TUTELA LEGALE. Mobbing a scuola ARAG può aiutare offrendo assistenza legale. settembre I dati del primo semestre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUTELA LEGALE. Mobbing a scuola ARAG può aiutare offrendo assistenza legale. settembre 2006. I dati del primo semestre 2006"

Transcript

1 TUTELA LEGALE settembre 2006 Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale 70% - DCB Verona - Periodico di informazione di Tutela Legale pubblicazione trimestrale Settembre 2006 Mobbing a scuola ARAG può aiutare offrendo assistenza legale In questo numero I dati del primo semestre 2006 La Carta dei Passeggeri in difesa dei viaggiatori Le novità del decreto Bersani I Piani di formazione al servizio del cliente Patente Protetta per i grandi clienti

2 TUTELA LEGALE Direttore Editoriale: Ole Neuhaus Direttore Responsabile: Giovanni Nenz Segreteria di Redazione: Consuelo Congiu Redazione: Giovanni Bernardi Francesca Breda Consuelo Congiu Elisa Drezza Olivia Flaim Luca Massagrande Rocco Luigi Matarazzo Giorgia Nalin Giovanni Nenz Fabio Picariello Giulia Venturelli Pierachille Zinelli Pubblicazione trimestrale Aut. Trib. Verona n L importante crescita di ARAG ITALIA I dati del primo semestre 2006 Nella prima metà di quest anno la nostra Compagnia ha realizzato delle performances d i c r e s c i t a davvero lusinghiere, grazie all impegno dei tre canali di vendita ed alla collaborazione di tutti i nostri Partner. I primi mesi del 2006 erano partiti molto bene per il Canale Indiretto (Compagnie Partner) e un po in sordina per il Canale Diretto (Agenti e Broker), ma già dal mese di aprile tutte le iniziative messe in atto per questo esercizio cominciavano a dare i loro frutti, confermando quindi la bontà del lavoro quotidianamente svolto. In sostanza, alla fine del semestre abbiamo registrato una crescita del 12.9% nel Lavoro Diretto e di ben il 29,2% nel Lavoro Indiretto. Grafica, impaginazione e stampa: AdpressCommunications S.p.A. Bussolengo VR Versione PDF: Editore: T U T E L A L E G A L E Più forza alle vostre ragioni ARAG Assicurazioni S.p.A. Viale delle Nazioni, Verona VR Tel.: Fax.: ARAG aderisce al Comitato Italiano dell Assicurazione di Tutela Legale Perry Mason e ARAG ancora insieme Un binomio che significa eccellenza nella Tutela Legale Squadra che vince non si cambia! Nella comunicazione pubblicitaria, poi, la ripetizione del messaggio è il principio base per ottenere riconoscibilità ed essere ricordati. Visto il successo in questi anni dell abbinamento Perry Mason ARAG, abbiamo rinnovato l accordo per l utilizzo della sua immagine. Il miglior avvocato del mondo continuerà quindi a far parte della nostra Compagnia sia negli annunci sulle testate di settore sia nel materiale promozionale ARAG. Giovanni Nenz Complessivamente la crescita si è attestata al 22,4% sullo stesso periodo dell anno precedente, in uno scenario di mercato che registra una crescita del Ramo intorno al 12%. Il ramo Tutela Legale quindi, con l importante contributo di ARAG, contina a distinguersi come uno dei rami che crescono di più, per la sua capacità di interpretare i bisogni di un mercato che - anche per effetto di novità legislative sempre più numerose - è in forte evoluzione. Inutile dire che i dati ARAG sono di grande soddisfazione: testimoniano la sintonia della Compagnia con i suoi Partner nella vendita e suggeriscono ancora una volta di continuare a cogliere le grandi opportunità che il nostro mercato ci riserva. Rocco Luigi Matarazzo 2

3 L approfondimento TUTELA LEGALE Mobbing e bullismo siedono tra i banchi di scuola Torniamo a parlare di mobbing. Questa volta, sulla scia di alcuni fatti di cronaca, ci troviamo a constatare come questo fenomeno faccia ormai parte anche della realtà scolastica dove, a pagarne le conseguenze peggiori, sono gli alunni più deboli. Ricordiamo che il mobbing (dall inglese to mob = aggredire, assalire) è una forma di persecuzione, ripetuta nel tempo, del dipendente sul luogo di lavoro, che può essere perpetrata da un superiore (mobbing verticale) o dagli stessi colleghi della vittima (mobbing orizzontale). I segni manifestati dal mobbizzato variano dalla perdita dell autostima allo stato d ansia o stress, dalle crisi depressive ai tentativi di suicidio. Nell ambiente scolastico si parla di mobbing quando ci si riferisce a quegli episodi, certe volte tragici, in cui un alunno diventa la vittima di comportamenti umilianti e vessatori da parte di un insegnante. Le azioni mobbizzanti possono essere le più diverse come prendere di mira uno studente con interrogazioni lunghe e inerenti argomenti scolastici non ancora spiegati, riprenderlo davanti alla classe con frasi umilianti per i più svariati motivi oppure approfittare d ogni occasione per poter svilire le sue capacità scolastiche o relazionali. La cronaca registra, purtroppo, anche casi estremi di alunni arrivati al suicidio. Un altro fenomeno, pure strisciante tra i banchi di scuola, è quello più correttamente definito come bullismo. In questo caso la vittima mobbizzata è sempre lo studente, che viene sottoposto ripetutamente ad azioni offensive da parte di uno o più compagni di scuola (si potrebbe quasi parlare di mobbing orizzontale). Le prepotenze si manifestano con insulti, offese, esclusioni dal gioco, cattiverie gratuite, prevaricazioni fisiche con calci e pugni, piccoli furti, etc.... Entrambi i fenomeni, pur tra loro profondamente diversi, sacrificano la stessa vittima: un alunno, forse più debole e sensibile degli altri, incapace di reagire all esterno e che vive la sua delicata fase di fragile crescita adolescenziale. Fabio Picariello Come fare per intervenire in modo corretto Le motivazioni che generano sia il mobbing sia il bullismo scolastico sono sicuramente diverse, profonde e certe volte difficili da individuare. Si parla della frustrazione dei docenti mal pagati o semplicemente insoddisfatti della loro vita privata (e qui esplode il paradosso che i veri malati non siano le vittime ma gli autori delle persecuzioni); del senso di colpa dei genitori che, risucchiati nella vita professionale, si percepiscono assenti e inadeguati verso i propri figli; della fragilità degli stessi ragazzi che, nella delicata fase di crescita, cercano di scansare le proprie responsabilità, mentre necessitano di sicuri modelli di riferimento. A ciò si aggiunga il comune nemico rappresentato dall omertà di chi, professore, genitore o alunno, conosce e vede le situazioni di prevaricazione, ma vive all ombra del silenzio. Come possiamo allora tutelare i nostri figli da questi fenomeni? E importante parlare con loro, chiedere come stanno, ascoltarli e avere la capacità di indagare subito con l insegnante e gli altri compagni di classe quali possano essere le cause del malessere percepito. Nei casi più gravi deve scattare la denuncia pubblica, suffragata ovviamente dalle prove del caso raccolte. In questo contesto, la Tutela Legale può essere attivata per godere dell assistenza di un avvocato, che in un momento così delicato ci sappia guidare con destrezza all interno di una legislazione oggi ancora carente di una normativa specifica in tema di mobbing. F. P. 3

4 TUTELA LEGALE Compagnie aeree Se il volo viene cancellato fate valere i vostri diritti La cronaca estiva anche quest anno ha registrato ritardi nei voli, cancellazioni a sorpresa, lunghe attese non motivate che hanno prodotto innumerevoli disagi per i passeggeri. Nel panorama dei disguidi emerge ancora una volta l atteggiamento di molte compagnie aeree che sembrano ignorare i loro obblighi verso gli utenti, secondo quanto stabilisce la Carta dei passeggeri. Spesso, infatti, solo una buona conoscenza dei propri diritti consente al viaggiatore di non subire ritardi o cancellazioni senza poi avere la possibilità di reclamare il dovuto risarcimento. ARAG, che offre tutela anche in questi casi, ha raccolto le denunce di alcuni suoi assicurati che in differenti periodi, e in diversi aeroporti italiani, si sono visti cancellare il volo di rientro senza alcuna spiegazione. Costretti a lunghe attese per il volo successivo o dirottati su scali diversi da quelli di destino (con l ulteriore aggravio di spostamenti in pullman), questi passeggeri erano per loro fortuna informati dell esistenza della Carta, ovvero di questo vademecum delle tipologie di disservizi rispetto alle quali il passeggero può rivendicare un risarcimento dagli operatori del trasporto aereo. Gli assicurati ARAG non avevano perciò esitato ad acquistare un nuovo biglietto da un altra compagnia ed erano rientrati a casa senza ulteriori ritardi, con la certezza di avere diritto a un risarcimento danni, oltre al rimborso della spesa imprevista. Olivia Flaim FOCUS: La Carta dei passeggeri I nostri assicurati, una volta tornati a casa, hanno denunciato il sinistro ad ARAG e con l assistenza del proprio avvocato hanno ottenuto il rimborso del prezzo del biglietto annullato e il risarcimento fisso, che per ognuno è stato di 250 euro. Le motivazioni della richiesta si sono fondate sul Regolamento del Parlamento Europeo dell 11 febbraio 2004 n. 261, recepito dalla Carta dei Passeggeri. In particolare, perché era stato violato il diritto all informazione, previsto dall art. 14 che obbliga il vettore aereo operativo ad affiggere in modo visibile nella zona di registrazione il testo, nel quale sono enumerati i diritti dei passeggeri (invece nell aeroporto mancava questo avviso); né era stato rispettato l obbligo di consegnare ai passeggeri, nel caso di cancellazione del volo oppure per il negato imbarco o anche nel caso di ritardo superiore alle due ore, un avviso scritto contenente le regole in materia di compensazione pecuniaria ed assistenza. In detto avviso devono essere riportate le modalità per ottenere il diritto alla compensazione pecuniaria, di cui all art. 7, pari al minimo 250 euro, come anche il diritto all assistenza, di cui all art. 9, il quale prevede a titolo gratuito, i pasti e le bevande in relazione alla durata dell attesa, la sistemazione in albergo e infine il trasporto dal luogo della sistemazione all aeroporto. La disciplin a favore dei passeggeri è recentemente divenuta più efficace in forza della previsione, con il DLGS 27 gennaio 2006 n. 69, delle sanzioni che saranno applicate dall Ente Nazionale Aviazione Civile (ENAC) alle Compagnie che non rispettino le procedure di cui al Regolamento Europeo. Ad oggi ENAC ha già avviato i primi accertamenti su Alitalia ed AirOne. O. F. 4

5 Noi e la legge TUTELA LEGALE Decreto Bersani Via libera alla liberalizzazione anche nella professione forense? Il D.L. 4 luglio 2006, n. 223 ha introdotto importanti novità in diversi settori e, in particolare, nella disciplina professionale dell avvocato. Cercherò con questa breve nota di fare chiarezza sulle novità introdotte, riservando una più specifica trattazione nel prossimo numero della rivista. Le misure più rilevanti introdotte all art 2 del Decreto al fine di garantire un effettiva concorrenza nel campo dei servizi professionali riguardano: la tariffa, la pubblicità, i cosiddetti servizi interdisciplinari. Vediamole singolarmente. La tariffa. La normativa concernente la tariffa forense prevedeva che avvocato e cliente potevano liberamente pattuire compensi superiori ai massimi tariffari, ma non compensi inferiori ai minimi, a pena di nullità, ed a tutela del decoro della professione. Erano inoltre nulli i patti stipulati tra gli avvocati ed i clienti relativi ai beni che formano oggetto delle controversie affidate al loro patrocinio. Si tratta del contingency fee abitualmente utilizzato dalle grandi law farm statunitensi. Il D.L. abroga la normativa che prevede le tariffe obbligatorie fisse o minime e il divieto di pattuire compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti. Questa novità non comporta l eliminazione dell attuale tariffa, ma più semplicemente la possibilità di derogarla nell accordo tra avvocato e cliente. In una causa di risarcimento danni, ad esempio, avvocato e cliente potranno pattuire che una percentuale predeterminata del risarcimento venga attribuita al legale vittorioso. In questo modo il distacco dell avvocato dall esito della lite si trasforma in un interesse diretto e personale, che potrà paradossalmente essere anche uguale o superiore rispetto a quello del cliente. La pubblicità. La possibilità di pubblicizzare le caratteristiche del servizio offerto e il prezzo delle prestazioni renderà l avvocato del tutto uguale a qualunque altro imprenditore o prestatore di servizi. Il messaggio pubblicitario potrà essere diffuso anche tramite giornali, riviste, radio e televisione, con gli stessi limiti oggi vigenti per la ordinaria pubblicità commerciale. Il legale inoltre sarà stimolato ad approcciare il cliente con una logica di marketing finora utilizzata solamente dai grandi studi legali internazionali. Le società multidisciplinari. Diversamente dal passato, cade il divieto di fornire servizi professionali di tipo interdisciplinare da parte di società di persone o associazioni tra professionisti. Più professionisti appartenenti a diversi settori (fiscalista, notaio, avvocato, consulente del lavoro ecc.) potranno convergere in un unica società di servizi che offrirà le proprie prestazioni sulle esigenze specifiche del cliente. Giovanni Bernardi Risarcibilità del danno ingiusto Il dipendente è vittima di un incidente? Anche l azienda può chiedere i danni Come è noto, qualsiasi evento pregiudizievole può provocare un danno, influendo direttamente o indirettamente sulla situazione patrimoniale di un soggetto. L art C.C. ha progressivamente esteso la portata della risarcibilità del danno ingiusto; nel caso, per esempio, del danno patito dal datore di lavoro in seguito a un incidente stradale che abbia visto vittima il proprio dipendente, costretto ad assenza forzosa, la Giurisprudenza ha progressivamente riconosciuto il diritto all azione di rivalsa del datore stesso nei confronti di chi abbia provocato tale danno. La Corte di Cassazione in un primo momento ha riconosciuto la possibilità di ottenere un risarcimento, per la sostituzione del lavoratore assente con altra persona, escludendo però la risarcibilità dei danni costituiti dal versamento dei contributi assicurativi, dalla corresponsione nei giorni di assenza della retribuzione e d e l l i n d e n n i t à integrativa di malattia. Una successiva pronuncia, invece, ha stabilito che il responsabile delle lesioni personali di un lavoratore dipendente sia tenuto a risarcire il datore di lavoro anche per l ammontare delle retribuzioni e dei contributi, pagati al dipendente infortunato, salvo prova del maggior danno. Recentemente, la Cassazione è arrivata a riconoscere come legittima l azione diretta del datore di lavoro nei confronti dell assicuratore del responsabile del danno, per ottenerne il risarcimento. La Corte ha infatti sostenuto che nella nozione di danneggiato dalla circolazione di veicolo o natante soggetti all obbligo assicurativo, in relazione al quale l art. 18 della legge 990/1969 prevede azione diretta contro l assicuratore, vanno incluse non soltanto le persone direttamente e fisicamente coinvolte nell incidente, ma tutte quelle che abbiano subito un danno in rapporto di derivazione causale con l incidente medesimo. (Cass. Sez. Lav /2003) Elisa Drezza 5

6 TUTELA LEGALE Sotto la lente: conosciamo meglio il Codice delle Assicurazioni AGGIORNAMENTI NORMATIVI LEGATI AL NUOVO CODICE DELLE ASSICURAZIONI Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell articolo 150 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 D.P.R. n. 254 del 18 luglio 2006 Gazz. Uff. n. 199 del 28 agosto 2006 entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2007 e si applicherà ai sinistri verificatisi a partire dal 1 febbraio 2007 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonche interventi in materia di entrate e di contrasto all evasione fiscale (cosiddetto decreto Bersani ) D.L. 4 luglio 2006, n. 223 convertito con L. 4 agosto 2006, n. 248 Gazz.Uff. n.186 del 11 agosto 2006 l art. 8, comma 3-bis, ha modificato l articolo 131 del codice delle assicurazioni private, in tema di clausole anticoncorrenziali in ambito RCA I piani di formazione ARAG sono studiati per dare sempre un miglior servizio al cliente Il Codice delle Assicurazioni, all art. 183, regola per la prima volta a livello legislativo i principi di comportamento che devono osservare sia le Compagnie che gli Intermediari in occasione dell offerta di polizze di assicurazione. Va detto che già l ISVAP con la circolare n. 551 del 1 marzo 2005 aveva anticipato la definizione di queste regole, specificando in dettaglio quali dovessero essere le cautele da osservare a tutela dei destinatari dell offerta di contratti assicurativi vita. L art. 183 del Codice definisce invece ora in via generale le regole di comportamento da osservarsi nella distribuzione di tutti i prodotti assicurativi, sia vita che danni. Si tratta di principi di carattere generale, da osservare come regole per lo svolgimento delle attività di distribuzione e intermediazione di tutti i prodotti, che diverranno ora il canone di riferimento sia per le Compagnie, nei rapporti contrattuali con i loro assicurati, sia per gli Intermediari assicurativi, con riferimento alla valutazione deontologica dei loro comportamenti e della loro attività. Nell offerta ed esecuzione dei contratti assicurativi, Compagnie ed Intermediari devono quindi: comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza; acquisire le informazioni necessarie a valutare le esigenze dell assicurato, operando in modo che sia sempre adeguatamente informato; 6 organizzarsi in modo da identificare ed evitare conflitti di interesse e, in caso di conflitto, agire con trasparenza ed in modo da escludere pregiudizi per gli assicurati; realizzare una gestione finanziaria sana e prudente. Questi principi generali dovranno essere tradotti dall ISVAP in precisi adempimenti tramite apposito Regolamento ancora da emanarsi. Una volta completati i passaggi legislativi, sarà quindi definitivamente introdotto anche in Italia il principio know your customer & suitability rule (offri al tuo cliente ciò di cui ha bisogno), che i mercati anglosassoni conoscono da tempo, perché da sempre focalizzati sul cliente e sulla sua tutela. In quest ottica si auspica che le nuove norme non rappresentino l occasione per un ulteriore appesantimento dei già numerosi adempimenti che gravano su Agenti e Broker assicurativi, ma piuttosto come una opportunità per la valorizzazione dei servizi da mettere a disposizione dei clienti. In un mercato aperto alla concorrenza, sarà infatti vincente chi saprà supportare la propria clientela con strumenti di aggiornamento adeguati all evoluzione del mercato assicurativo e ai prodotti disponibili. Una migliore conoscenza delle esigenze dei propri clienti, significa infatti saper proporre pacchetti di prodotti tagliati su misura; perché spesso il cliente ignora che il mercato offre prodotti che rispondono ai suoi bisogni e necessità. Per tutti questi motivi ARAG affianca la vendita dei propri prodotti con piani di formazione continui e aggiornati, in modo da fornire ai propri Intermediari Assicurativi strumenti adeguati sia in termini di conoscenze minime richieste per legge, sia in termini di conoscenze di business idonee a confezionare i prodotti che meglio rispondono alle esigenze del mercato. Esigenza particolarmente sentita per un prodotto come la Tutela Legale, che nel mercato italiano non ha ancora raggiunto livelli di penetrazione paragonabili a quelli esistenti negli altri paesi europei, sicuramente per la sua limitata conoscenza non certo perché non se ne senta la necessità. Giampietro Milani

7 Parliamo di noi TUTELA LEGALE Banche, cooperative & C Per i grandi clienti ora abbiamo una Patente Protetta su misura Il termine convenzione ci fa pensare subito a un grande numero di assicurati e automaticamente a condizioni tariffarie estremamente interessanti. Talvolta il cliente che acquista una polizza standard paga un premio nettamente superiore a quello cosiddetto da convenzione e, inutile dirlo, ci rimane decisamente male. Per accontentare sia i grandi clienti, sia tutti gli altri, abbiamo creato una nuova formula di vendita della polizza Patente Protetta destinata a tutti i grandi clienti. Chi sono i grandi clienti Vengono considerati tali i gruppi di almeno 300 potenziali assicurati; a titolo esemplificativo, rientrano in questa categoria le banche, le cooperative, le associazioni, le aziende, ecc. Che caratteristiche ha la polizza per i grandi clienti E più leggera di quella che proponiamo abitualmente (e che continuiamo a vendere) ma mantiene tutte garanzie forti del nostro prodotto: difesa penale, diaria in caso di ritiro e/o sospensione della patente per incidente stradale, pagamento del corso per recuperare i punti. Nel caso sia possibile, si può inserire anche la condizione aggiuntiva violazioni al codice della strada. Il premio Senz altro in linea con le aspettative del cliente e variabile a seconda del numero degli assicurati. Infatti, al momento della stipula della convenzione si dichiara il potenziale degli assicurati e si ipotizza il numero di adesioni da raccogliere in un anno. Interessante è il fatto che si sia pensato di non richiedere un premio minimo per l accensione della convenzione. Se non si raggiunge il numero delle adesioni ipotizzate Anche in questo caso è facile: si verifica il risultato raggiunto e, nel caso peggiore, si rinegozia il premio di polizza per l annualità successiva. Francesca Breda Patente a punti Gli incidenti non sono in calo e il photored crea problemi L effetto Patente a punti sugli incidenti automobilistici è praticamente esaurito. Dopo qualche anno di significativa riduzione della frequenza dei sinistri, in coincidenza anche con l introduzione del nuovo Codice della strada nel 2003, il fenomeno nel 2005 è rimasto per le autovetture sostanzialmente stabile, con un calo minimo dello 0,4% rispetto al E quanto emerge nell approfondimento dell Ania dedicato all RC Auto. I fattori che finora hanno contribuito alla riduzione dei sinistri (autoliquidazione, patente a punti, veicoli più sicuri) afferma l associazione delle Compagnie assicuratrici sembrano in via di esaurimento. Lo scorso anno la frequenza dei sinistri per le auto private è stata infatti pari all 8,26%, sostanzialmente invariata rispetto all anno precedente quando era pari all 8,29%. Il tasso di riduzione, scrive ancora l Ania, è andato attenuandosi fortemente nel corso degli anni, fino quasi ad annullarsi nel E i numeri lo dimostrano: il calo è stato lo scorso anno dello 0,4%; nel 2004 dell 1,3%; del 3,6% nel 2003 (anno di entrata in vigore del nuovo codice della strada e della patente a punti). Sempre in tema di patente a punti, è da evidenziare che il giudice di pace di Campi Salentina ha accolto il ricorso presentato da un automobilista per una violazione rilevata con apparecchio photored, disponendo l annullamento delle decurtazione dei punti e della sanzione pecuniaria. Il giudice, inoltre invita le Prefetture e le Amministrazioni dotate di apparecchi di rilevazione come quello sopra ricordato, ad attenersi tempestivamente anche all interpretazione adottata di recente dalla Corte di Cassazione in tema di photored, annullando i provvedimenti illegittimamente adottati fino ad oggi. Luca Massagrande 7

8 Speciale Agenzie TUTELA LEGALE L Agenzia Bertolo di Pordenone Una grande passione per la Tutela Legale Foto di gruppo dell agenzia Bertolo Quando si arriva nell agenzia Bertolo di Pordenone è sempre una festa! Il nostro agente storico, Plinio Bertolo, ci viene incontro già sul piazzale per dare il benvenuto e per offrire un ottimo caffè. Salendo in ufficio, siamo accolti dagli angeli custodi dell agenzia: Monica, Luigia, Lara e Rosi che ci lusingano con complimenti e calorose strette di mano; accanto a loro Fabio (fratello di Plinio) e il sub agente, Franco Bisaro. In fondo al salone c è l ufficio di Isidoro Bertolo, padre di Plinio e di Fabio nonché fondatore dell agenzia. Raramente è in ufficio perché i clienti bisogna andarli a trovare, non aspettarli e questa è una pillola di saggezza che non conosce mode. I primi tempi credevamo che il calore e la simpatia riservati fossero un privilegio per noi di ARAG, poi abbiamo capito che è il loro modo di accogliere tutti i clienti, non importa se più o meno importanti. Il servizio offerto e la passione per il lavoro contraddistinguono, dunque, questa agenzia, come spiega Plinio Bertolo in questa intervista. Quando ha cominciato questo lavoro? Nella nostra famiglia siamo assicuratori da tre generazioni; ha cominciato il nonno, proseguito mio papà ed ora ci siamo mio fratello ed io. Mi sono avvicinato all agenzia quando ero solo un ragazzo e durante le vacanze estive andavo in ufficio da mio padre per fare qualche piccolo lavoro. Mi è sempre piaciuto il contatto con il pubblico per cui osservavo le ragazze al bancone, i produttori e cercavo di capire come spiegavano le polizze ai clienti. Ho venduto i primi contratti all insaputa di mio padre, quasi per gioco, poi il gioco è diventato un lavoro. Si è iscritto all albo agenti ad appena 19 anni e subito ha ottenuto il mandato ARAG; perché proprio ARAG? Si è trattato di una scommessa, importante per me e per l agenzia della mia famiglia. Ci eravamo accorti che il cliente doveva essere seguito passo a passo in caso di sinistro ed era necessario offrirgli un attenzione sempre più professionale, non solo legata alla nostra esperienza. Fu una scommessa anche per ARAG perché l allora direttore commerciale della Compagnia, Nocentini,

9 TUTELA LEGALE Speciale Agenzie Plinio Bertolo con il referente commerciale ARAG Umberto Somacal diede fiducia ad un giovane e direi che è andata bene. Avete puntato molto sulla Tutela Legale, quali vantaggi comporta? Il portafoglio RCA è quasi totalmente coperto dalle polizze Circolazione e Patente e molte delle aziende già nostre clienti hanno stipulato la polizza Attività Protetta. Vendere Tutela Legale ha permesso inizialmente di differenziarci, rispetto agli altri assicuratori, perché offrivamo ai clienti un servizio unico che ci faceva fare ottima figura nei loro confronti. Inoltre, avendo cominciato per primi, siamo diventati un po un punto di riferimento per la Tutela Legale, anche se oggi ci sono molti concorrenti nel settore. Talvolta proponiamo ARAG ai clienti ancor prima delle polizze di responsabilità civile. Con ARAG avete anche aumentato il numero dei clienti dell agenzia? Sicuramente sì; soprattutto per quanto riguarda le aziende. All inizio della mia carriera mi presentavo presso la loro sede chiedendo se avevano dei sinistri attivi da risolvere e, con la consulenza di ARAG, riuscivo a portare a casa il risarcimento atteso. Quelli sono stati i primi clienti ARAG, ancora oggi presenti con altri prodotti della Compagnia. Isidoro Bertolo con i figli Fabio e Plinio Cosa significa per voi servizio? Nella nostra strategia aziendale il cliente è al centro di tutti i nostri interessi. I servizi che la Tutela Legale permette di offrirgli sono molti e diversificati; per esempio c è l ottima gestione del sinistro e la consulenza telefonica. Non va dimenticato che i pagamenti sono velocissimi. E possibile fidelizzare il cliente con la Tutela Legale? Con il nostro impegno personale e la grande passione per il lavoro siamo riusciti a fidelizzare fortemente la clientela. Nel tempo abbiamo trasferito al cliente i nostri valori aziendali di correttezza, trasparenza e professionalità e ARAG ci ha sempre sostenuto, perché con la Tutela Legale abbiamo reso concreti i nostri valori dichiarati, che coincidono esattamente con quelli della Compagnia. Un sogno nel cassetto? Aprire un ARAG POINT, cioè un negozio che vende solo ARAG, magari con dei colleghi che abbiano voglia di intraprendere questa impresa.

10 FEI World Equestrian Games Aachen 2006 Alcune significative immagini del torneo equestre che ha avuto luogo ad Aquisgrana dal 20 agosto al 3 settembre scorso. Dell importante evento, ARAG è stato uno degli otto principali sponsor.

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA Elementi di studio e riflessione sulle forme contrattuali, derivate dalla applicazione della disciplina del c.c., legislativa, normativa

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli