TOMO I PARTE PRIMA PROFILI STORICI, COSTITUZIONALI, COMUNITARI E COMPARATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TOMO I PARTE PRIMA PROFILI STORICI, COSTITUZIONALI, COMUNITARI E COMPARATI"

Transcript

1 INDICE TOMO I PARTE PRIMA PROFILI STORICI, COSTITUZIONALI, COMUNITARI E COMPARATI Capitolo I IL VIAGGIO DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO ATTRAVERSO LE CIVILTÀ NEL RAFFRONTO TRA PAESI A DIRITTO CODIFICATO E SISTEMI DI COMMON LAW di Pasquale Fava 1. La genesi della teorica del rapporto obbligatorio Le invasioni barbariche e la volgarizzazione del diritto romano delle obbligazioni Il rapporto obbligatorio nel diritto intermedio Verso le codificazioni moderne Il rapporto obbligatorio negli Stati di civil law. La codificazione prussiana (Segue) IlCode Napoléon (Segue) La codificazione austriaca (Segue) La codificazione italiana (rinvio al cap. III) (Segue) La codificazione tedesca (Segue) La codificazione svizzera Il rapporto obbligatorio negli Stati di common law. Il sistema inglese (Segue). Il sistema statunitense Capitolo II LE OBBLIGAZIONI NEL DIRITTO ROMANO di Patrizia Parisi 1. Premessa Definizione ed evoluzione storica della obligatio Causae obligationum I soggetti del rapporto obbligatorio... 84

2 VIII Indice 5. L oggetto delle obbligazioni Modi di estinzione delle obbligazioni Obligationes naturales Capitolo III IL RAPPORTO OBBLIGATORIO NELLA CODIFICAZIONE ITALIANA ALLA LUCE DEL PENSIERO DELLA SCIENZA GIURIDICA di Pasquale Fava 1. La codificazione italiana del La teoria generale dell obbligazione durante la vigenza del codice del Il rapporto obbligatorio nelle teorie pandettische tedesche Teorie pandettistiche e scienza giuridica italiana Il rapporto obbligatorio nel codice civile del La nuova teoria generale dell obbligazione italiana. Il pensiero di Ludovico Barassi (Segue) Il pensiero di Emilio Betti (Segue) Il progressivo superamento delle metodologie patrimonialiste (Segue) Il definitivo accoglimento della ricostruzione del credito come diritto soggettivo (Segue) La teoria di Michele Giorgianni (Segue) L influenza delle metodogie casistiche e della decodificazione Capitolo IV LA RIVITALIZZAZIONE COSTITUZIONALMENTE ORIENTATA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO: GLI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE, DI QUELLA DI LEGITTIMITÀ E DELLA SCIENZA GIURIDICA ITALIANA di Pasquale Fava 1. Verso una nuova teoria generale dell obbligazione costituzionalmente orientata L efficacia diretta ed indiretta delle norme costituzionali nei rapporti interprivati (la c.d. Drittwirkung) Personalismo costituzionale e rapporto obbligatorio. Solidarietà contrattuale e buona fede oggettiva (Segue) La tutela minima risarcitoria dei valori della persona umana (Segue) Il danno biologico e quello esistenziale (Segue) La decisione Maccarone (C. cost., 88/1979) (Segue) La decisione Dellandro (C. cost., 184/1986) (Segue) Le decisioni gemelle (Cass. civ., Sez. III, 8827 e 8828/2003) e la decisione Marini (C. cost., 233/03) (Segue) La costituzionalità necessaria del danno esistenzia. 198

3 Indice IX (Segue) La tesi tipizzante ed i suoi limiti (Cass. civ., ord. 25 febbraio 2008, n. 4712) (Segue) La tesi costituzionalmente orientata Capitolo V IL RAPPORTO OBBLIGATORIO NELL ASSETTO MULTILIVELLO DELLE FONTI: VERSO LA CODIFICAZIONE COMUNITARIA DEL DIRITTO PRIVATO di Pasquale Fava Sezione I RAPPORTO OBBLIGATORIO E PROMOZIONE DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELLA PERSONA NELL ASSETTO MULTILIVELLO DELLE FONTI 1. Premessa Il livello internazionale ONU La tutela parziale (senza obblighi promozionali) dei diritti fondamentali in ambito comunitario. Gli orientamenti della Corte dei giustizia (Segue) L Atto Unico Europeo ed i Trattati di Maastricht e di Amsterdam (Segue) La Carta di Nizza (Segue) Il modello tedesco La Costituzione per l Europa La Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea di Strasburgo del 12 dicembre 2007 e il Trattato di Lisbona del 13 dicembre I rapporti tra Corte di giustizia e Corte costituzionale I rapporti tra Corte di Strasburgo e Corte di Lussemburgo La permanenza della visione market-oriented dell essere umano La posizione del diritto comunitario e delle sentenze della Corte di giustizia nell ambito della gerarchia delle fonti La posizione del diritto convenzionale EDU e delle decisioni della Corte di Strasburgo nell ambito della gerarchia delle fonti Sezione II LA CODIFICAZIONE COMUNITARIA DEL DIRITTO PRIVATO E LE SORTI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO 9. Verso il diritto privato comunitario armonizzato: morte o rivitalizzazione in senso multilivello e comparato della teoria generale dell obbligazione? Le iniziative comunitarie I progetti accademici Profili di criticità della disciplina privatistica comunitaria vigente La necessità di un diritto privato comunitario costituzionalmente orientato che riaffermi l autonomia e la priorità logica dell obbligazione sul contratto

4 X Indice PARTE SECONDA PROFILI GENERALI Capitolo VI ELEMENTI COSTITUTIVI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. LE OBBLIGAZIONI NATURALI E REALI di Tullia Torresi 1. La teoria generale delle obbligazioni I diritti di credito come diritti soggettivi relativi. Il diritto potestativo La necessaria correlatività tra pretesa e obbligo. La coercibilità come carattere indefettibile del rapporto obbligatorio Le obbligazioni naturali Gli elementi strutturali dell obbligazione. La patrimonialità della prestazione. L interesse, anche non patrimoniale, del creditore I requisiti della prestazione. Possibilità e liceità La determinatezza e la determinabilità della prestazione Contenuto della prestazione. La prestazione di dare La prestazione di fare e di non fare. Le obbligazioni di mezzi e di risultato Determinatezza e determinabilità dei soggetti del rapporto obbligatorio. Le obbligazioni reali Capitolo VII LE FONTI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO di Luciana Tesauro 1. Fonte, titolo e causa del rapporto obbligatorio La tripartizione delle fonti di cui all art c.c. e il suo confronto con il modello adottato dal codice del Le principali classificazioni delle fonti del rapporto obbligatorio. Fonti legali e negoziali (Segue) fonti tipiche (Segue) fonti atipiche Le questioni processuali afferenti il riparto dell onere della prova e il cumulo dei titoli di responsabilità nel quadro dell eterogeneità delle fonti Capitolo VIII CORRETTEZZA E BUONA FEDE di Fabrizio Fedeli 1. I principi di correttezza e di buona fede nel codice civile del 1865 e del profili storici L ambito applicativo e le definizioni generali (principio di correttezza e di buona fede) Buona fede e doveri di informazione Correttezza, buona fede e diligenza (le obbligazioni di protezione o di sicurezza) Correttezza, buona fede e abuso del diritto

5 Indice XI 6. Equità, correttezza e buona fede Correttezza, buona fede e comportamento delle parti nel processo Ritardato esercizio del diritto, correttezza e verwirkung Il sindacato della Corte di Cassazione sull applicazione dei concetti di buona fede e correttezza da parte del giudice di merito Obblighi post-contrattuali di correttezza e buona fede (il diritto del curatore ad ottenere dalla banca copia della documentazione inerente alle operazioni con il fallito) PARTE TERZA L ADEMPIMENTO Capitolo IX L ADEMPIMENTO DEL DEBITORE E DEL TERZO di Vinca Giannuzzi Savelli 1. L adempimento: concetti generali Natura giuridica dell adempimento La causa solvendi e il pagamento traslativo Il debitore: la capacità di adempiere L adempimento del debitore fallito Altri soggetti legittimati al pagamento L adempimento del terzo: presupposti Natura giuridica dell adempimento del terzo e figure affini La causa dell attribuzione patrimoniale: il rapporto di provvista e la causa cd. esterna L accollo L espromissione e la delegazione Il pagamento da parte del terzo di debiti del fallito Il pagamento del terzo dichiarato fallito I soggetti legittimati a ricevere il pagamento: in particolare il pagamento al creditore incapace e al soggetto non legittimato Gli altri soggetti legittimati a ricevere il pagamento L imputazione di pagamento La prova dell adempimento Capitolo X IL LUOGO DELL ADEMPIMENTO di Rita Luce 1. Premessa Osservazioni generali I criteri di determinazione del luogo della prestazione: il titolo Gli usi e la natura della prestazione L obbligazione di consegnare una cosa certa e determinata Le obbligazioni pecuniarie

6 XII Indice 3.4. L adempimento al domicilio del debitore I pagamenti della pubblica amministrazione Capitolo XI IL TEMPO DELL ADEMPIMENTO di Iolanda Luce 1. Osservazioni generali Il computo del termine La regola della immediata esigibilità della prestazione I criteri di determinazione del termine: la determinazione del termine su accordo delle parti La determinazione giudiziale del termine Pendenza del termine La decadenza dal beneficio del termine Il termine essenziale La disciplina delle obbligazioni della pubblica amministrazione Capitolo XII IL DESTINATARIO DEL PAGAMENTO, QUIETANZA, IMPUTAZIONE di Serena Iannicelli 1. Il destinatario del pagamento La rappresentanza L indicazione L indicazione e la delegazione L approccio giurisprudenziale La legittimazione a ricevere di fonte legale L approfittamento del creditore La quietanza L efficacia probatoria della dichiarazione di quietanza L imputazione di pagamento L imputazione del creditore I criteri di imputazione legale La distribuzione dell onus probandi Capitolo XIII L ADEMPIMENTO ANOMALO di Gaetano Giuliano 1. Prestazione in luogo di adempimento, nozione e caratteri Natura giuridica Corollari Disciplina Oggetto Datio in solutum e crisi della famiglia Datio in solutum testamentaria

7 Indice XIII 1.6. Datio in solutum e azione revocatoria Datio in solutum e patto commissorio Figure affini Cessione di un credito in luogo dell adempimento. Nozione Natura giuridica Disciplina Figure affini Capitolo XIV LA MORA DEL CREDITORE di Maurizio Iacono Quarantino 1. Premessa Mora del creditore (art c.c.): definizione e fondamento giuridico Ambito di applicazione Illegittimità del rifiuto Il motivo legittimo di rifiuto L offerta della prestazione Modalità dell offerta: l offerta reale o per intimazione Conseguenze della mora (art c.c.) (Segue) Impossibilità sopravvenuta della prestazione (Segue) Interessi, frutti e utili. Il risarcimento del danno Cessazione degli effetti della mora Il deposito e gli effetti liberatori del debitore La mora del creditore con particolare riferimento al rapporto di lavoro Presupposti della mora accipiendi nel rapporto di lavoro Modalità dell offerta solenne della prestazione lavorativa Effetti della mora del datore di lavoro PARTE QUARTA L INADEMPIMENTO Capitolo XV LA MORA DEL DEBITORE di Marco Fratini 1. Il tempo dell inadempimento tra tolleranza del creditore e imputabilità del ritardo al debitore La centralità della costituzione in mora nella dinamica del rapporto tra creditore e debitore I presupposti della mora e le ipotesi in cui è necessaria la costituzione in mora La forma della costituzione in mora La natura sostanziale dell atto di costituzione in mora La costituzione in mora nelle obbligazioni solidali La mora automatica Il debito derivante da fatto illecito

