L Editore NUMERO UNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Editore NUMERO UNICO"

Transcript

1 casa editrice

2 DIRETTORE RESPONSABILE Carlo Ricci SEGRETERIA E SERVIZI Silvia Demichelis COORDINAMENTO GIORNALISTICO Luca Tabasso Antonella Ricci PROGETTO GRAFICO Silvia Demichelis Nicoletta Troncon COPERTINA Massimo Ricci DIREZIONE REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE casa editrice l'annuario VIA SANTA GIULIA, NIZZA MONFERRATO (AT) TEL R.A. FAX internet: SEDE LEGALE Corso Matteotti, Torino STAMPA E IMPIANTI FOTOLITOGRAFICI Litografia Fabiano - Canelli (AT) La Direzione non è responsabile dei testi redazionali, delle opinioni espresse dagli Autori, né dei messaggi pubblicitari pubblicati in conformità alle richieste dell inserzionista. Gli articoli elaborati a cura della Redazione di Piemonte Energia Ambiente sono stati predisposti su atti, documenti e dati reperiti presso la Regione Piemonte - Assessorato Ambiente ed Energia, Assessorato Agricoltura e Assessorato Politiche per la Montagna Foreste e Beni Ambientali. La Casa Editrice informa che i dati pubblicati, relativi alle schede tecnico-anagrafiche, sono inseriti gratuitamente e potranno essere rettificati o cancellati, sempre gratuitamente, su richiesta degli interessati. I dati (forniti anche verbalmente in passato dalle Aziende alla Casa Editrice) vengono trattati in modo lecito, secondo correttezza e in conformità alla Legge 675/96 sulla tutela della privacy; sono inoltre registrati, organizzati e conservati in archivi e utilizzati per l invio di proposte commerciali e promozionali. La Casa Editrice declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali omissioni ed errori contenuti in questa edizione. NUMERO UNICO Stampa: Maggio 2 Pubblicità inferiore al 45% PIEMONTE ENERGIA AMBIENTE si propone un duplice obiettivo: da un lato, diffondere una conoscenza completa e imparziale di materie tanto importanti per il benessere della popolazione e la tutela del territorio, dall altro di presentare un resoconto del lavoro svolto negli ultimi anni dalle numerose realtà coinvolte. L intendimento è quello di formare e informare, offrendo un quadro articolato e aggiornato dei diversi settori di intervento ambientale ed energetico, sia in un ottica di sensibilizzazione dell opinione pubblica, che di esposizione delle strategie adottate in ambito regionale, nazionale ed europeo. Questa pubblicazione, pertanto, non si rivolge ai soli addetti ai lavori, ma ambisce a rappresentare un utile strumento di studio, lavoro e riflessione per un pubblico più vasto, incluso il mondo della scuola. É doveroso ricordare che per la realizzazione di questa monografia la Casa Editrice L Annuario una realtà piemontese ben radicata nella regione, ma forte di una consolidata esperienza in Italia e all estero, testimoniata da due autorevoli periodici specializzati quali ITALIA ENERGIA e ENERGY TECHNOLO- GIES FROM ITALY si è potuta avvalere della preziosa collaborazione di istituzioni, centri di ricerca, imprese, associazioni ed esperti del settore che, con grande sensibilità, hanno fornito un contributo determinante. A tutti un sentito ringraziamento. L Editore TUTTI I DIRITTI RISERVATI Notizie ed articoli possono essere riprodotti solo a seguito di autorizzazione dell Editore e comunque citandone la fonte. PREZZO DI COPERTINA: L (Euro 12,8) Art. 74, comma C, DPR del 26 ottobre 1972, IVA assolta dall Editore. Associato all USPI Unione Stampa Periodica Italiana 1

3 S O M M A R I O L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA 4 La domanda di energia elettrica in Italia nel 1999 (ENEL) 6 L attività petrolifera nel 1999 (Unione Petrolifera) 7 Le previsioni energetiche al 215 (Unione Petrolifera) 9 Il nuovo mercato elettrico e i clienti idonei (Luca Tabasso) 11 Il decreto per il riassetto del mercato del gas naturale (Luca Tabasso) 13 Il Libro Verde per le energie rinnovabili (Luca Tabasso) 15 Il Portafoglio Verde per le fonti rinnovabili (Redazione Piemonte Energia Ambiente) 16 L Autorità per l energia elettrica e il gas 16 I vertici di Enea, Eni ed Enel 17 Le Società del Gruppo Enel 18 Il Gruppo Italgas, la ricerca e l ambiente (ITALGAS, Tecnica Innovazione e Sviluppo Tecnologico) 19 Il bilancio 1999 del Ministero dell Ambiente (Luca Tabasso) 23 La Delibera Cipe sugli impegni di Kyoto (Redazione Piemonte Energia Ambiente ) 26 La carbon tax (Redazione Piemonte Energia Ambiente ) 28 Il sistema delle Agenzie Regionali per l Ambiente (Intervento delle Regioni alla III Conferenza Nazionale delle Agenzie Ambientali) 3 I costi esterni dei trasporti: produzione, uso e smaltimento dei veicoli (Andrea Molocchi, Responsabile Studi AMICI DELLA TERRA di Roma) L ENERGIA E L AMBIENTE IN PIEMONTE 33 Primi orientamenti per la predisposizione del Piano Energetico Regionale (Redazione Piemonte Energia Ambiente) 37 Strumenti per la promozione di iniziative finalizzate al miglioramento del sistema energetico ambientale piemontese 41 I clienti idonei in Piemonte (Deliberazione della Giunta Regionale n del 7/2/2) 42 Le Province e l energia nel processo di decentramento amministrativo (Giuseppe Gamba, Assessore all Ambiente della Provincia di Torino - Silvio De Nigris, Consulente Ambientale) 44 Le Agenzie Locali per l Energia (Gian Mario Varalda, Direttore Agenzia Provinciale per l Energia del Vercellese e della Valsesia, Coordinamento Agenzie Piemontesi per l Energia) 48 L ambiente in montagna (Alberto Buzio, Presidente della Delegazione Piemontese UNCEM) 5 L industria, l energia e l ambiente (Ermanno Maritano, Responsabile Servizio Energia e Ambiente FEDERPIEMONTE) 54 Dalle piccole e medie imprese particolare attenzione ai temi della sicurezza e dell ambiente (Carlo Taverna, Segretario FEDERAPI Piemonte) 2

4 55 La cogenerazione civile e industriale in Piemonte (Levio Bottazzi, Commissione Energia CISPEL Piemonte) 58 Fonti e tecnologie energetiche per migliorare la qualità della vita (Vanda Bonardo, Presidente Legambiente Piemonte, ONLUS - Gian Piero Godio, Responsabile Settore Energia Legambiente Piemonte, ONLUS) 6 Ecologia e ambiente naturale: quale rapporto? (Paolo Durio, Direttivo ITALIA NOSTRA di Torino, Docente di Ecologia della Facoltà di Medicina Veterinaria, Università degli Studi di Torino) 62 Il sistema energetico del Piemonte (Emidio D Angelo, ENEA) 7 Le pubblicazioni di Agrienergia (Unità Agrienergia, Assessorato Regionale all Agricoltura) 73 Le biomasse di origine forestale (Direzione Economia Montana e Foreste) 75 Experimenta: parco delle energie rinnovabili (Presentazione) 76 L analisi idrologica della Valle Orco (Nicola Brizzo, AEM Torino S.p.A.) 81 Le concessioni idroelettriche per microcentraline di potenza inferiore ai 3 kw non collegate alla rete (Stefano Bechis, Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale) 84 Il Piano d azione RESET per le energie rinnovabili (Roberto Pagani, Gruppo SOFTECH) 85 La certificazione energetica e ambientale degli edifici (Pierluigi Martini, Segretario SEIT) 88 Il Piemonte, provincia petrolifera di vertice in Italia (Raffaele Romagnoli - Riccardo Varvelli, Politecnico di Torino, Docenti della Perforazione Petrolifera e di Produzione e Trasporto degli Idrocarburi) 91 La rete di distribuzione carburanti in Piemonte (Antonella Ricci) 94 Lo smantellamento della centrale nucleare di Trino Vercellese e la sistemazione del combustibile nucleare irraggiato (Ivo Tripputi, SOGIN) 96 Il trattamento e il condizionamento dei rifiuti radioattivi presso il centro ricerche Saluggia (Giuseppe Rolandi, ENEA) 97 L attività della Regione Piemonte in campo ambientale (Assessorato Regionale per l Ambiente e l Energia) 1 Il Progetto GAIA (Redazione Piemonte Energia Ambiente ) 11 La struttura e gli obiettivi dell ARPA Piemonte (Giovanni Teppa, Responsabile Ufficio Stampa ARPA Piemonte) 13 Environment Park: un parco scientifico-tecnologico per l ambiente (Marco Operto, Environment Park) 15 La legge regionale sulla Valutazione di Impatto Ambientale -VIA (Redazione Piemonte Energia Ambiente ) 17 Una legge contro l inquinamento luminoso (L.R. n. 31 del 24/3/2) 18 Una legge contro l inquinamento atmosferico (L.R. n. 43 del 7/4/2) 19 La Regione Piemonte e le bonifiche alla luce delle nuove normative (L.R. n. 42 del 7/4/2) 11 La gestione dei rifiuti nella Regione Piemonte (Redazione Piemonte Energia Ambiente ) PROFILO DELLE AZIENDE CHE OPERANO SUL TERRITORIO NAZIONALE NEL SETTORE ENERGETICO-AMBIENTALE ELENCO AZIENDE PER SETTORE MERCEOLOGICO 3

5 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA La domanda di energia elettrica in Italia nel 1999 Aumentata del 2,3% rispetto al 1998, la domanda elettrica italiana è risultata in espansione soprattutto al centro e nel settore terziario ENEL L a domanda elettrica in Italia nel 1999 è stata di 285,8 miliardi di kwh, con una crescita del 2,3% rispetto all anno precedente, valore leggermente inferiore a quello registrato nel 1998 (+ 2,9% nei confronti del 1997). Tale risultato, positivo nel complesso, sconta una dinamica congiunturale differenziata nel corso dell anno: dopo un primo semestre piuttosto fiacco, nel quale è proseguita la fase riflessiva della domanda iniziata nel corso del 1998, si è osservata, nella seconda parte dell anno, una dinamica decisamente più vivace. La crescita della domanda elettrica è risultata diffusa su tutto il territorio nazionale (+ 1,8% nell area nord occidentale, + 2,3% nell area nord orientale, + 2,5 al centro e + 2,2 nel meridione), con una punta del 3,9% nelle due isole maggiori. LA COPERTURA DELLA DOMANDA L incremento della domanda elettrica al lordo dei consumi per pompaggio nel 1999, pari a 7, miliardi di kwh, è stato coperto da un aumento della produzione netta nazionale per 5,7 miliardi di kwh, e da maggiori importazioni nette dall estero per 1,3 miliardi di kwh. La maggior produzione netta nazionale è derivata esclusivamente da impianti dei Terzi (+ 6,4 miliardi di kwh) mentre la produzione netta da impianti ENEL è risultata in flessione di,7 miliardi di kwh. Circa metà della maggior produzione dei Terzi è stata venduta all Enel ai prezzi incentivati previsti dal CIP 6/92, mentre la metà restante è stata BILANCIO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA Valori provvisori - Milioni di kwh / / 98 Produzione Lorda Idrica Termica Geotermica Eolica e fotovoltaica Consumi per servizi ausiliari Idrici Termici Geotermici Eolici e fotovoltaici Produzione netta Idrica Termica Geotermica Eolica e fotovoltaica Ricevuta da fornitori esteri TOTALE IMMESSO IN RETE Ceduta a clienti esteri Consumi per pompaggi Richiesta Perdite di rete in % della richiesta (6,4%) (6,6%) ,3% 9,%,6% 4,5% 62,4% 1,4% 5,9% 1,% 7,4%,% 2,3% 9,1%,6% 4,3% 62,% 2,2% 2,3% - 41,3% 6,3% 2,3% -,6% CONSUMI Agricoltura Industria - Ind. di Base - Siderurgica - Metalli non ferrosi - Chimica - Materiali da Costruzione - Cartaria - Ind. non di base - Alimentare - Tessile, Abb. e Calzature - Meccanica - Mezzi di trasporto - Lavoraz. plastica e gomma - Legno e mobilio - Altre manifatturiere - Costruzioni - Energia ed Acqua Terziario Usi domestici ,5% 2,9% 1,5% -,1% - 4,2% - 2,8% 1,3% 2,7% 2,9% 3,1% 4,3% - 1,% 2,4% 3,6% 2,6% 1,8% 5,8% 6,% 7,4% 5,% 2,4% Tab. 1 4

6 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA RICHIESTA E CONSUMO DI ELETTRICITÀ PER REGIONI - ANNO 1999 (Valori provvisori - Milioni di kwh) RICHIESTA 99/ 98 CONSUMI 99/ 98 PERDITE 99/ 98 Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ,2% 1,8%,3% 2,3% 3,3% 2,2%,6% 2,8% 2,5% 3,% 2,1% 2,6% 2,1% 3,2% 2,3% 2,3% 2,2% 1,1% 4,3% 3,% ,6% 2,4%,4% 2,3% 3,1% 2,7%,7% 2,7% 2,4% 3,1% 1,8% 2,7% 1,9% 3,% 2,4% 2,3% 3,1% 3,% 5,4% 3,5% ,9% 17,3% 6,7% 4,3% 6,1% 5,2% 4,7% 5,% 6,% 1,4% 5,5% 8,4% 3,5% 7,4% 9,8% 7,3% 9,2% 13,9% 11,5% 5,7% ITALIA ,3% ,5% ,4% Tab. 2 prevalentemente destinata a clienti vecchi (dei distributori) e nuovi (idonei). Complessivamente, la produzione nazionale netta pari a 252,7 miliardi di kwh (+ 2,3% rispetto al 1998) è stata sostenuta per 178,8 miliardi di kwh da impianti dell Enel (-,4%) e per 73,9 miliardi di kwh da impianti di Terzi produttori (+ 9,5%). Alla produzione nazionale netta hanno contribuito la fonte idroelettrica con 51, miliardi di kwh (+ 9,1% rispetto al 1998), la fonte termoelettrica tradizionale con 197,2 milairdi di kwh (+,6%), la fonte geotermoelettrica con 4,1 miliardi di kwh (+ 4,3%) ed infine la fonte eolica e fotovoltaica con,4 miliardi di kwh (+ 62%). I CONSUMI DI COMBUSTIBILI I prodotti petroliferi, utilizzati per coprire poco più del 41% dell intera produzione termoelettrica tradizionale (tale quota nel 1998 era del 5,6%), hanno fatto registrare nel 1999 un decremento del 18% nei consumi, cui corrisponde una minor produzione di 18,9 miliardi di kwh rispetto all anno precedente. Il minor ricorso ai prodotti petroliferi è stato bilanciato dalla crescita del consumo di gas naturale, che ha quest anno raggiunto, per la prima volta, una quota sul totale della produzione termoelettrica nazionale pari a quella dei prodotti petroliferi (41%; era il 33,8% nel 1998). L incremento della produzione da gas naturale è stato di 16,2 miliardi di kwh, con un utilizzo complessivo di 19,8 miliardi di metri cubi (+ 21,7% rispetto al 1998). Il restante 18% della produzione termoelettrica tradizionale è stato coperto dall utilizzo del carbone (+ 2,1% rispetto al 1998) e dagli altri combustibili; in particolare nel 1999 è aumentato l utilizzo dell orimulsion negli impianti Enel, con una produzione di 5 miliardi di kwh. I CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER ATTIVITÀ ECONOMICA L industria, che nel 1998 ha registrato mediamente una crescita del 1,5%, è il settore che nel corso dell anno ha manifestato con più evidenza un andamento ciclico. Dopo i primi mesi, nei quali è proseguita la stagnazione dei consumi elettrici osservata nella seconda parte del 1998, si sono manifestate, negli ultimi mesi del 1999, dinamiche più sostenute. La crescita dei consumi industriali appare interessare tutti i settori, tranne due comparti dell industria di base (siderurgica e metallurgica) per i quali continuano a registrarsi andamenti recessivi, ed il comparto tessile con consumi stagnanti. Una dinamica superiore al trend osservato negli anni scorsi ha interessato sia i consumi elettrici del terziario (+ 5% nel 1999 a fronte del 3-4% degli ultimi anni) che i consumi elettrici del domestico (+ 2,5% a fronte del 1% circa degli ultimi anni). 5

7 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA L attività petrolifera nel 1999 I consumi petroliferi italiani hanno mostrato una flessione del 2,2% rispetto al 1998, a causa di un netto aumento dell utilizzo di gas naturale Unione Petrolifera N el 1999 la fattura petrolifera italiana, ossia l esborso per l acquisto all estero di petrolio, si attesterà intorno ai 18. miliardi di lire. Sebbene in aumento di circa 5.6 miliardi rispetto a quella del che fu eccezionalmente esiguarisulta tuttavia inferiore a quella del 1996 e 1997, ed in linea, sostanzialmente, con le fatture di questo decennio. Questa normalità, che sembra sorprendente alla luce dell elevato livello dei prezzi attuali, si spiega essenzialmente con il valore depresso degli stessi prezzi nel primo trimestre dell anno, cresciuti poi ininterrottamente nei restanti nove mesi. La quotazione media dell anno, per il mix di greggi importati dal nostro Paese, è stata infatti di 17 dollari/barile (contro i 12,6 del 1998). Si tratta, ancora una volta, di una quotazione del tutto armonica con le quotazioni medie degli anni novanta, in presenza di consumi pressappoco equivalenti (compresi tra i 96 milioni di tonn. del 1995 ed i 93 di quest anno). La fattura energetica, che misura il costo di tutta l energia importata, ha avuto un incremento determinato per intero dal petrolio: miliardi di lire (da a 29.6 miliardi di lire). Gli aumenti delle quotazioni del petrolio si trasmettono infatti con un certo ritardo sui prezzi delle altre fonti (soprattutto gas ed energia elettrica), che non hanno quindi subito sostanziali variazioni nel corso dell anno. Per quanto riguarda il 2, le ipotesi di fattura petrolifera, in quanto dipendenti dalle forti incognite sull andamento delle quotazioni del dollaro, risultano estremamente ardue da formulare. Si può comunque prefigurare un ampia forcella che va da 22 mila miliardi di lire, nell assunto ragionevole di una quotazione di 2 d/b e di un valore del dollaro di 1.8 lire, ad un ammontare di oltre 35 mila miliardi nell ipotesi assai pessimista di una quotazione a 3 d/b ed un dollaro oscillante sugli attuali livelli di 1.9 lire. Sempre nel 1999 si deve registrare un discreto aumento (+ 1,7 per cento) della domanda di energia del Paese, attestarsi a 183 milioni di Tep (tonnellate equivalenti petrolio). Si tratta di un incremento di quasi un terzo superiore al tasso di crescita economica, a conferma di una tendenza, già evidenziatasi da qualche anno, ad un allentamento del legame tra i due fenomeni (sviluppo economico/consumi di energia). Quanto al concorso di ciascuna fonte, si nota una sensibile contrazione (- 2,2 per cento) del petrolio, che tuttavia continua a contribuire a più della metà della copertura energetica nazionale (5,7 per cento), ed un forte balzo in avanti (+ 8,7 per cento) del gas naturale, che incide ora per il 3 per cento sulla domanda globale. Per la flessione dei consumi petroliferi è stato determinante l olio combustibile, la cui domanda (19,7 milioni di tonnellate è scesa di oltre il 17 per cento per effetto di una robusta conversione al gas naturale negli usi termoelettrici. Assai più contenuti i decrementi di gasolio riscaldamento (- 2,6 per cento), i cui volumi complessivi sono stati pari a 3,7 milioni di tonn., e della benzina (- 1,1 per cento), con una domanda globale di 17,7 milioni di tonn. In forte aumento, quale conseguenza della ripresa del diesel, il gasolio auto (+ 5,3 per cento), i cui volumi di domanda complessiva (18 milioni di tonn.) hanno superato quelli della benzina. Quanto ai prezzi industriali dei principali prodotti si evidenzia un incremento nel corso dell anno compreso tra il 5 per cento (benzina senza piombo) ed il 6% (gasolio auto). In valore assoluto tali prezzi evidenziano tuttavia incrementi inferiori, seppure di poco, a quelli registrati delle quotazioni internazionali Platt s degli stessi prodotti. Nel 1999, il complessivo gettito fiscale sugli oli minerali è stimato ad oltre 63. miliardi (+2,2 per cento) con un aumento di 1.3 miliardi rispetto al Da notare, in particolare, che le imposte sulla benzina, pari a quasi 32 mila miliardi di lire, hanno subito una lieve flessione per effetto della marginale contrazione dei consumi e per la riduzione, in questo ultimo bimestre dell anno, di 3 lire di accisa, a parziale recupero delle quotazioni del greggio. 6

8 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA Le previsioni energetiche al 215 Entro 15 anni, si assisterà a una progressiva contrazione dei consumi di prodotti petroliferi e a un contestuale aumento della richiesta di gas naturale. E la previsione dell Unione Petrolifera Unione Petrolifera C rescita dei consumi energetici complessivi e conseguente aumento delle emissioni inquinanti, progressiva contrazione della domanda di petrolio e, soprattutto, di carbone e rapida espansione della richiesta di gas naturale. Sono questi i dati principali contenuti nell ultima edizione delle Previsioni di domanda energetica e petrolifera italiana al 2-215, la consueta proiezione annuale dell Unione Petrolifera che raccoglie oltre venti tavole di analisi e statistiche energetiche. Lo studio dell Unione Petrolifera, presentato in febbraio, prevede un incremento dei consumi primari dai 181,4 milioni di tonnellate equivalenti petrolio (tep) del 1999 ai 191 milioni del 25, fino ai 192,9 milioni del 21 e ai 193,5 milioni del 215. L intensità energetica complessiva, rimasta costante dal 199 al 1999, si ridurrà del 13,5% entro il 21 e del 2% al 215. Il consumo energetico pro-capite salirà invece dai 3,2 tep attuali ai 3,3 del 22, rimanendo poi intorno a tale valore per tutto il periodo considerato. In questo quadro - nonostante i miglioramenti di efficienza e il previsto apporto crescente delle fonti rinnovabili - le emissioni di CO 2 cresceranno dai 426 milioni di tonnellate del 1999 ai 435 milioni del 21, per poi scendere a 428 nel 215. A questa data, le emissioni di CO 2 saranno ancora superiori del 7% a quelle del 199. Inoltre, a seguito della contrazione dei consumi, le emissioni derivanti dalla combustione di prodotti petroliferi saranno inferiori del 16% a quelle del 199, mentre quelle del gas naturale risulteranno raddoppiate. Nell ambito del ricorso alle diverse fonti primarie, lo studio prevede una contrazione del carbone, determinata da una minore domanda nei settori cokerie, cementifici e domestico (in crescita, viceversa, la richiesta della termoelettrica); un aumento significativo della richiesta di gas naturale (soprattutto nella termoelettrica) dai 67,9 miliardi di mc del 1999 agli 89 del 21 fino ai 93 del 215; e, infine, un sensibile DOMANDA ENERGETICA PRIMARIA (milioni di tep) Solidi Gas Naturale Import. nette di Energ. Elettr. Prodotti petroliferi Petrolio: C.B.C. (1) Fonti Rinnovabili (2) Totale Domanda 15, 39,1 7,4 92,1 8,2 161,8 12,7 44,9 7,9 95,6 9,7 17,8 11,7 47,8 8, 94,1 1,7 172,3 12,3 56, 8,6 91,6 1,1 11,8 181,4 12,1 57,4 8,8 92,1 1,2 11,6 183,2 11,6 62,5 8,2 91,9 1,4 12,1 187,7 11,3 64,5 7,8 91,4 1,7 12,4 189,1 1,9 66,4 7,3 91,1 1,8 12,7 19,2 11, 68,5 7, 89,3 1,9 13,3 191, 1,3 73,4 5,9 84,4 2,1 16,8 192,9 9,7 76,7 5,4 8,1 2,3 19,3 193,5 Variazione % annua 1,,9 2,3 1,,9,7,6,4,2,1 PIL ( miliardi 1995) Variazione % annua TEP per Miliardo di PIL 1677, ,3 1, ,5 1, ,1 1, ,4 2, ,7 2, ,7 1, ,4 1, ,7 1, ,3 1, ,2 1,6 78 Popolazione presente: milioni a metà anno TEP pro capite 56,9 2,8 56,6 3, 56,9 3, 57,2 3,2 57,4 3,2 57,7 3,3 57,8 3,3 57,9 3,3 58, 3,3 58, 3,3 58, 3,3 (1) Combustibili a Basso Costo: emulsioni di greggi pesanti ad alto tenore di zolfo (Orimulsion) e Olio Combustibile Atz di qualità non conforme alle specifiche di cui si prevede l impiego per uso termoelettrico. A tali combustibili si attribuisce un potere calorifico di 65 Kcal/Kg. (2) Comprende: A - Energia elettrica di origine idrica (al netto dei pompaggi); geotermica; vegetali, biomasse, RSU; eolico, fotovoltaico, energia da pressione. Fonte: Unione Petrolifera Rilevazioni e Analisi Tab. 1 7

9 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA VALUTAZIONE ORIENTATIVA DELLE EMISSIONI DI CO 2 ANNO 199 ANNO 1997 ANNO 1999 ANNO 25 ANNO 21 ANNO 215 M.tep Energia (**) M.tonn CO 2 M.tep Energia (**) M.tonn CO 2 M.tep Energia (**) M.tonn CO 2 M.tep Energia (**) M.tonn CO 2 M.tep Energia (**) M.tonn CO 2 M.tep Energia (**) M.tonn CO 2 Solidi fossili Gas naturale Petrolio (1) 15, 39,1 82, ,7 47,8 83, ,3 56, 81, , 68,5 79, ,3 73,4 74, ,7 76,7 7, Totale (1) I milioni di tep di energia corrispondono al totale consumo del Paese (inclusi i Residui da gassificare per produzione di Energia Elettrica e i combustibili a Basso Costo) al netto del feedstock della petrolchimica, dei lubrificanti, dei bitumi, dei bunker marina e con il carboturbo assunto per i 2/3. Fonte: Unione Petrolifera Rilevazioni e Analisi Tab. 2 incremento delle fonti rinnovabili, il cui peso percentuale raddoppierà al 215 (1%) rispetto al 199. Per quanto riguarda la richiesta di elettricità, l Unione Petrolifera ipotizza una crescita dai 286 TWh del 1999 ai 328 del 21 e ai 386 del 215, sulla base di un tasso medio annuo di aumento del 2,4% fino al 25, dell 1,7% fino al 21 e dell 1,6% nei cinque anni successivi. Nel settore della generazione di elettricità, lo studio prevede un aumento significativo del contributo dei combustibili a basso costo, in prevalenza costituiti da emulsioni di greggi pesanti ad alto tenore di zolfo (Orimulsion). Il consumo complessivo di prodotti petroliferi, dopo la leggera risalita registrata negli ultimi anni, inizierà una graduale ma progressiva contrazione, fino a toccare nel 22 un valore di 84,8 milioni di tonnellate (contro i 94,3 milioni del 1999). Di conseguenza, il contributo della fonte petrolifera al soddisfacimento della domanda energetica totale italiana (51% nel 1999) scenderà al 45% nel 21 e al 43% nel 215. Suddividendo le previsioni per prodotti, la benzina registrerà una sistematica contrazione, dai 17,6 milioni di tonnellate del 1999 ai 13,1 del 215. La domanda di gasoli è attesa invece in costante recupero fino al 24, ma in leggera discesa nel periodo successivo; in particolare, la richiesta di gasolio auto crescerà fino al 25 per poi ridimensionarsi, mentre proseguirà la discesa del gasolio riscaldamento fino alla soglia di consumo (2,5 milioni di tonnellate) attribuibile alle zone geografiche che non saranno servite dal metano. Nel complesso, la domanda di carburanti (gpl, carboturbo, benzina, gasolio auto, gasolio agricolo-marino) raggiungerà nel 25 i 44,3 milioni di tonnellate, ma negli anni successivi scenderà progressivamente fino a toccare nel 215 i 41,7 milioni di tonnellate. Un calo ancor più accentuato riguarderà i consumi di olio combustibile, che a causa della concorrenza del gas naturale e dell Orimulsion nella generazione elettrica passeranno dai 15,6 milioni di tonnellate del 1999 agli 8,8 del 215. L ultimo aspetto affrontato dalle previsioni dell Unione Petrolifera riguarda il parco auto italiano, che vedrà una crescente presenza delle vetture a gasolio, un moderato aumento delle vetture a gpl e il raddoppio delle auto a metano tra il 21 e il 215. I veicoli elettrici continueranno invece ad avere un incidenza del tutto marginale. 8

10 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA Il nuovo mercato elettrico e i clienti idonei Prosegue l attuazione del Decreto Bersani per la liberalizzazione dell elettricità italiana Luca Tabasso N el nostro Paese la data ufficiale di nascita del clienti idoneo, anche se soltanto sulla carta, è il 1 aprile 1999 quando entra in vigore il decreto sull apertura del mercato elettrico n. 79/99 (cosiddetto Decreto Bersani) che all art. 2, comma 6 ne dà la definizione ( la persona fisica o giuridica che ha la capacità, per effetto del presente decreto, di stipulare contratti di fornitura con qualsiasi produttore, distributore o grossista, sia in Italia che all estero ) e all art. 14 ne detta la disciplina di qui al 22. L Autorità per l energia dal canto suo battezza ufficialmente la nuova figura giuridica e professionale, quello che secondo alcuni è o almeno dovrebbe essere il vero vincitore della dura battaglia che si è combattuta per aprire il mercato, il successivo 3 giugno, data di approvazione della delibera n. 91/99 con la quale - in applicazione del decreto elettrico - vengono definite modalità di riconoscimento e di verifica della qualifica di cliente idoneo assieme all istituzione di un apposito elenco aggiornabile. In precedenza ed anche successivamente, la stessa Autorità (come pure l Antitrust, che vigila sui processi generali della concorrenza) erano intervenute per vanificare tentativi di condizionare la scelta dei potenziali clienti idonei di affrancarsi dagli attuali fornitori per stipulare nuovi contratti di fornitura. Significativa in questo quadro la delibera dell Autorità n. 158/99 del 2 ottobre con la quale si è permesso ai clienti idonei, con preavviso di un mese, di recedere dal contratto in essere e cambiare il vecchio fornitore (Enel o imprese municipalizzate). Il provvedimento ha riguardato i contratti annuali (per i pluriennali la facoltà di recesso è regolata dalla delibera n. 78/99 del 22 giugno) che rappresentano più del 99% del totale delle tipologie contrattuali industriali. In tal modo, la clientela potenzialmente interessata all offerta di fornitori alternativi a quelli presenti sul mercato, titolari di regime in esclusiva, ha acquistato il diritto al riesame della durata del proprio contratto anche se rinnovato di recente. Fino a quel momento la facoltà di recesso unilaterale non era prevista e questo limitava notevolmente la possibilità per i nuovi consumatori di cogliere tempestivamente le offerte. Senza dimenticare che, nel caso in cui l avvio della nuova fornitura non fosse stato contemporaneo al termine di scadenza del precedente contratto, il cliente era obbligato a sottoscrivere un nuovo impegno contrattuale con l effetto di dilazionare ulteriormente l arrivo del mercato libero. Fin qui una breve cronistoria e la normativa essenziale di riferimento, ma quello che più interessa è vedere chi sono a tutt oggi i clienti idonei e se il braccio di ferro che ha preceduto ed accompagnato l approvazione del decreto è servito o meno per aprire effettivamente il mercato. Insomma, il mercato libero del quale il cliente idoneo costituisce il punto di riferimento obbligato ed essenziale è davvero in fase di sviluppo oppure il cammino da compiere è ancora molto lungo? L ultimo aggiornamento dell elenco messo a punto sulla base delle comunicazioni fatte pervenire all Autorità, evidenzia una realtà abbastanza variegata in fase di lenta ma graduale evoluzione. Rispetto alle prime comunicazioni, il numero dei clienti idonei è salito ora a 413 con una netta prevalenza dei clienti finali (322) seguiti dai gruppi di imprese e dai consorzi. Più o meno quanto si poteva prevedere sulla base delle attese del mercato e delle inevitabili difficoltà, anche burocratiche e procedurali, sul cammino dei nuovi operatori. Il numero dei consorzi semmai è destinato a diminuire con il tempo, mano a mano che, scendendo la soglia minima individuale per accedere al mercato libero secondo le scadenze del decreto elettrico, diminuisce anche l interesse per queste forme di aggregazione. Di contro, con il gennaio 22 entrano nel mercato i clienti multisito che si aggiungono a quelli singoli, elevando il numero di presenze in questa particolare tipologia. Nella fase più ravvicinata, i consorzi, che inte- 9

11 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA ressano soprattutto la media e piccola industria, saranno peraltro condizionati dall imminente riforma tariffaria annunciata dall Autorità per l energia e quindi dalla loro durata, più o meno prolungata rispetto alle diverse fasi di apertura del mercato. Quanto agli obiettivi che ci si pone, il consorzio sembra la forma giuridica migliore per imprese, come quelle indicate, abbastanza simili in termini di consumo e tipologia di produzione. La società consortile sembra invece più indirizzata per riunire associazioni territoriali di categoria, imprese già di per sè clienti idonei e consorzi. Tra le altre tipologie, era scontato che i grossisti presentassero uno sviluppo iniziale contenuto ma, tutto sommato, il mercato sembra averli attirati fin d ora in maniera significativa. In fondo, questa nuova figura operativa dovrebbe rendere più dinamica la filiera elettrica del libero mercato e quindi potrà esplicare tutti i suoi effetti soltanto successivamente, specie quando sarà attivata la borsa dell energia. Per ora non è un caso allora che il grossista risulti niente di più di un articolazione creata dagli stessi soggetti elettrici integrati (Enel, Edison, alcune municipalizzate con l aggiunta di poche società ad hoc come Energia Spa). L obiettivo, naturalmente, è ben diverso ed è quello di creare veri e propri broker completamente indipendenti. La distribuzione geografica vede la netta prevalenza dei clienti idonei nell Italia settentrionale. Lombardia, Veneto e Piemonte da sole, con 219 soggetti, coprono più della metà del numero complessivo. Al riguardo una ricerca del Rie (Ricerche Industriali ed Energetiche) di Bologna, oltre ad analizzare con efficacia tutti gli elementi, settoriali e quantitativi del processo di liberalizzazione, evidenzia come il ritmo di apertura del mercato, nel corso degli anni, sia maggiore proprio al Nord, caratterizzato dalla presenza di numerose piccole e medie imprese, che rappresentano le soglie di consumo via via più basse previste nelle fasi successive. Quanto ai settori di attività economica più interessati alla liberalizzazione (esclusi i consorzi) sempre il Rie sottolinea come questi siano quelli della siderurgia, della chimica, della meccanica, dei mezzi di trasporto e della carta che già nell ipotesi di minore apertura del mercato costituiscono nel complesso il 51% dei siti eligibili ed il 62% dei rispettivi consumi. I dati resi noti dall Autorità quantificano in circa 44,5 miliardi di kwt i consumi potenziali complessivi dei soggetti idonei. Netta la prevalenza dei clienti finali con 36,4 miliardi di kwt, in significativa salita sul dato precedente. La relativa distribuzione geografica non introduce novità rispetto a quella già illustrata della dislocazione dei soggetti idonei. Le tre Regioni in testa alla classifica (Lombardia, Veneto e Piemonte) con quasi 23 miliardi di kwt coprono da sole oltre il 5% del totale. Se confermate le previsioni che parlano, alla fine del 1999, di consumi complessivi di energia elettrica pari a circa 267 TWh e considerando che il 3% di apertura del mercato, previsto per quest anno dal decreto elettrico risulta pari a 8 miliardi di kwt, la situazione attuale vede dunque aprirsi una fetta di mercato che è poco più della metà di quanto potrebbe essere. E poco, è tanto (considerate le prevedibili difficoltà di avvio)? Appare indubbio che se togliamo dal totale di apertura del mercato l autoconsumo (che è pari a circa il 1% dei consumi) allora l attuale livello di apertura è tale da configurare una certa vivacità. Il contrario, naturalmente, nel caso opposto. Ma il vero problema, in questa fase, non pare tanto quello della domanda quanto quello dell offerta. A fronte infatti di un mercato libero in pieno sviluppo sta il collo di bottiglia rappresentato da un offerta limitata e comunque condizionata. Il riferimento, quantomeno in quelli che possono definirsi i grandi numeri, è ai circa 22 miliardi di kwt delle importazioni appena autorizzate dall Autorità (per ora comunque tutte ancora sulla carta), ai circa 2,5-2,6 miliardi di kwt di produzione Edison (tra centrali dedicate ed eccedenze con elevata regolarità) cui si aggiungono altri 2,5 miliardi di kwt di altri produttori Cip 6/92. Arriviamo a circa 27 miliardi di kwt, ben al di sotto dei 44,5 miliardi appena indicati. Insomma, manca la diversificazione dell offerta e la situazione, nonostante l inaugurazione di qualche nuovo impianto privato già nel 2, non potrà mutare fino a quando non saranno cedute le centrali dell Enel. Sotto questo profilo, dopo il varo del decreto di agosto 1999 che ha creato le tre società per la dismissione degli oltre 15. MW, tutto appare fermo in attesa del decreto di concerto tra Industria e Tesoro che dovrà contenere le modalità di cessione degli impianti. Il decreto elettrico n 79/99 prevede peraltro il termine ultimo del 1 gennaio 23 per il dimagrimento della società elettrica, salva la possibilità di proroga per un altro anno. Secondo gli operatori, tre o addirittura quattro anni nell attuale situazione vorrebbe dire il sostanziale fallimento della riforma elettrica. Ma al ministero assicurano che non sarà così e che si farà di tutto per cedere gli impianti dell Enel in tempi rapidi in maniera da favorire la concorrenza. Resta il fatto che anche in questo caso molti di essi, per stare sul mercato in condizioni competitive, necessitano di trasformazioni e ripotenziamenti. A tutto ciò guardano con molta impazienza e qualche timore i 413 clienti idonei. 1

12 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA Il decreto per il riassetto del mercato del gas naturale Luca Tabasso I l 19 Maggio, il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il decreto delegato sul riassetto del mercato del gas naturale, attuativo della direttiva comunitaria 98/3 CE. Il 14 febbraio di quest anno, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell Industria Enrico Letta, aveva approvato una prima proposta del decreto, che ha poi ricevuto le osservazioni e le proposte di modifica della Commissione Industria del Senato e della Conferenza unificata Stato-Regioni. Di qui la versione definitiva del provvedimento, di cui pubblichiamo di seguito un progetto di sintesi diffuso dalla Presidenza del Consiglio. IMPORTAZIONE E SICUREZZA DEGLI APPROVVIGIONAMENTI L import dai Paesi U.E. è libero. L import dai Paesi non U.E. è soggetto ad autorizzazione MICA sulla base dei seguenti criteri: a) capacità tecniche e finanziarie; b) garanzie sulla provenienza del gas; c) disponibilità di stoccaggio pari al 1% del gas importato annualmente; d) capacità, mediante adeguati piani di investimento, di contribuire allo sviluppo o alla sicurezza del sistema del gas o alla diversificazione degli approvvigionamenti. I contratti Take or pay restano in vigore ma i limiti antitrust alla vendita ed al complesso delle importazioni e della produzione impongono di cedere una parte del gas all interno. In seconda lettura si sono introdotte norme per: consentire al Ministro dell Industria di intervenire nel periodo transitorio per garantire l attuazione degli adempimenti necessari; favorire le attività connesse al Gnl, anche riducendo gli obblighi di stoccaggio; è stata prevista la pubblicazione dei criteri con cui il Ministero dell Industria rilascia le autorizzazioni. PRODUZIONE NAZIONALE TRASPORTO STOCCAGGIO DISTRIBUZIONE Sono previsti incentivi e agevolazioni, anche a valere su un fondo alimentato dalle royalties per: l attività di prospezione geofisica relativa a nuovi giacimenti; la coltivazione di giacimenti marginali. Il trasporto è attività di interesse pubblico: quindi libera, ma soggetta a determinate disposizioni. Sono previsti l obbligo di allacciamento e l obbligo di consentire l accesso alla rete. Viene creato un codice di rete e l attività è sottoposta a controllo dell Autorità. È rinviata ad un decreto MICA a definizione della rete nazionale e di gasdotti in base a criteri tecnici e funzionali. Le tariffe vengono determinate dall Autorità per l energia elettrica e il gas sulla base di criteri stabiliti nel decreto. Le imprese di stoccaggio sono obbligate a fornire il servizio secondo un codice di stoccaggio (introdotto in seconda lettura). Le tariffe vengono determinate dall Autorità per l energia elettrica e il gas sulla base di criteri stabiliti nel decreto. È previsto un incentivo alla conversione in stoccaggio di giacimenti di gas in fase di esaurimento a valere su un fondo alimentato dalle royalties. Oltre all introduzione del codice di stoccaggio, in seconda lettura è stata chiarita la separazione tra coltivazione e stoccaggio e sono stare rafforzate e chiarite le norme per favorire la conversione in stoccaggio di giacimenti di gas in fase di esaurimento, anche attraverso l introduzione di procedure concorrenziali. In coerenza con il d.d.l. 414 sui servizi pubblici: per le concessioni di distribuzione vigenti è adottata la scadenza del 31 dicembre 25 prorogabile, in base a requisiti prefissati, di ulteriori cinque anni; le procedure di affidamento sono basate sulle gare; (segue) 11

13 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA la disponibilità delle reti è affidata all ente locale; il rimborso ai distributori uscenti a regime è pari al valore residuo degli ammortamenti al netto dei contributi pubblici, mentre nel transitorio, per le concessioni in essere, è pari al valore calcolato in base alla normativa vigente in tema di riscatto anticipato delle concessioni ma senza lucro cessante; nel regime transitorio è data la possibilità a tutti i soggetti attualmente concessionari di partecipare alle gare. VENDITA CLIENTI IDONEI SEPARAZIONE DELLE ATTIVITÀ NORME ANTITRUST TARIFFE CLAUSOLA SOCIALE PUBBLICA UTILITÀ RECIPROCITÀ ASPETTI FINANZIARI E SOCIALI In seconda lettura è stato chiarito il carattere autorizzatorio dell accreditamento alla vendita. Si è ridotto ad un solo anno il periodo di deroga ai piccoli distributori per la separazione societaria dell attivtà di vendita. È stata affidata all Autorità per l energia la vigilanza sulla trasparenza dei contratti, con i relativi poteri di intervento. Dalla data di entrata in vigore del decreto sono dichiarati idonei: - Clienti che attualmente consumano più di 2. metri cubi all anno; - Tutti i distributori; Dal 1 gennaio 23: tutti i clienti sono idonei. Sono stati introdotti in seconda lettura i consorzi di imprese (limitatamente a imprese che consumano più di 5. mc/anno). È stato chiarito che i grossisti sono clienti idonei. Entro il 1 gennaio 22: trasporto separato societariamente dalle altre attività, salvo eventualmente dallo stoccaggio; distribuzione separata societariamente; vendita ai clienti finali separata societariamente. I distributori che servono meno di 1. clienti possono separare la vendita solo contabilmente e gestionalmente per un altro anno. A partire dal 1 gennaio 23 e fino al 31 dicembre 21 nessuna impresa può, direttamente o trmite imprese del gruppo vendere ai clienti finali più del 5% dei consumi nazionali su base annua (in tale soglia non è calcolato il gas autonconsumato nell ambito dello stesso gruppo societario). A partire dal 1 gennaio 22 e fino al 31 dicembre 21 nessuna impresa può, direttamente o tramite imprese del gruppo immettere nella rete gas importato o prodotto per quantitativi superiori al 75% dei consumi nazionali su base annua (in seconda lettura il limite è stato portato dal 7% al 75%), ma viene tuttavia anticipato di un anno e annualmente ridotto del 2% fino a pervenire, nel 29, al 61%. In seconda lettura è stato eliminato il potere del MICA di fissare criteri per le tariffe; contestualmente sono state inserite disposizioni che indirizzano l Autorità per l energia verso criteri di tariffazione del trasporto che tengano conto in misura equilibrata delle diverse componenti (capacità delle reti, distanza, quantità trasportate). In seconda lettura sono stati introdotti meccanismi partecipativi e sono stati affidati ai Ministri dell Industria e del Lavoro i poteri necessari per consentire la gestione degli effetti occupazionali nel periodo transitorio. È estesa a tutti i soggetti (e non solo all ENI) la possibilità di ottenere la dichiarazione di pubblica utilità delle infrastrutture del sistema gas. La facoltà delle dichiarazioni è del MICA per la rete di trasporto nazionale, mentre per il resto del trasporto e per la distribuzione la competenza è regionale. Le imprese di altri Paesi U.E. non possono stipulare contratti di vendita con clienti idonei italiani nel caso la stessa tipologia di clienti non sia idonea nei Paesi ove tali imprese, o le imprese che le controllano, hanno sede. In seconda lettura è stata introdotta una attività di monitoraggio del processo di liberalizzazione europeo. In seconda lettura: è stata eliminata la possibilità di individuare oneri di sistema; sono stati chiariti la copertura finanziaria e gli aspetti fiscali. 12

14 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA Il Libro Verde per le energie rinnovabili Raddoppiare la produzione delle fonti energetiche rinnovabili dagli attuali 12,73 Mtep ad almeno 24 Mtep nel 21. È l obiettivo indicato dal Libro Verde, curato dall Enea in accordo con i Ministeri dell Ambiente, dell Industria e della Ricerca. Presentato il 1 ottobre 1999, il documento punta suprattutto sull idroelettrico inferiore a 1 MW e sulle biomasse Luca Tabasso I n poco più di dieci anni, le fonti rinnovabili possono contribuire per circa il 15% al conseguimento della riduzione delle emissioni di gas-serra previste per l Italia dal Protocollo di Kyoto, a creare 1. posti di lavoro e a ridurre la nostra dipendenza energetica dall estero di 11,24 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti petrolio). A garantirlo è il Libro Verde sulle fonti rinnovabili, illustrato il 1 ottobre 1999 dal ministro dell Ambiente, Edo Ronchi, e propedeutico alla stesura del Libro Bianco italiano (attuazione a livello nazionale del Libro Bianco comunitario del novembre 1997). Il documento - il cui orizzonte temporale è il 21, in linea con il Libro Bianco della UE e con le scadenze previste dal Protocollo di Kyoto - ritiene possibile, soprattutto sulla base delle graduatorie del Cip 6/92 già assegnate e di quelle ancora in sospeso, un contributo aggiuntivo al 21 delle rinnovabili, rispetto al 1996, di 11,24 Mtep (da 12,73 a 23,97 Mtep) in termini energetici globali e di MW (da a 25.6 MW) in termini di potenza elettrica. La crescita più significativa riguarderà le biomasse (sia nel settore della produzione di elettricità e calore, sia da che dei biocombustibili), la geotermia, l eolico, la piccola idraulica e i rifiuti; mentre rimarrà modesto il contributo del solare termico e fotovoltaico. A giudizio del Libro Verde, per raggiungere l obiettivo del raddoppio delle rinnovabili entro il 21 saranno necessari investimenti per circa 4. miliardi di lire, di cui i tre quarti circa nel settore elettrico e il rimanente in quello termico e dei biocombustibili. Gli stanziamenti maggiori saranno diretti allo sviluppo dell utilizzo energetico dei rifiuti (7.4 miliardi) e dell idroelettrico inferiore a 1 MW (6.3 miliardi di lire). Gli strumenti economici per sostenere la penetrazione nel mercato delle rinnovabili, sottolinea tuttavia il documento, non dovranno essere incentivi generici, ma piuttosto riconoscimenti del valore strategico di queste fonti e mezzi per riequilibrare il mercato. Ancor più importante degli incentivi sarà comunque la rimozione della barriere che sono attualmente di ostacolo allo sviluppo del settore, a cominciare dall istituzione di un tavolo permanente per il coordinamento e il monitoraggio delle iniziative di ricerca, promozione e diffusione mirato al raggiungimento di una maggiore collaborazione tra i quattro livelli di governo (Commissione Ue, Stato, regioni ed enti locali). Il documento suggerisce inoltre una serie di iniziative per il rilancio delle fonti rinnovabili in Italia. Tra queste, l istituzione, su iniziativa del Governo, di una sede per il coordinamento tra operatori pubblici e organismi preposti alla ricerca, alla diffusione e alla promozione dell industria nazionale, per favorire la realizzazione di un efficace e integrato sistema nazionale di settore; l organizzazione di strutture tecniche di supporto ai diversi livelli pubblici di competenza (Stato, regioni, enti locali); il potenziamento e il coordinamento del ruolo delle agenzie per l Energia; la promozione di iniziative per la creazione di una cultura delle rinnovabili e, in generale, di una più equilibrata coscienza energetico-ambientale a livello politico e di amministrazioni locali e dei cittadini; la razionalizzazione e il potenziamento degli sforzi di ricerca, in particolare per il fotovoltaico e le biomasse, anche mediante l inserimento di specifici progetti strategici nel Programma Nazionale per la Ricerca; il lancio di alcuni progetti strategici, mirati alla diffusione di una cultura delle rinnovabili e, soprattutto, alla organizzazione e razionalizzazione di ampi progetti di ricerca e sviluppo tecnologico; la predisposizione di provvedimenti sostitutivi del Cip 6/92, mirati ad incentivare la produzione di elettricità da rinnovabili, e l introduzione o l estensione di meccanismi idonei a sostenere anche la produzione di calore e i combustibili da fonti rinnovabili; l elaborazione di una posizione nazionale ai fini dell inclusione di tutte le colture non alimentari nella politica agraria comunitaria e della valorizzazione energetica degli scarti agricoli; il coinvolgimento organico delle strutture nazionali operanti sulla certificazione e la redazione delle norme tecniche riguardanti componenti e impianti; l attivazione di programmi e iniziative per sostenere la fase di avvio del processo di penetrazione nel mercato (soprattutto accordi volontari). Tra le proposte spicca poi il potenziamento del ruolo dell Enea, che dovrà porsi come ente pubblico di competenza per la ricerca strategica, lo sviluppo tecnologico e la stima delle risorse e riserve rinnovabili e come garanzia per gli aspetti tecnici riguardanti qualificazione, formazione e informazione. Nel settore della ricerca, le attività dell Enea dovranno integrarsi 13

15 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA con le competenze disponibili nel sistema italiano (Cnr, Università, aziende, istituti di ricerca agraria) ed europeo. Entrando nel dettaglio delle varie fonti, il Libro Verde prevede per l idroelettrico un espansione dai 16. MW del 1996 fino a una potenza complessiva installata al 21 di circa 17.8 MW, di cui 3.3 in impianti di potenza inferiore ai 1 MW. Tale valore, calcolato principalmente sulla base delle graduatorie del Cip 6/92, potrebbe rappresentare il limite di sviluppo di questa fonte, anche se, a detta del documento, notevoli potenzialità inesplorate potebbero essere offerte dalla microidraulica. Il costo unitario medio di investimento nel periodo di riferimento è stimato per l idroelettrico in 5,5 miliardi di lire 97 per MW, per una spesa totale di circa 8.8 miliardi di lire. Per la geotermia è previsto un raddoppio della potenza (dai 5 MW del 1996 ai 1. del 21), a fronte di un costo di investimento di 5 miliardi per MW e di una spesa complessiva pari a 2.4 miliardi di lire. Un fortissimo aumento della potenza installata è programmato anche per l eolico, che, oltre a circa 74 MW delle prime sei graduatorie del Cip 6/92, potrà contare su altri 1.5 MW ancora non accettati. Nel complesso, l eolico arriverà a produrre al 21 circa 3. MW, grazie a un costo medio stimato in 1,5 miliardi per MW e a un investimento complessivo di 4.6 miliardi di lire. Meno rosee sembrano invece le prospettive del solare fotovoltaico, dato l elevato costo dell energia elettrica prodotta dagli impianti connessi a rete (tra le 5 e le 1. lire/ kwh). Al momento, nota il Libro Verde, non è opportuno realizzare altri grandi impianti con intervento pubblico, anche se, nel breve periodo, l impegno pubblico dovrà continuare nella ricerca e nella promozione dei più redditizi segmenti di mercato (soprattutto l edilizia). Nel complesso, non è prevedibile al 21 una potenza fotovoltaica installata superiore ai 3 MW contro i 16 attuali), con un costo di investimento pari a 9 miliardi per MW e una spesa globale di 2.7 miliardi. Per quanto riguarda la produzione di elettricità da biomassa e biogas, le iniziative incluse nelle prime sei graduatorie del Cip 6/92 dovrebbero consentire di giungere entro 3-4 anni a una potenza di oltre 6 MW. Le richieste incluse nelle successive graduatorie ammontano a ulteriori 5 MW. Le biomasse, tuttavia, presenterebbero potenzialità ben superiori: il Libro Verde stima che il contenuto energetico dei soli residui agricoli e forestali, residui agroindustriali, rifiuti organici e reflui zootecnici attualmente prodotti in Italia sia dell ordine di 2-25 Mtep. Tenuto conto delle ulteriori possibilità offerte da coltivazioni dedicate, sarebbe dunque tecnicamente fattibile l attivazione di impianti per complessivi 2.5 MW entro il 21, con costi di unitari stimati in 2 miliardi per MW e un investimento globale di 4.7 miliardi di lire. In merito ai biocombustibili, il Libro Verde ravvisa la necessità che l Italia definisca una propria posizione presso la UE. In caso di idonea evoluzione della politica comunitaria, infatti, vi sarebbe la possibilità di conseguire obiettivi di produzione e di utilizzo dei biocombustibili nell ordine dei 2 Mtep al 21 (rispetto agli,45 Mtep attuali). Assumendo al riguardo una ripartizione tra biodiesel (miscelato al gasolio o usato puro in mercati di nicchia) ed Etbe da etanolo (miscelato al 1% nella benzina senza piombo) pari, rispettivamente, a,5 Mtep e 1,5 Mtep, vi sarebbe la possibilità/necessità di usare allo scopo almeno 1,5 milioni di ettari di terreno. In questo caso, l investimento specifico sarebbe di 1 milione per tonnellata e i costi totali pari a 5 miliardi. Venendo ai rifiuti, il Libro Verde rileva una produzione attuale negli impianti di generazione elettrica prossima agli 8 MW, con la prospettiva di giungere ad oltre 7 MW nel giro di pochi anni grazie alle iniziative avviate con le prime sei graduatorie del Cip 6/92. Considerate ulteriori richieste per 6 MW, si prevede che al 21 la potenza elettrica da rifiuti possa raggiungere i 1. MW. I costi unitari vengono stimati in circa 8 miliardi per MW, tenuto anche conto degli oneri relativi alla produzione del combustibile derivato dai rifiuti, mentre gli investimenti totali si attesteranno intorno ai 7.4 miliardi. Per il solare termico, infine, il documento ritiene possibile l installazione entro il 21 di circa 3 milioni di m 2 di pannelli, con costi unitari medi di 7. lire 97 per m 2 e investimenti nell ordine dei 2.9 miliardi di lire. Un ultimo accenno riguarda il Mezzogiorno, ritenuto la parte del Pese più idonea allo sviluppo delle nuove fonti rinnovabili. Nell Italia centro-meridionale e nelle isole, spiega il Libro Verde, esistono circa 2 milioni di ettari di terreni abbandonati dall agricoltura convenzionale, che potrebbero essere recuperati per produzioni energetiche. In aggiunta, il Sud è caratterizzato da un ottima ventosità e, naturalmente, dai maggiori valori italiani di insolazione ( kwh/m 2 ). 14

16 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA Il portafoglio verde per le fonti rinnovabili Tutti i produttori di elettricità saranno obbligati ad immettere in rete almeno il 2% dell energia prodotta con fonti alternative Redazione Piemonte Energia Ambiente I l 14 dicembre 1999, la Gazzetta Ufficiale ha pubblicato il decreto del Ministero dell Industria Direttive per l attuazione delle norme in materia di energia elettrica da fonti rinnovabili, più conosciuto come Portafoglio Verde. Il provvedimento, attuativo dell art. 11 del decreto n 79/99 sul mercato elettrico, prevede l obbligo per tutti i produttori e gli importatori di elettricità di immettere in rete, a partire dal 22, un quantitativo di elettricità da fonti rinnovabili pari ad almeno il 2% dell energia da fonti tradizionali prodotta o importata nell anno precedente. L obbligo potrà essere soddisfatto anche acquistando l elettricità da rinnovabili (o i relativi diritti) da altri produttori o dal Gestore della rete di trasmissione nazionale (Grtn) o importando, del tutto o in parte, l energia necessaria dall estero. In quest ultimo caso, tuttavia, gli impianti di produzione dovranno trovarsi in Paesi che hanno adottato analoghi strumenti di promozione-incentivazione delle fonti rinnovabili e che garantiscono condizioni di reciprocità ai produttori italiani. Entro il 31 marzo di ogni anno, a partire dal 22, gli operatori soggetti all obbligo dovranno trasmettere al Grtn un autocertificazione che attesti le proprie importazioni e produzioni da fonti non rinnovabili. Il decreto assicura un adeguata remunerazione degli investimenti ai produttori che dovranno realizzare gli impianti alimentati da fonti rinnovabili, grazie a un meccanismo che permette di commerciare liberamente appositi certificati verdi emessi dal Grtn a favore dei produttori. Questi ultimi potranno venderli a prezzo di mercato ai soggetti che hanno l obbligo di adeguarsi alle norme del nuovo decreto. Gli impianti che hanno diritto alla certificazione sono quelli da fonti rinnovabili pure (sole, vento, risorse idriche e geotermiche, maree, moto ondoso, rifiuti organici e inorganici, biomasse) entrati in esercizio successivamente al 1 aprile E previsto tuttavia un riconoscimento anche per gli impianti esistenti, a patto che vengano opportunamente modificati attraverso ripotenziamento, rifacimento o riattivazione. Il singolo impianto potrà ottenere certificati verdi, del valore pari o multimplo di 1 MWh, per un periodo massimo di otto anni. Il Grtn fungerà da polmone del mercato, collocando al prezzo medio ponderato degli incentivi riconosciuti dal Cip 6/92 certificati non riferiti ad alcun impianto destinati a compensare eventuali fluttuazioni produttive. In caso di inadempienze, sono previste diffide da parte dell Autorità per l Energia e limitazioni alla partecipazione alla futura Borsa dell energia. Secondo stime di massima, il valore attribuibile ai certificati verdi dovrebbe collocarsi tra le 97,35 lire/kwh della situazione attuale (potenza da fonti rinnovabili installata pari a 1.19 MW in presenza di incentivi totali per oltre 46 miliardi di lire) e le 131,73 lire/kwh nel caso in cui si completassero tutti i progetti approvati nelle prime sei graduatorie del Cip 6/92, che porterebbero la potenza a 3.48 MW e gli incentivi ad oltre 2.1 miliardi di lire.questi prezzi sarebbero sufficienti a remunerare la produzione da fonti come l idroelettrico e l eolico, ma non le biomasse e, soprattutto, il fotovoltaico. Di qui la necessità di ricorrere ad altri incentivi, come prevede del resto lo stesso decreto sul mercato elettrico, che introduce specifiche procedure di gara da parte delle regioni per ripartire le risorse a tal fine deliberate dal Cipe. 15

17 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS L'Autorità per l'energia elettrica e il gas è operativa dal 23 aprile 1997, quando le furono trasferiti i poteri in precedenza esercitati dal Ministero dell'industria e da altre Amministrazioni dello Stato. Principali compiti: determinare le tariffe dell'elettricità e del gas, fissare i livelli di qualità dei servizi, garantire la soddisfazione degli utenti, sorvegliare gli esercenti, formulare proposte a pareri a Parlamento e Governo sugli assetti dei due settori. I componenti dell'autorità sono indicati dal Governo con l'approvazione, vincolante e a maggioranza qualificata; delle competenti Commissioni parlamentari. L'Autorità non grava sul bilancio dello Stato perchè è finanziata dalle imprese del settore elettrico e del gas sottoposte al suo controllo. Per le necessità del 1999, pari a 49 miliardi, le imprese versano lo,6 per mille dei ricavi dell'anno precedente. Il personale è oggi di 7 unità, poco più della metà rispetto al tetto previsto di 12, di cui 8 in ruolo e 4 a tempo determinato. L'Autorità ha sede a Milano. Prima dell'emanazione dei vari provvedimenti, l'autorità diffonde documenti per la consultazione, contenenti le proprie proposte, come base per lo svolgimento di audizioni con tutti i soggetti interessati. Presidente: Prof. Pippo Ranci; Componenti: Prof. Giuseppe Ammassari, Prof. Sergio Garribba; Direttore Area Elettricità: Dott. A.Pototschnig; Direttore Divisione Tariffe Gas: Dott. Ing. C. Di Macco; Direttore Divisione Assetti Gas: Dott. O.Bernardini; Direttore Divisione Consumatori e Utenti e Direttore Divisione Qualità del Servizio: Dott. R.Malaman; Direttore Ufficio Relazioni Esterne: Dott. D.Gavagnin. Sede: Piazza Cavour, Milano - Tel Fax Internet: I VERTICI DI ENEA, ENI ED ENEL ENEA: Il Consiglio dei Ministri del 3 Aprile 1999 ha nominato, su proposta del Presidente del Consiglio, Massimo D Alema, il prof. Carlo Rubbia (Premio Nobel per la Fisica nel 1984) Presidente dell Enea. L Ente ha anche un nuovo Consiglio di Amministrazione. Si tratta della dott.ssa Loredana Ligabue dell Aster (Agenzia per l innovazione tecnologica della Regione Emilia Romagna), designata dal Ministro dell Industria; dell ing. Angelo Marino, Capo dipartimento innovazione tecnologica dell Enea, designato dal Ministro dell Università e del prof. Paolo degli Espinosa, già presente nel cda dell Ente, designato dal Ministro dell Ambiente. La Conferenza Stato-Regioni aveva nominato il dottor Paolo Togni. Sede: Lungotevere Grande Ammiraglio Thaon di Revel, Roma Tel Fax Internet: ENI S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione dell Eni il 17 giugno 1999 ha confermato Vittorio Mincato come Amministratore Delegato, conferendogli tutti i poteri di amministrazione della società. Il giorno 5 ottobre 1999, il Consiglio di Amministrazione ha eletto quale Presidente il Prof. Gian Maria Gros-Pietro, che ha assunto anche la delega per i rapporto internazionali di rilevanza strategica. Il Consiglio di Amministrazione, oltre che da Mincato, è composto da Umberto Colombo, Luigi De Paoli e Giulio Sapelli (designati dal Tesoro) e da Mario Giuseppe Cattaneo, Alberto Clò e Renzo Costi (designati dai soci di minoranza). Il Consiglio di Amministrazione, su proposta dell Amministratore Delegato, ha poi designato i vertici delle principali società del Gruppo: AgipPetroli: Presidente Gilberto Callera; Amministratori Delegati Giorgio Clarizia e Pietro Franco Tali; EniChem: Presidente Fabrizio d Adda; Amministratori Delegati Carmine Cuomo e Piero Raffaelli; Eni International Holding: Presidente e Amministratore Delegato Angelo Ferrari; Snam: Presidente Salvatore Russo; Amministratori Delegati Domenico Dispenza e Giovanni Distefano; Snamprogetti: Presidente Luigi Patron; Amministratore Delegato Maurizio Gatti; Sofid: Presidente e Amministratore Delegato: Giuseppina Fusco. Saipem, società con azioni quotate in borsa partecipata dall Eni al 43%: Presidente Stefano Cao; Amministratore Delegato Giancarlo Mazzone. Sede: Piazzale Enrico Mattei, Roma - Tel Fax Internet: ENEL S.p.A.: L assemblea degli azionisti dell Enel spa, aperta in prima convocazione il 14 maggio 1999, ha proceduto al rinnovo del Consiglio di Amministrazione, confermando Chicco Testa (Presidente), Franco Tatò (Amministratore Delegato), Claudio Poggi, Carlo Angelici, Vittorio Grilli, Franco Morganti e Lorenzo Pelliccioli (Consiglieri di Amministrazione). Sede: Viale Regina Margherita, Roma - Tel Internet: 16

18 LE SOCIETÀ DEL GRUPPO ENEL Viale Regina Margherita, Roma - Tel Produzione di energia elettrica ENEL Produzione ELETTROAMBIENTE Gruppo Enel Riciclo rifiuti con produzione di energia elettrica Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili geotermiche e alternative ERGA Gruppo Enel ENEL.HYDRO (ex Ismes) Progettazione, realizzazione e gestione di reti idriche Trasmissione di energia elettrica TERNA Gruppo Enel SEI Gruppo Enel Servizi per le imprese e immobiliari Distribuzione e vendita di energia elettrica ENEL Distribuzione DALMAZIA TRIESTE Gruppo Enel Gestione immobiliare Vendita di energia elettrica a clienti idonei ENEL Trade CONPHOEBUS Gruppo Enel Impianti fotovoltaici e tecnologie per gli immobili Illuminazione pubblica SO.L.E. Gruppo Enel ENEL.IT Servizi informatici e telematici Servizi e manutenzioni elettriche ENEL.SI (ex Se.m.e.) SFERA Gruppo Enel Formazione e sviluppo risorse aziendali Produzione di energia elettrica EUROGEN CESI Servizi specialistici e ricerca per il settore elettrico Produzione di energia elettrica ELETTROGEN WIND Telecomunicazioni Produzione di energia elettrica INTERPOWER IT NET Internet provider Impianti stica e sviluppo progetti ENELPOWER Enel Group SOGIN Società gestione impianti nucleari Trading e logistica dei combustibili ENEL.FTL 17

19 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA Il Gruppo Italgas, la ricerca e l ambiente Italgas Tecnica Innovazione e Sviluppo Tecnologico I l Gruppo Italgas rappresenta un importante punto di riferimento nel settore energetico per quanto riguarda la ricerca, l innovazione e l attenzione ai temi ambientali, dell igiene e della sicurezza, in tutti gli aspetti della distribuzione del gas. I tecnici che operano nell Unità Innovazione Tecnologica e presso i laboratori che la Società Capogruppo Italgas possiede ad Asti e a Torino, nelle aree delle rispettive ex officine gas, sviluppano progetti di innovazione e forniscono attività di supporto ai business del Gruppo. Attraverso i progetti vengono seguite e messe a punto - in stretta connessione con i fornitori e altre organizzazioni - tecniche, attrezzature e metodi operativi intesi a migliorare sempre più il rapporto tra la qualità del servizio reso nel distribuire gas e i costi operativi associati. Interessanti in questo filone sono, ad esempio, i lavori intesi a potenziare, nelle attività di distribuzione, l uso dell elettronica, dell automazione e delle telecomunicazioni. Nel settore della utilizzazione del gas si portano inoltre avanti collaborazioni e attività di sviluppo con l obiettivo di contribuire a migliorare e arricchire l offerta di apparecchi e sistemi che permettano elevata sicurezza d impiego, alti rendimenti e buone prestazioni sotto il profilo ambientale. Significative in questo settore sono le attività di messa a punto di bruciatori catalitici a matrice fibrosa, che consentono minori temperature di combustione (caratteristica utile e ricercata in diversi processi produttivi) con accettabili performance energetiche e ambientali. Da ricordare è poi il contributo che tecnici Italgas portano in organizzazioni nazionali e internazionali di ricerca e di normalizzazione (CEN, UNI, CIG, ATIG, UIG, GERG), occasioni di confronto e crescita professionale e di contributo agli indirizzi tecnici nel settore. Per la gestione degli aspetti ambientali il Gruppo si è dotato di apposite strutture organizzative. In particolare presso la Direzione Generale Attività Operative della Capogruppo opera l Unità Salute, Sicurezza e Ambiente che si occupa in modo integrato dei temi caratteristici del servizio di protezione e di prevenzione, dell igiene e della sicurezza nei luoghi di lavoro, delle tematiche ambientali, nonché di quelle energetiche finalizzate all energy management. Le attività di gestione ambientale sono principalmente connesse all uso dell energia e alla tutela del suolo (scavi e ripristini), dell acqua (ciclo idropotabile) e dell aria (emissioni gassose). La gestione razionale delle risorse energetiche, peraltro richiesta dalle normative vigenti, si traduce, oltre che in un minore consumo di fonti non rinnovabili, in minori emissioni gassose in atmosfera. Il Gruppo è particolarmente attivo nel promuovere e adottare soluzioni tecnologiche e gestionali che consentano risparmi energetici: in tale ambito si individuano le azioni, gli interventi e le procedure più idonee e si predispongono dei bilanci energetici. Le attività tecniche connesse ai processi per la distribuzione di gas comportano l immissione in atmosfera di frazioni di metano non combusto. Il contenimento di queste emissioni è un obiettivo primario di tutte le aziende distributrici, sia al fine di evitare spreco di risorse, sia per aumentare le condizioni di sicurezza, nonché per ridurre i possibili effetti sull ambiente. Fra le attività e gli interventi specifici che Italgas attua in questo ambito sono da evidenziare: la ricerca programmata delle dispersioni (effettuata con periodicità stabilita in funzione delle condizioni di esercizio dei diversi tratti di rete e realizzata con strumenti di rilevazione montati su appositi automezzi), la sostituzione delle tubazioni che presentano minori tenute nelle giunzioni e, infine, contro la corrosione delle reti in acciaio, il controllo sistematico dell efficienza della protezione catodica. La posa di nuove tubazioni e gli eventuali interventi di manutenzione e riparazione, comportando operazioni di scavo, rinterro e ripristino del manto stradale, possono avere effetti sull ambiente. Tali attività sono regolamentate dalla normativa tecnica aziendale. Per ovviare in parte agli inconvenienti che gli interventi comportano, Italgas favorisce l applicazione, ove possibile, di tecniche senza scavo, le quali consistono in diversi sistemi di posa o di risanamento di tubazioni stradali che consentono di ridurre considerevolmente le operazioni a cielo aperto sulle sedi stradali interessate, eliminando in parte inconvenienti finora inevitabili come l intralcio al traffico veicolare e la movimentazione di materiali di risulta. Ai fini della sicurezza, la Società Capogruppo è dotata di strutture permanenti per il presidio del pronto intervento su tutto il territorio di competenza. Squadre appositamente addestrate, coordinate attraverso un articolato sistema di comunicazioni, sono a disposizione, ventiquattro ore al giorno, per intervenire ogni qualvolta vengono segnalate, sia da parte dei cittadini sia da parte di strutture aziendali, anomalie interne o esterne al sistema di distribuzione. Anche le attività connesse con l erogazione di acqua, destinata al consumo umano, hanno relazioni con l ambiente. L attenzione agli sviluppi tecnologici e all ottimizzazione dei processi per il trattamento dell acqua ha anche notevoli ripercussioni ambientali ed economiche, oltreché effetti sulla qualità e di conseguenza sulla salute: affinare i trattamenti può comportare la riduzione dei consumi di reagenti chimici e di energia e la diminuzione dei rifiuti prodotti. Analoghe considerazioni valgono per il settore depurazione. Il trattamento è in funzione della qualità del refluo da depurare ed è idoneo a garantire il rispetto delle norme per l immissione dell acqua nel corpo idrico recettore. Il Gruppo Italgas pianifica la gestione dei sistemi idropotabili tenendo conto di tutti gli elementi atti a garantire la qualità dell acqua e la continuità del servizio, nel rispetto di normative vigenti e standard aziendali. Anche con lo scopo di mettere a disposizione le proprie esperienze e capacità acquisite in oltre 15 anni di operatività, il Gruppo è strutturato per svolgere, per conto di altre Società e organizzazioni imprenditoriali del settore, attività di servizio tecnico a tutela dell ambiente (per esempio ricerca dispersioni, analisi chimiche di laboratorio, analisi di qualità delle acque) e della sicurezza (per esempio controllo dell odorizzazione del gas). Per quanto riguarda, infine, gli aspetti divulgativi e di informazione concernenti le attività per la sicurezza e per l ambiente, il Gruppo Italgas pubblica ogni anno, entro il mese di giugno, il Rapporto Salute, Sicurezza, Ambiente che è pubblicato anche sul sito Web Italgas 18

20 L ENERGIA E L AMBIENTE IN ITALIA Il bilancio 1999 del Ministero dell Ambiente Il 2 febbraio 2, il Ministro dell Ambiente ha presentato a Roma il Bilancio 1999 del dicastero. Pubblichiamo di seguito un ampio stralcio della relazione del Ministro Luca Tabasso N el bilancio delle attività del Ministero dell Ambiente del 1998 erano state individuate tre direttrici principali d azione: risanare il deficit ambientale del Paese, avanzare sulla strada dello sviluppo sostenibile, promuovere politiche ambientali innovative. Erano stati inoltre individuati tre problemi principali da affrontare e risolvere con urgenza. La necessità di potenziare le politiche ambientali positive con un incremento degli investimenti ambientali e della capacità di spesa, la riorganizzazione delle competenze ambientali e delle strutture operative del Ministero, il recupero dei ritardi nel recepimento delle direttive europee. Con il riordino dei Ministeri operato con il Decreto Legislativo 3 luglio 1999, n. 3, è stata prevista l unificazione delle competenze dello Stato in materia di tutela dell Ambiente e del territorio. La nuova normativa prevede la nascita di un Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio, l unificazione dell Anpa con la parte dei Servizi Tecnici Nazionali con competenze territoriali, l attribuzione al nuovo Ministero del Corpo Forestale dello Stato per la parte necessaria per far fronte ai comparti statali previsti dalla medesima riforma. La nuova normativa può essere applicata da ora, ma entra obbligatoriamente in vigore dalla prossima legislatura. La strada individuata e tracciata è quella giusta: unificare le competenze dello Stato in materia di tutela dell ambiente e del territorio è indispensabile per fare un salto di qualità nella prevenzione e nella riduzione del rischio derivante da alluvioni e frane. Il Ministero dell Ambiente ha avanzato la proposta di avviare in questa legislatura la riforma costitutiva del Ministero dell ambiente e della Tutela del Territorio; la proposta è all esame della Presidenza del consiglio e del Ministero dei Lavori Pubblici. L INQUINAMENTO DA TRAFFICO La congestione e l inquinamento da traffico nelle città sono percepiti come principali problemi ambientali da parte della maggioranza dei cittadini italiani. A questi problemi è stata dedicata una gran mole di interventi e di iniziative da parte del Ministero dell Ambiente nel Dall impulso dato al Nuovo piano generale dei trasporti in collaborazione con il Ministero dei Trasporti, all incremento delle risorse per il rinnovo del parco autobus e del trasporto urbano su rotaie. Sono state adottate nuove misure normative e tecniche per il controllo della qualità dell aria, per la riduzione delle emissioni di benzene, per la promozione e la diffusione dei veicoli ad emissioni zero o a basso impatto ambientale. Sono stati finanziati 87 progetti in 3 grandi Comuni (per 37 miliardi, cofinanziati con 12 miliardi del Ministero dell Ambiente) che riguardano quattro tipologie: attuazione del Decreto 163/199 (riassetto delle reti di rilevamento, estensione delle aree a circolazione limitata, introduzione di misure road pricing ), diffusione di navette e taxi-bus sperimentali in alcune città, promozione di mobility managers è di car aharing, promozione di motorini elettrici. Con la partecipazione di 9 città è stata promossa il 22 settembre la giornata europea in città senza la mia auto per per promuovere il trasporto pubblico e un azione di informazione e coinvolgimento per una mobilità più sostenibile con un uso più moderato dell auto privata negli spostamenti urbani. Nonostante l ampio consenso registrato in quella giornata da parte dei cittadini (l 83% si è dichiarato favorevole all iniziativa secondo un sondaggio condotto da Databank) non sono mancate le critiche e le polemiche che sono state particolarmente pesanti quando l iniziativa è stata proposta per l inizio del 2, con le domeniche ecologiche che inizieranno il 6 febbraio, per essere poi ripetute nei tre mesi successivi con l adesione di circa 12 città. Il 2 sarà un anno di particolare impegno per la mobilità sostenibile nelle città. Il Ministero dell Ambiente finanzierà nel 2, col sistema dell incentivo e del cofinanziamento, progetti di mobilità sostenibile con 4 miliardi aggiuntivi (2 con fondi del Ministero dell Ambiente e 2 con risorse provenienti dalla carbon tax) con i quali si potranno attivare interventi per importi almeno tre volte superiori. Queste risorse si aggiungono ai 1. miliardi disponibili per il rinnovo degli autobus ed agli incentivi per la sostituzione dei vecchi motorini inquinanti e quelli per i motorini e le auto elettriche, per le auto a metano ed a Gpl. Dopo la carbon tax, attuata nel 1999, è stato avviato il primo pacchetto di misure di attuazione del protocollo di Kyoto, per contrastare l effetto serra ed i conseguenti sconvolgimenti climatici. Queste misure hanno effetti positivi anche sulla riduzione dell inquinamento locale. LA RIFORMA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI L azione energica di riforma avviata con il Decreto Legislativo 22/97 è proseguita anche nel La raccolta 19

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli