Ambient Intelligence

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambient Intelligence"

Transcript

1 Ambient Intelligence Seminario Corso Sistemi Telematici Federica Paganelli, Gabriele Bianchi Lab. Integrato Radar e Telematica Tel Sistemi Telematici AA 2005/ /05/2006

2 Cos è l Ambient Intelligence? Una definizione di riferimento è quella fornita dalla Commissione Europea (attraverso l ISTAG, Information Society Technologies Advisory Group): Il concetto di Ambient Intelligence (AmI) consiste in una visione dell'information Society dove l'enfasi è su una maggiore "amichevolezza" verso l'utente, su servizi di supporto più efficienti, e sul sostegno alle interazioni umane. Le persone sono circondate da oggetti con interfacce intelligenti e intuitive, e da un ambiente in grado di riconoscere e reagire alla presenza di individui in modo trasparente, non invadente, spesso invisibile [ISTAG, 2001] The concept of ambient intelligence or AmI is a vision where humans are surrounded by computing and networking technology unobtrusively embedded in their surroundings [Wikipedia] Non è un tipo di tecnologia, ma un nuovo approccio che mette al centro le persone e i loro requisiti per l evoluzione della Società dell Informazione Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/2006 2

3 The most profound technologies are those that disappear. They weave themselves into the fabric of everyday life until they are indistinguishable from it (Weiser, M. The Computer for the 21st Century) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/2006 3

4 Scenari L analisi di scenari è un elemento chiave della visione AmI Scenario: in generale, storia che descrive come il sistema deve funzionare in relazione con il comportamento degli utenti e da cui i progettisti software ricavano i requisiti del sistema da progettare Per i progettisti AmI sono di riferimento gli scenari AmI elaborati dall ISTAG per esemplificare la visione AmI. Si tratta di narrazioni che descrivono servizi futuri(bili) e le modalità con cui le nuove tecnologie di elaborazione distribuita e comunicazione permetteranno agli utenti di usufruire di servizi avanzati, personalizzabili, e di interfacce intelligenti, adattive e non invasive. Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/2006 4

5 Scenario Carmen: traffic, sustainability & commerce (1) It is a normal weekday morning. Carmen wakes and plans her travel for the day. She wants to leave for work in half an hour and asks AmI, by means of a voice command, to find a vehicle to share with somebody on her route to work. AmI starts searching the trip database and, after checking the willingness of the driver, finds someone that will pass by in 40 minutes From that moment on, Carmen and her driver are in permanent contact if wanted (e.g. to allow the driver to alert Carmen if he/she will be late)... While taking her breakfast coffee Carmen lists her shopping since she will have guests for dinner tonight Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/2006 5

6 Scenario Carmen: traffic, sustainability & commerce (2) She would like to cook a cake and the e-fridge flashes the recipe. It highlights the ingredients that are missing. She completes the shopping on the e-fridge screen and asks for it to be delivered to the closest distribution point. This can be a shop, the postal office or a franchised nodal point for the neighbourhood where Carmen lives. All goods are smart tagged, so that Carmen can check the progress of her virtual shopping expedition, from any enabled device at home, or from a kiosk in the street. She can be informed during the day on her shopping, agree with what has been found, ask for alternatives, and find out where they are and when they will be delivered Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/2006 6

7 Vision Ambient Intelligence Technology is: Invisible Use/functions are immediately apparent Ubiquitous: Available anywhere, integrated in physical environment & objects around us Intelligent: Relevant to user & context-aware Unobtrusive Radically rethink the human- computer interactive experience: Integrate digital world (information & services) and physical world (physical objects/environment) Make interfaces more responsive and proactive (objects & environment monitor user and (proactively) present information & services relevant to user s current needs/interests) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/2006 7

8 Livelli di Intelligenza Embedded Contextaware Personalizza ti Adattivi Proattivi Gli oggetti distribuiti nell ambiente hanno capacità computazionali e sono interconnessi Gli oggetti conoscono l utente e rilevano il contesto in cui sta operando Gli oggetti hanno caratteristiche ritagliate sui bisogni dell utente (ad es. rilevati attraverso la specifica delle preferenze dell utente) Gli oggetti rispondono alle sollecitazioni dell utilizzatore e si adattano al contesto (a lungo termine attraverso l apprendimento) Gli oggetti possono prevedere le richieste dell utente senza interazione diretta con lui Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/2006 8

9 Challenges Augment objects/environments with sensing, computing & networking capability Sense & model the user s behavior (offline/online) Infer the user s current interests/intentions Design (proactive) interfaces that offer value without being obnoxious, while being highly relevant Integrate these interfaces in user s physical environment in seamless, natural way: On the body: cell phones, wearables In the environment: architecture, ether, objects Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/2006 9

10 Alcuni ambiti applicativi Conoscenza (apprendimento, cultura, turismo ) Lavoro Mobilità Casa Salute (e-health) e Assistenza (e-care) Tempo libero (intrattenimento, shopping, gaming, ) Media Sicurezza (protezione personale, emergenze, ambiente) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

11 Alcuni ambiti applicativi (2) Conoscenza (apprendimento, cultura, turismo ) es.: applicazioni di knowledge management che forniscono servizi intelligenti di gestione e condivisione delle informazioni, facendo leva sulla conoscenza dell ambiente e della situazione in cui si trova l utente; turismo; formazione Lavoro lavoro in condizioni di mobilità, comunicazione con i colleghi, accesso e gestione di informazioni; soluzioni di mixed reality per aiutare il lavoratore durante i processi decisionali (da: Progetto ARVIKA) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

12 Alcuni ambiti applicativi (3) Mobilità informazioni aggiornate e contestualizzate per prendere decisioni in breve tempo (ad es. partenze e arrivi, appuntamenti, ). I servizi emergenti di trasporto intelligente e infomobilità Casa monitoraggio e regolazione dei parametri ambientali (es. temperatura), sicurezza (es.. accesso fisico delle persone), cura della persona, riposo, lavoro e tempo libero architecture.mit.edu/house_n/placelab.html, omelab/ Infrared beaconcan provide information about expressways and ordinary roads as far as 30 km ahead, and 1 km behind from the car. This information tells you the condition on traffic congestion link-travel-time, regulations, parking lot information, interval-travel-time, etc. The navigation equipment can receive signal from running direction within3.5 m from eachbeacon (VICS project) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

13 Alcuni ambiti applicativi (4) Salute (e-health) e Assistenza (e-care) realizzazione di servizi di prevenzione delle malattie e di assistenza sanitaria nelle abitazioni dei pazienti e/o in condizioni di mobilità. Tempo libero (intrattenimento, shopping, gaming, ) servizi innovativi, personalizzati sul consumatore, grazie alla disponibilità di tecnologie eterogenee: ad es. identificazione delle persone e tracciamento delle merci (shopping) tecnologie multimediali (intrattenimento, gioco) (Philips, 2005) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

14 Alcuni ambiti applicativi (5) Media modalità innovative di interazione con l ambiente intelligente Sicurezza (protezione personale, emergenze, ambiente): servizi per migliorare l efficacia e la tempestività degli interventi Intervento in caso di incidente stradale: il biosensore collocato sul collo del paziente comunica i dati rilevati alla cassetta di pronto soccorso, agli occhiali dell operatore ed a altri dispositivi biomedici. (progetto Palcom, Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

15 Ambient Intelligence Tecnologie Sistemi Telematici AA 2005/ /05/2006

16 Tecnologie di base Ubiquitous Computing Ubiquitous Communication Intelligent Interfaces Context-aware Computing Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

17 Ubiquitous Computing Ubiquitous computing can be defined as the use of computers everywhere. Computers are made available by means of the physical environment, but in an invisible way for the user. Computational services are becoming mobile, as well as user do. Two approaches can be used: To provide the user with mobile devices many heterogeneous wearable devices and enabling personal devices already in use to interact with anv. (mobile phone, PDA, tablet PC). BODY AREA NETWORK (Wearable Computing) Distribute many different devices in the environment: 1. Sensing Architecture: Environment augmented with heterogeneous sensors 2. Service Provisioning: user moves through environments within which local services are provided Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

18 da: ALCAÑIZ, M., REY, B., New Technologies For Ambient Intelligence (2006) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

19 Ubiquitous Communication The user moves within a space where heterogeneous wireless communications islands form an extension of the wired network. The enormous number of wireless network solutions currently available means that we will require an infrastructure capable of supporting services that can adapt to diversity at many different levels including: data transmission, management of energy resources, Quality of Service, user expectations and user profiles. Available resources (e.g. bandwidth) can dynamically vary and services should adapt, minimizing the interaction with the user. Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

20 Wireless Access Network CABLE REPLACEMENT HOME, OFFICE PUBLIC ACCESS range CITY, SUBURBS COUNTRY, REGION WIDE PAN WLAN WMAN WAN GSM ZigBee GPRS EDGE Bluetooth UMTS Wi-Fi b MobileFi HSDPA UltraWideBand a/g/n WiMAX a/d/e LIMITED FULL Mobility 1 kbit/s 10 kbit/s 100 kbit/s 1 Mbit/s 10 Mbit/s 100 Mbit/s Bit Rate 1 Gbit/s Source: M. Dècina, 2004 Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

21 Wireless Coverage Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

22 BAN Rete a cortissimo raggio (1 m) Interconnessione di dispositivi wearable Entertainment: Palmare, Lettore musicale, orologio, Display, auricolare, ecare: sensori per la misurazione di parametri fisiologici Configurazione Ad hoc Vari tipi di dati Facilità di uso (MSWebcare, 2005) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

23 PAN Rete a corto raggio (10 m) Interconnessione di dispositivi personali Cellulare, notebook, palmare Stampanti, mouse, videocamera Sensori Configurazione Generalmente ad hoc Dinamica Diversità di servizi Possibile connessione con rete esterna Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

24 Protocolli di comunicazione, discovery e coordinamento Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

25 Intelligent User Interfaces (1) Le caratteristiche di trasparenza e intelligenza della visione AmI richiedono la definizione di nuovi paradigmi di interazione con l utente, più naturali ed intuitivi. Se la tecnologia si dissolve nell ambiente, è necessario mettere in discussione i tradizionali metodi di input e output verso/da dispositivi tecnologici, come mouse e tastiera è possibile concepire come input gli aspetti ordinari del mondo reale, ad esempio i suoni, i movimenti delle persone e le loro azioni nell ambiente fisico. Una persona estrae una penna da un contenitore: è un gesto naturale. Nell applicazione follow me, di Philips Research, questo basta per comunicare al sistema AmI l intenzione di continuare l attività corrente spostandosi in un'altra stanza della casa. (van Loenen, E.J., On the Role of Graspable Objects in the Ambient Intelligence Paradigm", Smart Objects Conference Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

26 Intelligent User Interfaces (2) In relazione a ciò, gli aspetti che possono caratterizzare un interfaccia intelligente sono: input multimodale. Diverse sorgenti di informazione possono essere ricavate dall ambiente, anche grazie a tecniche di riconoscimento visivo (espressione del viso, gestualità, posizione) audio (conversazione, rilevazione di suoni ricollegabili ad ambienti particolari), o tattile (pressione o spostamento di oggetti). output multimodale. Analogamente a quanto detto sopra, il sistema può presentare all utente informazioni sotto forme diverse (video, audio, tattile), spesso integrandole e coordinandole tra loro. gestione dell interazione. Le interfacce devono adattarsi dinamicamente al contesto e ai particolari aspetti che caratterizzano la situazione che l utente sta vivendo in quel momento. Ad esempio, in una situazione di trasmissione di informazione, in caso di scarsa disponibilità di banda, può essere opportuno preferire dati in formato testuale, evitando immagini e suoni. Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

27 Mobilità e Usabilità da: L. Benini: Metodologie di Progettazione Hardware-Software LS, AA Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

28 Context Awareness Sistemi Telematici AA 2005/ /05/2006

29 Context Awareness Context Awareness: capacità del sistema di localizzare e riconoscere oggetti e persone, e le loro intenzioni, elaborare questi dati per interpretare ed analizzare il contesto e adattarsi di conseguenza, per rispondere in modo ottimale ai requisiti dell utente Adattare i servizi forniti all utente al contesto in cui l utente sta operando. (Riva 2005) si distingue in [Chen & Kotz, 2000]: passive context awareness: il tipo di adattamento al contesto viene scelto dall utente active context awareness: è l applicazione che sceglie il tipo di adattamento e lo attua soluzioni intermedie Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

30 Contesto - definizione Context is any information that can be used to characterize the situation of an entity. An entity is a person, place or object that is considered relevant to the interaction between a user and an application, including the user and applications themselves [Dey & Abowd, 2000] dalla definizione di contesto dipendono le scelte progettuali di sistemi AmI (sensori, dispositivi intelligenti, ecc.) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

31 Esempio: in ufficio Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

32 Categorie CATEGORIE Contesto Fisico Contesto Strumentale Contesto di attività Contesto sociale Profilo utente* per alcuni categoria di contesto DATI dell ambiente: localizzazione, meteo,ecc.; della persona: dati fisiologici,ecc.; riferimento temporale connettività, risorse software/hardware disponibili Dati relativi all attività dell utente Utenti vicini, contesto relativo a gruppi (ad es. famiglia, colleghi, ecc.) Dati del profilo utente/i (Anagrafica, preferenze...) PROVIDER Localizzazione: Esterno: GPS, reti cellulari. Interno: RFID,Bluetooth, Fotodiodi, Microfoni.. Meteo: web service stato della rete, dispositivi con cui l utente deve interfacciarsi.. agenda elettronica, input utente. Ad es. da localizzazione Input utente o dati inferiti tracciando l attività dell utente Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

33 Esempi di applicazioni Funzionalità di Context awareness Adattamento al contesto strumentale Personalizzazione in base al profilo utente Adattamento al contesto fisico Riconfigurazione dell ambiente Reazione ad eventi Contestualizzazione dell informazione Tracking delle azioni dell utente Collaborazione just in time Esempi di Servizi erogabili da applicazioni context-aware Delivery di contenuti Ricerca di informazioni Servizi e transazioni commerciali Monitoraggio di ambienti e Controlli automatici Supporto alle attività di gruppo Decision support system Formazione in rete Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

34 Architettura logica instant messagging tourist guide... home monitoring Context Consumer Context Consumer Context Consumer Context Consumer Context Manager Context Provider Context Provider Context Provider Context Provider Smart tag sensors Environment sensors Device sensors (e.g. smart card) external providers (e.g. web services) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

35 Context Provider Entità che raccolgono i dati rilevanti per la descrizione del contesto. Tipologie di sistemi per la raccolta dei dati: dispositivi hardware (es. sensori, dispositivi intelligenti); software (es. applicazioni di agenda/calendario); l utente stesso (es. input manuale dei dati di descrizione del contesto). Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

36 Context Provider: tecnologie allo stato dell arte Dati di localizzazione utente GPS, reti cellulari (outdoor) RFID, Bluetooth, telecamere (indoor) Dati ambientali Servizi meteo Sensori di temperatura, pressione ecc.. Dati di attività dell utente Applicativi software di calendario e agenda accelerometri, speech detector Aggregazione ed inferenza sui dati precedenti Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

37 Context Provider: RFID una tecnologia emergente Radio Frequency Identification: Tecnologia per la identificazione automatica di oggetti, animali o persone basata sul leggere a distanza informazioni contenute in un tag RFID usando dei lettori RFID Un tag RFID e' costituito da un microchip che contiene dati (tra cui un numero univoco universale scritto nel silicio) e una antenna che permette di ricevere e di trasmettere radiofrequenza ad un transceiver RFID rotolo di etichette RFID (Philips, 2005) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

38 RFID: Caratteristiche tecniche Esistono tre tipologie di tag Passivi: senza batteria si attivano solo in presenza del lettore; distanze lettore/tag 10/20 cm; frequenze 125/134 khz o Mhz. Semi-passivi: con batteria interna per aumentare distanza di lettura; freq. 868/915 Mhz. Attivi: con batteria, trasmettono autonomamente; distanze in decine di mt; freq. > 2,4 GHz. Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

39 RFID: Modalità di utilizzo Quando il tag è attivato, il transceiver legge l ID. Quando il tag è attivato, resta attivo finchè può essere letto dal transceiver, diventa inattivo quando è al di fuori del range di lettura del transceiver Quando un tag è attivato può funzionare da interruttore, attivando o disattivando un evento leggere nuovamente il tag permette di ritornare allo stato precedente Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

40 RFID: Vantaggi Non deve essere vicino per essere letto come le bande magnetiche Non deve essere visibile per essere letto come per i codici a barre Si può anche aggiungere informazioni (65 kb) sui chip in funzione della tipologia del Chip (Read Only, Read Once, Read and Write) L'identificazione e la verifica avviene in 1/10 di secondo La comunicazione può essere in chiaro o crittata Ma.. Problemi di privacy? Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

41 RFID: Applicazioni Le principali applicazioni: Le soluzioni su tag 125/134 khz: tracciabilita' animali (cani e mucche), apertura serrature (settore alberghiero e controllo accessi). Le soluzioni su tag 13,56Mhz standard ISO per la tracciabilità (alimentare, prodotti, etc), borsellini elettronici non bancari (villaggi vacanze, discoteche etc) standard ISO (ad alta sicurezza) per carte bancarie, tessere documenti di identita' elettronici le soluzioni con tag UHF (ISO 18000, 868/915 Mhz ) per la logistica sia interna che esterna d'azienda le soluzioni con tag 2.4GHz per la mobilita' (telepass e similari) e gli interporti Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

42 Context Management (CM) Funzioni principali: Interpretare i dati contestuali grezzi in ingresso; Realizzare una rappresentazione coerente corretta del contesto (modello); Inferire dati non rappresentati in modo esplicito nel modello; Comunicare con le applicazioni Consumer. Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

43 CM: Problemi da affrontare Acquisizione dati: interfacciare sorgenti informative eterogenee, controllare la qualità dei dati in ingresso. Rappresentazione del contesto: modellare il contesto dell utente, scegliere modalità di rappresentazione, scegliere meccanismi di reasoning sul modello. Comunicazione con le applicazioni: scegliere modalità e tecnologie. Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

44 CM: Possibili soluzioni Acquisizione dati: Convertire i dati di input in un formato comune (xml?) Utilizzare meta-dati di qualità allegati ai dati di input (accuratezza, precisione, ecc..) Rappresentazione del contesto: Reti semantiche, topic maps, grafi concettuali Database relazionali Ontologie Comunicazione con le applicazioni consumer Modalità richiesta/risposta e/o publish&subscribe Usare standard che permettano interoperabilità (Web Services) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

45 CM: Ontologie (1) Ontologia è un termine, preso in prestito dalla filosofia, che indica la rappresentazione delle entità appartenenti al mondo/dominio (che si vuol descrivere) e di come queste siano correlate tra loro. Una ontologia può contenere descrizioni di classi, proprietà e loro istanze ed ha una semantica ben formalizzata. I linguaggi utilizzati per descrivere ontologie possono essere: SHOE, XOL, RDF, DAML+OIL e OWL Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

46 CM: Ontologie (2) Il linguaggio di riferimento attuale per le ontologie è OWL (W3C) Vantaggi di OWL [Gu]: la maggior espressività rispetto agli altri linguaggi basati su RDF; condivisione della conoscenza sul contesto tra sistemi diversi, cioè l ottimo grado di interoperabilità; supporta processi automatici di reasoning. Sub-class-of Person Entity is-located-in Sub-class-of Place <owl:ontology rdf:about=""/> <owl:class rdf:id="person"> <rdfs:subclassof> <owl:class rdf:id="entity"/> </rdfs:subclassof> </owl:class> <owl:class rdf:id="place"> <rdfs:subclassof rdf:resource="#entity"/> </owl:class> <owl:objectproperty rdf:id="is-located-in"> <rdfs:range rdf:resource="#place"/> <rdfs:domain rdf:resource="#person"/> </owl:objectproperty> Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

47 CM: Reasoning Ragionamento automatico sulle informazioni contenute dal modello per inferire ulteriori proprietà del contesto corrente. Reasoning basato su regole pre-definite: Logica del primo ordine (predicati del 1 ordine) Logiche temporali (quando la variabile temporale è importante) Description logic (per trattare gerarchie complesse) Fuzzy logic (per dati contestuali incerti, ancora non molto usata) Reasoning su ontologie basato sulla sintassi del linguaggio (ad es. OWL o RDF) Approccio ibrido: regole più ontologie Forme di apprendimento automatico basato su reti bayesiane o neurali (approccio complesso) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

48 CM: Approccio ibrido (1) Sfruttare le potenzialità del reasoning su ontologie con l aggiunta delle regole Esempio di reasoning su OWL: Premessa: is-close-to è una TransitiveProperty Contesto pre-reasoning: Instance-of Anna is-close-to Ada Ada is-close-to Mario Mario Contesto post-reasoning Anna is-close-to Mario Anna Esempio di reasoning su regole (logica 1 ordine): Premessa: regola1 - IF x type Person AND y type Person AND x is-located-in Casa AND y is-located-in Casa -> x is-close-to y Contesto pre-reasoning: Mario is-located-in Casa Anna is-located-in Casa Contesto post-reasoning Mario is-close-to Anna Is-close-to (transitive property) Instance-of Person Instance-of Place Casa Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/ Ada Is-located-in Instance-of

49 CM: Approccio ibrido (2) Esempio di reasoning ibrido: Premessa: OWL: is-close-to è una TransitiveProperty Regola1 : IF x type Person AND y type Person AND x is-located-in Casa AND y is-located-in Casa -> x is-close-to y Contesto pre-reasoning: Mario is-located-in Casa Anna is-located-in Casa Anna is-close-to Ada Contesto post-reasoning Mario is-close-to Anna (in base a regola1) Mario is-close-to Ada (in base alla transitività) Instance-of Mario Anna Is-close-to (transitive property) Instance-of Person Place Instance- Ada Is-located-in Instance-of Casa Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

50 Context Consumer (1) Il termine Context Consumer si riferisce in modo generico a entità (e.g. applicazioni, controllori) che fanno uso dei dati contestuali per adattare il proprio comportamento al contesto. Possibili modalità di adattamento: adattamento del comportamento al contesto dell utente (ad esempio adattamento del contenuto presentato all utente); fornire servizi di assistenza context aware (e.g. fornire informazioni in modo automatico o proattivo); fornire supporto al lavoro collaborativo (e.g. condivisione di risorse) e decision support; riconfigurare l ambiente fisico e/o strumentale (e.g. regolazione temperatura, luci, audio, video, etc.) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

51 Context Consumer (2) Meccanismi di adattamento al contesto: Due fasi: Decisione in base al contesto Rule based: il comportamento adattativo è definito in base ad una serie di regole, che associano a determinati contesti le azioni opportune. Tali regole sono generalmente espresse in termini di condizioni ed azioni. La valutazione è effettuata dal Rule Engine. Machine learning: apprendere il comportamento più appropriato nei differenti contesti basandosi sull esperienza passata Esecuzione dell azione/i Strettamente dipendente dal dominio applicativo (agenti, servizi) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

52 Progetto Kamer Knowledge Management in Ambient Intelligence: technologies enabling the innovative development of Emilia Romagna Sistemi Telematici AA 2005/ /05/2006

53 Il progetto KAMER Knowledge Management in Ambient Intelligence: technologies enabling the innovative development of Emilia Romagna Progetto biennale finanziato dalla Emilia Romagna a cui partecipano: HP Italia, CNIT, UCSC Piacenza. L obiettivo principale è definire nuovi modelli e tecnologie di AmI e Context Awareness che supportino lo scambio di conoscenza tra individui in mobilità. Uno scenario individuato per testare i risultati di tale ricerca è rappresentato dai turisti che visitano il centro storico di Piacenza. Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

54 Lo scenario PiacenzaCityGame Gruppo di turisti dotati di palmare che visitano il centro di Piacenza Percorrono percorsi personalizzati in base al loro profilo (preferenze) e alle condizioni meteo Usufruiscono di contenuti audio/video georeferenziati Possono dialogare tra loro con un sistema di IM che crea community virtuali dinamiche Usufruiscono e contribuiscono alla creazione di una base reputazionale di conoscenza sui servizi turistici della città (ad es. ristoranti). Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

55 Funzionalità del sistema Scelta dell itinerario del turista in base al suo profilo e ai dati ambientali Proposizione di contenuti turistici (audio/testo) in base alla posizione dell utente calcolata con GPS (outdoor) e RFID (indoor); Gestione di un sistema arricchito di IM che rileva per ogni utente eventuali altri turisti nelle sue vicinanze per creare community, rilevando anche l attività corrente di ciascuno; Gestione di un sistema di reputazione dei ristoranti del centro. Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

56 Architettura Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

57 Context Management Funzionalità del Context Manager (CM) : Acquisizione dei dati da sorgenti esterne (e.g Web Service) e conversione in un formato xml comune Creazione/Aggiornamento del modello di contesto Reasoning sui dati di contesto, basato su regole esterne, per inferire ulteriori informazioni contestuali di alto livello (ad es. attività e contesto sociale) Delivery delle informazioni contestuali alla applicazione web sia in modalità push (richiesta/risposta) che in modalità pull (publish & subscribe) Gestione distribuita delle informazioni contestuali degli utenti tra due istanze del Context Manager uno centrale e uno dedicato per un museo (scenario indoor) Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

58 Architettura CM Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

59 Dettagli implementativi Modulo sviluppato in J2EE su Tomcat 5.5 e MySql 4.2 La comunicazione tra le due istanze di CM e tra CM e applicazione web è realizzata tramite web services (SOAP). I dati di contesto sono rappresentati in xml secondo uno Schema Kamer condiviso Il modello di contesto è realizzato attraverso una ontologia scritta in linguaggio OWL memorizzata nel database La gestione del modello di contesto ed il reasoning è effettuato utilizzando la libreria Jena (API Java) La trasformazione del formato dei dati contestuali tra lo Schema Kamer e OWL è realizzato tramite XSLT Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

60 Component Diagram Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

61 L equipment del turista Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

62 Piacenza City Game La mappa geografica del PCG... Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

63 Riflessioni finali Alcune delle problematiche da affrontare: la standardizzazione di modelli di rappresentazione del contesto basati su ontologie, allo scopo di facilitare il knowledge sharing e ridurre lo sforzo necessario per la progettazione di ontologie ad hoc per sistemi AmI specifici la gestione della qualità dei dati di contesto Oltre a queste problematiche di carattere tecnologico, la progettazione di un sistema di context awareness dovrà tener conto dei seguenti requisiti di alto livello: controllo da parte dell utente, ovvero permettere all utente di poter definire il comportamento adattativo delle applicazioni context-aware, in base ai propri requisiti protezione della privacy degli utenti: la raccolta e gestione dei dati di descrizione del contesto deve essere fatta con metodologie e tecniche che garantiscono il più possibile la privacy degli utenti Sistemi Telematici Ambient Intelligence 23/05/

Sistemi context-aware per la gestione di informazioni multimodali

Sistemi context-aware per la gestione di informazioni multimodali Sistemi context-aware per la gestione di informazioni multimodali Augusto Celentano, Ombretta Gaggi Primo Workshop Annuale del Dipartimento di Informatica, Mestre, 2 marzo 2006 Nuovi scenari per l informatica

Dettagli

Commercio elettronico mobile e pervasive computing

Commercio elettronico mobile e pervasive computing Commercio elettronico mobile e pervasive computing Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Mobile commerce mobile

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

I vantaggi delmobile CloudComputing

I vantaggi delmobile CloudComputing I vantaggi delmobile CloudComputing Domenico Potena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università Politecnica delle Marche ICT e crescita digitale: il progetto Marche Cloud Regione Marche, 21/11/2013

Dettagli

Ubiquitous GI services: un inquadramento

Ubiquitous GI services: un inquadramento Franco Vico DITer Politecnico di Torino e-mail franco.vico@polito.it Location Based Services Ubiquitous GI services: Ubiquitous computing un inquadramento Conferenza Tematica AMFM 2006 21-22 Settembre

Dettagli

Innovazione nelle strategie d azienda e nelle tecnologie

Innovazione nelle strategie d azienda e nelle tecnologie Innovazione nelle strategie d azienda e nelle tecnologie Graziella Spinelli Telecom Italia Lab, tema.mobility Consortium Andrea Bragagnini Telecom Italia Lab, Enabling Technologies for Innovation Nuovi

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Relatore Prof. Ing. Stefano Russo Correlatore Ing. Domenico Cotroneo Candidato Armando Migliaccio matr. 41/2784

Dettagli

Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati

Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati Prof. Gianluigi Ferrari Wireless Ad-hoc and Sensor Networks Laboratory http://wasnlab.tlc.unipr.it gianluigi.ferrari@unipr.it Dig.it 2014 - Giornalismo

Dettagli

Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 2012/2013 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP 1)

Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 2012/2013 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP 1) Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 0/03 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP ) Obiettivo didattico Descrivere gli elementi caratteristici delle tecnologie informatiche Numero item definire i

Dettagli

GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF

GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF ==> Download: GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF - Are you searching for Gestire La Reputazione Online Books? Now, you will be happy that

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Introduzione all Ubiquitous. Computing. Vision

Introduzione all Ubiquitous. Computing. Vision 1 Introduzione all Ubiquitous Computing Vision The most profound technologies are those that disappear. They weave themselves into fabric of everyday life until they are indistinguishable from it. Mark

Dettagli

I nuovi scenari nel mercato italiano delle tecnologie e delle applicazioni wireless

I nuovi scenari nel mercato italiano delle tecnologie e delle applicazioni wireless I nuovi scenari nel mercato italiano delle tecnologie e delle applicazioni wireless 5 Italian Wireless Business Forum Milano, 11 e 12 Aprile 2006 Stefano Longhini, Managing Partner, Communications Industry

Dettagli

Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero

Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero Michele Ruta Politecnico di Bari Crescenzio Scioscia Policlinico di Bari SMAU Business 2010 10-11

Dettagli

Architettura Open Data

Architettura Open Data Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Open City Platform Architettura Open Data OCP e Open Data architecture OCP e Open Service OCP intende favorire

Dettagli

1 di 5 18/10/2012 01:36

1 di 5 18/10/2012 01:36 Server: localhost Database: corsi_parole_poli Tabella: orientamento Mostra Struttura SQL Cerca Inserisci Esporta Importa Operazioni Svuota Elimina Visualizzazione record 0-158 (159 Totali, La query ha

Dettagli

Reti dati senza fili

Reti dati senza fili Reti dati senza fili Ing. Mario Terranova Ufficio Servizi sicurezza e Certificazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione terranova@cnipa.it SOMMARIO Tipologie di reti dati

Dettagli

Big Data: il futuro della Business Analytics

Big Data: il futuro della Business Analytics Big Data: il futuro della Business Analytics ANALYTICS 2012-8 Novembre 2012 Ezio Viola Co-Founding Partner & Direttore Generale The Innovation Group Information Management Tradizionale Executive KPI Dashboard

Dettagli

DomoNet e DomoPredict: due framework open-source per l'interoperabilità domotica e l'ambient Intelligence

DomoNet e DomoPredict: due framework open-source per l'interoperabilità domotica e l'ambient Intelligence Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A Faedo (ISTI) Laboratorio di domotica DomoNet e DomoPredict: due framework open-source per l'interoperabilità domotica e l'ambient Intelligence Dario

Dettagli

Mobile and Ubiquitous computing

Mobile and Ubiquitous computing Mobile and Ubiquitous computing L utente Nel Attualmente, Mobile 1980, è in Personal grado Computer portare con che se si può un collegare dispositivo via di modem calcolo Introduzione, PDAIPdispositivi

Dettagli

Università e trasferimento tecnologico

Università e trasferimento tecnologico UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA INDUSTRIALE INFORMATION AND COMMUNICATION TECHNOLOGIES (CIRI-ICT) Prof. Marco Chiani Direttore Responsabili scientifici: Prof. F. Callegati,

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

05 Novembre 2008 Servizi Mobili di localizzazione: il telefono cellulare diventa apparato di localizzazione e centrale di controllo

05 Novembre 2008 Servizi Mobili di localizzazione: il telefono cellulare diventa apparato di localizzazione e centrale di controllo 05 Novembre 2008 Servizi Mobili di localizzazione: il telefono cellulare diventa apparato di localizzazione e centrale di controllo Nicola De Mattia Amministratore Delegato UbiEst SpA Location Based Services

Dettagli

EUDATA GREENY. Gestione Intelligente dell Energia

EUDATA GREENY. Gestione Intelligente dell Energia EUDATA GREENY Gestione Intelligente dell Energia NETWORK About 100 PROFFESSIONALS HQ in MILAN, ROME, BARI GESTIONE INTELLIGENTE DELLE INFORMAZIONI ENERGETICHE DI UN EDIFICIO 3 COSTO DELL ENERGIA In Italia

Dettagli

Allegato 1 Capitolato tecnico Lotto 1 Rif. CIG 41947988CF

Allegato 1 Capitolato tecnico Lotto 1 Rif. CIG 41947988CF Allegato 1 Capitolato tecnico Lotto 1 Rif. CIG 41947988CF 1. Finalità del programma Il sistema SW da realizzare deve consentire la gestione dei dati di accelerazione provenienti da un braccialetto elettronico

Dettagli

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Liliana Ardissono Gruppo di Intelligent User Interfaces Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino liliana@di.unito.it

Dettagli

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch drag & drop visual programming appinventor realizzazione app per Google Android OS appinventor è un applicazione drag & drop visual programming Contrariamente ai linguaggi tradizionali (text-based programming

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

NFC: Il Nuovo Traguardo del Mobile

NFC: Il Nuovo Traguardo del Mobile NFC: Il Nuovo Traguardo del Mobile Tecnologia e scenari applicativi in ambito trasporti e pagamenti Alice Moroni CATTID Sapienza Università di Roma I Laboratori del CATTID All'interno del CATTID, diretto

Dettagli

LO STANDARD LTE COME ELEMENTO CHIAVE PER LA REALIZZAZIONE DELLE SMART NETWORK INFRASTRUCTURES

LO STANDARD LTE COME ELEMENTO CHIAVE PER LA REALIZZAZIONE DELLE SMART NETWORK INFRASTRUCTURES LO STANDARD LTE COME ELEMENTO CHIAVE PER LA REALIZZAZIONE DELLE SMART NETWORK INFRASTRUCTURES VITTORIO MOSCATELLI SALES DIRECTOR TIESSE S.P.A 20 Maggio 2014 INNOVAZIONE MADE IN ITALY TIESSE il Gruppo New

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

Wireless Communications

Wireless Communications Le telecomunicazioni wireless nelle nuove infrastrutture della PA : scenari di mercato Emilio Frezza CNIPA Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Wireless Communications Le telecomunicazioni

Dettagli

Progetto. Spunti per una NUOVA COMUNICAZIONE

Progetto. Spunti per una NUOVA COMUNICAZIONE Progetto Spunti per una NUOVA COMUNICAZIONE lo scenario internet e le nuove tecnologie stanno avendo un ruolo sempre più centrale e importante nella vita quotidiana di ognuno sempre più le persone sentono

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

ANDROID. Domenico Talia. Università della Calabria. talia@dimes.unical.it

ANDROID. Domenico Talia. Università della Calabria. talia@dimes.unical.it ANDROID Domenico Talia Università della Calabria talia@dimes.unical.it Sistemi Operativi per Mobile! I sistemi operativi per sistemi mobili seguono i principi dei SO classici ma devono gestire risorse

Dettagli

Attuatore a relè Manuale di istruzioni

Attuatore a relè Manuale di istruzioni Attuatore a relè Manuale di istruzioni www.ecodhome.com 1 Sommario 3 Introduzione 4 Descrizione e specifiche prodotto 5 Installazione 6 Funzionamento 6 Garanzia 2 Introduzione SmartDHOME vi ringrazia per

Dettagli

Security Summit 2011 Milano

<Insert Picture Here> Security Summit 2011 Milano Security Summit 2011 Milano Information Life Cycle: il governo della sicurezza nell intero ciclo di vita delle informazioni Jonathan Brera, KPMG Advisory S.p.A. I servizi di Security

Dettagli

Service Design Programme

Service Design Programme Service Design Programme SERVICE DESIGN - cosa è Il Service Design è l attività di pianificazione e organizzazione di un servizio, con lo scopo di migliorarne l esperienza in termini di qualità ed interazione

Dettagli

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI LE RETI DIGITALI Interconnessioni elettroniche tra imprese e soggetti economici in cui si svolgono comunicazioni e transazioni Costituiscono la base su cui nell era

Dettagli

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese Titolo: Studio e sviluppo di applicazioni innovative basate su tecnologia di sensori indossabili Descrizione: Le body sensor networks (BSN) sono costituite da piccoli dispositivi che posti sul corpo umano

Dettagli

Meerkat@HealthCare. Tracking Solutions. Patient Tracking RTLS. Monitoring

Meerkat@HealthCare. Tracking Solutions. Patient Tracking RTLS. Monitoring Meerkat@HealthCare Tracking Solutions Patient Tracking RTLS Monitoring Meerkat@HealthCare Identificazione dei pazienti e Associazione tra paziente e cura Localizzazione in Tempo Reale di pazienti, operatori

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it ICT e SmartGrid Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it Sommario Introduzione Nuove Architetture dei Sistemi Elettrici Motivazioni, requisiti, caratteristiche Comunicazioni Dispositivi Un esempio Applicazioni

Dettagli

WEB 2.0. Andrea Marin

WEB 2.0. Andrea Marin Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGIE WEB PER IL TURISMO - 1 a.a. 2012/2013 Section 1 Significato di Web 2.0 Modelli

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

TECNOLOGIE REALTIME DATA INTEGRATION

TECNOLOGIE REALTIME DATA INTEGRATION TECNOLOGIE REALTIME DATA INTEGRATION I sistemi ICT a supporto dell automazione di fabbrica sono attualmente uno dei settori di R&S più attivi e dinamici, sia per la definizione di nuove architetture e

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY. Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia.

MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY. Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia. MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia. MerloMobility l infomobilità del Gruppo Merlo. MerloMobility controllo totale. MerloMobility offre vantaggi in esclusiva

Dettagli

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ch.mo prof. Massimo Ficco candidato Alessandro Ciasullo Matr. 831/166 Obiettivo Progettazione ed implementazione

Dettagli

Comunichiamo?.. anzi.. Gennaro Panagia - IBM Italia Infrastructure Access Services Leader, IBM Italia...Collaboriamo!

Comunichiamo?.. anzi.. Gennaro Panagia - IBM Italia Infrastructure Access Services Leader, IBM Italia...Collaboriamo! Comunichiamo?.. anzi.. Gennaro Panagia - IBM Italia Infrastructure Access Services Leader, IBM Italia..Collaboriamo! IBM Global Technology Services I processi decisionali delle organizzazioni sono fatti

Dettagli

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati.

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. Progetto Michelangelo Click4Care - ThinkHealth System Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. 1 Storia Pfizer ha sviluppato negli ultimi anni know-how nel

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO CHI SIAMO Workablecom è una Software House nata a Lugano con sede in Chiasso ed operante in tutto il Canton Ticino. E un System Integrator che crea e gestisce soluzioni

Dettagli

Get Instant Access to ebook Guida Agli Etf PDF at Our Huge Library GUIDA AGLI ETF PDF. ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF

Get Instant Access to ebook Guida Agli Etf PDF at Our Huge Library GUIDA AGLI ETF PDF. ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF GUIDA AGLI ETF PDF ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF GUIDA AGLI ETF PDF - Are you searching for Guida Agli Etf Books? Now, you will be happy that at this time Guida Agli Etf PDF is available at our online

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

VODAFONE CITIES. Big Data & Mobile Analytics: soluzioni al servizio di PA e Cittadini. per le SMART. Bologna, 24 Ottobre 2014

VODAFONE CITIES. Big Data & Mobile Analytics: soluzioni al servizio di PA e Cittadini. per le SMART. Bologna, 24 Ottobre 2014 VODAFONE per le SMART CITIES Big Data & Mobile Analytics: soluzioni al servizio di PA e Cittadini Bologna, 24 Ottobre 2014 Sergio Gambacorta Cities Program Manager Vodafone Italia La value proposition

Dettagli

Genova, Port & Shipping Tech 2011 Smart city & city logistics: soluzioni tecnologiche per una smart governance della città. I casi di Pisa e Parma.

Genova, Port & Shipping Tech 2011 Smart city & city logistics: soluzioni tecnologiche per una smart governance della città. I casi di Pisa e Parma. Genova, Port & Shipping Tech 2011 Smart city & city logistics: soluzioni tecnologiche per una smart governance della città. I casi di Pisa e Parma. Paolo Lanari / CEO paolo.lanari@infomobilitysuite.com

Dettagli

Your home comfort has a new shape. Find out how it works

Your home comfort has a new shape. Find out how it works Your home comfort has a new shape Find out how it works CUBODOMO allows you to manage and monitor your entire home s temperature, from WHEREVER YOU ARE CUBODOMO ti consente di gestire e monitorare la temperatura

Dettagli

Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari

Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari Giugno 2013 Rifiuti Urbani: il contesto 1993 1997 2000 2003 2006 2009 2011 2013 AUMENTO DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI 550 kg/ab* 536 kg/ab* 452 kg/ab*

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR

Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR UNA MANIFESTAZIONE DI IN CONTEMPORANEA CON Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR Vincenzo Antonucci Dipartimento ingegneria, Ict e tecnologie per l'energia e i trasporti Le motivazioni per

Dettagli

GoCloud just google consulting

GoCloud just google consulting La visione Cloud di Google: cosa cambia per i profili tecnici? GoCloud just google consulting Workshop sulle competenze ed il lavoro degli IT Systems Architect Vincenzo Gianferrari Pini

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose

Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose Roma, 3 luglio 2015 Giornalismo, diritto di cronaca e privacy Diritto di cronaca e privacy: può succedere che il rapporto si annulli al punto che

Dettagli

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca SinerAccess Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza Sviluppo Innovazione Ricerca Tecnologie RFiD RFId (acronimo di Radio Frequency Identification) è una tecnologia per la identificazione

Dettagli

Lo scenario industriale

Lo scenario industriale Internet of things e nuove tecnologie per l'automazione industriale Fabbrica Futuro Verona 27/6/2013 Lo scenario industriale Fonte: Banca d Italia. Dicembre 2009 Lo scenario industriale A livello aziendale

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Wireless Mesh a banda larga Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless multihop

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale?

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale? Librerie digitali Introduzione Cos è una libreria digitale? William Arms "An informal definition of a digital library is a managed collection of information, with associated services, where the information

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

ATM. Compatibile con diversi Canali di Comunicazione. Call Center / Interactive Voice Response

ATM. Compatibile con diversi Canali di Comunicazione. Call Center / Interactive Voice Response Compatibile con diversi Canali di Comunicazione Call Center / Interactive Voice Response ATM PLUS + Certificato digitale Dispositivi Portatili Mutua Autenticazione per E-mail/documenti 46 ,classico richiamo

Dettagli

L apporto della micro-geolocalizzazione nell operatività dei sistemi di telecontrollo. Fabien RIGAUD ARC Informatique

L apporto della micro-geolocalizzazione nell operatività dei sistemi di telecontrollo. Fabien RIGAUD ARC Informatique L apporto della micro-geolocalizzazione nell operatività dei sistemi di telecontrollo Fabien RIGAUD ARC Informatique Telecontrollo Made in Italy: a step forward for a better life, Milano 29-30 settembre

Dettagli

PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità

PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità Luca Grimaldi e Mauro Prevostini Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura e alle Foreste Dipartimento

Dettagli

giovedì 3 luglio 2003 ore 11.00

giovedì 3 luglio 2003 ore 11.00 Presentazioni dei progetti di master Unit e-service Technologies giovedì 3 luglio 2003 ore 11.00 CEFRIEL - Aula Bellisario Agenda ore 11.00: Maurizio Brioschi Presentazione Unit e-service Technologies

Dettagli

Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo

Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo Convegno La scienza e la tecnica rendono sicuro il lavoro Genova 29-30 Ottobre 2009 Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo Ing. Maria Grazia Gnoni Dipartimento

Dettagli

IL GRUPPO A PORTATA DI MANO

IL GRUPPO A PORTATA DI MANO IL GRUPPO LA CITTA INTELLIGENTE A PORTATA DI MANO SPECIAL-IND L ATTIVITA > Da oltre 55 anni distribuiamo componentistica e sistemi elettronici i di elevata qualità con partner italiani i e esteri > Settori

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli

European Master on Critical Networked Systems Modulo su Mobile Systems

European Master on Critical Networked Systems Modulo su Mobile Systems Modulo su Parte V: Lezione 3: Applicazioni multimediali per dispositivi mobili Una strategia di adattamento video per applicazioni multimediali su dispositivi mobili Docente: Ing. Generoso PAOLILLO Dipartimento

Dettagli

Reti wireless metropolitane

Reti wireless metropolitane Reti wireless metropolitane > servizi > goals & methodologies > business modeling 2005 Univillage MUWINET.org è stata ideata come no profit research lab. > vision, mission & partnership La vision di MUWINET.org

Dettagli

Che cos e'? 11/05/2015 Pionero Digital Innovation

Che cos e'? 11/05/2015 Pionero Digital Innovation NUOVI PORTALI DI SMART GOVERNMENT DEL COMUNE DI MILANO: L ECOSISTEMA DEI SERVIZI DIGITALI PER COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE, SERVIZI ONLINE, TURISMO E SERVIZI DI INFOMOBILITA 11 maggio, 2015 E il primo cantiere

Dettagli

Il Codice della PA digitale Evolvere verso la mobilità e la convergenza

Il Codice della PA digitale Evolvere verso la mobilità e la convergenza Il Codice della PA digitale Evolvere verso la mobilità e la convergenza Raimondo Anello Responsabile Marketing Enterprise & Public Safety Ericsson in Italia Mobilità e convergenza Ericsson per la PA ForumPA

Dettagli

+ TELEMATICA = TELEcomunicazioni + informatica Informatica applicata alle telecomunicazioni

+ TELEMATICA = TELEcomunicazioni + informatica Informatica applicata alle telecomunicazioni Cosa è l I.C.T I.T. (Information Technology) significa INFORMATICA = INFORMazione + automatica Scienza per la gestione delle informazioni in modo automatico, cioè attraverso il computer + TELEMATICA =

Dettagli

Scenari applicativi per i sistemi RFId: le esperienze progettuali di un laboratorio universitario

Scenari applicativi per i sistemi RFId: le esperienze progettuali di un laboratorio universitario Scenari applicativi per i sistemi RFId: le esperienze progettuali di un laboratorio universitario Dott. Samuele Astuti Ricercatore Senior Lab#ID, Università Carlo Cattaneo - LIUC Milano, 22 Ottobre 2009

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Strumenti di Analisi e Simulazione per l'ottimizzazione della Risposta a Crisi Internazionali

Strumenti di Analisi e Simulazione per l'ottimizzazione della Risposta a Crisi Internazionali http://www.corisa.it Strumenti di Analisi e Simulazione per l'ottimizzazione della Risposta a Crisi Internazionali Prof. Vincenzo Loia Ing. Walter Matta Speaker: Giovanni Acampora, PhD CORISA Il Consorzio,

Dettagli

Media coverage analysis: i trends tecnologici 2013 secondo Gartner Volocom aderisce al Repertorio Promopress.

Media coverage analysis: i trends tecnologici 2013 secondo Gartner Volocom aderisce al Repertorio Promopress. Media coverage analysis: i trends tecnologici 2013 secondo Gartner Volocom aderisce al Repertorio Promopress. Volocom è certificata ISO 9001:2008 per la Progettazione, Realizzazione e Implementazione di

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/29

Dettagli