Presentazione delle attività dell Ufficio di Collegamento di Bruxelles

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione delle attività dell Ufficio di Collegamento di Bruxelles"

Transcript

1 Presentazione delle attività dell Ufficio di Collegamento di Bruxelles Commissione Europea Parlamento Europeo Consiglio dei Ministri UE Ufficio di Collegamento Regione Friuli Venezia Giulia Bruxelles Bruxelles, Dicembre 2014

2 Presidenza Regione-Servizio Relazioni Internazionali e infrastrutture strategiche - dott. Carlo Fortuna IL TEAM DI BRUXELLES Poclen Luisa - Coordinamento Ufficio Cultura, Sport, Salute e Politiche Sociali Cormons Gino Attività produttive, Turismo, Strumenti finanziari innovativi Sanna Sebastiano Ricerca e innovazione, Agricoltura, Ambiente ed Energia Viviani Raffaella Coesione e cooperazione Simeon Olga Concorrenza e aiuti di stato Servizio cooperazione territoriale e aiuti di stato

3 PREMESSA 2014: Anno cruciale a livello europeo Presidenza della Giunta Regionale ElezionidelnuovoParlamentoEuropeoamaggio2014(conIsabellaDeMontee on Marco Zullo parlamentari eletti del FVG) Nomina di una nuova Commissione Europea Jean Claude Juncker Nomina di un nuovo Presidente del Consiglio Europeo: Donald Tusk Presidenza italiana del Consiglio UE da luglio a dicembre 2014 (la prima Presidenza con le nuove regole introdotte dal Trattato di Lisbona) Semestre con una funzione preparatoria di l EXPO Milano 2015 dal tema Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Il JRC(Joint Research Center-Centro Comune di Ricerca) è l ente coordinatore della partecipazione delle istituzione UE all EXPO AMilanodal1 maggioal31ottobre2015,perunperiododiseimesi

4 CREATIVITA AL LAVORO Il contributo degli studenti Presidenza della Giunta Regionale

5 CENNI SULL ISTITUZIONE DELL UFFICIO 2001istituzione dell Ufficio di Collegamento a Bruxelles 2005 condivisione della sede con: Carinzia (nel 2012 istituzione del GECT Euregiosenza confini FVG, Veneto, Carinzia) Regione Istriana dal 2007, Cantone di Sarajevo Base legale per l istituzione degli Uffici di Collegamento italiani: legge del 1996

6 Commissione europea Parlamento europeo Rappresentanza Permanente dei 28 stati membri presso l UE Comitato delle Regioni (CoR) Comitato europeo economico e sociale (CESE) Istituzioni Nazionali a Bruxelles Regioni e reti di Regioni a Bruxelles Amministrazioni regionali Consiglio regionale Enti locali e Università, Scuole e Istituti Centri di ricerca Mondo Associativo

7 MISSION UFFICIO la promozionedi un dialogo costante con le istituzioni europee al fine di vedere rappresentate nella programmazione le istanze della Regione Friuli Venezia Giulia la collaborazionecon le altre Regioni italiane ed europeepresenti a Bruxelles; l informazionetempestiva e continuativa su tematiche di particolare interesse per la Regione al fine di garantire un maggiore coinvolgimento del FVG nel dibattito politico europeo l adesione ad iniziative di lobbyingmirate alla tutela degli interessi istituzionali del territorio

8 PRINCIPALI ATTIVITÀ Ufficio di Bruxelles Informazione Formazione Networking Lobbying Rappresentanza

9 NETWORK EUROPEI: per facilitare la partecipazione del FVG a programmi finanziati direttamente dall UE ERRIN: European Regions for Research and Innovation CORAL: Regional Policies for Active and Healthy Ageing ARE: Assemblea delle Regioni d Europa REGLEG: European Regions with Legislative Powers ALDA: Association of Local Democracy Agencies

10 NETWORK italiani: per creare sinergie con tutti gli attori del «Sistema Italia» presenti a Bruxelles URC: Uffici di Collegamento delle regioni italiane sottogruppi: ricerca trasporti -sanità GIURI: Gruppo informale degli Uffici di Rappresentanza Italiani impegnati nel settore della ricerca e innovazione G.I.I.: Gruppo di Iniziativa Italiana uno dei soggetti promotori di TECHITALY CLENAD: Associazione degli Esperti Nazionali Distaccati presso le Istituzioni UE In ambito sanità : «Progetto Mattone Internazionale» collaborazione tra referenti regionali e referenti presso Uffici di Bruxelles

11 METODOLOGIA DI LAVORO all interno dei network Duplice livello: Collaborazione tra funzionari degli Uffici di Bruxelles Raccordo e collaborazione tra i funzionari degli Uffici di Bruxelles e gli esperti sul territorio (Enti di ricerca, Università, Direzioni centrali dell Amministrazione regionale ) Obiettivo:migliorare il dialogo con i funzionari delle Istituzioni Europee, inserirsi nei gruppi di lavoro creati dalla Commissione Europea (es. Leadership 2020, settore cantieristica navale Ditenave)

12 OPPORTUNITÀ OFFERTE DAI NETWORK Partecipare a: Gruppi di lavoro tematici Attività di brokeraggio/market place (in raccordo con gli esperti dai rispettivi territori) Favorire la ricerca di partnership Attvità di lobbying presso le Istituzioni Europee Attività che consentono di: Avere informazioni anticipate sull adozione di programmi di lavoro annuali e sulla futura pubblicazione di calls Monitorare la tempistica di adozione dei programmi di lavoro Costituire una massa critica di rilievo per sensibilizzare la Commissione Europea Grande vantaggio dei network europei: Mobilitare più regioni contemporaneamente Creare link con i delegati nazionali all interno dei Comitati di Programma Creare sinergie con altri network

13 CONSIDERAZIONI GENERALI Uffici regionali a Bruxelles : facilitatori nei contatti con le Istituzioni europee, in primis la CE facilitatori nel promuovere la ricerca di partner per la creazione di consorzi promotori partecipazione alle consultation on-lineattivate prima del lancio di un nuovo programma NO progettazione Attività di supporto a favore della sostenibilità dei progetti Al fine di garantire la sostenibilità dei progetti si suggerisce di presentarne i risultati ai funzionari CE: Per valutare insieme nuovi programmi/azioni in cui incanalare gli output dei progetti conclusi Per non disperdere un importante patrimonio di know-how

14 ESEMPI DI PROGETTI attivati per il tramite dell Ufficio di Bruxelles CASA Consortium for Assistive Solution Adoption programma Interreg IVC SmartCare programma Competitività e innovazione CIP, sezione ICT PSP Sperimentazione su larga scala di sistemi di supporto all indipendenza dell anziano ClusTre programma Competitività e innovazione CIP Sviluppo capacità dei partner di gestire programmi cluster al fine di raggiungere l eccellenza ~ Sostegno della Smart Specialisation Strategy ~ Formazione ~ Miglioramento approccio gestionale, internazionalizzazione, integrazione con R&S, politiche industriali e innovazione

15 EVENTI ORGANIZZATI/PARTECIPATI DALL UFFICIO DI BRUXELLES NEL 2014 DESIGN DAYS - settembre 2014 OPEN DAYS Settimana europea delle Regioni e delle città Promozione conferenza finale progetto «HELP»: social housing and active ageing - ottobre ottobre 2014 HIGH LEVEL GROUP Su «Active Ageing Index», studio su invecchiamento attivo CLENAD presentazione Report Annuale e 14 novembre - 20 gennaio 2015

16 EVENTI ORGANIZZATI nell ambito del Semestre Italiano di Presidenza del Consiglio dell Unione europea LA RIPRESA ECONOMICA TRA CREATIVITA E INNOVAZIONE Il ruolo della cultura e dei territori 19 Novembre 2014 presso il Comitato delle Regioni TECHITALY Sessione: «Innovative Infrastructures for Growth» 3 Dicembre 2014 presso il Parlamento europeo

17 Programmi finanziati direttamente dalla CE alcuni esempi: Importo nel periodo Presidenza della Giunta Regionale Web HORIZON ,2 miliardi di euro s/horizon2020/en/whathorizon-2020 COSME 2,3 miliardi di euro nitiatives/cosme/index_en.htm EUROPA CREATIVA 1.462,72 milioni di euro mez.it/content/europa-creativa Salute per la crescita 449,4 milioni di euro ramme/policy/index_it.htm ERASMUS + 1 miliardo e 800 milioni di euro s/erasmus-plus/index_it.htm Trasporti (TEN-T) miliardi di euro eu/?page_id=494

18 HORIZON 2020 programma quadro europeo per Ricerca e Innovazione Sanna Sebastiano

19

20

21

22 Un contesto favorevole: il sistema scientifico FVG Nel cuore dell Europa allargata Importante polo scientifico e tecnologico Una grande comunità di studenti e ricercatori Politiche regionali incentrate su internazionalizzazione del capitale umano Un network di 53 centri di ricerca (CER-Coordinamento Enti di Ricerca FVG, Ente coordinatore: AREA Science Park) Obiettivi strategici: Rafforzare il potenziale di ricerca della regione, attraverso più strette sinergie tra gli enti di ricerca e il tessuto economico sociale della regione (intersettorialità pubblico-privato) la divulgazione scientifica e mediante il potenziamento della capacità d attrazione di capitale umano qualificato.

23 Alcuni dati sulla partecipazione della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nel Settimo Programma quadro per la ricerca (periodo ) la Regione ha ricevuto finanziamenti per più di 70 Mln di euro, collocandosi esattamente nella fascia intermedia tra le Regioni italiane (di poco sotto a Veneto, Trentino e Campania) per il quale, sono state finanziate: 66 proposte PEOPLE 32 proposte ICT 25 proposte INFRA (infrastrutture) 23 proposte NMP (nanotec) 21 proposte HEALTH e poi a seguire le altre tematiche Rilevante è stata anche la partecipazione delle PMI che, per il solo settore ICT, hanno ricevuto finanziamenti pari a circa 3.2Mln di euro. Se si guarda alle singole categorie di soggetti partecipanti, nella regione si presenta la seguente situazione: - le Università hanno beneficiato di finanziamenti pari a circa 37 Mln di euro; - i Centri di Ricerca di circa 18 Mln di euro; - le PMI circa 10 Mln di euro; - le Grandi Imprese circa 7 Mln di euro.

24 ERRIN European Regions Research and Innovation Network SANNA Sebastiano Smart Specialisation Energia e clima CORMONS Gino Manifatturiero avanzato Turismo Trasporti Strumenti di ingegneria finanziaria POCLEN Luisa Sanità Creatività e Design

25 European Regions for Research and Innovation Per favorire la partecipazione delle Regioni europee ai programmi finanziati direttamente dall UE, nei settori dell innovazione e della ricerca - in particolare Horizon COSME Per dare un contributo alla Strategia Europa Innovation Union S3 (Smart Specialisation Strategy)ERRIN membro del Mirror Group

26 NETWORK : ERRIN Gruppi di Lavoro Excellence Presidenza della Giunta Regionale Working Policy Scotland Europa, Groups East and North Finland, and South Tyrol Leaders 2014 Projects South Denmark, West Midlands and Eindhoven Societal Energy Scotland Europa, Flanders and South Denmark Health South Denmark, Skane and Lombardy Inclusive Societies and Security Bremen Transport and Logistics Aragon and Ile de France Water Fryslan, Skaneand Puglia Industry X-cutting Advanced manufacturing and nano Twente University, Rhone-Alpes and Basque Country Bio economy and food and sustainable agriculture Lombardy, West Finland and Northern Ireland Design and creativity Paris CCI, Central Denmark, Lombardy and Stuttgart ICT North Denmark and Amsterdam Innovation Wales Higher Education, Cantabria, Eindhoven Tourism Valencia, Lodz, Lombardy, PACA, Saxony Anhalt Smart Cities Communities & Regions Eindhoven, East& North Finland, Skane, (Cantabria, Lombardy and Catalonia) Smart Specialisation Scotland Europa, Northern Ireland, Murcia, Skane, Malta

27 ERRIN Brokerage Events Settimana dei brokerage event novembre Esempi: Energy Projects Development Workshop Health and Transport brokerage events Water brokerage event Water(second day) and Nanotech-Materials-Adv Manufacturing brokerage events ICT and BioEconomy brokerage Events una delle attività più proficue per creare potenziali consorzi per aderire alle calls

28 GIURIGruppo Informale Uffici di Rappresentanza Italiani per la ricerca e innovazione GIURI presentazione ufficiale a Bruxelles in data 25 giugno2013 strumento per creare sistema tra principali attori italiani nel settore ricerca e innovazione (ERRIN network di riferimento per ricerca e innovazione a livello europeo) evento annuale a luglio 2014 Presidenza uscente ENEA -Presidenza entrante CONFINDUSTRIA Bruxelles ENEA attualmente chair di IGLO network che raggruppa tutti gli enti di ricerca a livello europeo Tramite ERRIN e GIURI monitoraggio del pacchetto legislativo su H2020 position paper (redatto con supporto DC Ricerca e CER) per i MEP, della Commissione ITRE del Parlamento europeo

29 GIURI Gruppo Informale Uffici di Rappresentanza Italiani per la Ricerca e Innovazione Presidenza della Giunta Regionale POCLEN Luisa CORMONS Gino Strumenti finanziari SANNA Sebastiano Valutazione progetti EIP Acqua e Agricoltura

30 GIURI - ADERENTI

31 GIURI: Gruppo valutazione progetti Sviluppare una mappatura esaustiva, in ambito comunitario,delle professionalità italiane coinvolte nel processo di selezione dei progetti europei della Commissione in ambito di Ricerca ed Innovazione Sviluppare una modalità condivisa per coinvolgimento\entrare in contatto con del Delegati di Programma H2020 Attività informative/formative, con il coinvolgimento di esperti del settore, mirate a:

32 Aumentare l efficacia delle proposte progettuali italiane presentate nell ambito dei programmi europei di Ricerca e Innovazione Informare in merito alle modalità di presentazione della propria candidatura, attraverso il Participant Portal, come esperto valutatore con la finalità di aumentare la quantità, ma soprattutto la qualità delle domande e di aumentare cosi le possibilità di essere selezionati. Informare circa le future date di pubblicazione dei bandi e la tipologia dei bandi che saranno pubblicati

33 Settori di competenza: Presidenza della Giunta Regionale - ATTIVITÀ PRODUTTIVE criticità: disoccupazione 12,3% disoccupazione giov. 44,2% - STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA criticità: contrazione budgets SM insufficienza risorse private - TURISMO criticità: calo visite, durata < pernottamenti Gino Cormons

34 ATTIVITÀPRODUTTIVE focussulle PMI [<250; 43M fatt; 50 M bil. +3i]: Programma COSME (2,3 Mld ) competitività Programma ORIZZONTE2020 primato industriale cfr. strumento PMI (fasi I/II/III) (~80 Mld -80% dell i a livello UE è generato dall industria)

35 COSME: Programma per il sostegno della competitività nelle imprese e nelle PMI Esempi concreti di intervento in favore dell imprenditorialità/start-up impresa: - ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI EYE (p.es. Potenziale imprenditore Bulgaro di Varna c/o la Cignozzaaz. Toscana di produzione Chianti). FRIULI INNOVAZIONE(http://www.friulinnovazione.it/progetti/exe-prize-3) ; - EUBRAZILCONNECT= promuove lo scambio di giovani (potenziali) imprenditori e le PMI tra la Repubblica Federale del Brasile e l Unione Europea. EBN(http://www.eubrazilconnect.com/?q=participant-info) (scambio di buone pratiche, indagini di/nuove tecniche di mercato, strategie di penetrazione commerciale in nuovi Paesi, durata 1-6 mesi allo scopo di favorire crescita ed occupazione, accrescere la competitività e stimolare una maggiore vocazione internazionale degli attori dei diversi settori economici)

36 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA Presidenza della Giunta Regionale [efficienza/ efficacia] capitale proprio, debiti a m-l/termine, garanzie contrazione del credito (credit crunch)effetti moltiplicatori (leverage) coinvolgimento BEI/FEI

37 TURISMO 1 Obiettivo Startegia EU2020: > crescita/pil + occupazione (75% di popolazione anni) L UE RESTA LA PRIMA DESTINAZIONE TURISTICA MONDIALE 370 milioni di arrivi di turisti internazionali = 40% degli arrivi mondiali 7,6 milioni in provenienza dai paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) Le top five destinations si confermano essere Spagna, Francia, Italia, seguite a ruota da Germania ed Austria. [marchio europeo del turismo di qualità] attività non soggetta a delocalizzazione

38

39 La Cooperazione territoriale europea in Friuli Venezia Giulia Bruxelles, dicembre 2014 Raffaella VIVIANI

40 Area EUSAIR

41 Ambiti e Programmi nuova CTE cooperazione transfrontaliera risolvere problemi locali Programma per la cooperazione Italia-Slovenia euro Programma per la cooperazione Italia-Austria euro Programma per la cooperazione Croazia-Italia euro cooperazione transnazionale progetti concreti per una zona più vasta Programma Adriatico-Ionico euro Central Europe euro Alpine Space euro Mediterranean euro cooperazione interregionale e reti scambi di esperienze e analisi tendenze di sviluppo INTERREG Europa, ESPON, URBACT

42 La nuova Cooperazione territoriale Regolamento ad hoc concentrazione dei finanziamenti su un numero minore di priorità meglio collegate alla strategia Europa 2020 la concentrazione sui risultati il monitoraggio dei progressi verso gli obiettivi fissati la semplificazione dell'attuazione

43 Altri strumenti della cooperazione GECT Gruppo europeo di cooperazione territoriale Gorizia-NovaGorica: infrastrutture e trasporti, mobilità e logistica; trasporto pubblico; gestione nodi logistici intermodali; gestione risorse energetiche e naturali; piano energetico metropolitano; piani di intervento congiunto anche in altri settori (es. sanità e cultura), che mirino al rafforzamento della coesione economica e sociale Euregio Senza Confini: risorse energetiche e ambientali, gestione dei rifiuti; trasporti, infrastrutture e logistica; cultura, sport, istruzione e alta formazione; ambito socio-sanitario; protezione civile; scienza, ricerca, innovazione e tecnologia Strategie macroregionali Adriatico-Ionica: crescita innovativa del sistema marittimo e marino; connettere le regioni; preservare, proteggere e migliorare la qualità dell ambiente; incrementare l attrattività regionale Alpina: innovazione e competitività, acqua ed energia, ambiente e clima, accessibilità, mezzi di comunicazione e trasporti

44 EUSAIR (1) Presidenza della Giunta Regionale Il Consiglio europeo, nelle sue conclusioni del dicembre 2012, ha dato il mandato alla Commissione per la presentazione di una strategia europea per la Regione Adriatico Ionica il cui Piano d Azione dovrà essere approvata entro il A seguito di alcune riunioni preliminari promosse dalla Commissione ad agosto 2013 è stato diffuso il discussion paper che individua obiettivi e campi d azione Allo scopo di far partecipare al processo di consultazione tutti i livelli politicoamministrativi (Stato, Regioni, Enti locali), enti intergovernativi, organizzazioni non governative, imprese e società civile è stato avviato un processo di consultazioneattraverso: eventi e workshops, studi ed analisi da parte dei proponenti, questionari ed attività online; Il 18 giugno 2014 la Commissione europea ha lanciato ufficialmente una nuova strategia per la regione adriatica e ionica finalizzata ad aiutare i suoi 70 milioni di cittadini a trarre vantaggio da una più stretta cooperazionee svolgere un ruolo cruciale nel creare posti di lavoro e stimolare la crescita economica nella regione; IL 18 novembre 2014 ha avuto luogo la Conferenza di lancio EUSAIR sotto la Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione europea

45 EUSAIR (2) Il Piano d azione ha individuato 4 Pilastri: Presidenza della Giunta Regionale Crescita blu: guidare la crescita innovativa del sistema marittimo e marino dell area, promuovere la crescita economica sostenibile e la creazione di posti di lavoro e di opportunità di business nei settori della blue economy (es. acquacoltura, pesca, biotecnologie blu, servizi marini e marittimi, ecc.); Connettere la macroregione e ridurre le distanze tra le comunità insulari e rurali attraverso il miglioramento della governance dei corridoi interni e marittimi (includendo l interoperabilità di tutte le modalità di trasporto) e delle reti energetiche, nonché sviluppando modalità di trasporto e di fornitura di energia favorevoli all ambiente; Preservare, proteggere e migliorare la qualità dell ambiente: migliorare la qualità ambientale degli ecosistemi regionali e tutelare la loro biodiversità, proteggere la salute umana, fare un utilizzo prudente e razionale delle risorse naturali; assicurare l integrazione delle preoccupazioni ambientali nella strategia. Incrementare l attrattività regionale: aumentare l attrattività turistica della regione supportando lo sviluppo sostenibile del turismo costiero, marittimo e dell entroterra. Tutelare e promuovere il patrimonio culturale attraverso, tra l altro, il miglioramento della qualità dei servizi turistici e la promozione di un marchio comune regionale, riducendo nel contempo la stagionalità della domanda e limitando la sua impronta ambientale aspetti trasversali: la capacity building e la ricerca, l'innovazione e le piccole e medie imprese, la mitigazione dei cambiamenti climatici e l'adattamento agli stessi, nonché la gestione del rischio di catastrofi.

46 Progetto YOUTH ADRINET Obiettivo: promuovere l identità europea tra i giovani dell area adriatica attraverso lo sviluppo dei processi partecipativi della cittadinanza attiva, come indicato dalla Commissione europea nel Libro Bianco Un nuovo impeto per la gioventù europea (21/11/2001). Partenariato: 15 partner da Italia, Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro e Albania; Budget: ,60 euro. Il progetto viene realizzato in maniera efficace e i giovani coinvolti dimostrano un grande interesse nei processi partecipativi che caratterizzano il progetto stesso. linee guida presentate all Assemblea generale dell Euroregione Adriatico-Ionica sulla metodologia che sarà implementata nei Paesi partner allo scopo di rendere le politiche giovanili efficaci in linea con il Libro Bianco. Per ulteriori dettagli la invitiamo a visitare il sito web dedicato:

47 OPPORTUNITA DI STAGE

48 STAGE PRESSO L UFFICIO: CONVENZIONI! Università degli Studi di Udine Università degli Studi di Trieste Federazione regionale delle BCC Borsa di studio Insieme in Europa

49 Attività in cui siamo coinvolti : Affiancamento ai funzionari della sede di Bruxelles nelle attività lavorative Supporto attività di gestione (es. gestione mail, contabilità, segreteria) Organizzazione eventi (es. conferenze, seminari ecc.) Partecipazione a convegni e seminari e report informativi Attività logistiche per funzionari in visita Collaborazione alla stesura di dossier tematici Stesura di dossier informativi per conferenze

50 PRESSO LE ISTITUZIONI EUROPEE PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE COR Comitato delle regioni CESE Comitato economico e sociale europeo

51

52 Grazie per la vostra attenzione! REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED 2007-2013 e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 Bruxelles, 8 gennaio 2014 0 INDICE PREMESSA... 2 I - I PRINCIPALI PROGRAMMI DELL UE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE... 3 1. I FINANZIAMENTI

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Vista la Dichiarazione di Berlino 1 sull'accesso aperto alla letteratura scientifica dell'ottobre 2003, nella quale

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

LE STRATEGIE MACROREGIONALI COME NUOVO MODELLO DI COOPERAZIONE TERRITORIALE IN EUROPA.

LE STRATEGIE MACROREGIONALI COME NUOVO MODELLO DI COOPERAZIONE TERRITORIALE IN EUROPA. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI CORSO DI LAUREA SCIENZE INTERNAZIONALI ED ISTITUZIONI EUROPEE LE STRATEGIE MACROREGIONALI COME NUOVO MODELLO DI COOPERAZIONE

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza Italiana iglio dell unione Europea 2014 Presidenza Italiana iglio ne Europea 1 Luglio - 31 Dicembre 2014 EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Dossier tecnico Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Primo dossier tecnico A cura della Direzione centrale cultura, sport, relazioni internazionali

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli