IL TURISMO IN PROVINCIA DI GORIZIA: ASPETTI QUANTITATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TURISMO IN PROVINCIA DI GORIZIA: ASPETTI QUANTITATIVI"

Transcript

1 IL TURISMO IN PROVINCIA DI GORIZIA: ASPETTI QUANTITATIVI Ufficio Studi e Statistica Dicembre 2011

2 A cura di Roberto Zavan Ufficio Studi e Statistica Tel

3 IL TURISMO IN PROVINCIA DI GORIZIA: ASPETTI QUANTITATIVI INDICE PAG. 1 PREMESSA 9 CAP. 1 IL TURISMO NELL ECONOMIA DELLA PROVINCIA DI GORIZIA 25 CAP. 2 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 39 CAP. 3 LE PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI 51 CAP. 4 LA CAPACITA RICETTIVA 73 CAP. 5 LE ATTIVITA AGRITURISTICHE 87 CAP. 6 IL MOVIMENTO TURISTICO 133 CAP. 7 IL TURISMO INTERNAZIONALE APP. 1- CAPACITA RICETTIVA. DATI COMUNALI APP. 2 PROVINCIA DI GORIZIA: MOVIMENTO TURISTICO PER TIPOLOGIA DI ESERCIZIO RICETTIVO / COMUNE DI GORIZIA: MOVIMENTO TURISTICO

4

5 PREMESSA Il territorio che oggi costituisce la provincia di Gorizia può vantare una lunga tradizione di ospitalità, ben anteriore alla nascita del turismo nelle forme contemporanee. Prendendo spunto dalle ricerche di Luciano Spangher (Pagine goriziane. Guida turisticoeconomica della città di Gorizia) è possibile compiere un rapido excursus sull evoluzione dell attività ricettiva nel territorio. E ancora viva la memoria della locanda Berlin che nel 1519 ospitò l imperatore Carlo V e poi divenuta locanda Alla Posta - altri importanti personaggi; in tempi successivi si ricordano la locanda della Liserl (poi alla Croce d Oro) - ove probabilmente soggiornò a lungo Lorenzo da Ponte e la locanda del Baylon (poi albergo Leon d Oro) che ospitò anche l imperatore Giuseppe II nel Nella seconda metà del Settecento numerose riforme nel campo dell economia, nonché l apertura o il miglioramento di numerose vie di comunicazione, consentirono a Gorizia di godere di un buon periodo di sviluppo, interrotto peraltro dalle tre occupazioni napoleoniche tra il 1797 e il Proprio in questo periodo fu aperto il primo albergo, il Tre Corone, che ben presto seppe guadagnarsi un ottima fama e fu frequentato da importanti personalità. Nel corso del Settecento, inizialmente in Inghilterra e via via in diversi Stati europei, cominciano ad affermarsi località di villeggiatura, in cui le attività economiche dominanti erano fornire alloggio, svago, beni e servizi a clienti sia temporanei che residenti (Walton, cit. da Battilani, 2009, p. 93). Nasce in questo periodo il turismo moderno, rivolto ai ceti benestanti, con lo sviluppo dapprima delle città termali e in seguito, sempre con gli inglesi a proporre nuovi modelli, dei centri balneari (Battilani, 2009, pp ). Nella seconda metà del XIX secolo anche Gorizia cominciò ad essere frequentata, per la salubrità del suo clima, da famiglie aristocratiche e borghesi austriache, flusso che andò aumentando dopo l apertura della ferrovia meridionale (1866). Il barone 1

6 austriaco Carl von Czoernig, alto funzionario pubblico esperto di statistica - che dopo il pensionamento si era stabilito in città, pubblicava nel 1873 il volume Das Land Goerz und Gradisca (mit Einschluss von Aquileia), nella seconda parte del quale (Goerz als klimatischer Kurort) sottolineava i pregi del territorio quale stazione climatica. A quel tempo risultavano aperti in città diversi alberghi/hotel ai quali vennero ad aggiungersi negli anni successivi alcuni esercizi di lusso e di ampia capienza quali l Hotel de la Poste e l Hotel alla Meridionale oltre naturalmente a numerosi alberghi e locande di qualità inferiore. Nel 1884 a Gorizia fu fondata la Società promotrice della cura climatica avente lo scopo di migliorare la capacità attrattiva della città per la clientela austriaca. Nello stesso periodo furono poste anche le basi che condussero alla nascita di Grado prima quale ottima località per cure marine ed elioterapiche (nel 1872 vi fu fondato il primo ospizio marino) e successivamente, con l apertura di locande, hotel, case con camere (e sostenuta anche da una sapiente opera promozionale d immagine), quale centro di un turismo balneare nell accezione moderna. Nel 1900 a Grado operavano sette hotel, 41 esercizi d affittacamere e diverse trattorie con alloggio. Gorizia e Grado sfruttarono così al meglio il vantaggio di far parte del territorio più meridionale dell impero austro-ungarico. Storicamente, almeno nell esperienza europea, l intervento pubblico sia centrale che degli enti locali è stato determinante sia nell invenzione del prodotto turistico che nella sua promozione, e l Austria fu appunto tra gli antesignani (Battilani, 2009, pp ). La prima guerra mondiale, che proprio nel Goriziano conobbe dal 1915 al 1917 uno dei fronti più contesi, ebbe naturalmente gravi conseguenze sia per gli ingenti danni materiali che, in seguito al passaggio al Regno d Italia, con il venir meno del vecchio bacino di clientela. La ripresa dell attività turistica assunse caratteristiche in parte diverse da quelle pre-belliche poiché riguardò soprattutto il turismo balneare e una forma di turismo reducistico/patriottico sui luoghi delle battaglie che raggiunse l apice negli anni Trenta dopo la costruzione dei Sacrari di Redipuglia, Oslavia e Caporetto. 2

7 La seconda guerra mondiale risultò anch essa devastante per il Goriziano - soggetto prima all occupazione tedesca, poi a quella jugoslava e infine all amministrazione anglo-americana - il quale tra l altro si vide privare di gran parte del retroterra assegnato alla Jugoslavia. La ripresa economica anche in questo caso fu lenta, sostenuta da importanti interventi pubblici (ad es. con la costituzione di una Zona Franca), in cui l agricoltura, alcuni settori industriali e in seguito il commercio (dopo il ripristino degli scambi con la Jugoslavia) divennero gli elementi caratteristici dell economia; l attività turistica riprendeva invece sostanzialmente solo a Grado restando marginale nel restante territorio provinciale. Nel secondo dopoguerra peraltro il turismo perde i connotati elitari dei primordi per divenire turismo di massa, diffuso cioè in strati sempre più ampi della popolazione (Battilani, 2009, pp. 147ss.). L Italia guadagna rapidamente quote sul mercato internazionale contando 34 milioni di presenze nel 1967 (erano 5 nel 1929), 53 milioni nel 1977, 103 nel 1998 e 163 nel 2007 (Battilani, 2009, p. 264). L evoluzione successiva della provincia vede una progressiva perdita di vantaggio competitivo per molte attività agricole ed industriali e si assiste ad una progressiva terziarizzazione del sistema imprenditoriale: nel 2009 l agricoltura pesava per l 1,0% del valore aggiunto provinciale, l industria per il 26,7% (del quale 4,8% attribuibile alle Costruzioni), e il settore dei servizi per il 71,9%. Pur permanendo in una posizione relativamente soddisfacente nelle graduatorie delle province italiane per qualità della vita, la provincia ha conosciuto senza dubbio un declino al quale hanno contribuito in diversa misura eventi epocali quali l introduzione dell euro, la caduta dei confini, la soppressione della Zona Franca. Nel contempo l accresciuto benessere economico, la maggiore disponibilità di tempo libero, l accresciuta mobilità delle persone, l apertura di nuovi mercati (ad es. i flussi turistici dall Europa orientale) hanno via via ampliato il bacino potenziale di clienti-turisti da attrarre. Il turismo inoltre ha assunto nuovi connotati verso nuove forme riassunte dalla definizione di turismo postmoderno caratterizzato dal superamento del concetto di vacanza come evasione dalle abitudini e dalla regolarità della vita quotidiana a favore di una visione che fa 3

8 dell esperienza turistica un approfondimento e un ampliamento del mondo esperienziale abituale delle persone; l affermarsi di una visione poliedrica del turista che ne mette in luce la diversità culturale, sociale e relazionale e di conseguenza la molteplicità delle esperienze da esso richieste nell ambito della vacanza (Uriely, citato da Battilani, 2009, pp ). In questo contesto anche nella nostra provincia che nel frattempo si è dotata di un sistema ricettivo di buon livello, diversificato e abbastanza diffuso sul territorio - è aumentata progressivamente la sensibilità per l importanza del turismo quale fattore di sviluppo economico, oltre che di veicolo privilegiato per il mantenimento o l apertura di contatti sociali e culturali con altri territori nazionali ed esteri. Si può forse affermare oggi che la promozione delle attività turistiche (attraverso una articolata opera di valorizzazione del territorio) è al centro del dibattito e delle scelte politicoeconomiche, obiettivo principale di ogni strategia di sviluppo economico locale, oggetto di innumerevoli iniziative e progetti da parte degli enti preposti (Agenzia Turismo FVG, Provincia, Comuni, il Consorzio Turistico Gorizia e l Isontino, ecc.). Ricordiamo a tale proposito e solo a titolo esemplificativo iniziative quali le Strade del Vino, i Percorsi di pace sul Carso della Grande Guerra, il Marketing del Collio (al quale partecipa la Camera di Commercio di Gorizia). Nel triennio Turismo FVG prevede di investire a livello regionale 13,5 milioni di euro in promozione e comunicazione. Il turismo nella forma attuale è peraltro ormai un fenomeno completamente mutato dalle vecchie forme tradizionali, estremamente segmentato, distinguibile in innumerevoli nicchie seppur comunicanti rispondenti a motivazioni diverse che l attività promozionale deve cercare di stimolare: nella nostra provincia, in particolare, oltre al tradizionale turismo balneare stanno prendendo piede un nuovo turismo bellico seppure sotto nuove forme più consapevoli, il turismo eno-gastronomico, quello culturale, ecc.. Che vi sia un nesso tra turismo e crescita economica risulta abbastanza intuitivo. Meno evidente è stabilire quali siano le direzioni di causalità fra i due fenomeni: se, come vedremo tra 4

9 poco, il turismo può favorire la crescita attraverso lo stimolo all attività delle imprese e alla creazione di posti di lavoro, e altresì vero che la crescita economica stimola la domanda turistica. L ipotesi del turismo quale motore di crescita dello sviluppo ha visto fiorire una ampia letteratura, specialmente con riferimento alle economie arretrate, sia dal punto di vista teorico che da quello empirico. I risultati sono spesso contrastanti: Balaguer e Cantavella-Jordá (2002), ad es., trovano una relazione positiva di lungo periodo per la Spagna; Oh (2005) invece, per la Corea del Sud non trova una relazione di lungo periodo, ma evidenzia una relazione causale da crescita economica a turismo nel breve periodo. Naturalmente risultati non univoci possono essere attribuiti alle diverse metodologie adottate, all omissione nell analisi di variabili rilevanti o alle diverse strutture dei Paesi considerati. Di fatto le ipotesi di relazioni negative tra turismo e crescita economica sembrano potersi restringere a Paesi economicamente molto arretrati e con condizioni particolarmente sfavorevoli (eccessiva dipendenza dall estero per i beni e servizi, sistema delle imprese dominato da imprenditori stranieri, ecc.). Come afferma Battilani (2009, p. 51) L esperienza empirica accumulata sino ad oggi ci dice che anche il turismo, al pari dei settori industriali, può essere un protagonista di quel processo di modernizzazione delle istituzioni sia economiche sia sociali, indispensabili per la crescita economica. Si sottolinea peraltro che nessuna economia può reggere nel lungo periodo se è costruita attorno ad un unico settore ; la monocultura, anche quella costruita attorno al turismo, riducendo le interdipendenze settoriali e quindi l impatto moltiplicativo della spesa non può che rallentare la crescita. Proprio il territorio italiano, peraltro, ha dimostrato la capacità del turismo in località dotate di caratteristiche le più disparate di porre le basi di un processo di crescita consolidato seppur diseguale (per una rassegna cfr. Battilani, 2009, cap. 7). Altrettanto ampia è la letteratura che cerca di quantificare l impatto economico del turismo (o meglio: di una variazione nella spesa turistica) in termini di produzione e quindi reddito, 5

10 occupazione, valore aggiunto, ecc.. A questo proposito vengono usualmente distinti (Battilani, 2009, pp ; Unković, 1996, pp ): - effetti diretti, cioè esplicati sulle attività direttamente oggetto della spesa. Vi rientrano gli effetti sugli esercizi che offrono alloggio, ristorazione, intrattenimento (un aumento dei pernottamenti, ad es., comporterà direttamente maggiori incassi nel settore alberghiero); in minor misura vi si possono comprendere anche gli effetti sulle imprese che offrono servizi di trasporto o commerciali. - effetti indiretti: variazioni di produzione che derivano dalla nuova spesa generata dalle imprese oggetto di effetti diretti, ovvero i maggiori acquisti per beni e servizi richiesti dalle imprese (alberghi, ristoranti, ecc.) ai propri fornitori e da questi all indietro lungo la filiera produttiva; - effetti indotti, derivanti dai consumi delle famiglie che ottengono redditi dalle imprese influenzate dagli effetti diretti ed indiretti della spesa turistica. A questo proposito va ricordato che il turismo è un settore per natura labour-intensive, quindi con forte potenziale per la creazione di occupazione. Ne risulta che le variazioni della spesa turistica tenderanno, attraverso gli effetti indiretti ed indotti, ad impattare su tutto il sistema delle imprese, in tutti i settori dell attività economica. L ipotesi di crescita indotta dal turismo postula inoltre che il turismo internazionale possa contribuire inducendo efficienza per la maggiore concorrenza tra le imprese locali e quelle di analoghe destinazioni estere nonché facilitando lo sfruttamento di economie di scala nelle imprese locali. La valutazione degli effetti è generalmente basata su modelli semplici, come i moltiplicatori del reddito keynesiani, o più sofisticati basati con l utilizzo di tavole input-output o Social Accounting Matrices (Battilani, 2009, p. 46). La considerazione dei moltiplicatori del reddito, che mirano a quantificare la variazione del reddito (o di altre grandezze) al variare della spesa turistica, porta all individuazione di eventuali effetti di dispersione (leakage) che hanno l effetto di ridurne la portata: la propensione al risparmio, le importazioni interregionali e dall estero, le imposte dirette ed indirette (Capello, 2004, pp ). Pur senza scendere nei meandri di interrelazioni estremamente complesse si può dire che la grandezza degli effetti secondari dipenderà tra l altro 6

11 dalla propensione delle imprese e delle famiglie locali ad acquistare beni e servizi da fornitori locali; la spesa turistica in aree urbane avrà, per la maggiore disponibilità di beni e servizi in loco, meno dispersioni rispetto a quella in aree non urbane per quanto riguarda i consumi indotti; se i lavoratori impiegati in attività legate al turismo risiedono nello stesso territorio la dispersione sarà più bassa (la presenza di personale stagionale, quindi, potrà aumentare la dispersione). L impatto del turismo può infine aumentare se si vendono prodotti locali, se le imprese turistiche sono di proprietà dei residenti, se i lavoratori sono del luogo: l attività agrituristica in questo senso dovrebbe garantire una dispersione particolarmente bassa (cioè un moltiplicatore alto). L attività turistica naturalmente non porta solo benefici ma anche svantaggi, dai più evidenti costi sostenuti dalle imprese turistiche e dai costi pubblici per infrastrutture, ai meno evidenti costi di congestione ed ambientali, ad aumenti di prezzi nei beni di consumo e nell edilizia residenziale, ecc.. E evidente la tendenza attuale ad attribuire maggiore valore ai benefici rispetto ai costi. Sono interessanti a questo proposito i risultati ottenuti da Isabel Cortés-Jiménez che ha valutato, con riferimento a Spagna e Italia e per il periodo , l importanza del turismo per la crescita economica privilegiando un approccio che anziché focalizzarsi sul turismo internazionale e a livello nazionale come gran parte degli studi precedenti - si concentra anche sul turismo interno e a livello regionale. Le sue conclusioni sono (p. 128) che sia il turismo internazionale che quello interno hanno un ruolo significativo e positivo sulla crescita economica regionale, per quanto ognuno divenga importante in scenari differenti. E interessante che per le regioni costiere (..) entrambi appaiano importanti fattori di crescita economica mentre per le regioni interne è rilevante solo il turismo interno. Il dibattito tra i costi e i benefici dello sviluppo turistico diviene peraltro spesso un dibattito su chi debba sopportarne i primi e chi possa godere dei secondi. 7

12 8

13 CAP. 1 IL TURISMO NELL ECONOMIA DELLA PROVINCIA DI GORIZIA Una volta acclarata per sommi capi l importanza economica dell attività turistica per un sistema economico possiamo rivolgere l attenzione all obiettivo della presente pubblicazione consistente nell individuazione dei principali aspetti quantitativi utili per descrivere il settore turistico della provincia di Gorizia. La quantificazione dell importanza dell attività turistica per un economia si rivela peraltro un esercizio abbastanza arduo (amplius Ballatori; Vaccaro, 1992, cap. 3). Il primo problema consiste nel definire il campo di osservazione, essendo necessario stabilire precisamente cosa si intenda per turismo e per turista (problema per il quale si rinvia al Capitolo 6, relativo al movimento turistico, nonché al Glossario). Una volta stabilita una definizione stringente di turismo e turista resta il problema di individuare quali atti (che sono atti di consumo di beni o servizi) siano turistici e quali non lo siano e nel primo caso occorre trovare punti di osservazione che permettano di rilevare tracce certe e misurabili (tipicamente, come si vedrà, il passaggio alla frontiera e l appoggio presso una struttura ricettiva). Il turista, anche una volta definito teoricamente, può di fatto essere individuato direttamente solo nel caso di rilevazioni campionarie, ad es. quella della Banca d Italia sul turismo internazionale. I beni e i servizi prodotti e resi ai turisti sono ovviamente rilevati nell ambito delle statistiche economiche che però classificano le attività economiche con riferimento alla natura dei beni e servizi prodotti e non in base a chi questi beni e servizi consuma. La misurazione del settore turistico richiederebbe la rilevazione specifica dei beni e servizi consumati dai turisti; la produzione ad uso turistico risulta invece diffusa in quasi tutti i settori di attività economica i quali, peraltro, usualmente, non producono beni e servizi diretti esclusivamente ai turisti. Nel corso della loro permanenza i turisti non si limitano infatti ad usufruire di servizi di alloggio ma provvedono 9

14 all acquisto di prodotti (alimentari, abbigliamento, souvenir, artigianato tipico) e utilizzano servizi (bancari, di trasporto, servizi alla persona, sanitari, di svago, culturali ). In generale, tuttavia, in questi atti essi non risultano normalmente distinguibili dagli analoghi atti compiuti dai non turisti (ad es. i residenti o gli escursionisti); può inoltre darsi il caso di atti compiuti da un turista ma non necessariamente connaturati ai fini turistici, quali l acquisto di un immobile. Il settore turistico in realtà non risulta dunque un settore a sé stante ma va a ricomprendere un coacervo di attività facenti parte di quasi tutti gli altri settori produttivi (commercio, industria, agricoltura, servizi vari) la cui produzione può dirsi avere caratteristiche turistiche solo nel momento in cui sia richiesto da un non riconoscibile turista. Se ad es. è possibile supporre che i servizi offerti da bar e ristoranti di Grado possano rivolgersi in gran parte a turisti e in minor misura ad escursionisti e residenti, ben più difficile sarà ritrovare un rapporto così stretto per un bar o ristorante avente sede nei comuni minori della provincia. Il campo di osservazione del fenomeno turistico assume in tal modo un carattere di tale trasversalità, o di sfumatura dei suoi confini, nonché di soggezione a frequenti sovrapposizioni o commistioni con fenomeni non turistici, da non permettere una rilevazione statistica univoca ed esaustiva. Nella realtà occorre dunque accontentarsi di campi di osservazione parziali. I dati statistici che riguardino il fenomeno turistico attualmente disponibili in Italia sono comunque numerosi, derivanti da indagini campionarie o da rilevazioni amministrative, e ne considerano diversi aspetti. Purtroppo solo in alcuni casi consentono di ottenere informazioni a livello territoriale quanto meno provinciale, livello che costituisce limite di questo lavoro. Non esistono peraltro, per i problemi indicati, statistiche ufficiali sulle imprese turistiche o sull occupazione nel turismo. 10

15 Dal lato della produzione di beni e servizi è tuttavia possibile individuare un settore di attività economica la cui attività è prevalentemente indirizzata a consumatori turisti, quello dei Servizi di alloggio (codice ATECO I59), sulla cui articolazione interna torneremo, o - con minor precisione - del più ampio Servizi di alloggio e ristorazione. In un teorico settore turistico andrebbero comprese tutta una serie di attività economiche non esclusive ma coinvolte in misura pur sempre significativa: pubblici esercizi, trasporti, noleggio di autoveicoli, agenzie di viaggio e operatori turistici. Una visione ancora più ampia porterebbe a considerare, con un elenco certamente non esaustivo, anche il c.d. indotto di cui si è fatto cenno in precedenza e costituito dal commercio al dettaglio, i servizi sanitari, ricreativi, culturali e personali, dalla produzione di alimentari e bevande o di articoli di artigianato, nonché le imprese di costruzione di edifici ad utilizzazione turistica, ecc.. Esistono infine, non trascurabili, i servizi turistici non destinati alle vendite prodotti da amministrazioni pubbliche. Di tutta questa parte non si potrà tenere conto. Una prima possibilità di valutazione delle dimensioni del settore turistico nell economia della provincia, seppure nella visione riduttiva testé enunciata, ci giunge da una fonte anomala ma interessante per la sua unicità. In base all art. 10 della legge di riforma della Camere di Commercio (L. 580/1993), e al relativo Regolamento di attuazione (D.P.R. 21 settembre 1995, n. 472) il Ministero dello Sviluppo Economico emana periodicamente un decreto che individua i dati relativi al numero delle imprese, all indice di occupazione e al valore aggiunto necessari alla determinazione della composizione dei Consigli camerali. 11

16 Facendo quindi riferimento ai più recenti decreti ministeriali, relativi alla provincia di Gorizia, i dati disponibili sono: Tav. 1.1 Provincia di Gorizia: Peso dei settori economici (G.U. 174/2007) Settore Numero imprese al 31 dicembre 2006 Indice di occupazione 2004 (*: 2003) Valore Aggiunto 2004 (migliaia di euro) V.A. % Agricoltura ,5* ,22 2,5 Artigianato , ,60 12,7 Industria , ,88 27,6 Commercio , ,46 11,1 Cooperative 188 2, ,22 2,7 Turismo , ,18 5,7 Trasporti e spedizioni 748 7, ,58 12,0 Credito 241 2, ,33 3,7 Assicurazioni 168 0, ,56 0,4 Servizi alle imprese , ,30 19,2 Altri settori 457 3, ,33 2,4 TOTALE , ,66 100,0 Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico. Decreto 26 luglio 2007 (G.U. n. 174 del 31 luglio 2007) 12

17 Tav. 1.2 Provincia di Gorizia: Peso dei settori economici (G.U. 199/2008) Settore Numero imprese al 31 dicembre 2007 Addetti 2005 Indice di occupazione 2005 Valore Aggiunto 2005 (migliaia di euro) V.A. % Agricoltura , ,54 1,7 Artigianato , ,54 11,7 Industria , ,24 29,0 Commercio , ,34 11,8 Cooperative , ,21 2,9 Turismo , ,16 6,2 Trasporti e spedizioni , ,87 10,6 Credito , ,70 3,4 Assicurazioni , ,27 0,5 Servizi alle imprese , ,65 19,1 Altri settori , ,78 3,1 TOTALE , ,30 100,0 Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico. Decreto 1 agosto 2008 (G.U. n. 199 del 25 agosto 2008) 13

18 Tav. 1.3 Provincia di Gorizia: Peso dei settori economici (G.U. 155/2010) Settore Numero imprese al 31 dicembre 2009 Indice di occupazione 2007 Valore Aggiunto 2007 (migliaia di euro) V.A. % Agricoltura , ,07 1,8 Artigianato , ,07 11,4 Industria , ,79 32,6 Commercio , ,02 11,8 Cooperative 172 2, ,00 2,3 Turismo , ,14 5,9 Trasporti e spedizioni 711 7, ,16 9,4 Credito 228 1, ,45 3,3 Assicurazioni 168 0, ,90 0,4 Servizi alle imprese , ,10 18,0 Altri settori 448 4, ,33 3,1 TOTALE , ,03 100,0 Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico. Decreto 23 giugno 2010 (G.U. n. 155 del 14 luglio 2010) 14

19 Tav. 1.4 Provincia di Gorizia: Peso dei settori economici (G.U. 197/2011) Settore Numero imprese al 31 dicembre 2010 Indice di occupazione 2008 Valore Aggiunto 2008 (migliaia di euro) V.A. % Agricoltura , ,98 1,7 Artigianato , ,23 11,3 Industria , ,75 34,2 Commercio , ,80 11,8 Cooperative 169 2, ,90 2,4 Turismo , ,58 6,2 Trasporti e spedizioni 720 6, ,77 9,0 Credito 225 1, ,82 3,6 Assicurazioni 178 0, ,85 0,4 Servizi alle imprese , ,82 16,3 Altri settori 475 4, ,06 3,1 TOTALE , ,56 100,0 Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico. Decreto 4 agosto 2011 (G.U. n. 197 del 29 agosto 2011) 15

20 La finalità dei decreti ministeriali, e la necessità di prevedere una suddivisione settoriale secondo i dettami della L. 580/93, determina un evidente asimmetria nella classificazione dei dati: in particolare si nota, all interno di una classificazione che in generale fa riferimento alla natura dell attività economica svolta, la presenza di due categorie quali Artigianato e Cooperative che fanno invece riferimento ad un criterio giuridico. Ciononostante le tavole ci forniscono una prima serie di dati che ci consentono di pesare il settore turismo. La colonna relativa al numero delle imprese ci consente innanzitutto di specificare l accezione utilizzata dal Ministero per delimitare il turismo : un confronto con i dati del Registro delle Imprese evidenzia infatti che i dati sono riferiti alle unità locali e il settore turismo comprende esclusivamente la categoria delle Attività dei servizi alloggio e ristorazione. Le non rilevanti discrasie con i dati del Registro delle Imprese - che saranno presentati più avanti - sono dovute probabilmente proprio alla necessità di contare a parte l artigianato e le cooperative. Ciò specificato, in ambito provinciale il settore turismo pesava, in termini di unità locali, per il 9,0% nel 2006 e nel 2007 e per il 9,2% nel 2009 (grazie a un calo meno accentuato in termini relativi rispetto a quello del sistema imprenditoriale complessivo) e infine per il 9,1% nel Naturalmente il peso in termini di unità locali non risulta particolarmente significativo in assenza di informazioni sulle dimensioni delle unità stesse. Migliore risulta dunque la misurazione in base agli addetti o al valore aggiunto: per numero di addetti (dati di fonte ISTAT) il turismo (alloggio e ristorazione) contava per il 7,7% nel 2004, 7,9% nel 2005, 7,4 nel 2007 e 7,7% nel 2008; per il 2005 si rende disponibile anche una stima del valore assoluto degli occupati di circa addetti. E bene ricordare che gli addetti complessivi qui considerati sono riferiti al sistema delle imprese, con esclusione quindi di occupati in altri settori (P.A., lavoratori autonomi, ecc.); a fini di raffronto per il 2005 il dato degli addetti nel complesso risultava di unità mentre l ISTAT stimava in gli occupati totali in provincia. Se infine il peso viene calcolato in termini di valore aggiunto (stime dell Istituto Guglielmo Tagliacarne, peraltro senza accenni alla 16

21 configurazione adottata) il settore turistico contava per il 5,7% nel 2004, 6,2% nel 2005, 5,9% nel 2007 e 6,2% nel Una valutazione puntuale sulla composizione del sistema imprenditoriale provinciale, anche in termini di addetti, ci deriva invece dall Archivio ASIA (Archivio Statistico Imprese Attive) Unità Locali, implementato dall ISTAT, i cui dati più aggiornati peraltro giungono solo al Al livello disponibile di disaggregazione per attività economica ATECO la divisione Attività dei servizi alloggio e ristorazione comprende anche la classe, peraltro marginale, I 562 Fornitura di pasti preparati (catering) e altri servizi di ristorazione che nel seguito, ove possibile, abbiamo preferito non considerare; l archivio non tiene invece conto delle imprese agricole. Prima di passare ai dati ASIA sono necessarie alcune premesse metodologiche che rendono conto delle discrepanze tra essi e i dati del Registro delle Imprese che saranno esposti nel prossimo capitolo. Innanzitutto l archivio ASIA è un archivio statistico, costruito anche con procedimenti probabilistici, mirato a soddisfare fabbisogni informativi, in particolare di analisi della struttura produttiva di un territorio; come tale può differire, e in maniera consistente, da quanto risulta dai registri amministrativi quali il Registro delle Imprese. I dati amministrativi, infatti, vengono raccolti per finalità non statistiche: la loro struttura è funzionale alle esigenze informative dell ente che li produce e dipende dalle norme che regolano i procedimenti cui i dati si riferiscono; tali norme, inoltre, possono cambiare nel tempo o nello spazio, determinando discontinuità nelle serie dei dati (Costanzo, 2010, p. 3). Tra le differenze principali (Barbieri, 2009, pp. 7-13): - ASIA considera solo le imprese attive per almeno sei mesi nell anno di riferimento e con almeno un addetto: restano dunque escluse le attività stagionali (il che non è di poco conto discorrendo di imprese turistiche) e le imprese senza addetti (tutte le imprese in ASIA posseggono almeno un addetto indipendente); i dati sulle imprese attive del Registro delle Imprese sono invece relativi allo stock alla fine del periodo considerato; 17

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 OSSERVATORIO DEL SISTEMA TURISTICO LAGO DI COMO 1 L Osservatorio è una iniziativa al servizio di tutti gli operatori pubblici e privati del Sistema Turistico Lago di Como realizzata

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Euro P.A. Turismo cercasi dati L ANNUARIO del TURISMO e della CULTURA 2009 Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Fabrizio Lucci, Centro Studi Rimini, 2 aprile 2009 INDICE DELL ANNUARIO

Dettagli

L IMPATTO ECONOMICO POTENZIALE DI MATERA 2019. Direttore Generale SRM Massimo Deandreis

L IMPATTO ECONOMICO POTENZIALE DI MATERA 2019. Direttore Generale SRM Massimo Deandreis L IMPATTO ECONOMICO POTENZIALE DI MATERA 2019 Direttore Generale SRM Massimo Deandreis MATERA 2019: POSSIBILI RICADUTE SULL ECONOMIA LOCALE 30 Giugno 2015 Agenda La struttura e le dinamiche dell economia

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI E costituito da un offerta di 2.699 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico 2, ormai un

Dettagli

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia Fabio Barbone Dip. di Scienze Mediche e Biologiche Università di Udine SOC Igiene ed Epidemiologia

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.A ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ATTIVITÀ 55.10.B ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE ATTIVITÀ 55.23.4 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER

Dettagli

A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A

A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A Ma g g i o 2 0 0 3 di G i u s e p p e A i e l l o 1. L andamento

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Rapporto Economia Provinciale 2011. Edilizia

Rapporto Economia Provinciale 2011. Edilizia Rapporto Economia Provinciale 2011 129 Edilizia Edilizia 131 Dati di stock Al 31 dicembre 2011 le imprese attive iscritte al Registro Imprese alla Sezione Ateco 2007 F- Costruzioni sono 3.498, con un

Dettagli

Le pillole di. TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani. (maggio 2014) Ufficio studi. Notizie, commenti, istruzioni ed altro

Le pillole di. TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani. (maggio 2014) Ufficio studi. Notizie, commenti, istruzioni ed altro Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani (maggio 2014) Ufficio studi a cura di : Luciano Sbraga Giulia R. Erba PREMESSA La rilevazione

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

Movimento alberghiero Pasqua 2005 (25 marzo-3 aprile 2005)

Movimento alberghiero Pasqua 2005 (25 marzo-3 aprile 2005) 11 maggio 5 Movimento alberghiero Pasqua 5 (25 marzo-3 aprile 5) Flussi dei clienti nelle strutture alberghiere Sulla base della rilevazione campionaria sull attività alberghiera (si vedano le Note Informative

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 Elaborazione su dati provvisori forniti dal Settore Turismo della Provincia di Como A cura di Massimo Gaverini

Dettagli

A n a l i s i s i n t e t i c a d e l l e p r i n c i p a l i c a r a t t e r i s t i c h e

A n a l i s i s i n t e t i c a d e l l e p r i n c i p a l i c a r a t t e r i s t i c h e COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U. Org. Studi e Statistica LE ATTIVITÀ ECONOMICHE NEL COMUNE DI UDINE 2006 A n a l i s i s i n t e t i c a d e l l e p r i n c i p a l i c a r a t t e r i s

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Rapporto annuale 2012

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Rapporto annuale 2012 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 2 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 2 1. L andamento

Dettagli

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITÀ NELLA PROVINCIA DI RIMINI Complessivamente è costituito da un offerta di 2.565 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico

Dettagli

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015 Anche nei campeggi Toscani il vento delle ripresa del turismo: il ritorno di italiani e stranieri così l'evoluzione della domanda di turismo all'aria aperta nel 2015 secondo gli operatori toscani www.osservatorioturismoariaaperta.it

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro)

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro) Il quadro macroeconomico Il fatturato del sistema sportivo italiano può essere valutato nel 2001 in circa 31,6 miliardi di euro. Tale cifra rappresenta la somma di quanto è speso dalle famiglie italiane,

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione

Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione Fasi dell indagine e i risultati per i settori Roberto Iannaccone Messina, 27 Settembre 2013 Sommario 1. Indici del fatturato dei servizi: aspetti

Dettagli

TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO

TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO Quesiti: 1. Descrivete i principali schemi di riclassificazione di bilancio utilizzabili a fini

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Casa 2 La crisi della nuova edilizia e delle infrastrutture e la crescita della riqualificazione delle abitazioni Investimenti in costruzioni*

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

terziario friuli venezia giulia maggio 2015

terziario friuli venezia giulia maggio 2015 terziario friuli venezia giulia maggio 2015 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca primo trimestre 2015 udine, 18 maggio 2015

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO ECONOMICO REGIONALE IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA STAGIONE ESTIVA 2006 IN BASILICATA OTTOBRE 2006 UNA STAGIONE ESTIVA ALL INSEGNA

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli