Newsletter per gli investitori. Il Piano Industriale AcegasApsAmga e il modello. di integrazione Hera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter per gli investitori. Il Piano Industriale 2014-2018 AcegasApsAmga e il modello. di integrazione Hera"

Transcript

1 NEWS Newsletter per gli investitori Anno 9, Numero 4 La Newsletter è stata chiusa con le informazioni al 12 novembre indice Focus sui risultati dei 02 primi nove mesi Il Piano Industriale AcegasApsAmga e il modello 03 di integrazione Hera Approfondimento sui progetti di integrazione 04 AcegasApsAmga Hera in Borsa 05 Azionariato Copertura analisti 01 Messaggio del Presidente Esecutivo In un sfidante, il MOL in progressiva accelerazione conferma la validità della nostra impostazione strategica anche per il futuro Gentili azionisti, i risultati dei primi nove mesi del offrono una significativa dimostrazione di come le difficoltà del contesto esterno possano essere contrastate grazie a un portafoglio di business ben diversificato, un intensa attività commerciale e un attenta gestione del processo di integrazione delle realtà acquisite, che passi attraverso la ricerca di sempre maggiori efficienze. Nel gli ostacoli non sono mancati: il clima particolarmente mite nei primi quattro mesi e la perdurante debolezza dell economia italiana hanno frenato la dinamica dei volumi di gas ed energia elettrica; la discesa dei prezzi della materia prima ha rappresentato un ulteriore componente di riduzione dei ricavi. Ciononostante, grazie al nostro ben calibrato assetto strutturale, abbiamo potuto beneficiare del contributo positivo dei business regolati e dei buoni risultati della campagna commerciale in quelli liberalizzati. Il Piano Industriale -2018, che abbiamo presentato il 1 ottobre, prefigura una sostanziale continuità con questa consolidata impostazione strategica in termini di leve per azionare la crescita futura. Come troverete meglio dettagliato a pagina 3, nel quinquennio continueremo ad alimentare la crescita organica con un piano di investimenti operativi di 2,1 miliardi di euro, mentre attueremo un processo di ulteriore espansione per linee esterne. La strategia di Hera, che combina crescita organica, sinergie e M&A, si conferma valida anche nei risultati al Rappresenta inoltre il percorso di sviluppo cui rimarremo fedeli nella realizzazione del nuovo Piano Industriale Nel Piano abbiamo previsto che circa metà - più precisamente il 48% - della crescita totale di MOL che ci siamo posti come obiettivo al 2018 derivi dall M&A e che un ulteriore 10% possa essere conquistato attraverso positivi esiti delle prossime gare di aggiudicazione delle concessioni del gas. In questo periodo è molto alta l attenzione sulle opportunità che si presentano a Hera, considerata la spinta del Governo e delle Istituzioni pubbliche a una concentrazione del settore e dato il nostro naturale ruolo di polo aggregatore; il mercato ci riconosce infatti provata esperienza nella selezione e successiva integrazione delle acquisizioni. Sebbene non siano ancora ben definite le caratteristiche che assumerà questo processo di aggregazione settoriale, sono invece molto chiare le regole alle quali Hera intende giocare la partita: stringenti logiche industriali, disciplina nei criteri di valutazione, forte concentrazione su un immediata estrazione di Ricavi mn , ,8 sinergie. Questo atteggiamento di coerenza con il passato consentirà ai nostri azionisti di beneficiare delle opportunità di crescita che il mercato italiano presenta senza che muti il profilo di rischio del proprio investimento. Abbiamo ritenuto che questo fosse l impegno più importante da prendere allo stato attuale e in quest ottica abbiamo disegnato gli obiettivi del nuovo Piano. Tomaso Tommasi di Vignano La crescita del MOL nel mostra una continua accelerazione, a confronto con lo stesso periodo del : +1,7% nel primo trimestre; +4,4% nel primo semestre; +8,9% nei primi nove mesi. MOL mn ,8 632,7

2 02 Primi nove mesi primi nove mesi (dati in milioni di euro) RICAVI 2.995,8 (-8,7%) MOL 632,7 (+8,9%) RIS. OPERATIVO 312,9 (+11,1%) INVESTIMENTI 232,1 (100% operativi) Alba a Chicago, una delle piazze del road show del Business Plan INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO 2.700,9 A fuoco i risultati dei primi nove mesi /// Nel terzo trimestre il passo della crescita del MOL ha mostrato un accelerazione rispetto al tasso di incremento semestrale: nei primi nove mesi infatti il MOL ha segnato un progresso dell 8,9%, a fronte della crescita del 4,4% riportata nei primi sei mesi. /// La sensibile crescita del MOL conferma l impatto positivo di un collaudato mix di fattori: la valida crescita organica, combinata con l estrazione di sinergie dall aggregazione di AcegasApsAmga, cui vanno aggiunti i benefici della crescita per linee esterne, in seguito alla fusione di Amga Udine, efficace dal 1 luglio. /// Tutte le aree del portafoglio di business hanno mostrato un miglioramento a livello di MOL, con Energia Elettrica (+34,5%) e Acqua (+12,9%) che hanno trainato la crescita consolidata. Nei primi nove mesi del il Gruppo Hera ha raggiunto un significativo incremento del MOL (+8,9%), nonostante le premesse di un contesto esterno molto sfidante, i cui segni sono visibili a livello di Ricavi, che infatti diminuiscono dell 8,7%. Tale contrazione riflette l impatto negativo di quattro componenti: 1) la riduzione dei volumi gas, in conseguenza delle sfavorevoli condizioni climatiche, 2) la riduzione in valore delle vendite di energia elettrica e gas, per effetto dei minori prezzi della materia prima, 3) la contrazione dei volumi di energia elettrica venduti, per il calo del 3,0% della domanda nazionale e, infine 4) la minore attività di trading. L Utile Operativo segna un progresso dell 11,1%, dopo avere assorbito una crescita del 6,9% degli Ammortamenti e Accantonamenti. Il saldo della Gestione Finanziaria è negativo per 102,7 milioni di euro, in miglioramento di 1,5 milioni rispetto al medesimo periodo del. L Utile ante imposte adjusted (che depura l effetto degli altri ricavi non operativi ) ammonta a 210,2 milioni, con un progresso del 18,4%. L utile netto risulta in riduzione di 19,3 milioni di euro, a causa di altri ricavi non operativi del (43,7 milioni) legati all acquisizione AcegasAps e di attività finanziarie non ricorrenti del (2,5 milioni). L utile netto adjusted migliora invece del 27,3%, passando da 98,0 milioni dei primi nove mesi a 124,8 milioni. La solidità finanziaria del Gruppo migliora, con un IFN che si attesta a 2,7 miliardi rispetto a 2,73 miliardi del 30.6.: la positiva generazione di cassa ha più che compensato l impatto del consolidamento del debito finanziario di Amga Udine, entrata nel perimetro del Gruppo nel terzo trimestre del. MOL mn 9 m 9 M Variaz. Ambiente 174,4 176,7 +1,3% Acqua 149,7 169,0 +12,9% Gas 174,6 184,1 +5,4% Energia elettrica 65,0 87,4 +34,5% Altro 17,1 15,5-9,8% TOTALE 580,8 632,7 +8,9% Alla positiva performance del MOL di Gruppo ha offerto un contributo significativo il sensibile miglioramento (+34,5%) del MOL dell Energia Elettrica, reso possibile dai più elevati margini sulle attività di vendita e dai maggiori ricavi del servizio regolato di distribuzione, pur in un contesto caratterizzato da una contrazione di quasi il 20% del PUN (prezzo dell energia). La continua espansione della base clienti (+73 mila nei nove mesi), che si giova anche del consolidamento di Amga Udine, ha inoltre permesso di mitigare gli effetti negativi del calo della domanda nazionale (-3,0%). Anche il MOL dell Acqua (+12,9%) continua a crescere a un tasso superiore a quello medio del Gruppo, grazie all applicazione del nuovo metodo tariffario nazionale definito dall AEEGSI e ai maggiori ricavi da applicazione del principio IFRIC 12. L area Gas, che presenta ricavi in discesa del 14,0%, per effetto sia dei minori volumi venduti sia del prezzo inferiore della materia prima gas, mostra un progresso del 5,4% a livello di MOL, grazie al contributo dei titoli di efficienza energetica e al pieno consolidamento dei territori di Udine e Gorizia. Il MOL dell Ambiente migliora dell 1,3%; l incremento del 9,9% dei rifiuti commercializzati riflette la forte espansione (+20,0%) dei rifiuti da mercato, grazie al successo delle attività commerciali nelle aree del Centro e Nord Italia. La maggiore incidenza della raccolta differenziata (oltre il 53%) ha sostenuto la dinamica dei rifiuti urbani (+0,9%). I rifiuti trattati sono aumentati del 7,2%, determinando incrementi per quasi tutte le tipologie di impianto e una produzione di energia elettrica da rifiuti che è rimasta stabile intorno a 0,75 TWh, nonostante la fermata per manutenzione di un impianto WTE. Ripartizione del MOL 9M 13,8% 29,1% 2,4% n Ambiente n Acqua n Energia elettrica 26,7% 27,9% n Gas n Altro

3 NEWS 03 Il Piano Industriale /// Il 1 ottobre Hera ha presentato il nuovo Piano, che comporta un significativo incremento cumulato del MOL nel periodo -2018, pari a 201 milioni di euro. Le principali leve di crescita sono rappresentate dalla crescita esterna, attraverso operazioni di M&A (48% della crescita totale), nonché da crescita organica e sinergie (per un altro 42%); le gare gas sono attese contribuire all espansione complessiva del MOL per il restante 10%. Nel 2018 è previsto che i business regolati incidano per il 57% del MOL di Gruppo, che è previsto raggiungere 1,020 milioni di euro. Nel quinquennio Hera si propone di realizzare investimenti operativi per un totale di 2,09 miliardi di euro, prevalentemente concentrati (72%) su attività regolate. La spesa per investimento sarà finanziata attraverso la forte generazione di cassa attesa. La Società stima di raggiungere un Free Cash Flow di 268 milioni di euro nel 2018, prima dell M&A e della distribuzione di dividendi: questo le consentirà di rafforzare una struttura patrimoniale già solida, portando il rapporto tra debito e MOL da 3,1x nel a 2,8x nel Nel nuovo Piano continua l impegno a una soddisfacente remunerazione agli azionisti. L attesa di riuscire a esprimere una crescita media annua dell utile per azione del 5% fornisce credibilità alla politica di distribuzione dei dividendi. Hera si è infatti impegnata a mantenere la base di un dividendo per azione di 9 centesimi per ciascuno dei cinque esercizi compresi nel Piano. 31% OBIETTIVO DI MOL 2018: MN EURO Ripartizione per area strategica 17% 3% 49% n Reti n Ambiente n Energia n Altro Fattori alla base della crescita MOL (210 mn euro) GLI OBIETTIVI DEL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 42% EBITDA milioni di euro / EBITDA *: 810 milioni di euro Free Cash Flow 2018** 268 milioni di euro EPS (utile per azione) +5% CAGR DPS Almeno 9 centesimi di euro all anno INVESTIMENTI OPERATIVI ,1 miliardi di euro INDEBITAM. FIN. NETTO/MOL ,8x (3,1x nel ) 10% 48% *Dato riclassificato in applicazione dei principi contabili IFRS11 **Prima di M&A e dividendi n Crescita organica e sinergie n Gare gas n M&A AcegasApsAmga e il modello di integrazione Hera /// Questo articolo nasce dal contributo di Roberto Gasparetto, attuale direttore generale di AcegasApsAmga: una figura che vanta nei propri trascorsi l integrazione di META Modena, acquisita nel Da quel momento si è infatti delineato un modello integrativo con caratteristiche uniche, che ha contribuito in modo determinante al successo del processo di crescita per linee esterne di Hera. I passaggi-chiave del percorso di integrazione in Hera hanno alcuni precisi obiettivi ricorrenti: eliminare la precedente entità legale, rendere omogenei i processi di gestionali, operare un efficace trasferimento di know-how da Hera alla nuova realtà acquisita. Il modello prevede inoltre che siano unificati i processi procurement e l IT, così come i sistemi di fatturazione e contabilità, oltre alle attività di comunicazione interna ed esterna. Nel tempo il modello operativo di integrazione è stato oggetto di monitoraggio e di continua messa a punto, con lo scopo di renderlo flessibile rispetto alle situazioni contingenti e adatto a rispondere alle esigenze del cambiamento in atto. Al centro dell attenzione il modello ha sempre posto la Qualità e Sicurezza, attraverso la strutturazione di protocolli e la tempestiva uniformazione dei sistemi di gestione: questo ha permesso di garantire che le attività operative fossero svolte in modo sicuro per il personale e con i massimi standard qualitativi del servizio offerto al cliente. Una componente essenziale del successo del modello di integrazione sta nel fatto che le società acquisite l abbiano sempre accolto, proprio in ragione delle sue caratteristiche, in modo molto costruttivo, agevolandone una veloce applicazione. Anche nel caso di AcegasApsAmga l integrazione sta procedendo con risultati molto proficui e in tempi più rapidi del previsto, grazie al clima di piena condivisione degli obiettivi e di fattiva collaborazione. Hera infatti è sempre attenta a cogliere e valorizzare le eccellenze delle società acquisite, come dimostra il caso del modello di gestione delle reti sviluppato da Amga Udine che, in seguito alla fusione, è stato adottato come best practice di riferimento per tutte le attività del nuovo gruppo AcegasApsAmga.

4 04 NEWS Approfondimento sui progetti di integrazione AcegasApsAmga /// I progetti attraverso i quali Hera sta integrando AcegasApsAmga rappresentano un efficace esempio di come il modello presentato a pagina 3 trovi concreta applicazione. Il processo di integrazione di AcegasApsAmga nel 2015 si articola in circa 50 progetti, che presentano obiettivi condivisi con il senior e il middle management. L estrazione di sinergie passa attraverso una serie di iniziative di ottimizzazione che toccano tutte le aree di business, secondo la logica multi-utility del Gruppo, oltre che le attività di staff. Ogni area di attività presenta obiettivi chiaramente quantificati in termini di innovazione, crescita, efficienza costi ed eccellenza. A quest ultimo aspetto è dedicata particolare importanza - e non solo in termini qualitativi, come dimostra il fatto che il Progetto Regia coordini la percentuale di eccellenza presente in tutte le iniziative. gas ambiente ENERGIA ELETTRICA ACQUA Smart Grid management Work force management Reti Gas Gestione recupero crediti Presidio Gare Piena Integrazione Distribuzione Gas ex Amga e Isontina Reti Gas PresidioTarget Investimenti e MOL Gas Ottimizzazione e estrazione sinergie Distribuzione Gas in Bulgaria Ottimizzazione Parametri Tecnici e Commerciali Gas Work force management Ambiente Gestione Tassa rifiuti e servizi (TARI) Sviluppo Servizio Igiene Urbana Ambiente Impianti Servizi Esterni Sviluppo raccolta differenziata Manutenzione Discarica Ponte San Nicolò Estensione telecontrollo e telegestione nel Triveneto Smart Grid Energia Elettrica e Illuminazione Pubblica Work force management Reti Energia Elettrica e Illuminazione Pubblica Piena integrazione distribuzione Energia Elettrica Illuminazione Pubblica energia elettrica e Illuminaz. Pubblica Energy Management Obiettivo Smart Grid Acqua Riduzione delle perdite fisiche e dell acqua non fatturata Work force management Reti Acqua acqua Adeguamento depuratore Servola (Trieste) Oltre a una suddivisione verticale per aree di business, il modello prevede anche un nutrito numero di progetti trasversali, che riguardano: 1. l implementazione dell integrazione di sistemi e infrastrutture 2. l E Management, quale meta-progetto di regia presente in tutte le iniziative. PROGETTI TRASVERSALI IMPLEMENTAZIONE INTEGRAZIONE SISTEMI E INFRASTRUTTURE n Start up nuovo modello facility management n Allineamento contratti intercompany n Ottimizzazione strategie di procurement n Ottimizzazione strategie di gestione Reti e Ambiente n Razionalizzazione laboratori n Promozione best practice della customer base n Efficientamento Servizi Centrali n Prosecuzione razionalizzazione societaria n HR Gestione Parametri Economici n Ottimizzazione delle operations di Recupero Crediti n Modernizzazione parco veicoli waste e Uniflotte E MANAGEMENT n Business Disaster Recovery Management n Sistema Esperto investimenti n Implementazione della formazione a più livelli relativa al Modello di Leadership n Indagine clima ed implementazione del Codice Etico n Politiche di sostenibilità coordinate e stakeholder engagement n Implementazione dei progetti relativi a Smart company/smart city n Miglioramento performance del CRM e qualità del servizio n HR Gestione Parametri di Sviluppo e Organizzazione n Certificazione e n Presidio Comunicazione Esterna La governance di questo complesso insieme di progetti è assicurata da incontri quindicinali sulle principali iniziative, gli Operations Management Meetings, da task force su specifici temi e, infine, da task force on-demand. Tale struttura è inquadrata in un sistema di Balanced Scorecard che verifica l avanzamento dei 50 progetti su base trimestrale.

5 05 Hera in borsa Il titolo Hera Prezzo all : 2,03 Max-Min a 365 gg: 2,17-1,63 N. azioni emesse: Capitalizzazione: 3,02 mld di Prezzo-target di consensus 2,52 (fonte: ricerca broker) Indici borsistici nei quali il titolo Hera è incluso FTSE Italia All-Share Capped + All-Share+ Mid Cap + Servizi Pubblici STOXX Total Market Index+Europe+Europe ex-uk+italy STOXX TMI+Europe nei segmenti: Utilities, Gas-Water & Multiutilities, Value Axia Ethical / Kempen SNS Smaller Europe SRI Index FTSE ECPI Italia SRI Benchmark + Italia SRI Leaders + Ethical Index EMU Azionariato di Bologna di Modena di Trieste di Padova di Ferrara n Altri Comuni delle province della Romagna n Patto soci privati n Flottante di Udine Azionariato post fusione AMGA Udine, calcolato sulla base di un capitale sociale composto da azioni, del V.N. di 1 euro. Nelle settimane successive alla pubblicazione dell ultima newsletter (27 agosto ), le performance dei mercati azionari sono state principalmente influenzate dalle incertezze sull entità della crescita globale e dall acuirsi delle tensioni geopolitiche in Ucraina, a Hong Kong e in Medio Oriente. In Italia in particolare ha inciso anche il timore di ulteriori ritardi sulle riforme, in un quadro di profonda debolezza dell economia reale. Sulla base di tali elementi di contesto, l indice del listino italiano ha annullato ogni progresso dai livelli di inizio anno. Al contrario il prezzo del titolo Hera che in qualche misura è comunque stato condizionato dal sentiment di generale incertezza ha mantenuto una performance significativamente positiva rispetto ai livelli di inizio gennaio, ampliando a oltre il 20% l overperformance rispetto all indice FTSE Italy All-Share. Il mercato, che si aspetta che Hera giochi un ruolo di primo piano nel processo di concentrazione che interesserà il settore in Italia, ha infatti apprezzato il quadro di salute dei fondamentali offerto dai risultati semestrali pubblicati a fine agosto e ritenuto convincenti gli obiettivi del Piano Industriale annunciati il 1 ottobre; l esteso road show che ha avuto luogo nelle settimane seguenti ha visto il management di Hera incontrare investitori su 11 piazze diverse in Europa e negli Stati Uniti, con riscontri di vasto consenso sul percorso di strategia di crescita presentato nel Piano. Copertura analisti 34,5% Performance prezzo titolo Hera da inizio 2,3 2,2 2,1 2 1,9 1,8 1,7 1,6 1,5 1,4 gen Broker Prezzo target Rating Banca Akros 2,60 Buy Banca IMI 2,60 Buy Equita 2,40 Buy Fidentiis Equities 2,40 Buy Goldman Sachs 2,70 Buy Intermonte 2,50 Outperform KeplerCheuvreux 2,34 Buy Mediobanca 2,60 Outperform Media 8 analisti 2,52 11 novembre 7,6% 2,0% 13,8% 3,2% 4,8% 4,8% Performance Hera vs. FTSE Italia All-share Index da inizio 140,00 135,00 130,00 125,00 120,00 115,00 110,00 105,00 100,00 95,00 90,00 gen feb feb mar mar apr apr mag mag giu giu lug lug 9,5% 19,8% ago ago set ott nov n FTSE Italia All-share Index n Hera set ott nov In seguito alla pubblicazione dei risultati semestrali e del nuovo Piano Industriale il quadro delle raccomandazioni sul titolo Hera è rimasto invariato, con un unanimità di giudizi positivi (8 su 8 broker in copertura): più in dettaglio, sei analisti esprimono un suggerimento di acquisto (Buy), mentre gli altri due ritengono che il titolo mostrerà una performance migliore di quella dell indice di riferimento (Outperform). Tutti gli analisti hanno indicato prezzi target ampiamente superiori al prezzo attuale, entro un range che va da un minimo di 2,34 a un massimo di 2,70. Il target price di consensus è migliorato da 2,39 del 27 agosto a 2,52 euro (+5,4%); alle quotazioni recenti il titolo risulta perciò sottovalutato di circa il 25%. Team Investor Relations di Hera 28,2% Ripartizione geografica azionariato istituzionale (16,5% del capitale sociale) 21,1% n Altro 4,5% n Scandinavia 0,9% n Germania 1,8% n Francia 4,1% PIAZZE DEL ROADSHOW PER IL PIANO INDUSTRIALE Milano Londra Parigi Boston Chicago New York 4,5% 0,9% 1,8% 4,1% 19,3% 6,0% n Olanda 6% n Svizzera 14,1% n Italia 19,3% n Regno Unito 21,1% n Stati Uniti-Canada 28,2% Zurigo Ginevra Helsinki Copenhagen Amsterdam /// CONTATTI Ufficio Investor Relations Responsabile: Jens K. Hansen T /// Il prossimo numero della newsletter verrà pubblicato nel marzo /// HeraNews Responsabile Jens K. Hansen Concept e contenuti editoriali Blue Arrow, Milano Progetto grafico e impaginazione moma Studio, Milano 14,1%

Newsletter per gli investitori. Bilancio di Sostenibilità 2014 Le delibere dell Assemblea. Annuale degli Azionisti

Newsletter per gli investitori. Bilancio di Sostenibilità 2014 Le delibere dell Assemblea. Annuale degli Azionisti NEWS Newsletter per gli investitori Anno 10, Numero 2 La Newsletter è stata chiusa con le informazioni al 13 maggio www.gruppohera.it INDICE Focus sui risultati del 02 primo trimestre Bilancio di Sostenibilità

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2014 L anno si chiude con tutti i principali valori in crescita, migliorando la performance positiva dei trimestri precedenti.

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE Gruppo Hera Relazione Trimestrale Consolidata al 31 marzo 2014 RELAZIO ONE TRIMESTRALE CONSOLIDATAA AL 30 SETTEMBRE 2014 Progetto in approvazione nel Cda di Hera Spa del 14 maggio 2014 1 Indice Mission

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2014

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2014 Gruppo Hera Relazione Trimestrale Consolidata al 31 marzo 2014 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2014 Progetto in approvazione nel Cda di Hera Spa del 14 maggio 2014 1 Gruppo Hera Relazione

Dettagli

I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI. Carta d identità al 31 dicembre 2010

I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI. Carta d identità al 31 dicembre 2010 I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI Consideriamo la credibilità riconosciutaci dai mercati finanziari uno degli asset portanti per sostenere lo sviluppo dell Azienda. Operiamo nella massima trasparenza

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04 Conference Call, 21 Marzo 2005 e Q4 04 Presidente Renzo Capra Il flottante a seguito della fusione con BAS è circa il 18% Azionariato A seguito della programmata fusione con BAS Bergamo, il Comune di Brescia

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015 Risultati progressivi in forte miglioramento (EBITDA +23%). Indebitamento finanziario

Dettagli

Gruppo Hera. Relazione Trimestrale Consolidata al 31 marzo 2014 RELAZIO ONE

Gruppo Hera. Relazione Trimestrale Consolidata al 31 marzo 2014 RELAZIO ONE Gruppo Hera Relazione Trimestrale Consolidata al 31 marzo 2014 RELAZIO ONE SEMESTRALE CONSOLIDATAA AL 30 GIUGNO 2014 Progetto in approvazione nel Cda di Hera Spa del 14 maggio 2014 1 Indice Mission 003

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

6 Il gruppo Snam. Il gruppo Snam 99,69% 100% 100% 100% 100%

6 Il gruppo Snam. Il gruppo Snam 99,69% 100% 100% 100% 100% 6 Il gruppo Snam Il gruppo Snam TRASPORTO 100% RIGASSIFICAZIONE 100% STOCCAGGIO 100% DISTRIBUZIONE 100% DISTRIBUZIONE 99,69% Il gruppo Snam 7 L'ASSETTO SOCIETARIO La capogruppo Snam, quotata alla Borsa

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) ACCELERA LA RACCOLTA NETTA OLTRE GLI OBIETTIVI L INTEGRAZIONE DEL RAMO D AZIENDA DI CREDIT SUISSE

UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) ACCELERA LA RACCOLTA NETTA OLTRE GLI OBIETTIVI L INTEGRAZIONE DEL RAMO D AZIENDA DI CREDIT SUISSE Risultati nove mesi UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) - Utile del 3 trimestre a 43,9 milioni (+31%) - Commissioni di gestione a 262 milioni (+21%) - Cost/Income in calo al 35,4% ACCELERA LA RACCOLTA NETTA

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.02.02 ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Investimenti e Sviluppo spa

Investimenti e Sviluppo spa Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo S.p.A.: approvata la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2009; Paolo Bassi nominato consigliere per cooptazione; la società partecipata I Pinco Pallino

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013

Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013 Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013 Gentili Azionisti, vi inviamo la newsletter interamente dedicata agli investitori privati di DeA Capital, relativa ai risultati del 2013. Vi ricordiamo che siamo

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Iniziative e sviluppi del 2013

Iniziative e sviluppi del 2013 COMUNICATO STAMPA GALA: il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio individuale e consolidato dell esercizio 2013: Ricavi consolidati a 1.341,5 milioni di Euro e utile netto a 20,5 milioni di Euro

Dettagli

2013 DATI DI SINTESI

2013 DATI DI SINTESI 213 DATI DI SINTESI BILANCIO ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 1 LETTERA AGLI AZIONISTI Signori Azionisti, c è un Italia che ha deciso di non arrendersi agli effetti della crisi, di fare leva su

Dettagli

Hera Amga: approvato il progetto di fusione

Hera Amga: approvato il progetto di fusione comunicato stampa Bologna, Udine 23 gennaio 2014 Hera Amga: approvato il progetto di fusione I Consigli di Amministrazione di Hera e di Amga riuniti oggi pomeriggio hanno approvato e sottoscritto l accordo

Dettagli

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro comunicato stampa Bologna, 29 marzo 2010 Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009 Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro Ricavi a 4.204,2

Dettagli

Gli stakeholder Investitori

Gli stakeholder Investitori Gli stakeholder Investitori Investitori La Società è presente nei più importanti indici e standard etici che confermano l impegno dell azienda per realizzare una crescita sostenibile. Trasparenza e creazione

Dettagli

DATI DI SINTESI BILANCIO ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA

DATI DI SINTESI BILANCIO ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2014 DATI DI SINTESI BILANCIO ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA LETTERA AGLI AZIONISTI Signori Azionisti, il 2014 è stato un anno di cambiamenti per la Vostra società. Il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

News@Facts. giugno 2015. Snam consolida la propria posizione di leader nello scacchiere europeo del gas. L utile netto cresce dell 11,3%

News@Facts. giugno 2015. Snam consolida la propria posizione di leader nello scacchiere europeo del gas. L utile netto cresce dell 11,3% giugno News@Facts Conferenza Mondiale del Gas a Parigi Snam consolida la propria posizione di leader nello scacchiere europeo del gas Dal 1 al 5 giugno Snam ha preso parte alla 26a edizione della Conferenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009 PRIMI NOVE MESI DEL 2009 IN LINEA CON LE GUIDANCE DI AGOSTO, NONOSTANTE IL CONTESTO NEGATIVO DI MERCATO. LA MARGINALITA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 Wireline: continua la crescita dei ricavi, +2,1% rispetto al primo semestre 2004 (+2,3% crescita

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.01.02 ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE

Dettagli

LE SOCIETÀ KINEXIA E BIANCAMANO APPROVANO UN OPERAZIONE DI INTEGRAZIONE DA REALIZZARSI TRAMITE LA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BIANCAMANO IN KINEXIA.

LE SOCIETÀ KINEXIA E BIANCAMANO APPROVANO UN OPERAZIONE DI INTEGRAZIONE DA REALIZZARSI TRAMITE LA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BIANCAMANO IN KINEXIA. LE SOCIETÀ KINEXIA E BIANCAMANO APPROVANO UN OPERAZIONE DI INTEGRAZIONE DA REALIZZARSI TRAMITE LA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BIANCAMANO IN KINEXIA. IL NUOVO GRUPPO A SEGUITO DELLA FUSIONE SARA LEADER

Dettagli

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile.

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. 78 Valorizzare in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. FINMECCANICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 performance

Dettagli

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Principali obiettivi del quadriennio E&P: produzione in costante crescita sostenuta dalle ingenti scoperte fatte o Produzione in crescita

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 NELL ANNO RICAVI IN CRESCITA DEL 4,2% A CAMBI COSTANTI E DELL 1,8% AL

Dettagli

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it Newsletter Retail La lettera del Presidente L evoluzione del mercato Il posizionamento di FASTWEB nel mercato tlc italiano L espansione geografica Risultati economico-finanziari 2005 FASTWEB in borsa L

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

4-nov-11. 4-mag-11. 4-dic-11. 4-ago-11. 4-ott-11. 4-feb-12. 4-lug-11. 4-gen-12. 4-giu-11. 4-set-11

4-nov-11. 4-mag-11. 4-dic-11. 4-ago-11. 4-ott-11. 4-feb-12. 4-lug-11. 4-gen-12. 4-giu-11. 4-set-11 Carissimi azionisti, l anno 2012 si è chiuso, per i mercati finanziari, con una diffusa sensazione di positività che dodici mesi fa non aveva quasi nessuno. I problemi strutturali delle maggiori economie

Dettagli

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 Si prevede che efficienza operativa e crescita industriale possano produrre un robusto incremento dell Ebitda e generazione di cassa, a sostegno della crescita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

OVS SpA - Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo semestre 2015 (1 Febbraio 2015 31 Luglio 2015).

OVS SpA - Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo semestre 2015 (1 Febbraio 2015 31 Luglio 2015). OVS SpA - Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo semestre 2015 (1 Febbraio 2015 31 Luglio 2015). OVS chiude il primo semestre 2015 con ottimi risultati

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile 1 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10

Dettagli

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014 Ricavi a 950,4 milioni di euro (918,8 milioni nel 1H 2013, +3,4%) Ebitda a 753 milioni di euro (732,2 milioni nel 1H 2013, +2,8%) Utile netto a 274,5 milioni

Dettagli

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%)

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) 10/05/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2013 1 Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) Vita: solida

Dettagli

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate III 1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate Le maggiori società quotate non finanziarie dei principali paesi europei si caratterizzano per una esposizione al ciclo economico

Dettagli

Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali.

Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali. Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali. Bologna, 10 giugno 2008 Relazione introduttiva di Renato Matteucci Dip. Reti-Terziario Cgil nazionale Premessa Fin dall

Dettagli

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2014 Il Gruppo ha chiuso il 2014 superando gli obiettivi di margine operativo lordo e indebitamento finanziario netto Ricavi a 948,0

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo.

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo. COMUNICATO STAMPA GRUPPO PIAGGIO: PROGETTO DI BILANCIO 2013 Ricavi consolidati 1.212,5 milioni di euro (1.406,2 milioni nel 2012) con incidenza negativa dell'effetto cambio per 53 milioni di euro Ebitda

Dettagli

AIM Italia. Il mercato per fare impresa

AIM Italia. Il mercato per fare impresa AIM Italia Il mercato per fare impresa AIM Italia L accesso al capitale è un elemento fondamentale per lo sviluppo di ogni impresa. Dedicato alle PMI che vogliono investire nella propria crescita Un mercato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1).

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1). COMUNICATO STAMPA Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1). 1 L andamento climatico e la nuova regolazione del settore gas impattano sulla dinamica delle performance

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007

La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007 La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY IV Edizione Hotel Splendide Royal Perché? Chi di voi, un anno fa, presente in questa sala, avesse deciso di comprare azioni T.I.P.: Avrebbe guadagnato il 26% Avrebbe

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

CONFERMATI I TARGET E LA CRESCITA DELLA PRODUZIONE A DOPPIA CIFRA

CONFERMATI I TARGET E LA CRESCITA DELLA PRODUZIONE A DOPPIA CIFRA COMUNICATO STAMPA IL CDA APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 CONFERMATI I TARGET E LA CRESCITA DELLA PRODUZIONE A DOPPIA CIFRA RICAVI IN FORTE CRESCITA E MARGINI IN LINEA CON

Dettagli

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Le local italiane e il settore idrico. Gli investimenti e le performance delle imprese Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Audizione nella 2 Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei

Dettagli

30 2015 RICAVI CARATTERISTICI AGGREGATI DI GIORDANO E PROVINCO IN CRESCITA DEL

30 2015 RICAVI CARATTERISTICI AGGREGATI DI GIORDANO E PROVINCO IN CRESCITA DEL COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di IWB S.p.A. approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 RICAVI CARATTERISTICI AGGREGATI DI GIORDANO E PROVINCO IN CRESCITA

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff:

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff: BUSINESS PLAN SOCIETA XYZ Maggio 2014 Aprile 2017 A. ASPIRAZIONI, SETTORE, STRATEGIE E OPPORTUNITA La società ha sede nella città di Scutari, in Albania ed opera nel settore calzaturiero, nello specifico

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul MAC

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

AZIONISTI. L importanza di un informazione corretta verso tutti

AZIONISTI. L importanza di un informazione corretta verso tutti L importanza di un informazione corretta verso tutti STRATEGIA Le società del Gruppo sono consapevoli dell importanza che un informazione corretta sulle proprie attività riveste per il mercato finanziario,

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Valeria Lattuada MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Muzinich & Co. è una società di asset management istituzionale

Dettagli

Giugno 2003: Numero 1

Giugno 2003: Numero 1 Giugno 2003: Numero 1 In questo numero: - Il saluto del Presidente LA NEWSLETTER PER GLI - PSF, la storia di un azienda grafica innovativa - Perché la quotazione al STAKEHOLDER Nuovo Mercato? - Internet

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 EBITDA IN LINEA CON LA GUIDANCE E MANTENIMENTO DI UNA ELEVATA MARGINALITA GRAZIE ALL EFFICACE AZIONE DI CONTENIMENTO

Dettagli

Ing. Carlo Malacarne, Amministratore Delegato Snam

Ing. Carlo Malacarne, Amministratore Delegato Snam Ing. Carlo Malacarne, Amministratore Delegato Snam Senato della Repubblica, X Commissione industria, commercio e turismo Indagine conoscitiva sui prezzi di energia elettrica e gas come fattore strategico

Dettagli

Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008

Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008 Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008 L anno 2008 si è concluso con un totale di 1.580 iscritti contro 1.614 dell esercizio precedente. I soci in fase attiva di contribuzione al 31 dicembre 2008

Dettagli

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 COMUNICATO STAMPA Nel 1H11: Ricavi consolidati: 174,0 milioni di euro (+1,4% sul 1H10) Utile ante imposte: 48,6 milioni di euro (+2,7% sul 1H10) Utile netto

Dettagli

Ferrari ha registrato una performance straordinaria nel terzo trimestre 2015

Ferrari ha registrato una performance straordinaria nel terzo trimestre 2015 Ferrari ha registrato una performance straordinaria nel terzo trimestre 2015 Le vetture consegnate alla rete sono state pari a 1.949 unità, in crescita del 21% I ricavi netti sono aumentati del 9% (3%

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 SOMMARIO Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.920.733,1 - Int. versato Codice fiscale

Dettagli

IL GRUPPO TELECOM ITALIA

IL GRUPPO TELECOM ITALIA highlights 24 >> bilancio 24 highlights IL GRUPPO TELECOM ITALIA Ricavi (milioni di euro) Margine operativo lordo (milioni di euro) Risultato operativo (milioni di euro) 4. 3. 31.48 3.85 31.237 15. 14.15

Dettagli

IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015.

IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015. COMUNICATO STAMPA IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015. Principali risultati dei primi novi mesi del 2015: Utile Netto del Gruppo:

Dettagli

4,5miliardi. Il bilancio AL 31 DICEMBRE 2013. Con evidenza su dati e numeri di performance, i risultati e i key indicators.

4,5miliardi. Il bilancio AL 31 DICEMBRE 2013. Con evidenza su dati e numeri di performance, i risultati e i key indicators. Il bilancio CONSOLIDATO E SEPARATO AL 31 DICEMBRE 2013 Con evidenza su dati e numeri di performance, i risultati e i key indicators. 4,5miliardi RICAVI I ricavi per i servizi erogati salgono a complessivi

Dettagli

Definisci i tuoi obiettivi, noi faremo il resto.

Definisci i tuoi obiettivi, noi faremo il resto. COMPARTI DELLA SICAV GOLDMAN SACHS FUNDS Definisci i tuoi obiettivi, noi faremo il resto. I portafogli GS Wealthbuilder Multi-Asset mirano a sostenere gli investitori nel raggiungimento dei propri obiettivi

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A Comunicato Stampa SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A. APPROVA I RISULTATI DEL 3 TRIMESTRE 2013: ACCELERAZIONE DELLE VENDITE A CAMBI COSTANTI E CONTINUA ESPANSIONE DELLA BASE INSTALLATA

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

bilancio consolidato e d esercizio bilancio consolidato e d esercizio al 31 dicembre 2007

bilancio consolidato e d esercizio bilancio consolidato e d esercizio al 31 dicembre 2007 bilancio consolidato e d esercizio al 31 dicembre 2007 Hera Spa Holding Energia Risorse Ambiente Sede: Viale C. Berti Pichat 2/4-40127 Bologna T. +39 051.28.71.12 F. +39 051.28.14.036 www.gruppohera.it

Dettagli

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014 LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY 1 Investireste in un Gruppo che: Ha quote attive in 9 leader mondiali* dei rispettivi settori? Negli ultimi 10 anni ha avuto plusvalenze nell 80% circa delle cessioni? Capitalizza

Dettagli

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3 Tabella 1.1: Parametro PE M, di cui al comma 10.3 lettera b), comma 10.5 lettera a) punto ii, comma 10,6 lettera b) punto iii, corretto per le perdite di rete (elemento PE) Tipologie di contratto di cui

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006

Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006 Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006 Ricavi a 28.621 milioni di euro, +17,0% Ebitda a 6.264 milioni di euro, +4,3% Ebit a 4.885 milioni di euro, +12,4% Risultato netto del Gruppo a 2.640

Dettagli

Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario

Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario Fatturato in diminuzione del 13,3 % portandosi a 925,4 milioni di euro e CA organico in decrescita del 13,8

Dettagli