Edizione italiana a cura di Paola Cannav. Traduzione di Gemma Buonanno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edizione italiana a cura di Paola Cannav. Traduzione di Gemma Buonanno"

Transcript

1 Con la collaborazione di Anthony Fontenot e del Gruppo di Lavoro Automatischer Urbanismus Contributi: Maria Ippolita Nicotera Itinerari: Francesca Venier Edizione italiana a cura di Paola Cannav Traduzione di Gemma Buonanno Edizione originale: Berlin_Stadt Ohne Form. Strategien einer anderen Architektur Copyright ' 2000, Prestel Verlag, M nchen-london-new York Copyright ' 2006 Meltemi editore s.r.l., Roma Ø vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata compresa la fotocopia, anche a uso interno o didattico, non autorizzata. Meltemi editore via Merulana, Roma tel fax

2 Philipp Oswalt Berlino_città senza forma Strategie per un altra architettura MELTEMI

3 A questo libro hanno collaborato Studi Ideazione e testo: Philipp Oswalt con la collaborazione di Anthony Fontenot. Ricerche: Gruppo di Lavoro Automatischer Urbanismus: Florian Kessel (Generatori), Agnieszka Preibisz e Cristoph Stolzenberg (Conglomerato), Ulrike Köppe (Distruzione), Gabor Stark e Jan Timmermann (Vuoto), Klaus Overmeyer (Temporaneo), Katrin Hass e Nora Müller (Collisione), Felix Wetzstein (Raddoppiamento), Kilian Enders (Simulazione), Kay Fingerle e Edgar Woeste (Massa), Kerstin Spilker e Sebastian Holtmann (Metabolismo). Redazione: Rudolf Stegers con la collaborazione di Stefanie Oswalt. Disegni: Sebastian Holtmann, Florian Kessel, Philipp Oswalt. Itinerari Ideazione e testo: Francesca Venier Progetti Ideazione e ricerche: Philipp Oswalt, Paola Cannavò e Elisa Serra. Testo: Maria Ippolita Nicotera. Lettorato Maria Ippolita Nicotera

4 Indice p. 7 Carte 25 Introduzione all edizione italiana Paola Cannavò 30 Prefazione 31 Studi 37 Urbanistica automatica I 40 Generatori 49 Conglomerato 61 Distruzione 73 Vuoto 81 Temporaneo 91 Collisione 101 Raddoppiamento 111 Simulazione 125 Massa 135 Metabolismo 145 Urbanistica automatica II 149 Itinerari 155 Itinerario A 157 Itinerario B 159 Itinerario C 161 Progetti 163 Vuoto come potenziale Ambasciata olandese Estradenhaus

5 169 Eterogeneità coerente Jüdisches Museum GSW 175 Trasformazione della storia Kapelle der Versöhnung DG-Bank 181 Ordine libero Scuola elementare e scuola materna in Curtiusstrasse Ambasciata dei paesi nordici 187 Instant city Siedlung Spruch Nuovo istituto di Fisica 193 Topografia urbana Biosfera Potsdam Velodrom 199 Spazio Temporaneo Volx Golf Badeschiff 205 Bibliografia 211 Letteratura/Indice Progetti 213 Indice delle immagini

6 Distruzione Nel 1912, al grido di Viva il futurismo, Filippo Tommaso Marinetti getta dall automobile, tra i passanti della Leipziger Straße e della Friedrichstraße, dei volantini con il manifesto futurista 1. Pubblicizza la mostra dei futuristi presso la galleria Tannhauser così come i manifesti affissi sulle colonnine pubblicitarie: Noi vogliamo glorificare la guerra sola igiene del mondo il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttivo dei libertari noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie di ogni specie, recitano i manifesti.viene profetizzato il coinvolgimento personale nel vortice della distruzione: I nostri successori ( ) si avventeranno per ucciderci spinti da un odio tanto più implacabile inquantoché i loro cuori saranno ebbri di ammirazione per noi 2. Nel XX secolo Berlino assurge a manifesto futurista. In modo sorprendente questa città assorbe e genera le forze distruttive del secolo delle ideologie. La prima e la seconda guerra mondiale cominciano da qui; qui vengono ideate le stragi in serie e organizzate come misura di stato maggiore; da qui vengono ordinati i primi bombardamenti di superficie, di cui sono vittime Guernica e Rotterdam. E la città stava per diventare il primo bersaglio della bomba atomica, sviluppata dagli americani nel 1940 a causa della minaccia nazionalsocialista. Berlino è un luogo colmo di storia e senza tradizione. Lo sviluppo urbanistico va di pari passo con la storia politica della città. Cinque diversi sistemi governativi hanno influenzato l immagine di Berlino nel XX secolo. Nel corso di un processo di parricidio continuo, quasi ogni generazione ha cancellato i luoghi dell identità della generazione precedente, cercando con ciò di definire nuovamente l identità della città. A causa di questa distruzione costante, il solo atto del distruggere ha prodotto continuità e permanenza. Già nel Medioevo Berlino e Cölln erano stati distrutti più volte da incendi, eppure l atto del distruggere di proposito per ottenere una profonda trasformazione si afferma per la prima volta solo all inizio dell epoca moderna. La tradizione dell assenza di tradizione comincia all inizio del XIX secolo. All apice del proprio potere, i sovrani prussiani ordinano la radicale trasformazione della città residenziale, sebbene non avesse ancora compiuto il secolo. In pochi decenni il classicismo subentra all architettura barocca. La Pariser Platz, il viale Unter den Linden e altre zone della Friedrichstadt ricevono un nuovo assetto. Laddove non si costruisce dal nulla, si assiste a una trasformazione radicale degli edifici preesistenti, come nel caso della completa ricostruzione del Duomo appena sessantenne per opera di Karl Friedrich Schinkel. Oltre al Duomo e a numerosi palazzi barocchi, Schinkel riorganizza la Gertraudenkappelle a Spittelmarkt e relativizza il significato del castello con i suoi interventi urbanistici intorno al Lustgarten. La città riceve un nuovo volto, pur rimanendone la pianta in massima parte salvaguardata. 61

7 Assalto all arsenale, Demolizione e ricostruzione a Mühlendamm, Con la fondazione dell impero nel 1871 comincia una nuova era per l edilizia urbana, un era nella quale ne viene rimodellata non soltanto la fisionomia, ma vengono fatte saltare anche la scala e le proporzioni della città preesistente. Per il pubblicista Wolf Jobst Siedler la vecchia Berlino sarebbe stata distrutta già durante l epoca guglielmina. Berlino fu cancellata nel breve lasso di tempo intercorso tra la guerra francotedesca e la prima guerra mondiale da una nuova e febbrile attività costruttiva che si prefiggeva di dare risalto architettonico al passaggio da città del reame a metropoli imperiale 3. Forza motrice di questa distruzione è, in primo luogo, il velocissimo processo di industrializzazione. Una gran quantità di nuovi progetti su larga scala come grandi magazzini, edifici amministrativi e alberghi sono previsti nella vecchia città. Interi quartieri devono far posto ai nuovi progetti; ampie aree della Berlino medievale e numerosi edifici importanti vengono rasi al suolo. Per l albergo Adlon, ad esempio, viene sacrificato il palazzo barocco Redern, già ridisegnato da Schinkel; mentre il palazzo Raczynski di Johann Heinrich Strack, adibito a museo, soccombe in favore del Parlamento. Altri edifici lasciano il posto a tracciati viari, che servono in parte ad alleggerire il traffico, e in parte sono il risultato di speculazioni private sui terreni. Un secondo motivo per la completa riorganizzazione della città è la volontà politica di rappresentatività. Quando assurge al ruolo di capitale dell impero, la vecchia Berlino preindustriale sembra, d un tratto, provinciale. Per potere fronteggiare le metropoli europee ricche di tradizione come Vienna, Parigi e Londra, la vecchia città deve scomparire per lasciare posto a una nuova città 4. Mentre si evoca la storia attraverso nuove costruzioni storicistiche, vengono demolite le testimonianze del passato. Qui, per la prima volta, si esprime il tema che diviene così caratteristico dello sviluppo edile di Berlino nel XX secolo. 62

8 Demolizione del Duomo a Lustgarten, Presidio di polizia durante la rivoluzione di marzo, L imperatore Guglielmo II, come rappresentazione del suo potere, fa demolire il Duomo che era stato trasformato da Schinkel soltanto alcuni decenni prima, sostituendolo con una nuova mostruosa costruzione. Contestualmente viene eliminato la strada della Schlossfreiheit per consentire la costruzione del monumento nazionale all imperatore Guglielmo I. Il castello comunale perde il proprio contesto urbanistico. La Krolloper di Ludwig Persius ed Eduard Tietz deve cedere il posto, per ordine di Guglielmo II, a un nuovo sfarzoso edificio. Accolti dal plauso dei contemporanei, numerosi sono gli edifici monumentali a essere edificati in questa fase, con la conseguente quasi totale scomparsa, alla fine dell era guglielmina, di buona parte dell eredità architettonica della città: edifici di Philipp Gerlach,Andreas Schüler, Heinrich Gentz, Karl Friedrich Schinkel, chiese, municipi, palazzi, colonnati, musei. Già poco dopo la fine di quest epoca, essa viene riconsiderata in modo critico, come quando Carl Sternheim nel 1920 scrive: Di continuo si demoliscono gli edifici appena realizzati, se ne costruiscono di nuovi e più grandiosi, viene edificato in terra e in aria. I monumenti innalzati in fila e a gruppi vengono demoliti per essere sostituiti con delle apoteosi maggiori, poi consumate vertiginosamente 5. Eppure il vecchio processo si ripropone con un nuovo auspicio. La critica dell epoca guglielmina è accompagnata dal desiderio di rimuovere la sua eredità edilizia. Si preferisce rimodellare quanto già esistente piuttosto che demolire, gli edifici esistenti vengono trasformati e dotati di nuove facciate.talvolta ne scaturisce qualche cosa di significativo, come nel caso della riprogettazione della Rudolf-Mosse-Hause per opera di Erich Mendelsohn; soprattutto ci si limita, però, a rimuovere stucchi e decorazioni, seguendo il modello diffuso da Adolf Behne 6. Essenzialmente vengono riprese le strategie della ricostruzione urbana dell epoca guglielmina, anche se alla speculazione economica privata e alla dimostrazione di forza da parte dello Stato subentra un intenso potenziamento delle infrastrutture urbane più centrali.viene concepita la 63

9 Demolizione del medievale Krögel, Bombardamento aereo a Spittelmarkt, riorganizzazione delle Alexanderplatz, Potsdamer e Leipziger Platz, Platz der Republik e Hermannplatz anche se la persistente crisi economica rende i progetti pressoché inattuabili. Una radicalizzazione della distruzione urbanistica si afferma solo con il nazionalsocialismo. Il progettato asse nord-sud apre una breccia di circa un chilometro di larghezza che attraversa l intera città. Progetti analoghi di rigorosa demolizione esistono anche per l asse est-ovest, per il vecchio centro e per l area circostante la Museumsinsel. I lavori di demolizione legati alla costruzione dell asse nord-sud vengono avviati presso l ansa della Spree e nel quartiere diplomatico: l intero quartiere tardo-classicista di Alsen è raso al suolo. Ciononostante, per il sovrintendente ai lavori pubblici della capitale imperiale, Albert Speer, i lavori procedono a rilento. Nel maggio del 1940 pretende il ricorso a nuovi metodi di demolizione, come l utilizzo di esplosivo o simili 7. E così anche l amministrazione di Speer dà, nel 1941, il benvenuto alle bombe britanniche, che avrebbero consentito di alleggerire i lavori, rappresentando dunque un prezioso lavoro preparatorio ai fini della riorganizzazione 8. Ancora nell estate del 1944, Joseph Goebbels afferma a tal proposito che qui si sta avviando uno sviluppo, che avrebbe richiesto senza dubbio molto più tempo senza la guerra, cui si deve una notevolissima accelerazione 9. Con il nazionalsocialismo si evidenzia per la prima volta e allo stesso tempo in tutto il suo estremismo il raggiungimento di una dimensione propria dell ansia di distruzione. La demolizione non serve più alla creazione di qualche cosa di nuovo, ma diventa fine a se stessa, la distruzione diventa uno strumento politico diretto.tutto ciò diventa particolarmente evidente in occasione del rogo del Parlamento nel 1933 e del pogrom antisemita della notte dei cristalli nel 1938.Allo stesso modo, poco tempo dopo la presa del potere, vengono demoliti il monumento a Liebknecht-Luxemburg di Ludwig 64

10 Demolizione della Cancelleria imperiale, Esplosione del Castello, Mies van der Rohe e i resti del quartiere di Scheunenviertel perché simboli e luoghi della Berlino comunista. Nel quartiere di Scheunenviertel fu assassinato nel 1930 il nazionalsocialista Horst Wessel, non molto distante dalla centrale del partito comunista tedesco; con la demolizione si intendeva allora cancellare il covo del comunismo 10. Prima l aviazione britannica dall agosto del 1940 e poi quella americana dal marzo 1944 bombardano Berlino. In totale, in più di 400 attacchi aerei, cadono su Berlino 50 mila tonnellate di bombe incendiare, esplosive, al fosforo e a frammentazione. Il risultato è devastante; del resto l esercito statunitense aveva ricostruito, con la collaborazione di Erich Mendelsohn, gli isolati di Berlino nel deserto dello Utah, per studiarne le reazioni in caso di incendio e massimizzare l effetto distruttivo 11. Nel maggio del 1945, il centro di Berlino è ridotto per il 70% a un cumulo di macerie, case circa sono distrutte o fortemente danneggiate, mentre 1,5 milioni di berlinesi sono rimasti senza casa. Alle distruzioni arrecate dalla guerra seguirono le ondate di demolizione del dopoguerra. In primo luogo prevalentemente su iniziativa degli Alleati vengono cancellati i luoghi più rappresentativi del dominio nazista. Nei primi anni del dopoguerra spariscono la Cancelleria di Albert Speer e, con la Kunstgewerbeschule [Scuola di arti applicate] e il Prinz-Albrecht Palais di Schinkel, i quartieri generali della Gestapo e delle SS. La Haus des Fremdenverkehrs [ Casa dei rapporti con l estero ], primo edificio dell asse nord-sud di Speer viene demolita; l ossatura della Wehrtechnischen Fakultät [Facoltà delle tecniche difensive ] scompare sotto il cumulo di macerie del Teufelsberg.Anche il castello cittadino, sede padronale degli Hohenzollern, soggiace, su ordine di Walter Ulbricht, alla logica di distruzione dei simboli malvisti e di rappresentazione di un nuovo inizio. La disorganizzazione morale della società tedesca determina un impulso generale di cancellazione delle tracce della propria storia. Senza alcuna 65

11 Incendio della Colombohause, 17 giugno Esplosione della Sinagoga della Fasanenstraße, distinzione viene distrutta una gran quantità di monumenti, sia a Berlino est sia a Berlino ovest, in quanto veicoli di memoria collettiva: la stazione di Anhalter di Franz Heinrich Schwechten, il Museo etnologico ancora utilizzato dopo la guerra, la Scuola superiore di architettura di Schinkel già in ricostruzione, la Garnisonkirche e la barocca Jerusalemkirche, la Petrikirche già medievale e ricostruita quattro volte a causa di incendi, il palazzo dello sport in quanto luogo di numerosi eventi storici, politici e sportivi, il grande teatro edificato da Hans Poelzig per Max Reinhardt. L impeto distruttivo non risparmia neanche le testimonianze rimaste della cultura ebraica. Nel dopoguerra più di dodici sinagoghe vengono demolite, più che nel periodo nazista. Significativamente, però, i vecchi edifici non lasciano il posto a nuovi; si tratta, qui, semplicemente della cancellazione di quanto esistente. La maggior parte di questi luoghi sono tuttora inedificati. Il culto della distruzione abbraccia l intera città. Nel 1946, Hans Scharoun e i suoi collaboratori presentano il piano collettivo che prevede sostanzialmente una nuova struttura per l intera Berlino. La città viene suddivisa in quattro sezioni funzionali che si sviluppano lungo la direzione est-ovest e alle quali si sovrappone una rete di superstrade. In realtà il progetto fallisce sia per il suo carattere utopistico sia per la divisione della città, anche se il suo ideale di viabilità viene perseguito successivamente in entrambe le parti, in modo banalizzato e tecnocratico. A differenza dei precedenti progetti per varchi e ampliamenti viari, quest ultimo si basa non sul completamento della rete esistente, ma ne prevede una del tutto nuova. Singoli frammenti di questo sistema di autostrade e superstrade vengono realizzati nei decenni seguenti, con l apertura di ampi corridoi attraverso il cuore della città. Anche qui è evidente come si tratti essenzialmente di distruzione in quanto tale: nessuno dei corridoi realizzati verrà mai usato per la costruzione di strade, rimanendo inutilizzati per decenni. 66

12 Esplosione della stazione Anhalter, Bonifica a Wedding, La progettazione stradale segue il risanamento delle superfici dei quartieri di più antica costruzione. A Berlino ovest vecchie abitazioni vengono classificate come inadeguate; all inizio degli anni Sessanta si identificano i primi territori da risanare. Per i pianificatori la demolizione totale rappresenta la soluzione migliore, l unica che consenta loro di realizzare le loro idee fisse di una densità urbanistica ideale 12. Nelle circoscrizioni di Wedding, Schöneberg e Kreuzberg vengono demoliti interi quartieri, prima che i movimenti di protesta della metà degli anni Settanta ottenessero un cambiamento nella concezione di risanamento. Nel frattempo, con la demolizione del Fischerviertel, a Berlino est, vengono cancellate le ultime tracce della Berlino medievale. Negli anni Ottanta si verifica un cambiamento di rotta: l architettura dell epoca moderna è considerata out, mentre gli edifici storici sono considerati in. Proprio in corrispondenza del 750 anniversario [della città] gli edifici storici vengono ricostruiti; i monumenti, che dopo il 1945 erano stati confinati in magazzini, sono recuperati e ricollocati negli spazi cittadini; lo stucco asportato grazie all aiuto di sovvenzioni pubbliche viene ricostruito. Eppure, al più tardi dopo la caduta del Muro, si evidenzia come politici e architetti non abbiano acquisito un atteggiamento più tollerante o rispettoso di fronte alle testimonianze della storia, soltanto l immagine dell avversario è cambiata. Da questo momento in poi il modernismo è rigorosamente messo al bando. La nuova ondata distruttiva ha come scopo soprattutto i simboli architettonici della RDT. Nel giro di pochi anni il viale Unter den Linden viene riorganizzato: il Lindencorso, l Ambasciata ungherese e il Ministero per gli Affari esteri della RDT vengono demoliti, gli ex Ministeri della Pubblica istruzione e quello per il Commercio con l estero vengono dotati di facciate del tutto nuove. Nella lista di opere ancora da demolire rientrano l albergo Unter den Linden, l ex Hotel Palast nella Marx-Engels-Platz, ampie parti dell Opera comica, il ristorante Ahornblatt alla Fischerinsel [già avvenuta] e lo 67

13 Esplosione della Versöhnungskirche a Bernauer Straße, Demolizione del Muro a Bernauer Straße, stesso Palast der Republik.Anche se il direttore dei lavori pubblici del Senato Hans Stimmann dovette rinunciare all idea di far demolire la Torre della televisione, i piani di Hans Kollhoff per la demolizione completa dei quartieri attorno ad Alexanderplatz sono divenuti, nel frattempo, un piano particolareggiato. Il progetto prevede la demolizione di sette blocchi di edifici, con l eccezione di entrambi gli edifici di Peter Behrens dell inizio degli anni Trenta. In questo modo, nel giro di dieci, quindici anni verranno completamente riorganizzati gli spazi pubblici centrali di Berlino est e l eredità edile del socialismo sarà simbolicamente liquidata. Anche dal punto di vista quantitativo, il risultato dell edificato realizzata sotto il segno della ricostruzione critica è impressionante. Nei primi cinque anni dopo la caduta del Muro di Berlino, per il solo quartiere di Mitte furono presentate 200 richieste di demolizione; durante gli anni Novanta sono stati demoliti annualmente fino a un milione di metri quadri di superficie fabbricata. Dopo la sistemazione della parte orientale del centro-città, dovrà essere riorganizzata anche la parte occidentale. La Schimmelpfenghaus sulla Breitscheidplatz, sotto tutela, dovrebbe far posto a breve a un nuovo edificio. Nella primavera del 2000, il quotidiano «Frankfurter Allgemeine» pubblicò una serie di articoli con lo slogan demolire l ovest, nei quali gli autori invitavano a cancellare da Berlino ovest le architetture moderne del dopoguerra. I suggerimenti spaziano dall Europacenter, costruito negli anni Sessanta, al Centro Internazionale dei Congressi (ICC) degli anni Settanta, fino agli edifici IBA degli anni Ottanta. Desiderio e mania che non si ferma neppure di fronte al Kranzlereck appena costruito da Helmut Jahn.Al modo di dire la politica edile è politica della demolizione, famoso nella storia di Berlino, si sostituisce la posizione della demolizione come critica architettonica. Essa dà l impressione che ci si preoccupi del benessere della città, eppure la bramosia distruttiva sottoscritta ed evidenziata nel «Feuilleton» [fascicolo culturale del 68

14 Demolizione del monumento a Lenin, Demolizione dell albergo Berolina, quotidiano] è soltanto il rovescio borghese, e quindi addomesticato attraverso il linguaggio, di quel vandalismo divenuto rituale, in seguito al quale in ciascun primo maggio interi tratti stradali vengono devastati dai giovani. Le distruzioni che hanno luogo a Berlino superano ogni usuale modernizzazione. La città non è soltanto costantemente adattata a nuovi programmi, forme economiche, mezzi di comunicazione e scale metriche sempre più grandi, piuttosto ogni regime cerca, di volta in volta, di adattare la città a una nuova ideologia e di cancellare le tracce della precedente. La storicità è meno leggibile nella presenza dell edificato storico che nelle tracce della sua cancellazione costante. Il processo di distruzione dei simboli ha prodotto dei simboli della distruzione 13 : superfici inutilizzate, pareti bruciate, tratti stradali sospesi, fronti di edifici non allineati. È il paradosso di Berlino, che proprio a causa della mancanza della maggior parte dei suoi edifici storici più significativi essa appaia come luogo pieno di storia. Berlino è una città spettrale, piena di rimandi a ciò che è scomparso. Ci sono cartelli stradali e stazioni della metropolitana con nomi di piazze da lungo tempo distrutte, tratti stradali che terminano nel vuoto. La memoria collettiva ci fa girare intorno alla ricerca del passato, come il narratore Homer nel film di Wim Wenders Il cielo sopra Berlino o i numerosi turisti che ricercano invano le tracce del Muro di Berlino. La presenza spettrale di quanto è tramontato si mostra anche in quelle forme del nuovo che si lasciano spiegare ripetutamente solo a partire dalla delimitazione del passato o nella nostalgia verso di esso. Dappertutto è attuale un off come nel film, un tutt uno più grande al di là del visibile, che secondo Gilles Deleuze 14 costituisce un altrove radicale, al di fuori dello spazio e del tempo omogenei. La distruzione costante ha fatto di Berlino una città dell era moderna. Quasi nulla si è conservato dei tempi precedenti all industrializzazione e quel che rimane, come la Marienkirche sulla Marx-Engels Platz, ha l effetto di un corpo 69

15 avulso proveniente da un altro mondo. Con la sua raccolta di tracce storicistiche dell era moderna, Berlino rappresenta quasi una Roma moderna. Contrariamente ad altre città moderne New York o Los Angeles, Brasilia o Chandigarh non ha una struttura omogenea. Con l avvicendarsi di regimi contrari ha attraversato con l acceleratore una deformazione a vari strati: in meno di un secolo si è costituito un nucleo cittadino complesso. Le strutture caratteristiche delle epoche passate non sono più riconoscibili, sono diventate crittogrammi in un conglomerato di reticoli talvolta confuso. Così oggi non si possono rileggere né la pianta medievale né il percorso delle fortificazioni né la struttura barocca della città né, tanto meno, il percorso del Muro. Non soltanto sono state eliminate le costruzioni delle epoche trascorse, ma ne sono state cancellate anche le tracce nella pianta della città, sono stati cambiati i nomi delle piazze e delle strade, sono stati buttati all aria i concetti spaziali. L impulso alla cancellazione del passato ha portato, a Berlino, a una cultura della distruzione, che ha inizio con l espressionismo e il dadaismo, e prosegue con il movimento punk e la musica gabba degli anni Novanta. Ogni generazione berlinese ha riprodotto, a proprio modo, nell arte e nella musica il tema della distruzione; anche nell architettura, come nel caso del Museo ebraico di Daniel Libeskind che riproduce la forma di una stella di David in frantumi e la cui facciata sembra segnata da tagli e cicatrici. Mentre l espressionismo fece della violenza e della distruzione il tema della propria rappresentazione, il dadaismo sviluppò l atto della distruzione come tecnica artistica. Le subculture popolari del punk e della musica hard-coretechno e gabba celebrano un culto della distruzione spinto fino alla consapevole produzione di dolore fisico, attraverso una musica con altissime frequenze e battiti velocissimi. Le attività culturali oscillano tra critica alla violenza, all autodistruzione e alla distruzione come atto liberatorio. È il gruppo musicale berlinese degli Einstürzende Neubauten 15 fondato agli inizi degli anni Ottanta a propagare con la massima aggressività la cultura della distruzione. Il gruppo vantava che, dopo la registrazione della loro canzone Tanz den Untergang 16, diversi edifici di Berlino sarebbero crollati. Blixa Bargeld, il cantante del gruppo, celebra il carattere distruttivo come festoso e amichevole. Conosce un unica divisa: creare spazio. Non sa che cosa vuole, piuttosto sa che non vuole tutto ciò che c è 17. Per il pubblicitario inglese Ian Buruma 18 non è un caso che tanto Los Angeles quanto Tokio siano sorte in territori a rischio geologico. Il pericolo immanente di una distruzione immediata a causa di un terremoto dà loro la sensazione dell instabilità o, in altre parole, dell irradicabilità. Dove niente può durare, tutto è possibile. Ciò che si verifica a Berlino, più che una distruzione liberatoria per la creazione di qualche cosa di nuovo, è l impulso forzato di un ingegneria sociale tesa a adattare con la forza la città esistente a proprie rappresentazioni fisse. Nella storia di Berlino il passato, distrutto, depurato o 70

16 in forma falsificata e sfigurata, è sempre stato qualche cosa da riscoprire 19. Berlino è oggi, dunque, soggetta per l ennesima volta a delle distruzioni, volte a creare una nuova storia: perché i tedeschi non sognano un altro futuro, quanto piuttosto un altro passato. Note 1 Christa Baumgarth, Geschichte des Futurismus, Reinbek presso Hamburg, 1966, p Manifesto del futurismo del 1909, in Wolfgang Asholt,Walter Fänders, Manifeste und Proklamationen der europäischen Avantgarde, Stuttgart 1995, pp. 5 sgg. 3 Wolf Jobst Siedler, Phoenix im Sand. Glanz und Elend der Hauptstadt, Berlin, 1998, pp. 60 sgg. 4 Si veda Harald Bodenschatz, Stadterneuerung in Berlin, in Stadtentwicklung Berlins nach 1945, ISR Diskussionsbeiträge n. 17, a cura di W. Schäche,W. Streich, Berlin, 1985, p Carl Sternheim, Berlin oder Juste Milieu, Münich, 1920, p Adolf Behne, Neues Wohnen Neues Bauen, Lipsia, 1927, pp. 148 sgg. 7 Citazione tratta da Wolfgang Schäche, Von Berlin nach Germania, Berlin, 1998, pp. 154 sgg. A Wolfgang Schäche devo alcune indicazioni preziose per questo capitolo. 8 Ivi, p «L impero», Berlino, Lettera del Ministro del lavori dell impero al Ministro delle finanze dell impero del , in Johann Friedrich Geist e Klaus Kürvers, Das Berliner Mietshaus , Münich, 1989, p Mike Davis, Berlin s Skeleton in Utah s Closet, «Grandstreet» n. 69, estate Primo rapporto sul rinnovamento della città, 1964, pp. 7 sgg. 13 Die Zukunft der Metropolen, catalogo della mostra dell Università tecnica di Berlino, terzo tomo: Utopischer Ort Berlin, a cura di Karl Schwarz, Berlin, 1984, p Gilles Deleuze, Cinéma 1. L image-mouvement, Paris, Éditions de Minuit; trad. it. 1984, L immagine-movimento. Cinema 1, Milano, Ubulibri. 15 Nuove costruzioni fatiscenti (N.d.T.). 16 Balla la rovina (N.d.T.). 17 Blixa Bargeld, in Kursbuch 68, 1982, p Ian Buruma, Die kapitale Schnauze, Berlin Selbstzerstörung und wiederkehrende Selbsterzeugung, «Lettre International», inverno 1998, p Ivi, p

Ricostruzione del Neues Museum di Berlino, Germania

Ricostruzione del Neues Museum di Berlino, Germania Progetti Adolfo F. L. Baratta david chipperfield architects Ricostruzione del Neues Museum di Berlino, Germania Planimetria generale. È nel cuore dell attuale Museums Insel (Isola dei Musei), la parte

Dettagli

Prof. Andrea Pane. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Architettura

Prof. Andrea Pane. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Architettura UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Architettura CORSI DI LAUREA IN ARCHITETTURA MAGISTRALE 5 UE + SCIENZE DELL ARCHITETTURA + SPECIALISTICA IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA CORSO

Dettagli

Associazione PIONIERI ENI Via Unica 18 Bolgiano San Donato Milanese (MI)

Associazione PIONIERI ENI Via Unica 18 Bolgiano San Donato Milanese (MI) San Donato Milanese, Gennaio 2015 DA Via Monte Nero,4-20097 San Donato Milanese (MI) 02/51800495-02/93660513 sandonato@bluvacanze.it Per PAGAMENTI, informazioni e chiarimenti conttattare : YLYEN ARGUELLES

Dettagli

Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO

Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO Il Muro di Berlino (in tedesco: Berliner Mauer) era una barriera separatoria fatta costruire dal governo della Germania Est (detta anche Repubblica democratica tedesca

Dettagli

LA BERLINO DEI PRIMI ANNI DEL NOVECENTO TRA ESPRESSIONISMO E REPUBBLICA DI WEIMAR I PROGETTI DI SPEER PER HITLER BERLINO TRA OBLIO E DIVISIONE

LA BERLINO DEI PRIMI ANNI DEL NOVECENTO TRA ESPRESSIONISMO E REPUBBLICA DI WEIMAR I PROGETTI DI SPEER PER HITLER BERLINO TRA OBLIO E DIVISIONE LA BERLINO SETTECENTESCA E OTTOCENTESCA LA BERLINO DEI PRIMI ANNI DEL NOVECENTO TRA ESPRESSIONISMO E REPUBBLICA DI WEIMAR I PROGETTI DI SPEER PER HITLER BERLINO TRA OBLIO E DIVISIONE LA RICOSTRUZIONE DI

Dettagli

Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione. Lezioni d'autore

Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione. Lezioni d'autore Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione Lezioni d'autore Il processo di urbanizzazione Dal XIX secolo, in Europa poi negli USA e, nel corso del Novecento, nel resto del mondo, la popolazione

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

I SERVIZI CULTURALI A BERLINO

I SERVIZI CULTURALI A BERLINO I SERVIZI CULTURALI A BERLINO Introduzione La Città di Berlino è un Land Autonomo. I suoi abitanti eleggono il parlamento cittadino, il Senatskanzlei; questo elegge il sindaco di Berlino che, dietro approvazione

Dettagli

Proposte tour organizzati

Proposte tour organizzati Proposte tour organizzati BOSCOLO vi offre Meta turistica amata dai giovani di tutto il mondo, è la città cosmopolita per eccellenza. Innovatrice e trendy, vanta architetture che sono emblemi di modernità

Dettagli

Le architetture moderne di Berlino

Le architetture moderne di Berlino Le architetture moderne di Berlino Foto di Franco Ancilli di Tamara Morandi Appena arrivata a Berlino sono stata affascinata dalla grande quantità di cose da vedere, dall architettura classica, dai suoi

Dettagli

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942 Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica

Dettagli

Fondazione Roma Europea. 6 ottobre 2014, ore 19.30

Fondazione Roma Europea. 6 ottobre 2014, ore 19.30 Traduzione Fondazione Roma Europea 6 ottobre 2014, ore 19.30 Signor Segretario Generale, Eccellenze, Signore e Signori, è per me una grande gioia e un onore essere Vostro ospite questa sera in occasione

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica Architettura e urbanistica oltre Porta Furba tra gli anni 30 e la fine degli anni 50. Secondo gli indirizzi del Piano Regolatore del 1931, il vasto territorio

Dettagli

1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino

1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino 1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino BVG, che esercisce i servizi di mobilità collettiva nella città di Berlino, è la principale azienda di trasporto pubblico in Germania: trasporta 937 milioni

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

2015 Visite guidate. Nuove proposte per Berlino

2015 Visite guidate. Nuove proposte per Berlino 2015 Visite guidate Nuove proposte per Berlino 2015 Visite guidate Berlincolor Nuove proposte per Berlino Le visite guidate possono essere svolte anche in tedesco, inglese e francese. 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per

In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per Michele Stavagna STADTUMBAU BERLIN Rigenerazione urbana tra riqualificazione edilizia e memoria identitaria In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri

Dettagli

25 agosto 2014 - lunedì. 26 agosto - martedì. 27 agosto - mercoledì

25 agosto 2014 - lunedì. 26 agosto - martedì. 27 agosto - mercoledì BERLINO, GIOVANE CITTÀ DA SCOPRIRE 25-31 agosto 2014 Berlliino, giiovane ciittà da scopriire 25-31 agosto 2014 Da città profondamente tedesco-prussiana nell 800, dopo le tragiche ferite del secolo scorso,

Dettagli

DRESDA, BERLINO E NORIMBERGA

DRESDA, BERLINO E NORIMBERGA Corso Cavour, 4 28021 Borgomanero (No) Tel.+39 0322/843936 fax +390322/846764 E-mail info@grandangoloviaggi.com Web www.grandangoloviaggi.it DRESDA, BERLINO E NORIMBERGA PROGRAMMA DI VIAGGIO 1 giorno Domenica

Dettagli

Organizzazione Tecnica TALISMANO VIAGGI S.r.l. Aut. Reg. N. 4058 del 13/06/1984

Organizzazione Tecnica TALISMANO VIAGGI S.r.l. Aut. Reg. N. 4058 del 13/06/1984 Berlino Organizzazione Tecnica TALISMANO VIAGGI S.r.l. Aut. Reg. N. 4058 del 13/06/1984 Oltre tre milioni e mezzo di abitanti, dozzine di musei, gru e impalcature a volontà, architetti di fama, vetrine

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL RING DI VIENNA L'azione urbanistica più nota della Vienna del XIX secolo èla realizzazione del RING (1859.1872), nella quale si esprimono gli elementi

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

L E C I T TA G E M E L L AT E

L E C I T TA G E M E L L AT E PERUGIA / IT L E C I T TA G E M E L L AT E C O N P o t s d a m POTSDAM / DE Sette città gemellate con Potsdam Sioux Falls USA FINNLAND Jyväskylä Potsdam POLEN Avendo un carattere internazionale, Potsdam

Dettagli

Fondazione Carlo Perini

Fondazione Carlo Perini Fondazione Carlo Perini EXPO 2015 Proposta di riqualificazione delle periferie Il Cavallo di Leonardo in Piazzale Accursio/Portello a Milano Aprile 2014 Milano, aprile 2014 Dare visibilità al Cavallo di

Dettagli

VIAGGIO A BERLINO 10/13 Ottobre 2013

VIAGGIO A BERLINO 10/13 Ottobre 2013 Sezione di Novara VIAGGIO A BERLINO 10/13 Ottobre 2013 Stopover Viaggi - via Torelli 2a 28100 Novara - tel 0321 466931 - BERLINO Berlino è oggi una capitale affermata per il suo stile cosmopolita, la creatività

Dettagli

TOUR DI PASQUA A BERLINO

TOUR DI PASQUA A BERLINO TOUR DI PASQUA A BERLINO Un tour bellissimo che vi permetterà di conoscere una città affascinante! Un viaggio che vi permetterà di vedere luoghi di grande importanza storica in una città moderna, giovane,

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

IN VIAGGIO VERSO BERLINO Ciclo di seminari e visite tecniche guidate

IN VIAGGIO VERSO BERLINO Ciclo di seminari e visite tecniche guidate ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DELL AQUILA IN VIAGGIO VERSO BERLINO Ciclo di seminari e visite tecniche guidate In collaborazione con UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DICEAA Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Informazioni per la stampa. Hofmobiliendepot Museo del mobile Vienna

Informazioni per la stampa. Hofmobiliendepot Museo del mobile Vienna Informazioni per la stampa Hofmobiliendepot Museo del mobile Vienna Vienna, agosto 2013 L Hofmobiliendepot è un Museo del mobile unico nel suo genere al mondo Un tempo l Hofmobiliendepot era il deposito

Dettagli

Viaggio di studio a Berlino 19/04/2010-28/04/2010 Dott.ssa Agota Asztalos Lettrice DAAD

Viaggio di studio a Berlino 19/04/2010-28/04/2010 Dott.ssa Agota Asztalos Lettrice DAAD Viaggio di studio a Berlino 19/04/2010-28/04/2010 Dott.ssa Agota Asztalos Lettrice DAAD Berlino, la capitale della Repubblica federale, è tra le mete principali di chi visita la Germania. Berlino è talmente

Dettagli

FJFM Produzioni Audiovisive

FJFM Produzioni Audiovisive FJFM Produzioni Audiovisive Vision La casa di produzione audiovisiva FJFM si prefigge l internalizzazione di una piccola, ma seria, realtà produttiva laziale. Mission Valorizzare il linguaggio cinematografico

Dettagli

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna 1949 Planimetria generale dell Arcispedale S. Anna Padiglione della divisione oculistica Adriana Ascoli (1948-1949) Tra il 1948 e il 1949 fu costruito il padiglione della divisione oculistica. Progettato

Dettagli

Praga Vie, Piazze e Quartieri

Praga Vie, Piazze e Quartieri Praga Vie, Piazze e Quartieri Legenda dei punti riportati sulla mappa A Malà Strana Il Piccolo Quartiere, o Malà Strana, è la zona più caratteristica di Praga. Ospitò le eleganti residenze della nobiltà

Dettagli

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Regione Lombardia Progetto City Life, riqualificazione di un quartiere storico della Fiera di Milano Scheda Milano n. 27 http://www.archiportale.com/immagini/fileprogetto/immaginigrandi/2446_1.jpg?961,8799

Dettagli

B E R L I N O. Dal 28 al 30 Novembre 2015

B E R L I N O. Dal 28 al 30 Novembre 2015 B E R L I N O Bode-Museum Dal 28 al 30 Novembre 2015 28 Novembre 2015 In mattinata partenza da Milano Malpensa con volo Easy Jet 09:30 arrivo 11:15 all aeroporto di Berlino Schoenefeld. Incontro con la

Dettagli

Varsavia. Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio

Varsavia. Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio Varsavia Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio Etimologia La sirena di Varsavia Le prime tracce del nome appaiono nel 1321 come Warseuiensis. Il nome medievale

Dettagli

Numero speciale: l Axa vista dagli studenti di Architettura

Numero speciale: l Axa vista dagli studenti di Architettura Numero speciale: l Axa vista dagli studenti di Architettura Aminah Ricks UN PO DI STORIA Il quartiere Axa sorge su un terreno paludoso bonificato verso fine ottocento da ravennati e romagnoli che si occuparono

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Edile Architettura Architettura e Composizione Architettonica 2 prof. Francesco Giancola. Presentazione del corso

Corso di laurea in Ingegneria Edile Architettura Architettura e Composizione Architettonica 2 prof. Francesco Giancola. Presentazione del corso Corso di laurea in Ingegneria Edile Architettura Architettura e Composizione Architettonica 2 prof. Francesco Giancola Presentazione del corso Punto di partenza STORIA DELL ARCHITETTURA 2 ACA 1 Concetti

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN

PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN Eugène Hausmann (1809-91) Diviene Prefetto della Senna sotto l imperatore Napoleone III (1850) La legge (13.04.1850) gli consente di espropriare tutti gli immobili

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE Investimenti strategici per lo sviluppo del territorio Avvio cantieri a Barriera di Milano, Falchera e Borgata Tesso Il contesto I programmi integrati di sviluppo

Dettagli

Berlino e Monaco di Baviera Dal 2 al 6 Giugno 2016

Berlino e Monaco di Baviera Dal 2 al 6 Giugno 2016 Berlino e Monaco di Baviera Dal 2 al 6 Giugno 2016 1 GIORNO: Viaggio di trasferimento - Monaco di Baviera MONACO DI BAVIERA Situata sulle rive del fiume Isar, dopo Berlino ed Amburgo è la terza città tedesca

Dettagli

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE 413 ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE Chiostro di S. Pietro Martire trasformato in manifattura tabacchi,

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali e seminari, sopralluoghi di studio. Prova Orale, Prova Scritta, Presentazione di una Tesina

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali e seminari, sopralluoghi di studio. Prova Orale, Prova Scritta, Presentazione di una Tesina FACOLTÀ Architettura ANNO ACCADEMICO 2012-2013 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Architettura LM4 INSEGNAMENTO Storia dell Architettura Contemporanea, C.I. con Storia dell Arte Moderna e Contemporanea TIPO DI

Dettagli

Lezione 01-08-ott-14

Lezione 01-08-ott-14 Urb_14-15_[2p]_Lez_01_08-ott-14 1 Corso di Urbanistica (EA) a.a. 2014/2015 Lezione 01-08-ott-14 Prima dell urbanistica moderna Urb_14-15_[2p]_Lez_01_08-ott-14 2 Prima.. La città antica era caratterizzata

Dettagli

Sabbioneta Museo diffuso di Sabbioneta

Sabbioneta Museo diffuso di Sabbioneta Sabbioneta Museo diffuso di Sabbioneta Sabbioneta Museo diffuso di Sabbioneta Sabbioneta, città di fondazione, fu edificata tra il 1556 ed il 1591 per volere del Duca Vespasiano Gonzaga Colonna, si presenta

Dettagli

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE 1 di 2 1 1 UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA RAGIONI DI INTERESSE Nascita ed evoluzione di un nuovo tipo edilizio Lettura

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

VIAGGIO A BERLINO Per un fine settimana di metà Maggio

VIAGGIO A BERLINO Per un fine settimana di metà Maggio VIAGGIO A BERLINO Per un fine settimana di metà Maggio da Geom. Rebussi Adriano Berlino, effetto speciale della porta di Brandeburgo di notte Costruire è positivo, costruire bene è piacevole, costruire

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: DISEGNO e PROGETTAZIONE CAD CLASSI: QUINTE I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

NAGATA ACOUSTICS Hongo Segawa Bldg, 3F 2-35-10 Hongo, Bunkyo-ku Tokyo, 113-0033 Japan info@nagata.co.jp

NAGATA ACOUSTICS Hongo Segawa Bldg, 3F 2-35-10 Hongo, Bunkyo-ku Tokyo, 113-0033 Japan info@nagata.co.jp COMUNE DI BOLOGNA AUDITORIUM DELLE ARTI da un progetto culturale di Claudio Abbado per la Città di Bologna STUDIO DI FATTIBILITA COMMITTENTE FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI BOLOGNA Via Luigi Farini, 15

Dettagli

Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*)

Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*) Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*) Quanti di noi avranno avuto un senso di leggero straniamento percorrendo le strade di numerosi centri storici italiani?

Dettagli

Dortmund Data di pubblicazione: 08/10/2015

Dortmund Data di pubblicazione: 08/10/2015 Dortmund Data di pubblicazione: 08/10/2015 Tag più popolari Arte e cultura Giovani e single Mete romantiche Mete per la famiglia Sport Viaggi studio Bici friendly Divertente Ecologica Paragrafi Storia

Dettagli

Paesaggi dell architettura contemporanea. Capitali europee. Berlino, al cuore della Mittel Europa

Paesaggi dell architettura contemporanea. Capitali europee. Berlino, al cuore della Mittel Europa Capitali europee. Berlino, al cuore della Mittel Europa Capitali europee. Berlino, la formazione della Hansa Stadt Berlino e Cölln, intorno al XIV secolo Capitali europee. Berlino, la formazione della

Dettagli

Romantico Vecchio Sud. & New York. Viaggio di gruppo. Programma di viaggio:

Romantico Vecchio Sud. & New York. Viaggio di gruppo. Programma di viaggio: Romantico Vecchio Sud & New York Atlanta, Savannah, Charleston & New York Viaggio di gruppo Dal 6 al 16 giugno 2014 Non esiste un modo onorevole di uccidere, né esiste un modo gentile di distruggere. Non

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

facoltà di architettura luigi vanvitelli corso di analisi e tecniche di pianificazione urbanistica docente enrico formato

facoltà di architettura luigi vanvitelli corso di analisi e tecniche di pianificazione urbanistica docente enrico formato facoltà di architettura luigi vanvitelli docente Fondamenti, modelli, tendenze. Lezione n.4 Utopie + landscape movement. La città-giardino > Howard e la codifica della città giardino Ebenezer Howard (1850-1928)

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Francoforte sul Meno, Goethe e non solo

Francoforte sul Meno, Goethe e non solo Francoforte sul Meno, Goethe e non solo di Bruga Il forte legame fra la letteratura e Francoforte non si è tradotto in un libro, quanto in due fatti di assoluto rilievo nella storia della letteratura e

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

Storia della città e dell urbanistica Verso una legislazione urbanistica moderna

Storia della città e dell urbanistica Verso una legislazione urbanistica moderna Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Storia della città e dell urbanistica Verso una legislazione urbanistica

Dettagli

Informazioni per la stampa Hofmobiliendepot Museo del mobile di Vienna

Informazioni per la stampa Hofmobiliendepot Museo del mobile di Vienna Informazioni per la stampa Hofmobiliendepot Museo del mobile di Vienna Uno dei siti di Schloss Schönbrunn Kultur- und Betriebsges.m.b.H. L Hofmobiliendepot è un Museo del mobile unico nel suo genere al

Dettagli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli UNDO.NET 4/3/2011 L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli PIO SODALIZIO DEI PICENI, ROMA La mostra ''L'Accademia Russa di Belle Arti'' svela al pubblico fatti, personaggi ed eventi in 3 secoli

Dettagli

FOTO DI BERLINO. "Alexanderplatz" (foto miste con "Orologio universale", palazzi e "Torre della televisione").

FOTO DI BERLINO. Alexanderplatz (foto miste con Orologio universale, palazzi e Torre della televisione). FOTO DI BERLINO Berlino, la città che trascina l'europa... (parte I delle foto) "Alexanderplatz" (foto miste con "Orologio universale", palazzi e "Torre della televisione"). Dettagli della "Torre della

Dettagli

PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA-bis Modulo redatto da DS

PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA-bis Modulo redatto da DS PSD D62 -bis PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: DISEGNO E PROGETTAZIONE DOCENTE: UGO NIEDDU PIANO DELLE DELLA 5 GEO A.S. 2012-2013 della ABILITA n. 1 SISTEMI COSTRUTTIVI i tipi di strutture portanti

Dettagli

prologo (osservazioni sull architettura dell edificio)

prologo (osservazioni sull architettura dell edificio) Fuga in blu prologo (osservazioni sull architettura dell edificio) Il Londra-Luxor è un vecchio cinema di Parigi, spesso confuso con il Luxor. Quest ultimo, situato in boulevard de Rochechouart, è in

Dettagli

Grandi numeri per servizi di qualità

Grandi numeri per servizi di qualità Grandi numeri per servizi di qualità Carta d identità e profili delle più importanti istituzioni bibliotecarie di Berlino di Cecilia Cognigni e Alberta Dellepiane Zentral- und Landesbibliothek Berlin La

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

Padiglione di Barcellona 1929

Padiglione di Barcellona 1929 Mies van der Rohe Ludwig Mies van der Rohe è il padre dell'estetica architettonica contemporanea. Se Le Corbusier incarna l'anima più poetica del Movimento Moderno, l'architetto tedesco ne rappresenta

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

DISARK 2 - Prof. Valeria Macrì - Seminario: Schikel e il suo tempo

DISARK 2 - Prof. Valeria Macrì - Seminario: Schikel e il suo tempo Karl Friedrich Schinkel (1781 1841) è stato un architetto e pittore prussiano, autore di prestigiosi monumenti che hanno dato un nuovo assetto architettonico al centro di Berlino. Da una parte, fu figura

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

DELLA BORSA già Piazza della Dogana

DELLA BORSA già Piazza della Dogana DELLA BORSA già Piazza della Dogana Piazza della Borsa è una delle piazze principali di Trieste : non nasce a tavolino ma è uno spazio urbano che si delinea gradualmente, senza una pianificazione ma in

Dettagli

deposito museale a francoforte, 1994

deposito museale a francoforte, 1994 Afferma Mäckler: Nel mattone abbiamo ritrovato una prima chance per riportare l architettura alle origini, e cioè a più solidità, materialità e artigianalità. Questa rimaterializzazione delle nostre costruzioni

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

VIENNA, BUDAPEST E BRATISLAVA Da venerdì 2 a martedì 6 gennaio 2015 Inizio d anno nella Mitteleuropa

VIENNA, BUDAPEST E BRATISLAVA Da venerdì 2 a martedì 6 gennaio 2015 Inizio d anno nella Mitteleuropa VIENNA, BUDAPEST E BRATISLAVA Da venerdì 2 a martedì 6 gennaio 2015 Inizio d anno nella Mitteleuropa Il bel Danubio blu mette in comunicazione tre dei maggiori centri dell Est Europa. Vicini e diversi,

Dettagli

Modelli 2: città giardino

Modelli 2: città giardino Modelli 2: città giardino La Garden City di Howard Riferimenti bibliografici: Benevolo Leonardo Storia dell architetturra moderna Laterza ed Bari 1985 - Benevolo Leonardo, Storia dell architetturra moderna,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA di Ada Fichera 70 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2014 Un antichità avvolgente e un fascino singolare connotano

Dettagli

POTSDAM&L ITALIA LA MEMORIA DELL ITALIA NELL IMMAGINE DI POTSDAM GIORNATE DI STUDI ITALO TEDESCHE 13. 14.01.2012

POTSDAM&L ITALIA LA MEMORIA DELL ITALIA NELL IMMAGINE DI POTSDAM GIORNATE DI STUDI ITALO TEDESCHE 13. 14.01.2012 POTSDAM&L ITALIA LA MEMORIA DELL ITALIA NELL IMMAGINE DI POTSDAM GIORNATE DI STUDI ITALO TEDESCHE 13. 14.01.2012 POTSDAM&L ITALIA LA MEMORIA DELL ITALIA NELL IMMAGINE DI POTSDAM GIORNATE DI STUDI ITALO

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

Venerdì 2/04 Ore 12:00 - appuntamento con la guida all aeroporto di Berlin-Schönefeld e sistemazione in Hotel.

Venerdì 2/04 Ore 12:00 - appuntamento con la guida all aeroporto di Berlin-Schönefeld e sistemazione in Hotel. Il tour comprende 1) Tre notti in Hotel turistico con prima colazione inclusa: I nostri Hotel di riferimento partono da un minimo di 2 stelle e sono compresi di prima colazione. La politica di Sotterranei

Dettagli

Costruire per i cinque sensi

Costruire per i cinque sensi RICHARD NEUTRA Costruire per i cinque sensi La creazione di ambienti che si possano percepire non solo con gli occhi ed esplorare con il tatto, ma che stimolino anche l udito e l olfatto è stata la missione

Dettagli