CAMPAGNA SMS SOLIDALE 2014 Non un mio crimine ma una mia condanna Promossa da Bambinisenzasbarre (Maggio 2014) Rassegna stampa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMPAGNA SMS SOLIDALE 2014 Non un mio crimine ma una mia condanna Promossa da Bambinisenzasbarre (Maggio 2014) Rassegna stampa"

Transcript

1 CAMPAGNA SMS SOLIDALE 2014 Non un mio crimine ma una mia condanna Promossa da Bambinisenzasbarre (Maggio 2014) Rassegna stampa TESTATA DATA TITOLO QUOTIDIANI La Stampa Bambini senza sbarre, un sogno da realizzare SETTIMANALI Donna Moderna Un sms per i più piccoli TELEVISIONE Venerdì di Repubblica Se papà è dietro le sbarre Rai La vita in diretta,greta M. in studio Rai UNOMattina, intervento di L. Baldassare, Lia Sacerdote e Greta M. Rai I Fatti vostri, intervista a Gabriella A. e Greta M. Rainews Lia Sacerdote e Greta M. in studio Rai TG3, Servizio su Gabriella A. e Greta M. Rai TG3 Linea Notte, intervista a Giulia Pigliucci in studio Canale 5 e TG COM TG5 e TG24, interviste e servizio sul carcere di Opera Rai TG2 Storie, servizio e interviste a Lia Sacerdote e A.T. ex detenuto Sky SkyNews 24, intervista a Giulia Pigliucci in studio Rai TGR Lombardia, servizio e interviste a Lia Sacerdote e A.T. ex detenuto RADIO Radio rai Baobab, intervista a Lia Sacerdote Radio rai Radio rai Radio rai Radio rai Tutta la città ne parla, intervista a Lia Sacerdote e Gabriella A. Tutta la città ne parla, intervista a Lia Sacerdote, Gabriella A. e L. Pagano Caterpillar, Citazione Campagna solidale di Bambinisenzasbarre Prima di tutto, intervista a Lia Sacerdote

2 2 Radio INBLU Notizie in corso, intervento di Lia Sacerdote e L. Pagano R News, Intervento di Marta Ghironi Radio Vaticana Ecclesia, intervista a Marta Ghironi, Gabriella A. e L. Baldassare Radio INBLU Altre storie, intervista a Lia Sacerdote e Greta M. Radio popolare JailHouse Rock, intervista a A. T. ex detenuto TESTATE ONLINE E WEB Scuola dell Infanzia Intervista a Lia Sacerdote SMS Solidali Donare con un SMS Canale Inter A San Siro con Bambini senza sbarre Inagist SMS al per aumentare spazi accoglienza per bambini figli di detenuti Milano Online Ultim ora Al "Meazza" con "Bambini senza sbarre" Ristretti orizzonti Fino al 18 maggio sms solidali per i figli dei detenuti, sono 100mila in Italia Romagna mamma Centomila bimbi ogni giorno in carcere: una campagna per aiutarli Ristretti orizzonti Lettere: costruire cose buone... bambini senza sbarre, un sogno da realizzare Romagna mamma Figli di detenuti: uno su tre rischia la stessa fine. L impegno di Bambinisenzasbarre Rai Segretariato sociale Campagne sociali Studio Consulenza Romano Liberiamo i bambini SPAZI PUBBLICITARI - STAMPA Corriere della Sera Piede, tiratura nazionale Corriere della Sera Piede, tiratura nazionale SPAZI PUBBLICITARI - TV Rai Rai L Eredità - Cartello Rai Geo&Geo - Appello Rai Detto Fatto - Appello Rai Chi l ha visto - Cartello Rai Linea Verde - Cartello Rai Sulla via di Damasco - Cartello Rai Ambiente Italia - Appello Rai Mattina in Famiglia - Appello Rai Quelli che - Appello Rai minuto Serie A - Appello Rai Che tempo che fa - Appello

3 3 Rai Domenica IN - Appello LA7 LA La Gabbia - Appello LA e Mezzo Appello LA Omnibus - Appello SKY SKY Sky Sport Appello SKY Sky Sport -Appello SITI GESTORI Wind Group Bambini senza sbarre Poste Mobile Iniziative sociali 2014 TWT Numero solidale: 45507

4 COMUNICATO STAMPA Milano, 24 aprile maggio Campagna di raccolta fondi Non un mio crimine, con l'invio al di un SMS da 2 Euro da cellulare e 2 o 5 Euro da telefono fisso bambini sono meno soli grazie alla Carta dei figli dei genitori detenuti Non è un mio crimine, ma una mia condanna è il grido dei bambini che ogni giorno entrano nelle 213 carceri italiane per incontrare il proprio papà o la propria mamma detenuti. A questo allarme ha voluto rispondere, il 21 marzo scorso, la Carta dei figli dei genitori detenuti, firmata dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando, dall'autorità Nazionale Garante dell'infanzia e dell'adolescenza Vincenzo Spadafora e dalla Presidente di Bambinisenzasbarre Lia Sacerdote. La Carta dei figli dei genitori detenuti, per la prima volta in Italia e in Europa, riconosce in modo formale il diritto dei bambini alla continuità del legame affettivo con il proprio genitore in regime di detenzione e, al contempo, garantisce il diritto alla genitorialità dei genitori detenuti. La Carta dei figli dei genitori detenuti è un documento che impegna il sistema penitenziario, a trasformare gli aspetti relazionali e di cura del detenuto, considerando il suo ruolo genitoriale, e a cambiare la propria cultura dell accoglienza, consapevole della presenza del minore incolpevole e libero, ma schiacciato dal peso dell'emarginazione, dei pregiudizi, delle difficoltà economiche, della vergogna che la detenzione del proprio genitore comporta. La Carta è, tra l'altro, una risposta alla condanna della Corte europea dei Diritti Umani di Strasburgo sulla Sentenza Torreggiani, in scadenza il prossimo 28 maggio. Ancora molti Istituti penitenziari in Italia, in una condizione di sovraffollamento e di grave precarietà, non accolgono adeguatamente questi bambini, non vi è un tempo sufficiente per il colloquio col genitore tale da garantire il mantenimento del legame affettivo. Questa situazione può determinare la cancellazione della genitorialità stessa. Una sparizione che spesso viene attuata anche dai figli all'interno della propria rete sociale, portandoli a nascondere fino a negare la stessa personale storia familiare. Lo sguardo dei bambini trasforma ed umanizza il carcere, costretto a prendere in considerazione la loro presenza e ad attrezzarsi per accoglierli - ha sottolineato Lia Sacerdote, Presidente di Bambinisenzasbarre - Il Modello d'accoglienza Spazio Giallo non è solo un modello per il sistema penitenziario, ma lo anche per il sistema città di cui il carcere è parte ed occupa un posto cruciale in termini di legami e scambi relazionali, soprattutto per i bambini coinvolti. Il modello, che Bambinisenzasbarre sta estendendo sul territorio nazionale partendo dagli istituti in Lombardia, si è rivelato decisivo per le ricadute in termini di trasformazione dei comportamenti sociali sul territorio, riducendo il disagio delle persone e della società e avviando un processo di inclusione sociale. Non ultimo effetto di questo processo, generato anche dalla Carta firmata lo scorso marzo, è la presa di coscienza da parte delle Istituzioni dell'importanza di questa questione, non più rimandabile, dando esempio agli altri Paesi europei.. 4

5 "Non un mio crimine, ma una mia condanna è la Campagna di raccolta fondi di Bambinisenzasbarre, che sostiene con l'invio al di un SMS da 2 Euro da cellulare e 2 o 5 Euro da telefono fisso 1 - il consolidamento e l'estensione negli Istituti penitenziari italiani del Modello d'accoglienza Spazio Giallo, lo spazio e il sistema di Bambinisenzasbarre dedicato alle famiglie ed ai bambini che si preparano all'incontro con il genitore detenuto insieme alle psicologhe, psicopedagogiste e arte-terapeute e di strutturare il servizio nazionale di Telefono Giallo per rispondere alle famiglie di persone in una situazione di detenzione, agli operatori e, al contempo, per dare risposte concrete alle esigenze e alle difficoltà dei bambini. Finalità della Campagna è sensibilizzare il grande pubblico sull'importanza del riconoscimento e visibilità di questi bambini e dei loro bisogni senza per questo stigmatizzarli, nel pieno rispetto del diritto di ogni bambino di essere tale. Al contempo, si intende far comprendere come la continuità e il rafforzamento del legame affettivo agisca in termini di prevenzione sociale: per il figlio che non rischia di ripetere l esempio del padre da cui è forzatamente separato e, a causa dell improvvisa scomparsa, ne idealizza il comportamento ma, al contrario, ne comprende le debolezze e gli errori e, quindi, è in grado di scegliere un diverso stile di vita; mentre per il genitore detenuto il figlio con cui riesce a mantenere un legame diventa la motivazione forte per non ripetere il reato e ritornare ad essere per lui un modello. Una volta di più, l'intera comunità è chiamata a mettere in atto tutte quelle pratiche positive che permettano a questi bambini di subire il minor danno possibile da questa difficile situazione e garantire loro il diritto all infanzia. Bambinisenzasbarre, liberiamo i bambini. Bambinisenzasbarre Onlus difende il diritto di essere bambini. È impegnata nella cura delle relazioni familiari durante la detenzione di uno o entrambi i genitori, nella tutela del diritto del bambino alla continuità del legame affettivo e nella sensibilizzazione della rete istituzionale e della società civile. Membro della direzione della rete europea Children of Prisoners Europe (ex Eurochips) con sede a Parigi. E presente in Italia da oltre 10 anni, con attività di formazione e di ricerca in collaborazione con le Università e il Ministero di Giustizia. E attiva in rete sul territorio nazionale con il modello di accoglienza Spazio Giallo. Opera direttamente a Milano e in Lombardia. Ufficio Stampa Bambinisenzasbarre Onlus Giulia Pigliucci Roma ( ) - Barbara Erba Roma ( ) Maria Rosa Rota Milano ( ) tel Invia al un SMS da 2 Euro da cellulare personale TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile CoopVoce e Nòverca. 2 Euro da telefono fissoteletu e TWT oppure 2 Euro o 5 Euro da telefono fisso Telecom Italia, Infostrada e Fastweb. 5

6 6

7 2 maggio

8 8

9 MARTEDÌ 6 MAGGIO 2014 Rai 1 La vita in diretta Intervista a Greta M. in studio VENERDÌ 9 MAGGIO 2014 Rai 1 Uno Mattina Intervista a Laura Baldassare, Lia Sacerdote e Greta in studio 9

10 Rai 2 I Fatti Vostri Intervista a Greta M. e Gabriella A. in studio Rai News 24 Intervista a Lia Sacerdote e Greta M. in studio 10

11 LUNEDÌ 12 MAGGIO 2014 RAI 3 TG3 Interviste e servizio su Greta M. e Gabriella A. GIOVEDÌ 15 MAGGIO 2014 Rai 3 TG3 Linea Notte Intervista a Giulia Pigliucci in studio 11

12 SABATO 17 MAGGIO 2014 Canale 5 (TG5) e TG24 Interviste e servizio sul carcere di opera con Greta M., l ispettrice Visentini e Lia Sacerdote SABATO 17 MAGGIO 2014 RAI 2 Storie Servizio su Bambinisenzasbarre, intervista a A. T. e Lia Sacerdote 12

13 DOMENICA 18 MAGGIO 2014 SKY TG2 Intervista a Giulia Pigliucci in studio 13

14 LUNEDI 19 MAGGIO 2014 RAI 3 TGR LOMBARDIA Servizio su Bambinisenzasbarre, intervista a A. T. e Lia Sacerdote 14

15 MARTEDÌ 6 MAGGIO 2014 Intervista a Lia Sacerdote MERCOLEDÌ 7 MAGGIO E GIOVEDÌ 8 MAGGIO 2014 Intervista a Lia Sacerdote e Gabriella A. GIOVEDÌ 8 MAGGIO 2014 Citazione Campagna solidale di Bambinisenzasbarre Intervista a Lia Sacerdote, Gabriella A. e L. Pagano 15

16 VENERDÌ 9 MAGGIO 2014 Intervista a Lia Sacerdote MARTEDÌ 13 MAGGIO 2014 Intervento di Lia Sacerdote e L. Pagano News - Intervento di Marta Ghironi GIOVEDÌ 15 MAGGIO 2014 Intervista a Marta Ghironi, Gabriella A. e L. Baldassare ( Garante Nazionale per l infanzia) 16

17 GIOVEDÌ 22 MAGGIO 2014 Trasmissione Altre storie - Intervista a Lia Sacerdote e Greta M. Venerdì 23 maggio 2014 alle Intervista a A. T. (Ex detenuto) 17

18 BAMBINI SENZA SBARRE INTERVISTA A LIA SACERDOTE L Associazione Bambinisenzasbarre si occupa dei bambini con genitori detenuti tramite la creazione spazi adeguati all incontro e la collaborazione con insegnanti, operatori del carcere e della scuola. L'intervista al presidente, Lia Sacerdote. Certe mattine davanti al carcere sembra di essere davanti a una scuola... ci sono tanti bambini. Sono parole di Lia Sacerdote, presidente dell Associazione Bambinisenzasbarre. L'associazione si occupa dei bambini con mamme e babbi detenuti, e specialmente di mantenere vivo il legame all interno di famiglie spezzate tramite la creazione spazi adeguati all incontro tra bambini e gentiore detenuto e tramite la collaborazione con insegnanti, operatori del carcere e della scuola, per cui vengono proposti momenti di formazione e strumenti ad hoc (come la storia illustrata I mercoledì di Lalla, di cui si propone un estratto qui a fianco). A marzo, inoltre, Bambinisenzasbarre ha firmato con il Ministero della Giustizia e l'autorità Garante dell'infanzia e dell'adolescenza un Protocollo d'intesa a tutela dei diritti dei bambini che entrano nelle carceri italiane. L'ultima iniziativa è una raccolta fondi tramite un SMS solidale, valida fino al 18 maggio. Abbiamo incontrato Lia Sacerdote per conoscere meglio questa realtà e il tipo di dialogo imbastito con la scuola, con gli insegnanti. Grazie intanto Lia di aver accettato di parlare con noi. Ci presenta brevemente l associazione di cui è presidente? Bambinisenzasbarre è nata nel 2002, io ero tra i soci fondatori, con lo scopo di curare e mantenere la relazione tra il bambino fuori dal carcere e il genitore detenuto, dunque per garantire il mantenimento della relazione figlio-genitore durante la detenzione di uno o di entrambi i genitori e la tutela del diritto del figlio alla continuità del legame affettivo. Non si parla molto di questo argomento, ma il tema è cruciale, e riguarda circa bambini in Italia, dai primi anni fino all adolescenza. Abbiamo condotto noi per primi, nel 2011, un indagine sui bambini che vivono questa esperienza, rinnovata nel Siamo attivi su tutto il territorio nazionale con un modello di spazio per l incontro, lo "spazio giallo, e operiamo direttamente a Milano e in Lombardia. Lo spazio giallo è appunto l ambiente di dialogo e fisico dentro il quale si preparano i bambini all incontro con i genitori detenuti, giusto? Sì, è il posto dell accoglienza, ascolto, attenzione a tutto il nucleo familiare e alle figure che gli ruotano attorno in caso di detenzione. Concretamente, si tratta di uno spazio integrato socio-educativo organizzato dentro al carcere dove è possibile per il bambino prepararsi all incontro con il proprio genitore. In questo spazio il bambino viene fatto anzitutto giocare, per raccontarsi, esprimere bisogni e difficoltà ed elaborare l'esperienza di separazione che sta vivendo. Lo spazio giallo prevede anche un'area dedicata al genitore, un servizio di informazione e di consulenza per le famiglie dei detenuti. Infine insegnanti e operatori del carcere possono vivere in questo stesso spazio momenti di sensibilizzazione e formazione per la gestione dei colloqui tra i bambini e i familiari, e anche per il prima e per il dopo del colloquio. Che tipo di dialogo avete imbastito con le scuole? 18

19 Noi prendiamo in carico l intero nucleo familiare, molto spesso. Per questo motivo parliamo direttamente o indirettamente (consigliando i genitori), con gli insegnanti e facciamo da raccordo con il personale delle scuole. Il primo messaggio che diamo agli insegnanti è che i bambini con genitori in carcere sono sì un gruppo a rischio, mahanno bisogno anzitutto di normalità: non debbono dunque essere trattati come diversi. Nei nostri dialoghi con gli insegnanti, nei momenti di formazione, teniamo anzitutto a consigliare che facciano informazione e sensibilizzazione sul tema, e insieme accompagnino il bambino facendo della detenzione un tema di conoscenza. Per questo motivo sono nati degli strumenti di lavoro per adulti (i nostri quaderni) ed è nato un libro come I mercoledì di Lalla, da leggere anche in classe e in sezione, per parlare del carcere senza parlare del carcere, ma accompagnando i bambini coinvolti nel percorso di entrata nel carcere e per far conoscere anche a tutti gli altri quel che accade: dalla "spoliazione" degli oggetti personali all'attesa fino all'incontro con il genitore. Per informazioni e donazioni Dal 5 al 18 maggio 2014 è possibile donare 2 euro (Iva esente) in favore di Associazione Bambini Senza Sbarre mandando un sms solidale al numero Associazione bambinisenzasbarre onlus via A. Baldissera, Milano tel fax Per il 5x1000 nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale è Per donazioni, l IBAN è IT68D , relativo a Associazione Bambinisenzasbarre Onlus presso Banca Etica Via Melzo 34, Milano Per saperne di più Vai al sito dell'associazione 19

20 Donare con un SMS Bambini Senza Sbarre Scritto il 7 mag 2014 nella sezione Iniziative SMS Solidali 0 commenti Offrire ai figli di genitori detenuti un forte strumento di mantenimento del proprio legame affettivo, con attenzione alla qualità degli incontri, che si è rivelato nel tempo il percorso efficace di risocializzazione e anche di contrasto alla recidiva per il genitore detenuto. Dal punto di vista dei bambini coinvolti nella realtà penitenziaria loro malgrado, si rivela invece lo strumento di prevenzione sociale che contrasta un loro rischio-carcere, rischio individuato dalle attuali ricerche italiane e estere, che impone al carcere una responsabilità oggettiva. 20

21 A SAN SIRO CON BAMBINI SENZA SBARRE Sabato 10 maggio alle ore allo Stadio Giuseppe Meazza l Inter scenderà in campo per la penultima partita di campionato, una serata importante per molti aspetti. Infatti l Inter scenderà in campo a fianco dei bambini figli di genitori detenuti, bambini senza colpa purtroppo spesso emarginati perché vittime del pregiudizio. La Campagna di raccolta fondi Non un mio crimine, ma una mia condanna è prevista dal 5 al 18 maggio 2014 con l invio al di un SMS da 2 Euro da cellulare e 2 o 5 Euro da telefono fisso. 21

22 SMS al per aumentare spazi accoglienza per bambini figli di detenuti bit.ly/1igpmup Segretariato May 07, :15:25 GMT 3 retweets Video Rai.TV - Segretariato sociale - Bambini senza sbarre 22

23 Al "Meazza" con "Bambini senza sbarre" 07 Mag, 13:40Internazionale Football Club S.p.A. Milano - Sabato 10 maggio in occasione di Inter-Lazio, F.C. Internazionale scende in campo per i bambini figli di genitori detenuti MILANO - Sabato 10 maggio alle ore allo Stadio "Giuseppe Meazza" in San Siro a Milano F.C. Internazionale scende in campo per la penultima partita di Campionato a fianco dei bambini figli di genitori detenuti. Bambini senza colpa, ma condannati all'emarginazione, alla discriminazione, all'indifferenza, perché vittime del pregiudizio. Una partita che per 90 minuti permette di ricordare al grande pubblico che lo sport è anche riabilitazione e trasformazione per chiunque lo pratichi e, allo stesso tempo, consente di far conoscere la condizione di disagio e di esclusione sociale dei figli dei genitori detenuti. La Campagna di raccolta fondi "Non un mio crimine, ma una mia condanna" è prevista dal 5 al 18 maggio 2014 con l'invio al di un SMS da 2 Euro da cellulare e 2 o 5 Euro da telefono fisso L'iniziativa sostiene il consolidamento e l'estensione del Modello di Accoglienza Spazio Giallo negli istituti penitenziari italiani. Lo spazio e il sistema di Bambinisenzasbarre dedicato alle famiglie e ai bambini che si preparano all'incontro con il genitore detenuto, seguiti da psicologi, psico-pedagogisti, arte-terapeuti. Il servizio nazionale Telefono Giallo che risponde alle famiglie di persone in detenzione e agli operatori, con interventi competenti e mirati alle esigenze e difficoltà dei bambini. "Anche lo sport può essere veicolo per dare l'avvio ad un processo sociale, importante per difendere i diritti dei bambini in un progetto più ampio di società inclusiva. Come richiede il Protocollo d'intesa firmato il 21 marzo di quest'anno dal Ministro di Giustizia, dal Garante dell'infanzia e dell'adolescenza e da Bambinisenzasbarre", Lia Sacerdote, Presidente di Bambinisenzasbarre. Per maggiori informazioni: 23

24 Giustizia: fino al 18 maggio sms solidali per i figli dei detenuti, sono 100mila in Italia 9Colonne, 9 maggio 2014 Centomila bambini ogni giorno entrano nelle 213 carceri italiane per incontrare il proprio papà o la propria mamma detenuti. La "Carta dei figli dei genitori detenuti" - firmata dal ministro della Giustizia Andrea Orlando, dall'autorità Nazionale Garante dell'infanzia e dell'adolescenza Vincenzo Spadafora e dalla presidente di Bambinisenzasbarre Lia Sacerdote - dallo scorso 21 marzo, per la prima volta in Italia e in Europa, riconosce loro in modo formale il diritto alla continuità del legame affettivo con il proprio genitore in regime di detenzione e, al contempo, garantisce il diritto alla genitorialità dei genitori detenuti. Ma ancora molti Istituti penitenziari in Italia, in una condizione di sovraffollamento e di grave precarietà, non accolgono adeguatamente questi bambini e non vi è un tempo sufficiente per il colloquio col genitore tale da garantire il mantenimento del legame affettivo. La "Carta" è un documento che impegna il sistema penitenziario ed è una risposta alla condanna della Corte europea dei Diritti Umani di Strasburgo sulla Sentenza Torreggiani, in scadenza il prossimo 28 maggio. "Non un mio crimine, ma una mia condanna" è il titolo della campagna di raccolta fondi di Bambinisenzasbarre, che sostiene - fino al 18 maggio con l'invio al di un sms da 2 Euro da cellulare e 2 o 5 Euro da telefono fisso - il consolidamento e l'estensione negli Istituti penitenziari del "Modello d'accoglienza Spazio Giallo", il luogo di Bambinisenzasbarre predisposto nelle sala d'attesa delle carceri dedicato alle famiglie ed ai bambini che si preparano all'incontro con il genitore detenuto insieme alle psicologhe, psicopedagogiste e arte-terapeute e di strutturare il servizio nazionale di Telefono Giallo per rispondere alle famiglie di persone in una situazione di detenzione, agli operatori e, al contempo, per dare risposte concrete alle esigenze e alle difficoltà dei bambini. 24

25 Centomila bimbi ogni giorno in carcere: una campagna per aiutarli Non è un mio crimine, ma una mia condanna è il grido dei bambini che ogni giorno entrano nelle 213 carceri italiane per incontrare il proprio papà o la propria mamma detenuti. Non un mio crimine, ma una mia condanna è anche la campagna di raccolta fondi di Bambinisenzasbarre, che sostiene con l invio al di un SMS da 2 euro da cellulare e 2 o 5 euro da telefono fisso entro il 18 maggio il consolidamento e l estensione negli Istituti penitenziari italiani del Modello d accoglienza Spazio Giallo, lo spazio e il sistema di Bambinisenzasbarre dedicato alle famiglie ed ai bambini che si preparano all incontro con il genitore detenuto insieme alle psicologhe, psicopedagogiste e arte-terapeute e di strutturare il servizio nazionale di Telefono Giallo per rispondere alle famiglie di persone in una situazione di detenzione, agli operatori e, al contempo, per dare risposte concrete alle esigenze e alle difficoltà dei bambini. Finalità della campagna è sensibilizzare il grande pubblico sull importanza del riconoscimento e visibilità di questi bambini e dei loro bisogni senza per questo stigmatizzarli, nel pieno rispetto del diritto di ogni bambino di essere tale. Al contempo, si intende far comprendere come la continuità e il rafforzamento del legame affettivo agisca in termini di prevenzione sociale: per il figlio che non rischia di ripetere l esempio del padre da cui è forzatamente separato e, a causa dell improvvisa scomparsa, ne idealizza il comportamento ma, al contrario, ne comprende le debolezze e gli errori e, quindi, è in grado di scegliere un diverso stile di vita; mentre per il genitore detenuto il figlio con cui riesce a mantenere un legame diventa la motivazione forte per non ripetere il reato e ritornare ad essere per lui un modello. 25

26 Lettere: costruire cose buone... bambini senza sbarre, un sogno da realizzare di Agnese Moro La Stampa, 18 maggio 2014 Ancora per la giornata di oggi è possibile partecipare alla campagna di raccolta fondi "Non un mio crimine, ma una mia condanna" dell'associazione Bambinisenzasbarre. Con l'invio al di un sms da cellulare si possono donare 2 euro, e 2 o 5 euro chiamando da telefono fisso (altre forme per fare donazioni all'associazione si trovano sul loro sito internet Si sostengono così il consolidamento e l'estensione negli Istituti penitenziari italiani del Modello d'accoglienza Spazio Giallo. Si tratta del sistema che Bambinisenzasbarre da molti anni ha sperimentato nelle carceri e che è dedicato alle famiglie ed ai bambini che si preparano, insieme alle psicologhe, psicopedagogiste e arte-terapeute, all'incontro con il genitore detenuto. Gli "utenti" da raggiungere sono al giorno. Si vuole, inoltre, strutturare il servizio nazionale di Telefono Giallo per rispondere alle famiglie di persone in una situazione di detenzione, agli operatori e, al contempo, per dare risposte concrete alle esigenze e alle difficoltà dei figli. La finalità della Campagna è anche quella di far conoscere al grande pubblico la situazione di questi piccoli e i loro bisogni e prevenire qualunque forma di stigmatizzazione, nel pieno rispetto del diritto di ogni bambino a essere tale. Si intende anche, sottolineano gli organizzatori, far comprendere come la continuità e il rafforzamento del legame affettivo agisca in termini di prevenzione sociale. Per i figli, infatti, l'improvvisa "scomparsa" del genitore rischia di creare forme di idealizzazione e la tendenza a ripeterne l'esempio. Viceversa la continuità di rapporto aiuta il bambino a comprendere le debolezze e gli errori del genitore mettendolo in grado di scegliere un diverso stile di vita. Per il genitore detenuto il figlio con cui riesce a mantenere un legame diventa "la motivazione forte per non ripetere il reato e ritornare ad essere per lui un modello". A parte indignarci e protestare possiamo fare ben poco per il problema delle carceri sovraffollate. Aderendo alla campagna di Bambinisenzasbarre, con un piccolo gesto, possiamo invece fare concretamente la nostra parte perché quelle stesse strutture perdano un poco della loro disumanità, consentendo a genitori e figli che vivono una situazione del tutto particolare di non perdere relazioni per loro fondamentali. 26

27 Figli di detenuti: uno su tre rischia la stessa fine. L impegno di Bambinisenzasbarre 22 maggio commenti Silvia Manzani Il dato statistico è drammatico: il 30% dei figli di detenuti diventano a loro volta detenuti, da grandi, se non sostenuti in maniera adeguata durante l infanzia. Ed è per invertire la tendenza che l associazione Bambinisenzasbarre lavora da tempo per accogliere meglio i minori dentro le strutture carcerarie ma anche per sensibilizzare l opinione pubblica affinché quegli stessi bambini, quando sono fuori, non vengano emarginati e isolati. Lia Sacerdote è la presidente dell associazione. E nel marzo scorso ha firmato insieme al ministro della Giustizia Andrea Orlando e al Garante dell infanzia Vincenzo Spadafora il primo protocollo d intesa a livello europeo a tutela di quei 100mila bambini e adolescenti che entrano nelle carceri italiani in visita ai propri genitori detenuti. Un documento importante: perché? Perché in Europa è il primo in materia. Perché anche se non è una legge, detta delle linee guida che verranno recepite dall amministrazione penitenziaria e vengono suggerite alla magistratura. Nel concreto, che cosa vi aspettate possa cambiare? Il carcere deve essere accogliente verso i bambini, colorato. Ma non solo: a noi interessa il discorso culturale, il cambiamento mentale delle persone. Noi diciamo sempre di non lasciare soli questi bambini quando sono a casa, a scuola, nella società: devono già vivere con un segreto dentro di sé, sono già costretti a confrontarsi con la vergogna e anche con il senso di colpa, pur non essendo loro gli autori del reato. Che cosa rischiano, in assenza di queste attenzioni? Al di là del reato, non dev essere interrotto il legame affettivo con i genitori e i bambini coinvolti devono sentire addosso la responsabilità di ognuno di noi nel non 27

28 lasciarli soli. Come agite nel concreto? La nostra sede è a Milano ma stiamo organizzando sul territorio italiano una rete per la diffusione di una cultura in materia. Perché il figlio dei carcerati, purtroppo, è visto con occhi diversi. E questo ha a che vedere con il fatto che il carcere è percepito come un luogo che non fa parte della società, che è relegato in un angolo. Non lo si pensa come un luogo aperto, trasparente, che serve alla rieducazione degli individui. E questo porta a conseguenze anche sulla percezione dei bambini: non si pensa mai che anche loro, ogni giorno, entrano ed escono. Sono liberi? No, non lo sono. Sono anch essi vittime di quella dicotomia tra buoni e cattivi che la mentalità comune mette in atto quando si parla di detenuti. Il confine è molto più labile e complesso. La certezza della pena è una priorità ma i bambini vanno liberati. Rischiamo di vederli dietro le sbarre da adulti? Sì, il dato statistico che dice che il 30% dei bambini figli di detenuti rischia lo stesso destino noi lo ritroviamo nei nostri gruppi di riflessione con i genitori carcerati. Lavorare nella direzione giusta ci consente di fare prevenzione sociale. 28

29 Non un mio crimine, ma una mia condanna bambini sono meno soli grazie alla Carta dei figli dei genitori detenuti 5-18 maggio Campagna di raccolta fondi per Bambinisenzasbarre con l'invio al di un SMS da 2 Euro da cellulare e 2 o 5 Euro da telefono fisso. Non è un mio crimine, ma una mia condanna è il grido dei bambini che ogni giorno entrano nelle 213 carceri italiane per incontrare il proprio papà o la propria mamma detenuti. La Carta dei figli dei genitori detenuti - firmata dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando, dall'autorità Nazionale Garante dell'infanzia e dell'adolescenza Vincenzo Spadafora e dalla Presidente di Bambinisenzasbarre Lia Sacerdote - dallo scorso 21 marzo 2014, per la prima volta in Italia e in Europa, riconosce loro in modo formale il diritto alla continuità del legame affettivo con il proprio genitore in regime di detenzione e, al contempo, garantisce il diritto alla genitorialità dei genitori detenuti. Ancora molti Istituti penitenziari in Italia, in una condizione di sovraffollamento e di grave precarietà, non accolgono adeguatamente questi bambini, non vi è un tempo sufficiente per il colloquio col genitore tale da garantire il mantenimento del legame affettivo. Questa situazione può determinare la cancellazione della genitorialità stessa. Una sparizione che spesso viene attuata anche dai figli all'interno della propria rete sociale, portandoli a nascondere fino a negare la stessa personale storia familiare. La Carta dei figli dei genitori detenuti è un documento che impegna il sistema penitenziario, a trasformare gli aspetti relazionali e di cura del detenuto, considerando il suo ruolo genitoriale, e a cambiare la propria cultura dell accoglienza, consapevole della presenza del minore incolpevole e libero, ma schiacciato dal peso dell'emarginazione, dei pregiudizi, delle difficoltà economiche, della vergogna che la detenzione del proprio genitore comporta. La Carta è, tra l'altro, una risposta alla condanna della Corte europea dei Diritti Umani di Strasburgo sulla Sentenza Torreggiani, in scadenza il prossimo 28 maggio. Lo sguardo dei bambini trasforma ed umanizza il carcere, costretto a prendere in considerazione la loro presenza e ad attrezzarsi per accoglierli - ha sottolineato Lia Sacerdote, Presidente di Bambinisenzasbarre - Il Modello d'accoglienza Spazio Giallo non è solo un modello per il sistema penitenziario, ma lo anche per il sistema città di cui il carcere è parte ed occupa un posto cruciale in termini di legami e scambi relazionali, soprattutto per i bambini coinvolti. Il modello, che Bambinisenzasbarre sta estendendo sul territorio nazionale partendo dagli istituti in Lombardia, si è rivelato decisivo per le ricadute in termini di trasformazione dei comportamenti sociali sul territorio, riducendo il disagio delle persone e della società e avviando un processo di inclusione sociale. Non ultimo effetto di questo processo, generato anche dalla Carta firmata lo scorso marzo, è la presa di coscienza da parte delle Istituzioni dell'importanza di questa questione, non più rimandabile, dando esempio agli altri Paesi europei.. "Non un mio crimine, ma una mia condanna è la Campagna di raccolta fondi di Bambinisenzasbarre, che sostiene con l'invio al di un SMS da 2 Euro da cellulare e 2 o 5 Euro da telefono fisso - il consolidamento e l'estensione negli Istituti penitenziari del Modello d'accoglienza Spazio Giallo, il luogo di Bambinisenzasbarre predisposto nelle sala d'attesa delle carceri dedicato alle famiglie ed ai bambini che si preparano all'incontro con il genitore detenuto insieme alle psicologhe, psicopedagogiste e arte-terapeute e di strutturare il servizio nazionale di Telefono Giallo per rispondere alle famiglie di persone in una situazione di detenzione, agli operatori e, al contempo, per dare risposte concrete alle esigenze e alle difficoltà dei bambini. Finalità della Campagna è sensibilizzare il grande pubblico sull'importanza del riconoscimento e visibilità di questi bambini e dei loro bisogni senza per questo stigmatizzarli, nel pieno rispetto del diritto di ogni bambino di essere tale. Al contempo, si intende far comprendere come la continuità e il rafforzamento del legame affettivo agisca in termini di prevenzione sociale: per il figlio che non rischia di ripetere l esempio del padre da cui è forzatamente separato e, a causa dell improvvisa scomparsa, ne idealizza il comportamento ma, al contrario, ne comprende le debolezze e gli errori e, quindi, è in grado di scegliere un diverso stile di vita; mentre per il genitore detenuto il figlio con cui riesce a mantenere un legame diventa la motivazione forte per non ripetere il reato e ritornare ad essere per lui un modello. Una volta di più, l'intera comunità è chiamata a mettere in atto tutte quelle pratiche positive che permettano a questi bambini di subire il minor danno possibile da questa difficile situazione e garantire loro il diritto all infanzia. Bambinisenzasbarre, liberiamo i bambini. Bambinisenzasbarre Onlus difende il diritto di essere bambini. È impegnata nella cura delle relazioni familiari durante la detenzione di uno o entrambi i genitori, nella tutela del diritto del bambino alla continuità del legame affettivo e nella sensibilizzazione della rete istituzionale e della società civile. Membro della direzione della rete europea Children of Prisoners Europe (ex Eurochips) con sede a Parigi. E presente in Italia da oltre 10 anni, con attività di formazione e di ricerca in collaborazione con le Università e il Ministero di Giustizia. E attiva in rete sul territorio nazionale con il modello di accoglienza Spazio Giallo. Opera direttamente a Milano e in Lombardia. 29

30 BAMBINISENZASBARRE, LIBERIAMO I BAMBINI Non un mio crimine, ma una mia condanna : raccolta fondi dell associazione Bambinisenzasbarre per i minori che ogni giorno entrano nelle 213 carceri italiane per un colloquio con i genitori detenuti. Bambinisenzasbarre da oltre 10 anni si occupa di questi bambini e accoglie nei suoi Spazi Gialli in carcere la loro paura e la loro angoscia; difende il diritto di avere l affetto dei propri genitori durante la detenzione, li tutela nella scuola e ln ambito sociale. Per nuovi Spazi Gialli e per strutturare il servizio Telefono Giallo donazioni da 2 o 5 euro con sms e chiamate da rete fissa al fino al 18 maggio. 30

31 14 maggio

32 16 maggio

33 LUNEDI 5 MAGGIO 2014 Rai 1 l Eredità, Cartello MARTEDI 6 MAGGIO 2014 Rai 3 - Geo&Geo, Appello Rai 2 - Detto Fatto, appello MERCOLEDI 7 MAGGIO 2014 Rai 3 Chi l ha visto, cartello 33

34 VENERDI 9 MAGGIO 2014 Rai 1 Linea Verde, cartello SABATO 10 MAGGIO 2014 Rai 2 Sulla via di Damasco, cartello Rai 1 Mattina in Famiglia, appello Rai 3 - Ambiente Italia, appello 34

35 DOMENICA 11 MAGGIO 2014 Rai 2 - Quelli che, appello Rai 3-90 minuto Serie A, appello Rai 3 Che Tempo che fa, appello Rai 1 Domenica IN, appello 35

36 Sky Sky Sport, appello MERCOLEDI 14 MAGGIO 2014 LA7 La Gabbia, appello GIOVEDI 15 MAGGIO 2014 LA7 Otto e mezzo, appello DOMENICA 18 MAGGIO 2014 LA7 Omnibus, appello 36

37 37 Sky Sky Sport, appello

38 38

39 Iniziative Sociali 2014 Maggio Bambini senza sbarre - "Non un mio crimine,ma una mia condanna" SMS da 2 al dal 05/05/2014 al 18/05/

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi SMS solidale al 45503

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi SMS solidale al 45503 Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi SMS solidale al 45503 NON UN MIO CRIMINE MA UNA MIA CONDANNA I diritti dei grandi cominciano dai diritti dei bambini 9-28 novembre 2015 La campagna La collaborazione

Dettagli

# IOESISTO 9 AL 15 DICEMBRE TORNA LA STORICA MARATONA TELEVISIVA E RADIOFONICA SULLE RETI RAI, GIUNTA ALLA 24ESIMA EDIZIONE. ANCHE QUEST ANNO LA

# IOESISTO 9 AL 15 DICEMBRE TORNA LA STORICA MARATONA TELEVISIVA E RADIOFONICA SULLE RETI RAI, GIUNTA ALLA 24ESIMA EDIZIONE. ANCHE QUEST ANNO LA DAL 9 AL 15 DICEMBRE TORNA LA STORICA MARATONA TELEVISIVA E RADIOFONICA SULLE RETI RAI, GIUNTA ALLA 24ESIMA EDIZIONE. ANCHE QUEST ANNO LA RACCOLTA FONDI SARÀ DESTINATA A FAR AVANZARE LA RICERCA SCIENTIFICA

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Premessa. Centro di Accoglienza Padre Nostro - onlus

Premessa. Centro di Accoglienza Padre Nostro - onlus Centro di Accoglienza Padre Nostro - onlus fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991 Eretto in Ente Morale con D.M. del 22.09.1999 Considerazioni e tracce di supporto alla elaborazione di un

Dettagli

IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE. Dott.ssa Mariagrazia Rossi

IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE. Dott.ssa Mariagrazia Rossi IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE Dott.ssa Mariagrazia Rossi CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS ATTIVO SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DAL 1989 REFERENTE PER IL NUMERO VERDE

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

SOS Telefono Azzurro Onlus

SOS Telefono Azzurro Onlus SOS Telefono Azzurro Onlus L Associazione Italiana che ascolta e aiuta bambini e adolescenti intervenendo con passione e competenza, anche in emergenza, per contrastare la violenza e riportare la serenità.

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

A tutte le Sezioni AISM Proprio indirizzo. Responsabile Raccolta Fondi

A tutte le Sezioni AISM Proprio indirizzo. Responsabile Raccolta Fondi Prot. N. 1687/12/G162 Genova, 01 ottobre 2012 A tutte le Sezioni AISM Proprio indirizzo c.a. Presidente Responsabile Raccolta Fondi OGGETTO: Attività di comunicazione e raccolta fondi Aggiornamenti e conferme

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) Campagna di informazione rivolta al mondo scolastico sul tema della sicurezza nei

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

LEGALIZZIAMO IL CARCERE

LEGALIZZIAMO IL CARCERE Go Beyond the Wall! LEGALIZZIAMO IL CARCERE Diamo i numeri?! 64.323 detenuti 47.668 posti regolari 205 istituti penitenziari in Italia 38.712 condannati definitivi 24.347 detenuti in attesa di giudizio

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Bilancio. delle attività 2011

Bilancio. delle attività 2011 Bilancio delle attività 2011 Lettera del Presidente Carissimi, Il terzo bilancio altro non è che una breve sintesi dell'attività svolta, nel corso dl 2011. E il racconto di un viaggio fatto nel 2011 da

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 Attività in sede Si effettuano colloqui di orientamento per persone che si trovano in arresti domiciliari o sottoposte ad altre misure alternative alla

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali COS È Il tempo per noi nasce da una riflessione attorno alla crescente influenza che i nuovi strumenti di comunicazione hanno nella vita di ciascuno di noi, nel cambiamento di abitudini e comportamenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

SCUOLA INFANZIA SEZIONE ARCOBALENO METODOLOGIA

SCUOLA INFANZIA SEZIONE ARCOBALENO METODOLOGIA SCUOLA INFANZIA SEZIONE ARCOBALENO METODOLOGIA L'approccio alla comprensione del concetto di tempo Il trenino dei compleanni, le ruote della settimana e dei mesi, il calendario orizzontale e la tabella

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Apriamo gli occhi sul mondo dei bambini. Per una nuova cultura della disabilità.

Apriamo gli occhi sul mondo dei bambini. Per una nuova cultura della disabilità. Apriamo gli occhi sul mondo dei bambini. Per una nuova cultura della disabilità. Sulla disabilità infantile, un nuovo punto di vista. ogni giorno ci prendiamo cura di 150 bambini E FAMIGLIE 3 sedi A MILANO

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

PROGETTO ANGELI PER CRESCERE D.G.R.V. n. 673 del 07/ 05/ 2013. Bando servizio civile degli anziani legge regionale del 22/11/02009 n.

PROGETTO ANGELI PER CRESCERE D.G.R.V. n. 673 del 07/ 05/ 2013. Bando servizio civile degli anziani legge regionale del 22/11/02009 n. Bando servizio civile degli anziani legge regionale del 22/11/02009 n. 9 ANNO 2013 SCHEDA PROGETTUALE Ente proponente: Comune di Spinea (VE) Titolo del progetto: Angeli per crescere ENTE Referente del

Dettagli

LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE Campagna raccolta fondi Crescita 17-23 Ottobre 2011. Kit per la campagna. www.incontra.org

LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE Campagna raccolta fondi Crescita 17-23 Ottobre 2011. Kit per la campagna. www.incontra.org LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE Campagna raccolta fondi Crescita 17-23 Ottobre 2011 Kit per la campagna IL PERCORS O La Giornata Mondiale dell Alimentazione, quest anno celebrata il 17 ottobre,

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

A Piccoli Passi - Carta dei Servizi - 2

A Piccoli Passi - Carta dei Servizi - 2 Carta dei Servizi L Associazione è iscritta al registro del volontariato al n 2777 con atto del 3/05/2000 e al registro delle associazioni familiari con provvedimento n 28606 del 14/11/2000. A Piccoli

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona SEDI E ORARI FELTRE - SEDE CENTRALE Via Marconi, 7 Nel Consultorio Familiare sono presenti le seguenti figure professionali: Amministrativo Tel. 0439 883170 Fax 0439 883172 Indirizzo e-mail: consultorio.familiare@ulssfeltre.veneto.i

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Piano d azione: Garantire e tutelare il diritto all infanzia Area SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Procedura per la

Dettagli

Progetto Scuola Superiore ed Università Casa circondariale Montorio (VR)

Progetto Scuola Superiore ed Università Casa circondariale Montorio (VR) Progetto Scuola Superiore ed Università Casa circondariale Montorio (VR) Progetto dell'associazione Progetto con il patrocinio del La Fraternita' MIUR:Uff. Scol. Regionale per il Veneto Uff. Territoriale

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 promosso dalle Associazioni di volontariato E pas e temp, Unasam (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale) e Associazione Club degli alcolisti in

Dettagli

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015 Le indagini dell IID ASSIF 17 giugno 2015 PERCHE IID INIZIA A FARE INDAGINI? Per rispondere ad una serie di domande da parte di attori diversi Da parte del non profit (associati e non) Da parte dei donatori

Dettagli

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola La scuola inizia alle 7.50. Noi bambini ci ritroviamo nel cortile

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII. CEC: Comunità Educante con i Carcerati. [Digitare il sottotitolo del documento]

Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII. CEC: Comunità Educante con i Carcerati. [Digitare il sottotitolo del documento] Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CEC: Comunità Educante con i Carcerati [Digitare il sottotitolo del documento] 10/07/2012 Il sistema carcerario Le statistiche provenienti dalle realtà carcerarie

Dettagli

Elisa Battaglia Assessore alle Pari Opportunità Provincia di Udine

Elisa Battaglia Assessore alle Pari Opportunità Provincia di Udine Il Servizio Antimobbing della Provincia di Udine è attivo dal 2007, ed è divenuto negli anni un punto di riferimento per il territorio, rappresentando un importante investimento per l Ente provinciale.

Dettagli

CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 8 e 13 aprile 2010 CANNOCCHIALE... 1 CANNOCCHIALE... 2 CANNOCCHIALE... 3 CANNOCCHIALE... 4 PANORAMA...

CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 8 e 13 aprile 2010 CANNOCCHIALE... 1 CANNOCCHIALE... 2 CANNOCCHIALE... 3 CANNOCCHIALE... 4 PANORAMA... CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 8 e 13 aprile 2010 CANNOCCHIALE... 1 Bonus gas... 1 CANNOCCHIALE... 2 Nasce "Alia", il notaio solidale... 2 CANNOCCHIALE... 3 Arriva la card delle farmacie... 3 CANNOCCHIALE...

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI Educare per l autonomia 20 maggio 2013 Elena Giudice l assistente sociale deve parlare con i bambini? Non si tratta di fare un buon lavoro, ma di fare un lavoro

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt!

Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt! Domenica 12 aprile 2015 Corri, dona, vinci Corri con LILT la Milano Marathon Trasforma una passione in una Missione Solidale Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt! Il 12 aprile

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Progetto luoghi di incontro

Progetto luoghi di incontro COORDINAMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE Progetto luoghi di incontro COORDINAMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE Sede legale: Via S. Zeno, 174 - Brescia Sede operativa: Via Aldo Moro, 22 - Brescia Tel. /Fax 030 221234

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultorio Familiare LA CASA di Erba CARTA DEI SERVIZI E lo strumento del quale il Consultorio si è dotato per rendere più facilmente visibili i servizi offerti a coloro che intendono

Dettagli

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico Chi siamo Associazione nata a Brugherio nel 2000 da un gruppo di persone che ha vissuto l esperienza del tumore, convinti della necessità di dare risposta alle molteplici e complesse problematiche che

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI RIMINI

GUIDA AI SERVIZI DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI RIMINI GUIDA AI SERVIZI DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI RIMINI AI QUALI CI SI PUÒ RIVOLGERE PER AVERE INFORMAZIONI O CHIEDERE AIUTO PER PROBLEMATICHE LEGATE ALL USO DI INTERNET (lesione della privacy cyberbullismo

Dettagli

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto.

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto. Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole partecipano al progetto Nati per Leggere Che cos è Nati per Leggere?...... è un progetto nazionale che

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA?

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Sac. Don Magloire Nkounga Dott. D Ambrosio Giuseppina 1 Quando ci possono

Dettagli