8 XIV Indice 7.2. La dichiarazione del debitore di non voler adempiere L obbligazione portable Gli altri casi (non elencati) in cui non è richiesta la costituzione in mora L offerta non formale l offerta esatta della prestazione dovuta e il legittimo rifiuto del creditore La serietà e la tempestività dell offerta Gli effetti della mora sul rischio L effetto interruttivo della prescrizione La purgazione della mora e le ipotesi di interruzione e sospensione della stessa Le obbligazioni di non fare La mora della pubblica amministrazione Capitolo XVI I RITARDI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI di Mauro Bellofiore 1. Fonti nazionali e comunitarie della materia Ambito di applicazione della disciplina (Segue) Requisiti soggettivi di applicazione (Segue) Requisiti oggettivi di applicazione La mora automatica I termini di pagamento Il tasso degli interessi moratori Il Risarcimento dei costi di recupero Nullità degli accordi gravemente iniqui La tutela collettiva Capitolo XVII LA RESPONSABILITÀ PER L INADEMPIMENTO di Maurizio Iacono Quarantino 1. Responsabilità per inadempimento (art c.c.) L inadempimento ed il fondamento della responsabilità del debitore: elaborazioni dottrinarie e giurisprudenziali La teoria oggettiva La teoria soggettiva Obbligazioni generiche e pecuniarie Obbligazioni di mezzi e di risultato Orientamenti giurisprudenziali La responsabilità per inadempimento nella disciplina dei singoli rapporti contrattuali La compravendita Il mandato Il deposito I contratti bancari Il lavoro subordinato e autonomo L appalto Il comodato

9 Indice XV La locazione Il trasporto La responsabilità nelle obbligazioni negative (art c.c.) La responsabilità per fatto degli ausiliari (art c.c.) Clausole di esonero da responsabilità: a) art. 1229, comma 1, c.c. e problematiche generali: presunzione di colpa o inversione dell onere della prova? (Segue) b) esempi di clausole limitative della responsabilità: la clausola penale e la clausola di manleva (Segue) c) art. 1229, comma 2, c.c.: la limitazione di responsabilità ed il fatto degli ausiliari (Segue) d) art. 1229, comma 2, c.c.: la colpa lieve e gli obblighi di ordine pubblico (Segue) e) cause specifiche di esonero di responsabilità La mitigazione della responsabilità delle obbligazioni a titolo gratuito Obbligazioni che implicano una responsabilità aggravata del debitore. Assunzione volontaria degli elementi di rischio Impossibilità sopravvenuta: impedimenti della prestazione giudizialmente tipizzati Onere della prova Ripartizione dell onere della prova Onere della prova e richieste del creditore. L inesatto adempimento La tutela creditoria Capitolo XVIII IL RISARCIMENTO DEL DANNO di Pasquale Fuschino 1. Il danno: teorie generali La patrimonialità del danno: il danno emergente ed il lucro cessante La perdita di chance tra lucro cessante e danno emergente Danno presente e danno futuro Il danno non patrimoniale da inadempimento contrattuale Il nesso causale I danni riflessi La prevedibilità del danno L art c.c La compensatio lucri cum damno La liquidazione del danno in generale: la valutazione equitativa del danno La predeterminazione convenzionale del risarcimento del danno contrattuale: la clausola penale e la caparra confirmatoria Il risarcimento per equivalente e la reintegrazione in forma specifica Applicabilità del risarcimento in forma specifica all inadempimento contrattuale

10 XVI Indice TOMO II PARTE QUINTA L ESTINZIONE PER CAUSE DIVERSE DALL ADEMPIMENTO Capitolo XIX LA NOVAZIONE di Angela Caputo 1. I modi di estinzione dell obbligazione diversi dall adempimento Novazione oggettiva e novazione soggettiva: definizione Classificazione della novazione Natura giuridica e disciplina Rapporto tra la novazione e il contratto originario novato Opponibilità ai terzi della novazione Fonti della novazione Parti della novazione Elementi costitutivi: la volontà L animus novandi La causa L oggetto Aliquid novi La forma Gli effetti della novazione Invalidità della novazione per cause proprie Invalidità della novazione per cause derivanti dal contratto originario Natura giuridica della novazione soggettiva passiva Figure affini alla novazione Capitolo XX LA REMISSIONE DEL DEBITO di Angela Caputo 1. Nozione Natura Giuridica Struttura Remissione del debito e rifiuto del debitore Fonti della remissione Parti della remissione Volontà Causa Oggetto Forma della remissione Disciplina giuridica Le figure affini

11 Indice XVII Capitolo XXI LA COMPENSAZIONE di Diego Ragozini 1. Profili generali: nozione, natura e funzione economico-sociale Reciprocità delle obbligazioni ed autonomia delle fonti delle obbligazioni reciproche. Figure similari La compensazione legale Modalità operative e profili processuali Pluralità di crediti compensabili Legittimazione ad eccepire la compensazione Compensazione e divieti legislativi Compensazione giudiziale Compensazione volontaria Compensazione facoltativa La compensazione nel fallimento Capitolo XXII LA CONFUSIONE di Francesco Amico 1. Nozione Fattispecie ed effetti La confusione nell analisi dogmatica La confusione rispetto ai terzi Confusione e fideiusssione Confusione ed obbligazioni plurisoggettive Ipotesi nelle quali la dottrina ravvisa deroga alla regola dell effetto estintivo della confusione Capo XXIII L IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA di Maurizio Iacono Quarantino 1. Premessa La causa Idoneità ad incidere sull esecuzione della prestazione Non imputabilità In particolare: il caso fortuito e la forza maggiore Inevitabilità e Imprevedibilità L effetto. La nozione di impossibilità I requisiti dell impossibilità. L oggettività (Segue). Il requisito della sopravvenienza (Segue). Il requisito della totalità (Segue). Il requisito della definitività (Segue). Il requisito della assolutezza Le conseguenze dell impossibilità sul rapporto obbligatorio

12 XVIII Indice PARTE SESTA MODIFICAZIONI SOGGETTIVE Capitolo XXIV II PAGAMENTO CON SURROGAZIONE di Francesco Amico 1. Nozione La surrogazione nell analisi dogmatica: cenni Fattispecie Effetti della surrogazione Lineamenti generali della disciplina della surrogazione Natura giuridica della dichiarazione di surroga La surrogazione per volontà del creditore La surrogazione per volontà del debitore La surrogazione legale Art n. 1 c.c Art n. 2 c.c Art n. 3 c.c Art n. 4 c.c Art n. 5 c.c Capitolo XXV LA CESSIONE DEL CREDITO di Francesca Cappuccio 1. Modifica soggettiva attiva del rapporto obbligatorio Cessione del credito: definizione Natura giuridica Struttura del contratto Contratto consensuale ad efficacia reale Conflitto tra più acquirenti del medesimo credito e posizione del debitore Volontà Forma Oggetto Oggetto: crediti incedibili Oggetto: trasferimento degli accessori, delle azioni e delle eccezioni del credito Oggetto: consegna dei documenti Garanzie del credito ceduto Effetti della cessione Figure affini alla cessione del credito Figure affini alla cessione del credito: in particolare il factoring

13 Indice XIX Capitolo XXVI ASSUNZIONE DEL DEBITO di Paolo Giuliano 1. Assunzione del debito o cessione del debito Natura giuridica dell assunzione del debito Assunzione del debito: caratteristiche unitarie Assunzione del debito: contenuto negoziale Forma e volontà Oggetto Causa Assunzione del debito: i singoli rapporti soggettivi Capitolo XXVII DELEGAZIONE di Paolo Giuliano 1. Delegazione: definizione Natura giuridica Delegazione: struttura e contenuto negoziale Forma e volontà Oggetto Causa Delegazione di debito (promittenti) o di pagamento (solvendi) Delegazione pura o titolata Delegazione coperta o scoperta Delegazione cumulativa o liberatoria (privativa) Delegazione struttura variabile soggettiva : i singoli rapporti soggettivi Rapporto: delegante-delegato Rapporto: delegante-delegatario Rapporto: delegato-delegatario Delegazione passiva o attiva Eccezioni Estinzione della delegazione Figure affini Capitolo XXVIII ESPROMISSIONE di Paolo Giuliano 1. Espromissione: definizione Natura giuridica Espromissione struttura e contenuto negoziale Forma e volontà Oggetto Causa Espromissione di debito (promittendi) o di pagamento (solvendi) Espromissione pura o titolata

14 XX Indice 9. Espromissione coperta o scoperta Espromissione cumulativa o liberatoria (privativa) Espromissione struttura variabile soggettiva : i singoli rapporti soggettivi Rapporto: espromesso-espromittente Rapporto: espromesso-espromissario Rapporto: espromittente-espromissario Eccezioni Figure affini Capitolo XXIX ACCOLLO di Paolo Giuliano 1. Accollo: definizione Natura giuridica Accollo: struttura e contenuto negoziale Forma e volontà Oggetto Causa Accollo di debito (promittendi) o di pagamento (solvendi) Accollo puro o titolato Accollo coperto o scoperto Accollo interno (o bilaterale) ed esterno (o trilaterale) Accollo cumulativo o liberatorio (privativo) Accollo legale Accollo struttura variabile soggettiva : i singoli rapporti soggettivi Rapporto: accollato-accollante Rapporto: accollato-accollatario Rapporto: accollante-accollatario Eccezioni Figure affini PARTE SETTIMA LE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI OBBLIGAZIONI Capitolo XXX LE OBBLIGAZIONI GENERICHE di Davide Alberto Capuano 1. Generalità La distinzione con le obbligazioni alternative Il criterio di determinazione della prestazione della qualità media L alienazione di cose generiche L atto di individuazione La natura giuridica dell individuazione

15 Indice XXI 5.2. Effetti, caratteri e modalità dell individuazione La vendita di cose da trasportare da un luogo ad un altro Passaggio del rischio e responsabilità per inadempimento Rimedi per vizi e mancanza di qualità della merce Casistica La vendita di autoveicoli La compravendita di strumenti finanziari La vendita allo scoperto Le obbligazioni pecuniarie La vendita di immobili Capitolo XXXI LE OBBLIGAZIONI PECUNIARIE di Antonio Grumetto e Enrico Scelzi 1. Introduzione: nozione e caratteri Il principio nominalistico Deroghe al principio nominalistico Debiti di valuta e debiti di valore La liquidazione dei debiti di valore Casistica Conseguenze sul piano processuale della distinzione debiti di valuta-debiti di valore Il danno da inadempimento nelle obbligazioni pecuniarie Le griglie presuntive Il problema del cumulo di interessi e maggior danno Il problema del cumulo nei crediti di lavoro, previdenziali e assistenziali L obbligazione di interessi I caratteri La classificazione degli interessi Rapporti tra l articolo 1224 c.c. e 1282 c.c.: interessi moratori e corrispettivi Usura ed interessi usurari La legge 7 marzo 1996 n L anatocismo L anatocismo bancario Il pagamento con mezzi diversi dal denaro Le carte di credito La moneta elettronica Capitolo XXXII LE OBBLIGAZIONI CUMULATIVE, ALTERNATIVE E FACOLTATIVE di Maurizio Iacono Quarantino 1. Premessa Le obbligazioni cumulative Le obbligazioni alternative

16 XXII Indice 3.1. Le fonti Le singole prestazioni nell obbligazione alternativa La scelta e la concentrazione Attribuzione del potere di scelta Esercizio del potere di scelta Gli effetti della scelta L impossibilità delle prestazioni Figure analoghe alle obbligazioni alternative Le obbligazioni facoltative Capitolo XXXIII LE OBBLIGAZIONI SOLIDALI di Paolo Maggi 1. L obbligazione solidale: definizione ed analisi degli elementi essenziali Obbligazioni solidali ad «interesse comune» e ad «interesse unisoggettivo». Il problema della struttura dell obbligazione solidale La funzione della solidarietà passiva La solidarietà attiva: costituzione e funzione L obbligazione correale La disciplina delle obbligazioni solidali. La facoltà di scelta del debitore nelle obbligazioni solidali passive e quella del creditore nelle obbligazioni solidali attive Deroghe alla regola della solidarietà passiva. La divisibilità dell obbligazione tra coeredi e tra condomini Limitazioni alla regola della solidarietà passiva: l obbligazione sussidiaria Il regime delle eccezioni I rapporti interni tra debitori o creditori solidali. Il diritto di regresso e la surrogazione legale Le cause di estinzione dell obbligazione solidale diverse dall adempimento La novazione La remissione del debito La compensazione La confusione La datio in solutum L impossibilità sopravvenuta per causa non imputabile alle parti Gli atti di accertamento nelle obbligazioni solidali Il riconoscimento del debito e la confessione La transazione Il giuramento La sentenza L inadempimento La costituzione in mora La prescrizione Rinunzia al vincolo di solidarietà

17 Indice XXIII Capitolo XXXIV LE OBBLIGAZIONI DIVISIBILI E INDIVISIBILI di Paolo Maggi 1. Concetto di divisibilità e di indivisibilità dell obbligazione Indivisibilità dell obbligazione per volontà delle parti contraenti Obbligazione indivisibile con pluralità di soggetti e obbligazione solidale La disciplina delle obbligazioni indivisibili con pluralità di soggetti Obbligazioni divisibili e obbligazioni parziarie Le obbligazioni collettive PARTE OTTAVA IL REGIME DELLE OBBLIGAZIONI PUBBLICHE Capitolo XXXV LE OBBLIGAZIONI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE di Paolo Del Vecchio 1. Premessa L impatto della L. 241/1990 sul sistema Modelli provvedimentali e consensuali: accordi tra privati e pubblica amministrazione Contratti della P.A Tipologie di contratti L evidenza pubblica L avvento del codice dei contratti puublici (D.lgs. 163/2006) La scelta del contraente Aspetti problematici Stipulazione del contratto Giurisdizione Obbligazioni pecuniarie della pubblica amministrazione Peculiarità delle obbligazioni della P.A Esecuzione forzata nei confronti della P.A L adempimento Art c.c.: luogo dell adempimento Messa in mora della P.A Le novità introdotte dal D.lgs. 9 ottobre 2002 n La mora automatica Art. 1182, ultimo comma, c.c Anticipazioni di tsoreria Deroga processuale: il foro erariale Arricchimento senza causa La responsabilità dei funzionari e dei dipendenti pubblici La responsabilità civile La responsabilità amministrativa La responsabilità penale La ripetizione dell indebito Cessione del credito Gestione d affari altrui

18 XXIV Indice PARTE NONA IL REGIME INTERNAZIONALPRIVATISTICO Capitolo XXXVI IL REGIME INTERNAZIONALPRIVATISTICO DELLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI E NON CONTRATTUALI di Giorgio Gasparri Sezione I LE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI 1. Considerazioni introduttive. La Convenzione di Roma del 1980 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali Ambito di applicazione materiale. Carattere universale della Convenzione Determinazione della legge applicabile. Il criterio della volontà delle parti Limiti alla facoltà di scelta Norme di conflitto applicabili in assenza di scelta I contratti conclusi dai consumatori Norme di applicazione necessaria Esistenza e invalidità sostanziale La capacità dei contraenti I requisiti formali Sfera di applicazione della lex contractus Il meccanismo del rinvio L ordine pubblico Interpretazione e applicazione uniforme Gli scenari futuri. La Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali (Roma I). La Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 29 novembre Sezione II LE OBBLIGAZIONI NON CONTRATTUALI 1. Considerazioni introduttive. La L. 31 maggio 1995, n Regolamento (CE) n. 864/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 luglio 2007, sulla legge applicabile alle obbligazioni extracontrattuali (Roma II) Le obbligazioni ex lege. Art. 61, L. 31 maggio 1995, n La responsabilità per fatto illecito. Art. 62, L. 31 maggio 1995, n Le materie regolate dalla legge applicabile Responsabilità per danno da prodotto. Art. 63, L. 31 maggio 1995, n Le materie regolate dalla legge applicabile Gli scenari futuri. Il Regolamento (CE) n. 864/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell 11 luglio 2007, sulla legge applicabile alle obbligazioni extracontrattuali (Roma II) Le obbligazioni ex lege La responsabilità per fatto illecito Le materie regolate dalla legge applicabile Bibliografia Indice analitico

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie 1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie dettata dal codice civile, è frutto di una elaborazione

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INDICE. 8. Piano dell opera... 48

INDICE. 8. Piano dell opera... 48 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa... 1 2. Legalità, singolarità e qualificazione

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

I RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED I RIMEDI OFFERTI PATRIZIO LEOZAPPA 1. PREMESSA.

I RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED I RIMEDI OFFERTI PATRIZIO LEOZAPPA 1. PREMESSA. I RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED I RIMEDI OFFERTI DALL ORDINAMENTO GIURIDICO NAZIONALE PATRIZIO LEOZAPPA 1. PREMESSA. Il ritardo con cui la Pubblica Amministrazione provvede al pagamento

Dettagli

Legge federale di complemento del Codice civile svizzero

Legge federale di complemento del Codice civile svizzero Legge federale di complemento del Codice civile svizzero (Libro quinto: Diritto delle obbligazioni) del 30 marzo 1911 (Stato 1 luglio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto i messaggi

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Studio n. 216-2014/C La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Approvato dall Area Scientifica Studi Civilistici il 21 marzo 2014 Lo studio in sintesi (Abstract): Il presente studio si

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

STRUMENTI DI CONTROLLO DELL AUTONOMIA NEGOZIALE: IL SINDACATO GIUDIZIALE SULL EQUILIBRIO DEL CONTRATTO

STRUMENTI DI CONTROLLO DELL AUTONOMIA NEGOZIALE: IL SINDACATO GIUDIZIALE SULL EQUILIBRIO DEL CONTRATTO 3 ARGOMENTO STRUMENTI DI CONTROLLO DELL AUTONOMIA NEGOZIALE: IL SINDACATO GIUDIZIALE SULL EQUILIBRIO DEL CONTRATTO 1. Traccia Premesse brevi considerazioni sugli strumenti di controllo dell autonomia negoziale,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

S T U D I O L E G A L E L U B R A N O & A s s o c i a t i

S T U D I O L E G A L E L U B R A N O & A s s o c i a t i IL RISARCIMENTO DEI DANNI NEL SETTORE DEGLI APPALTI PUBBLICI (questioni specifiche alla luce della giurisprudenza amministrativa). ENRICO LUBRANO INTRODUZIONE. I. LA NATURA GIURIDICA DELLA RESPONSABILITA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE STORICA E DIFFUSIONE DELL ISTITUTO

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE STORICA E DIFFUSIONE DELL ISTITUTO INDICE-SOMMARIO Premessa... XI Tomo I Storia, natura, ratio e oggetto. Comunione de residuo e beni patrimoniali PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013. Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013. Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente APPENDICE DI AGGIORNAMENTO Edoardo Ghera DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013 Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente CACUCCI EDITORE 2013 proprietà letteraria riservata

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli