Paleomagnetismo. Il paleomagnetismo è un settore della geofisica che riguarda lo studio della magnetizzazione rimanente delle rocce

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paleomagnetismo. Il paleomagnetismo è un settore della geofisica che riguarda lo studio della magnetizzazione rimanente delle rocce"

Transcript

1 Paleomagnetismo Il paleomagnetismo è un settore della geofisica che riguarda lo studio della magnetizzazione rimanente delle rocce Permette di determinare la direzione, ed eventualmente l intensità, del campo magnetico presente al momento della formazione delle rocce A cura di Sara Satolli

2 La scoperta VI secolo a.c: Prime osservazioni scientifiche del filosofo greco Talete. Riteva che tali pietre magnetiche fossero attratte fra di loro perché possedevano un anima (teoria degli Animisti) III secolo a.c: i cinesi già conoscevano le proprietà magnetiche delle rocce ricche in magnetite (chi si= pietra amante) e avevano probabilmente costruito le prime bussole (lodestone spoon; indicava il sud). La bussola arrivò in Europa non prima del 1100) 1907: teoria fisica del ferromagnetismo (Weiss): i minerali ferromagnetici sono caratterizzati da un campo molecolare che li porta ad allinearsi tutti nlla stessa direzione XX secolo: Koenisberger, Thellier, Nagata, Néel (premio Nobel nel 1970 per aver introdotto i concetti della meccanica quantistica nello studio del magnetismo) svilupparono i fondamenti teorici del magnetismo delle rocce. Si dice che la parola magnetite derivi dalla antica città greca di Magnesia ad Sipylum, in Anatolia In Cina viene chiamata chi si, che letteralmente vuol dire pietra amante Similmente, in francese si dice aimant 2

3 Geomagnetismo

4 Carte isomagnetiche Campo geomagnetico

5 Variazioni del campo geomagnetico La direzione e l intensità in superficie del campo geomagnetico cambiano col tempo VARIAZIONI ESTERNE - regolari (diurna lunare; diurna solare; diurna ciclica) - intermedie (pulsazioni) - irregolari (baie e tempeste) VARIAZIONI INTERNE Variazione secolare: - componente non-dipolare (<3000 anni) - componente dipolare (ca. 103 anni) Posizione del nord geomagnetico negli ultimi 2000 anni (Merrill and McElhinny, 1983) + INVERSIONI DEL CAMPO ( anni) ed ESCURSIONI (<1000 a)

6 Anomalie magnetiche ANOMALIA = RESIDUO al CAMPO NORMALE Considerando come CAMPO NORMALE di riferimento il campo magnetico che avremmo nella regione considerata se agisse solo il campo del nucleo fluido senza anomalie Anomalie su crosta CONTINENTALE: -Sono dovute a strutture complesse; - hanno lunghezza d onda piccola/ intermedia; - Qn= variab./basso Anomalie su crosta OCEANICA: -sono dovute all espansione dei fondali e parallele alle dorsali; - hanno grandi lunghezze d onda; - Q n = ALTO In armoniche sferiche è dato dal contributo con n>13-15 Q n = M n /M i (rapporto Königsberger) M n = magnetizzazione residua M i = magnetizzazione indotta

7 Anomalie su crosta continentale Le sorgenti più importanti per le anomalie magnetiche sui continenti sono le rocce caratterizzate da magnetizzazione indotta dal campo presente per la presenza di magnetite (rocce ignee o metamorfiche). La magnetizzazione M è funzione della percentuale P (valore 0-100) di magnetite contenuta nella roccia: M= (3-10) 10-2 P H Problemi e/o limitazioni: - P varia anche all interno dello stesso tipo di roccia e lateralmente su distanze di qualche km; - risulta difficile distinguere il rilievo del basamento da quello del contenuto in magnetite; - Variando l inclinazione I, varia l anomalia fornita dalla sorgente.

8 Anomalie su crosta continentale La stratificazione magnetica degli Appennini è data da: -Successione sedimentaria diamagnetica o a bassa suscettività (5-10 km); - Strati presumibilmente magnetici della Formazione del Verrucano (Triassico); - Basamento magnetico (natura sconosciuta) AGIP, 1986 La prima mappa di anomalie magnetiche dell Italia è stata realizzata misurando il campo magnetico dell Italia da un altezza di ca m con un magnetometro a Cesio. Mostra un campo residuo che cresce verso SE; le linee di isoanomalia sono ortogonali al fronte compressivo Chiappini et al., 2000 Una nuova carta è stata ottenuta utilizzando diversi data sets (terra e nave) ottenuti negli anni 70 e 80 che sono stati trattati in vari modi (rimozione variazione diurna; riduzione dei dati a una stessa epoca, confronto con l IGRF (Molina e De Santis, 1987) eccetera ). La nuova mappa mostra un anomalia positiva lungo tutta la catena Appenninica, in contrasto con un anomalia negativa nell area adriatica.

9 Inizio 900: Bernard Brunhes (1906) e Motonari Matuyama (anni 20), scoprirono che le rocce possono essere suddivise in due gruppi: - a polarità normale, caratterizzato da minerali magnetici che hanno la stessa polarità del campo magnetico terrestre attuale - a polarità invertita, cioè opposta a quella del campo geomagnetico attuale. Anni 50 Scoperta delle anomalie magnetiche oceaniche I rilievi con magnetometri fluxgate (impiegati dagli aerei durante la seconda guerra mondiale per individuare i sottomarini) dimostrarono la presenza nel fondo degli oceani di bande caratterizzate da intensità magnetica maggiore o minore di quella media del campo terrestre, grossolanamente parallele alle dorsali e apparentemente non collegate alla topografia. Anni 60 L'ipotesi di Vine & Matthews (1963) e Morley & Larochelle (1964) associa la presenza delle anomalie magnetiche sia con la generazione di nuovo fondo oceanico in corrispondenza delle dorsali, sia con le inversioni del campo geomagnetico. Una osservazione reale ha permesso di arrivare a due differenti deduzioni teoriche: espansione degli oceani e inversioni ricorrenti del campo magnetico terrestre.

10 Stratificazione della crosta oceanica Anomalie magnetiche oceaniche Apertura dorsale oceanica Anomalie magnetiche

11

12 Anni 60 Scala di polarità geomagnetica Le datazioni K-Ar di rocce ignee del Pliocene Pleistocene igneous rocks permisero di scoprire che rocce della stessa età provenienti da località diverse avevano la stessa polarità. Evolutione della scala di polarità geomagnetica del Pliocene- Pleistocene fra il 1963 e il 1979 (modificata da McDougall, 1979).

13 Nomenclatura L unità base della magnetostratigrafia è la zona di polarità magnetica (polarity zone): essa può essere costituita da: - Strati con un unica polarità - Alternanza di strati a polarità normale o inversa - Strati a polarità prevalentemente normale (o inversa) con parti minori a polarità opposta Gli intervalli di tempo delle polarità geomagnetiche vengono riferiti al crono che deriva dal sistema di numerazione delle anomalie magnetiche oceaniche Gli intervalli a polarità normale vengono indicati da un numero (oppure da una lettera e da un numero) Ai croni inversi che precedono l intervallo normale viene aggiunto il suffisso r Analogamente a quanto avviene nella scala geocronologica, la zona di polarità magnetica può essere suddivisa in subzone Zone e subzone corrispondono (dal punto di vista della nomenclatura) a croni e subcroni nella scala geocronologica. Inoltre abbiamo le escursioni (inversioni molto rapide)

14

15 CAMPO DIPOLARE! L assunzione fondamentale nel paleomagnetismo è che il campo geomagnetico registrato dalle rocce sia, in media, quello prodotto da un dipolo geocentrico assiale. Tale assunzione può essere considerata valida solo per intervalli di tempo maggiori di circa 10 4 anni Regola di Runcorn (1955) B(r,r'(t))=Bo(r) + B'(r'(t)) ( 4 con < B' >t>10 a = 0 D corrisponde ad una rotazione attorno ad un asse verticale I corrisponde ad una migrazione in latitudine formula del dipolo: tani=2tanλ Paleolongitudine?

16 GAD: verifiche Distribuzione lungo la latitudine delle scogliere coralline attuali e fossili (Briden and Irving, 1964). L ipotesi è stata confermata plottando l inclinazione di 52 campioni del Plio-Pleistocene di mare profondo contro la loro latitudine (Opdyke and Henry,1969).

17 Proprietà magnetiche della materia Qualsiasi materiale immerso in un campo magnetico esterno H acquisisce una intensità di magnetizzazione J. Per alcune sostanze, l intensità di magnetizzazione (o momento magnetico per unità di volume) J è proporzionale al campo magnetico applicato H, tramite una costante detta suscettività magnetica di volume k k = J H N.B.: potete trovare l intensità di magnetizzazione scritta come M anziché come J k esprime la risposta di un materiale al campo magnetico esterno e la facilità con la quale esso si magnetizza In base alla loro suscettività magnetica k, le sostanze possono essere suddivise in tre categorie

18 Proprietà magnetiche della materia -diamagnetiche: suscettività negativa (k<0; generalmente k<-10-5) ; sostanze che hanno tutti gli orbitali elettronici completi, con atomi che non hanno momenti di dipolo magnetico permanenti. In presenza di un campo magnetico esterno, le cariche elettriche tendono a schermare l interno del corpo, si crea quindi un debole campo magnetico con direzione opposta al campo applicato quarzo, calcite e dolomite, oro, galena, argento e zolfo -paramagnetiche: suscettività positiva, k>0 (compresa fra 10-5 e 10-3 ); sostanze che hanno atomi con un momento magnetico permanente dovuto alla rotazione degli elettroni attorno al proprio asse; i dipoli tendono ad allinearsi parallelamente al campo magnetico esterno. La maggior parte dei minerali che costituiscono le rocce sono paramagnetici fayalite, pirosseno monoclino, biotite, granati, anfibolo e rutilo -ferromagnetiche (e anche ferrimagnetiche e antiferromagnetiche): k >>0; (>10-2 ).

19 Proprietà magnetiche della materia Diamagnetico Paramagnetico Ferromagnetico 19

20 Proprietà magnetiche della materia I minerali ferromagnetici sono gli unici che possono conservare una memoria del campo magnetico applicato anche dopo la sua rimozione

21 Proprietà magnetiche: Ciclo d isteresi La suscettività magnetica dei minerali ferromagnetici sottoposti a un campo magnetico descrive una curva che prende il nome di ciclo d isteresi. Magnetizzazione di saturazione (Js): massima magnetizzazione raggiungibile Magnetizzazione rimanente (J IRM ): magnetizzazione del corpo in assenza di campo Coercitività (Hc): campo magnetico necessario ad annullare la magnetizzazione misurata mentre agisce il campo. Coercitività della rimanenza: campo magnetico necessario ad annullare la magnetizzazione rimanente.

22 Proprietà magnetiche della materia Le caratteristiche d isteresi e di stabilità magnetica dipendono anche da dimensioni dei minerali e loro stato magnetico. Superparamagnetici (SP): granuli molto piccoli (d<0.035 µm) e magneticamente instabili; l energia termica ambientale è sufficiente a disorientarli. In assenza di campo la loro magnetizzazione è sempre zero. Singolo dominio (SD): granuli costituiti da un unico dominio magnetizzato e saturo (il suo ciclo d isteresi è un quadrato); idealmente, l unico modo per cambiare la magnetizzazione è invertirla; massimi valori di rimanenza e campo coercitivo (0.035 µm < d < 0.08 µm). Pseudo singolo dominio (PSD): vasta tipologia di granuli dimensionalmente al limite tra il singolo dominio e il multidominio, di magnetizzazione ancora stabile (0.08 µm < d < 15 µm). Multidominio (MD): granuli di dimensioni maggiori, suddivisi in vari domini magnetici, la magnetizzazione globale del granulo è meno stabile ed intensa a causa delle interazioni e degli equilibri tra i domini costituenti (d>20 µm). 22

23 Sebbene più abbondanti nelle rocce ignee, i minerali magnetici sono presenti in quasi tutte le rocce terrestri, spesso solamente come minerali accessori in quantità del 0.1-3% in peso. I minerali magnetici più importanti sono costituiti da: -ossidi di ferro puri, come magnetite ed ematite, e loro soluzioni solide con gli ossidi di titanio, cioè la serie magnetite-ulvospinello (titanomagnetiti) e la serie ematite-ilmenite (ilmenoematiti); -idrossidi di ferro, fra cui la goethite; -solfuri, come pirrotina e greigite; Minerali magnetici La capacità di una roccia di registrare il campo magnetico presente al momento della sua formazione dipende dal tipo di minerali che questa contiene - ferro e nichel elementari, che in natura si trovano solo in alcune rocce ignee ultrabasiche. La capacità di una roccia di registrare il campo magnetico presente al momento della sua formazione dipende dal tipo di minerali che questa contiene

24 Effetto piezomagnetico È un fenomeno magnetico grazie al quale i materiali ferro- e ferrimagnetici possono subire variazioni di k a seguito di forti sollecitazioni meccaniche (es.: terremoti). Può avvenire durante un evento sismico (effetto sismomagnetico) k // = k 0 1+ ap p=pressione; a= costante ~ 10-4 (kg/cm 2 ) -1 k subisce una diminuzione lungo la direzione di maggior compressione (e un aumento nella direzione perpendicolare) Nella ricerca per la previsione dei terremoti, il rilevamento sistematico di tali variazioni permetterebbe di prevedere i terremoti alcuni giorni prima. Non è possibile soprattutto per due motivi: -Necessità di una rete di magnetometri in grado di coprire tutto il territorio (molto costosa); -Difficoltà nel discriminare l effetto piezometrico dal rumore di fondo

25 Magnetizzazione delle rocce (indotta e residua) Una roccia ferromagnetica presenta una magnetizzazione propria dovuta a: - magnetizzazione indotta, dovuta al fatto che il campione è immerso nel CMT (dipende dalla suscettività della roccia); - magnetizzazione residua, che è quel che resta dopo avere rimosso la magnetizzazione del CMT attuale; La magnetizzazione residua può essere sorprendentemente maggiore di quella indotta dal campo attuale. L importanza relativa delle due magnetizzazioni è quantificata dal rapporto di Königsberger: Q n = M n / M i Le rocce ignee presentano valori di questo rapporto compresi fra 2 e 10 e nel caso di alcuni basalti effusivi si arriva a circa 100.

26 Acquisizione della magnetizzazione - TRM La magnetizzazione termica rimanente viene tipicamente acquisita dalle rocce ignee e dalle rocce metamorfiche di contatto quando si raffreddano sotto l azione di un campo magnetico esterno T>T C roccia allo stato fuso (stato paramagnetico) T=T C domini fluidi (stato super-paramagnetico) T<T B domini rigidi congelati con B T C = temperatura di Curie (Néel) = le sostanze ferromagnetiche in senso lato perdono la loro magnetizzazione rimanente (prevale l energia termica) T B = temperatura di blocco = temperatura alla quale la magnetizzazione dei domini diviene stabile

27 Acquisizione della magnetizzazione - DRM La magnetizzazione detritica rimanente viene acquisita dai sedimenti durante la loro deposizione. I granuli ferromagnetici sono sottoposti a diversi tipi di forze: - il campo magnetico terrestre, che tende ad allineare i granuli secondo la loro direzione di magnetizzazione - la turbolenza dell acqua, che tende a disporli in modo disordinato - la forza di gravità - moti browniani per i granuli di dimensioni minori di 0.1 µm Magnetizzazione postdetritica rimanente (pdrm): immediatamente dopo la sedimentazione ma prima della definitiva compattazione

28 Acquisizione della magnetizzazione- Altri tipi CRM (magnetizzazione chimica rimanente) quando si ha l enucleazione e l accrescimento di nuovi minerali magnetici a temperatura costante sotto l azione di un campo esterno. IRM (magnetizzazione isoterma rimanente) viene acquisita da rocce sottoposte ad un intenso campo magnetico, applicato a temperatura costante per breve tempo (es.: caduta di un fulmine o acquisita in laboratorio) magnetizzazione da taglio rimanente in sedimenti incoerenti sottoposti a taglio magnetizzazione da shock rimanente causata da impatti meteoritici + magnetizzazioni da laboratorio

29 Tempo di rilassamento Il tempo di rilassamento è il tempo necessario al dominio per acquisire una magnetizzazione parallela al campo magnetico esterno, o, viceversa, il tempo necessario perché la magnetizzazione si riduca a 1/e del valore iniziale τ = τ 0 exp vhcjsat 2KbT τ = tempo di rilassamento; τ 0 = tempo richiesto per l allineamento col campo esterno; v = volume del dominio; Hc = forza coercitiva; Jsat = magnetizzazione di saturazione; Kb = costante di Boltzmann; T = temperatura I granuli magnetici con tempo di rilassamento basso acquisiscono più facilmente magnetizzazioni successive alla loro formazione; la magnetizzazione primaria è più stabile nei granuli magnetici con tempo di rilassamento alto, nell ordine dei milioni di anni.

30 Campionamento paleomagnetico

31 Laboratorio di paleomagnetismo Parte del laboratorio è costituita da una stanza schermata dall effetto del campo magnetico esterno (mu-metal:alta permeabilità magnetica). Campo interno intorno a nt. Magnetometro criogenico (SQUID) Il funzionamento si basa sulla proprietà di superconduttività di alcuni metalli: si ha un comportamento perfettamente diamagnetico, con valore di induzione magnetica nullo al suo interno. Lo stato di superconduttore viene mantenuto grazie alla presenza di due serbatoi da 30 l di elio liquido (4 K) All interno dell anello superconduttore, le piccolissime variazioni del flusso magnetico dovute all introduzione dei campioni, generano una corrente indotta, di intensità proporzionale alla magnetizzazione del campione (legge di Faraday) Tale intensità viene rilevata tramite dei sensori SQUID (Superconducting Quantum Interference Device).

32 Orientazione dei campioni dimensioni standard = 22 mm di altezza e 25 mm di diametro Foto Sagnotti

33 Smagnetizzazione dei campioni Smagnetizzazione termica In assenza di campo magnetico, i domini magnetici si rimagnetizzano in maniera casuale, dando complessivamente un contributo nullo alla NRM del campione. Aumentando la temperatura per tappe, si isolano man mano le componenti di magnetizzazione più stabili, caratterizzate cioè da tempo di rilassamento maggiore. Smagnetizzazione per campo magnetico alternato (AF) Il campo AF viene applicato su tre diversi assi del campione e fatto decrescere gradualmente; quando il campo AF arriva a zero, i domini magnetici rimangono congelati nelle loro posizioni. Il campo AF viene aumentato di intensità per tappe, coinvolgendo man mano i domini con coercitività maggiore.

34 La magnetizzazione rimanente viene misurata dopo ogni tappa di smagnetizzazione Per ogni campione si ottiene un vettore di magnetizzazione dato da tre valori: -Intensità (A/m) -Declinazione -Inclinazione Analisi delle direzioni di magnetizzazione Il comportamento del vettore di magnetizzazione durante la smagnetizzazione può essere visualizzato graficamente tramite i diagrammi di proiezione ortogonale, o diagrammi di Zijderveld.

35 Analisi statistica (Fisher) La direzione paleomagnetica media viene determinata tramite la statistica di Fisher, che considera una distribuzione di dati su una sfera. Data una collezione di N campioni di roccia magnetizzata, con stessa intensità ma diversa direzione, associamo ad ogni direzione un vettore unitario tale che R sia il vettore risultante (con modulo minore o uguale a N). A ogni direzione è dato un peso unitario ed essa è rappresentata da un punto su una sfera di raggio unitario. La direzione individuata dal vettore R è la migliore stima della direzione media degli N campioni. Ad essa associamo la distribuzione di probabilità di Fisher: k=parametro di precisione Ψ= angolo dalla direzione media reale Un altro parametro statistico importante della distribuzione di misure paleomagnetiche è il semiangolo del cono di confidenza

36 Analisi statistica (Fisher) Sia k che α95 ci danno un idea dell affidabilità della misura e possono essere considerati affidabili solo se N>8 Una distribuzione dei punti random dà luogo a k=0, mentre una ideale con tutti i valori con la stessa direzione dà luogo a k=infinito. D=334.5 I=45.3 k=87.2 α 95 =4.5

37 Determinazione dei Poli Polo magnetico: punto sulla superficie terrestre in cui I = +/-90 Polo Geomagnetico: punto di intersezione tra asse geomagnetico (asse del dipolo) e superficie terrestre. Polo Geomagnetico Virtuale (VGP): posizione del polo dato da un dipolo geocentrico che fornirebbe la D e I osservate in un determinato sito in un determinato intervallo di tempo D e I cambiano a seconda del sito, ma la posizione del dipolo geocentrico è indipendente dal sito Polo Paleomagnetico: Posizione media di una serie di dati paleomagnetici sui quali la varizione secolare sia mediata (intervallo temporale maggiore di anni). Fornisce la posizione del polo geomagnetico rispetto all area campionata nell intervallo di tempo in cui la magnetizzazione primaria è stata acquisita.

38 Determinazione dei Poli Informazioni ricavate da D e I Inclinazione: - Quanto è lontano il polo dal sito (distanza angolare p) - p è il raggio di un cerchio centrato sul sito di campionamento che è il luogo di tutti i possibili VGP - corrisponde ad una migrazione in latitudine Declinazione: - è l angolo formato col meridiano che passa per il sito campionato - corrisponde ad una rotazione attorno ad un asse verticale Le coordinate del VGP possono essere calcolate con delle formule trigonometriche

39 Test di attendibilità - Test dell inversione Il test dell inversione può essere effettuato solo su quei siti che mostrano sia campioni con polarità normale che campioni con polarità inversa e permette di capire se davvero è stata isolata la componente primaria della magnetizzazione.

40 Test di attendibilità - Test della piega Permette di capire se la magnetizzazione di una roccia è stata acquisita prima o dopo il piegamento degli strati. D=323.5 D=7.8 I=50.9 I=41.3 k=13.6 k=49.1 α95=11.7 α95=6.0

41 Test di attendibilità - Test del conglomerato

42 Test di attendibilità - Test di contatto

43 -Comportamento del campo geomagnetico (lave: istantanee del campo; intrusioni magmatiche: campo mediato) -Datazione magnetostratigrafica (fondali oceanici fino a 180 Ma; rocce sedimentarie per periodi più antichi) -Ricostruzioni tettoniche (geodinamica locale) rocce sedimentarie: variazione secolare mediata -Ricostruzione del moto delle placche (geodinamica globale) -Fabric magnetico delle rocce (anisotropia) -Mineralogia magnetica Applicazioni -Archeomagnetismo manufatti: variazione secolare -Biomagnetismo (applicazioni ambientali)

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale rimanente naturale L archeologia e il tempo, Metodi di datazione 4-8 Maggio 2009, Peveragno (Cuneo) Parte I Magnetizzazione Rimanente Naturale S Magnetizzazione naturale rimanente in un campione di roccia

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo Paolo Cavallo 10 marzo 2004 Sommario Si riassume una strategia per la presentazione dei principi della meccanica quantistica

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B Equazioni di Maxwell nei mezzi e indice di rifrazione I campi elettrici e magnetici (nel vuoto) sono descritti dalle equazioni di Maxwell (in unità MKSA) E ϱ ɛ 0 () E B (2) B 0 (3) E B µ 0 j + µ 0 ɛ 0

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE

IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA SOLARE 1. Il Sistema Solare è isolato e composto principalmente di "spazio vuoto" con il 99% della massa concentrata nel Sole. 2. Le orbite

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli