Allegato I al Rapporto di Attività 11 LINEE D AZIONE*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato I al Rapporto di Attività 11 LINEE D AZIONE*"

Transcript

1 Allegato I al Rapporto di Attività 11 LINEE D AZIONE* Q MIGLIORARE LA QUALITA DELL ACQUA Q1 Soluzioni per il trattamento di scarichi/scolmatori - Impianti di fitodepurazione - Aree filtro forestali Q2 Riduzione degli apporti di nutrienti in agricoltura - Le Buone Pratiche Agricole per ridurre l inquinamento diffuso Q3 Sistemi filtro per ridurre il diffuso agricolo - Le fasce tampone - Il trattamento dei reflui zootecnici con sistemi naturali Q4 La riqualificazione del reticolo minore - Interventi di incremento della capacità autodepurativa - Manutenzione della vegetazione I MIGLIORARE IL REGIME IDROLOGICO I1 Ottimizzazione della gestione del sistema idrico - Gestione di serbatoi multiuso I2 Riduzione dei prelievi dai corpi idrici - Riduzione dei consumi nel settore civile - Riduzione dei consumi nel settore agricolo * Il presente elaborato è riadattato da uno degli allegati del Piano Strategico dell Autorità di Bacino del fiume Po. Sono riportate solo le linee di azione di interesse per il contesto della Val Brembana

2 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Cosa sono? Quali sono le principali tipologie? Quali sono i principali campi di applicazione? La fitodepurazione per le piccole utenze civili La fitodepurazione per il trattamento delle acque meteoriche e degli scolmatori di rete mista La fitodepurazione per il post-trattamento dei grandi depuratori Per saperne di più

3 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Cosa sono? Un sistema di fitodepurazione è in pratica un ecosistema umido artificiale, in cui le varie componenti (piante, animali, microrganismi, terreno, radiazioni solari) contribuiscono alla rimozione degli inquinanti presenti nelle acque di scarico. L'applicazione di sistemi naturali costruiti (constructed wetlands) per il trattamento delle acque di scarico rappresenta ormai una scelta ampiamente diffusa nella maggior parte del mondo. Il termine fitodepurazione è spesso utilizzato in modo improprio per descrivere impianti più o meno convenzionali e in cui le piante non hanno un ruolo realmente attivo nei processi depurativi. Distribuzione geografica degli impianti di fitodepurazione in Italia (Masi, 2002)

4 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Quali sono le principali tipologie? Le tecniche di fitodepurazione possono essere classificate in base alla prevalente forma di vita delle macrofite che vi vengono utilizzate (Brix 1993): Sistemi a macrofite galleggianti (Lemna, Giacinto d acqua,...); Sistemi a macrofite radicate sommerse (Elodea,..); Sistemi a macrofite radicate emergenti (Fragmiti, Tife, ecc.); Sistemi multistadio: combinazioni delle tre classi precedenti tra loro o con interventi a bassa tecnologia come, ad esempio, i lagunaggi. I sistemi a macrofite radicate emergenti possono subire una ulteriore classificazione dipendente dal cammino idraulico delle acque reflue Sistema a flusso sommerso orizzontale (SFS - h o HF) Sistema a flusso sommerso verticale (SFS - v o VF) Sistema a flusso superficiale o a flusso libero (FWS) Sistema a flusso superficiale o a flusso libero (FWS) Sistema a flusso sommerso orizzontale (SFS - h o HF) Sistema a flusso sommerso verticale (SFS - v o VF)

5 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Quali sono i principali campi di applicazione? I sistemi di depurazione naturali delle acque reflue possono essere applicati a tipologie di reflui molto differenziati tra loro (civili, industriali, agricoli, percolato di discariche, ecc.), sia come trattamenti secondari che terziari (post-trattamenti). Rispetto a sistemi convenzionali garantiscono: minori costi di realizzazione e di gestione; minori fabbisogni energetici; maggiore flessibilità rispetto al carico inquinante in ingresso; buon inserimento paesaggistico - ambientale.

6 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE La fitodepurazione per le piccole utenze civili Il ricorso a impianti di fitodepurazione a servizio dei centri urbani di piccole dimensioni (fino a poche migliaia di abitanti) e delle case sparse è sempre più diffusa. Un impianto di fitodepurazione ben progettato permette un ottimo trattamento degli scarichi domestici e richiede gestione e manutenzione molto modeste. La sua applicazione agli scarichi di piccoli centri di taglia compresa tra 500 e 5000 a.e. ha dato ottimi risultati, a fronte di costi di gestione inferiori di 5-6 volte rispetto agli impianti tradizionali, permettendo in tal modo il trattamento dei reflui in situ secondo una logica di decentralizzazione del sistema depurativo. A Dicomano (FI, 3500 abitanti) è in funzione il più grande impianto di fitodepurazione per il trattamento secondario di scarichi civili. Celle sul Rigo (SI, 620 abitanti): attraverso i terrazzamenti è possibile realizzare impianti di fitodepurazione anche in collina. Dozza Imolese (BO, 120 abitanti): realizzato nell ambito di un progetto Life.

7 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE La fitodepurazione per il trattamento delle acque meteoriche e degli scolmatori di rete mista Le acque meteoriche di dilavamento di qualsiasi superficie raccolgono, durante il loro tragitto, una certa quantità di materiali solidi e organici depositati, dando luogo a concentrazioni di inquinanti significative e in alcuni casi superiori ai limiti allo scarico previsti per le acque reflue dalla normativa vigente. Le zone umide applicate per il trattamento delle acque meteoriche (o delle acque scaricate attraverso gli sfioratori di piena delle reti miste) sono generalmente costituite da sistemi seminaturali a flusso libero superficiale, e più raramente, a flusso subsuperficiale orizzontale, con elevati tempi di ritenzione in virtù dell'alimentazione discontinua legata all'accadimento degli eventi di pioggia. Schema d impianto per il trattamento di acque di dilavamento. Sistema di depurazione naturale a flusso libero per il trattamento delle acque di dilavamento di un centro commerciale. Sistema di fitodepurazione a flusso libero per il trattamento delle acque meteoriche di raccolta dei tetti e dei parcheggi del Centro Ecologico Ambientale di Rispescia (CEA).

8 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE La fitodepurazione per il postrattamento dei grandi depuratori La realizzazione di sistemi di fitodepurazione a valle degli impianti di depurazione convenzionali, permette di: migliorare ulteriormente la qualità degli scarichi (rimuovendo ulteriormente BOD, azoto e batteri); tamponare eventuali malfunzionamenti dell'impianto a monte (una delle cause del degrado dei corpi idrici); accumulare l'acqua trattata per un eventuale riutilizzo. Ad oggi l impianto di Jesi (AN) rappresenta il più grande sistema di post-trattamento realizzato in Italia ( AE). L impianto di tipo misto (Fanghi attivi + HF + FWS + riutilizzo) tratta l effluente un impianto biologico a fanghi attivi dimensionato per una portata media giornaliera pari a m3/d.

9 Q1 IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE Per saperne di più sugli aspetti generali e sull efficacia depurativa Vymazal J., Brix H., Cooper P.F., Green M.B., Haberl R., eds., Constructed wetlands for wastewater treatment in Europe. Backhuis Publishers, Leiden. - ISBN Kadlec R.H., Knight R.L. 1996, "Treatment wetlands", Lewis Publisher - CRC, Boca Raton. - ISBN Cooper P.F., Reed Beds & Contructed Wetlands for wastewater treatment, WRc Pub., Swindon, UK. - ISBN Reed S.C., Crites R.W., Mittlebrooks E.J., "Natural systems for waste management and treatment" 2 nd. Ed. Mc Graw Hill, inc. N.Y. - ISBN sugli aspetti progettuali Linee guida APAT scaricabili a (http://www.artecambiente.it/pdf/apat.pdf) IWA Specialist Group on Use of Macrophytes in Water Pollution Control, Constructed Wetlands for Pollution Control: Processes, Performance, Design and Operation. Scientific and Technical Report n.8. IWA Publishing, London. - ISBN

10 Q1 AREE FILTRO FORESTALI Tra i diversi campi di utilizzo di aree o fasce boscate per la riduzione degli inquinanti veicolati ai corpi idrici, oltre al ben noto utilizzo ai fini della riduzione dell inquinamento diffuso (fasce tampone boscate), ha preso forza, soprattutto negli ultimi anni, l idea di un loro utilizzo per il postrattamento di fonti puntuali di inquinamento quali, in particolare, i reflui in uscita da impianti di depurazione (sia di tipo convenzionale che di fitodepurazione). La logica che sottende a questo tipo di soluzione è la seguente: invece di scaricare direttamente i reflui nel corpo idrico accettore (impattandolo spesso in modo significativo) è possibile sfruttare i reflui (preventivamente trattati) come fertilizzante attraverso l irrigazione di superfici forestali sfruttabili prevalentemente per la produzione di biomassa legnosa.. Tali aree possono venire irrigate sia con sistemi a scoline sia con irrigazione a goccia; in questo secondo caso si tratta in genere di impianti ad evapotraspirazione totale e quindi privi di reflui in uscita. Impianto di Enköping (Svezia): in primo piano l impianto di depurazione convenzionale, al centro le vasche di accumulo e decantazione, sullo sfondo le estese aree filtro forestale a salice irrigate con i reflui del depuratore.

11 Q4 MANUTENZIONE DELLA VEGETAZIONE Gestione della vegetazione spondale Gestione della vegetazione in alveo

12 Q4 MANUTENZIONE DELLA VEGETAZIONE Gestione della vegetazione spondale Sia nei corsi d'acqua naturali che nei canali di bonifica soggetti a periodici interventi di manutenzione della vegetazione è possibile garantire una buona naturalità del corso d'acqua adottando tecniche di manutenzione idonee a preservare il più possibile la vegetazione spondale, il cui ruolo in termini di azione tampone risulta determinante. Le maggiori difficoltà stanno nel conciliare questa nuova esigenza con le più consolidate pratiche monoobiettivo di garantire la massima officiosità idraulica. La soluzione consiste nell adottare piani di manutenzione idonei (scelta dei periodi e delle tecniche) e utilizzare macchine per la manutenzione adattate per poter effettuare gli interventi ritenuti necessari senza eliminare la vegetazione spondale. Gli altri aspetti da considerare con attenzione sono: quando serve davvero intervenire (spesso è inutile e si interviene comunque per ragioni poco chiare); Adottare piani di intervento a lungo termine che rendano sempre meno indispensabile la manutenzione (allargare sezioni...) Alcuni spunti per effettuare la manutenzione della vegetazione spondale preservandola il più possibile. A) B) C) Alcuni esempi di gestione (buona e cattiva) della vegetazione spondale: Piantumazione di alberi nella banchina interna all argine; Taglio selettivo di della vegetazione; Manutenzione classica con taglio a raso.

13 Q4 MANUTENZIONE DELLA VEGETAZIONE Gestione della vegetazione in alveo Anche nei tratti dove non sia possibile realizzare interventi di diversificazione morfologica del tracciato e di ampliamento della sezione, è possibile prevedere di asportare solo parzialmente la vegetazione erbacea in alveo, creando dei canali di corrente sinuosi, senza che questo porti a peggioramenti eccessivi della funzionalità idraulica (non si ha un eccessivo incremento dei livelli sia per la creazione di canali preferenziali in cui aumenta la velocità di corrente, sia per la possibilità della vegetazione di flettersi). La creazione di un ambiente più diversificato, con zone a deflusso lento e zone a deflusso rapido, può comportare un certo beneficio (la cui entità va valutata sulla base di portata, concentrazioni di inquinanti, tempi di ritenzione, tipo di vegetazione che si instaura, ecc ) in termini di incremento del potere autodepurante. Sopra: manutenzione della vegetazione in alveo finalizzata a preservare quella posta al piede di sponda: intervento e risultato. (Consorzio di Bonifica Dese Sile). A destra: rappresentazioni schematiche della modalità di gestione della vegetazione in alveo mediante la creazione di un canale sinuoso realizzato preservando alcuni nuclei di vegetazione spondale ai piedi di sponda; si osservi come l abbassamento dei livelli non sia direttamente proporzionale alla parte di sezione che viene sfalciata (A,B,C,D); va considerata, infatti, anche la capacità della corrente di flettere la vegetazione.

14 I AZIONI MIGLIORARE IL REGIME IDROLOGICO I1 Ottimizzazione della gestione del sistema idrico Gestione di serbatoi multiuso I2 Riduzione dei prelievi dai corpi idrici Riduzione dei consumi nel settore civile Riduzione dei consumi nel settore agricolo

15 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Perché multiuso? Il problema della gestione Cos è una politica di gestione? Lo schema informativo DSS e ottimizzazione Per saperne di più

16 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Perché multiuso? Si definiscono serbatoi idrici sia gli invasi artificiali, creati da un apposito sbarramento (diga), sia i laghi naturali regolati, cioè dotati di un opera di regolazione dei deflussi. La funzione essenziale di un serbatoio idrico è quella di modificare il regime idrologico nel modo desiderato e di accumulare energia potenziale alzando il livello (carico idraulico) e accumulando un volume idrico da utilizzarsi nei momenti più convenienti. Generalmente un serbatoio idrico, anche se originariamente è stato realizzato per uno scopo (ad esempio gli invasi per la produzione idroelettrica), viene poi sfruttato con differenti finalità (tipicamente, la riserva idrica di un serbatoio idroelettrico viene poi usata anche a fini irrigui): per questo motivo si definisce multiuso o multiobiettivo. Alcuni differenti usi, che una riserva idrica di un invaso può soddisfare, sono: approvvigionamento irriguo; approvvigionamento idropotabile; laminazione delle piene; produzione di energia idroelettrica; fruizione turistica (del lago e/o del fiume a valle). Inoltre, non va dimenticato che una certa quantità d acqua è indispensabile per la sopravvivenza degli ecosistemi presenti nei corsi d acqua a valle dei serbatoi. Possibili utilizzi della risorsa idrica: fruizione (relax, pesca, canoa, rafting), irrigazione agricola, produzione di energia elettrica, vita degli ecosistemi acquatici.

17 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Il problema della gestione Gli invasi artificiali, come anche i laghi naturali regolati (Lago di Como, Maggiore, ecc.), sono dotati di apparati (paratoie e/o valvole) che permettono di decidere, entro certi limiti, quanto portata rilasciare in uscita. Il problema della gestione di un serbatoio idrico multiuso è proprio il problema di decidere quanto rilasciare in uscita in funzione delle informazioni disponibili e degli obiettivi stabiliti; obiettivi ed usi che, generalmente, sono tra loro conflittuali, ovvero non è possibile soddisfarli al meglio tutti. Il problema gestionale (ma anche quello pianificatorio) nasce quindi difficile perché nel caso migliore si riuscirà solo a trovare un buon compromesso tra gli obiettivi in gioco (e quindi tra gli utilizzatori), ma quasi certamente mai si riuscirà a soddisfarli tutti al massimo. Un esempio di lago artificiale (Lago di Zoccolo, Val d Ultimo, Bolzano) Gestione diversa in funzione dell obiettivo Per il controllo delle piene a valle di un invaso, la miglior gestione consiste nel cercare di tenere l invaso sempre vuoto in modo da essere pronto a ricevere e invasare solo le piene (anzi il picco) che, altrimenti, farebbero danni a valle. Occorre quindi rilasciare sempre il massimo possibile. Per l utente irriguo, invece, conviene rilasciare solo il minimo indispensabile (ovvero una portata pari alla domanda irrigua) e invasare tutto il resto per accumulare così un volume di riserva per le esigenze irrigue future: insomma, cercare di riempire il serbatoio il più possibile. Addirittura potrebbe convenire azzerare il rilascio in determinati periodi. Per la produzione idroelettrica conviene in genere non far scendere l invaso sotto un livello ottimale piuttosto elevato (la produzione di energia, infatti, aumenta all aumentare del carico idraulico, cioè del livello della superficie dell acqua nel serbatoio), aumentando o diminuendo il rilascio in funzione dell afflusso e del conseguente livello.

18 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Cos è una politica di gestione? La soluzione di un problema gestionale, una volta stabiliti gli obiettivi e la priorità tra essi, è una particolare politica di gestione. La politica di gestione (o di regolazione ) di un serbatoio è, infatti, la regola che dice quanto rilasciare in funzione delle informazioni disponibili in quel momento (prima fra tutte il periodo in cui ci si trova). Questa regola è più propriamente detta politica di gestione a sottolineare che essa è frutto anche di una scelta di compromesso tra gli obiettivi che si vogliono perseguire. In ogni caso, politiche di gestione differenti determineranno, in un dato periodo di riferimento e a parità di variabili in ingresso, livelli di soddisfazione differenti, anche radicalmente. Cos è in pratica una politica di gestione? Nella pratica una politica di gestione può essere espressa da un testo, da grafici, tabelle, formule o da un insieme di algoritmi di calcolo che possono anche essere eseguiti ad ogni passo decisionale da specifici software (si parla in questo caso di controllo in linea o in tempo reale ), utilizzabili attraverso un Sistema di Supporto alle Decisioni (DSS). Perché una regola e non direttamente la quantità da rilasciare (portata in uscita)? Perché si sta trattando un sistema non deterministico (cioè affetto da incertezza) il cui futuro non è prevedibile con certezza a causa, essenzialmente, della variabilità aleatoria dei fenomeni idro-meteorologici, ma anche di altri fattori (per es. l andamento dei prezzi dei prodotti agricoli e quindi delle decisioni di cosa piantare e quindi della domanda irrigua). Non si può quindi decidere a priori quanto si rilascerà, bensì quanto si rilascerà se succederà questo e quello.

19 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Lo schema informativo Fondamentale, per poter affrontare un problema gestionale è lo schema informativo, cioè specificare quale informazione si assume essere disponibile ad ogni passo in cui va presa una decisione. Lo schema offre una rappresentazione concettuale del sistema considerato (tipica di discipline come la Teoria dei sistemi e il Controllo dei processi). Nello schema informativo il sistema è rappresentato da una serie di blocchi (le componenti del sistema), nei quali entra o esce qualcosa (in gergo ingressi e uscite ). Gli ingressi possono essere variabili controllabili (ad es. le decisioni) o aleatorie (ad es. le condizioni meteorologiche) e le uscite sono tipicamente lo stato modificato di quella componente (in gergo le risposte ). Lo schema più banale, ma molto utilizzato, detto piano temporale delle erogazioni, è illustrato nella figura 1. Il serbatoio idrico riceve in ingresso una variabile non controllabile (l afflusso a dal bacino di monte, che dipende da quanto piove) e una controllabile (la decisione di rilascio r, in quell istante di tempo). Va notato che la decisione entra nel blocco, anche se, fisicamente, si concretizza in acqua che esce. Questa decisione di rilascio (r) è l uscita di un altro blocco, quello decisionale, che rappresenta la persona, ente, od organismo che gestisce il serbatoio: per farlo, dispone, in questo schema, solo di un informazione: l istante di tempo t in cui si trova (decide, cioè, in funzione della stagione, mese o giorno in cui si trova). Come risposta a questi ingressi, il serbatoio, al prossimo passo decisionale, si troverà in uno stato modificato (il suo volume v ). Le uscite del sistema complessivo considerato (stato v e rilascio r) determinano la soddisfazione degli utilizzatori (o il grado di raggiungimento degli obiettivi): per esempio, l energia idroelettrica prodotta è data proprio dal prodotto di queste due variabili (a meno di altri fattori correttivi come il rendimento). Un differente schema ( rivoluzionario in confronto al precedente) è rappresentato nella figura 2. Qui il decisore conosce e considera anche il volume invasato nel serbatoio (v). Moltissimi serbatoi sono di fatto gestiti con uno schema informativo di questo tipo, secondo una particolare politica di gestione ( regola operativa ) che sostanzialmente dice di mantenere un definito volume invasato (o, meglio, specifica una formula, o grafico o tabella, che determina il rilascio in funzione del volume invasato). Ovviamente lo schema può essere raffinato, aggiungendo altre componenti: per esempio la suddivisione della portata rilasciata tra eventuali utenti plurimi di valle (la cui soddisfazione può essere eventualmente usata dal decisore) o il blocco bacino idrografico nel quale entrano le variabili metereologiche. Figura 1 Figura 2

20 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO DSS e ottimizzazione La definizione di una qualsiasi politica di gestione non può essere fatta a mano, ma deve invece essere il frutto della risoluzione di un problema di ottimizzazione, che richiede la gestione di una enorme mole di informazione. Un problema complesso come quello della gestione dei serbatoi multiuso richiede, infatti, un approccio sistemico (visione sintetica e razionale degli elementi): una rappresentazione concettuale, la formalizzazione (in modelli e algoritmi) e la codifica e implementazione in programmi di calcolo (software) del sistema e delle sue problematiche. È quindi estremamente utile avere a disposizione uno strumento informatico da utilizzare durante le fasi del processo decisionale, comunemente chiamato DSS (Decision Support System Sistema di Supporto alle Decisioni),che moltiplica le capacità di analisi e di valutazione del decisore. Il DSS è un complesso hardware/software, costituito da un base dati, una serie di modelli (modelli di simulazione che permettano di considerare e valutare le diverse alternative di gestione) e una interfaccia utente. Un DSS organizza l informazione, la rende accessibile, verificabile, aggiornabile ed utilizzabile in un ampio spettro di strumenti modellistici, dai più noti (es. foglio Excel) ai più innovativi o specifici (es. un modello di ottimizzazione creato ad hoc). E invece di sfornare la soluzione definitiva, assiste i decisori... nel prendere una decisione.

21 I1 GESTIONE DI SERBATOI MULTIUSO Per saperne di più Soncini-Sessa R., Rizzoli A., Villa L., Weber E., 1999a. Twole: a software tool for planning and management of water reservoir networks. Hydrological Sciences Journal, 44(4): Soncini-Sessa R., Canuti D., Colorni A., Laniado E., Losa F., Rizzoli A., Villa L., Vitali B., Weber E., 1999b. Use of Multi-criteria Analyisis to Resolve Conflicts in the Operation of a Transnational Multipurpose Water System, The Case of Lake Verbano (Italy-Switzerland). Water International, 25(3): Soncini-Sessa R., Castelletti A, Weber E., A DSS for Planning and Managing Water Reservoir Systems. Environmental Modelling & Software, 18: Soncini-Sessa R., 2004a. Pianificazione e gestione delle risorse idriche: MODSS per decisioni integrate e partecipate. McGraw-Hill, Milano. Soncini-Sessa R., 2004b. Pianificazione e gestione delle risorse idriche: modellistica integrata e decisioni partecipate in pratica: il progetto Verbano. McGraw-Hill, Milano. De Carli A., Massarutto A., Paccagnan V., La valutazione economica delle politiche idriche: dall efficienza alla sostenibilità. Economia delle Fonti di Energia e dell'ambiente, 1-2/2003 Nardini A., Montoya D., Remarks on a Min-max Optimization Technique for the Management of a Single Multiannual Reservoir Aimed at Hydroelectric Generation and Water Supply. Water Resources Research, 31 (4):

22 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Di cosa si tratta? Il risparmio tra le mura domestiche Le acque reflue come risorsa L utilizzo dell acqua di pioggia Il progetto AQUASAVE L esempio di Berlino

23 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Di cosa si tratta? Nel settore civile sono molteplici gli utilizzi indiscriminati della risorsa idrica. Acqua prelevata da fonti pregiate (come falde profonde o sorgenti) viene utilizzata in attività che non richiedono acqua di buona qualità: per esempio, in ambito cittadino, viene utilizzata acqua di acquedotto per il lavaggio strade o i lavaggi auto e anche la maggior parte del consumo domestico è dovuto ad usi, come lo scarico del WC o la lavatrice, che non richiedono necessariamente l'utilizzo di acqua potabile. Numerosi, inoltre, sono gli sprechi, spesso evitabili con facili accorgimenti o sostituzioni non onerose: rubinetti che perdono, elettrodomestici abusati (lavatrici e lavastoviglie), innaffiatura nelle ore in cui è massima l evapotraspirazione. Infine, non viene considerato il riutilizzo dell acqua di pioggia (che, non raccolta, diventa un pericolo sommandosi al deflusso negli eventi di piena invece che una risorsa), e la separazione e riuso delle acque grigie (utilizzabili, per esempio, per lo scarico dei WC).

24 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Il risparmio tra le mura domestiche Gli sprechi d acqua all interno degli edifici sono dovuti prevalentemente all abuso di elettrodomestici (spesso di vecchia generazione) e alla presenza di materiali per l erogazione (rubinetterie) non idonei. I principali sistemi di risparmio che si possono installare in casa sono: - sistemi di scarico WC che richiedono solo 3-4 litri di acqua contro i 9-15 litri dei sistemi tradizionali, dotati di cassette a doppio pulsante e possibilità di interrompere lo scarico quando non è richiesto un elevato volume; - lavatrici che richiedono solo 60 litri contro i 100 litri per ciclo utilizzati per il tradizionale lavaggio degli indumenti; - lavastoviglie che richiedono 14 litri contro i 20 litri per ciclo utilizzati per il tradizionale lavaggio dei piatti; - rubinetti dotati di sistema di iniezione di aria nell'acqua (frangigetto), che riducono i consumi del 30-50%; - rubinetti monocomando e rubinetti termostatici, che miscelano l'acqua fredda e calda e consentono un sensibile risparmio idrico in quanto evitano le continue correzioni di temperatura. Inoltre, nei servizi pubblici (ristoranti, alberghi, scuole...), possono essere previsti rubinetti con il temporizzatore, che forniscono acqua con una portata ed un tempo prefissati e si chiudono automaticamente senza interventi manuali. Sistemi di erogazione per il risparmio d acqua: rubinetto con temporizzatore, rubinetto monocomando e rubinetto termostatico. Sistemi frangigetto per il controllo della portata erogata.

25 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Le acque reflue come risorsa Le acque grigie (provenienti da docce, lavabi, lavatrice) possono essere raccolte, per mezzo di una rete appositamente dedicata, immagazzinate e (dopo un trattamento elementare, ad es. filtrazione) riutilizzate per alimentare i WC ed altri usi poco esigenti in termini di qualità, permettendo così un notevole risparmio idrico. Il risparmio idrico, però, non è l unico motivo per tenere separate le acque grigie dalle acque nere: la separazione, infatti, facilita molto la gestione e la depurazione degli scarichi. Possibile schema della suddivisione degli scarichi di un abitazione in acque nere e grigie, e riutilizzo della componente grigia. (Illustrazione: IRIDRA) Schema di riutilizzo delle acque grigie all interno dell abitazione (litri pro capite al giorno). (Illustrazione: G. Conte, su dati IRIDRA)

26 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE L utilizzo dell acqua di pioggia Le acque piovane ricadenti sulle coperture delle edifici (figura a lato) possono essere raccolte da cisterne posizionate sui tetti, oppure da sistemi assorbenti quali i tetti verdi. Tali acque, dopo essere state filtrate e disinfettate, possono venire impiegate nelle lavatrici, nelle lavastoviglie e per gli scarichi dei WC. Oltre al risparmio idrico, l'utilizzo di acqua piovana per questi usi ha anche altri vantaggi: l'acqua piovana ha infatti la caratteristica di una bassa durezza e richiede quindi un consumo inferiore di detersivi, contribuendo così a ridurre anche l'inquinamento delle acque di scarico. Le acque piovane ricadenti sul suolo, invece, possono essere raccolte tramite vari sistemi drenanti, quali i canali filtranti e i parcheggi drenanti. Risulta evidente che, mentre le acque piovane ricadenti sulle coperture sono generalmente di buona qualità e quindi necessitano di trattamenti minimi per il riutilizzo, le acque di pioggia che dilavano superfici quali strade o parcheggi contengono*, invece, inquinanti legati al traffico veicolare, ed è quindi necessario sottoporle ad un adeguato trattamento prima del riuso e utilizzarle per attività che richiedono bassa qualità (lavaggio strade o irrigazione giardini). Dove c è disponibilità di spazio, possono essere realizzati dei volumi di accumulo delle acque di pioggia (indipendenti dalla rete fognaria), tali da consentire il successivo riuso. Un buon esempio di riutilizzo dell acqua di pioggia è quello realizzato a Berlino. * In particolare risultano contaminate le acque di prima pioggia

27 I2 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE Il progetto AQUASAVE Il Progetto "Aquasave" (Progetto Life 97) - completato nell'autunno del 2000 è stato realizzato con il coordinamento di ENEA, in collaborazione con il Comune di Bologna e con il cofinanziamento dell'unione Europea. In un edificio residenziale di 8 appartamenti abitati da 22 persone sono state sperimentate una serie di tecniche che consentono la riduzione dei consumi dell'acqua, a parità di confort e prestazioni. Il progetto ha dimostrato che si possono ridurre i consumi di acqua potabile del 50% utilizzando soluzioni tecnologiche che permettono il risparmio, il riuso dell'acqua piovana e il riciclo delle acque grigie.

28 I2-R1 RIDUZIONE DEI CONSUMI NEL SETTORE CIVILE L esempio di Berlino Un buon esempio di applicazione di nuove soluzioni "eco-compatibili" è quello di Berlino: si tratta sia di grandi interventi di riqualificazione urbanistica (Potsdamer Platz) che di piccoli interventi edilizi su singoli edifici (Lankwitz). Nella centralissima Potsdamerplatz è stato realizzato un sistema di nuovi canali e zone umide di diverse migliaia di metri quadri, che, oltre a creare un piccolo "parco" urbano nel centro di Berlino, è un grande serbatoio in grado di accumulare oltre 4000 m 3 di acque di pioggia, cui si aggiungono alcune centinaia di metri cubi che vengono immagazzinati nei tetti verdi degli edifici. In pratica per eventi meteorici ordinari, il 100% dell'acqua piovana che cade sull'area di Potsdamer Platz (diversi ettari) viene immagazzinato e, purificato attraverso un sistema di fitodepurazione perfettamente inserito nel paesaggio urbano, riutilizzato per fontane pubbliche e per lo scarico dei WC di alberghi e ristoranti della zona. A Berlin-Lankwitz, un quartiere periferico, si è intervenuti su una piccola area ( m 2 di superficie impermeabilizzata, di cui 63% costituita da tetti, 35% cortili interni e marciapiedi e 12% superfici stradali). Le acque di pioggia sono accumulate in una cisterna da 190 m 3 e da qui, depurate in un semplice filtro vegetato (istallato all'interno dell'edificio) seguito da un trattamento di disinfezione a UV. Le acque così trattate forniscono acqua per lo scarico dei WC e per l'irrigazione dei giardini di 80 appartamenti e 6 negozi, per un totale di circa 200 abitanti. Interventi realizzati nel quartiere di Berlin-Lankwitz, nella periferia di Berlino. La progettazione della Potsdamerplatz nel centro di Berlino.

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa L efficienza nell uso dell acqua potabile Gli interventi possibili nel settore civile Obiettivi PTUA 3 Le misure per la programmazione e l uso delle risorsa idrica a scala regionale dovrà essere finalizzata

Dettagli

Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane

Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane Dott.ssa Silvana Salvati ISPRA Documento approvato con Delibera

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

Effetti dei cambiamenti climatici e scenari di adattamento per il settore pubblico civile. 04/12/2013 Giulio Conte Ambiente Italia

Effetti dei cambiamenti climatici e scenari di adattamento per il settore pubblico civile. 04/12/2013 Giulio Conte Ambiente Italia Effetti dei cambiamenti climatici e scenari di adattamento per il settore pubblico civile 04/12/2013 Giulio Conte Ambiente Italia Scenari climatici previsti a Bologna Aumento nelle temperature minime e

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA

CONSIGLI PRATICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA «Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.» Mahatma

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti Investimenti nel settore idrico i e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese Giorgio Zampetti Responsabile scientifico di Legambiente L Italia è uno dei Paesi più ricchi di acqua

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Assessorato Agricoltura, Ambiente e Sviluppo Sostenibile. Quaderno orientativo. Tiziano Draghetti, Emanuele Cimatti

Assessorato Agricoltura, Ambiente e Sviluppo Sostenibile. Quaderno orientativo. Tiziano Draghetti, Emanuele Cimatti Assessorato Agricoltura, Ambiente e Sviluppo Sostenibile Quaderno orientativo Pratiche di risparmio dell acqua: tecniche e comportamenti Tiziano Draghetti, Emanuele Cimatti DIREZIONE GENERALE AMBIENTE

Dettagli

SUDS Sustainable Urban Drainage Systems

SUDS Sustainable Urban Drainage Systems SUDS Sustainable Urban Drainage Systems La gestione sostenibile in-situ dei deflussi delle acque meteoriche Lucia Bortolini Dip. TESAF Università di Padova Effetti urbanizzazione sul deflusso delle acque

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

acqua Hera valori, qualità, consigli

acqua Hera valori, qualità, consigli Utenze Servizio domestiche idrico acqua Hera valori, qualità, consigli L acqua è un valore che non va mai fuori corso Siamo una delle maggiori società italiane nei servizi idrici. Negli ultimi 5 anni abbiamo

Dettagli

Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza

Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza Carta Europea dell'acqua promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'europa 1) Non c'è vita senza acqua. L'acqua è un bene prezioso,

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

Lombardia in nomi e cifre

Lombardia in nomi e cifre Stato dell acqua Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

Piano di Azione PROPOSTA

Piano di Azione PROPOSTA Piano di Azione PROPOSTA N GRUPPO AZIONE/RACCOMANDAZIONE A1 PREDISPORRE ED ATTUARE UN PIANO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE Spiegare cos è la tariffa, come si calcola, e cosa paga ; capire quando e perché

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Marca da bollo in valore legale DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Al Responsabile Ufficio Tecnico CAPALBIO (GR) Il sottoscritto Cognome

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA Bollo Protocollo Al Sindaco del Comune di Russi DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia

Dettagli

La riqualificazione ambientale dei canali Stato dell arte e quesiti per il futuro Ing. Marco Monaci Direttore Tecnico CIRF CIRF Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale Associazione culturale tecnico-scientifica

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Corso di Perfezionamento Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino Venezia 20 aprile 2012 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof.

Dettagli

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 OPERE DI GESTIONE E CONTROLLO DEGLI SCARICHI: INTERVENTI LOCALIZZATI Carlo Ciaponi Dipartimento di Ingegneria Civile e

Dettagli

IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE

IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE Introduzione In occasione delle celebrazioni del 22 marzo della Giornata Mondiale dell Acqua 1 si sono affrontati diversi aspetti relativi alle risorse

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ

SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ Seminario DEPURAZIONE DEI REFLUI URBANI: OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE, TRATTAMENTI TERZIARI E NATURALI SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Allo scopo di trasmettere ai bambini la necessità di riflettere su quanto incide il comportamento di ognuno sull impatto globale dei consumi idrici, sono state realizzate, con il coinvolgimento di tutte

Dettagli

Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una

Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una Presenta Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una installazione off-grid, con completo distacco

Dettagli

= 1.000 litri + SI RISPARMIA

= 1.000 litri + SI RISPARMIA Acqua SI CONSUMA + SI RISPARMIA lavare i piatti igiene personale consumo giornaliero pro capite di acqua potabile i consumi contrassegnati con potrebbero essere sostituiti con acqua piovana altri utilizzi

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE)

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE) Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato Codice 1 Denominazione Carico nominale Carico servito da rete fognaria Carico trattato 2 Portata annua trattata 3 (m 3 ) Caratteristiche delle

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Giancarlo Gusmaroli Coordinatore Tecnico-Scientifico LIFE AQUOR

GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Giancarlo Gusmaroli Coordinatore Tecnico-Scientifico LIFE AQUOR Gestione integrata delle risorse idriche sotterranee e ricarica artificiale delle falde CORSO di FORMAZIONE Centro Idrico di Novoledo, Via Andrea Palladio 128, Villaverla (VI) GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

Uso sostenibile delle acque e sviluppo di tecnologie pulite per il risparmio idrico

Uso sostenibile delle acque e sviluppo di tecnologie pulite per il risparmio idrico Uso sostenibile delle acque e sviluppo di tecnologie pulite per il risparmio idrico Pubblicazione ottobre 2004 Tesi di Laurea Redattore: Lorenzo GALLETTI Relatore: Prof.ssa Alessandra BONOLI FACOLTÀ DI

Dettagli

Dighe e territorio. Benefici e problemi: una possibile soluzione

Dighe e territorio. Benefici e problemi: una possibile soluzione Dighe e territorio Benefici e problemi: una possibile soluzione Mario Trogni Bolzano, 15 maggio 2014 La Società Costituzione 1 giugno 2010 60% 40% 1 Il maggiore produttore dell Alto Adige Produzione media

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

PROCEDURE AUTORIZZATIVE

PROCEDURE AUTORIZZATIVE PROCEDURE AUTORIZZATIVE PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALL AMBIENTE SETTORE TUTELA RISORSE NATURALI Dr Ing. Sara Mazza 26/11/2007 Servizio Risorse Idriche 1 Scopo della relazione Illustrare le procedure

Dettagli

ACOUA. I Quaderni ED EFFICIENZA RISPARMIO IDRICO

ACOUA. I Quaderni ED EFFICIENZA RISPARMIO IDRICO con il contributo scientifico del Consiglio Nazionale degli Ingegneri ACOUA RISPARMIO IDRICO ED EFFICIENZA NELLA PROGETTAZIONE Il complesso edilizio di Preganziol, un esempio di gestione integrata del

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO FINALITÀ INDICATORE L'indicatore ha come obiettivo quello di monitorare il dato della popolazione allacciata alla rete di acquedotto nel territorio, in modo da verificare la qualità e consistenza del servizio

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto idrico sanitario può essere fonte di danni alle

Dettagli

Risparmio e recupero per un uso domestico dell acqua efficiente

Risparmio e recupero per un uso domestico dell acqua efficiente c 1 Sostenibilità nell uso della risorsa idrica in ambito domestico e residenziale Venerdì 12 marzo 2010 - Hotel Sheraton di Catania Via Antonello da Messina, 45 ACI CASTELLO (CT) Risparmio e recupero

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

Zan Hotel BENTIVOGLIO (BO) 7 marzo 2014. Pierluigi DELL ONTE Ufficio Tecnico Starplast

Zan Hotel BENTIVOGLIO (BO) 7 marzo 2014. Pierluigi DELL ONTE Ufficio Tecnico Starplast Zan Hotel BENTIVOGLIO (BO) 7 marzo 2014 Pierluigi DELL ONTE Ufficio Tecnico Starplast Premessa Premessa La risposta BIOBLU per il riutilizzo delle acque piovane BIOGRIGIO Per il trattamento e riutilizzo

Dettagli

Art. 1 (Oggetto e ambito di applicazione)

Art. 1 (Oggetto e ambito di applicazione) REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: DISCIPLINA DELL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DELLE ACQUE DI VEGETAZIONE E DELLE SANSE UMIDE DEI FRANTOI OLEARI (LEGGE REGIONALE 29 DICEMBRE 2000, N. 61) Art. 1 - Oggetto e ambito

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE Domanda autorizzazione scarichi urbani D.Lgs. 152/06 Marca da Bollo Al Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Frosinone Via Brighindi 03100 F R O S I N O N E Il sottoscritto. Nato a il..residente

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA (SUE)

AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA (SUE) SETTORE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE www.labassaromagna.it Bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN RETE FOGNARIA PUBBLICA nel Comune di (D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Carichi puntiformi. Protezione delle Valli. Rinaturalizzazione e biodiversità

Carichi puntiformi. Protezione delle Valli. Rinaturalizzazione e biodiversità 1 4 2 29 3 19 Predispozione di un stema di calcolo del Deflusso Minimo Vitale per le varie sezioni del fiume, compre i laghi, da concordare con Regione STER e Provincia Studio idraulico del Mincio finalizzato

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

La gestione sostenibile delle acque meteoriche

La gestione sostenibile delle acque meteoriche Seminario: La manutenzione dei collettori di fognatura per un moderno ed efficace sistema di drenaggio urbano prof. ing. Alessandro Paoletti Politecnico di Milano Centro Studi Idraulica Urbana Casa del

Dettagli

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche Workshop Gestione, trattamento e riutilizzo delle acque meteoriche in ambito urbano Bologna, 7 marzo 2014 Dott. Francesco Tornatore

Dettagli

Allegato D Schede di dettaglio fabbisogni. Scheda A

Allegato D Schede di dettaglio fabbisogni. Scheda A Allegato D Schede di dettaglio fabbisogni Scheda A Sfida sociale: Città e Territori sostenibili (DGR 477 del 17/03/2014), scheda di descrizione fabbisogno Il fabbisogno di innovazione Piattaforme di Adaptive

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6.

Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6. Dec. Ass. 7 luglio 2010 (1). Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6. Pubblicato sulla Gazz.

Dettagli

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino Autorità di bacino del fiume Tevere Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di titolare legale rappresentante della Ditta denominata con sede legale in Provincia via n C.A.P.. C.F. Partita I.V.A.

Il sottoscritto in qualità di titolare legale rappresentante della Ditta denominata con sede legale in Provincia via n C.A.P.. C.F. Partita I.V.A. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle domestiche, acque reflue assimilate alle domestiche, acque reflue di dilavamento, acque di prima

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 REPUBBLICA Mod. ISTAT DEP SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 Codici dell impianto di depurazione

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO La realizzazione di interventi per la fitodepurazione delle acque

Dettagli

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1)

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Lorenzo Frattini Presidente Legambiente Emilia Romagna Giorgio Zampetti - Responsabile scientifico nazionale Legambiente Quali urgenze?

Dettagli

AUTORITA INTERREGIONALE

AUTORITA INTERREGIONALE AUTORITA INTERREGIONALE di BACINO della BASILICATA www.adb.basilicata.it Piano di bacino stralcio del bilancio idrico e del deflusso minimo vitale RELAZIONE Collaborazione Sogesid S.p.A. Consulenza scientifica

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

Università degli studi di Roma «Sapienza»

Università degli studi di Roma «Sapienza» Università degli studi di Roma «Sapienza» Facoltà di Architettura Laurea triennale in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali A.A. 2012/2013 L infrastruttura verde nella pianificazione: use cases

Dettagli

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello 6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello Le derivazioni dai fiume Adige e dai suoi principali affluenti rappresentano, nel bilancio idrico superficiale di bacino, il principale

Dettagli

AIRIS INGEGNERIA PER L AMBIENTE. Piano Particolareggiato Comparto D2.32 COMUNE DI MINERBIO. Proprietà: INVER R.E. S.r.l. RELAZIONE IDRAULICA

AIRIS INGEGNERIA PER L AMBIENTE. Piano Particolareggiato Comparto D2.32 COMUNE DI MINERBIO. Proprietà: INVER R.E. S.r.l. RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA Piano Particolareggiato Comparto D2.32 Proprietà: INVER R.E. S.r.l. Progetto: No Gap Progetti S.r.l. Gruppo di lavoro Francesca RAMETTA (coordinamento) Valeriano

Dettagli

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno.

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno. Il Progetto per Castelnuovo Cilento (Salerno) L intervento per Castelnuovo Cilento prevede la realizzazione di 34 alloggi di Edilizia Economica Popolare, in un insediamento misto in cui sono compresenti

Dettagli

una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze

una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze Risparmio i idrico: i una necessità ambientale o una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze Cosa è il risparmio idrico? Sistema integrato di pratiche ed interventi finalizzati alla

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW FOCE TORRENTE ALBULA DAVANTI FOSSO

Dettagli

IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE

IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE IL SISTEMA AUTODEPURANTE DEL FIUME La sostanza organica che raggiunge un corso d acqua, sia essa di origine naturale come foglie, escrementi e spoglie di animali,

Dettagli