Risk Management News Numero 35 - Ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risk Management News Numero 35 - Ottobre 2014"

Transcript

1 Il punto di Rubini di Paolo Rubini Il professionista dell innovazione e della diversità Paolo Ainio, il primo rischio è la governance Multinazionali tra rischio geopolitico e compliance Pmi: per il rischio serve un nuovo modello organizzativo La polizza per garantire acquisizioni e fusioni Big Data & Cyber Risks Business continuity & supply chain La gestione dei rischi nei contratti Osservatorio sul ruolo del Gestore dei Rischi Aziendali in Italia Osservatorio Internazionale sull Enterprise Risk Management e valore aziendale ANRA Informa Periodico d informazione a cura di

2

3 Il punto di Rubini Cari lettori, questo numero è interamente dedicato al 15 convegno annuale di ANRA, tenutosi il 25 e 26 settembre a Milano nel Palazzo Lombardia. Hanno partecipato al convegno 418 persone, così suddivise: Risk Manager ed Insurance Manager: 108 Assicuratori e riassicuratori: 161 Broker: 64 Periti e servizi per l impresa: 46 Istituzioni, università, associazioni: 14 Finanza: 4 Legale: 11 Giornalisti: 8 Studenti: 2 Ad essi si devono aggiungere 64 persone dello staff. Un successo che non ha precedenti nella storia di ANRA, e che ci pone ormai al livello degli eventi di FERMA, la Federazione Europea delle Associazioni di Risk Management, e delle principali associazioni europee quali sono l AIRMIC inglese, l AMRAE francese, la DVS tedesca. Il convegno è iniziato con l intervento di Julia Graham, presidente della FERMA, che ha confermato la crescita del ruolo del risk manager nelle aziende europee e ci ha invitato a lavorare uniti, mettendo a fattore comune tutti gli approcci e le best practice più innovative e diversificate del risk management europeo. Il principale imprenditore italiano nel settore dei portali internet, Paolo Ainio, patron di Banzai, ha descritto, stimolato da Alessandro Plateroti, vicedirettore de Il Sole 24Ore, il suo personale approccio al rischio d impresa, con un sorprendente riferimento a tecniche di diversificazione del portafoglio di investimenti più consone ad un uomo di finanza che a un imprenditore della cosiddetta soft economy. Di seguito, il Chief Risk Officer di Unicredit, Massimiliano Fossati, si è confrontato con Jennifer Hoffman, di Astaldi, mostrandoci due esempi di centralità del risk management nella governance d impresa. Stefano Preda, professore Ordinario di Istituzioni e mercati finanziari al Politecnico di Milano (e padre del notissimo Codice Preda), Fausto Cosi, presidente ANDAF, Francesco Sogaro, del Fondo Italiano di Investimento, e Luigi Santamaria, avvocato, hanno ulteriormente approfondito le tematiche della Governance, sottolineando la rilevanza di un processo di gestione dei rischi che parta da una profonda conoscenza dell azienda. Alessandro Castellano, AD di SACE, ha fatto poi un quadro dell evoluzione dei mercati globali e della reazione delle imprese italiane all aumento della complessità dei rischi. Simon Gilliat, Global Head of International Consulting Group di Towers Watson, gruppo internazionale specializzato nella consulenza in materia di risorse umane, ha trattato dei rischi connessi al capitale umano nelle aziende multinazionali, in un ottica, ancora poco diffusa, di gestione integrata e globale. Nei quattro workshop sono state affrontate alcune aree di rischio di particolare rilievo: 1. i rischi nelle fusioni e acquisizioni aziendali, e le coperture assicurative disponibili per il venditore e il compratore; 2. il Cyber Risk, fonte di nuovi rischi potenzialmente gravi, specie in termini di reputazione aziendale, ma anche opportunità per il risk manager, in grado di applicare tecniche di valutazione quantitativa dei rischi basate sull impiego di informazioni provenienti dalla rete (i Big Data come rischio e opportunità) 3. i rischi della Supply Chain e della discontinuità aziendale, che dipendono da qualità e solvibilità dei fornitori, dalla logistica, ma anche da catastrofi naturali, e che richiedono approfondite analisi delle interdipendenze fra i diversi fornitori e fra differenti rischi; 4. i rischi derivanti dai contratti di fornitura o di vendita, e la possibilità che specifiche clausole contribuiscano a mitigare o trasferire contrattualmente specifici rischi, almeno nell area del B2B, visto che nell area B2C il Codice del Consumo lascia poco spazio a forme di trasferimento del rischio sul consumatore. L avv. Alberto Monti ha, con grande maestria, ricondotto ad unità tutti i temi dibattuti nelle due giornate di lavori. Il convegno si è concluso con la presentazione di due ricerche. È stato presentato il primo Osservatorio sul ruolo del Gestore dei Rischi Aziendali in Italia, promosso da ANRA e RiskGovernance-Politecnico di Milano, da cui emerge l identikit del risk manager nelle imprese italiane. La maggioranza dei risk manager è di sesso maschile (87%), con un età media che si attesta intorno ai 50 anni e con una formazione universitaria nel campo dell Economia (24%) e dell Ingegneria (16%). La maggior parte dei rispondenti (35%) occupa la posizione da oltre 10 anni; la percentuale di coloro che sono nel ruolo da oltre 10 anni aumenta se ci si limita a considerare solo il ruolo dell Insurance Manager (57%). È interessante notare come nel 76% dei casi, il risk manager sia stato reclutato internamente, principalmente da funzioni di controllo gestione/ finanza (17%). Nel 38% dei casi il riferimento gerarchico del Gestore del rischio è il CEO/ Direttore generale, seguito dal CFO (24%) e dal CdA (19%). Nel caso specifico del settore Finanza, banche e assicurazioni, invece, il riferimento principale per i CRO è più frequentemente il CdA (48%). La mappatura e la prioritizzazione dei rischi avviene per il 64% a livello corporate, scelta che indica l importanza strategica che viene attribuita al rischio, meno frequentemente a livello Paese o Unit. Si segnala, tuttavia, che il 23% del campione utilizza una metodologia strutturata per l analisi dei rischi soltanto per certe categorie di rischio e non per tutti i rischi aziendali e che il 7% effettua un analisi dei rischi solo in alcune BU. Il grado di integrazione del risk management nei processi aziendali è di tipo medio; oltre il 50% degli intervistati, infatti, ha indicato una integrazione di grado 3 su una scala da 1 a 5, il 32%

4 ha indicato una integrazione di grado 4 e solo il 10% circa ha indicato un livello di integrazione pari a 5. Il processo di risk analysis viene ripetuto nel 45% dei casi con cadenza annuale, per il 13% con cadenza semestrale e per il 15% trimestrale. Il 27% delle aziende non effettua tale analisi con regolarità. Le risorse aziendali dedicate al RM resteranno, per il 66% degli intervistati, costanti: un segno che molte aziende non sono propense a effettuare nell immediato futuro investimenti in tecnologia e competenze, trend correlato alle scelte strategiche del territorio italiano. Solo il 28% delle aziende dichiara l intenzione di voler aumentare le risorse del RM nel medio-lungo periodo. Insignificante (6%) la quota di imprese che, in controtendenza, ridurrà le risorse destinate alla gestione dei rischi nei prossimi anni. È interessante sottolineare che, secondo il campione, un valido processo di risk management contribuisce ad accrescere il valore dell impresa poiché permette di migliorare il controllo della stessa. In altre parole, la gestione dei rischi fornisce un prezioso contributo ai processi di controllo aziendale. Vengono ritenuti fattori importanti anche il miglioramento della governance e delle prestazioni operative. Dall analisi emerge che ben il 71% delle imprese ha sviluppato internamente framework/ standard di riferimento per il modello di risk management, mentre sono poche le aziende italiane che adottano dei framework di riferimento e le scelte appaiono abbastanza frammentate (il 14% degli intervistati adotta l ISO 31000, il 10% il CoSO, il 5% il Cobit). Per quanto riguarda i rischi rilevanti nei prossimi 5 anni, a detta dei rispondenti, è emerso che le aree di maggiore attenzione coinvolgono i rischi legati ai processi interni (14%), seguiti dal rischio di credito (11%) e dal rischio di concentrazione (10%). Nel convegno è stata presentata anche una seconda ricerca, di RiskGovernance-Politecnico di Milano sull Enterprise Risk Management, realizzata sulle 1426 più grandi imprese operanti in Europa, Nord America e Giappone. Essa conferma che la qualità del sistema di gestione integrata dei rischi aziendali nelle grandi imprese italiane è ormai giunta ad un livello di eccellenza: l indice utilizzato per rappresentare in modo sintetico la cultura del rischio, l organizzazione e il processo ERM vede le aziende italiane superare quelle nord americane e giapponesi, e posizionarsi appena sotto la media europea, ma prima di paesi come Spagna, Inghilterra e Francia. La ricerca è stata realizzata nell ambito delle grandi aziende, fra le quali ANRA annovera la maggior parte dei propri soci. Ciò conferma il conseguimento di alcuni obiettivi che ANRA si è data, insieme a FERMA: l evoluzione della figura del Risk Manager verso il ruolo di Chief Risk Officer, con responsabilità estesa all insieme dei rischi aziendali, in un ottica di forte interazione con il vertice aziendale (l 83% delle aziende italiane e il 78% di quelle europee hanno un CRO, distaccando nettamente le aziende statunitensi, canadesi e giapponesi); l adozione di un processo formalizzato di Enterprise Risk Management (in Italia ciò riguarda il 36% delle imprese, la media europea è il 24%, nuovamente molto più elevata che in USA, Canada e Giappone). La ricerca evidenzia la relativa maggiore maturità del settore finanziario rispetto agli altri settori, per effetto della specifica regolamentazione nel campo della gestione dei rischi imposta dalle norme europee. Resta comunque la considerazione che la qualità del management delle aziende europee le rende assolutamente competitive con le imprese degli altri principali mercati internazionali. La ricerca evidenzia la forte interdipendenza fra tale qualità e la creazione di valore. Questo certamente condurrà all ulteriore diffusione delle best practice di gestione dei rischi in tutti i settori, anche non finanziari. ANRA è molto lieta di avere confermato, con le due ricerche sopra citate, i risultati del sondaggio Risk Management Benchmarking Survey 2014, condotto dalla FERMA e presentato a Bruxelles il 20 e 21 ottobre scorsi. Giunta alla settima edizione la survey ha raccolto quest anno il numero record di 850 partecipanti nei 21 paesi europei. Nell osservare gli aspetti salienti e tipici dello scenario italiano, tratti da questa indagine, si conferma un dato che voglio segnalare con grande orgoglio. La qualità del sistema di gestione integrata dei rischi aziendali nelle grandi imprese italiane è addirittura superiore alla media europea: l indice utilizzato per rappresentare in modo sintetico la cultura del rischio, l organizzazione e il processo ERM, oltre alla connessione tra la pratica di risk management e le strategie di acquisto di coperture assicurative, vede le aziende italiane primeggiare rispetto alla media delle imprese europee (strumenti di ERM che si attestano al 27% rispetto al 15% in area Euro). Un altro elemento che ci vede in linea con l Europa è dato dalla classifica dei principali rischi che i risk manager si trovano a dover gestire: la privacy dei dati e la cyber security rappresentano la priorità sia in Italia sia per i colleghi europei. Mentre al secondo posto i risk manager europei identificano nei rischi politici le maggiori criticità, i professionisti italiani osservano quelli correlati ai cambiamenti nelle policy aziendali. Al terzo posto la media europea pone i rischi connessi a reputazione e brand, mentre in Italia si tende a guardare alla globalizzazione e alle risorse umane. Quanto alla gestione assicurativa, lo scenario italiano si contraddistingue poi per un certo ritardo nell emissione delle polizze (il 31% dei contratti sono emessi tre mesi dopo l inizio, mentre la media europea è del 14%). Infine, un altro aspetto di consonanza con l Europa traspare dalla scarsa copertura dei cosiddetti cyber risk: il 73% dei rispondenti italiani dichiara di non aver coperture al riguardo, con una media europea del 72%. Buona lettura Paolo Rubini Milano, 31 ottobre

5 Il professionista dell innovazione e della diversità Al 15esimo convegno annuale di ANRA, Julia Graham, presidente di FERMA, ha introdotto le nuove sfide per la professione di risk manager dal ruolo di Alessandro De Felice, chief risk officer di Prysmian e vice presidente di FER- MA, nonché tra i consiglieri di ANRA. FERMA è la federazione che riunisce le associazioni nazionali dei risk manager. Le varie associazioni sono ovviamente di dimensioni diverse da Paese a Paese. Sono 22 in 20 Stati europei: Germania e Spagna ne hanno due. Julia Graham ha sottolineato come anche le più piccole contribuiscano a creare cultura del rischio nel proprio territorio e in Europa: la funzione del risk management è sempre più integrata a quella della governance, nell ottica di orientare le scelte d impresa - ha detto Graham - è per questo che uno degli obiettivi di FERMA è far crescere quelle associazioni nazionali che sono ancora poco sviluppate. ANRA, che è tra le più importanti, è particolarmente attiva nel condividere le proprie best practice. L importanza attribuita al lavoro di ANRA è testimoniata dal prossimo forum di FERMA, organizzato proprio in Italia, a Venezia, nell ottobre Una crescente complessità Graham, nel suo intervento, ha sottolineato più volte il concetto della crescente rischiosità dell ambiente. Viviamo in un mondo più complicato, più connesso e più veloce. Il Global risk report del World Economic Forum 2014, giunto alla nona edizione, ha pubblicato un grafico sui rischi sempre più complesso. Le implicazioni sono sfidanti per il risk manager, Uno sguardo a livello continentale per indagare e approfondire il mutare di una professione, quella del risk manager e del gestore dei rischi aziendali, sempre più importante all interno delle imprese a loro volta progressivamente più esposte a rischi nuovi. La presenza del presidente di FERMA, Julia Graham, all annuale convegno di ANRA (quest anno giunto alla 15esima edizione), che si è svolto giovedì 25 e venerdì 26 settembre a Milano, ha significato questo ma anche molto altro. In primis, una vicinanza della federazione europea all associazione italiana e un riconoscimento del lavoro svolto per la diffusione della cultura del rischio tra le imprese italiane. La prossimità tra FERMA e ANRA è agevolata 5

6 perché la maggior parte dei rischi presenti nelle top ten del Global risk report e della Corporate risk map non sono assicurabili o lo sono solo parzialmente. Le principali minacce individuate riguardano l ambiente economico nel quale le aziende si trovano a operare: tra crisi di finanziamento delle economie chiave, la tendenza, che si teme strutturale, di un aumento della disoccupazione e del lavoro non qualificato e il rischio, spesso trascurato dagli europei ma di una portata devastante, della mancanza di acqua, il bene primario del pianeta. A questi si uniscono il cambiamento climatico e il fallimento delle politiche di mitigazione, le catastrofi naturali, le crisi umanitarie e la crescente instabilità politica (si veda i Paesi dell Africa del nord, del Medio Oriente, la Russia e l Ucraina). Ecco quindi che si alza l asticella della professionalità del risk manager. rapporto con il mondo assicurativo, prodotti nuovi e broker a elevata professionalità. Dobbiamo comprendere a pieno tutte le sfide che il rischio ci presenta. FERMA, secondo il suo presidente, è utile proprio a questo: per lavorare più uniti, mettendo a fattore comune tutti gli approcci e le best practice più innovative e diversificate del risk management europeo. FERMA ha detto in conclusione Julia Graham sta mettendo a punto un protocollo di certificazione della professione del risk manager, che sarà implementato nel 2015: si tratta di un set di skill, politiche e conoscenze, cui il risk manager in tutta Europa dovrà attenersi. Lavorare più uniti FERMA si sta concentrando su questi problemi e sull impatto che hanno sulle aziende: dobbiamo essere professionisti competenti per affrontare questo scenario. Rispondere a queste sfide non sarà facile e Graham, che sarà presidente di FERMA fino all ottobre 2015, s impegna attraverso tre parole chiave: innovazione, professione e diversità. Servono cambiamenti ha precisato che vadano di pari passo con il mondo che evolve. Le aziende devono essere risk responsive e resilienti: le imprese resilienti non devono rimanere le stesse ma adattarsi. Noi vogliamo essere i risk manager di resilient business. La strada è quindi quella dell innovazione: dobbiamo essere innovativi, e ricercare, nel 6

7 Generali, your loyal insurance partner. Since Generali è una delle maggiori realtà assicurative internazionali, che ha accompagnato per quasi due secoli la storia del nostro Paese. Un Gruppo che ha radici solide, ma che guarda al futuro, in grado di offrire soluzioni innovative ed efficaci ai clienti Corporate & Commercial in Italia e nel mondo. generali.com

8 Paolo Ainio, il primo rischio è la governance L imprenditore, pioniere di internet in Italia, identifica nell organizzazione e nei processi le principali minacce per un azienda in crescita. Sostenitore convinto dell innovazione, intravede opportunità dove altri vedono solo pericoli Come misurare il trade-off tra rischio e opportunità? Qual è il significato reale della parola rischio? Quanto è davvero presente nella vita di un azienda? Da queste domande è partita la conversazione tra Paolo Ainio, start-upper, imprenditore che ha innovato come pochi altri sul web in Italia, e il vice direttore de Il Sole 24 Ore, Alessandro Plateroti, in occasione del XV convegno annuale di ANRA. Quest anno, durante la prima mattinata dell evento, nella sessione intitolata Io e il rischio, l associazione dei risk e insurance manager italiani ha dato spazio a uno dei maggiori innovatori nel campo delle iniziative sul web. L obiettivo è capire in che modo un imprenditore classifica i rischi, quanto li consideri opportunità da sfruttare e soprattutto in che modo, a livello pratico, sia in grado di contrapporsi ad essi. In un momento in cui le aziende del nostro Paese lottano per restare a galla, tra fallimenti, credit crunch, una burocrazia a dir poco barocca e un fisco disordinato, la mancanza di cultura del rischio è uno dei mali più subdoli ma anche più concreti. Paolo Ainio è il fondatore e ad di Banzai, la prima azienda italiana di e-commerce, nonché un editore totalmente on line. Ma non basta perché lui è stato, in ultima analisi, il fondatore di internet in Italia, quando, nei primi anni 2000, ha creato Virgilio, per lungo tempo il principale portale web italiano. In seguito è stato il responsabile internet di Seat Pagine Gialle, cambiandone sostanzialmente il modello di business. Ainio è inoltre presidente di 8 Im3d, un azienda specializzata nello sviluppo di soluzioni innovative nel campo della prevenzione oncologica attraverso tecnologie di medical imaging. Innovare significa rischiare Il mio è un settore ha detto alla platea del convegno, riferendosi all attività di Banzai in cui se non innovi sei finito. Ma innovare significa rischiare, sempre: un imprenditore deve gestire i rischi rispetto alle opportunità e qualche volta pensare, più che a guadagnare, a cercare di perdere il meno possibile. Non è comunque il caso di Banzai, che con 200 milioni di euro di fatturato all anno, 500 dipendenti e una crescita annua del 25%, dimostra di essere un isola felice. Dal 2015 l azienda potrebbe sbarcare in borsa: il rischio maggiore ha sostenuto Ainio è arrivare all appuntamento con processi inadeguati: ecco perché stiamo rivedendo tutto con la massima cura, cercando di arrivare preparati a una fase nuova. Il rischio maggiore, secondo Ainio, è quindi il fallimento della governance dei sistemi: questo crea un meccanismo di conflittualità che non facilita la gestione del rischio. Tuttavia ha precisato Ainio il confine tra rischio e opportunità per un imprenditore che investe in innovazione è molto labile, anzi è quasi inesistente. In questi casi entra in gioco la componente della responsabilità verso gli azionisti: un tema critico per una società che è pronta a quotarsi. Essere disposti a perdere i propri soldi è un rischio d impresa, ma quanto è possibile spingersi oltre con i capitali degli altri? Al momento, il segreto per crescere, secondo Aino è la gestione del portafoglio: in quattro anni ha raccontato abbiamo fatto

9 35 acquisizioni, molte di queste non hanno funzionato, ma non farle avrebbe significato non crescere al ritmo con cui siamo cresciuti. La crescita di Banzai, e delle attività gestite da Ainio, è figlia anche della crisi degli altri. L e-commerce, ancora con grande potenzialità espansive in Italia, sta certamente conquistando fette di mercato dal retail, mentre l editoria totalmente web si sta sviluppando anche a discapito di quella tradizionale. Quindi, dal punto di vista di chi innova in questi settori, dal 2008 a oggi le cose sono cambiate in meglio, come ha confermato Ainio, anche puntando sulle risorse umane: ho attirato ha detto tutti i talenti che avevo a disposizione. Start up da esportazione Oggi, a differenza del mondo pre-crisi, l attenzione alle start up è più alta, anche se in Italia il loro sviluppo è ancora frenato. Pochi imprenditori sono disposti ad acquistare aziende piccole, anche promettenti, dopo la fase di start up, e quindi queste sono costrette a guardare all estero. Delocalizzare è una tentazione ben presente anche per l azienda di Paolo Ainio: ho ricevuto molte offerte ha confessato, infine dalla Francia o dalla Svizzera, per fare degli esempi. In quei Paesi, con una fiscalità e una burocrazia diverse, certamente le mie aziende andrebbero ancora meglio. Restare in Italia è al momento il mio più grande handicap: è necessario cambiare il modo di fare le cose, ed elevare la cultura del rischio dell imprenditore medio italiano sarebbe un passo decisivo. 9

10 Multinazionali tra rischio geopolitico e compliance Unicredit e Astaldi sono realtà diverse con priorità e modelli di business differenti, ma hanno entrambe una visione inclusiva del risk manager nei processi decisionali La trasformazione del risk management, che da tradizionale si sta evolvendo verso qualcosa di più fluido, mira a integrare le competenze sui rischi con il buon governo dell impresa. Negli ultimi anni, soprattutto nelle grandi aziende internazionali, la tendenza che si sta sviluppando va verso un connubio sempre più forte tra enterprise risk management, ovvero la pratica di affrontare in modo omogeneo e integrato l intero ciclo del rischio aziendale (strategico, di mercato, reputazionale, regolatore e compliance), e la governance. In questo contesto il risk manager non sarà solo chi gestisce i rischi assicurabili ma qualcosa di più, che dovrà necessariamente integrarsi con le funzioni di internal audit, controllo di gestione e, appunto, compliance: un risk manager, dunque, sempre più decisivo nelle scelte, accanto, se non dentro, al board of direction dell impresa. La strumentazione di cui dispone il risk manager è essenziale in un processo di Erm, in una visione olistica del rischio. Il risk manager, in qualità di chief risk officer, potrà in questo modo coordinare il risk committe. Una funzione integrata a quella della governance, che sappia distinguere e orientare le scelte d impresa, attraverso una chiara distinzione tra rischio e opportunità. Questo modello, riconosciuto come ideale per la professione, è davvero quello preferito anche dal top management? Nella pratica, dal punto di vista dei risk manager le cose negli ultimi anni stanno cambiando, come testimoniano Massimiliano Fossati, cro in Italia di Unicredit e Jennifer Hoffman, corporate risk management director di Astaldi, invitati a portare la loro testimonianza all ultimo convegno annuale di Anra. La banca e la società costruttrice sono due grandi aziende, con la testa in Italia e tante diramazioni nel mondo. Le spinte della vigilanza bancaria Per quanto riguarda gli istituti di credito, Fossati ha spiegato come Eba e Bce stiano inasprendo le funzioni di ispezione: da novembre ha detto gli stress test della Banca centrale saranno svolti in modo regolare. Questo ci servirà a equilibrare il nostro set informativo e soprattutto ad adeguare, eventualmente, il profilo di rischio rispetto al capitale. La vigilanza che passa da Bankitalia a Bce è quindi un salto importante, ma non saranno solo le banche italiane a dover cambiare qualcosa: tutto il sistema ha precisato Fossati dovrà imparare a fare più gestione del rischio. Unicredit, comunque, aveva già 10 rafforzato i controlli, sullo stimolo della circolare 263 di Banca d Italia (che, in sostanza, applicava le norme comunitarie di Basilea II, ndr), e delle più recenti disposizioni di Basilea III. Tuttavia un internal assessment orientato al rischio era presente in Unicredit da prima del 2008: la banca lavora su un risk framework appetite, una verifica costante delle decisioni prese in base agli eventi e una serie di azioni da compiere qualora scattasse un trigger. Il risk manager in Unicredit sembra quindi avere un ruolo centrale, soprattutto, com è ovvio, come controllore del rischio di credito che costituisce il 70% delle minacce per la banca. Nella graduatoria delle minacce, al secondo posto si piazza il rischio di mercato e al terzo quello operativo. È importante però ha ri-

11 badito Fossati che i ruoli di chi decide e di chi controlla restino separati: le deleghe per la funzione di risk management devono essere legate a un forte coordinamento centrale. Solo in Italia le persone dell ufficio rischi sono 2450, pronte a ricalibrare policy creditizie e valutare quantità e qualità del rischio, il cui primo filtro è fatto dalla rete commerciale. Il piano industriale allineato ai rischi Per quanto riguarda Astaldi, invece, il discorso cambia in considerazione dei rischi cui l azienda è maggiormente esposta, cioè il rischio Paese e quello geopolitico che, negli ultimi tempi, si stanno elevando notevolmente. Il business della società di costruzioni è soprattutto all estero e spesso in zone che si stanno rivelando sempre più rischiose. La compliance e il rischio operativo ha spiegato Hoffman sono legati a quello geopolitico. Il nostro ad ha fortemente voluto l integrazione con il risk management, proprio perché è essenziale allineare il piano industriale al framework dei rischi. Gli uffici di gestione dei rischi lavorano sempre a stretto collegamento con il settore finanziario, l internal audit e anche con gli affari legali: una strategia di integrazione approvata da ceo e top management. Ogni Paese è diverso dall altro: Astaldi tende a variare molto i lavori e ad avere un portafoglio rischi il più possibile diversificato. In Italia, per esempio, negli ultimi cinque anni, i rischi di progetto e di compliance si sono acuiti molto, ragione per cui nel nostro Paese l azienda è meno attiva. Oggi ha precisato Hoffman l 80% del nostro business è distribuito su 10 Paesi, solo pochi anni fa erano cinque. Consideriamo ogni cosa: in Italia e nei Paesi occidentali in generale, per esempio, i rischi sono maggiormente trasferibili, mentre la Russia può essere un mercato oggi problematico, il Canada è, invece, molto più sicuro. Unicredit e Astaldi sono, in definitiva, realtà complesse e organizzate, difficilmente paragonabili ad aziende solo di medie dimensioni. Ma l approccio può essere comune, quello di esaltare una visione olistica di Erm e governance, per un controllo completo dei rischi e delle opportunità: che è l obiettivo principale del risk manager di oggi e di domani. Alessandro Plateroti con Jennifer Hoffman di Astaldi 11 Massimiliano Fossati, Unicredit

12

13 Pmi: per il Rischio serve un nuovo modello organizzativo A seguito del confronto su ERM, Governance e Codice di Autodisciplina, la tavola rotonda ha focalizzato l attenzione sul ruolo avuto dalla regolamentazione nello sviluppo del risk management nelle imprese e di come invece questo modello risulti ancora lontano dalle esigenze e dalle tipicità delle PMI L esposizione delle esperienze di Fossati, per Unicredit, e Hoffman, per Astaldi, rispetto all applicazione dell ERM in azienda, è stata di spunto ad un confronto tra più attori che ha permesso di alzare la visuale al tema più ampio della regolamentazione da un lato e della gestione del rischio nelle PMI dall altro. Presenti al tavolo con Alessandro Plateroti ed Enrico Guarnerio, presidente del comitato tecnico scientifico di ANRA, Stefano Preda, professore di Istituzioni e Mercati finanziari al Politecnico di Milano, Fausto Cosi, presidente di ANDAF, Francesco Sogaro, senior partner del Fondo italiano d investimento, e Luigi Santa Maria dello studio legale associato Santa Maria. Stefano Preda, Prof. di Istituzioni e Mercati Finanziari, Politecnico di Milano Le regole aiutano a crescere Il via alla discussione è stato dato da uno spunto provocatorio di Stefano Preda, il quale rispondendo ad una domanda sulla fine dell autoregolamentazione aziendale ha definito lo stato attuale come il risultato di un evoluzione partita dalla specializzazione dei ruoli e delle mansioni nelle funzioni di controllo societario derivata dalla legge Draghi del È da questo punto che secondo Preda sono partite quelle norme di legge che con l organizzazione strutturata hanno portato a creare una maggiore consapevolezza nelle imprese ed hanno aiutato a crescere. Il rapporto tra Governance e Rischio differisce però a seconda della tipologia di business, come manifestato da Massimiliano Fossati e Jennifer Hoffman. Secondo Preda la Governance impone la cornice di rischio come una delle voci principali per il CdA, e da qui il ruolo del Chief Risk Officer che deve risiedere nel cuore dell impresa, per comprendere appieno come le scelte strategiche effettuate e gli aspetti di rischio che ne derivano si calano nell operatività dell azienda e nella complessità dei temi. Sullo stimolo invece di una domanda sul rapporto tra Governance e Diritto, Luigi Santa Maria ha sottolineato come la riforma del diritto societario si sia ispirata come principio al diritto anglosassone, di cui ha colto il valore della trasparenza e dell accesso alle informazioni. Da qui la separazione ex-lege tra chi controlla e chi gestisce, in quanto è sulle relazioni dei controllori che poi gli investitori andranno a prendere le loro decisioni, potendo identificare in modo corretto il rischio. A queste si aggiunge la considerazione di 13 Fausto Cosi, che sottolinea come la figura del dirigente preposto alla redazione di documenti contabili aziendali sia stata introdotta per una maggiore trasparenza proprio a seguito dei clamorosi casi di crack aziendali dello scorso decennio in Italia, tutti caratterizzati da reali carenze di governance. La Governance non è uguale per tutti La struttura della Governance non può essere necessariamente uguale per tutti, ha sostenuto Preda portando ad esempio la fondamentale diversità tra la struttura di responsabilità di una public company e di un impresa di proprietà famigliare. Il tema ha dato il via ad una discussione sulla gestione del rischio nel- Enrico Guarnerio, Pres. Comitato Tecnico Scientifico ANRA e l Avv. Luigi Santa Maria dello Studio Legale Associato Santa Maria

14 Francesco Sogaro, Senior Partner Fondo Italiano di Investimento le PMI: per Francesco Sogaro la questione dell Enterprise Risk Management non appartiene al 95% delle imprese italiane, realtà diverse da quelle espresse dalla legge 231, che si trovano a trasformare il rispetto della normativa in puro asservimento burocratico. Secondo Sogaro è la stessa possibilità di avere accesso al credito e quindi di poter fare investimenti - che determina l utilità o meno di una figura di CRO. Il tema della diponibilità finanziaria delle PMI è sottolineato anche da Santa Maria, secondo il quale una gestione del rischio condotta seguendo i principi definiti ha un impatto relativo in imprese a capitale chiuso come sono le piccole e medie: sono proprio la struttura e la dimensione del capitale il primo ostacolo alla crescita delle piccole imprese. Su queste istanze, Enrico Guarnerio identifica un ruolo di Risk Manager che nelle piccole e medie imprese si evidenzia come trasversale tra sistema di controllo e sistema di gestione ponendo la questione di quale possa essere il modello organizzativo più idoneo per simili strutture aziendali. Venendo al ruolo delle compagnie come supporto alle imprese nella gestione del rischio, Enrico Guarnerio ha sottolineato che il ruolo dell assicuratore è di adeguarsi alle differenti realtà che incontra e creare soluzioni realmente su misura, evitando di presentare come tale un mix di prodotti preconfezionati. In chiusura, un confronto sul tema della formazione di base maggiormente utile ad un Risk Manager ha visto i partecipanti concordi nell individuare nella conoscenza e capacità di gestione dei processi aziendali l aspetto portante della figura del gestore del rischio, una competenza che identifica nel ciclo di studi universitario di Ingegneria Gestionale il percorso più completo per fornire gli elementi utili ad una visione complessiva del sistema azienda, meglio se integrata da una quota di formazione giuridica. 14 Fausto Cosi, Presidente ANDAF

15 Da terra a cielo Soluzioni assicurative Property su scala globale AIG Global Property Division è leader mondiale nel settore assicurativo, e offre servizi di risk management e loss control in tutto il mondo per i settori Commercial Property ed Energy. Oggi pensiamo ancora più in grande con il forte incremento della capacità assuntiva disponibile per rischi ovunque ubicati. Per ogni necessità di copertura locale o globale, i nostri tecnici esperti possono fornire assistenza e costruire le migliori soluzioni assicurative specifiche per le necessità del cliente, coordinando un servizio di risk engineering, gestione sinistri o trasferimento rischi. Per saperne di più visita il nostro sito Insieme verso il domani AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l Italia è la sede Secondaria di AIG Europe Limited - Registrata in Inghilterra e nel Galles con il numero con sede legale in: The AIG Building, 58 Fenchurch Street, Londra EC3M 4AB, Regno Unito - Capitale Sociale Sterline American International Group, Inc. (AIG) è una compagnia di assicurazione leader mondiale con clienti in oltre 130 paesi e giurisdizioni. Le compagnie del gruppo AIG servono clienti commerciali, istituzionali e individuali attraverso uno dei più estesi network assicurativi al mondo nel ramo Danni. Negli Stati Uniti le compagnie del gruppo offrono inoltre servizi assicurativi nei rami Vita e Previdenza. Le azioni ordinarie di AIG sono quotate sulle Borse valori di New York e di Tokyo. AIG è il nome commerciale delle imprese di assicurazione che fanno capo ad American International Group, Inc. e che operano in tutto il mondo nei rami Danni, Vita e Previdenza e Assicurazione generale. Per ulteriori informazioni, visitate il nostro sito web all indirizzo I prodotti e i servizi assicurativi sono emessi o prestati da società controllate o collegate di American International Group, Inc. In Europa la principale impresa che eroga le coperture assicurative è AIG Europe Limited. La presente documentazione è fornita a scopo informativo. In alcuni paesi, determinati prodotti e servizi potrebbero non essere disponibili; la copertura assicurativa è soggetta ai termini e alle condizioni della polizza o del contratto di assicurazione. Alcuni prodotti e servizi potranno essere forniti da soggetti terzi indipendenti. I prodotti assicurativi potranno essere distribuiti attraverso società collegate o non collegate.

16 La polizza per garantire acquisizioni e fusioni L innovazione in campo assicurativo per le imprese è rappresentata da prodotti come le polizze Warrenty and Indemnity Insurance, progettate per venire incontro alle molteplici variabilità legali di un processo di acquisizione, in particolare con l estero La polizza Warranty and Indemnity si presenta come un opportunità interessante per le aziende che hanno in atto programmi di espansione su nuovi mercati e prevedono nella propria strategia la fusione o l acquisizione di aziende o di rami di azienda attraverso la stipula di un Sale and Purchase Agreement. In tali forme di contratto è inserita una sezione che include le dichiarazioni e le garanzie a tutela dell investimento rilasciate dal venditore all acquirente: nel caso tali dichiarazioni risultassero inesatte o lacunose, nel contratto è previsto l indennizzo che il venditore dovrà riconoscere all acquirente. I prodotti assicurativi Warranty and Indemnity sono strumenti assicurativi che vanno a sostituire arricchendolo il ruolo che può avere in tali accordi la fidejussione o l escrow account. Le polizze W&I rappresentano una copertura assicurativa innovativa, che si basa su techicality complesse e su implicazioni legali importanti, tanto è vero che spesso agli underwriter è richiesta una formazione legale. In sostanza, si tratta di prodotti assicurativi che tutelano entrambe le parti (l acquirente o il venditore) nelle operazioni di finanza straordinaria per le perdite derivanti da una violazione di quanto concordato, garanzia o indennità previste nel contratto di acquisizione di una società o di un ramo di attività. Va precisato che la copertura tutela dal verificarsi di aspetti inattesi che si manifestano a seguito di una transazione gestita e negoziata nel rispetto delle modalità e delle accortezze previste dalle buone prassi. In sintesi, il contratto di Warranty & Indemnity : non sostituisce la due diligence non assicura in caso si verifichino performance inferiori alle attese dopo l acquisizione non copre per problematiche che fossero già note agli assicurati non si sostituisce a malintesi derivanti da una comunicazione non chiara tra le parti. Considerati questi ambiti di non applicabilità della polizza, alcuni esempi sulla tipologia di rischio contemplata riguardano l errata valutazione del valore della società acquisita o delle potenzialità del business, i rischi regolamentari come l Antitrust che possono essere stati sottovalutati, i rischi legali, di particolare rilievo nel caso si segua il diritto del paese sede dell azienda oggetto dell accordo. 16 Data la particolarità di ogni transazione, le polizze W&I sono necessariamente taylor made, costruite cioè sulle caratteristiche di ogni singolo evento di merge & acquisition. Gli estensori valutano in modo particolare se sono state seguite le regole di due diligence, percorrono la storia del contratto, dalle esigenze originarie delle parti fino alla conduzione a termine, e valutano l ampiezza delle garanzie offerte. La sottoscrizione da parte di una compagnia è comunque soggetta alla presenza di alcune precondizioni: una valutazione della qualità complessiva delle parti coinvolte un giudizio positivo sulla qualità del management

17 Polizza W&I L assicurazione non ha diritto di rivalsa nei confronti del Seller, salvo dolo; Operativa a prima richiesta quando l assicurato è il Buyer; Contratto di polizza viene stipulato anche con «distressed Target company». Fideiussioni Diritto di rivalsa da parte del garante sul Seller in caso di sopravvenienze passive per inesattezze; È titolo esecutivo; La garanzia viene rilasciata solo se la società Target NON è «distressed». il settore di attività e il luogo geografico interessati dal business il volume della transazione conoscere, attraverso la storia dell iter dell accordo, i motivi per cui le parti ricercano una copertura. Nella sua presentazione al convegno ANRA, Maria Jose Cruz, Senior Underwriter and M&A Team Leader (South Zone) di AIG, ha specificato che nell area Nord America il 28% delle polizze sottoscritte ha dato luogo ad una richiesta di risarcimento (la percentuale non va riferita agli effettivi pagamenti), mentre tale quota per l area EMEA è di circa il 12%. Oltre ad essere uno strumento di tutela utile ad entrambe gli attori, le polizze possono rivelarsi un vantaggio nella conduzione stessa dell operazione. L offerta della polizza può consentire infatti al compratore di avere un arma in più in un asta competitiva, si rivela una garanzia aggiuntiva rispetto a quanto incluso nel contratto di compravendita e dà la certezza del risarcimento nel caso in cui il venditore non disponga più della liquidità eventualmente necessaria. Dal lato del venditore, rende immediatamente disponibile il purchase price, semplifica la negoziazione degli indennizzi e consente una maggiore tranquillità nell uscita dall attività, come è stato nel caso presentato della transazione dell azienda Stracciatella, di proprietà di una famiglia, in cui i titolari desideravano non esporsi troppo nella cessione dell attività verso un fondo di Private Equity. 17

18 in certi momenti abbiamo l impressione che il mondo ci crolli addosso. Per fortuna è solo un impressione. Nessuno se l aspetta, ma continua a succedere: le catastrofi arrivano e si piomba nel caos. È importante sapere di avere qualcuno dalla propria parte che conosce la strada più breve per uscire dalla crisi. E che mantiene sempre la mente lucida. Il team di BELFOR vi aiuta a superare le situazioni critiche e a ridurre le conseguenze di un sinistro. Facciamo in modo che la Vostra azienda, dopo un catastrofe di piccole o grandi dimensioni, non fi nisca fuori gioco ma riprenda l attività rapidamente. Per saperne di più: WE MANAGE YOUR DAMAGE Pronto Intervento Salvataggio Decontaminazione e ripristino di fabbricati civili ed industriali Deumidifi cazione e deodorizzazione Decontaminazione e ripristino di merci ed impianti Ripristino elettrico ed elettronico Recupero di documenti e materiale cartaceo Recupero Dati da supporti magnetici Decontaminazione da muffe Bonifi che Ambientali Danni da calamità naturali RED ALERT Programma internazionale di assistenza prioritaria P.I.A. Pronto Intervento Azienda BCP Business Continuity Plan DRP Disaster Recovery Plan Anz._Ital.indd :54

19 Big Data & Cyber Risks Il secondo workshop tenuto al convegno ANRA ha visto al centro l analisi e la trattazione del rischio informatico, con la presentazione dei casi concreti e di proposte per il controllo di questa particolare tipologia di rischio. Paola Luraschi, coordinatrice del workshop, propone la sintesi del proprio intervento di Paola Luraschi Principal Milliman Secondo una recente pubblicazione del Center for strategic and economic studies il costo globale annuo dei cybercrime è in costante crescita ed in base ad una delle ultime stime (i.e. 400 miliardi di dollari) ha già superato il PIL di molti paesi. Da solo questo dato può spiegare perché il cyber risk sia diventato in poco tempo uno dei rischi più temuti ma anche meno conosciuti dalle aziende di tutto il mondo. Per tale ragione è opportuno fare un passo indietro chiedendosi che cosa sia il cyber risk. L osservazione dei suoi effetti suggerisce che, alla stregua di altre tipologie di rischio (e.g. rischio operativo), il cyber risk è caratterizzato da eterogeneità di manifestazioni classificabili in due macro categorie: la prima identifica la fattispecie più comunemente associata al cyber risk e cioè tutti quegli eventi che attengono alla vulnerabilità dei sistemi IT aziendali, mentre la seconda - anche più rilevante in termini di impatto della prima - attiene al possibile danno di immagine derivante dall utilizzo improprio di canali di comunicazione di massa. Il comune denominatore di entrambe le fattispecie di cyber risk è il ruolo ambivalente dei cosiddetti big data che sono da un certo punto di vista origine del problema ma anche elemento utile e, probabilmente, imprescindibile della sua soluzione come indicato in Figura Vale la pena citare un altro aspetto che accomuna il rischio operativo ed il cyber risk ed è la difficoltà di attingere a dati di perdita che siano robusti da un punto di vista statistico. Inoltre se anche esistesse la possibilità di attingere a dati storici di perdita robusti, un analisi basata unicamente su di essi (quindi presupponendo la staticità di contesto che consente di dedurre quanto accadrà in futuro dall osservazione del passato) non potrebbe comunque essere sufficiente per un fenomeno dinamico e in continua evoluzione quale è il cyber risk. Per le ragioni sopra citate una gestione efficace del cyber risk è subordinata al completamento / contestualizzazione dei dati storici con la conoscenza / capacità interpretativa del contesto di riferimento. Come nel caso del rischio operativo è possibile raggiungere tale scopo utilizzando un approccio olistico (i.e. un approccio che si proponga di conoscere, misurare e gestire il cyber risk in quanto elemento di un sistema dinamico con interazioni e condizionamenti esogeni al rischio stesso) con ricorso a KRI automatizzati e a modelli Bayesiani (i.e. modelli di quantificazione che riescono a sintetizzare e completare i dati oggettivi osservati nel passato con la expert opinion di contesto). Si veda Figura 2. La possibilità di utilizzare i big data per concretizzare e coadiuvare modelli Bayesiani / approccio olistico può ridurre in modo significativo la rilevanza del rischio (i.e. ridurne impatto e probabilità) cogliendo al contempo le cyber opportunity. Si consideri a questo proposito il seguente esempio di gestione proattiva della fattispecie di cyber risk che attiene il danno di immagine e che riesce a trasformar-

20 lo in opportunità di efficientamento reale del business. Si consideri a titolo di esempio una società che produce energia eolica. Si supponga di avere attuato con uno strumento ERM di automazione della governance e del risk assessment (quale ad esempio MillimanGRC) una gestione olistica dei rischi di tale società con un sistema di monitoraggio e governo automatizzato. Tale gestione ricomprenderà, in particolare, la gestione del cyber risk e quella del rischio di fermo impianto (i.e. mancata o ridotta produzione di energia eolica presso un impianto a causa di una guasto). Ipotizzando l interfacciamento di MillimanGRC con un tool di analisi semantica si può pensare alla situazione in cui tale tool rileva tramite analisi delle informazioni disponibili in rete (big data) una scossa sismica di magnitudo ridotta che non ha prodotto danni rilevanti a cose / persone per cui la notizia, di interesse locale, non è stata e non verrà diffusa dai big media. L invio a MillimanGRC della informazione implica lo scandagliamento di MillimanGRC di tutte le possibili connessioni tra il fatto di cronaca e la vita aziendale con rilevazione della presenza di un impianto eolico dell azienda proprio nelle vicinanze dell epicentro del sisma. In questo caso vi sarebbe una segnalazione in tempo reale, da parte di MillimanGRC, tanto al responsabile interno della manutenzione aziendale quanto alla società esterna di manutenzione, della possibile presenza di anomalie nell impianto in questione con conseguente immediata reazione preventiva del danno nella produzione. Questo esempio indica come l analisi di big data pubblici al fine di individuare possibili fonti di danno di immagine, se opportunamente gestita e contestualizzata in un framework olistico di risk management, possa trasformarsi in opportunità di efficientamento del business come illustrato dalla Figura 3. 20

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA CICLO DI SEMINARI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA Le importanti evoluzioni dei sistemi economici e dei mercati finanziari

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey 23 Febbraio 2016 State Street Asset Owners Survey Introduzione Il sistema pensionistico globale si trova di fronte a sfide di enorme portata I fondi pensione devono evolversi e svilupparsi per riuscire

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Prova finale: certificazione Anra Al termine del percorso Master è prevista una prova finale.

Prova finale: certificazione Anra Al termine del percorso Master è prevista una prova finale. Milano, 15 novembre 2014 Obiettivi Il Master in Risk Management nasce con l obiettivo di dare un supporto alle imprese e ai professionisti che si trovano a dover gestire, nel corso delle loro attività,

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Responsabile dello studio Guido Cutillo Country Head of Talent and Organization Consulting Hanno contribuito allo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Master in Risk Management

Master in Risk Management Master in Risk Management Padova, 24 ottobre 2015 Bologna, 31 ottobre 2015 Roma, 7 novembre 2015 Milano, 14 novembre 2015 Obiettivi Il Master in Risk Management nasce con l obiettivo di dare un supporto

Dettagli

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com News release Contact Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com PwC: I patrimoni globali gestiti supereranno quota 100.000 miliardi

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

TechPremier. Informazioni per il broker

TechPremier. Informazioni per il broker Informazioni per il broker TechPremier Le società informatiche operano in un ambiente potenzialmente molto rischioso. Tecnologie in rapida e costante evoluzione sono alla base del controllo di molte funzioni

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A.

RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A. XXXVII Congresso Nazionale ANDAF, Napoli, 25-26 Ottobre 2013 RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A. Aon Aon è il broker # 1 al mondo Dati e

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it INFORMATION SECURITY I SERVIZI DI CONSULENZA. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano www.axxea.it info@axxea.it INDICE 1. SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI... 3 1.1 ANALISI DELLO STATO DELL ARTE...

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Tax & Legal. Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it

SALARY SURVEY 2015. Tax & Legal. Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it SALARY SURVEY 2015 Tax & Legal Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it Tax & Legal Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione

Dettagli

La scelta del web hosting per l e-commerce

La scelta del web hosting per l e-commerce La scelta del web hosting per l e-commerce E-commerce day Genova 7 ottobre 2013 Relatore: Filippo De Cecco filippo.dececco@upprovider.it Performance di un sito e-commerce Strangeloop ha costruito una interessante

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers MODULO 2 MODULO 1 L'organizzazione degli acquisti e il ruolo del Buyer Firenze,

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Internazionalizzare l impresa

Internazionalizzare l impresa Internazionalizzare l impresa Identificazione e analisi di comparazione Paese/area/location Questa è la prima risorsa necessaria a strutturare un valido studio di fattibilità sulla localizzazione prescelta

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE

UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE CONVINZIONE E RESPONSABILITA NELLA GESTIONE DI ATTIVI Con 80 miliardi di attivi in gestione, Candriam è un multi-specialista europeo della gestione patrimoniale

Dettagli

Verso il concetto di banca estesa : erogazione del credito ed offerta di servizi alle PMI dopo Basilea 2

Verso il concetto di banca estesa : erogazione del credito ed offerta di servizi alle PMI dopo Basilea 2 IX Convention ABI Basilea 2 e IAS Impresa per la Crescita Roma, 29-30 Novembre Verso il concetto di banca estesa : erogazione del credito ed offerta di servizi alle PMI dopo Basilea 2 Maurizio Bai Financial

Dettagli

OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI?

OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI? OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI? Operazioni M&A nel settore del Real Estate: quali soluzioni? 1 Ogni negoziazione può essere compromessa da un potenziale deal breaker. Per questo

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio PROGETTO LOCAL CASA Il mercato immobiliare ha trovato in internet un utile alleato per dare risposte rapide ed efficaci come mai era stato possibile in passato. Il trend degli ultimi anni conferma tale

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Allegato sub A Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi Div. I Affari Generali, Personale, Gestione Amministrativa PROCEDURA

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

Il Risk Management Integrato in eni

Il Risk Management Integrato in eni Il Risk Integrato in eni Maria Clotilde Tondini Vice President Risk Integrato 5 Marzo 015, Milano Indice - Il Modello eni - 1 Il Modello eni Le fasi di sviluppo L avvio e l attuazione del Modello di Risk

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT ENTERPRISE RISK MANAGEMENT UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA GESTIONE STRATEGICA AZIENDALE 2 a edizione 20-22 MAGGIO 2015 www.mib.edu/erm ENTERPRISE RISK MANAGEMENT Rispondendo a un esigenza sempre più sentita

Dettagli

I principali trend del mercato dei servizi IT

I principali trend del mercato dei servizi IT I principali trend del mercato dei servizi IT Risultati del questionario promosso da Achab, Kaseya e Top Trade Informatica nel mese di novembre 2009 O ltre 200 aziende italiane hanno risposto al questionario

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro.

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro. 1 Chi siamo Mericom è una delle più consolidate realtà nell ambito delle vendite, del marketing e della comunicazione. Siamo sul mercato con successo da 15 anni e abbiamo realizzato grandi progetti anche

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

IFAF. Master in Risk Management

IFAF. Master in Risk Management IFAF Master in Risk Management Padova, 2 marzo 2013 Obiettivi Il Master è stato strutturato con l obiettivo di fornire un supporto alle imprese e ai professionisti che si trovano a dover gestire, nel corso

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE CONFINDUSTRIA MACERATA SEZIONE TERZIARIO INNOVATIVO SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE Percorsi e tecniche per ridefinire i modelli manageriali delle nostre imprese. Ridurre i costi preservando agilità

Dettagli

A cura di: Giangiacomo Freyrie

A cura di: Giangiacomo Freyrie 1 Buongiorno. La collaborazione con Federcongressi&eventi entra nel vivo e nella fase più operativa. Partiamo dal gruppo dei PCO. Il primo con cui siamo entrati in contatto e con cui abbiamo cominciato

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

CyberEdge: la soluzione AIG

CyberEdge: la soluzione AIG Protezione contro le conseguenze dei cyber-rischi. BUSINESS Insurance CyberEdge: la soluzione AIG I cyber-rischi sono un dato di fatto in un mondo che ruota attorno alle informazioni e ai sistemi informativi

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI

FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI A Carla Casartelli FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI Con una radicata tradizione di servizio al cliente e una profonda esperienza nel mondo degli stampi, una realtà che offre una risposta globale in grado

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli