attraversato dai mercati I RICAVI DEL GRUPPO NEGLI ULTIMI TRE ESERCIZI milioni di euro Gruppo nel primo trimestre 2012: è

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "attraversato dai mercati I RICAVI DEL GRUPPO NEGLI ULTIMI TRE ESERCIZI 5.401 milioni di euro Gruppo nel primo trimestre 2012: è"

Transcript

1 Assemblea Assemblea 29 maggio 2012 Numero 1 agli Azionisti Signori Azionisti, difficoltà ed ha la crisi economica che ulteriormente aveva profondamente rallentato la sua segnato il 2010 non ha dato crescita, segni di rallentamento ma è attestandosi al al contrario peggiorata nel 3,8%. I presidenti Tarantini e Sala Gli stessi Paesi Il sistema economico emergenti hanno difficoltà maggiori sono nel mondiale non ha ancora cominciato a dare segni di vecchio continente dove, trovato uno sbocco alle sue minor slancio, ma le secondo i dati più recenti, la crescita media nei Paesi UE non è andata oltre l 1,5% e in quelli dell Eurozona è rimasta all 1,4%. Per l Italia la situazione è ancor più critica: la crescita del PIL si è fermata allo 0,4% e il terzo e quarto trimestre dell anno hanno registrato addirittura un andamento negativo, facendoci tecnicamente entrare in una fase di recessione. Per quanto riguarda lo scenario energetico, settore da cui proviene il 36% del margine operativo lordo di A2A, in Italia nei primi nove mesi del 2011 c è stata una lieve ripresa della richiesta di energia elettrica, ma la tendenza ha subito una brusca inversione nell ultimo trimestre a causa di un sensibile peggioramento delle condizioni economiche congiunturali e di una frenata della dinamica industriale (-2,1% la produzione industriale rispetto al trimestre precedente). Per parte sua, il mercato del gas naturale ha evidenziato un calo dei consumi del 6,3% rispetto al 2010, con un vero e proprio crollo (-16,9%) nel mese di dicembre.» segue a pagina 2 IL GRUPPO SECONDO OPERATORE NAZIONALE A2A conquista Edipower MONTENEGRO Epcg si sdoppia: avviato tavolo con il Governo A2A ha firmato con il Governo del Montenegro un accordo preliminare finalizzato ad una profonda ristrutturazione di Epcg: la presenza del nostro Gruppo» segue a pagina 4 Edison ed Edipower voltano pagina, A2A consolida il proprio ruolo di maggiore multiutility italiana e diventa il secondo gruppo energetico nazionale. La riformulazione degli accordi tra A2A e Delmi da un lato, EdF e Alpiq dall altro, sulla scorta del pronunciamento della Consob, ha suggellato nel mese di maggio il lungo e articolato percorso che permette al nostro Gruppo di collocarsi oggi tra i leader europei del settore elettrico. Un percorso che ha ricevuto il via libera dell Antitrust (l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) e, più di recente, della Commissione Europea.» segue a pagina 4 Il dg Ravanelli: «Orgogliosi del risultato raggiunto» «A 2A è orgogliosa del risultato raggiunto che porta alla conquista di Edipower, il principale asset produttivo della Edison», ha commentato Renato Ravanelli, direttore generale Area corporate e mercato del Gruppo, a conclusione dell operazione. «Una parte rilevante del portafoglio Edipower sottolinea Ravanelli è composta da impianti idroelettrici che contribuiranno a migliorare in maniera significativa la redditività industriale del Gruppo: il contributo previsto da Edipower dovrebbe essere compreso fra 200 e 250 milioni di euro, che porterebbe l Ebitda annuo di A2A al di sopra degli 1,2 miliardi di euro». Ravanelli, e con lui il direttore generale dell Area tecnica Paolo Rossetti, evidenzia la portata industriale dell operazione: «Con la chiusura di questa operazione abbiamo completato il piano triennale nel quale ci eravamo impegnati verso il mercato a trasformare le partecipazioni societarie in asset industriali. Ora A2A può guardare al futuro con rinnovato slancio imprenditoriale, partendo da un portafoglio industriale efficiente e dimensionalmente Renato Ravanelli adeguato nelle filiere di attività in cui opera». e Paolo Rossetti Prossimi eventi societari 2 agosto 2012 Consiglio di Gestione per l'approvazione della relazione finanziaria semestrale al 30 Giugno novembre 2012 Consiglio di Gestione per l'approvazione del resoconto intermedio di gestione al 30 Settembre 2012 LE OPERAZIONI STRAORDINARIE CONDIZIONANO IL RISULTATO Bilancio 2011: positiva la gestione ordinaria R icavi in crescita e una sostanziale tenuta dei risultati industriali, nonostante il difficile momento attraversato dai mercati milioni di euro dell energia italiani ed europei. Un utile di esercizio che depurato dalle plusvalenze per cessioni di asset (39 milioni di euro di Metroweb) e dalle svalutazioni nette I RICAVI DEL GRUPPO NEGLI ULTIMI TRE ESERCIZI (627 milioni di euro), relative principalmente agli accordi connessi al riassetto azionario di Edison, si è attestato a quota 168 milioni di euro. I risultati 2011 del Gruppo evidenziano le punte positive della filiera Ambiente (in particolare nel comparto della termovalorizzazione) e della filiera Cogenerazione e Teleriscaldamento (per il significativo incremento dei clienti serviti nella città di Milano). Risultati in chiaroscuro, invece, per la filiera Energia: se il comparto Gas ha beneficiato di una efficiente politica di approvvigionamento, quello Energia Elettrica ha risentito della debolezza» segue a pagina 3 CRESCONO VOLUME D AFFARI E RISULTATO OPERATIVO NETTO Dati in deciso miglioramento nel primo trimestre 2012 Positivi i risultati economico-finanziari del Gruppo nel primo trimestre 2012: è IL TITOLO A2A IN BORSA DOPO L USCITA DEI DATI DEL 1 TRIMESTRE quanto emerge dal Resoconto Intermedio di gestione al 31 marzo di quest anno esaminato e approvato il 10 maggio scorso dal Consiglio di Gestione. Due le voci che hanno registrato una crescita significativa: volume d'affari, in aumento di 212 milioni (+12% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), pari a a2a FTSE MIB (asse a destra) fonte: Bloomberg circa 2 miliardi di euro, e Risultato operativo netto, che si è attestato a quota 2011, il Margine Operativo Lordo, pari a 271 milioni di 183 milioni di euro e ha segnato un +25% rispetto al euro: la lieve flessione (-7 milioni di euro rispetto dato 2011 (147 milioni). Sostanzialmente in linea, rispetto al primo trimestre» segue a pagina 3 a2a ( /azione) 10/05 9/05 11/05 15/05 14/05 16/05 18/05 17/05 21/05 22/05 23/05 24/05 25/05 Indice FTSE MIB

2 >> pag 2 - Assemblea 29 maggio 2012 GRAZIANO TARANTINI E GIUSEPPE SALA La agli Azionisti dei presidenti Reti di Teleriscaldamento» segue da pagina 1 Nonostante il difficile momento che tocca tutto il sistema economico e che non ha risparmiato il settore dell energia, per A2A il 2011 si è chiuso con una crescita dei ricavi, passati da a milioni di euro (+2,6%) e con una sostanziale tenuta dei risultati industriali. La contrazione del margine operativo lordo (942 milioni di euro contro i milioni del 2010) è principalmente attribuibile alla performance della partecipata montenegrina Epcg, che ha risentito di una fortissima contrazione della produzione idroelettrica (-56%) a causa di una stagione eccezionalmente secca e della contestuale riduzione delle tariffe di distribuzione deliberata nell aprile 2011 dall Autorità di regolazione locale. Positivo l andamento della filiera Ambiente, soprattutto nel comparto della termovalorizzazione. Anche la filiera Calore e Servizi, operante prevalentemente nella produzione, distribuzione e vendita di elettricità e di calore (mediante reti di teleriscaldamento) prodotti da impianti di cogenerazione, ha registrato risultati positivi grazie anche alla espansione della rete di distribuzione in Lombardia. Il comparto Gas ha beneficiato di una efficiente politica di approvvigionamento mentre il comparto Energia Elettrica ha risentito, nel confronto con l anno precedente, della contrazione delle marginalità unitarie connesse alla debolezza della domanda. Nell insieme l andamento dell esercizio conferma la validità delle scelte strategiche a suo tempo effettuate da A2A verso un modello multiutility che, anche in situazioni congiunturali difficili e complesse, risulta maggiormente in grado di equilibrare i risultati di gestione fra i diversi settori di attività. Sui risultati 2011 hanno influito gli effetti straordinari connessi agli accordi in corso con EdF per il riassetto azionario di Edison, e che hanno comportato svalutazioni di asset o partecipazioni per un importo complessivo di 627 milioni di euro. Tale valore incorpora l effetto netto, pari a 433 milioni di euro, della cessione da parte di Delmi ad EdF del 50% di Transalpina di Energia, nonché gli effetti derivanti da svalutazioni di asset per complessivi 194 milioni di euro, relativi in particolare alla partecipazione del 20% già direttamente detenuta da A2A in Edipower (per 123 milioni) e alla partecipazione in Epcg (per 41 milioni di euro). L esercizio ha beneficiato di plusvalenze nette pari a 39 milioni di euro (nel 2010 le plusvalenze erano state pari a 212 milioni, riconducibili in particolare alla cessione della partecipazione in Alpiq), derivanti dalla cessione di una quota azionaria detenuta in Metroweb e di altre partecipazioni minori, nell ambito del processo di razionalizzazione del Gruppo che prevede la dismissione di attività con basse prospettive di sviluppo. L utile netto consolidato, prima di tali effetti straordinari, risulta pari a 168 milioni di euro. Conseguentemente, la perdita dell esercizio ammonta a 420 milioni di euro. La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2011 è pari a milioni di euro, in crescita di 128 milioni di euro rispetto a fine Tale valore incorpora il pagamento di dividendi relativi all esercizio 2010 per circa 300 milioni di euro e una crescita di crediti fiscali, che verrà riassorbita nell esercizio in corso, per circa 120 milioni di euro. L indebitamento medio nel corso dell esercizio è tonnellate di rifiuti conferite, corrispondenti alla risultato inferiore di 300 milioni di euro rispetto al capacità nominale dell impianto, producendo milioni di kilowattora di energia elettrica, pari al Sotto il profilo tecnologico e operativo il Gruppo fabbisogno annuo di circa 200 mila famiglie, con ha dato prova di possedere elevate capacità e di ottime performance anche dal punto di vista essere altamente competitivo sia in Italia che ambientale. La controllata Ecodeco si è all estero. Il termovalorizzatore di Acerra ha aggiudicata nel Regno Unito un contratto per la superato l obiettivo annuale delle 600 mila progettazione e costruzione di un nuovo Dati operativi e finanziari Milioni di euro Ricavi Margine Operativo Lordo Risultato Operativo Netto Utile Netto di Gruppo Utile Netto di Gruppo Rettificato Capitale Investito Netto Posizione Finanziaria Netta Patrimonio Netto Dipendenti (unità) di cui relativi al gruppo EPCG ) Rettificato al netto delle seguenti poste straordinarie: 2011: capital gain relativo a Metroweb e svalutazioni relative al riassetto dell'azionariato di Edison/Edipower 2010: capital gain relativo ad Alpiq Dividendi Anno euro per azione ,060 dividendo straordinario 0, , ,097 Il Consiglio di Gestione, per l anno 2011, ha proposto all Assemblea degli Azionisti il pagamento di un dividendo per azione ordinaria pari a 0,013 euro LA SCOMPARSA È AVVENUTA IL 10 FEBBRAIO SCORSO IN RICORDO DI GIULIANO ZUCCOLI Lo scorso 10 febbraio, all età di 69 anni, ci ha lasciato il presidente Giuliano Zuccoli. Apprezzato per le sue qualità umane, stimato per le doti professionali e tecniche, Giuliano Zuccoli ha impresso un segno indelebile nella storia di AEM prima e A2A poi: sotto la sua guida il nostro Gruppo è diventato la più importante multiutility italiana, una delle principali realtà industriali del nostro Paese. Non solo: Giuliano Zuccoli è stato un protagonista della vita economica, una delle voci più autorevoli tanto sui temi energetici quanto in campo industriale. Nato nel 1943 a Morbegno, in provincia di Sondrio, sposato con tre figli, Zuccoli si era laureato nel 1968 in ingegneria elettrotecnica al Politecnico di Milano. Dopo le esperienze nel gruppo siderurgico Falck e alla Società Nordelettrica Sondel, nel 1996 Zuccoli fa il suo ingresso in AEM in qualità di consigliere di amministrazione: nel settembre 97 viene nominato amministratore delegato e dal maggio 99 diviene presidente e consigliere delegato. Nel marzo 2008, con la nascita di A2A, diventa presidente del Consiglio di Gestione. Nella sua lunga e prestigiosa carriera, l ing. Zuccoli ha ricoperto diversi, importanti incarichi: tra gli altri, è stato presidente di Edison, vicepresidente del Credito Valtellinese, membro della Giunta di Assolombarda e di Assonime, nonché alla guida di Assoelettrica, Federelettrica e Federutility. impianto di trattamento rifiuti: il valore della commessa supera i 26 milioni di euro, oltre alle royalties che verranno riconosciute su ogni tonnellata di rifiuto trattato per i prossimi 25 anni di concessione. Nell ottica di responsabilità sociale e di attenzione al cliente, che da sempre caratterizza il Gruppo, nel 2011 A2A ha inoltre siglato con le Confederazioni delle Piccole e Medie Imprese un protocollo d intesa sulla Procedura di Conciliazione Paritetica: uno strumento stragiudiziale per semplificare la risoluzione di eventuali controversie, non diversamente risolte, concernenti i rapporti di fornitura di energia elettrica e gas alle imprese aderenti alle Confederazioni, sulla scia di quanto già fatto nel 2010 con le Associazioni di consumatori per i clienti domestici. Per quanto riguarda le strategie di crescita futura, uno snodo fondamentale è rappresentato dall avanzamento degli accordi con EdF in merito al riassetto azionario di Edison, accordi che hanno avuto una positiva evoluzione negli ultimi mesi del 2011 e a inizio La sigla di un intesa definitiva porterà A2A a controllare Edipower, società a cui fanno capo sei centrali termoelettriche e tre nuclei idroelettrici con oltre MW di potenza in esercizio, facendo del Gruppo A2A il secondo operatore nazionale nel settore dell energia elettrica che vedrà anche rafforzata la sua posizione nel comparto delle fonti rinnovabili. Questa operazione consentirà di allargare in modo significativo, nel secondo semestre del 2012, il perimetro delle attività gestite dal Gruppo nella generazione elettrica con conseguente incremento del margine operativo lordo. L utile netto del Gruppo, che nel 2011 ha risentito delle operazioni straordinarie sopra descritte, tornerà quindi prevedibilmente ad esprimere i valori positivi connessi alla gestione caratteristica. L imminente realizzazione di questo importante obiettivo di crescita del Gruppo ci porta a un doveroso ricordo di chi tale obiettivo ha tenacemente perseguito sin dalla nascita di A2A, prefigurando per questa azienda un ruolo da protagonista anche nell energia. Il nostro pensiero, insieme a quello di tutti i colleghi membri del Consiglio di Sorveglianza e del Consiglio di Gestione e di tutti i dipendenti del Gruppo, va a Giuliano Zuccoli che ha ininterrottamente guidato A2A come Presidente del Consiglio di Gestione sino a pochi mesi or sono e la cui prematura scomparsa ha lasciato in tutti noi non solo un grande vuoto, ma anche la responsabilità e l orgoglio di portare a compimento il suo progetto. Prima di concludere desideriamo sottolineare che anche in questo esercizio il Consiglio di Sorveglianza e il Consiglio di Gestione, organismi che saranno rinnovati a fine maggio del 2012, hanno operato in uno spirito di reciproca collaborazione, nell ambito delle rispettive competenze e responsabilità, avendo come preminente obiettivo il consolidamento e lo sviluppo dell azienda. Ai nostri azionisti esprimiamo la fiducia che con il loro supporto A2A potrà continuare a crescere ed a ricoprire un ruolo sempre più rilevante nel contesto del settore energetico e ambientale nazionale ed europeo. A tutti i dipendenti e collaboratori del Gruppo va il nostro ringraziamento per il quotidiano lavoro svolto, ad ogni livello, con grande partecipazione e professionalità per contribuire a questa crescita.

3 Assemblea 29 maggio pag 3 «ESERCIZIO 2011/RICAVI IN CRESCITA Utile ante Edison a quota 168 milioni Le migliori performance dell anno arrivano da Ambiente, Cogenerazione e Teleriscaldamento» segue da pagina 1 MOL per filiera in milioni di euro Margine Operativo Lordo Filiera Energia di cui: - Elettricità Gas Filiera Calore e Servizi Filiera Ambiente Filiera Reti di cui: - Distribuzione elettrica Distribuzione gas Servizio idrico e altro Filiera Altri Servizi e Corporate della domanda che ha determinato una contrazione dei margini; hanno pesantemente inficiato i risultati dell anno: la fortissima La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2011 è risultata pari stabile, al netto degli effetti una tantum che avevano impattato contrazione della produzione idroelettrica (-56%) di Epcg, a milioni di euro, in crescita rispetto a fine 2010 di 128 mi- positivamente l esercizio 2010, il risultato della filiera Reti. infatti, è da addebitarsi ad una stagione eccezionalmente secca lioni di euro. Tale valore incorpora il pagamento dei dividendi re- In aumento, come detto, i ricavi del Gruppo, che si sono attestati in Montenegro. lativi all esercizio 2010 per circa 300 milioni di euro e una crescita a milioni di euro, circa il 3% in più rispetto al La contrazione del Margine Operativo Lordo del Gruppo (942 mi- dei crediti fiscali, che verrà riassorbita nell esercizio in corso, per Il risultato finale è stato fortemente condizionato dagli effetti lioni di euro contro i milioni di euro dell esercizio prece- circa 120 milioni di euro. straordinari legati all operazione Edison: l utile netto del Gruppo dente), di conseguenza, è sostanzialmente attribuibile alla nega- L indebitamento medio del Gruppo nel corso dell esercizio è ri- ante Edison, infatti, è risultato di 168 milioni di Euro, mentre al tiva performance della società montenegrina. sultato inferiore di 300 milioni di euro rispetto all esercizio netto del riassetto azionario di Edison (nonché del risultato di Come detto, le conseguenze eccezionali legate al riassetto azio- In considerazione dell obiettivo prioritario di ridurre il rapporto Epcg e di altre partite minori) la perdita dell esercizio è stata pari nario di Edison/Edipower hanno penalizzato il risultato 2011: di indebitamento, il Consiglio di Gestione ha proposto all Assem- a 420 milioni di euro. considerato l insieme delle svalutazioni di asset o partecipazioni blea degli azionisti di pagare un dividendo per azione ordinaria La performance della partecipata Epcg, in particolare, ha (comprensivo di Epcg) gli effetti negativi hanno pesato sui conti pari a 0,013 euro, che verrà posto in pagamento il 21 giugno 2012 risentito delle pessime condizioni meteorologiche che per complessivi 627 milioni di euro. (data stacco cedola 18 giugno 2012). Azionariato (dati al 31/12/11) 37,5% 27,5% 2,5% 27,5% 5% Comune di Milano Comune di Brescia Alpiq Holding Carlo Tassara Mercato/Flottante fonte: Consob A2A è quotata alla Borsa di Milano, appartiene all indice FTSE-MIB e rientra nel settore "Pubblica Utilità - Elettricità". I maggiori azionisti della società sono i Comuni di Brescia e Milano, che detengono ciascuno il 27,5% del capitale sociale e sono reciprocamente legati da un patto parasociale, che li impegna a mantenere un numero uguale di azioni, comunque congiuntamente superiore al 50% del totale. Percentuali superiori al 2% sono detenute dalla società svizzera Alpiq Holding AG e dalla Carlo Tassara S.p.A.. Il restante (flottante) 37,5% del capitale è posseduto dal mercato. Quest ultima percentuale include anche le partecipazioni dei Comuni di Bergamo, di Varese e le azioni proprie (0,8%). Gli investitori istituzionali (banche, fondi di investimento etc.) detengono circa il 16,3% del capitale sociale (18,5% nel 2010). Il 50% del flottante in mano a investitori istituzionali è detenuto da investitori italiani, il 9,1% da investitori americani, il 9% da investitori tedeschi. Tra le altre nazioni rilevanti si segnalano Regno Unito (6,7%), Francia (6,1%), Paesi Bassi (3,3%) e Svizzera (3,2%, escludendo la quota di Alpiq AG). Gli investitori retail (investitori individuali) sono circa 116mila e detengono il 17,6% del capitale sociale, in aumento rispetto al 15,2% del Il 99,7% dell azionariato retail è residente in Italia e in particolare il 57% in Lombardia, la regione dove storicamente A2A ha una maggiore presenza sul territorio. Gli investitori residenti nelle province di Milano e Brescia detengono rispettivamente il 26% e il 12,7% del totale retail. PRIMO TRIMESTRE 2012/ POSITIVI I DATI ECONOMICO-FINANZIARI Sugli scudi Gas e filiera Calore SUDDIVISIONE GEOGRAFICA DEL FLOTTANTE Investitori italiani Investitori esteri Risultato operativo netto +25% 24,4% 75,6%» segue da pagina 1 al 31 marzo 2011) è attribuibile alla performance della partecipata Epcg che ha risentito, anche nel primo trimestre di quest anno, di una fortissima contrazione della produzione idroelettrica (-58%), determinata da una clima stagionale eccezionalmente secco. Il positivo andamento del trime- stre si completa con un altro dato da rimarcare, quello del debito netto, in calo di 67 milioni di euro. I risultati dei settori industriali evidenziano innanzitutto l andamento positivo della filiera Cogenerazione e Teleriscaldamento (con un significativo incremento dei clienti serviti nella città di Milano) e della filiera Reti (in particolare nel comparto della distribuzione gas). Il comparto Gas ha beneficiato di un'efficace politica di approvvigionamento, mentre il margine del comparto Energia Elettrica, al netto della perfor- mance di Epcg, ha evidenziato risultati stabili nonostante il calo del 29% della produzione idroelettrica. La filiera Ambiente ha infine risentito, nel confronto con il primo trimestre del 2011 (-5 milioni di euro), del venir meno di alcuni incentivi alla produzione di energia elettrica da termovalorizzazione. L'utile del periodo è pari a 76 milioni di euro e incorpora l'effetto negativo, ed esclusivamente contabile, connesso all'iscrizione a fair value di un bond in scadenza nel Tale effetto, derivante dal maggior valore di mercato del bond al 31 marzo 2012, rispetto al 31 dicembre 2011, è risultato pari a 19 milioni di euro e verrà riassorbito contabilmente entro il periodo di scadenza del finanziamento. Al netto di tale effetto, l'utile del periodo sarebbe risultato pari a 88 milioni di euro, in crescita rispetto al primo trimestre 2011 (85 milioni di euro), nonostante il peggioramento della normativa fiscale che ha pesato nel periodo per 5 milioni di euro. La posizione finanziaria netta al 31 marzo 2012 è risultata pari a milioni di euro, come detto in riduzione di 67 milioni di euro rispetto a fine L evoluzione della gestione, alla luce di alcuni eventi societari e di Canavese industriali in essere il consolidamento di Edipower, l ulteriore sviluppo del teleriscaldamento e il miglioramento dei risultati di Epcg lascia intravedere un progressivo incremento del Margine Operativo Lordo nell anno in corso rispetto al INVESTITORI ESTERI Istituzionali Retail 99,4% 0,6% INVESTITORI ITALIANI Istituzionali Retail 68,2% 31,8% Elaborazione Investor Relations

4 >> pag 4 - Assemblea 29 maggio 2012 ANDAMENTO DEL TITOLO A2A NEL 2011: RAFFRONTO CON L INDICE FTSE MIB a2a ( /azione) 1,20 1,10 1,00 0,90 0,80 0,70 0,60 dic-11 nov-11 ott-11 set-11 ago-11 lug-11 giu-11 mag-11 apr-11 mar-11 feb-11 gen-11 FTSE MIB (asse a destra) I broker in copertura sul titolo A2A sono 17, di cui 10 italiani e 7 esteri a2a fonte: Bloomberg Indice FTSE MIB Nel corso del 2011 il titolo A2A ha perso il 28% a fronte di una flessione del 26% dell indice FTSE MIB (indice dei quaranta titoli principali quotati alla Borsa Italiana, tra cui A2A). In particolare, tra i fattori che hanno inciso negativamente sulla performance del titolo va segnalato in primo luogo l acutizzarsi della crisi economicofinanziaria. Inoltre, il comparto energetico, in cui opera A2A, è caratterizzato da fenomeni strutturali che ne hanno ulteriormente influenzato negativamente la performance, quali l eccessiva sovraccapacità elettrica a fronte di una domanda piuttosto bassa. Tra i principali fattori societari che nel 2011 hanno influenzato negativamente l andamento del titolo si possono menzionare l elevato livello raggiunto dal debito, l allungamento delle trattative per il riassetto di Edison e la contrazione del contributo della controllata montenegrina EPCG, dovuto alla scarsa idraulicità che ha caratterizzato il periodo in esame. D altro canto, l elevato livello dei dividendi distribuiti da A2A nel corso dell anno ha contribuito a mitigare i fattori negativi. Tuttavia, il titolo A2A in alcuni periodi dell anno ha registrato una performance migliore rispetto a quella del FTSE MIB, come ad esempio tra aprile e giugno. Successivamente l andamento di A2A è stato trascinato al ribasso dalla brusca correzione che ha interessato l intero mercato azionario italiano. A partire da luglio, infatti, il titolo ha risentito del crescente premio per il rischio-italia, fattore che ha allontanato molti investitori con effetti su tutti i titoli del listino indipendentemente dall andamento dei relativi fondamentali. L andamento del titolo è stato positivo ad ottobre, mentre sono stati raggiunti nuovi minimi a dicembre. Nel corso dei primi mesi dell anno in corso il titolo ha raggiunto il minimo storico. Si è ripreso in modo rilevante a partire dall annuncio della conclusione delle trattative con EdF per Edison/Edipower e, successivamente, in seguito alla pubblicazione dei risultati aziendali del primo trimestre 2012, significativamente al di sopra delle attese degli analisti finanziari. A2A in Borsa milioni di euro Capitalizzazione media del Capitalizzazione al Volumi medi del euro per azione Prezzo medio del ,976 Prezzo massimo del ,178 Prezzo minimo del ,694 Indici in cui è presente A2A FTSE MIB DJ STOXX DJ EUROSTOXX DJ Italy WisdomTree S&P Developed Ex-US Indici etici ECPI Ethical Index EMU Axia CSR Italia Axia Ethical Italia Solactive Climate Change Index FTSE ECPI Italia SRI Benchmark Rating del debito Standard & Poor s Attuale Rating M/L Termine BBB+ Rating Breve Termine A-2 Outlook Negativo Moody s Rating M/L Termine Baa1 Outlook Negativo EDIPOWER/ IL NOSTRO GRUPPO TRA I LEADER EUROPEI DEL SETTORE ELETTRICO Il riassetto Edison spinge in alto A2A» segue da pagina 1 Per A2A si aprono nuovi, decisivi scenari: gli oltre 12 mila megawatt di capacità installata raggiunti con l integrazione di Edipower, l efficiente mix produttivo che ne deriva, il rinnovato rapporto con i soci di Delmi (a partire da Iren), costituiscono un valore aggiunto di straordinario rilievo per l intera industria energetica nazionale. Non solo: il riassetto azionario di Edison e di Edipower rappresenta l ultimo e più importante atto di un processo di ristrutturazione del portafoglio di partecipazioni azionarie, iniziato con la costituzione di A2A, e avvierà un periodo durante il quale la Società potrà concentrarsi sul consolidamento delle proprie attività industriali e su ulteriori iniziative di sviluppo. Gli accordi di maggio recepiscono le indicazioni della Consob sul prezzo dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria che Edf dovrà lanciare sul flottante Eidson pari a 0,89 euro per azione (maggiorato rispetto al prezzo di 0,84 euro per azione inizialmente avanzato) e modificano parzialmente quanto sottoscritto il 16 febbraio scorso. Questi i punti sostanziali, alla luce delle modifiche intervenute: - Delmi ha acquisito il 70% di Edipower rispettivamente da Edison (50%) e da Alpiq (20%) ad un prezzo complessivo di 883,7 milioni di euro; - Edf ha rilevato da Delmi il 50% di Transalpina di Energia (TdE), società della quale già deteneva l altro 50%, e che possiede a sua volta il 61,3% del capitale con diritto di voto di Edison, ad un prezzo pari a 783,7 milioni di euro; - Delmi si è impegnata a corrispondere a EdF un importo pari al 50% del maggior onere che EdF dovrà sostenere in conseguenza del lancio dell opa obbligatoria sulle azioni Edison, fino ad un massimo di 25,1 milioni di euro; - sul versante industriale, infine, sono stati concordati gli elementi principali di un contratto di fornitura gas da Edison a Edipower, a condizioni di mercato, che coprirà il 50% del fabbisogno di Edipower stessa per i prossimi 6 anni. L intera operazione Edipower verrà sostenuta da un sindacato di nove banche che garantirà un rifinanziamento di 1,250 miliardi finalizzato a condurla in porto attraverso il rimborso del prestito soci attualmente in capo alla stessa Edipower. Per effetto degli accordi sottoscritti questo mese di maggio, e in virtù del 51% posseduto in Delmi e del 20% direttamente, A2A è diventata il socio di controllo di Edipower con il 56%. Al contempo, alienando la quota di TdE in mano a Delmi, A2A è uscita dall azionariato di Edison. Edipower è una società leader nella produzione di energia elettrica, grazie a 9 unità produttive dislocate nel Paese 6 centrali termoelettriche e 3 nuclei idroelettrici e ai diversi punti di forza che qualificano la sua presenza industriale, a cominciare dalla diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico, che garantisce elevati standard di efficienza, flessibilità e sicurezza. MONTENEGRO/A2A SI CONCENTRA SULL IDROELETTRICO Epcg si scinde in due società ERA MEMBRO DEL CDS Deceduto il consigliere Giorgio Sommariva» segue da pagina 1 nel Paese balcanico si focalizzerà unicamente sull attività di produzione da fonti rinnovabili e sulla distribuzione e vendita di energia elettrica. Siglato il 3 maggio scorso, l accordo prevede la ristrutturazione societaria e industriale di Epcg, la società energetica Montenegrina di cui A2A oggi detiene il 43,7% delle azioni e la gestione operativa. In particolare, l intesa prevede la scissione di Epcg in due distinte e operativamente autonome società: la prima includerà i soli impianti di produzione idroelettrica (circa 700 MW) e quelli relativi all attività di distribuzione di energia elettrica (con circa clienti alimentati); la seconda comprenderà la termoelettrica di Pljevlja e la fornitura al produttore locale di alluminio, KAP, inclusi i relativi crediti. A2A uscirà completamente dall'azionariato di questa seconda società e resterà invece azionista della prima, con le medesime responsabilità gestionali attualmente in essere. Grazie a questa operazione, A2A focalizza il proprio investimento in Montenegro sull'energia rinnovabile idroelettrica, ragione primaria del proprio ingresso nel Paese, anche in vista del completamento dell'interconnessione energetica sottomarina con l'italia, già in fase di realizzazione; in secondo luogo A2A lascia completamente al Governo del Montenegro la gestione del cliente energivoro KAP operante nel settore dell alluminio, industria attualmente in situazione critica ma di grande importanza per l'economia locale. Gli accordi finali saranno definiti entro giugno e l intera operazione sarà conclusa entro settembre di quest anno. Giorgio Maria Filiberto Sommariva è scomparso lo scorso 15 gennaio all età di 72 anni. Era membro del Consiglio di Sorveglianza di A2A dal giugno 2009, nonché componente del Comitato nomine. Laureato in fisica all Università di Torino, Sommariva dopo un iniziale esperienza alla Fiat e in Mediobanca aveva via via assunto incarichi di rilievo in diverse aziende nei settori automobilistico, della meccanica ed energetico, oltre a creare InvictorLED, società di ingegneria industriale e illuminazione.

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA

IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA Stato attuale e potenzialità di sviluppo Scenario dei benefici energetici ed ambientali INDICE PARTE I Lo stato attuale del riscaldamento urbano in Italia (anno 201 2) 1

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli