoscenza dell atto o del fatto la cui iscrizione è stata respinta per irregolarità della domanda in quanto mancante dell indicazione della PEC dovrà avviare la procedura di iscrizione di ufficio. In particolare, dovrà invitare il legale rappresentante della società o il titolare dell impresa individuare a presentare, entro un congruo tempo (non superiore a 20 giorni), l istanza di iscrizione dell atto o fatto, completa dell indirizzo di PEC dell impresa stessa.

7 La società per azioni: nozione e costituzione 83 Qual è la sorte delle operazioni compiute prima dell iscrizione? Quale atto che perfeziona la fattispecie costitutiva, l iscrizione esplica la sua efficacia sugli atti precedenti, in particolare sotto il profilo della stabilità degli effetti dell atto costitutivo. La società per azioni esiste giuridicamente solo se iscritta nel registro delle imprese: in mancanza dell iscrizione essa non esiste neppure come società irregolare o di fatto. Le conseguenze della mancata iscrizione sono le seguenti (art. 2331): la società non può emettere azioni: queste, inoltre, non possono essere oggetto di un offerta pubblica di prodotti finanziari (art. 2331, modif. dal D.Lgs. 51/2007). la società non può compiere operazioni economiche: le obbligazioni eventualmente assunte sono obbligazioni personali di coloro che le hanno assunte. Non esistendo, infatti, la società, non esiste un patrimonio sociale sul quale i creditori della società possano agire; per le operazioni compiute in nome della società prima dell iscrizione sono illimitatamente e solidalmente responsabili coloro che hanno agito. Delle operazioni compiute in nome della società anteriormente all iscrizione sono altresì solidalmente ed illimitatamente responsabili il socio unico fondatore e quelli tra i soci che, nell atto costitutivo o con atto separato, hanno deciso, autorizzato o consentito il compimento dell operazione. 6. La nullità della società Il codice civile opera una distinzione tra vizi che colpiscono l atto prima della conclusione del procedimento di costituzione e vizi che colpiscono l atto dopo l iscrizione della società nel registro delle imprese. Prima dell iscrizione la società non è ancora nata, ma esiste solo un contratto di società che produce effetti esclusivamente tra le parti. Si applica, pertanto, la disciplina generale del codice civile in materia di patologia del negozio (artt e ss.), salvo le norme dettate per i contratti associativi (artt e 1466). Dopo la registrazione, invece, non vi è solo un contratto tra le parti, ma una società dotata di personalità giuridica e in grado di stipulare contratti e assumere obbligazioni nei confronti di terzi. In caso di vizi che colpiscono una società già operante sul mercato, quindi, il ricorso alla disciplina generale del contratto non è sufficiente ad assicurare un adeguata tutela dei diversi interessi coinvolti. È per questo che il legislatore ha introdotto una disciplina ad hoc che prevede che la nullità della società può essere dichiarata solo nei casi tassativamente elencati dall art e, una volta dichiarata, non produce i normali effetti previsti dalla disciplina generale dei contratti, anche se l azione di nullità rimane imprescrittibile (art. 1422) e può essere esercitata da chiunque vi abbia interesse (la nullità può essere rilevata anche d ufficio dal giudice) (art. 1421). L art limita le ipotesi di nullità a soli tre casi: mancata stipulazione dell atto costitutivo nella forma di atto pubblico; illiceità dell oggetto sociale; mancanza nell atto costitutivo di ogni indicazione riguardante la denominazione sociale, o i conferimenti, o l ammontare del capitale sociale, o l oggetto sociale.

8 84 Capitolo 6 Ogni altra possibile anomalia dell atto costitutivo o del procedimento di costituzione, anche se consistente nella violazione di norme imperative di legge, è definitivamente sanata con l iscrizione della società nel registro delle imprese. Le cause di nullità hanno, dunque, carattere tassativo ed il relativo accertamento è rimesso all Autorità giudiziaria, con una sentenza il cui dispositivo deve contenere anche la nomina dei liquidatori. Tale dispositivo va iscritto nel registro delle imprese da parte degli amministratori della società (art. 2332, comma 6). La tassatività delle cause di nullità indicate dall art costituisce una deroga alla regola posta, per i contratti in genere, dall art (regola per la quale i casi di nullità sono virtuali e non testuali). Essa «ha lo scopo di accrescere la sicurezza giuridica nei rapporti facenti capo agli enti societari e di evitare i turbamenti che potrebbero derivare da troppo frequenti invalidazioni della società» (BOCCHINI). Quali sono gli effetti della dichiarazione di nullità dell atto costitutivo? Gli effetti della dichiarazione di nullità sono fissati dall art. 2332, che stabilisce al riguardo quattro principî che derogano alle regole generali in tema di contratti: la nullità non può esser dichiarata quando la causa di essa sia stata eliminata e di tale eliminazione sia stata data pubblicità con iscrizione nel registro delle imprese. Alla stregua della disciplina introdotta dalla riforma societaria, affinché una causa di nullità possa ritenersi sanata non è più necessaria, pertanto, la modificazione dell atto costitutivo (v. art. 2332, vecchia formulazione), essendo a tal fine sufficiente qualsiasi altro fatto idoneo ad eliminarla, purché di esso sia data adeguata pubblicità nelle forme previste dalla legge per la modifica dell atto costitutivo e dello statuto delle società per azioni. Rispetto ai principi generali occorre segnalare, invece, come l art escluda che l atto nullo possa essere in alcun modo convalidato; la dichiarazione di nullità ha efficacia ex nunc, per cui non pregiudica l efficacia degli atti già compiuti in nome della società dopo l iscrizione nel registro delle imprese. Secondo i principî generali, invece, la dichiarazione di nullità del contratto travolge i diritti acquisiti dai terzi, anche se terzi di buona fede (efficacia ex tunc). Il legislatore ha voluto escludere la retroattività della dichiarazione di nullità, partendo dal presupposto che prima di tale dichiarazione una certa attività sociale vi è stata, per cui vanno tutelati gli eventuali creditori della società poi dichiarata nulla, in applicazione del principio di tutela dell affidamento dei terzi; corollario dell irretroattività della sentenza dichiarativa della nullità è la mancata liberazione dei soci dall obbligo di conferimento fino a quando non sono soddisfatti i creditori sociali. Secondo i principî generali, invece, i soci sarebbero sciolti da ogni obbligazione derivante dal contratto e, anzi, avrebbero diritto di ripetere i conferimenti già eseguiti; la dichiarazione di nullità opera come causa di scioglimento della società, per cui la sentenza che dichiara la nullità apre la liquidazione e deve provvedere alla nomina dei liquidatori. I beni sociali, pertanto, non potranno essere ripartiti fra i soci se non dopo che i creditori della società siano stati soddisfatti. Giurisprudenza concorde, infine, ritiene che qualunque interessato, e non solo i singoli soci, possa esperire l azione di nullità ex art

9 La società per azioni: nozione e costituzione La s.p.a. con unico azionista L art. 2328, nel testo introdotto dal D.Lgs. 6/2003, precisa che la società per azioni può essere costituita per contratto o per atto unilaterale. Si normativizza in tal modo la possibilità di dar vita a s.p.a. unilaterali, adeguandosi, così, la disciplina delle s.p.a. a quella delle s.r.l. per le quali era già prevista la menzionata possibilità di costituzione unilaterale. Attualmente, quindi, sono ammesse sia le s.p.a. con un unico azionista sopravvenute, sia le s.p.a. costituite con atto unilaterale dall unico socio fondatore. In tal caso: alla sottoscrizione dell atto costitutivo deve essere versato presso una banca l intero ammontare dei conferimenti in denaro (e non il 25%); il socio unico fondatore è illimitatamente responsabile verso i terzi per le operazioni compiute in nome della società prima dell iscrizione; in caso di aumento di capitale di s.p.a. con un unico socio dovrà essere effettuato immediatamente il versamento dell intero importo. Correlativamente l art chiarisce in modo espresso che, anche in caso di costituzione unilaterale, delle obbligazioni sociali risponde soltanto la società con il suo patrimonio. La responsabilità illimitata dell unico azionista opera esclusivamente nelle ipotesi in cui: non sia stato versato l intero ammontare dei conferimenti in denaro; gli amministratori (o lo stesso socio unico) non abbiano depositato la dichiarazione di pubblicità dell unico socio presso il registro delle imprese. Si tratta di responsabilità sussidiaria, che sorge allorquando la società si trovi in stato di insolvenza, e di una responsabilità limitata nel tempo, per cui l azionista risponde soltanto di quelle obbligazioni sorte durante il periodo in cui ha posseduto l intero pacchetto azionario. La società unipersonale: adempimenti pubblicitari Onde consentire ai terzi di conoscere l eventuale struttura unipersonale della società, al fine della opponibilità del relativo regime di responsabilità, è previsto che «quando le azioni risultano appartenere ad una sola persona o muta la persona dell unico socio, gli amministratori devono depositare per l iscrizione nel registro delle imprese una dichiarazione contenente l indicazione del cognome e nome o della denominazione, della data e del luogo di nascita o lo Stato di costituzione, del domicilio o della sede e cittadinanza dell unico socio», ossia di tutti i dati identificativi di quest ultimo (art. 2362, comma 1). Analoga dichiarazione deve essere depositata quando si costituisce o si ricostituisce la pluralità dei soci (art. 2362, comma 2). Tali dichiarazioni vanno depositate, a cura degli amministratori, entro trenta giorni dalla iscrizione nel libro dei soci (art. 2362, comma 4). Se non vi provvedono gli amministratori, può provvedervi anche l unico socio direttamente. Ai fini della esclusione della responsabilità illimitata del socio unico in ipotesi di insolvenza della società, la pubblicità ha effetto ex tunc (per cui il socio recupera la responsabilità limitata anche per le obbligazioni anteriori all iscrizione avvenuta tardivamente).

10 86 Capitolo 6 Sotto il profilo oggettivo, l ultimo comma dell art contiene una prescrizione mirante a realizzare una condizione di trasparenza nei rapporti tra società ed unico socio e, al contempo, un adeguata tutela dei creditori sociali. La norma stabilisce che i contratti della società con l unico socio o, più in generale, le operazioni a favore di questi sono opponibili ai creditori della società solo se risultano dal libro delle adunanze e delle deliberazioni del consiglio di amministrazione o da atto scritto avente data certa anteriore al pignoramento. Inoltre, è previsto che la situazione di unipersonalità debba essere indicata negli atti e nella corrispondenza della società e, se del caso, nel sito internet (art. 2250, modif. dalla L. 88/2009). 8. I contratti parasociali I contratti parasociali sono quegli accordi che, in genere, si accompagnano alla stipulazione dell atto costitutivo, ma che restano pur sempre separati ed autonomi rispetto ad esso, i quali hanno lo scopo di regolare il comportamento dei soci in seno alla società. Si tratta, in pratica, di quelle convenzioni con cui due o più soci assumono impegni reciproci in ordine all esercizio dei diritti connessi alla partecipazione sociale da ciascuno posseduta. Tutti i patti parasociali hanno efficacia meramente obbligatoria: essi vincolano, pertanto, soltanto i soci che li hanno sottoscritti, con esclusione dei successivi acquirenti delle azioni e dei sottoscrittori di azioni di nuova emissione. I patti parasociali hanno trovato piena legittimazione normativa, dapprima con il D.Lgs. 58/1998, che ne ha previsto la piena giuridicità e vincolatività con riguardo alle società con titoli quotati nei mercati regolamentati, e poi con il D.Lgs. 6/2003, che ha provveduto ad una regolamentazione dei patti parasociali anche con riguardo alle società non quotate. L art. 122 del D.Lgs. 58/1998 dispone che, nelle società con azioni quotate e nelle società che le controllano, i patti parasociali, in qualunque forma stipulati ed aventi ad oggetto l esercizio del diritto di vot o, o il trasferimento delle relative azioni, o l esercizio di un influenza dominante, o di favorire o contrastare un offerta pubblica di acquisto o di scambio, ivi inclusi gli impegni a non aderire ad un offerta devono, entro 5 giorni dalla stipulazione: essere comunicati alla Consob; essere pubblicati, per estratto, sulla stampa quotidiana; essere depositati presso il registro delle imprese del luogo ove la società ha la sede legale; essere comunicati alle società con azioni quotate. L art. 123bis, comma 1, lett. g) del D.Lgs. 58/1998 prescrive un quinto adempimento pubblicitario a carico delle società quotate allorché prevede che, in una specifica sezione della relazione sulla gestione delle società quotate, vengano inserite informazioni dettagliate relative agli accordi che sono noti alla società ai sensi dell art In caso di inosservanza di tali obblighi i patti sono nulli, non può essere esercitato il diritto di voto inerente alle azioni che costituiscono l oggetto dell accordo e, qualora tale diritto venga egualmente esercitato ed i voti così espressi siano stati determinanti per il raggiungimento della maggioranza, la deliberazione è impugnabile a norma dell art Circa la durata dei patti, l art. 123 del TUF prevede per gli accordi a tempo determinato un termine massimo di tre anni. I patti sono rinnovabili alla scadenza. È altresì prevista la possibilità di negoziare patti a tempo indeterminato, salvo, in tal caso, il diritto di recesso in capo ad ogni socio contraente, con un preavviso di sei mesi.

11 La società per azioni: nozione e costituzione 87 Per le società non quotate, invece, l art. 2341bis individua i patti parasociali con riguardo a quei patti che, in qualsiasi forma stipulati, al fine di stabilizzare gli assetti proprietari o il governo della società: a) hanno ad oggetto l esercizio del diritto di voto nelle società per azioni e nelle società che le controllano (cd. sindacati o convenzioni di voto); b) pongono limiti al trasferimento delle relative azioni o delle partecipazioni in società che le controllano (cd. sindacati o convenzioni di blocco); c) hanno per oggetto o per effetto l esercizio anche congiunto di una influenza dominante su una società per azioni (cd. sindacati o convenzioni di controllo). I sindacati di voto contemplati sub a) abbracciano innanzitutto le convenzioni che regolano l esercizio del diritto di voto in assemblea, ossia le convenzioni con cui il titolare del diritto medesimo si vincola ad esercitarlo in un dato modo, o a non esercitarlo conservandone, tuttavia, la titolarità. La genericità della formula utilizzata dal legislatore autorizza, peraltro, a ritenere che nella citata categoria debbano farsi rientrare tutte quelle convenzioni che vincolano ad esercitare il diritto di voto secondo modalità diverse da quelle legali, e dunque anche i sindacati di voto aventi carattere occasionale (riferiti, cioè, solo ad una determinata assemblea), o quelli che mirano a vincolare il voto solo per un determinato tipo di delibera assembleare (si pensi ai sindacati di voto per la nomina degli amministratori). I sindacati di blocco sub b) si riferiscono, invece, a quella tipologia di accordi che contemplano, generalmente, il divieto di alienazione delle partecipazioni, con obbligo, in caso contrario, di offrire le azioni in prelazione agli altri aderenti al patto in proporzione alle azioni da ciascuno di essi possedute. Nell ambito di questa categoria vengono fatti rientrare anche i patti che vietano la costituzione di usufrutto, di pegno, o di altri vincoli sulle azioni, interpretandosi in senso ampio la nozione di trasferimento utilizzata dal legislatore. I sindacati di controllo sub c) configurano, infine, quei patti aventi ad oggetto o per effetto l esercizio anche congiunto di una influenza dominante, cioè una situazione in cui uno o più soci sono in grado di indirizzare stabilmente l attività di una società, in base ai voti esercitabili nell assemblea ordinaria oppure in virtù della titolarità di particolari vincoli contrattuali con la società. I confini indubbiamente elastici di tale ultima categoria portano a considerarla come una sorta di norma di chiusura del sistema, destinata a ricomprendere la quasi totalità delle tipologie pattizie manifestatesi nella prassi che, pur influenzando la governance e gli assetti proprietari della società per azioni, tuttavia fuoriescono dai tipi menzionati dalla legge (in particolare il problema si pone per i cd. patti di consultazione e per i cd. sindacati di gestione, ovvero quegli accordi mediante i quali gli aderenti tendono a concordare alcune decisioni gestionali strategiche, impegnandosi a far sì che gli amministratori si conformino e diano esecuzione alle scelte del sindacato). Durata e adempimenti pubblicitari dei patti parasociali Con riguardo alle sole tipologie pattizie espressamente considerate, la legge detta specifiche regole in materia di durata e di adempimenti pubblicitari. Quanto al profilo della durata l art. 2341bis limita ad una durata massima di cinque anni i contratti a tempo determinato, precisando che tale durata si riduce de iure a cinque anni ove le parti abbiano

12 88 Capitolo 6 previsto un termine maggiore. È fatta, in ogni caso, esplicitamente salva la possibilità di un rinnovo dei patti alla scadenza. Nell ipotesi in cui, invece, i patti parasociali siano stipulati a tempo indeterminato, il secondo comma dell art. 2341bis prevede che a ciascun contraente sia attribuito il diritto di recesso con obbligo di preavviso di almeno sei mesi. Relativamente, invece, al profilo della pubblicità, l art. 2341ter dispone che nelle sole società che fanno ricorso al mercato del capitale di rischio i patti parasociali devono essere comunicati alla società e dichiarati in apertura di ogni assemblea. Tale dichiarazione dovrà poi essere trascritta nel verbale dell assemblea che va depositato presso l ufficio del registro delle imprese. Dei due obblighi contemplati dall art. 2341ter, quello «comunicativo» del patto alla società e quello «dichiarativo» in apertura di assemblea, mentre il primo resta privo di sanzione, perché sanabile con la successiva dichiarazione in assemblea, il mancato adempimento di tale dichiarazione impedisce il diritto di voto ai possessori delle azioni cui si riferisce il patto. Ove poi il diritto di voto venga comunque esercitato e risulti essere stato determinante per l adozione della delibera, la stessa sarà impugnata ai sensi del novellato art La società per azioni europea Con il regolamento CE n. 2157/2001 e il D.Lgs. 188/2005 (di attuazione della direttiva 2001/86/CE) sono stati disciplinati in sede comunitaria l istituzione della società per azioni europea (SE) e il coinvolgimento dei lavoratori negli organi direttivi. Obiettivo di tali provvedimenti è quello di consentire ad imprese, intenzionate ad operare in più paesi dell Unione, di costituire una società senza ostacoli dovuti alle divergenze legislative dei vari Stati membri in materia societaria. La società europea rappresenta una tipologia di società per azioni, fondata sul diritto dell Unione europea, dotata di personalità giuridica e di operatività a carattere transnazionale. Il regolamento prevede che la costituzione della SE potrà avvenire attraverso: la trasformazione di una s.p.a. esistente; la fusione di due o più società per azioni; la creazione di una holding europea; la costituzione di un affiliata comune (se due società appartenenti all Unione Europea sono soggette alla legge di Stati membri differenti oppure hanno, da almeno due anni, un affiliata soggetta alla legge di uno Stato membro o una succursale situata in un altro Stato membro). La società per azioni europea si caratterizza per la necessaria presenza di forme di coinvolgimento dei lavoratori nella gestione, disciplinate dalla direttiva 2001/86/CE, attuata in Italia con il D.Lgs. 188/2005. Obiettivo principale di tale disciplina è impedire che tale tipo societario venga impiegato per eludere i diritti di partecipazione alla gestione dell impresa che alcuni Stati europei riconoscono ai dipendenti. Il coinvolgimento dei lavoratori può essere attuato in forme diverse: può consistere nell obbligo di consultare ed informare periodicamente o in circostanze speciali un organo di rappresentanza dei dipendenti o arrivare fino al riconoscimento del potere di nomina da parte dei lavoratori di alcuni componenti degli organi di gestione o di controllo della società (CAMPOBASSO).

13 La società per azioni: nozione e costituzione 89 Questionario 1. Quali sono le principali caratteristiche della s.p.a.? ( 1) 2. Quali sono le condizioni richieste per la costituzione della s.p.a.? ( 2) 3. Cosa accade se l atto costitutivo non è stipulato nella forma dell atto pubblico? ( 4) 4. Possono essere emesse azioni se la società non è iscritta nel registro delle imprese? ( 5) 5. Che tipo di efficacia ha la dichiarazione di nullità dell atto costitutivo? ( 6) 6. Quando ricorre la responsabilità illimitata dell unico azionista? ( 7) 7. Quali sono, ex art. 2341bis c.c., i patti parasociali e a che funzioni assolvono? ( 8) 8. Quali fini persegue la costituzione della società per azioni europea? ( 9)

14 Il capitale sociale: tutela della sua integrità e modificazioni Quali sono le conseguenze dell istituzione di un patrimonio destinato sul patrimonio della società? Chi risponde delle obbligazioni contratte per realizzare lo specifico affare? ( 4) 7. In quali casi risponde la società per le obbligazioni contratte per lo specifico affare? ( 4) 8. Quali condizioni devono essere rispettate affinchè i proventi dell operazione finanziata costituiscano patrimonio separato da quello della società? ( 4)

15 Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 9 Le modificazioni dello statuto Sommario 1. Le modificazioni dello statuto: nozione Il diritto di recesso Le modificazioni del capitale sociale: l aumento Il diritto di opzione La riduzione del capitale sociale. 1. Le modificazioni dello statuto: nozione Con l espressione modifiche dello statuto si intende, in senso tecnico, qualsia si mutamento dell originario contratto sociale (atto costitutivo o statuto), realizzato mediante l inserimento di nuove clausole o attraverso la modificazione delle disposizioni preesistenti (CAMPOBASSO). Nella società per azioni le modifiche statutarie sono, di regola, di competenza dell assemblea straordinaria, che delibera con elevate maggioranze e con particolari formalità richieste dalla legge. Per talune modifiche di particolare importanza, poi, la legge richiede una maggioranza più elevata rispetto a quella ordinariamente prescritta per la seconda convocazione, e cioè, il voto favorevole di più di un terzo dell intero capitale, anziché almeno 2/3 del capitale rappresentato in assemblea (art. 2369, come modif. dal D.Lgs. 27/2010). Si tratta, in particolare, delle delibere inerenti al cambiamento dell oggetto sociale, alla trasformazione della società, allo scioglimento anticipato, alla proroga della società, alla revoca dello stato di liquidazione, al trasferimento della sede sociale all estero e all emissione di azioni di cui al secondo comma dell art Al di fuori delle ipotesi particolari appena esaminate, l assemblea straordinaria delibera con il voto favorevole di più della metà del capitale sociale, sempre che lo statuto non richieda una maggioranza più elevata. A norma dell art. 2436, le deliberazioni che importano modificazioni dello statuto sono soggette ad iscrizione nel registro delle imprese. A tale adempimento provvede entro trenta giorni il notaio che ha verbalizzato la delibera, il quale, verificato l adempimento delle condizioni imposte dalla legge, ne richiede l iscrizione contestualmente al deposito, allegando le eventuali autorizzazioni prescritte. L ufficio del registro delle imprese, verificata la regolarità formale della documentazione, iscrive la deliberazione nel relativo registro. In deroga ai principi generali, l art. 2436, comma 5, prevede, infine, che la deliberazione di modifica statutaria non produce effetti se non dopo l iscrizione. 2. Il diritto di recesso Si è già detto come il legislatore, per la modifica dello statuto, richieda non il consenso unanime di tutti soci, bensì le speciali maggioranze prescritte per l assemblea straordinaria. A tutela delle minoranze è stato tuttavia riconosciuto dal legislatore il diritto di recesso in capo ai soci assenti o dissenzienti (e per certa dottrina anche agli astenuti: contra PESCATORE).

16 Le modificazioni dello statuto 123 La disciplina relativa al diritto di recesso del socio è stata ampiamente modificata dal legislatore della riforma nel senso di un ampliamento delle ipotesi in cui ne è consentito l esercizio. Nel tentativo di valorizzare al massimo l autonomia statutaria, l art prevede quali cause di recesso le ipotesi di mancata partecipazione del socio alle deliberazioni concernenti: la modifica dell oggetto sociale, quando consente un cambiamento significativo dell attività della società; la trasformazione della società; il trasferimento della sede sociale all estero; la revoca dello stato di liquidazione; l eliminazione di una o più cause di recesso previste dalla legge ovvero dallo statuto; la modifica dei criteri di determinazione del valore dell azione in caso di recesso; le modificazioni dello statuto concernenti i diritti di voto o di partecipazione. Si tratta di ipotesi di recesso che la legge configura come necessarie, e quindi ineliminabili per effetto di diversa disposizione statutaria. Viceversa, costituiscono cause di recesso eliminabili in sede statutaria quelle contemplate con riguardo alle delibere relative: alla proroga del termine di durata delle società; all introduzione o alla rimozione di vincoli alla circolazione delle azioni. Inoltre, se la società è costituita a tempo indeterminato e le azioni non sono quotate in un mercato regolamentato, il socio può recedere con il preavviso di almeno centottanta giorni, sempre che lo statuto non preveda un termine maggiore e comunque non superiore ad un anno. Il quarto comma dell art prevede, infine, che lo statuto delle società che non fanno ricorso al mercato del capitale di rischio può prevedere ulteriori cause di recesso. La libertà di determinare queste ulteriori cause di recesso è dunque rimessa all autonomia statutaria, ma è limitata alle sole società che non fanno ricorso al mercato del capitale di rischio. Il legislatore della riforma ha poi contemplato la possibilità che il socio receda per tutte o per parte delle sue azioni. Posto, infatti, che «la disciplina delle S.p.a. tende a porre al suo centro l azione piuttosto che la persona del socio, si è ritenuto di consentire il recesso per una parte della partecipazione, ritenendo coerente che, mutato il quadro dell operazione, il socio voglia rischiare di meno, ma continuare ad essere socio». Per quanto attiene al termine previsto per l esercizio del recesso, viene generalizzato il termine di quindici giorni dalla iscrizione della delibera nel registro delle imprese; se poi il fatto che legittima il recesso è diverso da una deliberazione, esso deve essere esercitato entro trenta giorni dalla sua conoscenza da parte del socio. Infine, il recesso non può essere più esercitato e se esercitato perde efficacia qualora la società revochi la delibera che lo legittima o sia deliberato lo scioglimento della stessa entro novanta giorni.

17 124 Capitolo 9 Il legislatore dalla riforma, oltre ad aver ampliato il novero delle ipotesi in cui è possibile esercitare il diritto di recesso, ha disciplinato analiticamente anche la fase di liquidazione della partecipazione sociale del socio recedente. L esercizio del diritto di recesso, infatti, comporta il sorgere del diritto al rimborso del valore delle proprie azioni. Determinazione del valore delle azioni I criteri di determinazione del valore di liquidazione delle azioni da rimborsare in caso di recesso sono indicati all art. 2437ter, da ultimo modificato dal D.L. 91/2014, conv. in L. 116/2014. Per l ipotesi in cui lo statuto non disponga alcunché, il legislatore ha fatto riferimento alla consistenza patrimoniale della società ed alle prospettive reddituali della stessa, quale elemento correttivo della situazione patrimoniale. Qualora, invece, siano stabiliti dallo statuto criteri diversi di valutazione, esso deve indicare gli elementi dell attivo e del passivo del bilancio che possono essere rettificati rispetto ai valori risultanti dal bilancio, unitamente ai criteri di rettifica. Il valore delle azioni è determinato dagli amministratori, sentito il collegio sindacale e il soggetto incaricato della revisione legale dei conti. Al socio recedente è concesso contestare il valore delle azioni liquidato dagli amministratori e sulla eventuale contestazione si pronuncia, entro novanta giorni dal recesso, un esperto nominato dal Tribunale. Il D.L. 91/2014 (cd. decreto competitività), conv. in L. 116/2014 ha modificato il comma 3 dell art. 2437ter con il quale vengono disciplinati i criteri di determinazione del valore delle azioni delle società quotate in caso di recesso. In particolare, viene eliminato il riferimento all utilizzo esclusivo del criterio della media aritmetica dei prezzi di chiusura di mercato nei sei mesi precedenti la pubblicazione dell avviso di convocazione dell assemblea. È stato stabilito, infatti, che gli statuti possano prevedere una diversa modalità di determinazione del valore di liquidazione purché tale valore non sia inferiore a quello che sarebbe dovuto in applicazione del criterio della media aritmetica. Infine, l ultimo comma dell art prevede, in relazione alle sole cause di recesso non derogabili dall autonomia privata, la nullità di ogni patto che escluda il diritto di recesso o ne renda più gravoso l esercizio. Come avviene il rimborso delle azioni? L art. 2437quater detta un articolata disciplina del procedimento di liquidazione delle azioni del socio recedente, al fine di evitare che l ampliamento delle cause di recesso e la più equa determinazione del valore di rimborso compromettano l integrità del capitale sociale e la tutela dei creditori sociali. Le azioni del socio che recede devono essere innanzitutto offerte in opzione agli altri soci in proporzione al numero di azioni possedute. Per la parte non acquistata dai soci possono essere collocate sul mercato. In caso di mancato collocamento presso i soci o presso terzi entro 180 giorni dalla comunicazione del recesso, le azioni vengono rimborsate mediante acquisto da parte della società, rispettando il limite degli utili distribuibili e delle riserve disponibili. Infine, solo in assenza di utili e riserve disponibili deve essere convocata l assemblea straordinaria per deliberare la riduzione del capitale sociale o lo scioglimento della società.

18 Le modificazioni dello statuto Le modificazioni del capitale sociale: l aumento Tra le modificazioni statutarie un ruolo assolutamente preminente deve essere riconosciuto alle variazioni, in aumento o in riduzione, del capitale sociale. Sia l aumento che la riduzione del capitale sociale possono essere reali o nominali. Sono reali: l aumento del capitale sociale a pagamento, in cui si ha un incremento del patrimonio della società per effetto di nuovi conferimenti; la riduzione del capitale sociale per esuberanza, con corrispondente rimborso ai soci del valore di parte dei conferimenti. Sono nominali: l aumento gratuito del capitale sociale, che viene attuato utilizzando valori già esistenti nel patrimonio della società; la riduzione del capitale sociale per perdite, che consiste nell adeguare la cifra del capitale sociale nominale all attuale minor valore del capitale reale. Per quanto in particolare concerne l aumento di capitale, questo può essere dunque di due diversi tipi: l aumento cd. a pagamento, che si attua attraverso un corrispondente aumento del patrimonio sociale, mediante il conferimento di nuove attività da parte dei vecchi azionisti o di terzi; l aumento cd. gratuito, che si realizza senza un corrispondente aumento del patrimonio sociale, mediante il trasferimento in conto capitale delle riserve e degli altri fondi iscritti in bilancio in quanto disponibili. A) L aumento del capitale a pagamento La deliberazione assembleare di aumento del capitale stabilisce lo stesso in una cifra superiore a quella esistente. Quando, aumentando il capitale, viene contemporaneamente incrementata la dotazione patrimoniale della società, si parla di aumento di capitale effettivo (o reale), oneroso (o a pagamento). Vengono emesse, in tal caso, nuove azioni a pagamento, che saranno sottoscritte dai soci attuali (ai quali, come vedremo di seguito, la legge riconosce un diritto di opzione) ovvero da terzi che acquistano così la qualità di soci. Per i conferimenti si applica la disciplina dell art. 2440, come sostituito dal D.Lgs. 224/2010. Per quanto riguarda il conferimento in natura, ai sensi dell art «se l aumento di capitale avviene mediante conferimento di beni in natura o di crediti si applicano le disposizioni degli articoli 2342, 3 e 5 comma e 2343». Il rinvio al comma 3 dell art comporta che le azioni corrispondenti ai conferimenti in natura devono essere integralmente liberate al momento della sottoscrizione. Il rinvio all art comporta la necessità della relazione giurata di stima. In materia di aumento di capitale mediante conferimento di beni in natura o crediti valutati ai sensi dell art. 2343ter (senza relazione di stima), il D.Lgs. 224/2010 ha riscritto l art. 2440, prevedendo quale elemento di sostanziale novità la possibilità di richiedere una nuova valutazione del

19 126 Capitolo 9 conferimento da parte della minoranza qualificata. Tale possibilità è circoscritta, oltre al fatto che si tratti di conferimenti di beni in natura o crediti senza relazione di stima, alla circostanza che i soci richiedenti rappresentino, e rappresentavano alla data della delibera di aumento del capitale nell ammontare precedente a detto aumento, almeno il ventesimo del capitale sociale. In presenza di queste condizioni, essi possono chiedere che si proceda, su iniziativa degli amministratori, ad una nuova valutazione ai sensi e per gli effetti di cui all art c.c. Il ritorno alla procedura di valutazione ordinaria di cui all art. 2343, quindi, può essere dovuto alternativamente: agli amministratori, se si verifica la sussistenza dei fatti di cui all art. 2343quater; ai soci, se non intendono accettare l applicazione della valutazione alternativa. Per quanto riguarda il conferimento in denaro, l art. 2439, 1comma 1, prevede che i sottoscrittori delle azioni di nuova emissione devono versare direttamente alla società (e non presso un istituto di credito) almeno il venticinque per cento del valore nominale delle azioni sottoscritte, nonché l integrale sovrapprezzo eventualmente previsto. La modifica dell atto costitutivo, conseguente all aumento di capitale a pagamento, non si produce per effetto della sola delibera, essendo necessaria altresì la sottoscrizione delle azioni. La delibera di aumento deve fissare il termine entro il quale le sottoscrizioni devono essere raccolte. La delibera di aumento del capitale La modifica dell atto costitutivo, conseguente all aumento di capitale a pagamento, non si produce per effetto della sola delibera, essendo necessaria altresì la sottoscrizione delle azioni. Sotto questo profilo, la delibera di aumento si presenta come offerta al pubblico rispetto alla quale le sottoscrizioni delle nuove azioni si presentano come dichiarazioni di accettazione della relativa proposta. La delibera di aumento deve fissare il termine entro il quale le sottoscrizioni devono essere raccolte. Le azioni di nuova emissione possono essere emesse con sovrapprezzo, cioè per un prezzo maggiore del loro valore nominale, il quale dovrà essere integralmente versato all atto della sottoscrizione (art. 2439). Anche la delibera di aumento del capitale sociale, come ogni delibera di modificazione dello statuto, deve essere iscritta nel registro delle imprese. Inoltre, nei trenta giorni dall avvenuta sottoscrizione delle azioni, gli amministratori dovranno depositare, per l iscrizione nel registro delle imprese, un attestazione che l aumento è stato eseguito. Fino a tale momento l aumento non può essere menzionato negli atti della società (art. 2444). L aumento di capitale a pagamento è normalmente inscindibile: non si realizza, cioè, quando non venga sottoscritto integralmente nel termine stabilito dalla delibera. Quest ultima, tuttavia, può disporre la scindibilità, prevedendo che il capitale aumenti comunque nella misura delle sottoscrizioni raccolte. L art stabilisce che l aumento di capitale non può essere eseguito fino a quando le azioni precedentemente emesse non siano interamente liberate (con l integrale versamento dei relativi conferimenti). La norma precisa altresì le conseguenze della violazione del divieto da essa sancito. In particolare, è affermata la responsabilità solidale degli amministratori per i danni arrecati ai soci ed ai terzi. Lo statuto può attribuire anche agli amministratori la facoltà di aumentare (in una o più volte) il capitale, fino ad un ammontare determinato e per il periodo massimo di cinque anni dalla data di iscrizione della società nel registro delle imprese (art. 2443, comma 1). Tale facoltà può essere altresì conferita mediante modificazione dello statuto, per il periodo massimo di cinque anni dalla data della deliberazione (art. 2443, comma 2).

20 Le modificazioni dello statuto 127 In questo caso deve essere, tuttavia, predeterminato l ammontare massimo entro cui gli amministratori possono aumentare il capitale sociale. Il D.Lgs. 224/2010 ha aggiunto un comma all art in cui sono state trasfuse alcune previsioni dettate dall abrogato art. 2440bis in tema di aumento di capitale con conferimenti di beni in natura e crediti senza relazione di stima delegato agli amministratori. A tal proposito è opportuno ricordare che la direttiva comunitaria recepita dal D.Lgs. 224/2010 impone di separare temporalmente la delibera di aumento dall esecuzione dei conferimenti, con ciò derogando ai principi che regolano gli aumenti di capitale. Il legislatore, in coerenza con la previsione comunitaria, piuttosto che prevedere il divieto di esecuzione del conferimento, condiziona l efficacia del conferimento stesso all inutile decorso del termine di 30 giorni dall iscrizione della delibera di aumento nel registro delle imprese entro il quale è possibile richiedere una nuova valutazione da parte della minoranza qualificata dei soci. Il verbale della deliberazione degli amministratori, redatto da un notaio, deve essere depositato e iscritto a norma dell art B) L aumento gratuito del capitale Quando il capitale viene aumentato senza che venga incrementato il patrimonio si parla di aumento gratuito o nominale. Si tratta, in sostanza, di una operazione di carattere contabile che si realizza attraverso l imputazione a capitale della parte disponibile delle riserve e degli altri fondi iscritti in bilancio. Si ha, pertanto, un aumento del capitale sociale nominale che non è accompagnato da un aumento del patrimonio della società. L aumento gratuito è, quindi, un operazione che non dà luogo a nuovi conferimenti e non determina alcun incremento del patrimonio sociale, il quale resta invariato. Non può formare oggetto di aumento gratuito la riserva legale, mentre possono senz altro essere imputate a capitale le riserve statutarie e facoltative nonché il fondo sovrapprezzo azioni. Gli strumenti con i quali si realizza tecnicamente l aumento gratuito sono due, utilizzabili alternativamente: aumento del valore nominale delle azioni in circolazione; assegnazione proporzionale gratuita ai soci di nuove azioni aventi le stesse caratteristiche di quelle già possedute. A seguito dell aumento gratuito di capitale ciascun socio conserva la stessa posizione che aveva rispetto al capitale precedente, con riferimento sia ai diritti patrimoniali, sia ai poteri sociali. La combinazione di un aumento a pagamento e di uno gratuito del capitale sociale, deliberati contestualmente ma eseguiti autonomamente o in stretta successione temporale, determina l aumento cd. misto. Se l aumento del capitale è misto: nessun problema di legittimità sorge se viene prima realizzato l aumento gratuito. Esso, infatti, è ad esecuzione immediata, per cui le riserve ed i fondi disponibili sono immediatamente imputati a capitale ed il secondo aumento, a pagamento, può validamente innestarsi su quello gratuito (che è già completamente eseguito) senza con ciò violare il disposto dell art. 2438;

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE (Modulistica Fedra e programmi compatibili) Versione 1.3 rilasciata in data 20.4.2009 Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. "(..) s.r.l.".

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. (..) s.r.l.. STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1 1. La società è denominata: Articolo 1 Denominazione "(..) s.r.l.". denominazione Articolo 2 Oggetto 2. La società ha per oggetto (..) 2. Articolo 3 Sede

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli