Rapporto di Sostenibilità Stakeholder

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto di Sostenibilità 2008. Stakeholder"

Transcript

1 Rapporto di Sostenibilità 2008 Stakeholder

2 Stakeholder Per troppi anni si è pensato che la responsabilità sociale delle aziende andasse dimostrata mettendo in atto attività utili per la collettività, scelte in modo del tutto autonomo (spesso autoreferenziale), grazie alle quali controbilanciare gli eventuali effetti dannosi del proprio agire irresponsabile. La crisi economica scoppiata nel 2008, e ancora prima gli scandali finanziari e le emergenze ambientali, hanno dimostrato invece quanto sia superficiale parlare di responsabilità senza prima valutare se, da parte dell impresa, vi sia reale consapevolezza di essere parte di un sistema più ampio, con il quale si è disposti a interagire su un piano effettivamente paritario. Senza questa consapevolezza è difficile che le scelte aziendali, e quindi le azioni, possano avere impatto sociale ed essere testimonianza di un impegno. Questo cambio copernicano di prospettiva, che inevitabilmente toglie centralità all azienda e la riconduce all interno di un sistema più complesso, non solo comporta una rivisitazione radicale di molti processi e strutture dell organizzazione, ma determina anche una radicale evoluzione culturale del management. Uno sforzo di tale importanza deve necessariamente basarsi su uno scambio e un aiuto reciproco tra l azienda e tutte le altri parti che con essa interagiscono (stakeholder), perché senza un processo dialogico fondato sull ascolto è impossibile individuare le soluzioni migliori e trovare le motivazioni sufficienti a porle in essere. L impegno è rilevante e richiede forti investimenti organizzativi, ma non c è altra strada per travalicare i confini angusti delle tradizionali funzioni aziendali e traguardare obiettivi di lungo periodo, che concilino gli obiettivi aziendali con uno sviluppo sostenibile. In questa prospettiva, definire in modo puntale i propri stakeholder e organizzare i canali più efficaci a favorire lo scambio di informazioni, finiscono per essere i prerequisiti della responsabilità sociale. Il documento dovrebbe contenere al suo interno l indicazione di obiettivi di ampio respiro, non solo relativi all ambiente, ma anche a nutrizione, innovazione e filiera e, nel futuro, anche dei corrispondenti risultati. Andrea Poggio Vicedirettore Generale di Legambiente Primo forum degli stakeholder

3 Mappa degli stakeholder Barilla La mappa che viene presentata di seguito è il frutto del lavoro di tutte le aree dell azienda. Sono stati individuati gruppi specifici di stakeholder al fine di permettere un approccio strategico, sistemico e consapevole nella gestione dei rapporti nei loro confronti tramite il coinvolgimento, il dialogo e l informazione. Inoltre, per permettere di implementare adeguate attività e iniziati- SISTEMA DI GOVERNANCE DIPENDENTI FORNITORI ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA COMUNITÀ SCIENTIFICA CLIENTI MOVIMENTI D OPINIONE, ONG, REALTÀ ASSOCIATIVE RAPPORTI molto significativi e continui Presidenza Consiglio di Amministrazione Organismo di Vigilanza Azionisti di maggioranza Executive (dipendenti italiani e stranieri) Middle manager (dipendenti italiani e stranieri) Worker (dipendenti italiani e stranieri) Nuovi dipendenti (in azienda da 3 anni) Diversamente abili Fornitori delle materie prime Imprenditori agricoli Fornitori di imballaggi Fornitori di impianti Fornitori di energie Fornitori di prodotti finiti Copacker Agenti di vendita Consulenti legali Fornitori di servizi Agenzie di advertising, packaging e comunicazione Confindustria Ass. della distribuzione tradizionale Conferenza dei Rettori (CRUI) Società scientifiche di nutrizione e alimentazione Ass. mediche Distribuzione moderna Distribuzione tradizionale Nuovi canali di distribuzione Ristorazione commerciale e collettiva Ass. di consumatori RAPPORTI significativi e FREQUENTI Azionisti di minoranza Dipendenti a fine carriera (5 anni prima della pensione) Rappresentanti sindacali Realtà associative interne all azienda Consulenti Broker assicurativi Media buying stampa, TV, Internet AIDI (industria dolciaria-it) CAOBISCO (industria dolciaria-eu) UNIPI (pastai-it) UNAFPA (pastai-eu) Trasversali (europei e nazionali) ITALMOPA (industria molitoria-it) Semouliers (industria molitoria-eu) Ass. produttori agricoli Ass. interprofessionali Ass. datoriali Ass. che promuovono il Prodotto dell Anno Ass. di categoria, comitati professionali Ass. nazionali di rappresentanza delle imprese di autotrasporto Sindacati Università le cui facoltà sono attinenti alle attività di Barilla (nazionali e internazionali) Fondazioni scientifiche Centri di ricerca pubblici Centri di ricerca privati Ass. per i diritti dei minori Ass. educative e sportive Siti Internet dedicati ai consumatori e all ambiente/blog Consumo critico (Consumo responsabile, equosolidale) RAPPORTI significativi MA SPORADICI Collegio sindacale Fornitori di materiali e attrezzature Proprietari di immobili Altre università (nazionali e internazionali)

4 ve di relazione, sono stati analizzati i tipi di rapporti intrattenuti con i singoli gruppi di stakeholder, e classificati in tre tipologie. Nella tabella sottostante vengono disposti, a partire dall alto, in corrispondenza di ogni categoria, i gruppi di stakeholder che con l azienda intrattengono rapporti: molto significativi e continui, significativi e frequenti, significativi ma sporadici. CONSUMATORI enti FINANZIARI E DI CONTROLLO FISCALE/ CONTABILE COMUNITà LOCALI media ISTITUZIONI NAZIONALI, EUROPEE E InteRNAZIONALI AMBIente E GeneRAZIONI FUTURE ConCORRenti Bambini Adulti Senior Persone attente alla salute e al benessere Persone con problemi di salute specifici Investor (US PP noteholders) Banche (partecipanti al sindacato) Agenzia delle Entrate Personale (enti previdenziali e assicurativi) Rappresentanze di categoria (Confindustria, Confcommercio, Unioncamere) ASL NAS Stampa - Quotidiani nazionali Televisione Internet Relazioni Media (stampa, quotidiani nazionali, TV, Internet) Stampa specializzata trade Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Ministero della Salute Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato EFSA Concorrenti diretti di categoria (pasta, bakery, sughi) Concorrenti diretti industria alimentare RAPPORTI molto significativi e continui Revisori contabili esterni Comuni Province Vigili del Fuoco Uffici del Lavoro Regioni Stampa - Quotidiani locali Stampa - Periodici economici Stampa internazionale Stampa specializzata Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e istituzioni scolastiche Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero dell Ambiente Garante per la Protezione dei dati personali Commissione Europea FAO, ONU, UNICEF EFFAT Ambientalisti RAPPORTI significativi e FREQUENTI Persone con allergie Persone che scelgono, per motivi religiosi o altri, un certo tipo di alimentazione Scuole Altri enti locali Enti destinatari della beneficenza Stampa - altro Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dello Sviluppo Economico (area commercio estero) /ICE Agenzia europea per l ambiente Agenzia europea per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Concorrenti indiretti (food ma non della grande distribuzione) RAPPORTI significativi MA SPORADICI

5 Rapporto con gli stakeholder Coinvolgere il più possibile gli stakeholder nelle pratiche aziendali e creare con essi un rapporto dialettico che produca il massimo valore per loro e per l azienda stessa. Siamo consapevoli che la crescita durevole ed economicamente sostenibile di Barilla non può prescindere dall esistenza di uno stretto legame tra gli obiettivi dell azienda e le esigenze della società. A questa consapevolezza corrispondono l attenzione e la collaborazione che l azienda ha avuto nel corso della sua storia con comunità locali, mondo accademico, organizzazioni di cittadini, sindacati, realtà della società civile, etc. Questo orientamento ha spinto ora Barilla verso un impegno ulteriore: consolidare una pratica di relazioni con gli stakeholder che prevede il loro coinvolgimento nella definizione di linee di azione dell azienda, il dialogo e un informazione trasparente. Questo nuovo approccio, tuttavia, non era praticabile in assenza di una chiara identificazione dei soggetti che sono in un rapporto di influenza reciproca con l azienda stessa. è per questa ragione che è stato di recente avviato un processo di mappatura dei nostri stakeholder. La mappa Per costruire una mappa che non fosse la usuale lista di 7-8 categorie generali, ma uno strumento da utilizzare per l impostazione, la valutazione e il miglioramento continuo dei rapporti con gli stakeholder, sono state coinvolte tutte le direzioni e le unità dell azienda, chiedendo loro di fornire il proprio contributo. Per evitare di individuare categorie così generali da risultare in pratica inutili, è stato chiesto di identificare gruppi ristretti e omogenei di stakeholder che avessero un rapporto di relazione diretta con l azienda. Per rendere la mappa utile a costruire una strategia articolata di rapporto con tali gruppi, è stato inoltre chiesto ai responsabili delle unità dell azienda di effettuare una classificazione in base al tipo di rapporti intrattenuti con i diversi stakeholder: molto significativi e continui, significativi e frequenti, significativi ma sporadici. Il risultato di questo processo è stato la produzione di una mappa che individua 116 categorie specifiche di stakeholder classificate per tipo di rapporto intrattenuto con l azienda. La mappa degli stakeholder così costruita viene presentata nelle due pagine precedenti. Coinvolgimento Come è già stato detto, il processo di mappatura ha coinvolto l intera azienda, area per area. Questo ha comportato tempi lunghi e l impossibilità di giungere alla produzione della mappa prima dell inizio del processo di rendicontazione. Per non far mancare il coinvolgimento degli stakeholder fin dalle prime fasi del processo di rendicontazione si è pertanto stabilito di convocare due forum con rappresentanti delle principali categorie di stakeholder, in attesa di poter costituire un panel pienamente rappresentativo sulla base dell operazione di mappatura che era in corso. Il primo forum è stato convocato a luglio 2008, presso lo stabilimento di Pedrignano (Parma). Agli intervenuti (rappresentanti delle categorie di consumatori, comunità scientifica, realtà as- 116 CATEGORIE SPECIFICHE DI stakeholder classificate Livello di applicazione delle linee guida GRI Lo standard internazionale GRI, oltre a definire una serie di indicatori e parametri a cui si deve attenere la rendicontazione, richiede di dichiarare il grado di applicazione delle linee guida. L autovalutazione prevede tre livelli (partendo dal più elevato: A, B e C). Per questo primo nostro rapporto il livello di applicazione è stato C. Ci impegniamo, nella redazione dei prossimi rapporti, a raggiungere un grado più elevato di conformità.

6 sociative, fornitori, dipendenti) è stato chiesto di valutare le aree che definiscono il perimetro di responsabilità di Barilla e di esprimere un giudizio su come il modello risultante corrispondesse alle loro priorità. Il secondo forum si è tenuto nel novembre 2008 presso lo stabilimento di Castiglione delle Stiviere (Mantova). In questa occasione sono stati inclusi tra i partecipanti anche i sindacati, la distribuzione, i media, le associazioni di categoria e la comunità locale. In questo caso l obiettivo era quello di validare le sfide individuate per ogni area di responsabilità e contribuire alla definizione dei conseguenti impegni. > Il nostro impegno nel coinvolgere gli stakeholder RIguarderà non solo il processo di rendicontazione, ma anche le altre attività dell azienda Caso: Accusa di cartello Il 25 febbraio 2009 l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato l Unione Industriali Pastai Italiani e 26 delle maggiori industrie produttrici di pasta, tra cui Barilla, con l accusa di aver posto in essere un cartello sui prezzi della pasta. La multa prevista nel suo insieme è di euro distribuita secondo le responsabilità attribuite dall Antitrust ai diversi soggetti. La nostra risposta all accusa dell AGCM è di assoluta estraneità a qualsiasi azione di cartello ai fini della determinazione di un aumento dei prezzi della pasta. Sosteniamo di aver agito, come sempre, con la massima libertà nel determinare la nostra politica commerciale. Il mercato della pasta è sempre stato caratterizzato da piena concorrenzialità come lo è stato nel periodo oggetto d indagine. Gli aumenti di prezzo effettivamente praticati dai pastai sono stati assolutamente necessitati, e per di più hanno consentito agli industriali pastai di recuperare solo una parte degli aumenti di costo dei principali fattori produttivi, a partire dalla materia prima. Al fine di informare gli stakeholder sulla nostra posizione riguardo alla decisione dell Authority sono stati inviati comunicati ai nostri fornitori, alla stampa, alla distribuzione e a tutti i dipendenti tramite comunicazioni interne. Attualmente Barilla ha contestato la sanzione dell Autorità e al momento il procedimento è giunto al secondo grado di appello. Nei confronti degli interlocutori ci impegniamo a un approccio strategico ma anche nell attivazione di prassi che ci consentono di rispondere a esigenze e aspettative che hanno impatto sul business. La collaborazione col Cliente (Distribuzione) tende ad aumentare l efficienza della filiera e il servizio alle persone e alle famiglie. Desideriamo rafforzare il loro coinvolgimento in tutte le iniziative in cui siano attori fondamentali della filiera, per perseguire insieme un sempre più elevato livello di sostenibilità; a tal fine riteniamo importante attivare un canale d ascolto costante e strutturato (Forum degli Stakeholder) al quale saranno sempre invitati a partecipare. Il confronto avverrà anche attraverso i canali consueti. I nostri collaboratori responsabili del rapporto col Cliente promuoveranno la valutazione e lo sviluppo di aree di collaborazione sui temi della sostenibilità. Per quanto riguarda la Comunità Scientifica riteniamo che sia un riferimento per la progettazione, la realizzazione e il controllo di tutti i nostri prodotti e processi. Per questo nel corso degli anni abbiamo sviluppato rapporti stabili con diversi centri di ricerca incentrati su progetti che spaziano in diversi campi del sapere. Riteniamo che il sapere scientifico sia un reale motore per il cambiamento e lo sviluppo sostenibile del settore agro-alimentare ed è questo uno dei motivi che ha portato alla creazione del Barilla Center for Food & Nutrition. Nei confronti dei Fornitori Barilla persegue una politica di creazione di un sistema integrato che lega a sé tutti i partner della filiera di fornitura. Per il futuro, intendiamo consolidare il presidio delle filiere delle materie prime agricole su rilevanti fattori critici: terreni coltivabili, fabbisogni idrici, Carbon Footprint. Questo anche grazie all indirizzo dei programmi di miglioramento genetico e pratiche colturali su specifici obiettivi di miglioramento dell impatto ambientale che verrà misurato come Ecological Footprint. Il presidio del territorio implica, tuttavia, non solo la progettazione e il reperimento delle materie prime o la gestione dei cicli produttivi. Grazie alla conoscenza capillare dei territori in cui operiamo, intensificheremo i rapporti con le Comunità, promuovendo un dialogo continuo che porti a unire in modo sinergico risorse e intelligenze, entro una logica di valorizzazione dei differenti interlocutori e con la prospettiva di fornire risposte integrate a bisogni presenti, anticipando quelli futuri e potenziali. In relazione alla partecipazione ai processi di sviluppo delle comunità e al perseguimento della propria sostenibilità Barilla riconosce l importanza della collaborazione con organizzazioni che operano per lo sviluppo della società civile. Barilla continuerà a svolgere progetti che mirano a contribuire al benessere della società attivando partnership con ONG e Associazioni che possano affiancarci nel perseguimento di queste finalità.

7 Dialogo e informazione Nel 2008, anche se al di fuori di un approccio organico, abbiamo realizzato alcuni eventi che ci hanno permesso di dialogare con gli stakeholder. Tra il 6 e il 20 giugno, in occasione dell entrata in vigore del nuovo regolamento europeo sulle buone pratiche di fabbricazione, abbiamo organizzato nella sede di Pedrignano (Parma) gli incontri di formazione e dialogo con i fornitori di packaging; il 10 ottobre, sempre a Pedrignano, per l evento annuale in conclusione della campagna agricola in Emilia Romagna, abbiamo riunito i nostri partner (fornitori di grano, fornitori di sementi e Regione Emilia Romagna) per commentare i dati agronomici e commerciali della campagna conclusa e anticipare quelli della campagna successiva; a dicembre, abbiamo promosso il meeting annuale con i fornitori di prodotti finiti; il 20 e 21 maggio abbiamo ospitato a Pedrignano un gruppo di consumatori vincitori di un concorso organizzato dal settimanale Oggi. In questa occasione i partecipanti hanno avuto la possibilità di visitare lo stabilimento e rivolgere domande al Vicepresidente Paolo Barilla. Inoltre, abbiamo collaborato all organizzazione e partecipato a momenti di dialogo come il Simposio internazionale del grano duro, svolto dal 30 giugno al 3 luglio a Bologna; l Expo Senior (6 e 7 novembre 2008), forum dedicato alla salute delle persone che hanno superato i 50 anni, in cui i nostri esperti sono intervenuti su temi legati alla nutrizione; la conferenza internazionale sulle produzioni mediterranee che si è tenuta a Parma il 14 e il 15 novembre. Infine, con l obiettivo di confrontarci con la comunità scientifica internazionale, abbiamo partecipato a due eventi negli Stati Uniti: la conferenza internazionale sulla nutrizione American Dietetic Association Food & Nutrition Conference Expo, che si è tenuta a Chicago dal 26 al 28 ottobre, e la conferenza internazionale sulla dieta mediterranea, che si è tenuta a Boston dal 16 al 18 novembre. Inoltre, è ormai nostra consuetudine dare la possibilità a gruppi di persone di visitare gli stabilimenti, in modo da offrire loro un informazione completa riguardo alla qualità e alla sicurezza dei processi produttivi che adottiamo. Nella seguente tabella vengono riportati alcuni dati sul numero di visite agli stabilimenti avvenute nel Numero di visite agli stabilimenti nel Novara Rubbiano (Parma) Foggia Pedrignano (Parma) Melfi Cremona Castiglione Bolu (Turchia) Tebe (Grecia) Ames (USA) Avon (USA) Harry s France Harry s Russia In totale le attività orientate alla gestione dei rapporti con gli stakeholder nel 2008 hanno visto partecipe il 66% di tutti i gruppi individuati dalla mappa. In particolare il 25% è stato coinvolto nella definizione di programmi e attività dell azienda, il 32% ha partecipato a momenti di dialogo e il 65% è stato destinatario di informazione diretta sulle nostre attività.

8 Approccio innovativo alla rendicontazione Implementare un modello permanente e innovativo di rendicontazione che favorisca una comunicazione trasparente e completa delle informazioni ai nostri stakeholder. Consideriamo il Rapporto di Sostenibilità come uno strumento strategico indispensabile per il cambiamento del nostro approccio al business. Da qui la decisione di elaborare un modello innovativo e di individuare sfide, impegni e obiettivi anche nei confronti della modalità di rendicontazione. 2 forum DEGLI STAKEHOLDER CONVocati La PARteCIPAzione dell intera azienda Uno dei più importanti elementi di innovazione introdotti è l utilizzo della rendicontazione come mezzo di cambiamento dell azienda: per questo è stato deciso che l intera azienda dovesse essere coinvolta in tutto il processo. Lavorando direttamente al progetto ogni area si è confrontata con i temi della cittadinanza d impresa integrandoli alle attività svolte quotidianamente. A questo scopo sono stati creati tre team: il primo formato dall Amministratore Delegato e dai Direttori delle aree aziendali, con il ruolo di fornire l indirizzo strategico, il secondo composto dal Direttore Comunicazione, dal coordinatore del progetto e dal team di FONDACA, che ha fornito il proprio supporto scientifico e metodologico a tutto il processo, il terzo formato dai responsabili diretti delle aree aziendali che hanno offerto il proprio contributo operativo. Il coinvolgimento degli stakeholder Altro fondamentale elemento innovativo è il coinvolgimento degli stakeholder fino dalle prime fasi del processo. L obiettivo perseguito è stato fare in modo che gli stakeholder potessero effettivamente fornire il proprio contributo nelle fasi decisionali del processo. Al fine di evitare circolarità e deduttività, e ottenere risultati il più possibile confrontabili con quelli di altre aziende, abbiamo deciso di far riferimento a standard internazionali e ai principi alla base delle linee guida proposte dal GRI (Global Reporting Initiative). Inoltre abbiamo analizzato gli indicatori utilizzati dai nostri competitor, selezionando quelli che ci sembravano buoni esempi. Il nostro impegno proseguirà con la rendicontazione dell intera supply chain dell azienda e con l integrazione del conto economico con gli impatti sociali e ambientali. Partecipazione di tutte le aree dell azienda Modello di responsabilità Matrice sfide-impegni Documento Il percorso verso la sostenibilità Selezione dei KPI rilevanti Raccolta dati e informazioni per KPI Individuazione degli obiettivi Rapporto di responsabilità, numero zero Coinvolgimento degli stakeholder: primo forum Coinvolgimento degli stakeholder: secondo forum

9 Il processo attuato Il primo passo è stato elaborare il modello di responsabilità: un documento in cui sono stati elencati gli ambiti di responsabilità di Barilla e tutti gli indicatori che, in maniera più analitica possibile, descrivessero le relative attività. Ogni unità operativa ha fornito il proprio contributo elaborando gli indicatori più adeguati alla misurazione delle attività che svolge. Raggiunta una lista di 450 KPI (Key Performance Indicator), il passo successivo è stato coinvolgere gli stakeholder. Al primo forum hanno partecipato 27 stakeholder di 5 categorie (dipendenti, fornitori, consumatori, comunità scientifica, realtà associative); dall incontro sono emersi 35 suggerimenti. Questi sono stati tenuti in conto ed è stato possibile accoglierne 25 (in appendice viene riportata la tabella Tavola degli input forniti dagli stakeholder primo forum ). Il nostro fine era far sì che la rendicontazione non fosse solo una descrizione delle attività legate alla sostenibilità dell azienda, ma che potesse permettere di individuare e perseguire obiettivi di miglioramento. Per questo abbiamo scelto di ridurre il numero di indicatori mantenendo quelli che giudicavamo più rilevanti. Per effettuare questa selezione abbiamo individuato le sfide globali della sostenibilità e gli impegni che è necessario perseguire per fronteggiare queste sfide. Ancora una volta sono state coinvolte tutte le aree dell azienda e un panel di stakeholder. Al secondo forum hanno partecipato 35 stakeholder appartenenti a 9 categorie (realtà associative, sindacati, associazioni di categoria, media, comunità scientifica, comunità locale, clienti, fornitori, dipendenti). I contributi raccolti durante il forum sono stati 29 ed è stato possibile accogliere 21 di questi (in appendice viene riportata la tabella Tavola degli input forniti dagli stakeholder secondo forum ). Le sfide e gli impegni individuati sono stati inseriti in una matrice e resi pubblici all interno del documento intitolato Sfide, impegni e azioni per una crescita sostenibile. Considerando che alcuni stakeholder hanno partecipato a entrambi i forum, nell intero processo sono stati coinvolti 55 stakeholder. Un altro importante elemento, che ha orientato la selezione degli indicatori, è la volontà di tendere a rendere conto dei risultati e degli effetti, più che delle attività svolte o delle risorse impiegate. In seguito è cominciata la raccolta dei dati per il calcolo degli indicatori selezionati. Presentando i dati in questo Rapporto ci prendiamo conseguentemente l impegno di migliorarli nel futuro, focalizzandoci non sul mero rispetto di requisiti elementari, ma piuttosto sulle soluzioni di eccellenza date ai problemi individuati. In particolare, per ribadire in maniera più categorica la nostra volontà abbiamo individuato un obiettivo relativo a ogni impegno preso. L arco temporale degli obiettivi è stato scelto a 5 anni, per avere a disposizione il tempo necessario al perseguimento di obiettivi sfidanti ma concretamente raggiungibili, e per integrarli con il piano strategico aziendale. Infine ci impegniamo a rendere noti i feedback relativi al giudizio degli stakeholder coinvolti durante il processo, riguardo alla qualità del percorso di rendicontazione seguito e sul documento prodotto. CritICItà Nell individuazione del perimetro di rendicontazione la nostra volontà ci spingeva a considerare tutte le filiali di Barilla nel mondo. Purtroppo, nell ambito di questo primo Rapporto di Sostenibilità, che ha per noi una valenza sperimentale, non è stato possibile recepire talune specificità relative a tutti i mercati e i marchi del Gruppo, e di conseguenza non in tutte le filiali è stato possibile utilizzare l intera lista degli indicatori scelti. In particolare, a fianco viene presentata una tabella in cui vengono riportate le percentuali di indicatori utilizzati per ogni filiale rispetto all intera lista. In appendice, nella tavola degli indicatori, è possibile verificare il perimetro di rendicontazione di ogni singolo indicatore. Non è stato possibile far rientrare nel perimetro di rendicontazione l azienda controllata Lieken, in quanto l impresa è attualmente soggetta a processi di cambiamento e riorganizzazione. Inoltre le sue attività si differenziano fortemente dal business caratteristico di Barilla. Nonostante ciò l obiettivo che ci poniamo è di giungere in breve tempo all inclusione di tutte le filiali Barilla utilizzando un modello unico di rendicontazione. Per fornire al lettore informazioni il più possibile trasparenti, è stato riportato per ogni dato che non riguarda tutte le filiali, il perimetro a cui si riferisce. 64 input raccolti durante i forum Società del gruppo e percentuali di indicatori utilizzati Harry s (Francia) 52% Harry s (Russia) 29% Barilla (USA) 56% Yemina e Vesta (Messico) Wasa (Germania e paesi scandinavi) 38% 56% Wasa (Norvegia) 40% Filiz (Turchia) 56% Misko (Grecia) 56% Number 1 (Italia) 60%

10 Timeline degli eventi rilevanti 2008 Secondo forum per il coinvolgimento degli stakeholder nel processo di rendicontazione 2008 Primo forum per il coinvolgimento degli stakeholder nel processo di rendicontazione 2007 Assessment delle attività legate alla sostenibilità dell azienda condotto da FONDACA 2004 Progetto AFIS (Agri-Food Industry Sustainability), primo approccio alla rendicontazione in cui viene analizzato il quadro della sostenibilità dei business della pasta e dei sughi pronti 2003 Libro verde, documento che pone le basi dell approccio alla sostenibilità in Barilla Obiettivi da raggiungere entro il 2014 RAPPORTO CON GLI STAKEHOLDER 1 2 Consolidare una prassi che consenta l effettivo coinvolgimento di tutti gli STAkeholder nei processi che li RIGUARDANO. In questa OTTIca organizzare ALMENO due PANEL annuali connessi al processo di rendicontazione, e altri INcontri RELATIVI a fatti, progetti, attività che, implicando ricadute dirette O indirette su una o più categorie di STAkeholder, ne suggeriscano il coinvolgimento PREVENTIVO al fine di OTTENERE la loro effettiva partecipazione al processo. Rendere NOTO, a SEGUITO di ogni incontro, il modo in cui si è tenuto conto dei diversi contributi, nonché le EVENTUALI azioni che ne saranno conseguite. Approccio INNOVATIVO ALLA RENDIcONTAzIONE 3 Giungere all adozione di un modello di rendicontazione unico DA PARTE di tutto il gruppo Barilla (comprese le sussidiarie all estero) che faccia RIfERIMENTO agli stessi KPI, coinvolgendo SISTEMATIcamente gli STAkeholder E cercando di accogliere il MAGGIOR numero possibile dei suggerimenti MIGLIORATIVI ricevuti.

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli