Cap. IV: Magnetismo delle rocce: origini e fenomenologia del magnetismo ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cap. IV: Magnetismo delle rocce: origini e fenomenologia del magnetismo ambientale"

Transcript

1 Cap. IV: Magnetismo delle rocce: origini e fenomenologia del magnetismo ambientale 1. Il magnetismo delle rocce La presenza del campo magnetico terrestre influenza da sempre i processi di magnetizzazione dei depositi di particelle contenenti minerali di ferro stratificati nelle rocce sedimentarie, delle rocce metamorfiche che si formano per eruzione sulla superficie del pianeta o sui fondali oceanici, delle particelle colloidali nei pigmenti mentre il legante si prosciuga, dei granuli di ossido di ferro presenti nei materiali ceramici durante la cottura, Tuttavia, non solo la composizione, la geometria e la struttura delle particelle magnetizzate modificano il processo di magnetizzazione, anche le dimensioni (il volume) ha un ruolo fondamentale, stabilendo per esempio entro quali tempi (da pochi secondi a diverse ere geologiche) il materiale è in grado di ritenere la magnetizzazione acquisita (rimanenza M R ). Questo accade perché il processo di magnetizzazione avviene in modo omogeneo su zone del materiale chiamate domini magnetici, correlate - ma non in modo assoluto alla microstruttura (grani cristallini e domini magnetici coincidono in dimensioni solo in un ristretto intervallo dimensionale, dell ordine di alcune decine di nanometri, secondo il materiale) [Fig. 11, parte III]. Ma le dimensioni delle particelle possono variare di ordini di grandezza, dai nanometri (10-9 m) ai centimetri (10-2 m), con proprietà magnetiche diverse. Occorre analizzare meglio questo aspetto. Supponiamo che un corpo rettangolare sia magnetizzato in modo uniforme, e che perciò si comporti come un unico dominio (single domain). Poli opposti, Nord e Sud, si formeranno sulle due estremità a causa della magnetizzazione e saranno essi stessi origine secondaria di un contro-campo magnetico esterno (detto anche campo smagnetizzante) al materiale e orientato in direzione opposta al campo interno al materiale. L energia associata con la distribuzione di questi poli di superficie è chiamata energia magnetostatica. L energia magneto-statica può essere, approssimativamente, dimezzata se la magnetizzazione del materiale si equilibra in modo da dare origine a due domini magnetizzati in verso opposto. Questo fenomeno comporta che i poli magnetici (N) e (S) si trovano affiancati sulle estremità, portando a una diminuzione dell estensione nello spazio del campo smagnetizzante (Fig.12). Figura 12: Suddivisione della magnetizzazione in "domini" multipli, a causa del bilanciamento fra energia magnetostatica ed energia associata alle pareti (di Bloch) fra domini adiacenti Questa osservazione potrebbe indurre a supporre una suddivisione in domini infinita, tuttavia il processo di suddivisione non può proseguire infinitamente poiché la regione di transizione fra i domini, chiamata 30

2 parete del dominio, richiede energia per essere prodotta e mantenuta. All equilibrio, nel materiale, si instaura una situazione stabile, con un numero di domini dipendente oltre che dalle proprietà già più volte elencate (composizione, struttura, geometria, ), anche dalle dimensioni di ogni singola particella. Domini magnetici (single domain, pseudo-single domain, multi domain) Possiamo dividere i materiali magnetici in quattro classi in base alle dimensioni dei grani: Superparamagnetici: SP. Sono instabili. I domini possono magnetizzarsi ma l energia termica dell ambiente è sufficiente per scombinarli. In assenza di campo la magnetizzazione è sempre zero. Singolo dominio: SD. Poco comune. Il dominio è uniformemente magnetizzato alla saturazione. L unico modo per cambiare la magnetizzazione è invertirla, un processo tutt altro che semplice energeticamente. Inoltre, un singolo dominio ha alta rimanenza e alto campo coercitivo. (Per la magnetite la transizione tra SD e MD è intorno a 80 nm, mentre per l ematite è intorno a 15 nanom). Pseudo singolo dominio: PSD. I più frequenti nel campo dei beni culturali. Sono dell ordine dei nm-µm. Multidominio: MD. La forma di un ciclo di isteresi è determinata, in parte, dalla configurazione dei domini (Fig. 13). Figura 13: Cicli di isteresi per cristalli di biotite contenenti inclusioni di magnetite. Le dimensioni delle particelle incluse variano da quelle dei materiali SP a quelle MD, passando per SD e PSD. I cicli per materiali SD sono, di solito, più allargati dei cicli di materiali MD. Questo dipende dal fatto che nei materiali SD sono più elevati la rimanenza e i campi coercitivi. I parametri dei cicli di isteresi, Mr/Ms e Hr/Hc, si sono dimostrati utili per distinguere la configurazione a domini. In particolare un elevato rapporto Mr/Ms differenzia in modo netto le particelle SD rispetto alle altre. Abbiamo cominciato a comprendere che i processi di magnetizzazione sono legati alla energia immagazzinata nei materiali. Per comprendere come l energia magnetica dei singoli grani resti bloccata nel tempo occorre prendere in considerazione il concetto di anisotropia magneto-cristallina e metterlo in 31

3 relazione con il volume e l energia termica delle particelle magnetiche. Esiste nei materiali magnetici una componente di energia detta Energia di anisotropia magnetica, essa corrisponde all energia necessaria per spostare la magnetizzazione dall asse preferenziale presente nel cristallo. A sua volta consta di contributi diversi: 1) Anisotropia cristallina. Caratteristica intrinseca dei materiali ferrimagnetici non dipendente dalla dimensione dei grani. A seconda della direzione cristallografica, il materiale ha più o meno difficoltà a magnetizzarsi. L anisotropia magnetica cristallina rappresenta l energia necessaria a spostare il momento magnetico in singolo cristallo dalla direzione più semplice a quella più difficile. I materiali a reticolo cristallino esagonale, come l ematite, mostrano difficoltà nel raggiungere la saturazione, anche applicando campi molto elevati (1, 2 Tesla) in laboratorio. Questa difficoltà a raggiungere la saturazione da parte dei materiali a reticolo esagonale è utilizzata per distinguere l ematite (esagonale) dalla magnetite (cubica). 2) Anisotropia di forma. Dipende dalla forma dei grani del minerale. Un corpo magnetizzato produce alle sue estremità poli magnetici i quali, in genere, creano un controcampo esterno con verso opposto alla magnetizzazione interna del corpo (per questo si parla di campi o energia di smagnetizzazione). Questo tipo di anisotropia non esiste in particelle sferiche. 3) Anisotropia da stress meccanico. Deformazioni indotte nel cristallo modificano la direzione del vettore magnetizzazione. Come l anisotropia cristallina, dipende dalla temperatura. Ora, a seconda delle dimensioni dei grani, si possono osservare diversi comportamenti magnetici dei materiali per le correlazioni fra i diversi contributi energetici (anisotropia, energia di scambio ferromagnetico) e la microstruttura (reticolo, dimensioni, geometria). La Fig. 14 mostra la variazione del campo coercitivo in funzione delle dimensioni delle particelle per la magnetite e l ematite. Fig. 14: Valore del campo coercitivo in funzione della dimensione dei grani. Il massimo valore del campo coercitivo si ha entro l intervallo SD. Per grani di dimensioni più grandi, il campo coercitivo diminuisce, in relazione all aumento dei domini all interno dei grani; per grani più piccoli, H c diminuisce di nuovo, ma in questo caso per l effetto di disordine causato dell energia termica. Esiste per ogni materiale una dimensione critica dei grani al di sotto della quale ogni particella si comporta come un singolo dominio. Tali grani alla magnetizzazione di saturazione sono uniformemente 32

4 magnetizzati. La dimensione critica dipende da diversi fattori intrinseci, come la magnetizzazione di saturazione e l anisotropia magnetocristallina, e fattori estrinseci come la forma dei grani. L inversione della magnetizzazione nei grani SD è un processo che richiede alti valori di energia magnetica, in taluni le energie soli da garantire la permanente magnetizzazione della particella praticamente per un tempo infinito (ere geologiche) si veda la figura 17. Per cambiare la magnetizzazione di grani MD, invece, sono sufficienti bassi valori del campo applicato: essi, infatti, presentano bassi valori sia del campo coercitivo che della rimanenza. Quando piccoli grani MD (bassa campo coercitivo) esibiscono anche un comportamento SD (alta rimanenza) si ha un comportamento definito pseudo-singolo dominio (PSD). Per la magnetite, l importanza del comportamento PSD è dovuto al fatto che l intervallo della taglia, tra µm, copre le dimensioni dei grani che generalmente si trovano nei campioni naturali. L ematite mostra una risposta SD o PSD nella maggior parte delle rocce a causa della forte anisotropia magnetocristallina dovuta alla struttura esagonale della cella elementare. Le dimensioni delle particelle possono ridursi entro l intervallo SD sino al raggiungimento di un limite critico inferiore oltre il quale la rimanenza e il campo coercitivo della particella vanno a zero a temperatura ambiente. Quando questo avviene, i grani diventano superparamagnetici. Una particella SD di volume v ha una magnetizzazione uniforme diretta lungo gli assi di facile magnetizzazione. Se v è sufficientemente piccolo (o la temperatura abbastanza elevata), l energia termica (kt) è sufficiente per sovrastare l effetto dell energia di anisotropia, che tende a separare gli stati di magnetizzazione positivi e negativi, causando una magnetizzazione spontanea e reversibile. Si parla in queste condizioni di comportamento superparamagnetico (SPM). Per le particelle superparamagnetiche, il momento magnetico a campo nullo, sarà in media 0. Applicando un campo, si ha un allineamento dei momenti magnetici che può scomparire all annullarsi del campo. Questo comportamento è analogo al paramagnetismo, eccetto che il momento magnetico da considerare non è quello relativo ad ogni singolo atomo, ma quello di una particella SD che contiene, in media, 105 atomi. Per questo motivo i materiali superparamagnetici hanno un valore di suscettività superiore rispetto a quelli paramagnetici. Proprietà isteretiche di particelle SP, SD, PSD, e MD La forma di un ciclo di isteresi in parte è determinata dal tipo di dominio presente nei materiali analizzati. I cicli dei materiali SD sono tipicamente più larghi di quelli MD in quanto riflettono gli alti valori della rimanenza e del campo coercitivo. I parametri del ciclo d isteresi e, in particolare, il rapporto M r /M s e H r /H c, sono utilizzati per distinguere il tipo di dominio: il rapporto Mr/Ms è un modo definitivo per differenziare particelle SD e MD (si veda Fig. 12). Per i grani SD il valore del rapporto Mr/Ms può essere facilmente calcolato e dipende dal tipo di anisotropia. Per le particelle PSD e MD, il calcolo del rapporto Mr/Ms risulta molto più complesso. Fig. 15: Diagramma M r /M s vs H r /H c che consente di determinare il tipo di domini presenti nei grani. M r /M s 33

5 Le particelle SPM non esibiscono alcuna rimanenza né campo coercitivo. La forma del ciclo di isteresi è per questo motivo estremamente lineare. I grani SPM mostrano inizialmente un rapido aumento della magnetizzazione in funzione del campo applicato; in seguito al crescere del valore di campo, l aumento della magnetizzazione è più graduale sino alla saturazione. Infatti, la distribuzione dei grani SD, PSD o MD è fondamentale per gli studi di datazione magnetica. La longevità della memoria magnetica dipende dall effettiva dimensione dei grani dei minerali ferromagnetici: piccoli grani SD hanno capacità di ritenere una memoria magnetica per milioni di anni (Fig.17); per grani di dimensioni più grandi (MD o PSD), quando è energicamente più efficiente per la stabilità interna la divisione in sub-domini con direzione di magnetizzazione differente, la capacità di memoria magnetica è meno duratura. Generalmente, grani di magnetite SD hanno dimensioni inferiori a un micrometro a differenza di quelli MD che superano i 100 micrometri. L ematite, per le proprietà magnetiche intrinseche, mostra con frequenza una risposta SD. Il rapporto magnetizzazione di rimanenza/saturazione aumenta per i grani di ossidi ferrimagnetici nella sequenza: particelle multidomino (per Fe 3 O 4 > 20 micrometri), pseudo singolo dominio, singolo dominio (per Fe 3 O micrometri). I grani con dimensioni entro limiti MD-SD, hanno un valore del rapporto magnetizzazione di rimanenza/saturazione intermedio (particelle PSD). Il campo coercitivo Hc è relativamente basso per MD e generalmente cresce con il diminuire delle dimensioni dei grani sino a SD. Il rapporto H c /H max aumenta nella sequenza SD, PSD, MD. La separazione dei grani SPM da quelli MD, basata sulle proprietà isteretiche, può essere un problema quando si effettuano misure solo a temperatura ambiente. In alcuni casi può essere utile raffreddare i campioni a temperature molto inferiori a 0 C, per differenziare i due comportamenti. I grani SPM a temperatura ambiente, possono diventare SD a basse temperature ottenendo significativi cambiamenti nei parametri dei cicli. Effettuare misure a temperature diverse evidenzia il contributo SPM (Fig. 13). a b Fig. 16: cicli di isteresi ottenuti a temperature diverse (a, 300 K; b, 50 K) che evidenziano come il comportamento superparamagnetico di un materiale (a) a temperatura ambiente si trasformi in ferrimagnetico a temperature più basse. 34

6 Rilassamento (o viscosità) magnetica e comportamento superparamagnetico I fondamenti del paleomagnetismo e dell archeomagnetismo sono meglio comprensibili se ci si rimanda al concetto di viscosità magnetica, ossia alla variazione della magnetizzazione nel tempo a temperatura costante. Consideriamo un blocco di materiale contenente un insieme di particelle magnetiche SD orientate casualmente e non-interagenti. Supponiamo che ogni particella abbia un solo asse di facile magnetizzazione e che la magnetizzazione possa dunque orientarsi solo lungo i due versi nella direzione dell asse. Occasionalmente, ogni particella può ricevere energia termica sufficiente per superare l energia di anisotropia associata con la direzione di difficile magnetizzazione e rovesciare il proprio verso di magnetizzazione. In assenza di campo, i momenti tenderanno a diventare orientati casualmente e qualunque vettore di magnetizzazione iniziale decadrà secondo un fattore esponenziale. t / M t = M 0e τ M 0 è la magnetizzazione iniziale, t il tempo e τ una costante empirica detta tempo di rilassamento che corrisponde al tempo necessario perché la rimanenza complessiva del sistema decada di un fattore 1/e rispetto al valore iniziale. Il valore di τ dipende dalla competizione fra l energia di anisotropia e l energia termica ed è un parametro che indica la probabilità di un grano di avere energia sufficiente per superare l energia di anisotropia e rovesciare il proprio momento magnetico. Poiché l energia di anisotropia controlla fortemente il campo coercitivo (H C ), il tempo di rilassamento è anche proporzionale ad esso (H C ), oltre che funzione del volume e inversamente proporzionale alla temperatura. Il termine τ è definito come: τ = 1 E E C e 1 / 2 [C ~ 10 9 s -1 = tentativi al secondo attempt frequency (legata al moto vibrazionale); E 1 =barriera di energia potenziale; E 2 =energia termica ] Al variare della temperatura l energia termica del sistema cambia e varia rapidamente. La probabilità di transizione della barriera energetica E fra due configurazioni magnetiche porta ad un tempo di rilassamento, τ, per la funzione esponenziale di decadimento della magnetizzazione (k=boltzmann; T= temperatura): [Dove C= s -1 frequenza di tentativi; V = volume del dominio; HK=Campo di anisotropia; MS= Magnetizzazione di saturazione; MSHK = Ka (costante anisotropia) ] 35

7 Per piccole variazioni di questi parametri (C, V, HK, MS ) vi è una transizione netta fra grani praticamente instabili (tempo di rilassamento = 0) e grani fortemente stabili (tempo di rilassamento di 10 9 anni) (Fig.14). Relaxation time (τ) / years 1E9 1E8 1E7 1E E-3 1E-4 1E-5 1E-6 1E-7 1E-8 1E-9 1E-10 1E-11 1E-12 1E-13 1E-14 1E-15 1E-16 1E-17 τ = 1 G year τ = 1 M year τ = 1 year τ = 1 s Hematite Magnetite Titano-hematite Particle volume (v) / nm Figura 17: Tempo di rilassamento in funzione del volume per particelle di ossidi di ferro di diversa natura Grani molto piccoli (v < 10 nm), con τ = secondi hanno energia termica sufficiente per superare l energia di anisotropia frequentemente e sono stabili solo per gli esperimenti di laboratorio. In assenza di campo, questi grani tenderanno ad allineare la magnetizzazione casualmente; in presenza di campo, tenderanno ad allinearsi ad esso. Poiché seguono il campo ma diventano liberi in sua assenza, e un tale comportamento è simile a quello dei paramagneti questi grani sono chiamati superparamagneti. 36

8 Le rocce si magnetizzano in diversi modi. Le rocce ignee e sedimentarie possono poi subire trasformazioni chimico-fisiche e acquisire un segnale magnetico secondario, di origine chimica. Molti materiali magnetici sono in grado di acquisire una ulteriore rimanenza magnetica viscosa. Temperatura di bloccaggio (blocking temperature) Consideriamo un flusso di lava appena fuoriuscita. 1) La lava solidifica e si trasforma in roccia. 2) Finché la roccia è sopra la Temperatura di Curie, non si ha induzione di magnetizzazione rimanente; nel sistema domina l energia termica. 3) Quando la roccia raffredda oltre la Temperatura di Curie della fase magnetica (es. magnetite), l energia di scambio diventa il termine prevalente e la roccia acquisisce una rimanenza. 4) La magnetizzazione, però, è ancora libera di seguire il campo magnetico ambientale, perché l energia di anisotropia è meno forte del termine di energia magnetostatica. 5) A causa dell energia di anisotropia, raffreddando ulteriormente, i momenti magnetici nella lava tendono ad allinearsi lungo le direzioni di facile magnetizzazione, favorendo, in modo statisticamente rilevante, quelle che presentano l angolo minimo di deviazione rispetto al campo applicato. 6) A questo punto del raffreddamento, punto che dipende delle caratteristiche delle singole particelle, l energia termica è sovrastata dall energia di anisotropia ed il momento magnetico risulta congelato o bloccato nella sua ultima configurazione. Il punto di congelamento, corrisponde a quella che viene detta blocking temperature (temperatura di bloccaggio), al di sotto della quale i momenti magnetici sono fissi e protetti da ulteriori possibili variazioni dovute ai campi magnetici ambientali. Processi come quello sopra descritto sono detti processi di Magnetizzazione naturale primaria. La Magnetizzazione Rimanente (Mr) è la magnetizzazione ritenuta da un materiale anche in assenza di campo esterno. Se un minerale magnetico subisce a temperatura ambiente l azione di un forte campo magnetico che poi è ridotto a zero, un valore di Mr sarà mantenuto nel minerale. Questo accade ad ogni materiale magnetico, tuttavia la magnetizzazione rimanente non è in genere stabile e può essere rimossa/modificata per applicazione di un campo con direzione inversa rispetto a Mr a temperatura ambiente. In taluni casi, però, la magnetizzazione rimanente è sufficientemente stabile e ampia da potersi mantenere inalterata per centinaia di milioni di anni, costituendo la Magnetizzazione Rimanente Naturale (NRM) Primaria. In seguito, un certo numero di processi può contribuire ulteriormente alla rimanenza magnetica (l esposizione agli agenti ambientali, riscaldamento, fulmini, invecchiamento ) dando luogo a componenti aggiuntive della NRM: Magnetizzazione Termorimanente (TRM) è quella dovuta a processi di cottura, riscaldamento sotto l azione del campo terrestre. Se un minerale ferromagnetico è a temperatura elevata, si comporta come un paramagnete. Tuttavia, se viene fatto raffreddare sotto l azione di un campo magnetico al disotto di una temperatura caratteristica per ogni materiale, quel minerale comincerà ad acquisire una magnetizzazione rimanente molto elevata. Questa temperatura è chiamata temperatura di Curie ed è 37

9 dell ordine di C (580 C per la magnetite, 680 C per l ematite). Quando il materiale raffredda al di sotto della temperatura di Curie, i domini magnetici si formano, allineati col campo terrestre. Il raffreddamento e il processo di allineamento magnetico continuano nell intervalllo fra 600 C e 150 C quando, a basse temperature, i pochi domini che ancora si formano acquisiscono la magnetizzazione più elevata. La magnetizzazione risultante così formata è generalmente da 5 a 100 volte più elevata della magnetizzazione indotta dal campo terrestre a T ambiente. La memoria del campo magnetico viene così congelata nel minerale è rimane stabile poiché a T ordinarie i valori dei campi coercitivi dei domini (che devono essere superati per modificare la magnetizzazione), sono molto più elevati dei campi magnetici naturali. La Magnetizzazione Rimanente Viscosa (VRM) è una componente dovuta all azione del campo terrestre a temperatura ambiente: un materiale può acquisire una componente additiva della magnetizzazione per applicazione di un campo debole su un periodo di tempo molto lungo (secoli, ere). La Magnetizzazione Rimanente Chimica (CRM) è legata alla crescita o alla trasformazione dei cristalli che compongono il materiale magnetico. La CRM risulterà come dovuta a una componente additiva presente nei cristalli di nuova formazione che hanno acquisito una NRM nella direzione del campo presente durante la trasformazione strutturale. CRM. Le alterazioni chimiche, quali ossidazione a bassa temperatura o disidratazione o dissoluzione, possono causare una magnetizzazione. Ad esempio, con il percolamento dell acqua sulle rocce calcaree inizia la precipitazione di minerali magnetici come l ematite. Ogni cristallo è completamente isolato dagli altri. Mantenendo costante la temperatura, è possibile individuare un volume critico sotto al quale il grano mantiene l equilibrio in presenza di campo. Solo pochi esperimenti sono stati effettuati per verifica eil modello esplicativo della CRM. In genere la componente CRM è parallela al campo terrestre e proporzionale alla sua intensità. Magnetizzazione rimanente isoterma (IRM). È la magnetizzazione residua generata da un forte campo magnetico applicato su un materiale a temperatura ambiente, per esempio causato da un fulmine. La rimanenza è aquisita istantaneamente durante l esposizione a campi elevati. Il comportamento di questa componente può essere molto utile per la caratterizzazione mineralogica di un minerale. Magnetizzazione rimanente detritale (DRM). Anche i sedimenti possono essere magnetizzati. I grani di magnetite sottoposti ad erosione si depositano assieme ad altre particelle formando un sedimento. Mentre i grani di magnetite si disperdono in un fluido (acqua), la loro orientazione si allinea preferenzialmente parallela al campo terrestre. Quando il sedimento si compatta o litifica, i grani restano bloccati, orientati nella loro posizione e perciò il sedimento acquisisce una magnetizzazione rimanente dedritale. Le diverse componenti magnetiche a temperatura ambiente si sommano assieme a costituire la magnetizzazione rimanente naturale (NRM) che è la rimanenza emergente. L obiettivo di analisi dei laboratori archeo e paleo-magnetici consiste nell isolare le diverse componenti della NRM e definirne origine, età e attendibilità. Dalle precedenti osservazioni, possiamo arrivare a definire il comportamento della TRM: 38

10 1. La rimanenza magnetica di un insieme di particelle, acquisita attraverso il raffreddamento al di sotto della blocking temperature, in presenza di un campo esterno deve essere parallela all orientazione del campo. 2. L intensità della rimanenza termica deve dipendere linearmente (proporzionale) dall intensità del campo magnetico applicato durante il raffreddamento (fino a che si tratta di campi deboli, naturali). 3. Nelle rocce, ogni grano ha un suo momento e una blocking temperature. Perciò, se il raffreddamento avviene in un intervallo di T, solo una parte dei grani risulterà bloccata ; si parla in questo caso di Partial thermal remanent magnetization o p-trm (Rimanenza magnetica naturale parziale). 4. Un assunto essenziale nelle applicazioni è che ogni p-trm sia indipendente e che la p-trm acquisita attraverso il raffreddamento sotto campo in un intervallo di T sia rimovibile per riscaldamento nello stesso intervallo di T con campo nullo (leggi d ithellier). 5. I risultati sperimentali confortano queste affermazioni teoriche, anche se il contributo dei grani multidominio complica il quadro e occorrono alcune precisazioni concettuali per comprendere la variazione della configurazione magnetica. Per esempio, consideriamo un flusso di lava appena fuoriuscita. 1. La lava raffreddando solidifica e si trasforma in roccia. 2. Finché la roccia è sopra la Temperatura di Curie, non si ha induzione di magnetizzazione rimanente. Nel sistema domina l energia termica. 3. Quando la roccia raffredda oltre la Temperatura di Curie della fase magnetica (es. magnetite), l energia di scambio diventa il termine prevalente e la roccia acquisisce una rimanenza. 4. La magnetizzazione, però, è ancora libera di seguire il campo magnetico ambientale, perché l energia di anisotropia è meno forte del termine di energia magnetostatica. 5. A causa dell energia di anisotropia, raffreddando ulteriormente, i momenti magnetici nella lava tendono ad allinearsi lungo le direzioni di facile magnetizzazione, favorendo quelle che presentano l angolo minimo di deviazione rispetto al campo applicato. A questo punto del raffreddamento, punto che dipende delle caratteristiche delle singole particelle, l energia termica è sovrastata dall energia di anisotropia ed il momento magnetico risulta congelato o bloccato nella sua ultima configurazione. Il punto di congelamento, corrisponde a quella che viene detta blocking temperature, o temperatura di bloccaggio, al di sotto della quale i momenti magnetici sono fissi e protetti da ulteriori possibili variazioni dovute ai campi magnetici ambientali. Analisi della NRM: Leggi di Thellier: Additività, Reciprocità e Iindependenza della partial TRM Additività: la p-trm prodotta in intervalli di T adiacenti equivale alla TRM prodotta sull intero intervallo considerato, ovvero grani SD hanno distinte blocking temperatures (TB) Reciprocità: la p-trm prodotta dal raffreddamento sotto campo magnetico in un definito intervallo di T è completamente persa per smagnetizzazione (riscaldamento a campo zero) nello stesso intervallo T, ovvero T UB =T B ; T di bloccaggio (unblocking) = T di bloccaggio (blocking). 39

11 Indipendenza: la p-trm di un certo intervallo di T non può influenzare effetti di blocking (B) o unblocking (UB) di altre p-trm, in intervalli di T non sovrapposti. Procedura: Per l analisi, il campione viene prima scaldato e poi raffreddato dapprima in assenza di campo, schermando anche quello terrestre. Si ricava in questo modo il valore di NRM per temperature via, via crescenti. Successivamente si ripetono i trattamenti termici con l applicazione di un campo a valore noto, H lab, accuratamente riprodotto in ogni esperimento e si ricava il valore di TRM di nuovo per ogni temperatura via, via crescente. Nel grafico (Fig. 18) che riporta NRM in funzione di TRM, la pendenza risulta uguale al rapporto H a /H lab. Figura 18: (sinistra) Variazione della NRM e della TRM in funzione delle temperature applicate nel processo di smagnetizzazione progressiva (NRM) e di magnetizzazione progressiva (TRM). (destra) Variazione della NRM in funzione della TRM acquisita per ogni valore di temperatura analizzato: la pendenza della retta NRM/TRM equivale al rapporto H lab /H n (laboratorio/naturale) Ipotizzando di aver applicato un campo H sufficientemente piccolo da mantenere la fenomenologia nella zona iniziale, di linearità del ciclo di isteresi (Rayleigh), vale in entrambi i casi di riscaldamento senza e con campo il rapporto: M = α H. Risulta pertanto che: M lab α H = lab corrisponde alla TRM acquisita in laboratorio M n α H = n corrispondente alla NRM acquisita in natura. Eguagliando il termine di proporzionalità α fra le due equazioni sopra riportate, risulterà: M M lab n = H H lab n e, come conseguenza è possibile ricavare H n (Fig. 15 destra), 40

12 H n= NMR H TRM cioè il valore del campo naturale esistente al momento dell induzione della rimanenza magnetica naturale. Esistono in realtà diversi metodi per effettuare una pulizia magnetica o demagnetizzazione. I più applicati sono i seguenti, anche se sta sempre più prendendo piede la smagnetizzazione in forno a microonde per questioni di rapidità: lab Smagnetizzazione termica. Il campione viene ricotto in un campo zero a temperature via via crescenti. Dopo ogni cottura viene misurata la rimanenza magnetica. Ad ogni passaggio di T, solo i grani con blocking temperature inferiore alla temperatura di smagnetizzazione applicata, risultano smagnetizzati. Smagnetizzazione in campo alternato. Il campione è sottoposto ad un campo alternato progressivamente ridotto a zero. La curva di smagnetizzazione è ottenuta esponendo il campione ad una serie crescente di valori di campo. Dopo ogni passaggio si misura la rimanenza magnetica. 41

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale rimanente naturale L archeologia e il tempo, Metodi di datazione 4-8 Maggio 2009, Peveragno (Cuneo) Parte I Magnetizzazione Rimanente Naturale S Magnetizzazione naturale rimanente in un campione di roccia

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Laboratorio sui logaritmi Il regolo calcolatore Bozza di progetto Il regolo calcolatore è una delle piú antiche ed utilizzate applicazioni dei logaritmi. Consiste

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B Equazioni di Maxwell nei mezzi e indice di rifrazione I campi elettrici e magnetici (nel vuoto) sono descritti dalle equazioni di Maxwell (in unità MKSA) E ϱ ɛ 0 () E B (2) B 0 (3) E B µ 0 j + µ 0 ɛ 0

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo Paolo Cavallo 10 marzo 2004 Sommario Si riassume una strategia per la presentazione dei principi della meccanica quantistica

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli