il Trentino marzo La sfida alla crisi economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il Trentino marzo La sfida alla crisi economica"

Transcript

1 il Trentino marzo Mensile della Provincia autonoma di Trento anno XLV - numero EDITORIALE Raccontare l autonomia > pagina 3 SALUTE Tre campagne di prevenzione > pagina 17 TERRITORIO Digitale terrestre missione compiuta > pagina 18 STORIE 700 giovani ad Auschwitz > pagine CULTURE Le scuole della musica > pagine La sfida alla crisi economica Così la Provincia mette in campo 850 milioni di euro, il 5 per cento del Pil del Trentino > pagine 4-11

2 2 il Trentino marzo 2009 L argomento Ecco bilancio e manovra anticrisi 4 Notizie In breve cosa succede 12 Salute Cina, salute Made in Trentino 16 L importanza della diagnosi precoce 17 Territorio La piattaforma digitale 18 Ambiente L ambiente merita un premio 19 Storie Lungo i binari della memoria 20 Marta, io ti ricordo 22 Culture Il taccuino di Remo Wolf 24 Come sistemo il Duomo di Trento 27 Dentro le scuole della musica 28 Volete ricevere IL TRENTINO ad un indirizzo diverso? C è un indirizzo da modificare? Ci sono più destinatari nella stessa famiglia? Non volete più ricevere la rivista? Dubbi, domande, curiosità, chiarimenti, consigli, critiche, suggerimenti, complimenti? Il numero verde e l indirizzo sono a vostra disposizione. il Trentino Rivista mensile della Provincia autonoma di Trento Anno XLV - numero 286 marzo 2009 Piazza Dante n. 15, Trento Tel Direttore responsabile: Giampaolo Pedrotti Coordinatore editoriale: Carlo Martinelli Redazione: Pier Francesco Fedrizzi, Mauro Neri, Marco Pontoni, Lorenzo Rotondi, Fausta Slanzi, Corrado Zanetti Vanda Campolongo, Marina Malcotti, Elisabetta Valduga, Silvia Vernaccini Amministrazione: Orietta Frisinghelli, Daniela Poletti, Mariarosa Pontalti Hanno collaborato: Sandra Chighizola, Roberta Corazza, Alice Manfredi, Salvatore Romano, Daniele Valersi Fotografie: Archivio Ufficio stampa Provincia autonoma di Trento (Agf Bernardinatti, Piero Cavagna, Romano Magrone, Dino Panato, Corrado Poli); Archivio Azienda provinciale servizi sanitari In copertina: foto Agf Bernardinatti Impaginazione: Artimedia - Trento Stampa: S.I.E. Spa Società Iniziative Editoriali - Trento Registrazione del Tribunale di Trento n. 100 del iscrizione nel R.O.C. n. 480

3 Editoriale il Trentino marzo Raccontare la nostra autonomia Il nuovo appuntamento mensile per dialogare e conoscere Lorenzo Dellai Presidente della Provincia autonoma di Trento «IL TRENTINO è nato così e per questo. Senza ambizioni: come un normale ma doveroso gesto di relazioni pubbliche dirette alla valorizzazione sostanziale della formula democratica. Se sia bene o male lo giudicheranno i lettori. Noi abbiamo cercato di fare del nostro meglio. Esprimo l augurio che l interesse e la simpatia dei lettori ci aiutino a fare anche meglio in seguito». Quando la rivista che ora state leggendo rinnovata nella grafica ma soprattutto nei contenuti affrontò per la prima volta il giudizio dei lettori correva l anno 1964, era il mese di gennaio. E le parole che aprono questa pagina erano quelle che chiudevano il primo editoriale, firmato dall allora presidente della Provincia autonoma di Trento, Bruno Kessler. Mi piace ripeterle, qui, nel momento in cui anche la nostra rivista fa alcune importanti scelte di campo. Una veste più sobria ed austera, un linguaggio volutamente popolare e il più possibile non specialistico, una periodicità fissa: ogni prima settimana del mese (con la sola interruzione di agosto) IL TRENTINO diventerà un appuntamento fisso. L auspicio è che diventi uno strumento ulteriore di dialogo e partecipazione. Certo, prima di tutto il mensile della Provincia autonoma di Trento deve e vuole informare. E già questo primo numero della nuova serie affronta subito il cuore delle questioni. Oggi l intera struttura della Provincia è chiamata ad un grande sforzo ed impegno per contrastare la crisi economica. È una sfida quello che stiamo cercando di riempire di contenuti, anzi: di fatti. In questo anche un giornale è strumento prezioso. Così come accade per i mezzi di comunicazione agenzie, carta stampata, radio, televisione, web che ogni giorno, nella nostra terra, ci aiutano (anche criticando, quando è il caso e quando le buone intenzioni sono assoldate) a meglio governare e meglio decidere. In queste pagine c è la fotografia del nostro Trentino: alle prese appunto con una difficile congiuntura economica, ma altrettanto certo di avere quegli strumenti (a partire da una autonomia che ha solide radici e che dobbiamo sì difendere quanto dimostrare, giorno dopo giorno, di valorizzare ed apprezzare) capaci di farci restare saldi ed orgogliosi, nel cuore dell Europa. Nei capitoli lungo i quali IL TRENTINO racconta e ci racconta, c è una traccia fatta dalla fatica e dall impegno, di molti. Così dare conto puntuale dell attività di governo non è diverso dal raccontare le iniziative di e per i giovani, il mondo delle culture, i problemi (e le conquiste) della sanità, le sfide dell ambiente, le dinamiche del territorio. Buona lettura a tutti. Dal gennaio 1964 al marzo 2009: dal primo numero de IL TRENTINO alla rinnovata veste di oggi. Rinnovato impegno Giampaolo Pedrotti Credo che investire in comunicazione in tempo di crisi sia una bella sfida. Certo, vien da chiedersi quanti la ritengano superflua, quasi fosse un prodotto di lusso, figlio di quella società opulenta di cui stiamo scoprendo fragilità e contraddizioni. Ovviamente non la pensiamo così, certi che informarsi, confrontarsi, cercare di capire rappresenti un valido antidoto al rischio di una chiusura dentro la quale proliferano diffidenza, sfiducia e involuzione. Eccoci qui, allora, a tentare di dimostrarlo, rinnovando il nostro impegno nell offrire un servizio alla nostra gente. Lo facciamo con nuovi strumenti, più sobri nella forma oltre che nei contenuti, e rispettosi dei tempi che corrono. In queste pagine daremo conto di opportunità, di soluzioni messe in campo dall ente pubblico nelle sue molteplici articolazioni, ma anche di storia, cultura, salute, territorio, giovani e molto altro ancora. Affideremo gli approfondimenti a supplementi mirati (le vecchie riviste), intensificando al tempo stesso l utilizzo di internet e delle nuove tecnologie con l obiettivo di alimentare un unico sistema di informazione pubblica. Con l auspicio che anche questo aiuti a mantenere il Trentino quella terra speciale che è adesso.

4 4 il Trentino marzo 2009 L argomento Ecco bilancio e manovra anticrisi

5 il Trentino marzo milioni di euro per superare la congiuntura difficile e rilanciare l economia Marco Pontoni Sono pari a milioni di euro le entrate della finanza provinciale per l esercizio 2009 (+0,8% rispetto al 2008). Il Bilancio di previsione è quindi assai ricco, ma la vera novità di quest anno è il corposo pacchetto anticrisi messo in campo dalla Giunta Dellai per una cifra complessiva di 850 milioni di euro, pari a oltre il 5% del Pil provinciale. Di questi, 92 milioni vanno alle fasce sociali in difficoltà e 141 ad interventi per il sostegno delle imprese. Decisi anche investimenti straordinari per 482 milioni di euro. Fra le novità che la manovra introduce, il reddito minimo di garanzia, per una spesa complessiva di 18 milioni di euro. Vediamo di seguito il dettaglio. Occupazione, piano straordinario MISURE DESTINATE A DURARE Èun intervento articolato e complesso quello messo a punto dall amministrazione provinciale per fronteggiare la crisi economica, che farà sentire i suoi effetti per tutto il 2009 e parte del Le entrate disponibili per l esercizio 2009 sono quantificate in milioni di euro, in crescita dello 0,8% rispetto al 2008, livello comunque compatibile con i vincoli fissati dal patto di stabilità interno 2009 (riduzione della spesa dello 0,6% rispetto al 2008), in quanto sono previste componenti di spesa (in prevalenza sanità e concessione di crediti) non rilevanti ai fini del rispetto della predetta disciplina. La parte più interessante del Bilancio 2009 è rappresentata dalla manovra anticongiunturale, pari a 850 milioni di euro. In totale la manovra vale oltre il 5% del Pil provinciale; quella dell Unione europea è pari all 1,5%, quella dello Stato italiano allo 0,3-0,4%. Bastano queste percentuali per fare capire qual è la portata dell intervento, che può essere confrontato (fatte ovviamente le debite proporzioni) solo con quello degli Usa, che a loro volta stanziano per la manovra anticrisi di quest anno il 5% del Pil. Com è noto fra Via libera al Piano straordinario per l occupazione, che nel 2009 integra i Criteri per gli interventi di politica del lavoro per il triennio e ha come scopo quello di fronteggiare gli effetti della crisi economica sul versante del lavoro. Tre i filoni principali di intervento: il sostegno al reddito per coloro che hanno perso o interrotto il rapporto di lavoro; il potenziamento dei servizi per l impiego; la formazione/riqualificazione. Le misure contenute nel Piano rientrano nella manovra anticrisi più generale che la Provincia autonoma di Trento ha messo a punto. Sono destinatari degli interventi di sostegno al reddito i lavoratori a tempo determinato, i lavoratori iscritti in lista di mobilità senza diritto ad indennità, i lavoratori licenziati per inidoneità sopravvenuta o superamento del periodo di comporto, gli apprendisti, i co.co.pro e gli associati in partecipazione. A loro viene erogata un indennità pari a 600 euro mensili per la durata di sei mesi, qualora privi di indennità previdenziali. I titolari di indennità di disoccupazione ordinaria o speciale dell edilizia hanno diritto invece ad un integrazione pari a 200 euro mensili, sempre per una durata di sei mesi. Chi invece ha diritto alla disoccupazione con requisiti ridotti o agricola, può ottenere un sostegno al reddito pari a 600 euro, di cui 200 euro a titolo di anticipazione dell indennità statale, che dovranno essere restituiti l anno successivo, ad avvenuta acquisizione dell indennità statale. Ai soggetti beneficiari di sostegno al reddito è proposta l adesione ad offerte formative di carattere specifico, a contenuto professionalizzante. Il lavoratore, a fronte della partecipazione all attività formativa, beneficerà di un ulteriore indennità pari a 2 euro per ora. Se non titolare di alcun sostegno al reddito, beneficerà di un indennità pari a 5 euro per ora formativa.

6 6 il Trentino marzo 2009 L argomento settembre e dicembre 2008 la Provincia aveva già varato una serie di misure di emergenza, comprendenti gli aiuti alle famiglie più in difficoltà e il sostegno all accesso al credito da parte delle imprese. Con la strategia di bilancio 2009 la Giunta Dellai propone ora un vero e proprio Piano provinciale di sostegno all occupazione e per la ripresa economica. Esso si articola in: a) interventi di sostegno al reddito, misure di contrasto alla povertà e per promuovere l occupazione; b) interventi a sostegno delle imprese; c) azioni strutturali per la produttività e la competitività del sistema; d) una manovra straordinaria sugli investimenti a sostegno della domanda interna con elevate ricadute sul territorio. UN NUOVO WELFARE Come abbiamo detto, la spesa in favore delle fasce sociali in difficoltà ammonta a 92 milioni di euro. Di questi, 18 vanno al reddito minimo di garanzia, introducendo di fatto una nuova concezione di welfare, vicina a quella del Nord Europa: in pratica la Provincia garantirà il raggiungimento della soglia minima fissata in euro annui per il singolo (che diventano circa per una coppia con figlio minore, conformemente al metodo di calcolo adottato) a tutti gli aventi diritto, ovvero cittadini residenti da almeno 3 anni e che abbiano avuto entrate da attività lavorative negli ultimi anni (per i nuclei con persone in età da lavoro). Le Finanza locale, c è l intesa Èstato firmato il Protocollo d intesa in materia di finanza locale per il L ammontare complessivo delle risorse stanziate sul bilancio provinciale a favore dei Comuni è pari a 485,5 milioni di euro. Nel protocollo è forte l accento sulla condivisione da parte dei Comuni dell impegno messo in campo dalla Giunta provinciale per affrontare la crisi economica, laddove le misure più rilevanti sono quelle sugli investimenti a sostegno dell economia locale. Il 2009 si presenta per i Comuni come un anno di transizione per diversi aspetti. Per la maggior parte dei Comuni trentini esso rappresenta l ultimo anno di attività, prima del rinnovo dei sindaci e dei Consigli comunali che si terrà nella primavera del 2010; alcune amministrazioni, i sindaci delle quali sono stati eletti nel Consiglio provinciale nelle recenti consultazioni, andranno invece ad elezioni già nel corso del L anno si caratterizzerà anche per l avvio delle prime Comunità di valle, si concretizzerà quindi il passaggio di competenze dalla Provincia ai Comuni e, conseguentemente, dovrà essere definito il nuovo modello di finanziamento di Comuni e Comunità basato sui principi di compartecipazione e perequazione fiscale. Ma l aspetto più rilevante per l impostazione della manovra finanziaria per il 2009 sta nel quadro congiunturale in cui essa si colloca. La crisi finanziaria ed economica in atto impone delle misure di intervento straordinarie per il sostegno al reddito per le fasce sociali in difficoltà, per l attivazione di una spesa di investimento caratterizzata da immediata spendibilità e da una elevata conformità agli ambiti di operatività e di specializzazione delle imprese locali, per il sostegno delle imprese. Tali misure dovranno informare anche l attività dei Comuni, al fine di contribuire a contrastare gli effetti della crisi economica.

7 141 Milioni di euro assegnati come sostegno alle imprese il Trentino marzo per l anno 2009 delle tariffe per l accesso ai servizi pubblici (rette delle case di case di riposo, mense scolastiche ecc.), assumendo a proprio carico l onere aggiuntivo per la crescita dei costi di produzione, per oltre 6 milioni di euro. INVESTIMENTI STRAORDINARI E AIUTI ALLE IMPRESE condizioni economiche calcolate con riferimento al nucleo familiare in base alla scala di equivalenza saranno valutate attraverso l Icef e gli indicatori di consumo per particolari situazioni di reddito nullo o marginale. Va detto che questa decisione non è limitata alla sola fase della crisi economica: essa diventerà uno dei capisaldi delle politiche sociali in provincia di Trento, e sarà mantenuta anche quando gli effetti della recessione saranno scomparsi. Per fronteggiare l emergenza occupazionale con il sostegno al reddito dei lavoratori che perdono l impiego e il varo di attività formative sono previsti invece 22 milioni di euro per sussidi e 17 per attività formative, più altri 24 milioni veicolati attraverso progetti dell Agenzia del lavoro. Sempre fra le novità introdotte dalla manovra nel campo del welfare abbiamo le misure per favorire l occupazione femminile, fra cui la messa a disposizione di voucher per l acquisto di servizi di cura privati per chi non può accedere all offerta pubblica di servizi, per un totale di 5 milioni di euro. Ed ancora: la Provincia conferma con la manovra di bilancio l invarianza Veniamo alle misure a sostegno delle imprese, per un totale di 141 milioni di euro. Fra le voci più importanti quella relativa all accesso al credito, tramite gli enti di garanzia, per un totale di 39 milioni di euro messi a disposizione dalla Provincia nel Abbiamo poi le agevolazioni a valere sul Fondo unico per nuovi investimenti, progetti di ristrutturazione e integrazione Fiducia nella ricerca Afronte della crisi che anche il Trentino, assieme a tutta la comunità internazionale, sta fronteggiando, il presidente Dellai conferma la fiducia del territorio nei confronti del sistema della ricerca e al tempo stesso chiede ad esso due cose: uno sforzo ulteriore in direzione di uno sviluppo di qualità, che tenga conto dei bisogni delle imprese e dei servizi, e un accelerazione fortissima al processo di integrazione fra università e ricerca. Si è chiuso con un ampia disamina delle prospettive del sistema della ricerca trentino, con riferimento tanto alla dimensione internazionale quanto a quella locale, l evento organizzato a Povo dalla Fondazione Bruno Kessler. Il presidente Dellai ha con l occasione rassicurato il mondo della ricerca sulla fiducia riposta dalle istituzioni sul percorso che la Fbk, assieme alla Fondazione Mach e alle altre realtà collegate, sta compiendo. «Ciò vale anche per quanto concerne il piano delle risorse». Due le sollecitazioni che il presidente Dellai rivolge al mondo della ricerca. «Nei momenti di crisi tutti gli attori del sistema economico e sociale sono chiamati a fare uno sforzo supplementare. Anche la ricerca è chiamata a fare questo sforzo, in direzione di uno sviluppo territoriale di qualità, con una particolare attenzione al sistema delle imprese e alle esigenze della sfera dei servizi. La seconda sfida è quella di vedere se, partendo dalle aree di eccellenza esistenti in Trentino quella informatica, quella riconducibile al tema dell energia e quella riguardante la sfera della scienze della vita possiamo dare un accelerazione fortissima al processo di integrazione fra università e ricerca. La crisi mondiale, ma anche la crisi degli atenei italiani, spingono in questa direzione. Quindi niente più muri. Bisogna fare le cose assieme».

8 8 il Trentino marzo 2009 L argomento AGEVOLAZIONI PER ASILI NIDO E TAGESMUTTER La Giunta provinciale ha confermato anche per il 2009 a favore delle famiglie che fruiscono del servizio pubblico di asilo nido la riduzione del 30% delle tariffe per i posti attualmente disponibili sul territorio trentino. La Giunta ha anche confermato, a favore di ciascuna famiglia che fruisce del servizio pubblico di tagesmutter, il riconoscimento di un sussidio di 1,20 euro per ciascuna ora sostenuta dal Comune e in ogni caso con un ammontare tale da non superare il costo del servizio a carico della famiglia. Gli interventi rientrano a pieno titolo negli indirizzi assunti per individuare un efficace politica anticongiunturale, a sostegno del potere di acquisto delle famiglie. L intervento comporterà una spesa all incirca di ,00 euro. Ricordiamo che la Provincia già dispone annualmente un trasferimento ai Comuni a sostegno dei citati servizi pubblici, per una spesa complessiva pari ad oltre 14 milioni di euro. Inoltre, ai posti di asili nido comunali attualmente disponibili sul territorio trentino, nei prossimi anni se ne aggiungeranno altri 837. produttiva e così via, per un totale di 90 milioni di euro (+22% rispetto al 2008). Un obiettivo specifico riguarda fra l altro un settore molto esposto agli effetti della recessione, quello dell autotrasporto: si vogliono favorire in particolare le sinergie e le fusioni al fine di rafforzare la categoria nel suo complesso. 45 milioni sono previsti anche per il sostegno alle imprese agricole. Ed ancora: 88 milioni sono stati previsti per azioni volte a favorire una maggiore produttività e competitività del sistema, con riguardo sia alla parte pubblica sia ai soggetti privati: rientrano in questa definizione le misure per l accesso alle tecnologie informatiche e alla banda larga e per favorire l efficienza energetica e la riduzione delle emissioni. Sul versante pubblico è prevista inoltre la costituzione dell Agenzia unica per la gestione degli appalti di opere pubbliche. Per avere un quadro completo, a quanto sopra vanno aggiunte le risorse per gli investimenti nelle cosiddette risorse umane, ovvero per il sostegno alla ricerca (63 milioni sul Bilancio provinciale più 30 attraverso Cassa del Trentino) e all istruzione (755 milioni sul Artigianato qualificato La Giunta provinciale ha approvato il Programma degli interventi diretti a qualificare l attività artigiana per il 2009, così come proposto da CEii Trentino braccio operativo della Provincia per gli interventi di promozione dell artigianato con una spesa complessiva prevista che ammonta a ,00 euro per il Il programma è suddiviso in tre aree fondamentali. La prima area riguarda interventi per la divulgazione dell attività artigiana e del suo radicamento al territorio, nonché dei mestieri tradizionali, mediante premi e riconoscimento ad attività o a situazioni meritevoli, la realizzazione di pubblicazioni e filmati e l organizzazione di iniziative a carattere espositivo. L obiettivo è quello di favorire l accesso ai mercati da parte della generalità delle imprese e mantenere viva una modalità tradizionale di svolgimento delle varie produzioni. La seconda area prevede interventi per la promozione dell innovazione e la qualità dell azienda artigiana, nonché per l apertura ai mercati internazionali. L innovazione di prodotto e di processo sarà favorita mettendo a disposizione metodologie atte a stimolare nuove idee, nuovi progetti e soluzioni che possano portare vantaggi nella competitività migliorando al contempo la qualità dell impresa. Infine la terza area è costituita dalla promozione dei rapporti tra imprenditoria artigiana e circuito della formazione professionale. La formazione di capitale umano, infatti, risulta essenziale anche nello sviluppo della professionalità artigiana: è pertanto importante prevedere interventi collaborativi tra mondo dell impresa e scuole, anche in un ottica di valorizzazione della figura del maestro artigiano, ideale anello di collegamento tra le due realtà.

9 93 Milioni di euro per investimenti in risorse umane e ricerca il Trentino marzo Bilancio 2009). Per il sostegno della domanda interna è programmata inoltre una manovra straordinaria sugli investimenti per un totale di 482 milioni di euro con caratteristiche di rapida realizzabilità, efficacia per le imprese del territorio, selettività degli investimenti (privilegiando quelli che garantiscono un contributo significativo al Pil provinciale) e loro temporaneità. Viene data priorità: al completamento delle opere i cui cantieri sono già aperti; ai programmi di messa a norma e manutenzione del patrimonio pubblico; ai programmi di riqualificazione e miglioramento funzionale di strutture private (alberghi, strutture zootecniche, opere di miglioramento fondiario, ecc.); agli investimenti per la casa e per l edilizia pubblica; ad altre opere ed interventi la cui realizzazione potrà essere avviata con l apertura dei cantieri ancora nel 2009, con particolare rilievo agli interventi per l efficienza energetica e per la green economy. Come verrà finanziata la manovra anticrisi? Queste le risorse messe a disposizione: dalla Provincia 617 milioni di euro; dalla Patrimonio del Trentino spa 20 milioni; dall Itea spa 40 milioni; da Trentino Sviluppo spa 50 milioni; dai Comuni o altri soggetti con risorse acquisite da Cassa del Trentino spa 123 milioni di euro. I tempi di attuazione: la Giunta ha adottato i disegni di legge relativi e ha approvato gli interventi per il sostegno al reddito dei lavoratori coinvolti dall emergenza occupazionale; entro marzo il Consiglio approverà i provvedimenti legislativi; successivamente (ed entro un mese massimo) la Giunta approverà gli atti di programmazione della spesa, come piani, bandi, delibere di criteri ecc. Dando infine uno sguardo alla manovra ordinaria di Bilancio, la spesa corrente è pari al 62% del totale (tolti gli interventi anticongiunturali è pari al 60,8%); la spesa in conto capitale è pari al 38%. Trentino Sviluppo aggiornato Aggiornato il piano triennale di Trentino Sviluppo Spa. La relativa delibera di Alessandro Olivi, assessore all industria, artigianato e commercio, è stata approvata dalla Giunta provinciale ed indica in ,97 euro il totale dei fondi disponibili (in questa cifra sono compresi i circa 50 milioni di euro dal bilancio provinciale all interno del piano anticrisi). Passaggio importante, sottolinea l assessore Olivi, «perché Trentino Sviluppo ha scelto di plasmare i suoi interventi anche rispetto alle dinamiche della crisi economica in atto. Questo vuol dire, in coerenza con il piano anticrisi varato dalla Giunta, che alcuni interventi possono essere aggiunti ma anche tolti proprio rispetto all evolvere della situazione economica ed occupazionale». Sono dodici i nuovi interventi finanziati (con cifre importanti per il settore dell autotrasporto e degli impianti di risalita), tre quelli eliminati e cinque quelli modificati con aumento dell impegno di spesa. La delibera ricorda altresì che l inserimento di un iniziativa nel piano attività approvato non fa nascere alcun diritto per i soggetti richiedenti circa la procedibilità dell iniziativa stessa ed il buon fine dell operazione, restando ferma la facoltà della Società e della Provincia di stralciare l intervento dal piano medesimo. L aggiornamento è stato redatto con l inserimento di alcuni nuovi interventi e l eliminazione o la modifica degli impegni di spesa relativi ad interventi già approvati, sulla base delle valutazioni di attualità e di maturazione di alcune iniziative e tenendo conto delle indicazioni della Giunta provinciale sia riguardo agli specifici interventi sia riguardo al finanziamento prioritario degli interventi promuovibili entro l anno, per far fronte alla congiuntura economica negativa.

10 10 il Trentino marzo 2009 L argomento Una scelta tutt altro che formale Reddito minimo di garanzia, il Trentino da imitare Tito Boeri Èmolto opportuna la scelta della Provincia autonoma di Trento di affrontare la crisi dando priorità a misure permanenti a favore delle fasce di popolazione più deboli. È una scelta, tutt altro che formale. I 92 milioni di euro (di cui 18 milioni destinati al reddito minimo di garanzia) costituiscono circa il 2% del bilancio della Provincia. Il reddito minimo di garanzia introduce nel nostro Paese uno schema di reddito minimo garantito, come quelli che esistono in tutti i Paesi dell Unione Europea, ad eccezione di Grecia e Italia. Il sussidio è monetario e non è a somma fissa, a differenza della social card istituita, peraltro solo come misura estemporanea, dal Governo. Questo ne migliora le proprietà distributive (si aiuta di più chi è più povero) e l efficacia nel contrastare la povertà. Condivisibile anche la scelta di utilizzare indicatori di consumo da abbinare ad un indicatore più standard, sul modello Isee, per ridurre i possibili abusi. Bene che i controlli incrociati sul soddisfacimento dei requisiti per accedere ai sussidi si concentrino proprio su persone che compilano dichiarazioni Icef leggermente al di sotto della soglia necessaria per la ricezione del sussidio. La casistica suggerisce che è lì che si concentrano gli abusi. Il reddito minimo di garanzia è uno strumento di assistenza sociale potenzialmente accessibile da parte di tutti coloro che si trovino in condizione di bisogno. Non sono previsti, come nel caso della social card, requisiti anagrafici ad hoc, nell intento di limitare il costo della misura. L unica restrizione riguarda l esclusione di coloro che siano residenti in Trentino MEGLIO PRODOTTI TRENTINI battute «La manovra anticrisi varata dalla Giunta provinciale poggia su alcuni pilastri: uno di essi è la consapevolezza dei cittadini del momento che stiamo attraversando. Per le famiglie ciò significa, tra le altre cose, orientare in maniera diversa e qualificare i propri consumi, prediligendo i prodotti locali e comunque un consumo responsabile». Questo il commento del presidente Lorenzo Dellai, in margine alla presentazione della Finanziaria «Non stiamo parlando di autarchia precisa il presidente perché siamo consapevoli di vivere in un villaggio globale. Però riteniamo doverosa una maggiore attenzione alle produzioni locali. Ciò vale per i consumatori ma anche per le imprese: nel momento in cui devono realizzare delle opere o degli investimenti è anche nel loro interesse che si rivolgano in prima battuta a ciò che può essere reperito localmente, in una logica di sistema». «La valorizzazione delle cosiddette filiere corte sottolinea il vicepresidente Alberto Pacher è presente nelle stesse linee-guida dell Unione europea, anche per le evidenti ricadute ambientali che può produrre». da meno di tre anni e che non abbiano svolto in precedenza attività lavorative sul territorio. Questa scelta si spiega con la volontà di scoraggiare qualsiasi forma di turismo assistenziale, che porti i poveri di altre regioni a riversarsi in quella che rischia di essere l unica provincia italiana ad avere istituito uno schema di questo tipo. Trattandosi di una misura che viene introdotta come uno strumento permanente di contrasto alla povertà, sarà possibile nel tempo sperimentare gli effetti di un parziale ammorbidimento di questo requisito, tenendo conto che nella popolazione povera già presente in Trentino vi sono probabilmente non poche persone di immigrazione recente e che sono in condizione di bisogno. Spero che altre province italiane seguano Trento nell adottare un reddito minimo garantito. Essendo il vincolo di bilancio per molte di queste più stringente e volendo evitare forti differenze nella soglia di reddito, a parità di potere d acquisto, al di sotto della quale si accede al trasferimento, sarebbe molto meglio che uno schema di questo tipo venisse istituito a livello nazionale. Ma sono altre le priorità della politica nazionale. Altri sono i suoi orizzonti. Anche in questo il piano varato a Trento è d esempio: si tratta di misure strutturali. Proprio perché sfuggono alla prassi consolidata della politica italiana di introdurre misure che durano lo spazio di un mattino, le misure varate a Trento potranno essere affinate nel tempo, sulla base dell esperienza e di approfondite valutazioni. Anche per questo è bene che la Provincia si attrezzi fin d ora a prevedere una sistematica raccolta di dati sugli effetti del reddito minimo di garanzia.

11

12 12 il Trentino marzo 2009 L efficienza la velocità e l orgoglio «Questa crisi non ha precedenti e, quando sarà passata, niente sarà più come prima. Ma almeno cerchiamo di coglierne uno stimolo: la recessione globale ci spinge a fare subito quello che comunque avremmo dovuto fare». Lo ha detto il presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, ai dirigenti e capiufficio della pubblica amministrazione riuniti per analizzare la manovra anticrisi. «Dobbiamo rivoluzionare il nostro modo d essere, puntuare su efficienza e velocità per recuperare l orgoglio di far parte dell amministrazione pubblica. Questa manovra movimenta una cifra imponente ha detto Dellai ma se non riusciamo ad agire in fretta questo impegno resterà solo sulla carta ed avremo fallito. Siamo entrati in un ciclo di crisi che è ancora del tutto sottovalutata non solo dall opinione pubblica ma anche dagli apparati interpretativi. Nessuno può dire in realtà quanto durerà e quanto sarà profonda. C è però la netta sensazione che alla fine ne uscirà un mondo ancora più competitivo e un territorio come il nostro potrà reggere solo se riuscirà a ripensarsi come una grande piattaforma produttiva dentro la quale tutti devono trainare verso lo sviluppo, pena la marginalizzazione». Notizie In breve... cosa succede Convivenza Un manuale per gli stranieri Un manuale al servizio del personale medico-sanitario, per aiutarlo a interagire con la popolazione straniera immigrata. Uno strumento di lavoro per avvicinarsi alle culture altrui, redatto dalla Provincia autonoma di Trento e dall Azienda provinciale per i servizi sanitari, con il concorso del Cinformi e dei mediatori culturali attualmente una sessantina che già oggi fanno un prezioso lavoro di mediazione fra gli stranieri e le strutture pubbliche. Conoscersi fa bene alla salute è in distribuzione in oltre copie sul territorio. Operazione ascolto È partita da Trento l operazione ascolto dell assessore provinciale alla solidarietà internazionale e convivenza, Lia Beltrami, sul tema dell immigrazione. Con questi incontri si vuole raccogliere riflessioni, spunti e suggerimenti utili al fine di orientare le scelte dell amministrazione provinciale in questo delicato settore. Cultura Il libro dei toponimi ladini È stato presentato al Museo Ladino di Fassa/Museo Ladin de Fascia il decimo volume del Dizionario toponomastico trentino dedicato a I nomi locali della Val di Fassa. «Oggi il mondo ladino ha uno strumento in più per riaffermare l originalità della propria lingua e della propria cultura», ha detto l assessore alla cultura Franco Panizza. Il volume è frutto di una lunga ricerca condotta dall Istituto Culturale Ladino/Majon de Fascegn e dai suoi collaboratori locali per conto della Provincia autonoma di Trento, con l obiettivo di registrare i toponimi ladini e di stabilire la loro grafia ufficiale. Maschere a Zagabria «È con la riscoperta delle identità e delle tradizioni che si può costruire l Europa di domani: l orgoglio dei propri costumi è fondamentale per creare un Europa dei popoli e delle persone». Con questa riflessione l assessore provinciale alla cultura Panizza ha inaugurato a Zagabria la mostra itinerante Karnival King of Europa - Carnevale, Re d Europa, organizzata dal Museo degli usi e costumi della gente trentina di San Michele all Adige e che ha coinvolto cinque Paesi europei: Italia, Croazia, Francia, Macedonia e Bulgaria. Sanità Napolitano premia gli studi Gissi Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha consegnato un riconoscimento alla ricerca dell AMCO, Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, e dell istituto Mario Negri che con una preziosa collaborazione hanno dimostrato negli studi GISSI, Gruppo Italiano per lo Studio della Sopravvivenza nell Infarto, di aver ottenuto risultati scientifici di rilievo internazionale. Gli studi GISSI hanno prodotto importanti avanzamenti nella terapia di malattie cardiovascolari diffuse come l infarto e lo scompenso cardiaco. A Roma erano presenti alla cerimonia anche il direttore dell unità operativa di cardiologia dell ospedale S. Chiara di Trento, Marcello Disertori, coordinatore dello studio GISSI sulla fibrillazione atriale, e Giuseppe Vergara, direttore dell unità operativa di cardiologia dell ospedale S. Maria del Carmine di Rovereto, già vicepresidente dell AMCO. Industria e Artigianato Il rame rappresentativo Cresce la famiglia dei manufatti rappresentativi del Trentino per i quali la Camera di commercio di Trento, alla quale sono affidati i progetti di promozione territoriale delle produzioni locali, ha predisposto un apposito disciplinare approvato dalla Giunta provinciale. Il testo individua le tipologie produttive (dagli accessori da cucina all edilizia e finitura dei prodotti in rame), i prodotti specifici (dal secchio per l acqua alle lattonerie tradizionali per l edilizia, passando attraverso gli oggetti da arredo e uso quotidiano), i prodotti per le attrezzature professionali per la distillazione (i famosi alambicchi trentini) e per la caseificazione. Ambiente Cabina di regia tra i Parchi Il Parco Adamello Brenta, il settore trentino del Parco Nazionale dello Stelvio, il Parco Paneveggio Pale di San Martino: queste le tappe del giro dell assessore all ambiente Alberto Pacher nei Parchi trentini per conoscere direttamente gli interlocutori sul territorio, così da procedere alla messa in campo di un disegno generale contenente gli obiettivi per costruire un Trentino sostenibile. Due sono le proposte che Pacher porterà, in estate, all attenzione degli Enti parco: l istituzione di una cabina di regia, sia sul versante tecnico che su quello politico, ed il coordinamento delle attività di educazione ambientale che vari enti, oltre ai Parchi, promuovono sul territorio.

13 il Trentino marzo Trentino Bastard Bastard sì per la loro musica innanzitutto. Perché sanno cantare e suonare, perché il loro sound è giustamente abrasivo come si conviene a dei nipotini dei Nirvana e a dei cuginetti di Mark Lanegan. Bastard sì perché sono genuini: si vede, anzi si sente che il rock ce l hanno dentro e che non sono uno di quei fenomeni anemici creati dall industria discografica, che durano il tempo di un brano fortunato. Bastard sì perché hanno le facce giuste e reggono il palco alla grande; la timidezza evidentemente non è il loro forte. Bastard sì per il loro nome (dolo) mitico, che rimanda al dio dei sensi, dell ebbrezza, della fecondità e della musica, che muore e sempre rinasce più forte e pazzo di prima. Bastard sì anche perché, onestamente, non è che dalla nostra regione siano uscite chissà quante popstar: ben venga quindi un gruppo che senza rinunciare alle sue radici montanare ci fa conoscere ed apprezzare per una musica associata di solito più alle metropoli che alle valli alpine (a torto, ovviamente, perché il rock figlio dell Africa, del country e del blues americani, del folk inglese oggi è ovunque e di chiunque). Un solo consiglio: attenzione a non adagiarsi nel cliché del gruppo di provincia. Quando si sta su un palcoscenico come quello di X-Factor si canta per (come minimo) tutta l Italia, non per i propri amici. Quelli, comunque, ce li portiamo sempre nel cuore. (M.P.) Economia Eventi internet CON I FANS A Milano, sul pullman dei familiari e dei fans dei tre componenti della band Jacopo Broseghini, Federico Sassudelli e Michele Vicentini è sceso, in occasione di una delle fortunate esibizioni dei Bastard, anche l assessore provinciale alla cultura Franco Panizza. «Il talento dei Bastard è una testimonianza della ricchezza del patrimonio musicale del Trentino», ha detto l assessore. Nell occasione la troupe di Format il Centro audiovisivi della Provincia autonoma di Trento ha realizzato un intervista, subito tra le più cliccate nella rete. Territorio Protocollo San Martino-Rolle Firmato un protocollo d intesa per la realizzazione di un sistema complessivo di messa in rete delle aree sciistiche di San Martino di Castrozza e Passo Rolle. Il documento si propone tre obiettivi: il riequilibrio gestionale ed economico delle società Nuova Rosalpina e Siati; la fusione delle due società, una volta raggiunto il punto di riequilibrio; la realizzazione, da parte della nuova società, degli interventi infrastrutturali concernenti la messa in rete delle aree di San Martino di Castrozza e Passo Rolle. «La firma di questo protocollo ha detto il presidente Dellai segna, anche simbolicamente, il passaggio dalla fase della discussione a quella dell azione. Siamo fiduciosi che da parte di tutti gli interessati, pubblici e privati, vi siano la capacità e la volontà di fare sistema e affrontare concordemente questo grande investimento che è per sua stessa natura una sfida collettiva». Appalti, regole più semplici Approvato il regolamento sugli appalti, che ha ricevuto il parere positivo del Consiglio delle autonomie locali. Lo scopo è accelerare e semplificare le procedure di appalto pubblico, per avviare al più presto la realizzazione delle opere previste dalla programmazione provinciale. Energia alla Provincia La Giunta provinciale ha approvato il Piano di cessione dell energia elettrica per l anno Il Piano prevede la distribuzione dell energia a soggetti pubblici e/o gestori di servizi pubblici, a titolo gratuito o comunque a tariffa agevolata. Considerando il presumibile impiego di energia elettrica nel 2009, il risparmio per la Provincia ed i servizi pubblici collegati è quantificato in 14 milioni di euro. Il Distretto del porfido Distretto del porfido e delle pietre trentine srl: questo il nome della new.co costituita per intraprendere iniziative idonee allo sviluppo del Distretto. Si punta ad un sistema coordinato e integrato composto dalle imprese che esercitano la loro attività nell estrazione, lavorazione e commercializzazione del porfido e delle pietre trentine, e dai soggetti istituzionali che operano nel settore in ambito locale. La società, costituita da Trentino Sviluppo, ha come amministratore unico Diego Laner. Castel Thun, apertura il 17 aprile 2010 Nelle secolari pietre di Castel Thun c è una nuova data da scolpire: 17 aprile 2010, il giorno fissato per la riapertura al pubblico al termine dei complessi e lunghi lavori di restauro. Il complesso monumentale di Vigo di Ton, in Valle di Non, che fu centro e dominio della famiglia Thun ed entrato in possesso della Provincia autonoma di Trento nel 1993, si prepara fin d ora ad un evento che avrà risonanza nazionale. Mariapoli: impegno contro le paure «Questa cerimonia è una grande occasione per rinnovare l impegno di tutto il Trentino a lottare assieme contro le paure del nostro tempo». Lo ha detto il presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, intervenuto a Cadine all intitolazione a Chiara Lubich del Centro Mariapoli. Dopo aver ricordato quanti progressi abbia compiuto la nostra terra passata dalla povertà, dall emigrazione, dalla fragilità degli anni del dopoguerra ai livelli di eccellenza e benessere dei nostri giorni, Dellai ha insistito sulla necessità di «rinforzare ciò che sta nell animo delle persone». Polonia, nei luoghi di Papa Wojtyla Il pellegrinaggio della comunità trentina suggella l iniziativa organizzata per rendere omaggio a Papa Giovanni Paolo II che col Trentino ha avuto un rapporto speciale. La mostra dei presepi allestita nel Santuario della Divina Misericordia di Lagiewniki è stata visitata, in poco più di un mese, da oltre persone. Partiti dal Trentino il 28 gennaio scorso i sei pullman con 250 pellegrini hanno fatto tappa a Czestochowa per la visita al monastero della Madonna nera, poi a Cracovia. Alla Provincia il premio Uim È stato consegnato al presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, il premio della Uim (Unione italiani nel mondo) 2008, per l impegno profuso dall amministrazione provinciale in favore della collettività degli italiani all estero. Il premio attesta gli sforzi delle amministrazioni regionali e provinciali nei confronti degli emigrati. Nel 2008 l attenzione della Uim è caduta sulla Provincia autonoma di Trento, risultata essere tra le Regioni e le Province autonome l istituzione che ha previsto i maggiori sostegni all associazionismo degli emigrati nel mondo, volti a rinsaldare i legami con la terra di origine e anche, se necessario, a favorirne il rientro. Turismo dolce e di qualità È stato presentato Listen to the voice of villages, un progetto europeo che ha come obiettivo la promozione turistica di aree rurali e montane su cui pesa un alto tasso di marginalità. Ascoltare le voci dei villaggi, questo in sintesi la mission del progetto, con l obiettivo di creare una rete europea di territori in cui la promozione turistica vada di pari passo con la sostenibilità ambientale e con l offerta, ad esempio, dei prodotti tipici come grimaldello per fare turismo intelligente. Al progetto hanno aderito istituzioni pubbliche, università e soggetti privati.

14 14 il Trentino marzo 2009 Notizie Utilità Raccontare Frontiere e Grenzen Quinta edizione per Frontiere Grenzen, concorso letterario nato in Trentino, ma in pochi anni cresciuto al punto di rivolgersi, oggi, a chi risiede in dodici province italiane appunto di frontiera (Trieste, Gorizia, Udine, Pordenone, Belluno, Trento, Bolzano, Sondrio, Lecco, Como, Varese, Verbania) ed anche a chi abita in due regioni austriache: Carinzia e Tirolo. Frontiere-Grenzen è un concorso letterario rivolto a chi vuole esplorare tutti i territori, reali e non, legati a frontiere e confini di qualsiasi genere. Proprio perché intende oltrepassare facili definizioni è aperto a tutti i generi della narrativa contemporanea. Diecimila battute la lunghezza massima dei racconti ammessi al concorso; due le categorie previste (una per i giovani nati dal 1991 al 1995); mille euro il primo premio per ciascuna; due le lingue italiano e tedesco con le quali è possibile partecipare. A scegliere i vincitori una giuria che comprende scrittori quali Lisa Ginzburg, Joseph Zoderer, Pietro De Marchi, Peter Oberdorfer. Frontiere-Grenzen è aperto a tutti i generi della narrativa contemporanea, dal racconto tradizionale a nuove sperimentazioni linguistiche, dal thriller al fantastico, dall horror alla fantascienza, dall epistolario al racconto rosa, al testo teatrale. internet Navetta per Verona A partire dal 1 febbraio 2009 la Provincia autonoma di Trento ha attivato il servizio navetta collegante Trento con la stazione ferroviaria di Verona e ritorno, in coincidenza con i treni Eurostar per/da Roma ES 9311 e ES La tariffa autobus a persona è di 18 euro (36 euro per viaggio andata/ritorno). Il biglietto si acquista direttamente a bordo dell autobus e si deve prenotare entro le ore 19 del giorno precedente tramite telefono, fax o mail a Trentinobus srl, ai seguenti recapiti: tel.: 0461/ fax: 0461/ Tasse auto via sms o Trentino Riscossioni Spa ha attivato il servizio per ricordare ai cittadini la scadenza della tassa automobilistica tramite messaggio sul telefono cellulare o . Per ricevere l avviso su casella di posta elettronica personale o via sms è necessario iscriversi sul portale di Trentino Riscossioni Spa, all indirizzo internet, e selezionare servizio SMS. Il servizio è attivo solo per le persone fisiche residenti in provincia di Trento e non può essere utilizzato per i veicoli con modalità di pagamento della tassa auto anche quadrimestrale (es. autocarri, trattori stradali, veicoli adibiti a noleggio senza conducente). Chi si iscrive a questo servizio non riceverà l avviso di scadenza solitamente inviato con la posta ordinaria. Per informazioni: dal lunedì al mercoledì dalle 9.00 alle 12.00, giovedì dalle 8.30 alle con orario continuato. Società Comitato portatori di minorazione La Giunta provinciale, su proposta dell assessore Ugo Rossi, ha rinnovato il Comitato di gestione per il servizio di trasporto e accompagnamento a favore dei portatori di minorazione. Il Comitato ha il compito di definire i criteri per la determinazione del corrispettivo per le prestazioni di accompagnamento, assegnare i buoni di servizio chilometrici e, in generale, monitorare l andamento del servizio. Distretto economia solidale Provincia autonoma di Trento, Itea e Consolida hanno sottoscritto l Accordo volontario che dà vita al Distretto dell economia solidale, la rete costituita dai soggetti che operano nei settori del sociale, dei servizi e dell inserimento lavorativo. L obiettivo del Distretto è l integrazione socio-lavorativa delle persone in difficoltà. È ciò che, in una parola, qualifica il modello di workfare al quale punta il Trentino, vale a dire programmi che coniugano aiuti sociali e impegno lavorativo per le persone che ne beneficiano. Le donne nelle professioni È stata presentata una ricerca sulla presenza delle donne nelle professioni in provincia di Trento. Secondo i dati raccolti, è generalmente in crescita la presenza femminile, sebbene permangano ambiti tendenzialmente maschili. È necessario avviare un percorso culturale all interno di istituzioni come partiti e Ordini, affinché la presenza e la partecipazione femminili siano incentivate. La ricerca ha rilevato l esistenza di Ordini femminilizzati, come quello degli assistenti sociali, dei biologi e degli infermieri e altri caratterizzati tradizionalmente da una presenza prevalentemente maschile, come l Ordine degli Ingegneri, il Collegio dei Geometri e il Collegio notarile. Certificazione ISO 9001 a MuoverSi L assessore alla sanità Ugo Rossi ha ricevuto dalle mani di Marco Mari, responsabile dell Area Est dell ente di certificazione Bureau Veritas di Bologna, il rinnovo del certificato di qualità ISO 9001 per l intero settore del Servizio di trasporto e accompagnamento a favore di portatori di minorazioni denominato MuoverSi. È il riconoscimento dell ottimo lavoro svolto nell ambito di tutta la complessa attività di questo importante servizio a favore delle fasce più deboli della nostra comunità. Piani giovani, avanti tutta «I giovani sono strategici per il Trentino; quindi, pur in tempo di crisi, abbiamo confermato le risorse per le iniziative ed i progetti che li riguardano. Anzi, siamo disposti ad investire di più; ma attenzione: i soldi non sono tutto, ci vogliono idee, contenuti, entusiasmo e voglia di fare. Questo il messaggio lanciato dal presidente Dellai che ha incontrato il Tavolo di coordinamento dei Piani giovani di zona.

15 il Trentino marzo Hofer, 200 anni dopo Anche in Trentino iniziative e manifestazioni «Andreas Hofer è per molti un eroe popolare e popolare fu l insurrezione tirolese del Per questo le celebrazioni che in suo nome saranno organizzate anche in Trentino, a duecento anni di distanza, avranno un taglio popolare. Questo senza far mancare, nei dibattiti e nelle ricerche storiche, il necessario rigore. Il ricco calendario rappresenta una duplice, importante occasione. Da una parte, specie verso i giovani, di conoscenza. Dall altra una occasione per rafforzare con Alto Adige e Tirolo, con i quali condividiamo il progetto delle manifestazioni che vanno sotto il nome de La storia incontra il futuro, il cammino comune di una regione europea». Così Franco Panizza, assessore alla cultura, rapporti europei e cooperazione e coordinatore delle manifestazioni promosse dalla Provincia autonoma di Trento, presenta il calendario degli appuntamenti hoferiani in Trentino. Molti gli appuntamenti ed unico, per le tre regioni, il punto di riferimento su internet. Nel vario ed articolato programma spiccano gli appuntamenti del 19 aprile a San Romedio con una video installazione e i due raduni, a Bresimo (26 aprile) e a Ballino (26 luglio), dove saranno le Compagnie Schützen il fulcro, nei luoghi che segnarono il passaggio trentino dell oste della Val Passiria. «Ma l autonomia è una risorsa di tutti ha ricordato l assessore Panizza e dunque questa grande occasione di rilettura storica va appunto letta nella direzione del futuro, al di là delle convinzioni di ciascuno». internet Illustrazione dal libro 1809 Andreas Hofer in cartolina auf Ansichtskarten, di Gaetano Sessa, Arca, SCATTA IL FUTURO Nell anno commemorativo 2009 c è anche un concorso fotografico dedicato al bicentenario dell insurrezione capeggiata da Andreas Hofer. Fino al 29 settembre gli appassionati di fotografia di Alto Adige, Tirolo e Trentino possono caricare le loro foto sulla homepage dell anno commemorativo Nelle tre province dell Euregio, le celebrazioni intendono segnare l incontro fra storia e futuro. Ma come sarà questo futuro? I partecipanti al concorso, dal titolo Scatta il futuro!, dovranno descriverlo con una foto che simboleggi il domani di questa realtà alpina. Le foto migliori saranno selezionate da una giuria di esperti. In premio computer portatili, fotocamere e i-pods. Cinema, l antieroe Ciso Marcello Baldi prima di lasciarci l estate scorsa dopo breve malattia, ha fatto in tempo a vedere un primo montaggio dell opera cinematografica a cui probabilmente teneva di più. Lo sceneggiatore, regista cinematografico televisivo e teatrale nato a Telve 85 anni fa ma vissuto a Roma per gran parte della vita, è morto infatti poco dopo aver realizzato, assieme al figlio Dario, Narciso dietro ai cannoni davanti ai muli. Una pellicola con un ritmo pacato, di grande intensità emotiva, che stimola la riflessione e sottolinea valori irrinunciabili per l uomo. «Prima di tutto un omaggio alla mia terra, alla sua gente, ai valori che la caratterizzano» ha detto lui stesso sul set cinematografico. Il film è in- terpretato con grande maestria da Roberto Herlitzka che proprio per questa interpretazione ha ricevuto il primo premio alla 62 edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno; la pellicola è stata premiata anche per la miglior colonna sonora scritta da Giuliano Sangiorgi. Produttore è Paolo Ghezzi responsabile della Nervous Pixel. La pellicola è stata realizzata grazie al sostegno della Provincia autonoma di Trento e di enti locali. Girato nello splendido scenario alpino del Lagorai e nei Comuni della Valsugana di Telve, Telve di Sopra, Carzano e Torcegno il film racconta una storia senza eroi e senza violenze, capace di parlarci di quest epoca e delle sue contraddizioni. Grande l emozione di Dario, nel presentare la pellicola realizzata insieme al padre. «Voglio ringraziare soprattutto la gente di Telve, Telve di Sopra, Carzano e Torcegno ha detto per come ha partecipato alla realizzazione di questo film. L entusiasmo e la pazienza di tutti coloro che hanno reso possibile il film sono stati un grande dono».

16 16 il Trentino marzo 2009 Salute Cina, salute made in Trentino Disagio mentale, a Pechino un Centro ispirato al fare assieme Sandra Chighizola Marzo Arriva dalla Cina il primo gruppo, composto da venti persone, per un corso di formazione previsto dal progetto che coinvolge la Provincia autonoma di Trento, nella veste dell Assessorato alla solidarietà internazionale, in collaborazione con l Azienda provinciale per i servizi sanitari e alcune realtà dell associazionismo, assieme all Istituto universitario di salute mentale di Pechino e al Centro nazionale cinese di salute mentale. Il progetto vedrà la nascita a Pechino, nel Distretto di Haidan, di un Centro di salute mentale e di un Day Hospital sul modello di quelli presenti a Trento. Sarà aperta anche una casa del fare assieme per utenti, familiari, operatori e cittadini che aiuterà a superare l idea che la malattia mentale debba essere confinata in ospedale. In Trentino verranno così realizzate attività di formazione che coinvolgeranno nel 2009 una quarantina di cinesi, fra operatori, utenti e familiari. «Il fatto che la Cina abbia manifestato interesse per il modello trentino, basato sull idea del fare assieme, è una conferma importante della qualità dei servizi che offriamo alle persone che soffrono per una malattia mentale e ai loro familiari» ha sottolineato l assessore Lia Beltrami. Nel mondo la popolazione che soffre di gravi disagi psichici costituisce l 1%: in Cina si stima una cifra di 18 milioni, mentre in Trentino le persone assistite dal Centro di salute mentale sono circa Numeri diversi, ma ciò non toglie che la Cina aspiri a porre il modello trentino come riferimento per l intero Paese. Tutto è partito come afferma Renzo De Stefano coordinatore del Dipartimento di psichiatria dal viaggio a Pechino, nell agosto 2007, di un gruppo di 208 persone appartenenti al mondo della salute mentale (utenti, familiari, operatori), promosso dal movimento Le Parole ritrovate, nato a Trento una decina di anni fa. L occasione ha suscitato l interesse cinese per sperimentare il modello trentino basato su una centralità territoriale in risposta a tutte le tipologie di disagio, su una presenza ospedaliera minoritaria, e il coinvolgimento attivo di utenti, familiari e cittadini nei percorsi di cura.

17 il Trentino marzo L importanza della diagnosi precoce Tre campagne per ridurre i rischi di tumore nella popolazione Roberta Corazza Screening del tumore del collo dell utero, del cancro del colon-retto e mammografico: tre interventi di prevenzione e di diagnosi precoce dei tumori che la Provincia autonoma di Trento ha attivato con l obiettivo di ridurre il tasso di mortalità e l incidenza di queste patologie nella popolazione provinciale. Cosa sono gli screening? Sono programmi che prevedono l esecuzione gratuita di esami diagnostici su un determinato gruppo di persone che non presentano alcun sintomo di malattia. Lo scopo è quello di identificare le malattie in una fase iniziale, permettendo così di iniziare le terapie tempestivamente e ridurre l invasività degli interventi. Ad esempio, nel caso del tumore del colon-retto, attualmente, circa la metà delle persone colpite guarisce ma, con la diagnosi precoce, la percentuale di guarigione aumenta fino al 90 per cento. Aderire a questi programmi è quindi molto importante: quanto prima è diagnosticata la malattia tanto maggiori sono le possibilità di guarigione. Il Trentino ha una lunga tradizione sugli screening: il primo di questi proposto alla popolazione è stato quello del tumore del collo dell utero, attivato nel 1993 e coordinato inizialmente dell Assessorato alla sanità della Provincia autonoma di Trento e successivamente, nel 1998, affidato alla gestione diretta all Azienda provinciale per i servizi sanitari. Il secondo, lo screening del tumore della mammella mediante mammografia, è ufficialmente iniziato nel 2001 dopo una prima fase pilota avviata nel L ultimo programma di diagnosi precoce avviato è quello del cancro del colon-retto: partito nel dicembre 2007 nelle valli Giudicarie e Rendena è attualmente opera- Screening provinciale del carcinoma del collo dell utero Ogni donna tra i 25 e i 65 anni residente in provincia di Trento riceve, ogni tre anni, una lettera che invita a eseguire un pap test gratuito nelle strutture sanitarie della propria zona di residenza. Lo screening del tumore del collo dell utero mediante pap test rappresenta attualmente la misura di prevenzione più efficace per individuare e trattare precocemente i tumori maligni del collo dell utero. Per informazioni è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore il numero verde Diagnosi precoce del tumore della mammella femminile Ogni donna tra i 50 e i 69 anni residente in provincia di Trento riceve, ogni due anni, una lettera che invita a eseguire gratuitamente una mammografia nelle strutture del distretto sanitario di appartenenza. La mammografia è il più efficace strumento di diagnosi precoce per la lotta al tumore alla mammella. L esame è di semplice esecuzione, non è doloroso e non necessita di preparazioni particolari. Per informazioni è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore il numero verde Diagnosi precoce del tumore del colon-retto Tutti gli iscritti al Servizio sanitario provinciale di età compresa tra i 50 e i 69 anni ricevono, ogni due anni, una lettera per eseguire gratuitamente il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci. La comparsa di sangue nelle feci, non visibile a occhio nudo, è l unico segno precoce del cancro del colon-retto. Il programma di prevenzione, è operativo in Vallagarina, Valsugana, Primiero, Tesino, Giudicarie e Rendena e sarà esteso, entro il 2009, in tutte le valli del Trentino. Per informazioni è attivo il numero verde , dal lunedì al venerdì, dalle ore alle ore tivo in cinque distretti sanitari, ma sarà esteso entro la fine di quest anno a tutto il territorio provinciale. Lo screening del collo dell utero mediante pap-test coinvolge circa 140 mila donne tra i 25 e i 65 anni, quello della mammella mediante mammografia ne coinvolge 58 mila di età compresa tra i 50 e i 69 anni, mentre il programma di diagnosi precoce del colonretto a regime coinvolgerà 120 mila donne e uomini. Tutti e tre sono interventi complessi sotto il profilo organizzativo e coinvolgono numerosi professionisti e diversi servizi dell Azienda sanitaria. Una complessità che dipende dalla necessità di garantire elevati livelli di qualità in tutte le fasi dei singoli programmi: dalle campagne informative, ai sistemi di chiamata e di richiamo, dalla diagnostica di primo livello, a quella di secondo livello, per non parlare della gestione dei flussi anagrafici, informativi ed epidemiologici e del raccordo con medici o farmacisti esterni all Azienda sanitaria. Una grande organizzazione che, assieme ai rigidi controlli applicati, permette alti standard qualitativi.

18 18 il Trentino marzo 2009 Territorio La piattaforma è digitale È già realtà il passaggio alla nuova televisione Il passaggio alla televisione digitale è avvenuto nel migliore dei modi in Trentino: il nuovo segnale, irradiato in prevalenza dagli impianti della Paganella e del Monte Finonchio a partire dallo scorso 16 febbraio, ha garantito senza problemi la copertura ad un bacino di 367 mila persone e a un area che da Rovereto porta a Trento, per continuare in Valle di Non ed estendersi in decine di altri Comuni, anche del Veneto e dell Alto Adige. Insomma, la televisione digitale sorride al Trentino. Il risultato non era affatto scontato, considerate le difficoltà registrate nelle prime due transizioni in Valle d Aosta e Sardegna. Un risultato riconosciuto anche da Andrea Ambrogetti, presidente di DGTVi e da Eva Spina, coordinatrice della task force che per conto del ministero allo Sviluppo economico ha seguito il primo passaggio alla televisione digitale. «Il Trentino hanno ricordato nel corso della conferenza stampa di bilancio, convocata all indomani dello switch over è un test importante perché è il primo test dopo la fase sperimentale condotta in Sardegna e Valle d Aosta. Da un punto di vista tecnico non si segnalano problemi di segnale, ma soprattutto a funzionare è il servizio domiciliare messo a disposizione degli anziani, fascia sociale che più di altre subisce l innovazione tecnologica». La televisione digitale nasce da subito in Trentino con un pacchetto forte di 19 canali nazionali, 3 emittenti locali e 26 canali a pagamento. Chi acquista il decoder, nelle zone già coperte dal nuovo standard, non dovrà farlo solo per Rai2 e Rete4, che non saranno più visibili in analogico, ma avrà a disposizione da subito una vasta scelta di offerte televisive. Ad esempio, la Rai passa dai tre canali attuali agli 8 digitali, con la novità di Rai4, canale di approfondimento (ad incominciare dallo speciale quotidiano su X-Factor di tre ore), e i canali monotematici dedicati a sport e notizie. Due invece i canali dedicati ai bambini. E nei prossimi L ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Da fine dicembre ad oggi il numero verde per l assistenza domiciliare agli ultra 75enni, dedicato al nuovo servizio di televisione digitale, ha ricevuto oltre 8 mila chiamate, con una percentuale di prenotazioni di visite a domicilio circa il 20 per cento. È questo il bilancio del servizio gratuito, unico nel suo genere in Italia e istituito dalla Provincia autonoma di Trento, per garantire un assistenza personalizzata a quella che i studi commissionati dalla Unione europea e dall autorità nazionale DGTVi indicano come la fascia sensibile all innovazione tecnologica. In Trentino gli utenti stimati sono circa 30 mila anziani. Il numero verde funziona in maniera semplice: l anziano chiama e all operatore può chiedere informazioni sulla transizione alla televisione digitale e prenotare una visita a domicilio degli operatori dei consorzi ConSolida e Consorzio Lavoro Ambiente. Si tratta di personale che già in passato ha svolto servizi a favore dell anziano ed è stato formato al nuovo servizio. Le squadre sul campo sono quattro, che mediamente riescono ad eseguire circa 200 interventi al giorno. In caso di ritardo superiore ai 20 minuti, l anziano viene avvertito da una telefonata del centralino che fissa nuovamente, sempre per la stessa giornata, l ora dell intervento. mesi sono annunciati gli arrivi di numerosi altri canali, ad iniziare da quelli di lingua tedesca. Anche l emittenza locale si sta attrezzando al passaggio verso la televisione digitale: Tca servirà le zone di Trento e Rovereto con tre canali (Tca Trentino, Tca Alto Adige e Trentino Tv), Rttr garantisce la copertura sulla città di Trento, mentre le trasmissioni della rete Rai di Trento saranno visibili in tutte le zone della transizione. La televisione digitale permette di aprire un ragionamento che investe l intero sistema Trentino, perché è il primo tassello di un Trentino All Digital, il Trentino del futuro a cui la Provincia autonoma di Trento sta lavorando per consentire a tutta la popolazione di accedere ad un unica piattaforma e scongiurare il rischio di un divario tecnologico tra la città e la periferia e, più in generale, tra il Trentino e il resto del Paese. Grazie agli investimenti nella fibra ottica, nella rete WiFi e ora nella televisione digitale, il Trentino beneficerà di un unica piattaforma quella digitale appunto attraverso cui far passare e distribuire alla popolazione qualsiasi contenuti e in tempi rapidissimi. Il Trentino di domani è già realtà. internet

19 Ambiente il Trentino marzo L ambiente merita un premio Anche nella quinta edizione il Trentino si fa onore CATEGORIA CITTADINI SINGOLI Paolo Sandri Il mondo ruota sulla ruota Claudio Casolla - Fiorella Cis Il calore della mia casa, il calore dalla mia terra Lamberto Segata Palestra a impatto zero Giulio Giacomelli Un parco energetico nell area ex-michelin a Trento Davide Tonet Orto mio per piccino che tu sia, ti ho in casa mia concorso l orto sul balcone Giovanni Salvadori (3 premio) Paolo Zorer Valentina Vuerich Rocco Zanoni Gianluca Abram - Giancarlo Abram Antonio Sarzo (1 premio ex aequo) Stefania Riz Maurizio Bressan Moira Donati Da ormai cinque anni il Premio Ambiente sostenuto dalle province autonome di Trento e di Bolzano offre la possibilità ad imprese e singoli cittadini di presentare e far conoscere al pubblico idee e progetti innovativi in materia di tutela ambientale, sensibilizzando così ulteriormente comportamenti ecosostenibili ed incentivando l innovazione nel settore ambientale. Mentre è in cantiere la sesta edizione del Premio e l intenzione è quella di allargarlo alla partecipazione del Tirolo, al fianco del Trentino e dell Alto Adige va in archivio l edizione Ben 80 i progetti presentati, 37 dei quali made in Trentino. E proprio il trentino Antonio Sarzo ha vinto il primo premio ex aequo, con una ricerca sul paesaggio terrazzato del versante meridionale del Monte Finonchio, nella Valle di Terragnolo e le relative possibilità e strategie per una rivalutazione culturale ed economica. Tra le aziende bene il progetto della Dana, mentre il premio promosso dall Agenzia per l Energia della Provincia autonoma di Trento è andato agli studenti del Liceo Classico G. Prati di Trento. Infine, a sottolineare come ci si voglia rivolgere in particolare ai giovani, il Premio Scuole Trentino 2008 è andato all Istituto Tecnico F. e G. Fontana di Rovereto per un progetto sull attenzione per l ambiente nelle pratiche della vita quotidiana. Secondo e terzo posto per l Associazione Amici della Scuola dell Infanzia di Tesero e l Istituto Comprensivo di Predazzo-Tesero-Panchià-Ziano/Scuola media di Tesero. Sostegni a favore dei comuni per la sostituzione dei lampioni da strada tradizionali (con bulbi alogeni, ai vapori di mercurio a sodio) con lampade a led Rinaturalizzazione paesaggistica degli ambienti rurali caratterizzati dall agricoltura intensiva Comuni spreconi d acqua - bene prezioso AHP Adige Hydro Power Riconversione delle vecchie cucine economiche per garantire un utilizzazione diretta e un accumulo di acqua calda Il paesaggio dell abbandono nel circondario agreste di Senter (Valle di Terragnolo, Trentino) Mobilità sostenibile Impresa di energy broker Contadino ieri... agricoltore oggi internet CATEGORIA PERSONE GIURIDICHE Dana Italia (1 premio) Arch. Toribio Ciprian CET Soc. Coop. - Vezzena Camp Ferraro & Partners di Umberto Ferraro-Restagno Associazione Agripark - Ronzone Società Cooperativa Quater Kosmos Società Cooperativa Comune di Castello Tesino Comune di Folgaria Cisma Consorzio di Miglioramento Fondiario di II Grado del Lovernatico (3 premio) Associazione Amici della Scuola dell Infanzia di Tesero Istituto Comprensivo di Predazzo- Tesero-Panchià-Ziano / Scuola Media di Tesero ITCG Fontana Il Ponte Soc. Coop. Sociale Onlus Azienda Agricola Malene di Katia Branda Azienda Agricola La Fonte Associazione Laqua Fulber Creazioni - Trento Liceo Classico G. Prati Asilo Infantile Castello di Fiemme Associazione Culturale Ecosisters Associazione Nettare Sincronizzazione del cambio di velocità per macchine operatrici Costruzione abitativa bioclimatica con sistema attivo / dinamico a basso consumo energetico Vezzena Camp Centro di Educazione Ambientale per bambini e ragazzi di tutte le scuole e ordini. Colonie Estive E-mobility program - Programma di marketing sociale Cucce solari da giardino per animali domestici Misuro, riduco, risparmio - progetto per diminuire i consumi di energia ed acqua Calcio al sole. un calcio alla CO 2 - realizzazione di impianti solari termici con pannelli autocostruiti per i campi sportivi in Provincia di Trento Il Tesino e Bieno verso la registrazione EMAS - un progetto di Mail Art per partecipare Costruzione di una centralina idroelettrica a valle del depuratore di Carpeneda No NOx Consorzi - Ricerca - Sviluppo La magnifica comunità fotovoltaica Noi per il clima Progetto ambiente: percorsi di sostenibilità Osservare e realizzare assieme un orto sinergico Maso Ulivo Due settimane naturalmente verdi Vagando sul lago La meraviglia rossa - storia a fumetti per ragazzi sul lago rosso di Tovel Energia: conoscerla per risparmiarla Progetto educativo didattico proposto ai bambini di 3/4/5 anni dal titolo acqua - aria - terra Dacci un taglio di e con le Ecosisters Acquaquiz

20 20 il Trentino marzo 2009 Storie Lungo i binari della memoria Settecento giovani in treno da Trento ad Auschwitz Salvatore Romano Fotoservizio: Piero Cavagna e Matteo Rensi Quando si pensa alla parola viaggio pensiamo alla conoscenza e alla visita di un luogo, alla scoperta di una cultura e di un mondo nuovo ai propri occhi, al confronto con un modello differente di società. Certo, per i 700 ragazzi che hanno partecipato al quinto Treno della Memoria il viaggio in Polonia ha rappresentato in parte anche questo. Ma solo in parte, appunto. Questo viaggio è stato molto più di ciò che può rappresentare un semplice viaggio. Ha racchiuso in sè molti e più profondi significati. Il Treno ha portato i giovani e gli accompagnatori lontano per centinaia di chilometri, ma anche indietro di sessant anni, in un contesto che al giorno d oggi appare sfuggire ai più, lontano, impalpabile, annebbiato come l atmosfera che si respirava tutt attorno ai campi di Auschwitz e Birkenau il giorno della visita. La partenza da Trento, nella mattina di martedì 2 febbraio dopo un assemblea plenaria tenuta presso la Sala della Cooperazione. Poi la marcia in corteo divisi per gruppi verso la stazione dei treni. Anche il presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, non ha voluto mancare per un saluto. Al primo binario il lungo convoglio che ci avrebbe condotti per alcuni giorni lontano nello spazio e nella storia, indietro nel tempo. Lontani dalle comodità delle nostre abitazioni, dal calore confortevole delle classiche gite organizzate. Ad attenderci il gelo della barbarie umana e la freddezza spietata dei luoghi di sterminio. Poi il lungo viaggio attraverso gli stessi binari che hanno portato milioni di deportati in molti coetanei dei giovani testimoni della memoria di oggi a morire di stenti e violenze per il sol fatto di esser se stessi. Lungo il cammino. Ventidue ore nei vagoni sono tante, infinite. E allora è stato bello e angosciante allo stesso tempo pensare a come sia stato affrontare lo stesso tragitto, sessant anni fa. Non in sei per scompartimento e con il riscaldamento sin troppo alto, ma accalcati l un sull altro, al Auschwitz gennaio 2009

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011 ASILO AZIENDALE BPM Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl Milano, 25 gennaio 2011 BREVE STORIA L asilo nido Il giardino di Bez nasce per volontà del consiglio di amministrazione della Banca

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI 22 25 MILIONI DI EURO PER AIUTARE LE FAMIGLIE E I LAVORATORI IN DIFFICOLTà PERCHÉ L INTERVENTO Le difficoltà di cittadini e famiglie a stare al passo con

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

Milano, 12 ottobre 2015. Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm.

Milano, 12 ottobre 2015. Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm. Milano, 12 ottobre 2015 Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm. Centro Studi Ana Prot. N. CS 98_2015 Oggetto: concorso per le scuole Il

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

BORSA DI STUDIO. 1) Il contributo

BORSA DI STUDIO. 1) Il contributo BORSA DI STUDIO 1) Il contributo Il contributo rappresenta un premio destinato agli studenti, appartenenti a nuclei famigliari con reddito ISEE non superiore ad Euro 20.300,00, con un buon profitto scolastico

Dettagli

Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo

Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo PREMESSA L Associazione culturale Achille e la Tartaruga e il Liceo Classico Torquato Tasso di Salerno, in collaborazione con il Palinuro Teatro Festival

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie Prot. n. 20905 del 07/03/2007 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PROMOSSE DA CITTADINI STRANIERI PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE LE SETTIMANE DEL MIGRANTE ATTO DI G.P.117

Dettagli

BUONI VACANZA ITALIA. Buoni Vacanze Italia

BUONI VACANZA ITALIA. Buoni Vacanze Italia BUONI VACANZA ITALIA 1 DEFINIZIONE Il buono vacanza si configura come un documento di legittimazione, ovvero un documento che serve ad identificare l avente diritto alla prestazione di un servizio, presso

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

PIANO ANTICRISI INTERVENTI CONCRETI PER COSTRUIRE UN NUOVO FUTURO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PIANO ANTICRISI INTERVENTI CONCRETI PER COSTRUIRE UN NUOVO FUTURO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PIANO ANTICRISI INTERVENTI CONCRETI PER COSTRUIRE UN NUOVO FUTURO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UNA SCELTA TUTT ALTRO CHE FORMALE Tito Boeri - economista È molto opportuna la scelta della Provincia di

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

LE TEMPISTICHE DEL PROGETTO

LE TEMPISTICHE DEL PROGETTO Il progetto BiciScuola, l iniziativa correlata al Giro d Italia è rivolta in esclusiva alle scuole Primarie di tutta Italia. Il progetto, giunto alla quindicesima edizione, promosso da RCS Sport-La Gazzetta

Dettagli

4 FESTIVAL DEL LAVORO Fiuggi, 20-22 Giugno 2013. II Edizione Premio STORIE DI LAVORO Concorso video fotografico sul mondo del lavoro.

4 FESTIVAL DEL LAVORO Fiuggi, 20-22 Giugno 2013. II Edizione Premio STORIE DI LAVORO Concorso video fotografico sul mondo del lavoro. 4 FESTIVAL DEL LAVORO Fiuggi, 20-22 Giugno 2013 II Edizione Premio STORIE DI LAVORO Concorso video fotografico sul mondo del lavoro Premessa I giorni 20, 21 e 22 giugno 2013, nella splendida cornice della

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

Assemblea coordinamento donne Cesena

Assemblea coordinamento donne Cesena Cesena 11-12-2014 Assemblea coordinamento donne Cesena Il motivo per cui oggi ci troviamo qui è legato al fatto che le donne pensionate della CGIL stanno preparando l assemblea Regionale, poi nel 2015

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. Via n. CAP. La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov.

La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. Via n. CAP. La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. FINESTRA Allegato B (domanda di contributo PERIODO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: 15 DICEMBRE 2014 31 GENNAIO 2015 Regione Toscana D.G. Diritti di cittadinanza e coesione sociale Settore politiche abitative

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE Introduce brevemente il Sindaco che passa la parla all Assessore di

Dettagli

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI November 4, 2015 Autore: Centro per le Famiglie (Allegato alla DD n. 2969 del 14/12/2015) SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 A. FINALITA...2

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E LEGACOOP UNIPOL Sommario 02 Convenzione Nazionale fra LEGACOOP e Compagnia Assicuratrice Unipol 07 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per i Soci e i Dipendenti delle

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

L Energia elettrica è un bene essenziale, di cui non si può fare a meno.

L Energia elettrica è un bene essenziale, di cui non si può fare a meno. Intervento di Carlo De Masi, Segretario Generale FLAEI-CISL Voglio innanzitutto ringraziare gli Amici dell Associazione Ambiente e Società, ed in particolar modo il Presidente, l amico Amedeo Scornaienchi,

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Una guida per musicisti e artisti La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri contenuti

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT Ad uso degli operatori sociali, è ora disponibile il MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NON PROFIT, Edizioni Ebook

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

PRESENTAZIONE PLL - Piani Locali per il Lavoro. Sala Consiliare del Comune di Cassano allo Ionio, 5 marzo 2013

PRESENTAZIONE PLL - Piani Locali per il Lavoro. Sala Consiliare del Comune di Cassano allo Ionio, 5 marzo 2013 PRESENTAZIONE PLL - Piani Locali per il Lavoro Sala Consiliare del Comune di Cassano allo Ionio, 5 marzo 2013 Oggetto: BURC n. 50 del 14 dicembre 2012 - Parte Terza POR Calabria FSE 2007-2013 Asse Occupabilità

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

SICILIA. Beneficiari. Ambito degli interventi

SICILIA. Beneficiari. Ambito degli interventi SICILIA Beneficiari I lavoratori siciliani emigrati e le loro famiglie che abbiano risieduto almeno due anni prima dell emigrazione in un comune del territorio della Regione, che si rechino all estero

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009 Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato Quirinale, 4 dicembre 2009 Saluto il Ministro Sacconi, il ministro Maroni, il sottosegretario

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14.

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14. Comune di Nave CONTRIBUTI ALLE IMPRESE/ENTI/ASSOCIAZIONI AGGIORNAMENTO TERZO AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2014 Consulta l archivio completo sul sito del Comune: http://www.comune.nave.bs.it nella home page in

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

NAZIONI UNITE PER LA PACE

NAZIONI UNITE PER LA PACE ALLEGATO 1 BANDO DI CONCORSO NAZIONI UNITE PER LA PACE INDETTO DAL MINISTERO DELLA DIFESA, CON LA COLLABORAZIONE DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA, APERTO AGLI STUDENTI DELLE

Dettagli

BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014

BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014 BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014 Premessa La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni,

Dettagli

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e lavoro NOTA di contesto: la scuola attiva da anni un

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2823 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: approvazione del bando per l'accreditamento al servizio di trasporto e accompagnamento

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

Cesar Via Cottinelli,22-25062 CONCESIO (BS) t. 030 2180654 - info@cesarsudan.org www.cesarsudan.org

Cesar Via Cottinelli,22-25062 CONCESIO (BS) t. 030 2180654 - info@cesarsudan.org www.cesarsudan.org LA CHIAVE DELLO SVILUPPO Formiamo nuovi insegnanti per dare un domani al Sud Sudan Aggiungi un posto in classe c è un compagno in più! Concorso nazionale per scuole primarie e secondarie di I e II grado

Dettagli

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare)

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Oggi la qualità delle relazioni sociali, delle condizioni ambientali, dei processi

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

UFE Utenti Familiari Esperti

UFE Utenti Familiari Esperti XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Empowerment della persona come strategia di promozione della salute nei luoghi di cura, nell integrazione socio-sanitaria e nella comunità UFE Utenti Familiari

Dettagli

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali pubblicato il 29 gennaio 2016 budget complessivo: 80.000 euro termine per la presentazione dei progetti: 15 aprile 2016 contenuti:

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 A cura di Alessandro Giuliani 1 1 AGOSTO 2015 TECNICA DELLA SCUOLA IL PROVVEDIMENTO IN SINTESI Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti

Dettagli