RELAZIONE SULLE SOCIETÀ PARTECIPATE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULLE SOCIETÀ PARTECIPATE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO"

Transcript

1 PROVINCIA DI BERGAMO RELAZIONE SULLE SOCIETÀ PARTECIPATE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 2013

2 Indice 1 Elenco delle società partecipate direttamente al 31 dicembre Elenco delle società partecipate indirettamente con quote di controllo al 31 dicembre 2012 Iniziative attuate nell anno 2012 (estratto dal programma 15 Dipartimento Presidenza e Segreteria Generale - sez. 4.2) Programma per l anno 2013 (estratto dal programma 15 Dipartimento Presidenza e Segreteria Generale - sez. 3.4) 5 Quadro riassuntivo delle partecipazioni dirette ed indirette Quadro cronologico delle acquisizioni e dismissioni delle partecipazioni dirette e dei settori di appartenenza Quadro cronologico delle acquisizioni e dismissioni delle partecipazioni indirette e dei settori di appartenenza Schede analitiche di dati anagrafici, di bilancio e sugli amministratori di ogni società partecipata direttamente (in ordine alfabetico) Schede analitiche di dati anagrafici, di bilancio e sugli amministratori di ogni società partecipata indirettamente (in ordine alfabetico)

3 Società partecipate direttamente al 31 dicembre 2012 Società controllate (quota di partecipazione maggiore del 50%) 1 A.B.M. S.p.A. 100,00% 2 ABM ICT S.p.A. 100,00% 3 AZIENDA BERGAMASCA FORMAZIONE AZIENDA SPECIALE 100,00% 4 UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO AZIENDA SPECIALE 100,00% Società collegate (quota di partecipazione dal 20% al 50%) 1 TECNODAL S.p.A. 49,00% 2 TRAMVIE ELETTRICHE BERGAMASCHE S.p.A. 45,00% 3 AGENZIA PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE TURISTICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO S.c.r.l. 44,69% 4 PROMOZIONE E GESTIONE DELLO SVILUPPO DI SCALVE (PRO.GE.SCAL.) S.r.l. in liquidazione 42,00% 5 SERVITEC S.r.l. in liquidazione 30,00% 6 AUTOSTRADE BERGAMASCHE S.p.A. 25,20% 7 A.L.O.T. - AGENZIA DELLA LOMBARDIA ORIENTALE PER I TRASPORTI E LA LOGISTICA Soc. Cons. a R.L. 25,00% 8 CO.SI.DRA S.p.A. 25,00% 9 ZERRA S.p.A. 25,00% 10 GE.S.IDR.A S.p.A. 24,00% 11 CONSORZIO TERRITORIO ED AMBIENTE VALLE SERIANA S.p.A. 23,29% 12 PORTA SUD S.r.l. in liquidazione 20,00% 13 R.I.A. RISANAMENTO IDRICO AMBIENTALE S.p.A. 20,00% Società partecipate (quota di partecipazione inferiore al 20%) 1 BERGAMO FIERA NUOVA S.p.A. 18,27% 2 TUTELA AMBIENTALE DEL SEBINO S.r.l. 15,00% 3 REALIZZAZIONE E GESTIONE SERVIZI PUBBLICI LOCALI S.P.A., PER BREVITA' "COGEIDE S.p.A." 14,32% 4 SOCIETA' DI INTERVENTO PER LO SVILUPPO DELLA VALLE CAMONICA E DEL SEBINO S.p.a. - SECAS S.p.A. in 13,46% liquidazione 5 SOCIETA' PER L'AEROPORTO CIVILE DI BERGAMO-ORIO AL SERIO S.P.A. (S.A.C.B.O. S.p.A.) 13,20%

4 6 HIDROGEST S.p.A. 12,98% 7 G.A.L. VALLE BREMBANA S.r.l. 7,69% 8 UNIACQUE S.p.A. 7,22% 9 GRAND HOTEL SAN PELLEGRINO S.r.l. in liquidazione 5,00% 10 CO.BE. DIREZIONALE S.p.A. 4,08% 11 SIBEM S.p.A. 2,95% 12 A4 HOLDING S.p.A. 2,42% 13 ANITA S.r.l. 1,15% 14 AUTOSTRADE LOMBARDE S.p.A. 1,14% 15 CENTRO EUROPEO SVILUPPO APPLICAZIONI PLASTICHE S.r.l. CONSORTILE 1,07% 16 GEAC S.p.A. 0,002% Società partecipate indirettamente al 31 dicembre 2012 (solo quote di controllo) 1 ABM SERVICE S.r.l. (100%) Partecipazione indiretta tramite A.B.M. S.p.A. 2 3 VOCEM S.r.l. in liquidazione (100%) ABM ENERGY S.p.A. in liquidazione (98%) Partecipazione indiretta tramite A.B.M. S.p.A. Partecipazione indiretta tramite A.B.M. S.p.A. 4 ABM NEXT S.r.l. (55%) Partecipazione indiretta tramite A.B.M. S.p.A. 5 ABM E&E S.r.l. in liquidazione (100%) Partecipazione indiretta tramite ABM ENERGY S.p.A. 6 MISTRAL S.p.A. (60%) 7 BIG TLC S.r.l. (85%) Partecipazione indiretta tramite ABM ENERGY S.p.A. Partecipazione indiretta tramite ABM ICT S.p.A.

5 INIZIATIVE ATTUATE NELL ANNO 2012 (estratto dal Programma 15 Dipartimento di Presidenza e Segreteria Generale Sez. 4.2) PARTECIPAZIONI SOCIETARIE E SERVIZI PUBBLICI LOCALI L ambito delle partecipazioni societarie, in particolare in relazione a quelle attive nel settore dei servizi pubblici locali, è in fase di continua evoluzione, sia dal punto di vista legislativo, sia dal punto di vista organizzativo. Sempre più frequentemente, negli ultimi anni, il legislatore si è mosso per adeguare la normativa interna alle disposizioni europee e per dare una regolamentazione sempre più stringente ad una materia che ha conosciuto nel passato recente una forte crescita. Tra le modifiche di maggior rilievo intervenute negli ultimi anni vanno segnalate: il D. Lgs. 6/2003 in attuazione del quale è stata attuata la riforma del diritto societario; il D.L. 223/2006 (c.d. decreto Bersani) in materia di tutela della concorrenza e di società partecipate dagli enti locali; la Legge Finanziaria 2007 in materia di trasparenza, di compensi e di composizione degli organi di amministrazione delle società partecipate da Enti Locali; il D.L. 112/2008 intervenuto con diverse disposizioni in materia di servizi pubblici locali e di società a partecipazione pubblica; la Legge Finanziaria 2008 in materia di presupposti per il mantenimento delle partecipazioni pubbliche; la L. 69/2009, il D.L. 78/2009, la L. 99/2009 e il D.L. 135/2009 intervenuti su diversi aspetti collegati della gestione delle partecipazioni pubbliche; il D.L. 78/2010 intervenuto in materia di contenimento dei costi ed in particolare anche istituendo il divieto di trasferimenti alle società pubbliche in perdita; il referendum del mese di giugno 2011, abrogativo dell art. 23-bis del D.L. 112/2008 e conseguentemente delle disposizioni correlate allo stesso, espunte dall ordinamento ad opera del D.P.R. 113/2011; il D.L. 98/2011, che ha introdotto nuovi obblighi di trasparenza per le società a partecipazione pubblica; il D.L. 138/2011, convertito con modifiche nella L. 148/2011, che, in particolare all art. 4, ha ridisegnato il settore dei servizi pubblici locali; la L. 183/2011 (cd. legge di stabilità) ulteriormente intervenuta sulla materia dei servizi pubblici locali apportando modifiche all assetto normativo disegnato dal D.L. 138/2011; il D.L. 1/2012 (cd. decreto liberalizzazioni), convertito con modifiche nella L. 27/2012, che ha nuovamente modificato ed integrato il testo del D.L. 138/2011 in materia di servizi pubblici locali, ha definito gli ambiti territoriali ed i criteri di organizzazione di tali servizi ed introdotto disposizioni in materia di liberalizzazione; il D.L. 83/2012 (cd. decreto crescita) convertito con modifiche nella L. 134/2012, che con le disposizioni dell articolo 18 Amministrazione Aperta, impone alle Amministrazioni Pubbliche, alle proprie società in house ed alle aziende speciali nuovi importanti obblighi di trasparenza e pubblicità; il D.L. 95/2012 (cd. spending review), convertito con modifiche nella L. 135/2012 ha introdotto all art. 4 ulteriori misure di riduzione delle spese attraverso specifiche previsioni finalizzate alla dismissione di società pubbliche ed alla rivisitazione delle modalità di degli organi amministrativi. Anche altri articoli del medesimo D.L. (artt. 2, 5, 6 e 9) sono rivolti a società ed organismi partecipati dalla pubblica amministrazione; il D.L. 174/2012 convertito con modifiche nella L. 174/2012 con l art. 3 ha ampliato le tipologie dei controlli interni dell ente prevedendo espressamente il controllo sulle società partecipate non quotate e la redazione del bilancio consolidato (nuovo art. 147 quater del T.U.E.L.). Tali controlli sono stati disciplinati sulla base di apposito

6 regolamento, già adottato dalla di Bergamo con Deliberazione del Consiglio le n. 9 del ; il D.L. 179/2012 convertito con modifiche nella L. 221/2012 con l art. 34, commi da 20 a 27, ha apportato importanti modifiche alle disposizione in materia di servizi pubblici locali; la L. 190/2012 (cd. anticorruzione) ha introdotto nuove misure per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella Pubblica Amministrazione. Parte delle disposizioni introdotte dalla suddetta norma si applicano anche alle società partecipate dalle amministrazioni pubbliche. Il ripetuto intervento del legislatore nella materia delle società a partecipazione pubblica si è caratterizzato negli ultimi anni con provvedimenti tendenti a delimitare ed a restringere le possibilità di intervento del pubblico attraverso società ed altri organismi strumentali. Il quadro normativo che ne scaturisce presenta indubbiamente un elevato grado di incertezza e le ripetute modifiche della normativa, la sovrapposizione tra norme generali e norme di settore, la distribuzione delle competenze regolamentari tra Comunità europea, Stato e Regioni e i ripetuti interventi giurisprudenziali, rendono il quadro normativo sui servizi pubblici locali particolarmente frammentario, anche alla luce del recente intervento della Corte costituzionale che con la sentenza n. 199 del 20 luglio 2012 ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 4 del D.L. 13 agosto 2011 n Al fine di agevolare la conoscenza e l applicazione della normativa in vigore per le società a partecipazione pubblica la di Bergamo pubblica sul proprio sito un vademecum normativo, aggiornato periodicamente, che raccoglie e consente la consultazione rapida delle suddette disposizioni; le norme di maggior rilievo ed attualità vengono poste in evidenza con apposite news. L obiettivo individuato dall amministrazione e finalizzato a garantire la massima trasparenza e la comunicazione dei dati relativi alle società partecipate è stato attuato attraverso la pubblicazione dei dati societari nella relazione previsionale e programmatica del bilancio di previsione 2012 ed attraverso diverse azioni di informazione sul portale internet della che hanno garantito anche il pieno rispetto delle disposizioni normative di cui all art. 1, comma 735 della Legge Finanziaria 2007 (pubblicazione semestrale dei compensi corrisposti agli amministratori ti dalla nelle società partecipate) e di quelle introdotte dall art. 8 del D.L. 98/2011 (pubblicazione dell organigramma delle partecipazioni e dei relativi dati economici). Sul portale internet della di Bergamo è stata creata una sezione, visibile anche attraverso il collegamento a trasparenza, valutazione e merito, appositamente dedicata alle società partecipate dall Amministrazione. In tale pagina sono pubblicate le news collegate alle scadenze in essere (bandi, pubblicazioni, nomine, ecc ), il materiale di approfondimento sulle partecipazioni dell ente (allegati al bilancio di previsione, dati di bilancio, ecc ), i documenti richiesti dalla normativa in vigore ed il già citato vademecum normativo, a disposizione quale strumento informativo di supporto per le società partecipate dall ente, per gli amministratori dell ente e dei Comuni di riferimento e più in generale per tutti gli operatori interessati. Nell anno 2012, oltre all ordinario monitoraggio sull attività svolta dalle società partecipate dalla di Bergamo, si è proceduto alla raccolta ed elaborazione dei dati richiesti dalla norma o necessari per la compilazione di questionari ed istruttorie di enti ed organismi di vigilanza. Di particolare importanza nel corso dell anno 2012 sono state le seguenti rilevazioni: Ministero per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione (www.perlapa.gov.it): l obbligo di comunicazione è sancito dalle previsioni dell art. 1, comma 587 della Legge Finanziaria I dati richiesti vengono comunicati annualmente, attraverso il programma predisposto on-line dal Ministero stesso;

7 Ministero dell Economia e delle Finanze (www.dt.tesoro.it): l obbligo di comunicazione è sancito dalle nuove disposizioni del D.M. Economia e Finanza del 30/7/2010, in materia di patrimonio delle pubbliche amministrazioni. I dati richiesti vengono comunicati annualmente, attraverso il programma predisposto on-line dal Ministero stesso. Nel corso dell anno 2012 il Ministero ha richiesto il caricamento dei dati riferiti ai bilanci societari del 2009 alla scadenza del , dei dati riferiti al 2010 alla scadenza del e dei dati riferiti al 2011 alla scadenza del ; Corte dei Conti sez. Regionale di Controllo per la Lombardia: con deliberazione 112/2012/COMP è stato approvato il questionario relativo all indagine sulle partecipazioni degli Enti Locali della Regione Lombardia; i dati richiesti sono stati trasmessi entro la scadenza del Sulla base degli indirizzi della Sezione delle Autonomie con deliberazione 375/2012 è stato approvato il documento predisposto per l'acquisizione dei dati necessari per lo svolgimento delle attribuzioni conferite alla Corte dei Conti dai commi 166 e seguenti della L. 266/2005 relativamente al bilancio di previsione dell'esercizio 2012 ed al rendiconto dell'esercizio 2011; i dati richiesti sono stati trasmessi entro la scadenza del attraverso il programma predisposto on-line dalla Corte dei Conti (portale S.I.QU.E.L. Sistema Informativo Questionari Enti Locali). Ulteriori dati relativi alle società partecipate sono stati forniti alla Corte dei Conti sez. Regionale di Controllo per la Lombardia in riscontro ad apposite richieste istruttorie ed al fine di avvalersi, nel caso di questioni particolarmente complesse, della funzione consultiva svolta dalla sezione. Come tutti gli anni si è proceduto alla raccolta di tutti i bilanci approvati dalle assemblee delle società partecipate. Attraverso l analisi dei dati contenuti nei bilanci societari si procede annualmente alla redazione della documentazione a supporto degli organi di governo dell amministrazione ed alla ricognizione complessiva dei dati societari che vengono esposti in allegato alla Relazione Previsionale e Programmatica. Tali dati, a partire dall anno 2011, sono inoltre pubblicati, con aggiornamenti periodici, sul portale internet della di Bergamo nell apposita sezione dedicata alle società partecipate. Al fine di procedere alla razionalizzazione delle partecipazioni detenute ed in coerenza con i più recenti interventi normativi del legislatore, nel corso del 2012 la di Bergamo ha provveduto: alla definitiva chiusura della società interamente partecipata Abiemmedue S.p.A. (deliberazione del Consiglio le n. 59 del ); alla messa in liquidazione delle società Porta Sud S.r.l. (deliberazione del Consiglio le n. 115 del ), Grand Hotel San Pellegrino Terme S.r.l. (deliberazione del Consiglio le n. 121 del ), Progescal S.r.l. (deliberazione del Consiglio le n. 122 del ) e Servitec S.r.l (deliberazione del Consiglio le n. 136 del ); alla fusione per incorporazione della società ABM Calor S.r.l. in ABM Service S.p.A. (entrambe partecipate indirettamente al 100% tramite ABM S.p.A.) in attuazione degli indirizzi approvati dal Consiglio le con deliberazione n. 155 del ; all approvazione degli indirizzi finalizzati alla dismissione della partecipazione totalitaria in ABM ICT S.p.A. mediante la fusione per incorporazione della stessa in Anita S.r.l. (deliberazione del Consiglio le n. 165 del ); alla pubblicazione, sulla base dei rispettivi indirizzi consiliari, dei bandi di gara per la cessione delle partecipazioni detenute in A4 Holding S.p.A. (direttamente) ed in Mistral (indirettamente per il tramite di ABM S.p.A.). Entrambe le gare si sono concluse senza la presentazione di alcuna offerta;

8 alla formalizzazione a tutti i soci di GEAC S.p.A. di una proposta di cessione della esigua partecipazione detenuta dalla nella società; alla proposta non sono corrisposte manifestazioni di interesse. Non si è proceduto all indizione di procedura di asta pubblica in considerazione dei costi previsti per la stessa, in rapporto al valore della partecipazione detenuta pari a n. 703 azioni dal valore le di 0,5 cadauna. Nel corso dell anno 2012 sono state sviluppate le seguenti iniziative: A.B.M. S.p.A.: con deliberazione del Consiglio le n. 87 del si è proceduto all approvazione di alcune modifiche apportate allo statuto sociale di ABM S.p.A.; Società del gruppo ABM: la società ABM Calor S.r.l., in attuazione degli indirizzi del socio attribuiti con deliberazione del Consiglio le n. 155 del , ha rimesso alla dal tutte le attività relative all affidamento del servizio di gestione e manutenzione degli impianti termici, idrosanitari, di ventilazione e antincendio degli immobili provinciali, precedentemente svolto in modalità in house ; nel mese di luglio 2012 la società ABM Calor S.r.l. è stata quindi fusa per incorporazione in ABM Service S.p.A. (entrambe partecipate indirettamente al 100% tramite ABM S.p.A.) ed infine con deliberazione del Consiglio le n. 153 del è stato approvato l atto di transazione che ha definitivamente regolato la cessazione del servizio precedentemente affidato in house dalla. La società ABM Energy S.p.A. ha proceduto, in data , alla pubblicazione del bando di gara per la cessione della partecipazione di controllo detenuta in Mistral Spa, conclusasi il 25 febbraio 2013 senza la presentazione di alcuna offerta; Abiemmedue S.p.A. in liquidazione: con deliberazione del Consiglio le n. 59 del sono stati approvati il bilancio finale di liquidazione ed il piano di riparto della società. Conseguentemente alla chiusura della società, sulla base dell indirizzo consigliare, sono state prese in carico nel bilancio provinciale le poste attive (pari complessivamente ad ,81) e passive (pari complessivamente ad ,62); ABM ICT S.p.A.: con deliberazione del Consiglio le n. 87 del si è proceduto all approvazione di alcune modifiche apportate allo statuto sociale. Con deliberazione del Consiglio le n. 165 del si è proceduto all approvazione degli indirizzi finalizzati alla dismissione della partecipazione totalitaria in ABM ICT S.p.A. mediante la fusione per incorporazione della stessa in Anita S.r.l.; Azienda Speciale ABF: con deliberazione del Consiglio le n. 176 del la di Bergamo ha approvato il bilancio di previsione dell azienda speciale per l anno 2012, il bilancio di previsione triennale per gli anni ed ha prorogato il contratto di servizio in essere fino al termine massimo del Con deliberazione del Consiglio le n. 91 del la di Bergamo ha approvato il Bilancio 2011 dell azienda speciale che chiude con un utile d esercizio pari ad ,00. Con deliberazione del Consiglio le n. 172 del è stato prorogato fino al 31 dicembre 2013 il contratto di servizio in essere, in attesa della definizione del nuovo Statuto; Azienda Speciale Ufficio d Ambito: con deliberazione del Consiglio le n. 18 del la di Bergamo ha approvato il bilancio di previsione dell azienda speciale per l anno 2012 ed il bilancio di previsione triennale per gli anni Con deliberazione del Consiglio le n. 93 del è stato approvato il bilancio 2011 dell azienda speciale che chiude con un utile d esercizio pari ad ; A4 holding S.p.A.: con deliberazione del Consiglio le n. 89 del si è preso atto delle proposte di modifica allo statuto sociale presentate da alcuni soci. In attuazione degli indirizzi del socio attribuiti con deliberazione del Consiglio le n. 175 del , si è proceduto all indizione ed alla pubblicazione,

9 in data , del bando di asta pubblica per la cessione della partecipazione detenuta dalla al valore base di 545 per azione, conclusosi in data senza la presentazione di offerte. E tuttora in corso la definizione dell eventuale alienazione della partecipazione mediante la procedura di trattativa privata; Autostrade Lombarde S.p.A.: la società ha proceduto nel corso dell anno 2012 al trasferimento della sede legale da Bergamo a Brescia ed all approvazione di alcune modifiche statutarie che sono state sottoposte e respinte dal Consiglio le con deliberazione n. 164 del ; Bergamo Fiera Nuova S.p.A.: nel corso dell anno 2012 si è conclusa l operazione di aumento di capitale sociale da ,00 a ,00 alla quale la di Bergamo non ha aderito, in considerazione ed in coerenza ai contenuti del parere formulato sull operazione della Sezione Regionale della Corte dei Conti. Al termine dell aumento del capitale sociale, cui ha aderito esclusivamente la Camera di Commercio di Bergamo con una quota di ,00, la partecipazione della si è ridotta dal dal 22,82% al 18,278%; Grand Hotel San Pellegrino Terme S.r.l. in liquidazione: con deliberazione n. 121 del il Consiglio le ha approvato l indirizzo per la messa in liquidazione della società. L assemblea straordinaria dei soci ha proceduto in data all effettivo scioglimento ed alla messa in liquidazione della società ed alla del dr. Alberto Carrara in qualità di liquidatore; Porta Sud S.r.l. in liquidazione: con Ordine del Giorno del Consiglio le n. 22 del è stata presentata la situazione generale della società sia sotto il profilo tecnico progettuale, sia dal punto di vista economico patrimoniale ed è stato dato mandato al legale rappresentante di garantire la continuità operativa, in termini progettuali e di sviluppo, sottoforma di società a responsabilità limitata. La società, in applicazione delle previsioni dell art del codice civile è stata quindi trasformata da società per azioni in società a responsabilità limitata ed il capitale è stato ridotto ad In data , con deliberazione n. 49, il Consiglio le ha preso atto dell avvenuta trasformazione in s.r.l. ed ha approvato il nuovo statuto sociale di Porta Sud s.r.l. Con deliberazione n. 115 del il Consiglio le ha approvato l indirizzo per la messa in liquidazione della società. L assemblea straordinaria dei soci ha proceduto in data all effettivo scioglimento ed alla messa in liquidazione della società ed alla del dr. Alberto Arzuffi in qualità di liquidatore; Progescal S.r.l.: con deliberazione n. 122 del il Consiglio le ha approvato l indirizzo per la messa in liquidazione della società. Alla data odierna non è ancora stata convocata l assemblea straordinaria dei soci necessaria per procedere all effettivo scioglimento ed alla messa in liquidazione della società; Servitec S.r.l. in liquidazione: con deliberazione n. 136 del il Consiglio le ha approvato l indirizzo per la messa in liquidazione della società. L assemblea straordinaria dei soci ha proceduto in data all effettivo scioglimento ed alla messa in liquidazione della società ed alla del dr. Fabio Sannino in qualità di liquidatore; Tutela Ambientale del Sebino Srl: con deliberazione del Consiglio le n. 88 del si è proceduto all approvazione di alcune modifiche statutarie.

10 PROGRAMMA PER L ANNO 2013 (estratto dal Programma 15 Dipartimento di Presidenza e Segreteria Generale Sez. 3.4) PARTECIPAZIONI SOCIETARIE E SERVIZI PUBBLICI LOCALI CONTESTO NORMATIVO: l ambito delle partecipazioni societarie, in particolare in relazione a quelle attive nel settore dei servizi pubblici locali, è in fase di continua evoluzione, sia dal punto di vista legislativo, sia dal punto di vista organizzativo. Sempre più frequentemente, negli ultimi anni, il legislatore si è mosso per adeguare la normativa interna alle disposizioni europee e per dare una regolamentazione sempre più stringente ad una materia che ha conosciuto nel passato recente una forte crescita. Tra le modifiche di maggior rilievo intervenute negli ultimi anni vanno segnalate: il D. Lgs. 6/2003 in attuazione del quale è stata attuata la riforma del diritto societario; il D.L. 223/2006 (c.d. decreto Bersani) in materia di tutela della concorrenza e di società partecipate dagli enti locali; la Legge Finanziaria 2007 in materia di trasparenza, di compensi e di composizione degli organi di amministrazione delle società partecipate da Enti Locali; il D.L. 112/2008 intervenuto con diverse disposizioni in materia di servizi pubblici locali e di società a partecipazione pubblica; la Legge Finanziaria 2008 in materia di presupposti per il mantenimento delle partecipazioni pubbliche; la L. 69/2009, il D.L. 78/2009, la L. 99/2009 e il D.L. 135/2009 intervenuti su diversi aspetti collegati della gestione delle partecipazioni pubbliche; il D.L. 78/2010 intervenuto in materia di contenimento dei costi ed in particolare anche istituendo il divieto di trasferimenti alle società pubbliche in perdita; il referendum del mese di giugno 2011, abrogativo dell art. 23-bis del D.L. 112/2008 e conseguentemente delle disposizioni correlate allo stesso, espunte dall ordinamento ad opera del D.P.R. 113/2011; il D.L. 98/2011, che ha introdotto nuovi obblighi di trasparenza per le società a partecipazione pubblica; il D.L. 138/2011, convertito con modifiche nella L. 148/2011, che, in particolare all art. 4, ha ridisegnato il settore dei servizi pubblici locali; la L. 183/2011 (cd. legge di stabilità) ulteriormente intervenuta sulla materia dei servizi pubblici locali apportando modifiche all assetto normativo disegnato dal D.L. 138/2011; il D.L. 1/2012 (cd. decreto liberalizzazioni), convertito con modifiche nella L. 27/2012, che ha nuovamente modificato ed integrato il testo del D.L. 138/2011 in materia di servizi pubblici locali, ha definito gli ambiti territoriali ed i criteri di organizzazione di tali servizi ed introdotto disposizioni in materia di liberalizzazione; il D.L. 83/2012 (cd. decreto crescita) convertito con modifiche nella L. 134/2012, che con le disposizioni dell articolo 18 Amministrazione Aperta, impone alle Amministrazioni Pubbliche, alle proprie società in house ed alle aziende speciali nuovi importanti obblighi di trasparenza e pubblicità; il D.L. 95/2012 (cd. spending review), convertito con modifiche nella L. 135/2012 ha introdotto all art. 4 ulteriori misure di riduzione delle spese attraverso specifiche previsioni finalizzate alla dismissione di società pubbliche ed alla rivisitazione delle modalità di degli organi amministrativi. Anche altri articoli del medesimo D.L. (artt. 2, 5, 6 e 9) sono rivolti a società ed organismi partecipati dalla pubblica amministrazione; il D.L. 174/2012 convertito con modifiche nella L. 174/2012 con l art. 3 ha ampliato le tipologie dei controlli interni dell ente prevedendo espressamente il controllo sulle

11 società partecipate non quotate e la redazione del bilancio consolidato (nuovo art. 147 quater del T.U.E.L.). Tali controlli sono stati disciplinati sulla base di apposito regolamento, già adottato dalla di Bergamo con Deliberazione del Consiglio le n. 9 del ; il D.L. 179/2012 convertito con modifiche nella L. 221/2012 con l art. 34, commi da 20 a 27, ha apportato importanti modifiche alle disposizioni in materia di servizi pubblici locali; il D.P.R. 30 novembre 2012 con il quale è stato approvato il Regolamento in materia di parità di accesso agli organi di amministrazione e di controllo nelle società controllate da pubbliche amministrazioni; la L. 190/2012 (cd. anticorruzione) ha introdotto nuove misure per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella Pubblica Amministrazione. Parte delle disposizioni introdotte dalla suddetta norma si applicano anche alle società partecipate dalle amministrazioni pubbliche; il D. Lgs. 33/2013 con il quale il legislatore ha proceduto, in attuazione della cd. Legge Anticorruzione, al riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni; il D. Lgs. 39/2013 con il quale sono state introdotte, in attuazione della cd. Legge Anticorruzione, nuove disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico. Il ripetuto intervento del legislatore nella materia delle società a partecipazione pubblica si è caratterizzato negli ultimi anni con provvedimenti tendenti a delimitare ed a restringere le possibilità di intervento del pubblico attraverso società ed altri organismi strumentali. Il quadro normativo che ne scaturisce presenta indubbiamente un elevato grado di incertezza e le ripetute modifiche della normativa, la sovrapposizione tra norme generali e norme di settore, la distribuzione delle competenze regolamentari tra Comunità europea, Stato e Regioni e i ripetuti interventi giurisprudenziali, rendono il quadro normativo sui servizi pubblici locali particolarmente frammentario, anche alla luce del recente intervento della Corte Costituzionale che con la sentenza n. 199 del 20 luglio 2012 ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 4 del D.L. 13 agosto 2011 n TRASPARENZA: il percorso avviato dall Amministrazione e finalizzato a garantire la massima trasparenza e la comunicazione dei dati relativi alle società partecipate ha trovato pieno riscontro nelle recenti disposizioni normative introdotte dal D.L. 98/2011, che all art. 8 ha previsto nuovi obblighi di trasparenza per le società a partecipazione pubblica, e dal D. Lgs. 33/2013, con il quale il legislatore ha proceduto al riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Anche nell anno 2013 proseguirà quindi l attività volta ad implementare la pubblicazione dei dati relativi alle società partecipate attraverso il portale internet della di Bergamo. Al fine di agevolare la conoscenza e l applicazione della normativa in vigore per le società a partecipazione pubblica la di Bergamo continuerà, nell anno 2013, la pubblicazione sul proprio sito di un vademecum normativo, aggiornato periodicamente, che raccoglie e consente la consultazione rapida delle suddette disposizioni; le norme di maggior rilievo ed attualità verranno poste in evidenza con apposite news. RACCOLTA DATI E CONTROLLI: con il DL 174/2012, convertito con modificazioni dalla L. 213/2012, è stato introdotto nel T.U.E.L. l art. 147-quater Controlli sulle società partecipate non quotate che disciplina il sistema dei controlli esercitati dalle strutture dell Ente Locale sulle società partecipate. In attuazione delle disposizioni introdotte da

12 tale decreto, con deliberazione del Consiglio le n. 9 del 28 gennaio 2013, è stato approvato il nuovo regolamento sui controlli interni della di Bergamo, che agli artt. 12, 13 e 14 individua le tipologie di controllo esercitate dall ente e definisce gli strumenti di monitoraggio a supporto dell amministrazione. Nel corso dell anno 2013 si dovrà quindi procedere all avvio ed all implementazione di un sistema informativo finalizzato a rilevare i rapporti finanziari tra e società, la situazione contabile, gestionale ed organizzativa della società, i contratti di servizio, la qualità dei servizi ed il rispetto delle norme di legge sui vincoli di finanza pubblica. I dati raccolti e le azioni di monitoraggio poste in essere nel corso dell anno 2013 saranno inoltre necessari per le verifiche e per la pubblicazione dei dati richiesti dalla diverse norme in vigore e per la compilazione di questionari ed istruttorie di enti ed organismi di vigilanza. In continuità con l anno 2012 sono previste anche nell anno 2013 le seguenti rilevazioni di particolare importanza: Ministero per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione (www.perlapa.gov.it): l obbligo di comunicazione è sancito dalle previsioni dell art. 1, comma 587 della Legge Finanziaria I dati richiesti vengono comunicati annualmente, attraverso il programma predisposto on-line dal Ministero stesso; Ministero dell Economia e delle Finanze (www.dt.tesoro.it): l obbligo di comunicazione è sancito dalle nuove disposizioni del D.M. Economia e Finanza del 30/7/2010, in materia di patrimonio delle pubbliche amministrazioni. I dati richiesti vengono comunicati annualmente, attraverso il programma predisposto on-line dal Ministero stesso; Corte dei Conti sez. Regionale di Controllo per la Lombardia: sulla base degli indirizzi della Sezione delle Autonomie viene approvato annualmente il documento per l'acquisizione dei dati necessari per lo svolgimento delle attribuzioni conferite alla Corte dei Conti dai commi 166 e seguenti della L. 266/2005 relativamente al bilancio di previsione ed al rendiconto; i dati richiesti sono stati trasmessi annualmente attraverso il programma predisposto on-line dalla Corte dei Conti (portale S.I.QU.E.L. Sistema Informativo Questionari Enti Locali); Ulteriori dati relativi alle società partecipate verranno forniti in base alle specifiche disposizioni o su richiesta dei diversi organismi di controllo ed al fine di avvalersi, nel caso di questioni particolarmente complesse, della funzione consultiva svolta dalla sezione regionale della Corte dei Conti. Si procederà inoltre alla raccolta di tutti i bilanci al approvati dalle assemblee delle società partecipate ed alla redazione della documentazione a supporto degli organi di governo dell amministrazione. I dati societari vengono esposti in allegato alla Relazione Previsionale e Programmatica, sulla base degli ultimi aggiornamenti disponibili. I principali dati relativi ai bilanci delle società partecipate saranno inoltre pubblicati sul portale internet della di Bergamo nell apposita sezione dedicata alle società partecipate. ATTIVITÀ: Il percorso di razionalizzazione e valutazione strategica delle società partecipate dalla di Bergamo è stato in parte definito grazie agli indirizzi approvati dal Consiglio le nel corso degli anni 2011 e 2012 con particolare riferimento alle seguenti società: società del gruppo A.B.M. S.p.A.: con deliberazione n. 155 del 28 novembre 2011 il Consiglio le ha approvato gli indirizzi per la dismissione delle società del ramo gestione calore e del ramo energia, nonché la messa in liquidazione della società Vocem Srl;

13 A4 Holding S.p.A.: con deliberazione del Consiglio le n. 175 del sono stati approvati gli indirizzi per la dismissione della partecipazione al valore di perizia pari ad 545 per azione; ABM ICT S.p.A.: con deliberazione del Consiglio le n. 165 del si è proceduto all approvazione degli indirizzi finalizzati alla dismissione della partecipazione totalitaria in ABM ICT S.p.A.; Grand Hotel San Pellegrino Terme S.r.l., Porta Sud S.r.l., Progescal S.r.l., Servitec S.r.l. e Secas S.p.A.: in attuazione degli indirizzi del Consiglio le si è proceduto nel corso degli anni 2011 e 2012 alla messa in liquidazione delle società. Per le suddette società l attività del servizio nel corso dell anno 2013 sarà necessariamente rivolta a riscontrare le attività poste dalle diverse società per garantire la miglior definizione degli indirizzi deliberati dal Consiglio le. Per le restanti società, ritenute in linea con le finalità istituzionali, sarà nuovamente fondamentale il ruolo di governo e di controllo della, al fine di indirizzare al meglio finalizzandola al raggiungimento di obiettivi di efficacia, efficienza ed economicità l azione svolta dagli organismi strumentali cui sono stati affidati ruoli importanti per lo sviluppo e la valorizzazione del territorio bergamasco. L impegno dovrà inoltre essere rivolto anche a garantire la riuscita delle iniziative in programma attraverso la partecipazione alle operazioni societarie previste nell ambito delle società attualmente partecipate. Il costante monitoraggio delle azioni e delle iniziative intraprese, una continua attività di riscontro degli atti e della vita sociale, la raccolta annuale e l analisi dei dati reddituali e patrimoniali delle società partecipate, collegate e controllate saranno gli strumenti di volta in volta utilizzati per migliorare l efficacia dell azione della.

14 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE PARTECIPAZIONI DIRETTE ED INDIRETTE DETENUTE DALLA PROVINCIA DI BERGAMO AL SOCIETA' INTERAMENTE PUBBLICHE CON PARTECIPAZIONE ESCLUSIVA DELLA PROVINCIA SOCIETA' PARTECIPATE SENZA RAPPORTI QUALIFICATI SOCIETA' CONTROLLATE DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE DALLA PROVINCIA SOCIETA' PARTECIPATE INDIRETTAMENTE SENZA RAPPORTI QUALIFICATI SOCIETA' COLLEGATE ALLA PROVINCIA ABM E&E in liq. 100% ABM ENERGY S.p.A. in liquidazione 98 % (0) Società strumentali e di scopo della MISTRAL S.p.a. 60% VOCEM S.r.l. in liquidazione 100% BIG TLC S.r.l. 85% ABM ICT S.p.A. 100% (0) AZIENDA SPECIALE UFFICIO D'AMBITO 100% (0) AZIENDA BERGAMASCA FORMAZIONE 100% (0) A.B.M. S.p.A. 100% (2) ABM SERVICE S.p.A. 100 % ABM NEXT S.r.l. 55% Servizio Idrico Integrato e servizi pubblici locali CO.SI.DRA S.p.A. 25% (1) ZERRA S.p.A. 25% (0) GE.S.IDR.A S.p.A. 24% TUTELA AMBIENTALE DEL SEBINO S.p.A. 15% (2) COGEIDE S.p.A. 14,32% (2) HIDROGEST S.p.A. 12,98% (2) AGENZIA SVILUPPO E PROM. TUR. Scrl 44,69% (0) PRO.GE.SCAL. S.r.l. in liquidazione 42% (1) SERVITEC S.r.l. in liquidazione 30% (0) Servizi diversi SECAS S.p.A. in liquidazione 13,46% (3) G.A.L. VALLE BREMBANA S.r.l. 7,69% (0) CO.BE. DIREZIONALE S.p.A. 4,08% (2) CONS. TERR. AMB. VALLE SERIANA S.p.A. 23,29% (0) R.I.A. S.p.A. 20% (2) UNIACQUE S.p.A. 7,22% (0) ANITA S.r.l. 1,15% (1) di Bergamo PORTA SUD S.r.l. in liquidazione 20% (0) CESAP S.r.l. CONSORTILE 1,07% (1) Viabilità, trasporti e concessionari TECNODAL S.p.A. 49% (0) Proprietà di infrastrutture GRAND HOTEL S. PELL. S.r.l. in liquidazione 5% (0) A.L.O.T. S.p.A. 25% (0) AUTOS. BERG.SCHE S.p.A. 25,20% (0) A4 HOLDING S.p.A. 2,42% (25) AUT. LOMBARDE S.p.A. 1,14% (4) T.E.B. S.p.A. 45% (0) BERGAMO FIERA NUOVA S.p.A. 18,27% (0) SIBEM S.p.A. 2,95% (1) S.A.C.B.O. S.p.A. 13,20% GEAC S.p.A. 0,002% (2) (1)

15 QUADRO CRONOLOGICO DELLE ACQUISIZIONI E DISMISSIONI (società partecipate direttamente della di Bergamo) BRE.GE.A. S.p.A. 02/11/05 SE.GE.A. S.p.A. 24/12/03 ACQUISIZIONI CONSORZIO TERRITORIO AMBIENTE VALLEGANDINO S.p.A. 14/03/93 CONSORZIO DEPURAZIONE VALLE SERIANA INFERIORE S.p.A. 14/03/93 ZERRA S.p.A. 25/01/95 AGENZIA SVILUPPO E PROM. TUR. PROV. DI BERGAMO Scrl 17/10/01 GRAND HOTEL SAN PELLEGRINO S.r.l. 28/12/00 AUTOSTRADE LOMBARDE S.p.A. 02/02/99 AUTOSTRADE BERGAMASCHE S.p.A. 24/10/02 TRAMVIE ELETTRICHE BERGAMASCHE S.p.A. 20/07/00 UNIGAS DISTRIBUZIONE S.R.L. 22/12/03 ABM ICT S.p.A. (***) 27/11/00 ABIEMMEDUE S.p.A. 26/02/03 PORTA SUD S.r.l. 17/06/04 AZIENDA BERGAMASCA FORMAZIONE 01/09/05 TUTELA AMBIENTALE DEL SEBINO S.r.l. 30/12/94 G.A.L. VALLE BREMBANA 14/07/97 BERGAMO FIERA NUOVA S.p.A. 16/06/99 UNIACQUE S.p.A. 20/03/06 SVILUPPO TURISTICO LAGO D'ISEO S.p.A. 18/10/70 (*) CESAP S.R.L. CONSORTILE 26/06/83 A.B.M. S.p.A. (ex S.I.A. S.r.l.) 21/12/89 SIBEM S.p.A. 08/05/91 CO.SI.DRA Spa 05/10/94 TECNODAL S.p.A. 14/02/96 HIDROGEST S.p.A. 02/10/03 A.L.O.T. S.p.a. 12/11/08 A4 HOLDING S.p.A. (**) 02/06/52 AGRIPROMO BERGAMO S.r.l. (ex Ce.Zoo.) 06/06/94 GEAC S.p.A. (ex SI.TRA.CI. S.p.A.) (*) 22/08/64 S.A.C.B.O. S.p.a. 16/07/70 CO.BE. DIREZIONALE S.P.A. 01/07/80 PRO.GE.SCAL. S.r.l. 14/05/85 SECAS S.p.a. 10/01/90 COGEIDE S.P.A. 12/11/92 R.I.A. S.p.A. 15/06/94 SERVITEC S.r.l. 10/04/96 GE.S.IDR.A S.p.A. 11/12/02 CONSORZIO TERR. ED AMB. VALLE SERIANA S.p.A. 16/12/08 ANITA S.r.l. 30/10/09 AZIENDA SPECIALE UFFICIO D'AMBITO 01/07/ Giunta Buttaro Giunta Clauser Giunta Zambetti Giunta Giavazzi Giunta Citaristi Giunta Fumagalli Giunta Borra Giunta Galizzi Giunta Gaiti Giunta Ceruti Giunta Cappelluzzo Giunta Bettoni Giunta Bettoni Giunta Pirovano DISMISSIONI CONSORZIO TERRITORIO AMBIENTE VALLEGANDINO S.p.A. 15/12/08 CONSORZIO DEPURAZIONE VALLE SERIANA INFERIORE S.p.A. 15/12/08 SE.GE.A. S.p.A. 15/12/08 BRE.GE.A. S.p.A. 15/11/07 UNIGAS DISTRIBUZIONE S.R.L. 29/10/09 ABIEMMEDUE S.p.A. in liquidazione 20/06/2012 SVILUPPO TURISTICO LAGO D'ISEO S.p.A. 18/04/11 AGRIPROMO BERGAMO S.r.l. (ex Ce.Zoo.) 24/05/11 SECAS S.p.a. in liquidazione 21/10/2010 PORTA SUD S.r.l. in liquidazione 28/09/2012 SERVITEC S.r.l. in liquidazione 31/10/2012 GRAND HOTEL SAN PELLEGRINO S.r.l. in liquidazione 29/11/2012 PRO.GE.SCAL. S.r.l. in liquidazione 04/05/2012 (*) Con deliberazione del Consiglio le n. 42 del sono stati approvati gli indirizzi per la dismissione della società Si.Tra.Ci. S.p.A. (ora GEAC S.p.A.); (**) Con deliberazione del Consiglio le n. 175 del sono stati approvati gli indirizzi per la dismissione della società A4 holding S.p.A.; (***) Con deliberazione del Consiglio le n. 165 del sono stati approvati gli indirizzi per l'operazione di fusione per incorporazione della società Abm Ict S.p.A. nella società Anita S.r.l. Dati al 31 dicembre 2012

16 QUADRO DEI SETTORI DI APPARTENENZA (società attive e in liquidazione partecipate direttamente dalla di Bergamo) ϭϭ ^ŽĐŝĞƚă ĂƚƚŝǀĞ ^ŽĐŝĞƚă ŝŷ ůŝƌƶŝěănjŝžŷğ ϵ ϴ ϳ ϲ ϭϭ ϰ ϱ ϴ ϰ ϯ Ϯ Ϯ ϭ Ϭ ϯ ϭ ϭ ϭ ϭ ϭ ϭ

17 QUADRO DEI SETTORI DI APPARTENENZA CON ELENCO ANALITICO DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE DIRETTAMENTE Servizio idrico (10) CONSORZIO TERRITORIO ED AMBIENTE VALLE SERIANA S.p.A. CO.S.IDR.A. S.p.A. GE.S.IDR.A S.p.A. HIDROGEST S.p.A. R.I.A. - RISANAMENTO IDRICO AMBIENTALE S.p.A. REALIZZAZIONE E GESTIONE SERVIZI PUBBLICI LOCALI S.P.A., PER BREVITA' "COGEIDE S.p.A." TUTELA AMBIENTALE DEL SEBINO S.r.l. UFFICIO D' AMBITO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO - Azienda Speciale UNIACQUE S.p.A. ZERRA S.p.A. Viabilità, mobilità e trasporti (8) A.L.O.T. S.C.R.L. A4 HOLDING S.P.A. AUTOSTRADE BERGAMASCHE S.p.A. AUTOSTRADE LOMBARDE S.p.A. SIBEM S.p.A. SOCIETA' DI GESTIONE AEROPORTO DI CUNEO - LEVALDIGI S.P.A. SIGLABILE "GEAC S.P.A." SOCIETA' PER L'AEROPORTO CIVILE DI BERGAMO-ORIO AL SERIO S.P.A. (S.A.C.B.O. S.p.A.) TRAMVIE ELETTRICHE BERGAMASCHE S.p.A. Attività economiche (7) BERGAMO FIERA NUOVA S.p.A. CENTRO EUROPEO SVILUPPO APPLICAZIONI PLASTICHE S.R.L. CONSORTILE G.A.L. VALLE BREMBANA S.r.l. PROMOZIONE E GESTIONE DELLO SVILUPPO DI SCALVE (PRO.GE.SCAL.) S.r.l. - in liquidazione SERVITEC S.r.l. - in liquidazione SECAS S.p.A. - in liquidazione TECNODAL S.p.A. Cultura e turismo (3) AGENZIA PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE TURISTICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO S.C.R.L. CO.BE. DIREZIONALE S.p.A. GRAND HOTEL SAN PELLEGRINO TERME S.r.l. - in liquidazione Holding (1) A.B.M. - AZIENDA BERGAMASCA MULTISERVIZI S.p.A. Istruzione, Formazione e lavoro (1) AZIENDA BERGAMASCA FORMAZIONE Riqualificazione urbana (1) PORTA SUD S.r.l. - in liquidazione Distribuzione gas (1) ANITA S.r.l. Telecomunicazioni (1) ABM ICT S.p.A.

18 QUADRO CRONOLOGICO DELLE ACQUISIZIONI E DISMISSIONI (società attive e in liquidazione partecipate indirettamente dalla di Bergamo con quote di controllo) ACQUISIZIONI ABM SERVICE S.p.A. (*) 20/11/02 BERGAMO ENERGIA S.p.A. 14/10/99 VOCEM S.r.l. 19/06/01 BIG TLC S.r.l. (**) 03/10/2007 ABM CALOR S.r.l. (*) 29/12/05 ABM NEXT S.r.l. 17/09/98 MISTRAL S.p.a. (*) 07/07/03 ABM E&E S.r.l. 18/04/05 ABM ENERGY S.p.A. (ex Bergamo Energia S.p.A.) (*) 01/12/ Giunta Buttaro Giunta Clauser Giunta Zambetti Giunta Giavazzi Giunta Citaristi Giunta Fumagalli Giunta Borra Giunta Galizzi Giunta Gaiti Giunta Ceruti Giunta Cappelluzzo Giunta Bettoni Giunta Bettoni Giunta Pirovano DISMISSIONI ABM E&E S.r.l. in liquidazione 8/01/08 BERGAMO ENERGIA S.p.A. 1/12/10 ABM CALOR S.r.l. (*) 13/07/12 ABM ENERGY S.p.A. (ex Bergamo Energia S.p.A.) in liquidazione (*) 17/05/13 VOCEM S.r.l. in liquidazione 2/12/11 (*) Con deliberazione n. 155 del 28 novembre 2011 il Consiglio le ha approvato gli indirizzi per la dismissione delle società: - ABM Calor Srl; - ABM E & E Srl; - ABM Service Srl; - ABM Energy SpA; - Mistral SpA. (**) Con deliberazione del Consiglio le n. 165 del sono stati approvati gli indirizzi per l'operazione di fusione per incorporazione della società Abm Ict S.p.A. e della controllata Big Tlc S.r.l. nella società Anita S.r.l. Dati al 31 dicembre 2012

19 QUADRO DEI SETTORI DI APPARTENENZA (società partecipate indirettamente della di Bergamo)

20 QUADRO DEI SETTORI DI APPARTENENZA CON ELENCO ANALITICO DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE INDIRETTAMENTE Energia (4) ABM E&E S.r.l. - in liquidazione ABM ENERGY S.p.A. - in liquidazione MISTRAL S.p.A. VOCEM S.r.l. - in liquidazione Gestione calore (1) ABM SERVICE S.r.l. Servizio Idrico (1) ABM NEXT S.r.l. Telecomunicazioni (1) BIG TLC S.r.l.

RELAZIONE SULLE SOCIETÀ PARTECIPATE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

RELAZIONE SULLE SOCIETÀ PARTECIPATE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO RELAZIONE SULLE SOCIETÀ PARTECIPATE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 2014 Indice 1 Elenco delle società partecipate direttamente al 31 dicembre 2013 2 3 4 5 Elenco delle società partecipate

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI PRESIDENZA E SEGRETERIA GENERALE Servizio Partecipazioni Societarie AVVISO DI SELEZIONE

PROVINCIA DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI PRESIDENZA E SEGRETERIA GENERALE Servizio Partecipazioni Societarie AVVISO DI SELEZIONE PROVINCIA DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI PRESIDENZA E SEGRETERIA GENERALE Servizio Partecipazioni Societarie AVVISO DI SELEZIONE Per il conferimento di un incarico professionale finalizzato all'acquisizione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 06/02/2015 e pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente Introduzione: organizzazione e funzioni di

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

IL PROCESSO DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

IL PROCESSO DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSO DI FORMAZIONE IL PROCESSO DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Pesaro ottobre novembre 2009 AGENZIA PER LʹINNOVAZIONE Società consortile senza scopo di lucro, fondata nel 1998 per iniziativa di enti locali,

Dettagli

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013 La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013 Roadshow settembre-novembre 2013 1 Indice Pag. Scenario di riferimento Enti Locali 3 La nuova Circolare CDP n. 1280 4 Le nuove schede istruttorie 6 Cassa

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

Piano di razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie (articolo 1 commi 611 e seguenti della legge 190/2014)

Piano di razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie (articolo 1 commi 611 e seguenti della legge 190/2014) C O M U N E d i S A N T O S T E F A N O D I C A M A S TRA Provincia di Messina C I T T A D E L L E C E R A M I C H E Piano di razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Ente

Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Ente Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Ente Premessa La Legge di Stabilità per il 2015 (legge 23 dicembre 2014 n. 190) ha imposto agli enti locali l avvio

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 integra e aggiorna il precedente Programma Triennale 2014-2016

Dettagli

CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari

CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari Allegato A Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie (articolo 1, commi 611 e seguenti legge 23 dicembre 2014, n. 190) 1

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art.

RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art. RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art. 1, comma 612 della Legge 190/2014) 31 marzo 2016 PREMESSA

Dettagli

Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia

Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia LA BANCA D ITALIA Visto l art. 1, comma 15, della legge 6

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate *** COMUNE DI QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L approvazione della

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010 Comune di Trapani Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance - Modifiche di raccordo ad alcuni articoli del Regolamento istituito dall' O.I.V.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

N. 3 IN QUESTO NUMERO. 20 gennaio 2014

N. 3 IN QUESTO NUMERO. 20 gennaio 2014 N. 3 20 gennaio 2014 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Ø Retribuzioni imponibili ai fini contributivi - Gestione Dipendenti Pubblici: Circolare INPS n. 6 del 16 gennaio 2014.

Dettagli

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE.

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE. Allegato 1 alla Det. Dir. n 387/2015 BANDO Potenziamento della raccolta differenziata e prevenzione e riutilizzo dei rifiuti urbani D.G.R. Lazio 406/2012 risorse anno 2013 e D.G.R. Lazio 547/2014 risorse

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n.41/2014 INDICE PREMESSA... 3 1. LE PRINCIPALI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERA N. 39 DEL 30.1.2014-OGGETTO: UOC GESTIONE DEL PERSONALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DELL AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DEL COMUNE DI CARPIANO

RELAZIONE TECNICA AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DEL COMUNE DI CARPIANO RELAZIONE TECNICA AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DEL COMUNE DI CARPIANO PREMESSA Dopo il Piano Cottarelli, il documento dell agosto 2014 con il quale l allora commissario straordinario

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2016-2018 è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità dell azienda è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 17 luglio 2014 Allegato E PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PREMESSA II presente documento

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 1) della Parte

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 1) della Parte Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 1) della Parte Straordinaria dell Ordine del Giorno. Proposta di modificazione dell articolo 3 (Oggetto) dello Statuto Sociale:

Dettagli

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per l esercizio del controllo analogo sulle società in house approvato con delibera

Dettagli

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014.

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014. PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA (denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della legge regionale n. 8/2014) CENTRO DIREZIONALE NUOVALUCE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (Istituito con delibera

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT Ritenuto che risulta dimostrato l interesse pubblico concreto ed attuale alla revoca del provvedimento in esame; Decreta: Art. 1. Il decreto dirigenziale n. 3/CC/2013 regione Calabria del 30 gennaio 2013

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR 2012-2014 1 1. PREMESSA L art. 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre

Dettagli

A.S.M. S.p.A. Aquilana Società Mulservizi. Regolamento per il conferimento degli incarichi

A.S.M. S.p.A. Aquilana Società Mulservizi. Regolamento per il conferimento degli incarichi A.S.M. S.p.A. Aquilana Società Mulservizi Regolamento per il conferimento degli incarichi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27/11/2009 (Principi generali) Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) Settore AA.GG.

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) Settore AA.GG. Settore AA.GG. Piano operativo di razionalizzazione delle partecipazioni societarie (Art. 1 commi 611 e seguenti della Legge di Stabilità per il 2015) 1. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO RELAZIONE La Legge

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance 14 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE Il ciclo della performance APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 465 REG./.499 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 15/12/2010 TITOLO I Programmazione, controllo,

Dettagli

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie)

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie) L.R. 01 Febbraio 2008, n. 1 Norme generali relative alle agenzie regionali istituite ai sensi dell'articolo 54 dello Statuto. Disposizioni transitorie relative al riordino degli enti pubblici dipendenti

Dettagli

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A.

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data n. 28/09/2015 con determinazione dell Amministratore

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 216/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013 SOMMARIO TITOLO I 3 Controllo Di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33) Finalità del Piano Con il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, l ATC di

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (AI SENSI DELL ARTICOLO

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO N. 7 DEL 23-4-2015 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE (art. 1, commi 611-614,

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

Relazione illustrativa della fusione per Incorporazione di I.S.E. S.p.A in Edison S.p.A

Relazione illustrativa della fusione per Incorporazione di I.S.E. S.p.A in Edison S.p.A Relazione illustrativa della fusione per Incorporazione di I.S.E. S.p.A in Edison S.p.A Motivazioni La proposta di incorporazione in Edison SpA (in seguito Edison) di ISE SpA (in seguito Ise), società

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI E SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

1. PREMESSA. I criteri generali cui si deve ispirare il processo di razionalizzazione sono i seguenti:

1. PREMESSA. I criteri generali cui si deve ispirare il processo di razionalizzazione sono i seguenti: Piano operativo di razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie (Articolo 1 commi 611 e seguenti della legge 190/2014) 1. PREMESSA La L. 23.12.2014, n. 190 (Legge di stabilità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA Piano Anticorruzione Pianoro Centro SpA 2015-2017 Indice Premessa..... 2 Attività ed Organizzazione Aziendale 4 Referenti.. 5 Compiti operativi del Responsabile 5 Aree di rischio. 5 I Controlli 6 La Trasparenza...

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

DI COLLAZZONE. Provincia di Perugia. Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE

DI COLLAZZONE. Provincia di Perugia. Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il comma 611

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione Servizi Italia S.p.A. Sede legale: Via S. Pietro, 59/b 43019 Castellina di Soragna (PR) Capitale sociale: Euro 28.371.486,00 i.v. Numero Iscrizione Registro Imprese di Parma, C.F. 08531760158, Partita

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A.

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETÀ CONTROLLATA AL 100% BREMBO PERFORMANCE S.P.A. NELLA SOCIETÀ CONTROLLANTE BREMBO S.P.A. AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2501-TER E 2505 del codice civile * *

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE POLITICHE ECONOMICHE FINANZIARIE E TRIBUTARIE REG. GEN.LE N. 81300DEL 10/10/2014 REG. SERVIZIO N. 970DEL 09/10/2014

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

Master sulla Revisione negli Enti Locali

Master sulla Revisione negli Enti Locali Master sulla Revisione negli Enti Locali A) PRIMA GIORNATA Data: 24 ottobre 2013 Durata: 7 ore dalle 9:00 alle 17:00 ( 14:00-15:00 pranzo) Introduzione al master: Dott. Luigi Pezzullo, Presidente Commissione

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 INTRODUZIONE Con la legge n. 190 del 6 novembre 2012, entrata in vigore il 28 novembre 2012, sono state dettate

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA Anni 2011-2013 (approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 440 del 22/11/2011) 1 SOMMARIO ART. 1- PRINCIPI 3 ART.

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 38/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Determinazione del costo globale annuo massimo per le operazioni

Dettagli

COMUNE DI COMO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE RETI, IMPIANTI TECNOLOGICI, STRADE

COMUNE DI COMO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE RETI, IMPIANTI TECNOLOGICI, STRADE COMUNE DI COMO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE RETI, IMPIANTI TECNOLOGICI, STRADE N. 60/2013 di Registro di Settore SETT1-A04 N. 1572 di Registro Generale L anno Duemilatredici, il giorno 4 del

Dettagli