Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Anno accademico Insegnamento: Biochimica I Test di autovalutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Anno accademico 2010-2011 Insegnamento: Biochimica I Test di autovalutazione 14-09-2011"

Transcript

1 Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Anno accademico Insegnamento: Biochimica I Test di autovalutazione la produzione di tropocollagene richiede la disponibilita di una vitamina che supporta l attivita di un enzima necessario alla modificazione post-trascrizionale della proteina. L enzima e dotato di attivita : a-proteolitica b-deidrogenasica c-ossidasica d-decarbossilasica 2-La struttura a beta foglietto viene stabilizzata da: a-interazioni di van der Waals tra le catene laterali degli amminoacidi b-legami ad idrogeno tra i gruppi CO e NH di amminoacidi di catene appaiate c-interazioni di tipo elettrostatico tra le catene laterali di amminoacidi contigui d-ponti disolfuro 3-Le proteine oligomere a-sono necessariamente dotate di struttura quaternaria b-sono tutte dotate di attivita enzimatica c-hanno tutte struttura globulare d-vengono assemblate in ambiente extracellulare. 4-Una proteina regolata covalentemente a-e substrato di un enzima b-modifica la sua attivita in modo progressivo e modulare c-lega covalentemente il suo ligando d-catalizza reazioni di formazione o rottura di legami covalenti 5-In un sistema biologico costituito da un enzima e dal suo substrato (concentrazione costante di enzima e variabile di substrato) viene aggiunto un composto ad attivita incognita. Si osserva un aumento della Km. La diagnosi e : a-la molecola si comporta da inibitore di tipo non competitivo b- la molecola si comporta da attivatore dell enzima c-la molecola si comporta da inibitore di tipo competitivo d-si tratta di un evidente artefatto dovuto ad errore sperimentale 6-Per conoscere le caratteristiche di un enzima l approccio cinetico e molto informativo e di facile applicazione. Esso consiste in: a-purificazione dell enzima e valutazione delle condizioni ottimali di reazione b- Studio del tipo di reazione che l enzima catalizza e del suo meccanismo c-misure della velocita di reazione in presenza di diverse concentrazioni di substato d-misura della quantita di prodotto che l enzima e in grado di formare quando sono presenti grandi quantita di substrato 7-Le membrane biologiche sono formate da un doppio strato lipidico, costituito per lo piu da glicerofosfolipidi, diversi tra loro per la natura chimica della cosi detta testa. Quali molecole possono andare a costituire la testa dei glicerofosfolipidi? a- colina. b- serina. c- etanolammina d- glicerolo e- inositolo f- fosfatidilglicerolo

2 8-Attribuire alle seguenti strutture il nome corretto: cisteina aspartato triptofano lisina 10-Il fenomeno di cooperativita positiva a-e tipico di enzimi che subiscono attivazione da molecole diverse dal substrato b-si manifesta solo se la proteina ha piu di un sito di legame per diversi ligandi c-puo essere quantificato e descritto dal coefficiente di Hill che puo assumere valori compresi tra 0 e n, dove n e il numero dei siti d-si osserva tra proteine che interagiscono nei processi di segnalazione cellulare. 11-Il ruolo del 2,3BPG e quello di: a-liberare calcio dai siti di accumulo intracellulari b-diminuire l affinita dell emoglobina per l ossigeno c-aumentare la quantita di ossigeno che puo essere legata a livello polmonare d-promuovere il legame di prooni a emoglobina 12-quando emoglobina si trova in presenza di ossigeno e monossido di carbonio in eguale concentrazione: a-i due gas si legano ad emoglobina in eguale quantita b-emoglobina puo legare solo ossigeno c-emoglobina ha maggiore affinita per il monossido di carbonio, che quindi viene legato in modo preferenziale. d- i due gas reagiscono tra loro, formano biossido di carbonio che si lega ad emoglobina in un sito diverso da quello dell ossigeno. 13-La proteina mioglobina ha elevatissima affinita per l ossigeno: questa sua proprieta e essenziale: a-per evitare i fenomeni di danno ossidativo ai tessuti b-per consentire ai tessuti caratterizzati da attivo metabolismo ossidativo di recuperare rapidamente l ossigeno dai globuli rossi c-per permettere alle cellule di crearsi una riserva di ossigeno da usare al momento del bisogno d-per trasportare ossigeno tra cellule di diversi tessuti.

3 14-Le cellule sono dei minuscoli reattori nei quali avvengono migliaia di reazioni chimiche nello stesso momento. Qual e il ruolo degli enzimi? Individua la risposta sbagliata: a-modificare il percorso della reazione generando intermedi a piu basso contenuto energetico b-accelerare le reazioni mediante una modificazione dello stato di equilibrio chimico della reazione c-legare il o i reagenti generando effetti prossimita e orientamento d-ridurre lo stato entropico dei reagenti 15-gli enzimi che appartengono alla classe delle ossido reduttasi possono utilizzare come cofattore il NAD+. a-qual e la sua struttura? cfr testo di Biochimica b-in che forma vengono trasportati gli equivalenti riducenti? ioni H+ c-dove vengono legati? cfr testo di Biochimica d-da che vitamina origina il NAD+? vitamina B3 (niacina) 16-la vitamina K svolge un ruolo essenziale nel processo della coagulazione. Il suo meccanismo consiste: a-nella partecipazione alla cascata della coagulazione con il ruolo di attivatore di trombina b-nella prevenzione dell ossidazione delle membrane fosfolipidi che che supportano l attivazione dei fattori della coagulazione c-nella partecipazione alla reazione di gamma-carbossilazione dei fattori della coagulazione in sede epatica d-nel partecipare con ruolo di coenzima all attivazione del fattor X in fattor Xa da parte del fattor IXa. 17-La struttura terziaria di una proteina descrive la forma nello spazio di una proteina monometrica. Quali interventi possono provocarne la denaturazione, possibilmente reversibile? Individua la risposta sbagliata. a-modificazione del ph b-innalzamento della temperatura c-abbassamento della temperatura d-uso di agenti riducenti 18-Le immunoglobuline di tipo G sono formate da: a-4 catene polipeptidiche b-2 catene polipeptidiche ciascuna IgG puo legare c-2 deteminanti antigenici d-4 determinanti antigenici

4 19-Individuare quale fattore, tra i seguenti, non influenza l affinita dell emoglobina per l ossigeno a-temperatura b-ph c-anidride carbonica (CO2) d-cationi bivalenti 20-Il processo di assemblaggio sovra molecolare delle seguenti strutture e spontaneo. Individua la risposta sbagliata a-microfibrille collagene b-f-actina c-fibrina d-proteoglicani 21-La fosforilazione e per molte proteine, un evento regolatorio. In quale range ci attendiamo vada a cadere la variazione della attivita della proteina una volta fosforilata? a-10-30% b-50-60% c-100% d-30-60% 22-I glicolipidi sono un importante componente delle membrane biologiche, essi infatti possono svolgere tutte le funzioni sotto riportate tranne una: a-recettoriale b-determinanti antigenici c-sito di ancoraggio per proteine associate alla membrana d-substrati per l attivita di chinasi coinvolti nella segnalazione cellulare 23-Nei ripiegamenti tra diversi domini strutturali/funzionali di una proteina (beta-turn) e sempre presente l amminoacido a-serina b-prolina c-arginina d-lisina 24-Le proteasi a serina si avvalgono di una triade catalitica altamente conservata costituita dagli amminoacidi: a-ser-hys-asp b-gln-lys-gly c-asp-gly-treo d-glu-lys-phe 25-Il legame peptidico e un legame molto forte perche : a-e cooperativo b-e stabilizzato da legami idrogeno c-ha parziale carattere di doppio legame d-non e piu forte di tutti gli altri legami covalenti 26-La vitamina B12 contiene un atomo di metallo. Si tratta di: a-fe b-mg c-co d-cu

5 27-Quale variazione e attesa nei parametri cinetici fondamentali di un enzima regolatore in presenza di un inibitore competitivo? a-diminuzione di Vm b-dimiuzione di Km e di Vm c-aumento di Km d-aumento di Km e diminuzione di Vm 28-La protrombina, detta anche fattore II della coagulazione, viene attivata ad una velocita compatibile con l arresto del flusso ematico grazie alla disponibilita : a-superfici fosfolipidiche cariche negativamente, Fattor IXa, Fattore VIII b- superfici fosfolipidiche cariche negativamente, Fattor IXa, Fattore V, ioni calcio c-vitamina K, fattor VII, superfici fosfolipidi che d-trombina, fattor V, ioni calcio 29-l emoglobina fetale lega ossigeno con affinita maggiore rispetto a emoglobina adulta perche : a-e formata da due catene globiniche invece di 4 b- contiene solo catene alfa c-e formata da catene alfa e gamma, incapaci di legare 2.3 BPG d-e formata da 4 gamma, quindi ha diversa struttura, piu affine all ossigeno 30-La regolazione di una proteina allosterica e mediata da: a-modificazioni conformazionali della proteina stessa, provocate dal legame con l effettore. b-modificazioni covalenti della proteina c-eventi di fosforilazione d-eventi di adenilazione 31- L attivazione della fosfolipasi C a-comporta idrolisi di fosfatidilinositolo b-viene innescata da meccanismi che non richiedono consumo di energia c-e causata da interazione con una proteina G di tipo i d- causa produzione di IP3 e DAG 32-I canali per il calcio del reticolo endoplasmatico: a-sono canali voltaggio dipendenti b-vengono aperti con meccanismo camp-dipendente c-sono formati da quattro subunita d-vengono inattivati per fosforilazione 33-I domini SH2, presenti in molte proteine di segnalazione, permettono alla proteina di interagire con: a-sequenze proteiche ricche in cisteina b-sequenze proteiche ricche in prolina c-altre proteine contenenti lo stesso elemento strutturale d-proteine fosforilate in tirosina 34-Le variazioni della concentrazione di calcio intracellulare nella cellula stimolata con opportuna molecola segnale sono dell ordine di: a- 2-3 volte b volte c- 100 volte d volte

6 35-I livelli di calcio intracellulare, innalzati in seguito a stimolazione, vengono riportati ai livelli basali principalmente grazie a: a-attivazione delle pompe Na/K ATPasi b-chiusura dei canali del calcio IP3-dipendenti c-attivazione delle pompe Ca2+ ATPasi d-legame del calcio a calmodulina 36- I domini proteici calcio leganti a-vengono definiti domini EF ed hanno struttura ad alfa elica b-sono caratterizzati da struttura globulare e ricchezza di amminoacidi acidi c-sono omologhi ai beta turn d-sono caratteristici delle proteine leganti il DNA 37-La protein Kinasi C viene attivata dalla seguente combinazione di fattori: a-interazione con TRKR attivato tramite sequenza SH2 e fosforilazione in tirosina b-taglio proteolitico calcio dipendente e legame con il Ca c- interazione con ioni Ca e con il DAG d-interazione con il Ca e con PIP3 38-La proliferazione cellulare dipendente da attivazione di PKC e mediata da: a-attivazione della via delle MAP chinasi e di NF-kB b-attivazione di Sos c-attivazione di PI3K d-nessuno dei meccanismi sopra riportati e corretto 39-Le radiazioni luminose, colpendo i bastoncelli nella retina, provocano il seguente fenomeno: a-apertura dei canali Na/Ca con aumento della concentrazione intracellulare di calcio b-depolarizzazione della membrana del bastoncello c-aumento della concentrazione di cgmp d-chiusura dei canali ionici cgmp-dipendenti causata da diminuzione della concetrazione di cgmp 40-Un meccanismo di segnalazione paracrina e caratterizzato da: a-piccolo raggio d azione b-attivazione di risposte carattere sistemico c-produzione di molecole segnale che si auto inattivano in tempi rapidi d-attivazione del ciclo cellulare nelle cellule target 41-Le proteine di segnalazione possono essere agganciate alla membrana grazie a modificazioni di tipo covalente che le rendono in grado di interagire tra loro con maggiore efficienza. Tali modificazioni possono consistere in a-eventi di fosforilazione in tirosina b- interazione con lipidi modificati da PLC e PI3K tramite sequenze PH c-fosforilazioni in serina e/o treonina d-palmitoilazione di un SH cisteinico 42-L enzima adenilato ciclasi gode di tutte le proprieta sottoriportate tranne una: a-viene attivata da Gs b-e una proteina dimerica integrale di membrana c-consuma ATP d-diviene attiva dopo essere stata fosforilata in serina

7 43-Le subunita βγ di una proteina G trimerica svolgono tutte le funzioni sotto riportate tranne una: a-controllano l interazione della proteina G con il recettore b- attivano canali per il potassio c-attivano isoforme di PLC d-attivano canali per il calcio 44-Il meccanismo di attivazione di PKA da parte di camp prevede: a-il legame di camp alle 4 subunita catalitiche che divengono cosi attive b-il legame di due molecole di camp alle subunita regolatorie di PKA, dissociazione dalle 2 subunita catalitiche con conseguente loro attivazione c-legame covalente di camp a PKA che diviene adenilata ed attiva d-camp non attiva PKA ma PKC 45-La rodopsina e una molecola integrale di membrana contenente un gruppo prostetico derivato dalla vitamina: a-b2 b-e c-a d-acido ascorbico 46-Il meccanismo di inattivazione della rodopsina prevede: a-fosforilazione da parte di rodopsina chinasi e legame con arrestina b-internalizzazione del recettore e demolizione in vescicole fuse con lisosomi c-inattivazione da parte di βγ d-legame con transducina e ubiquitinazione 47-La segnalazione innescata dai recettori olfattivi e mediata da: a-attivazione di PKC che fosforila canali ionici provocandone l apertura b-aumento di camp che attiva canali camp-dipendenti provocando un potenziale del recettore c-attivazione di PLC con aumento di calcio citosolico e quindi aumento del potenziale di membrana d-modificazioni nell assetto del doppio strato lipidico nella regione dei lipid rafts. 48-Il recettore per il fattore di crescita PDGF, ingaggiato dal ligando, attiva fosfolipasi C-γ mediante: a-fosforilazione in tirosina b-interazione dell enzima fosfolipasi C-γ con specifica fosfotirosina recettoriale c-fosforilazione di fosfatidilinositolo di membrana, substrato di PLC-γ d-il recettore PDGF non attiva PLC-γ 49 La proteina Ras viene attivata da numerosi fattori di crescita. Quali fattori sono richiesti per la sua attivazione? a-pi3k e PDK1 b-grb2 e Ras-GEF c-gtp Grb-2 e Ras-GEF d-atp Grb2 e Ras-GEF 50-Ras attiva diversi effettori dotati di attivita enzimatica, inducendo nella cellula segnali di sopravvivenza e proliferazione. Quale evento molecolare viene utilizzato da Ras per attivare i suoi effettori? a-reclutamento e cambio conformazionale dell effettore b-fosforilazione in tirosina c-fosforilazione in serina d-rimozione degli inibitori

8 51-La via delle MAP chinasi viene accelerata e resa specifica grazie a: a-associazione alla membrana plasmatica b-associazione alla membrana del reticolo c-associazione a proteine impalcatura d-disponibilita di ioni calcio 52-la PI3K genera fosfolipidi fosforilati, attivatori di ser-treo-chinasi. Scrivere la reazione catalizzata da questo enzima (con le formule di struttura). 53-La via di segnalazione PI3K-dipendente prevede il reclutamento in membrana di due proteine serina chinasi legate tra loro dalla seguente relazione: a-pkc, reclutata in membrana, fosforila CAMK b-il prodotto dell attivita catalitica di PI3K recluta in membrana NOS che attiva PKG c- si verifica reclutamento di PLC che viene attivata da PDK d-pkb viene reclutata in membrana, e attiva parzialmente: viene attivata per fosforilazione da PDK1,anch essa reclutata in membrana. 54-La tirosina chinasi Src e una chinasi di massa molecolare 60 kd. Quale tra le seguenti affermazioni e sbagliata: a-src e una chinasi citosolica. b-src contiene domini SH2, SH3 e tirosina chinasico c-src inattiva non presenta alcuna tirosina fosforilata d-la proteina si attiva per autofoforilazione promossa da cambio conformazionale innescato da interaione di SH2 con fosfotirosine recettoriali 55-L inattivazione dei recettori TRK e mediata da: a-fosforilazione del sito di legame per il ligando b-interazione con Cbl che innesca l ubiquitinazione del recettore internalizzato c-inibizione del sito chinasico da parte di proteine scaffold inibitorie d-l attivita chinasica perde progressivamente di efficienza:si legano alle P-tyr proteine inibitorie che bloccano la segnalazione. 56-eritropoietina e un citochina specifica per il differenziamento delle cellule staminali ematopoietiche in direzione eritrocitaria. La via di segnalazione accesa da questa citochina coinvolge: a-recettori di tipo TRK b-recettori a sette eliche c--produzione di NO d-reclutamento della chinasi citosolica JAK su TPO-R e fosforilazione della proteina STAT

9 57- Il recettore per TGF-β a-e un recettore nucleare b-e un recettore dotato di attivita serina-treonina chinasica c-e un recettore canale che attiva la cellula modificando la concentrazione del calcio intracellulare d-attivato, forma un omodimero che si attiva per transautofosforilazione 58-il cgmp viene prodotto da guanilato ciclasi, che, nella forma solubile, e a sua volta attivata da: a-no b-proteina G trimerica c-aumento di calcio ioni d-reclutamento in membrana dopo formazione di PIP3 59-I recettori intracellulari sono dedicati al riconoscimento di segnali costituiti da molecole : a-molto abbondanti nell organismo b-in grado di attraversare la membrana plasmatica c-che funzionano esclusivamente attraverso modificazioni del livello di espressione di geni target d-che potrebbero indurre nella cellula una risposta di tipo citotossico 60-le proteine adesive offrono alle cellule siti di attacco venendo riconosciute da una numerosa famiglia di recettori complessivamente definiti: a-glicocalice b-siti di adesione focale c-integrine d-citoadesine.

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione

Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione Com é noto, nella larga maggioranza dei casi, il passaggio attraverso la membrana plasmatica dell infor mazione

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI

Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI I T I S G. F E R R A R I S Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI 1 Indice 1. La struttura! 2 2. Le prestazioni: l efficienza e la specificità! 7 3. L influenza

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

METABOLISMO LIPIDICO. Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva. Lipidi introdotti con gli alimenti.

METABOLISMO LIPIDICO. Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva. Lipidi introdotti con gli alimenti. METABOLISMO LIPIDICO cistifellea Lipidi introdotti con gli alimenti Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva inestino I lipidi sono emulsionati dai sali biliari e resi accessibili

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA Biochimica Ciclo XXI Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 TITOLO TESI Trasduzione del segnale e poliamine nell apoptosi

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Domini nelle Proteine

Domini nelle Proteine Struttura secondaria, Motivi e Domini nelle Proteine Proprietà generali Le forme ioniche degli aminoacidi, senza considerare alcuna ionizzazione delle catene laterali. Proprietà generali Tutti gli aminoacidi

Dettagli

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1 Indice: Pagina Acidità degli acidi carbossilici 2 eattività degli acidi carbossilici 4 Preparazione dei cloruri 5 Preparazione delle anidridi 6 Preparazioni degli esteri 7 Preparazioni delle ammidi 8 Sintesi

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

BIOCHIMICA DEL COBALTO

BIOCHIMICA DEL COBALTO BIOCHIMICA DEL COBALTO 1. Chimica del Co di interesse in bioinorganica 2. Funzioni del Co nei mezzi biologici 3. Vitamina B 12 4. Derivati della vitamina B 12 nella catalisi enzimatica 5. Complessi modello

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

VITAMINE IDROSOLUBILI

VITAMINE IDROSOLUBILI VITAMINE IDROSOLUBILI VITAMINA B1 o TIAMINA formula di struttura Stabile in soluzione acida Sensibile al calore, alle basi e alla luce UV VITAMINA B1 assorbimento Sito di assorbimento: duodeno tramite

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

RESPIRAZIONE CELLULARE

RESPIRAZIONE CELLULARE Prof Mauro Tonellato ITI Marconi Padova EPIAZIE ELLULAE Indice: espirazione cellulare Primo stadio della respirazione cellulare Glicolisi La prima fase della glicolisi La seconda fase della glicolisi eazioni

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli