Le prospettive della bancassicurazione danni in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le prospettive della bancassicurazione danni in Italia"

Transcript

1 Le prospettive della bancassicurazione danni in Italia di Fabrizio Morana Direttore Generale Centro Studi e Ricerche AssicuraEconomia L esordio della bancassicurazione in Europa risale agli anni 80 del secolo scorso. Fu la Francia la nazione nella quale iniziò l'attività di distribuzione di prodotti assicurativi (in larga prevalenza del ramo vita) tramite sportelli bancari anziché per il tramite di operatori assicurativi tradizionali (agenti e broker). Le origini della bancassicurazione in Italia risalgono ai primi anni '90 e, di fatto, essa ha tratto impulso determinante dalla legge Amato (n. 218/1990) che dettava disposizioni in materia di ristrutturazione e integrazione patrimoniale degli istituti di credito di diritto pubblico. Tale norma, tra l altro, conteneva anche l autorizzazione per le banche a detenere partecipazioni nelle compagnie assicurative. In effetti, in precedenza, le due attività erano considerate assolutamente estranee l una all altra, fino al punto che alle stesse banche era vietata sia l assunzione di partecipazioni in compagnie di assicurazione sia la produzione diretta di prodotti assicurativi (divieto, quest ultimo, che permane ancora oggi). Il primo attore significativo nella bancassicurazione italiana fu il Monte dei Paschi di Siena (dal 1995 Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A.). Attraverso compagnie controllate, prima Ticino e poi Monte Paschi Vita, quello senese fu il primo istituto bancario a muoversi nella distribuzione di polizze allo sportello, naturalmente del ramo vita. Nella fattispecie si trattava di collocare, con approcci commerciali che da timidi divennero progressivamente sempre più incisivi, polizze prevalentemente a premio annuo costante e più raramente a premio unico. Si trattava di polizze simili nella struttura ai prodotti che già costituivano la tradizionale tipologia di offerta da parte degli sportellisti, che in buona parte le assimilarono (grossolanamente) ai piani di accumulo dei fondi di investimento. Il primo obiettivo che indusse il Montepaschi ad entrare nel settore, obiettivo che può apparire oggi riduttivo nella sua apparente semplicità a fronte dello straordinario sviluppo che poi la bancassicurazione ha avuto successivamente in Italia, fu quello di fidelizzare il più possibile il cliente nel rapporto con l'azienda. Eravamo in periodo di deregulation bancaria ed i nuovi sportelli venivano aperti sempre più numerosi da parte di banche di ogni dimensione: si cercava di sottrarre clienti alla concorrenza e, nel contempo, si era attenti a difendere il proprio patrimonio di relazioni acquisite. La finalità era di mettere in piedi operazioni che prevedessero una routine nei movimenti del conto corrente tale da legare sempre più il cliente alla banca: poteva trattarsi a titolo di mera esemplificazione di addebiti per l'utilizzo di carte di credito, per crediti personali, per il pagamento delle utenze, per il versamento di premi assicurativi come nel caso che stiamo osservando ovvero di accrediti per stipendi o provvigioni. La conseguenza pratica fu che molto frequentemente il pensiero per il cliente (o anche addirittura la preoccupazione) che l'eventuale chiusura del semplice conto corrente potesse trascinare con sé una serie di disdette accessorie ed il successivo necessario impianto spesso laborioso di nuovi rapporti presso altri istituti di credito, finì con il convincerlo a mantenere il rapporto con la propria banca, "anche contro la sua effettiva volontà". Le prime polizze del Montepaschi, "Cresco" e "Nido", furono 1

2 inizialmente vendute con durata prevalente di soli cinque anni, ad evidenza di quanto fosse prioritario l'obiettivo aziendale di consolidare, anche da un punto di vista meramente amministrativo, il legame con il correntista. Nel giro di pochi anni, però, le banche si resero progressivamente conto al di là del conseguimento dello scopo originario che la potenza di fuoco commerciale che esse avevano a disposizione nel nuovo segmento operativo poteva essere molto interessante in termine di risultati positivi anche di conto economico. Cominciarono, quindi, a valutare sempre più l ipotesi di distribuire prodotti assicurativi allo sportello come strumento destinato ad avere anche un significativo impatto positivo sui bilanci. Nel corso degli ultimi venti anni lo sviluppo della bancassicurazione vita è stato impetuoso ed ha raggiunto dimensioni probabilmente inaspettate. La raccolta totale (ovvero quella intermediata da tutti gli attori del mercato: agenti, broker, banche, promotori finanziari, ecc.) degli ultimi anni ha risentito della consistente quota di assicurazioni vita con contenuto finanziario quelle di ramo III linked o prive di valutazioni demografiche quelle di ramo V capitalizzazione e si è sviluppata in maniera altalenante: dal minimo nel 2008 con milioni di euro al massimo toccato nel 2010 con milioni di euro. Il peso della quota di mercato degli sportelli a quelli bancari è opportuno aggiungere anche quelli postali, protagonisti di straordinarie performance quantitative nelle statistiche dei cinque anni appena trascorsi è passato dal minimo del 52% nel 2008 ( milioni di euro) al massimo del 60% del 2010 ( milioni di euro): è evidente che, quando il mercato tira, gli sportelli sono in condizioni di utilizzare in maniera più efficace degli altri canali le proprie risorse commerciali legate al portafoglio clienti. Nella bancassicurazione danni così come era capitato per quella vita il nostro punto di riferimento è stata la vicina Francia. In quella nazione la sua quota di mercato è da anni stabile all incirca al 10% dell intermediato, con una raccolta nel 2010 pari a milioni di euro (come vedremo in seguito, quasi sei volte il valore della bancassicurazione danni italiana nel medesimo periodo). Anche nella nostra bancassicurazione danni il primo obiettivo del sistema per altro mai veramente pubblicizzato e ricercato sembrerebbe fissato nel raggiungere la soglia del 10%, simile a quella detenuta dai colleghi transalpini. Nel periodo dal 2007 al 2011 la raccolta degli sportelli italiani è stata pari a 670 milioni di euro (anno 2007), 800 milioni (anno 2008), milioni (anno 2009), milioni (anno 2010) e milioni (anno 2011); la quota di mercato del canale è stata dell 1,8% (anno 2007), 2,1% (anno 2008), 2,9% (anno 2009), 3,2% (anno 2010) e 3,4% (anno 2011). Il preannunciato raffronto con la Francia ci vede nettamente distanziati, tanto in valore assoluto di intermediato che come quota di mercato. Ē facile osservare, quindi, come fino ad oggi i risultati ottenuti appaiano più la conseguenza di un lavoro intermittente o occasionale piuttosto che il risultato di una sia pur minima strategia commerciale. Il naturale rovescio della medaglia conduce alla considerazione che quando (e se ) le banche nazionali decideranno di adottare una normale, sufficiente e continua forma di impegno nella commercializzazione del prodotto assicurazione danni, il traguardo dell appaiamento alla Francia potrà essere rapidamente raggiunto. Analizzando i risultati del 2011, la penetrazione della bancassicurazione danni in relazione ai principali rami è stata la seguente: nel segmento rca la quota di mercato è stata dell 1,4% (1,2% nel 2010), in quello infortuni e malattia di un discreto 7,7% (7,6% nel 2010), nelle assicurazioni property principalmente tutela dei danni alle cose, come incendio e furto un altrettanto promettente 7,5% (6,1% nel 2010), nella rc generale dell 1,8% (1,5% nel 2010). Una prima osservazione di questi dati fa balzare agli occhi la modestia di vendite della rca, certamente frutto della decisione di non volersi cimentare 2

3 (ancora ) in un mercato notoriamente molto delicato, non tanto al momento della vendita quanto al verificarsi del sinistro. Per altro, lo sviluppo dei più recenti modelli distributivi pare poter porre rimedio a una tale situazione di gestione imperfetta: probabilmente, in un prossimo futuro, l attività dell impiegato della banca si limiterà effettivamente alla sola fase di commercializzazione fase per la quale sarà stato, comunque, adeguatamente formato inizialmente e aggiornato periodicamente, secondo le indicazioni del regolamento ISVAP n. 5/2006 mentre l assistenza e l accompagnamento del cliente-correntista nel percorso legato alla richiesta di risarcimento sarà riservata (tranne, probabilmente, che per il primissimo momento di comunicazione dell evento al front-office dell istituto) a strutture specializzate, facenti direttamente parte dell organizzazione della compagnia di assicurazione-società prodotto. La seconda osservazione si riferisce alle polizze infortuni, malattia e property, nelle quali la bancassicurazione ha dato una prima prova di vitalità operativa. A tale proposito, ricordiamo che le attuali norme prevedono che gli sportelli possano commercializzare esclusivamente prodotti standardizzati, per i quali all intermediario (in questo caso lo sportellista bancario o postale) sia inibita la possibilità di modificare le condizioni contrattuali stabilite in origine. Tanto per questo fondamentale motivo ora ricordato, quanto perché le assicurazioni collocate allo sportello devono necessariamente presentare caratteristiche di semplicità e chiarezza (per non rendere difficoltosa l azione del venditore e allo scopo di per favorire una sufficiente comprensione da parte del compratore), sono stati individuati in proprio in infortuni, malattia e property i segmenti di prodotto che meglio possono adattarsi alla vendita allo sportello. Infatti, l offerta della bancassicurazione danni si affida, per ora, prevalentemente a polizze della linea persona (coperture di infortuni, malattie, invalidità, rimborso di spese mediche e diarie giornaliere in conseguenza di ricovero in ospedale, ecc.) e a coperture dei rischi dell abitazione (incendio, furto, polizza del capofamiglia legata alle vicende di vita collegate all abitazione stessa, ecc.). Premesso tutto questo, come può la bancassicurazione danni estendere ulteriormente la sua azione commerciale? Inizialmente, diamo per scontato che per migliorare i risultati fin qui ottenuti sarà necessario che le direzioni degli istituti di credito facciano comprendere senza possibilità di dubbio ai propri collaboratori (così come avviene ormai da anni per la bancassicurazione vita) che le banche mirano a recuperare, anche tramite la vendita allo sportello di polizze danni, la redditività diminuita negli anni più recenti; sarebbe anche opportuno, inoltre, che si dichiarasse sempre più chiaramente di voler perseguire un costante percorso di fidelizzazione della clientela (e di customer relationship management). Sorge, poi, l interrogativo su come sviluppare il potenziale assicurativo dei propri correntisti verso i quali si possa prospettare l idea di collocare assicurazioni danni anche non contenibili in prodotti standardizzati. Essi rappresentano quei segmenti di mercato che più di altri possono contribuire a migliorare il risultato di bilancio delle banche, perseguendo sempre più per questa importante fascia di clientela il raggiungimento dell obiettivo di una consulenza bancaria, finanziaria ed assicurativa a 360 gradi, che renda sempre più stretto e a prova di concorrenza i rapporti tra istituto e cliente. Il sistema per poter attivare questo segmento di vendita le banche lo hanno nella possibilità di stipulare accordi commerciali con intermediari assicurativi iscritti nel Registro Unico Intermediari assicurativi e riassicurativi RUI al fine di allargare l offerta anche a prodotti più sofisticati di quelli distribuiti normalmente allo sportello (standardizzati). Nello specifico, i broker dovrebbero probabilmente essere in grado di utilizzare meglio degli agenti la normativa introdotta a fine 2012 dal Decreto Sviluppo bis. I primi, infatti, potranno più facilmente dei secondi stipulare accordi di distribuzione con le banche, possibilità non contemplata dalla precedente normativa: a tale scopo si potranno instaurare una serie di rapporti anche con i numerosi istituti di credito italiani di piccole e medie dimensioni, fermo 3

4 restando che anche le banche top finiranno probabilmente con lo stringere alleanze con broker top (magari creati da loro stesse). Naturalmente, di tali novità beneficeranno oltre alla filiera fin qui delineata anche le compagnie di assicurazione, in questo caso societàprodotto che trarrebbero nuova linfa dalla moltiplicazione dei canali di vendita. Tale scenario ha anche tutte le caratteristiche tecniche, economiche e sociali per potersi sviluppare in modo significativo, senza danneggiare l attività di intermediazione tradizionale di agenti e broker. Infatti, dalla lettura del rapporto ANIA sull assicurazione italiana si possono trarre interessanti spunti di riflessione. In primo luogo si può osservare che la nostra raccolta nazionale complessiva nel settore assicurazione danni nel 2011 è stata pari a milioni di euro, lontanissima dai volumi della Germania ( milioni di euro), della Francia ( milioni), del Regno Unito ( milioni) e perfino dell Olanda ( milioni). Ancora, in tema di premi danni non-auto il peso del nostro intermediato rispetto al PIL è stato nel 2011 dell 1% (sostanzialmente stabile nel confronto con gli anni precedenti) contro l 8,8% dell Olanda (ultimo dato disponibile riferito al 2010), il 2,7% della Germania e del Regno Unito, il 2,3% della Francia, il 2% del Belgio e l 1,9% della Spagna. Dalla lettura di questi dati si evidenzia, dunque, come in Italia sia ancora tantissimo lo spazio da poter occupare nello sviluppo complessivo dell assicurazione danni (la situazione è leggermente migliore nel vita). Sembra, infine, opportuno ricordare anche i risultati che provengono dal questionario somministrato dalla Banca d Italia alle famiglie italiane in occasione della rilevazione del 2010 in merito all indagine sui bilanci degli istituti di credito. Nella sezione dedicata all analisi del comportamento assicurativo si chiedeva ai capifamiglia, inclusi nel campione, di dichiarare se uno o più membri del nucleo fossero in possesso di polizze danni extra rca. Dalle risposte è risultato che al Nord ed al Centro possederebbero un assicurazione del tipo indicato il 35% dei nuclei familiari quindi, ben due terzi di essi sarebbero sprovvisti di qualsiasi tipo di copertura mentre al Sud tale indicatore crollerebbe addirittura al 3,8%, con quasi 96 famiglie su 100 non assicurate contro alcun rischio (sempre escludendo la rca). Se anche grazie alle sinergie tra le banche e gli intermediari assicurativi tradizionali si vorranno realizzare iniziative commerciali rivolte all acquisizione di nuova clientela, tutto ciò potrà essere tranquillamente compiuto senza toccare o magari facendolo soltanto in modo marginale gli attuali assicurati, ma rivolgendosi a fasce di mercato assolutamente nuove. Il contratto stipulato in banca viene spesso accompagnato da offerte speciali, come buoni carburante, sconti, servizi gratuiti, rateizzazione del premio (anche mensile). Fra gli altri, quest ultimo aspetto in particolar modo nella rca costituisce un notevole vantaggio per il cliente nella non facile situazione economica odierna. Infatti, deve ricordarsi che le polizze rca commercializzate dagli intermediari tradizionali prevedono quasi sempre la dilazione al massimo semestrale mentre, viceversa, appare sicuramente vantaggioso poter pagare la rata di premio ogni mese, anche a fronte di un modesto incremento della cifra prodotto dal calcolo dell interesse di frazionamento. Nel 2011 e 2012 hanno già scaldato i motori nella distribuzione di polizze rca allo sportello tra le principali le seguenti banche: Banca delle Marche e Banco Popolare (che hanno come partner Aviva), Banca Popolare di Milano (con Systema), Carige (con Carige Assicurazioni), Credito Valtellinese (con Genertel), Banca Monte dei Paschi di Siena (con AXA MPS), Cariparma (con Credit Agricole Assicurazioni), Intesa Sanpaolo (con Intesa Sanpaolo Assicura). Proprio Intesa Sanpaolo Assicura appartenente al secondo gruppo bancario italiano si colloca nel 2011 già al trentaduesimo posto nella classifica per volumi intermediati su 138 compagnie operative nei rami danni (e Intesa Sanpaolo Vita figura come leader assoluto nel vita). Attualmente già distribuisce, presso gli sportelli dei 4

5 vari istituti collegati, la polizza rca Viaggia Con Me: si caratterizza per essere un assicurazione che prevede l installazione di una scatola nera che consentirà di ricostruire le esatte dinamiche dei sinistri, prevenendo gran parte delle eventuali truffe assicurative (iniziative simili sono state messe in campo anche dalle principali compagnie storiche). Infine, sembra che nel 2013 anche gli sportelli di Poste Italiane dovrebbero iniziare a vendere polizze rca. Questo debutto è atteso con interesse dagli addetti ai lavori. Già Poste Vita con i risultati dell ultimo decennio è andata al di là di pur ottimistiche previsioni, collocandosi spesso al primo posto nelle annuali classifiche delle compagnie del ramo. C è la curiosità di verificare se anche con questa nuova offerta ovvero la commercializzazione di un prodotto di massa come la rca la penetrazione e la diffusione degli sportelli postali potrà condurre nuovamente a risultati di vendita eccezionali. Infine, per completare la previsione del possibile cambiamento degli scenari distributivi assicurativi, ci si dovrebbe occupare anche della vendita diretta attraverso canali innovativi come internet e telefono: ma questa è tutt un altra storia Napoli, gennaio

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO SPECIALE CLASSIFICA COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO Quanto ha inciso la crisi finanziaria sui conti delle compagnie e sull andamento del settore assicurativo nel nostro Paese? Le classifiche delle

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

Overview del mercato assicurativo in Italia

Overview del mercato assicurativo in Italia Overview del mercato assicurativo in Italia Premi lordi contabilizzati ( mld) CAGR = +3,1% 118,8 99,1 33,7 33,7 33,7 37,7 37,7 37,7 85,1 61,4 61,4 85,1 85,1 61,4 2007 2007 2007 2013 2013 2013 Vita Vita

Dettagli

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013 Fact - pack mercato Vita marzo 2013 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni,

Dettagli

Montepaschi Vita Annual F orum. Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126

Montepaschi Vita Annual F orum. Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126 Montepaschi Vita Annual F orum Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126 2007 I Paradigmi del Valore Assicurazioni e banche: complementarietà e competizione Come creare il massimo valore

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1 Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assicurativa e previdenziale Pagina 1 PARTNERS DEL PROGETTO per attività di docenza ed organizzazione stage la più antica mutua assicuratrice italiana,

Dettagli

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni è la Prima Agenzia Assicurativa italiana. La Società agisce su mandato di 17 compagnie leader nazionali ed internazionali e

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Il mercato assicurativo: i canali

Il mercato assicurativo: i canali Il mercato assicurativo: i canali distributivi Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Dott.ssa Lara Maini 12 marzo 2012 Obiettivi della distribuzione assicurativa Ricerca della clientela Attività

Dettagli

Creditor Metrics: I Consumatori e le Assicurazioni di Protezione dei Crediti in Italia

Creditor Metrics: I Consumatori e le Assicurazioni di Protezione dei Crediti in Italia Creditor Metrics: I Consumatori e le Assicurazioni di Protezione dei Crediti in Italia Prospetto della relazione Agosto 2006 1 Indice del prospetto Pagina In che cosa consiste la ricerca? Qual è il razionale?

Dettagli

Offerta riservata ai dipendenti

Offerta riservata ai dipendenti Offerta riservata ai dipendenti Varese, 20 luglio 2012 Filiale Unipol Banca di Varese Via Marcobi, 4 Titolare Pierangelo Lombardo Tel. 0332/239940 2 Formula Easy e Formula Premium, i nuovi conti correnti

Dettagli

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 Negli ultimi anni si è sempre più spesso sentito parlare di nuovi sistemi di distribuzione

Dettagli

PRODOTTI e SERVIZI BANCARI

PRODOTTI e SERVIZI BANCARI Allegato 2 Convenzione Nazionale CISL - UGF PRODOTTI e SERVIZI BANCARI Condizioni riservate agli Iscritti e ai familiari conviventi Premessa Nel presente allegato sono riepilogate le principali caratteristiche

Dettagli

Convenzione Ordine dei Giornalisti. Offerta dedicata agli iscritti e ai dipendenti. Settembre 2015 - Pubblicità

Convenzione Ordine dei Giornalisti. Offerta dedicata agli iscritti e ai dipendenti. Settembre 2015 - Pubblicità Convenzione Ordine dei Giornalisti Offerta dedicata agli iscritti e ai dipendenti Settembre 2015 - Pubblicità Fogli informativi in filiale e sul sito web della banca - Codice Banca 1030.6 - Codice Gruppo

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Progetto di educazione finanziaria NON MAI TROPPO TARDI

Progetto di educazione finanziaria NON MAI TROPPO TARDI Progetto di educazione finanziaria NON MAI TROPPO TARDI TRACCIABILITÁ DEI PAGAMENTI (luglio 2012): documentazione interna di supporto al progetto di Upter Solidarietà in collaborazione con FeBAF e PattiChiari

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

AXA COMUNICATO STAMPA

AXA COMUNICATO STAMPA AXA COMUNICATO STAMPA ROMA, 21 OTTOBRE 2014 I Millennials nel rapporto con le assicurazioni: rischi percepiti, bisogni emergenti e nuovi linguaggi Nel corso dell Italian AXA Forum 2014, AXA Italia analizza

Dettagli

Assemblea Annuale ANIA. Roma, 1 luglio 2008. Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini

Assemblea Annuale ANIA. Roma, 1 luglio 2008. Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini Assemblea Annuale ANIA Roma, 1 luglio 2008 Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini Autorità, Signore e Signori, Innanzitutto ringrazio l ANIA per l invito a partecipare all assemblea annuale

Dettagli

CATTOLICA&FAMIGLIA. dedicata a chi ami di più

CATTOLICA&FAMIGLIA. dedicata a chi ami di più CATTOLICA&FAMIGLIA dedicata a chi ami di più CATTOLICA&FAMIGLIA IN SINTESI TUTELA I BENI PRIMARI: SALUTE, FAMIGLIA, CASA GARANTISCE UN AIUTO CONCRETO IN CASO DI EVENTI IMPREVEDIBILI PREVEDE delle TUTELE

Dettagli

Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ

Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ SPECIALE CLASSIFICHE Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ L ANALISI DELLE PERFORMANCE E L EVOLUZIONE DEL SETTORE, SECONDO QUANTO EMERGE DALLE CLASSIFICHE DELLE PRIME 20 COMPAGNIE

Dettagli

questioni calde da chiarire

questioni calde da chiarire e, ora, occhio alle lucciole questioni calde da chiarire Coassicurazione, polizza poliennale, ruolo del broker sono tre nodi intorno ai quali non c è chiarezza sul mercato a causa di informazioni distorte

Dettagli

Come sviluppare attività di cross-selling in agenzia

Come sviluppare attività di cross-selling in agenzia Come sviluppare attività di cross-selling in agenzia convegno IL CLIENTE E RE Presentazione di VINCENZO CIRASOLA (presidente del Gruppo Agenti Generali) Milano, 2 aprile 2003 Palazzo delle Stelline Corso

Dettagli

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 7 CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa: Via

Dettagli

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC Aggiornato al 01 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 2 CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale: Piazza Salimbeni,

Dettagli

PRIMO OSSERVATORIO EUROPEO SULLA INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA

PRIMO OSSERVATORIO EUROPEO SULLA INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA PRIMO OSSERVATORIO EUROPEO SULLA INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione giugno 2014 Contenuti della presentazione 1.

Dettagli

DEL TIRRENO L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

DEL TIRRENO L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento n. 5130 ( I273 ) LA VENEZIA ASSICURAZIONI/CASSE DEL TIRRENO L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 giugno 1997; SENTITO il Relatore Professor Fabio

Dettagli

Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia. www.ifoap.it

Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia. www.ifoap.it Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia www.ifoap.it INDICE Il Marketing strategico e il marketing operativo La campagna di comunicazione L Analisi

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTRMEDIAZIONE ASSICURATIVA

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTRMEDIAZIONE ASSICURATIVA Settore Affari ed Organi Istituzionali, Consulenza alla struttura organizzativa, Provveditorato ed Economato, Contratto e Concessioni CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTRMEDIAZIONE

Dettagli

L evoluzione delle agenzie di assicurazione

L evoluzione delle agenzie di assicurazione Dossier 2012 Presentazione parziale dei risultati della ricerca condotta da SNA- IAMA Consulting sull L evoluzione delle agenzie di assicurazione Con il prossimo numero de L Agente di Assicurazione forniremo

Dettagli

Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder

Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder Roberto Casanova Milano, 24 maggio 2012 Solvency II: i passi da compiere per definire e gestire

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Piazza Duomo n. 9 53100 Siena CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA CON MODALITÀ TELEMATICA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. Oggetto dell appalto...1 2. Corrispettivo

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006

ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006 ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006 Agenda 1 Risultati 2005 2005 consolidati del del Gruppo Gruppo Unipol Unipol 2 Risultati 2005 di Unipol Assicurazioni 2 Gruppo Unipol: principali eventi del 2005 Progetto

Dettagli

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006 1 UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale Verona, 18 dicembre 2006 2 Agenda Il contesto strategico La joint-venture specializzata nel business auto Il

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 317566 4 3 ottobre 2003 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione Nel partecipare istituzionalmente alla procedura della pubblica consultazione del Regolamento ISVAP N.29, la scrivente Associazione Sindacale UNAPASS evidenzia positivamente, da un lato, la volontà dell'istituto

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF. Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano, 16 settembre 2010

UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF. Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano, 16 settembre 2010 UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF Regolamento n. 35 : obblighi di informazione e pubblicità dei prodotti assicurativi Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano,

Dettagli

In filiale, in agenzia o sul web. Ecco le migliori Rc Auto. E quelle che costano meno

In filiale, in agenzia o sul web. Ecco le migliori Rc Auto. E quelle che costano meno In filiale, in agenzia o sul web. Ecco le migliori Rc Auto. E quelle che costano meno Una rata media di 586,38 euro per stipulare una polizza allo sportello, contro i 479,45 se ancora si preferisce affidarsi

Dettagli

PRODOTTI ON-LINE POLIZZE AUTO: R.C.A.: Responsabilità civile auto A.R.D.: Incendio, furto e garanzie accessorie POLIZZE CAUZIONI/ CREDITO:

PRODOTTI ON-LINE POLIZZE AUTO: R.C.A.: Responsabilità civile auto A.R.D.: Incendio, furto e garanzie accessorie POLIZZE CAUZIONI/ CREDITO: CHI SIAMO La nostra società, operativa da oltre un decennio, svolge l'attività di consulenza ed intermediazione assicurativa riservando alla clientela particolare attenzione. La nostra struttura, composta

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE

CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE Aggiornato al 15 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 5 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 3 CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa:

Dettagli

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576 ASSILEA rileva che la presenza della disgiuntiva o avrebbe esteso il concetto di locali dell intermediario anche ai locali che non costituiscono una dipendenza diretta dell intermediario medesimo. Se così

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

AXA COMUNICATO STAMPA

AXA COMUNICATO STAMPA AXA COMUNICATO STAMPA ROMA, 10 OTTOBRE 2013 Indagine AXA - IPSOS 2013 sulla percezione di Piccole e Medie Imprese e autonomi su indicatori economici e protezione assicurativa: il caso Italia PMI E AUTONOMI:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4791 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBATO, SOGLIA, STRIZZOLO, VESSA, GRANATA, TABACCI, OCCHIUTO, GIULIETTI, CATONE, VICO, PALAGIANO,

Dettagli

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta Consap e l R.C. Auto: il Risarcimento Diretto e la Stanza di compensazione Paolo Panarelli Direttore Generale

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006. SEZIONE A (ex modello 7A)

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006. SEZIONE A (ex modello 7A) MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

NOTA INFORMATIVA contratto di assicurazione Novit Auto GARANZIE ACCESSORIE modello 1060 ed. del 1 dicembre 2010

NOTA INFORMATIVA contratto di assicurazione Novit Auto GARANZIE ACCESSORIE modello 1060 ed. del 1 dicembre 2010 NOTA INFORMATIVA contratto di assicurazione Novit Auto GARANZIE ACCESSORIE modello 1060 ed. del 1 dicembre 2010 La presente nota informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall Isvap, ma il suo

Dettagli

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI . Principali risultati Da alcuni anni, la Banca d Italia svolge un indagine sull onerosità dei conti correnti, basata sui costi effettivamente sostenuti da un campione rappresentativo di clienti nel corso

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

INDICE. Prefazione...» XV Paola Leone e Franco Tutino. Introduzione... Fabrizio Santoboni

INDICE. Prefazione...» XV Paola Leone e Franco Tutino. Introduzione... Fabrizio Santoboni VII Autori... pag. XIII Prefazione...» XV Paola Leone e Franco Tutino Introduzione... Fabrizio Santoboni» XIX Capitolo 1. Le funzioni della produzione assicurativa Fabrizio Santoboni 1. Il contratto assicurativo...

Dettagli

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Convegno Nazionale dei Gruppi Agenti di Fondiaria e Sai Roma, 12 13 ottobre 2012 Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Fabio Orsi, IAMA Consulting Uno scenario complesso La grande

Dettagli

Il Ruolo delle Autorità Indipendenti

Il Ruolo delle Autorità Indipendenti LIBERALIZZAZIONI: IL CITTADINO CONSUMATORE AL CENTRO DELLA REGOLAZIONE DEI MERCATI; UN RUOLO PIU MODERNO PER LA P.A. Il Ruolo delle Autorità Indipendenti Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Vice Direttore Generale

Dettagli

SERVIZI VIGILANZA ASSICURATIVA I E II SEZIONI ATTUARIATO e AUTORIZZAZIONI E MERCATO Roma 23 Luglio 2008

SERVIZI VIGILANZA ASSICURATIVA I E II SEZIONI ATTUARIATO e AUTORIZZAZIONI E MERCATO Roma 23 Luglio 2008 SERVIZI VIGILANZA ASSICURATIVA I E II SEZIONI ATTUARIATO e AUTORIZZAZIONI E MERCATO Roma 23 Luglio 2008 Prot. n. 19-08-004183 All.ti n. vari Alle Imprese di assicurazione che esercitano i rami vita con

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

AIG. Group Management Division. I prodotti AIG Vita

AIG. Group Management Division. I prodotti AIG Vita AIG Group Management Division I prodotti AIG Vita I PRODOTTI: CREDITOR PROTECTION INSURANCE (CPI) Il prodotto assicurativo a protezione del mutuo e dei prestiti personalip La Creditor Protection Insurance

Dettagli

Generali Italia e France: modelli di agenzia a confronto. Le reti agenziali in Italia IAMA Claudio David

Generali Italia e France: modelli di agenzia a confronto. Le reti agenziali in Italia IAMA Claudio David Generali Italia e France: modelli di agenzia a confronto Le reti agenziali in Italia IAMA Claudio David 21-06 Convegno Agenti Generali Bologna, 16 ottobre 2006 I due mercati a confronto miliardi Italia

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

RINNOVO CONVENZIONE 2009-2011 CISL-UGF

RINNOVO CONVENZIONE 2009-2011 CISL-UGF RINNOVO CONVENZIONE 2009-2011 CISL-UGF Effetto e durata delle Convenzioni Le Convenzioni con le OO.SS. sono state sottoscritte il 31 dicembre 2008 ed hanno validità fino al 31 dicembre 2011 Per tutti i

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza

Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza Torino,27/11/2013 Grandi Banche e Banche locali: dove va il Credito?

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

Raccolta in crescita, utile in picchiata

Raccolta in crescita, utile in picchiata Raccolta in crescita, utile in picchiata a cura di Fabio Bertozzi, Senior Consultant SCS Consulting Alfredo De Massis, Manager SCS Consulting e Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Agevolate

Dettagli

9.583 6.006 7.463 +24% Premi Diretti. Quota di mercato. Ranking 2.228 6.979. Raccolta Diretta Raccolta Indiretta 15.928 11.461 29,4 +11 % 17,7

9.583 6.006 7.463 +24% Premi Diretti. Quota di mercato. Ranking 2.228 6.979. Raccolta Diretta Raccolta Indiretta 15.928 11.461 29,4 +11 % 17,7 GRUPPO UNIPOL Presentazione Aprile 2005 IL GRUPPO UNIPOL AL 31/12/2004 Eur/mln 2002 2003 2004 Comparto Assicurativo Premi Diretti 6.006 +23% 7.463 +24% 9.583 +28% dei quali Vita 3.717 +34% 4.650 +25 %

Dettagli

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

- 1 - Periodico ANIA Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati. A cura di: Sergio Desantis Gianni Giuli Dario Focarelli

- 1 - Periodico ANIA Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati. A cura di: Sergio Desantis Gianni Giuli Dario Focarelli Dicembre 2015 La statistica associativa Indici Aziendali fornisce una vasta serie di indici informativi e ratio di performance a livello totale di mercato in riferimento alle seguenti aree: forza lavoro

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RAPPORTI ASSICURATIVI VIA WEB, ATTUATIVO DELL ARTICOLO 22, COMMA 8, DEL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE

Dettagli

Denominazione: (in caso di Studio Associato o Società)

Denominazione: (in caso di Studio Associato o Società) MODULO PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DEGLI ESBORSI CONSEGUENTI A RESPONSABILITÀ CIVILE PER L'ATTIVITA' DI ASSISTENZA FISCALE MEDIANTE APPOSIZIONE DEI VISTI DI CONFORMITA' SULLE DICHIARAZIONI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Elaborazioni dai comunicati stampa, dai bilanci consolidati, dalle presentazioni dei gruppi assicurativi quotati, da Borsa

Dettagli

ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 7 DEL 18/01/2011

ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 7 DEL 18/01/2011 Comune di Castelleone SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 7 DEL 18/01/2011 Oggetto: AFFIDAMENTO DELL'INCARICO DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA (BROKER) TRIENNIO

Dettagli

CONVENZIONE BANCARIA NAZIONALE. tra. Offerta riservata a DIPENDENTI IMPRESE ASSOCIATE FAMILIARI CONVIVENTI. Luglio 2012

CONVENZIONE BANCARIA NAZIONALE. tra. Offerta riservata a DIPENDENTI IMPRESE ASSOCIATE FAMILIARI CONVIVENTI. Luglio 2012 CONVENZIONE BANCARIA NAZIONALE tra CNA e UNIPOL BANCA S.p.A. Offerta riservata a DIPENDENTI IMPRESE ASSOCIATE FAMILIARI CONVIVENTI Luglio 2012 Condizioni valide sino al 30/09/2012 PRODOTTI E SERVIZI IN

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO SERVIZI ISTITUZIONALI E ALLE IMPRESE UFFICIO GARE,ASSICURAZIONI,CONTRATTI E LEGALE Tel 0583 428707 Fax 0583 428589 e-mail GARE@COMUNE.CAPANNORI.LU.IT Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU) (www.comune.capannori.lu.it)

Dettagli

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa Roma, 24 ottobre 2012 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino L andamento di borsa 30/06/2011-30/06/2012 Problematico l andamento

Dettagli

AGENTE ASSICURATIVA e AGENTE ASSICURATIVO

AGENTE ASSICURATIVA e AGENTE ASSICURATIVO AGENTE ASSICURATIVA e AGENTE ASSICURATIVO Aggiornato il 10 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono

Dettagli

1. CONTESTO NORMATIVO

1. CONTESTO NORMATIVO PARITÀ DI TRATTAMENTO TRA UOMINI E DONNE NEI SERVIZI ASSICURATIVI: INFORMATIVA PER L UTENZA E PER LE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI SENSI DEL REGOLAMENTO ISVAP N. 30. 1. CONTESTO NORMATIVO La Direttiva 2004/113/CE,

Dettagli

ISCRITTI E FAMILIARI CONVIVENTI

ISCRITTI E FAMILIARI CONVIVENTI CONVENZIONE BANCARIA NAZIONALE tra UNIPOL BANCA S.p.A. E Offerta riservata a ISCRITTI E FAMILIARI CONVIVENTI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE 1. i conti correnti riservati ai privati consumatori: Formula

Dettagli

tra UIL e UNIPOL BANCA S.p.A. Offerta riservata a

tra UIL e UNIPOL BANCA S.p.A. Offerta riservata a tra UIL e UNIPOL BANCA S.p.A. Offerta riservata a Gennaio 2012 CONVENZIONE BANCARIA NAZIONALE tra UIL e UNIPOL BANCA S.p.A. Offerta riservata a ISCRITTI FAMILIARI CONVIVENTI Gennaio 2012 PRODOTTI E SERVIZI

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Dare credito al business rafforzando le partnership

Dare credito al business rafforzando le partnership Dare credito al business rafforzando le partnership Forum della Distribuzione Assicurativa Milano, 18 Novembre 2009 Roberto Ferrari Direttore Marketing e Partnership Compass Agenda > Compass > Scenari

Dettagli

PRESENTAZIONE. Dati al 30 settembre 2002

PRESENTAZIONE. Dati al 30 settembre 2002 PRESENTAZIONE Dati al 30 settembre 2002 1 2 PRESENTAZIONE DEL GRUPPO LA STRATEGIA DISTRIBUTIVA I RISULTATI LE SOCIETA DEL GRUPPO GLI OBIETTIVI IL GRUPPO UNIPOL AL 30/09/2002 UNIPOL ASSICURAZIONI (Compagnia

Dettagli

Stato di salute delle assicurazioni dirette. Italia. Anno 2012

Stato di salute delle assicurazioni dirette. Italia. Anno 2012 Stato di salute delle assicurazioni dirette Italia Anno 2012 Elaborazioni da dati Ania A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino Premessa Come le precedenti edizioni, abbiamo utilizzato pochi indicatori

Dettagli