18 Edizione italiana II. 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "18 Edizione italiana II. 2008"

Transcript

1 18 Edizione italiana II. 2008

2 Editoriale Cari lettori, L architettura gode di ottima salute come si potrebbe pensare sfogliando questo numero ricco di progetti di qualità realizzati in tutto il mondo. Ben più ampia ed autorevole opportunità per verificare lo stato complessivo dell architettura è stato il Congresso Mondiale dell Unione Internazionale degli Architetti, tenuto a Torino nello scorso luglio. Qui si è affrontato il tema non solo dal punto di vista dei progettisti, ma anche da quello di tutti i componenti del sistema economico, politico e sociale che determinano il processo edilizio e più in generale le trasformazioni del territorio. La qualità di architettura scaturisce infatti dalla sinergia tra un complesso di fattori e attori, come ben sintetizzò già nel 1962 Giulio Carlo Argan, in occasione della prima edizione dei premi di In/Arch, banditi in Italia dall Istituto Nazionale di Architettura: I premi In/Arch, oltre a segnalare quegli architetti che hanno compiuto un lavoro di sintesi e di risoluzione finale di tutte le componenti di forza che intervengono nell opera d arte, sono rivolti anche a premiare personalità politiche, funzionari di Enti, produttori, critici d arte, istituti e imprese, cioè l intera sfera di attività e di interessi, al centro della quale si pone il risultato artistico. È dunque molto importante che i premi destinati agli edifici, premino non solo l architetto ideatore ma anche il committente e il costruttore. Analoga complessità è alla base della qualità del progetto illuminotecnico. Per questo nella nostra campagna pubblicitaria Partners for better light, presentiamo l opera realizzata e tutti i professionisti che hanno contribuito a crearne la regia luminosa: l architetto, il committente, il lighting designer, l impresa di istallazione ed ovviamente iguzzini con i propri tecnici. Buona lettura! Adolfo Guzzini

3 18 Incontroluce II Sommario II Editoriale Le Marche Architettura contemporanea nelle Marche Progettazione Energia in luce. La Centrale elettrica di Naistenlahti Progetti Luce sugli scavi di Ercolano Il Centro servizi Vulcano Buono Lo sfolgorante tesoro di Monza. Il Museo Gaiani La Venaria Reale NEWurbanFACE Thompson Pump House La sede dell agenzia Code Computer Love Stazioni della linea LGV Est Europea Fondazione Bancaja Il Grand hotel Hyatt on the Bund Stazione di Montesanto Riflettori sull Italia: una nuova luce per l ambasciata italiana Bjørvika. Un nuovo spazio per la città 1500 nuovi apparecchi di illuminazione per Bucherer Design Cities Harvey Nichols Artempo Where Time becomes Art Un piano d illuminazione per la Cité de l Architecture Cultura dell azienda Sprazzi di colore sulla città Nuova sede iguzzini illuminazione UK a Guilford iguzzini a San Pietroburgo Designers Days 08 L Oro del Design Italiano Design Cities iguzzini Partner For Better Light Workshop all over the world Certificato l impegno per la tutela dell ambiente. iguzzini è ISO 14001:2004 LumiVille PizzaKobra Tour a Zurigo La Architectural Society of Shanghai China (ASSC) in visita alla iguzzini China

4 Le Marche Architettura contemporanea nelle Marche Progetto Generale a cura di Cristiana Colli e Pippo Ciorra Ancona, Mole Vanvitelliana, 12 luglio - 24 agosto 2008 La prima mostra sull architettura contemporanea nelle Marche è un esposizione composita, divisa in quattro sezioni: il censimento delle opere di qualità dal 1945 a oggi; una ricognizione sui lavori più recenti; la selezione delle opere pubblicate in oltre dieci anni di attività della rivista Progetti Ancona ; la ricerca sugli archivi degli architetti marchigiani. L occasione espositiva - la prima ricognizione del genere realizzata nella regione - ha origine dalla ricerca che la direzione generale PARC del MiBAC - Direzione Generale per la Qualità e la tutela del paesaggio, l architettura, l arte contemporanea - sta svolgendo da alcuni anni sull architettura del dopoguerra in Italia. L indagine è articolata su base regionale. Gli obiettivi sono molteplici. Prima di tutto la promozione dell architettura italiana contemporanea, poi l individuazione di una fascia più ristretta di opere da sottoporre a eventuali forme di tutela (diritto d autore ecc.), infine, a più di vent anni dagli ultimi studi storici di ampio respiro, lo stimolo a una prima rivisitazione storiografica. Dal 2005 la ricerca si è estesa al territorio marchigiano, a cura di un gruppo di ricerca del dipartimento PROCAM della Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno. Il risultato dei lavori dei ricercatori della facoltà occupa due sezioni della mostra (PARC ; PARC ) e offre un panorama ricco e a suo modo sorprendente sull attività dei progettisti di una regione generalmente considerata votata a una prudente forma di resistenza all innovazione e alla creatività contemporanea, almeno nel campo dell architettura e del progetto urbano. La parte dedicata alla selezione delle pubblicazioni di Progetti si rivela come una controprova coerente e confortante delle indagini DARC. Dai dieci anni della rivista emerge infatti un tessuto di progettisti e di opere di grande qualità, in grado di testimoniare una presenza capillare dell innovazione architettonica sul territorio regionale, di far emergere le relazioni con 1 2

5 Contributi di Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno Università Politecnica delle Marche, Comune di Ancona, rivista Progetti Ancona, Inarch Marche, Soprintendenza Archivistica delle Marche, iguzzini illuminazione, Fondazione Ermanno Casoli, Gagliardini Consulta tra le Fondazioni Casse di Risparmio marchigiane. Foto: Gentile concessione dei curatori della mostra 1. Urbino, Facoltà di Magistero di Giancarlo De Carlo 2. Camerino, nuova sede del dipartimento di biologia molecolare di Pippo Ciorra e Massimo Periccioli 3. Schizzo per il progetto della sede della Regione Marche di Gregotti Associati International 2 3 il tessuto produttivo, di dare spazio alle iniziative delle istituzioni locali e delle università. La ricerca sugli archivi, svolta a cura del dipartimento DARDUS dell università di Ancona, anche in questo caso in collaborazione con la Soprintendenza Archivistica regionale e le strutture del MiBAC, si configura invece come un complemento conoscitivo essenziale per chi si avvicini alla questione dell architettura contemporanea nelle Marche e alle vicende dei suoi personaggi più rilevanti. Anche in questo caso il lavoro dei ricercatori ha fatto emergere un tessuto ben più ampio e complesso di quanto finora compreso, fatto di personaggi fortemente intrecciati alla storia economica e culturale della regione ma allo stesso tempo in continuo contatto e scambio con i maestri di riferimento e i centri nazionali della cultura specifica. L allestimento, nei bellissimi spazi al piano terra della Mole, tende a comporre in un insieme omogeneo le quattro sezioni, offrendo un ritratto complessivo del paesaggio architettonico contemporaneo della regione, evidenziandone gli aspetti di coerenza, varietà, ricchezza. incontroluce 18 3

6 Progettazione Energia in luce. La Centrale elettrica di Naistenlahti Tampere, Finlandia testo a cura di Roope Siiroinen 1 Questo vasto edificio sito in un area ricreativa nei pressi del centro di Tampere e nelle vicinanze di un lago ha offerto un ideale opportunità per la realizzazione di un progetto illuminotecnico dinamico che trasforma completamente l immagine della struttura industriale attraverso l illuminazione per farne un moderno elemento costitutivo della città e del suo panorama lacustre notturno. Il progetto illuminotecnico ha puntato ad esaltare la forma grafica dell edificio e ad accentuarne gli elementi principali attraverso l uso del colore. L illuminazione programmabile e dalle molteplici sfumature di colore trasmette un messaggio di dinamicità attraverso l architettura dell edificio e l area circostante. Il principale obiettivo del cliente era trasformare il messaggio trasmesso dall edificio attraverso il sistema di illuminazione, facendo di un entità architettonica non in sintonia con l ambiente circostante un edificio che al calare dell oscurità assume un aspetto moderno che è inserito armonicamente nel paesaggio. L edificio presentava un architettura industriale con linee e forme geometriche semplici e prive di dettagli decorativi. 4

7 Cliente Tampere Power Plant (Tampereen Sähkölaitos) Consulenza urbanistica Arch. Jalo Virkki, Città di Tampere Progetto architettonico per la ristrutturazione della facciata Arkkitehdit Von Bagh - Tavilampi Oy Lighting design: VALOA design Ltd Roope Siiroinen, MA, PLDA Arto Heiskanen, BA, PLDA Heini Ylijoki, BA, PLDA Progettazione impianto elettrico Pöyry Engineering Oy Foto: Antti Hiltunen/VALOA design Oy Per gentile concessione di Valoa Design 1. Facciata dell edificio 2. La centrale elettrica e il contesto urbanistico 2 La principale sfida per il designer era trasformare l immagine diurna multidimensionale e dinamica dell edificio in una immagine notturna armonica, curata e distesa con l ausilio di un solido concetto illuminotecnico. Forme e linee grafiche sono state enfatizzate e messe cromaticamente in rilievo dalle note di colore che si propagano dal prisma triangolare. Con questa soluzione, l immagine presentata è semplice, armoniosa e priva di elementi di concitazione. L anonima costruzione grigia ha costituito uno scenario ideale per il nostro progetto di illuminazione basata sul colore. Colori, elementi grafici e forme tridimensionali si fondono quasi a conferire un anima all edificio. Questa dinamica soluzione si sposa in maniera ottimale con l ambiente circostante dove tutti gli edifici sono ben integrati nella vasta area ricreativa ove sorgono. Il progetto è in verità una sfida per gli edifici circostanti a tendere verso un concetto di illuminazione più fortemente caratterizzante. La centrale elettrica è un esempio concreto di come sia possibile trasfigurare l immagine di un edificio conferendogli un look unico ed esclusivo attraverso l illuminazione. Il progetto ha vinto l edizione 2007 del GE Edison Award, premio istituito nel 1983 dalla General Eletrics. Nato per promuovere l uso di sorgenti luminose GE, nel corso degli anni è diventato un concorso internazionale che premia i progetti più creativi e suggestivi, che utilizzano sia tecnologie tradizionali che le più innovative. La cerimonia di premiazione si è svolta a Las Vegas il 27 maggio incontroluce 18 5

8 3 6

9 Progettazione Energia in luce. La Centrale elettrica di Naistenlahti 3. Uso del colore sulla facciata 4. Pianta di Oslo. In azzurro l area di intervento 5. Cerimonia di premiazione GE Edison Award 4 5 Biografia Roope Siiroinen è nato ad Helsinki in Finlandia il 22 dicembre Si è laureato nel 1995 alla Finnish Theatre Academy in Lighting and Sound Design con una tesi di laurea su L estetica dell illuminazione d esterni, la cui parte artistica e progettuale consisteva nell illuminazione di un area residenziale sperimentale (primo Premio Environmental Structure 1996). Dopo gli studi Siiroinen ha insegnato Lighting Design al Politecnico di Tampere e ha fondato il suo studio Valoa- Lighting Design. Ha vinto il primo premio Lighting Project 1999 ed è stato scelto per la finale del concorso europeo Light Premiere Nel 2000 ha iniziato, come designer a tempo pieno e direttore, lo sviluppo di Valoa Ltd. Ha realizzato più di 150 importanti progetti di illuminazione di esterni ed interni. Ha vinto altri premi, come la menzione d onore in Lighting Project 2003 e nel concorso del Lighting Design nordico Luminord Nel 2004 ha vinto l importante premio Cultural Act of 2003 della Kalle Kaihari Foundation. Siiroinen è membro della European Lighting Designers Association (ELDA). incontroluce 18 7

10 Progetti Luce sugli scavi di Ercolano Ercolano, Napoli, Italia testo di Alessandro Grassia Committente Soprintendenza Archeologica di Pompei - Consiglio di Amministrazione Progetto illuminotecnico Alessandro Grassia La redazione del progetto per il nuovo impianto d illuminazione del parco archeologico di Ercolano è stata voluta dal Consiglio di Amministrazione della Soprintendenza Archeologica di Pompei nel maggio I lavori per la realizzazione sono iniziati a settembre 2006 e terminati a settembre Il progetto prevede l illuminazione dell area archeologica finalizzata alla fruizione notturna degli scavi da parte di gruppi organizzati di visitatori accompagnati da guide specializzate. La visita dell intera area illuminata dura circa un ora. I gruppi possono essere composti da persone e possono esserci un massimo di tre gruppi presenti contemporaneamente. Il nuovo impianto prevede un sistema articolato di accensioni che consente di modulare facilmente l utilizzo della luce in base a diverse necessità. Sono stati installati circa 420 corpi illuminanti, con diverse tipologie di ottiche e di lampade, ma tutti di dimensioni e potenze ridotte; questo in linea con le prescrizioni della Soprintendenza al fine di contenere quanto più possibile il loro ingombro all interno dei profili architettonici e strutturali dei manufatti. La scelta è caduta su proiettori Platea e Woody; incassi Linealuce e Light Up-Walk, Light Up-Balisage, oltre a degli iroll per alcuni interni. Gli apparecchi sono suddivisi in 62 linee di accensione che permettono di comporre diverse scene luminose; la creazione delle stesse avviene sia da posizione centrale (quadro di comando e programmazione) sia da posizione locale (all interno delle emergenze architettoniche stesse). I cavi elettrici di potenza e quelli di comando sono stati tutti collocati lungo opportuni percorsi stabiliti puntualmente con i responsabili tecnici e archeologici degli scavi. 1 8

11 Foto: Giuseppe Saluzzi 1. Casa del tramezzo di legno, pareti affrescate della corte con impluvium 2. Il cardo illuminato attraverso le aperture degli ambienti prospicienti 2 incontroluce 18 9

12 Progetti Luce sugli scavi di Ercolano 3 10

13 3. Casa sannitica, con il finto loggiato e copertura della corte 4. Casa di Nettuno e Anfitrite, mosaico visto dalla corte 5. La casa dei Cervi Nelle condizioni di funzionamento ordinario, legato alle visite con guida, sono previste due diverse fasi di accensione. La prima accensione illumina la rete viaria ed è attiva permanentemente durante tutta la durata della visita notturna. Fanno parte di questa accensione: i Cardi; i Decumani; la Porta del Decumano Massimo; la Palestra; tutte le illuminazioni di base all interno delle emergenze che consentono l ingresso in sicurezza ai visitatori. L illuminazione permanente tiene conto anche delle necessità di sicurezza e leggibilità dei percorsi di visita. La seconda accensione delle varie emergenze architettoniche, archeologiche ed artistiche viene attivata, volta per volta, dalle guide che conducono i gruppi di visitatori all interno dei siti. La visione, dall alto del costone, degli scavi di Ercolano, permette di leggerne chiaramente il tessuto urbanistico attraverso l illuminazione fissa del sistema viario formato da cardi e decumani; le accensioni attivate e disattivate dalle guide all interno delle emergenze architettoniche danno l impressione di osservare una città ancora viva. 4 5 incontroluce 18 11

14 Progetti Il Centro servizi Vulcano Buono Committenza Interporto Campano La Rinascente, Vulcano spa (Cis Shopping, Auchan e Simon Property) Nola, Italia 1 2 Inaugurato a Nola, in provincia di Napoli nel dicembre 2007, il Centro Servizi Vulcano Buono, è un progetto di Renzo Piano che per realizzarlo ha preso spunto dall icona partenopea per eccellenza: il Vesuvio. Una collina artificiale alta 40 metri e con un diametro di oltre 170 metri ospita un complesso edificio, che oltre ad un semplice centro commerciale prevede gallerie di negozi e alberghi, ristoranti panoramici, sale congressi, cinema multisala, sale espositive nonché uffici direzionali delle attività interportuali e, cosa più importante, un enorme piazza al centro della costruzione. Il progetto di Renzo Piano, infatti, non vuole essere il solito contenitore di negozi, il non luogo tanto caro a Marc Augè, ma proprio come egli stesso dice un interpretazione della cooperazione in chiave moderna. Non vogliamo costruire un triste shopping center ma una piazza dove il vuoto è l elemento di incontro tra le persone. Il progetto inoltre riserva grande attenzione anche all aspetto eco-orientato del design: attorno alla struttura, infatti, nascerà un grandissimo polmone verde con più di 2000 alberi. Vista la complessità dell ambiente, lo stesso progetto illuminotecnico, sviluppato dall architetto, è complesso e articolato e prevede l utilizzo di svariate tipologie di prodotto. Per quanto riguarda le aree esterne (parcheggi, aree di sosta e la grande piazza centrale) sono stati utilizzati apparecchi su palo come Platea, con ottica stradale e sorgente luminosa da 150 W ad alogenuri metallici con temperatura colore di 4200 K) e Platea con sorgenti luminose fluorescenti (2x26W TC-T) con ottica con temperatura colore di 4000K), Light Up Walk Professional con ottica wall washer con sorgente luminosa ad alogenuri metallici da 150 W con temperatura colore di 12

15 Progetto architettonico RPBW Renzo Piano Building Workshop Collaboratori Giorgio Grandi, Domenico Magnano, Michael Palmore Progetto impianti Fiat Engineering Progetto strutture Favero & Milan Ingegneria Impresa di costruzione VESUVIO S.c.a.r.l. Foto: Copyright Studio Maggi/Moreno Maggi 1. Il Vulcano Buono ed il paesaggio di Nola 2. La piazza centrale 4200 K ed una versione speciale di Le Perroquet con lampada da 150 W, già utilizzato da Renzo Piano presso l High Museum of Art di Atlanta. All interno sono stati utilizzati apparecchi ad incasso come The Reflex con lampada ad alogenuri metallici, da 70 e da 150 W con una temperatura colore di 3000 K oltre al Sistema Easy che utilizza invece lampade fluorescenti compatte da 18W con temperatura colore di 4000 K. Altri apparecchi assicurano poi delle integrazioni alla illuminazione ampia e diffusa creata dagli incassi e sono le sospensioni Berlino con lampada da 250W e temperatura colore di 6000 K, i proiettori Lingotto con lampada da 150W e temperatura colore di 3000 K, Woody a scarica 70W HIT Spot 3000 K e i plafoni Full con sorgenti luminose fluorescenti e temperatura colore di 4000 K. incontroluce 18 13

16 Progetti Lo sfolgorante tesoro di Monza. Il Museo Gaiani Monza, Italia Committenti Titti e Franco Gaiani Progetto architettonico Cini Boeri Visual Design Pierluigi Cerri Il Museo e Tesoro del Duomo di Monza ha, da novembre 2007, una nuova sede e un nuovo e suggestivo percorso espositivo ipogeo sviluppato alle spalle del Duomo di Monza, l imponente edificio gotico realizzato a partire dalla basilica voluta da Teodolinda, Regina dei Longobardi, nel VI secolo. Il museo, la cui realizzazione, durata 10 anni, è stata fortemente voluta da Titti e Franco Gaiani, mecenati monzesi, presenta per la prima volta in modo organico, oltre al celebre Tesoro, tutti i capolavori del Duomo di Monza, raccolti in millecinquecento anni di storia. Si tratta di una struttura flessibile e polivalente che consentirà di ospitare anche mostre temporanee, eventi musicali, conferenze e incontri. Il museo è accessibile dall esterno, senza passare dalla Basilica. È suddiviso su due livelli ed ha una superficie di ben 1200 mq totali. Il pezzo più famoso della storia del Duomo è sicuramente la leggendaria Corona Ferrea, simbolo religioso e politico dell occidente, protagonista delle incoronazioni di imperatori da Carlo Magno a Federico Barbarossa a Napoleone Bonaparte, di cui in museo si custodisce una copia. La leggenda ha da sempre accompagnato la storia del Tesoro del Duomo di Monza. La cattedrale ha custodito e protetto da sottrazioni per secoli la magnifica serie di oggetti d oro e d argento donati dalla Regina Teodolinda alla fondazione della chiesa longobarda. Negli anni poi la collezione si è arricchita sempre più, grazie alle donazioni di nobili ed ecclesiastici, ed è stata musealizzata per la prima volta nel Il primo nucleo è ora stato trasformato nella prima sezione di un percorso più ampio e spettacolare, dove le opere sono esposte suddivise in due nuclei storici con un ideale linea divisoria fra prima e dopo il 1300, anno in cui la famiglia Visconti decise di rifondare l edificio realizzato da Teodolinda. Nella prima parte del percorso sono esposte le opere provenienti dalla prima basilica, mentre nella seconda è testimoniata la storia del Duomo e del Tesoro dal Trecento ad oggi con quattro sezioni principali. Per sottolineare il legame con il presente, ampio spazio viene dato sia all arte contemporanea che alle recenti donazioni. Tra le opere di artisti contemporanei vanno segnalate la Crocifissione di Lucio Fontana, il Cristo Risorto di Luciano Minguzzi e i cartoni

17 Progetto Illuminotecnico Consuline - Francesco Iannone e Serena Tellini Apparecchi di illuminazione Altis RC Lighting Sorgenti luminose Osram Foto: Piero Pozzi per gentile concessione del Museo e Tesoro Duomo di Monza Immagini dell interno 3 di Sandro Chia per le vetrate dedicate a Sant Ambrogio e a San Carlo Borromeo, vetrate che saranno prossimamente collocate in Duomo. Il progetto illuminotecnico messo a punto dalla Consuline si è basato sul concetto del museo come un luogo in cui si apprende molto di più rispetto a quanto si vede con gli occhi: attraverso un opera appare l interpretazione di un epoca. Secondo Francesco Iannone e Serena Tellini, la tecnica della illuminazione è solamente un piccolo strumento nel processo di Lighting Design e non è assolutamente un fine. Il progetto si è sviluppato nella ricerca delle più avanzate tecnologie per illuminazione, scelte non solo fra quelle offerte dalla iguzzini della quale è stata utilizzato il proiettore Tecnica, con corpo piccolo e medio. In generale l intera illuminazione artificiale per questo luogo è stata costruita sui principi della percezione emozionale, tanto che sulle sorgenti luminose alogene sono applicati filtri cromatici, semi trasparenti e trasparenti e tutte le sorgenti a led sono in dimming e quindi lavorano in temperature cromatiche diverse dalle tradizionali. Alcuni apparecchi motorizzati portano in evidenza, con una successione pre-definita, dettagli, parti di dipinti, piccole aree e partiture delle opere di alta oreficeria. Praticamente non esiste luce tradizionalmente considerata bianca nell intero museo, ma tutte le soluzioni cercate attraversano il piano percettivo. Si è privilegiato il racconto alla visione comparativa. Il Museo è anche un luogo di sperimentazione di tecnologie applicative all avanguardia: si stanno infatti studiando strutture mobili e temporanee per la illuminazione chirurgica delle opere. incontroluce 18 15

18 Progetti La Venaria Reale Torino, Italia Coordinatore del Progetto e della Struttura Flessibile La Venaria Reale della Regione Piemonte Alberto Vanelli Patrimonio e Tecnico della Regione Piemonte Maria Grazia Ferreri 1 2 L intervento di restauro che sta interessando la Venaria Reale è esteso e complesso, perché non riguarda un singolo monumento, per quanto importante, ma un intero territorio, vasto e diversificato: ne fanno parte, infatti, il borgo antico di Venaria, la Reggia, i giardini storici e il parco della Mandria: 80 ettari di giardini, metri quadri di edificazione, un patrimonio inestimabile di bellezze paesaggistiche, architetture, stucchi, affreschi, opere d arte e ritrovamenti archeologici. Questa, in breve, la Storia della Venaria Reale e della sua Reggia. Nel 1660 il Duca di Savoia, Carlo Emanuele II, incaricò l architetto di corte Amedeo di Castellamonte di edificare una palazzina, in questi luoghi ricchi di acqua e di boschi, pensata come luogo di piacere e per i momenti in cui il duca si dedicava alla caccia del cervo. Negli anni successivi, il complesso si ampliò e diventò più imponente. il Ducato di Savoia del resto si era trasformato in Regno. Erano gli anni in cui gli architetti che lavoravano al complesso della Venaria traevano ispirazione dalle residenze nord-europee e, in particolare, da quelle francesi. L architetto Michelangelo Garove edificò i due torrioni di levante e di ponente e una grande manica di collegamento allo scopo di ottenere la configurazione a ferro di cavallo tipica delle residenze europee arricchendo la Reggia con una grande corte interna. I lavori di ampliamento furono poi ripresi nel 1716 da Filippo Juvarra (a lui si devono il completamento della Galleria Grande, in tempi recenti detta erroneamente di Diana, e le realizzazioni della Cappella di Sant Uberto, dedicata al patrono dei cacciatori, della Citroniera e della Scuderia Grande) e continuati fino alla seconda metà del Settecento circa con altri architetti. Con l occupazione francese del 1798 il complesso di Venaria iniziò a conoscere un lento ma inarrestabile declino. Dopo molti anni di abbandono e degrado l oblio della Reggia di Venaria ha finalmente termine alla fine degli anni 90. Il progetto che ha animato l intero intervento di riqualificazione, che ancora oggi rimane il più grosso cantiere di restauro d Europa, ha avuto due indirizzi chiave: il primo è stato quello del restauro conservativo secondo i più rigorosi principi di tutela dei beni storico-artistici. 16

19 Soprintendente per i Beni Architettonici e per il Paesaggio Francesco Pernice Soprintendente al Patrimonio Artistico e Demoantropologico del Piemonte Carla Enrica Spantigati Direttore degli interventi di recupero dei Giardini della Venaria Mirella Macera Coordinatore delle attività tecniche di Back Office e progettista degli interventi di design nella Reggia e nei giardini Carlo Fucini Foto: Archivio iguzzini 1. Facciata Immagini dell interno 3 Il secondo obbiettivo è stato quello di creare non solo un museo dunque, ma uno spazio dinamico dove sviluppare attività permanenti legate al mondo dell architettura, dell arte e dell artigianato, come nel caso della Scuola di Restauro, ed attività a rotazione, rivolte alla cultura e all intrattenimento di qualità, quali mostre, concerti, convegni e spettacolo. A titolo di esempio una delle sezioni più interessanti ed innovative dell attuale percorso di visita museale, incentrato sulla dinastia dei Savoia, è rappresentata da una serie di performances cinematografiche dirette dal regista Peter Greenway, che accompagnano il visitatore attraverso le sale del palazzo. Come la scelte sui criteri di restauro e sulla ri-funzionalizzazione degli spazi, anche il tema della luce è stato ovviamente oggetto di lunghe riflessioni non solo per la Reggia ma, anche per i Giardini. Le problematiche maggiori da affrontare sono state quelle legate alla necessità di adeguare gli spazi da un punto di vista normativo. Anche la luce, protagonista assoluta nel fare rivivere gli ambienti e le opere, doveva essere portata ovunque ma rispettando l architettura e i restauri in corso. La soluzione proposta dall architetto Gae Aulenti fu quella di utilizzare dei corpi illuminanti totalmente indipendenti dalle strutture del palazzo, e che potessero svolgere altre funzioni di servizio liberando così le pareti murarie da ingombranti e fastidiose apparecchiature. Fu scelta la versione a piantana dell apparecchio Cestello a doppio stelo e alte fino a quattro metri, fissate a terra mediante pozzetti opportunamente predisposti. La piantana incorpora, inoltre, una serie di apparati tecnologici quali, ad esempio, le telecamere a circuito chiuso per il controllo ambientale, altoparlanti per la diffusione sonora, le sonde per il controllo igrotermico degli ambienti, la segnaletica di sicurezza, i pittogrammi luminosi, il supporto per gli estintori. 4 incontroluce 18 17

20 Progetti La Venaria Reale In molti casi, alla base della piantana è possibile trovare prese di corrente e prese di rete per la connessione telematica, favorendo così la possibilità di variare gli allestimenti espositivi. Le piantane sono state realizzate con uno speciale colore dorato che richiama i fregi nei bassorilievi delle cornici presenti in molte sale del palazzo. Negli spazi meno aulici della Reggia, quelli destinati ai servizi di accoglienza quali biglietterie, guardaroba, info point, caffetteria, bookshop e spazi commerciali, i designer internazionali Massimo e Lella Vignelli con gli architetti Carlo e Aurora Fucini, che ne hanno creato i progetti di allestimento e arredo, hanno pensato di differenziare il sistema di illuminazione utilizzando le lampada a parete Downtown di cui è stata realizzata una versione non di serie: la lampada è stata infatti smaltata con un avorio satinato che richiama fedelmente il colore dell intonaco a calce per potersi meglio armonizzare con gli ambienti. Nel giugno 2008 è stata inaugurata una porzione importante dei giardini, 25 ettari su un totale di ottanta. Anche i giardini sono stati un luogo in cui sperimentare l uso della luce. Occorreva alternare alla magnificenza degli spazi verdi restaurati o ricreati sul disegno storico, i luoghi deputati al riposo e al ristoro dei visitatori. Anche qui come in Reggia i nuovi spazi e i relativi manufatti sono stati realizzati seguendo le esigenze funzionali e il gusto attuale, con misurato ricorso al design contemporaneo. La Garden House: padiglione di ingresso in legno bianco e immerso tra i tassi, con una corte interna a cielo aperto, il cui progetto illuminotecnico è stato pensato modulando una vasta gamma di apparecchi: proiettori Woody e Miniwoody 5 18

21 5.6. Garden House per la corte, Downtown bianchissime lungo le pareti interne mentre gruppi di Le Perroquet calano sul banco del bar e sul desk della biglietteria; nel pavimento di iroko, incassi fluorescenti Linealuce illuminano dal basso i sempreverdi che circondano la costruzione. Il Teatro della Musica: un piccolo teatro, sostenuto da un esile struttura in legno bianco e una copertura a semisfera in pvc traslucido si illumina come una lanterna magica nel centro del giardino grazie a dodici potenti proiettori Light Up Walk incassati nel pavimento. Le Pergole dell area spettacoli: quasi trecento metri di pergolato di castagno grigio-celeste circondano l area degli spettacoli estivi. Un percorso illuminato da proiettori Woody nascosti tra le orditure in legno e vivacizzato da una lunga teoria di segnapasso colorati Ledplus RGB disposti a terra. È proprio sulla tecnologia a Led che si continua a lavorare per sondare nuove interessanti possibilità di impiego delle più attuali tecnologie. 6 6 incontroluce 18 19

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

La luce dà emozione agli acquisti

La luce dà emozione agli acquisti Comunicato stampa La luce dà emozione agli acquisti Un nuovo supermercato Spar con illuminazione interamente LED studiata da Zumtobel Per il suo nuovo supermercato a Budapest, la catena Spar ha chiamato

Dettagli

Luce di prim ordine e massima flessibilità

Luce di prim ordine e massima flessibilità Comunicato stampa Dornbirn, settembre 2010 Luce di prim ordine e massima flessibilità I magazzini Globus puntano sull illuminazione Zumtobel e risparmiano il 30% di energia B1 I La prima impressione è

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

MEETING & CONFERENCE ENNA. www.hotelfedericoenna.it

MEETING & CONFERENCE ENNA. www.hotelfedericoenna.it MEETING & CONFERENCE ENNA www.hotelfedericoenna.it Ci presentiamo Il Federico II Palace Hotel Spa & Congress, sorge a Enna circondato da immense vallate che creano una cornice naturale di verde, ma anche

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER C O N V E G N O N A Z I O N A L E 16_05_2012 Roma Sala della Comunicazione del MIUR Viale Trastevere 76/a QUANDO LO SPAZIO INSEGNA nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Son et Lumière Dipingere con la luce vers. 10

Son et Lumière Dipingere con la luce vers. 10 Son et Lumière Dipingere con la luce vers. 10 Dipingere con la luce vers.1-0 pagina 1/17 Son et Lumière Via Leonina 43-00184 Roma tel+ 39 06 489.133.86 - info@sonetlumiere.net www. sonetlumiere.net 1 LA

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

index Un classico: Cirkant Sferos 50... P15

index Un classico: Cirkant Sferos 50... P15 index TAL showroom... P03 Novità: Siebe.... P04 Santiago vince il Red Dot Award... P05 Progetto: Selfridges London... P06 Manifestazione fieristica: Ecobuild... P07 Prodotto: Eckon... P08 Progetto: Office

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Rigips Trophy 2016. Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti

Rigips Trophy 2016. Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti Rigips Trophy 2016 Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti I costruttori dell opera vincitrice 2016 riceveranno : il Gold-Trophy, tanta pubblicità sui media specializzati e l invito

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli