Allegato I al Rapporto di Attività 11 LINEE D AZIONE*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato I al Rapporto di Attività 11 LINEE D AZIONE*"

Transcript

1 Allegato I al Rapporto di Attività 11 LINEE D AZIONE* Q MIGLIORARE LA QUALITA DELL ACQUA Q1 Soluzioni per il trattamento di scarichi/scolmatori - Impianti di fitodepurazione - Aree filtro forestali Q2 Riduzione degli apporti di nutrienti in agricoltura - Le Buone Pratiche Agricole per ridurre l inquinamento diffuso Q3 Sistemi filtro per ridurre il diffuso agricolo - Le fasce tampone - Il trattamento dei reflui zootecnici con sistemi naturali Q4 La riqualificazione del reticolo minore - Interventi di incremento della capacità autodepurativa - Manutenzione della vegetazione I MIGLIORARE IL REGIME IDROLOGICO I1 Ottimizzazione della gestione del sistema idrico - Gestione di serbatoi multiuso I2 Riduzione dei prelievi dai corpi idrici - Riduzione dei consumi nel settore civile - Riduzione dei consumi nel settore agricolo * Il presente elaborato è riadattato da uno degli allegati del Piano Strategico dell Autorità di Bacino del fiume Po. Sono riportate solo le linee di azione di interesse per il contesto della Val Brembana

2 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Cosa sono? Quali sono le principali tipologie? Quali sono i principali campi di applicazione? La fitodepurazione per le piccole utenze civili La fitodepurazione per il trattamento delle acque meteoriche e degli scolmatori di rete mista La fitodepurazione per il post-trattamento dei grandi depuratori Per saperne di più

3 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Cosa sono? Un sistema di fitodepurazione è in pratica un ecosistema umido artificiale, in cui le varie componenti (piante, animali, microrganismi, terreno, radiazioni solari) contribuiscono alla rimozione degli inquinanti presenti nelle acque di scarico. L'applicazione di sistemi naturali costruiti (constructed wetlands) per il trattamento delle acque di scarico rappresenta ormai una scelta ampiamente diffusa nella maggior parte del mondo. Il termine fitodepurazione è spesso utilizzato in modo improprio per descrivere impianti più o meno convenzionali e in cui le piante non hanno un ruolo realmente attivo nei processi depurativi. Distribuzione geografica degli impianti di fitodepurazione in Italia (Masi, 2002)

4 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Quali sono le principali tipologie? Le tecniche di fitodepurazione possono essere classificate in base alla prevalente forma di vita delle macrofite che vi vengono utilizzate (Brix 1993): Sistemi a macrofite galleggianti (Lemna, Giacinto d acqua,...); Sistemi a macrofite radicate sommerse (Elodea,..); Sistemi a macrofite radicate emergenti (Fragmiti, Tife, ecc.); Sistemi multistadio: combinazioni delle tre classi precedenti tra loro o con interventi a bassa tecnologia come, ad esempio, i lagunaggi. I sistemi a macrofite radicate emergenti possono subire una ulteriore classificazione dipendente dal cammino idraulico delle acque reflue Sistema a flusso sommerso orizzontale (SFS - h o HF) Sistema a flusso sommerso verticale (SFS - v o VF) Sistema a flusso superficiale o a flusso libero (FWS) Sistema a flusso superficiale o a flusso libero (FWS) Sistema a flusso sommerso orizzontale (SFS - h o HF) Sistema a flusso sommerso verticale (SFS - v o VF)

5 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Quali sono i principali campi di applicazione? I sistemi di depurazione naturali delle acque reflue possono essere applicati a tipologie di reflui molto differenziati tra loro (civili, industriali, agricoli, percolato di discariche, ecc.), sia come trattamenti secondari che terziari (post-trattamenti). Rispetto a sistemi convenzionali garantiscono: minori costi di realizzazione e di gestione; minori fabbisogni energetici; maggiore flessibilità rispetto al carico inquinante in ingresso; buon inserimento paesaggistico - ambientale.

6 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE La fitodepurazione per le piccole utenze civili Il ricorso a impianti di fitodepurazione a servizio dei centri urbani di piccole dimensioni (fino a poche migliaia di abitanti) e delle case sparse è sempre più diffusa. Un impianto di fitodepurazione ben progettato permette un ottimo trattamento degli scarichi domestici e richiede gestione e manutenzione molto modeste. La sua applicazione agli scarichi di piccoli centri di taglia compresa tra 500 e 5000 a.e. ha dato ottimi risultati, a fronte di costi di gestione inferiori di 5-6 volte rispetto agli impianti tradizionali, permettendo in tal modo il trattamento dei reflui in situ secondo una logica di decentralizzazione del sistema depurativo. A Dicomano (FI, 3500 abitanti) è in funzione il più grande impianto di fitodepurazione per il trattamento secondario di scarichi civili. Celle sul Rigo (SI, 620 abitanti): attraverso i terrazzamenti è possibile realizzare impianti di fitodepurazione anche in collina. Dozza Imolese (BO, 120 abitanti): realizzato nell ambito di un progetto Life.

7 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE La fitodepurazione per il trattamento delle acque meteoriche e degli scolmatori di rete mista Le acque meteoriche di dilavamento di qualsiasi superficie raccolgono, durante il loro tragitto, una certa quantità di materiali solidi e organici depositati, dando luogo a concentrazioni di inquinanti significative e in alcuni casi superiori ai limiti allo scarico previsti per le acque reflue dalla normativa vigente. Le zone umide applicate per il trattamento delle acque meteoriche (o delle acque scaricate attraverso gli sfioratori di piena delle reti miste) sono generalmente costituite da sistemi seminaturali a flusso libero superficiale, e più raramente, a flusso subsuperficiale orizzontale, con elevati tempi di ritenzione in virtù dell'alimentazione discontinua legata all'accadimento degli eventi di pioggia. Schema d impianto per il trattamento di acque di dilavamento. Sistema di depurazione naturale a flusso libero per il trattamento delle acque di dilavamento di un centro commerciale. Sistema di fitodepurazione a flusso libero per il trattamento delle acque meteoriche di raccolta dei tetti e dei parcheggi del Centro Ecologico Ambientale di Rispescia (CEA).

8 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE La fitodepurazione per il postrattamento dei grandi depuratori La realizzazione di sistemi di fitodepurazione a valle degli impianti di depurazione convenzionali, permette di: migliorare ulteriormente la qualità degli scarichi (rimuovendo ulteriormente BOD, azoto e batteri); tamponare eventuali malfunzionamenti dell'impianto a monte (una delle cause del degrado dei corpi idrici); accumulare l'acqua trattata per un eventuale riutilizzo. Ad oggi l impianto di Jesi (AN) rappresenta il più grande sistema di post-trattamento realizzato in Italia ( AE). L impianto di tipo misto (Fanghi attivi + HF + FWS + riutilizzo) tratta l effluente un impianto biologico a fanghi attivi dimensionato per una portata media giornaliera pari a m3/d.

9 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Per saperne di più sugli aspetti generali e sull efficacia depurativa Vymazal J., Brix H., Cooper P.F., Green M.B., Haberl R., eds., Constructed wetlands for wastewater treatment in Europe. Backhuis Publishers, Leiden. - ISBN Kadlec R.H., Knight R.L. 1996, "Treatment wetlands", Lewis Publisher - CRC, Boca Raton. - ISBN Cooper P.F., Reed Beds & Contructed Wetlands for wastewater treatment, WRc Pub., Swindon, UK. - ISBN Reed S.C., Crites R.W., Mittlebrooks E.J., "Natural systems for waste management and treatment" 2 nd. Ed. Mc Graw Hill, inc. N.Y. - ISBN sugli aspetti progettuali Linee guida APAT scaricabili a (http://www.artecambiente.it/pdf/apat.pdf) IWA Specialist Group on Use of Macrophytes in Water Pollution Control, Constructed Wetlands for Pollution Control: Processes, Performance, Design and Operation. Scientific and Technical Report n.8. IWA Publishing, London. - ISBN

10 Q1 AREE FILTRO FORESTALI Tra i diversi campi di utilizzo di aree o fasce boscate per la riduzione degli inquinanti veicolati ai corpi idrici, oltre al ben noto utilizzo ai fini della riduzione dell inquinamento diffuso (fasce tampone boscate), ha preso forza, soprattutto negli ultimi anni, l idea di un loro utilizzo per il postrattamento di fonti puntuali di inquinamento quali, in particolare, i reflui in uscita da impianti di depurazione (sia di tipo convenzionale che di fitodepurazione). La logica che sottende a questo tipo di soluzione è la seguente: invece di scaricare direttamente i reflui nel corpo idrico accettore (impattandolo spesso in modo significativo) è possibile sfruttare i reflui (preventivamente trattati) come fertilizzante attraverso l irrigazione di superfici forestali sfruttabili prevalentemente per la produzione di biomassa legnosa.. Tali aree possono venire irrigate sia con sistemi a scoline sia con irrigazione a goccia; in questo secondo caso si tratta in genere di impianti ad evapotraspirazione totale e quindi privi di reflui in uscita. Impianto di Enköping (Svezia): in primo piano l impianto di depurazione convenzionale, al centro le vasche di accumulo e decantazione, sullo sfondo le estese aree filtro forestale a salice irrigate con i reflui del depuratore.

11 Q4 MANUTENZIONE DELLA VEGETAZIONE Gestione della vegetazione spondale Gestione della vegetazione in alveo

12 Q4 MANUTENZIONE DELLA VEGETAZIONE Gestione della vegetazione spondale Sia nei corsi d'acqua naturali che nei canali di bonifica soggetti a periodici interventi di manutenzione della vegetazione è possibile garantire una buona naturalità del corso d'acqua adottando tecniche di manutenzione idonee a preservare il più possibile la vegetazione spondale, il cui ruolo in termini di azione tampone risulta determinante. Le maggiori difficoltà stanno nel conciliare questa nuova esigenza con le più consolidate pratiche monoobiettivo di garantire la massima officiosità idraulica. La soluzione consiste nell adottare piani di manutenzione idonei (scelta dei periodi e delle tecniche) e utilizzare macchine per la manutenzione adattate per poter effettuare gli interventi ritenuti necessari senza eliminare la vegetazione spondale. Gli altri aspetti da considerare con attenzione sono: quando serve davvero intervenire (spesso è inutile e si interviene comunque per ragioni poco chiare); Adottare piani di intervento a lungo termine che rendano sempre meno indispensabile la manutenzione (allargare sezioni...) Alcuni spunti per effettuare la manutenzione della vegetazione spondale preservandola il più possibile. A) B) C) Alcuni esempi di gestione (buona e cattiva) della vegetazione spondale: Piantumazione di alberi nella banchina interna all argine; Taglio selettivo di della vegetazione; Manutenzione classica con taglio a raso.

13 Q4 MANUTENZIONE DELLA VEGETAZIONE Gestione della vegetazione in alveo Anche nei tratti dove non sia possibile realizzare interventi di diversificazione morfologica del tracciato e di ampliamento della sezione, è possibile prevedere di asportare solo parzialmente la vegetazione erbacea in alveo, creando dei canali di corrente sinuosi, senza che questo porti a peggioramenti eccessivi della funzionalità idraulica (non si ha un eccessivo incremento dei livelli sia per la creazione di canali preferenziali in cui aumenta la velocità di corrente, sia per la possibilità della vegetazione di flettersi). La creazione di un ambiente più diversificato, con zone a deflusso lento e zone a deflusso rapido, può comportare un certo beneficio (la cui entità va valutata sulla base di portata, concentrazioni di inquinanti, tempi di ritenzione, tipo di vegetazione che si instaura, ecc ) in termini di incremento del potere autodepurante. Sopra: manutenzione della vegetazione in alveo finalizzata a preservare quella posta al piede di sponda: intervento e risultato. (Consorzio di Bonifica Dese Sile). A destra: rappresentazioni schematiche della modalità di gestione della vegetazione in alveo mediante la creazione di un canale sinuoso realizzato preservando alcuni nuclei di vegetazione spondale ai piedi di sponda; si osservi come l abbassamento dei livelli non sia direttamente proporzionale alla parte di sezione che viene sfalciata (A,B,C,D); va considerata, infatti, anche la capacità della corrente di flettere la vegetazione.

14 I AZIONI MIGLIORARE IL REGIME IDROLOGICO I1 Ottimizzazione della gestione del sistema idrico Gestione di serbatoi multiuso I2 Riduzione dei prelievi dai corpi idrici Riduzione dei consumi nel settore civile Riduzione dei consumi nel settore agricolo

15 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Perché multiuso? Il problema della gestione Cos è una politica di gestione? Lo schema informativo DSS e ottimizzazione Per saperne di più

16 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Perché multiuso? Si definiscono serbatoi idrici sia gli invasi artificiali, creati da un apposito sbarramento (diga), sia i laghi naturali regolati, cioè dotati di un opera di regolazione dei deflussi. La funzione essenziale di un serbatoio idrico è quella di modificare il regime idrologico nel modo desiderato e di accumulare energia potenziale alzando il livello (carico idraulico) e accumulando un volume idrico da utilizzarsi nei momenti più convenienti. Generalmente un serbatoio idrico, anche se originariamente è stato realizzato per uno scopo (ad esempio gli invasi per la produzione idroelettrica), viene poi sfruttato con differenti finalità (tipicamente, la riserva idrica di un serbatoio idroelettrico viene poi usata anche a fini irrigui): per questo motivo si definisce multiuso o multiobiettivo. Alcuni differenti usi, che una riserva idrica di un invaso può soddisfare, sono: approvvigionamento irriguo; approvvigionamento idropotabile; laminazione delle piene; produzione di energia idroelettrica; fruizione turistica (del lago e/o del fiume a valle). Inoltre, non va dimenticato che una certa quantità d acqua è indispensabile per la sopravvivenza degli ecosistemi presenti nei corsi d acqua a valle dei serbatoi. Possibili utilizzi della risorsa idrica: fruizione (relax, pesca, canoa, rafting), irrigazione agricola, produzione di energia elettrica, vita degli ecosistemi acquatici.

17 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Il problema della gestione Gli invasi artificiali, come anche i laghi naturali regolati (Lago di Como, Maggiore, ecc.), sono dotati di apparati (paratoie e/o valvole) che permettono di decidere, entro certi limiti, quanto portata rilasciare in uscita. Il problema della gestione di un serbatoio idrico multiuso è proprio il problema di decidere quanto rilasciare in uscita in funzione delle informazioni disponibili e degli obiettivi stabiliti; obiettivi ed usi che, generalmente, sono tra loro conflittuali, ovvero non è possibile soddisfarli al meglio tutti. Il problema gestionale (ma anche quello pianificatorio) nasce quindi difficile perché nel caso migliore si riuscirà solo a trovare un buon compromesso tra gli obiettivi in gioco (e quindi tra gli utilizzatori), ma quasi certamente mai si riuscirà a soddisfarli tutti al massimo. Un esempio di lago artificiale (Lago di Zoccolo, Val d Ultimo, Bolzano) Gestione diversa in funzione dell obiettivo Per il controllo delle piene a valle di un invaso, la miglior gestione consiste nel cercare di tenere l invaso sempre vuoto in modo da essere pronto a ricevere e invasare solo le piene (anzi il picco) che, altrimenti, farebbero danni a valle. Occorre quindi rilasciare sempre il massimo possibile. Per l utente irriguo, invece, conviene rilasciare solo il minimo indispensabile (ovvero una portata pari alla domanda irrigua) e invasare tutto il resto per accumulare così un volume di riserva per le esigenze irrigue future: insomma, cercare di riempire il serbatoio il più possibile. Addirittura potrebbe convenire azzerare il rilascio in determinati periodi. Per la produzione idroelettrica conviene in genere non far scendere l invaso sotto un livello ottimale piuttosto elevato (la produzione di energia, infatti, aumenta all aumentare del carico idraulico, cioè del livello della superficie dell acqua nel serbatoio), aumentando o diminuendo il rilascio in funzione dell afflusso e del conseguente livello.

18 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Cos è una politica di gestione? La soluzione di un problema gestionale, una volta stabiliti gli obiettivi e la priorità tra essi, è una particolare politica di gestione. La politica di gestione (o di regolazione ) di un serbatoio è, infatti, la regola che dice quanto rilasciare in funzione delle informazioni disponibili in quel momento (prima fra tutte il periodo in cui ci si trova). Questa regola è più propriamente detta politica di gestione a sottolineare che essa è frutto anche di una scelta di compromesso tra gli obiettivi che si vogliono perseguire. In ogni caso, politiche di gestione differenti determineranno, in un dato periodo di riferimento e a parità di variabili in ingresso, livelli di soddisfazione differenti, anche radicalmente. Cos è in pratica una politica di gestione? Nella pratica una politica di gestione può essere espressa da un testo, da grafici, tabelle, formule o da un insieme di algoritmi di calcolo che possono anche essere eseguiti ad ogni passo decisionale da specifici software (si parla in questo caso di controllo in linea o in tempo reale ), utilizzabili attraverso un Sistema di Supporto alle Decisioni (DSS). Perché una regola e non direttamente la quantità da rilasciare (portata in uscita)? Perché si sta trattando un sistema non deterministico (cioè affetto da incertezza) il cui futuro non è prevedibile con certezza a causa, essenzialmente, della variabilità aleatoria dei fenomeni idro-meteorologici, ma anche di altri fattori (per es. l andamento dei prezzi dei prodotti agricoli e quindi delle decisioni di cosa piantare e quindi della domanda irrigua). Non si può quindi decidere a priori quanto si rilascerà, bensì quanto si rilascerà se succederà questo e quello.

19 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Lo schema informativo Fondamentale, per poter affrontare un problema gestionale è lo schema informativo, cioè specificare quale informazione si assume essere disponibile ad ogni passo in cui va presa una decisione. Lo schema offre una rappresentazione concettuale del sistema considerato (tipica di discipline come la Teoria dei sistemi e il Controllo dei processi). Nello schema informativo il sistema è rappresentato da una serie di blocchi (le componenti del sistema), nei quali entra o esce qualcosa (in gergo ingressi e uscite ). Gli ingressi possono essere variabili controllabili (ad es. le decisioni) o aleatorie (ad es. le condizioni meteorologiche) e le uscite sono tipicamente lo stato modificato di quella componente (in gergo le risposte ). Lo schema più banale, ma molto utilizzato, detto piano temporale delle erogazioni, è illustrato nella figura 1. Il serbatoio idrico riceve in ingresso una variabile non controllabile (l afflusso a dal bacino di monte, che dipende da quanto piove) e una controllabile (la decisione di rilascio r, in quell istante di tempo). Va notato che la decisione entra nel blocco, anche se, fisicamente, si concretizza in acqua che esce. Questa decisione di rilascio (r) è l uscita di un altro blocco, quello decisionale, che rappresenta la persona, ente, od organismo che gestisce il serbatoio: per farlo, dispone, in questo schema, solo di un informazione: l istante di tempo t in cui si trova (decide, cioè, in funzione della stagione, mese o giorno in cui si trova). Come risposta a questi ingressi, il serbatoio, al prossimo passo decisionale, si troverà in uno stato modificato (il suo volume v ). Le uscite del sistema complessivo considerato (stato v e rilascio r) determinano la soddisfazione degli utilizzatori (o il grado di raggiungimento degli obiettivi): per esempio, l energia idroelettrica prodotta è data proprio dal prodotto di queste due variabili (a meno di altri fattori correttivi come il rendimento). Un differente schema ( rivoluzionario in confronto al precedente) è rappresentato nella figura 2. Qui il decisore conosce e considera anche il volume invasato nel serbatoio (v). Moltissimi serbatoi sono di fatto gestiti con uno schema informativo di questo tipo, secondo una particolare politica di gestione ( regola operativa ) che sostanzialmente dice di mantenere un definito volume invasato (o, meglio, specifica una formula, o grafico o tabella, che determina il rilascio in funzione del volume invasato). Ovviamente lo schema può essere raffinato, aggiungendo altre componenti: per esempio la suddivisione della portata rilasciata tra eventuali utenti plurimi di valle (la cui soddisfazione può essere eventualmente usata dal decisore) o il blocco bacino idrografico nel quale entrano le variabili metereologiche. Figura 1 Figura 2

20 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO DSS e ottimizzazione La definizione di una qualsiasi politica di gestione non può essere fatta a mano, ma deve invece essere il frutto della risoluzione di un problema di ottimizzazione, che richiede la gestione di una enorme mole di informazione. Un problema complesso come quello della gestione dei serbatoi multiuso richiede, infatti, un approccio sistemico (visione sintetica e razionale degli elementi): una rappresentazione concettuale, la formalizzazione (in modelli e algoritmi) e la codifica e implementazione in programmi di calcolo (software) del sistema e delle sue problematiche. È quindi estremamente utile avere a disposizione uno strumento informatico da utilizzare durante le fasi del processo decisionale, comunemente chiamato DSS (Decision Support System Sistema di Supporto alle Decisioni),che moltiplica le capacità di analisi e di valutazione del decisore. Il DSS è un complesso hardware/software, costituito da un base dati, una serie di modelli (modelli di simulazione che permettano di considerare e valutare le diverse alternative di gestione) e una interfaccia utente. Un DSS organizza l informazione, la rende accessibile, verificabile, aggiornabile ed utilizzabile in un ampio spettro di strumenti modellistici, dai più noti (es. foglio Excel) ai più innovativi o specifici (es. un modello di ottimizzazione creato ad hoc). E invece di sfornare la soluzione definitiva, assiste i decisori... nel prendere una decisione.

21 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Per saperne di più Soncini-Sessa R., Rizzoli A., Villa L., Weber E., 1999a. Twole: a software tool for planning and management of water reservoir networks. Hydrological Sciences Journal, 44(4): Soncini-Sessa R., Canuti D., Colorni A., Laniado E., Losa F., Rizzoli A., Villa L., Vitali B., Weber E., 1999b. Use of Multi-criteria Analyisis to Resolve Conflicts in the Operation of a Transnational Multipurpose Water System, The Case of Lake Verbano (Italy-Switzerland). Water International, 25(3): Soncini-Sessa R., Castelletti A, Weber E., A DSS for Planning and Managing Water Reservoir Systems. Environmental Modelling & Software, 18: Soncini-Sessa R., 2004a. Pianificazione e gestione delle risorse idriche: MODSS per decisioni integrate e partecipate. McGraw-Hill, Milano. Soncini-Sessa R., 2004b. Pianificazione e gestione delle risorse idriche: modellistica integrata e decisioni partecipate in pratica: il progetto Verbano. McGraw-Hill, Milano. De Carli A., Massarutto A., Paccagnan V., La valutazione economica delle politiche idriche: dall efficienza alla sostenibilità. Economia delle Fonti di Energia e dell'ambiente, 1-2/2003 Nardini A., Montoya D., Remarks on a Min-max Optimization Technique for the Management of a Single Multiannual Reservoir Aimed at Hydroelectric Generation and Water Supply. Water Resources Research, 31 (4):

22 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Di cosa si tratta? Il risparmio tra le mura domestiche Le acque reflue come risorsa L utilizzo dell acqua di pioggia Il progetto AQUASAVE L esempio di Berlino

23 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Di cosa si tratta? Nel settore civile sono molteplici gli utilizzi indiscriminati della risorsa idrica. Acqua prelevata da fonti pregiate (come falde profonde o sorgenti) viene utilizzata in attività che non richiedono acqua di buona qualità: per esempio, in ambito cittadino, viene utilizzata acqua di acquedotto per il lavaggio strade o i lavaggi auto e anche la maggior parte del consumo domestico è dovuto ad usi, come lo scarico del WC o la lavatrice, che non richiedono necessariamente l'utilizzo di acqua potabile. Numerosi, inoltre, sono gli sprechi, spesso evitabili con facili accorgimenti o sostituzioni non onerose: rubinetti che perdono, elettrodomestici abusati (lavatrici e lavastoviglie), innaffiatura nelle ore in cui è massima l evapotraspirazione. Infine, non viene considerato il riutilizzo dell acqua di pioggia (che, non raccolta, diventa un pericolo sommandosi al deflusso negli eventi di piena invece che una risorsa), e la separazione e riuso delle acque grigie (utilizzabili, per esempio, per lo scarico dei WC).

24 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Il risparmio tra le mura domestiche Gli sprechi d acqua all interno degli edifici sono dovuti prevalentemente all abuso di elettrodomestici (spesso di vecchia generazione) e alla presenza di materiali per l erogazione (rubinetterie) non idonei. I principali sistemi di risparmio che si possono installare in casa sono: - sistemi di scarico WC che richiedono solo 3-4 litri di acqua contro i 9-15 litri dei sistemi tradizionali, dotati di cassette a doppio pulsante e possibilità di interrompere lo scarico quando non è richiesto un elevato volume; - lavatrici che richiedono solo 60 litri contro i 100 litri per ciclo utilizzati per il tradizionale lavaggio degli indumenti; - lavastoviglie che richiedono 14 litri contro i 20 litri per ciclo utilizzati per il tradizionale lavaggio dei piatti; - rubinetti dotati di sistema di iniezione di aria nell'acqua (frangigetto), che riducono i consumi del 30-50%; - rubinetti monocomando e rubinetti termostatici, che miscelano l'acqua fredda e calda e consentono un sensibile risparmio idrico in quanto evitano le continue correzioni di temperatura. Inoltre, nei servizi pubblici (ristoranti, alberghi, scuole...), possono essere previsti rubinetti con il temporizzatore, che forniscono acqua con una portata ed un tempo prefissati e si chiudono automaticamente senza interventi manuali. Sistemi di erogazione per il risparmio d acqua: rubinetto con temporizzatore, rubinetto monocomando e rubinetto termostatico. Sistemi frangigetto per il controllo della portata erogata.

25 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Le acque reflue come risorsa Le acque grigie (provenienti da docce, lavabi, lavatrice) possono essere raccolte, per mezzo di una rete appositamente dedicata, immagazzinate e (dopo un trattamento elementare, ad es. filtrazione) riutilizzate per alimentare i WC ed altri usi poco esigenti in termini di qualità, permettendo così un notevole risparmio idrico. Il risparmio idrico, però, non è l unico motivo per tenere separate le acque grigie dalle acque nere: la separazione, infatti, facilita molto la gestione e la depurazione degli scarichi. Possibile schema della suddivisione degli scarichi di un abitazione in acque nere e grigie, e riutilizzo della componente grigia. (Illustrazione: IRIDRA) Schema di riutilizzo delle acque grigie all interno dell abitazione (litri pro capite al giorno). (Illustrazione: G. Conte, su dati IRIDRA)

26 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE L utilizzo dell acqua di pioggia Le acque piovane ricadenti sulle coperture delle edifici (figura a lato) possono essere raccolte da cisterne posizionate sui tetti, oppure da sistemi assorbenti quali i tetti verdi. Tali acque, dopo essere state filtrate e disinfettate, possono venire impiegate nelle lavatrici, nelle lavastoviglie e per gli scarichi dei WC. Oltre al risparmio idrico, l'utilizzo di acqua piovana per questi usi ha anche altri vantaggi: l'acqua piovana ha infatti la caratteristica di una bassa durezza e richiede quindi un consumo inferiore di detersivi, contribuendo così a ridurre anche l'inquinamento delle acque di scarico. Le acque piovane ricadenti sul suolo, invece, possono essere raccolte tramite vari sistemi drenanti, quali i canali filtranti e i parcheggi drenanti. Risulta evidente che, mentre le acque piovane ricadenti sulle coperture sono generalmente di buona qualità e quindi necessitano di trattamenti minimi per il riutilizzo, le acque di pioggia che dilavano superfici quali strade o parcheggi contengono*, invece, inquinanti legati al traffico veicolare, ed è quindi necessario sottoporle ad un adeguato trattamento prima del riuso e utilizzarle per attività che richiedono bassa qualità (lavaggio strade o irrigazione giardini). Dove c è disponibilità di spazio, possono essere realizzati dei volumi di accumulo delle acque di pioggia (indipendenti dalla rete fognaria), tali da consentire il successivo riuso. Un buon esempio di riutilizzo dell acqua di pioggia è quello realizzato a Berlino. * In particolare risultano contaminate le acque di prima pioggia

27 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Il progetto AQUASAVE Il Progetto "Aquasave" (Progetto Life 97) - completato nell'autunno del 2000 è stato realizzato con il coordinamento di ENEA, in collaborazione con il Comune di Bologna e con il cofinanziamento dell'unione Europea. In un edificio residenziale di 8 appartamenti abitati da 22 persone sono state sperimentate una serie di tecniche che consentono la riduzione dei consumi dell'acqua, a parità di confort e prestazioni. Il progetto ha dimostrato che si possono ridurre i consumi di acqua potabile del 50% utilizzando soluzioni tecnologiche che permettono il risparmio, il riuso dell'acqua piovana e il riciclo delle acque grigie.

28 I2-R1 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE L esempio di Berlino Un buon esempio di applicazione di nuove soluzioni "eco-compatibili" è quello di Berlino: si tratta sia di grandi interventi di riqualificazione urbanistica (Potsdamer Platz) che di piccoli interventi edilizi su singoli edifici (Lankwitz). Nella centralissima Potsdamerplatz è stato realizzato un sistema di nuovi canali e zone umide di diverse migliaia di metri quadri, che, oltre a creare un piccolo "parco" urbano nel centro di Berlino, è un grande serbatoio in grado di accumulare oltre 4000 m 3 di acque di pioggia, cui si aggiungono alcune centinaia di metri cubi che vengono immagazzinati nei tetti verdi degli edifici. In pratica per eventi meteorici ordinari, il 100% dell'acqua piovana che cade sull'area di Potsdamer Platz (diversi ettari) viene immagazzinato e, purificato attraverso un sistema di fitodepurazione perfettamente inserito nel paesaggio urbano, riutilizzato per fontane pubbliche e per lo scarico dei WC di alberghi e ristoranti della zona. A Berlin-Lankwitz, un quartiere periferico, si è intervenuti su una piccola area ( m 2 di superficie impermeabilizzata, di cui 63% costituita da tetti, 35% cortili interni e marciapiedi e 12% superfici stradali). Le acque di pioggia sono accumulate in una cisterna da 190 m 3 e da qui, depurate in un semplice filtro vegetato (istallato all'interno dell'edificio) seguito da un trattamento di disinfezione a UV. Le acque così trattate forniscono acqua per lo scarico dei WC e per l'irrigazione dei giardini di 80 appartamenti e 6 negozi, per un totale di circa 200 abitanti. Interventi realizzati nel quartiere di Berlin-Lankwitz, nella periferia di Berlino. La progettazione della Potsdamerplatz nel centro di Berlino.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Art. 73 Finalità 1. Le disposizioni di cui alla presente sezione definiscono la disciplina generale per la tutela

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima.

L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima. L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima. Epigrafe Premessa Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Art. 5, All. III, All. VII, parte A, punto 6 e parte B, punto 1 della Direttiva 2000/60/CE e All. 10, All. 4, parte A, punto 6, alla parte terza del

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita.

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Dossier 2003 Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Introduzione L acqua è l elemento vitale per la sopravvivenza del nostro pianeta e la corretta gestione delle risorse idriche è la sfida

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

natur. ACQUA WATER EXHIBITION.

natur. ACQUA WATER EXHIBITION. natur. ACQUA WATER EXHIBITION. LA LOCATION: AMBIENTEPARCO, A BRESCIA. Immagina un area verde immersa placidamente nel cuore di una città antica. Immagina di poterla vivere assaporandone il relax e la quiete,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli