Newsletter per gli investitori. Il Piano Industriale AcegasApsAmga e il modello. di integrazione Hera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter per gli investitori. Il Piano Industriale 2014-2018 AcegasApsAmga e il modello. di integrazione Hera"

Transcript

1 NEWS Newsletter per gli investitori Anno 9, Numero 4 La Newsletter è stata chiusa con le informazioni al 12 novembre indice Focus sui risultati dei 02 primi nove mesi Il Piano Industriale AcegasApsAmga e il modello 03 di integrazione Hera Approfondimento sui progetti di integrazione 04 AcegasApsAmga Hera in Borsa 05 Azionariato Copertura analisti 01 Messaggio del Presidente Esecutivo In un sfidante, il MOL in progressiva accelerazione conferma la validità della nostra impostazione strategica anche per il futuro Gentili azionisti, i risultati dei primi nove mesi del offrono una significativa dimostrazione di come le difficoltà del contesto esterno possano essere contrastate grazie a un portafoglio di business ben diversificato, un intensa attività commerciale e un attenta gestione del processo di integrazione delle realtà acquisite, che passi attraverso la ricerca di sempre maggiori efficienze. Nel gli ostacoli non sono mancati: il clima particolarmente mite nei primi quattro mesi e la perdurante debolezza dell economia italiana hanno frenato la dinamica dei volumi di gas ed energia elettrica; la discesa dei prezzi della materia prima ha rappresentato un ulteriore componente di riduzione dei ricavi. Ciononostante, grazie al nostro ben calibrato assetto strutturale, abbiamo potuto beneficiare del contributo positivo dei business regolati e dei buoni risultati della campagna commerciale in quelli liberalizzati. Il Piano Industriale -2018, che abbiamo presentato il 1 ottobre, prefigura una sostanziale continuità con questa consolidata impostazione strategica in termini di leve per azionare la crescita futura. Come troverete meglio dettagliato a pagina 3, nel quinquennio continueremo ad alimentare la crescita organica con un piano di investimenti operativi di 2,1 miliardi di euro, mentre attueremo un processo di ulteriore espansione per linee esterne. La strategia di Hera, che combina crescita organica, sinergie e M&A, si conferma valida anche nei risultati al Rappresenta inoltre il percorso di sviluppo cui rimarremo fedeli nella realizzazione del nuovo Piano Industriale Nel Piano abbiamo previsto che circa metà - più precisamente il 48% - della crescita totale di MOL che ci siamo posti come obiettivo al 2018 derivi dall M&A e che un ulteriore 10% possa essere conquistato attraverso positivi esiti delle prossime gare di aggiudicazione delle concessioni del gas. In questo periodo è molto alta l attenzione sulle opportunità che si presentano a Hera, considerata la spinta del Governo e delle Istituzioni pubbliche a una concentrazione del settore e dato il nostro naturale ruolo di polo aggregatore; il mercato ci riconosce infatti provata esperienza nella selezione e successiva integrazione delle acquisizioni. Sebbene non siano ancora ben definite le caratteristiche che assumerà questo processo di aggregazione settoriale, sono invece molto chiare le regole alle quali Hera intende giocare la partita: stringenti logiche industriali, disciplina nei criteri di valutazione, forte concentrazione su un immediata estrazione di Ricavi mn , ,8 sinergie. Questo atteggiamento di coerenza con il passato consentirà ai nostri azionisti di beneficiare delle opportunità di crescita che il mercato italiano presenta senza che muti il profilo di rischio del proprio investimento. Abbiamo ritenuto che questo fosse l impegno più importante da prendere allo stato attuale e in quest ottica abbiamo disegnato gli obiettivi del nuovo Piano. Tomaso Tommasi di Vignano La crescita del MOL nel mostra una continua accelerazione, a confronto con lo stesso periodo del : +1,7% nel primo trimestre; +4,4% nel primo semestre; +8,9% nei primi nove mesi. MOL mn ,8 632,7

2 02 Primi nove mesi primi nove mesi (dati in milioni di euro) RICAVI 2.995,8 (-8,7%) MOL 632,7 (+8,9%) RIS. OPERATIVO 312,9 (+11,1%) INVESTIMENTI 232,1 (100% operativi) Alba a Chicago, una delle piazze del road show del Business Plan INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO 2.700,9 A fuoco i risultati dei primi nove mesi /// Nel terzo trimestre il passo della crescita del MOL ha mostrato un accelerazione rispetto al tasso di incremento semestrale: nei primi nove mesi infatti il MOL ha segnato un progresso dell 8,9%, a fronte della crescita del 4,4% riportata nei primi sei mesi. /// La sensibile crescita del MOL conferma l impatto positivo di un collaudato mix di fattori: la valida crescita organica, combinata con l estrazione di sinergie dall aggregazione di AcegasApsAmga, cui vanno aggiunti i benefici della crescita per linee esterne, in seguito alla fusione di Amga Udine, efficace dal 1 luglio. /// Tutte le aree del portafoglio di business hanno mostrato un miglioramento a livello di MOL, con Energia Elettrica (+34,5%) e Acqua (+12,9%) che hanno trainato la crescita consolidata. Nei primi nove mesi del il Gruppo Hera ha raggiunto un significativo incremento del MOL (+8,9%), nonostante le premesse di un contesto esterno molto sfidante, i cui segni sono visibili a livello di Ricavi, che infatti diminuiscono dell 8,7%. Tale contrazione riflette l impatto negativo di quattro componenti: 1) la riduzione dei volumi gas, in conseguenza delle sfavorevoli condizioni climatiche, 2) la riduzione in valore delle vendite di energia elettrica e gas, per effetto dei minori prezzi della materia prima, 3) la contrazione dei volumi di energia elettrica venduti, per il calo del 3,0% della domanda nazionale e, infine 4) la minore attività di trading. L Utile Operativo segna un progresso dell 11,1%, dopo avere assorbito una crescita del 6,9% degli Ammortamenti e Accantonamenti. Il saldo della Gestione Finanziaria è negativo per 102,7 milioni di euro, in miglioramento di 1,5 milioni rispetto al medesimo periodo del. L Utile ante imposte adjusted (che depura l effetto degli altri ricavi non operativi ) ammonta a 210,2 milioni, con un progresso del 18,4%. L utile netto risulta in riduzione di 19,3 milioni di euro, a causa di altri ricavi non operativi del (43,7 milioni) legati all acquisizione AcegasAps e di attività finanziarie non ricorrenti del (2,5 milioni). L utile netto adjusted migliora invece del 27,3%, passando da 98,0 milioni dei primi nove mesi a 124,8 milioni. La solidità finanziaria del Gruppo migliora, con un IFN che si attesta a 2,7 miliardi rispetto a 2,73 miliardi del 30.6.: la positiva generazione di cassa ha più che compensato l impatto del consolidamento del debito finanziario di Amga Udine, entrata nel perimetro del Gruppo nel terzo trimestre del. MOL mn 9 m 9 M Variaz. Ambiente 174,4 176,7 +1,3% Acqua 149,7 169,0 +12,9% Gas 174,6 184,1 +5,4% Energia elettrica 65,0 87,4 +34,5% Altro 17,1 15,5-9,8% TOTALE 580,8 632,7 +8,9% Alla positiva performance del MOL di Gruppo ha offerto un contributo significativo il sensibile miglioramento (+34,5%) del MOL dell Energia Elettrica, reso possibile dai più elevati margini sulle attività di vendita e dai maggiori ricavi del servizio regolato di distribuzione, pur in un contesto caratterizzato da una contrazione di quasi il 20% del PUN (prezzo dell energia). La continua espansione della base clienti (+73 mila nei nove mesi), che si giova anche del consolidamento di Amga Udine, ha inoltre permesso di mitigare gli effetti negativi del calo della domanda nazionale (-3,0%). Anche il MOL dell Acqua (+12,9%) continua a crescere a un tasso superiore a quello medio del Gruppo, grazie all applicazione del nuovo metodo tariffario nazionale definito dall AEEGSI e ai maggiori ricavi da applicazione del principio IFRIC 12. L area Gas, che presenta ricavi in discesa del 14,0%, per effetto sia dei minori volumi venduti sia del prezzo inferiore della materia prima gas, mostra un progresso del 5,4% a livello di MOL, grazie al contributo dei titoli di efficienza energetica e al pieno consolidamento dei territori di Udine e Gorizia. Il MOL dell Ambiente migliora dell 1,3%; l incremento del 9,9% dei rifiuti commercializzati riflette la forte espansione (+20,0%) dei rifiuti da mercato, grazie al successo delle attività commerciali nelle aree del Centro e Nord Italia. La maggiore incidenza della raccolta differenziata (oltre il 53%) ha sostenuto la dinamica dei rifiuti urbani (+0,9%). I rifiuti trattati sono aumentati del 7,2%, determinando incrementi per quasi tutte le tipologie di impianto e una produzione di energia elettrica da rifiuti che è rimasta stabile intorno a 0,75 TWh, nonostante la fermata per manutenzione di un impianto WTE. Ripartizione del MOL 9M 13,8% 29,1% 2,4% n Ambiente n Acqua n Energia elettrica 26,7% 27,9% n Gas n Altro

3 NEWS 03 Il Piano Industriale /// Il 1 ottobre Hera ha presentato il nuovo Piano, che comporta un significativo incremento cumulato del MOL nel periodo -2018, pari a 201 milioni di euro. Le principali leve di crescita sono rappresentate dalla crescita esterna, attraverso operazioni di M&A (48% della crescita totale), nonché da crescita organica e sinergie (per un altro 42%); le gare gas sono attese contribuire all espansione complessiva del MOL per il restante 10%. Nel 2018 è previsto che i business regolati incidano per il 57% del MOL di Gruppo, che è previsto raggiungere 1,020 milioni di euro. Nel quinquennio Hera si propone di realizzare investimenti operativi per un totale di 2,09 miliardi di euro, prevalentemente concentrati (72%) su attività regolate. La spesa per investimento sarà finanziata attraverso la forte generazione di cassa attesa. La Società stima di raggiungere un Free Cash Flow di 268 milioni di euro nel 2018, prima dell M&A e della distribuzione di dividendi: questo le consentirà di rafforzare una struttura patrimoniale già solida, portando il rapporto tra debito e MOL da 3,1x nel a 2,8x nel Nel nuovo Piano continua l impegno a una soddisfacente remunerazione agli azionisti. L attesa di riuscire a esprimere una crescita media annua dell utile per azione del 5% fornisce credibilità alla politica di distribuzione dei dividendi. Hera si è infatti impegnata a mantenere la base di un dividendo per azione di 9 centesimi per ciascuno dei cinque esercizi compresi nel Piano. 31% OBIETTIVO DI MOL 2018: MN EURO Ripartizione per area strategica 17% 3% 49% n Reti n Ambiente n Energia n Altro Fattori alla base della crescita MOL (210 mn euro) GLI OBIETTIVI DEL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 42% EBITDA milioni di euro / EBITDA *: 810 milioni di euro Free Cash Flow 2018** 268 milioni di euro EPS (utile per azione) +5% CAGR DPS Almeno 9 centesimi di euro all anno INVESTIMENTI OPERATIVI ,1 miliardi di euro INDEBITAM. FIN. NETTO/MOL ,8x (3,1x nel ) 10% 48% *Dato riclassificato in applicazione dei principi contabili IFRS11 **Prima di M&A e dividendi n Crescita organica e sinergie n Gare gas n M&A AcegasApsAmga e il modello di integrazione Hera /// Questo articolo nasce dal contributo di Roberto Gasparetto, attuale direttore generale di AcegasApsAmga: una figura che vanta nei propri trascorsi l integrazione di META Modena, acquisita nel Da quel momento si è infatti delineato un modello integrativo con caratteristiche uniche, che ha contribuito in modo determinante al successo del processo di crescita per linee esterne di Hera. I passaggi-chiave del percorso di integrazione in Hera hanno alcuni precisi obiettivi ricorrenti: eliminare la precedente entità legale, rendere omogenei i processi di gestionali, operare un efficace trasferimento di know-how da Hera alla nuova realtà acquisita. Il modello prevede inoltre che siano unificati i processi procurement e l IT, così come i sistemi di fatturazione e contabilità, oltre alle attività di comunicazione interna ed esterna. Nel tempo il modello operativo di integrazione è stato oggetto di monitoraggio e di continua messa a punto, con lo scopo di renderlo flessibile rispetto alle situazioni contingenti e adatto a rispondere alle esigenze del cambiamento in atto. Al centro dell attenzione il modello ha sempre posto la Qualità e Sicurezza, attraverso la strutturazione di protocolli e la tempestiva uniformazione dei sistemi di gestione: questo ha permesso di garantire che le attività operative fossero svolte in modo sicuro per il personale e con i massimi standard qualitativi del servizio offerto al cliente. Una componente essenziale del successo del modello di integrazione sta nel fatto che le società acquisite l abbiano sempre accolto, proprio in ragione delle sue caratteristiche, in modo molto costruttivo, agevolandone una veloce applicazione. Anche nel caso di AcegasApsAmga l integrazione sta procedendo con risultati molto proficui e in tempi più rapidi del previsto, grazie al clima di piena condivisione degli obiettivi e di fattiva collaborazione. Hera infatti è sempre attenta a cogliere e valorizzare le eccellenze delle società acquisite, come dimostra il caso del modello di gestione delle reti sviluppato da Amga Udine che, in seguito alla fusione, è stato adottato come best practice di riferimento per tutte le attività del nuovo gruppo AcegasApsAmga.

4 04 NEWS Approfondimento sui progetti di integrazione AcegasApsAmga /// I progetti attraverso i quali Hera sta integrando AcegasApsAmga rappresentano un efficace esempio di come il modello presentato a pagina 3 trovi concreta applicazione. Il processo di integrazione di AcegasApsAmga nel 2015 si articola in circa 50 progetti, che presentano obiettivi condivisi con il senior e il middle management. L estrazione di sinergie passa attraverso una serie di iniziative di ottimizzazione che toccano tutte le aree di business, secondo la logica multi-utility del Gruppo, oltre che le attività di staff. Ogni area di attività presenta obiettivi chiaramente quantificati in termini di innovazione, crescita, efficienza costi ed eccellenza. A quest ultimo aspetto è dedicata particolare importanza - e non solo in termini qualitativi, come dimostra il fatto che il Progetto Regia coordini la percentuale di eccellenza presente in tutte le iniziative. gas ambiente ENERGIA ELETTRICA ACQUA Smart Grid management Work force management Reti Gas Gestione recupero crediti Presidio Gare Piena Integrazione Distribuzione Gas ex Amga e Isontina Reti Gas PresidioTarget Investimenti e MOL Gas Ottimizzazione e estrazione sinergie Distribuzione Gas in Bulgaria Ottimizzazione Parametri Tecnici e Commerciali Gas Work force management Ambiente Gestione Tassa rifiuti e servizi (TARI) Sviluppo Servizio Igiene Urbana Ambiente Impianti Servizi Esterni Sviluppo raccolta differenziata Manutenzione Discarica Ponte San Nicolò Estensione telecontrollo e telegestione nel Triveneto Smart Grid Energia Elettrica e Illuminazione Pubblica Work force management Reti Energia Elettrica e Illuminazione Pubblica Piena integrazione distribuzione Energia Elettrica Illuminazione Pubblica energia elettrica e Illuminaz. Pubblica Energy Management Obiettivo Smart Grid Acqua Riduzione delle perdite fisiche e dell acqua non fatturata Work force management Reti Acqua acqua Adeguamento depuratore Servola (Trieste) Oltre a una suddivisione verticale per aree di business, il modello prevede anche un nutrito numero di progetti trasversali, che riguardano: 1. l implementazione dell integrazione di sistemi e infrastrutture 2. l E Management, quale meta-progetto di regia presente in tutte le iniziative. PROGETTI TRASVERSALI IMPLEMENTAZIONE INTEGRAZIONE SISTEMI E INFRASTRUTTURE n Start up nuovo modello facility management n Allineamento contratti intercompany n Ottimizzazione strategie di procurement n Ottimizzazione strategie di gestione Reti e Ambiente n Razionalizzazione laboratori n Promozione best practice della customer base n Efficientamento Servizi Centrali n Prosecuzione razionalizzazione societaria n HR Gestione Parametri Economici n Ottimizzazione delle operations di Recupero Crediti n Modernizzazione parco veicoli waste e Uniflotte E MANAGEMENT n Business Disaster Recovery Management n Sistema Esperto investimenti n Implementazione della formazione a più livelli relativa al Modello di Leadership n Indagine clima ed implementazione del Codice Etico n Politiche di sostenibilità coordinate e stakeholder engagement n Implementazione dei progetti relativi a Smart company/smart city n Miglioramento performance del CRM e qualità del servizio n HR Gestione Parametri di Sviluppo e Organizzazione n Certificazione e n Presidio Comunicazione Esterna La governance di questo complesso insieme di progetti è assicurata da incontri quindicinali sulle principali iniziative, gli Operations Management Meetings, da task force su specifici temi e, infine, da task force on-demand. Tale struttura è inquadrata in un sistema di Balanced Scorecard che verifica l avanzamento dei 50 progetti su base trimestrale.

5 05 Hera in borsa Il titolo Hera Prezzo all : 2,03 Max-Min a 365 gg: 2,17-1,63 N. azioni emesse: Capitalizzazione: 3,02 mld di Prezzo-target di consensus 2,52 (fonte: ricerca broker) Indici borsistici nei quali il titolo Hera è incluso FTSE Italia All-Share Capped + All-Share+ Mid Cap + Servizi Pubblici STOXX Total Market Index+Europe+Europe ex-uk+italy STOXX TMI+Europe nei segmenti: Utilities, Gas-Water & Multiutilities, Value Axia Ethical / Kempen SNS Smaller Europe SRI Index FTSE ECPI Italia SRI Benchmark + Italia SRI Leaders + Ethical Index EMU Azionariato di Bologna di Modena di Trieste di Padova di Ferrara n Altri Comuni delle province della Romagna n Patto soci privati n Flottante di Udine Azionariato post fusione AMGA Udine, calcolato sulla base di un capitale sociale composto da azioni, del V.N. di 1 euro. Nelle settimane successive alla pubblicazione dell ultima newsletter (27 agosto ), le performance dei mercati azionari sono state principalmente influenzate dalle incertezze sull entità della crescita globale e dall acuirsi delle tensioni geopolitiche in Ucraina, a Hong Kong e in Medio Oriente. In Italia in particolare ha inciso anche il timore di ulteriori ritardi sulle riforme, in un quadro di profonda debolezza dell economia reale. Sulla base di tali elementi di contesto, l indice del listino italiano ha annullato ogni progresso dai livelli di inizio anno. Al contrario il prezzo del titolo Hera che in qualche misura è comunque stato condizionato dal sentiment di generale incertezza ha mantenuto una performance significativamente positiva rispetto ai livelli di inizio gennaio, ampliando a oltre il 20% l overperformance rispetto all indice FTSE Italy All-Share. Il mercato, che si aspetta che Hera giochi un ruolo di primo piano nel processo di concentrazione che interesserà il settore in Italia, ha infatti apprezzato il quadro di salute dei fondamentali offerto dai risultati semestrali pubblicati a fine agosto e ritenuto convincenti gli obiettivi del Piano Industriale annunciati il 1 ottobre; l esteso road show che ha avuto luogo nelle settimane seguenti ha visto il management di Hera incontrare investitori su 11 piazze diverse in Europa e negli Stati Uniti, con riscontri di vasto consenso sul percorso di strategia di crescita presentato nel Piano. Copertura analisti 34,5% Performance prezzo titolo Hera da inizio 2,3 2,2 2,1 2 1,9 1,8 1,7 1,6 1,5 1,4 gen Broker Prezzo target Rating Banca Akros 2,60 Buy Banca IMI 2,60 Buy Equita 2,40 Buy Fidentiis Equities 2,40 Buy Goldman Sachs 2,70 Buy Intermonte 2,50 Outperform KeplerCheuvreux 2,34 Buy Mediobanca 2,60 Outperform Media 8 analisti 2,52 11 novembre 7,6% 2,0% 13,8% 3,2% 4,8% 4,8% Performance Hera vs. FTSE Italia All-share Index da inizio 140,00 135,00 130,00 125,00 120,00 115,00 110,00 105,00 100,00 95,00 90,00 gen feb feb mar mar apr apr mag mag giu giu lug lug 9,5% 19,8% ago ago set ott nov n FTSE Italia All-share Index n Hera set ott nov In seguito alla pubblicazione dei risultati semestrali e del nuovo Piano Industriale il quadro delle raccomandazioni sul titolo Hera è rimasto invariato, con un unanimità di giudizi positivi (8 su 8 broker in copertura): più in dettaglio, sei analisti esprimono un suggerimento di acquisto (Buy), mentre gli altri due ritengono che il titolo mostrerà una performance migliore di quella dell indice di riferimento (Outperform). Tutti gli analisti hanno indicato prezzi target ampiamente superiori al prezzo attuale, entro un range che va da un minimo di 2,34 a un massimo di 2,70. Il target price di consensus è migliorato da 2,39 del 27 agosto a 2,52 euro (+5,4%); alle quotazioni recenti il titolo risulta perciò sottovalutato di circa il 25%. Team Investor Relations di Hera 28,2% Ripartizione geografica azionariato istituzionale (16,5% del capitale sociale) 21,1% n Altro 4,5% n Scandinavia 0,9% n Germania 1,8% n Francia 4,1% PIAZZE DEL ROADSHOW PER IL PIANO INDUSTRIALE Milano Londra Parigi Boston Chicago New York 4,5% 0,9% 1,8% 4,1% 19,3% 6,0% n Olanda 6% n Svizzera 14,1% n Italia 19,3% n Regno Unito 21,1% n Stati Uniti-Canada 28,2% Zurigo Ginevra Helsinki Copenhagen Amsterdam /// CONTATTI Ufficio Investor Relations Responsabile: Jens K. Hansen T /// Il prossimo numero della newsletter verrà pubblicato nel marzo /// HeraNews Responsabile Jens K. Hansen Concept e contenuti editoriali Blue Arrow, Milano Progetto grafico e impaginazione moma Studio, Milano 14,1%

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent.

Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent. Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent. Immagine copertina Verifica routing Questa pagina Visualizzazione spazio

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli