Droga: ma il problema dov è?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Droga: ma il problema dov è?"

Transcript

1 DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente si chiama adolescenza/ giovinezza 1 costituisca una problematica che da molti decenni viene dibattuta a diversi livelli e che comunque coinvolge in modo particolare gli operatori sociali, sia nel loro insieme che nei loro ruoli specifici. Per dare a questo problema un apporto qualificato si richiede una conoscenza della sua rilevanza e dei percorsi che sono attualmente disponibili per affrontarlo, non solo da parte di quanti lavorano nell ambito delle strutture sociosanitarie o ad esse collegate, ma anche in coloro che rivestono un ruolo nelle agenzie di socializzazione e cioè, oltre ovviamente alle famiglie, gli insegnanti e quanti operano nelle strutture di aggregazione specialmente giovanile, come le realtà sportive e del tempo libero. Il punto cruciale, con cui iniziare una presa di coscienza su questo argomento, è che, nonostante l ampiezza degli studi di cui è stato fatto oggetto, esso non ha trovato a tutt oggi una risposta esaustiva né sul piano concettuale (in che cosa consiste e come nasce), né su quello degli interventi cosiddetti terapeuticoriabilitativi e neppure su quei livelli di «minimalismo realistico» che sono detti interventi «a bassa soglia». 1 Per praticità userò qui i termini di adolescenza/adolescente come indicativi di questa fascia dello sviluppo (cfr. Appendice).

2 8 TOSSICODIPENDENZA E INTERVENTO EDUCATIVO Le cause dell inadeguatezza della società nel rispondere all ormai lunga emergenza droga e ai danni che essa provoca, nonché della difficoltà e comunque della marginalità sociale in cui vanno lentamente scivolando i progetti di prevenzione, possono essere individuate nella complessità del problema e nella serie assai diversificata di livelli sociali e culturali che esso coinvolge, com è deducibile dal succedersi, non solo in Italia ma nei diversi Paesi del mondo, di interventi legislativi talvolta contrastanti tra di loro. Ci troviamo infatti dinanzi a un fenomeno che implica dimensioni molto diverse, delle quali solo poche sono realmente controllabili: si va da un aspetto legato alla storia personale, alle dinamiche di trasformazione sociale, al ruolo innegabile e preponderante degli interessi economici, da parte sia delle cosiddette industrie criminali della droga, sia di Stati i cui governi manifestano atteggiamenti a dir poco scarsamente convinti e ambigui nei confronti delle misure che le organizzazioni internazionali propongono per far fronte al dilagare del fenomeno. In questa condizione è molto difficile porre affermazioni basate su dati che abbiano consistenza scientifica e che abbraccino, al tempo stesso, la globalità del fenomeno. Gli inquadramenti attuali della tossicodipendenza 1 finestra...trovano nel concetto di craving (bisogno compulsivo e non dilazionabile di assumere una sostanza, solitamente psicoattiva) la parola chiave che differenzia i modelli più correntemente usati per descrivere la tossicodipendenza. Questi modelli possono essere raggruppati in: 1. Modelli non scientifici Possono ridursi al cosiddetto modello morale, ancora ampiamente diffuso nella società, che individua nella tendenza alla ricerca sfrenata del piacere e in una volontà debole o anche in una personalità «portata al vizio» le ragioni della tossicodipendenza. A questa impostazione corrisponde un atteggiamento punitivo che, in definitiva, chiede solo la protezione della società da questo tipo di «rischio», oppure un atteggiamento paternalistico e deresponsabilizzante, che porta comunque a proposte di tipo custodialistico. 2. Modelli scientifici a) Modello «medico» o rigorosamente «clinico»: considera la tossicodipendenza come la risultante dovuta a precise cause di tipo prevalentemen-

3 DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 9 te personale, siano esse ipotizzate come una predisposizione già a livello genetico che verrebbe poi attivata da un concorso di eventi ambientali, oppure come processi psicologici, generalmente riferiti alle prime fasi o ai primi anni di vita, che determinerebbero le condizioni per cui il soggetto sarà indotto a strutturare in termini di craving la sua risposta ai propri bisogni, fino a sprofondare nella tossicodipendenza. Questo modello prevede che la risposta terapeutica sia prevalentemente in termini di competenze specifiche degli operatori e sia centrata nel lavoro sulla personalità del tossicodipendente. b) Modello psicosociale o «adattivo»: inquadra la tossicodipendenza come l esito finale di un processo di condizionamenti di vario genere, prevalentemente però di tipo psicosociale e culturale, che di fatto limitano e indirizzano al tempo stesso le possibilità di scelta del soggetto, impedendo oppure rendendo indilazionabile una differenziazione dei bisogni e la conseguente rappresentazione mentale delle risposte possibili. Il concorso dei diversi fattori (culturali, economici, psicosociali, personali) darebbe luogo a una situazione in cui la «scelta» della tossicodipendenza diviene altamente probabile. In questo caso, la risposta terapeutica appare molto complessa e si configura, in ultima analisi, come risposta più al problema che alla persona, richiedendo quindi non tanto specifiche competenze, quanto profondi cambiamenti a livello della struttura sociale. Ritengo che, in realtà, tutte queste ipotesi contengano elementi fondati e che l effettiva differenza tra esse consista più nel livello di osservazione (e di conseguente intervento sul fenomeno) che in una loro radicale opposizione o incompatibilità. Tuttavia, se confrontate sul piano operativo, esse si presentano oggi come nettamente distinte sia nel loro proporsi teorico che nelle conseguenze pratiche. Cfr. M. Ravenna, Psicologia delle tossicodipendenze, Bologna, Il Mulino, 1997; B. Silvestrini, Malati di droga, Milano, Sperling & Kupfer, 1995; M. Clerici, Tossicodipendenza e psicopatologia, Milano, Angeli, 1993; inoltre è utile consultare la voce «Droga: aspetti socio-psicologici», in Enciclopedia delle Scienze Sociali, Roma, I.E.I., 1993, vol. III, pp L ampiezza e la molteplice articolazione di inquadramenti teorici, illustrate nella Finestra 1, evidenziano come anche a questo livello sia forse impossibile prevedere delle risposte (che sono comunque parziali) al problema dell uso e della diffusione delle sostanze stupefacenti, e attestano con chiarezza come la complessità del fenomeno sia tale che esso si estende ancor oggi ben oltre i limiti prevedibili.

4 10 TOSSICODIPENDENZA E INTERVENTO EDUCATIVO Attenendosi al solo aspetto psicosociale, nel suo specifico risvolto pedagogico-riabilitativo, ci si trova subito dinanzi a una sorta di barriera che rende faticoso e incerto l esame sulle cause del fenomeno e, conseguentemente, anche la possibilità d ipotizzare risposte adeguate. La difficoltà nasce, infatti, già nel tentativo stesso di «definire» la tossicodipendenza. Poiché i primi studi e i primi interventi operativi al riguardo sono stati ereditati dalla psichiatria, ed essendo la terapia/riabilitazione del soggetto con problemi di tossicodipendenza tuttora pertinente all area socio-sanitaria, si finisce per essere condizionati, sia nella teoria che nella prassi, da concetti e modalità d intervento che privilegiano, quasi astraendolo dal suo contesto, l aspetto clinico e più ancora clinico-biologico del fenomeno (disintossicazione, uso del metadone, collocazione di molti centri per tossicodipendenti nell ambito dell ospedale, ecc.). È invece di quotidiano riscontro per tutti come tale fenomeno, pur avendo risvolti clinici e potendo comportare effetti patologici a diversi livelli da quelli strettamente somatici a quelli psichici sfugga nondimeno a una collocazione tipicamente biomedica, benché sia anche evidente che l approccio psicosociale è insufficiente da solo a costituire un riferimento adeguato, traducibile poi in termini operativi. Lavorando con persone tossicodipendenti si ha spesso la sensazione di trovarsi dinanzi a qualche cosa di conosciuto, di già visto, per cui vi sono studiosi che riconducono la dinamica psichica del tossicodipendente al modello della psicosi, o della perversione, o altro. 2 Benché le dinamiche della personalità del tossicodipendente possano presentare tratti o meglio ancora, allusioni riferibili a dinamiche già note nella pratica clinica e nel lavoro sociosanitario e assistenziale (psicosi o perversioni, ecc.), si tratta in questo caso, a mio parere, di un fenomeno che è originale, al punto che il riportarlo a modelli già conosciuti può trarre facilmente in inganno, inducendo a ipotesi e conseguenti risposte che sul piano terapeutico e riabilitativo sono in realtà inefficaci se non addirittura controproducenti, in quanto rafforzano la dinamica stessa che ha condotto un dato individuo a «scegliere» la via della droga. 3 È pertanto necessario assumere un livello di osservazione e di riflessione differente, mantenendosi consapevoli dell estrema mobilità e provvisorietà delle 2 J.P. Chartier e L. Chartier, Delinquants et psychanalystes, Paris, Hommes & Groupes, Il concetto di perversione in senso psicodinamico indica ogni incapacità a contenere i propri impulsi meno socializzabili da cui derivano condotte definite appunto perverse, che si caratterizzano: (a) per l incapacità del soggetto a trattenersi dal soddisfare i propri impulsi; (b) per la difficoltà del soggetto a valutare la discrepanza e le conseguenze delle proprie azioni rispetto al codice morale vigente, in modo reiterato e talora sadico; (c) per il fatto che mediante questo comportamento il soggetto procura danni e sofferenze a sé e agli altri; (d) per la circostanza che il soggetto è solitamente dotato d intelligenza normale e non presenta disturbi evidenti di tipo nevrotico o psicotico; cfr. G. Jervis, Manuale critico di psichiatria, Milano, Feltrinelli, 1975, voce «Perversione». 3 C. Olivenstein, Il destino del tossicomane, Roma, Borla, 1984, cap. 1.

5 DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 11 ipotesi e cercando, al tempo stesso, di cogliere gli elementi (o più probabilmente le dinamiche) che presentano una certa costanza. Analizzando i diversi studi, ho osservato che gli autori che si sono occupati del fenomeno della tossicodipendenza dal punto di vista dell intervento terapeuticoriabilitativo e psicopedagogico hanno assunto come punto di riferimento del loro lavoro il concetto di personalità. La maggior parte delle ricerche sistematiche sulla tossicodipendenza conclude infatti che essa è fondamentalmente un problema di struttura della personalità ed è, in modo ancora più peculiare, riferibile alle prime fasi della vita. 4 Va tenuto presente, inoltre, che gli studiosi per lo più convergono nell attribuire un peso specifico notevole alle determinanti culturali e sociali della droga e, al tempo stesso, a un insufficiente capacità della famiglia e più in generale delle agenzie di socializzazione nell assumere una funzione «tutoria» nei confronti del soggetto che presenti determinate problematiche di personalità. Quest ultimo concetto descrive la sintesi vitale che avviene a livello di elaborazione cognitiva ed emotiva e più specificamente di vissuto nei confronti delle sollecitazioni derivanti sia dai modelli socioculturali riguardo alla droga che dalle insufficienze della famiglia (come di altre istituzioni) nella formazione della personalità. Lo assumo, quindi, quale area che definisce l ottica da me scelta come una delle più rispondenti a una prospettiva di intervento psicopedagogico-dinamico. Ritengo, cioè, che proprio su questo piano si collochi il problema focale di un intervento psicopedagogico-dinamico, 5 inteso come attività complessa che deve mettere l individuo in grado di scegliere soluzioni vitali alternative all uso della droga, vissuto come risposta totalizzante di fronte alle sollecitazioni della realtà, sia interna che sociale. Su queste basi ho scelto di proporre una lettura del fenomeno «droga» come problema di personalità, premettendo alcune considerazioni sul concetto di personalità, che ne costituisce appunto la chiave Sul concetto di personalità Nella nostra cultura, benché sul piano teorico esplicito tutti concordino che la persona umana è una realtà integrale che non può essere suddivisa in psiche e corpo, di fatto si continua però a ragionare in modo dualistico, per cui la nozione 4 C. Olivenstein, Il non detto delle emozioni, Roma, Feltrinelli, 1990; J. Bergeret, M. Fain e M. Bandelier, Lo psicoanalista in ascolto del tossicomane, Roma, Borla, L. Pinkus, La psicoterapia. In M. Grasso, G.P. Lombardo e L. Pinkus, Psicologia clinica, Roma, NIS, 1988, cfr. pp. 129 e segg. 6 Per una riflessione più sistematica sulla personalità cfr. L. Pinkus, Senza radici? Identità e processi di trasformazione nell era tecnologica, Roma, Borla, 1998.

6 12 TOSSICODIPENDENZA E INTERVENTO EDUCATIVO di personalità non ha ancora acquistato la dimensione di uno strumento di comprensione operativa dei fenomeni, incluso quello della tossicodipendenza. 7 È immediata e quasi intuitiva in noi la consapevolezza di una nostra, pur relativa, continuità nel tempo e nello spazio, che soggiace a una determinata percezione dei nostri stati fisiologici e delle loro alterazioni, come pure dei nostri rapporti interpersonali, con le loro caratterizzazioni di ruolo e di status: tutto questo, però, difficilmente viene teorizzato in modo chiaro e operativo, idoneo cioè a essere usato nel programmare gli interventi sulla tossicodipendenza. La complessità dei livelli implicati dal concetto di personalità trascende il sapere di singole discipline ed è chiaro, quindi, che solo un approccio interdisciplinare potrà garantirne, in qualche misura, la comprensione. Il termine personalità, nonostante una vasta convergenza sul suo significato intuitivo, non è ancora così univoco come sarebbe desiderabile. Con esso infatti si vorrebbe esprimere l insieme dei modi con cui l individuo umano reagisce, vive e si comporta nelle varie situazioni e nei vari momenti della sua vita. Conseguentemente, proprio per la difficoltà di cogliere in modo oggettivo e costante questi elementi, soprattutto tenuto conto delle continue interazioni con i contesti socioculturali e con le variabili biologiche (età, salute, ecc.), al momento attuale lo sforzo degli studiosi si è concentrato sulla costruzione di modelli di personalità, cioè di descrizioni fondate su differenti ipotesi dei processi e delle leggi che regolerebbero o che comunque sembrano sufficientemente costanti nelle dinamiche della personalità, al punto di costituire una ragionevole base di generalizzazione e quindi di previsione dei suoi comportamenti. 8 Ritengo che la definizione proposta da Allport possa servire da punto di partenza e di riferimento comune: «La personalità è l organizzazione dinamica all interno dell individuo di quei sistemi psicofisici che determinano il suo adattamento all ambiente». 9 Ritengo necessario precisare, inoltre, il significato dei termini carattere e temperamento, in quanto essi vengono frequentemente usati nel linguaggio corrente come sinonimi, sia fra di loro che con il concetto di personalità. Con carattere ci si riferisce a una configurazione permanente dell individuo, quella cioè che gli è abitualmente associata e che risulta dalle integrazioni intrapersonali e interpersonali delle esperienze che via via compie nel corso della sua esistenza. In questo concetto si sogliono includere prevalentemente gli aspetti più specificamente volontari e quindi collegati ai livelli di maggior consapevolezza, come pure i valori e gli obiettivi etici che l individuo sceglie e con cui si confronta e che sono in rapporto col suo 7 L. Pinkus, Psicosomatica, Roma, NIS, 1989, p. 118; pp S.J. Korchin, Psicologia clinica moderna, Roma, Borla, 1977, vol. I. 9 G. Allport, Psicologia della personalità, Zurigo, PAS Vlg., 1969.

7 DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 13 status sociale, col suo ruolo e con il sistema culturale di appartenenza. Si può anche aggiungere che, in questa accezione, il carattere è quell aspetto della personalità che ne permette, in certa misura, la prevedibilità e sul quale in gran parte si fondano i nostri rapporti interpersonali e le valutazioni che li precedono o li accompagnano. Il concetto di temperamento, invece, si riferisce piuttosto alla sfera emotiva innata ed ereditaria di un individuo ed è più direttamente in rapporto con le sue qualità biofisiche: esso appare collegato più ad aspetti «istintuali», cioè più connessi alle basi biologiche del comportamento e, comunque, meno dipendenti dai livelli di coscienza e dal dato socioculturale. Gli elementi fin qui presentati consentono di comprendere come il modello più adeguato e anche duttile per descrivere la personalità sia quello di sistema, derivato dall applicazione della teoria generale dei sistemi all ambito della psicologia. 10 In quest ottica, è possibile considerare la «costruzione» della personalità nei suoi elementi distinti eppure interagenti fra loro. L essere umano nasce con una base istintivo-ereditaria piuttosto limitata, che viene modificata e arricchita dalle informazioni che provengono sia da fonti esterne (la madre, l ambiente familiare, i vari gruppi della scuola e dell ambiente di lavoro, gli stimoli culturali e il livello socioeconomico) che da fonti interne (sensazioni dolorifiche, di piacere, di appagamento, ecc.). In questo modo egli acquista gradualmente quella parte di cultura e anche di conoscenza di sé (schema corporeo e, successivamente, immagine dell Io) che gli consentiranno in primo luogo la sopravvivenza e poi l adattamento alle condizioni concrete e al modo di vivere tipico del gruppo e della società dove si è trovato a nascere. Questo processo però è bene sottolinearlo non avviene «in vitro», bensì all interno di un campo di forze interagenti che è rappresentato dalle varie situazioni e condizioni sia biologiche che culturali, personali, economiche, ecc. che il soggetto incontra e deve affrontare. 11 Si può quindi descrivere la personalità come un sistema aperto, risultante dall insieme dei processi che consentono all individuo umano d interiorizzare e integrare in modo omeostatico le informazioni provenienti dall ambiente, coerentemente alla sua specificità e singolarità psicobiologica. 10 La teoria generale dei sistemi in psicologia, partendo dall assunto che tutto è comunicazione, afferma che la comunicazione è regolata da alcuni principi fondamentali, tra cui quello della globalità, per cui la modifica di un elemento del sistema modifica tutto il sistema. Il principio poi della retroazione, superando il concetto «classico» di causalità lineare, introduce il principio della circolarità, in base al quale ogni elemento del sistema influenza ed è influenzato da tutti gli altri elementi che costituiscono l insieme del sistema; cfr. G. Guerra, Mente e scienze della vita, Roma, NIS, C.T. Altan, Modelli concettuali per un discorso interdisciplinare tra psichiatria e scienze sociali, «Psicoterapia e Scienze Umane», n. 1, gennaio/marzo 1975, pp

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi L Associazione Veronese di Psicoterapia Psicoloanalitica è un associazione senza fini di lucro, che

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO

LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO CORSO FAD LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO ID ECM: 4252-145859 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Psicologi, Psicoterapeuti, Educatori professionali DURATA Data di inizio 1 gennaio 2016 Data di fine

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio Obiettivi, contenuti, modalità della valutazione del movimento Prof. Mancini Roberto Valutare gli aspetti qualitativi del movimento Considerare con

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN  PSICOLOGIA  MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO FINALITA : il corso propone di fornire agli studenti le nozioni di base della Medicina del lavoro al fine di

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Compagni di Cordata. Prof. Stefano Dati. Roma. sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità

Compagni di Cordata. Prof. Stefano Dati. Roma. sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità Compagni di Cordata sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità Progetto Finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali legge 383/2000 F/2013 Prof. Stefano Dati

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment Scuola Triennale di Counseling Integrato CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP Formazione teorico - pratica Empowerment Più attenzione sulle risorse che sui problemi. Roma, 7 giugno 2017 www.felicianocrescenzi.com

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli concettuali di natura medica o di natura sociale, secondo visioni

Dettagli

L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO. Riccardo Lancellotti

L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO. Riccardo Lancellotti L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO Riccardo Lancellotti I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO SONO, TRA LE VARIE CATEGORIE DIAGNOSTICHE, QUELLI CHE GENERANO MAGGIORE ALLARME TRA GLI INSEGNANTI E I GENITORI DEGLI

Dettagli

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan Fondamenti di Psicologia dello sviluppo Prof.ssa Rosalba Larcan Psicologia La Psicologia è la scienza che studia i processi psichici, il comportamento umano, individuale e gruppale,, i rapporti tra il

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità ANALISI DEL TITOLO Per prima cosa cercheremo di analizzare e capire insieme il senso del titolo di questo lavoro:

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA...

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA... INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA............................................1 1.1 Nascita della Psicologia attuale................................................1 1.2 Correnti

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI DISAGIO ED EDUCAZIONE Educazione come elemento fondamentale della risposta al disagio coniugando il concetto di cura con quello di promozione della persona.

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO Introduzione. Nel contesto lavorativo in cui mi trovo ad operare, mi sto riferendo ad un centro di rieducazione motoria, mi sono confrontata con le altre figure

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche

Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche Preside della Facoltà di Psicologia: Prof.ssa Laura Bellodi PRESENTAZIONE Il Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo. Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali

Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo. Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali Centro Territoriale per l Integrazione di Feltre Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali Dott.ssa

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

CAVALCANDO LO STRESS CONOSCERE LO STRESS LAVORO-CORRELATO PER PARTECIPARE POSITIVAMENTE ALLA SUA VALUTAZIONE ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO

CAVALCANDO LO STRESS CONOSCERE LO STRESS LAVORO-CORRELATO PER PARTECIPARE POSITIVAMENTE ALLA SUA VALUTAZIONE ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO CAVALCANDO LO STRESS CONOSCERE LO STRESS LAVORO-CORRELATO PER PARTECIPARE POSITIVAMENTE ALLA SUA VALUTAZIONE d intesa con nell ambito della Campagna Lombardia ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO www.amblav.it

Dettagli

Facoltà. 0065-MEDICINA E CHIRURGIA Classe. SNT/2-PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Corso

Facoltà. 0065-MEDICINA E CHIRURGIA Classe. SNT/2-PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Corso di Corso di Studio Anno Accademico 006/007 Facoltà 006-MEDICINA E CHIRURGIA Classe SNT/-PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Corso 0478-EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA

Dettagli

Perché la Scuola non può fare a meno della Psicologia

Perché la Scuola non può fare a meno della Psicologia Perché la Scuola non può fare a meno della Psicologia Anna Silvia Bombi, Monica Bucciarelli, Cesare Cornoldi, Ersilia Menesini IV Congresso Nazionale di Psicologia e Scuola In classe ho un bambino che...

Dettagli

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO Prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione del benessere organizzativo SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE

Dettagli

ING. LUCIO NAPODANO DIRIGENTE SERVIZIO TECNICO IMMOBILI SICUREZZA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE BANCA DELLA CAMPANIA NAPOLI

ING. LUCIO NAPODANO DIRIGENTE SERVIZIO TECNICO IMMOBILI SICUREZZA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE BANCA DELLA CAMPANIA NAPOLI RISCHIO ENDOGENO ED ESOGENO Ogni metodo o pratica di lavoro ed utilizzo di risorse comporta il pericolo che si generi un evento dannoso per beni e/o persone. I fenomeni generalmente sono costituiti da

Dettagli

Questionario di interessi professionali Q.I.P.

Questionario di interessi professionali Q.I.P. Questionario di interessi professionali Q.I.P. Gli interessi professionali Nella vita di una persona, la scelta del percorso formativo e della professione rappresentano momenti importanti e significativi.

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero)

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Al fine di raggiungere le conoscenze, le abilità e le competenze richieste,

Dettagli

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA Sofia Tavella DIVERSAMENTE SANI ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA I IF Press Copyright 2012 by IF Press srl IF Press srl Ctr. La Murata, 49-03017 Morolo (FR) info@if-press.com - www.if-press.com ISBN 978-88-95565-81-1

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

Università Vita-Salute San Raffaele. Via Olgettina, 58 20132 Milano www.unisr.it

Università Vita-Salute San Raffaele. Via Olgettina, 58 20132 Milano www.unisr.it Università Vita-Salute San Raffaele Via Olgettina, 58 20132 Milano www.unisr.it La psicologia al San Raffaele viene concepita come disciplina scientifica che ha come oggetto il funzionamento della mente

Dettagli

I Martedì della Scuola

I Martedì della Scuola I Martedì della Scuola Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica Sezione di Medicina legale Bologna, 27 marzo 2007 MILA FERRI Regione Emilia-Romagna LUISA GAROFANI Azienda Usl di Ferrara Coordinamento

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Corso di Laurea Specialistica in PSICOLOGIA CLINICA DINAMICA Elaborato Finale PERICOLOSITA SOCIALE UNO STUDIO ETNOGRAFICO CONDOTTO ALL INTERNO DEL

Dettagli

cata e permettere all individuo di assimilare con tutto se stesso una verità difficile da accettare.

cata e permettere all individuo di assimilare con tutto se stesso una verità difficile da accettare. Prefazione In quest ultimo ventennio l interesse della psicologia per temi che riguardano la coppia è andato sempre più crescendo. È un argomento che ha sempre appassionato gli studiosi del settore e credo

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario.

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. L attuale quadro normativo sulla libera professione prevede la possibilità di esercizio dell attività

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

LE FINALITA DEL PROGETTO

LE FINALITA DEL PROGETTO AMBITO N 5 LE FINALITA DEL PROGETTO La finalità del progetto è quella di organizzare e realizzare interventi mirati in modo da prevenire stili e comportamento a rischio ed innalzare le capacità di comprensione

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 11 Indice. Piano strategico. Pag. 13 Farsi la diagnosi con gli Alberi Decisionali (Algoritmi). Pag. 15 12 Piano strategico. Alla luce di quanto esposto fino ad ora,

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli