Linee di Condotta PER LA. la sicurezza dei bambini è un affare di tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee di Condotta PER LA. la sicurezza dei bambini è un affare di tutti"

Transcript

1 Linee di Condotta PER LA protezione dei BAMBINI la sicurezza dei bambini è un affare di tutti Maggio 2008

2 LA POSIZIONE DI SOS VILLAGGI DEI BAMBINI PER COSA CI IMPEGNAMO Creazione e conservazione di un ambiente che offra protezione e accoglienza ai bambini SOS Villaggi dei Bambini è impegnato nella creazione e nella conservazione di un ambiente che offra protezione e accoglie ai bambini, promuovendone i valori e prevenendo lo sfruttamento e l abuso. Condanniamo fermamente tutte le forme di abuso e sfruttamento, sia interne che esterne alla nostra organizzazione, agiamo sempre in ogni caso di abuso, che sia esso provato, presunto, o tentato, all interno della nostra sfera di influenza e a seconda della sua natura. I nostri sforzi sono indirizzati all assicurazione che i meccanismi esistenti aumentino la consapevolezza, la prevenzione, ed incoraggino a rispondere prontamente. Spaziano da azioni di sviluppo delle risorse umane, come formazione adeguata e consuling, fino a misure come la sospensione, il licenziamento, le azioni legali. Le nostre LinEe di CondoTta si BasAno su a. Le radici, la visione, la mission e i valori di SOS Villaggi dei Bambini b. La Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Bambino (UNCRC) c. L esperienza e il contributo di interlocutori dalle varie associazioni nazionali di SOS Villaggi dei Bambini, inclusi gli stessi bambini e ragazzi che sono interlocutori importanti (si vedano gli interlocutori principali e i loro messaggi chiave elencati sotto) e il cui punto di vista è tenuto in gran conto d. Gli standard sulla protezione dei bambini ragazzi definiti dalla coalizione Keeping Children Safe QuaDro di RifEriMentO La sicurezza dei bambini è un affare di tutti SOS Villaggi dei Bambini lavora nel rispetto dell UNCRC: il miglior interesse del bambino è la nostra priorità. Ogni bambino ha il diritto di sviluppare appieno il suo potenziale, di ricevere un istruzione di qualità, ha diritto alla partecipazione e alla non discriminazione. Tutti abbiamo la responsabilità di proteggere i bambini da ogni forma di abuso, abbandono, sfruttamento, violenza e discriminazione. In queste linee di condotta, una speciale attenzione è dedicata ai meccanismi interni di prevenzione e risposta agli abusi all interno di SOS Villaggi dei Bambini. Introduzione Queste linee di condotta sono vincolanti per tutti i membri dell associazione SOS-Kinderdorf International. Sulla base di tale documento, ogni associazione membro definirà delle chiare strutture di controllo e monitoraggio, oltre a dei piani di gestione delle emergenze, che diano come risultato la protezione dei bambini nei paesi di appartenenza. Ogni bambino è potenzialmente a rischio di abuso e sfruttamento. Alcuni possono essere più vulnerabili di altri, a causa di varie forme di discriminazione legate al loro status socio - economico, a quello fisico all etnicità, CHILD PROTECTION policy - May 2008

3 alla casta di appartenenza, o alle condizioni di vita. Di conseguenza è di importanza fondamentale che ogni persona correlata a SOS Villaggi dei Bambini comprenda il suo ruolo e le sue responsabilità nella protezione dei bambini da ogni forma di abuso. Ogni definizione di abuso di minore richiede prima una definizione di bambino. Secondo l UNCRC un bambino è ogni essere umano avente un età inferiore a diciotto anni, salvo se abbia raggiunto prima la maturità in virtù della legislazione applicabile. Ci rendiamo conto che l abuso e lo sfruttamento minorile siano un fenomeno esistente in tutti gli stati e a tutti i livelli sociali. Tentare di definirlo come un fenomeno mondiale è tuttavia difficile a causa delle enormi differenze culturali, religiose, sociali, politiche, legali ed economiche che i bambini sperimentano. SOS Villaggi dei Bambini rispetta tutte le culture e le religioni; grazie ad un approccio interculturale e multidisciplinare siamo stati capaci di creare una cornice unica. Per prevenire e rispondere adeguatamente al fenomeno dell abuso dei minori, è di importanza cruciale che la nostra organizzazione raggiunga una comprensione comune di cosa è l abuso dei minori e in quali circostanze si debbano applicare le nostre linee di condotta e le nostre procedure. Inoltre, SOS Villaggi dei Bambini si impegna per una maggiore sensibilizzazione e prevenzione riguardo a favore di l advocacy con le famiglie, comunità e autorità nazionali al fine di promuovere la protezione dei diritti dei bambini. L UNCRC fornisce una cornice internazionale che sottolinea il diritto dei bambini alla protezione dall abuso e dall abbandono (articolo 19), dalla discriminazione (articolo 2) e dalle differenti forme di sfruttamento (articoli 32-36); un attenzione speciale è dedicata ai bambini privi di cure dei genitori (articolo 20), a quelli rifugiati (articolo 22), ai bambini a rischio di divenire tossicodipendenti (articolo 33), ai bambini che sono privati della libertà (articolo 37, 40) a quelli che vivono in situazioni di conflitto armato (articoli 38, 40). Capita spesso che il responsabile dell abuso sia una persona vicina al bambino e della quale il bambino si fida. Attraverso queste linee di condotta vogliamo modificare in positivo le abitudini delle famiglie dei nostri programmi e nostre comunità. SOS Villaggi dei Bambini riconosce inoltre l importanza della partecipazione del bambino, raggionando la sua capacità di pari. incoraggiare i bambini a denunciare gli abusi OBIETTIVI DELLE LINEE DI CONDOTTA Queste linne di condotta mirano a: prevenire i casi di abuso minorile e ridurne il numero (da-bambino-a-bambino, da-adulto-a-bambino) nelle strutture e nei programmi di ogni associazione membro. rendere i bambini consapevoli dei loro diritti e del loro ruolo attivo nella protezione dei bambini informare i bambini, i collaboratori, i membri del consiglio di amministrazione, quelli della famiglia e della comunità, volontari e partner (sponsor, donatori, giornalisti, autorità governative, etc.) sulle linee di condotta in materia di protezione dei bambini e le procedure correlate (sensibilizzazione, prevenzione, denuncia, risposta). incoraggiare i collaboratori a contatto con i bambini ad utilizzare le risorse richieste per contribuire allo sviluppo e alla protezione di ogni bambino. assicurare che tutti i collaboratori lavorino nelle condizioni necessarie per contribuire al benessere e alla protezione. favorire discussioni sincere e aperte sul tema dell abuso dei minori nei meeting nazionali e nei workshops in tutti i programmi e le strutture tra tutti gli interlocutori (i bambini, i giovani e le loro famiglie, gli educatori, lo staff manageriale, i membri del consiglio di am ministrazione, l ufficio raccolta fondi e comunicazione, insegnanti, personale addetto alla sicu rezza. mettere in campo dei canali di ascolto sicuri e trasparenti in tutti i tipi di programmi, che garantiscano il diritto ad essere ascoltati ( bambini, genitori, personale). 3

4 formare una rete attiva di protezione di modo che tutti i bambini e gli adulti all interno della nostra organizzazione siano protetti e al sicuro. All interno tra tutte le assicurazioni di SOS gli operatori lavorano insieme per proteggere i bambini. Cos è l abuso MiNorILE? definizioni e TerMinoLogia Definizione delle quattro categorie principali di abuso: 2 ABUSO FISICO è il dolore fisico reale o potenziale causato da un azione, o dalla sua mancanza tale azione è sotto controllo di un genitore o di un soggetto con una posizione di responsabilità, potere o fiducia. Per abuso fisico si intende colpire, sculacciare,scuotere, spingere, avvelenare, bruciare o scottare, annegare o soffocare. Può significare anche causare dolore fisico ad un bambino inventando o causando deliberatamente, i sintomi di una malattia. Incidenti del genere possono avvenire solo una volta o essere ripetuti. ABUSO SESSUALE è la presenze di un attività tra un bambino e un adulto o un altro bambino che, per età o sviluppo, è in una posizione di responsabilità, potere, o fiducia. L attività va intesa come gratificazione o soddisfazione dei bisogni dell altra persona. L abuso sessuale comporta la costrizione o l obbligo di un bambino a prendere parte ad attività sessuali sia che egli sia o no consapevole di quello che sta accadendo. Le attività possono coinvolgere il contatto fisico atti di penetrazione o di non - penetrazione. Questo significa anche coinvolgere il bambino nel guardare, o nel produrre, materiale pornografico, o incoraggiare il bambino ad avere comportamenti sessuali inappropriati. ABBANDONO E NEGLIGENZA è la mancanza di attenzione o l omissione da parte di chi assiste il bambino nelle aree essenziali allo sviluppo del bambino stesso: salute, istruzione, crescita emotiva, nutrimento, rifugio e condizioni di vita appropriate, rapportate al contesto delle risorse dsponibili che causa, o ha un alta probabilità di causare, dolore fisico o mentale, spirituale morale o sociale al bambino. Questo include la mancanza di una supervisione adeguata, protegge il bambino dal dolore quanto più sia possibile. ABUSO EMOTIVO è il persistente maltrattamento emotivo di un bambino che influisce in maniera negativa sulla percezione che il bambino ha di sé e sul suo sviluppo. Significa far sentire il bambino immeritevole, non amato, inadeguato, o fargli comprendere che la sua presenza serve solo a soddisfare i bisogni di un altro; caricarlo di aspettative inappropriate. L abuso emotivo si configura anche in azioni restrittive, nelle minacce, nella corruzione, nella ridicolizzazione, nella colpevolizzazione, in atti di bullismo, nell infliggere umiliazioni (per esempio fare delle domande potenzialmente imbarazzanti o chiedere risposte potenzialmente imbarazzanti) o altre forme fare richieste non fisiche di trattamento ostile o di rifiuto. Considerazioni Specifiche: Combattere e cambiare i comportamenti ABUSO DA BAMBINO A BAMBINO Accuse o preoccupazioni riguardo l abuso di un bambino da parte di un altro bambino vanno trattate con particolare sensibilità; tuttavia bisogna occuparsene utilizzando le procedure di protezione dei bambini. Tutto il lavoro con i ragazzi che si sono resi colpevoli di abusi richiede un approccio efficace che assicuri la protezione di chi ne è stato vittima, ma nello stesso tempo che sostenga il giovane nella battaglia per il cambiamento del suo comportamento. Ogni approccio del genere richiede: CHILD PROTECTION policy - May 2008

5 la presa di coscienza che l abuso ad opera di un bambino differisce in maniera significante dall abuso perpetrato da un adulto, in quanto il bambino non è pienamente consapevole del motivo per il quale ha commesso tale atto, o quali siano le dirette conseguenze. tenere a mente che il miglior interesse del bambino rappresenta sempre la considerazione primaria in tutte le decisioni da prendere sia per la vittima che per chi ha abusato di lui. DENUNCE STORICHE DI ABUSO L abuso storico si riferisce in queste linee di condotta all abuso che un adulto dichiara di aver subito da bambino o da ragazzo mentre era all interno di SOS Villaggi dei Bambini. Capita spesso che la vittima non denunci l abuso se non dopo molti anni dopo. Tali denunce sono ascoltate per alzare il livello di sicurezza dei bambini attraverso le procedure di protezione dei bambini. Tutte le asociazioni SOS villaggi dei bambini sono preparate a gestire denunce del genere in maniera trasparente e responsabile nel rispetto delle prestabilite procedure di gestione delle crisi. Trattamento responsabile di denunce di abuso storico Noi: ascolteremo le denunce di abuso storico le prenderemo seriamente e ci comporteremo responsabilmente di conseguenza. cercheremo di promuovere il benessere di quegli adulti che denunciano l abuso storico. proteggeremo ogni bambino al momento sotto la nostra tutela della persona accusata di aver commesso abuso. VIOLAZIONE DELLA PRIVACY DEI BAMBINI La protezione della privacy dei bambini si riferisce ai dati del bambino così come alle foto, ai documenti, ai filmati, etc. Riguardanti ai bambini che sono prodotti per scopi pubblicitari: Ogni informazione circa la storia del bambino, le sue condizioni di salute e il background familiare deve essere archiviato con cura nell amministrazione del Villaggio SOS. Questi dati devono essere maneggiati in maniera confidenziale e con discrezione. Consapevolezza della protezione della privacy del bambino I bambini i loro genitori e gli educatori possono non essere sempre a conoscenza di una forma specifica di abuso emotivo che può incorrere nel momento della raccolta fondi, delle pubbliche relazioni, o della comunicazione. La privacy di un bambino è, per esempio, violata dalla produzione di materiale pubblicitario non autorizzato (immagini, filmati, documenti ) che riguardano il bambino; o presentando dati sensibili all interno di un contesto che riveli l identità del bambino. SOS Villaggi dei Bambini rispetta il diritto dei bambini alla privacy 3. Tutti i collaboratori e i partner esterni coinvolti nella diffusione di informazione sui bambini e nella creazione e nella distribuzione di materiale pubblicitario devono seguono le seguenti linee guida 4 : Quando si produce del materiale pubblicitario che ritrae il bambino, chiediamo sia a lui che al suo tutore legale (o almeno a un adulto che si prenda cura di lui) il permesso per procedere in tal senso. Non chiediamo ai bambini di dire o fare nulla che possa farli apparire come oggetti di pietà (es. parlare del loro passato o chiedere donazioni). Trattiamo con cura i nomi dei bambini, in special modo quando si tratta di dati sensibili circa lo stesso bambino (es. il background familiare, la condizione di salute, disabilità o comportamenti negativi). 5

6 Usiamo cautela quando si tratta di combinare informazioni testuali e video nel caso in cui il testo includa informazioni sensibili circa un bambino o una foto o un video mostrino aspetti sensibili della vita di un bambino e ne rivelino l identità. Seguire queste linee guida garantisce il rispetto della privacy dei bambini, allo stesso tempo prevenendo e aumentando la consapevolezza della violazione di quella stessa privacy. Sulla base di queste linee guida, i collaboratori che lavorano con i bambini hanno il diritto e il dovere di proteggerli da ogni tentativo di violazione della privacy- sia esso intenzionale o meno. Stakeholders? La protezione dei bambini è un affare di tutti. E parte integrante del nostro lavoro e riguarda tutti i collaboratori di SOS Villaggi dei Bambini e chiunque venga in contatto con la nostra organizzazione. L approccio specifico è definito da ogni membro dell associazione sulla base delle Linee di condotta in materia di protezione dei bambini. Stakeholders Bambini ( 18 anni ) Giovani (18 anni o più all interno dei programmi SOS ) MESSAGGI CHIAVE PER QUESTI INTERLOCUTORI - Avete dei diritti e avete anche il diritto di dire No. - La violenza non è permessa. - Vi ascoltiamo e vi prendiamo sul serio. Adulti che sono hanno passato nella realtà di SOS - Anche voi siete degli interlocutori. - Vi ascoltiamo e vi prendiamo sul serio. - Sosteniamo i vostri fratelli e le vostre sorelle - rendendoli consapevoli dei loro diritti. Educatori che si occupano dei bambini e dei giovani (persone che sono a diretto contatto con i bambini): Educatrici residenziali assistenti familiari SOS, educatori - L amore e l affetto sono essenziali per costruire delle relazioni durature e stabili in una famiglia SOS - abbracciare e coccolare un bambino non vuol dire abusare di lui! - Siete sostenuti nel compiere nel modo migliore il vostro lavoro di cura - Non siete soli di fronte ad un caso di abuso bambino-bambino. Educatori, operatori sociali e psicologici - Siete sostenuti nello sviluppo di processi disciplinari positivi e partecipativi. Direttori di villaggio - Avete un ruolo importante nell assicurarvi che tutti gli interlocutori siano coinvolti e venga rispettato il punto di vista del bambino. CHILD PROTECTION policy - May 2008

7 - Avete il diritto di favorire il benessere del bambino rispetto ai bisogni dell informazione e della raccolta fondi. Famiglie biologiche dei bambini all interno dei programmi di SOS Villaggi dei Bambini Famiglie biologiche delle educatrici residenziali e assistenti familiari SOS - Siete sostenute nello sviluppo di processi disciplinari e partecipativi Insegnanti e collaboratori in tutte le strutture educative SOS Maestri d asilo Collaboratori nei programmi di rafforzamento familiare (persone che lavorano direttamente con le famiglie e i bambini): volontari, educatori nelle comunità MESSAGGI CHIAVE PER QUESTI INTERLOCUTORI - Siete dei modelli a cui ispirarsi e siete ascoltati. - Siete sostenuti nello sviluppo di processi disciplinari positivi e partecipativi. - Ascoltate i bambini: prestate attenzione ai possibili segni di abuso; prendetevi le vostre responsabilità e siate lì per loro quando hanno bisogno del vostro sostegno! Stakeholders Personale amministrativo e pr la sicurezza in tutte le strutture e i programmi, uffici di segretariato nazionale e generale Responsabili di altre strutture o programmi Direttori nazionali Membri del consiglio di amministrazione Sponsor, donatori, giornalisti e visitatori Partner di altre organizzazioni che lavorano e interagiscono con la nostra organizzazione. Consulenti esterni che forniscono servizi - La protezione è un affare di tutti; voi siete parte della squadra. 7

8 IMPLICAZIONI PER L ORGANIZZAZIONE COSA FACCIAMO PARTI CHIAVE DI QUESTE LINEE DI CONDOTTA a. consapevolezza: Aumentare la consapevolezza dell abuso dei bambini e dei suoi rischi. b. PreVenzione: Fornire una guida su come proteggere i bambini dagli abusi c. DenUncIa: Progettare ed aderire ad una procedura di denuncia chiara e semplice d. risposta: Assicurarsi che provvedimenti chiari vengano presi quando si sospetta o si denuncia un abuso. a. consapevolezza Coraggio di rompere il muro di silenzio Lo sviluppo di una cultura aperta e pronta a rispondere in tutti i programmi di SOS Villaggi dei Bambini e all interno delle comunità nelle quali siamo presenti è essenziale per la salvaguardia dei bambini. Come organizzazione e come singoli collaboratori, dobbiamo essere coraggiosi e rompere questo tabù sulla terra dell abuso dei minorenni. Attraverso una comunicazione protetta, chiara ed onesta, diamo e riceviamo feedback positivi e negativi. E di importanza cruciale che si osservino le seguenti considerazioni di base: 1. Chiunque sia legato a SOS Villaggi dei Bambini deve comprendere appieno il significato di abuso e le sue implicazioni. 2. Dobbiamo fornire occasioni regolari per discutere dei diritti dei bambini e della loro protezione (per esempio nei meeting o nelle discussioni informali o nei colloqui di valutazione individuale). 3. Diamo delle possibilità ai ragazzi e alle ragazze (di differenti età e trascorsi) di esprimere le loro preoccupazioni, di modo che ogni voce possa essere sentita. 4. Il miglior interesse del bambino dovrebbe rappresentare la guida del nostro processo di protezione. Nei casi di conflitto di interessi, diamo la priorità al benessere del bambino. 5. I ruoli e le responsabilità in materia di protezione dei bambini devono essere definiti e comunicati chiaramente. 6. Tutti i contratti di assunzione e i codici di condotta firmati dai collaboratori e dai rappresentanti dell organizzazione fanno riferimento alle linee di condotta in materia di protezione dei bambini. Creare e mantenere un ambiente sicuro b. Prevenzione Per prevenire l abuso dei bambini abbiamo bisogno di creare e mantenere un ambiente che promuova i valori alla base della nostra organizzazione nei Villaggi SOS, nei programmi di rafforzamento familiare e in altre strutture o programmi di SOS Villaggi dei Bambini. Un ampia gamma di azioni può sostenere questo obiettivo: principalmente, ci concentriamo sul reclutamento di risorse umane adeguate e sullo sviluppo degli approcci. Nel contempo, è essenziale ascoltare con attenzione i bambini, prendere seriamente il loro punto di vista, incoraggiarli a prendere parte nelle discussioni sulle problematiche della protezione e offrire loro l opportunità di costruire rapporti importanti sulla fiducia. E evidente che l abuso minorili si presenta meno facilmente in un contesto che incoraggia la partecipazione dei bambini a tutti i livelli. 1. Vengono applicati gli standard più alti nelle procedure di selezione, reclutamento e verifica. Chi si candida a ricoprire una qualunque posizione, sia di collaboratore che di volontario, CHILD PROTECTION policy - May 2008

9 deve dichiarare ogni tipo di precedente penale. Sono verificati grazie ad un controllo della polizia, o a un qualunque altro controllo che risulti appropriato, e il controllo incrociato delle referenze. 2. Tutti i collaboratori ricevono una adeguata formazione e firmano il codice di condotta confer mando di aver compreso, e di essersi impegnati, nelle nostre linee di condotta sulla protezione dei bambini. 3. A tutti i collaboratori è fornito un percorso di orientamento riguardo le linee di condotta sulla protezione dei bambini durante il primo mese di lavoro. 4. La protezione dei bambini è un argomento chiave in tutti i programmi di formazione 5. Attraverso la formazione e la condivisione delle esperienze, apprendiamo la differenza tra i comportamenti che sono appropriati e quelli che non lo sono. Chi lavora con i bambini e i giovani li tratta con affetto, ma mantiene dei limiti chiari. 6. Ai bambini è permesso di assumere un ruolo durante il loro sviluppo e nella loro protezione. Sono incoraggiati a partecipare in tutti gli argomenti che coinvolgono le loro vite e sono coinvolti nelle discussioni sui loro diritti. I bambini discutono su cosa costituisce un comportamento accettabile e cosa no, e cosa possono fare se si rendono conto che qualcosa non va bene. 7. Ad ogni bambino sono offerte possibilità di sviluppo individuali disegnate per i suoi bisogni e sulla base del suo potenziale. I collaboratori ricevono formazione e sostegno per trasformare in azione le potenzialità dei bambini. 8. Tutti coloro che lavorano con i bambini hanno accesso ai servizi di consulenza familiare nel momento del bisogno. 9. I collaboratori sono incoraggiati a condividere regolarmente le proprie esperienze all interno e tra le diverse strutture e programmi riguardo in modo in cui approciano la protezione dei bambini. 10. Prestiamo attenzione affinchè le condizioni di lavoro in tutte le strutture e i programmi SOS siano adeguate, attuando gli standard del Manuale di SOS Villaggi dei Bambini e del Manuale delle Risorse Umane, tenendo in considerazione le condizioni culturali e legali in ogni associazione nazionale. 11. Sosteniamo la sensibilizzazione e la capacità strutturale dei genitori, della comunità e delle autorità religiose, sulla disciplina nella sua positività, come alternativa alle punizioni corporali. 12. Attraverso il nostro lavoro di advocacy nelle comunità e nelle società i sistemi di protezione dei bambini sono rafforzati in modo da prevenire e rispondere in maniera ancora migliore alle problematiche riguardo la protezione dei bambini sollevate dai ragazzi o dalle ragazze. c. denuncia Prendiamo seriamente tutte le preoccupazioni - che siano esse concepite all interno di un Villaggio SOS, nel programma di Rafforzamento Familiare, o in un altro programma - e agiamo di conseguenza. Ogni associazione nazionale definisce ed attua delle chiare procedure di denuncia, incluse le linee di comunicazione interna, e definisce i ruoli e le responsabilità di tutti coloro che sono coinvolti. Vengono adottate misure veloci e trasparenti che prendano in conto le responsabilità legali locali. Persone incaricate dalla protezione dei bambini elette in tutti i programmi di intervento 1. Un team di tre persone viene nominato in ogni struttura o programma e la protezione dei bambini è di loro responsabilità; i membri di questo team di protezione sono conosciuti a tutti i bambini e i collaboratori. Da un lato, questa squadra è preparata a rispondere prontamente nei momenti di crisi, riceve e conserva una documentazione su ogni abuso. Da un altra parte, lo scopo principale dei loro sforzi è sensibilizzare e prevenire gli abusi. 9

10 In ogni Villaggio SOS, il team è costituito dal direttore del Villaggio, una educatrice residenziale e un altro collaboratore eletto o associato (es. il leader della comunità). Un assistente sociale nelle altre strutture e nei programmi viene creato un team composto da un direttore e due collaboratori (o un membro della comunità) le voci dei bambini e degli adulti che partecipano ai programmi di SOS Villaggi dei Bambini, sono prese in seria considerazione nel momento delle nomine del team. Ovviamente, membri accusati di abuso non saranno membri del team di protezione A livello nazionale, il team incaricato della protezione dei bambini è guidato dal direttore nazionale ed è composto da due a quattro persone. Esse sono nominate dai membri del consiglio di amministrazione e monitorano la situazione generale della protezione dei bambini nel paese. Un rappresentante del team nazionale deve essere coinvoltonell analisi di ogni possibile caso di abuso. Il direttore nazionale è il responsabile finale e fornisce un report bi-annuale ai membri del consiglio di amministrazione sullo status della protezione dei bambini nell associazione nazionale. 3. Importanza fondamentale ha il carattere di confidenzialità, nel momento in cui ci si approccia a casi di abuso; le informazioni devono essere trattate in maniera sensibile. Il bambino o qualunque altra persona che dia informazioni riguardo a un abuso deve essere consapevole che se denuncia l accaduto, le informazioni su di esso saranno condivise solo tra coloro autorizzati ad avere accesso a tali informazioni ad esempio al team incaricato della protezione e altre persone coinvolte. 4. Ogni collaboratore è obbligato a fornire immediatamente ogni informazione in suo possesso circa un possibile caso di abuso a uno dei membri del team. Qualsiasi adulto che nasconda delle informazioni o copra qualsiasi caso di abuso è da considerarsi un complice. 5. I bambini, i collaboratori, o altri adulti che sporgono denunce sono sostenuti e protetti. Chi è accusato di aver abusato di un bambino ha la possibilità di essere ascoltato con attenzione. C è sempre una risposta d. Risposta Tutte le forme di abuso sui bambini sono prese in seria considerazione, senza eccezione e in tutti i programmi SOS, ricevendo una risposta conforme alla gravità dell offesa. Noi assicuriamo che esiste sempre una soluzione, senza distinzione di gravità. Attraverso la nostra risposta, garantiamo che venga fornita una procedura onesta e trasparente, di modo che siano rispettati i diritti di tutti coloro che sono coinvolti, e che nessuno venga ingiustamente punito. 1. In tutti i casi nei quali si sospetti o esistano le prove di un abuso, o di trascuratezza, si pone l attenzione sulla salvaguardia e la protezione del bambino. Allo stesso tempo, vengono fonite misure curative e viene garantita la protezione di tutte le parti in causa. La persona colpita (all interno della comunità SOS, all interno di famiglie che partecipano ai programmi di rafforzamento familiare o nelle scase dei giovani, etc.) riceve l adeguato sostegno e la consulenza appropriata. 2. Ogni associazione nazionale stabilisce quali procedure seguire a seconda del livello di abuso. Nell inchiesta su un abuso nei confronti di un bambino deve essere coinvolto un rappresentante esterno del team nazionale di protezione dei bambini. 3. In tutti i casi di abuso, un inchiesta interna è condotta da una persona neutrale che non è coinvolta nel caso. Questa persona presenta i risultati dell inchiesta al team incaricato della protezione deibambini, che in seguito prende una decisione. 4. La soluzione nell abuso bambino - bambino deve concentrarsi su cosa è meglio per lo sviluppo e la protezione dei bambini coinvolti in un caso del genere. 5. Se l abuso viene commesso da un adulto, a seconda del livello di abuso, si procede per vie legali in accordo con il sistema legale nazionale, che definisce il livello delle soluzioni in ogni caso, dove necessario, viene fornita assistenza legale. CHILD PROTECTION policy - May 2008

11 6. Esiste una leadership chiara, con una sola persona responsabile della gestione delle informazioni e della comunicazione interna ed esterna riguardo gli abusi dei minori all interno dell associazione nazionale. Questa figura è sostenuta dal team incaricato della protezione dei bambini. 7. Le decisioni e i provvedimenti sono presi prontamente. 8. I casi di abuso sono riportati alle autorità incaricate nel rispetto della procedura definita dall associazione nazionale. 9. Documentazioni scritte di tutti i casi di abuso e della loro conclusione sono conservate nella struttura o nel programma. note: 1 La guida per l imprementazione delle linee di condotta sulla protezione dei bambini è basata sull esperienza di 28 paesi pilota. Questo documento fornisce un supporto pratico per l attuazione, disponibile per tutte le associazioni di SOS Villaggi dei Bambini. 2 Le seguenti definizioni si basano sulla terminologia usata da EveryChild e elaborata da WHO del Elaborazioni successive e altre forme di abuso di minore possono essere trovate in Keeping Children Safe: Standards for Child Protection, La formazione sulla protezione dei bambini, note per chi insegna, p.123. Questo kit è stato prodotto da Keeping Children Safe Coalition, Inghilterra, nel 2006: 3 Manuale per la raccolta fondi di SOS Villaggi dei Bambini, p Delle linee guida più dettagliate sulla protezione della privacy, incluse informazioni sul background, spiegazioni ed esempi sono inclusi nella Guida all attuazione della Protezione dei bambini. Le linee guida lì incluse sono da considerarsi sole raccomandazioni da attuarsi solo nel momento della pubblicazione di un documento ufficiale sulle Linee di condotta sulla privacy. 5 Ogni preoccupazione o denuncia, o risultato di inchieste, o colloqui etc. sono documentati e conservati in maniera sicura. Si raccomanda di documentare e analizzare ogni incidente in merito alla protezione dei bambini che avvenga all interno delle comunità di modo da migliorare i programmi e i servizi forniti da SOS Villaggi dei Bambini. 6 In caso di denuncia a carico del direttore del villaggio o della struttura, il suo superiore deve essere immediatamente informato. IMPRINT casa editrice: SOS-Kinderdorf International, Hermann-Gmeiner-Str. 51 P.O. Box 443 A-6010 Innsbruck, Austria gruppo editoriale: International Child Protection Team Poto: Robert Fleischanderl, Katerina Ilievska, Joris Lugtigheid, Sebastian Posingis, Dominic Sansoni, Patrick Wittmann TRAduzione Giuliana Mattarese volontaria stampa: Lamprechter, Innsbruck GRAFICA: Camilla Monteleone volontaria sos villaggio dei bambini su Internet: 11

12 SOS-Kinderdorf International Hermann Gmeiner Straße 51 P.O. Box 209 A-6010 Innsbruck, Austria

SOS villaggi dei bambini La sicurezza dei bambini è interesse di tutti. Linee guida sulla protezione di bambini e ragazzi MAGGIO 2008

SOS villaggi dei bambini La sicurezza dei bambini è interesse di tutti. Linee guida sulla protezione di bambini e ragazzi MAGGIO 2008 SOS villaggi dei bambini La sicurezza dei bambini è interesse di tutti Linee guida sulla protezione di bambini e ragazzi MAGGIO 2008 sos Policy 2 SOS Villaggi dei Bambini linee guida sulla sicurezza dei

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

A. Principi di Condotta

A. Principi di Condotta Introduzione Il Gruppo Oerlikon (di seguito denominato Oerlikon ) detiene una posizione unica di leader mondiale nella fornitura di tecnologie, prodotti e servizi all avanguardia. I nostri prodotti e le

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

Action Anti-bullying

Action Anti-bullying Action Anti-bullying Raccomandazioni dello studio condotto dalle Nazioni Unite sulla violenza contro i bambini In relazione alla riduzione del bullismo ed altre forme di violenza, questo studio pubblicato

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1.

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. INTRODUZIONE Nel seguente meta-codice il termine cliente si riferisce

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Media Office Coordinator

Media Office Coordinator TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: Media Office Coordinator Marketing e Comunicazione Divisione Comunicazione Media and Celebrities Department Save the Children Italia Onlus

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE La 4 a Conferenza Europea sulle Scuole che promuovono salute: Equità, Istruzione e Salute 7-9 Ottobre 2013 IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ, ISTRUZIONE E SALUTE LA DICHIARAZIONE DI ODENSE: IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ,

Dettagli

CODICE&ETICO& Versione(2.0(( Approvato(dal(CdA(del(21(luglio(2014(

CODICE&ETICO& Versione(2.0(( Approvato(dal(CdA(del(21(luglio(2014( CODICEETICO Versione2.0 ApprovatodalCdAdel21luglio2014 LETTERA AI COLLABORATORI WSWebScienceSrl)credecheipropriVALORIAZIENDALIdebbanoesserdaguidaedispirazionenellavita professionalequotidianadiognicollaboratore.

Dettagli

BESCLO The Basic European Social Care Learning Outcomes

BESCLO The Basic European Social Care Learning Outcomes Il European Care Certificate è un certificato che attesta l acquisizione delle conoscenze di base necessarie per lavorare nell ambito socio assistenziale e socio sanitario. Viene rilasciato previo superamento

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

I diritti del bambino

I diritti del bambino I diritti del bambino I diritti del bambino Principi fondamentali dei diritti dell'infanzia Sono quattro i principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza: a) Non discriminazione

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini Scopo di questo documento Questo documento delinea la posizione di Save the Children sulla partecipazione dei bambini. Spiega perché la

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

Parte prima: Definizioni

Parte prima: Definizioni Il Codice di Condotta ICF Preambolo ICF si impegna a mantenere e promuovere l eccellenza nel coaching. Pertanto ICF si aspetta che tutti i suoi membri e i coach accreditati (coach, mentor di coach, supervisori

Dettagli

POLICY SULLA TUTELA DI BAMBINE, BAMBINI E ADOLESCENTI E CODICE DI CONDOTTA

POLICY SULLA TUTELA DI BAMBINE, BAMBINI E ADOLESCENTI E CODICE DI CONDOTTA POLICY SULLA TUTELA DI BAMBINE, BAMBINI E ADOLESCENTI E CODICE DI CONDOTTA IL SISTEMA DI CONDOTTA IDEATO DA SAVE THE CHILDREN PER AIUTARE A PROTEGGERE I MINORI DA CHIUNQUE, ANCHE DA CHI LI PROTEGGE Save

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Principio guida...1 Le persone sono fondamentali per il raggiungimento della nostra missione...1

Dettagli

Policy di Protezione dei Bambini, delle Bambine e degli Adolescenti

Policy di Protezione dei Bambini, delle Bambine e degli Adolescenti Policy di Protezione dei Bambini, delle Bambine e degli Adolescenti Per cosa ci impegniamo? Scopo della Policy Lo scopo generale della Policy è di promuovere e garantire il diritto dei bambini, delle bambine

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 IL SERVIZIO DEI VOLONTARI IN HOSPICE LINEE GUIDA XX Convegno Federavo Montesilvano Marina 22/24 maggio 2014 Agata Danza Non abbiate

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata Nazioni Unite Consiglio Economico e Sociale Rivisto E/CN.7/2012/L.8/Rev.1 Distribuzione Limitata 15 marzo 2012 Commissione stupefacenti 55ª sessione Vienna, 12-16 marzo 2012 Punto 6 (a) dell agenda Attuazione

Dettagli

Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company

Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company Stimato fornitore di Colgate, nel corso degli anni Colgate-Palmolive Company ha costruito la sua reputazione fondata su processi aziendali

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

Informazioni da considerare da parte dei genitori quando si prepara un piano genitoriale

Informazioni da considerare da parte dei genitori quando si prepara un piano genitoriale Piani genitoriali Informazioni da considerare da parte dei genitori quando si prepara un piano genitoriale La separazione può essere dolorosa per tutti coloro che ne sono coinvolti, in particolare i bambini.

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi dovranno conformarsi sotto tutti gli aspetti al testo

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori.

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori. Conferenza internazionale contro la violenza sulle donne e sui minori "Famiglia moderna. Formazione culturale della non-violenza " Minsk, 14-15 aprile 2011 DOCUMENTO DI SINTESI I giorni 14-15 Aprile 2011

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

Lavorare in Rete. a cura di Nunzia Coppedé. Nulla su di Noi senza di Noi. Formazione EmpowerNet

Lavorare in Rete. a cura di Nunzia Coppedé. Nulla su di Noi senza di Noi. Formazione EmpowerNet Lavorare in Rete Nulla su di Noi senza di Noi a cura di Nunzia Coppedé Cosa significa lavorare in rete Significa lavorare con diversi attori per affrontare insieme una causa comune La rete informale Le

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Empowerment di comunità

Empowerment di comunità Empowerment di comunità Alcune idee e progetti di AIAS Bologna onlus Evert-Jan Hoogerwerf, 5/3/2015, Bologna Associazione di persone con disabilità e i loro familiari e operatori Presente in città da più

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

TITOLO: Sensibilizzazione degli insegnanti in tema di abuso sessuale ai bambini/e

TITOLO: Sensibilizzazione degli insegnanti in tema di abuso sessuale ai bambini/e TITOLO: Sensibilizzazione degli insegnanti in tema di abuso sessuale ai bambini/e ANALISI STRUTTURATA DEL PROBLEMA Problema: L abuso sessuale è un problema che da molti anni gli operatori dell area sociosanitaria

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO PERCHÉ UN PORTFOLIO DELLE COMPETENZE La Cooperativa Sociale E.D.I. Onlus, al secondo anno di attività e raggiunto

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

Coach ICF: Un coach ICF aderisce alle linee guida e competenze fondamentali ICF e si impegna ad onorare il Codice Etico ICF.

Coach ICF: Un coach ICF aderisce alle linee guida e competenze fondamentali ICF e si impegna ad onorare il Codice Etico ICF. Codice Etico ICF PREAMBOLO ICF si impegna a mantenere e promuovere l eccellenza nel coaching. Pertanto, ICF si aspetta che tutti i membri e i coach con credenziali (coach, coach mentor, supervisori di

Dettagli

LA RELAZIONE l area della relazionalità

LA RELAZIONE l area della relazionalità PROGETTO MENTOR LA RELAZIONE Una serie di funzioni e di figure professionali occupano l area della relazionalità tra persone diretta a diversi scopi: facilitativi, orientativi, formativi, di soluzione

Dettagli

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo Carta dei Valori agriturismo Corte San Girolamo LA MISSION PRODUCIAMO VALORE ATTRAVERSO I VALORI L Agriturismo Corte San Girolamo, gestito con familiarità e cortesia, desidera offrirvi un soggiorno di

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011

CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011 CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011 2 Premessa Con il la Belli S.r.l. vuole creare una sorta di carta dei diritti e doveri morali che definiscono la responsabilità etico-sociale di

Dettagli