A proposito di filiera del latte: il PECO 2 RINO e la sua impronta. Sabrina Melandri. Cremona, 22 ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A proposito di filiera del latte: il PECO 2 RINO e la sua impronta. Sabrina Melandri. Cremona, 22 ottobre 2014"

Transcript

1 Pe r u n a m i g l i o r e q u a l i tà d e l l a v i ta A proposito di filiera del latte: il PECO 2 RINO e la sua impronta Sabrina Melandri Cremona, 22 ottobre

2 Alcune referenze Certiquality é stato il primo ente in Italia ad essere accreditato per la certificazione dei Sistemi di Gestione Ambientale secondo la norma ISO CERTIQUALITY è stato anche il primo ente italiano accreditato per l effettuazione delle verifiche per la convalida della dichiarazione ambientale secondo il Regolamento EMAS. E stato il primo Ente italiano a cui è stato rilasciato dal Ministero dell Ambiente il riconoscimento per lo svolgimento delle Verifiche dei gas a effetto serra. Nel 2012 Certiquality ha verificato oltre il 25% delle emissioni di gas a effetto serra italiane (di tutti gli impianti soggetti alla direttiva europea per l ETS). Certiquality è il primo Ente di certificazione accreditato per la norma ISO dedicata ai Sistemi di Gestione dell'energia. È in corso di certificazione la più grande realtà Italiana per ISO 50001: ENEL DISTRIBUZIONE con più di addetti. Inoltre Certiquality è il primo Ente accreditato per la norma UNI EN ISO 14064:2012 e ha partecipato attivamente all elaborazione della norma internazionale ISO/TS facendo parte del gruppo di lavoro dell UNI. 2

3 Green business: Perchè? Ottimizzazione dei costi (in risposta anche alla congiuntura economica sfavorevole) Anticipare la normativa Competitività sul mercato europeo Risposta alle esigenze degli stakeholder Miglioramento della reputazione e dell immagine aziendale Sviluppare marketing 3.0 3

4 Alcuni strumenti per sviluppare green business 4

5 Carbon footprint di prodotto ISO/TS 14067:2013 La norma ISO/TS 14067:2013 supporta le Organizzazioni che vogliano quantificare tutte le emissioni di gas a effetto serra coinvolte nel ciclo di vita di un prodotto, con l'approccio LCA (Life Cycle Assessment) che analizza gli effetti sull'ambiente "dalla culla alla tomba" del ciclo di vita di un prodotto. Con questo strumento un'organizzazione può rendicontare e comunicare l'impatto in termini di riscaldamento climatico dei propri prodotti, analizzando tutte le emissioni di gas a effetto serra coinvolte nella vita del prodotto (imputabili all'organizzazione in maniera diretta e indiretta), con la possibilità di stimare un valore di impatto sul clima per prodotti che si intende valorizzare sul mercato per le loro performance ambientali. La verifica di parte terza dello studio effettuato, offerta da Certiquality, conferisce autorevolezza alla metodologia utilizzata e alle informazioni comunicate ai clienti e agli stakeholder con la possibilità di comunicare all'esterno le performance in termini di riscaldamento climatico dei propri prodotti. 5

6 Struttura della norma La ISO/TS detta le regole per realizzare e comunicare la CFP. La compensazione delle emissioni è fuori dallo scopo del documento. 6

7 Definizione di CFP Secondo la definizione della ISO/TS 14067: Somma delle emissioni e delle rimozioni di GHG di un sistema di prodotto espressa in CO 2 e e basata su una valutazione del ciclo di vita (LCA) che presenta il solo impatto sul climate change 7

8 Per comunicare l impronta Necessità di conformarsi a uno standard riconosciuto per garantire che i dati, le informazioni che hanno portato al calcolo della propria impronta siano trasparenti, affidabili e verificabili; La verifica o la critical review da parte di un ente terzo conferisce maggiore autorevolezza alla propria dichiarazione/studio; Necessità di esporre in maniera chiara e trasparente le possibili limitazioni nei confini dello studio dell impronta; Attenzione alla qualità delle fonti dei dati e del loro utilizzo. 8

9 Progetto per la valutazione e la riduzione della Carbon Footprint del Pecorino Toscano DOP del Caseificio Sociale di Manciano PROGRAMMA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL IMPRONTA AMBIENTALE Co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 9

10 Il Programma Nazionale per la valutazione dell impronta di carbonio Il progetto è inserito all interno del Programma Nazionale per la valutazione dell impronta ambientale promosso dal Ministero dell Ambiente a cui hanno aderito ad oggi, attraverso accordi volontari o tramite partecipazione a bandi pubblici, quasi 200 imprese tra Multinazionali e Grandi, Piccole e Medie Imprese Italiane Il programma di sperimentazione nazionale finalizzato alla valutazione della «carbon footprint» e «water footprint» coinvolge ad oggi coinvolge alcune tra le realtà più rappresentative dei diversi entro il 2020 settori produttivi italiani: tessile, pelletteria e moda, infrastrutture e servizi, acque minerali, agro-alimentare, energie rinnovabili, cosmetici, industria, vernici, turismo, formazione, eventi, industrie vitivinicole, Gdo, trasporti, nautica. 10

11 BANDO PUBBLICO 2013 Il Programma Nazionale per la valutazione dell impronta di carbonio Gruppo Poligrafico Tiberino; C&S Srl; Arnaldo caprai società agricola; G.A. operations Spa; Jolly Sgambaro Spa; Pielle italia; Internazionale Srl; Distillerie Bonollo Umberto Spa; Coop Box Group; Arrigoni Battista Spa; Antica officina del farmacista Srl; Carlsberg Italia Spa; Tarkett Spa; Santangiolina latte fattorie lombarde; Caseificio Sociale Manciano Società Agricola Cooperativa; Favini Srl; Curti Srl; Manifattura Maiano Spa; Kerakoll Spa; FPT industrial Spa; Cooperlat S.a.c.; Si.Se - Sistemi Segnaletici Srl; Giulio Franzese srl; Euroscatola Spa; Luigi Lavazza Spa; Deco Industrie S. Coop. P. A.; Azienda Agricola G. Milazzo - Terre della Baronia Spa; Cantina cooperativa vignaioli del morellino di scansano S. Coop. a R. L.; Steel Color Spa; OP tricolore; Soc. Agricola Salcheto; Consorzio Latterie Virgilio S.a.c.; Oleificio Zucchi Spa; Fabiana Filippi Spa; Eudorex Srl; Monini Spa; Agrimax Srl; Val di Grano di Flavio Pagani Srl; MDS 25 Srl; Pool pack; Ipafood Srl; Orogel Spa consortile; Soffass Spa; Arti grafiche editoriali Srl Galassia Srl; Fileni Simar Srl; Tecnasfalti Srl; Consorzio Casalasco del Pomodoro S.a.c.; Società Agricola Mioorto Srl; Veneplast Srl; Caseificio Caramasche; G&G Italia S.r.l.; Rigoni di Asiago Srl; Società Acqua Lodigiana Srl; Cantine Riunite & CIV S.a.c.; Grandi salumifici italiani Spa; S.I.D.E.A. Italia SRL; Attianese Spa Fratelli Damiano & C Srl; Cementerie Aldo Barbetti Spa; Puccioni Spa; Abafoods Srl; Sanofi- Aventis Spa; Acque Minerali SRL; Premiato Pastificio Afeltra Srl; Mapei Spa; Confalonieri Spa; Nuovagrafica S.C.; Energy resources; Ecoservice di Santarelli Paolo Impresa Individuale; Pastificio Di Martino Gaetano & F.lli S.p.A.; FAS Spa; Trento Frutta Spa a Socio Unico; Fassa Spa; Cooperativa Serramenti Coserplast; Industrie Polieco-M.P.B. Srl; C.I.S.A Spa; Veronafiere Servizi Spa; Banfi Società Agricola Srl; Progeva Srl; Danicoop Soc Coop Agricola; Valagro Spa; Frutthera Srl; Ferrarelle Spa; Acque Spa; Geox Spa; Aspiag Service Srl; Olitalia Srl; Energy Resources residential srl; Irpinia Zinco Srl; Bell Caffè Srl; Soc. Coop Agr Valli Unite del Canavese; Unifor Spa; Fiorital Srl; Pepsico Beverages Italia Srl 11

12 Fasi del progetto per la valutazione dell impronta di carbonio MODELLO PER L INNOVAZIONE E PROMOZIONE DI PRODOTTO Certificazione Carbon Footprint Mitigazione delle Emissioni Comunicazione dei risultati Obiettivi misurabili (Riduzione CO 2 ) Calcolo della Carbon Footprint con LCA 12

13 Calcolo dell impronta di carbonio OBIETTIVO Obiettivo: calcolo della Carbon Footprint del prodotto Pecorino Toscano D.O.P. forma intera da 1,8 kg Periodo di riferimento: anno 2012 adottando i criteri e i requisiti specificati dalla norma ISO/TS Unità funzionale a cui si riferisce il calcolo è: kgco 2 eq emessa per kg di prodotto. 13

14 Calcolo dell impronta di carbonio METODOLOGIA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO La metodologia impiegata per l analisi dell impronta di carbonio è conforme: alla ISO TS Carbon footprint of products - Requirements and guidelines for quantification and communication ai criteri LCA definiti e standardizzati nelle norme della serie ISO14040 alla linea guida Product Life Cycle Accounting and Reporting Standard emessa dal World Resources Institute e dal World Business Council for Sustainable Development PCR di riferimento del sistema EPD: PCR UN CPC 2223,2224,2225, YOGHURT, BUTTER AND CHEESE 2013:18 PCR UN CPC 022: RAW MILK 14

15 Calcolo dell impronta di carbonio CONFINI DEL SISTEMA 15

16 Calcolo dell impronta di carbonio Prodotto Pecorino Toscano D.O.P., forma intera da 1,8 kg Caratteristiche del prodotto Formaggio di pecora a denominazione d origine Protetta a pasta tenera, prodotto con latte di pecora pastorizzato con aggiunta di fermenti selezionati autoctoni, caglio e sale. La stagionatura minima è di 20 giorni, necessari per l apposizione del marchio di tutela, anche se in genere viene consumato dopo giorni. Nell odore fragrante e nel sapore dolce ritroviamo tutto il profumo dei verdi pascoli delle colline grossetane Valori nutrizionali per ogni 100 gr Materia secca 59,71 gr Lipidi 29,86 gr Proteine 22,14 gr Calcio 625 mg Ferro 0,7 mg Valore energetico 368 kcal Carbon Footprint di Prodotto 25,2 kg CO 2 eq /kg Emissioni stimate di CO2eq per l intero ciclo di vita 16

17 Calcolo dell impronta di carbonio Prodotto: Pecorino Toscano D.O.P. forma intera da 1,8 kg Carbon Footprint : 25,2 kg CO 2 eq / kg FASE DESCRIZIONE % Kg CO 2 eq/kg di prodotto UPSTREAM Produzione e trasporto del Latte DOP 92,51% 23,31 Produzione e Trasporto delle altre Materie Prime 0,31% 0,08 CORE Produzione del Formaggio 2,58% 0,65 Distribuzione del prodotto 2,86% 0,72 DOWNSTREAM Uso e Fine Vita 1,76% 0,44 17

18 Calcolo dell impronta di carbonio Prodotto: Pecorino Toscano D.O.P. forma intera da 1,8 kg Carbon Footprint : 25,2 kg CO 2 eq / kg 18

19 Calcolo dell impronta di carbonio Prodotto: Pecorino Toscano D.O.P. forma intera da 1,8 kg Carbon Footprint : 25,2 kg CO 2 eq / kg 19

20 Verifica Carbon Footprint - Validazione Risultati La verifica prevede la validazione della metodologia utilizzata, nonché la corretta applicazione delle PCR, la qualità delle fonti dei dati raccolti e dei fattori di emissioni utilizzati. La verifica prevede sia l analisi documentale sia la verifica in situ sul sito produttivo principale. Per poter comunicare all esterno la propria Carbon Footprint è stato verificato anche l External communication report. 20

21 Verifica Carbon Footprint - Validazione Risultati Predisposizione delle informazioni per la certificazione di parte terza indipendente Audit documentale e in situ Emissione del Certificato di Prodotto da parte di Ente terzo indipendente 21

22 Mitigazione delle emissioni: riduzioni Individuazione Aree Critiche : possibili interventi gestionali e tecnologici Interventi di mitigazione MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE DEL SUOLO PER IL PASCOLO MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI FRIGORIFERO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA FILIERA STABILIMENTO STABILIMENTO 22

23 Mitigazione delle emissioni: neutralizzazione Stima delle Emissioni Residue Studio delle Modalità di neutralizzazione delle emissioni residue: Sostenere economicamente un progetto Acquisire crediti sul mercato da Broker PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO PER LA NEUTRALIZZAZIONE DELLE EMISSIONI Valutazione Tecnico Economica delle Azioni individuate 23

24 C Comunicazione dei risultati ANALISI COMPETITIVA ANALISI SWOT STRATEGIA DI MARKETING PIANO DI MARKETING Analisi di mercato Analisi interna Orientamenti strategici green Decisioni marketing operative SVILUPPO DEL COPIONE DEFINIZIONE DELLA REGIA PIANO DI COMUNICAZIONE Messaggio ambientale Pubblico Canali di comunicazione 24

25 Vantaggi Single Impact (es: Carbon/Water Footprint) Meno dati da raccogliere e trattare Possibilità di comunicare + efficacemente l impronta. Multiple Impacts (es EPD/OEF/PEF): Quadro conoscitivo più completo Possibilità di comporre una strategia + articolata finalizzata alla riduzione costi/impatti Possibilità di comunicare i singoli impatti in modo differenziato 25

26 Criticità Single Impact: Rischio di non comprendere altri impatti rilevanti della propria azienda/prodotto Rischio di greenwashing + elevato Multiple Impacts: Rischio di difficoltà di comunicare in maniera efficace Rischio di rendere un confronto con aziende/prodotti simili più difficile 26

27 Linee guida di CERTIQUALITY 27

28 LINEE GUIDA DI CERTIQUALITY 28

29 Area Sostenibilità Ing. Sabrina Melandri Tel QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING 29

30 Grazie! 30

DAL CARBON FOOTPRINT ALLA MITIGAZIONE. Annalidia Pansini Direzione generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l Energia

DAL CARBON FOOTPRINT ALLA MITIGAZIONE. Annalidia Pansini Direzione generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l Energia DAL CARBON FOOTPRINT ALLA MITIGAZIONE Annalidia Pansini Direzione generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l Energia Febbraio 2013 Il programma del Ministero per la valutazione dell impronta ambientale

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale

Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale Martina Hauser Segreteria Tecnica del Ministro Task Force per la valutazione dell impronta ambientale dei sistemi e dei modelli di produzione

Dettagli

Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale

Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale Roberta Ianna Direzione generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e dell Energia del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO S.R.L.

GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO S.R.L. PROGETTO CO-FINANZIATO DA REALIZZATO DAL CONSULENTE ESTERNO INCARICATO (COME DA BANDO): GREEN INNOVATION S.R.L. DOTT.SSA ING. FEDERICA LUNGHI VERIFICATO DA CERTIQUALITY S.R.L. PROGETTO DI: GRUPPO POLIGRAFICO

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 PASTA FORMA OK LE ELICHE

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 PASTA FORMA OK LE ELICHE Analisi dell impronta del prodotto Le Eliche, la pasta della linea Forma OK di Ipafood S.r.l. Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare CARBON FOOTPRINT

Dettagli

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Luca Leonardi, Climate Change Services Bureau Veritas Italia Spa ore 12.15 13.00 Sommario: Il carbon footprint Contabilizzazione delle emissioni di CO

Dettagli

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Impronta Ambientale Siamo tra le 95 imprese italiane selezionate per l analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo.

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint di Prodotto: il processo di normazione ISO 14067

La gestione del Carbon Footprint di Prodotto: il processo di normazione ISO 14067 Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Ing. Alessandro Manzardo alessandro.manzardo@unipd.it

Dettagli

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 LINEA CIALDE BELL CAFFÈ EXTERNAL COMMUNICATION REPORT

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 LINEA CIALDE BELL CAFFÈ EXTERNAL COMMUNICATION REPORT CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 LINEA CIALDE BELL CAFFÈ EXTERNAL COMMUNICATION REPORT REVISIONE DATA EMISSIONE MODIFICHE REDATTO DA 0 31/10/2014 Prima emissione AzzeroCO2 1 10/11/2014

Dettagli

BUSINESS ASSURANCE DNV GL SAFER, SMARTER, GREENER. 15 October, 2014 DNV GL 2013

BUSINESS ASSURANCE DNV GL SAFER, SMARTER, GREENER. 15 October, 2014 DNV GL 2013 BUSINESS ASSURANCE DNV GL 1 15 October, 2014 SAFER, SMARTER, GREENER Chi siamo SUSTAINABLE BUSINESS PERFORMANCE Tra i principali Enti di certificazione a livello mondiale, DNV GL - Business Assurance supporta

Dettagli

Dichiarazione di Verifica (Verification Statement)

Dichiarazione di Verifica (Verification Statement) Dichiarazione di Verifica (Verification Statement) A seguito dell attività di verifica condotta ai sensi della norma UNI ISO 14064-3:2006, si rilascia la presente Dichiarazione alla società: (After the

Dettagli

attività da loro intraprese.

attività da loro intraprese. IMQ Green Network IMQ Green Network Sempre più il green sembra andare di pari passo con la redditività. Lo ha dimostrato anche l edizione 2011 del Carbon Disclosure Project Global 500. Il Rapporto annuale

Dettagli

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Il Gruppo Dani 2010 Profilo aziendale Fatturato Addetti Struttura produttiva 120 milioni

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PROCESSO GRANAROLO EPD CONTATTI

ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PROCESSO GRANAROLO EPD CONTATTI AIVIÀ DI COMUNICAZIONE DICHIARAZIONE AMBIENALE DI PRODOO PROCESSO GRANAROLO EPD CONAI Al fine di ottenere ulteriori informazioni sul Gruppo Granarolo o sulle Dichiarazioni Ambientali contattare Mirella

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE)

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE) ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE) Progetto Pilota sulla Carbon Footprint nel settore dell imbottiagliamento dell acqua in Italia in collaborazione con il Ministero

Dettagli

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CONTESTO - SCENARIO STRUMENTI NORMAZIONE E CERTIFICAZIONE 3 FOOD E GHG 4 2001 - LIBRO VERDE

Dettagli

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio Esperienza metodologica: servizio di gestione mense scolastiche Scuola elementare "G.Bombonati" di Ferrara Applicazione dell'lca Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio L Analisi del Ciclo di Vita L Analisi

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Piacenza, 22 Novembre 2013 Agricoltura e Sostenibilità Perchè l agricoltura ha la necessità

Dettagli

Pecorino Toscano protagonista nel tempo di un arte antica

Pecorino Toscano protagonista nel tempo di un arte antica Abbazia di Spineto via Molino di Spineto,8 Sarteano (SI) 13 settembre 2014 Giornata di Studio Il Pecorino Toscano e Sardo- Due esperienze a confronto in terra di Siena Pecorino Toscano protagonista nel

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

GREEN JOB FONDIMPRESA AVVISO 1/2012 AMBIENTE INDICE DEI CORSI

GREEN JOB FONDIMPRESA AVVISO 1/2012 AMBIENTE INDICE DEI CORSI GREEN JOB FONDIMPRESA AVVISO 1/2012 AMBIENTE INDICE DEI CORSI 1. La corretta gestione sistemica dell ambiente: processi per l orientamento dei comportamenti e dei rapporti col territorio 2. La nuova cultura

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

Il nostro impegno verso la sostenibilità

Il nostro impegno verso la sostenibilità 1 Il nostro impegno verso la sostenibilità IT 2013 2 APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ Nato come piccola conceria a conduzione familiare nel 1950, il gruppo Dani

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

Qualificazione ambientale dei prodotti e consumo sostenibile ISO/CD 14067.3. Strumenti e marchi per la. Carbon Footprint. Daniele Pernigotti

Qualificazione ambientale dei prodotti e consumo sostenibile ISO/CD 14067.3. Strumenti e marchi per la. Carbon Footprint. Daniele Pernigotti Qualificazione ambientale dei prodotti e consumo sostenibile ISO/CD 14067.3 Strumenti e marchi per la Carbon Footprint di la sostenibilità ambientale: Prodottodi prodotto Carbon Footprint Daniele Pernigotti

Dettagli

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano L impronta carbonica degli alimenti Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano Fondazione Culturale San Fedele, Milano, 9 ottobre 2014 Indice Le emissioni di gas serra dalle

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Il CO 2 footprint degli alimenti

Il CO 2 footprint degli alimenti Il CO 2 footprint degli alimenti Mangiare sano, inquinare meno 19 maggio 2012 Convegno Ti senti bio? Piedicastello, Trento Ökoinstitut Südtirol Alto Adige / 19.05.2012 Ti senti bio? L Ökoinstitut Südtirol/Alto

Dettagli

- Edizione Agosto 2014 - 1. Descrizione del Prodotto: il Vino Nobile di Montepulciano DOCG... 3. 2. Standard di riferimento... 4

- Edizione Agosto 2014 - 1. Descrizione del Prodotto: il Vino Nobile di Montepulciano DOCG... 3. 2. Standard di riferimento... 4 - Edizione Agosto 2014 - Indice generale 1. Descrizione del Prodotto: il Vino Nobile di Montepulciano DOCG... 3 2. Standard di riferimento... 4 3. Categoria di Prodotto... 4 4. Metodologia d'analisi...

Dettagli

La certificazione del processo e le certificazioni di parte terza

La certificazione del processo e le certificazioni di parte terza BUSINESS ASSURANCE La certificazione del processo e le certificazioni di parte terza Francesco Barreca 18/07/2014 1 lug. 14 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL Con l obiettivo di salvaguardare la vita, la proprietà

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

Sistemi di gestione dell energia e Green Building:

Sistemi di gestione dell energia e Green Building: Sistemi di gestione dell energia e Green Building: Marzo 2014 Marco Mari I temi trattati 1. Tendenze e orientamenti europei 2. La garanzia per la committenza: UNI CEI 11352:2010 Requisiti per le ESCO 1.

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI

RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI di Fabrizio Piva CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it BIOENERGY Verona 04.02. 2010 1 SOMMARIO CHI SIAMO LA SITUAZIONE A LIVELLO EUROPEO GLI

Dettagli

L'evoluzione delle norme della serie ISO 14000 sulla gestione ambientale. Stefano Sibilio

L'evoluzione delle norme della serie ISO 14000 sulla gestione ambientale. Stefano Sibilio L'evoluzione delle norme della serie ISO 14000 sulla gestione ambientale Stefano Sibilio Ente Nazionale Italiano di Unificazione Fondazione : 1921 Riconoscimento: Ente Normatore Membro italiano Finalità

Dettagli

Torino, 16 aprile 2013. Andrea Loro Piana Falpi Srl. associato AFIDAMP dal 1987

Torino, 16 aprile 2013. Andrea Loro Piana Falpi Srl. associato AFIDAMP dal 1987 Torino, 16 aprile 2013 Andrea Loro Piana Falpi Srl associato AFIDAMP dal 1987 IL CAM PULIZIE CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA O PER LA FORNITURA DI PRODOTTI PER L IGIENE

Dettagli

Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità?

Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità? Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità? 18 Novembre Franca Ballaben SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL Con l obiettivo di salvaguardare la vita, la proprietà e l ambiente,

Dettagli

Le certificazioni come strumento per la sostenibilità IIP - AIPE. 22 novembre 2011 BEST PRACTIES FOR SUSTAINABLE PACK MANAGEMENT

Le certificazioni come strumento per la sostenibilità IIP - AIPE. 22 novembre 2011 BEST PRACTIES FOR SUSTAINABLE PACK MANAGEMENT Le certificazioni come strumento per la sostenibilità IIP - AIPE 22 novembre 2011 BEST PRACTIES FOR SUSTAINABLE PACK MANAGEMENT 1 Presentazione di IIP Srl Certificazioni dei sistemi aziendali di : gestione

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA CPC code Revisione n. Registrazione n. Valida fino al Anno di riferimento dei dati Area geografica di riferimento 030 Hen

Dettagli

Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo.

Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo. Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo. 6 a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie Enrico Biele, FIRE 14/05/13, Milano

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL L Azienda L Azienda 1 Lean Six Sigma : Combining Six Sigma

Dettagli

Attività,, progetti e servizi

Attività,, progetti e servizi Attività,, progetti e servizi Via Principe Tommaso, 41 10125 Torino Italia Tel: 011/6599677 Fax: 011/3719330 www.studiofieschi.it info@studiofieschi.it INDICE Presentazione dello studio Pag. 1 6 Pag. 7

Dettagli

ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION (EPD)

ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION (EPD) ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION (EPD) Il ruolo dell Organismo di Certificazione Bologna, 1 marzo 2006 CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 Ing. Paolo GIUIUZZA CERTIQUALITY QUALITA AMBIENTE

Dettagli

INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA

INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA Maurizio Mariani Sotral Spa Torino 19 Marzo 2009 IL CAMBIO GENERAZIONALE Dal 1982 al 2003 GESTIONE FAMILIARE, I FONDATORI INIZIANO

Dettagli

Torino, 15 novembre 2011

Torino, 15 novembre 2011 Prime esperienze a Livello Internazionale di Certificazione e definizione di Registri di Contabilizzazione delle Emissioni applicate ad Ambiti e Politiche Territoriali Prof. Ing. Domenico Andreis Torino,

Dettagli

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Piacenza, 11 febbraio 2014 Sostenibilità, opportunità e criticità nella filiera latte post 2015 Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte G.

Dettagli

Le esperienze sulla EN 16001 e ISO 50001

Le esperienze sulla EN 16001 e ISO 50001 Le esperienze sulla EN 16001 e ISO 50001 Milano, 4 Ottobre 2011 Gian Luca Conti Regional Compliance & Risk Manager BSI Group Italia Chi è BSI? Fondata nel 1901 Leader nella fornitura di servizi alle imprese

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

La qualificazione ambientale. Fabio Iraldo IEFE-Università Bocconi e IdM - Scuola Superiore Sant Anna di Pisa

La qualificazione ambientale. Fabio Iraldo IEFE-Università Bocconi e IdM - Scuola Superiore Sant Anna di Pisa La qualificazione ambientale dei prodotti di cluster Fabio Iraldo IEFE-Università Bocconi e IdM - Scuola Superiore Sant Anna di Pisa Premessa: il ruolo-chiave delle performance ambientali dei prodotti

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO (CARBON FOOTPRINT OF PRODUCT CFP) DI TRE PRODOTTI DELL INDUSTRIA

ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO (CARBON FOOTPRINT OF PRODUCT CFP) DI TRE PRODOTTI DELL INDUSTRIA ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO (CARBON FOOTPRINT OF PRODUCT CFP) DI TRE PRODOTTI DELL INDUSTRIA CONSERVIERA EXTERNAL COMMUNICATION REPORT Committente Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio.

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici Andrea Ronchi Business Development Manager Torino, 4 Dicembre 2013 www.ecoway.it Member of: EcoWay L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima

Dettagli

Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili.

Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili. LIFE CYCLE ASSESSMENT & HIDDEN COSTS Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili. Sergio Ulgiati Università degli Studi Parthenope Napoli DEFINIZIONE L Analisi del Ciclo di Vita

Dettagli

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione Laura Marchelli Barilla HSE&E Manager Agenda 1 Lo strumento LCA e i KPI utilizzati 2 Il percorso verso la sostenibilità 3 Obiettivi

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA IL RECUPERO ENERGETICO NELLA FILIERA DI PRODUZIONE DEL COMPENSATO - APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA G.L. Baldo*, M. Marino*; S. Rossi*; x ** *Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it

Dettagli

3 aprile/ Bari. Evitare il greenwashing: certificare la sostenibilità per garantire le prestazioni. Lorenzo Orsenigo

3 aprile/ Bari. Evitare il greenwashing: certificare la sostenibilità per garantire le prestazioni. Lorenzo Orsenigo 3 aprile/ Bari Evitare il greenwashing: certificare la sostenibilità per garantire le prestazioni Lorenzo Orsenigo Green o Greenwashing? La sostenibilità, oggi un importante fattore di marketing Evitare

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

SMART EXPO 2015: SMART PLANNING, SMART BUILDING, SMART CONNECTING. Fiera Milano 8 maggio 2014. L inventario delle emissioni di gas serra di Expo 2015

SMART EXPO 2015: SMART PLANNING, SMART BUILDING, SMART CONNECTING. Fiera Milano 8 maggio 2014. L inventario delle emissioni di gas serra di Expo 2015 SMART EXPO 2015: SMART PLANNING, SMART BUILDING, SMART CONNECTING Fiera Milano 8 maggio 2014 L inventario delle emissioni di gas serra di Expo 2015 Roberto Giacomelli, Climate Change and Sustainability

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010]

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] www.ecocongress.it / info@ecocongress.it RESPONSABILE DELLA DIVISIONE SCIENTIFICA Dott. Flavio Scrucca scrucca@ecocongressi.it [VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] 2010 Relazione

Dettagli

Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione

Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione Come gestire l ambiente? attraverso l adozione di un sistema di gestione ambientale,

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE 2013. [redatto il 24 febbraio 2014] falpi tutela l ambiente

BILANCIO AMBIENTALE 2013. [redatto il 24 febbraio 2014] falpi tutela l ambiente BILANCIO AMBIENTALE 2013 [redatto il 24 febbraio 2014] COS È E PERCHÈ REDIGERE IL BILANCIO AMBIENTALE. La crescente attenzione dell opinione pubblica e dei Governi alle problematiche ambientali legate

Dettagli

Qualità e Sostenibilità nel settore agroalimentare

Qualità e Sostenibilità nel settore agroalimentare BUSINESS ASSURANCE Qualità e Sostenibilità nel settore agroalimentare Il ruolo degli Organismi di Parte Terza dr.ssa Franca Ballaben 13 maggio 2014 1 DNV GL 2013 13 maggio 2014 SAFER, SMARTER, GREENER

Dettagli

Il marchio di sostenibilità ambientale

Il marchio di sostenibilità ambientale Giunta Regionale Direzione Programmazione, innovazione e competitività dell'umbria Ambito di coordinamento: Imprese e lavoro Servizio Politiche per il credito e Internazionalizzazione delle imprese Il

Dettagli

Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta

Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta Zanotelli D 1, Ciarapica F 1-2, Fadanelli L 3, Mazzetto F 1, Tagliavini M 1 1. Facoltà di Scienze e Tecnologie, Libera Università

Dettagli

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da:

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da: ANALISI DEL CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE SOSTENIBILE DEI MATERIALI numero 14 gennaio 2011 2 Sommario{ 3 Introduzione 4 Certificazioni e controlli per le costruzioni 5 I servizi per la sostenibilità

Dettagli

IL CARBON FOOTPRINT DI VIREO NEL 2014

IL CARBON FOOTPRINT DI VIREO NEL 2014 IL CARBON FOOTPRINT DI VIREO NEL 2014 Tutte le nostre attività hanno una ripercussione sull ambiente e causano delle emissioni di gas serra. Vireo ha iniziato, fin dalla sua nascita, a raccogliere i dati

Dettagli

D. 4.1 Manual of sustainability. Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe

D. 4.1 Manual of sustainability. Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe D. 4.1 Manual of sustainability Deliverable Progetto MAde Green IN Europe Sommario 1. Introduzione...Errore. Il segnalibro non è definito. 1.1. Il progetto IMAGINE... 3 1.2. Gli strumenti per il miglioramento

Dettagli

Leo Breedveld - 2B 15/07/2008

Leo Breedveld - 2B 15/07/2008 LCA dell agroalimentare Introduzione alla Valutazione del Ciclo di Vita e potenzialità dello strumento nei settori agricolo e agroalimentare Camera di Commercio di Padova Centro Studi Leo Breedveld 15

Dettagli

PERNIGOTTI DANIELE. AEQUILIBRIA di Pernigotti Daniele. Consulenza e formazione ambientale. Audit di SGA

PERNIGOTTI DANIELE. AEQUILIBRIA di Pernigotti Daniele. Consulenza e formazione ambientale. Audit di SGA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome Indirizzo PERNIGOTTI DANIELE Via Sebastiano Tecchio, 2 30175, Marghera (VE), Italia Telefono +39 041 8653238 Cellulare: +39 340 97 83 337

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO

SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO Ing. Pietro Bartolini Responsabile Area ASEQ Confindustria Firenze Fiera di 1 LA CRISI ECONOMICA La recessione sembra

Dettagli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli va letto tramite CRITERI OGGETTIVI che si esprimono nelle Certificazioni/Strumenti individuati dal VI programma d Azione per l Ambiente UE (2002 2012) e e dalla Nuova

Dettagli

In rete con l Europa

In rete con l Europa In rete con l Europa L AZIENDA E IL GRUPPO DI LAVORO PROMETEO, Servizi integrati per lo Sviluppo Locale, è una società di servizi nata dalla sinergia di un team di professionisti altamente qualificati

Dettagli

QUALITÀ AERONAUTICA AUTOMOTIVE DISPOSITIVI MEDICI AGRO-ALIMENTARE

QUALITÀ AERONAUTICA AUTOMOTIVE DISPOSITIVI MEDICI AGRO-ALIMENTARE PROPOSTA FORMATIVA QUALITÀ Dal modello ISO 9001:08 agli strumenti di controllo e di miglioramento delle performance L evoluzione del sistema qualità secondo la nuova ISO 9001:2008 Definire e migliorare

Dettagli

Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani

Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani Silvia Coderoni Istituto Nazionale di Economia Agraria Conferenza Finale Progetto LIFE- GAS OFF-Integrated strategies for ghg mitigation in

Dettagli

PROPOSTA DI UN MODELLO DI PRODUCT-ORIENTED ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEM (POEMS) PER L INDUSTRIA AGRO-ALIMENTARE: RISULTATI PRELIMINARI

PROPOSTA DI UN MODELLO DI PRODUCT-ORIENTED ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEM (POEMS) PER L INDUSTRIA AGRO-ALIMENTARE: RISULTATI PRELIMINARI PROPOSTA DI UN MODELLO DI PRODUCT-ORIENTED ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEM (POEMS) PER L INDUSTRIA AGRO-ALIMENTARE: RISULTATI PRELIMINARI Roberta Salomone, Maria Teresa Clasadonte, Maria Proto, Andrea

Dettagli

Soluzioni Sika per un calcestruzzo sostenibile

Soluzioni Sika per un calcestruzzo sostenibile Soluzioni Sika per un calcestruzzo sostenibile L'approccio Sika al ciclo di vita Che cos'è l'analisi del ciclo di vita (LCA) e perché è importante? Su quali standard si basano le LCA Sika? Da dove provengono

Dettagli

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Per una migliore qualità della vita La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Matteo Locati Federchimica Milano 27/02/2013 La società: Certiquality: Profilo Società

Dettagli

MANAGEMENT DELLA SOSTENIBILITÀ E DEL CARBON FOOTPRINT LIVELLO I - II EDIZIONE A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DELLA SOSTENIBILITÀ E DEL CARBON FOOTPRINT LIVELLO I - II EDIZIONE A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DELLA SOSTENIBILITÀ E DEL CARBON FOOTPRINT LIVELLO I - II EDIZIONE A.A. 2015-2016 Presentazione Il Master in Management della Sostenibilità e del Carbon Footprint si propone di formare figure

Dettagli

VALUTAZIONE CONFORMITA CERTIFICAZIONE. della

VALUTAZIONE CONFORMITA CERTIFICAZIONE. della VALUTAZIONE della CONFORMITA e CERTIFICAZIONE Cosa è? è uno degli Enti di Certificazione e Normazione più prestigiosi e riconosciuti nel mondo, il cui scopo è contribuire a migliorare la qualità e proteggere

Dettagli

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale Simone Cencetti Environment, Health and Safety Fiat Group Automobiles 20 Novembre, 2010 Il Gruppo Fiat

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI Isabella d Adda QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING Arezzo, 28 Settembre 2012 Fatturato di 127 miliardi

Dettagli

ISO/TS 14067:2013 EXTERNAL COMUNICATION REPORT EXT CFP STUDY REPORT N CFP/SR-01-14 - RID

ISO/TS 14067:2013 EXTERNAL COMUNICATION REPORT EXT CFP STUDY REPORT N CFP/SR-01-14 - RID ETERNAL COMUNICATION ET CFP STUDY N CFP/SR-01-14 - RID Curatore della dichiarazione Il presente CFP External Communication Report è basato sul CFP Study Report N CFP/SR- 01-14 del 04/11/2014 relativo al

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Carbomark LIFE07 ENV/IT/000388 CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Alessandro Peressotti Centro Congressi Torino Incontra 15/16 Novembre 2011

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica Luca Battaglini Dipartimento Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Università degli Studi di Torino Accademia di Agricoltura

Dettagli